BIOSICUREZZE NEGLI ALLEVAMENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIOSICUREZZE NEGLI ALLEVAMENTI"

Transcript

1 Società Italiana Medicina Veterinaria Preventiva Allevamenti: Aspetti ambientali e zootecnici Marzo 2013 BIOSICUREZZE NEGLI ALLEVAMENTI Dott.ssa Fiorella Olivi

2 BIOSICUREZZA Insieme di misure igienicosanitarie che eseguite correttamente riducono il rischio di introdurre e diffondere agenti causali di malattia

3 BIOSICUREZZE ALLEVAMENTI AVICOLI

4 INFLUENZA AVIARIA Due malattie distinte sulla base della sintomatologia clinica indotta nei volatili e delle caratteristiche degli stipiti virali: Influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI H5 e H7) Infezione sistemica provocata solo da alcuni virus appartenenti ai sottotipi H5 e H7 Malattia devastante in grado di determinare tassi di mortalità del 100% degli animali Influenza aviaria a bassa patogenicità (LPAI) Infezione localizzata, LPAI provocata da virus appartenenti a tutti i sottotipi H. Malattia ad andamento benigno

5 Epidemie di Influenza Aviaria in Italia LPAI e HPAI (H7N1): 4 ondate epidemiche successive Mutazione da LPAI a HPAI LPAI (H7N3) 2004 LPAI (H7N3) 2005 LPAI (H5N2) 2007 LPAI (H7N3) 2009 LPAI (H7N3 H5N7) 2010 LPAI (H7N3 H5) 2011 LPAI (H5 H7) 2012 LPAI (H5 N2)

6 HPAI Tacchini, ovaiole e focolai

7 Costi epidemia HPAI 1999/00 in Veneto

8 luglio 2004-aprile 2005 VALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE MANAGERIALI, STRUTTURALI E SANITARIE DEGLI ALLEVAMENTI DI TACCHINI NELLE AREE DENSAMENTE POPOLATE DI AVICOLI

9 Verbale di sopralluogo Periodo di riferimento: luglio 2004-aprile 2005 Verifica presenza requisiti strutturali e manageriali associati al rischio di diffusione 386 verbali raccolti in provincia di VR - PD - VI Solo in allevamenti di Tacchini da carne Questionario strutturato e standardizzato (check list) Presenza/assenza parametri strutturali/gestionali

10

11

12 Percentuale allevamenti Verbale di sopralluogo Risultati 70% 60% 50% Allevamenti in buone condizioni 58% Allevamenti in condizioni precarie 40% 35% 30% 20% 10% 0% 5% 2% elevata medio-alta medio-bassa scarsa Numero requisiti presenti

13 Analisi del rischio INFLUENZA AVIARIA Individuazione delle aree maggiormente a rischio di introduzione (flussi migratori, aree umide, aree densamente popolate) Attuazione di misure di biosicurezza

14 65% della produzione avicola nazionale

15

16 Norme Comunitarie DECISIONE 2005/734/CE del 19 ottobre 2005 che istituisce misure di biosicurezza per ridurre il rischio di trasmissione dell'influenza aviaria dai volatili che vivono allo stato selvatico al pollame e ad altri volatili in cattività, e che, prevede un sistema di individuazione precoce nelle zone particolarmente a rischio Modificata dalla Decisione 2006/574/CE

17 Ministero della Salute Ordinanza Ministeriale 26 agosto 2005: Misure di polizia veterinaria in materia di malattie infettive e diffusive dei volatili domestici modificata dall Ordinanza Ministeriale 03 dicembre 2010 Decreto Ministeriale 25 giugno 2010: Misure di prevenzione, controllo e sorveglianza del settore avicolo rurale Piano Nazionale Influenza Aviaria (annuale)

18 Regione Veneto Decreto Regione Veneto n. 032 del 23 febbraio 2008: Misure di Biosicurezza negli allevamenti avicoli, modifica del Decreto n. 451 del 22 luglio 2008, che modifica il Decreto n. 311 del 15 giugno 2005

19 A livello di allevamenti intensivi

20 Biosicurezza: obbiettivi sanitari 1. impedire l ingresso di agenti eziologici di malattie letali o molto contagiose (es.influenza Aviare) 2. ridurre la contaminazione da parte dei comuni agenti patogeni che penalizzano le produzioni zootecniche (es. E. coli, Staphylococcus spp) 3. ridurre o eliminare agenti patogeni ad azione immunodepressiva che fungono da fattori predisponenti (es.mycoplasma spp) 4. ridurre la contaminazione di agenti patogeni considerati a rischio per la salute pubblica (es. Salmonella spp, Campylobacter spp)

21 Criticità negli allevamenti Localizzazione a rischio Introduzione di animali,persone, attrezzature contaminate Scarso controllo di insetti e ratti Scarsa igiene Segnalazione tardiva Registrazione degli accessi carente

22 Norme di Biosicurezza requisiti strutturali Idoneità strutturale dell azienda (pareti, pavimenti, piazzole,..) Attrezzature facilmente pulibili e disinfettabili Reti antipassero a tutte le aperture Barriere fisiche all ingresso di animali selvatici Barriere per i visitatori Zona filtro all ingresso di ogni azienda Protezione dei materiali d uso Cella animali morti

23 Norme di Biosicurezza conduzione Divieto di ingresso Abbigliamento dedicato Controllo degli automezzi Registrazione delle movimentazioni Pulizia, ordine Corretta gestione delle lettiere Igiene e disinfezione. Tutto pieno tutto vuoto. Derattizzazione e lotta agli insetti nocivi

24 I SERVIZI VETERINARI EFFETTUANO LA VERIFICA DEI REQUISITI STRUTTURALI E GESTIONALI DELLE MISURE DI BIOSICUREZZA OGNI SEI MESI

25

26 BARRIERE

27

28 Le auto dei visitatori vanno parcheggiate fuori del recinto o comunque lontano dai capannoni

29

30 Area Parcheggio Automezzi

31

32 Igiene Perimetrale

33

34 Igiene Stanzini

35

36 Controllo dei visitatori e zone filtro (1) DOCCIA (RIPRODUTTORI) (2) RICAMBI PULITI o USA E GETTA (3) STIVALI (4) BACINELLE PER DISINFEZIONE

37

38

39 Aree disinfezione automezzi I veicoli che non possono essere parcheggiati fuori dall allevamento debbono essere disinfettati in entrata

40

41

42 REGOLARE MANUTENZIONE RETI ANTI-PASSERO

43

44 GESTIONE RISCHIO ANIMALI MORTI CASSONETTI FRIGORIFERI

45 COSTANTE IMPEGNO NELLA LOTTA A TOPI E RATTI. IMMEDIATA IDENTIFICAZIONE DEI PUNTI CRITICI

46

47

48 regolare pulizia e disinfezione tra i cicli Spostare al centro la lettiera Trasportarla coperta Rimuovere penne e lettiera sparse vicino al capannone Smontare l attrezzatura e spostarla all esterno Spazzare via i residui di lettiera Lavare con detergente e ad alta pressione in sequenza: soffitto-pareti-finestreattrezzatura- pavimento Lavare l esterno in sequenza : tetto-paretiscarichi- aree di servizio Lavare i silos

49

50

51

52

53 Pulizia del silos

54 Igiene ambientale

55 Biosicurezze negli allevamenti suinicoli

56 Distribuzione degli allevamenti suinicoli in Regione Veneto

57 O.M. 23 FEBBRAIO 2006 Nuove norme sanitarie per lo spostamento dei suidi.. Sul territorio nazionale sono in vigore piani di sorveglianza ed eradicazione di alcune malattie del suino che prevedono controlli sanitari nelle aziende suinicole e classificazione delle stesse in funzione dello status sanitario acquisito L esecuzione dei sopra citati Piani nazionali di eradicazione e sorveglianza prevede tra l'altro l'accreditamento sanitario delle singole aziende suinicole e successivamente, in funzione di determinati criteri, dell'intero territorio regionale;

58 TIPI DI ALLEVAMENTO CICLO CHIUSO CICLO APERTO MULTISITO RIPRODUTTORI SVEZZAMENTO INGRASSO RIPRODUTTORI SVEZZAMENTO INGRASSO RIPRODUTTORI SVEZZAMENTO INGRASSO

59 Norme MVS O.M. 26 luglio 2001 Piano nazionale di eradicazione e sorveglianza della malattia vescicolare e sorveglianza della peste suina classica. (GU n. 221 del ) Decisione della Commissione 2005/779/CE relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia Decisione della Commissione 2007/9/CE che modifica la decisione 2005/779/CE relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia O.M. 12 aprile 2008 (abroga la O.M.26/07/2001) Misure sanitarie di eradicazione della malattia vescicolare del suino e di sorveglianza della peste suina classica (allegato X parametri di biosicurezza) Decreto Regione Veneto n.50 del 09 aprile 2009 Misure di biosicurezza nell allevamento suino

60 Malattia di Aujeszky Piano Regionale di eradicazione della malattia di Aujeszky Deliberazione della Giunta Regionale n del 11 ottobre 2012

61 Norme per il riconoscimento di aziende esenti da Trichine REGOLAMENTO (CE) N. 2075/2005 del 5 dicembre 2005 che definisce norme specifiche applicabili ai controlli ufficiali relativi alla presenza di Trichine nelle carni DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N EL 16 SETTEMBRE 2008 Indicazioni sull applicazione del Regolamento

62 pacchetto accreditamento Biosicurezza Controlli: Sierologici Virologici Clinici Anagrafica Tracciabilità Rintracciabilità Autocontrolli Benessere animale Formazione del personale

63 FONTI DI RISCHIO Gli agenti patogeni possono entrare in un allevamento in diversi modi e si devono prendere misure per ridurre le possibili fonti di rischio Vie di entrata importanti sono: Aria Roditori, insetti, animali domestici e selvatici Allevatori e visitatori Suini Mezzi di trasporto Mangime Materiali usati in azienda

64 REQUISITI STRUTTURALI Recinzioni: gli insediamenti di nuova costruzione e le ristrutturazioni devono avere recinzioni in rete metallica (H1.80). Gli esistenti possono avere un idonea barriera fisica e/o naturale che garantisca la separazione della parte produttiva Idonee barriere: per evitare l ingresso non controllato di automezzi (cancelli o sbarre mobili), con apposti cartelli di divieto di accesso agli estranei. Nel caso in cui non fosse garantita la presenza continua di personale (custode) i capannoni dovranno essere provvisti di idonea chiusura (lucchetti). Parcheggi: area identificata per la sosta dei veicoli del personale o dei visitatori, da cui non si acceda all area animali. Zona filtro/spogliatoio: con lavandini, detergenti, abiti dedicati. Locali di allevamento: strutture idonee, intorno area di 1 mt tenuta libera e con erba sfalciata. Locali o contenitori deposito carcasse: zona lontana dall area di allevamento o con carico degli animali morti all esterno dell area di allevamento.

65 Piazzole per pulizia e disinfezione automezzi: dotata di attezzatura a pressione e disinfettanti Piazzole di carico e scarico: all ingresso dei capannoni, dotate di un solido fondo ben mantenuto, lavabile e disinfettabile, devono essere presenti per movimentare i materiali d uso e gli animali. Aree di stoccaggio dei materiali d uso: devono essere protette. Silos deposito mangimi: nelle nuove strutture vanno posti esternamente all area di governo o caricabili dall esterno, nelle strutture preesistenti lavaggio automezzi e limitazioni per autista. Carico e scarico suini vivi: deve essere eseguito all esterno dell area di pertinenza, o all interno se il veicolo trasporta solo animali per l azienda (mono carico). Quarantena (per all. da riproduzione): sito, nettamente separato fisicamente e funzionalmente dal resto dell allevamento, in cui vanno tenute in osservazione le rimonte per almeno 30 gg. Deve essere garantito il tutto pieno tutto vuoto ed un adeguato vuoto sanitario con pulizia e disinfezione dei locali

66 REQUISITI MANAGERIALI Controllo automezzi: disinfezione in entrata, controllo autista. Registrazione: di tutti i movimenti da e per l azienda di persone, animali, automezzi, attrezzature. Derattizzazioe e lotta agli insetti nocivi. Mangime: non accessibile ad animali selvatici, se sparso va immediatamente rimosso. Carico scarico animali: meglio all esterno dell allevamento, suinetti su automezzo vuoto, scrofe da riforma sempre fuori dall allevamento, scarico nella quarantena. Procedure di autocontrollo: controlli documentali, controlli gestionali, controlli sanitari

67 DISTANZE TRA ALLEVAMENTI 300 METRI TRA I DUE ALLEVAMENTI

68 RECINZIONI

69 RECINZIONI BARRIERE

70

71

72 Recinzioni Devono impedire l ingresso di veicoli e/o persone Possibilmente dovrebbero impedire l ingresso di animali domestici e/o selvatici Dovrebbero essere posizionate il più lontano possibile dai capannoni

73 Zona filtro All entrata di ogni azienda deve essere allestita una zona filtro dotata di spogliatoio, lavandini e detergenti. Deve essere prevista una dotazione di calzature e tute specifiche dedicate esclusivamente all attività di allevamento

74

75

76 Stoccaggio degli animali morti Devono essere installate idonee celle di congelazione collocate possibilmente all esterno del perimetro dell area di allevamento. Le celle possono essere collocate anche all'interno, a condizione che l'operazione di carico degli animali morti avvenga all'esterno dell'area di allevamento. La capienza delle celle deve essere determinata in funzione della superficie di allevamento. Gli animali morti devono essere inviati a stabilimenti autorizzati, ai sensi delle vigenti normative.

77 Ritiro morti

78 Cella morti Esterna al perimetro aziendale Periodicamente svuotata deve essere successivamente lavata e disinfettata Il personale di allevamento qualora aiuti nel ritiro delle carcasse deve successivamente adottare le più elementari misure d igiene: lavarsi le mani, lavare e disinfettare le calzature

79 nessun contatto ext.-int.

80 Biosicurezze dei trasporti Trasporto alimenti zootecnici Trasporto animali tra i siti Ritiro animali riformati Ritiro morti

81 Trasporto alimenti zootecnici GLI AUTOMEZZI DEVONO ESSERE LAVATI E DISINFETTATI E SE POSSIBILE LO SCARICO DEVE AVVENIRE ALL ESTERNO DEL PERIMETRO RECINTATO. L AUTISTA DEVE INDOSSARE ABITI E CALZARI PULITI E NON DEVE ACCEDERA ALL AREA DI ALLEVAMENTO ACCERTARE LA DISINFEZIONE DEL MEZZO PRESSO IL MANGIMIFICIO REGISTRARE LE ENTRATE E LE USCITE

82 Quarantena isolamento Negli allevamenti suinicoli di riproduttori deve essere previsto un sito di quarantena dove tenere in osservazione, per un periodo di tempo non inferiore ai trenta (30) giorni, la rimonta in entrata nell azienda. Durante la quarantena gli animali presenti devono essere sottoposti a controlli che permettano di rilevare sintomi riferibili a malattie prima che la rimonta venga a contatto con il resto dell effettivo aziendale.

83 Carico/scarico degli animali: è preferibile che il carico dei suini venga effettuato all esterno dell allevamento il carico dei suinetti deve essere effettuato su un automezzo vuoto per le scrofe da riforma, il carico deve essere obbligatoriamente effettuato all esterno dell allevamento per quanto riguarda lo scarico, è ammessa la presenza di più partite sullo stesso automezzo a condizione che gli animali vengano introdotti nei locali di quarantena al momento dello scarico.

84 Allevamenti da svezzamento e da ingrasso Per il ritiro dei suinetti nelle scrofaie dovrà essere autorizzato il carico di animali destinati a un unico allevamento/svezzamento (sito 2); Per gli allevamenti di svezzamento il carico dei suinetti destinati agli ingrassi (sito 3) deve essere effettuato su un automezzo vuoto. In deroga l automezzo con animali presenti potrà accedere all allevamento solo per effettuare l ultimo carico al fine di vuotare l allevamento.

85 Trasporto animali tra i siti

86 Ritiro animali riformati con carico dall esterno possibilmente con mezzi dedicati

87 Allevatori dunque Conoscenze specifiche: igiene zootecnica e prevenzione. Rispetto ambientale: conoscenza e rispetto delle normative. Benessere animale: conoscere l animale rispettandolo per migliorare le performance. Aggiornamento e sempre maggiore professionalità.

88 Biosicurezza obiettivi Sanitari: migliorare i procedimenti di gestione per prevenire l entrata di agenti patogeni che possono pregiudicare la sanità, il benessere degli animali e la qualità delle loro carni ma anche ambientali: qualsiasi allevamento applichi e rispetti le norme di biosicurezza, spontaneamente ridurrà la pressione sul territorio circostante, l impatto ambientale sarà più favorevole.

89 . e così tutti vivranno felici e c o n t e n t i...

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI CASTELNUOVO RANGONE (MO) 12-13 maggio 2010 FORLI 3-4 giugno 2010 BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI Silvano Natalini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti MOTIVAZIONI E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Nell'ambito del controllo ufficiale delle aziende suinicole, i Servizi veterinari delle ASL devono verificare i seguenti aspetti generali: -lo

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Il presente documento si intende fornire una traccia

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

INDAGINE EPIDEMIOLOGIA PER MALATTIE VESCICOLARI

INDAGINE EPIDEMIOLOGIA PER MALATTIE VESCICOLARI INDAGINE EPIDEMIOLOGIA PER MALATTIE VESCICOLARI La malattia è stata diagnosticata/sospettata in seguito a: 1. ANAGRAFE DELL AZIENDA SOSPETTO CLINICO/ANATOMO-PATOLOGICO SIEROPOSITIVITA ISOLAMENTO VIRALE

Dettagli

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura INTRODUZIONE Il manuale di buona prassi igienica costituisce uno strumento

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute INDICAZIONI PER LE BUONE PRATICHE IGIENICHE (ai sensi dell articolo 10 del decreto legislativo 4 agosto 2008. n. 148) Le normative comunitarie dell ultimo decennio hanno determinato

Dettagli

Biosicurezza negli allevamenti suini

Biosicurezza negli allevamenti suini Biosicurezza negli allevamenti suini Massimo Tassinari Modulo organizzativo sanità animale Unità operativa attività veterinarie Azienda usl di Ferrara nella Circolare della Regione Emilia-Romagna 40/1989

Dettagli

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29;

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29; 12210 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 132 del 4-11-2004 DETERMINA di autorizzare, per quanto di competenza della Regione Puglia, la devoluzione del finanziamento per lavori di completamento/ampliamento

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 293/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.11.2005 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 8 novembre 2005 relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 10 ottobre 2005 Modifiche ed integrazioni all'ordinanza del 26 agosto 2005 concernente misure di polizia veterinaria in materia di malattie infettive e diffusive dei volatili

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014 LA GIUNTA REGIONALE - richiamata la legge regionale 13 febbraio 2012, n. 4 recante Disposizioni per l eradicazione della malattia virale rinotracheite bovina infettiva (BHV-1) nel territorio della regione,

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 5.5.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 118/39 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 2 maggio 2005 relativa a talune misure di protezione della salute animale contro la peste suina africana in Sardegna,

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 20.7.2002 L 192/27 DIRETTIVA 2002/60/CE DEL CONSIGLIO del 27 giugno 2002 recante disposizioni specifiche per la lotta contro la peste suina africana e recante modifica della direttiva 92/119/CEE per quanto

Dettagli

Biosicurezza in allevamenti di suini Castelnuovo R. (MO): 12-13 Maggio 2010 Forlì: 3-4 Giugno 2010 Un manuale per le corrette prassi nelle aziende di

Biosicurezza in allevamenti di suini Castelnuovo R. (MO): 12-13 Maggio 2010 Forlì: 3-4 Giugno 2010 Un manuale per le corrette prassi nelle aziende di Biosicurezza in allevamenti di suini Castelnuovo R. (MO): 12-13 Maggio 2010 Forlì: 3-4 Giugno 2010 Un manuale per le corrette prassi nelle aziende di allevamento di suini PROGETTO AT SUINI Piano Stralcio

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

PIANO REGIONALE DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA MALATTIA VESCICOLARE DEL SUINO ANNI 2015/2018

PIANO REGIONALE DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA MALATTIA VESCICOLARE DEL SUINO ANNI 2015/2018 Allegato alla Delib.G.R. n. 53/4 del 3.11.2015 PIANO REGIONALE DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA MALATTIA VESCICOLARE DEL SUINO ANNI 2015/2018 Art. 1 Obiettivi 1. Il presente Piano stabilisce, per gli

Dettagli

ORDINANZA 3 dicembre 2010

ORDINANZA 3 dicembre 2010 ORDINANZA 3 dicembre 2010 Proroga e modifica dell'ordinanza 26 agosto 2005, e successive modifiche, concernente: «Misure di polizia veterinaria in materia di malattie infettive e diffusive dei volatili

Dettagli

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE DATA / / Operatori. Tempistica. COD / / ASL PROPRIETARIO DETENTORE. Indirizzo.. Tipologia allevamento: vendita vitelli ingrasso vitelli N capi

Dettagli

Biosicurezza e benessere animale. Andrea Fabris Medico Veterinario. Treviso 17 maggio

Biosicurezza e benessere animale. Andrea Fabris Medico Veterinario. Treviso 17 maggio Biosicurezza e benessere animale Andrea Fabris Medico Veterinario Protezione Sanitaria Automezzi Allevamento Protezione sanitaria Pesci - Uova Fattori di rischio punti critici Visitatori tecnici veterinari

Dettagli

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie)

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) A. REPARTO RICOVERO CANI B. REPARTO ISOLAMENTO (PER CANI AMMALATI O SOSPETTI O DI NUOVA INTRODUZIONE) C. AREA

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO - 8 gennaio 2008 Misure integrative di lotta contro la malattia vescicolare del suino nella regione Lombardia - Piano straordinario di intervento. (GU n. 77 del 1-4-2008

Dettagli

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede)

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede) 11.6.2015 L 146/11 DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/892 DELLA COMMISSIONE del 9 giugno 2015 relativa all'approvazione di un piano di vaccinazione preventiva contro l'influenza aviaria a bassa patogenicità

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 4 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina,

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti A. Requisiti degli automezzi non soggetti ad Autorizzazione sanitaria (art., D.P.R. n. 7/980) Il trasporto di qualsiasi sostanza alimentare avviene con

Dettagli

Parola d ordine: Biosicurezza

Parola d ordine: Biosicurezza A Parola d ordine: Biosicurezza nell allevamento del suino... e della bovina da latte. Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali PSR 2007-2013 Direzione Generale

Dettagli

Valutazione della biosicurezza in suinicoltura

Valutazione della biosicurezza in suinicoltura Corso ECM Lodi Gestione, sanità e benessere nell allevamento degli animali da reddito Valutazione della biosicurezza in suinicoltura Vittorio Sala Alcune premesse. ambiente di allevamento management PATOGENO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 6 01/01/2016 11:07 MINISTERO DELLA SALUTE DISPOSIZIONE 14 dicembre 2015 Attuazione della decisione di esecuzione della Commissione europea 2015/2225 del 30 novembre 2015 che proroga l'applicazione

Dettagli

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Servizio per le attività veterinarie Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Presentazione e riferimenti normativi: Per

Dettagli

LE CRITICITA NELLA GESTIONE DELLA BIOSICUREZZA E LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI. Antonio Caleffi

LE CRITICITA NELLA GESTIONE DELLA BIOSICUREZZA E LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI. Antonio Caleffi LE CRITICITA NELLA GESTIONE DELLA BIOSICUREZZA E LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI Antonio Caleffi OBBIETTIVO Migliorare i procedimenti di gestione per prevenire l entrata o la diffusione di agenti patogeni

Dettagli

b) Requisiti strutturali generali Pavimenti

b) Requisiti strutturali generali Pavimenti Allegato 2 alla D.G.R. n 4-9933 del 3/11/2008 Indicazioni relative ai requisiti minimi per gli stabilimenti soggetti a riconoscimento ai sensi del Regolamento CE/853/2004 e per talune tipologie di impianti

Dettagli

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE, IGIENE E SANITA PUBBLICA IL PIANO PANDEMICO REGIONALE dr.ssa Paola Oreste - dr. Roberto Carloni - dr.ssa Ilaria Cremonesi Misure Misure adottate

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

Firenze 13 aprile 2013

Firenze 13 aprile 2013 Andrea Fabris Corrette Prassi Igieniche per le aziende d acquacoltura Registrazioni e/o autorizzazioni relative a ii igiene, sanità ià e benessere animale Registrazioni e/o autorizzazioni relative a igiene,

Dettagli

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale di veterinaria UFV Allegato 3 - Guida per la valutazione uniforme dell autocontrollo INDICE I Introduzione... 1 A.... 1 B. La documentazione generale

Dettagli

ARA UMBRIA. Corretta prassi e biosicurezza. nell allevamento suino INFORMAZIONE&ZOOTECNIA

ARA UMBRIA. Corretta prassi e biosicurezza. nell allevamento suino INFORMAZIONE&ZOOTECNIA UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento suino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO: NUOVA ATTIVITÀ RISTRUTTURAZIONE ATTIVITÀ ESISTENTE RICONVERSIONE O AGGIUNTA TIPOLOGIA ATTIVITÀ ESISTENTE Trattasi

Dettagli

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica Malattia virale che colpisce il bovino causata da un herpesvirus (BHV 1 ), si manifesta con sintomi respiratori (Rinotracheite infettiva

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO:

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: - D.P.R. 30 aprile 1996, n.317 Regolamento recante norme per l'attuazione dell direttiva 92/10/CEE relativa all'identifcazione e alla registrazione degli animali

Dettagli

Good Manufacturing Practice

Good Manufacturing Practice Dott. Silvio Zavattini, Dott. Roberto Bardini, Dott. Carlo Cerati Milano, 14 15 maggio 2014 Brescia, 11 12 giugno 2014 ACQUISTO ACQUISTO LAVORAZIONE LAVORAZIONE GMP CARATTERISTICHE IMPIANTI LINEE DEDICATE

Dettagli

REQUISITI STRUTTURALI PER I CANILI CHE EFFETTUANO SERVIZIO DI RICOVERO E CUSTODIA DI CANI PER CONTO DEI COMUNI

REQUISITI STRUTTURALI PER I CANILI CHE EFFETTUANO SERVIZIO DI RICOVERO E CUSTODIA DI CANI PER CONTO DEI COMUNI Documento approvato dal Comitato per la tutela degli Animali d Affezione della Provincia di Bologna il 10 novembre 2009 REQUISITI STRUTTURALI PER I CANILI CHE EFFETTUANO SERVIZIO DI RICOVERO E CUSTODIA

Dettagli

a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture

a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture ALLEVAMENTO AVICOLO MANUALE DI BUONE PRASSI DI ALLEVAMENTO a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture Proprietario degli animali: Prof. Domenico Bergero Indirizzo:Via Leonardo da Vinci 44,

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A. La condizionalità negli allevamenti da latte CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A.

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria

La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 dicembre 2006 La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria Sergio Caglieris Dirigente medico

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

MANUALE PER L INDUSTRIA EUROPEA DEL POLLAME [EPIG]

MANUALE PER L INDUSTRIA EUROPEA DEL POLLAME [EPIG] Association de l Aviculture, de l Industrie et du Commerce de Volailles dans les Pays de l Union Européenne agricoltori europei cooperative agricole europee MANUALE PER L INDUSTRIA EUROPEA DEL POLLAME

Dettagli

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ALIA A fronte dell emergenza aviaria che ha interessato alcuni territori del nostro Paese nel periodo 14 agosto e 5 settembre 2013,

Dettagli

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014 Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine ASL Bergamo 10 dicembre 2014 1 Riferimenti Normativi e Gestione in Autocontrollo ASL Bergamo Servizio Igiene e Sanità Pubblica 10 dicembre 2014 2 QUALE NORMATIVA

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

Normativa in ambito acquacoltura

Normativa in ambito acquacoltura SALVAGUARDIA DELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI SANITARI E NORMATIVI PER UNA CORRETTA GESTIONE Normativa vigente in materia di immissioni: acque pubbliche, laghetti di pesca sportiva aspetti sanitari Chiara

Dettagli

S.A.T.A. Sezione Suini. Relazione dell'attività tecnica. Servizio di Assistenza Tecnica agli Allevamenti D.G.R. n 7/7487 del 21-12-2001

S.A.T.A. Sezione Suini. Relazione dell'attività tecnica. Servizio di Assistenza Tecnica agli Allevamenti D.G.R. n 7/7487 del 21-12-2001 Associazione Regionale Allevatori della Lombardia S.A.T.A. Servizio di Assistenza Tecnica agli Allevamenti D.G.R. n 7/7487 del 21-12-2001 Relazione dell'attività tecnica Sezione Suini Anno 2008 GLI SPECIALISTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI Maria Cristina Rota Istituto Superiore di Sanita Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute LINEE GUIDA In Italia,

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

REGOLAMENTO AREE DI SGAMBATURA CANI

REGOLAMENTO AREE DI SGAMBATURA CANI ALLEGATO A REGOLAMENTO AREE DI SGAMBATURA CANI Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Definizione Art. 3 Principi generali della regolamentazione Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Individuazione

Dettagli

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI TRACCIABILITA e RINTRACCIABILITA nel SETTORE TACCHINI FILIERA TACCHINO Totale rintracciabilità del prodotto in ogni fase. Identificazione del tipo di alimentazione per Gruppo di animali (LOTTO Allevamento).

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE SSOMMARIO 1 GENERALITÀ...2 2 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE...2

Dettagli

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini Esperienze sul territorio dell Azienda USL di Modena Dott.ssa Giovanna Trambajolo Dott Luca Ferri Dott.ssa

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE Pag. 1 di 5 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI DOTT. INDIRIZZO N. RESPONSABILE VETERINARIO COMUNE DI CODICE AZIENDALE IDENTIFICATIVO FISCALE

Dettagli

Alla ditta. Prot. n. e p.c. Alla REGIONE. Oggetto: Utilizzo farine di pesce per mangimi destinati ad avicoli e suini.

Alla ditta. Prot. n. e p.c. Alla REGIONE. Oggetto: Utilizzo farine di pesce per mangimi destinati ad avicoli e suini. Alla ditta Prot. n. e p.c. Alla REGIONE Oggetto: Utilizzo farine di pesce per mangimi destinati ad avicoli e suini. In riferimento alla domanda di Codesta Ditta, del, intesa ad ottenere il consenso all

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA ORDINANZA N. 35 DEL 15-07-2015 UFFICIO SINDACO ORIGINALE Oggetto: Attuazione della Delibera di G.R.T. 1 Dicembre 2014 n. 1095 - Disposizioni operative sull'interramento in loco di carcasse di animali morti

Dettagli

Alto livello igienico

Alto livello igienico La separazione fra aree che necessitano livelli igienici diversi viene definita zoning. Lo studio del zoning diventa molto importante nella prevenzione contro l entrata di potenziali contaminanti in specifiche

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

Un materiale compatto

Un materiale compatto IL PERICOLO AMIANTO Un materiale compatto è meno pericoloso di un materiale friabile Può essere ridotto in polvere solo con l impiego l di attrezzi meccanici La percentuale di amianto presente è minima

Dettagli

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI LESEGNO PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO TRE GIGLI Società Agricola di Gilioli Cristina, Luca e Simone s.s. Allevamento di Lesegno (CN) -

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO IL/LA SOTTOSCRITTO/A nato/a a prov. di il titolare/legale rappresentante della Società/Ente/Azienda ai sensi dell art. 5 c. 3 lett. e) del D.P.G.P. 27 novembre

Dettagli

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti 4 C (39 F) -21 C (-5 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) Quando il pesce entra

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo.

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 16 gennaio 2015 Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad alcune misure eccezionali di sostegno del mercato

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE D.M. 9 gennaio 2006. Istituzione dell'unità centrale di crisi per l'influenza aviaria. (pubbl in Gazz. Uff. n. 18 del 23 gennaio 2006). IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il regolamento di Polizia veterinaria

Dettagli