I.S.I.S. LORENZO MOSSA O R I S T A N O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.S.I.S. LORENZO MOSSA O R I S T A N O"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA. Istituto Statale Istruzione Superiore Lorenzo Mossa TECNICO COMMERCIALE GEOMETRI- NAUTICO- AEREONAUTICO-ITER-SIRIO Sede centrale Via Carboni s.n. Tel. 0783/ M.P.I I.S.I.S. LORENZO MOSSA O R I S T A N O Documento del Consiglio di Classe anno scolastico 2014/2015 Classe Quinta Sezione A Amministrazione Finanza Marketing 1

2 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MATERIE Ore settimanali DOCENTI Religione 1 Marongiu Ilaria Italiano e Storia 4+2 Porcu Donatella Lingua straniera (Francese) 3 Spiga Maria Carmela Lingua straniera (Inglese) 3 Fois Luciana Matematica e laboratorio 3 Zara Beatrice Economia Aziendale 8 Pau Pasqualina Diritto ed Economia politica 3+3 Feduzi Giampaola Educazione motoria 2 Chiesa Giacomo Giovanni Totale ore 32 PROFILO PROFESSIONALE Indirizzo A.F.M. Il corso di studi è caratterizzato dall integrazione fra le materie dell area storico/linguistica/umanistica e l area tecnico/professionale. La formazione professionale si fonda sullo studio di sistemi e modelli matematici, sull approfondimento di concetti e teorie, e sulla conoscenza dei processi contabili. Il ragioniere esperto in problemi d economia aziendale possiede le seguenti caratteristiche: versatilità e propensione all aggiornamento; competenze e capacità d orientamento per gli studi universitari; capacità di comunicare con registri linguistici e con un linguaggio tecnico appropriato; capacità di lavorare in modo autonomo o in gruppo documentando il proprio lavoro; attitudine ad affrontare i problemi in termini sistemici; capacità di cogliere la dinamica dei problemi delle imprese contemporanee. PROFILO DELLA CLASSE Numero alunni frequentanti: maschi 6, femmine 12. Numero alunni pendolari: 14. Numero alunni provenienti dalla 4^ A A.F.M. 13. Alunni ripetenti:1. Alunni provenienti da scuole private: 2. Alunni ammessi a seguito di esame integrativo: 1. Alunni provenienti da altro istituto: 1. Tutti gli alunni si avvalgono dell insegnamento della Religione. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta per un terzo degli alunni non proviene dalla 4^A. Quest anno sono cambiati i docenti di Francese, Economia Aziendale, Educazione Motoria, Matematica, Italiano e Storia. Gli alunni presentano stili di apprendimento, competenze ed abilità molto diverse, con la necessità di differenziare l approccio alle discipline. L attenzione e la partecipazione al lavoro didattico sono attive solo per alcune ragazze, mentre la maggior parte degli studenti segue le discipline passivamente. Discontinuo l interesse, l impegno e l applicazione a casa per quasi tutti. Il profitto della classe non è omogeneo. Poche alunne raggiungono risultati eccellenti. Alcuni alunni presentano ancora lacune nella preparazione. La metà della classe ha carenze gravi e diffuse. Il Consiglio di Classe s impegna affinché gli alunni, con un applicazione continua e proficua, possano migliorare il livello della propria preparazione. 2

3 ATTIVITA CURRICOLARI SVOLTE DAI DOCENTI DELLE SINGOLE DISCIPLINE. Per maggiori dettagli sulle diverse attività svolte nelle singole discipline, si rimanda ai documenti di ogni docente. ATTIVITA AGGIUNTIVE Stage Estivo Locale anno scolastico 2012/13. Boassa Marta, Dessì Rosanna, Olia Michele. Alternanza scuola lavoro anno scolastico 2013/2014. Tutti gli alunni. Stage Estivo Locale anno scolastico 2013/14 Dessì Rosanna. Alternanza Scuola Lavoro anno scolastico 2014/2105 Dessì Rosanna, Favalessa Carla, Pitzalis Ilenia. L attività si è svolta nel pomeriggio. La classe ha partecipato alle seguenti attività: Olimpiadi della Matematica Centro Trasfusionale di Oristano per la donazione del sangue. VII Salone dell Orientamento di Oristano, Dicembre 2014 Incontro dibattito con l economista prof. Luigi Zingales e il prof. Mario Macis Incontro con l Agenzia delle Entrate di Oristano Orientamento Università di Oristano Presentazione corsi dell Istituto Europeo di Design di Cagliari Concorso Progetto Youth Up 19-03/ Cinema Ariston Visione del Film La teoria del tutto Giornata Diocesana dei Giovani I care. Non più schiavi ma fratelli Oristano Manifestazione Cagliari Giornata di consapevolezza Europea Corso Guida Sicura organizzato dal Comune di Oristano. Mores Partecipante: Meloni Matteo. Orientamento Università di Sassari Orientamento Università di Cagliari

4 METODOLOGIE ADOTTATE NEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO- APPRENDIMENTO. La lezione frontale è stata la metodologia d insegnamento più usata, assieme alla lezione discussione e la soluzione di casi; in alcune discipline sono state realizzate ricerche e percorsi didattici personalizzati. Si sono utilizzati audiovisivi, fonti, strumenti multimediali, in particolare si è promosso la relazione degli alunni con la realtà esterna alla scuola, per stimolare l apprendimento non formale. Le attività di recupero sono avvenute in itinere e con sportello didattico. Si prevede di sviluppare, completato lo svolgimento del programma, un attività d approfondimento e di recupero in tutte le materie. Gli allievi hanno raggiunto i seguenti obiettivi, con diversificazione di livello nelle diverse discipline. Area linguistica-storica-letteraria: Conoscenze conoscere le tematiche specifiche delle discipline negli aspetti essenziali. Competenze utilizzare le conoscenze storico-linguistico-letterarie nelle varie problematiche affrontate. usare un lessico vario, appropriato e specifico. comprendere il messaggio complessivo di un testo. Capacità saper rielaborare con sufficiente correttezza e con apporti personali. Area scientifica-tecnico-giuridica Conoscenze conoscere le tematiche specifiche delle varie discipline negli aspetti essenziali. conoscere la terminologia tecnica di ciascuna disciplina. Competenze saper redigere ed interpretare documenti aziendali. saper utilizzare gli strumenti contabili saper trovare soluzioni operative saper costruire e interpretare grafici Capacità saper rielaborare concetti e stabilire confronti e relazioni. saper rielaborare dati saper organizzare e rielaborare la disciplina in modo autonomo. Obiettivi trasversali - Aver rispetto delle persone, delle regole e delle cose. - Inserirsi nella vita sociale - Comunicare opinioni personali in modo corretto e democratico. 4

5 CRITERI E MISURAZIONE DELLA VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE E ORALI. Per la valutazione si è tenuto conto della classificazione presente nel POF, elaborata dagli Organi Collegiali nel corrente anno scolastico, e nell'attribuzione dei voti ci si è attenuti ai seguenti parametri. PER L'ORALE: conoscenza: descrive il semplice possesso d informazioni; si esprime nella ripetizione da parte dell alunno di nozioni anche ampie ma rigidamente ordinate e organizzate. competenza: postula la comprensione dell informazione e ne consente la modificazione e integrazione con altre conoscenze: l alunno sa stabilire relazioni, sa spiegare le proprie affermazioni, sa cogliere la coerenza tra informazioni, sa dar conto della terminologia propria dei vari linguaggi specifici. capacità: descrive il momento di maggior qualità del percorso di apprendimento e consiste nell utilizzare le conoscenze per attribuire valori, decidere, giudicare; si ritiene acquisita quando l alunno sa stabilire collegamenti e confronti, sa eseguire astrazioni. PER LO SCRITTO: Conoscenza dei contenuti e rispondenza fra traccia e svolgimento. Capacità espressive in relazione alle strutture grammaticali e lessicali. Rielaborazione autonoma (capacità critiche di analisi e sintesi e di rielaborazione). griglia di valutazione Livello voto conoscenza competenza capacità 1^ 1-3 Ha conoscenza Non sa utilizzare le Nessuna (scarso ) nulla o conoscenze Irrilevante dei contenuti 2^ 4 Ha conoscenza Utilizza le conoscenze Ha difficoltà e ( insufficiente) frammentaria dei con molti errori anche opera in maniera contenuti in compiti semplici imprecisa 3^ 5 Ha conoscenza Utilizza le conoscenze Ha lievi difficoltà ( mediocre ) superficiale dei con errori e compie qualche contenuti imprecisione 4^ 6 Ha conoscenza Utilizza le conoscenze Solo se guidato ( sufficiente ) generale dei e opportunamente elabora e rielabora contenuti guidato raggiunge gli in modo semplice obiettivi minimi e non approfondito 5^ 7 8 Ha conoscenza Utilizza le conoscenze Elabora e rielabora (discreto/buono ) generale e anche in compiti con piena parziale complessi con piena autonomia ma con approfondimento autonomia ma con qualche incertezza dei contenuti qualche incertezza 6^ 9 10 ( ottimo ) Ha conoscenza completa e approfondita dei contenuti 5 Applica le conoscenze autonomamente ed in contesti diversificati Elabora e rielabora in piena autonomia, senza incertezze, in modo ampio e approfondito

6 SIMULAZIONI TERZA PROVA SCRITTA Sono state fatte dai singoli docenti varie esercitazioni disciplinari utilizzando le diverse tipologie di prove e le seguenti simulazioni con più discipline: 1^ simulazione tipologia B due domande per materia. Materie interessate: Economia Aziendale, Scienze Motorie, Diritto, Francese, Storia. 2^ simulazione tipologia B due domande per materia. Materie interessate: Economia Aziendale, Matematica, Economia Politica, Francese, Inglese. In ognuna delle simulazioni sono stati somministrati dieci quesiti (2 per ogni disciplina). Per la valutazione si è seguito il seguente criterio: a ogni parametro è stato attribuito un punteggio differenziando diversi gradi di conoscenza, competenza, capacità e assegnando a ciascuno un valore. Ogni docente assegna un totale massimo di 15 punti per domanda tenendo conto dei parametri sotto indicati: conoscenza degli argomenti pertinenza della risposta rispetto al quesito correttezza formale Si stabilisce quindi la media tra i punteggi riportati nelle singole discipline espressi in quindicesimi. I criteri di valutazione utilizzati nelle simulazioni di terza prova sono presenti nelle griglie di valutazione allegate. Valutazione in decimi Corrispondenza in quindicesimi CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO E DI EVENTUALI CREDITI FORMATIVI Per quanto concerne l'attribuzione dei crediti, il Consiglio di classe applica principi e criteri stabiliti dalla normativa e riportati nel POF. L'unico punto aggiuntivo disponibile per ogni banda sarà assegnato sulla base della frequenza, dell'impegno, partecipazione e, soprattutto, del profitto come previsto dal POF e dalla recente normativa. Il punteggio aggiuntivo potrà essere assegnato anche in assenza di crediti formativi. ALLEGATI Programmi e relazioni delle singole discipline. Originali dei test di simulazione e le griglie di valutazione utilizzate per la terza prova. Griglie di valutazione della prima e della seconda prova scritta. 6

7 Oristano Il Consiglio di Classe Docenti Marongiu Ilaria Porcu Donatella Spiga Maria Carmela Fois Luciana Chiesa Giovanni Giacomo Zara Beatrice Pau Pasqualina Feduzi Giampaola 7

8 Programma Svolto Classe 5 A Amministrazione Finanza e Marketing Argomenti: 1) Il Cristianesimo in un contesto interculturale interreligioso: - L immigrazione come fenomeno attuale. - Il rapporto con lo straniero: pregiudizio o apertura? - La globalizzazione dell indifferenza nel messaggio di Papa Francesco - La necessità di una convivenza sociale nuova 2) L Islam, la Chiesa e il dialogo interreligioso: - Muhammad e l origine dell Islam - Il Corano e i personaggi biblici. - Gesù nella visione islamica - I cinque pilastri dell Islam - La Sharia e la condizione della donna - L ISIS, il terrorismo e il jihad - La Chiesa e la religione musulmana: in confronto difficile ma indispensabile. 3) L uomo e le sue domande - La ricerca del senso all origine delle religioni - Modelli e valori della nostra cultura. - I mass media e il capovolgimento dei valori - Modelli cristiani a confronto con quelli della nostra cultura moderna. - L esperienza del limite e il bisogno di affidarsi a Qualcosa-Qualcuno - Il dolore e il suo significato - L atteggiamento di fronte alla sofferenza e alla morte - La morte: il fine o la fine? 4) Ragione e fede: - La ragionevolezza del credere l esistenza di Dio secondo Agostino, Anselmo d Aosta e Pascal. - Rapporto tra scienza e fede con riferimento alla Fides et Ratio.

9 - Fideismo e Razionalismo - Ateismo e agnosticismo - L ateismo debole: l esistenza di Dio e il male. - I miracoli: contra factum non valet argumentum. 5) La magia e lo spiritismo: - Superstizione, magia e spiritismo - Il revival del satanismo - Il satanismo degli adulti e giovanile - La massoneria e la sua influenza nella società contemporanea. 6) Moralità. - Non dovere, ma appartenenza. - Coscienza morale: consapevolezza che Cristo, la nuova legge, coincide con il valore nell essere e nell agire. 7) Le problematiche del mondo giovanile e la loro interpretazione in prospettiva cristiana, a confronto con altre: - L universale ricerca del senso della propria esistenza intesa come dono, mistero e progetto. - La conoscenza di se stessi - Le relazioni tra genitori e figli, la vita di gruppo e l amicizia nell era dei social networks - Il progetto personale di vita. - I giovani, l amore e l innamoramento 8) Vocazione all amore: Amare chi? Amare come? - Rapporto di coppia e sacramento del matrimonio. - La famiglia, la generazione ed educazione dei figli. - L affido e l adozione - La vocazione alla vita consacrata. 9) L etica della vita - La Bioetica - La vita umana, il suo valore, la sua dignità e indisponibilità - L aborto, l aspetto legislativo e la posizione cattolica al riguardo Altre tematiche che esulano da questo itinerario sono state trattate facendo riferimento al calendario delle festività cristiane e a fatti rilevanti di attualità, ivi comprese le parole e i gesti di Papa Francesco nei suoi due anni di Pontificato.

10

11 PROF. DONATELLA PORCU I.S.I.S..I.S. L. MOSSA ORISTANO PROGRAMMA DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Lezioni settimanali : n 4 ANNO SCOLASTICO 2014/20 /2015 CLASSE 5^ A A.F.M.

12 PROGRAMMA di LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE 5^ A A.F.M. Libro di testo: Sambugar, Salà, - GAOT +, - La Nuova Italia Insegnante: Porcu Donatella Obiettivi specifici Conoscere in modo generale il contesto storico, economico-sociale e artistico-culturale (idee, filosofie, poetiche) delle correnti letterarie e degli artisti presi in esame. Conoscere, in modo generale, la biografia degli autori studiati durante l a.s. Saper illustrare le idee e la poetica degli scrittori esaminati. Saper analizzare i testi (o le parti di essi) presi in considerazione: riassumere la trama, commentare le principali tematiche, descrivere luoghi e ambienti spiegandone l eventuale valore simbolico, descrivere i personaggi, individuare il tipo di narratore e il punto di vista, riconoscere le tecniche narrative e le principali figure retoriche del testo poetico (similitudine, metafora, sinestesia, onomatopea). Cogliere differenze e analogie tra poetiche, autori e opere. Saper fare, in modo generale, collegamenti tra la letteratura italiana e quella europea. Contenuti MODULO 1. POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO Unità Didattica 1. POSITIVISMO e NATURALISMO Il contesto storico. Tra Ottocento e Novecento, l età della belle epoque : il quadro politico ed economicosociale dell Europa e dell Italia. Il contesto culturale e le idee. Il Positivismo: origini del termine, il nuovo indirizzo di pensiero (razionalismo e sviluppo delle metodologie scientifiche; evoluzionismo; modernismo). La posizione sociale, il ruolo e le teorie degli intellettuali. Cenni su A. Comte, C. Darwin, H.Taine. Le poetiche. Il Realismo e il Naturalismo francesi. I fondamenti teorici del romanzo sperimentale di È. Zola. Il Verismo italiano e le teorie di L. Capuana sul romanzo. Unità Didattica 2. GIOVANNI VERGA e il VERISMO Cenni generali sulla vita, la formazione e sulle opere giovanili tardo-romantiche (Storia di una capinera, Eros, Tigre reale). Le idee e la visione della vita (l ideale dell ostrica). L adesione al verismo e la teoria letteraria (poetica). Le tecniche narrative verghiane e la lingua (impersonalità, regressione, straniamento, discorso indiretto libero). Analogie e differenze tra il Verismo di Verga e il Naturalismo zoliano. Cenni generali sulle raccolte di novelle Vita dei campi e Novelle rusticane. Lettura e commento dei seguenti testi: Rosso malpelo (da Vita dei campi); La roba (da Novelle rusticane). Il ciclo dei vinti. Trama dei romanzi I Malavoglia e Mastro don Gesualdo. Lettura e commento di dei seguenti testi antologizzati: La famiglia Malavoglia (cap.1); L addio di Ntoni (cap. 15) dal romanzo I Malavoglia. L addio alla roba (Parte quarta, cap 4), da Mastro don Gesualdo. MODULO 2. IL DECADENTISMO IN EUROPA E IN ITALIA Unità Didattica 1. IL SIMBOLISMO FRANCESE Il contesto storico. Come Modulo 1: Tra Ottocento e Novecento. La bella epoque : il quadro politico, economico, sociale culturale dell Europa e dell Italia. Le idee e le poetiche. La critica al Naturalismo e la crisi della ragione. Il Decadentismo: origine del termine. La visione del mondo e le teorie letterarie (Estetismo e Simbolismo). I miti dell intellettuale decadente (dandy, esteta, superuomo, veggente, inetto). Le differenze tra Decadentismo e Naturalismo. Cenni sulla poetica dei poeti maledetti e sui temi delle loro opere: C. Baudelaire, P. Verlaine, A. Rimbaud, S. Mallarmè. Lettura e commento della poesia L albatro da I fiori del male di C. Baudelaire. Unità Didattica 2. GIOVANNI PASCOLI e il mito del fanciullino. Cenni sulla biografia (infanzia, formazione, impegno politico; attività artistica e critica). Le idee e la teoria letteraria (poetica). Le innovazioni formali. Il Simbolismo. Lo stile impressionista. I temi delle raccolte di poesie Myricae e Canti di Castelvecchio. Lettura e commento delle seguenti poesie: Lavandare; X agosto; Temporale; Il lampo; Il tuono; L assiuolo, Mare (da Myricae ); Il gelsomino notturno (da Canti di Castelvecchio). Unità Didattica 3. GABRIELE D ANNUNZIO e il mito del superuomo. Cenni sulla biografia (gli studi e la formazione; l impegno politico; il periodo romano e quello francese; le imprese belliche e il ritiro al Vittoriale). Le idee; il mito del superuomo e la poetica (Simbolismo e Panismo). Lo stile e la lingua. I libri e i temi delle Laudi, in particolare il tema della raccolta Alcyone.

13 Lettura e commento delle seguenti poesie: La pioggia nel pineto; I pastori (da Alcyone ). Trama del romanzo Il piacere. MODULO 3. LE AVANGUARDIE STORICHE (cenni generali) Unità Didattica 1. Il contesto storico. Il quadro politico, economico, sociale nel mondo e in Italia tra le due guerre. L epoca delle masse e dei nuovi mezzi di comunicazione. Unità Didattica 2. Poetiche e letteratura. Cenni su Il Futurismo di F.T. Marinetti (cenni sulla biografia e la poetica) I movimenti di Avanguardia storica tra le due guerre: Espressionismo, Dadaismo, Surrealismo, Cubismo. Lettura e commento dei seguenti testi: Aggressività, audacia, dinamismo (da Il Manifesto del Futurismo ); Il Manifesto letterario del futurismo; L automobile da corsa, Zang Tumb Tumb (da Il bombardamento di Adrianopoli ); E lasciatemi divertire (da L incendiario ) di A. Palazzeschi. MODULO 4. IL ROMANZO D ANALISI IN ITALIA Unità Didattica 1. ITALO SVEVO Cenni sulla vita, la formazione, l attività letteraria, l amicizia con Joyce. L influenza della psicoanalisi. La visione del mondo e la poetica. Trama e temi dei romanzi Una vita e Senilità. La coscienza di Zeno. Struttura. Trama. Temi. Stile, lingua e tecniche narrative: il monologo interiore. Lettura e commento dei seguenti testi antologizzati tratti dal romanzo La coscienza di Zeno : L ultima sigaretta (capitolo 3: Il fumo); Il funerale di un altro (capitolo 7: Storia di un associazione commerciale). Unità Didattica 2. LUIGI PIRANDELLO Cenni sulla vita, la formazione, l attività letteraria, le opere. La visione del mondo, le idee, la poetica (il comico, l umorismo, il dramma). I temi del saggio L umorismo. Le novelle: il passaggio dal comico all umorismo al tragico. Lettura e commento dei seguenti testi: La patente, Il treno ha fischiato. Il romanzo come rappresentazione soggettiva del mondo: trama dei romanzi Il fu Mattia Pascal e Uno, nessuno, centomila. Lettura e commento del testo antologizzato: Cambio treno. Cenni sulla rivoluzione teatrale: il metateatro. Trama e temi dei drammi: Così è (se vi pare); Sei personaggi in cerca d autore. MODULO 5. LA POESIA ITALIANA TRA LE DUE GUERRE. IL MALE DI VIVERE Unità Didattica 1. GIUSEPPE UNGARETTI. Cenni sulla vita. La visione del mondo e le diverse fasi della produzione poetica. L Ermetismo. Temi e stile della raccolta L allegria. Cenni sulle altre raccolte liriche: Sentimento del tempo e Il dolore. Lettura e analisi delle seguenti poesie: Veglia; Il porto sepolto; Sono una creatura; San martino del Carso; Soldati; Fratelli (da L allegria ); Non gridate più (da Il dolore). Unità Didattica 2. UMBERTO SABA. Cenni sulla vita. La visione del mondo, le idee, la poetica. Caratteristiche formali e temi della raccolta Canzoniere. Lettura e analisi delle seguenti poesie: A mia moglie; La capra; Trieste; Goal, (da Canzoniere). Unità Didattica 3. EUGENIO MONTALE. Cenni sulla vita. La visione del mondo e la poetica. La parola e il significato della poesia. Scelte formali e sviluppi tematici. Temi della raccolta Ossi di seppia. Lettura e analisi delle seguenti poesie: Spesso il male di vivere ho incontrato; Meriggiare pallido e assorto; I limoni (da Ossi di seppia). MODULO 6. LA NARRATIVA ITALIANA NEOREALISTA (cenni) Il contesto storico. L epoca dei nazionalismi e delle guerre mondiali. La realtà economica, politico-sociale, culturale tra le due guerre e nel secondo dopoguerra. Le idee e le poetiche. Il cinema neorealista. Il romanzo neorealista Oristano, 13 maggio 2015 L Insegnante Gli alunni

14 PROF. DONATELLA PORCU I.S.I.S..I.S. L. MOSSA ORISTANO PROGRAMMA DI STORIA Lezioni settimanali : n 2 ANNO SCOLASTICO 2014/20 /2015 CLASSE 5^ A A.F.M.

15 STORIA CLASSE 5^ A A.F.M. PROGRAMMA ed OBIETTIVI SPECIFICI Testo: A.Brancati, T.Pagliarani Dialogo con la Storia. Il Novecento La Nuova Italia Insegnante: Porcu Donatella MODULO 1. TRA OTTOCENTO E NOVECENTO Unità Didattiche 1. La seconda rivoluzione industriale. La Belle epoque e la crisi della civiltà moderna. 2. Colonialismo e imperialismo degli Stati europei (le cause politiche, economiche e ideologiche; le conseguenze). 3. Cenni sui motivi della politica coloniale italiana. 4. Cenni sull economia negli Stati uniti d America: il taylorismo e la catena di montaggio Obiettivi specifici Spiegare i seguenti concetti: rivoluzione industriale, colonialismo/imperialismo, eurocentrismo, nazionalismo, società di massa, crisi della civiltà moderna Identificare le cause, e le conseguenze (positive e negative, in economia, in politica, nelle idee e nella cultura) dell economia nella seconda metà dell Ottocento (Seconda rivoluzione industriale) Illustrare le principali cause economiche, politiche, sociali e ideologiche del fenomeno dell imperialismo Conoscere, in modo generale, i motivi della politica coloniale italiana MODULO 2. L ETÀ GIOLITTIANA Unità Didattiche 1. G. Giolitti capo del Governo. La politica interna di Giolitti tra socialisti e cattolici: trasformismo o politica dell equilibrio. Il Patto Gentiloni e il riavvicinamento alla Chiesa. Il suffragio universale 2. Il decollo economico dell Italia e la politica economica di Giolitti. Lo sviluppo industriale e la politica sociale 3. Cenni sulla politica estera e la guerra di Libia. I problemi irrisolti del governo Giolitti Obiettivi specifici Spiegare i seguenti concetti: trasformismo, suffragio universale Illustrare gli aspetti della politica interna di G. Giolitti: la politica economica e sociale Avere conoscenze generali sulla politica estera e coloniale del periodo giolittiano Collegare il Patto Gentiloni alla questione romana Conoscere le motivazioni giolittiane del suffragio universale. MODULO 3. LA GRANDE GUERRA Unità Didattiche 1. La Prima guerra mondiale: il casus belli e le altre cause. Gli Stati coinvolti nel conflitto e i due schieramenti. Da guerra lampo a guerra di posizione; le trincee 2. L Italia in guerra: interventisti e neutralisti. Il Patto di Londra 3. Il conflitto negli anni 1914/1916: cenni sui più importanti fatti militari e sui diversi fronti. Cenni sui combattimenti italiani nel Carso : perchè l America entra in guerra; cenni sulla Rivoluzione russa 5. Il 1918 e la fine del conflitto. Caporetto e la controffensiva italiana 6. La Conferenza di Parigi e i Trattati di pace. I Quattordici punti Wilson. Le condizioni imposte alla Germania. La vittoria mutilata italiana. Le conseguenze del conflitto Obiettivi specifici Spiegare i seguenti concetti e termini: guerra lampo, guerra di posizione, trincea, fronte interno, diktat, Società delle Nazioni, autodeterminazione dei popoli Conoscere e saper illustrare la causa occasionale della guerra e i motivi della crisi dell equilibrio europeo che determinarono il conflitto. Conoscere le potenze coinvolte e i diversi schieramenti Sapere chi erano gli interventisti e i neutralisti in Italia. Illustrare i motivi dell intervento italiano nel conflitto Illustrare, in modo generale, le dinamiche e gli eventi che hanno portato alla Rivoluzione russa del 1917 e al crollo dello zarismo, ricollegandosi anche alla rivoluzione del 1905 Saper analizzare gli esiti e le conseguenze immediate e a lungo termine della guerra

16 MODULO 4. STATI UNITI E UNIONE SOVIETICA TRA LE DUE GUERRE. Unità Didattiche. 1. Il boom economico americano degli anni Venti. La crisi americana del Il New Deal 2. Le cause e gli sviluppi della rivoluzione russa. La dittatura di Lenin e la NEP. La dittatura di Stalin: la politica interna ed economica. Obiettivi specifici Analizzare, in modo generale, il nuovo ruolo degli Stati Uniti d America e la politica isolazionista Conoscere i motivi del boom economico, le cause della crisi del 1929 e il passaggio da un economia libera ad una guidata Conoscere, in modo generale, la storia dell Unione Sovietica dopo la rivoluzione, il governo di Lenin e la Nep, lo stalinismo e la sua politica economica Spiegare i seguenti concetti: boom economico, isolazionismo e protezionismo politico ed economico, crac economico, inflazione/deflazione, economia pianificata, uguaglianza, xenofobia, partiti di massa, stato democratico, dittatura, totalitarismo, comunismo, piani quinquennali, fascismo, nazismo, corporativismo, autarchia, propaganda, antisemitismo/antisionismo MODULO 5. LA CRISI DELLO STATO LIBERALE ITALIANO. IL FASCISMO Unità Didattiche 1. L Italia dopo la Prima guerra mondiale: i problemi politici, economici e sociali della ricostruzione. La crisi del liberalismo e il biennio rosso. La questione di Fiume e la vittoria mutilata 2. Le cause della nascita del Partito fascista. Il Partito fascista al potere. Il delitto Matteotti. La dittatura e le leggi fascistissime 3. La politica interna. I Patti lateranensi 4. La politica sociale e le corporazioni. La politica economica autarchica: le battaglie del grano, dalle paludi, demografica 5. Le leggi razziali 6. Cenni sulla politica estera di Mussolini Obiettivi specifici Analizzare le cause della crisi dello Stato liberale italiano e della nascita del fascismo Conoscere, in modo generale, i rapporti tra Stato e Chiesa e la nascita del Partito Popolare Conoscere, in modo generale, i motivi della nascita del Partito Comunista italiano Sapere le modalità con le quali il fascismo afferma e consolida il suo potere Conoscere gli aspetti caratteristici dell ideologia e della politica interna del Fascismo (economia autarchica, corporazioni e ordinamento sociale, clima culturale e censura, educazione e propaganda) Analizzare l importanza dei Patti lateranensi ed il rapporto con la Chiesa. Saper fare collegamenti con il Patto Gentiloni e la questione romana Sapere i motivi delle leggi razziali in Italia Conoscere, in modo generale, la politica estera e coloniale del Fascismo MODULO 6. LA GERMANIA DEL DOPOGUERRA E IL NAZISMO Unità Didattiche 1. La crisi della Germania repubblicana. Hitler e la nascita del nazionalsocialismo 2. La Germania nazista: ideologia, economia e società 3. Le leggi razziali e la Shoah Obiettivi specifici Conoscere, in modo generale, gli eventi legati alla crisi politica ed economica della Germania repubblicana e la nascita del nazionalsocialismo di Hitler. Illustrare l ideologia nazista e gli strumenti che consolidarono il regime totalitario Conoscere, in modo generale, la politica interna, economica, estera di Hitler Sapere cosa fu la Shoah e le fasi dello sterminio nazista degli ebrei: le leggi razziali, la ghettizzazione, le deportazioni, la soluzione finale MODULO 7. LA SECONDA GUERRA MONDIALE Unità Didattiche 1. Cenni sulla guerra civile spagnola e la dittatura di F. Franco. 2. L espansione della Germania nazista e il nuovo sistema di alleanze. Il casus belli e le altre cause del conflitto: i fatti che prepararono la guerra. La prima fase delle ostilità ( ) 3. L attacco tedesco all Unione Sovietica e l intervento degli Stati Uniti (1941) 4. Dagli ultimi successi dell Asse allo sbarco alleato in Sicilia ( ) 5. L Italia dalla non belligeranza all ingresso in guerra. 1943: la crisi del fascismo e lo sbarco degli alleati in Sicilia. La guerra civile italiana e la Resistenza 6. Lo sbarco in Normandia e la fine del conflitto

17 7. Gli eccidi nazisti e l Olocausto Obiettivi specifici Conoscere e saper illustrare la causa occasionale della guerra e gli eventi preparatori del conflitto Conoscere le potenze coinvolte e i diversi schieramenti Spiegare perché la guerra fu mondiale e totale Illustrare i motivi della non belligeranza di Mussolini e della decisione, poi, di intervenire nel conflitto Saper spiegare i motivi per cui il 1943 fu un anno di svolta per l Italia Saper analizzare gli esiti e le conseguenze della guerra Programma da svolgere dopo il 15 maggio MODULO 8. IL MONDO BIPOLARE: LA GUERRA FREDDA Unità Didattiche. Cenni su: 1. L Europa nel secondo dopoguerra. Il processo di Norimberga. I Trattati di pace e gli accordi di Yalta. La divisione dell Europa in due blocchi. La questione tedesca: le due Germanie e il muro di Berlino 2. La ricostruzione economica delle due Europe. Il piano Marshall 3. Il sistema di alleanze e gli Organismi internazionali nella guerra fredda : la corsa agli armamenti nucleari; il Patto Atlantico e la NATO; il Patto di Varsavia 4. Verso l unione europea: Ceca, Mec, Euratom. L ONU e le sue finalità. Gli organismi collaterali: UNICEF, FAO Obiettivi specifici Spiegare i seguenti concetti: democrazia popolare, economia di mercato, società di massa ed omologazione, stato sociale o Welfare state, bipolarismo, guerra fredda Illustrare le conseguenze della Seconda guerra mondiale Individuare le fasi dello sviluppo dell equilibrio bipolare delineatosi dopo il conflitto Spiegare le principali caratteristiche dei due modelli economici creatisi col bipolarismo:economia di mercato ed economia pianificata Conoscere i più importanti organismi internazionali MODULO 9. L ITALIA DALLA DITTATURA ALLA DEMOCRAZIA Unità Didattiche. Cenni su: 1. L Italia del dopoguerra e i problemi della ricostruzione. Le elezioni del 1946 e il Referendum istituzionale. L Assemblea costituente : nasce la Costituzione italiana 3. I Governi centristi di Alcide De Gasperi. Il decollo industriale. Le riforme per il Mezzogiorno. Le elezioni del La questione di Trieste e l eccidio delle Foibe Obiettivi specifici Conoscere i più importanti avvenimenti della storia d Italia tra il 1945 e il 1954 Conoscere le principali caratteristiche della Costituzione italiana L allievo, se vorrà, potrà sviluppare ulteriori tematiche storiche di suo interesse inerenti i seguenti argomenti o altri di suo interesse: Economia e società nel dopoguerra. La crescita dell Occidente. Lo Stato sociale. Scuola di massa. L emancipazione femminile. La contestazione giovanile del Sessantotto. Il boom economico degli anni Sessanta in Italia. L Italia negli anni Settanta, Ottanta, Novanta (verso una nuova repubblica). Decolonizzazione, neocolonialismo e Terzo mondo. L indipendenza dell India. La rivoluzione maoista in Cina. Il sud-est asiatico e le guerre in Corea e Vietnam. La decolonizzazione nel mondo arabo e la questione medio-orientale (il conflitto tra Stato d Israele e Palestina). La difficile decolonizzazione in Africa. L America latina tra populismo, dittature militari e movimenti di liberazione. I mutamenti nell Est europeo. L Unione Sovietica dagli anni Cinquanta-Sessanta alle riforme di Gorbacev. La crisi e il crollo dell URSS e degli Stati comunisti dell Est europeo. La caduta del muro di Berlino. La globalizzazione. Il terrorismo. Le guerre in Afganistan e in Iraq. L Unione europea. Oristano, 13 maggio L insegnante Gli alunni

18 PROGRAMMA DI LINGUA FRANCESE CLASSE 5 sez. A amministrazione, marketing e finanza Docente : Maria Carmela Spiga Anno Scolastico 2014/2015 MODULE 1 Textes: Des élèves inquiets pour leur avenir professionnel» "La société comme une jungle» "Entretien : mettez-vous dans le starting-blocks" Offre et demande d emploi : Les ressources humains ; Les méthodes de sélection ; Les petites annonces et l offre d emploi sur le web ; Le curriculum-vitae ; La lettre de motivation ; Analyse d un CV Europass ; L entretien de recrutement ; Objectifs de communication : comprendre une annonce de travail ; poser des questions et répondre aux questions concernant un entretien de travail ; rédiger un CV et une lettre de motivation ; Anayse du texte : «Dimanche 11 janvier : une marche pour l histoire» MODULE 2 : PORTE OUVERTE SUR L EUROPE «l Europe»( discours pour la paix de V. Hugo) «D une Union économique à une union politique :Mobilité ; Croissance, stabilité et monnaie unique ; Droits de l homme et égalité» Les Symboles de l UE Les Institutions de l UE; les principaux Traités de l UE ; «Un défi pour le futur» Vision et compréhension orale du site officiel de l UE. MODULE 3 : LA RECHERCHE DES FOURNISSEURS Lecture, analyse de lettres modèles sur : Demande d échantillons et de conditions de vente ; Demande de catalogue et de prix courant ; Les conditions de vente : mode de paiement ; réduction sur le prix ; la livraison de la marchandise (port payé, port dû, franco de port ; Objectif de communication : savoir rédiger le plan d une lettre. MODULE 4 : LA COMMANDE La procédure de commande ; Accuser de réception d une commande ; Analyse de lettres modèle Objectif de communication : savoir rédiger le plan d une lettre.

19 MODULE 5 : LA LOGISTIQUE ET LE TRANSPORT «Transport et logistique : que faut-il savoir?» ; La démarche logistique ; Les acteurs de la livraison ; Les transport des marchandises ; l emballage et le conditionnement ; Les documents qui accompagnent la marchandise. Objectifs de communication : comprendre et réemployer les expressions et le lexique de la logistique et de la livraison La docente Gli alunni Maria Carmela Spiga

20 ISIS L.MOSSA ORISTANO. Programma di INGLESE - a. s. 2014/2015. Classe 5 A IGEA Dal testo di Cumino e Bowen, Business Globe, Ed.Petrini (Digital Edition Plus). Module 1 Section 1.1 Section 1.2 Section 1.4 Section 1.6 Module 2. Section 2.15 Module 4. Section 4.1 Section 4.2 Section 4.5 Section 4.6 Module 5. Section 5.1 Section 5.2 Section 5.3 Section 5.6 Section 5.7 Production. Needs and wants Goods and services Factors of production Sectors of production. Commerce and Trade. Home Trade International Trade E-commerce Written communication. Business letters Applying for a job. The Curriculum Vitae The Europass Writing a CV Europass CV Letters of application Foreign trade terms. Defining a sales contract Incoterms Payment in foreign trade. Introduction Enquiries Replies to enquiries Trade documents. The invoice E-invoices Customs procedures. Trade within the European Union International Trade outside the European Union Placing an order Types of order Replies to orders Modification or cancellation of orders.

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

Documento del 15 Maggio

Documento del 15 Maggio UNIONE EUROPEA. Istituto Tecnico Lorenzo Mossa Sede centrale Via Carboni s.n. Tel 0783360024 Fax 0783360021 Sede staccata Viale Diaz 70 - Tel 078371173 Fax 0783300732 Email oris00600q@istruzione.it PEC

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione IC di Monte San Pietro Scuola Media Statale Cassani Lusvardi Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2012-2013 Classe 3E Prof.ssa Fulvia Spatafora Storia L Europa

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione.

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. La struttura della Costituzione. I principi fondamentali della Costituzione.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe. Classe Quinta Sezione D corso Mercurio

Documento del Consiglio di Classe. Classe Quinta Sezione D corso Mercurio Documento del Consiglio di Classe Classe Quinta Sezione D corso Mercurio anno scolastico 2013/2014 1 1) COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Materia Ore sett. Docenti Religione 1 Marongiu Ilaria Italiano

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Anno scolastico 2014/2015 ISIS Pagano - Bernini Classe V G REL INT Programma d Italiano Insegnante M. Pascotto Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Cap I : La situazione economica

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III STORIA Finalità educative: - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire

Dettagli

DISCIPLINA STORIA. LIBRO DI TESTO Brancati, Pagliarani, Il nuovo dialogo con la storia, La Nuova Italia, Brescia, voll. 2-3

DISCIPLINA STORIA. LIBRO DI TESTO Brancati, Pagliarani, Il nuovo dialogo con la storia, La Nuova Italia, Brescia, voll. 2-3 IISSTTIITTUUTTOO SSTTAATTAALLEE PPAASSCCAASSIINNOO Doc. di Rif.: M 7.3.2.15 Programmazione individuale a. s. 2013-2014 MQ Sez. 7 P 7.3.2 Rev 0 Pag. 1 di 8 Liceo delle Scienze umane Liceo linguistico Liceo

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE 1 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE capitolo 1 Le origini della società di massa 1. Redditi e consumi 4 2. Divertimenti di massa 9 3. Amore, famiglia e sessualità 12 4. Scienze mediche e misoginia 15 PASSATO

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: STORIA (indirizzi scientifico, scientifico sportivo, linguistico) L'insegnamento della Storia durante il triennio del liceo

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI INGLESE/FRANCESE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia

Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia ISTITUTO COMPRENSIVO M. BUONARROTI - Rubano - (Pd) Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia Docente: Prof.ssa Zanella Elena Classe: 3 A Anno scolastico 2012/2013 STORIA Libro

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE UNIONE EUROPEA. Istituto Tecnico Lorenzo Mossa Via Carboni - 09170 ORISTANO - cod.fiscale 90008830953 Commerciale C.A.T.- Logistica e Trasporti Turismo-Percorsi II Livello Tel.: 0783/360024 - Fax: 0783/360021

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli