Gruppo di Lavoro WP 4300: ISM Data/Models Componente diffusa in regioni di Formazione Stellare. (10 luglio 2009)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo di Lavoro WP 4300: ISM Data/Models Componente diffusa in regioni di Formazione Stellare. (10 luglio 2009)"

Transcript

1 TBIncluded in the ASI-RA2 Gruppo di Lavoro WP 4300: ISM Data/Models Componente diffusa in regioni di Formazione Stellare. (10 luglio 2009) F. Strafella, D. Elia 1 Dipartimento di Fisica, Università del Salento, Lecce, Italy Sommario Si presenta lo stato di avanzamento delle attività intraprese nel campo dell analisi strutturale delle nubi interstellari. Si sono ottenute mappe di una regione di circa 1 grado quadrato sul piano galattico nella regione della Vela dalla quale si è estratta una mappa della sola componente diffusa. Abbiamo anche utilizzato mappe della stessa regione ottenute da BLAST, a lunghezze d onda molto vicine a quelle di Herschel, per eseguire test di alcuni algoritmi su mappe di nubi interstellari analoghe a quelle che verranno acquisite durante il programma Herschel/Hi-GAL. Si conclude accennando alle prospettive di queste applicazioni. 1. Introduzione Il mezzo interstellare, sia diffuso ( cm 3 ) che denso ( cm 3 ), è caratterizzato da tipici parametri fisici di temperatura, densità, composizione chimica. Molto della conoscenza che abbiamo oggi sui meccanismi di formazione stellare viene dallo studio del comportamento di questi parametri all interno delle nubi interstellari. Grazie alle aumentate capacità osservative, specialmente nella regione IR, oggi siamo in grado di analizzare ampie porzioni di cielo anche riguardo alle forme mostrate da queste nubi nell idea che la struttura delle nubi stesse possa dare ulteriori utili informazioni (finora relativamente trascurate) sulle caratteristiche del processo di formazione stellare che vi si instaura. Durante la nostra nostra attività scientifica abbiamo acquisito esperienza nell uso dei dati sia da Spitzer (λ=3.6, 4.5, 5.8, 8.0, 24, 70 µm) che da BLAST(λ=250, 350, 500 µm). 1 Universidade de Lisboa, Faculdade de Ciências, Centro de Astronomia e Astrofísica, Observatório Astronómico de Lisboa, Tapada da Ajuda , Lisboa, Portugal,

2 2 Quest ultimo è un esperimento balloon-borne che ha usato un telescopio IR con un diametro dello specchio di 2 m e quindi fortemente competitivo per osservazioni nel medio e lontano IR. Con questo strumento è stato osservato il cielo in bande fotometriche praticamente identiche a quelle con cui opererà l imaging photometer di SPIRE a bordo di Herschel. È sembrato per questo di notevole interesse poter analizzare alcune mappe reali, effettivamente ottenute a lunghezze d onda di interesse per Hi-GAL. Dati i nostri attuali interessi scientifici ci siamo focalizzati sulla regione detta del Vela Molecular Ridge, che è stata mappata anche dalla survey di BLAST fatta nel 2006 ed è attualmente disponibile in archivio presso il CADC (Canada). In questo rapporto accenneremo alla tecnica usata per estrarre la componente diffusa da immagini Spitzer (ad 8 µm) e presentiamo il risultato di alcuni test compiuti sulle osservazioni BLAST come banco di prova per le procedure che stiamo sviluppando per caratterizzare la struttura delle mappe Hi-GAL. 2. I dati osservativi Spitzer-IRAC I mosaici della regione Vela-D ottenuti da Spitzer coprono un campo di 1.2 gradi quadrati compresi tra longitudini < l < e latitudini 0 42 < b < Questi sono stati analizzati per ottenere la fotometria delle sorgenti, una procedura che ha richiesto la modellizzazione delle sorgenti puntiformi e quindi ha reso possibile anche la sottrazione del segnale puntiforme laddove questo era stato individuato. Il risultato ottenuto da questa procedura è mostrato in Figura 1 che presenta un paragone in una sottoregione della mappa tra prima e dopo la sottrazione BLAST La regione osservata dalla mappa BLAST è compresa tra 261 < l < 271 di longitudine e 2 < b < +2 di latitudine galattica, includendo quindi ampiamente anche la regione coperta dalle mappe Spitzer (e quindi anche la sotto-regione mostrata in Figura 1) di nostro interesse. Le immagini sono fornite in formato FITS e riportano su ogni pixel l intensità in unità di MJy sr 1. In Figura 2 è mostrata la mappa totale della regione.

3 3 Fig. 1. Estratto dalla mappa λ = 8µm che illustra l effetto della sottrazione del segnale puntiforme per isolare la sola componente diffusa della nube. A sinistra / e mostrata la mappa osservata mentre a destra il risultato dopo la sottrazione del segnale puntiforme. Le coordinate dello spigolo in basso a sinistra sono α = 08 h 49 m 17 s ; δ = ( l = ; b = ) mentre per quello in alto a destra sono α = 08 h 47 m 30 s ; δ = ( l = ; b = ) 3. Applicazione alle mappe BLAST di Vela Molecular Ridge. Il nostro programma prevede di svilupppare e testare alcuni algoritmi che implementano funzioni statistiche adatte a caratterizzare quantitativamente la struttura presente alle diverse scale nelle immagini di nubi interstellari. In questo rapporto documentiamo brevemente i risultati dell uso di due diversi modi di caratterizzare le immagini: la cosiddetta -varianza e lo spettro multifrattale Uso della -varianza per caratterizzare una struttura. La caratterizzazione frattale di un immagine si basa essenzialmente su un parametro, la dimensione frattale, che è espressa, in generale, attraverso un numero non intero e rappresenta un complemento di informazione rispetto alla semplice dimensione euclidea di un ente geometrico. I frattali sono oggetti geometrici complessi con caratteristiche che li differenziano sostanzialmente dalle forme (linee, superfici) della geometria euclidea e necessitano, per la loro descrizione, di una nuova definizione di dimensione che, come si è detto, vada oltre il concetto di semplice dimensione euclidea intera. Ad esempio, una superficie frattale immersa in uno spazio tridimensionale, non è semplicemente un ente bidimensionale, ma presenterà generalmente una dimensione frattale tanto più grande quanto maggiore sarà la complessità della superficie e la sua tendenza a riempire lo spazio che la ospita. Il limite superiore alla

4 4 Fig. 2. Mappa in tre colori ottenta codificando in RGB rispettivamente le mappe a λ = 500, 350, 250µm. L estensione in longitudine è 261 < l < 271, mentre in latitudine 2 < b < +2. La griglia usata ha un lato di 2 ed il piano galattico corrisponde alla linea orizzontale che taglia al centro la figura. Le 4 regioni delimitate dai rettangoli (rispettivamente denominate A, B, C, D da sinistra verso destra) sono state indagate con la tecnica della -varianza e dello spettro multifrattale. dimensione frattale sarà quindi dato dalla dimensione euclidea dello spazio ospitante. Una qualunque immagine monocromatica (tipicamente rappresentata mediante una singola scala di colore) può essere rappresentata come una superficie definita su un supporto bidimensionale discreto riempito con i valori dei singoli pixel dell immagine stessa. È possibile ricavare la dimensione frattale di un immagine in vari modi e questa sarà tanto più significativa, quanto più il comportamento dell immagine si approssima effettivamente ad un regime frattale. Partendo dal calcolo di questa dimensione si può tentare di ottenere informazioni sulle proprietà 3D dell oggetto reale che è raffigurato nell immagine 2D. In particolare, da alcuni anni si stanno elaborando delle tecniche per lo studio delle proprietà strutturali del mezzo interstellare a partire da mappe astronomiche. Una classe di queste tecniche è costituita da procedimenti di tipo statistico, che coinvolgono, cioè, direttamente la distribuzione dei valori dei pixel nell immagine. Uno di questi metodi, sicuramente uno di quelli meglio testati e che si sono rivelati più robusti, è la cosiddetta Delta-varianza (Stutzki et al. 1998; Ossenkopf et al. 2008). Volendo fornire solo alcuni elementi relativi a questo metodo, diremo che esso si basa sulla convoluzione dell immagine da analizzare con un filtro a forma di cappello francese, la cui azione è simile ad una wavelet bidimensionale costituita da un cilindro centrale a valori positivi circondato da una corona circolare concentrica caratteriz-

5 5 zata da valori negativi, con normalizzazione a zero dell integrale bidimensionale del cilindro. La definizione del filtro è: 1 (r L) π(l/2) 2 2 (r) = 1 ( L 8π(L/2) L < r 3L) (1) (r > 3L) 2 dove L è la scala caratteristica. La tecnica consiste nel variare la dimensione caratteristica del filtro per esplorare le diverse scale spaziali nell immagine. Il risultato di tale convoluzione è un immagine avente le stesse dimensioni di quella di partenza; la Delta-varianza è data, in ultima analisi, dal valor medio di tale convoluzione. σ 2 (L) = 1 2π ( A L ) 2 x,y. (2) Ripetendo tale operazione al variare della dimensione del filtro, è possibile ottenere tanti valori della -varianza dell immagine quante sono le scale indagate. Come dimostrato da Stutzki et al. (1998), un immagine frattale mostra un andamento della -varianza con la scala indagata del tipo a legge di potenza il cui esponente è direttamente legato alla dimensione frattale D dell immagine: σ 2 (L) L 6 2D. (3) Pertanto, rappresentando la curva della -varianza mediante un plot bilogaritmico, basterà valutarne la pendenza con un un fit lineare (vedi Figura 3 per i frame indagati) per ottenere la dimensione frattale dell immagine indagata. Un puro andamento lineare in questo grafico si trova tuttavia solo in immagini che contengono esclusivamente frattali caratterizzate da una sola dimensione, cosa che in genere non si riscontra di frequente in immagini di oggetti naturali. Piuttosto in questi si può riscontrare il comportamento frattale entro un certo intervallo di scale. Da una parte, scostamenti da un andamento frattale possono essere causati dal rumore presente nella mappa (in particolare alle piccole scale) o agli effetti di bordo dovuti al fatto che la mappa ha comunque dimensioni finite (limite alle grandi scale); dall altra, però, anche a scale sufficientemente distanti da tali situazioni estreme, una mappa può non presentare una curva di -varianza a legge di potenza, cosa che però va vista anche come un interessante indizio sulla natura della struttura alle scale alle quali si manifesta la variazione di andamento. In questo modo, dunque, se si collega la presenza di frattalità con i processi fisici reali che modellano la struttura del mezzo interstellare (ad esempio, moti turbolenti supersonici, innesco di formazione stellare, onde d urto,... ), è anche possibile avanzare ipotesi circa l intervallo di scale sul quale essi effettivamente agiscono.

6 Spettri multifrattali. L analisi multifrattale offre la possibilità di descrivere più in dettaglio la struttura degli oggetti naturali che, come già detto, raramente sono caratterizzabili con un unico unico valore della dimensione frattale. Inoltre è anche possibile imbattersi in situazioni di degenerazione, ovvero in strutture che sono diverse ma sono caratterizzate da un identico valore della dimensione frattale. La generalizzazione del concetto di dimensione frattale porta ad una descrizione in termini di un set di diverse dimensioni frattali, ognuna con una propria quota di presenza nella mappa. Esistono varie possibili rappresentazioni delle proprietà multifrattali di un oggetto, e tra queste vi è il cosiddetto spettro multifrattale (vedi p.es. Halsey et al. 1986). Nel caso di una immagine, esso si definisce come segue: dato un pixel, si analizza l andamento dell intensità integrata entro un area circolare di raggio r centrata nel pixel dato; in genere, ci si aspetta che tale integrale varii con una legge di potenza di tipo r α. Si ricercano, a questo punto, tutti i pixel per i quali questa legge ha un esponente nell intervallo [α, α + δα] e si valuta la dimensione frattale f del set costituito da tali pixel. Effettuata tale operazione per tutti i valori di α che si incontrano nell immagine, si puo rappresentare α vs. f(α) in un grafico che viene detto appunto spettro multifrattale. La curva che si ottiene ha la proprietà di essere sempre convessa e di avere un solo massimo, corrispondente alla dimensione frattale di ordine 0 (cioè alla dimensione frattale comunemente detta) dell immagine. Essa, naturalmente, si presenta tanto più allargata quanto maggiore è l intervallo di valori dell esponente α che si riscontra nell immagine, a sua volta influenzato notevolmente dalla presenza di rilevanti massimi o minimi locali. Un metodo particolarmente rapido e intuitivo per il calcolo dello spettro multifrattale è descritto in Chappell & Scalo (2001), ed è qui usato per derivare lo spettro multifrattale delle dodici mappe BLAST considerate (4 regioni a tre diverse λ). Tale metodo, a differenza di quanto detto sopra, fornisce uno spettro multifrattale il cui picco corrisponde a f(α max = 2, vale a dire la dimensione frattale del supporto dell immagine che è essenzialmente il piano entro il quale l immagine è definita. Il risultato d questa procedura è mostrato in Figura 4. Limitandoci ad un commento qualitativo, si può notare subito che, per tutte e quattro le nubi, lo spettro multifrattale tende a restringersi all aumentare della lunghezza d onda considerata. È possibile procedere anche ad un analisi quantitativa della informazione contenuta nello spettro multifrattale, per mezzo di alcuni parametri caratteristici. Uno di questi può essere, ad esempio, l integrale dell area compresa tra lo spettro multifrattale e una retta orizzontale che taglia quest ultimo più in basso del suo massimo; fissata l altezza di tale retta per tutti gli spettri analizzati, maggiore sarà tale area, più varia risulterà la presenza

7 7 di differenti dimensioni frattali che coesistono all interno della stessa immagine. 4. Sviluppi previsti Nel proseguire questa attività ci proponiamo di sviluppare ulteriori algoritmi che implementano altre funzioni statistiche di struttura (quali le funzioni di struttura e l autocorrelazione) per ottenere un set di procedure che restituiscano una caratterizzazione più accurata della componente diffusa presente nella mappa del piano galattico che Hi-GAL acquisirà. Il passo scientificamente più importante sarà poi quello di cercare le correlazioni tra vari parametri che caratterizzano le regioni, in particolare quelle di formazione stellare, del piano Galattico quali la Star Formation Rate (SFR), la corrispondente efficienza (SFE), e possibilmente la funzione di massa iniziale (IMF). Chappell, D, & Scalo, J. 2001, ApJ, 551, 712 REFERENCES Halsey, T. C., Jensen, M. H., Kadanoff, L. P., Procaccia, I., Shraiman, B. 1986, Phys. Rev. A, 33, 1141 Ossenkopf, V., Krips, M., Stutzki, J. 2008, A&A, 485, 917 Stutzki, J., Bensch, F., Heithausen, A., Ossenkopf, V., Zielinsky, M. 1998, A&A, 336, 697 This preprint was prepared with the AAS L A TEX macros v5.2.

8 8 Fig. 3. Andamento delle -varianza valutata in 4 sotto regioni diverse, scelte all interno delle mappe ottenuta dall esperimento BLAST, per il complesso molecolare della Vela (vedi Fig. 2). In ogni grafico sono riportati i risultati ottenuti nelle tre bande spettrali delle osservazioni.

9 9 Fig. 4. Andamento dello spettro multifrattale per le 4 sotto regioni scelte all interno delle mappe del Vela Molecular Ridge ottenute dall esperimento BLAST (evidenziate in Fig. 2). In ogni grafico sono riportati i risultati ottenuti nelle tre bande spettrali delle osservazioni.

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

Evidenze osservative " delle fasi di formazione stellare e planetaria!

Evidenze osservative  delle fasi di formazione stellare e planetaria! Evidenze osservative " delle fasi di formazione stellare e planetaria! planform1! G. Vladilo! 1! Dal mezzo interstellare alle stelle e pianeti! STELLE! Nucleosintesi! Metalli espulsi! Formazione di polvere!

Dettagli

Distribuzione Galattica e modelli globali del Mezzo Interstellare. Distribuzione del gas interstellare nella Galassia

Distribuzione Galattica e modelli globali del Mezzo Interstellare. Distribuzione del gas interstellare nella Galassia Distribuzione Galattica e modelli globali del Mezzo Interstellare Lezione ISM 3 G. Vladilo Astronomia Osservativa C, ISM 3, Vladilo (2011) 1 Distribuzione del gas interstellare nella Galassia Storicamente

Dettagli

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI 3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI Il processo di formazione di una immagine da parte di un sistema ottico è facilmente descrivibile in termini di raggi. In figura la scatola rappresenta un generico

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Descrittori per i contorni: lunghezza, orientazione, del segmento congiungente punti estremi, numero di concavità

Descrittori per i contorni: lunghezza, orientazione, del segmento congiungente punti estremi, numero di concavità Texture analysis Introduzione Una regione di una immagine può essere rappresentata mediante le sue caratteristiche esterne i contorni Descrittori per i contorni: lunghezza, orientazione, del segmento congiungente

Dettagli

Compendio della Tesi

Compendio della Tesi Compendio della Tesi Le galassie sono sistemi stellari di enormi proporzioni tenuti insieme dall attrazione gravitazionale, e rappresentano, su grande scala, i mattoni costituenti dell Universo. Ciascuna

Dettagli

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Contenuti Estrazione dei bordi Calcolo del gradiente Operatori di Roberts Operatori

Dettagli

Giorgio Sedmak Tecnologie e metodologie astrofisiche 2003 Programma (1) Osservazione astronomica. (2) Formazione dell immagine

Giorgio Sedmak Tecnologie e metodologie astrofisiche 2003 Programma (1) Osservazione astronomica. (2) Formazione dell immagine Giorgio Sedmak Tecnologie e metodologie astrofisiche 2003 Programma (1) Osservazione astronomica Introduzione alle tecnologie e metodologie astrofisiche. Osservazione astronomica. Modello dell' osservazione

Dettagli

PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA

PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA Antonio Maggio INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Giuseppe S. Vaiana Visita Commissario INAF Palermo, 10-11 Marzo 2004

Dettagli

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI La differenza tra il restauro e il miglioramento (enhancement) delle immagini è che il miglioramento è un processo soggettivo, mentre il restauro è un processo

Dettagli

Fluorescenza IR di eccimeri Xe 2 in gas denso

Fluorescenza IR di eccimeri Xe 2 in gas denso Fluorescenza IR di eccimeri Xe 2 in gas denso A. F. Borghesani *,+ and G. Carugno + * Dipartimento di Fisica, Unità CNISM, Università di Padova + Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sezione di Padova

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

0.6 Filtro di smoothing Gaussiano

0.6 Filtro di smoothing Gaussiano 2 Figura 7: Filtro trapezoidale passa basso. In questo filtro l rappresenta la frequenza di taglio ed l, l rappresenta un intervallo della frequenza con variazione lineare di H, utile ad evitare le brusche

Dettagli

Definizione DEFINIZIONE

Definizione DEFINIZIONE Definizione Funzione reale di due variabili reali Indichiamo con R 2 l insieme di tutti i vettori bidimensionali. Dato un sottoinsiemed R 2, una funzione f: D R è una legge che assegna a ogni punto (x,

Dettagli

E poi c è anche il resto dell Universo

E poi c è anche il resto dell Universo E poi c è anche il resto dell Universo Proposta di collaborazione ai docenti di Scienze delle ultime classi dei Licei e delle Scuole tecniche I programmi delle Scuole Superiori comprendono un ampio panorama

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

Statistica descrittiva univariata

Statistica descrittiva univariata Statistica descrittiva univariata Elementi di statistica 2 1 Tavola di dati Una tavola (o tabella) di dati è l insieme dei caratteri osservati nel corso di un esperimento o di un rilievo. Solitamente si

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. David Chiaramonti, Daniele Fiaschi. Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3. Radiazione Solare

RADIAZIONE SOLARE. David Chiaramonti, Daniele Fiaschi. Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3. Radiazione Solare RADIAZIONE SOLARE David Chiaramonti, Daniele Fiaschi Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3 Corso: ENERGIE RINNOVABILI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Radiazione

Dettagli

Esperienza 1: Luce e Colori della luce

Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione 1 Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina mandano al cervello quando assorbono

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

La diffrazione. Lezioni d'autore

La diffrazione. Lezioni d'autore La diffrazione Lezioni d'autore Figure di diffrazione VIDEO Il potere risolutivo di un sistema ottico (I) Un esperienza classica sulle capacità di una persona di distinguere due oggetti vicini si realizza

Dettagli

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Segmentazione in GRASS Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Alfonso Vitti e Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Italy FOSS4G-it

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Rendering ed illuminazione

Rendering ed illuminazione Rendering ed illuminazione Dove si introduce un metodo per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali e si presenta la legge fondamentale che governa l illuminazione.

Dettagli

STELLE VARIABILI. Capitolo 14

STELLE VARIABILI. Capitolo 14 Capitolo 14 STELLE VARIABILI Esistono stelle che cambiano periodicamente o irregolarmente o solo occasionalmente la loro luminosità: nell insieme sono chiamate stelle variabili. Già abbiamo citato la loro

Dettagli

Le immagini del sole di Pietro Cerreta

Le immagini del sole di Pietro Cerreta Le immagini del sole di Pietro Cerreta Premessa. L insegnante spesso considera il raggio di luce o il raggio di sole come concetti intuitivi, poiché essi si basano sul concetto geometrico di retta, a sua

Dettagli

Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Palermo. Terza lezione. Antonio Maggio. INAF Osservatorio Astronomico di Palermo

Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Palermo. Terza lezione. Antonio Maggio. INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Palermo Terza lezione Antonio Maggio INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Argomenti e concetti già introdotti Fotometria: il concetto di

Dettagli

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali G. Chiani, L. Mercatelli, P. Sansoni, D. Fontani, D. Jafrancesco, M. De Lucia

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Calcolo delle corrispondenze Affrontiamo il problema centrale della visione stereo, cioè la ricerca automatica di punti corrispondenti tra immagini Chiamiamo

Dettagli

Il Mezzo Interstellare. Lezione 9

Il Mezzo Interstellare. Lezione 9 Il Mezzo Interstellare Lezione 9 Sommario Nebulose a emissione (regioni HII, nebulose planetarie, resti di supernove); a riflessione; oscure. La polvere interstellare estinzione e arrossamento. Le componenti

Dettagli

IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A.

IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A. IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A. 004/005 Lezione del 8 ottobre 004 Titolo: Previsione di clima acustico mediante composizione di livelli sonori Docente: Arch. Antonio Carbonari. L Il livello

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Algoritmo per il rilevamento di targhe

Algoritmo per il rilevamento di targhe Algoritmo per il rilevamento di targhe 19 maggio 2008 Nell affrontare il problema del riconoscimento delle targhe sono stati sviluppati due algoritmi che basano la loro ricerca su criteri differenti. Lo

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

METEORE IN RADIO con particolare riferimento alle meteore extrasolari

METEORE IN RADIO con particolare riferimento alle meteore extrasolari METEORE IN RADIO con particolare riferimento alle meteore extrasolari Vi sono molti metodi per l osservazione e l indagine delle meteore. Storicamente sono stati usati metodi visuali successivamente sostituiti

Dettagli

Una sorgente luminosa si propaga nello spazio circostante sottoforma di onde sferiche,

Una sorgente luminosa si propaga nello spazio circostante sottoforma di onde sferiche, Ottica adattiva. Cos'è e come funziona Una sorgente luminosa si propaga nello spazio circostante sottoforma di onde sferiche, 2JQL SXQWR GL XQ IURQWH GRQGD FRVWLWXLVFH OD VRUJHQWH GL XQ RQGD VIHULFD VHFRQGDULD

Dettagli

Gli oggetti 3D di base

Gli oggetti 3D di base Gli oggetti 3D di base 04 Attraverso gli oggetti 3D di base, AutoCAD dispiega la sua capacità di modellazione per volumi e per superfici per quei modelli che si possono pensare come composizioni di oggetti

Dettagli

2.1 CAPITOLO 2 I RAGGI E LE LORO PROPRIETÀ

2.1 CAPITOLO 2 I RAGGI E LE LORO PROPRIETÀ 2.1 CAPITOLO 2 I RAGGI E LE LORO PROPRIETÀ 2.2 Riflettendo sulla sensazione di calore che proviamo quando siamo esposti ad un intensa sorgente luminosa, ad esempio il Sole, è naturale pensare alla luce

Dettagli

Calibrazione in volo di INTEGRAL SPI/ACS tramite l osservazione dei GRB e aloni di scattering in banda X dovuti alla polvere interstellare

Calibrazione in volo di INTEGRAL SPI/ACS tramite l osservazione dei GRB e aloni di scattering in banda X dovuti alla polvere interstellare Calibrazione in volo di INTEGRAL SPI/ACS tramite l osservazione dei GRB e aloni di scattering in banda X dovuti alla polvere interstellare Relatore esterno: Sandro Mereghetti Relatore interno: Pierre M.

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

Capitolo 4. Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi. 4.1 Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni.

Capitolo 4. Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi. 4.1 Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni. Capitolo 4 Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi L analisi delle funzioni di una singola variabile è fatta sostanzialmente sulla retta R enelpianor. Questi sono gli ambienti naturali per lo studio

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico 5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico Conformemente a quanto riportato nella proposta di Direttiva Europea sulla valutazione e gestione del rumore ambientale, il rumore ambientale

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni)

LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni) LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni) Giochi con luce, ombra, buio in ambienti diversi (all aperto ed al chiuso in condizioni di illuminazione diversa, possibilmente anche con la luna, e al variare del tempo

Dettagli

Le stelle vanno a scuola CCD. M. Ciani, L. Donato, C. Zamberlan

Le stelle vanno a scuola CCD. M. Ciani, L. Donato, C. Zamberlan Le stelle vanno a scuola CCD M. Ciani, L. Donato, C. Zamberlan 1 Introduzione storica Nel 1969 presso i laboratori Bell di Murray Hill, New Jersey, già luogo di nascita del transistor, due ricercatori,

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

Proprietá dell immagine digitale

Proprietá dell immagine digitale Capitolo 5 Proprietá dell immagine digitale 5.1 Metrica delle immagini 5.1.1 Distanza Euclidea D E Per una immagine digitale, definita come una matrice bidimensionale, rappresenta una misura quantitativa

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Indicizzazione e ricerca delle immagini

Indicizzazione e ricerca delle immagini Indicizzazione e ricerca delle immagini E un settore della ricerca dove sono stati raggiunti risultati molto importanti e avanzati. Ora tali tecniche sono anche incluse nei database relazionali di tipo

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

Radiazione elettromagnetica

Radiazione elettromagnetica Radiazione elettromagnetica Un onda e.m. e un onda trasversa cioe si propaga in direzione ortogonale alle perturbazioni ( campo elettrico e magnetico) che l hanno generata. Nel vuoto la velocita di propagazione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Teoria e Tecniche di Elaborazione dell Immagine

Teoria e Tecniche di Elaborazione dell Immagine Università degli Studi di Udine Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Laurea Specialistica in Informatica A.A. 2004 2005 Relazione per il Corso di Teoria e Tecniche di Elaborazione dell Immagine

Dettagli

Guida all uso di RSL III

Guida all uso di RSL III Guida all uso di RSL III Dati generali Passo 1 - In «Home» si inseriscono i Dati generali; Passo 2- In «Dati generali» i dati d identificazione dello studio (descrizione, committente, ecc.); Passo 3 -

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 03

ELEMENTI DI ACUSTICA 03 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 01/013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni EEMENTI DI ACUSTICA 03 PROPAGAZIONE DE SUONO 0 DIRETTIVITA DEA SORGENTE FREQUENZA SONORA PROPAGAZIONE

Dettagli

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line.

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line. 4 IV Giornata Oggi termineremo questo percorso sulla luce misurando l intensità luminosa della distribuzione di massimi e minimi delle figure di diffrazione e di interferenza. In particolare confronteremo

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI Corso di Misure Meccaniche Termiche e Collaudi 5 anno - Ingegneria Meccanica Politecnico di Bari prof. Domenico Laforgia ing. Giuseppe Starace TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI In questa trattazione si farà

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Improvements in quality and quantification of 3D PET images

Improvements in quality and quantification of 3D PET images Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dottorato di Ricerca in Fisica e Astronomia Coordinatore: Prof. Giberto Chirico Tesi di Dottorato di Ricerca

Dettagli

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze Prof. M. C. Capizzo MODULO 1 Conoscere e misurare le grandezze Cos è la Fisica? Indagine sulla natura con gli strumenti matematici MECCANICA TERMODINAMICA ELETTROMAGNETISMO movimento dei corpi fenomeni

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi 2 Principi Generali della Fotografia LE MISURAZIONI DELLA LUCE 3 LA LUCE QUALE ENERGIA MISURABILE Abbiamo visto che la luce è una forma

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

21.Statistiche di Vendita

21.Statistiche di Vendita 21.Statistiche di Vendita Le statistiche di Vendita sono costituite da 3 diversi pannelli: Quantità/Valore/Margine Quantità/Valore/Margine Costo/Venduto/Margine Curve ABC Il Data Base contiene informazioni

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Il caso del rischio di incendio Cod.731 - Vers.CC9 1 Introduzione 2 Definizione del problema 3 Omogeneizzazione dei dati 4 Calcolo

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali

Dettagli

Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente

Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Backstage n.15, aprile 1999, Gruppo editoriale Jackson) Spesso, al fine di studiare l acustica di un

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

Esplorazione dei dati

Esplorazione dei dati Esplorazione dei dati Introduzione L analisi esplorativa dei dati evidenzia, tramite grafici ed indicatori sintetici, le caratteristiche di ciascun attributo presente in un dataset. Il processo di esplorazione

Dettagli

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione ALLEGATO 6 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -------------------------------- Documento d inquadramento per le cappe chimiche nei Dipartimenti Provinciali dell ARPA Lombardia.

Dettagli

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze Modello matematico VS modello numerico IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Capitelli hatoriani di Abu Fedah, dalla Description de

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI Settembre 2011 v2.3.0 Di Robert Shawhan Presentazione: 2 Interfaccia: 2 Schizzo: 2 Punti: 2 Linee: 2 Aree: 2 Archi: 2 Dimensioni: 2 Mettere in scala: 2 Frecce: 2 Testo:

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini. University of L Aquila Dep. of Life, Health and Environmental Sciences

Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini. University of L Aquila Dep. of Life, Health and Environmental Sciences Informatica Prof. Pierpaolo Vittorini University of L Aquila Dep. of Life, Health and Environmental Sciences Pierpaolo Vittorini (UnivAQ) Informatica 1 / 22 Imaging Pierpaolo Vittorini (UnivAQ) Informatica

Dettagli