Salute ICD-10-GM Indice alfabetico Versione italiana Tomo 1 (A L) Neuchâtel, 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute 1216-1403 ICD-10-GM 2014. Indice alfabetico Versione italiana Tomo 1 (A L) Neuchâtel, 2014"

Transcript

1 14 Salute ICD-10-GM 2014 Indice alfabetico Versione italiana Tomo 1 (A L) Neuchâtel, 2014

2 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti: 0 Basi statistiche e presentazioni generali 1 Popolazione 2 Territorio e ambiente 3 Lavoro e reddito 4 Economia 5 Prezzi 6 Industria e servizi 7 Agricoltura e selvicoltura 8 Energia 9 Costruzioni e abitazioni 10 Turismo 11 Mobilità e trasporti 12 Denaro, banche e assicurazioni 13 Sicurezza sociale 14 Salute 15 Formazione e scienza 16 Cultura, media, società dell informazione, sport 17 Politica 18 Amministrazione e finanze pubbliche 19 Criminalità e diritto penale 20 Situazione economica e sociale della popolazione 21 Sviluppo sostenibile e disparità regionali e internazionali

3 Statistica della Svizzera ICD-10-GM 2014 Indice alfabetico Versione italiana Tomo 1 (A L) Realizzazione Editore Team Nomenclature mediche Ufficio federale di statistica (UST) Office fédéral de la statistique (OFS) Neuchâtel, 2014

4 IMPRESSUM Editore: Informazioni: Autore: Realizzazione: Diffusione: N. di ordinazione: Prezzo: Serie: Settore: Testo originale: Traduzione: Grafica del titolo: Grafica/layout: Copyright: Ufficio federale di statistica (UST) Segreteria di codifica Ufficio federale di Statistica Per le fonti: Istituto tedesco di documentazione e informazione medica (DIMDI) Ufficio federale di statistica, CH-2010 Neuchâtel Ufficio federale di statistica, CH-2010 Neuchâtel Telefono / Fax / 33 franchi (IVA escl.) Statistica della Svizzera 14 Salute Tedesco Servizi linguistici dell UST UST; concezione: Netthoevel & Gaberthüel, Bienne; foto: Uwe Bumann Fotolia.com Sezione DIAM, Prepress / Print UST, Neuchâtel, 2014 Riproduzione autorizzata, eccetto per scopi commerciali, con citazione della fonte. ISBN:

5 Indice Indice Introduzione V Elenco sistematico A 3 B 55 C 65 D 129 E 155 F 183 G 207 H 223 I 225 J 259 K 261 L 263 ICD-10-GM 2014 INDICE ALFABETICO UST 2014 III

6

7 Introduzione Introduzione Fonte Validità Formati e disponibilità Note tecniche Informazioni per l uso La presente edizione dell indice alfabetico della ICD-10-GM 2014 è basata sulla traduzione italiana (a cura del BFS) del corrispondente indice sistematico pubblicato da DIMDI/Deutschland (stato: 20 settembre 2013). L indice alfabetico della ICD-10-GM 2014 è valida dal 1 gennaio ed è vincolante per la codifica delle diagnosi nell ambito della statistica medica. La codifica con l ICD-10-GM è obbligatoria per tutti gli ospedali somatici acuti e le case per partorienti. L indice alfabetico della ICD-10-GM 2014 è disponibile in tedesco presso l istituto DIMDI e in lingua francese e italiana presso l UST. La versione italiana è disponibile nei formati PDF, Excel e in versione stampata. I formati PDF, Excel sono scaricabili direttamente dal sito dell UST. Per maggiori dettagli sull ordinazione di una versione cartacea si rimanda alle informazioni riportate alla fine del presente documento (ultima pagina). La redazione dell indice alfabetico si fonda su un processo, in larga misura automatizzato, basato sulla permutazione testuale di tutti i codici dell indice sistematico dell ICD-10-GM 2014 nonché di particolari informazioni supplementari relative ai codici, senza ricorrere ad altre raccolte terminologiche o enciclopedie mediche. Con la creazione di un elenco di parole vuote (senza significato lessicale) è stato possibile selezionare i termini significativi e ordinarli alfabeticamente. Con questo metodo viene garantito che, ad eccezione delle parole vuote, tutti i termini dell indice sistematico siano riprodotti e possano essere trovati sotto forma di termini principali nella prima colonna dell indice alfabetico. L indice alfabetico va usato solo come primo stadio nella ricerca di un codice. È indispensabile verificare il codice trovato nell indice alfabetico consultando l indice sistematico. Grazie alla permutazione dei testi dell indice sistematico ICD-10-GM 2014 è possibile trovare tutti i termini significativi. Siccome tutti i termini selezionati figurano come termini principali (in grassetto), è possibile effettuare una ricerca secondo la localizzazione (p. es. braccio), la diagnosi e secondo aggettivi specifici (p. es. allogenico). Sotto i termini principali, ordinati gerarchicamente in vari livelli di rientro, sono elencati gli altri termini. Va segnalato che la cancellazione delle parole vuote e la permutazione potrebbero complicare la leggibilità dei testi. Per facilitare la leggibilità, è stato introdotto il simbolo, che indica quando il testo di un codice inizia o finisce. Per leggere i testi interi nella forma iniziale, si comincia dopo questo simbolo a leggere la parola «principale» e i paragrafi finché non appare il contenuto desiderato col codice. Desideriamo informarvi che la tabella dei tumori maligni è situata alla fine del volume 2. ICD-10-GM 2014 INDICE ALFABETICO UST 2014 V

8 Introduzione Il presente indice alfabetico contiene i termini medici del corrispondente indice sistema- tico. Per questo motivo, a causa dei limiti della terminologia settoriale, per la codifica sono indispensabili buone conoscenze mediche. In caso di dubbi è opportuno chiedere consiglio al medico curante. In futuro sarà valutata l opportunità di integrare nell indice alfabetico altre raccolte di termini medici. Accogliamo con piacere ogni suggerimento o proposta di miglioramenti e correzioni. Influsso sulla codifica e prospettive future Ringraziamenti Ringraziamo tutti i colleghi che ci hanno sostenuto dal punto di vista contenutistico, tecnico e linguistico durante la redazione del testo o che ci hanno sostenuto con i loro consigli di esperti. Infine, desideriamo sottolineare in modo particolare l ottima collaborazione con i colleghi del Canton Ticino, ai quali va il nostro più caloroso ringraziamento. 6 ICD-10-GM 2014 INDICE ALFABETICO UST 2014

9 INDICE ALFABETICO 1

10

11 Aarskog Sindrome di : A Acalasia Aarskog Sindrome di : Q87.1 AB0 - - Isoimmunizzazione O Reazione incompatibilità T feto neonato Isoimmunizzazione P55.1 abbandono Trascuratezza o T prematuro cure medico Y69! Abbondante espettorato R09.3 abbondanti Feci R19.5 abbreviato tra perdita mestruale Intervalli irregolare, N92.1 abducente - Paralisi sesto nervo cranico [ H Traumatismo nervo S04.4 abduttori pollice a livello avambraccio Traumatismo di muscolo o di tendine estensori o S56.3 aberrante Arteria - polmonare Q succlavia Q27.8 Abetalipoproteinemia E78.6 abilità - aritmetica Disturbo specifico delle F scolastico - - altro Disturbo evolutivo delle F Disturbo evolutivo circoscritto delle F81 - sociale inadeguato non classificate altrove Z73 abitare istituzione residenziale Problema legato all ' Z59 abitazione - condizione economiche Problema legato all ' Z59 - senza tetto Mancanza di Z59 abituale - - Abrasione dente : K Assistenza gravidanza aborto O infanzia adolescenza - - altro Disturbo comportamentali e della sfera emozionale con esordio F Disturbo comportamentali ed emozionale specifico con esordio F Disturbo comportamentali e della sfera emozionale con esordio F90-F comportamentali ed emozionale non specificati con esordio F98.9 abitudine - anormale Stereotipia / F lassativi F55 Abitudini - abnormi Disturbo controllo degli Impulso F63 - alimentare inadeguato Z degli Impulso - altro Disturbo delle F non specificato Disturbo delle F intestinale Cambiamento delle R riguardanti lingua labbra dito della mano Malocclusione da : K07.5 ABL - negativo Leucemia mieloide cronico atipico BCR / C92.2 ABL Continuazione - positivo Leucemia mieloide cronico [ LMC ], BCR / C92.1 Ablefaria Q10.3 abnormi Disturbo controllo degli Impulso Abitudini F63 abortivo - - Gravidanza con esito O00-O Peste A blighted ovum mola non idatiforme Ovulo O02.0 aborto - - Altro tipo di O Controllo gravidanza con anamnesi di Z Emorragia specificato come dovuto a minaccia d ' O Minaccia di O Tentativo fallito di O07 - a gravidanza ectopico molare Complicanza successivo ad O08 - Embolia successivo ad O Shock successivo ad O Insufficiente renale successivo ad O Disturbo metabolico successivo ad O Danno a organi e a tessuto della pelvi successivo ad O altro Complicanza venoso successivo ad O altro Complicanza successivo ad O Complicanza non specificate successivo ad O abituale Assistenza gravidanza per O complicato - - embolia Altro e non specificato tentativo fallito di O emorragia tardivo eccessivo Altro e non specificato tentativo fallito di O infezione apparato genitale e di organi pelvico Altro e non specificato tentativo fallito di O con altro non specificate Complicanza Altro e non specificato tentativo fallito di O fallito SAI Tentativo di O gravidanza ectopico molare Infezione dell ' apparato genitale e di organi pelvico dopo O indotto SAI O06 - interno feto morto trattenuto ) O naturale O03 - non gravida Esame assistenza a donna con tendenza all ' N96 - non specificato O06 - od a gravidanza ectopico o molare Emorragia, tardivo o eccessivo, successivo ad O più feto Continuazione della gravidanza dopo O provocato tentativo fallito di O07 - ricorrente N96 - senza complicanza Altro e non specificato tentativo fallito di O spontaneo - O riferito feto P01.8 aborto Continuazione - terapeutico - O complicato embolia Tentativo fallito di O emorragia tardivo o eccessivo Tentativo fallito di O infezione apparato genitale e di organi pelvico Tentativo fallito di O con altro non specificate Complicanza Tentativo fallito di O indotto O SAI Tentativo fallito di O senza complicanza Tentativo fallito di O tubarico O00.1 abortus Brucellosi Brucella A23.1 abrasione Ulcera decubito pressione ] che si presenta come : L corneale senza menzione corpo estraneo Traumatismo della congiuntiva e S dentale K dente - - abituale K dentifricio K professionale K rituale K tradizionale K SAI multiplo i ) : T00.9 abruptio - placentae Distacco prematuro di placenta [ O45 - placentare P02.1 abuso - alcolico consiglio sorveglianza per : Z71 - antiacidi F55 - bambino SAI effetto di : T psicologico T rimedi popolari a base di erbe F55 - SAI Z sessuale - T bambino Problema connessi ad asserito Z61 - sostanza - - non provocano dipendenza - - F agente terapeutico vegetale o naturale F altro sostanza F analgesico F Antiacidi F Antidepressivi F Lassativi F Sostanza non specificata F Steroidi e ormone F vitamina F psicoattive anamnesi personale Z SAI F19 - steroidi ormone F55 - tabacco consiglio : per Z71 - vitamina F55 Acalasia - cardiale K22.0 ICD-10-GM A, UST

12 Acalasia A accomodazione Acalasia Continuazione - SAI K22.0 Acalculia R evolutivo F81.2 Acantamebiasi B Cheratite cheratocongiuntivite interstiziale ) in corso di : B60.1, H19.2* Acanthamoeba - Cheratocongiuntivite da B60.1, H19.2* - Congiuntivite ( da ) : B60.1, H13.1* - - da B60.1, H13.1* Acantocefaliasi B83.8 acantolitico altro dermatosi L11 - non specificate Dermatosi L specificato altro dermatosi L transitorio Grover Dermatosi L11.1 Acantosi nigra L83 acari - - Dermatite da B Tifo boscaglie ( da A SAI Infestazione da B88.9 acariasi altro B altro Infestazione - - Contatto con ed esposizione a pediculosi o Z Pediculosi, B85-B89 Acatalasia Takahara E80.3 Acatisia indotto trattamento indotto farmaco ) G25.88 accelerato - - Conduzione atrio ventricolare : I Ritmo cardiaco R Travaglio O Dumping syndrome Sindrome : da svuotamento K91.1 Accentuazione Tratto personalità Z73 Accertamento predisposizione - a Cardiomiopatia Z Aritmia cardiaco maligno Z01.80 accertato - 4 settimana 28 giorno ) o meno dall ' esordio infarto miocardico specificato come acuto o con una durata I21 - macrosomia feto età gestazionale Assistenza prestata alla madre per ( sospetto ) ( O presunto Assistenza prestata alla madre per presentazione anomalo del feto O alla madre per sproporzione O alla madre per anomalia di organi pelvico O34 - sospettato Assistenza prestata alla madre per anomalia o lesione fetale O alla madre per altro Problema fetale O alla madre per ( sospetto ) ritardo di crescita fetale in : basso peso per l ' epoca di gestazione O36.5 accertato Continuazione - sospettato Assistenza prestata alla madre per anomalia o lesione fetale Continuazione - - alla madre per ( sospetto ) ritardo di crescita fetale in : Insufficiente placentare O alla madre per ( sospetto ) ritardo di crescita fetale in : piccolo per l ' epoca di gestazione O36.5 accesso - sudorazione Disreflessia autonomica sotto forma di G vascolare Adattamento manutenzione di Z di altro e non specificato Z45.29 accessori ghiandola dotto salivari Q38.4 accessorio - - Alluce Q Capezzolo Q Conduzione atrio ventricolare : I Costa Q Dito a ) della mano Q ) del piede Q Dotto epatico Q Infezione gonococcico tratto genitourinario inferiore senza ascesso periuretrale o delle ghiandola A genitourinario inferiore con ascesso periuretrale e delle ghiandola A Lobo polmonare Q Mammella Q Muscolo Q Naso Q osso carpale Q ovaio Q Padiglione auricolare Q Pancreas Q Rene Q Sarcoma a cellule dendritica ( cellule C Torsione tuba N Trago Q Traumatismo nervo S Uretere : Q a - - Muscolo oculare Q Palpebra Q congenito Fegato Q i Pollice i ) Q Uretra Q Vescica Q64.7 accettazione - intervento fisico chimico nutrizionale, noti come potenzialmente nocivo e pericolosi Ricerca e Z Misura comportamentali psicologico noti come potenzialmente nocivo e pericolosi Ricerca e Z64.8 acciaio Sindrome Menkes capelli ritorti ) ( dei capelli d ' E83.0 accidentale - - Avvelenamento X49.9! - - Emorragia P Ipotermia T68 - esposizione a - - alcol Avvelenamento ( X49.9! accidentale Continuazione - esposizione a Continuazione - - idrocarburi alogenati Avvelenamento ( X49.9! - - liquido corrosivo Avvelenamento ( X49.9! - - medicamento droga e altro sostanza biologicamente attivo Avvelenamento ( X49.9! - - pesticidi Avvelenamento ( X49.9! - - Solvente organico Avvelenamento ( X49.9! - - sostanza chimico e nocivo Avvelenamento X49! - medicamento errato Somministrazione o ingestione X49.9! - nervo - - catetere durante procedura Perforazione T endoscopio durante procedura Perforazione T sonda durante procedura Perforazione T strumento durante procedura Perforazione T organo - - catetere durante procedura Perforazione T endoscopio durante procedura Perforazione T sonda durante procedura Perforazione T strumento durante procedura Perforazione T vaso sanguigno - - catetere durante procedura Perforazione T endoscopio durante procedura Perforazione T sonda durante procedura Perforazione T strumento durante procedura Perforazione T81.2 accidentali durante procedura diagnostica terapeutico, non classificate altrove Puntura e lacerazione T81.2 accidentalmente - ferita operatoria cavità corporeo Aderenza da corpo estraneo lasciato T Ostruzione da corpo estraneo lasciato T Perforazione da corpo estraneo lasciato T lasciato - - cavità corporeo ferita operatoria a seguito di procedura diagnostica o terapeutico Corpo estraneo T durante procedura diagnostica o terapeutico Reazione acuto a sostanza estraneo T81.6 Accidente - cardiovascolare SAI I cerebrovascolare SAI I64 - contatto con pianta animale velenoso non specificati X29.9! - esposizione altro non specificate forza meccanico inanimato W49.9! - estrazione Periodontopatia locale Perdita di dente da K08.1 accomodazione - - Disturbo di H Paresi dell ' H ICD-10-GM A, UST 2014

13 accomodazione A acquisito accomodazione Continuazione Continuazione - - Spasmo di H Vizio rifrazione Disturbo di H52 - Vizio rifrazione Disturbo dei muscolo oculare, dei movimento binoculare, di H49-H52 accompagna ammalato Persona sana che Z76.3 accrescimento Insufficiente : R fetale Disturbo correlato alla durata della gestazione ed all ' P05-P Screening prenatale mediante ultrasuoni o altro metodi fisico, per ritardo d ' Z SAI Ritardo dell ' P osseo altro Disturbo dello sviluppo e dell ' M precoce eccessivo Sindrome malformative congenito caratterizzato da un Q puberale Visita medica di adolescente durante l ' Z00.3 accreta Placenta O43.20 Accretio cordis I31.0 accrezioni dentale deposito [ K arancioni deposito [ K betel deposito [ K materia alba deposito [ K nero deposito [ K tabacco deposito [ K verdi deposito [ K03.6 accumulo - cistina Malattia da E glicogeno glicogenosi Malattia da E lipidi Miopatia malattia da E75.-, G73.6* - lipidico altro Malattia da E Disturbo metabolismo degli sfingolipidi ed altro Malattia da E lipidico non specificata Malattia da E75.6 ACE Inibitori Avvelenamento Inibitori dell ' enzima di conversione dell ' angiotensina [ T46.4 Acefalia Q00.0 acero - Malattia urina a sciroppo d ' E Polmone degli scortecciatori d ' J67.6 acetabolo - Displasia congenito dell ' Q Frattura dell ' S Osteocondrosi giovanile : dell ' M Protrusione dell ' M24.7 Acetazolamide T50.2 Acetonuria R82.4 Achille - - Tendinite di M Traumatismo tendine di S corto acquisito Tendine di M67.0 achillea Borsite M76.6 Acidemia - isovalerica E metilmalonica E propionica E71.1 Acidi - corrosivo sostanza similari Effetto tossico : T esteri nitrici Effetto tossico : Nitroglicerina e altro T grasso - Disturbo metabolismo degli aminoacidi a catena ramificata e degli E degli E essenziale EFA Deficit di E63.0 acidificante agente T50.9 acido - - Deficienza fosfatasi E Tasso sierico anormale di : fosfatasi R ascorbico Deficit di E54 - base - altro Disturbo dei liquido, degli elettroliti e dell ' equilibrio E feto Alterata ( o ) equilibrio O non classificati altrove altro Disturbo dei liquido, degli elettroliti e dell ' equilibrio E basico Disturbo misto dell ' equilibrio E cianidrico Effetto tossico : T cloridrico T folico - Deficit di : E SAI Anemia da deficit di D gammaglutammico Disturbo ciclo dell ' E indolacetico elevato Tasso urinario di : R nicotinico Derivati dell ' ) T pantotenico Deficit di : E solforico T urico Avvelenamento farmaco agente sul metabolismo dell ' T valproico T42.6 Acidosi E fetale intrauterino : P20 - feto O lattica - E Episodio tipo ictus ] Sindrome MELAS [ Myopathy, Encephalopathy, Lactic Acidosis, Stroke - like episodes ] [ miopatia, encefalopatia, G metabolico - E tardivo neonatale P respiratorio E SAI E tubulare renale - - SAI N tipo 1 ( Sindrome di Lightwood - Albright ) N25.8 Acidosis Stroke like episodes miopatia, encefalopatia, acidosi lattica, Episodio tipo ictus ] Sindrome MELAS [ Myopathy, Encephalopathy, Lactic G31.81 Aciduria Aciduria Continuazione - arginosuccinica E glutarica E72.3 aciltransferasi - Deficit lecitina colesterolo E Disturbo glomerulare deficit di lecitin - colesterolo E78.6, N08.4* Acinetobacter B96.5! Aclasia diafisaria Esostosi multiplo congenito ( Q78.6 Acloridria K31.8 Acne L altro forma di L conglobata L escoriata adolescente femminile L follicolite sclerotizzante nuca Cheloide da L infantile L necrotizzante miliare L non specificata L tropica L varioliformis L vulgaris L70.0 acneiforme Eritema L66.4 acolurico familiare Ittero D58.0 Acondrogenesi Q77.0 Acondroplasia Q77.4 acontrattilità detrusore vescicale senza substrato neurologico Ipo - e N31.81 acqua - - altro effetto pressione dell ' aria e dell ' T effetto pressione aria e dell ' T Incidente durante caduta ( in X59.9! - - Privazione di T a causa trascuratezza proprio persona Insufficiente assunzione di cibo e R Colonia Fotodermatite contatto [ dermatite da L non specificato Effetto pressione dell ' aria e dell ' T orecchio effetto variazione di pressione atmosferico ambientale o di pressione dell ' T potabile Insufficiente erogazione di Z58 acquedotto Silvio Malformazione dell ' Q Anomalia Q Ostruzione congenito Q Stenosi Q03.0 acquisito - - Afibrinogenemia D D Alluce valgo ( M Altro ( e ) dito ( a ) del piede a martello ( M Anemia emolitico D deformità alluce ( M dito ( a ) del piede ( M Anemia emolitico D Aneurisma arterovenoso I cerebrale ( I67.10 ICD-10-GM A, UST

14 acquisito A acuto acquisito Continuazione Continuazione - - Atrofia uterino N Cheratosi follicolare L Ciste porencefalica G renale N multiplo ) ( solitario ) N Demenza ipotiroidismo, E03.-, F02.8* - - Deviazione setto nasale ( J Difetto settale cardiaco I Diverticolo esofago, K Emorragia fibrinolitica D Epidermolisi bolloso L ernia : K40-K Fistola arterovenoso I cerebrale ( I coronarico I idrocefalo G Ipertricosi lanuginosa L Ittiosi L Lordosi : M Lunghezza ineguale arti ( M Malattia cistico polmone ( J Mano piede artiglio o torto M Piede piatto pes planus ] ( M polso cadente ( M Policitemia : D Poliosi circoscritto, L Problema rapporto con i genitori o i Parente Z Sacca esofageo K Stenosi collo vescicale ( N tracheale J Tendine Achille corto ( M adulto associato a timoma ) aplasia della serie rosso ( D60 - AIDS - Sindrome immuno - deficienza B20- B SAI Sindrome da immunodeficienza B24 - apparato muscolo scheletrico non specificata Deformità M arto non specificata Deformità M capo altro deformità M catena ossicolare altro anormalità H cheratoderma palmoplantare Cheratosi L collo Deformità M con - - epilessia Sindrome Landau - Kleffner ] Afasia F solfoemoglobinemia Metaemoglobinemia D condotto uditivo esterno Stenosi H congenito Assistenza prestata alla madre per : stenosi della vagina ( O cronico serie rosso Aplasia puro D degli arti - altro deformità M specificato altro deformità M dito - - a piede non specificata Deformità M20.6 acquisito Continuazione - dito Continuazione - - mano piede deformità M20 - dovuto iperplasia surrenale deficit congenito di enzimi necessari alla sintesi ormonale Sindrome adrenogenitale, virilizzanti o femminilizzanti, sia E25 - durante vita intrauterino nascita Infezione P35-P39 - fattore coagulazione Deficit D iodio SAI Ipotiroidismo da carenza E lattasi Deficit E naso Deformità M neonatale Ciste periventricolari P non specificata Anemia emolitico D orecchio esterno Deformazione H ovaio tuba Fallopio Atrofia N padiglione auricolare Deformazione H pelvi Deformità M permanente coagulazione sanguigno Disturbo U69.11! - pregresso - - atriale Difetto settale I auricolare Difetto settale I ventricolare Difetto settale I SAI - - Sifilide ( A Stenosi tracheale J serie rosso - altro aplasia puro D eritroblastopenia Aplasia puro D non specificata Aplasia puro D sistema osteomuscolare tessuto connettivo altro deformità M95 - specificato sistema osteomuscolare altro deformità M tiroide Atrofia ( E torace costola Deformità M transitorio serie rosso Aplasia puro D utero durante nascita polmonite infettivo P23 - visione colore Deficit H53.5 acquisizione conoscenza SAI Disabilità nell ' F81.9 acquoso Fessura H acuto Diarrea : A09.0 Acrania Q00.0 Acrocefalia Q75.0 Acrocefalo - poli sindattilia Q sindattilia Apert Q87.0 acrocianosi I73.8 Acrodermatite - continuo suppurativo L cronico atrofizzante - L Herxheimer L enteropatico E papulosa infanzia Giannotti Crosti ] L44.4 Acrofobia F40.2 Acromatopsia H53.5 acromegalia acromegalia Continuazione Artropatia associato ad E22.0, M14.5* - gigantismo ipofisario E Artropatia in : E22.0, M14.5* acromiche - ipercromiche pinta carate lesione A pinta carate lesione cutaneo : A67.2 acromio claveare - Distorsione distrazione dell ' articolazione S Legamento S Lussazione articolazione S43.1 Acromion Frattura scapola : S omerale spalla Sindrome da impingement [ o da conflitto anteriore o da attrito M75.4 Acroparestesia - semplice tipo Schultze I vasomotoria tipo Nothnagel II ] I73.8 ACTH - - Deficit isolato di : E Iperproduzione ipofisario di E Sindrome secrezione ectopico di E non associata a malattia Cushing Iperproduzione di E secernente Sindrome Cushing da tumore ectopico E24.3 Actinobacillus Cardiobacterium hominis Eikenella Kingella ] Gruppo HACEK [ Haemophilus, B96.3! actinomiceti - altro origine Alveolite e Polmonite allergico da inalazione di polvere organico e particelle di miceti, J67 - termofili altro microorganismo crescono nei sistema di ventilazione d ' aria [ aria condizionata ]. Alveolite allergico da fungoide, J67.7 Actinomicetoma B47.1 Actinomicosi A altro forme di A Polmonite ( in ) ( da ) : A42.0, J17.0* - addominale A cervicofacciale A non specificata A polmonare A42.0 actinomicotica Sepsi A42.7 acustico - - Adattamento manutenzione apparecchio Z Disturbo nervo H Fornitura adattamento apparecchio Z Portatore impianto otologico e Z sifilitico tardivo Nevrite A52.1, H94.0* - - Trauma H esterno Apparecchio Z Malattia infettivo parassitario classificato altrove Nevrite H94.0* - nervo statoacustico Nervo S sifilide Nevrite A52.1, H94.0* acuto 6 ICD-10-GM A, UST 2014

15 acuto A acuto acuto Continuazione - - Addome R altro Cardiopatia ischemico I Complicanza atto susseguente ad infarto miocardico I congiuntivite H demielinizzazione disseminata G Epatite virale B forma miocardite I pancreatite K forme cardiopatia reumatico I ischemico I pericardite I gastrite K osteomielite M sinusite J tipo Insufficiente renale N ustione solare L Amebiasi A Appendicite K Blastomicosi polmonare B Bronchiolite J ( J Bronchite J chimico ( J Calcolosi colecisti con colecistite K Catarro nasale J Cistite N Coccidioidomicosi polmonare B Coinvolgimento apparato digerente su Graft-versushost - disease K93.2* fegato Graft-versus-host - disease K77.1* pelle Graft-versus-host - disease T86.02, L99.1* - - Colecistite K Colpite N Complicanza atto susseguente ad infarto miocardico I Congiuntivite atopico H Coriza ( J Demenza vascolare esordio F Diarrea acquoso A ematico A emorragica A Difetto settale interatriale come complicanza in atto susseguente ad infarto miocardico I interventricolare come complicanza in atto susseguente ad infarto miocardico I Dissenteria amebico A Dolore R Edema polmonare J chimico ( J Embolia polmonare con menzione di cuore polmonare I senza menzione di cuore polmonare I Emicrania con aura ad esordio G Emopericardio come complicanza in atto susseguente ad infarto miocardico I23.0 acuto Continuazione Continuazione - - Emorragia subdurale non traumatica ) : I Endocardite reumatico I Epatite virale B Epatopatia tossico con epatite K Epiglottite J Eritema marginato febbre reumatico I00, L54.0* - - Erosione gastrico K Faringite J Fissura anale K Gastrite emorragica K Gengivite K Glaucoma angolo chiuso ( primario ) ( stato residuale ) : H Infarto miocardico I Insufficiente epatico alcolico : K renale N acuto con necrosi corticale N surrenalico E Laringite J tracheite J Laringofaringite J Laringotracheite J Leucemia basofila C bifenotipica C bilineare C eritroide C megacariocitica C Linfadenite L linfangite L mal gola J Mastoidite H Meningococcemia A mielite ascendente G Mielofibrosi C Miocardite I influenzale ( J11.8, I41.1* Malattia Chagas, B57.0, I41.2* reumatico I Miringite H Necrosi corticale : N midollare papillare ] : N tubulare : N Nefrite tubulo interstiziale N Otite media sieroso H Pancardite reumatico I Pancreatite K Pansinusite J Parametrite infiammazione pelvico N Pelviperitonite femminile N Pericardite I reumatico ( I I Pericoronite K Periodontite K Peritonite K Polinevrite post infettivo G Poliomielite A Prostatite N Pulpite : K Radiodermite L reumatico acuto Continuazione Continuazione - - reumatico Continuazione Cardiopatia Attivo o I Cardite, I Reumatismo articolare I00-I Rinite : J Rottura corda tendineo come complicanza in atto susseguente ad infarto miocardico I muscolo papillare come complicanza in atto susseguente ad infarto miocardico I parete cardiaco senza emopericardio come complicanza in atto susseguente ad infarto miocardico I Salpingite ooforite N Sindrome nefritica N Sinusite J etmoidale J frontale J mascellare J Antrite ) J sfenoidale J Timpanite H Tiroidite E Tracheite J acuto con laringite ( J tracheobronchite, J Trauma parto colonna vertebrale e del midollo spinale : Con paraplegia P vertebrale e del midollo spinale senza paraplegia P Trombosi atrio orecchietta dell ' atrio e del ventricolo come complicanza in atto susseguente ad infarto miocardico I Ustione solare L Valvulite reumatico I Variante : C versamento pericardico I Via aereo superiore malattia J Vulvite N Vulvovaginite : N a Ascesso legamento largo specificato ( a ) come N parametrio specificato ( a ) come N Cellulite pelvico femminile specificato ( a ) come N Epatite virale B Colite ischemico fulminante K Infarto intestinale K Ischemia intestino tenue, K linea cellulare misto Leucemia C sostanza estraneo accidentalmente lasciato durante una procedura diagnostica o terapeutico Reazione T adenovirus Congiuntivite ( da ) : follicolare ( B30.1, H13.1* - - follicolare B adulto ARDS ] Sindrome da difficoltà [ distress ] respiratorio ( o ) J80 - altro ICD-10-GM A, UST

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ICD-10 CLASSIFICAZIONE STATISTICA INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE E DEI PROBLEMI SANITARI CORRELATI DECIMA REVISIONE

ICD-10 CLASSIFICAZIONE STATISTICA INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE E DEI PROBLEMI SANITARI CORRELATI DECIMA REVISIONE ISBN88-240-3591-4 9 7 8 8 8 2 4 0 3 5 9 1 0 Prezzo dei 3 volumi CLASSIFICAZIONE STATISTICA INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE E DEI PROBLEMI SANITARI CORRELATI ICD-10 MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO PER

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Riconoscimenti RICONOSCIMENTI Il marchio MedDRA è proprietà di IFPMA per conto di ICH. Dichiarazione di responsabilità e copyright Questo documento è protetto

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli