La navigazione marittima

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La navigazione marittima"

Transcript

1 La navigazione marittima

2 In mare verso il nuovo mondo Nel 1492, la scoperta dell America a opera di Cristoforo Colombo aveva aperto una nuova era, tanto da essere considerata come un vero e proprio spartiacque fra il Medioevo e l età moderna. La navigazione transoceanica estese gli orizzonti europei, grazie al progresso nelle costruzioni navali e nelle dimensioni dei natanti, che passarono dalle 50 tonnellate delle piccole «caravelle» di Colombo fino al massimo di 500 tonnellate per qualche «caracca» cinquecentesca.

3 Le dimensioni navali Caravelle di Colombo Caracca

4 I traffici marittimi L «arte marinara» migliorò con l utilizzo di strumenti come la bussola, usata in mare aperto per comprendere la direzione; gli astrolabi, impiegati per stabilire la declinazione del sole e conoscere la latitudine; e i portolani, carte nautiche con la descrizione di coste, rotte e distanze commerciali. Vi fu un forte incremento dei traffici marittimi fra i diversi paesi, finché nel corso del XIX secolo, con il diffondersi della rivoluzione industriale, in Europa aumentò sempre più la domanda di materie prime, che arrivò a condizionare la produzione degli altri continenti. Dal 1818 cominciarono a circolare i piroscafi, cioè le navi a motore.

5 Gli armatori La crescita delle navi e il bisogno dei rifornimenti di combustibile determinarono il moltiplicarsi delle cifre da investire in ciascun natante, facendo lievitare le spese per servizi accessori lungo le linee marittime. Per questo motivo fu necessaria un espansione degli investimenti di capitale, nonché una concentrazione delle compagnie navali: si realizzò quindi definitivamente la scissione dell attività mercantile da quella cantieristica e da quella armatoriale.

6 Porti e investimenti statali Gli stessi porti non furono più appannaggio dei mercanti, perché la loro costruzione richiedeva ora somme ingenti che soltanto gli Stati potevano stanziare, visto che neppure i capitali delle comunità cittadine si rivelavano sufficienti. I porti diventarono fondamentali per la politica economica e per la politica estera degli Stati, risultando indispensabili per lo sviluppo manifatturiero, richiesti dalla stessa grande industria che non era in grado di costruirli ma che ne aveva assoluta urgenza.

7 Il mare come simbolo di unità La conquista al Regno d Italia della parte meridionale della penisola fu realizzata a bordo dei piroscafi della compagnia navale di Genova, fondata da Raffaele Rubattino. Sui piroscafi Rubattino viaggiarono i Mille per raggiungere la Sicilia da Quarto di Genova nel maggio 1860 con le navi Lombardo e Piemonte. Quadro che raffigura lo sbardo dei Mille in Calabria.

8 Piroscafo Piemonte Immagini

9 Le navi nel Regno d Italia Negli anni 1860, i piroscafi a vapore del Regno d Italia costituivano appena il 2% della flotta velica e per circa la metà erano in legno, a ruote anziché a elica e di modesta portata. Le navi in ferro risultavano appena 25, della portata totale di tonnellate. I cantieri nazionali erano poco propensi a riconvertirsi al ferro, perché ben affermati nel settore della vela a scafo in legno, nel quale ricevevano numerose commesse pure dall estero.

10 Cantieristica italiana Un altra ragione era dovuta all elevato costo del ferro in Italia, dove invece il buon legname come quello di quercia e la stoffa di canapa per le velature si trovavano a basso prezzo. L attività cantieristica era assai sviluppata, sebbene con manifatture di piccole o piccolissime dimensioni: ben 281 erano le imprese di costruzione nel 1868, presso le quali lavoravano quasi maestri d ascia e calafati. I cantieri più noti si trovavano a Venezia, Genova e Castellammare.

11 Costruzione di navi in ferro La costruzione di navi in ferro nella penisola iniziò a Genova nel 1854, con alcuni natanti commissionati dallo Stato e destinati all escavazione dei porti, ma progredì con lentezza. Dopo l unità nazionale si dovette ricorrere ai cantieri stranieri, specialmente a quelli inglesi, dove venivano acquistate navi sia nuove che di seconda mano, sostituite dagli armatori esteri

12 Le convenzioni marittime Con particolare urgenza il governo dovette affrontare la questione del collegamento tra i porti del Regno mediante un sistema di navi a vapore, visto che mancavano le ferrovie e il cabotaggio lungo le coste rappresentava per il momento l unico potenziale servizio di trasporto nazionale. Le linee di navigazione vennero affidate a tre grandi compagnie nell aprile 1862: Rubattino di Genova: Sardegna, Toscana, Marsiglia e Tunisi; Accossato Peirano e Donovaro: Genova Livorno Roma Napoli, la settimanale Napoli Ancona che faceva scalo in tutti i principali centri del meridione, la bisettimanale Genova Palermo; Florio, per la linea Palermo Livorno Genova e la circumsiciliana fino a Tunisi.

13 Marina a vapore e cabotaggio Nel 1862 vennero varati in Italia 215 vascelli tutti in legno, mentre la marina a vapore rimaneva limitata ai viaggi tra i porti della penisola, arrivando al massimo fino a Marsiglia o Tunisi. Sulle rotte domestiche, d altra parte, il cabotaggio veniva esercitato anche dai mercantili inglesi e tedeschi, e nell Adriatico il predominio era del Lloyd austriaco di Trieste.

14 Carbone e grano A causa dell incompiuta opera di modernizzazione economica e tecnica, la marina italiana entrò in crisi pochi anni dopo l unificazione. Con il perfezionamento dei motori a vapore, cui vennero applicate macchine a duplice e triplice espansione che permisero minori consumi e maggiore velocità, si accrebbe gradualmente il ruolo dei piroscafi. Il ritardo tecnologico fece perdere competitività ai mercantili nazionali: divennero appannaggio delle marine estere i due principali tipi di carico trasportati in precedenza dalla marina italiana: il carbone per il Mediterraneo e i grani russi per i porti del Mare del Nord.

15 Leggi e codici Il governo italiano non esercitò inizialmente un adeguata opera di promozione della flotta commerciale, ma si dedicò a uniformare la legislazione e soprattutto a garantire i servizi postali e passeggeri. Nel 1861 vennero estesi alle nuove province le leggi e i regolamenti che reggevano la marina piemontese e l anno successivo si unificò il sistema di stazzatura delle navi; nel giugno 1865 venne emanato il Codice della marina mercantile.

16 Cultura navale Furono stipulati trattati di navigazione con gli Stati dove i mercantili italiani avrebbero potuto approdare, e dal 1868 cominciò a uscire la Rivista Marittima, a testimonianza di una crescita dell interesse culturale per le navi. Le vicende navali si legarono al nuovo Stato unitario, con lo sviluppo della siderurgia, le relazioni commerciali, le conquiste coloniali, l emigrazione.

17 Navigazione e colonialismo Alla navigazione di linea fu legata la prima espansione coloniale italiana, la baia di Assab sul Mar Rosso, il cui acquisto venne concluso nel novembre 1869, quando fu aperto il canale di Suez, dalla compagnia Rubattino. In vista dell imminente apertura del canale, infatti, la Rubattino aveva iniziato una linea quindicinale di piroscafi da Genova all Egitto, con un tempo di percorrenza di 9 giorni. Rubattino intendeva prolungare il tragitto delle sue navi fino all India, paese che dominava il commercio europeo d oltremare, e aveva bisogno di un punto per il rifornimento del carbone.

18 Piroscafi per le Indie In caso contrario, infatti, le navi italiane avrebbero dovuto fare scalo nel porto inglese di Aden o in quello che i Francesi stavano realizzando a Obock. Il primo piroscafo di linea, denominato Africa, giunse ad Assab il 9 marzo 1870, proseguendo poi per Bombay e avviando un collegamento periodico tra Italia e India. Nel luglio 1872 vennero stipulate importanti convenzioni per nuove linee di navigazione: con la società Rubattino per il prolungamento in India della linea per Alessandria; con la compagnia Peninsular & Oriental per portare a Brindisi la Valigia delle Indie.

19 Colonie italiane

20 La Colonia Eritrea

21 Nuove convenzioni marittime Nel giugno 1877 fu approvato un nuovo sistema di concessioni, che limitò le linee litoranee, non più utili per la presenza di ferrovie, e migliorò i rimanenti servizi, come quelli fra terraferma e isole di arcipelaghi. Furono anche istituite nuove linee internazionali da Genova a Singapore, da Palermo e Venezia a Smirne e Salonicco. I servizi furono tutti affidati alle società Florio (che aveva incorporato la Trinacria) e Rubattino, le quali nel luglio 1881 si fusero costituendo la Navigazione generale italiana, con l appoggio del governo che vedeva di buon occhio la formazione di una grande compagnia.

22 Navigazione generale La Navigazione generale ebbe inizialmente 83 piroscafi, 43 provenienti dalla Florio e 40 dalla Rubattino, ma ne acquistò subito altri 6, divenendo la seconda compagnia del Mediterraneo e ingrandendosi ulteriormente negli anni successivi con l inglobamento di compagnie minori che cessavano il servizio. Lo Stato garantì alla nuova società forti sussidi per l esercizio delle linee navali e la stessa mantenne per quasi 30 anni il monopolio dei principali servizi concessi, istituendo comunque anche linee non sovvenzionate per l India, la Cina, l Oceania e soprattutto per le due Americhe, a sostegno della crescente emigrazione.

23 Il naviglio italiano Il naviglio italiano, dopo aver raggiunto la massima espansione di tonnellate con navi nel 1876, discese nel 1881 a tonnellate con unità, e non solo per gli effetti della depressione economica che colpiva l Europa. La rapidità con cui procedeva l incremento delle marine straniere, aiutate dai rispettivi governi per l affermarsi in tutto il continente di una nuova ondata protezionistica, rese indispensabile un intervento statale.

24 La tariffa doganale Con la tariffa doganale si volevano incentivare le costruzioni e i servizi di navi nazionali, concedendo anticipazioni senza interessi per l acquisto di piroscafi e premi di navigazione legati alla percorrenza e alla capacità dei mercantili. Questo nell intento di assicurare in certo modo al capitale investito in imprese di navigazione, se non un minimo d interesse, almeno un contributo sul quale l armatore potesse contare con sicurezza.

25 I risultati della protezione La legge non ottenne quanto auspicato per la produzione navale: nel decennio successivo, tra le navi a vapore in ferro superiori a 500 tonnellate soltanto 11 furono costruite nei cantieri nazionali, mentre 107 vennero acquistate all estero anche usate, tanto che la marina mercantile italiana fu detta «marina di rigattieri». Si compravano cioè dei grandi «ferrivecchi» inglesi, sfruttandoli poi fino all estremo, dato che si era coperti dalle sovvenzioni statali poco attente alla qualità dei servizi. Migliore fu l esito per quanto riguardava l incremento dei piroscafi rispetto ai velieri: dei primi entrarono in esercizio complessivamente circa tonnellate, dei secondi appena tonnellate. Allo stesso tempo terminava la costruzione di navi in legno, con gli ultimi 15 bastimenti a vela fabbricati dal 1890 al 1904 per il lungo corso

26 Il primo Novecento Nel complesso, sul lungo periodo il protezionismo marittimo diede buoni frutti: i mercantili a vapore erano 176 nel 1881 per un tonnellaggio complessivo di tonnellate. Nel 1914 il loro numero era arrivato a 949, raggiungendo le tonnellate. Nel primo Novecento la modernizzazione navale dell Italia era giunta a compimento e i suoi battelli risultavano ormai in linea con i parametri dei maggiori Stati europei.

27 I porti I porti richiesero azioni assai dispendiose per la crescita delle dimensioni navali e per le caratteristiche fisiche della penisola, priva di adeguate insenature naturali. All indomani dell unità ben 298 porti punteggiavano le coste, soprattutto quelle tirreniche, con funzione di approdo per il cabotaggio e per le attività dei pescherecci. In numero ridotto risultavano invece i porti principali, quelli cioè che attiravano la navigazione internazionale.

28 Genova, Venezia, Brindisi Il porto principale era quello di Genova, dove furono realizzate diverse opere di ammodernamento e la movimentazione di merci passò da tonnellate nel 1882 a nel Subito dopo l unificazione vennero inoltre migliorati i porti di Venezia, e soprattutto di Brindisi, attracco della Valigia delle Indie.

29 Le risorse per i porti Nell età giolittiana gli stanziamenti per i porti, resi indispensabili dal decollo industriale, aumentarono in misura rilevante, e si registrò un trend ascensionale che portò oltre il milione di tonnellate le merci sbarcate e imbarcate a Genova, Venezia, Napoli, Savona e Livorno. Le risorse vennero tuttavia distribuite a pioggia verso una miriade di scali, non solo marittimi ma anche lacuali

30 Emigrazione Nel Novecento, i cantieri italiani hanno costruito molti transatlantici, noti internazionale per la tecnica, la qualità di costruzione e il comfort di viaggio. La costruzione era dovuta sia alla riconversione dei tradizionali cantieri sia al grange flusso di emigrazione che dall Italia raggiungeva le Americhe alla ricerca di lavoro scappando dalla miseria.

31 Transatlantici Le navi attraverso gli oceani sono state chiamate transatlantici per il fatto che viaggiavano in gran parte attraverso l Atlantico. Le rotte tipiche dei transatlantici si svolgevano fra l Europa e l America, e da tutti i maggiori porti europei vi erano servizi regolari per gli USA o per alcuni paesi sudamericani come l Argentina. Il transatlantico (che era in passato una nave a vapore) restò l unico mezzo di trasporto diretto fra il Vecchio ed il Nuovo Continente, sino all'allestimento delle rotte aeree intercontinentali.

32 Immagini Transatlantico Michelangelo

33 I porti nel Novecento L aumento delle dimensioni navali fece cambiare le attrezzature portuali: si modificò la tecnica di costruzione per ricevere navi giganti, inoltre furono necessari più ampi spazi, per esempio per creare depositi di combustibili (soprattutto carbone), impianti di drenaggio e magazzini. Si ebbe pure una crescente specializzazione per merce, che ridusse il numero dei porti, i quali vennero potenziati a più riprese tra metà Ottocento e fine Novecento, con un incessante corsa all espansione delle aree utilizzate.

34 Navi da crociera A metà degli anni 1980 la flotta mercantile italiana rappresentava l 1,5% del tonnellaggio mondiale, mostrando tuttavia un attitudine alla qualificazione in alcuni settori: per esempio le imbarcazioni off shore per ricerche di idrocarburi di origine sottomarina, il naviglio per il trasporto di gas liquefatto e prodotti chimici, i traghetti per passeggeri e soprattutto le navi da crociera.

35 Immagini

La macchina a vapore

La macchina a vapore La macchina a vapore Verso la rivoluzione Durante l 800 e il 900, nacque la società industriale, Le sue caratteristiche erano: - La maggior parte del reddito è prodotta dall industria. - Gli occupati nel

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Napoli, 2 Marzo 2016 Arianna Buonfanti Researcher Maritime Economy Observatory SRM Il Mediterraneo

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

BREVE CENNO STORICO SULLE ORIGINI E SULLO SVILUPPO DELLA SOCIETA' JADROLINIJA

BREVE CENNO STORICO SULLE ORIGINI E SULLO SVILUPPO DELLA SOCIETA' JADROLINIJA BREVE CENNO STORICO SULLE ORIGINI E SULLO SVILUPPO DELLA SOCIETA' JADROLINIJA La Jadrolinija è una delle società croate con la più lunga tradizione nel settore dei trasporti marittimi. La Jadrolinija,

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Le grandi scoperte geografiche

Le grandi scoperte geografiche LE PRIME ESPLORAZIONI fine della pax mongolica espansione ottomana (1453 conquista di Costantinopoli) controllo VENEZIANO sul Mediterraneo orientale crisi del commercio terrestre con l Oriente Genova ricerca

Dettagli

POSTA DELLE ISTITUZIONI E FRANCHIGIE

POSTA DELLE ISTITUZIONI E FRANCHIGIE POSTA DELLE ISTITUZIONI E FRANCHIGIE Il trasferimento dei Ministeri da Torino a Firenze si concluse nel maggio 1865; da questa data è pertanto riscontrabile corrispondenza istituzionale dalla nuova capitale.

Dettagli

La strada migliore per portare la merce in Sardegna

La strada migliore per portare la merce in Sardegna La strada migliore per portare la merce in Sardegna 1 Obiettivo Ottimizzare la tempistica e ridurre le tratte terrestri nel trasporto su gomma dei traffici merci Penisola - Sardegna 2 Introduzione Attualmente

Dettagli

Il Ruolo del Medico di Bordo nella Marina Mercantile Italiana

Il Ruolo del Medico di Bordo nella Marina Mercantile Italiana Il Ruolo del Medico di Bordo nella Marina Mercantile Italiana Dr. Angelo Giusto MD Medico di Bordo della Marina Mercantile Italiana ABILITATO Il Medico di Bordo in Italia Nasce da lontano la figura del

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900 Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo Carta ferroviaria 1900 Le ferrovie nel Risorgimento Durante il Risorgimento il treno rappresenta il principale simbolo di unione fra i diversi territori

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

per portarti nel futuro

per portarti nel futuro DALLA FERROVIA AL PORTO, ALL AEROPORTO 1848 Inaugurazuione linea ferroviaria Padova-Venezia 1869-1880 si sposta il porto dal bacino di San Marco ad un area prossima alla testata del ponte ferroviario,

Dettagli

La prima rivoluzione industriale seconda metà sec. XVIII prima metà sec. XIX

La prima rivoluzione industriale seconda metà sec. XVIII prima metà sec. XIX La prima rivoluzione industriale seconda metà sec. XVIII prima metà sec. XIX Schemi e brevi riflessioni sugli aspetti fondamentali della prima rivoluzione industriale, a partire dalle considerazioni tecnologiche

Dettagli

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano FOCUS STORIA E MEMORIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano Fu tra gli scopritori del mitico Passaggio a Nord-Est Dalle terre polari

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA RELITTO BARON GAUTSCH Distanza dal centro: 14 NM Massima profondità: 39 metri Minima profondità: 28 metri Lunghezza: 89 metri Questa e la nave di passeggeri Austriaca ed e la più conosciuta destinazione

Dettagli

Aviazione commerciale in Italia una panoramica, poco filatelica, degli esordi

Aviazione commerciale in Italia una panoramica, poco filatelica, degli esordi Aviazione commerciale in Italia una panoramica, poco filatelica, degli esordi La storia comincia il 17 dicembre 1903 sulla spiaggia di Kitty Hawk Orville Wright effettua il primo volo a motore con un mezzo

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

Come raggiungere la Sicilia

Come raggiungere la Sicilia Come raggiungere la Sicilia Via aereo, nave, treno o pullman? Raggiungere le favolose mete siciliane non è difficile. La terra del sole, grazie ai numerosi collegamenti, è a portata di mano. Aerei, traghetti,

Dettagli

Andar per mare di Ciro Paoletti e Loredana Vannacci

Andar per mare di Ciro Paoletti e Loredana Vannacci Andar per mare di Ciro Paoletti e Loredana Vannacci La rappresentazione delle navi nella pubblicità delle Compagnie di navigazione italiane 1919-1939 costruzione galleggiante di NAVE: grandi dimensioni,

Dettagli

Massimo Maresca. La feluca sorrentina del XIX secolo

Massimo Maresca. La feluca sorrentina del XIX secolo 1 Massimo Maresca La feluca sorrentina del XIX secolo In: NAVI DI LEGNO. Evoluzione tecnica e sviluppo della cantieristica nel Mediterraneo dal XVI secolo a oggi,a cura di Mario Marzari, Grado 1998. Nella

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE Dipartimento di Discipline storiche Università di Bologna IRRE Emilia Romagna Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Seminario di studio UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

Trasporto merci. Luglio 2014

Trasporto merci. Luglio 2014 INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DEI TRASPORTI n. 38 SINTESI Luglio 2014 Trasporto merci Dopo aver chiuso il 2012 con una dinamica settoriale complessivamente negativa, il 2013 mette in evidenza per

Dettagli

3.1 Le reti dei trasporti

3.1 Le reti dei trasporti 3.1 Le reti dei trasporti La Rivoluzione Industriale, il progresso tecnico e tecnologico, la tendenza al decentramento della produzione ed il processo di Globalizzazione hanno determinato la cosiddetta

Dettagli

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY Camera Italiana di Commercio e Industria di Santa Catarina (Organo riconosciuto dal Governo Italiano Decreto Mise29/7/2009) Tel.: +55 48 3027 2710 www.brasileitalia.com.br ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA corso di Storia economica lezione 09.05.2014 gli altri casi nazionali INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA (1896-1920...) LA MINORITA DELLA BORGHESIA INDUSTRIALE: - il liberoscambismo dominante - la faticosa

Dettagli

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA PORTOGALLO NELLA PRIMA META' DEL '400 VIVE UNA CONDIZIONE ECONOMICA MOLTO DIFFICILE: - L'AGRICOLTURA E' SCARSA A CAUSA DEL TERRENO POCO FERTILE - LE ROTTE COMMERCIALI

Dettagli

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO DUE STRADE PER L EUROPA E LE ORIGINI DEL CAPITALISMO STAGNAZIONE E SVILUPPO Primi del 600: in crisi GERMANIA, ITALIA, SPAGNA. In crescita INGHILTERRA, OLANDA e in parte la FRANCIA.. Esiti politici diversi

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 1 Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2012 Risposte Turismo realizza per il terzo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare

Dettagli

L OPZIONE MEDITERRANEA

L OPZIONE MEDITERRANEA L OPZIONE MEDITERRANEA UNA NUOVA ROTTA DI COLLEGAMENTO TRA L ESTREMO ORIENTE, L EUROPA E IL NORD AMERICA VIA CORRIDOI TERRESTRI TIRRENICO E ADRIATICO Rapporto finale di ricerca relativo ai Moduli 1 e 2

Dettagli

TRASPORTI NEL MEDIOEVO

TRASPORTI NEL MEDIOEVO TRASPORTI NEL MEDIOEVO Circolo Filatelico Numismatico della Pro Loco di Paese Testi e impaginazione a cura dei soci Vittorio Condotta e Giorgio Ruzza Le vie di terra II succedersi delle invasioni barbariche,

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

RASSEGNA STAMPA GENNAIO 2014

RASSEGNA STAMPA GENNAIO 2014 RASSEGNA STAMPA GENNAIO 2014 COMPARTO AEREO: Vuoi essere sempre aggiornato sulle notizie e le curiosità relative all' Aeroporto "C. Colombo"? Iscriviti GRATUITAMENTE alla Newsletter inviando una e- mail

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2013 Risposte Turismo realizza per il quarto anno lo speciale dedicato al turismo crocieristico, in particolare all analisi dell andamento del settore in Italia

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : CINQUE UNITA : UNO STRUTTURE PORTUALI Generalità Nomenclatura: I Porti sono spazi acquei, protetti naturalmente o artificialmente dal vento e dalle

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

LE VIE DI APPROVIGGIONEMENTO DEL ROTTAME DAL DOPOGUERRA

LE VIE DI APPROVIGGIONEMENTO DEL ROTTAME DAL DOPOGUERRA STEELMASTER Special Edition 2013 LE VIE DI APPROVIGGIONEMENTO DEL ROTTAME DAL DOPOGUERRA AUTORE Rosa Civita RELATORE Dott. Ruggero Ranieri Terni, 21 marzo 2014 Definizione Per Siderurgia si intende un

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C.

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. Mediterraneo: possibili scenari futuri Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. L evoluzione dei traffici marittimi nell area del Mediterraneo in relazione allo scenario mondiale Genova, 6 Novembre 2009

Dettagli

Il Rapporto di Ricerca 2015

Il Rapporto di Ricerca 2015 Il Rapporto di Ricerca 2015 1. Quadro dell economia globale e del Paese 2. Analisi economica mercati della nautica 3. La nautica in Italia 4. Le professioni del mare 5. Ricerca nel settore e nuove tecnologie

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi, Statistici e la Comunicazione

Dettagli

Scoperte geografiche

Scoperte geografiche Durante il Medioevo gli scambi commerciali con l'oriente erano sempre stati intensi. Genova e Venezia controllavano il Mediterraneo e quest'ultima si spingeva fino all'estremo Oriente. Con i mercanti arabi

Dettagli

PORTI 1990 1995 1996 1997 1998 1999 2000(*)

PORTI 1990 1995 1996 1997 1998 1999 2000(*) Tab. 1 Movimentazione merce in container in complesso nei principali porti italiani per ripartizione geografica Anni 1990 2000 (numero di contenitori espresso in teu e composizione percentuale) 1 PORTI

Dettagli

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno.

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. 1 2 3 Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. Quando si trova un giacimento di metano, la forte pressione lo spinge

Dettagli

USI POSTALI DELLA PRIMA CARTOLINA DEL REGNO D ITALIA

USI POSTALI DELLA PRIMA CARTOLINA DEL REGNO D ITALIA USI POSTALI DELLA PRIMA CARTOLINA DEL REGNO D ITALIA di Flavio Pini Il 1 gennaio 1874 fu introdotta ufficialmente in Italia la cartolina postale: si trattava di un nuovo oggetto per la corrispondenza già

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2011 Risposte Turismo realizza per il secondo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare all analisi dell andamento del settore

Dettagli

IL SETTORE DELLA NAUTICA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Giugno 2014

IL SETTORE DELLA NAUTICA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Giugno 2014 IL SETTORE DELLA NAUTICA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Giugno 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273200 273219 - fax +39 0432 509469 - email: statistica@ud.camcom.it Indicatori sulle unità da diporto

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Le tre invenzioni dell età moderna.

Le tre invenzioni dell età moderna. Le tre invenzioni dell età moderna. La bussola: è l era delle spedizioni geografiche. La polvere da sparo: i cannoni, montati sulle navi, sono all origine della superiorità degli Europei sul mare. La stampa:

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO

OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO OPPORTUNITÀ D AFFARI NELLA REGIONE DI DURAZZO I. DURAZZO, UNA BUONA SCELTA D AFFARI La seconda regione più economicamente sviluppata d Albania Una popolazione di 400 milla abitanti Età media di 28, una

Dettagli

LETTERE SCAMBIATE TRA GLI ANTICHI STATI ITALIANI E I PAESI DELL ASIA E DELL AFRICA SITI OLTRE SUEZ Thomas Mathà e Mario Mentaschi

LETTERE SCAMBIATE TRA GLI ANTICHI STATI ITALIANI E I PAESI DELL ASIA E DELL AFRICA SITI OLTRE SUEZ Thomas Mathà e Mario Mentaschi LETTERE SCAMBIATE TRA GLI ANTICHI STATI ITALIANI E I PAESI DELL ASIA E DELL AFRICA SITI OLTRE SUEZ Thomas Mathà e Mario Mentaschi Lo scopo di questo articolo è illustrare le tariffe e i percorsi delle

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Le Tre Gemelle Fabio Oss

Le Tre Gemelle Fabio Oss Curiosità LE TRE GEMELLE Quando il 10 aprile 1912, quella che venne definita la più grande nave del mondo, per di più inaffondabile, salpò da Southampton, per il viaggio inaugurale, nello stesso porto

Dettagli

Quadro del traffico merci

Quadro del traffico merci aeroporti Quadro del traffico merci negli aeroporti italiani di P. Malighetti, V. Morandi, R. Redondi Paolo Malighetti, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'università di Bergamo

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Infrastrutture ritardo incolmabile. Presentato il primo Rapporto Uniontrasporti sulle grandi opere Roma, 14 aprile 2011 Quarant anni fa, l Italia aveva una dotazione complessiva

Dettagli

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

Trasporti a fune e su condotta

Trasporti a fune e su condotta Trasporti a fune e su condotta Trasporti a fune e su condotta Negli ultimi due secoli ha assunto un ruolo di rilievo il trasporto per vie d aria guidato dalla fune: si tratta della teleferica nelle sue

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE Il declino della Gran Bretagna Anche il first mover pur avendo grandi vantaggi non li riesce a mantenere

Dettagli

CARTOLINE DI ASSICURAZIONE AEREA

CARTOLINE DI ASSICURAZIONE AEREA CARTOLINE DI ASSICURAZIONE AEREA di Flavio Pini Verso la fine degli anni cinquanta le compagnie di assicurazione aderenti al Consorzio Italiano Assicurazioni Aeronautiche idearono una particolare polizza

Dettagli

CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015

CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015 CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015 Progettazione, costruzione e installazione di impianti del carico per navi gasiere - Special Projects : Costa Concordia Wreck Removal G&H SHIPPING Nel 2004, è

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

Generalità e Piano Nazionale degli Aeroporti

Generalità e Piano Nazionale degli Aeroporti Generalità e Piano Nazionale degli Aeroporti Una crescente esigenza e domanda di una comune e più efficiente politica nei domini della sicurezza, della difesa, dei trasporti e dell energia, è avvertita

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato. pag. 1

Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato. pag. 1 Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato pag. 1 Strategie di sviluppo in mercati maturi e competitivi pag. 2 La società Costituita nel 1992, Grandi Navi Veloci é una delle principali compagnie

Dettagli

MARGHERA FUTURA SCENARI FUTURI E FUTURIBILI PER PORTO MARGHERA: TRA BONIFICA, RICONVERSIONE INDUSTRIALE E SVILUPPO SOSTENIBILE.

MARGHERA FUTURA SCENARI FUTURI E FUTURIBILI PER PORTO MARGHERA: TRA BONIFICA, RICONVERSIONE INDUSTRIALE E SVILUPPO SOSTENIBILE. MARGHERA FUTURA SCENARI FUTURI E FUTURIBILI PER PORTO MARGHERA: TRA BONIFICA, RICONVERSIONE INDUSTRIALE E SVILUPPO SOSTENIBILE. Intervento di Oscar Girotto Direttore Sviluppo del Territorio Comune di Venezia

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul.

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul. Il territorio dell'impero Romano d'oriente prima delle conquiste di Giustiniano L'impero alla morte dell'imperatore nel 565 L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò

Dettagli

Oggetto: Relazione annuale 2011 art. 9, comma 3, lettera c) della legge n. 84/94.

Oggetto: Relazione annuale 2011 art. 9, comma 3, lettera c) della legge n. 84/94. Direzione generale per i porti Roma, 23 marzo 212 A tutte le Autorità Portuali Loro sedi Ai Collegi dei Revisori c/o le rispettive Autorità Portuali Divisione 2 Prot. M/TRA/PORTI/ 3898 e, p.c. Ad Assoporti

Dettagli

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana FEDERTRASPORTO L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana I dati dell interscambio con l estero e le tendenze delle M&A e degli Accordi sul mercato globale e nazionale DATI

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO Titolo elaborato: RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE RELAZIONE "A3" ANALISI DELLA DOMANDA

Dettagli

NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE

NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE Abilitazioni di coperta Ø Allievo Ufficiale di coperta Ø Ufficiale di navigazione Ø Ufficiale di navigazione su navi che compiono viaggi costieri

Dettagli