LE SCALE. Le scale nel linguaggio quotidiano. La scala musicale. Utilità delle scale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE SCALE. Le scale nel linguaggio quotidiano. La scala musicale. Utilità delle scale"

Transcript

1 Le scale nel linguaggio quotidiano Scala è un termine molto comune che usato in contesti diversi può assumere significati diversi. Nel campo dell architettura, una scala è una struttura composta da una serie di gradini posti uno sopra l altro usata per spostarsi tra i piani d un edificio. Chissà quante scale di questo tipo hai già incontrato nella tua vita! Nel campo degli strumenti di misurazione, una scala è invece una serie di valori fissi ed ordinati, definiti per poter valutare le proprietà fisiche di un oggetto. Ogni volta che hai usato un righello per misurare in centimetri e in millimetri le dimensioni di un disegno che stavi eseguendo, hai usato una scala di misurazione. Nel campo del modellismo, una scala definisce il rapporto esatto tra più oggetti che, pur avendo dimensioni anche molto diverse, condividono le stesse proporzioni. Ad esempio, un automobilina in scala 1:15 è la copia esatta di un auto normale, ma è quindici volte più piccola. L elenco dei possibili significati del termine scala potrebbe sicuramente continuare ma dal momento che non vedo l ora di cominciare a parlarti di musica ti rimando a un qualsiasi vocabolario della lingua italiana per scoprire da te altre informazioni su questa parola tanto ricca di sfaccettature. La scala musicale LE SCALE Occupiamoci dunque del significato del termine scala quando viene utilizzato nel parlare di musica. È bene partire da una definizione che ti consiglio d imparare a memoria: Una scala musicale è una sequenza di note ordinate dalla più grave alla più acuta (o viceversa) secondo uno schema intervallare predefinito. Questa breve definizione risponde in modo sintetico e preciso alla domanda «Cos è una scala musicale?», ma mi sa che messa così non è un gran che chiara. Volendola spiegare in un linguaggio più comprensibile potremmo seguire questi punti: Una scala è una sequenza, cioè una serie, ovvero una successione di note. In parole ancora più semplici, sono tante note messe in fila, una dopo l altra. Le note usate in una scala sono ordinate, il che significa che non sono prese a caso, ma sono scelte con attenzione e messe in posizioni ben precise. Nel mettere in ordine le note le si colloca dalla più grave alla più acuta, cioè si tiene conto della loro altezza avendo cura di procedere sempre nella stessa direzione: dal basso verso l alto. Avrai notato quel o viceversa tra parentesi, che serve per farci capire che una scala può anche procedere in senso inverso, dall acuto verso il grave. Quello che non è ammesso è procedere a zig-zag, per cui una volta scelta una direzione la si deve mantenere. La parte più misteriosa della definizione è senza dubbio quel secondo uno schema intervallare predefinito. Senza entrare troppo nel dettaglio (per ora), diciamo che significa essenzialmente che nell ordinare le note di una scala è importante fare attenzione anche alla differenza tra l altezza di una nota e quella della nota successiva, differenza che deve corrispondere a quella indicata da un modello fissato in precedenza. Ci si aspetta che quel modello venga rispettato alla lettera, il che potrebbe darti qualche grattacapo. Utilità delle scale Quando si deve affrontare lo studio di un argomento spesso ci si pone una domanda che non sempre s osa esprimere ad alta voce: «Perché devo sforzarmi tanto per imparare questa cosa? A che mi serve?» Domanda pertinente e legittima che immagino ti sia già passata per la testa. Provo a risponderti, sperando d essere convincente. Ciascuno di noi comincia ad ascoltare musica fin da bambino e, letteralmente, si abitua a quel che sente fino ad arrivare a considerarlo

2 normale e giusto. È un processo che avviene spontaneamente e del quale neppure ci accorgiamo. Lo stesso processo si verifica quando assorbiamo una lingua dai nostri genitori e dalle altre persone che ci circondano: apprendiamo regole su regole e le applichiamo in modo automatico, senza neppure renderci conto che quelle che stiamo apprendendo ed applicando sono regole. Per fare un esempio banale, a cinque anni tu già sapevi usare correntemente tutte le regole più comuni della grammatica, tant è che parlavi in italiano senza esitazioni, ma penso di poter affermare che se allora t avessero chiesto di spiegare cos è un soggetto o cos è un verbo non avresti saputo cosa rispondere. Eppure, ricorrevi ogni giorno a soggetti e verbi nel tuo comunicare con la gente intorno a te, ed eri in grado di cogliere o evitare gli errori più comuni. Allo stesso modo, ora sai ascoltare la musica che ti circonda e compiere delle valutazioni: certa musica ti dà l impressione d essere giusta, altra musica ti sembra sconclusionata, priva di significato. Se un musicista non particolarmente abile sbaglia in modo grossolano, riesci subito a cogliere la stecca. Ebbene, se riesci in quest impresa è perché dopo anni d ascolto conosci le regole della musica, anche se probabilmente non sei consapevole del fatto che esistono. Le scale musicali stanno alla base di molte di quelle regole. Le scale sono dunque uno dei fondamenti principali del linguaggio musicale così come solitamente lo si intende. Praticamente tutti i brani che ascolti, compresi i tuoi preferiti, sono nati dall applicazione di una o più scale. Chi compone (cioè inventa ) i brani, contrariamente alle leggende che spesso ci vengono raccontate da persone con pochi scrupoli, non ottiene i risultati che ottiene perché è una specie di super-eroe. Il ruolo della cosiddetta ispirazione, cioè di quel momento magico in cui un idea geniale sboccia miracolosamente nella mente di persone che immaginiamo speciali ed inarrivabili chiamate artisti, è enormemente sopravvalutato. L artista è una persona sicuramente dotata di tante qualità, ma non è un super-uomo! È in grado di fare quel che fa prima di tutto perché ha studiato tanto! Tra le tante cose da studiare c è pure la teoria delle scale, e le scale vengono infatti studiate e catalogate da migliaia d anni, ricavandole dalla musica già in circolazione o inventandole di sana pianta. Il musicista che compone ha studiato quali effetti può ricavare dalla sua musica usando le note contenute in molte scale, e sa quali di quegli effetti sono più apprezzati dal pubblico della sua epoca e della zona dove vive. Le scale sono dei modelli preziosissimi che permettono a chi compone nuovi brani di non dovere reinventare ogni volta tutto da zero. Sono una specie di campionario di note dal quale il musicista attinge per avere una maggior sicurezza di piacere al proprio pubblico (che apprezza quegli insiemi di note essendocisi abituato fin da bambino). Il musicista compositore che non usasse quei campionari che sono le scale più diffuse nell epoca e nella zona ove lavora, avrebbe assai meno probabilità d essere apprezzato dal pubblico al quale si rivolge. Direi che a questo punto dovrebbe esserti chiaro per quale ragione vale la pena darsi da fare per capirci qualcosa. Costruire le scale Premesso che esistono interi volumi che si occupano delle scale e che ce le propongono già compilate, è utile saper costruire da sé una scala perché aiuta a rendersi conto del modo in cui funziona il meccanismo. La realizzazione di una scala consiste essenzialmente in quattro passi. I passo individuare la tonica Questo è facile. Se ti chiedono «Cos è la tonica?» puoi rispondere: La tonica è la prima nota di una scala musicale. Individuare la tonica di una scala significa quindi scegliere da che nota quella scala deve partire. Siccome la tonica dà il nome alla scala, se vuoi ottenere una scala di Do devi partire proprio dal Do, se vuoi ottenere una scala di Fa devi partire dal Fa, se vuoi ottenere una scala di La devi partire dal La, e così via. II passo individuare le altre note della scala Anche questo passo è facile. Rileggendo la definizione di scala, ricordiamo che le note devono essere ordinate dalla più grave alla più

3 acuta. Nella nostra tradizione, le scale contengono tipicamente tutte e sette le note che già conosci. Per individuare le note di una scala basta iniziare dalla tonica ed elencare tutte le sette note. La scala termina con la ripetizione della prima nota ad altezza diversa. Ad esempio, se la tonica è Do le note della scala sono Do-Re-Mi-Fa- Sol-La-Si-Do, se la tonica è Fa le note della scala sono Fa-Sol-La-Si- Do-Re-Mi-Fa, se la tonica è La le note della scala sono La-Si-Do-Re- Mi-Fa-Sol-La, e così via. Ricorderai che nella definizione della scala c era un o viceversa tra parentesi, dal quale abbiamo compreso che una scala può anche procedere dall acuto verso il grave, non solo dal grave verso l acuto. Be, non è che questo complichi particolarmente la vita. Molto semplicemente, la scala di Do diventa Do-Si-La-Sol-Fa-Mi-Re-Do, la scala di Fa diventa Fa-Mi-Re-Do-Si-La-Sol-Fa, la scala di La diventa La-Sol-Fa-Mi-Re-Do-Si-La, e così via. È bene ricordare che una scala che procede dal grave verso l acuto si definisce scala ascendente, mentre una scala che procede dall acuto verso il grave si definisce scala discendente. Nel nostro lavoro scolastico useremo solo scale ascendenti, per evitare la confusione che potrebbe provocarti l applicazione dei procedimenti in senso inverso. III passo individuare lo schema intervallare Dalla definizione abbiamo appreso che in una scala le note sono ordinate secondo uno schema intervallare predefinito. Dobbiamo quindi procurarci uno di questi schemi intervallari. Per ora, usiamo lo schema tipico della scala detta di modo maggiore (più avanti ci occuperemo delle ragioni che ci possono spingere a scegliere uno schema diverso). Lo schema intervallare della scala maggiore è I numeri indicano quanti semitoni rendono diversi tra loro i suoni rappresentati dalle note della scala, ovvero quali devono essere gli intervalli tra le note stesse. Nel nostro caso, tra la prima e la seconda nota della scala dovremo avere un intervallo di due semitoni, tra la seconda e la terza pure, tra la terza e la quarta nota della scala l intervallo dovrà essere di un solo semitono, e così via. Dal momento che non hai una gran esperienza, nello svolgere gli esercizi ti conviene trascrivere i numeri tra le note per evitare gli errori di distrazione. IV passo applicare lo schema intervallare Questo è il passaggio più complesso del procedimento, e per completarlo conviene fare riferimento a un immagine d una tastiera che permetta di vedere i semitoni che separano tra loro le note. È il caso di affrontare questo passaggio con particolare attenzione al dettaglio, senza lasciare niente di sottinteso. Prendiamo come esempio la scala di Re maggiore. Ogni scala di Re, nella nostra tradizione, è composta da queste note: Affinché questa scala di Re possa essere definita scala di Re maggiore occorre che gli intervalli tra le note corrispondano allo schema predefinito , che riportiamo tra le note per aiutarci a non commettere errori dovuti a distrazione: Dobbiamo ora verificare che la differenza tra nota e nota corrisponda a quella richiesta dallo schema intervallare. Laddove gli intervalli non corrispondessero, dovremmo apportare le correzioni del caso ricorrendo alle alterazioni. Per riuscire in questa impresa è utile avere a disposizione una tastiera o, almeno, un suo disegno.

4 Controlliamo l intervallo esistente tra il Re e il Mi. È un intervallo di due semitoni, esattamente come richiesto dallo schema predefinito, per cui non occorre fare nulla. Anche nel caso della coppia Sol-La non serve far nulla, poiché abbiamo bisogno proprio i due semitoni che già ci sono. La stessa situazione si verifica tra il La e il Si. La situazione è diversa per quanto riguarda la differenza tra il Mi ed il Fa: lo schema richiede che ci siano due semitoni, ma guardando la tastiera vediamo che ce n è uno soltanto. Dobbiamo quindi spostarci sul tasto immediatamente successivo, in modo da alzare il suono di un semitono. In questo caso, il tasto successivo è un tasto nero. Nel passare dal Si al Do ritroviamo un caso già noto: lo spostamento dovrebbe essere di due semitoni, mentre dalla tastiera ne risulta uno solo. Come abbiamo fatto in precedenza, per sistemare le cose ci spostiamo sul tasto immediatamente successivo. Anche in questo caso il tasto successivo è un tasto nero. Dal momento che siamo arrivati sul nuovo tasto alzando di un semitono il Fa, aggiungiamo un diesis davanti al Fa sul pentagramma. Passiamo a vedere come stanno le cose tra il Fa diesis ed il Sol. È richiesto un solo semitono, ed in effetti già abbiamo un solo semitono, per cui non occorre far nulla. Dal momento che siamo arrivati sul nuovo tasto alzando di un semitono il Do, aggiungiamo un diesis davanti al Do sul pentagramma.

5 Ci resta solo da verificare che tra il Do diesis e il Re ci sia un unico semitono, come richiede lo schema intervallare. È già così, quindi l esercizio è completo. Ecco la nostra scala di Re maggiore pronta per l uso: Un metodo, tanti modi Il modello della scala maggiore, quello che abbiamo usato nell esercizio precedente, è tra quelli più tradizionali nell ambito della nostra cultura, ma non è certo il solo. Il modo di una scala è identificato principalmente dallo schema dei suoi intervalli caratteristici. A modi diversi, corrispondono schemi diversi. Tra i molti ormai d uso comune vale la pena ricordare almeno quelli del cosiddetto modo minore. Il modo minore ha tre varianti comuni: minore naturale, minore armonico e minore melodico. Eccone gli schemi di riferimento: effetti, il procedimento rimane lo stesso indipendentemente dal modo preso in considerazione, per cui dato lo schema caratteristico potresti anche realizzare una scala locria, una misolidia, una frigia, o qualsiasi altro modo a piacere. Ma se le scale di molti modi si possono ottenere con un unico metodo perché i modi sono così numerosi? Ciascun modo ha la tendenza a definire una particolare atmosfera, un particolare carattere espressivo. Le scale e i loro modi, nelle mani di un compositore, sono come la tavolozza dei colori nelle mani d un pittore. L esempio che si porta più comunemente è quello per il quale i brani composti impiegando come riferimento una scala maggiore tendono ad avere un carattere aperto, brillante, mentre gli stessi brani convertiti al modo minore assumono un atmosfera più malinconica, o addirittura cupa. Ecco quindi che il celebre concerto La primavera di Vivaldi è brillante nella sua versione originale composta usando una scala maggiore, ma può farsi assai più autunnale se riadattato impiegando una scala minore. Lo stesso destino tocca alla celebre Oh, Susanna. Anch essa composta in origine a partire da una scala maggiore è piuttosto spigliata, ma è destinata a farsi quanto meno seriosa nell equivalente composto a partire da una scala minore. Non tutti i brani si prestano altrettanto bene a questa trasformazione, ma il concetto dovrebbe essere chiaro. Un altro esempio valido si può ricavare attribuendo un carattere esotico ad alcune melodie conosciute, semplicemente usando una scala pseudo-araba in luogo della scala originale. Nonostante i modelli diversi, il procedimento per formulare tutte e tre le varianti minori è lo stesso usato per formulare la scala maggiore. In Anche improvvisare qualche nota su una scala pentafonica cinese fornisce più di uno spunto di riflessione, aiutando a capire come ogni cultura musicale esprima la propria identità in gran parte per mezzo della scelta di alcune scale caratteristiche.

6 I gradi della scala Come è già stato affermato più volte, in una scala è molto importante l ordine delle note. Ecco quindi che ci troviamo ad affrontare il concetto di grado della scala, cioè di una nota in relazione alla posizione che occupa nel contesto della scala stessa. Secondo questo concetto, il primo grado di una scala è quindi la sua prima nota, il secondo grado la sua seconda nota, e così via. Dunque, come già detto, non importa di che nota si tratta, ma qual è la sua posizione (che si esprime usando un numero romano). Il ruolo dei gradi della scala è talmente importante che a ciascuno di essi è stato addirittura attribuito un nome specifico. Ecco una tabella che riassume i nomi dei gradi della scala: I grado II grado III grado IV grado V grado VI grado VII grado Tonica Sopratonica Mediante o caratteristica Sottodominante Dominante Sopradominante Sensibile Riprendendo in considerazione la scala di Re maggiore che abbiamo realizzato poco fa, proviamo a definire i suoi gradi: La tonica della scala di re maggiore è il suo primo grado, ovvero la sua prima nota, quindi re. La sopratonica è il secondo grado, cioè mi. La mediante, il terzo grado, è il fa diesis. La sottodominante è il sol, la dominante è il la, e così via. Ovviamente, cambiando scala cambierebbe il risultato. Ad esempio, il terzo grado (mediante) della scala di mi maggiore, considerando che le note di quella scala sono mi, fa diesis, sol diesis, la, si, do diesis, re diesis, mi, è il sol diesis, cioè la terza nota della scala. Se invece prendiamo in esame la scala di fa maggiore (fa, sol, la, si bemolle, do, re, mi, fa), la mediante è il la. Insomma, dovrebbe essere chiaro. Le funzioni tonali Ogni grado della scala è abbinato a particolari funzioni tonali. Le funzioni tonali derivano dall uso che si può fare dei gradi della scala prevedendone l effetto. Una delle funzioni tonali più facili da comprendere, è quella conclusiva della tonica. Nella nostra tradizione, un brano composto in una certa tonalità (ovvero composto prendendo come riferimento una particolare scala) tende a suggerire l idea di conclusione impiegando la prima nota della scala in posizioni particolari. È frequente l uso della tonica come ultima nota del brano, cioè nel momento conclusivo per eccellenza. Prova a verificare in prima persona armandoti di un prospetto delle scale tradizionali e confrontandolo con una serie di brani, così: 1. Osserva l armatura di chiave del brano (le alterazioni in chiave) e confrontala con l armatura di chiave delle scale fino a trovare le due scale che coincidono (saranno una maggiore e una minore). 2. Osserva l ultima nota del brano e guarda quale delle due scale ha come come tonica proprio quella nota. 3. Complimenti! Hai appena scoperto la scala di riferimento per quel brano, con tutto quel che ne consegue.

7 Vediamo un esempio pratico. Cercando tra le scale è facile scoprire che le scale che hanno il fa diesis in chiave sono quella di sol maggiore e quella di mi minore. L ultima nota del brano è un sol, il che porta a ipotizzare che la scala usata come riferimento nel comporlo sia quella di sol maggiore. Scorrendo le note del brano, ci accorgiamo che non compaiono note estranee a quella scala (in effetti potrebbero essercene, ma sarebbe l eccezione che conferma la regola), e che i re non sono mai alterati, il che conferma la prima ipotesi. Suonando la melodia ci accorgiamo che quel che compare nelle prime otto battute viene ripetuto nelle battute successive, cambiando solo la parte finale. La prima parte di melodia, quella che termina alla battuta n. 8, suona sospesa e richiede un seguito. Guarda caso, l ultima nota di quella prima parte non è la tonica (il sol) della scala della quale abbiamo ipotizzato l impiego, ma la sua dominante (il re). La seconda parte di melodia è praticamente identica, ma dà una sensazione del tutto diversa, comunicando un idea di conclusione. La teoria ci dice che un effetto di chiusura così netto deriva principalmente dalla funzione della tonica, per cui possiamo concludere che il brano è davvero nella tonalità di sol maggiore, e non in quella di mi minore. La teoria, almeno in questo caso, è confermata dalla pratica.

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

I modi della scala maggiore - prima parte

I modi della scala maggiore - prima parte I modi della scala maggiore - prima parte Perché imparare i modi? La risposta è molto semplice, direi quasi banale. E per inciso è applicabile per tutti i musicisti indipendentemente dallo strumento suonato,

Dettagli

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire La scala maggiore Ora che abbiamo dato un pò di cenni teorici e impostato sia la mano destra che la sinistra è venuto il momento di capire cosa suonare con il basso ( impresa ardua direi ), cioè quando

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Introduzione al sistema modale

Introduzione al sistema modale Introduzione al sistema modale a cura di Massimo Mantovani, Roberto Poltronieri, Lorenzo Pieragnoli La scala maggiore di Do, composta dalle note Do Re Mi Fa Sol La Si Do, è basata sulla struttura Tono

Dettagli

CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?"

CAPITOLO 1: A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI? CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?" La nostra sala prove era nientemeno che lo scantinato del Liceo Scientifico Galilei, opportunamente equipaggiato grazie al fondo studenti. Avrò avuto sì e

Dettagli

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Il punto di riferimento della musica tonale è la scala, in quanto essa è la sintesi di tutte le note che appartengono ad una data tonalità. Inoltre,

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA IMPARIAMO DAGLI ERRORI Impariamo dagli errori (1/5) Impariamo dagli errori (2/5) Il più delle volte siamo portati a pensare o ci hanno fatto credere di avere poca memoria,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO?

VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO? VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO? Corri a leggere questo Report Gratuito! AUTORE : Cristina Regestro SITO WEB: SOMMARIO 1. PREMESSA 2. CHI SONO 3. IL

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Presentazione. Salamone.it di Nair Vanegas Via G. Verdi, 20-10042 Nichelino (TO) Tel. 011 6290976 - Cell. 347 7362958 Sito web: www.salamone.

Presentazione. Salamone.it di Nair Vanegas Via G. Verdi, 20-10042 Nichelino (TO) Tel. 011 6290976 - Cell. 347 7362958 Sito web: www.salamone. Presentazione Il web offre enormi opportunità. Avere una vetrina online con pagine web dedicate per ogni articolo o servizio, può espandere il tuo business in maniera significativa. Hai dei dubbi? Due

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

CONOSCERE GLI ALIMENTI

CONOSCERE GLI ALIMENTI SCHEDA DIDATTICA 2 CONOSCERE GLI ALIMENTI Entrare dal pescivendolo e chiedere: Mi dà per cortesia due etti di proteine e 5 grammi di omega 3? Oppure rivolgersi al panettiere chiedendo: 70 grammi di carboidrati

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Costruisci il tuo mood grafico

Costruisci il tuo mood grafico Costruisci il tuo mood grafico Ciao! Magari hai un hobby creativo, oppure ti sei lanciata da poco in una nuova attività o semplicemente ti piace usare i social e vuoi crearti una tua immagine personale.

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Impariamo a calcolare gli intervalli

Impariamo a calcolare gli intervalli Impariamo a calcolare gli intervalli A cosa servono gli intervalli? 1. Costruire le scale 2. Costruire gli accordi e i loro arpeggi 3. Capire da quale scala proviene una frase 4. Capire quale accordo puoi

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Attenzione: Questa prima lezione è indirizzata solo a coloro che non hanno nessuna conoscenza della

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Presentazione. Obiettivi dell area «Modelli mentali»

Presentazione. Obiettivi dell area «Modelli mentali» Presentazione In queste schede scoprirai alcuni meccanismi che si mettono in funzione quando cerchi di comprendere un testo. Un lettore esperto infatti è in grado di estrarre dal testo le informazioni

Dettagli

CORSO ELEMENTARE DI TAMBURELLO

CORSO ELEMENTARE DI TAMBURELLO CORSO ELEMENTARE DI TAMBURELLO Iniziamo questo corso elementare di tamburello dicendo che chi vi parla non conosce la musica e tutto quello che sentirete è il prodotto della sua esperienza personale, della

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. UNA METAFORA PER SPIEGARE I DSA La psicologa americana ANIA SIWEK ha sviluppato in anni di pratica professionale un modo semplice ed efficace di spiegare i DSA ai bambini,

Dettagli

MAKING IDEAS HAPPEN. Le 10 cose da sapere per essere innovatori nel proprio business online

MAKING IDEAS HAPPEN. Le 10 cose da sapere per essere innovatori nel proprio business online MAKING IDEAS HAPPEN Le 10 cose da sapere per essere innovatori nel proprio business online Questa guida è stata realizzata dal team di Innovazione quotidiana. Tutti i diritti sono riservati 2015 www.innovazionequotidiana.it

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

LA MONTAGNA. Prima parte

LA MONTAGNA. Prima parte LA MONTAGNA Prima parte 1 In letteratura scientifica esistono vari modelli per spiegare i processi neuropsicologici coinvolti dal calcolo, tra i quali quelli molto diffusi di Mc Kloskey, di Campbell, e

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA Possiamo descrivere le strategie di apprendimento di una lingua straniera come traguardi che uno studente si pone per misurare i progressi nell apprendimento

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo

Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo Come capire se la tua nuova iniziativa online avrà successo Ovvero: la regola dei 3mila Quando lanci un nuovo business (sia online che offline), uno dei fattori critici è capire se vi sia mercato per quello

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

Strumenti di relazione

Strumenti di relazione L apprendimento dell italiano L2 Strumenti di relazione Maurizio Sarcoli + Francesco Bianchi Approccio attivo Nell approccio attivo all apprendimento risiede parte dei progressi di chi si trova nella necessità

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Messa in tavola di un modello tridimensionale

Messa in tavola di un modello tridimensionale 18 Messa in tavola di un modello tridimensionale Creare viste d insieme e di dettaglio, con sezioni e particolari di un modello tridimensionale. Introduzione In questo capitolo vedremo come documentare

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Io, architetto e ingegnere

Io, architetto e ingegnere Di Luisanna Fiorini fiorluis@tin.it Io, architetto e ingegnere TuxPaint è un programma per la grafica LIBERO, di famiglia Linux. Per scaricarlo e configurarlo nel migliore dei modi consulta il tutorial

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ LE MISURE DEFINIZIONI: Grandezza fisica: è una proprietà che può essere misurata (l altezza di una persona, la temperatura in una stanza, la massa di un oggetto ) Misurare: effettuare un confronto tra

Dettagli

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI COME PIANIFICARE Andrea Giuliodori autore di EfficaceMente.com I TUOI ESAMI UNIVERSITARI INDICE INTRODUZIONE 1 2 3 4 DECIDI A PRIORI QUANTO STUDIARE TROVA IL TUO RITMO IDEALE CREA IL TUO CALENDARIO DI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI.

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. INDICE TUTTO SULLA TUA RUBRICA 02 COS È IL SERVIZIO RUBRICA 02 PER UTILIZZARE IL SERVIZIO 03 ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

Dettagli

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui.

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. 2 Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. Probabilmente ti stai chiedendo se posso aiutarti, la risposta è sì se: vuoi raccontare qualcosa di te o di quello che fai; vuoi dei testi che descrivano

Dettagli

VUOI PRENOTARE I LIBRI DA CASA E POI VENIRE A RITIRARLI IN BIBLIOTECA oppure ACCEDERE ALLA TUA AREA PERSONALE? ECCO COME FARE

VUOI PRENOTARE I LIBRI DA CASA E POI VENIRE A RITIRARLI IN BIBLIOTECA oppure ACCEDERE ALLA TUA AREA PERSONALE? ECCO COME FARE VUOI PRENOTARE I LIBRI DA CASA E POI VENIRE A RITIRARLI IN BIBLIOTECA oppure ACCEDERE ALLA TUA AREA PERSONALE? ECCO COME FARE Assicurati di avere la tessera della biblioteca abilitata al servizio, chiedendolo

Dettagli

La lettura strategica cooperativa

La lettura strategica cooperativa La lettura strategica cooperativa STRATEGIA 1. ANTEPRIMA si attua prima della lettura del testo. Fasi di lavoro: idea: pensa a ciò che sai già sull argomento previsione: cerca indizi nel titolo, nei sottotitoli,

Dettagli

Quante cose si possono fare con una scala pentatonica?

Quante cose si possono fare con una scala pentatonica? Quante cose si possono fare con una scala pentatonica? Bene, iniziamo! In questo incontro vorrei analizzare la scala pentatonica, come è generata e come poterla utilizzare in modo creativo. Per inciso,

Dettagli

«Ciao, sono io!» Commento didattico

«Ciao, sono io!» Commento didattico «Ciao, sono io!» Commento didattico Cari insegnanti, con il quaderno di lavoro «Ciao, sono io!» per la scuola primaria disponete di uno strumento didattico che permette ai vostri allievi di conoscere meglio

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Fogli Bis e autovalutazione finale

Fogli Bis e autovalutazione finale Laboratori di matematica di 2a elementare Fogli Bis e autovalutazione finale Informazioni e annotazioni per l insegnante Quest anno, oltre ai fogli Bis, così com erano previsti e proposti nei mini laboratori

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Chiara Strada IMMAGINI SONORE LAVORO CON LISA

Chiara Strada IMMAGINI SONORE LAVORO CON LISA Chiara Strada IMMAGINI SONORE LAVORO CON LISA Questo allegato si riferisce al precedente materiale della serie Tasti & Testi, intitolato Immagini Sonore, pubblicato a settembre come primo di quest anno

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING!

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING! I PRIMI PASSI NEL NETWORK MARKETING Ciao mi chiamo Fabio Marchione abito in brianza e sono un normale padre di famiglia, vengo dal mondo della ristorazione nel quale ho lavorato per parecchi anni. Nel

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE w w w. o s m v a l u e. c o m COMPRENSIONE (RELAZIONI) Qualità generale delle relazioni. Capacità della persona di costruirsi relazioni

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO B5 queste schede ti aiuteranno a scoprire quanto sia utile autointerrogarsi e autovalutarsi potrai renderti conto di quanto sia utile porsi domande per verificare la propria preparazione se ti eserciterai

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Convertitori numerici in Excel

Convertitori numerici in Excel ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA Convertitori numerici in Excel Prof. G. Ciaschetti Come attività di laboratorio, vogliamo realizzare dei convertitori numerici con Microsoft Excel

Dettagli