Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi"

Transcript

1 Memorie secondarie Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi 1

2 I dispositivi di memoria dei calcolatori sono organizzati secondo una gerarchia, dove al livello più alto ci sono memorie di piccola dimensione, molto veloci, costose, mentre scendendo di livello la dimensione aumenta, diminuiscono velocità di accesso e costi.. dischi Dimensioni volatili memoria centrale (RAM) nastri permanenti Costo/MB cache. registri Tempo di accesso Le prestazioni dipendono dal tempo di accesso, determinato come somma di latenza (tempo per accedere al primo byte) e tempo di trasferimento (che dipende da dimensione dei dati e velocità di trasferimento). Memorie secondarie Pag. 2

3 Lungo la gerarchia, ogni memoria serve da cache (memoria di transito) per la memoria più grande e più lenta del livello sottostante. La gestione di un database richiede l uso di dispositivi di memoria secondaria in grado di mantenere l informazione in modo permanente. I dispositivi volatili, invece, perdono il loro contenuto non appena viene a mancare l alimentazione. Approccio tipico Memoria principale (RAM + cache e registri) per i dati correntemente in uso. Dischi per il database. Nastri per archivio storico di vecchie versioni dei dati. Memorie secondarie Pag. 3

4 Terminologia Volume: insieme di dispositivi fisici per la memorizzazione dei dati (ad esempio un volume di dischi). Modulo: insieme di dispositivi usati per rendere usabile un volume di dati. Unità: dispositivo periferico composto da diversi moduli per la memorizzazione di dati ragguppati in blocchi. Memorie secondarie Pag. 4

5 Livelli di astrazione Livello applicazione: un programma utente vede i dati distinti in record logici. Il record può avere lunghezza fissa ma anche variabile, nel qual caso si usano speciali delimitatori tra record, o indicatori di lunghezza all inizio di ogni record, o liste di puntatori ai record all inizio di ogni blocco di record. Livello di archiviazione: si lavora su blocchi di byte, di dimensione fissata dal sistema operativo o dall utente. Si usa anche il termine pagina. Una pagina può contenere diversi record, così come un record può essere contenuto in più pagine. Livello del dispositivo: si lavora su blocchi di byte, con dimensione scelta dall utente (es. nastri) o fissa (es. dischi) nel qual caso si parla di settori. Memorie secondarie Pag. 5

6 Nastri magnetici Le unità a nastro permettono solo accesso sequenziale ai dati, pertanto il loro uso viene limitato ad usi particolari (backup, archiviazione storica,... ). Il volume è costituito da un nastro magnetico di lunghezza variabile (es mt.), e di larghezza compresa tra 1 e 1 di pollice. Si distinguono 4 2 unità a nastro a bobina e a cartuccia, le seconde di dimensioni notevolmente più ridotte. La tecnica di rappresentazione tradizionale dei dati su nastro è la longitudinal (linear) recording: traccia singolo bit direzione di scorrimento Le testine (disposte a pila) sono una per traccia e le tracce rimangono sempre parallele alla direzione di scorrimento del nastro (es. IBM 3420: 9 tracce = 1 byte + 1 bit di parità). Memorie secondarie Pag. 6

7 Modalità di funzionamento Meccanismo START and STOP 1. messa in moto 2. raggiungimento velocità minima 3. lettura/scrittura 4. rallentamento 5. stop A causa di 1. e 4. è necessario separare i blocchi con un inter-record gap (al massimo 1 pollice). 2 Il numero di record memorizzati in un blocco è detto fattore di bloccaggio (bf). Memorie secondarie Pag. 7

8 La capacità effettiva del nastro è il numero di byte di dati memorizzabili e dipende da fattori quali la densità, il fattore di bloccaggio e la lunghezza del nastro. Supponendo record di dimensione fissa, il numero di record logici (NR) si calcola nel seguente modo: NR = dove N char D LN bf +IG bf N char: numero di byte per record IG: inter-record gap in pollici LN: lunghezza del nastro in pollici D: densità (byte per pollice) Memorie secondarie Pag. 8

9 Dischi magnetici Le unità a disco permettono modalità di accesso sequenziale e diretto. Il volume è dato da uno o più piatti disposti a pila che ruotano attorno ad un asse di rotazione. Un braccio meccanico consente il posizionamento delle testine (una per superficie) sulla pila. Su ogni superficie vi è un certo numero di tracce concentriche, ognuna divisa in settori, che rappresentano l unità di base che può essere letta/scritta. L insieme delle tracce che si trovano sulla stessa verticale e che quindi sono accessibili con un unico spostamento del braccio si chiama cilindro. Memorie secondarie Pag. 9

10 settore superficie traccia cilindro braccio asse di rotazione testina Memorie secondarie Pag. 10

11 Disk drive E composto da un meccanismo e da un controllore. Il meccanismo include dispositivi di registrazione (dischi, testine), di posizionamento (bracci) e di rotazione (asse). Il controllore (es. SCSI Small Computer System Interconnect) include un micro-processore, una memoria cache, ed una interfaccia al bus di I/O, su cui possono essere connessi diversi dischi (si parla generalmente di stringa SCSI). Memorie secondarie Pag. 11

12 Disk drive: latenza Il tempo di accesso al primo settore del blocco di dati da trasferire durante una operazione di I/O è dato da: 1. t s : tempo di posizionamento [seek time], necessario per muovere il braccio sul cilindro desiderato; 2. t r : tempo di latenza rotazionale [rotational latency], necessario per attendere che il settore desiderato passi sotto la testina. Memorie secondarie Pag. 12

13 Una operazione di seek è divisa in 4 fasi: 1. speedup (accelerazione) 2. coast (velocità costante) 3. slowdown (rallentamento) 4. settle (stabilizzazione) In genere, il costruttore fornisce il t s minimo, medio e massimo. La latenza rotazionale è generalmente assunta pari a metà del tempo di rotazione del disco. Memorie secondarie Pag. 13

14 Disk controller Si occupa di: tradurre indirizzi logici in indirizzi di blocchi e settori. controllare le attività svolte dal meccanismo del disk drive. correggere gli errori in fase di lettura/scrittura. Un controllore può essere legato ad un singolo meccanismo di disk drive (1:1), a più meccanismi (1:m), ma è anche possibile avere diversi controllori che accedono a diversi meccanismi (m:n) per migliorare il parallelismo e avere diverse vie di accesso ai dischi. Memorie secondarie Pag. 14

15 Politiche di lettura Pre-fetching Il controllore anticipa le richieste di lettura, caricando nella sua cache il contenuto di altri blocchi della stessa traccia alla quale appartiene quello richiesto, oppure blocchi dello stesso cilindro o di cilindri adiacenti. Gli accessi alla cache del controllore sono infatti molto più veloci degli accessi al disco: massimizzare il numero di accessi soddisfatti dalla cache è la politica vincente. Memorie secondarie Pag. 15

16 Politiche di scrittura Write-through Il controllore riceve i dati nella cache, li scrive su disco ed infine segnala che l operazione di scrittura è stata terminata. Write-back Il controllore segnala che l operazione di scrittura è stata terminata non appena i dati sono stati scritti nella sua cache. Riduce i tempi di attesa della CPU, ma è rischiosa in quanto la cache è una memoria volatile. Read-after-write Il controller attende una rotazione completa del disco e rilegge il blocco appena scritto. Se coincide con i dati nella cache che si volevano scrivere, allora l operazione è completata con successo, altrimenti si ripete la scrittura, eventualmente in un altro settore. In genere si usa insieme alla Write-back. Memorie secondarie Pag. 16

17 Disk controller: tempo di trasferimento Il tempo di trasferimento di un blocco t b (block transfer time) dipende dalla velocità di trasferimento (data rate DR), che si determina in funzione di velocità rotazionale del disco, densità di memorizzazione dei dati e velocità del controllore: DR = (bytes/sector sector/track) rotation time ovvero DR è pari al rapporto tra il numero di byte memorizzati in una traccia ed il tempo necessario per completare un giro del disco. Memorie secondarie Pag. 17

18 RAID: Redundant Array of Inexpensive Disks Definisce l architettura di un insieme (array) di dischi progettata al fine di migliorare affidabilità e prestazioni. L uso di più dischi consente di dividere i dati in piccoli blocchi che si leggono/scrivono in parallelo. RAID 0: consente solo distribuzione ma non ridondanza dei dati. RAID 1: i dati sono memorizzati in duplice copia su dischi separati. RAID 2: data striping con codice di correzione degli errori. Consente distribuzione dei dati a livello di blocchi di byte e impiega una tecnica di controllo della parità. RAID 3: data striping con disco di parità. Utilizza un singolo disco contenente la parità di tutti i dati. RAID 4: data interleaving con disco di parità. Prevede un solo disco per la parità e la distribuzione dei dati è a livello di blocchi di record. RAID 5: data interleaving con parità distribuita. Dati e parità sono mischiati nei vari dischi. Memorie secondarie Pag. 18

19 Dischi ottici: CD-ROM Limiti dei dischi magnetici: deterioramento; capacità limitata. Di solito il drive opera a velocità angolare costante (CAV), con la conseguenza che ogni traccia contiene lo stesso numero di settori, quindi si ha minore densità nelle tracce più esterne. È possibile variare il numero di settori per traccia, ma in tal caso occorre aggiustare la velocità di rotazione man mano che ci si sposta da una traccia all altra, con conseguente influenza sul tempo di seek. I dischi ottici offrono maggiore densità e maggiore durata nel tempo. In particolare, operano a velocità lineare costante (CLV): per evitare brusche variazioni della velocità di rotazione, si ha una unica traccia spiraliforme che parte dal centro del disco e prosegue fino alla parte più esterna. Memorie secondarie Pag. 19

20 Dischi magneto-ottici Limite dei dischi ottici: non riscrivibilità ed elevato tempo di accesso (centinaia di millisecondi). In particolare, la superficie del disco viene alterata in modo permanente facendo uso di un laser che crea dei piccoli fori (pit). I dischi magneto-ottici sono riscrivibili. Il principio su cui si basano è noto come effetto Kerr: in fase di scrittura un fascio laser ne scalda la superficie e rende permanente la magnetizzazione indotta da un campo magnetico; in fase di lettura, un laser meno potente viene riflesso dalla superficie con una polarizzazione che dipende dalla direzione di magnetizzazione. in fase di riscrittura una nuova magnetizzazione indotta ad alte temperature cancella i dati preesistenti e permette la scrittura di altri dati. Memorie secondarie Pag. 20

21 Digital Video Disc: DVD Hanno una maggiore capacità: alcuni GB invece dei centinaia di MB tipici dei dischi [magneto-]ottici. Ciò è dovuto alle seguenti caratteristiche: minore distanza inter-traccia; diversa lunghezza d onda in cui opera il laser (rosso invece di infrarosso); i dati si possono leggere su più livelli cambiando il focus del laser; è possibile usare entrambe le facce. Memorie secondarie Pag. 21

22 File System Abbiamo parlato di pagine e blocchi di dati memorizzati su memorie di massa (secondarie), ma a livello più alto le applicazioni lavorano su file e record. Un file strutturato è una collezione di record di struttura similare, dove un record rappresenta l unità di informazione elaborata da una applicazione. L accesso ad un file deve supportare operazioni di inserimento/cancellazione di record in modo indipendente dalla allocazione dei dati in memoria. La gestione di un file in memoria deve prevedere quindi politiche di allocazione iniziale di spazio in memoria secondaria, espansione incrementale di tale spazio e riorganizzazione degli spazi liberi. Memorie secondarie Pag. 22

23 Allocazione iniziale La tecnica più semplice è l allocazione STATICA e CONTIGUA: all atto della creazione del file l applicazione deve conoscere la dimensione massima prevista, che viene riservata su disco in un numero di settori contigui. Se i blocchi del file sono numerati da 0, nsb è il numero di settori necessari per memorizzare un blocco del file e s 0 è il numero d ordine del primo settore allocato al blocco 0, allora il blocco del file con numero d ordine k è memorizzato a partire dal settore s 0 + nsb k. VANTAGGIO: si può gestire sia accesso sequenziale (ovvero accedendo ai record in sequenza dal primo all ultimo) che accesso diretto (ovvero si accede ai record direttamente in base alla loro posizione) ai blocchi del file. SVANTAGGIO: la dimensione del file non può variare dinamicamente. Memorie secondarie Pag. 23

24 Per consentire espansione (contrazione) dinamica della dimensione del file, si usa la allocazione CON ESTENSIONI, che ad ogni richiesta assegna (rilascia) un certo numero di blocchi contigui chiamati extent. Gli extent possono essere di dimensione fissa o variabile ad ogni passo di espansione. Occorre un direttorio per indirizzare gli extent assegnati ad un file. Esempio primary extent 1. secondary extent 2. secondary extent extent disk id A B A extent index 2, 4, 24 3, 6, 191 5, 15, 201 accum length Ad esempio, l extent primario si trova nel disco A a partire dal cilindro 2, traccia 4, settore 24 e contiene i primi 100 blocchi del file, mentro il primo extent secondario contiene i blocchi dal 101 al 350. Memorie secondarie Pag. 24

25 Accesso ai file di UNIX Ad ogni file si associa una tabella chiamata i-node (index node) che contiene informazioni su come reperire i blocchi del file (tramite puntatori diretti a tali blocchi). Per gestire file di grandi dimensioni si usano puntatori fino a tre livelli di indirezione. Esempio Dimensione di un blocco: 512 byte. Un i-node contiene 13 puntatori di cui 10 diretti a blocchi di dati. Ogni puntatore occupa 4 byte. Usando solo i 10 puntatori diretti si possono indirizzare file fino a 5120 byte (10 512). Memorie secondarie Pag. 25

26 Il puntatore 11 punta ad un blocco contenente 512/4 = 128 puntatori diretti a blocchi di dati, quindi l estensione massima diventa KB. Il puntatore 12 punta ad un blocco contenente 128 puntatori, ciascuno che punta ad un blocco contenente 128 puntatori diretti a blocchi di dati, quindi l estensione massima diventa 69 KB byte 8 MB. Il puntatore 13 punta ad un blocco contenente 128 puntatori a blocchi di 128 puntatori a blocchi di 128 puntatori diretti a blocchi di dati, quindi l estensione massima diventa 8MB byte 1 GB. Memorie secondarie Pag. 26

27 Gestione della concorrenza In ambiente multiutente, il SO gestisce richieste concorrenti per l accesso alle risorse. Le politiche di gestione di accesso al disco sono: First Come First Served (FCFS) Le richieste sono servite in ordine di arrivo. Shortest Seek Time First (SSTF) Si serve prima la richiesta che comporta il minimo spostamento del braccio. SCAN (algoritmo dell ascensore) Le richieste sono servite nell ordine in cui le tracce sono visitate dal braccio in modo continuo da un estremo all altro della superficie. C-SCAN (SCAN Circolare) Variante della tecnica precedente in cui non c è servizio durante il moto di ritorno del braccio. LOOK e C-LOOK Varianti di SCAN e C-SCAN in cui il braccio non raggiunge le estremità della superficie, ma solo l ultima richiesta in ogni direzione. Memorie secondarie Pag. 27

28 Cache del disco Per minimizzare il numero di accessi al disco, il controller fa uso di una cache. Il successo di questa tecnica dipende da due princìpi: 1. località temporale: un blocco già referenziato continuerà a essere richiesto per un certo periodo di tempo. 2. località spaziale: riferimenti futuri a blocchi sono spesso contigui ai riferimenti correnti. L efficienza di una cache (hit ratio - HR) è data dal rapporto tra i riferimenti da essa soddisfatti e il totale dei riferimenti richiesti. Dato T I/O il tempo medio di accesso al disco e T C il tempo medio di accesso alla cache, l effettivo tempo medio di accesso a un blocco è: T E = HR T C + (1 HR) (T C + T I/O ) Memorie secondarie Pag. 28

29 Lettura di un blocco in presenza di cache 1. Si cerca il blocco richiesto nella cache; se trovato, la richiesta è soddisfatta e si legge il frame (unità atomica di trasferimento per la cache) contenente il blocco, altrimenti si va al passo Si cerca un frame libero nella cache; se trovato, il blocco richiesto viene copiato da disco nel frame selezionato e poi letto, altrimenti si va al passo Si sceglie un frame da rimpiazzare; se questo è stato modificato deve essere riscritto su disco. Quindi, il blocco richiesto viene copiato da disco nel frame prescelto e infine letto. Memorie secondarie Pag. 29

30 Parametri di progetto di una cache Dimensione della cache Maggiore la dimensione più alto è l hit ratio. Esiste comunque un limite superiore oltre il quale i benefici ottenuti non giustificano i costi. Dimensione di un frame della cache È strettamente legata (in misura direttamente proporzionale) alle dimensioni della cache. Locazione della cache La cache può trovarsi nel disk controller. In tal caso la sua gestione non dipende dal SO. In alternativa, la cache può trovarsi in memoria centrale. In tal caso si riduce la lunghezza del cammino di ogni I/O soddisfatto dalla cache, riducendo il numero di accessi al bus (e quindi di chiamate a procedure del SO). Tuttavia, la gestione della cache è a carico del SO, che deve riservarle parte dello spazio degli indirizzi in memoria centrale. Memorie secondarie Pag. 30

31 Aggiornamento dei dati su disco Le politiche più usate sono la write through e la write back. Politiche di piazzamento demand fetch: un blocco viene trasferito nella cache solo su richiesta. prefetching: si anticipa il trasferimento di blocchi che si prevede verranno richiesti. Può essere sequenziale (vengono caricati, oltre al blocco richiesto, anche uno o più blocchi successivi, come in UNIX: se vengono richiesti i blocchi logici consecutivi i 1 e i, allora si carica nella cache anche il blocco i+1) e adattivo (implica l analisi dei riferimenti operati in esecuzioni passate e l adozione di modelli di predizione). Memorie secondarie Pag. 31

32 Politiche di rimpiazzamento Alcune tecniche sono: Least Recently Used (LRU) Viene rimosso dalla cache il blocco usato meno recentemente. Implica l uso di tecniche per la datazione dei blocchi sulla base dei riferimenti fatti. Questo può significare sprechi di memoria e tempo di calcolo; in genere si implementano approssimazioni di questo approccio. First In First Out (FIFO) Si elimina dalla cache il blocco che è stato caricato meno recentemente. RANDOM Si elimina in modo casuale un blocco dalla cache. Memorie secondarie Pag. 32

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Dischi magnetici Proprietà principali e parametri - Velocità di rotazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Affidabilità dei dischi: RAID Sistemi Operativi 13.1 Struttura del disco I dischi vengono indirizzati come grandi

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Dispositivi di I/O Francesco Lo Presti Rielaborate da Salvatore Tucci Organizzazione di un Calcolatore I/O 1 Dispositivi di I/O!! Un dispositivo di I/O è costituito da due componenti:!!

Dettagli

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie Memoria Esterna (secondaria) Dischi magnetici RAID Rimovibili Ottica CD-ROM CD-Recordable (CD-R) CD-R/W DVD Nastri magnetici Dischi Magnetici Disco rivestito con materiale magnetico (ossido di ferro) Materiale

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Memoria Secondaria e Terziaria

Memoria Secondaria e Terziaria Memoria Secondaria e Terziaria Memoria secondaria e terziaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap Struttura

Dettagli

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Architettura dei calcolatori II parte Memorie

Architettura dei calcolatori II parte Memorie Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

Capitolo 12 -- Silberschatz

Capitolo 12 -- Silberschatz Gestione della memoria di massa Capitolo 12 -- Silberschatz Nastro magnetico Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente usato per

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 13 La gestione della Sistemi operativi 1 I file system annotati 2 Tecnologia e prestazioni del magnetico 3 Algoritmi di schedulazione del 26 maggio 2015 4 I

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi

Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi Principi dell hardware di I/O L'hardware di I/O può essere descritto a vari livelli Ingegneri

Dettagli

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 Dischi RAID high-performance high-reliability 15/03 03/04 G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 indice caratteristiche generali dei dischi parallelismo ed alte prestazioni affidabilità

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria)

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) Dispositivi per la memorizzazione di grandi masse di dati. I dati memorizzati su questo tipo di memoria sopravvivono all esecuzione dei programmi

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria secondaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Connessione dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 14.00-15.30. Aula opposta aula 10b Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

Gestione della memoria di massa

Gestione della memoria di massa Contenuti Gestione della memoria di massa Memoria di massa Struttura del disco Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Strutture RAID Implementazione

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM)

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM) Le Memorie Giuseppe Pozzi Impianti di Elaborazione Facoltà di Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano giuseppe.pozzi@polimi.it - versione del 3 settembre 23 - La memoria principale (RAM) Bibliografia:

Dettagli

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati).

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati). MEMORIA CENTRALE Insieme di celle, ciascuna delle quali è individuata da un indirizzo espresso da n bit (n = lunghezza del registro MA). Es. Registro Indirizzi di 32 bit 2 32 celle = 4 Gcelle 4 Gbyte Il

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Fondamenti dei Sistemi Operativi Device Manager Dispositivi di I/O Interfaccia (o controller) e software di pilotaggio (driver) di un dispositivo Schedulazione dei dischi: i parametri Schedulazione

Dettagli

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O)

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Possono essere i piu svariati: mouse, tastiera, monitor, altoparlanti, stampanti, ecc. Tra essi rivestono un importanza particolare i dispositivi di memorizzazione

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Memorie di massa!2 Le memorie di massa Le memorie secondarie o di massa sono utilizzate per

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà:

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: Prof. Emanuele Papotto Gli archivi Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: tra le informazioni esiste un nesso

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Introduzione La memorizzazione dei dati è un aspetto molto importante dell informatica Oggi, mediante i computer, è possibile memorizzare e modificare

Dettagli

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica Le memorie secondarie Memoria magnetica Comprendono due elementi distinti: Il dispositivo ha la funzione di leggere e scrivere i dati Il supporto componente fisico su cui vengono immagazzinati i dati 1)

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Struttura dei dischi. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Struttura dei dischi. Schema funzionale di un disco. Scheduling del disco

Struttura dei dischi. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Struttura dei dischi. Schema funzionale di un disco. Scheduling del disco Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Memoria Secondaria e Terziaria Struttura dei dischi Il file system si può considerare composto da tre parti Interfaccia Strutture dati usate dal SO per realizzare l

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 File System a strati Metadati (i FCB) + protezione e sicurezza

Dettagli

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino Materiali per il modulo 1 ECDL Autore: M. Lanino RAM, l'acronimo per "random access memory", ovvero "memoria ad acceso casuale", è la memoria in cui vengono caricati i dati che devono essere utilizzati

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

Memorie di massa. Dischi magnetici

Memorie di massa. Dischi magnetici Memorie di massa Dischi magnetici Sono costituiti da piatti rigidi (hard disk) o flessibili (Floppy disk) con ciascuna superficie ricoperta da materiale magnetizzabile Sono posti in rotazione a velocità

Dettagli

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable Sommario Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi Dispositivi di I/O Organizzazione delle funzioni di I/O Problematiche di Progettazione I/O Buffering Disk Scheduling Categorie di Dispositivi di I/O Area

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA Meccanica di un hard disk 2 Stru:ura di un disco 3 Dischi magne>ci» Velocità di rotazione fra i 60 e i 200 giri al secondo» La velocità di trasferimento

Dettagli

I/O Dispositivi di input/output

I/O Dispositivi di input/output I/O Dispositivi di input/output Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella.net Dispositivi di I/O Processor Interrupts Cache

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Gerarchie di memoria Divide et impera. Gerarchie di memoria La congettura 90/10. Gerarchie di memoria Schema concettuale

Gerarchie di memoria Divide et impera. Gerarchie di memoria La congettura 90/10. Gerarchie di memoria Schema concettuale Memorie Caratteristiche principali Tecnologie di memoria Locazione: processore, interna (principale), esterna (secondaria) Capacità: dimensione parola, numero di parole Unità di trasferimento: parola,

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini La memoria Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Nelle lezioni precedenti { Memoria La gerarchia di memorie Registri Istruzioni, operandi L Cache Blocchi L2 Cache Blocchi Memoria Pagine

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof.

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Gianluca Amato Architettura degli elaboratori Architettura Hardware Architettura

Dettagli

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System Il File System Parte V Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata in unità virtuali denominate file (archivio) File System:

Dettagli

Parte V Il File System

Parte V Il File System Parte V Il File System Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 V - 1 Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Il file system File system Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Collezione di file Struttura di cartelle (directory) 1! Interfaccia Implementazione

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Strutture di Memoria 1

Strutture di Memoria 1 Architettura degli Elaboratori e Laboratorio 17 Maggio 2013 Classificazione delle memorie Funzionalitá: Sola lettura ROM, Read Only Memory, generalmente usata per contenere le routine di configurazione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

Memorie ad accesso seriale

Memorie ad accesso seriale Memorie ad accesso seriale Matteo Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Sonza Reorda - a.a. 2001/2002 Sommario Introduzione Memorie a Disco Magnetico Memorie a Nastro

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale 1) Introduzione- Gerarchia della memoria Da un punto di vista funzionale, ogni dispositivo di memorizzazione elettronica di informazioni presenta

Dettagli

* Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno )

* Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno ) * Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno ) * Grandi quantita di memoria primaria -> richiede grandi quantita di memoria secondaria * Le applicazioni richiedono

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli