-A- A POPPAVIA(AFT,ASTERN) : VERSO LA PARTE POSTERIORE DELLA BARCA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "-A- A POPPAVIA(AFT,ASTERN) : VERSO LA PARTE POSTERIORE DELLA BARCA."

Transcript

1

2 -A- A POPPAVIA(AFT,ASTERN) : VERSO LA PARTE POSTERIORE DELLA BARCA. A PRORAVIA(FORE,FORWARD) : VERSO LA PARTE ANTERIORE DELLA BARCA. ABBATTUTA(CASTING,BEARING-OFF) : Manovra che cosiste nel cambiamento di mure passando con la Poppa nella direzione del vento. ABBISCIARE(To flake out) : Avvolgere una cima a spire, in maniera che risulti semplice metterla in chiaro ABBORDO(Berth,boarding) : Accosto di due imbarcazioni. Se accidentale, può causare collisione. ABBRIVIO(Spring) : Spostamento dell imbarcazione rispetto al fondo marino. ACCESSORI(Chandlery) : Attrezzature nautiche(negozi di). ACCOSTARE(Approach to) : Modificare la direzione della prora, a dritta o a sinistra. ACOLLO(To back a sail,aback) : Vela bordata sopravento. ADDUGLIARE(Coil a rope) : Avvolgere a spire un cima. AFFORCARSI(To moor with open hawse) : Dare fondo a due ancore, in modo che le loro cime o catene formino fra loro un angolo di circa 45. AGUGLIOTTO(Rudder pintle) : Perno fissato sullo specchio di poppa o sul timone, che si innesta sulla femminella. Serve per incernierare il timone. AL TRAVERSO(Abeam) : A 90 rispetto alla rotta o alla prua(come specificato). ALARE(Firedog) : Issare a riva una vela - tirare a secco una barca. ALBERO(Mast) : Principale sostegno delle vele.realizzato in alluminio o carbonio ha una sezione ovale.può essere passante o poggiato in coperta. ALBERO ELICA(Propeller shaft) : Asse che trasmette il moto dal motore all'elica. ALBERO di MAESTRA(Main mast) : Albero principale ; il più alto. ALBERO di MEZZANA(Mizzen mast) : Albero di mezzana. ALBERO di TRINCHETTO(Foremast) : Albero di trinchetto. ALGA(Seaweed) : Pianta marina. ALLIBARE(To lighten) : Alleggerire la barca dal suo carico, gettandolo in mare. ALL'ORZA!(Luff!,Luff!) : Avvicinare la prua al vento.

3 ALTA MAREA(High Water,HW) : Fase di incremento della profondità marina. ALLUNAMENTO(Roach) : Convessità verso poppa della balumina della randa. ALLUNGAMENTO(Lengthening, elongation) : Rapporto tra la lunghezza dell albero e del boma.normalmente superiore a tre.aumentando l allungamento migliora la capacità di bolinare della barca. ALZARE(To hoist) : Tirare su. AMANTIGLIO(Topping lift) : Manovra corrente che serve a mantenere sollevato il boma, il tangone, il pennone o qualsiasi altra antenna orizzontale. AMMAINARE(To drop,to lower) : Calare una vela - togliere la bandiera. ANCORA(Anchor) : Attrezzo nautico per fermare una barca rispetto al fondo marino. ANCORA GALLEGGIANTE(Sea anchor) : Attrezzo marino utilizzato per ridurre lo scarroccio. ANCORA INCATTIVATA(Snagged anchor) : Ancora bloccata sul fondo marino, che non può essere salpata. ANDANA(Tier) : Ormeggio in banchina, perpendicolarmente a questa e con la poppa a terra. ANDARE AVANTI (To go ahead) : Procedere in avanti. ANDARE INDIETRO(To go astern,to go back) : Procedere all'indietro. ANDATURA(Point of sailing) : Angolo tra l'asse longitudinale della barca e la direzione del vento. ANEMOMETRO(Anemometer) : Strumento per la misurazione dell'intensità del vento(forza). ANNEGARE(To drown) : Stoto di morte per immissione di acqua nei polmoni. ANGOLO di BUGNA\SCOTTA(Sheet angle) : Angolo più a poppa della randa e del fiocco. ANGOLO di DRIZZA PENNA(Head angle) : Angolo superiore della randa e del fiocco. ANGOLO di MURA(Tack angle) : Angolo più a prua della randa e del fiocco. ANGOLO MORTO(Dead angle) : L unico angolo, di circa 90 \100 (ovvero 45 \50 a destra e a sinistra rispetto alla direzione di provenienza del vento),all interno del quale un imbarcazione a vela non può procedere direttamente(settore di bordeggio sopravento). ANTIVEGETATIVA(Antifooling) : Prodotto con cui si vernicia l'opera viva per evitare l'attaccarsi di animali marini.

4 APPARTAMENTO : Differenza di longitudine trasformata in miglia. Si ottiene moltiplicando tale differenza per il coseno della latitudine media. APPENNELLARE(To backanchor,anchors in tandem) : Rinforzare un ancoraggio posizionando due ancore in tandem. ARENAMENTO : Finire sulla terraferma ; può essere volontario(beaching), o involontario(running aground). ARMARE(To equip) : Quell insieme di operazioni che mettono una barca in condizioni di navigare. ARRIDATOIO(Bottlescrew) : Congegno che serve a mettere a segno le manovre fisse. ARTE MARINARESCA(Deck Seamanship) : L'insieme di conoscenze riguardanti l'andar per mare. ASTUCCIO(Case) : Contenitore di forma cilindrica tra lo scafo e l'asse dell'elica. ATTREZZATURA(Rig) : Insieme di attrezzi presenti a bordo che caratterizzano una barca. AVARIA(Damage) : Problema accorso su un impianto della barca, tale da renderlo inutilizzabile. AVVISO di BURRASCA(Gale Warning) : Si prevede un vento forza 8. AVVISO di TEMPESTA(Storm Warning) : Si prevede un vento forza 10. AVVOLGIFIOCCO(Furling headsail) : Meccanismo per raccogliere la vela intorno lo strallo di prua, e rendere le manovre più semplici e veloci. AVVOLGITORE(Drum) : Meccanismo per avvolgere una vela. AZIMUT(Azimuth) : Angolo diedro compreso fra il piano contenente il cardine nord ed il piano contenente l oggetto osservato, misurato da 0 a 360 in senso orario.

5 -B- BAGLIO(Beam) : Asse strutturale trasversale da murata a murata. BAGNASCIUGA(Boot topping) : Superficie compresa fra il minimo ed il massimo galleggiamento. BAGNO(Heads) : Il bagno sulle barche da diporto. BALUMINA(Leech) : Lato poppiero di una vela, detta anche caduta poppiera. BANCO di FANGO(Mud bank) : nil BANCO di SABBIA(Sand bank,sand shoal) : nil BANSIGO(Bosun's chair) :Tavoletta con quattro cime, che serve per issare una persona in testa d albero. BARBER HAULER : Bozzello e relativi controlli, che ha il compito di cambiare la linea di trazione di una scotta. BARBETTA(Bow warp,head warp) : Piccola cima d ormeggio. BARCA COMITATO(Commeettee boat) : Barca utilizzata in campo di regata, normalmente posta sulla linea di partenza. BARCARIZZO(Gangway) : Piccolo piano con apertura sul fianco delle navi, atto ad istallarvi lo scalandrone o la passerella. BARICENTRO(Barycentre) : Punto di applicazione della forza di gravità. BAROMETRO(Barometer) : Strumento preposto alla misurazione istantanea della pressione atmosferica. BARRA(Tiller,stick) : Asta collegata all asse del timone. BARRIERA(Reef) : Zona di mare che si eleva rapidamente(barriera corallina-coral reef). BASE(Foot) : Lato inferiore di una vela. BASSA MAREA(Low water) : Fase di decremento della profondità marina. BASSO FONDALE(Shallow) : nil BATTAGLIOLA(Guard rail) : Insieme di candelieri e draghe. BATTELLO di SERVIZIO(Tender) : Piccola barca utilizzata per i movimenti intorno la barca madre. BATTIGIA(Strand, beach) : Parte della spiaggia dove le onde si fermano. BECCHEGGIO(Pitching,rocking) : Oscillazioni in senso longitudinale.

6 BIG BOY : Vela di prua molto leggera non ingarrocciata, da usare assieme allo spinnaker. BITTA(Samson post,mooring post,cleat) : Ferramenta sulla quale si danno volta le cime di ormeggio. BITTONE(Mooring post) : Bitta grande posizionata sul pontile sulla quale si danno volta le cime di ormeggio. BLOOPER : Vela simile al Big Boy. Serve per andature portanti. BOA(Buoy) : Piccola segnalazione in mare, ancorata al fondo. BOA SOPRAVENTO(Windward buoy) : Segnalazione usata come punto delimitante il campo di regata, sopravento. BOA SOTTOVENTO(Leeward buoy) : Segnalazione usata come punto delimitante il campo di regata sottovento. BOETTA LUMINOSA(Dan buoy) : Segnalazione di emergenza utilizzata per marcare il punto di caduta di un uomo a mare di notte e facilitare il recupero. BOCCAPORTO(Hatch way) : Apertura nella coperta, per accedere ai locali sottostanti. BOLERO(Pullover) : Vela di prua di tessuto molto fine, bassa e molto lunga di base. BOLINA(Close hauled) : Ogni andatura che forma un angolo inferiore ai 90 con la direzione del vento reale. BOLINA LARGA(Fulland by) : Andatura stretta intorno ai 70. BOMA(Boom) : Struttura profilata orizzontale sulla quale è tesata la base randa. BOMPRESSO(Bowsprit) : Asta sporgente di prua, sulla quale viene ancorato lo strallo, o murato un Gennaker. BORDARE(To harden,to sheet in) : Tesare le scotte per orientare nel giusto modo le vele (anche cazzare). BORDEGGIO(To tack) : Continuo cambiamento di direzione, per risalire il vento. BORDO di BOLINA(Beating leg) : Bordo effettuato in risalita al vento. BORDO di LASCO(Reaching leg) : Bordo effettuato in discesa al vento. BOROSA(Reefing pennant) : Cima che viene usata per prendere i terzaruoli. BOTTAZZO(Saddle tank) : Striscia continua che viene fissata sul lato della barca, per proteggerla. BOZZELLO(Block,driving wheel) : Speciale carrucola. BRACCIO(Guy) : Scotta sopravento dello spinnaker passata nella varea del tangone.

7 BRANCARELLA(Cringle) : Asola rotonda metallica per permettere il passaggio di borose e matafioni. Viene montata anche sulla bugna. BRICCOLA(Pylon) : Pali piantati sul fondo marino, usati per l'ormeggio o per delimitare un canale BRIGANTINO A PALO(Brig ship) : Tre alberi, con quello di trinchetta a vele quadre e gli altri a vele auriche. BRIGANTINO GOLETTA(Schooner) : Due alberi, con trinchetta a vele quadre e con l albero di maestra a vele auriche. BUCCELLATO : Cunei di gomma,o legno, che servono a limitare il movimento dell albero all interno della mastra. BUGLIOLO(Bucket) : Secchio con manici in corda, utilizzato per attingere acqua di mare. BUGNA(Sheet angle) : Angolo poppiero di una vela marconi, al quale viene fissata la scotta. BULBO(Ballast bulb,hull bulb) : Zavorra applicata in fondo alla lama della deriva. BUNCHERAGGIO(Refueling) : Rifornimento di carburante. BURRASCA(Gale) : Forza del vento pari a 8 nella scala Beaufort. BUSSOLA(Compass) : Strumento di navigazione che indica la direzione del Nord Bussola.Può essere utilizzata per la rotta(steering compass) o per effettuare dei rilevamenti(bearing compass). BUTTAFUORI(Flying jim boom) : Asta che serve a tenere lontano dalle sartie il braccio, quando il tangone è strallato, oppure tenere aperta la base del Genoa con poco vento.

8 -C- CADUTA PRODIERA\INFERITURA(Luff) : Lato anteriore di una vela normalmente inferito. CAGNARO(Rain awning) : Copertura in tela che serve per coprire tambucci, boccaporti, osteriggi e quant'altro si vuole proteggere in coperta. CALCESE(Hound of a pole mast) : Piastra di metallo che ricopre in testa d albero il pomo. CAMBIARE VELA nella VELA(Peeling) : Ammainare una vela, dopo aver issato l'altra. CAMBIO di MAREA(Turn of tide) : Fase di inversione tra l'alta e la bassa marea e viceversa. CAMBUSA(Galley) : Deposito dei viveri. CAMICIA(Jacket) : Rivestimento in neoprene dell albero all altezza della mastra per impedire infiltrazione di aria e di acqua all interno della cabina nel caso l albero sia passante. CANDELIERE(Stanchion) : Asta metallica che serve per sostenere le draglie. CANNOCCHIALE(Field glass) : Strumento utilizzato per avvistare navi o punti di costa a grandi distanze.l'ingrandimento caratteristico è 7 volte. CAPPA(to back the sail) : Andatura che consente di tenere una velocità molto ridotta, per affrontare meglio i fortunali. Esistono tre tipi di cappa:ardente,filante,secca e rappresentano Una manovra per resistere al brutto tempo Una manovra per rallentare(ardente) o fermare(filante) l imbarcazione Una manovra per il recupero dell uomo a mare CARABOTTINO(Grating) : Graticolo a listelli di legno incastrati fra loro. CARBONERA(Mizzen staysail) : Vela di strallo fra l albero di maestra e la mezzana. CARENA(Hull) : Parte immersa dello scafo. CARICA ALTO(Uphaul) : Paranco che ha il compito di sostenere il tangone. CARICABASSO(Downhaul) : Paranco che ha il compito di tesare l inferitura della randa o il bordo dello spinnaker. CARRELLO di SCOTTA(Sheet traveller) : Carrello con bozzello movibile che permette di avanzare o arretrare il punto di scotta del fiocco\ genoa. CARTA dei LITORALI(Pilot chart) : Carta nautica di dettaglio per le zone costiere,scala i ntorno a 1: CARTE GENERALI(Routing charts) : Carta nautica utilizzate su grandi distanze con scala intorno a 1: \1:

9 CASSERO( quarter deck, poop deck) : Ponte sopraelevato sulla coperta al centro(bridge house) o a poppa. CASTELLO(Forecastle) : Ponte sopraelevato sulla coperta a prua. CATAMARANO(Catamaran,double hull-boat) : Imbarcazione a due scafi. CATTIVA VISIBILITA'(Poor visibility) : Visibilità ridotta inferiore a 1800mt(o specificato). CAVALLINO(Sheer) : Curvatura del bordo in senso longitudinale.può essere dritto(traditional sheer) o rovescio(reverse sheer). CAVO METALLICO(Wire) : nil. CAZZARE(To harden,to sheet in) : Tesare. CENTRO DI CARENA(Hull center) : E il centro del volume della parte immersa dello scafo e varia di posizione con il beccheggio e con il rollio. CERTIFICATO di STAZZA(Rating certificate) : Documento attestante la categoria di stazza della barca. CHIESUOLA(Binnacle) : Custodia della bussola. CHIGLIA(Keel) : Trave longitudinale della carena posta nella parte inferiore. CICALA(Anchor ring) : Anello fissato all estremità superiore del fuso dell ancora. CIMA(Rope) : Cavo non metallico, di medio diametro. CIMA D'ORMEGGIO(Warp) : Cima in tessile utilizzata per ormeggiare. CIMA a DOPPINO(Double warp) : Cima doppia che torna sulla bitta della barca.e' utilizzata per lasciare un ormeggio recuperando autonomamente la cima. CINTURA di SICUREZZA(Harness) : Imbracatura di sicurezza per il cattivo tempo, che permette di rimanere, con una opportuna cima, di rimanere uniti alla barca, anche durante le operazioni in manovra. COLLISIONE(Collision) : Urto fra due navi. COMANDANTE(Skipper) : Persona fisica preposta al comando della barca.egli assume tutte le responsabilità Civili,Penali,Amministrative, nonché derivanti dal Codice della Navigazione Marittima, durante la condotta della barca. CONCAVITA'\GRASSO(Belly) : Diametro massimo del cerchio contenuto tra la corda e l'extradosso del profilo della vela.si esprime in percentuale della corda massima.

10 COPPIGLIA(Split pin) : Piccolo chiodo che ha il compito di bloccare la rotazione involontaria di bulloni\arridatoii\dadi\ecc. CORRENTE(Stream) : Movimento dell'acqua del mare per molteplici motivi.può essere causata dalle maree(tidal Stream), o da diversa temperatura dell'acqua(density stream). COSTOLA(Frametimber) : Componente trasversale dello scafo unite alla chiglia. CUBIA(Chain pipe) : E'il foro nello scafo, dove scorre la catena dell'ancora. CUCCETTA(Berth,bunk) : Zona della barca adibita al riposo dell'equipaggio. CUNNINGHAM : Manovra che consente di tesare verso il basso l inferitura della randa e molto raramente il fiocco, passando atraverso una brancarella appositamente realizzata lungo l inferitura poco spra l angolo di mura.ottiene lo stesso risultato di un aumento di tensione della drizza agendo dal lato opposto(si usa in regata). CURSORE(Traveller) : Componente che scorre nella canaletta dell'inferitura. CUTTER : Imbarcazione a vela con un solo albero che, oltre la randa ha due vele di prua.lo yankee montata sullo strallo di prua, la trinchetta montata sullo strallo di trinchetta.

11 DARE FONDO(Anchoring) : Ancorarsi. -D- DARE IN SECCO(To run aground) : Incagliarsi. DARE VENTO(Trim the sail) : Orientare le vele per far loro prendere vento. DARE VOLTA(To belay) : Legare una cima ad un sostegno fisso. DARSENA(Wet dock,flooding dock) : Specchio d acqua molto riparato in un porto. DENTE Dl CANE(Barnacle) : Incrostazione calcarea che si forma sulla carena delle imbarcazioni. DECLINAZIONE(Variation) : Angolo compreso tra il Nord magnetico e il Nord Vero. DERIVA : 1) Spostamento laterale di una nave a causa di una corrente non in filo di chiglia(drift angle) 2) Chiglia speciale delle piccole imbarcazioni a vela, per diminuire lo scarroccio(keel) 3) Alcuni tipi di imbarcazioni a vela da regata(dinghy) DIAMANTE(Anchor crown) : Capo del fuso dell ancora, dal quale si dipartono le marre. DIGA FORANEA(Seawall) : Struttura portuale al fine di proteggere dai marosi. DIPORTO : Navigazione a scopo di divertimento personale e per sport. DI RISPETTO(Spare) : Detto di tutti i materiali e attrezzature che si tengono a bordo per riserva. DISARMARE(To disarm) : Mettere un imbarcazione a riposo in maniera tale che, all occasione, possa essere riarmata. DISLOCAMENTO(Displacement) : Peso del volume d acqua spostato dalla nave, che corrisponde al peso della nave stessa e varia col variare del carico a bordo. DISORMEGGIARE(To set sail,to get under way) : Togliere gli ormeggi per salpare. DOPPIARE(To pass the point) : Superare, passando al largo, un ostacolo o un punto a terra. DRAGLIA(Lifeline) : Cavo orizzontale passante per i candelieri a prevenire le cadute in mare dell equipaggio. DRITTA(Starboard) : Lato destro della nave, vista stando dietro la poppa. DRITTO Dl POPPA(Stern-post) : Elemento verticale sistemato a poppa, che chiude e completa l ossatura della nave. DRITTO DI PRUA(Bow) : Elemento verticale sistemato a prua. DRIZZA(Halyard) : Cima usata per alzare una vela o altro oggetto.

12 -E- ECOSCANDAGLIO(Echosounder) : Strumento utilizzato per misurare la profondità del mare.il funzionamento si basa sulla conoscenza della velocità delle onde radio( km\sec), ed il tempo di andata e ritorno dal fondo. EFFEMERIDI(Ephemeris,almanac) : Pubblicazioni che definiscono la posizione degli astri nella volta celeste giorno per giorno; indispensabili per condurre la navigazione astronomica. ELICA(Propeller) : Il propulsore messo in moto dall apparato motore, che provoca il moto della nave. EQUIPAGGIAMENTO(Equipment) : Insieme delle dotazioni e scorte. EQUIPAGGIO(Crew) : Insieme delle persone necessarie per la conduzione della barca. ESSERE in ROTTA(To be under way) : Seguire correttamente la rotta tracciata o la rotta assegnata. ESSERE SOTTOINVELATI(To be undercanvassed) : Avere poca tela a riva per il vento presente. ESSERE SOPRAINVELATI(TO be over canvassed) : Avere troppa tela a riva per il vento presente. EST(East) : Direzione cardinale. ESTINTORE(Fire extinguisher) : Dispositivo adatto allo spegnimento dell'incendio.esistono diversi tipi per diversi tipi di incendio. ETICHETTA NAVALE(Yachting routine,naval routine) :Insieme delle norme, tradizioni e consuetudini di buone maniere da seguire ed osservare quando due navi si incontrano.

13 -F- FACCIA : Lato di una vela rivolto a prora. FALCHETTA(Toe rail) : Rialzo in legno o alluminio lungo tutto il perimetro della coperta. FALLA(Leak) : Rottura della carena sotto la linea di galleggiamento. FANALE : 1) Sorgente luminosa di portata inferiore a quella dei fari(<15nm), usata all imboccatura dei porti per definirne l ingresso di notte, o per altri scopi (Side Light) 2) Una delle luci regolamentari di bordo per la navigazione notturna(navigation lights,masthead light,towing light,stern light,mooring light). FARE ACQUA(To sink,to have a leak) : Imbarcare acqua da una falla nella carena. FARE ROTTA(To steer a...course,to make for the...) : Assumere la rotta stabilita. FARFALLA(Butterfly) : Andatura che consente di tenere il fiocco con mura contrarie alla randa. FARO (Lighthouse) : Segnalazione luminosa sia diurna che notturna con una portata luminosa oltre le 15nm.Serve effettuare rilevamenti, o avvicinare la costa(atterraggio).ogni faro ha una sua caratteristica(periodo,tipo di luce,colore,frequenza). FASCIAME(Skin) : Copertura che rende impermeabile lo scafo.può essere anche di coperta(deck Battens). FEMMINELLE(Gudgeon) :Alloggi degli agugliotti. FERRAMENTA(Iron,hardware) : Accessori metallici di bordo. FERZO(Panel) : Parte di tela (Striscia) di una vela. FETCH : Percorso che può fare un onda sottovento, prima di trovare un ostacolo. FILARE(To slack,to slip a warp) : Lasciare scorrere fuoribordo un cavo o una catena. FILEGGIARE(To flap,to shiver) : Vela che sbatte come una bandiera. FILEGGIARE una VELA(Mask a sail) : Mettere una vela al vento. FIOCCO(Jib) : Vela di strallo, sistemata a prua dell imbarcazione. FIX : Punto nave. FLOATERL : Spinnaker molto leggero e piatto da usarsi in bonaccia. FLUSH DECK : Ponte senza tuga.

14 FORMAGGETTA(Must head track) : Pomo posto in cima a un albero o all asta della bandiera. FOSCHIA(Mist) : Presenza di vapor acqueo condensato nell'aria, che riduce la visibilità(non inferiore a 1nm). FRENELLO(Wheel rope,stearing cable) : Cavi di acciaio che collegano la ruota all'agghiaccio del timone. FRONTE(Front) : Fenomeno meteorologico.può essere freddo(cold front), caldo(warm front), o occluso(occluded front). FUMOGENO(Smoke signal) : Segnalazione diurna di emergenza. FUOCO a MANO(Hand flare) : Segnalazione di emergenza diurna o notturna,usata con ragionevole certezza di essere avvistati. FUSO ORARIO(Time zone) : Zona compresa tra due meridiani distanti 15 di Long. all'interno del quale esiste la stressa ora, chiamata Ora locale.

15 -G- GAFFA(Boat hook) : Asta di legno con un gancio ad una estremità. GALLOCCIA(Cleat) : Accessorio sul quale viene avvolta una cima. GARA a DUE(Match race) : Regata tra due barche uguali. GARROCCIO(Slide) : Moschettone fissato al fiocco per inferirlo sullo strallo. GASSA(Bowline knot) : Occhio fatto con una cima o con un cavo. GAVITELLO(Mooring buoy) : Piccolo galleggiante collegato, tramite una catena. con un corpo morto sul fondo. GENOA : Fiocco molto grande con la bugna che arriva molto a poppavia dell albero. GERLO(Gasket) : Cima sottile che si abbiscia alle vele per tenerle serrate. GHIOTTA(Bilge tank) : Vasca di raccolta delle acque in sentina ove normalmente agisce la pompa di evacuazione. GHOSTER : Genoa molto leggero con la balumina allunata. GIARDINETTO(Quarter) : Parte rotondeggiante della nave verso poppa. GIORNALE di BORDO(Log book) : Documento compilato dal Comandante nel quale devono essere annotate tutte le situazioni non normali(emergenza,urgenza,di sicurezza,ecc.),la situazione Meteomarina,luogo e orario di partenza e arrivo. GIUBBOTTO SALVAGENTE(Life jacket) : Giubbotto che permette il galleggiamento in caso di caduta accidentale in mare.e'un equipaggiamento di sicurezza previsto(vedi Tab). GOLETTA(Schooner) : Nave a vela a due alberi e bompresso. Gli alberi sono leggermente inclinati verso poppa e portano vele auriche. GOLFARE(Eyebolt) : Perno con testa ad anello sul quale si fissano pastecche, bozzelli ecc. GOMMONCINO\TENDER(Rubberdinghy) : Battello di servizio di una barca. GPS : Global positioning system, ovvero un sistema che si basa su alcuni satelliti per definire la posizione sulla superficie terrestre in Lat. e Long. GRAN LASCO(Broad reach) : Andatura a vela intorno a 150 di angolo rispetto al vento reale.

16 GRANDINE(Grail) : Fenomeno meteorologico, consistente in una precipitazione di acqua ghiacciata di forma sferica(o quasi) di dimensioni variabili. GRASSO(Belly) : Diametro massimo del cerchio contenuto tra la corda e l'extradosso del profilo della vela.si esprime in percentuale della corda massima. GRATILE\RALINGA(bolt rope) : Bordo di una vela che deve essere inferita su un albero o su un boma. GRILLO(Shackle) : Ferro ad U munito di un perno a vite(maniglione se grande e schiavetto se piccolo). GRIPPIA(Tripping line) : Cima che collega l'ancora(diamante) ad una boa denominata grippiale.si utilizza per spedare l'ancora. GRISELLE(Rat lines) : Cavetti fissati orizzontalmente fra le sartie, per permettere di salire a riva. GROPPO(Squall) : Colpo di vento sostenuto.

17 IMBARDARE(To yaw): Forte rollio dovuto alle andature poppiere, quando c è del moto ondoso. IMBROGLIARE(To furl, to clew, to brail up) : Stringere una vela per poterla serrare. IMPALMARE(To whip) : Rifinire una parte terminale di una cima per evitare l'apertura delle spire(sfilacciamenti). IMPIOMBARE(To splice) : Unire definitivamente due cavi.richiede una tecnica particolare. INCLINAZIONE(Rake) : E'l'inclinazione longitudinale dell'albero, normalmente verso poppavia. INFERITURA\CADUTA PRODIERA(Luff,span) : Lato del genoa parallelo allo strallo di prua ; della randa parallelo all albero. INGAVONARSI(To heel) : L abbattersi di un imbarcazione su un fianco, fino ad avere l acqua sul trincarino. IN POPPA PIENA(On a dead run) : Andatura portante con il vento proveniente esattamente da ore 6 della barca. INSENATURA(Creek) : nil. INVERTITORE(Reverse gear) : Componente meccanico che trasferisce la coppia motrice dall'albero motore all'asse dell'elica, effettuando una riduzione di giri(rapporto), e permette di invertire il senso di rotazione dell'elica per consentire la marcia indietro. ISSARE(To hoist) : Armare una vela. -I- -K- KETCH : Imbarcazione a vela a due alberi, con l albero di mezzana a proravia dell asse del timone.l albero di prua( maestro) è più alto di quello a poppa(mezzana).ha il vantaggio di avere un centro velico più basso di uno sloop di pari superficie.

18 -L- LANDA(U bolt) : Staffa metallica solidamente fissata allo scafo sulla quale si fissano le sartie, mediante un arridatoio. LASCARE (To ease out,to free off) : Mollare la scotta della vela. LASCO(On a reach) : Andatura di una barca a vela con un angolo intorno ai 120 rispetto al vento reale. LIFELINE Cavo di acciaio che scorre sulla coperta da prua a poppa che si fissa con dei grilli agli ombrinali della falchetta ed a cui si aggancia con il moschettone delle cinture di sicurezza per evitare di cadere in mare.in inglese si intendono anche le draglie. LINEA di GALLEGGIAMENTO(Waterline) : Linea che separa l opera morta dall opera viva. LIVELLO MEDIOdi MAREA(Mean level,ml) : Livello medio tra l'alta e la bassa marea sigiziali. LOSCA(Rudder-trank) : Foro praticato nella volta di poppa, per consentire il passaggio dell asse del timone. LUNGHEZZA al GALLEGGIAMENTO(Lenght waterline,lwl) : nil. LUNGHEZZA FUORI TUTTO(LOA) : Distanza massima tra le due estremità longitudinali della barca.

19 -M- MADIERE(Ribe,floor) : Parte centrale delle ordinate che si uniscono alla chiglia. MAL di MARE (Seasickness) : Malore dovuto all'instabilità longitudinale e trasversale di una barca. MANIGLIA del WINCH(Winch handle) : nil. MANOVRE CORRENTI(Running rigging) : Sono tutte le drizze e scotte che servono per issare e regolare le vele. MANOVRE FISSE(Standing rigging) : Sono l insieme di cavi metallici che sostengono l albero(sartie e stralli). MAREA(Tide) : Fenomeno marino generato dall'attrazione gravitazionale combinata tra l'allineamento Terra,Luna e Sole, che genera una variazione di profondità del mare e correnti(tide stream). MARE BAROMETRICA(Barometric tide) : Marea dovuta alla variazione di pressione atmosferica. MAREA di QUADRATURA(Neap tide) : Marea generata durante le quadrature(meno intense). MAREA SIGIZIALE(Spring tide) : Maree generate durante le sigizie(più intense). MASCONE(Loof, bow) : Parte tondeggiante della prua a dritta o sinistra. MASTRA(Partner) : Foro praticato in coperta per consentire il passaggio dell albero. MATAFIONE(Reefing point) : Cimetta che serve a imbrigliare le vele dopo la riduzione di superficie. MAX-PRO : Elica con pale orientabili(si chiudono con il motore spento) per diminuire la resistenza all avanzamento. MEDA(Beacon) : Segnalazione cardinale. MEOLO(Leach line) : Cimetta inserita sulla balumina, utilizzata per evitare lo sfarfallamento delle vele con venti forti. MERLINO : Cima sottile per impiombature e cuciture. METACENTRO(Metacenter): Punto di intersezione fra la verticale passante per il centro di carena e la verticale passante per il baricentro. METTERE a SEGNO le VELE(To trim the sail,to adjust the sail) : Regolare le vele per ottenere la massima efficienza aerodinamica.

20 METTERE la VELA a COLLO(To back the sail) : Lasciare la vela cazzata per le altre mura. MEZZO COLLO(Half hitch) : Tipo di nodo. MEZZO MARINAIO(Boathook) : Asta con un gancio. MIRAGLIO(Signal) : Parte superiore di un segnalamento marittimo, con un significato specifico. MOLLARE L'ORMEGGIO(To cast off) : nil. MOLO(Poonton,pier,quay) : Costruzione nel porto adatta all'ormeggio. MOSCHETTONE(Snap shackle) : Gancio con apertura\chiusura a scatto. MICCIA(Mast tenon) : Estremità inferiore di un albero. MURA(Tack) : Angolo inferiore di una vela che viene fissato al boma o sul ponte.

21 -N- NAVIGARE a VELA(Sailing) : nil. NAVIGAZIONE con CATTIVO TEMPO(Heavy weather sailing) : nil. NAVIGAZIONE COSTIERA(Coastal navigation) : Navigazione condotta vicino alla costa.in Italia si intende fino a 12nm. NAVIGAZIONE D'ALTURA(Off-shore navigation) : Navigazione condotta in alto mare.in Italia si intende oltre le 12nm. NEBBIA(Fog) : Condensazione del vapore acqueo nell'aria che riduce la visibilità al di sotto di 1nm. NODI(Knots) : Esistono vari tipi di nodi: di arresto, di unione, di ormeggio, e di trazione. NODO di ANCOROTTO(Fisherman's band) : Nodo utilizzato per l'ancora(ma anche dai pescatori). NODO PARLATO(Clove Hitch) : Nodo usato tipicamente per fissare i parabordi alle draglie. NODO PIANO(Reef knot) : Nodo di unione per cime di uguale sezione. NODO SAVOIA(Figure of eight) : Nodo di arresto. NORD(North) : Direzione cardinale. Il nord che può essere geografico(true north),magnetico(magnetic north),o bussola(compass north).

22 -O- OBLO (Port) : Finestratura apribile per permettere il passaggio della luce e dell aria. OCHETTE(White horses) : Cresta delle onde bianche.identificano un vento che va da 12kts(accennato) o oltre. OMBRINALE(Drain hole) :Apertura o foro che ha il compito di far defluire l acqua. ONDA(Wave) : Movimento sinuosidale del mare sotto l'effetto del vento. OPERA MORTA(Topsides,upper work) : Parte dello scafo al di sopra del galleggiamento. OPERA VIVA(Botton) : Parte dello scafo al di sotto del galleggiamento. ORDINATE\COSTOLA(Frametimber) : Parti strutturali della barca, trasversali alla chiglia. ORDINE di CROCETTE(Crosstree set,speader set) : Coppia di crocette poste lateralmente sull albero alla medesima altezza.gli ordini di crocette risultano sempre inferiori di uno rispetto all ordine di sartie. ORDINE di SARTIE(Shroud set) : Coppia di sartie contrapposte. ORMEGGIARE in ANDANA(To raft alongside,to come alongside) : Barche affiancate. Ormeggio in banchina, perpendicolarmente a questa e con la poppa a terra. ORZARE(To luff up) : Avvicinare la prua al vento. OSSATURA(Frame) : Struttura interna di una barca. OSTERIGGIO(Hatch way) : Boccaporto che serve a dare luce sottocoperta. OVEST(West) : Direzione cardinale.

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ Questo documento deve essere letto congiuntamente all allegato estratto del Regolamento delle attrezzature per lo sport della vela nel quale sono definiti alcuni

Dettagli

Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas

Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas con la collaborazione di Filippo Jannello e Paco Rebaudi 1 Guida per la regolazione del Dinghy 12 PREMESSA 3 1. PREPARAZIONE

Dettagli

MANUALE DELL UTENTE OWNER S MANUAL HAPPY CAT EVOLUTION PARTE 1 - PART 1

MANUALE DELL UTENTE OWNER S MANUAL HAPPY CAT EVOLUTION PARTE 1 - PART 1 MANUALE DELL UTENTE OWNER S MANUAL HAPPY CAT EVOLUTION PARTE 1 - PART 1 Numero imbarcazione: Boat number: Data di acquisto: Date of purchase: Utente/nome: Owner/name: CAP, città: Post code, town: via,

Dettagli

DIZIONARIO DI TERMINOLOGIA NAUTICA ITALIANO-INGLESE

DIZIONARIO DI TERMINOLOGIA NAUTICA ITALIANO-INGLESE DIZIONARIO DI TERMINOLOGIA NAUTICA ITALIANO-INGLESE I EDIZIONE Finito di stampare Milano - Giugno 2002 2 DIZIONARIO DI TERMINOLOGIA NAUTICA ITALIANO-INGLESE abbandonare: (v.) (Emergenze) to abandon L'atto

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Dehler 46. Vero purosangue tedesco, il fast cruiser stupisce a vela sia per le prestazioni sia per la sicurezza in ogni condizione

Dehler 46. Vero purosangue tedesco, il fast cruiser stupisce a vela sia per le prestazioni sia per la sicurezza in ogni condizione BARCHE&CANTIERI DEHLER 46 Dehler 46 di Mauro Giuffré Vero purosangue tedesco, il fast cruiser stupisce a vela sia per le prestazioni sia per la sicurezza in ogni condizione P rendendo in prestito un espressione

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE.

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. Storia della Navigazione sui Laghi Maggiore, Garda e Como IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. La produzione di energia attraverso l'uso del vapore, fu

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica Personalizza la tua presenza con PARTNER UFFICIAE StandBandiere EspositoriSTRISCIONI DG Idea S.r.l. Via Vercelli, 35/A 13030 Caresanablot (VC) A soli 50 metri da VercelliFiere Tel. e Fax 0161-232945 Tappeti

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Guida agli Oblo e Osteriggi

Guida agli Oblo e Osteriggi Guida agli Oblo e Osteriggi www.lewmar.com Introduzione L installazione o la sostituzione di un boccaporto o oblò può rivelarsi una procedura semplice e gratificante. Seguendo queste chiare istruzioni,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Caratteristiche: i bloccaggi sono disponibili in due configurazioni: orizzontali, come raffigurati in bassoa nella foto, con il bloccaggio e la staffa

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

*con 2 QSC 8.3 HO-GS diesel

*con 2 QSC 8.3 HO-GS diesel LENOSTREPROVE 70 Il PIU GRANDE ESEMPLARE DELLA SERIE Strider possiede le qualità e il layout tipici dei più tradizionali mezzi pneumatici. L unica evidente differenza è la SMISURATA GRANDEZZA DI OGNI AREA.

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

DIZIONARIETTO INGLESE DEI TERMINI MARINARESCHI E TECNICI NAVALI a cura di Antonio Cimmino

DIZIONARIETTO INGLESE DEI TERMINI MARINARESCHI E TECNICI NAVALI a cura di Antonio Cimmino DIZIONARIETTO INGLESE DEI TERMINI MARINARESCHI E TECNICI NAVALI a cura di Antonio Cimmino I termini vengono tradotti dall inglese all italiano. E possibile ricercare una parola sia in lingua inglese che

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Nodi e Manovre per l Escursionismo Sommario Introduzione... 3 1. Nodi per legarsi... 4 1.1. Nodo delle Guide... 4 1.2. Nodo a

Dettagli

Austin Parker 64 Fly PREMIO BARCA DELL ANNO VELA E MOTORE

Austin Parker 64 Fly PREMIO BARCA DELL ANNO VELA E MOTORE PREMIO BARCA DELL ANNO VELA E MOTORE In un mercato sempre più selettivo, la scelta di posizionamento di Austin Parker non si presta a equivoci: la ricerca di uno stile classico capace di reinterpretare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Guida alle situazioni di emergenza

Guida alle situazioni di emergenza Guida alle situazioni di emergenza 2047 DAF Trucks N.V., Eindhoven, Paesi Bassi. Nell interesse di un continuo sviluppo dei propri prodotti, DAF si riserva il diritto di modificarne le specifiche o l

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1 ie gelieferten bbildungen sind teilweise in arbe. Nur die Vorschaubilder sind in raustufen. ei ruckdatenerstellung bitte beachten, dass man die ilder ggf. in raustufen umwandelt. 햽 햾 Vielen ank 12.0/2010

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham Guida per i velisti all allenamento con l Indoor Rower Di Eddie Fletcher Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham RYA Exercise Physiologist, componente della Squadra Olimpica di Vela della Gran Bretagna.

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli