ICCG Think Tank Map: a worldwide observatory on climate think tanks Buone pratiche per l adattamento ai cambiamenti climatici nelle aree urbane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICCG Think Tank Map: a worldwide observatory on climate think tanks Buone pratiche per l adattamento ai cambiamenti climatici nelle aree urbane"

Transcript

1 ICCG Think Tank Map: a worldwide observatory on climate think tanks Buone pratiche per l adattamento ai cambiamenti climatici nelle aree urbane Valeria Barbi, ICCG

2 Buone pratiche per l adattamento ai cambiamenti climatici nelle aree urbane Valeria Barbi (ICCG) Per far fronte alle nuove sfide poste dal clima che cambia, negli ultimi anni si è fatto sempre più spesso riferimento al concetto di adattamento come strategia ottimale volta alla salvaguardia delle aree urbane. Ciò che viene richiesto alle città per fronteggiare gli impatti previsti è di rispondere urgentemente alla necessità di adattarsi dotandosi di strumenti di pianificazione ad hoc. Cosa deve fare quindi una città? La riposta data da più parti implica la trasformazione del contesto urbano in un organismo resiliente attraverso l elaborazione di progetti e iniziative dal basso che, per alcune caratteristiche che le contraddistinguono, vengono definite buone, o migliori, pratiche. 1

3 Introduzione Dopo anni di dibattito, la comunità scientifica globale è ormai quasi unanimemente concorde nell affermare che il clima sta cambiando e che è necessario dotarsi quanto prima di strumenti e strategie mirate per fronteggiarne gli impatti. Ad essere particolarmente vulnerabili saranno i nuclei urbani, sia per l aumento nella porzione di popolazione mondiale che andrà ad occuparne gli spazi, sia per alcune loro caratteristiche intrinseche e dovute alle modifiche che l uomo ha imposto sull ambiente. Definizione di Buone pratiche Lo scambio di pratiche, definite da qui in poi buone o migliori pratiche - dall inglese best practice - è da sempre considerato uno strumento fondamentale per lo sviluppo in senso più ampio, sia esso normativo, tecnologico o scientifico. L analisi della fattibilità e riuscita delle migliori pratiche è risultata particolarmente utile, infatti, per anticipare, progredire o gestire un cambiamento continuo o una serie di fenomeni che si sa inarrestabili 1. In virtù della sua adattabilità ad innumerevoli contesti, tentare di racchiudere in un unica definizione l espressione migliore pratica non è affatto facile. Molteplici e differenti sono, infatti, le accezioni assegnate a tale espressione. Si potrebbe pertanto affermare che non esiste una sua definizione univoca bensì varie accezioni che meglio si adattano ai singoli contesti. Pertanto, una pratica non risulta buona o migliore di per sé, per sempre ed in ogni contesto, bensì in base a: specifici contesti locali, cioè dall insieme delle relazioni fra persone o gruppi di individui, organizzazioni, comportamenti, regole, culture; specifiche finalità, ossia le ragioni per le quali si elaborano e si realizzano azioni e risultati; specifiche situazioni, ossia particolari momenti e luoghi. Per questo motivo, una pratica risulta buona o migliore solo nella misura in cui stimola innovazione e cambiamento sia nel contesto dove la pratica è stata determinata che in altri contesti e situazioni, e con altre finalità, attraverso: un processo per tentativi ed errori che aumenta conoscenza, abilità e competenza (capacity building); un processo di apprendimento codificato e tacito, cioè di conoscenza fondata su un confronto e uno scambio permanente fra diversi modi di agire e pensare. Dovessimo tuttavia, assegnare una definizione generale all espressione, potremmo dire che, sempre a seconda dell'ambito, le migliori pratiche possono essere definite come una raccolta di esempi, che vengono opportunamente formalizzati in regole che possono essere osservate. Scavando ancora più a fondo, non è difficile rilevare che una costante delle definizioni di buona pratica è il riferimento, diretto o indiretto che sia, alla metodologia del miglioramento continuo della qualità e, ove possibile, alle evidenze scientifiche 2. Storicamente, l'espressione inglese best practice viene coniata nei primi del '900 nell'ambito dell economia aziendale o, più propriamente, del business process management delle aziende, per indicare "un'idea manageriale che asserisce l esistenza di una tecnica, un metodo, un processo o un'attività, che sono più efficaci nel raggiungere un particolare risultato, di qualunque altra tecnica, metodo, processo, ecc 3. Successivamente, l'espressione si è affermata negli ambiti più disparati e ha finito col perdere la sua valenza prettamente aziendale. Oggi infatti per buona o 1 Strati F., Apprendimento reciproco nelle strategie europee: metodo aperto di coordinamento e scambio di buone pratiche in AA.VV, Dare valore alle pratiche. Economia sociale e formazione continua per lo sviluppo del territorio. Esperienze EQUAL in Europa, Provincia di Trento, (Strati, 2008) 3 Taylor F., The Principles of Scientific Management, New York, Harper & Brothers Publishers,

4 migliore pratica s'intende più genericamente un'esperienza significativa che porta ai migliori tra i tanti risultati possibili, un modello da proporre e da seguire. Nonostante l indubbia utilità di circoscrivere in un unica definizione l espressione migliore pratica, ai fini della presente analisi è importante l associazione tra migliore pratica e tutela ambientale e climatica, con tutti i sottoargomenti correlati. A tal proposito, l'espressione migliore pratica ambientale è stata recentemente definita dall UE come un innovazione tecnologica, un nuovo modo di utilizzare le risorse naturali, una nuova modalità di lavoro, uno strumento immateriale o nuove metodologie di collaborazione tra stakeholders o una combinazione di questi che porta ad un risultato positivo per l ambiente e, preferibilmente, anche per l economia e la società nel senso più ampio del termine. Una buona pratica deve poter essere attuata concretamente e dovrebbe poter innalzare le performance dell ambiente al di sopra del livello di stato dell arte. Sempre secondo la definizione fornita dall UE, il concetto di buona pratica è sinonimo di buon esempio e storia di successo 4. La definizione fornita dalla Commissione Europea nell ambito del Progetto Life, precisa inoltre che una pratica dovrebbe essere considerata migliore in senso relativo e non assoluto, poiché dipende dalla regione, dal contesto e dal tempo. Tuttavia, se una migliore pratica è particolarmente valida, essa potrà essere considerata ottimale oggi e diffusa come soluzione efficace anche domani. E evidente in quest ultima precisazione, la volontà della Commissione Europea di dare rilievo ad una delle caratteristiche primarie delle migliori pratiche ossia la loro capacità di essere replicabili 5. Riassumendo i concetti precedenti, procedendo nella trattazione per migliore o buona pratica si intenderà, "un azione, esportabile in altre realtà, che permette ad un Comune, ad una comunità o ad una qualsiasi amministrazione locale, di muoversi verso forme di gestione sostenibile a livello locale, come da definizione utilizzata per lo sviluppo dell osservatorio Best Climate Practices, nato nel 2012 su iniziativa dell International Center for Climate Governance. Inoltre, si considera buona una pratica che corrisponda all idea di sostenibilità così come definita per la prima volta dal cosiddetto Rapporto Brundtland 6. Adattamento e resilienza nel contesto globale ed europeo. Come e perché le città sono diventate il fulcro della lotta al cambiamento climatico Negli ultimi anni, il concetto di adattamento è stato sempre più spesso associato alle strategie per salvaguardare le aree urbane dagli impatti dei cambiamenti climatici. Una semplice spiegazione del perché le città sono diventate il fulcro della lotta al cambiamento climatico si ritrova nella constatazione che la maggior parte della popolazione mondiale vive in contesti urbani: nei paesi in via di sviluppo si parla di 7 persone su 10. Un tal grado di urbanizzazione comporterà ovviamente che un numero sempre crescente di persone sarà esposta in massa a determinati eventi naturali estremi. Entro il 2050 la popolazione mondiale aumenterà di 2.6 miliardi di persone di cui 2.5 solo nei paesi emergenti e in via di sviluppo. Pertanto, entro lo stesso anno, la popolazione urbana esposta a eventi quali uragani e terremoti sarà più del doppio rispetto a quella attuale e raggiungerà la cifra record di 1.5 miliardi di persone 7. Il grafico seguente (Fig.1) mette in evidenza la variazione di popolazione urbana rispetto a quella agricola in un arco temporale che va dal 1950 al Fig.1 Variazione nella popolazione urbana e rurale dal 1950 al Commissione Europea (2005), Best practice a method for dissemination and implementation of project results, in 5 Il sistema di valutazione dei progetti nell ambito del programma LIFE è stato introdotto per la prima volta dalla Commissione Europea a seguito di una serie di iniziative intraprese da Svezia e Olanda. Un elenco di criteri che definiscono le buone pratiche è stato poi concordato dalle autorità nazionali dei Paesi membri dell UE nel corso di una conferenza a Malmo, in Svezia, nell Aprile del Tali criteri vengono da quel momento attribuiti ai progetti ambientali dell UE per giudicarne: i miglioramenti che apportano dal punto di vista ambientale, sociale ed economico; il loro grado di innovazione e adattamento in contesti differenti; la loro rilevanza a favore dell adozione di politiche ambientali e il rapporto costo-beneficio. Dal 2009, tali criteri vengono utilizzati anche nell ambito dei progetti LIFE Nature. 6 Commissione Bruntland (1987), United Nations Conference on Environment and Development, Our Common Future, in 7 Bigio A., The emerging agenda of urban resilience, Presentazione alla Convention annuale della divisione CCSD della Fondazione Eni Enrico Mattei, Isola di San Giorgio Maggio (Venezia), 24 Ottobre

5 Fonte: esa.un.org/unup Simili cifre ci fanno capire come, per dirla con le parole del segretario delle Nazioni Unite Ban Kimoon, la strada verso la sostenibilità debba passare attraverso città e paesi. Solo costruendo città sostenibili, infatti, potremo un giorno avere un mondo davvero sostenibile 8. Quello che viene richiesto alla città per fronteggiare gli impatti previsti è di rispondere urgentemente alla necessità di adattarsi ai cambiamenti climatici dotandosi di strumenti di pianificazione ad hoc. Cosa deve fare quindi una città? La risposta data da più parti implica la trasformazione del contesto urbano in un organismo resiliente, dal latino resiliens, ossia capace di sopportare shock esterni senza riportare gravi danni. Vagliando la letteratura esistente in materia è evidente una certa difficoltà di definire universalmente il concetto. Ai fini della presente trattazione è sufficiente sapere che in ecologia, il termine resilienza si riferisce alla capacità di un ecosistema di ripristinare l omeostasi, ossia la condizione di equilibrio a seguito di un intervento esterno (quale quello umano) che può provocare un deficit ecologico. A voler essere ulteriormente precisi, quella che viene definita città resiliente non si adegua semplicemente ma cambia costruendo risposte sociali, economiche e ambientali nuove, per resistere nel lungo periodo alle sollecitazioni dell ambiente e della storia. In tal senso, la resilienza diventa fondamentale per il perseguimento di uno sviluppo che sia sostenibile così come auspicato dal già citato Rapporto Bruntland. E solo nel marzo del 2008, tuttavia, che con la tredicesima Conferenza delle Parti (COP 13), organizzata a Bali su mandato della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (UNFCCC), viene definito il cosiddetto Bali Action Plan in cui viene stilata una prima serie di impegni e di obiettivi di carattere molto generale che possono essere ricollegati al concetto di resilienza. In seguito, sulla base di adesioni volontarie da parte degli Stati più esposti, prende avvio il Dialogue on land and water management for adaptation to climate change che, nell aprile del 2009, spiana la strada per la divulgazione, a Nairobi, di un primo Statement che fissa alcuni principi guida e raccomandazioni tra i quali la costruzione della resilienza, in particolare nel governo del suolo e dell acqua. A porre per la prima volta l accento, seppur in modo sintetico, sulle conseguenze del cambiamento climatico per le aree urbane è la Commissione Europea, nel 2009, con la pubblicazione del suo Libro Bianco Adapting to climate change. Nel rapporto, infatti, si legge che le aree urbane sono la parte del Pianeta dove si potrebbero pagare i maggiori costi sociali del cambiamento climatico e, per queste ragioni, appare sempre più urgente una specifica 8 ICLEI, dichiarazione del Segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile Rio+20, comunicato stampa ufficiale, 21 giugno

6 attenzione nell ambito di strategie di adattamento 9. L anno successivo, nella Risoluzione del Parlamento europeo del 6 maggio 2010 sul Libro Bianco della Commissione, viene fatto un sintetico cenno agli ambienti urbani 10. Sempre nel 2010, sotto la spinta normativa dell UE, l intera comunità internazionale sembra essersi definitivamente convinta dell importanza di porre l accento sulle città come hot spot degli impatti dei cambiamenti climatici e viene pertanto organizzato quello che passerà alla storia come il primo congresso delle città del mondo sull adattamento. A Bonn, dal 28 al 30 maggio 2010, sono presenti i rappresentanti di 22 città, appartenenti a 19 Paesi, che puntano alla resilienza come strategia di adattamento ai cambiamenti climatici. Nel corso dell incontro, viene definito il ruolo fondamentale dei governi locali per combattere gli impatti del clima e ridurre i potenziali disastri conseguenti. Infatti, se è noto che la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici può essere prodotta sia da azioni locali che globali rientranti in più ampie politiche di sistema, l adattamento è per definizione un tema di primario carattere locale in quanto, gli impatti del cambiamento climatico assumono forme e dimensioni diverse a seconda del territorio e necessitano di una risposta pronta e flessibile da parte delle comunità locali 11. Impatti del cambiamento climatico nelle aree urbane e principali ambiti di intervento Le città stanno cambiando come conseguenza dei cambiamenti climatici. Il quadro dei fenomeni meteo climatici che determinano impatti consistenti nelle aree urbane è molto complesso e riguarda tutta una serie di matrici naturali che proprio nelle aree urbane, a causa dell'intervento dell'uomo nell'ambiente, determinano conseguenze drammatiche e spesso non completamente prevedibili o contenibili se non con preventive misure di adattamento. Tra gli impatti che i nuclei urbani stanno subendo, e la cui frequenza ed intensità sembrano destinate ad aumentare, si annoverano: l innalzamento del livello del mare, un peggioramento nella qualità dell'aria, forti temporali e alluvioni con un conseguente aumento del dissesto idrogeologico, siccità e scarsità idrica, estati più calde e inverni più freddi, un incremento nell'intensità del fenomeno delle ondate di calore, e tutta una serie di impatti per la salute pubblica. Studi recenti dimostrano come le perdite economiche annuali dovute ad inondazioni ed alluvioni che colpiscono le città costiere sono destinate ad aumentare da una cifra di $6 miliardi nel 2005 a $52 miliardi nel 2050, a causa dell'aumento della popolazione esposta, e ad $1 trilione a causa del cambiamento climatico e al logoramento del suolo. Nell'area Mediterranea, poi, si registrano sensibili mutamenti nell'andamento delle correnti marine e nella ventosità di alcune aree il che costituisce un ulteriore problema connesso all'erosione marina delle coste e all'impatto sulle città costiere. Questo a meno che non si dia inizio da ora a tutta una serie di politiche di adattamento indirizzate in particolar modo alle aree urbane costiere 12. L'innalzamento della temperatura nei centri storici delle città (Fig.2), rappresenta un fenomeno preoccupante che dev'essere letto non solo alla luce dei cambiamenti climatici in atto ma anche di una più ampia serie di cambiamenti e interventi di origine antropica. Infatti, i processi di progressiva urbanizzazione comportano in maniera circoscritta aumenti nei consumi energetici per cause demografiche, incrementi di temperatura dell aria indotti dai sistemi di riscaldamento e di climatizzazione degli ambienti, influenze sul bilancio sia termico che radiativo da parte del traffico veicolare e più in generale da parte dello stesso tessuto urbano. In particolare, la formazione dell isola di calore urbana è un fenomeno ben noto. 9 Commissione Europea, White Paper Adapting toc limate change, In 10 Risoluzione del Parlamento europeo del 6 maggio 2010 sul Libro bianco della Commissione dal titolo L'adattamento ai cambiamenti climatici: verso un quadro d'azione europeo, in //EP//TEXT+TA+P7-TA DOC+XML+V0//IT 11 (Bulgarelli V., e AA.VV Gruppo di Lavoro A21 Italiane Città sostenibili, 2011). 12 Hallegatte S., Corfee-Morlot J., Green C., Nicholls R., (2003), Nature Climate Change 3, World Bank Report. 5

7 Fig.2 Elenco degli anni in cui, nelle principali città, la temperatura media nell'anno più freddo registrato dopo il 2005 è diventata più calda della temperatura media nell'anno più caldo. Fonte: Camilo Mora et. al. The projected timing of climate departure from recent variability, Nature #502, October 2013, BAU defined as RCP85, up to 936 ppm by 2100 Per quanto riguarda l'italia, e più generalmente l'area Mediterranea, gli impatti maggiori del cambiamento climatico riguardano l'aumento della temperatura del mare, processi di tropicalizzazione che favoriscono la migrazione e la contaminazione di una varia e preziosa biodiversità da parte di specie appartenenti ad altri ecosistemi. Il suolo, poi è esposto sempre più all'impoverimento fino a livelli di desertificazione che si estende sempre di più a causa delle politiche agricole adottate nel nostro paese. In Italia, gli eventi estremi quali siccità, tempeste, ed alluvioni aumentano il dissesto idrogeologico e ne moltiplicano le conseguenze. Le città si trovano quindi a dover affrontare due specifici fronti d'intervento: la vulnerabilità dei territori, che accresce la minaccia agli insediamenti umani, e il peggioramento del comfort climatico dei cittadini dovuto ad un cambiamento sostanziale nel microclima urbano. In considerazione dei dati forniti, risulta sempre più necessario un approccio che coinvolga il mondo politico, economico ed educativo. Politica ed urbanistica, per le loro rispettive competenze, devono essere attrezzate e formate per rendere operativi interventi di contrasto, mitigazione e di adattamento agli effetti del cambiamento climatico, se si intende ridurne l impatto sull ambiente urbano, sull economia e sui cittadini. A questo deve aggiungersi necessariamente un processo di educazione dei cittadini che non solo fornisca loro degli strumenti per affrontare prontamente e concretamente il cambiamento climatico in modo cosciente, ma che li coinvolga il più possibile nel processo decisionale. In Italia, ad esempio, il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, promuove da tempo un approccio basato sugli interventi a livello locale e che prevede, tra le altre cose l'adozione dei Piani di Azione per l'energia Sostenibile (PAES), il coinvolgimento dei cittadini e degli stakeholder, attraverso un processo partecipativo, il coordinamento, in sede di pianificazione, dei progetti e delle risorse ottenute finalizzandoli alla manutenzione e alla messa in sicurezza dei territori. I principali obiettivi da perseguire sono identificabili in: protezione di cittadini, infrastrutture, e servizi; assicurare comfort climatico e qualità urbana; diminuire il conflitto tra gli interventi umani e il contesto naturale in cui è inserito la città; ideare interventi di adattamento e mitigazione; promuovere lo sviluppo sostenibile e un uso responsabile ed ottimale delle risorse naturali; 6

8 rafforzare la coesione sociale tra i cittadini. Tali obiettivi prevedono tutta una serie di interventi a carattere prioritario in sei macro aree di seguito sintetizzate. Pianificazione territoriale: gli interventi in questo ambito prevedono innanzitutto una limitazione dell'uso del suolo a fini insediativi e la definizione di standard di miglioramento del suolo urbanizzato. Oltre alle porzioni di terra da utilizzare per gli insediamenti umani, vanno valutate anche le aree da destinare all'agricoltura e alle relative infrastrutture così come va effettuato un attento controllo idraulico onde evitare erosione del suolo e impatti dell'acqua in aree non adatte. Prevenzione e gestione della vulnerabilità territoriale: tale area riguarda soprattutto le risorse idriche e prevede l'attuazione di politiche ed interventi di adattamento che vanno dalla manutenzione ordinaria del suolo al fine di assicurarne la stabilità, fino alla realizzazione di opere di contenimento. Al centro degli interventi di prevenzione e gestione vi sono anche le aree costiere e la riorganizzazione delle attività agricole. Pianificazione urbanistica: prevede in via prioritaria la limitazione dell'espansione urbanistica, il riutilizzo di aree produttive dismesse e la riqualificazione del patrimonio edilizio (ove questo non sia stato abbandonato per ragioni di sicurezza). Uno degli ambiti di pianificazione urbana più incentivati riguarda sicuramente i settori dei trasporti e della mobilità e quello energetico. Ciclo dell'acqua: attraverso la riduzione dell'impermeabilità dei suoli, lo stoccaggio delle acque, la realizzazione di sistemi fognari duali, la realizzazione di sistemi fognari duali, il miglioramento dell'efficienza delle reti idriche ad uso domestico, il ripristino della funzionalità del sistema scolante delle acque attraverso un aumento delle aree verdi e la manutenzione dei corsi d'acqua naturali e artificiali e il rallentamento dell'effetto ruscellamento dell'acqua piovana. Verde urbano: tale obiettivo si basa sulla consapevolezza che le aree verdi favoriscano la termoregolazione dei nuclei urbani ed attenuino il già citato effetto dell'onda di calore. La funzione microclimatica del verde urbano può essere realizzata attraverso la previsione di aree verdi pubbliche che, come dimostrato innumerevoli volte hanno anche una funzione sociale. La previsione di spazi verdi comuni, infatti, può contribuire alla riqualificazione urbana di aree degradate economicamente e socialmente, così come l'assegnazione di orti urbani a donne e uomini in contesti sociali difficili possono aiutare questi ultimi a migliorare la loro posizione e ad acquisire un mestiere. Senza contare gli ovvi benefici in termini economici e ambientali del riuscire a provvedere, anche solo parzialmente, a parte del proprio sostentamento. servizi socio-sanitari: quest'ultima area riguarda l'acquisizione della consapevolezza, da parte di cittadini e servizi sanitari, degli indubbi e manifesti effetti che i cambiamenti climatici hanno sulla salute umana. Vanno dunque previste azioni mirate verso i soggetti più deboli e a rischio (bambini e anziani) attraverso, ad esempio, servizi di allerta, monitoraggio e pronto intervento 13. In tale frangente, le politiche locali possono giocare un ruolo rilevante come luoghi di sperimentazione e di azione diretta e immediata di nuove politiche atte ad accrescere le capacità di adattamento e di mitigazione in una unica strategia tematica sul clima. In questo senso la scala urbana di analisi e intervento risulta fondamentale proprio per capire i possibili ruoli delle aree urbane connessi alla definizione di soluzioni replicabili, sia in termini di strategie di lungo termine che di intervento per la messa in sicurezza e per ridurre alcune criticità che sempre più potranno toccare aree diverse del Pianeta: disponibilità di acqua dolce, di cibo, riduzione della biodiversità, impatti sulla salute e in particolare su alcune fasce della popolazione. 13 (Bulgarelli V., e AA.VV Gruppo di Lavoro A21 Italiane Città sostenibili, 2011). 7

9 Il contributo dell'international Center for Climate Governance (ICCG) e la realizzazione dell'osservatorio Best Climate Practices Nell'ambito delle sue attività, nel marzo del 2013 l'international Center for Climate Governance (ICCG) ha dato vita ad un osservatorio, il Best Climate Practices, dedicato alla raccolta di buone pratiche e iniziative, sul tema dei cambiamenti climatici, che meritano attenzione per la loro originalità ed efficacia. La piattaforma si configura non solo come un contenitore di iniziative ma come un punto di incontro tra cittadini, istituzioni, imprese e mondo della ricerca, in modo tale da favorirne il dialogo e creare sinergie che portino alla realizzazione di progetti di adattamento e mitigazione ai cambiamenti climatici. Inoltre, lo strumento stimola la partecipazione degli utenti dando loro la possibilità di votare le pratiche e inviarne di nuove. Ad aprile dello stesso anno, con l'obiettivo di dare un contributo concreto nella lotta ai cambiamenti climatici e favorire il dialogo tra una molteplicità di attori rilevanti (cittadini, imprese, stakeholder, politici, ricercatori) nell'ambito dell'osservatorio è stato inoltre lanciato il concorso dal titolo: Best Climate Practices Call for proposals Climate Change and Urban Resilience. How to prepare our cities to respond to climate changes related challenges. Il tema del concorso è ruotato attorno al concetto di resilienza urbana e ha richiesto agli utenti, facenti parte o meno del settore, di inviare attraverso un apposito modulo on line delle iniziative particolarmente brillanti che potevano essere sia il frutto del loro ingegno o il risultato di una loro ricerca (e pertanto ideate da qualcun altro). Il concorso si è chiuso il 21 giugno e nelle due settimane successive sono state elette le due pratiche vincitrici: la prima selezionata dagli utenti attraverso la votazione on line, che richiedeva l'assegnazione di un voto qualitativo alle pratiche presenti in base a quattro criteri: originalità; capacità di essere riadattate in diversi contesti geografici e sociali; costi di realizzazione; potenziali benefici apportati alla lotta ai cambiamenti climatici. e l'altra selezionata da una giuria di esperti formata da Robert Socolow (Princeton University), Raffaello Cervigni (World Bank), Anthony Bigio (World Bank), Carlo Carraro (Università Ca' Foscari, ICCG) e Jean Corfee-Morlot (OECD). La pratica vincitrice del Premio degli Esperti è la Special Initiative for Rebuilding and Resiliency della città di New York, presentata dal Sindaco, Michael Bloomberg, il 6 dicembre Il piano, il cui costo stimato è di $19.5 miliardi, mira a trasformare la città in uno spazio urbano ad alto grado di resilienza, preparato ai possibili impatti dei cambiamenti climatici. L iniziativa dimostra come la città sia stata in grado di progettare un futuro di medio-lungo termine imparando dall esperienza dell Uragano Sandy, che nel 2012 costò la vita a 43 persone e distrusse 800 abitazioni della città. La pratica vincitrice del Premio degli Utenti è TORRI2020, un Piano d Azione per la Sostenibilità Energetica (PAES) progettato per Torri di Quartesolo, una municipalità di abitanti in provincia di Vicenza, che prevede l analisi delle potenzialità produttive di energia termica ed elettrica da fonti rinnovabili per ogni singolo edificio con l obiettivo di riduzione del 26% delle emissioni di CO2 entro il Il progetto è stato concepito da Diego Pellizzaro ed Emiliano Vettore, urbanisti e fondatori di Green DEV. Tra le numerose pratiche partecipanti al concorso, ha riscosso un ottimo successo, in termini di voti da parte degli utenti e di visualizzazioni, la ZERO+House. Quest'ultima, grazie ad un ottimo sistema di isolamento, all'installazione di pannelli solari, ad una pompa di calore ad energia geotermica e ad un sistema di gestione dell'energia ultramoderno, riesce ad avere un bilancio energetico annuale positivo, consentendo a chi vi abita di immettere l'energia in eccesso nella rete nazionale e al prezzo di mercato. Dall'analisi dei progetti inviati dagli utenti, e dall esperienza acquisita, risulta evidente come molte delle buone pratiche sviluppate nei paesi in via di sviluppo abbiano a che fare con la gestione e l'immagazzinamento dell'acqua. Tra le buone pratiche pervenute, una delle più interessanti e facilmente replicabili è il cartello stradale che cattura l'umidità dall aria, la depura e la converte in 8

10 acqua potabile disponibile agli utenti di passaggio. Il cartello, dunque, oltre a svolgere la sua normale attività pubblicitaria, è in grado di produrre 96 litri di acqua potabile al giorno nei mesi estivi. Il progetto è stato sviluppato da Clear Channel Peru e dalla facoltà di Ingegneria dell'università di Lima. A richiedere il coinvolgimento attivo dei cittadini è, invece, il progetto I Love Fossi, un manuale promosso e distribuito dalla Provincia di Venezia che fornisce alle istituzioni locali una serie di linee guida per la corretta manutenzione dei fossi e insegna agli stessi cittadini come gestirli e prendersene cura in modo da evitare allagamenti e alluvioni in caso di forti piogge. Conclusioni Come è stato ribadito più volte, è ormai evidente che il clima sta cambiando e così anche le strategie che mettiamo in atto per contrastarne le conseguenze. Le buone pratiche rappresentano una soluzione ottimale per affrontare la complessità delle problematiche ambientali sia per la loro potenzialità immediata d azione sia per il loro caratteristico approccio bottom-up. Molto spesso, infatti, la realizzazione di progetti volti alla sostenibilità o, più in generale, alla mitigazione e all adattamento dei cambiamenti climatici, è rallentata dai farraginosi processi decisionali tipici delle istituzioni nazionali e dei processi negoziali internazionali. A questo, vanno ad aggiungersi numerose barriere da abbattere affinché le buone pratiche dimostrino tutta la loro efficacia. L'ancora troppo scarsa sensibilità dei cittadini nei confronti della tutela dell'ambiente inteso come res publica, la diffusa sfiducia nelle personalità politiche, l'incertezza e il disaccordo all'interno della comunità scientifica e l'imperversare della crisi economica globale sono solo alcuni degli ostacoli all'affermazione di soluzioni efficaci per il clima e per l'ambiente. 9

11 Bibliografia Strati F., Apprendimento reciproco nelle strategie europee: metodo aperto di coordinamento e scambio di buone pratiche in AA.VV, Dare valore alle pratiche. Economia sociale e formazione continua per lo sviluppo del territorio. Esperienze EQUAL in Europa, Provincia di Trento, Taylor F., The Principles of Scientific Management, New York, Harper & Brothers Publishers, Bulgarelli V., e AA.VV Gruppo di Lavoro A21 Italiane Città sostenibili, (2011). Città resilienti. L adattamento dei sistemi urbani al cambiamento climatico. Linee di indirizzo per i Piani d Azione locale per l Energia Sostenibile e il Clima., in Commissione Europea (2005), Best practice a method for dissemination and implementation of project results, in ice.pdf Commissione Bruntland (1987), United Nations Conference on Environment and Development, Our Common Future, in Bigio A., (2013), The emerging agenda of urban resilience, Presentazione alla Convention annuale della divisione CCSD della Fondazione Eni Enrico Mattei, Isola di San Giorgio Maggio (Venezia), Ottobre ICLEI, Dichiarazione del Segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile Rio+20, comunicato stampa ufficiale, 21 giugno Commissione Europea, (2009). White Paper Adapting toc limate change., in Parlamento europeo, Risoluzione del 6 maggio 2010 sul Libro bianco della Commissione dal titolo L'adattamento ai cambiamenti climatici: verso un quadro d'azione europeo, in Hallegatte S., Corfee-Morlot J., Green C., Nicholls R., (2003), Nature Climate Change 3, World Bank Report. Borghi S., Turchiaruolo P., Pilati S., Paganelli C., Lavecchia C., Il clima cambia le città, Contributo dell'osservatorio Meteorologico di Milano Duomo (OMD) e di Climate Consulting S.r.l in collaborazione con Legambiente onlus. 10

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Citazione suggerita: Castellari S., Venturini S., Giordano F., Ballarin Denti A., Bigano A., Bindi M., Bosello F., Carrera L.,

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

GeMUN Genoa ModelUnited Nations

GeMUN Genoa ModelUnited Nations GeMUN Genoa ModelUnited Nations 1 Indice Checos èilgemun...3 PerchéprenderpartealGeMUN...4 ProssimieventiMUNaGenova...5 Laconferenzainpratica...6 Lastrutturadellaconferenza...7 StoriadelGeMUN...8 2 Che

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL 1 Indice della Relazione Tecnico-ambientale Indice delle Tabelle...3

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli