Attività antropiche: attività umane.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività antropiche: attività umane."

Transcript

1 A Acque di strato (o di produzione): sono le acque associate agli idrocarburi nei giacimenti e, quindi, estratti insieme ad essi. Le loro proprietà chimico fisiche variano a seconda della localizzazione del giacimento, delle caratteristiche delle rocce di cui esso è costituito, delle caratteristiche degli idrocarburi. Acquifero: Il suolo e le rocce contengono sempre quantità variabili di acqua. Quando l'acqua contenuta nelle porosità, negli interstizi, nelle cavità e nelle fratture geologiche può fornire una quantità utilizzabile/estraibile di acqua, questa formazione si definisce acquifero. Attività antropiche: attività umane. B C Ciclo di invaso e svaso stagionale: fenomeno ciclico di riempimento e svuotamento di un bacino idrico che si ripete in maniera periodica nel corso dell anno. Concessione di coltivazione di idrocarburi: titolo conferito da parte dell Autorità Statale del permesso relativo alle attività di coltivazione in una determinata area. D E Epicentro: si intende quel punto della superficie terrestre posto esattamente sulla verticale condotta dall'ipocentro ed è rappresentativo della zona, piuttosto ristretta, della superficie terrestre in cui un terremoto si presenta con la massima intensità. F Faglia (o zona di faglia): è una frattura (planare o non planare) della roccia che mostra evidenze di movimento relativo tra le due masse rocciose da essa divise. La superficie lungo cui si è verificata la frattura si chiama superficie di faglia oppure piano di faglia, o anche specchio di faglia. Le faglie sono raramente singole unità planari; generalmente si osservano gruppi di piani paralleli lungo cui si è verificato un movimento più o meno esteso. Questi settori vengono chiamati zone di faglia. Faglia attiva: nella letteratura scientifica vi sono numerose definizioni di faglia attiva, ciascuna con riferimento ad un diverso intervallo temporale in cui si sono avute evidenze di movimento; di seguito ne sono riportate alcune: l EPA (Environmental Protection Agency) definisce attiva una faglia che si è mossa almeno una volta negli ultimi anni; per la Regulatory Commission americana una faglia attiva deve avere evidenze di almeno un movimento negli ultimi anni e di due negli ultimi anni;

2 Boschi et al. (1996) definiscono attiva una faglia che presenta evidenze di attività a partire dal tardo Pleistocene (ultimi anni) e una dimostrabile capacità di generare terremoti di magnitudo elevata; Slemmons and McKinney (1977), Wood (1916) and Willis (1923) definiscono, più in generale, attiva una faglia il cui movimento è avvenuto in un arco di tempo in cui si sono mantenute le attuali condizioni tettoniche; Muir Wood and Mallard, (1992) affermano che non si può dare una definizione basata su precisi intervalli temporali; piuttosto potrebbe essere utile, secondo gli stessi autori, determinare degli intervalli di ricorrenza per ciascuna faglia o dei periodi di tempo in cui si sono mantenute le attuali condizioni tettoniche. Faglia sismogenetica: Singole faglie, o sistemi di faglie, in grado di generare terremoti. Per individuare le faglie sismogenetiche è necessario avere una buona conoscenza delle caratteristiche tettoniche della regione oggetto di studio, per delimitare spazialmente le faglie esistenti e caratterizzarne il potenziale sismico. E inoltre fondamentale avere cataloghi dei terremoti verificatisi nell area studiata con informazioni quanto più possibile lontano nel tempo e/o, quando mancano informazioni storiche, studi paleosismici, che analizzano la geologia recente visibile in scavi e trincee. G Giacimento di idrocarburi: è un deposito minerario contenente idrocarburi in quantità economicamente sfruttabile. I Ipocentro: In sismologia, il punto o meglio la zona della Terra in cui ha origine un terremoto; la profondità dell i. varia da pochi chilometri sino a varie centinaia di chilometri. Isosista: In sismologia, linea luogo dei punti della superficie terrestre in cui l intensità di un terremoto ha raggiunto lo stesso valore. Sono linee, più o meno regolari, chiuse intorno all epicentro del terremoto. K L M Magnitudo: In sismologia è una misura indiretta dell'energia meccanica sprigionata da un evento sismico all'ipocentro, basandosi sull'ampiezza delle onde sismiche registrate dai sismografi in superficie. Magnitudo locale (Richter): la magnitudo Richter è una misura oggettiva della forza di un terremoto ed è espressa attraverso un numero puro. Essa è stata definita nel 1935 dal sismologo statunitense Charles Francis Richter ( ) come misura della quantità di energia elastica emessa durante un terremoto. In omaggio a Richter, si parla quindi di magnitudo Richter", o impropriamente di Scala Richter". La magnitudo Richter segue un andamento logaritmico quindi ogni incremento di una unità di magnitudo corrisponde ad un

3 incremento di trenta volte dell energia emessa. I terremoti più piccoli percettibili dall uomo hanno una magnitudo intorno a Magnitudo del momento sismico (conosciuta anche con l'acronimo inglese MMS, da moment magnitude scale, spesso chiamata semplicemente magnitudo momento) è utilizzata dai sismologi per misurare le dimensioni dei terremoti in termini di energia liberata. La scala fu sviluppata negli anni settanta come aggiornamento della scala Richter degli anni trenta. Analogamente a quest'ultima ogni aumento di un grado corrisponde a circa 31 volte l'energia del terremoto del grado precedente. Così, un terremoto di magnitudo 5 libera trentuno volte l'energia di uno di magnitudo 4 e 1000 volte l'energia di uno di magnitudo 3 e così via. Microsisma: scossa sismica, di origine naturale o artificiale, di piccola magnitudo della scala Richter (inferiore o uguale a 3), valori che sono registrabili solo dai sismografi, non sono mai percettibili dall uomo, e non provocano danni a manufatti e persone. O P Permeabilità: in geologia è una proprietà delle rocce o dei terreni e rappresenta la capacità di essere attraversati dai fluidi. Il valore della permeabilità è di grande importanza per determinare la produttività dei giacimenti di idrocarburi o dei pozzi per la produzione d'acqua. Pozzo: foro realizzato nel sottosuolo, mediante perforazione per l esplorazione e la produzione di idrocarburi. R Re iniezione: è il processo di reiniezione nel sottosuolo di fluidi generalmente acque di strato, erogati dal pozzo insieme agli idrocarburi. Rischio sismico: è la misura dei danni attesi in termini economici, sociali, ambientali e di vite umane derivante da eventi sismici che possono occorrere su un certo territorio in un dato periodo di tempo. S Scala Mercalli: l intensità di un terremoto viene espressa con la Scala MCS (Mercalli Cancani Sieberg), più nota come Scala Mercalli, dal nome del sismologo italiano che propose una scala basata sugli effetti dei terremoti (Giuseppe Mercalli, ). La Scala Mercalli, composta di dodici gradi, misura l intensità di un terremoto, quantifica e classifica esclusivamente gli effetti provocati sull ambiente, sulle cose e sull uomo; pertanto, a differenza della magnitudo Richter, essa può assumere valori diversi in luoghi diversi per uno stesso terremoto. Di norma l intensità di un terremoto diminuisce con l aumentare della distanza dall epicentro. In genere l uomo avverte terremoti a partire dal III grado, dal VI all VIII si verificano danni alle abitazioni, mentre a partire dal IX, si possono avere crolli totali e stravolgimenti del paesaggio (deformazioni del suolo, frane, alterazioni del regime idrico).

4 Scossa sismica: ciascuno dei movimenti della superficie terrestre che costituiscono un terremoto; spesso, con valore collettivo, lo stesso che terremoto. Con più particolari qualificazioni: s. sussultoria, diretta secondo la verticale del luogo; s. ondulatoria, in senso orizzontale; s. rotatoria, derivata dall incontro o dalla sovrapposizione di onde di diversa provenienza; Sciame sismico: In sismologia è un fenomeno localizzato in una determinata zona, caratterizzato da una sequenza di scosse sismiche, che può durare fino a diversi mesi, senza la presenza di un singolo terremoto individuabile come scossa principale. Sismicità di un area: Caratteristica di un territorio che descrive la frequenza e la forza con cui si manifestano i terremoti. Sismicità Indotta: sismicità dovuta ad attività antropiche, in corrispondenza di strutture geologiche altrimenti quiescenti. Sismicità Innescata: sismicità in cui le attività antropiche sono responsabili solo in minima parte degli eventi sismici, causati principalmente dal pre esistente campo di stress tettonico. Sismicità Stimolata: indica genericamente sia la sismicità indotta sia quella innescata. Sismografo: strumento per rilevare e registrare movimenti sismici. Di solito indica l insieme del sismometro e del dispositivo di registrazione dei segnali rilevati dal sismometro. Sismometro: strumento che misura le oscillazioni del terreno causate dai terremoti. Sismologia branca della geofisica che studia i fenomeni sismici. È nata sul finire del 19 sec. e si è successivamente sviluppata secondo 4 principali direzioni: ricerca sulle modalità di propagazione delle onde sismiche e sulla struttura della Terra; studio dei caratteri fisici dei terremoti e interpretazione geologica delle loro principali cause; osservazioni sugli effetti dei terremoti, sulla loro distribuzione geografica e sulla loro frequenza, dirette all elaborazione di norme per la salvaguardia delle persone e dei beni; studio della previsione dei terremoti. Strutture sismogenetiche: sono le strutture geologiche attive a livello regionale da cui si originano i sismi. T Terremoto: detto anche sisma o scossa tellurica, è una vibrazione o oscillazione, provocata dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa lungo fratture della crosta terrestre dette faglie, oppure da attività vulcanica o da frane. In genere, la causa è da ricondurre alle forze di natura tettonica che agiscono costantemente all'interno della crosta terrestre. La zona in cui è localizzata la sorgente è detta ipocentro, tipicamente in corrispondenza di fratture preesistenti;; a partire dalla frattura creatasi una serie di onde elastiche, dette "onde sismiche", si propagano in tutte le direzioni dall'ipocentro, dando vita al fenomeno osservato in superficie; il luogo della superficie terrestre posto sulla verticale dell'ipocentro si chiama epicentro ed è generalmente quello più interessato dal fenomeno. La branca della geofisica che studia questi fenomeni è la sismologia. Terremoti tettonici: I terremoti tettonici hanno origine dai movimenti lungo fratture nella crosta terrestre, dette faglie. Sono i terremoti più frequenti. L energia emessa dipende anche dalla lunghezza delle fratture: quelli più potenti possono essere generati da fratture lunghe centinaia di chilometri.

5 W Z

Prevenzione Formazione ed Informazione

Prevenzione Formazione ed Informazione Il Rischio Sismico Prevenzione Formazione ed Informazione Giuseppe Licata Esperto in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento. Laureando in Scienze Geologiche, curriculum rischi geologici Il

Dettagli

FLL Relazione Scientifica - Maserati

FLL Relazione Scientifica - Maserati FLL Relazione Scientifica - Maserati I TERREMOTI Nella relazione scientifica abbiamo deciso di studiare i "terremoti" spinti dalla curiosità per un fenomeno che, di recente ci ha sorpresi e impressionati:

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE INDICE CONTENUTI Pag. PREMESSA 1 Cap. 1 I TERREMOTI 2 Cap. 2 STRATEGIE 4 2.1 Abaco storico delle osservazioni sismiche 5 2.2 Il territorio di CAGNANO VARANO 7 2.3 Storicità degli eventi sismici 9 Cap.

Dettagli

Terremoti a cura di Francesco Speciale

Terremoti a cura di Francesco Speciale Terremoti a cura di Francesco Speciale Il terremoto o sisma viene definito come una rapido e violento scuotimento del suolo dovuto a improvvise lacerazioni che si manifestano a grandi profondità nelle

Dettagli

Laboratorio di monitoraggio Cavone

Laboratorio di monitoraggio Cavone Laboratorio di monitoraggio Cavone Sulla base dell accordo per la prima applicazione delle Linee Guida del 23/07/2014 è stata elaborata la presente nota per valutare in modo preliminare l evento sismico

Dettagli

Laboratorio di monitoraggio Cavone

Laboratorio di monitoraggio Cavone Laboratorio di monitoraggio Cavone Monitoraggio del trimestre aprile-giugno 2015. Sulla base dell accordo per la prima applicazione delle Linee Guida sui monitoraggi predisposte dal Gruppo di Lavoro istituito

Dettagli

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia Disney 1 Ing. Andrea Fabbri Via Niccolò Machiavelli, 17 50012 Bagno a Ripoli (FI) Codice Fiscale: FBBNDR85M24A564C Partita I.V.A.: 06278480485 Telefono: 380/2678520 E-mail: a.fabbri@ymail.com Istituto

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME Tecnico

Dettagli

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello»

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Perché questo incontro Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Emergenza di comunicazione: sei membri della Commissione Grandi Rischi sotto

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

I terremoti. Cosa sono. Dove si verificano i terremoti

I terremoti. Cosa sono. Dove si verificano i terremoti I terremoti Cosa sono Un terremoto, lo dice la parola stessa, è un moto, un movimento della Terra, chiamato anche sisma, dal greco scossa. La Terra è un pianeta vivo, che si muove continuamente sotto ai

Dettagli

CORSO DI MICROZONAZIONE SISMICA E VALUTAZIONE DELLA TERREMOTO. Dario Albarello. Università degli Studi di Siena dario.albarello@unisi.

CORSO DI MICROZONAZIONE SISMICA E VALUTAZIONE DELLA TERREMOTO. Dario Albarello. Università degli Studi di Siena dario.albarello@unisi. CORSO DI MICROZONAZIONE SISMICA E VALUTAZIONE DELLA RISPOSTA SISMICA LOCALE PER LA RICOSTRUZIONE POST- TERREMOTO La pericolosità sismica Dario Albarello Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell

Dettagli

Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas.

Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas. Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas. venerdì 27 settembre 2013, 13:13 di Lorenzo Pasqualini Lo sciame sismico al largo del Golfo di Valencia

Dettagli

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ANALISI DEL RAPPORTO ON THE POTENTIAL FOR INDUCED SEISMICITY AT THE CAVONE OILFIELD: ANALYSIS OF GEOLOGICAL AND GEOPHYSICAL DATA, AND GEOMECHANICAL MODELING di L. Astiz, J.H. Dieterich, C. Frohlich, B.H.

Dettagli

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA Terremoti Un terremoto è un movimento oscillatorio del suolo causato da tre eventi consecutivi: 1. movimenti in particolari zone della crosta terrestre*

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 572 - Nome Cod. IFFI ex Cod. PAI P1 P2 P3 P4 Frana in più comuni VICENZA Altissimo Toldo 240149200 Nuova Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 573 - -

Dettagli

SEI 2012 I fenomeni sismici. Il percorso

SEI 2012 I fenomeni sismici. Il percorso 7 I fenomeni sismici Il percorso 1 I terremoti 2 La teoria del rimbalzo elastico 3 Le onde sismiche 4 I l rilevamento delle onde sismiche: sismografi e sismogrammi 5 Intensità e magnitudo dei terremoti

Dettagli

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI dal latino terrae motus ossia movimento della terra. CO): deriva dal greco seismos ossia scuotimento. : deriva dal latino Tellus che era la dea romana della Terra. significano

Dettagli

Terremoti, l esperto: si sta muovendo la faglia di Reggio, la più pericolosa di tutta la Calabria

Terremoti, l esperto: si sta muovendo la faglia di Reggio, la più pericolosa di tutta la Calabria Terremoti, l esperto: si sta muovendo la faglia di Reggio, la più pericolosa di tutta la Calabria martedì 11 febbraio 2014, 22:31 di Peppe Caridi Nei giorni scorsi una sequenza sismica ha interessato la

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Scienze integrate>scienze della terra

Scienze integrate>scienze della terra UdA n. 1 Titolo: Universo Acquisire e decodificare concetto di complessità e di evoluzione del sistema Universo Origine ed evoluzione dell Universo I corpi celesti Il sole e il sistema solare Leggi di

Dettagli

Scienze della Terra. Esplicitazone del prodotto/compito ESITI DI APPRENDIMENTO

Scienze della Terra. Esplicitazone del prodotto/compito ESITI DI APPRENDIMENTO Scheda di progettazione delle Unità di Apprendimento Corso di grafica, informatica, biotecnologia, elettrotecnica ed elettronica Classi ANAGRAFICA UdA N 1 Titolo: Astronomia Anno Periodo inizio Settembre

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

SCENEGGIATURA I terremoti

SCENEGGIATURA I terremoti Progetto LES SCENEGGIATURA I terremoti Premessa Questa attività è dedicata allo studio della natura e genesi dei terremoti. I terremoti costituiscono una delle manifestazioni più imponenti della dinamica

Dettagli

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO 1 CHE COS È IL TERREMOTO E QUANDO SI VERIFICA? Il terremoto o sisma è un fenomeno naturale. È un improvviso e rapido scuotimento

Dettagli

I TERREMOTI COSA É IL TERREMOTO

I TERREMOTI COSA É IL TERREMOTO I TERREMOTI COSA É IL TERREMOTO Il terremoto, sisma o scossa tellurica, è un fenomeno naturale che si manifesta con un'improvvisa, rapida vibrazione del suolo provocata dallo spostamento improvviso di

Dettagli

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE Tettonica a placche FRATTURAZIONE Della LITOSFERA MOVIMENTO Delle PLACCHE Placche Frammenti di litosfera Crosta continentale Crosta oceanica Crosta continentale + Crosta oceanica Cosa succede? Prima

Dettagli

Università IUAV di Venezia Corso di Consolidamento degli edifici storici A.A. 2012-2013. Prof Paolo Faccio Arch. Elisa Fain IL SISMA

Università IUAV di Venezia Corso di Consolidamento degli edifici storici A.A. 2012-2013. Prof Paolo Faccio Arch. Elisa Fain IL SISMA Università IUAV di Venezia Corso di Consolidamento degli edifici storici A.A. 2012-2013 Prof Paolo Faccio Arch. Elisa Fain IL SISMA Cos è il SISMA La crosta terrestre è in costante movimento (teoria della

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 3 AGGIORNAMENTO 2014

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 3 AGGIORNAMENTO 2014 COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO AMBIENTE PARCHI e PROTEZIONE CIVILE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE Via Martiri della Resistenza, 8/a 29122 PIACENZA Tel.: 0523 492297/8

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

I terremoti: cause ed effetti

I terremoti: cause ed effetti Laboratorio progettuale (strutture) Anno accademico 2005/06 I terremoti: cause ed effetti Perché avvengono i terremoti? Catania, 8 marzo 2006 Aurelio Ghersi Zolle crostali e terremoti Il meccanismo che

Dettagli

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE PIANO DI LAVORO DOCENTE MATERIA DESTINATARI ANNO SCOLASTICO 2013-14 Olga Pecorari SCIENZE NATURALI CLASSE PRIMA BES LICEO DELLE SCIENZE UMANE OP.ECONOMICO-SOCIALE COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

Metodologia di analisi del

Metodologia di analisi del Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Veneto sistema di formazione per la Protezione Civile Metodologia di analisi dei rischi rischi (rischi naturali e antropici classificazione) a cura di: Istruttore

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Prospezioni Geofisiche & Aspetti Ambientali ASSOMINERARIA. Serie di immagini sismiche del sottosuolo italiano

Prospezioni Geofisiche & Aspetti Ambientali ASSOMINERARIA. Serie di immagini sismiche del sottosuolo italiano Serie di immagini sismiche del sottosuolo italiano Come si progetta un rilievo sismico - FASE PRELIMINARE 1) Definizione delle caratteristiche tecniche del rilievo Modello Geologico di riferimento Modelling

Dettagli

LA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO ANTROPIZZATO:! Consapevolezza ed analisi sintetica! dei principali fattori di rischio idrogeologico in Italia!

LA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO ANTROPIZZATO:! Consapevolezza ed analisi sintetica! dei principali fattori di rischio idrogeologico in Italia! LA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO ANTROPIZZATO:! Consapevolezza ed analisi sintetica! dei principali fattori di rischio idrogeologico in Italia! Romeo Mariano Toccaceli Geologo Premesse L argomento trattato

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

I Terremoti e Le Onde Sismiche

I Terremoti e Le Onde Sismiche Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno I Terremoti e Le Onde Sismiche Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Coordinamento delle Attività di Protezione Civile

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Coordinamento delle Attività di Protezione Civile UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Coordinamento delle Attività di Protezione Civile TSUNAMI FENOMENOLOGIA FISICA SUNTO Relatore: prof. sa Stefania

Dettagli

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. *

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. * 3.2 AZIONE SISMIA Le azioni sismiche di progetto, in base alle quali valutare il rispetto dei diversi stati limite considerati, si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione.

Dettagli

Ambiente e Territorio 9 Mappa 1.4 Comuni del Lazio per rischio sismico Tavola 1.7 Numero dei comuni per zona sismica e provincia Fonte : Regione Lazio

Ambiente e Territorio 9 Mappa 1.4 Comuni del Lazio per rischio sismico Tavola 1.7 Numero dei comuni per zona sismica e provincia Fonte : Regione Lazio MAPPA DEL RISCHIO SISMICO NEL LAZIO Ambiente e Territorio 9 Mappa 1.4 Comuni del Lazio per rischio sismico Tavola 1.7 Numero dei comuni per zona sismica e provincia Fonte : Regione Lazio Note: La tabella

Dettagli

1 - L INTERNO DELLA TERRA, EQUILIBRI E FLUSSI DI ENERGIA. 1.1 - Le onde trasportano energia

1 - L INTERNO DELLA TERRA, EQUILIBRI E FLUSSI DI ENERGIA. 1.1 - Le onde trasportano energia 1 - L INTERNO DELLA TERRA, EQUILIBRI E FLUSSI DI ENERGIA 1.1 - Le onde trasportano energia Un sasso che cade in uno specchio d acqua origina onde concentriche che si allontanano verso l esterno, dando

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento.

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento. Assessorat des Ouvrages publics, de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica Presidenza della Regione Direzione Protezione

Dettagli

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI C3. AZIONI SULLE COSTUZIONI C3.1 OEE CIVILI ED INDUSTIALI C3.1.3 CAICHI EMANENTI NON STUTTUALI La possibilità di rappresentare i carichi permanenti portati come uniformemente distribuiti, nei limiti dati

Dettagli

Terremoti d Italia museo delle scienze naturali Brescia novembre 2014. Cos è il Rischio Sismico?

Terremoti d Italia museo delle scienze naturali Brescia novembre 2014. Cos è il Rischio Sismico? Terremoti d Italia museo delle scienze naturali Brescia novembre 2014 Fonte prof. Ing. Mauro Dolce dipartimento Protezione civile italia Cos è il Rischio Sismico? Totale edifici per data di costruzione

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Romanengo. per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI GAS NATURALE

Romanengo. per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI GAS NATURALE ENEL_BROCHURE_A4 def (originale)_layout 1 08/11/11 12.08 Pagina 1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Romanengo per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute geografia Gli elementi naturali : spazi terrestri e spazi acquatici Autore: Calegari Giuliana Anno 2011 1 Indice I vulcani..pag. 3 Il terremoto.pag.

Dettagli

I principali codici di cui dispone M 3 E sono:

I principali codici di cui dispone M 3 E sono: M 3 E S.r.l. è una società all avanguardia nello studio e simulazione numerica della geomeccanica di giacimento in problemi di sfruttamento o stoccaggio di risorse sotterranee, come acqua, gas o petrolio.

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

B.4 PIANO DI EMERGENZA COMUNALE RISCHIO SISMICO. COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI Settore Tecnico SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE. Dicembre 2012 DATA

B.4 PIANO DI EMERGENZA COMUNALE RISCHIO SISMICO. COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI Settore Tecnico SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE. Dicembre 2012 DATA COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI Settore Tecnico SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI FORLI'-CESENA REGIONE EMILIA ROMAGNA PIANO DI EMERGENZA COMUNALE RISCHIO SISMICO B.4 DATA Dicembre 2012 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Convegno ASSISTAL Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Ing. Domenico Savoca Regione Lombardia, Direzione Generale Qualità dell Ambiente Rho, 14

Dettagli

corso di consolidamento degli edifici storici

corso di consolidamento degli edifici storici Università IUAV di Venezia corso di consolidamento degli edifici storici Alcune considerazioni sulla definizione di azione sismica 8 marzo 2012 luisa berto Definizione di azione sismica e risposta degli

Dettagli

FORZE ENDOGENE ED IDROSFERA: GLI TSUNAMI

FORZE ENDOGENE ED IDROSFERA: GLI TSUNAMI FORZE ENDOGENE ED IDROSFERA: GLI TSUNAMI Il termine Tsunami, sinonimo di Maremoto (dal latino mare motus) deriva dal giapponese Tsu-Nami che vuol dire onda contro il porto. Per Tsunami si intende un anomalo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA VALUTAZIONE DELLA VULNERABILITA SISMICA DEGLI IMPIANTI

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Sismicità indotta: un rischio più che probabile

Sismicità indotta: un rischio più che probabile Sismicità indotta: un rischio più che probabile Romualdo Gianoli Su Science tre articoli di geologi americani dimostrano una correlazione tra attività di fracking per l estrazione del gas naturale e sismi

Dettagli

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche.

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche. 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

Malgrado le metodologie geofisiche

Malgrado le metodologie geofisiche Le perforazioni profonde a scopo scientifico: esiste un rischio sismico? Giuseppe De Natale, Paolo Gasparini Perforazioni e carotaggi sono importanti per conoscere la struttura superficiale del pianeta.

Dettagli

Stefano Catalano & Giuseppe Tortorici con la collaborazione di Gino Romagnoli & Giovanni Sturiale

Stefano Catalano & Giuseppe Tortorici con la collaborazione di Gino Romagnoli & Giovanni Sturiale LA CARTA GEOLOGICA DEL BASSO VERSANTE ORIENTALE DEL M. ETNA (SCALA 1:10.000): NUOVI VINCOLI GEOLOGICI E GEOMORFOLOGICI PER LA RICOSTRUZIONE DEL SOTTOSUOLO Stefano Catalano & Giuseppe Tortorici con la collaborazione

Dettagli

Legenda colonna Tema ambientale

Legenda colonna Tema ambientale Cap 9B Rischio sismico Legenda colonna Tema ambientale Tema ambientale Rischio sismico Pericolosità sismica Vulnerabilità sismica Esposizione Quadro sinottico degli indicatori DPSIR Tema Nome Altre aree

Dettagli

PORTES OUVERTES AUX PÉPINIÈRES 13 dicembre - Sala Cogne delle Pépinières di Aosta

PORTES OUVERTES AUX PÉPINIÈRES 13 dicembre - Sala Cogne delle Pépinières di Aosta PORTES OUVERTES AUX PÉPINIÈRES 13 dicembre - Sala Cogne delle Pépinières di Aosta APPLICAZIONI GEOFISICHE PER L ESPLORAZIONE DEL SOTTOSUOLO E LA DIAGNOSTICA DELLE STRUTTURE Tripoli (Libia) new building

Dettagli

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Workshop sullo Stoccaggio Geologico della CO2 3/1272012 Palazzo Doria Pamphilj, Valmontone (Rm) Salvatore Lombardi Perché l Italia: Gli scenari geologici

Dettagli

Definizione di latitudine e longitudine Caratteristiche delle carte geografiche: approssimazione, riduzione, simbolismo Le carte topografiche

Definizione di latitudine e longitudine Caratteristiche delle carte geografiche: approssimazione, riduzione, simbolismo Le carte topografiche Profilo in uscita per la classe prima Liceo Internazionale Francese e Tedesco opzione linguistica e scientifica SCIENZE DELLA TERRA con indicazione dei livelli minimi (sottolineati). L insegnamento delle

Dettagli

200 milioni di anni fa. 65 milioni di anni fa. 50 milioni di anni fa oggi. Mantello. Nucleo

200 milioni di anni fa. 65 milioni di anni fa. 50 milioni di anni fa oggi. Mantello. Nucleo QUANDO LA TERRA TREMA Cari bambini, in questi giorni ho pensato molto a voi e infine ho deciso di mettermi al lavoro per aiutarvi a capire cosa accade a me, la terra, quando c è un terremoto. E non solo...vorrei,

Dettagli

I terremoti in Italia

I terremoti in Italia I TERREMOTI I terremoti in Italia Data Intensità (scala Mercalli) Magnitudo Regione Note 8 settembre 1905 X 6.8 Calabria 557 vittime, 300.000 senzatetto 28 dicembre 1908 XI 7.1 Calabro-Messinese Circa

Dettagli

Lusevera 25/05/2002 Md 2.5, distanza 4 km

Lusevera 25/05/2002 Md 2.5, distanza 4 km Terremoto Con questo termine si indica lo spostamento istantaneo lungo una faglia, il conseguente rilascio di energia in forma di onde sismiche e il risultante scuotimento del suolo. Causa di tale spostamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO ALTO ORVIETANO FABRO - TR Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO DESCRITTORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esplorare e descrivere oggetti e materiali

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

Linee guida per la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori a seguito di Evento Sismico

Linee guida per la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori a seguito di Evento Sismico Pag. 1 di 82 Linee guida per la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori a seguito di Evento Sismico Pag. 2 di 82 INDICE Introduzione Capitolo I Il Terremoto Cause Terremoti: informazioni, prevenzione

Dettagli

Quarant'anni fa ad Ancona

Quarant'anni fa ad Ancona Che cosa accadde: il punto della situazione Quarant anni fa, il 25 gennaio 1972, iniziò ad Ancona un lungo periodo sismico. Le prime registrazioni della sequenza in corso furono effettuate da due stazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO DESCRITTORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Manipolare

Dettagli

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI GEOGRAFIA CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA A - ORIENTAMENTO Riconosce e indica la propria posizione e quella di oggetti dati, nello spazio vissuto, rispetto a diversi punti di riferimento. a1) Riconoscere

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE della scuola primaria

CURRICOLO DI SCIENZE della scuola primaria CURRICOLO DI SCIENZE della scuola primaria CURRICOLO DI SCIENZE al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI SCIENZE al termine della classe seconda della scuola primaria...3 CURRICOLO

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

VISTO il Regio decreto dell 11 dicembre 1933, n. 1775 riportante il Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici.

VISTO il Regio decreto dell 11 dicembre 1933, n. 1775 riportante il Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici. Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti VISTO il comma 4, dell art.

Dettagli

CURRICOLO SCIENZE E TECNOLOGIA

CURRICOLO SCIENZE E TECNOLOGIA 1 CURRICOLO SCIENZE E TECNOLOGIA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 Il bambino: Schema cognitivo Rileva le caratteristiche principali di oggetti e di situazioni; formula ipotesi; ricerca

Dettagli

Lezione 2. I terremoti: cause ed effetti. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni)

Lezione 2. I terremoti: cause ed effetti. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Lezione 2 I terremoti: cause ed effetti Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Perché avvengono i terremoti? La struttura della terra L evoluzione della terra La tettonica a zolle Le principali

Dettagli

Ringrazio innanzitutto il Professor Barberi per avermi invitato a questo importante convegno. Io vorrei vivacizzare il mio intervento mostrandovi,

Ringrazio innanzitutto il Professor Barberi per avermi invitato a questo importante convegno. Io vorrei vivacizzare il mio intervento mostrandovi, Ringrazio innanzitutto il Professor Barberi per avermi invitato a questo importante convegno. Io vorrei vivacizzare il mio intervento mostrandovi, molto velocemente, alcune immagini. Nella prima slide

Dettagli

GPR - Metodologia e applicazioni

GPR - Metodologia e applicazioni GPR - Metodologia e applicazioni La metodologia geofisica G.P.R. (Ground Penetrating Radar) permette di investigare sulla struttura e sulla composizione del sottosuolo attraverso l analisi delle riflessioni

Dettagli

LA STAZIONE GEOFISICA IPOGEA DEL BUS DE LA GENZIANA (PIAN CANSIGLIO)

LA STAZIONE GEOFISICA IPOGEA DEL BUS DE LA GENZIANA (PIAN CANSIGLIO) LA STAZIONE GEOFISICA IPOGEA DEL BUS DE LA GENZIANA (PIAN CANSIGLIO) Responsabile scientifico: Dott. ssa Carla Braitenberg, Collaboratore: Dott. ssa Barbara Grillo (Dipartimento di Scienze della Terra,

Dettagli

SULLA POTENZIALE SISMICITÀ INDOTTA NEL CAMPO

SULLA POTENZIALE SISMICITÀ INDOTTA NEL CAMPO SULLA POTENZIALE SISMICITÀ INDOTTA NEL CAMPO PETROLIFERO DI CAVONE: ANALISI DEI DATI GEOLOGICO- GEOFISICI E MODELLIZZAZIONE GEOMECCANICA Luciana Astiz - University of California San Diego James H. Dieterich

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli