ATTO COSTITUTIVO DELLA ASSOCIAZIONE ITALIA CLASSI LASER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTO COSTITUTIVO DELLA ASSOCIAZIONE ITALIA CLASSI LASER"

Transcript

1 ATTO COSTITUTIVO DELLA ASSOCIAZIONE ITALIA CLASSI LASER

2 PREMESSA Questo documento costituisce un momento di analisi e di sintesi di scenari, obiettivi e politiche di governance, con specifico riferimento alla promozione della pratica sportiva ed in particolare nello sport velico. Tutte le politiche di promozione della attività sportiva determinano effetti rilevanti per la valenza ai fini sociali, per la salute ed il benessere psicofisico delle persone, per la diffusione di valori educativi, specie nei confronti dei giovani oltre che per le ricadute economiche. Lo sport è un settore dinamico, il cui impatto macroeconomico viene spesso sottovalutato. Inoltre i valori veicolati dallo sport e dalla pratica sportiva concorrono a sviluppare la conoscenza, la motivazione, lo spirito di sacrificio, l osservanza delle regole, il rispetto per gli altri, la solidarietà e la disciplina. Lo sport è un diritto della cittadinanza che le istituzioni debbono garantire, creando una offerta sportiva qualificata e sana che stimoli l allargamento della base dei praticanti. Da varie indagini emerge che quella sportiva, rappresenta una delle più ramificate reti, oggi esistenti nel paese, cui aderiscono circa 35 milioni di persone. Considerando le società sportive e le organizzazioni territoriali si contano quasi punti di offerta sportiva sul territorio nazionale. In una recente indagine del CONI viene confermato che il valore stimato della produzione direttamente o indirettamente legata allo sport e valutabile in oltre 50 miliardi di euro annui. Lo sport italiano si caratterizza anche nelle sfere: Valoriale - Dove i dati mostrano con chiarezza, quali siano i valori associati al mondo sportivo; rispetto delle regole, solidarietà, disciplina, spirito di squadra. Educativa - Lo sport rappresenta per infanzia e adolescenza la terza colonna nel settore educazione dopo famiglia e scuola. Salute e prevenzione - Le conseguenze sulla salute, determinate da scorretta alimentazione, la sedentarietà e in genere tutti gli stili di vita non salutari sono motivo di preoccupazione. La maggior qualità delle visite medico-sportive costituisce una grande opportunità di screening della popolazione giovanile italiana. Formazione - I corsi finanziati da vari soggetti istituzionali, ivi compresa la Scuola dello Sport del CONI, sono rappresentativi della vasta offerta formativa nel settore. Sport, naturalmente, significa anche volontariato dal momento che proprio nel settore sportivo ci sono centinaia di migliaia di volontari che vi operano a vario titolo e senza il cui apporto non sarebbe, forse, possibile praticare sport. Occorre anche ricordare come la pratica sportiva derivi oggi da motivazioni articolate tanto che: oggi si pratica sport per scelta e con sempre minori influenze esterne. Si pratica lo sport per mantenersi in forma migliorando la propria qualità di vita. È fortemente aumentata la pratica sportiva, sia in ambienti organizzati, come palestre o piscine, ma anche in luoghi non dedicati allo sport, come i parchi e le strade.

3 Ciò è davvero molto positivo, perché, come detto e come sottolineato dalla stessa OMS, una costante attività fisica adeguata alle condizioni individuali rappresenta un potente fattore positivo per la salute. Lo sport velico, che nel nostro paese ha una lunga tradizione, ha visto un sempre maggior incremento di praticanti. Questo comporta la necessità di una forte evoluzione delle strutture preposte alla gestione e soprattutto necessita della costruzione di un modello unificato a cui tutti i settori debbono richiamarsi. Le strutture che concorrono alla gestione di questo meraviglioso sport in tutte le sue varie sfaccettature, hanno bisogno di lavorare sinergicamente e la Federazione Italiana Vela rappresenta l autorità primaria, che, sentite le varie realtà, si occupa di stabilire le strategie di gestione delle varie componenti dello sport velico mettendo al centro il praticante. Lo sport velico è poi uno sport olimpico e questo settore merita, ovviamente, una particolare attenzione, tenuto conto che un atleta di classe olimpica ha iniziato la sua vita sportiva di solito prima dei 10 anni. Appare chiaro che quindi lo sport velico accompagna un atleta di classe olimpica per una lunga parte della sua vita, a partire da una età in cui gli aspetti formativi generali e quelli sportivi si fondono e dove si forma quella mentalità che renderà poi taluni delle eccellenze di questo sport ed altri eccellenze in altri settori della vita. Sulla base di questa considerazione dobbiamo quindi guardare con grande attenzione alla pratica della vela in questo settore e, tutte le componenti: atleti, famiglie tecnici giudici e dirigenti di circolo devono essere consapevoli del fatto che stanno partecipando in primis allo sviluppo di un persona. Tutto ciò premesso, si costituisce una ASD denominata Associazione Italia Laser. È rivolta a tutti i possessori e non d imbarcazione laser nei suoi vari armi: 4.7 maschile e femminile, Radial maschile e femminile, Standard maschile. Lo scopo è quello, in linea con quanto detto precedentemente, di promuovere, sviluppare e perfezionare la pratica dello sport velico. I valori guida di questa ASD sono: trasparenza, competizione, piacere. Trasparenza, attraverso una gestione democratica che faccia dell informazione capillare ai soci il suo vessillo. Trasparenza, attraverso regole di partecipazione semplici e chiare. Trasparenza nei bilanci di gestione. Competizione, con se stessi e con gli altri, alla ricerca del miglioramento continuo dove il risultato ottenuto sia un feedback del lavoro svolto. Competizione, nell essere disponibili a collaborare al miglioramento sportivo ed umano degli altri associati. Competizione, nel rispettare le regole del gioco e gli altri. Piacere nell appartenere. Piacere nel partecipare. Piacere nel migliorare. Con questo sistema valoriale di riferimento, si costituisce l Associazione Italia Classi Laser

4 ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DENOMINATA Associazione Italia Classi Laser L anno 2015, il giorno 4 del mese di febbraio i Signori: - Stefano Carnevali nato a Livorno (Li) il 22/06/1962 e residente a Livorno in Via Della Meloria n. 73 C.F. CRNSFN62H22E625F; - Galli Giovanni nato a Livorno (Li) il 31/12/1950 e residente a Livorno in Viale Italia n C.F. GLLGNN50T31E625D; - Talucci Giorgia nata a Latina (Lt) il 31/05/1976 e residente a Roma in Via Attilio Momigliano n. 27 C.F. TLCGRG76E71E472K; - Vivaldi Lorenzo nato a Firenze (Fi) il 20/12/1965 e residente a Sesto Fiorentino (Fi) in Via Due Giugno n. 37 C.F. VVLLNZ65T20D612W; - Panada Cristiano nato a Salerno (Sa) il 30/05/1968 e residente a Napoli in Via Don Luigi Sturzo n. 91 C.F. PNDCSAT68E30H703T; - Patacca Andrea nato a Giulianova (Te) il 22/11/1974 e residente a Giulianova (Te) in Via G. Galilei n. 324 C.F. PTCNDR74S22E058D; - Sorrentino Giuseppe nato a Torre del Greco (Na) il 04/04/1966 e residente a Sant Agnello (Na) in Vico Cappuccini n. 5 C.F. SRRGPP66D04L259K; - De Angelis Paolo nato a Trieste (Ts) il 18/12/1958 e residente a Monfalcone (Go) in Via Fratelli Fontanot n. 14 C.F. DNGPLA58T18L424K; - D Andria Francesco nato a Taranto (Ta) il 28/11/1958 e residente a Taranto in via Galilei n. 34 C.F. DNDFNC58S28L049P; - Lazzerini Fabrizio nato a Omegna (Vb) il 16/03/1974 e residente a Bosisio Parini (Lc) in Via Calchirola n. 24 C.F. LZZFRZ74C16G062U; - Emiliani Fabio nato a Ravenna (Ra) il 28/10/1969 e residente a Ravenna in Via Piceno n. 8 C.F. MLNFBA69R28H199O; - Gorgatto Marinella nata a Trieste (Ts) il 28/04/1966 e residente a Trieste in Via Principe di Montfort n. 1 C.F. GRGMNL66D68L424S; - Bertini Luigi nato a Trapani (Tp) il 23/12/1964 e residente a Palermo in Via M.

5 d Amelio n. 3 C.F. BRTLGU64T23L331K; - Valente Edoardo nato a Roma (Rm) il 02/09/1986 e residente a Ostia Lido (Rm) in Via G.F. Fortunati n.14 C.F. VLNDRD86P02H501E - Favaron Lino nato a Venezia (Ve) il 22/08/1955 e residente a Mirano (Ve) in Via Belluno n.31 C.F. FVRLNI55M22L736O convengono e stipulano quanto segue: ART. 1) Tra i signori sopra menzionati viene costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica non riconosciuta denominata ASSOCIAZIONE ITALIA CLASSI LASER. ART. 2) L Associazione ha sede in Viale Italia n.133 in Livorno (Li) Cap Essa potrà istituire sedi secondarie e unità locali per lo svolgimento delle proprie attività in altri luoghi. ART. 3) L Associazione è regolata, oltre che dalle disposizioni legislative sulle associazioni non riconosciute (art C.C.), da quelle contenute nel presente atto costitutivo di cui fa parte integrante lo Statuto sociale che sottoscritto dalle parti viene allegato (allegato A). ART. 4) Sono Organi Sociali: a) l Assemblea dei Soci; b) il Consiglio Direttivo; c) il Presidente del Consiglio Direttivo. ART. 5) La durata e gli scopi dell Associazione, le condizioni per l ammissione dei Soci, le norme che regolamentano la vita dell Associazione sono contenute e disciplinate nel citato statuto sociale allegato al presente atto. ART. 6) La quota di iscrizione dei Soci che entreranno a far parte dell Associazione e quella di partecipazione dei già Soci per gli anni successivi, sarà determinata annualmente dal Consiglio Direttivo. ART. 7) L esercizio sociale inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Alla fine di ogni esercizio sociale, il Consiglio Direttivo procederà obbligatoriamente alla compilazione del rendiconto economico/finanziario con criteri di oculata prudenza, possibilmente entro il dell anno successivo.

6 ART. 8) A comporre il primo Consiglio Direttivo, tutti i comparenti, all unanimità, eleggono i Signori presenti sopra menzionati, i quali accettano la carica. Gli stessi, seduta stante, eleggono Presidente Carnevali Stefano, Vice Presidente Talucci Giorgia, Segretario Nazionale Galli Giovanni, Tesoriere Vivaldi Lorenzo, Consigliere Patacca Andrea, Consigliere Panada Cristiano, Consigliere Sorrentino Giuseppe, i quali accettano pro-tempore le rispettive cariche fino alla prima Assemblea elettiva che si terrà in occasione del Campionato di Distretto in programma a Civitanova Marche nel mese di luglio ART. 9) Per tutto quanto non espressamente previsto in questo atto, le parti si richiamano alle vigenti disposizioni di legge in materia di associazioni sportive dilettantistiche affiliate ad Enti riconosciuti CONI ed iscritte al Registro Nazionale del CONI. Le spese del presente atto, conseguenti e dipendenti, sono a carico dell Associazione stessa. Letto, confermato e sottoscritto in Napoli (Na) il 4 febbraio 2015: Presidente: Vice Presidente: Stefano Carnevali Giorgia Talucci Segretario Nazionale Giovanni Galli Tesoriere: Consigliere Lorenzo Vivaldi Andrea Patacca Consigliere Consigliere Cristiano Panada Giuseppe Sorrentino I soci fondatori Paolo De Angelis Francesco D Andria

7 Fabrizio Lazzerini Fabio Emiliani Marinella Gorgatto Luigi Bertini Edoardo Valente Lino Favaron

8 Statuto della Associazione Sportiva Dilettantistica Associazione Italia Laser. ARTICOLO 1 È costituita tra i proprietari di natanti delle classi riconosciute dall'isaf e dalla FIV: Laser Standard, Laser Radial e Laser 4,7, ai sensi degli artt. 36 e segg.ti cod civ. una associazione sportiva con carattere dilettantistico denominata "ASSOCIAZIONE ITALIA CLASSI LASER" con sede in Livorno, presso il domicilio stabilito dal Presidente in carica. ARTICOLO 2 L'Associazione, che non persegue fini di lucro, anche in forma indiretta, ha lo scopo, in stretta osservanza delle funzioni, obiettivi, limiti e controlli dei principi informatori Coni, dello Statuto FIV (Federazione Italiana Vela), del Regolamento allo Statuto FIV, dei regolamenti sportivi e delle disposizioni della Federazione Italiana Vela FIV, ed ispirandosi ai principi di uguaglianza e di democrazia interna, di: a) provvedere alla diffusione delle informazioni relative all'attività velica delle derive monotipo Laser Standard, Radial e 4,7 nel distretto; è definito Distretto l'intero territorio nazionale; b) promuovere e propagandare le regate che si svolgono nel Distretto; c) promuovere l'aspetto ricreativo e sportivo dell imbarcazione anche attraverso la costituzione di flotte zonali (in rappresentativa delle Zone FIV) nel Distretto; d) coordinare l'attività del proprio distretto con quella degli altri Distretti internazionali ed europei. ARTICOLO 3 Possono far parte dell'associazione tutte le persone fisiche che, proprietarie dei natanti, praticano lo sport della vela con le classi internazionali Laser Standard, Laser Radial, Laser 4,7. ARTICOLO 4 a) Può essere riconosciuta dall'associazione una flotta zonale se formalmente costituita da 6 o più soci, ciascuno proprietario di un Laser, con scrittura privata depositata presso la segreteria di Classe. b) La base della flotta sarà situata in una località o presso un circolo velico giudicati facili da raggiungere per tutti i componenti della flotta ed adeguati per svolgere regate. Il Presidente Il segretario Il tesoriere Il consigliere Il vice presidente Il consigliere Il consigliere

9 c) In deroga al comma precedente può essere riconosciuta una flotta speciale in qualsiasi località per esigenze specifiche di membri delle forze armate, di un istituto educativo, o di qualsiasi altra organizzazione senza scopo di lucro. d) Il capitano della flotta Delegato di zona -, è democraticamente eletto annualmente dai soci con diritto di voto territorialmente appartenenti alla flotta, con le modalità previste dall art. 7 dello statuto dell'associazione, in quanto applicabili. Il capitano della flotta delegato di zona. ARTICOLO 5 a) Il Consiglio Direttivo dell'associazione è composto da 7 soci eletti dall'assemblea nazionale che durano in carica per un quadriennio olimpico e potranno essere nuovamente eletti per massimo due mandati. Il Consiglio Direttivo è composto da: il Presidente, il Segretario Nazionale, il Vice Presidente, il Tesoriere e tre Consiglieri. Possono essere eletti a far parte del consiglio direttivo i soci maggiorenni iscritti alla classe con un anzianità di almeno due anni. In caso di mancata indizione dell'assemblea elettiva o in caso di mancata presentazione di candidature non è prevista prorogatio delle cariche. In tali casi il Consigliere più anziano d'età provvederà a convocare l'assemblea elettiva. Ove non vi provveda nessuno sarà la FIV a nominare un commissario ad acta per gli adempimenti urgenti e la convocazione dell Assemblea elettiva. b) Il Presidente è il rappresentante legale dell'associazione, il responsabile di tutte le attività del Distretto; rappresenta il Distretto al convegno annuale della Regione e nelle relazioni con la FIV, in conformità con la Costituzione dell International Laser Class Association ILCA; presiede le assemblee e riunioni annuali del Distretto; provvede a formalizzare l elezione dei Delegati di zona; provvede al tesseramento; mantiene i contatti con la Federazione Italiana Vela. c) Il Segretario Nazionale attua tutte le direttive impartite dal Consiglio Direttivo oltre a provvedere a tutti gli atti di ordinaria amministrazioni concernenti l attività dell associazione e le inerenti disposizioni della FIV in materia. d) Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di assenza o impedimento dello stesso. e) Il Tesoriere custodisce la cassa sociale, attribuisce i fondi alla segreteria sui programmi approvati dall'assemblea e dal Consiglio Direttivo, intrattiene i rapporti finanziari conseguenti alla vita dell'associazione in concerto con il Segretario Nazionale, predispone i bilanci, preventivo e consuntivo, che devono essere approvati dall assemblea nel termine massimo del 31 dicembre. f) Il Consiglio Direttivo può approvare un regolamento organico conforme ai principi dello statuto. g) Il Consiglio Direttivo è convocato anche per vie informatiche con un preavviso di tre giorni unitamente all'ordine del giorno. La presenza legale in Consiglio Direttivo potrà essere assolta attraverso videoconferenza. Di tale modalità dovrà essere data contezza nel verbale. Il Consiglio Direttivo può Il Presidente Il segretario Il tesoriere Il consigliere Il vice presidente Il consigliere Il consigliere

10 deliberare con la presenza della maggioranza dei componenti eletti e delibera a maggioranza semplice. h) Tutte le cariche sono gratuite. i) Il Consiglio Direttivo può nominare commissioni e comitati con compiti istruttori, tecnici, di direzione sportiva, di approfondimento specifici. Le commissioni sono composte da soci dell'associazione. È possibile indire referendum consultivi tra gli associati con forme, anche telematiche, che garantiscano la legalità e la massima partecipazione delle consultazioni. l) Tutti i componenti del Consiglio Direttivo, dei Collegi dei Probiviri e dei Revisori dei Conti dovranno essere tesserati FIV. ARTICOLO 6 Il Collegio dei Revisori dei conti è formato da un Presidente, due componenti effettivi e due supplenti, tutti eletti tra i soci maggiorenni che si saranno candidati negli stessi termini del Consiglio Direttivo. Il Collegio trasmette all'assemblea annuale il suo parere sui bilanci, preventivo e consuntivo, e può esercitare in qualsiasi momento il sindacato ispettivo sulle casse e sul bilancio dell Associazione. ARTICOLO 7 Il Collegio dei Probiviri è formato da un Presidente, due componenti effettivi e due supplenti, tutti eletti tra i soci maggiorenni che si saranno candidati negli stessi termini del Consiglio Direttivo. È competente per l'istruzione e l'irrogazione dei provvedimenti disciplinari in primo grado. ARTICOLO 8 a) I Capitani di flotta - Delegati di zona -, rappresentano l'associazione di Classe all'interno del territorio di competenza e nelle relazioni con i Comitati di Zona della Federazione Italiana Vela. In sessione disciplinare, l Assemblea dei Capitani di flotta Delegati di zona - decide a maggioranza semplice sull impugnazione dei provvedimenti disciplinari irrogati dal Collegio dei Probiviri. b) Il Capo Stazzatore Ufficiale nazionale è nominato dal Capo Stazzatore dell'international Laser Class Association ILCA, ed è responsabile dei controlli di stazza e delle verifiche di conformità, nel rispetto delle disposizioni della FIV, quale Autorità Sportiva Nazionale; questa carica può essere cumulativa con una carica del Consiglio Direttivo. c) In occasione di manifestazioni FIV, valgono tutte le norme relative alla normativa stazze federali. ARTICOLO 9 Il Presidente Il segretario Il tesoriere Il consigliere Il vice presidente Il consigliere Il consigliere

11 a) L'assemblea nazionale è convocata dal Presidente dell'associazione in data, ora, luogo e ordine del giorno stabiliti dal Consiglio Direttivo. Quella elettiva e quelle straordinarie preferibilmente in occasione di eventi sportivi a calendario nazionale con grande partecipazione. b) L indizione dell assemblea nazionale dovrà avvenire almeno 40 giorni prima della data di convocazione di cui al successivo punto c. c) La convocazione dell'assemblea con l'ordine del giorno dovrà essere inviata a tutti soci in regola con la quota associativa almeno trenta giorni prima a mezzo posta certificata e immediatamente pubblicata sul sito dell'associazione e su quello della FIV. d) L'Assemblea nazionale delibera a maggioranza semplice sull'approvazione dei bilanci, preventivo e consuntivo, sui programmi sportivi per l'anno successivo da proporre alla FIV, elegge il Consiglio Direttivo, il Collegio dei Probiviri e quello dei Revisori dei Conti, sia in caso di rinnovo che di integrazione per dimissioni, e determina l'ammontare della tassa annuale di iscrizione. e) Le Assemblee della Flotte Zonali sono convocate dai rispettivi capitani di flotta Delegati di zona, secondo i medesimi termini, modalità e maggioranze deliberative dell Assemblea Nazionale. f) Tutti i soci in regola con la quota associativa per l'anno in corso hanno diritto di partecipare all'assemblea Nazionale o della Flotta Zonale. Hanno elettorato attivo e passivo i soli soci maggiorenni. g) L'Assemblea nazionale ordinaria, straordinaria ed elettiva è valida in prima convocazione quando è presente almeno il 50% dei soci con diritto di voto, in seconda convocazione con almeno il 20% dei soci con diritto di voto. L'Assemblea delibera con il voto favorevole della maggioranza dei soci presenti di persona e per delega, ad eccezione di quella per le modifiche del presente statuto per le quali è necessario il voto favorevole di almeno due terzi dei soci con diritto di voto presenti. L Assemblea straordinaria delibera lo scioglimento dell Associazione con il voto favorevole di almeno tre quarti dei soci presenti con diritto di voto. Le modifiche statutarie dovranno essere previamente notificate alla FIV prima di essere proposte all'assemblea per il visto di conformità alle normative CONI e FIV. h) Ad ogni socio con diritto di voto potranno essere attribuite per iscritto n 2 deleghe da altrettanti soci con diritto di voto. i) La richiesta di mettere all ordine del giorno un argomento va sottoposta per iscritto alla Segreteria della Associazione di Classe entro 7 giorni naturali prima dalla data di celebrazione dell assemblea di cui al punto c). l) La candidatura ad una carica del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Revisori dei conti e del Collegio dei Probiviri deve essere inoltrata all Associazione mediante raccomandata o equipollente informatico entro 7 giorni naturali prima dalla data di celebrazione dell assemblea di cui al punto c). Il Presidente Il segretario Il tesoriere Il consigliere Il vice presidente Il consigliere Il consigliere

12 m) Le votazioni per l elezione degli organi sociali e quelle relative ad affari personali dei soci devono esse re effettuate a scrutinio segreto. n) L'Assemblea nomina un Presidente e un Segretario e, se necessario, due scrutatori. Spetta al Presidente dell'assemblea constatare la regolarità della convocazione e delle deleghe e in genere il diritto di intervenire alla riunione. Di ogni riunione di Assemblea si redige processo verbale firmato dal Presidente, dal Segretario e dagli eventuali scrutatori. ARTICOLO 10 L'ammontare della tassa d iscrizione, fissato ogni anno dall'assemblea, deve essere versato prima di prendere parte a qualsiasi regata secondo quanto stabilito dall'articolo 9 delle Regole di Classe dell'international Laser Class Association ILCA. ARTICOLO 11 a) L'anno finanziario decorre dal primo gennaio al 31 dicembre di ciascun anno. b) L'anno sportivo decorre dal 15 ottobre di ogni anno al 14 ottobre dell'anno successivo. ARTICOLO 12 La disciplina nei confronti dei soci viene amministrata da: 1) La Commissione Disciplinare ILCA, che commina eventuali sanzioni con valenza internazionale, quali le sospensioni della tessera ILCA. 2) L Associazione può deferire alle rispettive Commissioni Disciplinari FIV ed ILCA, il socio tesserato per la Autorità Sportiva Nazionale che si sia reso partecipe di fatti particolarmente gravi (quali comportamenti sconvenienti, o violenti, verbo inadeguato, insulti, bestemmie eccetera ) che compromettano il buon nome del Associazione Italia Classi Laser e che si verifichino: a) nell ambito di manifestazioni sportive della Classe; b) nel tempo compreso dal momento dell iscrizione alla conclusione dell evento. 3. In seguito al verificarsi di fatti come citati al precedente comma, l Associazione ha il diritto di agire con immediatezza comminando, attraverso gli organi interni di giustizia, i seguenti provvedimenti disciplinari: a) Sospendendo i diritti di socio ad un membro dell Associazione per periodi definiti nell ambito dell anno sociale. Ciò comporta: i. la non eleggibilità nelle regate nazionali e zonali ufficiali; ii. l esclusione dai punteggi di Ranking List per il periodo di sospensione. b) Non rinnovando la tessera alla sua scadenza annuale. c) Deplorando quanto avvenuto. Il Presidente Il segretario Il tesoriere Il consigliere Il vice presidente Il consigliere Il consigliere

13 4. I fatti esposti ai paragrafi 2 e 3 potranno essere segnalati al Collegio dei Probiviri dell'associazione da soci, componenti del Consiglio Direttivo, ed Ufficiali di regata nominati dalla Autorità Sportiva Nazionale per l'evento sportivo. 5. In seguito a tale segnalazione il Collegio dei Probiviri si riunirà appena possibile dopo i fatti -anche in videoconferenza- e nel rispetto del principio di contestazione e del contraddittorio, delibererà a maggioranza semplice ed a scrutinio segreto l irrogazione di uno dei provvedimenti disciplinari come indicato ai precedenti commi 3a, 3b, 3c. 6. Quando venga comminato un provvedimento disciplinare, questo dovrà essere formalmente comunicato: - al socio; - alla Società velica di appartenenza; - alla Procura Federale dell Autorità Sportiva Nazionale competente; - all ILCA; e pubblicato sul sito web dell'associazione; In caso di sospensione dei diritti di Socio la comunicazione dovrà indicare la data d inizio e di termine del periodo di sospensione. 7. Il socio colpito dal provvedimento disciplinare potrà impugnarlo entro 10 giorni dalla sua comunicazione dinanzi alla Assemblea dei Capitani di flotta - Delegati di zona in sessione disciplinare, la quale deciderà a maggioranza semplice ed a scrutinio segreto. 8. Il procedimento disciplinare e la sanzione sono indipendenti dall esito dei giudizi disciplinari eventualmente incardinati presso l ILCA e la FIV, salvo il vincolo di giustizia CONI. ARTICOLO I provvedimenti adottati dagli organi dell Associazione competenti hanno piena efficacia nei confronti dei soci, salvi il ricorso in autotutela o l'impugnazione agli organi interni o di vigilanza, ove previsti. 2. Qualsiasi controversia tra l Associazione e i soci o tra i soci stessi, o tra l Associazione e la FIV, correlata all attività sociale deve essere composta mediante arbitrato promosso secondo lo statuto FIV. 3. L inosservanza di dette disposizioni costituisce illecito disciplinare ai sensi dell art. 63 dello Statuto FIV. Il Presidente Il segretario Il tesoriere Il consigliere Il vice presidente Il consigliere Il consigliere

14 ARTICOLO 14 Lo scioglimento dell Associazione è deliberato da specifica assemblea straordinaria. L eventuale attivo dell Associazione non potrà essere ripartito tra i soci e sarà devoluto ad associazioni sportive od enti pubblici con analoghe finalità. ARTICOLO 15 Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano il Codice Civile, le leggi dello Stato Italiano, le norme ed i regolamenti della FIV e del CONI e quelle dell'ilca. Il Presidente Il segretario Il tesoriere Il consigliere Il vice presidente Il consigliere Il consigliere

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO I GENERALITÀ Natura giuridica Art. 1. La sezione Bellinzona e Valli del Club Alpino Svizzero (detta in seguito semplicemente Sezione) è

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento generale e dell attività dei Volontari è derivato dallo statuto dell Associazione ed in particolare

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA Articolo 1 (costituzione e denominazione) È costituita con sede presso il Comune di Brugherio la Società Cooperativa denominata "Il Brugo società cooperativa

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva LPP Swiss Life, Zurigo (Fondazione) Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

PARTE I - NORME GENERALI

PARTE I - NORME GENERALI Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 - Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado (s.o. G.U. n.115 del 19/5/1994) PARTE

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA STATUTO CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO Articolo 1 Costituzione, sede durata È costituito, ai sensi dell'art.2602 del Codice Civile e della

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli