INIZIATIVA A CARATTERE CULTURALE E SPORTIVO IN CONTINUITA' CON LE SCUOLE MEDIE DI PRIMO E SECONDO GRADO. La Vela a Caserta tra. Storia Arte e Sport

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INIZIATIVA A CARATTERE CULTURALE E SPORTIVO IN CONTINUITA' CON LE SCUOLE MEDIE DI PRIMO E SECONDO GRADO. La Vela a Caserta tra. Storia Arte e Sport"

Transcript

1 1 Miur Ufficio Scolastico Provinciale Centri Sportivi Scolastici scuola capofila in rete ISISS M.Buonarroti Caserta Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Caserta INIZIATIVA A CARATTERE CULTURALE E SPORTIVO IN CONTINUITA' CON LE SCUOLE MEDIE DI PRIMO E SECONDO GRADO. La Vela a Caserta tra Storia Arte e Sport Piano di attività didattiche e di aggregazione socioculturale per l'integrazione degli alunni meno abili e la prevenzione-azione contro le devianze minorili. Far rivivere una antica tradizione marinara del regno, far conoscere e far rispettare un monumento, diffondere la lealtà e solidarietà sportiva tra i giovani, difendere l'ambiente ed il territorio.

2 2 LE FINALITÀ DEL PROGETTO : Questo progetto ha come finalità di far avvicinare gli alunni alla conoscenza della tecnica e alla pratica dello sport velico attraverso la Vela Radiocomandata e le abilità connesse ai cimenti delle regate. Riconduce i giovani a studiare una particolare dimensione storica e artistica del nostro patrimonio monumentale, li sensibilizza alla difesa del territorio ed alla conservazione dell'ambiente, alla conoscenza dell'arte e della storia locale. I destinatari del Progetto verranno avviati ad una rispettosa conoscenza del complesso monumentale della Reggia del Vanvitelli ed in particolare della Peschiera Grande costruita dall'arch. Collecini, dove venivano utilizzati in età Borbonica modelli di navi in scala ridotta.

3 3 Gli alunni eseguiranno ricerche da fonti storiche, studieranno elementi di Meteorologia, conosceranno così le forze motrici che dalla natura si sprigionano. Impareranno a coordinare queste in una razionale utilizzazione tecnica attraverso lo studio dello sport della Vela. Grazie alle esercitazioni apprenderanno raffinate conoscenze tecniche connesse alla progettazione e costruzione degli scafi. Conosceranno i regolamenti dello sport della Vela attraverso una serie di attività didattiche, lezioni teoriche, gare sportive, incontri e manifestazioni. Gli alunni rivivranno in una cornice storica, i fasti della Reale Armata di Mare e la passione per la nautica del re Ferdinando IV di Borbone. La sensibile e preziosa collaborazione della Soprintendenza negli anni passati, le numerose e le numerose e preziose fonti di consulenza, ci hanno spinto a programmare questo calendario di attività da attuarsi attorno all'unico specchio d'acqua attualmente in Caserta. Studiando lo Sport della Vela Radiocomandata apprenderanno i principi della tecnica dello Sport Velico, apprezzeranno le complessità strutturali della progettazione, costruzione, preparazione degli scafi ed attrezzature, studieranno i regolamenti di stazza e quelli di regata. Si cercherà di coinvolgere il più alto numero di scuole e di studenti, selezionandone poi alla fine dell'anno le capacità, formando team di lavoro in uno spirito competitivo di complessa articolazione, che li farà avvicinare, attraverso una sana e leale competizione sportiva, alla rinomata semplicità e solidarietà marinaresca. Lo Sport della Vela Radiocomandata (Radio Sailing), sport ecologico per eccellenza, è uno dei pochi sport in cui gareggiano ad armi pari senza limiti di età e differenza di sesso gli alunni abili, meno abili e disabili.

4 4 Lo Sport della Vela Radiocomandata con le modifiche per il settore Studentesco, apportate dal Comitato Permanete CVR Caserta nel Corso di aggiornamento per docenti di Ed Fisica, effettuato il marzo 2006 di intesa con il CONI e l'ufficio Scolastico Provinciale prot /Vela RC, è divenuto da Sport Singolo uno Sport di Squadra. Queste squadre sono composte da un equipaggio massimo di10 atleti per ogni imbarcazione di cui un tattico ed un timoniere che si alterneranno durante ogni singola regata. 1) PROMOTORI e PATROCINI : 1. MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA, UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE CASERTA, Ufficio Educazione Fisica e sportiva 2. CENTRI SPORTIVI SCOLASTICI : Capofila scuole in rete ISISS M.Buonarroti Caserta 3. CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE SETTORE VELA, CVR CASERTA 4. Provincia di Caserta, Comune di Caserta 2) COLLABORAZIONI E CONSULENZE : MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI Soprintendenza per i Beni Architettonici e del Paesaggio per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico delle Provincie di Caserta e Benevento Ufficio Scolastico Provinciale Caserta; Ufficio coordinamento Ed Fisica. CONTRAMMIRAGLIO (A.N.) Aus MARINA MILITARE ing. Pietro Itri CIRCOLO VELICO CVR CASERTA CIRCOLO VELICO FIV CAPOSELE LEGA NAVALE TORRE DEL GRECO ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE Di CLASSE PHIGIT ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI CLASSE RG65 LESTER GLIBERT Southempton University UK -

5 5 3) LE MOTIVAZIONI Essendo la nostra Provincia caratterizzata da una lunga fascia costiera e da incantevoli luoghi ricchi di tradizioni storiche dove è possibile lo svolgimento dello Sport della Vela, ed in particolare della Vela Radiocomandata, la proposta di questo progetto pluriennale è apparsa valida, non solo sotto il punto di vista prettamente divulgativosportivo di propedeutica applicazione per gli alunni/studenti sullo Sport della Vela ma anche come ricerca e conservazione di una tradizione storica dimenticata. Da molti anni la maggior parte dei nostri sforzi di insegnanti si sono concentrati sul recupero di alunni la cui preparazione di base è scarsa o comunque carente, le cui motivazioni alla frequentazione della scuola sono altrettanto scarse, il cui interesse è rivolto ad aspetti estranei all'apprendimento, il cui impegno è insufficiente. Occupati soprattutto in questo lavoro doveroso e meritorio, vincolati da una struttura organizzativa rigida non abbiamo potuto valorizzare adeguatamente quegli aspetti storici, artistici del territorio capaci di poter infondere negli alunni nuove motivazioni a studiare e cimentarsi in un nuovo sport per il piacere della conoscenza. 4) LE ESPERIENZE Le esperienze acquisite degli ultimi 6 anni sono state : Diffusione della cultura velica e marinara dal 2003 ad oggi. Gratificanti risultati ottenuti attraverso l'esito del progetto Ministeriale PERSEUS approvato con nota MPI il 2 Agosto 1999, prot.n.40951/bl, intervento triennale per la valorizzazione dell'educazione Motoria, Fisica e Sportiva nella scuola dell'autonomia, attuato presso l'itc Terra di Lavoro, con attività Multimediali e ludico sportive, la presenza dell'unico specchio d'acqua in città, il complesso monumentale della Peschiera Grande facente parte del Parco della Reggia. 22 scuole coinvolte nel corso degli anni, di cui tre medie di primo grado e 9 di secondo grado Primo corso di aggiornamento per Docenti di ED Fisica, organizzato dal CVRC e dal CONI con 22 partecipanti nel marzo Regate classe International One Metre da quelle inaugurali del e del ,

6 6 4 presenze con dimostrazioni per il pubblico nelle Giornate Nazionali Sportive Organizzate dal CONI a Caserta Ottimi risultati ottenuti con l'introduzione e l'organizzazione in Caserta nel Campionato Sportivo Studentesco dello Sport Vela Radiocomandata per le scuole di primo e secondo grado. Corso di Aggiornamento per Docenti di Ed Fisica - CONI MIUR del marzo Settembre 2006 affiliazione al CSI Centro Sportivo Italiano Ottobre 2006 partecipazione alla presentazione in Italia della nuovissima classe internazionale Phigit. Il CSI CVR Caserta è ente promotore Italiano della classe velica internazionale PHIGIT, Ottobre 2008 assegnazione amministrazione della classe internazinale PHIGIT al CVR Caserta CVRC associazione sportiva riconosciuta dal Comitato Olimpico Nazionale. 1 ottobre 2009 assegnazione coordinamento nazionale classe velica RG65 Questi risultati ci inducono a stilare questo progetto arricchito in modo più articolato quest'anno col fine di sviluppare fin dalla scuola media di primo grado e mettere in luce a Caserta una nuova specialità sportiva molto tecnica ed aperta a tutti gli alunni gli abili e meno abili : La Vela Radiocomandata. La nostra proposta parte, quindi, da queste considerazioni che abbiamo condiviso negli anni, senza trovare negli spazi cittadini convenienti soluzioni.

7 7 I DESTINATARI Con l'introduzione del nuovo assetto più flessibile e mirato ai bisogni formativi, e l'istituzione da parte del MIUR dei CSS Centri Sportivi Scolastici, circolare agosto 2009 proponiamo di avviare corsi sperimentali gratuiti di tecnica della vela per alunni, corsi di modellismo per la costruzione e la messa a punto dei modelli, ricerca, studio e riproduzione anche di barche a vela da competizione classe PHIGIT ed RG65 in legno, incontri di alunni che mostrino predisposizione allo studio e rilevanti attitudini a certe materie con esperti e rappresentanti della Marina Militare Italiana e del mondo della vela, mostre itineranti ed esposizioni dei lavori effettuati, proiezioni di diapositive e dei filmati prodotti. Partecipazione gratuita a corsi velici organizzati dalla Marina Militare Italiana e corsi di salvataggio e sub dai Comandi militari della Guardia Costiera. Sono state programmate anche attività tecnico-pratiche, inerenti la conoscenza e la pratica di questa specialità sportiva. Il progetto non si prefigge solo di formare gli studenti allo Sport della Vela e della Vela Radiocomandata, ma attraverso la partecipazione e collaborazione tra alunni, genitori, docenti ed ex alunni diffondere in modo partecipativo la conoscenza della storia del nostro territorio. Agli allenamenti potranno assistere anche gli alunni della scuola dell'infanzia accompagnati dai genitori e docenti. 6) I CONTENUTI: Ogni Istituto partecipante provvederà alla realizzazione di un corso di tecnica e storia della vela per principianti, tenuto da docenti di Educazione Fisica o esperti esterni, utilizzando : 1. parte del monte ore se programmate e contrattate con RSU, delle attività integrative dpr. 567/96 o di altra risorsa disponibile. 2. parte delle ore del Gruppo Sportivo, 3. ore progettuali se programmate e contrattate in ambito di Istituto.

8 8 Organizzazione : Preparazione ed allestimento di due o più barche da regata per ogni singola scuola, rispettando i regolamenti della classe PHIGIT o RG65 (appendice 3 del regolamento di vela FIV e le modifiche apportate per il settore giovanile dal nostro Comitato Provinciale CVR Caserta CSI Centro Sportivo Italiano). Iscrizioni per via telematica oppure via FAX tel per il Campionato Provinciale dei Giochi Sportivi Studenteschi entro il 30 marzo di ogni anno. Tutti i docenti collaboreranno attivamente unitamente al CVR alla riuscita delle esercitazioni da tenersi nella Reggia di Caserta Peschiera Grande nei mesi di, Novembre, Dicembre, Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile (allenamenti e regate promozionali) e quelle delle regate finali che si terranno durante le gare dei Giochi Sportivi Studenteschi, o le manifestazioni della Settimana dello Studente. Gli Istituti coinvolti dovranno conoscere e rispettare il regolamento per l'utilizzo della Peschiera Grande il regolamento concordato con la Soprintendenza. IL CVR Caserta tesserato dal CSI Centro Sportivo Italiano con il suo personale specializzato sovrintenderà a tutte le manifestazioni gare ed allenamenti offrendo tutto il supporto tecnico occorrente. Tel prof. Cuomo Salvatore Procida Giuseppe

9 9 I PREMI Il Trofeo denominato Royal Trophy Seconda Edizione Patrocinato dalle associazioni di classi veliche Phigit e RG65, viene assegnato ogni anno alla scuola vincitrice del Campionato Provinciale, con l'obbligo di tutela e custodia per un anno nei locali scolastici. Ogni anno sarà messo nuovamente in palio tra le scuole sfidanti. La scuola media di secondo grado, prima classificata nel Campionato Provinciale dei Giochi Sportivi Studenteschi vincerà la USP CUP 2010 offerta dall'ufficio Scolastico Provinciale. La scuola media di primo grado prima classificata si aggiudicherà il trofeo Onda messo in palio dal CVR Caserta. Royal Trophy Caserta Durante lo svolgimento delle gare per il trofeo, i risultati saranno pubblicati su Annualmente saranno istituite regate storiche titolate ad alcuni vascelli, fregate, brigantini, corvette, della flotta Borbonica che un tempo era l'orgoglio del regno ed era la più potente flotta del mediterraneo, Saranno incentivate regate promozionali di classe PHIGIT ed RG65 anche con modelli in legno costruiti dagli alunni.. Saranno allestite mostre Itineranti sul territorio dei modelli per incentivare questo sport a richiesta degli enti pubblici organizzatori. Si prevederanno: Approfondimenti di argomenti trattati nei corsi curricolari, nelle ore dei Centri Sportivi scolastici pomeridiane e durante quelle destinate agli alunni DPR 567/96, Trattazione di argomenti pur previsti dai programmi ministeriali, ma solitamente esclusi dai piani di lavoro degli insegnanti per limiti di tempo, introduzione di nuove conoscenze attinenti le discipline, ma non previste dai programmi,non si esclude il coordinamento di più discipline e la collaborazione con associazioni od enti preposti.

10 10 Per quello che riguarda la tecnica della costruzione in generale una proposta iniziale prevede l'analisi di progetti e la produzione di schemi e disegni; la lettura e lo studio di testi di storici collegati con i programmi di storia. Il corso può concludersi con la produzione di un filmato su DVD. Per la storia riferita all'epoca Borbonica si propone un lavoro di ricerca da condurre in collaborazione con le istituzioni culturali cittadine, musei e biblioteche specifiche su temi concordati con gli alunni che svilupperanno il progetto. NOTE SULLO SPORT DELLA VELA RADIOCOMANDATA La Vela Radiocomandata è uno sport, una attività, un gioco, un esercizio di perizia, di tecnica, di manualità, di genialità e di intuizioni. E un mondo fatto di regole precise, ferree ed internazionali ma è soprattutto: L occasione di poter far vivere agli alunni/studenti la natura, il vento, il sole, gli amici, virando e strambando dolcemente; Laboratorio di educazione alla conservazione della natura; Stimolo al contatto con la natura, avvicinando gli alunni/studenti alla conoscenza diretta del territorio; E' una attività sportiva sana: Si esplica all'aperto, nel rispetto della natura imparando a conoscerla ed a difenderla. E' una attività molto tecnica : Identica alla vela vera, fa avvicinare i praticanti alla conoscenza dei regolamenti tecnici di stazza e di regata. E' possibile costruire, progettare, modificare i modelli per le regate e tutti gli accessori. E' una attività propedeutica alla vela. In grande o in piccolo i principi fisici sono gli stessi ed è predominante la bravura del timoniere. Le modifiche al regolamento per il settore giovanile, dagli atti del corso di aggiornamento per Docenti di Ed Fisica organizzato dal CONI, CVRC e MIUR sulla Sport della Vela

11 11 Radiocomandata del marzo 2066 : Le scuole potranno partecipare con una o più barche. Le squadre per ogni scuola saranno costituite da un minimo di 3 ed un massimo di 6 alunni per ogni barca con le funzioni ; 3 i timonieri e 3 tattici. Essi parteciperanno ad ogni regata a coppie mantenendo il loro ruolo che per uno sarà quello di timoniere e l'altro tattico, ruoli non scambiabili durante la regata. I primi 3 timonieri di ogni squadra dovranno essere nominativamente necessariamente diversi., fanno della Vela Radiocomandata dei GSS uno sport di squadra, in cui gareggiano ad armi pari sia gli alunni abili che i meno abili e rispondente al tempo stesso alle regole CONI - FIV appendice E che prevedono un solo timoniere per barca. 8) METODOLOGIA DELL'ALLENAMENTO: L'allenamento si svolgerà secondo tre fasi canonicamente scelte tra quelle usuali per l'insegnamento dello sport velico : I. Strategia: analisi del rapporto tra la barca, il campo di regata e le condizioni meteorologiche locali. Ovviamente tutto cambia momento per momento e quindi, durante la regata, la mente è in continuo lavoro sotto il controllo attivo del sistema nervoso (molto ci aiutano i sensi) attraverso i movimenti volontari (molto dispendiosi di energia nervosa). II. Tattica: analisi del rapporto tra la nostra barca e le altre barche (avversari). In questo caso sono le regole del gioco che vengono applicate e la regata si trasforma in una complessa partita a scacchi. La mente è sempre fondamentale. III. Velocità: in questo caso è soprattutto il gesto atletico a contare e la corretta sinergia (e sincronia) tra l Atleta e la propria barca diventano indispensabili per arrivare alla massima prestazione. (questa fisicità è l'unica parte

12 12 mancante nella Vela Radiocomandata rispetto alla Vela) Leggendo attentamente questi 3 punti è chiaro immediatamente come, la preparazione psicologica, per un atleta della Vela e della Vela Radiocomandata sia sicuramente indispensabile. 9) ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' - Assolutamente volontaria è l'adesione al progetto da parte dei docenti. Il compenso va stabilito a termini di contratto di lavoro, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Ogni docente, o gruppo di docenti, può proporre corsi su argomenti attinenti la/e materia/e d'insegnamento (o la classe di concorso), decidendo in merito a contenuti, durata e metodo di valutazione del corso (test o colloqui finali, elaborati di varia forma); ogni docente specificherà brevemente tali elementi, assieme ai prerequisiti (ovvero a studenti di quale ordine di classi il corso è aperto). La partecipazione degli studenti è volontaria e gratuita previa "iscrizione" ed accertamento della copertura assicurativa CONI CSI o delle singole scuole partecipanti. I corsi sono aperti a tutti gli studenti abili e meno abili. La Frequenza e una positiva valutazione dell'apprendimento costituiscono un credito formativo valutato nel curriculum individuale di ciascuno studente in modi da definire.

13 13 La valutazione, che avverrà nel modo previsto dal/i docente/i, costituirà credito formativo quantificabile proporzionalmente all'esito della prova finale e attribuirà un punteggio massimo proporzionale alla durata del corso. La Vela Radiocomandata sarà inserita tra le specialità sportive scelte dalla scuola per i Campionati Studenteschi. 10) STRUTTURA DEI CORSI I corsi teorici si svolgeranno il pomeriggio nei singoli istituti partecipanti. Corsi per arbitri-timonieri-tattici-animatori sportivi. Le esercitazioni pratiche presso ogni scuola che abbia nelle vicinanze uno specchio d'acqua, o la Peschiera Grande del Parco della Reggia di Caserta Visita guidata presso il circolo velico di Capo Sele (LT) Visita guidata presso il circolo sportivo Nocelle Limatola (BN)

14 14 Programma In Collaborazione con il CVR Caserta Scuola di Promozione Vela affiliata al Centro Sportivo Italiano. CASERTA GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI Il Comitato provinciale di regata 2009 riunitosi il giorno 6 ottobre 2009, ha deliberato di adottare per le gare scolastiche permanentemente le classi veliche PHIGIT ed RG65. Le principali motivazioni che hanno contribuito a questa decisione sono state: Rendere possibile la partecipazione alle scuole già con i modelli in loro possesso attraverso una serie di semplici modifiche a scelta individuale. Le scuole possono montare da kit semplici in legno ma competitivi che verranno proposti sul nostro sito le loro imbarcazioni. Rendere immediato, e più facile il controllo di stazza. La registrazione internazionale degli scafi stazzati da parte delle scuole è gratuita ed informatizzata sul sito dove prelevare anche il regolamento di stazza in lingua italiana Facilitare la costruzione anche da parte di costruttori non professionisti. Le regate saranno disputate applicando il consueto regolamento di regata : Appendice E del regolamento federale FIV, il sistema di regate a flotte, le modifiche alla normativa CVR CSI Italia per il settore studentesco, le istruzioni di regata e le regole di classe. La classe velica internazionale Phigit è stata sviluppata dai tre maggiori esperti del settore : Charles Dètriché, Graham Bantock, e Lester Gilbert (UK University Southempton) nell'ottobre 2006 con il contributo della rivista Marine Modelling International sotto la direzione editoriale di Chris Jackson. Il sito dove trovare ulteriori informazioni è: In Italia il CVR Caserta è ente promotore nazionale con sede c/o ISISS M.Buonarroti Caserta Il CVR Caserta è anche ente organizzatore nazionale per la classe velica RG65

15 15 NORME PER LA PARTECIPAZIONE Le iscrizioni ai GSS vanno inviate all Uff. Ed. Fisica e Sportiva fax , entro il 30 marzo Le adesioni ai Campionati Promozionali Phigit e RG65 (aperti a tutte le scuole anche quelle sprovviste di imbarcazioni), devono essere inviate a

16 16 Vela RC CSS Scolastici Comitato Organizzatore Permanente TEL REGOLAMENTO ATTIVITA' DIDATTICHE DI VELA RADIOCOMANDATA NEL COMPLESSO DELLA PESCHIERA GRANDE E NORME DI SICUREZZA ART.1 L'accesso alla Peschiera Grande per la pratica della Vela Radiocomandata è consentito solo agli studenti accompagnati dai loro Docenti preposti alla loro sorveglianza ed al personale incaricato e titolato della CVRC Caserta. ART.2 Le attività sono permesse solo alle persone che hanno preso visione del regolamento generale del Parco all'indirizzo e di questo regolamento specifico. ART.3 Sarà applicato il rispetto del regolamento Generale del Parco della Soprintendenza atto alla salvaguardia dei Monumenti Storici. ART.4 I modelli devono essere posti in acqua e recuperati esclusivamente dalle apposite balconate, sotto il controllo dei docenti incaricati e del personale CVRC. ART.5 E' fatto divieto di lasciare qualsiasi oggetto sul posto alla fine delle attività. ART.6 Il recupero di eventuali modelli in avaria sarà effettuato in sicurezza, esclusivamente dai docenti ed incaricati mediante altri modelli a vela. ART.7 E' consentito l'utilizzo solo di modelli a vela nel pieno rispetto dell'ambiente. ART.8 L'utilizzo dei modelli e loro frequenze di esercizio sono di bassa potenza ed omologati dal Ministero delle Comunicazioni, rispondenti alle norme CE e coordinati dai docenti o personale incaricato. ART.9 Le Manifestazioni Sportive saranno concordate con la Soprintendenza. ART.10 Gli alunni e i docenti partecipanti alle attività dovranno essere muniti di tutta la documentazione dovuta per le gare sportive scolastiche attestante la copertura assicurativa ed i relativi certificati sanitari. ART.11 E' fatto divieto assoluto ad alunni e spettatore di sporgersi in modo pericoloso verso l'acqua. Durante le esercitazioni si declina ogni responsabilità per la non osservanza di questo e delle norme generali di sicurezza. ART.12 Le scuole aderenti al progetto dovranno prendere visione dei bandi di regata e rispettarli.

17 17 ART.13 Le attività annuali con relativo calendario saranno programmate esclusivamente dal Comitato Provinciale così composto : Un docente per ogni scuola che ha partecipato alla ultima edizione, un Rappresentante dell'ufficio Scolastico Provinciale, un Rappresentante del Circolo Vela Radiocomandata Caserta. ART.14 Le attività annuali della rete dei Centri Sportivi Scolastici provinciali saranno coordinate dalla scuola capofila ISISS M.Buonarroti Caserta che diffonderanno e pubblicheranno i relativi regolamenti e bandi di regata all'indirizzo: f.to prof. Cuomo Salvatore resp. Provinciale Vela CSI

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo Sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Avviso Prot. Num. prot. AOODGAI/2373 DEL

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli