IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO Milano, 11 maggio 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011. Milano, 11 maggio 2011"

Transcript

1 1 IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011 Milano, 11 maggio 2011 Avv. Emilio Sani Avv. Alessia Marconi Macchi di Cellere Gangemi Via G. Serbelloni, Milano Tel

2 2 Quali sono le fonti rinnovabili? Ai sensi dell articolo 2 del D.Lgs. 3 Marzo 2011, n. 28 (di seguito il Decreto ) l energia da fonte rinnovabile è l energia proveniente da fonti rinnovabili non fossili vale a dire: Eolica; Solare; Aerotermica; Geotermica; Idrotermica e oceanica; Idraulica; Biomassa; Gas di discarica; Gas residuati dai processi di depurazione; Biogas.

3 3 Forme di incentivazione garantite alle fonti rinnovabili Gli incentivi garantiti alle fonti rinnovabili sono: a) certificati verdi per tutte le fonti, tranne quella solare, fino al I certificati verdi sono addizionali rispetto ai ricavi derivanti dalla vendita di energia; b) tariffa fissa omnicomprensiva in alternativa ai certificati verdi per gli impianti sotto 1 MW (200 Kw per l eolico) per tutte le fonti, tranne quella solare, per gli impianti che entrano in esercizio entro il 31 dicembre La tariffa fissa omnicomprensiva include sia un corrispettivo per la vendita di energia elettrica che una quota tariffa fissa incentivante; c) priorità nel dispacciamento e obbligo di utilizzazione prioritaria dell energia prodotta (ove non vi siano incentivi che comprendono anche il ritiro dell energia); d) ritiro dedicato dell energia da parte del GSE, cioè possibilità di vendere l energia al GSE, con certe limitazioni di potenza per le fonti programmabili e comunque solo ove non vi siano altri incentivi che comprendono anche il ritiro dell energia; e) finanziamenti pubblici, incompatibili con i certificati verdi e il conto energia salvo eccezioni; f) tariffe incentivanti per l energia prodotta da fonte fotovoltaica; g) nuove tariffe incentivanti di ammontare prefissato per impianti sotto soglia rilevante; h) tariffe incentivanti sottoposte a regime d asta.

4 4 I principi generali della incentivazione Le fonti rinnovabili sono incentivate non in senso assoluto, ma solo in misura adeguata a raggiungere gli obiettivi nazionali fissati dall art. 3 del Decreto: ossia raggiungimento al 2020 della quota complessiva del 17% sul consumo finale loro di energia; I sistemi di incentivazione dovrebbero essere efficaci, efficienti semplici e stabili; I sistemi di incentivazione devono armonizzarsi con strumenti analoghi; Vanno ridotti gli oneri in capo ai consumatori di energia (va considerato in proposito che oggi i sistemi incentivanti sono finanziati attraverso la bolletta elettrica), ma allo stesso tempo le strutture incentivanti non possono comportare nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato; Gli interventi di riordino e semplificazione devono tenere conto: della salvaguardia degli investimenti effettuati; della proporzionalità agli obiettivi; di una certa flessibilità della struttura incentivante che tenga conto dei meccanismi di mercato e dell evoluzione delle tecnologie. Gli abusi vanno sanzionati impedendo per dieci anni la percezione di incentivi a chi in modo diretto o indiretto ha commesso abusi.

5 5 Sintesi dei principi A mio parere tutto questo può essere sintetizzato nel senso che: bisogna raggiungere gli obiettivi comunitari, ma con strumenti incentivanti che costino meno di quelli attuali che gravano troppo sulle bollette; la riduzione deve essere graduale a tutela della salvaguardia degli investimenti e in ogni caso ove i costi operativi o di investimento diminuiscano le tariffe potranno essere diminuite, in modo che questo non si traduca in un guadagno maggiore rispetto a quello previsto nel momento in cui è stato fatto l investimento o se l investimento non è stato ancora fatto in ricavi sproporzionati.

6 6 Sistemi incentivanti previsti per impianti che entrano in esercizio dopo il 31 dicembre L incentivo assicura una equa remunerazione dei costi di investimento e di esercizio. Molto importante il riferimento ai costi di esercizio, specialmente per quelle tipologie come la biomassa ove sono componente decisamente significativa. 2. Il periodo di diritto all incentivo è pari alla vita media utile convenzionale delle specifiche tipologie di impianto e decorre dalla data di entrata in esercizio. Viene sostanzialmente superato il principio precedente che avendo come base il certificato verde prevedeva una durata di quindici anni. 3. L incentivo è costante per tutto il periodo di diritto e può tenere conto del valore economico dell energia prodotta. In sostanza l incentivo può essere strutturato in modo da diminuire in caso di aumento del prezzo dell energia e compatibilmente con l esigenza di non incrementare gli oneri per i consumatori e di non prevedere oneri a carico dello stato aumentare in caso di discesa del prezzo dell energia. 4. Gli incentivi sono assegnati con contratti di diritto privato con il GSE.

7 7 Sistemi incentivanti previsti per impianti che entrano in esercizio dopo il 31 dicembre In linea di massima e salvo eccezioni l incentivo è attribuito solo agli impianti nuovi o con integrale ricostruzione. 6. In caso di rifacimento totale o parziale, l incentivo può essere garantito: per scaglioni di potenza; su impianti che siano in esercizio da un periodo pari a un terzo della vita utile convenzionale dell impianto; l incentivo non può superare il 25% dell incentivo normale per rifacimento parziale e il 50% per rifacimento totale (fatto salvo per la biomassa, dove l incentivo opera rispettivamente all 80% e al 90%); non si applica l incentivo alla manutenzione ordinaria e alla messa a norma; in ogni caso per tutto il periodo nel quale è già attribuito un incentivo non si applica un incentivo aggiuntivo per il rifacimento. Resta da capire se in tale caso il periodo di godimento del nuovo incentivo risulta diminuito degli anni in cui si è goduto il vecchio, ovvero se il termine inizia a decorrere dalla fine del vecchio incentivo.

8 8 Sistemi incentivanti previsti per impianti che entrano in esercizio dopo il 31 dicembre Per ogni fonte rinnovabile verrà stabilita una soglia che comunque non potrà essere inferiore a 5 MW (di seguito la Soglia ). 8. Per gli impianti sotto la Soglia e per gli impianti previsti dal progetto di riconversione bietolo - saccarifero sarà applicato un incentivo previsto dalla normativa applicabile, mentre per gli impianti sopra la Soglia l incentivo sarà assegnato tramite aste al ribasso.

9 9 Impianti sotto Soglia che entrano in esercizio dopo il 31 dicembre 2012: il sistema incentivante I principi che regolano gli incentivi sotto Soglia Ogni fonte ha un diverso incentivo che terrà conto dei costi specifici degli impianti. Non è specificato se si tratta solo dei costi di investimento o anche di quelli operativi. In mancanza di specificazione e sulla base dei principi generali dovrebbero comunque ritenersi compresi anche i costi operativi. L incentivo sarà attribuito per scaglioni di potenza tenendo conto delle economie di scala. Perciò più sarà grande l impianto più basso sarà l incentivo. L incentivo sarà quello applicabile alla data di entrata in esercizio. La misura dell incentivo sarà quella stabilita dai decreti attuativi emanati dal Ministro per lo Sviluppo Economico entro sei mesi dal 29 marzo 2011, data di entrata in vigore del Decreto.

10 10 Impianti sotto Soglia che entrano in esercizio dopo il 31 dicembre 2012: il sistema incentivante Gli incentivi dovranno essere differenziati in base alla data di entrata in esercizio dell impianto. Resta fermo che: i. per tutti gli impianti che entrano in esercizio entro due anni dal decreto attuativo la tariffa rimarrà inalterata; ii. successivamente al decorso del periodo sub i) solo ogni tre anni potrà essere effettuata una revisione dei valori per i nuovi impianti non ancora entrati in esercizio; iii. in ogni caso quando viene effettuata una revisione per i nuovi impianti ancora non entrati in esercizio tale revisione diverrà efficace solo per gli impianti che entrano in esercizio dopo un anno dal decreto che stabilisce i nuovi valori; iv. con i decreti di cui sopra per la rideterminazione delle tariffe per i nuovi impianti non ancora in esercizio possono essere stabilite delle quote di potenza incentivabile; v. sempre con tali decreti possono essere stabilite possibilità di cumulo con gli incentivi pubblici diverse da quelle previste dal decreto; vi. dopo il 1 gennaio 2018 l ottenimento degli incentivi può essere subordinato a configurazioni che aumentano la programmabilità dell immissione in rete e comunque possono essere previsti premi per gli impianti che adottino tali configurazioni.

11 11 Impianti sopra Soglia che entrano in esercizio dopo il 31 dicembre 2012: il sistema incentivante I principi che regolano gli incentivi sopra Soglia Gli incentivi saranno assegnati tramite aste al ribasso; La base d asta e le procedure delle aste verranno stabilite con decreto da emanarsi entro il 29 settembre 2011 e saranno disciplinate sulla base dei seguenti criteri: dei principi generali in materia di incentivazione: vita utile dell impianto, necessità di assicurare una equa remunerazione dei costi di investimento che possa tenere conto anche delle fluttuazione dei costi di investimento, costanza dell incentivo dei valori stabiliti per gli impianti sotto soglia nello scaglione meno remunerativo; delle specifiche caratteristiche della tipologia di impianto della incidenza che le economie di scala possono avere sulle tecnologie le aste si terranno periodicamente gli incentivi a base d asta saranno decisi nel decreto da emanarsi entro il 29 settembre 2011 e saranno aggiornati con le stesse modalità previste per l aggiornamento degli incentivi per gli impianti sotto la Soglia.

12 12 Impianti sopra Soglia che entrano in esercizio dopo il 31 dicembre 2012: il sistema incentivante le aste sono riferite a dei contingenti di potenza da installare per fonte o tipologia di impianto. Esauriti tali contingenti non sarà dunque garantito alcun incentivo; l incentivo è quello aggiudicato con l asta al ribasso: è però previsto che il GSE riconoscerà un valore minimo dell incentivo che tiene conto delle esigenze di rientro degli investimenti. Non è affatto chiaro come la previsione di questo valore minimo possa conciliarsi con una procedura selettiva come l asta e con i correlati contingenti di potenza; alle aste potranno concorrere solo: progetti con requisiti minimi da stabilirsi; soggetti con adeguata solidità finanziaria; chi accetti di dare garanzie circa la realizzazione degli impianti autorizzati entro termini prestabiliti. Le garanzie riguardo alla entrata in esercizio sono previste solo per gli impianti autorizzati.

13 13 La disciplina incentivante per gli impianti che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2012 e che si avvalgano dei certificati verdi Per gli impianti che entrano in esercizio entro il e che si avvalgano dei certificati verdi la disciplina complessiva si articola in due momenti temporali: 1) Disciplina fino al ) Disciplina post 2015

14 14 La disciplina incentivante per gli impianti che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2012 e che si avvalgano dei certificati verdi 1. Disciplina fino al 2015 Gli impianti entrati in esercizio entro il 31 Dicembre 2012 che si avvalgono dell incentivo dei certificati verdi sino al 2015 incluso potranno continuare ad avvalersi dei certificati verdi alle condizioni di seguito riportate a sostegno della domanda nazionale: i. l'energia elettrica importata a partire dal 1 gennaio 2012 non è soggetta all obbligo di cui all articolo 11 commi 1 e 2 del DLgs 79/1999, solo nel caso in cui concorra al raggiungimento degli obiettivi nazionali; ii. il GSE ritira tutti gli anni i certificati verdi che eccedano la quota d obbligo ad un prezzo pari al 78 % della differenza fra 180 Euro per Mwh e il valore medio annuo del prezzo dell energia elettrica fissato iii. dall autorità e registrato nell anno precedente; i quozienti che danno il numero di certificati verdi attribuiti per unità di energia prodotta restano ai valori attualmente stabiliti per tutto il periodo di diritto. La quota d obbligo di certificati verdi dei produttori da fonte convenzionale si ridurrà linearmente dal 2013 sino a annullarsi nel 2015.

15 15 La disciplina incentivante per gli impianti che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2012 e che si avvalgano dei certificati verdi 1. Disciplina post 2015 Il diritto ai Certificati verdi sarà trasformato nel diritto ad avere un incentivo equivalente nella tipologia a quello sotto Soglia (e quindi non soggetto ad asta). Tale incentivo dovrà garantire la redditività degli investimenti effettuati. La tariffa attribuita rimarrà inalterata per tutta la vita dell impianto, salvo gli eventuali aggiustamenti dovuti alle oscillazioni dei costi dell energia. Nota di Commento Non è chiaro quale sia la differenza fra il principio generale per il quale tutti gli incentivi devono assicurare la equa remunerazione dei costi di investimento e di esercizio e la specificazione di cui sopra secondo cui per questi impianti deve essere assicurata la redditività degli investimenti effettuati. A mio parere questa differenza va interpretata nel senso che non solo va tenuta in considerazione per questi impianti una equa remunerazione dei costi di investimento, ma anche quella che era la redditività effettivamente attesa nel momento in cui è stato fatto l investimento. Il che sarebbe anche ragionevole perché vi sono costi che trascendono il valore astratto dell investimento tecnologico e che variano in funzione della tariffa incentivante attesa (come ad esempio i costi per l acquisizione della disponibilità dei terreni o per l acquisto dei rami d azienda dei progetti).

16 16 Gli incentivi per gli impianti che entrano in esercizio prima del 31 dicembre 2012 avvalendosi della tariffa fissa omnicomprensiva Gli impianti sotto la soglia di 1 MW (200 kw per l eolico) che entrano in esercizio entro il 31 Dicembre 2012 avvalendosi della tariffa fissa omnicomprensiva manterranno la tariffa omnicomprensiva oggi prevista per tutto il periodo di incentivazione ad oggi stabilito e pari a 15 anni

17 17 Previsioni di salvaguardia per gli impianti alimentati da fonte rinnovabile che non accedano ad alcun incentivo A tutti gli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili che continuano a essere eserciti senza incentivi (cioè quelli che per i quali gli incentivi sono scaduti e quelli costruiti nella consapevolezza di non accedere agli incentivi) saranno garantiti: i) come per tutti gli impianti da fonte rinnovabile la priorità nel dispacciamento e l utilizzo prioritario; ii) prezzi minimi garantiti stabiliti dall Autorità per l Energia entro il 31 Dicembre 2012, o in alternativa, meccanismi di integrazione dei ricavi derivanti dalla partecipazione al mercato elettrico, se il mercato elettrico non è sufficiente a assicurare la salvaguardia della produzione. La norma si riferisce in particolare agli impianti ove i costi operativi sono elevati, come gli impianti a biomassa e biogas e, limitatamente ai bioliquidi sostenibili, i bioliquidi.

18 18 Cumulabilità degli incentivi con contributi pubblici Gli incentivi per gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31 Dicembre 2012 non sono cumulabili con altri incentivi pubblici fatto salvo quanto segue: i. accesso a fondi di garanzia e di rotazione; ii. cumulabilità con altri incentivi che non eccedono il 40 % dell investimento per impianti fino a 200 Kwh, il 30 % dell investimento per impianti fino a 1 MW, il 20 % per impianti fino a 10 MW; iii. cumulabilità con altri incentivi non eccedenti il 40 % dell investimento, per impianti di potenza fino a 1 MW di proprietà di aziende agricole o in connessione con aziende agricole alimentati con biomasse, biogas, bioliquidi sostenibili; iv. Cumulabilità con la detassazione dal reddito d impresa degli investimenti in macchinari e apparecchiature. Non è chiaro perché con riguardo a questo c è un riferimento solo ai commi 3 e 4 dell articolo 24; v. Cumulabilità con altri incentivi pubblici fino a 40 % del costo di investimento per impianti cogenerativi e trigenerativi a fonte solare o a biomassa e biogas da prodotti agricoli, di allevamento e forestali (inclusi i sottoprodotti) da filiera corta, o intese di filiera o accordi quadro; vi. Viene chiarito sin da ora che i certificati verdi sono compatibili con fondi di garanzia e di rotazione e con la detassazione dal reddito d impresa degli investimenti in macchinari e apparecchiature.

19 19 Previsioni specifiche per le biomasse Nel caso specifico degli impianti a biomassa, si segnala quanto segue. 1. gli impianti fino a 1 MW che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2012 mantengono per 15 anni la tariffa fissa attualmente riconosciuta, includendo anche i residui di macellazione e i sottoprodotti che subiscano un trattamento di liquefazione o estrazione meccanica nel sito di produzione di tali residui o nell impianto di conversione in energia; 2. gli impianti alimentati da biometano sono considerati alimentati da fonti rinnovabili se il biometano è utilizzato in impianti di cogenerazione ad alto rendimento; 3. vi sono le sopracitate possibilità di cumulo con gli incentivi pubblici; 4. vi sono a certe condizioni le assimilazioni del reddito al reddito agrario.

20 20 Previsioni specifiche per le biomasse Gli incentivi da applicarsi dovranno tenere conto prioritariamente: della tracciabilità e della provenienza della materia prima (si immagina al fine di evitare la deforestazione); dell esigenza di fare sì che: a) le biomasse legnose trattate solo meccanicamente siano destinate all utilizzo termico; b) i bioliquidi sostenibili siano utilizzati nei trasporti; c) il biometano sia utilizzato nella rete del gas metano e nei trasporti. per i biogas, le biomasse e i bioliquidi sostenibili l incentivo dovrà comunque promuovere: a) impianti in cogenerazione; b) impianti alimentati da biomasse asserviti alle attività agricole di micro e minicogenerazione; c) l uso efficiente di i) rifiuti e sottoprodotti, ii) biogas da reflui zootecnici o da sottoprodotti di attività agricole, agroforestali agroalimentari, agroindustriali, sottoprodotti di attività di allevamento e forestali, iii) di prodotti da coltivazioni dedicate non alimentari, di biomasse e liquidi sostenibili e biogas da filiere corte, contratti quadri e da intese di filiera. Non è chiaro se la norma si riferisca semplicemente ai prodotti da coltivazioni dedicate, ovvero se qualifichi tale riferimento solo per le filiere corte contratti quadro e intese di filiera

21 21 Previsioni specifiche per le biomasse Gli articoli 38 e 39 del D.lgs. n. 28/2011 in materia di biosostenibilità dei bioliquidi. Il rinvio alla Direttiva 2009/30/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile Il rinvio alla Direttiva 2009/28/CE.

22 22 Contatti: Avv. Emilio Sani Avv. Alessia Marconi Via G. Serbelloni, Milano Tel Fax Macchi di Cellere Gangemi Roma Milano Bologna Verona Parigi

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo A cura della Dott.ssa ROBERTA CIAVARINO _ INEA Campania La lotta ai cambiamenti climatici è profondamente interconnessa alla questione energetica,

Dettagli

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ).

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ). La tariffa fissa omnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse rispetto alla energia solare : natura e corretto trattamento da un punto di vista fiscale alla luce della Risoluzione

Dettagli

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Rocca di Casalina, Deruta (PG) 15 settembre 2011 Marino Berton Quali politiche di incentivo per il biogas

Dettagli

Incentivazione delle biomasse

Incentivazione delle biomasse Incentivazione delle biomasse Luca Benedetti Responsabile Unità Studi luca.benedetti@gse.it 11 a Giornata PAVER Piacenza, 20 giugno 2011 INDICE 1. Meccanismi incentivanti in Italia Certificati Verdi Tariffe

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO l articolo 1 del decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013, convertito, con

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Nuova tariffa in Italia

Nuova tariffa in Italia è stato pubblicato nella G.U. n. 1 del 2 gennaio 2009, il Decreto 18 dicembre 2008, con il quale si dà prima attuazione alle disposizioni in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica

Dettagli

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com 1 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer 2 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Il Decreto FER : Decreto Ministeriale 6 luglio 2012 adottato dal Ministero dello

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 2 OTTOBRE 2014 478/2014/I/EFR PARERE AL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E AL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SULLO SCHEMA DI DECRETO RECANTE CRITERI PER LA RIMODULAZIONE

Dettagli

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO?

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Rinnovabili: I nuovi incentivi per il settore elettrico Bolzano, 25 luglio 2012 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Andrea Zaghi Centro Studi L Associazione Aper

Dettagli

Spalma incentivi volontario

Spalma incentivi volontario Spalma incentivi volontario Guida alla lettura con esempi numerici Spalma incentivi volontario: guida alla lettura Riferimenti normativi: DECRETO LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 (c.d. Destinazione Italia

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Responsabile Unità Studi Perugia 12 marzo 2014 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004

Dettagli

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili Marino Berton presidente Aiel Il peso delle bioenergie rispetto a tutte le fonti rinnovabili in Europa RES in EU27 57% 60% 61% Stima del contributo

Dettagli

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE SERVIZIO AGRICOLTURA, FORESTAZIONE E PESCA DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 (LEGGE FINANZIARIA 2008

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 6 novembre 2014 Rimodulazione degli incentivi per la produzione di elettricita' da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico spettanti ai soggetti che aderiscono

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA DI BUSINESS DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA SEU

NUOVE OPPORTUNITA DI BUSINESS DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA SEU NUOVE OPPORTUNITA DI BUSINESS DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA SEU Avv. Emilio Sani, partner dipartimento energia Macchi di Cellere Gangemi studio legale Cosa sono i Sistemi efficienti utenza? Perché si

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani)

Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani) Rechtsanwälte Steuerberater Wirtschaftsprüfer Unternehmensberater Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani) Tecnologie innovative per le bioenergie Italia e Germania

Dettagli

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Montichiari (BS) 24 gennaio 2013 Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton GASSIFICAZIONE E SISTEMA

Dettagli

L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL «MERCATO» DEL BIOGAS

L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL «MERCATO» DEL BIOGAS L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL «MERCATO» DEL BIOGAS Tariffe, bonus e vincoli della normativa incentivante Verona 10 maggio 2012 Sofia Mannelli 1 Decreto DM FER È stato completato l iter ministeriale!!

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR Fiera Milano 9 maggio 2014 Il ruolo della Cogenerazione ad Alto Rendimento Gabriele Susanna - Direzione

Dettagli

Meccanismi di remunerazione della produzione di

Meccanismi di remunerazione della produzione di Meccanismi di remunerazione della produzione di energia elettrica da FER Davide Valenzano Responsabile Unità Attività Regolatorie e Monitoraggio I Forum ABI Green Energy 2011, 17 giugno 2011 Agenda -2-

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Relatore: Ing. Attilio Punzo Roma, 26 novembre 2010 Sommario Ruolo del GSE nel settore elettrico Il sistema degli incentivi in Italia Incentivi

Dettagli

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi A A A English AREA CLIENTI Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi Contatti FAQ CONTO ENERGIA RITIRO E SCAMBIO QUALIFICHE E CERTIFICATI GAS, CO2

Dettagli

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Ing. Luca Di Carlo Direttore Ingegneria IL MINIEOLICO IN ITALIA. PROGETTARE IL FUTURO Solarexpo The Innovation Cloud Milano, 9 maggio 2014

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTA la Direttiva 2009/28/CE del 23 aprile 2009 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Energia rinnovabile in Campania

Energia rinnovabile in Campania Energia rinnovabile in Campania Le principali fonti di finanziamento delle FER in Campania POR Campania L asse 3 Energia sviluppa azioni finalizzate a: sostenere e/o realizzare impianti per la produzione

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica

Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica INTRODUZIONE Il 29 marzo scorso è entrato in vigore il decreto legislativo 28/2011 (c.d. Decreto Rinnovabili) attuativo

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

Centro per lo sviluppo del polo di Cremona

Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Centro per lo sviluppo del polo di Cremona La revisione al sistema di incentivazione delle FER: valutazioni economiche e opportunità d investimento per gli impianti di digestione anaerobica di biomasse

Dettagli

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili Unioncamere Lombardia Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili 4 giugno 2012 Avv. Stefania Gorgoglione 1 Quadro normativo generale FR D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79,

Dettagli

Le potenzialità degli impianti a fonti rinnovabili. L Incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili 4. Le FONTI RINNOVABILI. Obiettivi comunitari

Le potenzialità degli impianti a fonti rinnovabili. L Incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili 4. Le FONTI RINNOVABILI. Obiettivi comunitari convegno nazionale & question time L DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI I MERCATI DEI CERTIFICATI VERDI, DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA E DELLE UNITÀ DI EMISSIONE Gli strumenti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTA la direttiva 2009/28/CE del 23 aprile 2009 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012 1 PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA Verona, 11 maggio 2012 Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni, 4-20100 Milano Tel 02 763281 2 Il D. Lgs 115/2008 Articolo

Dettagli

Area Ambiente e Territorio AGRICOLTURA ED ENERGIA

Area Ambiente e Territorio AGRICOLTURA ED ENERGIA Area Ambiente e Territorio AGRICOLTURA ED ENERGIA Dati attuali (fonti diverse): - CONTRIBUTO AL BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE DELLE RINNOVABILI AGRICOLE: 2,2% (fonte studio Coldiretti-Ceta - 2009); - BIOGAS

Dettagli

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Il biogas Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Renzo N.Iride Servizio Energia-Araen D.M. 18.12.2008 (g.u.2.01.09) Incentivazione della

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose.

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose. Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton dalla produzione delle biomasse Associazione di filiera

Dettagli

p.c. Oggetto: Interventi di sostegno alla produzione di energia da biomassa. Proposte assorinnovabili

p.c. Oggetto: Interventi di sostegno alla produzione di energia da biomassa. Proposte assorinnovabili Spett. Ministero dell Ambiente, e della tutela del territorio e del mare Via Cristoforo Colombo 44 00147 Roma Alla cortese attenzione di: Silvia Velo Sottosegretario Segreteria.Velo@minambiente.it Maurizio

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il raggiungimento degli obiettivi 2020 Relatore: Katiuscia Grassi PO Analisi e programmazione ambientale ed energetica Servizio Infrastrutture,

Dettagli

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 INCENTIVI PREVISTI DALLA FINANZIARIA 2007 Riqualificazione edifici con miglioramento del 20% Infissi con finestre, parti opache Caldaie a condensazione Solare Termico Fotovoltaico

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole

SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 18 FEBBRAIO 2013 CULTURA E DIFFUSIONE DELL ENERGIA SOLARE IN CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE.

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 18 FEBBRAIO 2013 CULTURA E DIFFUSIONE DELL ENERGIA SOLARE IN CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE. LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 18 FEBBRAIO 2013 CULTURA E DIFFUSIONE DELL ENERGIA SOLARE IN CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: Art.

Dettagli

Circolare N.72 del 21 Maggio 2014

Circolare N.72 del 21 Maggio 2014 Circolare N.72 del 21 Maggio 2014 Energie rinnovabili. Pubblicati i nuovi bandi GSE Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che GSE ha pubblicato i tre bandi per partecipare alla procedura

Dettagli

Il GSE a supporto della Pubblica Amministrazione Luca Benedetti

Il GSE a supporto della Pubblica Amministrazione Luca Benedetti Il GSE a supporto della Pubblica Amministrazione Luca Benedetti Responsabile Unità Studi Perugia 12 marzo 2014 Non solo energia elettrica INDICE Efficienza energetica e fonti rinnovabili per la PA: alcuni

Dettagli

CONTO ENERGIA E CUMULABILITÀ CON ALTRE AGEVOLAZIONI. marzo 2012

CONTO ENERGIA E CUMULABILITÀ CON ALTRE AGEVOLAZIONI. marzo 2012 CONTO ENERGIA E CUMULABILITÀ CON ALTRE AGEVOLAZIONI marzo 2012 Documento realizzato nell ambito delle attività della Rete Rurale Nazionale Autore: Assunta Amato, Postazione Regionale per la Calabria 2

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente:

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente: RISOLUZIONE N. 88/E ma, Roma, 25 agosto 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore Servizi Energetici - GSE articolo 2 della legge 24 dicembre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

ENERGIA DA BIOGAS regole, esperienze e prospettive per uno sviluppo sostenibile

ENERGIA DA BIOGAS regole, esperienze e prospettive per uno sviluppo sostenibile ENERGIA DA BIOGAS regole, esperienze e prospettive per uno sviluppo sostenibile Dott.ssa Letizia Acinapura Titolare di Assegno di ricerca finanziato dalla Regione Umbria Soggetto ospitante Ce.S.A.R. Rocca

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

BIOGAS: CENNI NORMATIVI

BIOGAS: CENNI NORMATIVI BIOGAS: CENNI NORMATIVI RELATORE: avv. Federico Manzalini DEFINIZIONE DI BIOGAS E una miscela di vari tipi di gas prodotti dalla fermentazione batterica di residui organici provenienti da rifiuti vegetali

Dettagli

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria Giuseppe Dasti - Coordinatore Desk Energy Mediocredito Italiano gruppo Intesa Sanpaolo

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno Cooperative Elettriche Italiane Storiche Pozza di Fassa (TN), 7 e 8 giugno 2013 Il ruolo

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/213/R/EFR SCAMBIO SUL POSTO: AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Audizione presso la X Commissione del Senato Roma, 18 Gennaio 2011 Sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia TWh Obiettivo rinnovabili

Dettagli

Energia e diritto. Cenni giuridici sul panorama delle energie rinnovabili

Energia e diritto. Cenni giuridici sul panorama delle energie rinnovabili 8 aprile 2011 - Camera di Commercio di Milano Finanza e gestione per le imprese lombarde degli anni 10 Consorzio camerale per il credito e la finanza Energia e diritto Cenni giuridici sul panorama delle

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE Maurizio Cuppone Il Gestore dei Servizi Energetici MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia

Dettagli

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile FORUM GREEN ENERGY Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile Roma 17 giugno 2011 Gruppo CVA CERTIFICAZIONI INCENTIVI GRUPPO CVA Posizionamento CVA nel mercato

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

Wood fuels small scale heating: status quo and outlook to 2020 in Europe and Italy. Strengths and problems. Marino Berton - Aiel

Wood fuels small scale heating: status quo and outlook to 2020 in Europe and Italy. Strengths and problems. Marino Berton - Aiel Wood fuels small scale heating: status quo and outlook to 2020 in Europe and Italy. Strengths and problems Marino Berton - Aiel SOMMARIO: Quali obiettivi per le rinnovabili in Italia? Quali obiettivi per

Dettagli

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO l adozione del provvedimento di sottoposizione della cooperativa in oggetto alla procedura di liquidazione coatta amministrativa; Visto l art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; Tenuto conto,

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna).

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna). Scheda D Analisi e valutazioni relative al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e altre norme in materia di cogenerazione

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico 1 Gli obiettivi europei di sostenibilità ambientale al 2020 Pacchetto UE clima-energia Normativa e policy UE Recepimento Nazionale Obiettivo vincolante 20%

Dettagli

FINANZIAMENTI AMBIENTALI INCENTIVI DELLO STATO PER L UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI * * *

FINANZIAMENTI AMBIENTALI INCENTIVI DELLO STATO PER L UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI * * * FINANZIAMENTI AMBIENTALI INCENTIVI DELLO STATO PER L UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI * * * Da oltre un ventennio ormai uno dei traguardi a cui punta la politica energetica dell Unione Europea riguarda lo

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario FORLENER 2011 Biella Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Biomassa Comprende la legna contabilizzata

Dettagli

Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse

Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse Luca Benedetti Responsabile Unità Studi EMERSON - SAFE ROMA, 30 ottobre 2012 IL GRUPPO GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici Febbraio 2013

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL AUDIZIONE PRESSO LE COMMISSIONI 6 a E 10 a DEL SENATO 18 GIUGNO 2013 CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL DDL CONVERSIONE DECRETO LEGGE N. 63/2013 RECANTE RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2010/31/UE DEL PARLAMENTO

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Eolica

Dettagli

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 Informatore Agrario Cremona 29 Ottobre 2011 Sofia Mannelli Chimica Verde Bionet 1 Chimica Verde Bionet Chimica verde

Dettagli