Capitolo 2 Informazioni Generali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 2 Informazioni Generali"

Transcript

1 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/14 Capitolo 2 Informazioni Generali 2.1 DATI GENERALI ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA DOCUMENTAZIONE D OBBLIGO PER GLI EDIFICI INFORMAZIONI RIGUARDANTI LE SEDI ATTREZZATURE / MACCHINARI E PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI REV DATA REDATO DA DESCRIZIONE FIRMA DIRIGENTE SCOLASTICO 10 21/12/2011 ASPP Francesco Migliaccio Aggiornamento del documento esistente 11 21/12/2012 ASPP Francesco Migliaccio Aggiornamento del documento esistente 12 10/12/2013 ASPP Francesco Migliaccio Aggiornamento del documento esistente 13 12/12/2014 ASPP Francesco Migliaccio Aggiornamento del documento esistente 14

2 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 2/ DATI GENERALI Istituto Comprensivo: Merano I Indirizzo segreteria: Elenco sedi: scuola secondaria di primo grado G. Segantini via XXX Aprile 10 Merano; tel scuola secondaria di primo grado G. Segantini via XXX Aprile 10 - Merano 2. scuola primaria L. da Vinci + scuola primaria San Nicolò via Otto Huber 15 - Merano 3. scuola primaria E. de Amicis via Leichter 1 - Merano 4. scuola primaria + scuola secondaria di primo grado Giovanni XXIII via Principale Silandro 5.

3 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 3/ ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA DIRIGENTE SCOLASTICO Datore di lavoro Dott.ssa Vally Valbonesi RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Prof.ssa Claudia Gallo SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MEDICO COMPETENTE Dott. Stefano Guizzardi Per. Ind. Ivo Paris ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Prof. Francesco Migliaccio ADDETTI ALL ANTINCENDIO E AL PRONTO SOCCORSO Si vedano gli atti di nomina, il registro dei controlli periodici degli edifici o il piano d emergenza. AMMINISTRAZIONE (Preposto) Dott. Moreno Felline LABORATORI (Preposto) Insegnante presente nel laboratorio PERSONALE AUSILIARIO (Preposto) Sig. Lino Manca Altro (es referenti di plesso) (Preposto) Giovanni XXIII Silandro => Sig.ra Gerstl S. L. da Vinci Merano => ins. Gallo M. San Nicolò Merano => ins. Gallo M. E. de Amicis Merano => ins. Nardin D. G. Segantini Merano => prof. Migliaccio F. LAVORATORI STUDENTI NEI DIVERSI LABORATORI

4 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 4/ DOCUMENTAZIONE D OBBLIGO PER GLI EDIFICI Nella tabella di seguito riportata è elencata la documentazione, che deve essere tenuta a disposizione nell edificio. L eventuale documentazione mancante è da richiedere presso l Ufficio competente del proprietario dell edificio. Sommario della documentazione presente: SEDE 1 Impianto elettrico Dichiarazione di conformità dell impianto elettrico Verbale di collaudo dell impianto di terra Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di terra Verbale di collaudo dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Relazione tecnica relativa all autoprotezione dell edificio contro le scariche atmosferiche (se non è installato l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche) Antincendio Licenza d uso con riferimento al collaudo di prevenzione incendi e alle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi (attività indicate nell elenco allegato al Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151) Progetto antincendio* Collaudo antincendio* Nota: I locali dell edificio devono essere utilizzati secondo le indicazioni contenute nel progetto e nel collaudo antincendio. In caso di cambiamenti strutturali, in caso d aumento di rischio incendio oppure con l installazione di un impianto fotovoltaico, il proprietario dell edificio deve incaricare un tecnico qualificato, per la valutazione/decisione di redigere un nuovo progetto, con successivo collaudo di prevenzione incendi. Il dirigente scolastico, in qualità di dirigente/datore di lavoro o di Consegnatario dell edificio, deve vigilare sul corretto utilizzo della struttura secondo le procedure sopra indicate. Impianti tecnologici Dichiarazioni di conformità degli impianti del gas, riscaldamento, aerazione e antincendio Verbale di collaudo dell ascensore Verbali delle verifiche tecniche di sicurezza dell ascensore Verbali degli interventi di manutenzione ordinaria dell ascensore Collaudo dell impianto fotovoltaico PRESENTE DA RICHIEDERE NON Struttura PERTINENTE Collaudo statico dell edificio Ogni 10 anni verifica degli elementi strutturali degli edifici** Gestione della sicurezza Registro dei controlli periodici *La realizzazione del progetto antincendio e l effettuazione del collaudo antincendio sono obbligatori, se nell edificio è presente almeno 1 attività soggetta ai controlli di prevenzione incendi, o se è presente un impianto di riscaldamento con potenzialità superiore a 35 Kw (da richiedere presso l Ufficio competente del proprietario dell edificio).

5 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 5/14 **Questa verifica è da eseguire secondo la destinazione d'uso, alla tipologia strutturale o ai carichi previsti (vedasi DPP 26 aprile 2007, n. 25). Contattare il proprietario dell edificio. SEDE 2 Impianto elettrico Dichiarazione di conformità dell impianto elettrico Verbale di collaudo dell impianto di terra Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di terra Verbale di collaudo dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Relazione tecnica relativa all autoprotezione dell edificio contro le scariche atmosferiche (se non è installato l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche) Antincendio Licenza d uso con riferimento al collaudo di prevenzione incendi e alle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi (attività indicate nell elenco allegato al Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151) Progetto antincendio* Collaudo antincendio* Nota: I locali dell edificio devono essere utilizzati secondo le indicazioni contenute nel progetto e nel collaudo antincendio. In caso di cambiamenti strutturali, in caso d aumento di rischio incendio oppure con l installazione di un impianto fotovoltaico, il proprietario dell edificio deve incaricare un tecnico qualificato, per la valutazione/decisione di redigere un nuovo progetto, con successivo collaudo di prevenzione incendi. Il dirigente scolastico, in qualità di dirigente/datore di lavoro o di Consegnatario dell edificio, deve vigilare sul corretto utilizzo della struttura secondo le procedure sopra indicate. Impianti tecnologici Dichiarazioni di conformità degli impianti del gas, riscaldamento, aerazione e antincendio Verbale di collaudo dell ascensore Verbali delle verifiche tecniche di sicurezza dell ascensore Verbali degli interventi di manutenzione ordinaria dell ascensore Collaudo dell impianto fotovoltaico PRESENTE DA RICHIEDERE NON Struttura PERTINENTE Collaudo statico dell edificio Ogni 10 anni verifica degli elementi strutturali degli edifici** Gestione della sicurezza PRESENTE DA RICHIEDERE PER ZONA RACCORDO Registro dei controlli periodici *La realizzazione del progetto antincendio e l effettuazione del collaudo antincendio sono obbligatori, se nell edificio è presente almeno 1 attività soggetta ai controlli di prevenzione incendi, o se è presente un impianto di riscaldamento con potenzialità superiore a 35 Kw (da richiedere presso l Ufficio competente del proprietario dell edificio).

6 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 6/14 **Questa verifica è da eseguire secondo la destinazione d'uso, alla tipologia strutturale o ai carichi previsti (vedasi DPP 26 aprile 2007, n. 25). Contattare il proprietario dell edificio. SEDE 3 Impianto elettrico Dichiarazione di conformità dell impianto elettrico Verbale di collaudo dell impianto di terra Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di terra Verbale di collaudo dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Relazione tecnica relativa all autoprotezione dell edificio contro le scariche atmosferiche (se non è installato l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche) Antincendio Licenza d uso con riferimento al collaudo di prevenzione incendi e alle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi (attività indicate nell elenco allegato al Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151) Progetto antincendio* Collaudo antincendio* Nota: I locali dell edificio devono essere utilizzati secondo le indicazioni contenute nel progetto e nel collaudo antincendio. In caso di cambiamenti strutturali, in caso d aumento di rischio incendio oppure con l installazione di un impianto fotovoltaico, il proprietario dell edificio deve incaricare un tecnico qualificato, per la valutazione/decisione di redigere un nuovo progetto, con successivo collaudo di prevenzione incendi. Il dirigente scolastico, in qualità di dirigente/datore di lavoro o di Consegnatario dell edificio, deve vigilare sul corretto utilizzo della struttura secondo le procedure sopra indicate. Impianti tecnologici Dichiarazioni di conformità degli impianti del gas, riscaldamento, aerazione e antincendio Verbale di collaudo dell ascensore Verbali delle verifiche tecniche di sicurezza dell ascensore Verbali degli interventi di manutenzione ordinaria dell ascensore Collaudo dell impianto fotovoltaico PRESENTE DA RICHIEDERE NON Struttura PERTINENTE Collaudo statico dell edificio Ogni 10 anni verifica degli elementi strutturali degli edifici** Gestione della sicurezza Registro dei controlli periodici

7 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 7/14 *La realizzazione del progetto antincendio e l effettuazione del collaudo antincendio sono obbligatori, se nell edificio è presente almeno 1 attività soggetta ai controlli di prevenzione incendi, o se è presente un impianto di riscaldamento con potenzialità superiore a 35 Kw (da richiedere presso l Ufficio competente del proprietario dell edificio). **Questa verifica è da eseguire secondo la destinazione d'uso, alla tipologia strutturale o ai carichi previsti (vedasi DPP 26 aprile 2007, n. 25). Contattare il proprietario dell edificio. SEDE 4 Impianto elettrico Dichiarazione di conformità dell impianto elettrico PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI Verbale di collaudo dell impianto di terra PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di terra PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI Verbale di collaudo dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Verbali delle verifiche periodiche dell impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Relazione tecnica relativa all autoprotezione dell edificio contro le scariche atmosferiche (se non è installato l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche) Antincendio Licenza d uso con riferimento al collaudo di prevenzione incendi e alle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi (attività indicate nell elenco allegato al Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151) PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI Progetto antincendio* Collaudo antincendio* Nota: I locali dell edificio devono essere utilizzati secondo le indicazioni contenute nel progetto e nel collaudo antincendio. In caso di cambiamenti strutturali, in caso d aumento di rischio incendio oppure con l installazione di un impianto fotovoltaico, il proprietario dell edificio deve incaricare un tecnico qualificato, per la valutazione/decisione di redigere un nuovo progetto, con successivo collaudo di prevenzione incendi. Il dirigente scolastico, in qualità di dirigente/datore di lavoro o di Consegnatario dell edificio, deve vigilare sul corretto utilizzo della struttura secondo le procedure sopra indicate. Impianti tecnologici Dichiarazioni di conformità degli impianti del gas, riscaldamento, aerazione e antincendio PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI Verbale di collaudo dell ascensore Verbali delle verifiche tecniche di sicurezza dell ascensore Verbali degli interventi di manutenzione ordinaria dell ascensore Collaudo dell impianto fotovoltaico PRESENTE DA RICHIEDERE NON Struttura PERTINENTE Collaudo statico dell edificio PRESENTE RICHIESTI E NON PERVENUTI Ogni 10 anni verifica degli elementi strutturali degli edifici**

8 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 8/14 Gestione della sicurezza Registro dei controlli periodici *La realizzazione del progetto antincendio e l effettuazione del collaudo antincendio sono obbligatori, se nell edificio è presente almeno 1 attività soggetta ai controlli di prevenzione incendi, o se è presente un impianto di riscaldamento con potenzialità superiore a 35 Kw (da richiedere presso l Ufficio competente del proprietario dell edificio). **Questa verifica è da eseguire secondo la destinazione d'uso, alla tipologia strutturale o ai carichi previsti (vedasi DPP 26 aprile 2007, n. 25). Contattare il proprietario dell edificio. 2.4 INFORMAZIONI RIGUARDANTI LE SEDI Nelle tabelle successive sono riportate le informazioni relative alle singole sedi. SEDE 1 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. SEGANTINI INDIRIZZO PROPRIETÀ DELL EDIFICIO NR. PIANI EDIFICIO PIANI AD USO SCOLASTICO VIA XXX APRILE MERANO COMUNE DI MERANO 4 SEMI-INTERRATO TERRA RIALZATO PRIMO SECONDO TERZO QUARTO SOTTOTETTO DI PERSONE PRESENTI NELLA SCUOLA (MEDIA ANNUALE) dirigente 1 personale di segreteria 6 insegnanti/assistenti 34/3 bidelli/personale ausiliario 3+1 custode 1 alunni 275 TOTALE 324 TIPOLOGIE DI LOCALI PRESENTI AD UFFICI E SERVIZI AMMINISTRATIVI ALL ATTIVITÀ DIDATTICA AD ALTRE ATTIVITÀ Uffici 6 Locali accessori 4 Archivio 1 Aule normali + aule per attività di sostegno 13 Laboratorio di informatica/ Aula per audiovisivi 1 Laboratori di scienze (naturali, fisiche e chimiche) 1 Laboratorio artistico/laboratorio fotografico/aula tecnica 2 Palestra/Sala movimento 1 Biblioteca (Aperta al pubblico durante l orario scolastico SI! NO) 1 Teatro / Auditorium (Adibito a pubblico spettacolo: SI! NO) 1 Aula Alfabetizzazione 1 Appartamento del custode 1 Locali impianti tecnologici (come locale caldaia, locale quadro elettrico, ecc.) 1 Cortile esterno IMPIANTI TECNOLOGICI ASCENSORE! SI NO IMPIANTO TERMICO! SI NO alimentazione: Metano potenzialità: kcal SOTTOSTAZIONE TERMICA SI! NO

9 Rev. 12 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 9/14 DEPOSITO COMBUSTIBILE SI! NO Capacità: --- litri IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO SI! NO ALTRO specificare(montacarichi) SI! NO SERVIZI CUCINA (fuochi, forni, ecc.)! SI NO alimentazione: piastre elettriche potenzialità: 3 kw MENSA SI! NO SEDE 2 SCUOLE PRIMARIE L. DA VINCI E SAN NICOLÒ INDIRIZZO PROPRIETÀ DELL EDIFICIO NR. PIANI EDIFICIO PIANI AD USO SCOLASTICO VIA OTTO HUBER MERANO COMUNE DI MERANO 4 INTERRATO TERRA RIALZATO PRIMO SECONDO TERZO DI PERSONE PRESENTI NELLA SCUOLA (MEDIA ANNUALE) dirigente - personale di segreteria - insegnanti/assistenti 25/4; 32/3 bidelli/personale ausiliario 3 custode 1 alunni 218; 213 TOTALE 499 QUARTO SOTTOTETTO TIPOLOGIE DI LOCALI PRESENTI AD UFFICI E SERVIZI AMMINISTRATIVI ALL ATTIVITÀ DIDATTICA AD ALTRE ATTIVITÀ Uffici - Locali accessori 5 Archivio 1 Aule normali + aule per attività di sostegno 28 Laboratorio di informatica/ Aula per audiovisivi 2 Laboratori di scienze (naturali, fisiche e chimiche) 1 Laboratorio artistico/laboratorio fotografico/aula tecnica 1 Palestra/Sala movimento - Biblioteca (Aperta al pubblico durante l orario scolastico SI! NO) 1 Teatro / Auditorium (Adibito a pubblico spettacolo: SI! NO) - Aula convegno 2 Appartamento del custode - Locali impianti tecnologici (come locale caldaia, locale quadro elettrico, ecc.) 3 Cortile esterno IMPIANTI TECNOLOGICI ASCENSORE! SI NO IMPIANTO TERMICO! SI NO alimentazione: Metano potenzialità: kCal SOTTOSTAZIONE TERMICA SI! NO DEPOSITO COMBUSTIBILE SI! NO Capacità: --- litri IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO SI! NO

10 Rev. 12 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 10/14 SERVIZI CUCINA (fuochi, forni, ecc.)! SI NO alimentazione: piastre elettriche potenzialità: 3 kw MENSA! SI NO SEDE 3 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS INDIRIZZO PROPRIETÀ DELL EDIFICIO NR. PIANI EDIFICIO PIANI AD USO SCOLASTICO VIA LEICHTER MERANO COMUNE DI MERANO 5 INTERRATO TERRA RIALZATO PRIMO SECONDO TERZO DI PERSONE PRESENTI NELLA SCUOLA (MEDIA ANNUALE) dirigente - personale di segreteria - insegnanti/assistenti 12 bidelli/personale ausiliario 1 custode 1 alunni 78 TOTALE 92 QUARTO SOTTOTETTO TIPOLOGIE DI LOCALI PRESENTI AD UFFICI E SERVIZI AMMINISTRATIVI ALL ATTIVITÀ DIDATTICA AD ALTRE ATTIVITÀ Uffici - Locali accessori 1 Archivio - Aule normali + aule per attività di sostegno 8 Laboratorio di informatica/ Aula per audiovisivi 1 Laboratori di scienze (naturali, fisiche e chimiche) 1 Laboratorio artistico/laboratorio fotografico/aula tecnica 3 Palestra/Sala movimento 1 Biblioteca (Aperta al pubblico durante l orario scolastico SI! NO) 1 Teatro / Auditorium (Adibito a pubblico spettacolo: SI! NO) Appartamento del custode - Locali impianti tecnologici (come locale caldaia, locale quadro elettrico, ecc.) 1 Cortile esterno IMPIANTI TECNOLOGICI ASCENSORE! SI NO IMPIANTO TERMICO! SI NO alimentazione: Metano potenzialità: kCal SOTTOSTAZIONE TERMICA SI! NO DEPOSITO COMBUSTIBILE SI! NO Capacità: --- litri IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO SI! NO ALTRO specificare(montacarichi) SI! NO SERVIZI CUCINA (fuochi, forni, ecc.) SI! NO alimentazione: potenzialità: - kw MENSA! SI NO

11 Rev. 12 capitolo 2 informazioni generali pag. 11/14 Sede 4 SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO GIOVANNI XXIII - SILANDRO INDIRIZZO VIA PRINCIPALE 138 PROPRIETÀ DELL EDIFICIO COMUNE DI SILANDRO NR. PIANI EDIFICIO PIANI AD USO SCOLASTICO 4 INTERRATO TERRA RIALZATO PRIMO SECONDO TERZO QUARTO SOTTOTETTO DI PERSONE PRESENTI NELLA SCUOLA (MEDIA ANNUALE) dirigente - personale di segreteria 1 insegnanti/assistenti 5+10 bidelli/personale ausiliario 1 custode - alunni 23+8 TOTALE 48 TIPOLOGIE DI LOCALI PRESENTI AD UFFICI E SERVIZI AMMINISTRATIVI ALL ATTIVITÀ DIDATTICA AD ALTRE ATTIVITÀ Uffici 2 Locali accessori - Archivio 2 Aule normali + aule per attività di sostegno 6 Laboratorio di informatica/ Aula per audiovisivi 1 Laboratori di scienze (naturali, fisiche e chimiche) 1 Laboratorio artistico/laboratorio fotografico/aula tecnica 3 Palestra/Sala movimento 0 Biblioteca (Aperta al pubblico durante l orario scolastico SI NO) 1 Teatro / Auditorium (Adibito a pubblico spettacolo: SI NO) Appartamento del custode - Locali impianti tecnologici (come locale caldaia, locale quadro elettrico, ecc.) 1 Cortile esterno IMPIANTI TECNOLOGICI ASCENSORE SI NO IMPIANTO TERMICO SI NO alimentazione: teleriscaldamento potenzialità: ---kw o kcal SOTTOSTAZIONE TERMICA SI NO DEPOSITO COMBUSTIBILE SI NO Capacità: --- litri IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO SI NO ALTRO specificare(montacarichi) SI NO SERVIZI CUCINA (fuochi, forni, ecc.) SI NO alimentazione: potenzialità: ---kw o kcal MENSA SI NO 1

12 Rev. 12 capitolo 2 informazioni generali pag. 12/ ATTREZZATURE / MACCHINARI E PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI Di seguito vengono elencate le attrezzature e/o i macchinari presenti nelle varie sedi scolastiche. Le attrezzature/macchinari e i prodotti chimici utilizzati per l attività didattica vengono riassunti in attrezzature/macchinari e prodotti chimici comuni, normalmente presenti in tutte le sedi, ed attrezzature/macchinari e prodotti chimici specifici, presenti solo in determinate sedi e inseriti nella scheda corrispondente. UFFICI/SERVIZI AUSILIARI* ATTREZZATURE/MACCHINARI (non necessariamente presenti in tutte le sedi):! computer! fotocopiatrici! stampanti! attrezzature per la pulizia (es. aspirapolvere)! ferro da stiro! --- PRODOTTI CHIMICI (non necessariamente presenti in tutte le sedi) Si veda il Documento di valutazione del rischio chimico ATTREZZATURE/MACCHINARI E PRODOTTI CHIMICI COMUNI ATTREZZATURE/MACCHINARI (non necessariamente presenti in tutte le sedi)! utensili manuali (forbici, seghetto, taglierini, martello, lima)! apparecchi riscaldanti (pistola per colla, pirografi, fornelletti elettrici, seghetti per polistirolo)! utensili per il giardino! scale portatili! televisori! videoregistratori! proiettori! lavagne luminose! personal computer! stampanti laser ed inkjet! Lavagna Interattiva Multimediale PRODOTTI CHIMICI (non necessariamente presenti in tutte le sedi) Si veda il Documento di valutazione del rischio chimico

13 Rev. 12 capitolo 2 informazioni generali pag. 12/14 SEDE 1: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. SEGANTINI ATTREZZATURE/MACCHINARI AULA TECNICA/LABORATORI QUANTITÀ " forno per ceramica - " stufa per laboratorio - " bunsen - " autoclave - " seghetto alternativo - " sega circolare - " sega a nastro (utilizzata soltanto dall Insegnante) - " troncatrice - " trapano manuale - " trapano a colonna - " tornio - " tornio per ceramica manuale - " tornio per ceramica elettrico - " mola flessibile - " mola a banco - " piallatrice - " saldatore elettrico - " saldatore elettrico a stagno -! utensili manuali vari PRODOTTI CHIMICI Si veda il Documento di valutazione del rischio chimico SEDE 2: SCUOLE PRIMARIE L. DA VINCI E SAN NICOLÒ ATTREZZATURE/MACCHINARI AULA TECNICA/LABORATORI QUANTITÀ! forno per ceramica 1 " stufa per laboratorio - " bunsen - " autoclave - " seghetto alternativo - " sega circolare - " sega a nastro - " troncatrice - " trapano manuale - " trapano a colonna - " tornio - " tornio per ceramica manuale - " tornio per ceramica elettrico - " mola flessibile - " mola a banco - " piallatrice - " saldatore elettrico - " saldatore elettrico a stagno -! utensili manuali vari PRODOTTI CHIMICI Si veda il Documento di valutazione del rischio chimico

14 Rev. 12 capitolo 2 informazioni generali pag. 12/14 SEDE 3: SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS ATTREZZATURE/MACCHINARI AULA TECNICA/LABORATORI QUANTITÀ! forno per ceramica 1 " stufa per laboratorio - " bunsen - " autoclave - " seghetto alternativo - " sega circolare - " sega a nastro - " troncatrice - " trapano manuale - " trapano a colonna - " tornio - " tornio per ceramica manuale - " tornio per ceramica elettrico - " mola flessibile - " mola a banco - " piallatrice - " saldatore elettrico - " saldatore elettrico a stagno -! utensili manuali vari PRODOTTI CHIMICI Si veda il Documento di valutazione del rischio chimico SEDE 4: SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GIOVANNI XXIII - SILANDRO ATTREZZATURE/MACCHINARI AULA TECNICA/LABORATORI QUANTITÀ! forno per ceramica 1 " stufa per laboratorio - " bunsen - " autoclave - " seghetto alternativo - " sega circolare - " sega a nastro - " troncatrice - " trapano manuale - " trapano a colonna - " tornio - " tornio per ceramica manuale - " tornio per ceramica elettrico - " mola flessibile - " mola a banco - " piallatrice - " saldatore elettrico - " saldatore elettrico a stagno -! utensili manuali vari PRODOTTI CHIMICI Si veda il Documento di valutazione del rischio chimico

Capitolo 2 Informazioni Generali

Capitolo 2 Informazioni Generali CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/32 Capitolo 2 Informazioni Generali 2.1 DATI GENERALI... 2 2.2 ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA... 3 2.3 DOCUMENTAZIONE D OBBLIGO PER GLI EDIFICI... 4 2.4 INFORMAZIONI

Dettagli

Capitolo 2 Informazioni Generali

Capitolo 2 Informazioni Generali CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/24 Capitolo 2 Informazioni Generali 2.1 DATI GENERALI... 2 2.2 ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA... 3 2.3 DOCUMENTAZIONE D OBBLIGO PER GLI EDIFICI... 4 2.4 INFORMAZIONI

Dettagli

Capitolo 2 Informazioni Generali

Capitolo 2 Informazioni Generali Rev. 4 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/21 Capitolo 2 Informazioni Generali 2.1 DATI GENERALI... 2 2.2 ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA... 3 2.3 DOCUMENTAZIONE D OBBLIGO PER GLI EDIFICI... 4 2.4 INFORMAZIONI

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi. I.I.S.S. Gandhi. CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/7

Documento di Valutazione dei Rischi. I.I.S.S. Gandhi. CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/7 I.I.S.S. Gandhi Documento di Valutazione dei Rischi Ed. 2 Rev. 2 CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/7 Capitolo 2 Informazioni Generali 2.1 DATI GENERALI...2 2.2 ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA...2 2.3

Dettagli

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI 5.1. Ambienti didattici 5.2. Aree per attività fisiche 5.3. Laboratori 5.4. Uffici Capitolo 5 - Rev. 02 26/09/2014 - pag. 1 di 5 5.1. AMBIENTI DIDATTICI

Dettagli

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro.

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. CIRCOLARE N 3 Prot. n.2882 del 05 settembre 2013 Al Sig.Sindaco del Comune di Dragoni OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. Il sottoscritto

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA PRINCIPALI ADEMPIMENTI del Dirigente scolastico 1.Organizzativi 2.Tecnici 3.Procedurali 2008 2/45 Adempimenti organizzativi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E PUNTO RISTORO

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI Premessa Il presente documento contiene l elenco esemplificativo della documentazione aziendale, eventualmente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI M.I.U.R. - U.S.R. LAZIO - Istituto di Istruzione Superiore "TULLIANO" 03033 ARPINO (FR) fris060008@istruzione.it FRIS006008 C.F. 91011090601 C/C Postale 28880003 Sez. Ass. Liceo Ginnasio - FRPC00601G :

Dettagli

Formazione e informazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 3.2

Formazione e informazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 3.2 Formazione e informazione in ambito scolastico Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 3.2 D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) INFORMAZIONE complesso delle attività dirette

Dettagli

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info DATORE DI LAVORO LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA FORMAZIONE E INFORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MEDICO COMPETENTE DIRIGENTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CAROLI STEZZANO. ALLEGATO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Anno scolastico 2014/2015

SCUOLA PRIMARIA CAROLI STEZZANO. ALLEGATO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Anno scolastico 2014/2015 M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l a R i c e r c a e d e l l U n i v e r s i t à Istituto Comprensivo CAROLI Via Vallini n. 23 24040 STEZZANO (BG) Tel: 035 591529 - Fax: 035 592335

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MARISCOGLIO PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MARISCOGLIO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MARISCOGLIO PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA MARISCOGLIO Via Venezia Giulia, 2 PISA

Dettagli

Richiesta idoneità sede didattica temporanea

Richiesta idoneità sede didattica temporanea ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Richiesta idoneità sede didattica temporanea Allegato 4 al Dispositivo per l Accreditamento degli Organismi di Formazione Professionale REGIONE

Dettagli

Scuola secondaria di 1 grado (SEDE CENTRALE)

Scuola secondaria di 1 grado (SEDE CENTRALE) 4. IL NOSTRO ISTITUTO L Istituto Comprensivo Giovanni XXIII nasce nell anno scolastico 2012/13 dall unione della Scuola secondaria di 1 grado Giovanni XXIII con le scuole dell Infanzia e della Primaria

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI LABORATORI/ AULE SPECIALI E LA MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE DEI LABORATORI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI LABORATORI/ AULE SPECIALI E LA MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE DEI LABORATORI PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI LABORATORI/ AULE SPECIALI E LA MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE DEI LABORATORI EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: (Responsabile della gestione dei laboratori/aule )

Dettagli

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2)

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Informazione e formazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 8.1a DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Pag. 1 di 8 4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER TIPOLOGIE EDILIZIE NON PRODUTTIVE

SCHEDA INFORMATIVA PER TIPOLOGIE EDILIZIE NON PRODUTTIVE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE P.zza Europa 10 45100 ROVIGO SCHEDA INFORMATIVA PER TIPOLOGIE EDILIZIE NON PRODUTTIVE NOTIFICA INIZIO ATTIVITA (ART.48 D.P.R. 303/56) NUOVA COSTRUZIONE CONCESSIONE EDILIZIA

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 ALLEGATO REV DATA 19..26 IV INDICE PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE 1 INTRODUZIONE... 3 2 CLASSIFICAZIONE AZIENDA... 3 3 LUOGO DI SVOLGIMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MERANO I

ISTITUTO COMPRENSIVO MERANO I Autonome Provinz Bozen-Südtirol Abteilung 4.- Personal Dienststelle für Arbeitsschutz Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige Ripartizione 4.- Personale Servizio di prevenzione e protezione ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

Preparazione Verifica Approvazione

Preparazione Verifica Approvazione Pag. 1 di pag. 5 NORME UNI EN ISO 9001 : 2008 GESTIONE LE PULIZIE E LA MANUTENZIONE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. PROCEDURA 4.1 Pulizia 4.2 Manutenzione ordinaria e straordinaria

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ANNO 2014 PROGRAMMA INTERVENTI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA OGGETTO: D. LGS. 81/08 E S.M.I. SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L impostazione del programma aziendale per

Dettagli

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO

3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO 3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE SCUOLA DELL INFANZIA DI ROVELETO Via Liberazione, 4 Roveleto di Cadeo (PC) 0523 509796 INGRESSO dalle ore 8 alle ore 9 USCITA

Dettagli

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE Allegato 1 al POF Istituto Comprensivo N.Tommaseo di Conselve a.scol. 2012-13 -SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE CONSELVE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GIRASOLE Via L.Traverso, 3 e 2 (sez.staccata -ala

Dettagli

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento Allegato II Schema di corsi di formazione per preposti e lavoratori, addetti alle attività di pianificazione, controllo e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si

Dettagli

Riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi art. 35 del D.Lgs. Nr. 81/2008

Riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi art. 35 del D.Lgs. Nr. 81/2008 AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 4 Personal Dienststelle für Arbeitsschutz PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 4 Personale Servizio di prevenzione e protezione Riunione periodica

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua. Scuola Primaria di Via Massaua

Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua. Scuola Primaria di Via Massaua Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua Scuola Primaria di Via Massaua ISCRIZIONI In data non ancora nota PRESSO LA SCUOLA DI VIA MASSAUA, 5 Da lunedì a venerdì: 8,30-13,30 Lunedì e mercoledì fino alle

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

2 SERVIZI ALLA PERSONA SETTORE 2 RESPONSABILE COPIA

2 SERVIZI ALLA PERSONA SETTORE 2 RESPONSABILE COPIA SETTORE UNITA IMPEGNO 2 SERVIZI ALLA PERSONA SETTORE 2 RESPONSABILE COPIA DETERMINAZIONE N. 102 DEL 11/08/2015 OGGETTO: CONTRIBUTI STRAORDINARI A FAVORE DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI SIGNA PER A.S.2015-2016

Dettagli

UBICAZIONE PERCORSO DI FUGA PUNTO DI RACCOLTA

UBICAZIONE PERCORSO DI FUGA PUNTO DI RACCOLTA Circ. n. 438 Al personale docente Al personale amministrativo, tecnico ed ausiliario Agli alunni Ai componenti delle Commissioni Esami di Stato ISIS Newton Oggetto: variazione del piano delle emergenze

Dettagli

1. ESAME DELLA DOTAZIONE TECNOLOGICA E INFORMATICA DI OGNI PLESSO SCOLASTICO 2. REDAZIONE DEL PIANO PER LO SVILUPPO TECNOLOGICO DELL ISTITUTO

1. ESAME DELLA DOTAZIONE TECNOLOGICA E INFORMATICA DI OGNI PLESSO SCOLASTICO 2. REDAZIONE DEL PIANO PER LO SVILUPPO TECNOLOGICO DELL ISTITUTO PIANO DI LAVORO 1. ESAME DELLA DOTAZIONE TECNOLOGICA E INFORMATICA DI OGNI PLESSO SCOLASTICO 2. REDAZIONE DEL PIANO PER LO SVILUPPO TECNOLOGICO DELL ISTITUTO 3. REDAZIONE DEL PIANO DEGLI ACQUISTI INFORMATICI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA

Dettagli

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig.

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. 1 La/Il sottoscritta/o codice fiscale in qualità di progettista dell'intervento di, relativo all immobile sito in Taurisano, indirizzo, di proprietà del/dei

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

DOCUMENTO INT. VALUTAZIONE RISCHI II C.D. Giovanni XXIII PATERNO OTTOBRE 2013. PLESSO CENTRALE CENTRO E.D.A Via Vulcano,12 95047 Paternò (CT)

DOCUMENTO INT. VALUTAZIONE RISCHI II C.D. Giovanni XXIII PATERNO OTTOBRE 2013. PLESSO CENTRALE CENTRO E.D.A Via Vulcano,12 95047 Paternò (CT) DOCUMENTO INT. VALUTAZIONE RISCHI II C.D. Giovanni XXIII PATERNO OTTOBRE 2013 PLESSO CENTRALE CENTRO E.D.A Via Vulcano,12 95047 Paternò (CT) C.M: : CTEE06800N e-mail:ctee06800n@istruzione.it DATORE DI

Dettagli

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROGRAMMA DEL CORSO R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO DI SPECIALIZZAZIONE) MACROSETTORE N. 6 COMMERCIO, TRASPORTO (Decreto Legislativo coordinato

Dettagli

Falegnameria Italiana

Falegnameria Italiana Azienda DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli articoli 17, 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Datore di Lavoro Riccardo Ciciriello RSPP Giulio

Dettagli

Grotte Santo Stefano Celleno Vitorchiano Graffignano Sipicciano. Sezioni n 3 Sezioni n 2 Sezioni n 6 Sezioni n 1 Sezioni n 2

Grotte Santo Stefano Celleno Vitorchiano Graffignano Sipicciano. Sezioni n 3 Sezioni n 2 Sezioni n 6 Sezioni n 1 Sezioni n 2 INFANZIA Grotte Santo Stefano Celleno Vitorchiano Graffignano Sipicciano Sezioni n 3 Sezioni n 2 Sezioni n 6 Sezioni n 1 Sezioni n 2 Alunni n 80 Alunni n 50 Alunni n 155 Alunni n 24 Alunni n 34 di cui

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI

Dettagli

Sicurezza sul lavoro

Sicurezza sul lavoro AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 4 Personal Dienststelle für Arbeitsschutz PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 4 Personale Servizio di prevenzione e protezione Sicurezza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DITTA

SCHEDA INFORMATIVA DITTA Al Comune di SUAP NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE ATTIVITA' RAPPRESENTANTE LEGALE Tel Cell Fax P. IVA e mail Modulistica predisposta dalla ASL 4 Chiavarese Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) C O N V E N Z I O N E

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) C O N V E N Z I O N E Allegato A Deliberazione G.C. n. del COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) C O N V E N Z I O N E TRA IL COMUNE DI NERVIANO E L ISTITUTO COMPRENSIVO NERVIANO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DEI FONDI

Dettagli

(schema) Azienda Committente : A.T.E.R. Della Provincia di Verona. Azienda Appaltatrice: Servizio di centralino, portierato, sorveglianza

(schema) Azienda Committente : A.T.E.R. Della Provincia di Verona. Azienda Appaltatrice: Servizio di centralino, portierato, sorveglianza Documento Unico di Valutazione dei rischi Appalto (schema) Ai sensi del D. L.sg 81/2008 e s.m.i. Azienda Committente : A.T.E.R. Della Provincia di Verona Azienda Appaltatrice: Oggetto Appalto: Servizio

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445) 1 Il/la sottoscritto/a nato/a il a _ residente a in via n in qualità di, DICHIARA, con riferimento allo svolgimento del servizio di denominato con sede in via nº, quanto segue: A) che gli SPAZI interni

Dettagli

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI FINALIZZATO ALLA SICUREZZA DEI FABBRICATI

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI FINALIZZATO ALLA SICUREZZA DEI FABBRICATI COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI FINALIZZATO ALLA SICUREZZA DEI FABBRICATI OBIETTIVI DA CONSEGUIRE Il presente progetto ha come obiettivo primario la formazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. BENEDETTI Castello, 2835 - VE 30122 tel. 041/5225369 fax 041/5230818 cod. fisc. 94050340275

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. BENEDETTI Castello, 2835 - VE 30122 tel. 041/5225369 fax 041/5230818 cod. fisc. 94050340275 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. BENEDETTI Castello, 2835 - VE 30122 tel. 041/5225369 fax 041/5230818 cod. fisc. 94050340275 Prot. n. /CIRC Venezia, 6. 02.2010 Al Personale ATA OGGETTO: Individuazione Attività

Dettagli

OPERATIVO di SICUREZZA

OPERATIVO di SICUREZZA PIANO OPERATIVO di SICUREZZA conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. DITTA INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL OPERA 1 1) ANAGRAFE DELL IMPRESA ESECUTRICE Ditta Sede

Dettagli

Comune di VILLACIDRO

Comune di VILLACIDRO Comune di VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' E AGIBILITA PARZIALE Al Sindaco del Comune di Villacidro Al Responsabile del Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

I terzi che operano nell immobile dovranno provvedere alla compilazione del documento di valutazione dei rischi relativo alle attività svolte.

I terzi che operano nell immobile dovranno provvedere alla compilazione del documento di valutazione dei rischi relativo alle attività svolte. INTRODUZIONE La struttura al momento viene utilizzata solo da personale di soggetti diversi dal Comune di Firenze, per questa ragione il Responsabile del Servizio Prevenzione e protezione, di concerto

Dettagli

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 e-mail: pric81400t@istruzione.it pric81400t@pec.istruzione.it http://icsorbolomezzan.scuolaer.it codice

Dettagli

Sezione regionale di controllo per la Toscana

Sezione regionale di controllo per la Toscana Del. n. 2/2015/PAR Sezione regionale di controllo per la Toscana composta dai magistrati: Gaetano D AURIA Paolo PELUFFO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO Presidente Consigliere, relatore Consigliere

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI -SILVI. Sezione POF 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI -SILVI. Sezione POF 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI -SILVI Sezione POF 2014-2015 CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE SCOLASTICHE Come ricordato nell ambito della presentazione della nostra scuola, l Istituto comprensivo G.Pascoli

Dettagli

Procedura PR-6.4-01 GESTIONE SICUREZZA

Procedura PR-6.4-01 GESTIONE SICUREZZA Procedura PR-6.4-01 Questo documento è di esclusiva proprietà dell IIS Giacomo Antonietti, sono vietate ogni forma di riproduzione e divulgazione se non espressamente autorizzate da parte del Dirigente

Dettagli

Organigramma della sicurezza

Organigramma della sicurezza Dati di riferimento della scuola Organigramma della sicurezza Denominazione: Istituto Prof.le di Stato Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera B. Buontalenti (Firenze) Sede Amministrativa:

Dettagli

I.S.I.S. GIOSUE CARDUCCI DANTE ALIGHIERI

I.S.I.S. GIOSUE CARDUCCI DANTE ALIGHIERI I.S.I.S. GIOSUE CARDUCCI DANTE ALIGHIERI Liceo Classico; Liceo Linguistico; Liceo Musicale Liceo delle Scienze Umane; delle Scienze Umane opzione Economico Sociale;. Ex I. M.: Liceo Socio Psico-Pedagogico

Dettagli

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it I.I.S. Marconi-Guarasci Via degli Stadi, snc 87100 COSENZA Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 Codice Fiscale 98104070788 - Cod. Ufficio Univoco:UFPA4M - Codice Meccanografico CSIS073004 e-mail csis073004@istruzione.it

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE ai sensi dell art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 (Aziende che occupano fino a 10 addetti)

AUTOCERTIFICAZIONE ai sensi dell art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 (Aziende che occupano fino a 10 addetti) AUTOCERTIFICAZIONE ai sensi dell art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 (Aziende che occupano fino a 10 addetti) sottoscritt in qualità di (Titolare/Legale Rappresentante) della Ditta con sede

Dettagli

PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE

PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE 3_DESCRIZIONE SCUOLE DI CADEO PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE SCUOLA DELL INFANZIA DI ROVELETO Via Liberazione, 4 0523 509796 INGRESSO dalle ore 8 alle ore 9 USCITA La scuola prevede tre fasce

Dettagli

Falegnameria Italiana

Falegnameria Italiana Azienda Falegnameria Italiana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli articoli 17, 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Datore di Lavoro Riccardo

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE

PERMESSO DI COSTRUIRE PERMESSO DI COSTRUIRE - Dove si presenta : L istanza per l autorizzazione alla realizzazione di nuova costruzione, ampliamento, variante o cambio d uso di edifici da adibire ad attività lavorative deve

Dettagli

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Moreno Barbani, Responsabile Emilia Romagna DPR 74/2013 1 Ampliamento degli impianti assoggettati a procedure

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica (SSIA) Dipartimento di Sanità Pubblica Via Amendola, 2 42122 Reggio Emilia www.ausl.re.it Chi siamo Il SSIA (Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI PIANEZZA (TO) 1 Le nostre Scuole Primarie DIRIGENTE

Dettagli

Spesa materiale didattico. Titolo del corso. Formazione obbligatoria

Spesa materiale didattico. Titolo del corso. Formazione obbligatoria PROSPETTO PER IL CALCOLO DEL FINANZIAMENTO corsi in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ANNO 2013 spesa partecipante per corso (priva dei costi indiretti) Titolo del corso

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24-25 D.P.R. 380/2001 art. 3.1.7-3.1.8. R.L.I.)

OGGETTO: DOMANDA CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24-25 D.P.R. 380/2001 art. 3.1.7-3.1.8. R.L.I.) Spett.le COMUNE DI OSIO SOTTO SERVIZIO PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO P.za Papa Giovanni XXIII n.1 24046 Osio Sotto BG Marca da Bollo 14,62 OGGETTO: DOMANDA CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

Nominativo/Ragione Sociale: Residenza/Sede: Provincia. Via : n C.F./P.IVA. Telefono: Cellulare Mail

Nominativo/Ragione Sociale: Residenza/Sede: Provincia. Via : n C.F./P.IVA. Telefono: Cellulare Mail Comune di Piaggine Provincia di Salerno Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: Arch. Angelo Prinzo P.G. OGGETTO: Richiesta di agibilità totale parziale Bollo da 14,62 Il sottoscritto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA

ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Per il corrente a.s., l organico docente, dopo le operazioni di assegnazione in Organico di Fatto, risulta così composto: N. 29 posti comuni e N. 4 posti e 11 ore

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. "Chiavarese" Via G.B.

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. Chiavarese Via G.B. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI "Chiavarese" Via G.B. Ghio 9 NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE

Dettagli

della SICUREZZA NELLA SCUOLA

della SICUREZZA NELLA SCUOLA Informazione ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, D.M. 382/98, D.M. 363/98 e Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/4/1999 A B C della SICUREZZA NELLA SCUOLA Manuale ad uso dei docenti,

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE TECNOLOGICO "G. MARCONI" CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE - MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA -ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Piazza

Dettagli

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via A. Manzoni 1, 31022 Preganziol (Treviso) Tel 0422 330645-0422 938584 - CF 80011500263 www.icpreganziol.gov.it

Dettagli

TABELLA RIASSUNTIVA: STATO DOCUMENTAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA PLESSI SCOLASTICI del CIRCOLO di CASATENOVO (aggiornato il 13.12.

TABELLA RIASSUNTIVA: STATO DOCUMENTAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA PLESSI SCOLASTICI del CIRCOLO di CASATENOVO (aggiornato il 13.12. TABELLA RIASSUNTIVA: STATO DOCUMENTAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA PLESSI SCOLASTICI del CIRCOLO di CASATENOVO (aggiornato il 13.12.2012) PLESSI CAPOLUOGO BRACCHI CROTTA GRASSI VALAPERTA C.P.I. - C.P.I. 11.07.2008

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

Scheda: COC CENTRO OPERATIVO COMUNALE. Comune di: ATESSA. 1 dati generali. Centro Funzionale d'abruzzo. Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005

Scheda: COC CENTRO OPERATIVO COMUNALE. Comune di: ATESSA. 1 dati generali. Centro Funzionale d'abruzzo. Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005 Comune di: ATESSA 1 dati generali Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005 Sede presso: CENTRO INFORMAGIOVANI Indirizzo: VIALE DELLE RIMEMBRANZE 38 via o altro N 0872850486 0872850486 telefono telefono

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1

PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 BRESCIA Unità didattica n. 1 LA PROVA D EVACUAZIONE Percorsi d apprendimento A 1A.1 Il percorso d evacuazione 1A.2 I comportamenti corretti 1A.3 La segnaletica

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO OLGA ROVERE DI RIGNANO FLAMINIO (RM) A.S. 2011-2012 MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445) 1 Il/la sottoscritto/a nato/a il a _ residente a in via n in qualità di, con riferimento allo svolgimento del servizio di denominato con sede in via nº, quanto segue: A) che gli SPAZI interni ed esterni

Dettagli