CIRCOLO NAUTICO ALBA ADRIATICA. Associazione Sportiva Dilettantistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLO NAUTICO ALBA ADRIATICA. Associazione Sportiva Dilettantistica"

Transcript

1 CIRCOLO NAUTICO Associazione Sportiva Dilettantistica

2 EDITORIALE Osservare un bambino che apprende i primi rudimenti della navigazione a vela è come guardare un piccolo uccello che batte le ali: presto imparerà a muoversi agilmente tra vento e correnti e davanti a lui si apriranno nuovi orizzonti fatti di colori e sensazioni inedite. Familiarizzare in tenera età con quell ambiente fatto di cime, vele, timoni e acqua è un privilegio perché tutto appare più facile e naturale quando le esperienze vengono filtrate attraverso le dinamiche del gioco. Nei giorni in cui questo editoriale va in stampa la primavera ha finalmente preso il posto del grigiore invernale e le prime belle giornate di sole risvegliano la voglia di riarmare la barca e prendere il mare. Il Circolo si rianima, si tolgono da sopra gli scafi i teli polverosi e si incomincia la messa a punto delle imbarcazione in vista del varo estivo. E una bella sensazione, ma manca ancora qualcosa! Mancano le voci squillanti degli allievi, il loro contagioso entusiasmo, la meraviglia che leggi nei loro occhi quando per la prima volta srotolano la vela e la armano e già si vedono intrepidi navigatori e protagonisti di mille avventure. L estate arriverà in fretta e il Circolo si riempirà, come di consueto, di velisti in erba. Sono loro la nostra forza e, sotto alcuni profili, la nostra ragione di esistere, perché non c è nulla di più appagante del tramendare alle nuove generazioni i segreti dell arte marinaresca. La vela, la passione dell andar per mare costituisce un indubbio collante tra giovani e meno giovani, che trovano nell emozione di solcare le onde spinti da una forza silenziosa un punto di contatto, un linguaggio comune. E con questo spirito che il Circolo Nautico dà il benvenuto a tutti coloro che avranno voglia di avvicinarsi all affascinante mondo della vela. Rosario Panebianco CIRCOLO NAUTICO

3 CIRCOLO NAUTICO Programma Attività - Regata Vele di Maggio - Regata Sociale - Corsi di Vela su Derive e Optimist - Progetto Vela Scuola Lat Long www. circoionauticoalbaadriatica.it Tel

4 Scuola di Vela Corso base - iniziazione Obiettivo del corso di iniziazione è insegnare le regole fondamentali del corretto navigare e le nozioni per la conduzione di una imbarcazionea vela con partenza e ritorno da punti prefissati utilizzando tutte le andature. Il corso sarà articolato su almeno 5 lezioni teorico-pratiche della durata media di 3-4 ore ciascuna. CIRCOLO NAUTICO ll Circolo Nautico Alba Adriatica affilliato alla Federazione ltaliana Vela vanta una presenza ventennale sul territorio con un elevato numero di soci che si prodigano nell organizzare e promuovere la cultura del mare. ll CN Alba Adriatica organizza da maggio a settembre corsi di vela di iniziazione e perfezionamento. I corsi sono aperti a tutti dai 6 ai 90 anni! Requisito fondamentale è il desiderio di entrare in contatto con il mare e solcarlo spinti dalla forza del vento, finalità ultima di questa attività didattica è infatti avvicinare il maggior numero possibile di persone al mondo del mare e della vela assicurando il massimo del divertimento nel rispetto della sicurezza. I corsi avranno cadenza settimanale dal lunedì al venerdì, tenendo il sabato come eventuale giorno di recupero su imbarcazioni di interesse federale come: OPTIMIST singolo per i più piccoli, dai 6 ai 14 anni, un imbarcazione ormai divenuta un classico e diffusa in tutto il mondo; LASER con armo 4.7, radiale standard singolo dai 14 anni ai senior; Flying Junior - doppio con possibilità di armare lo spinnaker. La giornata tipo prevede: ore 09,00 raduno presso la sede del circolo, lezione teorica a terra; ore 10,30 armo delle imbarcazioni; ore 11,00 uscita in mare; ore 13,30 rientro, alaggio e rimessaggio imbarcazioni (orari modificabili in funzione delle condizioni meteo-marine). I corsi sono tenuti da istruttori FIV (Federazione Italiana Vela). Le lezioni pratiche in mare saranno effettuate a discrezione degli istruttori in base alle condizioni meteo-marine del momento. Ogni allievo per iscriversi ai corsi deve presentare un certificato medico che lo dichiari idoneo allo sport non agonistico e tesserarsi FIV (per garantire la copertura assicurativa antinfortunistica) ll costo del corso sarà comprensivo di tessera FlV. Programma del corso Base Teoria: Osservazioni ambientali: vento; costa. Cenni di metereologia. Nomenclatura. Nodi principali e cenni sulla sicurezza in acqua. Le manovre: ORZARE, POGGIARE, VIRATA E ABBATTUTA. Le andature:bolina, TRAVERSO, LASCO E POPPA. Pratica Armare e disarmare. Esericizi di acquaticità e di ambientamento (nuoto con salvagente, scuffia e raddrizzamento, rollio, navigazione con la pagaia). Trasporto, varo e alaggio dell imbarcazione. Partire e fermarsi al gommone. Barca ferma. Navigazione al traverso e manovre: orzare, poggiare, la virata elementare di traverso. Le andature: traverso, bolina, lasco, poppa,... L abbattuta elementare al lasco. Navigazione in fila e virata in bolina. Navigazione in fila e abbattute al lasco e poppa. Esericizi con le boe. Partenza e arrivo nel corridoio di uscita nelle varie condizioni di vento. Manutenzione e rimessaggio imbarcazioni. Programma del corso di perfezionamento Uso del trapezio, lo spinnaker e relative manovre, la planata, la virata in prua. Lezioni teoriche giornaliere introducono via via gli argomenti del programma. Negli ultimi giorni verranno affrontati i fondamentali del regolamento e della tattica di regata.

5 CIRCOLO NAUTICO Vele di Maggio Memorial Gigi Felicioni Quando un amico ci lascia, fin da subito percepiamo dentro di noi un vuoto incolmabile. Poi, con il passare dei giorni, nella nostra mente si affollano i ricordi, alcuni lieti altri dolorosi, delle esperienze di vela condivise. E quel vuoto, che prima ci sembrava impossibile da colmare, si riempie rendendo meno doloroso il distacco. È sempre difficile scrivere qualcosa per ricordare un amico che non c è più. Ancor più difficile è per noi del Circolo, oggi, dedicare qualche riga al nostro amico GIGI che se n è andato in silenzio. È difficile scrivere di lui ma lo faremo perché avevamo una passione in comune: la VELA. Proprio per dare continuità alla tua presenza da quest anno vogliamo dedicare la Nostra regata più importante alla Tua figura che tanto ha riempito il nostro circolo. Ciao GIGI...

6 SOGNO D ESTATE Pensieri marini nella pigra indifferenza del meriggio d estate corrono la mente offuscata. Sento lo sciacquio frequente dell onda sulla riva, la calata ritmante del remo nella barca che corre leggera come carezza di donna tra spume vaporanti; un intuito di brezza presagio della sera vien dai pini acri del bosco intensamente verdi dentro il sole. Depongo la mia anima sul fondale verdazzurro perché riparata riposi quieta. galleggio nell inconscio in un mondo liquido e fresco ma all improvviso uno sferragliare acuto mi trafigge e un turbine di ruote di sonagli impazziti corre vertiginoso intorno a me piccolo uomo indifeso. E al gioco della vita riattacco la mia cavezza inesorabilmente come ogni giorno. Manlio Dubini Vela e Poesia IL GABBIANO Alta sul cielo azzurro dolce casa del riposo tesa come ala bianca di gabbiano sul quieto mare ove nell alba chiara si specchia il sole rutilante. Qui vaga il pensiero nell infinite strade del sogno e l animo placato giovanilmente cede alla vita. Manlio Dubini CIRCOLO NAUTICO

7 PRIMI PASSI A VELA Appassionarsi alla vela è come essere vittime di un colpo di fulmine. Basta una raffica di vento più forte delle altre, un onda inattesa che frange sulla prua, l emozione dello scafo che si inclina. Sono sensazioni che lasciano il segno. E come entrare improvvisamente in una nuova dimensione fatta di acqua, aria e luce e di migliaia di altre piccole e grandi creature che passano sotto la chiglia e se ne vanno, compaiono e scompaiono. E nel silenzio rotto solo dallo schiocco di una scotta o dal ronzio di un bozzello, ci si sente d un tratto parte di questo multiforme universo, più semplici, ma nell animo immensamente più ricchi. Chi resta colpito da questa passione travolgente prima o poi matura il desiderio di navigare in autonomia e di imparare tecniche, trucchi e segreti di questo affascinente mondo. Assodato che per diventare esperti lupi di mare occorre tempo e costanza, non è detto che per divertirsi fin da subito con le onde e il vento bisogna investire troppo tempo, essere particolarmente sportivi o in età non avanzata. La barca è per tutti. I più piccoli, già dai 6/7 anni di età, possono cimentarsi con successo a bordo di quelle fantastiche derive-scuola che sono gli Optimist. Per gli adulti, invece, anche di classe senior, c è a disposizione un ampia flotta di derive stabili e asciutte o cabinati dove è possibile imparare in poco tempo l arte di imbrigliare il vento. Non c è che l imbarazzo della scelta. Tuttavia, i tecnici e gli esperti del settore non hanno dubbi e ritengono che il modo migliore per iniziare ad andare su di una barca a vela sia con una deriva. Navigando su questi piccoli gusci, infatti, si riesce in fretta a capire il complesso intreccio che esiste tra il vento e lo scafo e come ad ogni azione del proprio corpo ne corrisponda una della barca. Un meccanismo di apprendimento, quello offerto dalla deriva, che ha efficaci e immediati sistemi di ricompense e punizioni : se la manovra è eseguita correttamente le vele si gonfieranno e la barca inizierà a solcare piacevolmente le onde. In caso contrario rimarrà ferma in stallo o si inclinerà anche fino a rovesciarsi. Ma niente paura, anche la scuffia e i vari modi di raddrizzamento dello scafo fanno parte dell indispensabile bagaglio del velista. La scelta della deriva, naturalmente, non è un precetto. Ci sono fior di skipper che hano iniziato la loro carriera navigando su barche grandi e non per questo difettano di sensibilità marinaresca. Chi non se la sente di effettuare un tirocinio troppo bagnato può quindi optare per un corso su barche cabinate, tenendo comunque presente che più queste sono piccole maggiore sarà l apprendimento. Tuttavia, che siano bambini o adulti, la prima domanda che i neofiti spesso rivolgono all istruttore è la seguente: «ma come fa una barca ad andare controvento?». Non c è dubbio che se la vela evoca l idea di divertimento, conoscere la fisica che sta dietro all interazione tra vela e vento può accrescere di molto la bravura del velista e quindi anche il suo divertimento. Senza avere la pretesa di essere esaustivi, in questo breve articolo possiamo limitarci a dire che una vela, se correttamente regolata, devia il flusso d aria, che si divide in due. Il flusso che scorre lungo il lato convesso (quello sottovento ) deve percorrere una distanza maggiore rispetto a quello che si muove lungo quello concavo (lato sopravvento ): la maggiore velocità provoca una diminuzione di pressione sul lato convesso che aspira letteralmente la vela in direzione sottovento, creando una forza applicabile ad angolo retto su tutti i punti della superficie della vela. La risultante di queste singole forze rappresenta la spinta di avanzamento, che permette alla imbarcazione di risalire ovviamente entro certi limiti il vento. Il principio appena descritto è lo stesso che permette all ala di un aeroplano di sostenersi in aria, di avere portanza. Per comprendere gli effetti del flusso d aria intorno ad una vela basta questo semplice esperimento: tenendo un cucchiaino con la parte posteriore (convessa) rivolta verso il getto d acqua di un rubinetto è possibile vedere che il cucchiaino, invece di essere allontanato dall acqua, come ci si potrebbe aspettare, viene aspirato dal flusso che scorre lungo la sua superficie convessa. Provare per credere. E ora tutti a bordo per una emozionante uscita in barca! Rosario Panebianco

8 CON UN CATAMARANO OLTRE L ORIZZONTE consigli per una rilassante lettura Cosa spinge un uomo ad attraversare l Atlantico da solo, su un imbarcazione senza coperta di appena sei metri? Probabilmente saranno in molti a porsi questo interrogativo leggendo le imprese dei navigatori di cui parleremo in queste pagine. Qualcuno incomincerà a sognare ad occhi aperti, immaginando di poter un giorno mollare anche lui gli ormeggi e affrontare le onde del grande mare Oceano, altri scuoteranno semplicemente le spalle, sdraiati sul lettino da spiaggia sorseggiando un drink, incapaci di capirne le ragioni. In realtà la vela oceanica è molto più di uno sport: è un modo di vita totale che permette di diffondere valori senza rinunciare ai sogni. Ed è proprio rincorrendo i loro sogni che alcuni uomini affrontano situazioni ai limiti delle loro forze, vivendo avventure che qualcuno non esiterebbe a definire rischiose. Non c è dubbio che la persona più adatta a rispondere alla domanda che abbiamo posto all inizio non può che essere colui che nelle acque del grande mare Oceano ha navigato portando a termine imprese che hanno il sapore della leggenda: Alessandro Di Benedetto, classe 1971, che nel suo libro L Atlantico senza riparo scrive: Potrei rispondere in tanti modi. Il primo, il più consueto, sarebbe ricordare perché gli uomini scalano le montagne, magari gli ottomila metri senza ossigeno, o attraversano i deserti, o esplorano le cavità della terra. Perché in sostanza l uomo, da sempre, è portato a mettere un piede più in là del confine che la natura sembra aver disegnato per lui. Un secondo motivo, più legato alla vela e a chi va per mare, è semplice voglia di libertà e forse anche, nel mio caso, il desiderio di dimostrare che per intraprendere un viaggio anche se difficile, i mezzi che si hanno a disposizione assumono un importanza relativa di fronte alla propria determinazione e alla passione, la quale, generando l idea stessa del viaggio, ci consente di sognare. Ma Di Benedetto non è l unico navigatore italiano che si è cimentato con imprese del genere. Non possono, infatti, non essere ricordati anche Vittorio Malingri e Matteo Micheli. Il primo, 52 anni, milanese, progettista, costruttore e navigatore oceanico, primo italiano a partecipare alla Vendée Globe, maestro di mare e ispiratore per generazioni di amanti dell avventura e della vela d altura, appartiene ad una famiglia di grandi navigatori. Nel marzo 2008, dopo un lungo viaggio in macchina attraverso l Africa occidentale, giunge in Senegal con al traino un catamarano di sei metri costruito insieme ai migliori progettisti, interamente in carbonio: Royal Oak. Con esso sfiderà gli alisei dalle spiagge di Dakar fino a Guadalupa: due punti da unire sulla carta geografica, senza altre barche né avversari, solo il rumore dell oceano intorno e la lotta contro il tempo. Dopo quasi due settimane in solitudine sospeso tra cielo e mare col suo microcosmo ambulante, conquista il record dell attraversata in solitario dell Atlantico da Dakar a Guadalupa su di un catamaro non cabinato. Il secondo, 43 anni oggi, nato ad Ostia, velista fin dall infanzia, autocostruttore, oggi titolare di un cantiere navale, nel 2004/2005, in coppia con Andrea Gancia, ha conquistato il record mondiale di traversata atlantica con catamarano sportivo di 20 piedi, Biondina Nera, senza assistenza da Dakar a Guadalupe. Nel 2007, sempre con Biondina Nera un catamarano non abitabile di 20 piedi da lui costruito, ha ottenuto un nuovo record di traversata, ma questa volta in solitaria: dalle Canarie alla Guadalupa in 14 giorni, 17 ore e 52 minuti. Ma la navigazione in solitaria, come abbiamo già detto, fa parte del DNA anche di Alessandro Di Benedetto, geologo con la passione per la vela, che nel 2002 ha percorso da solo miglia, senza assistenza, su un minuscolo Hobie Cat 20, un catamarano che non offre alcun riparo. L impresa ha dell incredibile ed è stata omologata dal World Sailing Speed Record Council, la massima autorità in fatto di record a vela, come primato assoluto. Queste imprese, però, non si improvvisano, ma sono parte di un percorso che spesso parte da lontano. Infatti, già nel 1992, per commemorare i cinquecento anni dalla scoperta delle Americhe, Alessandro e suo padre Federico hanno ripercorso la rotta di Cristoforo Colombo. Partiti dalla spiaggia sotto casa in Sicilia, giunti in Spagna e da lì salpati verso le Antille, hanno navigato per oltre miglia su un Hobie cat 21. Il salto dall Atlantico al Pacifico per uno come Di Benedetto è facile. Nel 2006 Alessandro compie una nuova grande impresa - raccontata nel libro Tandoku - omologata dal prestigioso World sailing speed record council (International sailing federation) come primato mondiale e record del mondo: una transpacifica di miglia senza scalo percorso in 62 giorni da Yokohama a San Francisco su un catamarano inferiore a sei metri senza cabina, in cui nome, One World, voleva essere un messaggio di pace e rispetto per l ambiente. A coloro che hanno, o hanno avuto, la fortuna di navigare per diletto su di un catamarano sportivo, che hanno provato l ebrezza della velocità, che hanno puntato la prua a largo e in un attimo hanno visto sparire alle loro spalle la spiaggia e i variopinti ombrelloni queste imprese provocano un brivido lungo la schiena, perché il richiamo dell ignoto, dell avventura, del silenzio dei grandi spazi risuona nei loro cuori ogni qual volta viene reciso quel filo immaginario che li lega alla terraferma. Ma anche il più temerario diportista sportivo non può che stupirsi di fronte al coraggio che hanno dimostrato questi veri Marinai, che hanno saputo cavalcare le impressionanti onde oceaniche con minuscole imbarcazioni prive di ogni minimo confort e riparo. Per quanti intendono affrontare le onde e i venti degli Oceani stando comodamente sdraiati sotto l ombrellone consigliamo alcune letture: - DI BENEDETTO ALESSANDRO, L Atlantico senza riparo. Dall Italia ai Caraibi in Hobie Cat, Nutrimenti (collana Transiti blu), 2004, 167 p. (Prezzo di copertina 15,00); - DI BENEDETTO ALESSANDRO, Oltre l oceano, Addictions-Magenes Editoriale (collana Maree. Storie del mare), 2006, 172 p. (Prezzo di copertina 15,00); - DI BENEDETTO ALESSANDRO, Tandoku. Transpacifica in solitario, Addictions-Magenes Editoriale (collana Maree. Storie del mare), 2010, 235 p. (Prezzo di copertina 18,00); - MALINGRI VITTORIO, La grande onda. Storia di record e di altre regate oceaniche, Longanesi (collana I libri del mare), 2009, 246 p. (Prezzo di copertina 18,60); - MICELI MATTEO, GIORDA JEAN-LUC, L oceano a mani nude, Nutrimenti (collana Transiti blu), 2011, 254 p. (Prezzo di copertina 16,00). Rosario Panebianco

9 CIRCOLO NAUTICO E un laboratorio di ricerca la sperimentazione comincia subito. Un anno dopo il prototipo, nel 1952, vengono aggiunti il genoa e il trapezio e diventa la I Classe in cui ne sia consentito l uso in regata. Nel 1956 si costruiscono i primi scafi in fibra di vetro e, nel 1958, una barca in fibra costruita dall italiana Alpa Fiesco e portata da Vittorio Porta vince la Ski Yachting di Cannes. Nel 1960, ecco il doppiofondo e i pozzetti autovuotanti. Nello stesso anno il Flying Dutchman esordisce alle Olimpiadi di Roma, nelle acque di Napoli. Conserverà lo status olimpico ininterrottamente fino a Barcellona 92, dopo di che, sicuramente non per demeriti della barca, sarà sostituito dal 49er, skiff acrobatico ma con parecchi limiti in caso di vento teso e onda (le olimpiadi di QuingDao ne sono la conferma). Il 1961 porta con sé l avvolgifiocco mentre nel 1964 si diffonde l uso dei due spinnaker: uno per il lasco, uno per la poppa Ancora modifiche sullo spi. Nel 1966 è la volta della drizza a circuito chiuso, mentre il 1967 porta il tubo di lancio a prua. Dal 1969, le crocette iniziano a rodere i cervelli dei regatanti con regolazioni ed angoli in quantità industriale. Nel 1976 viene inventato il trapezio continuo mentre nel 1977 si diffonde l uso dello sparatangone automatico. Merito di un prodiere di FD, Ever Bastet, sono anche i carrelli autostrozzanti. Siamo nel 1978 e la Harken non tarderà a svilupparli e a commercializzarli solo altissima tecnologia. Con gli anni 80, ecco l Hi-Tech. Nel 1979, comincia la costruzione in sandwich, mentre nel 1982 l americano Mark Lindsay, combinando Kevlar, fibre di carbonio e cottura in forno, progetta una barca assai veloce (oro a Los Angeles con Jonathan McKee e Carl Buchan). Nel rig e rake regolabili, genoa più corto in balumina e con bugna multipla (il primo fu Dan Sail) rendono l FD più versatile. Adesso anche equipaggi più leggeri possono affrontare al meglio condizioni meteo molto dure. Flying Dutchman... La F1 del Mare La storia dell Olandese Volante comincia nel 1951, quando l architetto olandese Ulike van Essen ne disegna i piani. Il Flying Dutchman è un monotipo a scafo tondo e deriva mobile destinato a diventare la barca più innovativa della vela sportiva : una vera e propria Formula Uno... Nel 2012, Planatech presenta un Flying Dutchman completamente ridisegnato, ottimizzando l intera attrezzatura di coperta, le linee d acqua e le strutture con l ausilio di software CAD 3D, VPP (Velocity Provisional Program) e FEA (Finite Element Analysis). Materiali e tecnologie costruttive sono all avanguardia: la barca è costruita interamente in fibra di carbonio pre-impregnata.

10 Più ne siamo, più ne sappiamo, più ci divertiamo Si può fare, amigo: basta sapere come e farlo... Armamento dell albero Agganciare stralli, sartie e trapezi ai relativi attacchi sull albero; Orientare la piattaforma (con il telo già montato) con il vento al traverso e con una diecina di metri di spazio libero sottovento; Incappucciare la penna dell albero con una straccio o una busta di plastica o carta (per non raccogliere sabbia); Sistemare l albero con il piede appoggiato allo scafo sottovento, vicino alla trave anteriore, e l altra estremità a terra; Impegnare lo strallo e la sartia sottovento sui relativi attacchi; Legare una cima di un metro circa all estremità sopravvento della trave posteriore; Liberare il cavo del trapezio sopravvento dall elastico ed impegnarlo nel gancio superiore del paranco; Impugnare al centro la trave anteriore con la mano sopravvento e sollevare la piattaforma In posizione verticale; Tenere ferma la piattaforma con la mano sopravvento e sollevare l estremità dell albero fino ad impegnarla sul perno che fa parte della traversa anteriore: ora anche la spinta del vento sul telo e sugli scafi contribuisce a stabilizzare il tutto: è l unico momento delicato dell operazione, ma richiede solo un po di attenzione; Disarmo dell albero Orientare la barca con il vento al traverso; Assicurare con una cima di un metro circa il gancio inferiore del paranco di scotta all estremità sopravvento della trave posteriore; Liberare il cavo del trapezio sopravvento, agganciarlo al paranco di scotta e mettere quest ultimo in tensione fino a rendere possibile il disimpegno del cavo della sartia sopravvento dal suo attacco; Scuffiare con calma la barca sottovento fino ad appoggiare la penna dell albero a terra; è l unico momento delicato del disarmo, ma richiede solo un po di attenzione; Allentare il paranco di scotta, Salire su una sedia (sgabello, o paranco) e disimpegnare lo strallo sopravvento dal suo attacco; Slegare e riporre il paranco di scotta; Stando con le gambe a cavallo dello scafo sottovento impugnare la trave anteriore con la mano sopravvento ed il piede d albero con quella sottovento, disimpegnare il piede d albero dal perno sulla traversa anteriore e poggiarlo sullo scafo sottovento; Accompagnare con calma la discesa a terra dello scafo sopravvento; Staccare e recuperare il sartiame:operazione conclusa. Legare con la cima già assicurata alla trave posteriore il gancio inferiore del paranco di scotta, senza porlo in tensione; Salire su una sedia ( sgabello, o scaletta) ed assicurare all attacco lo strallo dello scafo sopravvento; Scendere e porre in tensione il paranco di scotta : ora la geometria dell armamento è già stabile, con l insieme cima+paranco+trapezio che funge da sartia sopravvento; Togliere lo straccio o busta dalla penna dell albero; Riportare a terra, con calma e decisione, lo scafo sopravvento: si inizia l operazione sollevando l albero e tenendolo sollevato fino a giungere alla trave anteriore, impugnare questa e passare con le gambe oltre lo scafo sottovento, quindi far scendere a terra con delicatezza lo scafo sopravvento; Caricare ulteriormente il paranco di scotta, fino a poter impegnare agevolmente la sartia sopravvento con il suo attacco; Mollare il paranco si scotta e riporlo, recuperare la cima: operazione conclusa.

11 CIRCOLO NAUTICO Ciao a tutti, Velascuola è un progetto lanciato dalla Federazione ltaliana Vela con lo scopo di diffondere non solo lo sport della vela. ma anche lo conoscenza e la cultura del mare e delle sue regole per poterlo affrontare e vivere. Avere la possibilità di trascorrere un giorno di scuola al mare è sempre stato il nostro sogno... purtroppo ci dovevamo accontentare delle poche ore pomeridiane strappate allo studio. Con il tempo ci siamo rifatti e ora il mare è diventato il nostro ufficio. Abbiamo praticato molti sport, ma solo lo vela ci ha dato la possibilità di valorizzore il carattene e le doti fisiche, esprimendo uno stile tutto nostro. Questo infatti è lo sport nel quale ciascuno può trovare il suo spazio: singolo o di squadra, veloce o lento, dove l impulsività deve essere mediata dalla conoscenza. Ma soprattutto è uno sport completo, dove oltre alla prestazione fisíca vengono sviluppate le capacità tecniche, lo conoscenza degli elementi e stimolata la fantasia nel saper trovare una strada sempre diversa per poter arrivare a vincere o semplicemente far diventare la VELA diventare il proprio stile di vita. In mare non ci sarà mai un giorno uguale all altro. Le onde, il vento, la corrente, la luce, le nuvole... sono alcuni degli elementi che imparerete a conoscere sotto un altra veste e non vi dovrete sorprendere se inizierete anche o parlarci e a notarli anche quando andrete a fare semplicemente shopping ín città! Vuol dire che saremo riusciti nel nostro scopo: la scintilla è scoccata... Vi siete innamorati della VELA!!!

12 Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca sta profondendo il massimo impegno per implementare la pratica di attività sportive nelle scuole di ogni ordine e grado. A tal fine è stato stabilito un protocollo di intesa con la Federazione Italiana Vela che a sua volta si è fatta promotore di iniziative come questa. Il progetto Velascuola è importante per la trasversalità dei valori educativi che pone in gioco... Il Circolo Nautico Alba Adriatica aderendo a questa iniziativa mette a disposizione delle scuole che vogliono usufruirne un ricco materiale didattico differentemente calibrato in rapporto alle fasce di scolarità e un team di qualificati tecnici del settore che portanno collaborare con i percorsi formativi che la scuola stessa vorrà organizzare. Vi invitiamo a contattare la Segreteria del Circolo Nautico Alba Adriatica per ottenere informazioni più dettagliate sul progetto... Buon Vento... CIRCOLO NAUTICO

13 ANIMALI DA REGATA Apri gli occhi e guardi che ore sono le sette e mezza. Ti arriva una bella luce ricca, intensa dalla finestra, ma vuoi vedere e scendi dal letto, ti affacci con gli occhi semichiusi e vedi un cielo limpido e la luce è accecante. Qui comincia veramente la tua regata e, si sa, chi parte bene il risultato già ce l ha in tasca. Passi a prendere il prodiere (Anche lui abbastanza assonnato), e si va a fare una bella e ricca colazione,un buon caffè ed un paio di bomboloni alla crema sono proprio l ideale. Si arriva al circolo, quindi i saluti rituali, gli sfottò e le battute colorate,;piano piano ci si avvicina alla propria amata barca. Si comincia con studiata lentezza a togliere il telo che la copre amorevolmente, allunghi il tubo dell acqua e gli dai una bella rinfrescata per togliere gli impercettibili granelli di sabbia che si sono di certo intrufolati dentro. Arriva il prodiere con la sacca delle vele e tiri fuori il tutto ad arieggiare. Intanto apri i tappi d ispezione e li lasci penzolare sullo stroppetto di ritenuta per far asciugare dalla condensa l interno degli scafi. Arriva il momento dello spy, che viene estratto dalla sacca e si procede all issata. Leghiamo la drizza alla penna e lo tiriamo su per metà, giusto per mettere in chiaro gli anelli del retriver. Quindi ci si passa la scotta dal basso annodandola all ultimo in alto. Fissiamo la mura e la scotta verificando il verso dei winch. Al termine si ricaccia il tutto nello snuffer. Poi drizziamo il fiocco lasciando la randa sul telo. Tiriamo dentro il carrello e con la giusta calma trasferiamo la barca vicino alla battigia. Adesso ci vestiamo noi con muta,calzari,imbracatura e riserva di galleggiamento con sopra la maglia in lycra per essere puliti e quindi evitare di rimanere impigliati durante le manovre. Tornati alla barca in riva ci si è fatti ormai una chiara idea di quello che potrà essere la giornata quqnto a condizioni meteo marine. Si passa allora alle regolazioni del caso: tensione delle sartie, altezza fiocco, tiro stecche e, infine, su con la randa. Intanto la barca giuria ha dato fondo e i gommoni con le boe sono nei paraggi: invece di aspettare il Barche in acqua si chiudono i tappi d ispezione e si va subito dentro. Passate le secche metti a segno i timoni mentre il prodiere fa la stessa cosa con le derive: via mure a dritta, viri, mure a sinistra. Poggi,chiami l issata spy e orzi per farla partire. Tutto liscio,chiami la strambata e via di nuovo ad orzare. Ottimo! Ammaina e ti vai ad avvicinare alla barca giuria, perché nel frattempo le boe le hanno piazzate. Prua al vento e si sta buoni lì. Il caldo comincia a farsi sentire, e mentre sei alla seconda sorsata viene issata l intelligenza. O.K. si comincia e siamo pronti. Ci facciamo un bel traverso sulla linea per vedere come hanno sistemato il campo e quale sia il bordo buono Bene, siamo entrambi certi che sia quello e allora andiamo a sistemarci sotto la barca giuria a prendere i tempi,cominciando a tener d occhio gli altri. Come al solito sarà una dura battaglia cercar di partire bene e liberi. Ecco che hanno issato l India e il prodiere ha preso il tempo. Andiamo a prolungare staccandoci dalla barca giuria,facciamo passare un minuto così poi viriamo e con poca randa andiamo a risalire piano,lascando ancora se necessario. Intanto il prodiere comincia a scandire il tempo: uno e venti,uno,cinquanta. Incrociamo da sopravvento, cazzo la randa e passiamo, sfilando la barca giuria. Dieci secondi, mollo la randa e mi avvicino alla linea, cinque, comincio a cazzare la randa, quattro, tre, cazzo a segno, due, uno, Vai!! Orzo e il prodiere è già al trapezio,con il fiocco a segno. Siamo partiti bene e liberi. Buon vento! Al Mullenax CIRCOLO NAUTICO

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA Articolo 1 Il presente Regolamento del Gruppo Vela è redatto in conformità ai principi contenuti nel Regolamento per i Gruppi Sportivi della Lega Navale Italiana, approvato

Dettagli

Circolo della Vela di Roma

Circolo della Vela di Roma Associazione Sportiva Dilettantistica Sede di Anzio PRESENTAZIONE DEL PROGETTO VELASCUOLA PREMESSA Con questo progetto si intende offrire alle scuole, impegnate ad assolvere alle nuove competenze derivanti

Dettagli

Avvicinarsi al Mare ed alla Vela. Scritto da Giorgio Bolens Lunedì 04 Luglio 2011 20:37

Avvicinarsi al Mare ed alla Vela. Scritto da Giorgio Bolens Lunedì 04 Luglio 2011 20:37 Il mare e la vela (a parere di molti l espressione più pura dell andar per mare) attraggono molte persone, anche in un periodo di crisi generale ed economica come quella che stiamo attraversando in questi

Dettagli

Introduzione alla navigazione a vela

Introduzione alla navigazione a vela Introduzione alla navigazione a vela Corso per gli allievi Realizzato dalla Scuola di Vela dello Yacht Club degli Aregai autore: mailto:meo@bogliolo.name Argomenti del corso L arte della navigazione a

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

CORSI DI VELA OVER 18

CORSI DI VELA OVER 18 CORSI DI VELA OVER 18 AGOSTO E SETTEMBRE - convenzione bnl Non hai ancora scelto la tua vacanza? Mancano poche settimane, ma sei ancora in tempo per fare una vacanza originale e divertente, 100% acqua

Dettagli

Associazione I S O L E

Associazione I S O L E Quaderni integrativi 1 Cambi di vele Scuola di vela Argomento: Corso di vela d altura FITeL Materia: Cambi di vele e presa di terzaroli Quaderni integrativi Istruttori: Roberto Carini e Claudio Presutti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Una Raffica di emozioni

Una Raffica di emozioni Una Raffica di emozioni LA Visione Trasmettere ai ragazzi la passione per la vela, utilizzando metodi moderni e molto professionali ma anche basati sul divertimento e il gioco. L impegno del Club è di

Dettagli

International 29er Class Association. In collaborazione con. Pag 1 di 18

International 29er Class Association. In collaborazione con. Pag 1 di 18 Pag 1 di 18 Introduzione L obiettivo di questo e è di avere uno strumento rapido per il setup del RIG e delle vele del 29er in condizioni meteo marine differenti oltre a fornire dei suggerimenti sull allenamento

Dettagli

la vela che fa crescere

la vela che fa crescere I CORSI PER UNDER 18 la vela che fa crescere Settimane veliche Skiffsailing per bambini e adolescenti SKIFFSAILING scuola di vela sali a bordo del divertimento! In barca a vela. Perché non si vive di soli

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

NORMATIVA e PROGRAMMI CORSI DI FORMAZIONE 2009/2012

NORMATIVA e PROGRAMMI CORSI DI FORMAZIONE 2009/2012 SETTORE QUADRI TECNICI FORMAZIONE ISTRUTTORI NORMATIVA e PROGRAMMI CORSI DI FORMAZIONE 2009/2012 SOMMARIO INTRODUZIONE Pag. 4 BREVETTO FEDERALE DI ISTRUTTORE DI VELA 1 - LIVELLO DERIVE // TAVOLE A VELA

Dettagli

8 TROFEO CHALLENGER DI MATCH RACE. Programma

8 TROFEO CHALLENGER DI MATCH RACE. Programma 8 TROFEO CHALLENGER DI MATCH RACE Memorial Raffaele Risaliti Programma La manifestazione velica, organizzata con la formula Trofeo Challenger, verrà disputata con regate Match Race. All equipaggio vincitore

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Didattica: 1. PATENTE NAUTICA: Corso teorico e Carteggio Entro le 12 miglia Corso teorico e Carteggio Senza limiti

Didattica: 1. PATENTE NAUTICA: Corso teorico e Carteggio Entro le 12 miglia Corso teorico e Carteggio Senza limiti La Scuola Nautica La Scuola Nautica Scainetti Sail S.r.l. è dal 1988 una delle scuole nautiche più attive di Roma. Accreditata presso la Provincia di Roma e Capitaneria di Porto di Roma, organizza autonomamente

Dettagli

Associazione I S O L E Raccolta domande per i test 1

Associazione I S O L E Raccolta domande per i test 1 Raccolta domande per i test 1 Raccolta domande per i test Meteo 1 Con quale strumento si misura la pressione? a) Manometro b) Psicrometro c) Barometro 2 Qual è l elemento meteorologico più utile nella

Dettagli

DISPENSA DIDATTICA Testo e immagini a cura di Xkite a.s.d. Lago di Garda

DISPENSA DIDATTICA Testo e immagini a cura di Xkite a.s.d. Lago di Garda DISPENSA DIDATTICA Testo e immagini a cura di Xkite a.s.d. Lago di Garda LA TEORIA DEL KITEBOARD Dispensa didattica PREMESSA Per una pratica sicura del kiteboard sono necessarie alcune informazioni teoriche

Dettagli

Corso Vela I Livello ( teoria e pratica della vela)

Corso Vela I Livello ( teoria e pratica della vela) AccademiA del Mare admvela.it 392.1494875 valter.cimaglia@gmail.com Circolo Velico Fiumicino Viale Traiano, 180 00054 Fiumicino 06.6506120 fax 06.65024492 scuolavela@cvfiumicino.it Il Circolo Velico Fiumicino

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

www.skiffsailing.it M A T C H R A C E f o R R E n T

www.skiffsailing.it M A T C H R A C E f o R R E n T M A T C H R A C E f o r r e n t www.skiffsailing.it L A f o r m u l a m a t c h r a c e f o r r e n t Siete velisti appassionati di match race? Avete due equipaggi che vogliono sfidarsi, o piu equipaggi,

Dettagli

Io credo che una risposta sul

Io credo che una risposta sul Io credo che una risposta sul futuro dei giovani di Napoli possa venire dal mare. Vincenzo Onorato Francesco Rastrelli La Scuola Vela Mascalzone Latino è nata da un idea di Vincenzo Onorato, presidente

Dettagli

Allora: sei pronto? S c u o l a V e l a T i t o N o r d i o

Allora: sei pronto? S c u o l a V e l a T i t o N o r d i o Allora: sei pronto? Scuola Vela Tito Nordio Benvenuto a bordo prima della Scuola Italiana divela. Monfalcone, 1966. Nasce la Scuola Vela Tito Nordio Creata dall olimpionico Sergio Sorrentino nel 1966,

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA L ambientamento acquatico è il riuscire a stare in acqua con la stessa tranquillità e naturalezza con cui si

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Prima regola non cadere

Prima regola non cadere Prima regola non cadere 14 giugno 2012 2 La cintura di sicurezza Tanti anni fa, quando iniziai la scuola di alpinismo il mio istruttore mi disse: La prima regola è non cadere Sembrerebbe che debba valere

Dettagli

Introduzione Scuola Vela Mascalzone Latino Lo scopo

Introduzione Scuola Vela Mascalzone Latino Lo scopo Introduzione La Scuola Vela Mascalzone Latino nasce nel 2007 da un idea di Vincenzo Onorato, fondatore di Mascalzone Latino, uno dei team velici italiani più rinomati nel mondo grazie ai suoi sei titoli

Dettagli

CORSI ESTIVI per under 18

CORSI ESTIVI per under 18 CORSI ESTIVI per under 18 La sezione di Velamare dedicata a bambini e adolescenti ha ormai una grande esperienza, con tutti i marinai che ha fatto nascere e crescere! I corsi under 18, divisi per fascia

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

FRAGLIA DELLA VELA PESCHIERA DEL GARDA ASD. Oggetto: Progetto VelaScuola a.s.2014-2015 (attuazione art. 52 DL n 171 del 18/07/2005)

FRAGLIA DELLA VELA PESCHIERA DEL GARDA ASD. Oggetto: Progetto VelaScuola a.s.2014-2015 (attuazione art. 52 DL n 171 del 18/07/2005) FRAGLIA DELLA VELA PESCHIERA DEL GARDA ASD Oggetto: Progetto VelaScuola a.s.2014-2015 (attuazione art. 52 DL n 171 del 18/07/2005) Federazione Italiana Vela e Ministero della Pubblica Istruzione nel 2008

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI 31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI Ciao e benvenuto, sono sicura che troverai questo piccolo ebook molto speciale e sai perché? Perché è dedicato alla persona più importante su questo pianeta.. quella persona

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

www.skiffsailing.it R e g a t t a f o R R e n t

www.skiffsailing.it R e g a t t a f o R R e n t R e g a t t a f o r r e n t www.skiffsailing.it L A f o r m u l a r e g a t t a f o r r e n t Avete voglia di regatare? Venite con i vostri equipaggi e tanta voglia di vincere, Skiffsailing pensa a tutto

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO O.d.G. 4.5 NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI Premessa. In tutte le Società ed Associazioni sportive affiliate alla

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

STORIE BREVI. www.comune.torino.it/centromultimediale/index.htm pag.1/7. Città di Torino

STORIE BREVI. www.comune.torino.it/centromultimediale/index.htm pag.1/7. Città di Torino STORIE BREVI La trasparenza dell acqua Esperienza di acquaticità in piscina e a scuola Scuola d Infanzia comunale Principessa Isabella di Via Gorresio, 13 in collaborazione con la Redazione del Centro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

DATI PRELIMINARI. Sup. velica di bolina: 105 m2 Sup. velica alle portanti: 225 m2 Randa: 55 m2 Fiocco: 50 m2 Gennaker: 170m2

DATI PRELIMINARI. Sup. velica di bolina: 105 m2 Sup. velica alle portanti: 225 m2 Randa: 55 m2 Fiocco: 50 m2 Gennaker: 170m2 DATI PRELIMINARI Lunghezza fuori tutto: 12,15m Lunghezza al galleggiamento: 11,50m Baglio: 3,99m Pescaggio: 2,60/1,60m Peso a vuoto: 4750Kg Zavorra: 2400Kg Peso equipaggio: 700Kg Motore: 40 cv Saildrive

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

CORSO BASE (1 livello)

CORSO BASE (1 livello) CORSI VELA CORSO BASE (1 livello) L'obiettivo del corso base è quello di iniziare a conoscere la barca :si imparerà a condurre un' imbarcazione nelle varie andature, bolina,traverso,lasco, poppa, tante

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

CON IL PATROCINIO DI:

CON IL PATROCINIO DI: Con la collaborazione di: SPONSOR TECNICO ELETTRONICO CANTIERE FORNITORE CATAMARANO Genova Milano Marittima, 19 giugno 31 luglio ITALIA IN VELA GIRO D ITALIA IN CATAMARANO CON IL PATROCINIO DI: FEDERAZIONE

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

4 volte F. L albero e l attrezzatura

4 volte F. L albero e l attrezzatura L albero e l attrezzatura In passato gli alberi delle imbarcazioni e delle navi erano realizzati in legno e tenuti in posizione da sartie costituite da cime vegetali. E evidente che le sartie e l alberatura

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere Sedurla e soddisfarla Le regole del suo piacere Disegni realizzati da Denise Maltese. Vincenzo Emanuele Todaro SEDURLA E SODDISFARLA Le regole del suo piacere www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Tutti al mare! Tutti al mare!... in barca a vela (un corso per disabili della Lega Navale Sezione di Firenze)

Tutti al mare! Tutti al mare!... in barca a vela (un corso per disabili della Lega Navale Sezione di Firenze) Tutti al mare! Tutti al mare!... in barca a vela (un corso per disabili della Lega Navale Sezione di Firenze) La Lega Navale Italiana - Sezione di Firenze, in collaborazione con il Comune di Firenze, ha

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO L A SCUOLA PROPOSTE visita alla scuola denominazione di: - persone, ruoli e funzioni - spazi, arredi, oggetti e materiali realizzazione di cartelli plurilingue lettura della piantina della scuola le norme

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

GRECIA 2013 - FLOTTIGLIA ALLE CICLADI. Una grande avventura

GRECIA 2013 - FLOTTIGLIA ALLE CICLADI. Una grande avventura GRECIA 2013 - FLOTTIGLIA ALLE CICLADI Una grande avventura 1) SABATO 10 AGOSTO - Arrivati alle 13,20 (intendo il grosso del gruppo) all aeroporto di Atene. - Al porto Kalamaki, dove sono ormeggiate tutte

Dettagli

XXXI LA VELA PER LA VITA Belgirate, 13/14 giugno 2015

XXXI LA VELA PER LA VITA Belgirate, 13/14 giugno 2015 CIRCOLO VERBANO VELA asd XXXI LA VELA PER LA VITA Belgirate, 13/14 giugno 2015 Modulo d iscrizione (* campi obbligatori) *Nome Imbarcazione *Modello.. *L.F.T. Colore scafo/scritte Particolari... Colore

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Contenuti: nomenclatura, nodi, armo, regolazione delle vele, andature e virate.

Contenuti: nomenclatura, nodi, armo, regolazione delle vele, andature e virate. 1) CORSO BASE Corso base si sviluppa in 5 sabati o 5 domeniche al Lago Maggiore o in due week end sul lago di Como, per imparare le tecniche di navigazione divertendosi, sui nostri cabinati di 6/9 metri.

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Francesca Gallus. Poesie in volo

Francesca Gallus. Poesie in volo Il sole sorge ed è già poesia e il profumo della vita io lo sento, quando l amore ti entra nelle vene, e un sorriso allevia le tue pene, il profumo della vita, io, lo sento! Francesca Gallus Prendi un

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

CHI SIAMO COSA FACCIAMO

CHI SIAMO COSA FACCIAMO COMBINARE LO SPORT CON LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE E LA PROMOZIONE SOCIALE, CERCANDO DI EDUCARE LE PERSONE ALL ATTIVITÀ MOTORIA E ALL ESPLORAZIONE DEL TERRITORIO, IN COMPLETA ARMONIA CON L AMBIENTE CIRCOSTANTE,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Team Building in barca a Vela!

Team Building in barca a Vela! Team Building in barca a Vela! Castelletto di Brenzone (VR) Lago di Garda Team Building in barca a Vela! La barca a vela rappresenta un vero e proprio laboratorio nel quale si possono riproporre in maniera

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli