ARRAMPICATA SPORTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARRAMPICATA SPORTIVA"

Transcript

1 AREA A5 SERVIZIO SPORT CITTÀ DI AOSTA Piazza Chanoux 1, Aosta Tel: Fax: SECTEUR A5 BUREAU DES SPORTS VILLE D AOSTE 1, Place Chanoux, Aoste Tél: Fax:

2 ARRAMPICATA SPORTIVA Il corso sarà così suddiviso: 1^ lezione: fase teorica su nodi e calzature imbrachi (prove pratiche) 2^ lezione: arrampicata con valutazione per capire il grado di capacità dei singoli partecipanti 3^ lezione: prove pratiche di salita come capocordata, spiegazione dei vari passaggi e tecniche di salita 4^ lezione: salita di varie difficoltà e prove di auto assicurazione 5^ lezione: gara di arrampicata e valutazione finale sul grado di apprendimento dei singoli ATLETICA LEGGERA I Ragazzi saranno divisi in 3 gruppi (I,II,III) in base all età e/o abilità motoria. Il programma sarà così articolato: 1) Verifica delle abilità motorie coordinative (tutti i partecipanti); 2) Sviluppo della propriocezione di base (I); 3) Apprendimento dei gesti naturali di base (correre, lanciare, saltare) (I, II); 4) Perfezionamento dei gesti naturali di base (correre, lanciare, saltare) (I, II); 5) Apprendimento dei gesti con attrezzi (I, II, III); 6) Approccio ludico dell atletica (I); 7) Approccio ludico dell atletica (II); 8) Approccio ludico dell atletica (III); 9) Pratica di gruppo (I, II, III); 10) Valutazione individuale finale(i,ii,iii). CALCIO A 5 Il corso vuole fornire un programma di apprendimento di base strutturato in quattro fasi privilegiando l aspetto ludico ricreativo rispetto a quello istintivamente competitivo dei ragazzi: 1^ Fase: tecnica di base (Stop-passaggio-tiro); 2^ Fase: tecnica applicata (guida della palla-dribbling); 3^ Fase: tattica di base (orientamento-occupazione degli spazi); 4^ Fase: tattica applicata (rispetto e rotazione dei ruoli, collaborazione tra compagni). I ragazzi saranno divisi in gruppi in base all età e alla prestanza fisica. GOLF Le lezioni al corso in questione saranno così strutturate: 1 lezione introduzione al gioco del Golf; 2 lezione putting green aspetti sportivi e ludici; 3 lezione il gioco corto; 4 lezione il gioco lungo; 5 lezione il campo da Golf (lezione pratica e teorica).

3 KUNG-FU 1. I ragazzi inizieranno con la ginnastica propedeutica di riscaldamento per evitare eventuali stiramenti o problemi muscolari durante la lezione; 2. Saranno effettuate tecniche di cadute libere, altre tecniche facenti parte della ginnastica a corpo libero; 3. Eseguiranno tecniche individuali di attacco e difesa con le mani e con gli arti inferiori; 4. Eseguiranno tecniche di deviazione e bloccaggio di un attacco; 5. Saranno insegnate nozioni di base di difesa personale proporzionata all età degli atleti; 6. Nel corso delle lezioni verranno insegnati due TAO (tecniche di combattimento figurativo a più persone, sia a mano libera e con stecchette) dette tecniche sono individuali; 7. Periodicamente verranno sviluppati dei combattimenti in coppia, inizialmente con l istruttore, di seguito tra allievi, sempre controllati dall istruttore, inoltre verranno utilizzate le seguente protezioni: caschetti corpetti guantoni e parastinchi che verranno messi gratuitamente a disposizione dalla scuola. 8. L ultimo periodo sarà dedicato alla preparazione di un eventuale saggio di fine corso. Programma sull attività che verrà svolta: MOUNTAIN BIKE 1. sicurezza in bicicletta (controllo e verifica del mezzo meccanico e dell abbigliamento); 2. esercitazioni tecniche di base (equilibrio conduzione in linea retta e curva, frenate ed accelerate, uso del cambio); 3. esercitazioni tecniche specifiche (slalom, bascule, sottopassaggi, ostacoli a salire e scendere, pedalare in gruppo); 4. educazione stradale (riconoscere la principale stradale, piste ciclabili); 5. verifica delle abilità acquisite (gimkane ludiche, guida ed escursioni in fuoristrada, strade poderali sentieri, ecc.). Livelli e obiettivi didattici NUOTO 1 Livello Lo scopo principale di questa fase è di far acquisire agli allievi un rapporto naturale con l acqua; 2 Livello Prevede l acquisizione delle forme di propulsione elementari di un buon equilibrio e di autonomia in acqua. Gli allievi dovranno riuscire ad effettuare correttamente alcuni atti respiratori coordinando la fuoriuscita del capo con l ispirazione e l immersione con l espirazione. 3 Livello Prevede il perfezionamento delle nuotate dorso e stile e primi accenni della nuotata a rana. Il perfezionamento della nuotata subacquea ed il controllo respiratorio verranno sviluppati con la raccolta di oggetti sul fondo della vasca, sia in acqua bassa che in acqua alta. Obiettivi formativi

4 Socializzazione ed appartenenza al gruppo. Affinamento delle capacità coordinative, sviluppo delle capacità di resistenza aerobica. PONY GAMES Il pony games è nato per avvicinare i ragazzi di età compresa tra i 6 anni ed oltre al mondo dell equitazione. Fermo restando che detti corsi non hanno la presunzione di creare dei cavalieri, le 10 lezioni hanno lo scopo di fare avvicinare i giovani ai pony e con essi giocare. Pertanto gli istruttori hanno il compito di organizzare giochi di gruppo, insegnando ai ragazzi a non aver paura e ad avere rispetto per l animale e giocare con esso. PATTINAGGIO SU GHIACCIO L obiettivo principale è quello di insegnare ai ragazzi a pattinare con sicurezza e sapersi arrestare con la massima tranquillità. La didattica d insegnamento prevede i seguenti movimenti: spinte avanti e indietro, curve avanti e indietro, carrellino, gru, frenata con un piede, frenata a due piedi, come cadere e rialzarsi, serpentina con i birilli, passo incrociato avanti e indietro, balance interni ed esterni, spiegazione dettagliata sui fili delle lame e loro funzioni. ROTELLISTICA Durante le prime due lezioni i maestri di pattinaggio attueranno tutta una serie di esercizi al fine di suddividere i partecipanti al corso in base alle capacità, l età, l affinità tra i partecipanti. Il corso è suddiviso in più fasi così suddivise: VESTIZIONE: durata 15 minuti. I maestri cureranno la corretta vestizione di tutti i partecipanti al corso di rotellistica. Attività didattica molto importante per far conoscere i propri pattini in linea e tutte le protezioni da utilizzare obbligatoriamente: casco, polsiere, ginocchiere, gomitiere; RISCALDAMENTO: durata 15 minuti. Fase importantissima in cui sotto forma di gioco verranno svolte attività di controllo sulla corretta vestizione eseguendo dunque piegamenti, flessioni ed una breve attività di pattinaggio libero. ESERCIZI TECNICI: durata 30 minuti. Esercizi tecnici finalizzati all apprendimento di tutti i movimenti di base del pattinaggio. GIOCO SLALOM: durata 30 minuti. Giochi propedeutici dei pattini. Slalom tra birilli. Attività divertentissima nonché fondamentale per il corretto apprendimento di tutti i movimenti appresi durante gli esercizi tecnici.

5 RUGBY Il rugby è unanimemente riconosciuto come sport ad alto valore educativo. Il corso offerto prevede una serie di 10 incontri finalizzati alla presentazione delle regole fondamentali ed all apprendimento dei gesti tecnici basilari del rugby (corsa, passaggio, placcaggio) con l obiettivo di consentire ai ragazzi di sostenere negli ultimi incontri alcune partite utilizzando le regole del minirugby che sono state formulate dalla Federazione Nazionale Rugby con l obiettivo di creare una situazione particolarmente protetta dal punto di vista del contatto fisico. I tecnici che effettueranno gli interventi, sono tecnici federali della Federazione e prenderanno in considerazione prioritariamente gli interessi dei ragazzi nei differenti ambiti (fisico, affettivo, tattico e tecnico), con particolare attenzione all aspetto affettivo (emozioni, piaceri, frustrazioni, relazioni) sia in sede di intervento formativo che durante la fase di competizione. SCHERMA Il programma da svolgere sarà in relazione all età dei partecipanti e alla loro preparazione specifica nel caso avessero frequentato corsi precedenti di scherma. Verranno effettuati esercizi sui ritmi, coordinazione motoria, giochi propedeutici alla scherma e la parte prettamente tecnica: 1. 1^ posizione, arma in linea e saluto; 2. Modo di impugnare l arma; 3. Passo avanti e indietro, affondo, ritorno in guardia; 4. Atteggiamento dell arma in relazione all avversario; 5. Bersagli, attacco, difesa; 6. Azioni semplici sia di attacco che di difesa; 7. Convenzione sul fioretto e la spada; 8. Regolamento sulle gare. TENNIS Il corso di tennis sarà strutturato con lezioni collettive. Gli istruttori effettueranno dei test attitudinali sulle capacità tecnico-motorie dei ragazzi, questi ultimi saranno successivamente avviati alla pratica del minitennis ed al tennis. Infine verrà organizzata la gara di fine corso. TENNISTAVOLO In una prima fase chiamata pallinicità i ragazzi avranno modo di acquisire le capacità motorie fra attrezzo e tavolo. In una seconda fase detta di implementazione della mobilità, i ragazzi apprenderanno la mobilità laterale, avanti e indietro. Le lezioni a seguire verteranno sull apprendimento della tecnica dei colpi, il dritto, il rovescio, la difesa (palleggio), l attacco (scambio e top), il servizio e le regole del gioco.

6 TIRO A SEGNO Il corso sarà suddiviso in lezioni teoriche e pratiche. Lezioni teoriche: brevi cenni di preparazione, norme di sicurezza e minima tecnologia degli attrezzi, congegni di mira ottici e balistica elementare. Lezioni pratiche: posizione di tiro, impugnatura, puntamento, respirazione, gesto sportivo, postura, scatto, controllo finale. VELA Il corso ha lo scopo di avvicinare i bambini al mondo della vela tramite cinque incontri teoricopratici (nella giornata di mercoledì) da svolgersi presso il laghetto di Brissogne. Accompagnati da istruttori F.I.V. i ragazzi impareranno prima i rudimenti teorici della vela e la realizzazione dei nodi marinari tramite piccole lezioni nel water front del lago, poi effettueranno uscite pratiche su barche Optimist indossando i giubbotti di salvataggio e con l assistenza di un istruttore su gommone di servizio.

Livelli ed obiettivi didattici

Livelli ed obiettivi didattici I Corsi di nuoto per bambini si svolgono tutto l'anno e sono finalizzati all'apprendimento graduale e personalizzato dei quattro stili canonici. L'insegnamento è impartito da istruttori qualificati, brevettati

Dettagli

CORSO DI GUIDA IN MOUNTAIN BIKE

CORSO DI GUIDA IN MOUNTAIN BIKE Via Sandro Pertini 34/B 20019 Settimo Milanese (MI) Tel: 339.6817492 Fax: 02.70038183 gcardin@geologi.it CORSO DI GUIDA IN MOUNTAIN BIKE PROGETTO DI EDUCAZIONE AL CORRETTO USO DELLA BICICLETTA E RISCOPERTA

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

PROGETTO. GiochiAMO lo sport

PROGETTO. GiochiAMO lo sport PROGETTO GiochiAMO lo sport Istituto Comprensivo di S. Stino di Livenza Anno scolastico 2015/2016 Scuola Primaria : Don M. Martina S. Stino di Livenza Responsabile del progetto: CUZZOLIN MARIA TERESA Indirizzo

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

piscina - palazzetto

piscina - palazzetto Programma 2014-2015 piscina - palazzetto scuola nuoto propaganda scuola calcio Scuola tennis Scuola Twirling calcetto pallavolo basket corsi di tennis PER ADULTI, BAMBINI E RAGAZZI Corso monosettimanale:

Dettagli

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO Classe: 1 INFO A Anno scolastico 2013-2014 Esercizi a corpo libero e con piccoli attrezzi per migliorare la mobilità articolare, l allungamento

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Progressione Didattica Preparazione Fisica per Tennisti (pre-tennis):

Progressione Didattica Preparazione Fisica per Tennisti (pre-tennis): La nostra Scuola Tennis propone una metodologia Olistica che rappresenta una novità nel territorio nazionale. Tennis Olistico, oltre ad offrire un panorama di Discipline Bio Naturali che fungono da accompagnamento

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

PROGRAMMI SVOLTI A.S.2014/15- ED.FISICA - PROF. BORGNA LAURA

PROGRAMMI SVOLTI A.S.2014/15- ED.FISICA - PROF. BORGNA LAURA Classi 1^ B, C afm PROGRAMMI SVOLTI A.S.2014/15- ED.FISICA - OBIETTIVI DISCIPLINARI ATTIVITA SVOLTA MIGLIORAMENTO DELLE QUALITA FISICHE E CONSOLIDAMENTO DEGLI SCHEMI MOTORI DI BASE Corsa in regime aerobico

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO "G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA" BRA. anno scolastico 2012/2013. Piano di lavoro di Scienze Motorie

SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA BRA. anno scolastico 2012/2013. Piano di lavoro di Scienze Motorie SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO "G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA" BRA anno scolastico 2012/2013 Piano di lavoro di Scienze Motorie Insegnanti: ENZO ROSANO FLAVIA GALLO SANTO ANNA-FILIPPONE GAETANO

Dettagli

Programma svolto Anna Ferreri Scienze Motorie!! Classe 1 F! Consolidamento capacità condizionali:! Resistenza Test di Cooper Corsa campestre!

Programma svolto Anna Ferreri Scienze Motorie!! Classe 1 F! Consolidamento capacità condizionali:! Resistenza Test di Cooper Corsa campestre! Programma svolto Anna Ferreri Scienze Motorie Classe 1 F Consolidamento capacità condizionali: Resistenza Test di Cooper Corsa campestre Velocità Coordinazione salti ed es di conduzione con la fune Potenziamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CENTRO STUDI SUPERIORI s.r.l. BERGAMO VIA G.B. MORONI, 255 VIA DEI CANIANA 2B Tel. 035259090 Fax 035262335 Email: info@centrostudi.it I.P. OTTICI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE MATERIA: SCIENZE MOTORIE

Dettagli

Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015. Programmazione didattica annuale

Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015. Programmazione didattica annuale Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015 Programmazione didattica annuale La programmazione didattica annuale prevista dai docenti di Educazione Fisica può considerarsi suddivisa in tre fasi. La prima, all

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente FURLAN DIANA Classi 1 sezione/i F PROGRAMMA SVOLTO DI SCIENZE MOTORIE INSEGNANTE : FURLAN DIANA ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE : 1 F ATTIVITA INDIVIDUALI -Esercizi a corpo libero a carico naturale

Dettagli

ORIENTAMENTO ALLO SPORT

ORIENTAMENTO ALLO SPORT ORIENTAMENTO ALLO SPORT COME INDIRIZZARE LE FAMIGLIE SULLA PRATICA SPORTIVA PER I PROPRI FIGLI. ENDAS : CHI SIAMO E COSA FACCIAMO L ENDAS (Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale) è un Ente di Promozione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE. Coordinatore: prof.ssa Arcangela Massimelli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE. Coordinatore: prof.ssa Arcangela Massimelli DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE Coordinatore: prof.ssa Arcangela Massimelli Sommario FINALITA... Primo biennio Competenze... Abilità... Conoscenze... Secondo biennio Competenze... Abilità... Conoscenze...

Dettagli

PROGETTO CLASSI IN...MOVIMENTO SCUOLA ELEMENTARE VALLICELLI DI VILLAFRANCA ATTIVITA DI GIOCO-SPORT ANNO SCOLASTICO 2007/08

PROGETTO CLASSI IN...MOVIMENTO SCUOLA ELEMENTARE VALLICELLI DI VILLAFRANCA ATTIVITA DI GIOCO-SPORT ANNO SCOLASTICO 2007/08 PROGETTO CLASSI IN...MOVIMENTO SCUOLA ELEMENTARE VALLICELLI DI VILLAFRANCA ATTIVITA DI GIOCO-SPORT ANNO SCOLASTICO 2007/08 PALLAVOLO BASKET ATLETICA SCHERMA TAMBURELLO ORIENTAMENTO CLASSI IV e V Insegnante

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU IST. SUP. STAT. F.GONZAGA. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI:

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO di KICKBOXING

PROGRAMMA DIDATTICO di KICKBOXING PROGRAMMA DIDATTICO di KICKBOXING (PASSAGGI DI GRADO) NORME CORSI E SESSIONI ESAMI Regolamento approvato marzo 2004 Via Manzoni 18 20052 Monza Mi Tel. 039321804 Fax 0392328901 Presentazione Vi presentiamo

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva.

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva. Categoria cadetti Indirizzi programmatici per i giovani ( fascia d età 13/14/15 anni ) PERIODO DELL ALLENAMENTO GENERALE Es. di lavoro settimanale (fino alle vacanze di Natale) con corsa lenta rimbalzata

Dettagli

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici Test di nuoto 1 8 Distintivi d incoraggiamento I test svizzeri negli sport acquatici Test 1 Balena Crawl con movimento delle anche Bracciata crawl. Nel momento dell immersione della mano le anche si sollevano.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Il seguente piano di lavoro annuale viene redatto in accordo con la formulazione dei Programmi, di cui al d.p.r.908 del 01-10-1982,e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE per le Classi PRIME e SECONDE

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE per le Classi PRIME e SECONDE ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA A. PREVER PINEROLO PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE per le Classi PRIME e SECONDE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI: CINARDO VINCENZO, GARDIOL MARCO, RIVOIRA LUCA, SANTORO

Dettagli

PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Referente Gabriella Zanmarchi cell 335 83 03 803 e mail gabriella.zanmarchi@gmail.com INTRODUZIONE Il progetto intende costituire un insieme d esperienze motorie per: Rispondere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE Anno scolastico 2015-2016 Primo Biennio Gli OSA proposti per il biennio con la riforma dei licei scientifici ripropongono obiettivi da noi già perseguiti sintetizzandoli

Dettagli

Educazione fisica. Obiettivi. Osservazioni generali

Educazione fisica. Obiettivi. Osservazioni generali Educazione fisica Obiettivi Osservazioni generali Educazione del corpo: consapevolezza e rendimento Educazione motoria: senso e piacere del movimento Educazione sportiva: atteggiamento e comportamento

Dettagli

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009 Istituto Comprensivo di LORIA Educazione Motoria Attività di aggiornamento Secondo incontro Loria, 2 marzo 2009 1 ARGOMENTI: Parte Teorica Sintesi primo incontro Programmazione: definizione degli obiettivi

Dettagli

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Anno Scolastico 2014/2015 Finalità Il progetto Scuola-Sport, da molti anni in vigore in tutte le scuole primaria del Comune di Modena,

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente FURLAN DIANA Classi 2 sezione/i H PROGRAMMA SVOLTO DI SCIENZE MOTORIE INSEGNANTE : FURLAN DIANA ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE : 2 H ATTIVITA INDIVIDUALI -Esercizi a corpo libero a carico naturale

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

PIANO di LAVORO e PROGRAMMA

PIANO di LAVORO e PROGRAMMA PIANO di LAVORO e PROGRAMMA Insegnante: Prof. SALIERI Anna Materia di insegnamento: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Anno scolastico: 2013 / 2014 Classi: 1 A - 1 C - 1 D Liceo Scientifico. Il presente piano

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

IL GIOCO: alla base dell atletica leggera di Alice Minetti

IL GIOCO: alla base dell atletica leggera di Alice Minetti IL GIOCO: alla base dell atletica leggera di Alice Minetti GIOCARE = DIVERTIRSI Il gioco è divertimento, questa è la definizione data dal dizionario etimologico. Giocare è alla base di tutta la nostra

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI E COORDINATIVE CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: FORZA CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK STEP

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 EDUCAZIONE FISICA

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 EDUCAZIONE FISICA Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Anno scolastico 2015/16. Piano di lavoro individuale ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO - LICEO LINGUISTICO - ITE.

Anno scolastico 2015/16. Piano di lavoro individuale ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO - LICEO LINGUISTICO - ITE. Anno scolastico 2015/16 Piano di lavoro individuale ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO - LICEO LINGUISTICO - ITE Classe: terza Ite Insegnante: Prudenziati Andrea Materia: Scienze motorie e sportive

Dettagli

OBIETTIVI. RADIO PABLO e GLI ELASTICI. GIRO STANDARD e OVALE TOP-CLASS AMERICANA TOP-CLASS. Spiegazione dell'esecuzione del lavoro con gli elastici

OBIETTIVI. RADIO PABLO e GLI ELASTICI. GIRO STANDARD e OVALE TOP-CLASS AMERICANA TOP-CLASS. Spiegazione dell'esecuzione del lavoro con gli elastici PROPRIOCEZIONE E POTENZIAMENTO CON GLI ELASTICI SPINTA E TRASLOCAZIONE I PASSI SUL GIRO STANDARD E SULL'OVALE TOP-CLASS RADIO PABLO e GLI ELASTICI Spiegazione dell'esecuzione del lavoro con gli elastici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Progetto esecutivo MD-STCW/02-7.3_2 Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima MOD 7.3_2 Ed. 1 REV. 0 del 01.12.2014 Red. RSG App.DS Pag. 1/9 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO TRAGUARDI FORMATIVI SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SIDOLI www.icviasidoli.it e-mail: toic88200x@istruzione.it SCIENZE MOTORIE CLASSI PRIME CONSOLIDAMENTO E COORDINAMENTO DEGLI SCHEMI MOTORI

Dettagli

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA)

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) Hiroshi Toyoda, presidente della Commissione allenatori della FIVB 1. Prima dell allenamento Prima di iniziare l allenamento di pallavolisti

Dettagli

Dettaglio Lezione 63 Totale ore 63

Dettaglio Lezione 63 Totale ore 63 Programma svolto - 1G SCIENTIFICO - per la materia SCIENZE MOTORIE E Dettaglio Lezione 63 Totale ore 63 Ore Classe Materia Giorno Ora Docente Argomento 10/06/2015 Lezione : Passeggiata conclusiva fino

Dettagli

piscina - palazzetto

piscina - palazzetto Programma 2015-2016 piscina - palazzetto scuola nuoto propaganda scuola calcio Scuola tennis Scuola Twirling tiro con l arco kudo daido juko calcetto pallavolo Si trova in via della Pace 1 a Varallo Pombia,

Dettagli

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141)

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Nell arco della Stagione Sportiva in corso il Venezia Mestre Junior Team si prefigge di offrire a tutti

Dettagli

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Alimentazione e benessere Il proliferare di informazioni scorrette dal punto di vista alimentare

Dettagli

PROPOSTA SPORTIVA PER LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE

PROPOSTA SPORTIVA PER LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE 1 PROPOSTA SPORTIVA PER LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE Il centro sportivo di Casnigo è un moderno impianto polivalente ad intero capitale pubblico la cui gestione è in capo alla società CSC GESTIONI SSD

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

PIANO DI LAVORO e PROGRAMMA

PIANO DI LAVORO e PROGRAMMA PIANO DI LAVORO e PROGRAMMA Insegnante: Prof. Anna SALIERI Materia di insegnamento: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Anno scolastico: 2011 / 2012 Classi: 1 D Liceo Scientifico. Il presente piano di lavoro fa

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA L ambientamento acquatico è il riuscire a stare in acqua con la stessa tranquillità e naturalezza con cui si

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO x ISTITUTO TECNICO

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

B. Divisione, obbiettivi e motivazioni delle attività proposte.

B. Divisione, obbiettivi e motivazioni delle attività proposte. A. Introduzione Le attività individuate dal D.T e dal D.S. sono le seguenti così come riportato dalle seguente tabella: Tipologia corso Fasce ETA' Corso Paperini Acquaticità ( Bambini ) 3 anni Corso Paperi

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO. Materia: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO. Materia: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 pagina 1 di 5 LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO Materia: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Insegnante:

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica Golf club Alpino di Stresa CLUB DEI GIOVANI. programma

Associazione Sportiva Dilettantistica Golf club Alpino di Stresa CLUB DEI GIOVANI. programma CLUB DEI GIOVANI 2015 Il programma 1 Quest anno la Alpino Golf School organizza per i suoi iscritti l attività didattica e sportiva curata dal Maestro Massimiliano Pesenti. Il programma prevede attivazione

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME

GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME 1 Gioca l atletica, vinci insieme Premessa Tempi e fasi di realizzazione Obiettivi generali Obiettivi prioritari Centri di avviamento all Atletica Collaborazioni e soggetti

Dettagli

ASSISTENTE BAGNANTI CORSO DI FORMAZIONE PER. Il corso risponde ai requisiti previsti dalle linee-guida della International Life Saving (ILS)

ASSISTENTE BAGNANTI CORSO DI FORMAZIONE PER. Il corso risponde ai requisiti previsti dalle linee-guida della International Life Saving (ILS) CORSO DI FORMAZIONE PER ASSISTENTE BAGNANTI Il corso risponde ai requisiti previsti dalle linee-guida della International Life Saving (ILS) Obiettivi generali del corso Il corso si propone di addestrare

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

CONOSCERE IL DRIBBLING

CONOSCERE IL DRIBBLING CONOSCERE IL DRIBBLING CHI DOVE COME QUANDO PERCHE Giocatore Spazio Modalità Tempo Finalità Difensore Centrocampista Attaccante 1.In ogni zona del campo, considerando criteri, finalità e % di riuscita

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento OBIETTIVI GENERALI Il progetto offre a tutti gli alunni, l'opportunità di praticare attività motoria nella scuola dell infanzia, secondo itinerari e processi organici graduali di apprendimento commisurati

Dettagli

RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI

RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI Fattore: CAPACITA AEROBICA * Materiale: - un cronometro; - pista di atletica o altro. * Istruzioni al ragazzo: - corri per sei minuti in maniera più costante possibile e

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale azzurro: allegato C La formazione degli atleti La formazione degli atleti è svolta prevalentemente nel circolo di appartenenza, e tenendo conto delle differenze dovute

Dettagli

LO SVILUPPO MOTORIO 1/5

LO SVILUPPO MOTORIO 1/5 cours d'experts LO SVILUPPO MOTORIO Heidi Spiess Il movimento è allo stesso tempo il motore dello sviluppo del cervello e il suo risultato (Lensing- Conrady 1996) Al centro dello sviluppo si situa il movimento.

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

SPORT E SCUOLA. PROGETTO SALIAMO a cura del Centro F.I.N. Federazione Italiana Nuoto Avezzano (AQ) SALUTE, ALIMENTAZIONE, MOTRICITA

SPORT E SCUOLA. PROGETTO SALIAMO a cura del Centro F.I.N. Federazione Italiana Nuoto Avezzano (AQ) SALUTE, ALIMENTAZIONE, MOTRICITA SPORT E SCUOLA PROGETTO SALIAMO a cura del Centro F.I.N. Federazione Italiana Nuoto Avezzano (AQ) SALUTE, ALIMENTAZIONE, MOTRICITA 1 Introduzione 1.1 La situazione attuale nelle scuole Per motricità si

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

SEGRETERIA CHIUSA PER FERIE DAL 25 LUGLIO AL 16 AGOSTO COMPRESI

SEGRETERIA CHIUSA PER FERIE DAL 25 LUGLIO AL 16 AGOSTO COMPRESI ADESIONI TESSERAMENTO anno sportivo 2015/16 VAL D ENZA NUOTO A.S.D. offre ai propri tesserati la possibilità di partecipare alle attività sportive e ludico ricreative organizzate dall Associazione presso

Dettagli

Circolo della Vela di Roma

Circolo della Vela di Roma Associazione Sportiva Dilettantistica Sede di Anzio PRESENTAZIONE DEL PROGETTO VELASCUOLA PREMESSA Con questo progetto si intende offrire alle scuole, impegnate ad assolvere alle nuove competenze derivanti

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale IL CORPO e LA SUA RELAZIONE con LO SPAZIO e IL TEMPO Utilizza gli aspetti comunicativorelazionali del linguaggio motorio per Saper utilizzare e trasferire le abilità per la realizzazione dei gesti tecnici

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

Prof. Marcello Cesaroni ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO

Prof. Marcello Cesaroni ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO a.s.2011/2012 A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. Marcello Cesaroni L AMBITO DISCIPLINARE DI EDUCAZIONE FISICA STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero

Dettagli

Progetto Sport in Famiglia/ Seconda Festa del Cuore

Progetto Sport in Famiglia/ Seconda Festa del Cuore Progetto Sport in Famiglia/ Seconda Festa del Cuore Lo sport come - stile di vita, fattore di crescita, di inserimento, di partecipazione alla vita sociale, di tolleranza, di accettazione delle differenze

Dettagli

Immersione libera Nuoto di salvataggio

Immersione libera Nuoto di salvataggio Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport Macolin 30.251/531.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Immersione libera Nuoto di salvataggio UFSPO 2532 Macolin La base:

Dettagli