La produzione della carta Dal legno alla carta patinata. sappi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La produzione della carta Dal legno alla carta patinata. sappi"

Transcript

1 La produzione della carta Dal legno alla carta patinata sappi

2 La produzione della carta, quinto opuscolo tecnico di Sappi Idea Exchange sappi idea exchange In Sappi ci dedichiamo anche ad aiutare stampatori e grafici ad usare la carta nel miglior modo possibile. Perciò condividiamo le nostre conoscenze ed esperienze con i clienti offrendo attraverso il nostro sito `Sappi Idea Exchange alcune informazioni tecniche, specificazioni, idee, campioni ed un assortimento completo di opusculi.

3 La produzione della carta Dal legno alla carta patinata Contenuto I Introduzione 2 II La lavorazione del legno Il legno: la materia prima 3 III La produzione della pasta Il processo di estrazione La cellulosa con legno la pasta 4 meccanica di legno La cellulosa senza legno la pasta 4 chimica di legno La sbianca 5 V La patinatura Perché la carta è patinata? 11 La patinatrice 11 La preparazione della patina 12 VI La finitura La calandra 12 La ribobinatrice 13 La taglierina per bobine 13 La taglierina trasversale 13 La taglierina del formato (Ghigliottina) 13 VII L imballaggio e magazzinaggio 14 IV La produzione della carta Le materie prime fibrose e non fibrose La raffinazione della pasta fibrosa 6 Le materie prime non fibrose / 6 le sostanze ausiliarie VIII Le proprietà della carta 15 lx Le osservazioni conclusive 16 La `Continua per carta L impasto nella cassa d afflusso 7 La formazione del foglio sulla `tela 7 La filtrazione 7 L ispessimento 7 Twinformer 8 Gapformer 8 Il drenaggio nella parte presse 9 La sezione seccheria 9 La sezione terminale 9 La lavorazione di superfici La pressa collante 10 La pressa a rulli / a film 10 1

4 l Introduzione Non ci pensiamo mai, ma la carta è sempre con noi. Essa documenta e conserva la memoria della varietà immensa, sconfinata della vita. La carta come mezzo di comunicazione si usa da più di 2000 anni. La prima fu ricavata dalla corteccia fibrosa del gelso, dal papiro, dalla paglia o del cotone. L uso del legno come unica materia prima per la produzione industriale di carta inizia nella metà dell 800. L immagine stampata è immediata ed attraversa tutte le culture; un esperienza sensibile che esige attenzione e suscita desideri. E una chiave per il sapere, uno strumento della memoria, un mezzo convincente e gradevole. La carta conserva e preserva risorse, è un documento duraturo. E il mezzo universale che registra le storie quotidiane. Può rappresentare il passato. E lo schermo, la tela sulla quale siamo presenti e sulla quale diamo forma al nostro futuro. E Sappi, che è il produttore più grande e di maggior successo di carta patinata, non smette mai di sperimentare in un mondo che riguarda la vita di ognuno di noi su questo pianeta. E noi siamo fieri di quello che fa. Le esperienze acquisite nei secoli, la capacità, la padronanza del mestiere e le conoscenze specialistiche dei suoi collaboratori sono alla base di tutta la tecnologia di lavorazione della carta del 21. secolo. Sappi desidera convincere l industria che la carta è il più creativo mezzo esistente nel campo della comunicazione! Cartiera storica La `Continua trasforma questo impasto, attraverso la disidratazione, in un supporto cartaceo che acquisisce dopo la patinatura una superficie regolare lucida, bianca o delle sfumature richieste. Saranno presentati i dati specifici, definendo i criteri di qualità delle varie carte. Questo opusculo mostra i sistemi di produzione della carta di prima qualità. Cominciando dalla materia prima più importante che è il legno. Attraverso il processo di spappolamento il legno sarà trasformato in cellulosa nei tipi più appropriati. 2

5 ll La lavorazione del legno Il legno: la materia prima Sotto il termine legno si registrano circa piante con gambo legnoso. Tuttavia, esistono diverse differenze tra i vari tipi di legno utilizzabili per la produzione della carta. In genere vengono preferite le conifere per le loro fibre più lunghe, rispetto a quelle delle latifoglie. Le fibre più lunghe formano un tessuto fibroso più uniforme e quindi una carta più compatta nella macchina continua. Tra le conifere vengono utilizzati soprattutto l abete rosso, l'abete ed il pino. Tra le latifoglie sono preferiti il faggio, la betulla, il pioppo e l'eucalipto. Il tronco dell albero non è un corpo omogeneo, non è composto di cellule identiche. Le cellule differiscono a seconda del tipo, dell età, della stagione di formazione e della disposizione nel tronco. Nella parte esterna abbiamo la corteccia, sotto la rafia ed il cambium o tessuto meristematico. Per divisione delle cellule, il cambium si muove dal centro dell'albero verso l esterno. Il blocco dello sviluppo in inverno provoca gli anelli annuali. E il tronco con le sue differenti cellule, responsabili per il trasporto delle sostanze nutritive e le linfe, ad essere utilizzato per la pasta cellulosa di carta, e non la corteccia. Tronchi di faggio Il legno deve essere in ogni modo scortecciato, e prima di poterlo usare per la produzione della carta deve essere trattato con un particolare processo di estrazione della parte fibrosa. Scortecciato e tagliato il legno sarà preparato per il processo meccanico (pasta meccanica di legno). Per l estrazione con processo chimico, il legno dovrà essere preventivamente sminuzzato. Il legno giunge alla cartiera in forma di tronchi o di schegge e sciaveri. Tronchi di legno, taglio trasversale Schegge (Chips) 3

6 lll La produzione della pasta Il processo di estrazione L estrazione della fibra di legno si ottiene seguendo due diversi tipi di processo: meccanico e chimico. La cellulosa con legno la pasta meccanica di legno La pasta meccanica si prepara pressando i tronchi contro una mola di pietra rotante ad alta velocità in direzione trasversale alle fibre, con l aggiunta di acqua. La resa, con questo tipo di estrazione si aggira sul 95% del legno tagliato e scortecciato. Denominiamo il risultato pasta meccanica di legno o pasta meccanica (MP). Lo svantaggio di questo procedimento è una certa degradazione della fibra che ancora contiene parecchie sostanze inquinanti. La pasta meccanica dà alla carta una elevata opacità. Tuttavia, mostra una resistenza più bassa. La pasta meccanica è di colore giallo ed ha una insufficiente resistenza alla luce. La cellulosa senza legno la pasta chimica di legno Per ottenere la pasta di pura cellulosa si devono ridurre le fibre delle piante in fibre allo stato elementare, le une separate dalle altre. Per sciogliere la lignina e le altre sostanze inquinanti si trattano le schegge con reattivi chimici in una soluzione aquosa a temperatura e pressione elevate. A secondo dei reattivi adoperati si hanno processi al solfato e al bisolfito. La resa, con l estrazione chimica si aggira intorno al 50% del peso del legno scortecciato e sminuzzato. La cellulosa ottenuta è abbastanza pulita ed è definita pasta chimica o pura cellulosa. Alla Sappi essa viene adoperata per tutte le carte fini. Il processo al solfato è un processo alcalino. I legni resinosi sono trattabili con tale processo, tuttavia ciò richiede impianti costosi e l'uso esteso di prodotti chimici. Nel processo al bisolfito, il legno è cotto in una soluzione acida composta di acido solforico libero e acido solforico legato a bisolfito di magnesio (procedimento al magnesio-bisolfito). Nel caso del processo al bisolfito, l acido penetra il legno nella direzione longitudinale della fibra. Questa è anche la direzione longitudinale delle schegge. Dopo la penetrazione, la lignina si decompone durante il processo di cottura assumendo una forma idro-solubile in modo tale che possa essere facilmente eliminata. Tale soluzione di cottura contiene i prodotti di decomposizione dei carboidrati in forma di zuccheri. Allo scopo di recuperare i prodotti chimici mediante il processo di evaporazione del liquido residuo, detti zuccheri vengono trasformati in alcool e acido acetico. La pasta al bisolfito è ancora leggermente scura e per ottenere carte più bianche richiede dei trattamenti di purificazione. Fra questi, la sbianca che si realizza sia con composti di cloro (ipocloriti) che senza cloro ed è normalmente integrata nell impianto di produzione di paste per carta. Le resistenze delle paste al solfito sono più basse delle paste al solfato. La Sappi usa nei propri impianti soltanto il procedimento al magnesio-bisolfito. Processo di Estrazione Meccanico Termomeccanico Chemitermomeccanico Chimico MP Pasta meccanica Resa % TMP Pasta termomeccanica Resa % CTMP Pasta chemitermomeccanica Resa % Processo alcalino Pasta al solfato Resa 43-52% Processo acido Pasta al bisolfito Resa % 4

7 I tipi intermedi della pasta: TMP «Pasta TermoMeccanica» Rifiuti di legno, sminuzzati, vengono evaporati ed in seguito macinati nelle singole fibre in raffinatori sotto pressione del vapore. CTMP «Pasta ChemiTermoMeccanica» Ciò è una combinazione di impregnazione (miscela con una pasta chimica), di cottura, di raffinazione e di imbianchimento. La resa dello spappolamento si aggira intorno al 90%. La lunghezza della fibra e con ciò la resistenza relativa della carta sono controllabili. La CTMP inoltre contiene ancora una quantità di lignina. La lignina è una sostanza collante dalla membrana cellulare che ingiallisce fortemente. La sbianca La pasta di cellulosa non candeggiata (pasta greggia) ha una tinta marrone o brunastra e si può ottenere il grado di bianco richiesto per le carte fini solo mediante la sbianca che scioglie la lignina residua. La sbianca praticamente continua lo spappolamento chimico della cottura e consiste in una serie di trattamenti chimici. Tra un trattamento e l altro, i prodotti di decomposizione vengono eliminati mediante lavaggi. Come agenti di imbianchimento si usano il cloro / i composti di cloro (ipocloriti), l ozono / l ossigeno in forme varie così come il perossido di idrogeno. Le obiezioni contro il cloro ed i prodotti di cloro si basano sull inquinamento ambientale dei prodotti di decomposizione contenenti cloro. Per questo motivo alla Sappi si pratica solo il processo senza l uso di cloro. Detto processo e prodotti sono contrassegnati come completamente esenti da cloro con l'abbreviazione TCF (Totally chlorine free). Cellulosa prima e dopo il trattamento di sbianca 5

8 lv La produzione della carta Le materie prime fibrose e non fibrose La raffinazione della pasta fibrosa Il tipo di raffinazione (un ulteriore lavorazione meccanica effettuato in un raffinatore in presenza di acqua), determina in maniera decisiva le proprietà della carta. Il raffinatore è un fino al 30%. Secondo il tipo di carta, si aggiungono anche sostanze collanti e coloranti così come i coloranti ottici. Nella fabbricazione industriale della carta, le quantità e la concentrazione delle sostanze impiegate sono regolate dai sistemi comandati a programma. Ciò è una condizione fondamentale per poter garantire gli standard uniformi di qualità delle carte di marca d alto valore. Il materiale ausiliare più importante è l acqua. Per ogni chilo di carta occorrono circa 100 litri di acqua. Senza circuiti chiusi e senza impianti efficienti di depurazione, la produzione industriale della carta non potrebbe essere giustificata oggi né economicamente né ecologicamente. Circa il 90% della quantità dell'acqua impiegata quindi è mantenuto in circuiti chiusi. Le cartiere Sappi sostengono spese elevate per la protezione dell'ambiente secondo gli alti standard nazionali nei paesi dove sono locati gli stabilimenti. Nel miscelatore l'acqua, le sostanze di carica e le sostanze ausiliarie sono miscelate in tini. La cosiddetta parte costante della macchina per carta unisce la preparazione dell impasto con la `cassa d afflusso della continua. E inoltre inclusa un unità di depuratori per eliminare eventuali impurità, particelle estranee e grumi. Raffinatore per la raffinazione della cellulosa blocco dotato di lame sia fisse che rotanti, chiamate rotore e statore, con le quali le fibre vengono schiacciate, sfregate e tagliate. Il rotore e lo statore possono essere organizzati reciprocamente in varie posizioni, in modo che le fibre siano maggiormente tagliate o fibrillate. Mediante questo processo compaiono sottili filamenti sulla superficie delle fibre, le fibrille, che aumentano i contatti tra fibra e fibra e così la solidità e la resistenza del foglio. Cariche minerali: Carbonato di calcio Caolino Biossido di titanio Additivi: Materie collanti: materie coloranti coloranti ottici Prodotti a base di amido e di lattici Le materie prime non fibrose / le sostanze ausiliarie L'acqua, le sostanze di carica, le sostanze collanti, i coloranti e gli additivi, sono le sostanze che denominate ausiliarie, conferiscono alla carta determinate caratteristiche desiderabili. La carta diventa più opaca, con una superficie più chiusa e piana, ed inoltre più bianca, così come più morbida e flessibile. Oltre ai minerali come il caolino, oggi si adopera quasi esclusivamente il carbonato di calcio (gesso) che dà alla carta anche una maggiore resistenza all invecchiamento. La percentuale delle sostanze ausiliarie impiegate può ammontare 6

9 La `Continua per carta L impasto nella cassa d afflusso Dopo la diluizione ed il selezionamento nella parte sottostante, l impasto fibroso mescolato con le sostanze ausiliarie e l'acqua giunge nella cassa d afflusso che distribuisce la sospensione in modo uniforme e regolare sulla tela formatrice, per tutta la sua larghezza. La velocità con cui la sospensione emerge dalla cassa d afflusso e giunge alla tela deve essere la stessa della tela su cui si forma il foglio. La sospensione viene accelerata a questa velocità mediante pressione. Per evitare fenomeni svantaggiosi di flocculazione, subito prima di applicare la sospensione sulla tela si genera una microturbolenza nella cassa d afflusso. La sospensione esce attraverso il labbro di scarico dalla cassa d afflusso. Il flusso d'uscita può avere uno spessore fino a 18 millimetri. Gratkorn PM 11 La filtrazione Qui si hanno due strati ben separati, lo strato di fibre che si è già formato sulla tela e, sopra di esso, la sospensione. La concentrazione della pasta nella fase liquida è quasi costante e le fibre possono muoversi liberamente fra di loro. L ispessimento Tra le fibre unite e la sospensione non esiste una netta separazione. La concentrazione aumenta linearmente dalla parte superiore alla parte inferiore e le fibre vengono immobilizzate nella sospensione. Al tempo stesso, l impasto viene drenato uniformemente e l acqua eliminata sarà raccolta per essere riutilizzata. Gli elementi con cui la formazione del foglio può essere controllata sono divisi in quattro gruppi principali: 1. Elementi in movimento Tela lunga / continua Tela inferiore e superiore 2. Elementi rotanti Ehingen PM 6 Tamburo formatore Tamburo aspirante Tamburo compressore Tamburo pressore Tamburo ballerino (Egoutteur) La formazione del foglio sulla `tela Appena la sospensione esce dalla cassa d afflusso ed arriva sulla tela formatrice, le fibre vengono spostate verso di essa grazie alla loro resistenza di flusso. Per quanto detto, sulla tela viene a formarsi uno strato di fibre che cresce verso l alto. Durante l azione drenante si presentano due forme diverse della formazione del foglio, in dipendenza dalla libertà di movimento delle fibre nella sospensione, attraverso la filtrazione e l ispessimento. 3. Elementi stazionari Tavola piana Idrofoils Vacufoils Casse umide Casse aspiranti 4. Elementi meccanici Regolazione diaframma cassa d afflusso Scuotimento Tela 7

10 La formazione del foglio avviene sulla tela, cioè la sezione formatrice della continua. Essa si realizza in una corsa permanente fra filtrazione e reflocculazione. Esistono varie realizzazioni costruttive delle macchine formatrici. Il sistema tradizionalmente più conosciuto ed universale è la macchina a tavola piana che garantisce un'alta flessibilità per quel che riguarda la grammatura e le proprietà del foglio. Tuttavia il sistema convenzionale ha una limite di rendimento riguardante l efficienza del drenaggio quando è fatta funzionare a velocità elevate. Si hanno ora a disposizione notevoli innovazioni tecnologiche. Twinformer E stato sviluppato il cosiddetto «twinformer», che potrebbe essere montato sulla tela. Il former consiste di un tela superiore e varie casse aspiranti in modo tale che la sospensione fibrosa possa essere drenata sia verso l alto verso il basso. Gli effetti positivi sono la riduzione del tempo di drenaggio, consentendo l incremento della velocità di produzione, ed inoltre una maggiore uniformità su entrambe le superfici della carta. Gapformer Gapformer Per macchine moderne, ad alta velocità, si sono sviluppati i cosiddetti «gapformer». In questo sistema, la sospensione viene iniettata dalla cassa d afflusso direttamente tra due tele e viene drenata contemporaneamente da entrambi i lati in modo tale che l impasto verrà immobilizzato entro pochi millisecondi, quasi «congelato» mentre esce dalla cassa d afflusso. Dopo di ciò, la struttura del foglio non potrà più essere influenzata dagli elementi di drenaggio. Questo processo richiede notevoli sforzi nella precisione e nella qualità della cassa d afflusso e della parte costante. Twinformer 8

11 Il drenaggio nella parte presse Dopo la formazione del foglio, che determina le sue proprietà più importanti, lo stesso viene sottoposto ad un ulteriore processo di drenaggio per renderlo più compatto. Il contenuto di secco del foglio può essere aumentato mediante una pressione meccanica impiegata verticalmente alla sua superficie. Nella sezione presse il nastro del foglio viene portato sotto una serie di cilindri di pressioni specifiche. L'acqua estratta dalla carta per mezzo della compressione viene assorbita dai feltri ed eliminata. Negli ultimi anni, oltre alle presse a cilindri sono state sviluppate le presse a pattino, cioè un sistema di pressa idraulica dove uno dei cilindri è sostituito con un pattino / pedale. Ne risulta un maggiore punto di contatto della pressa (NIP) che rende possibile un effetto ancor più efficace della compressione. L'essiccamento avviene in diverse fasi. Comincia con una prima fase corta di riscaldamento dove il calore è distribuito sulla carta senza effettuare alcuna evaporazione. Segue l evaporazione principale che elimina l umidità dalla superficie della carta. Nella terza fase, la superficie del foglio è quasi del tutto asciutta cosicché la propagazione del calore deve avvenire via carta secca per stimolare l evaporazione su tutta la sezione trasversale del foglio. La sezione terminale Dopo l'essiccamento, la carta viene sottoposta ad un processo di lisciatura nella macchina calandratrice. Oltre alle calandre con un solo cilindro di acciaio, ci sono anche quelle con cilindri accoppiati, l uno di acciaio e l altro rivestito di materia plastica più morbida (`soft-calandra ). Si ottiene così un migliore grado di liscio ed inoltre si evitano i segni neri di calandra. Pressione Tempo Lunghezza NIP Velocità nastro Nella parte finale della macchina continua, la carta viene avvolta, nella sezione della ribobinatura su anime di acciaio dette tamburi. La maggior parte delle macchine utilizzano il `pope. Il tamburo preme contro il grande cilindro portante arrotolando la carta uniformemente e con la stessa velocità periferica sulla bobina. Linia di forza La continua è fornita di sistemi di misurazione in determinate posizioni per misurare e regolare continuamente i parametri di qualità della carta. Tra questi si elencano: la grammatura, il grado di umidità, il contenuto di ceneri, il punto di bianco e l opacità. Pressa a pattino / pedale La sezione seccheria Il massimo contenuto secco della carta dopo la compressione sarà pari a circa il 50-55%, quindi l'acqua restante viene eliminata per mezzo di evaporazione. L'essiccamento per contatto è il metodo più comune, un processo che porta la carta su vari cilindri riscaldati con vapore. Durante tale processo l energia termica si trasferisce dalle pareti esterne dei cilindri essiccatori sulla superficie della carta per contatto diretto. La seccheria consiste di un gran numero di cilindri essiccatori, sopra cui il nastro di carta viene portato alternativamente una volta con la faccia superiore, una volta con la faccia inferiore. Sezione `seccheria 9

12 La lavorazione di superfici La pressa collante La forma più semplice dell affinamento è la lavorazione di superfici nella pressa collante, integrata nella macchina continua. Qui, l'amido viene applicato per rendere la superficie più compatta. La collatura in superficie evita i fenomeni come lo spolvero ed il distacco superficiale di fibre durante la stampa. In molti casi, il trattamento della pressa collante serve a preparare e regolare la carta grezza per il successivo processo di patinatura. La pressa collante è composta da un accoppiamento di cilindri con cilindri morbidi, spesso rivestiti con gomma, che vengono premuti l uno contro l altro e tra i quali scorre il nastro della carta. La luce tra i cilindri dosa la soluzione collante e la imprime nella carta. La quantità dei pigmenti che può essere applicata con la pressa collante è limitata. Pressa a rulli / a film La pressa a rulli / a film Al crescere della velocità delle macchine e della richiesta di qualità per carta pigmentate e patinate, fu necessario utilizzare sistemi di rulli multipli che permettessero un pre-dosaggio del film superficiale. Per rispondere alle esigenze delle macchine moderne, sono stati sviluppati sistemi che pre-dosano un film esatto che viene riversato sulla carta nella luce tra i rulli. Il sistema è disposto al lato opposto del cilindro detto di contro-pressione. Questi gruppi non hanno più un limite di velocità e possono effettuare alte concentrazioni di incollatura e di pigmentazione. 10

13 V La patinatura Perché la carta è patinata? Negli ultimi decenni, i media di stampa hanno dovuto affrontare richieste sempre più esigenti. Ugualmente determinante per ulteriori sviluppi erano le aspettative riguardanti l estetica e le proprietà di stampa della carta. La patinatura migliora le caratteristiche ottiche della carta, come punto di bianco e nuance, lucentezza e liscio. Inoltre diventa possibile stampare dei retini sempre più fini, mentre più sottili film d inchiostro da stampa permettono uno spettro di colore più ampio e più contrasto nelle immagini stampate. Durante il processo della patinatura in macchina, si applica una patina consistente di pigmenti, sostanze collanti ed additivi sulla carta grezza. Per questo scopo la patina, il metodo di patinatura, la patinatrice con il suo insieme di parametri e la carta di base devono essere regolati con particolare precisione. Il numero dei sistemi di patinatura di una patinatrice con relativo essiccamento varia secondo le esigenze di patine semplici, doppie e triple. Qui, i sistemi di applicazione vengono effettivamente impiegati, puntando ai loro reciproci vantaggi. La patinatrice Preinserito alla patinatrice è disposto un rullo per poter eliminare i difetti di carta. Per superare eventuali tempi di preparazione macchina della patinatrice, questa deve funzionare con una velocità maggiore della macchina continua. La patinatrice è fornita di un sistema di svolgimento progettato per uno scambio al volo (Flying Splice). Ogni volta viene patinata ed asciugata una faccia del foglio e poi patinata ed asciugata la faccia opposta. Per l'essiccamento della patina vengono utilizzati essiccatori tipo IR, airfoils e dei cilindri essicatori. Una guida sicura del nastro di carta attraverso la patinatrice è possibile con un sistema di rulli guidanastro. La parte centrale, il nucleo di ogni patinatrice è, tuttavia, l applicatore ed il calamaio contenente patina. Stazioni di lavoro disposte sotto la patinatrice pompano la patina dai serbatoi di preparazione, fatti di acciaio inossidabile e raffreddati per evitare l adesione alle pareti e con ciò formazione di cumuli e di grumi. La patina deve essere permanentemente filtrata e disaerata per evitare difetti di patinatura, come, per esempio, delle strisce di racla. La quantità della patina applicata e l'umidità vengono continuamente misurate e regolate dai sistemi di controlli. In Sappi, vengono utilizzati diversi trattamenti di patinatura a rulli ed a racla con differenti tecnologie. Applicazione di patina Carta di base Patina di pressa a rullini / a film I procedimenti di patinatura a pressa a film ed a rulli forniscono la carta grezza con uno strato uniforme di patina, la superficie della carta è visibile (patina di profilo / contorno). La patinatrice a racla, invece, applica, in eccesso, la patina sulla carta, e poi viene tolta con una lama di acciaio. In relazione alla pressione della racla, si genera una superficie uniforme della carta mentre le cavità della stessa carta vengono riempite di patina ed i dorsi delle fibre rimangono quasi scoperti. Applicazione di patina Carta di base Patina di racla 11

14 La preparazione della patina La patina consiste essenzialmente di pigmenti (gesso, argilla o talco) che andranno a ricoprire la superficie della carta. Tuttavia, per evitare che i pigmenti possano distaccarsi dalla superficie cartacea, vengono legati tra loro stessi ed alla carta grezza mediante sostanze adesive. La quantità dei leganti varia secondo lo scopo d impiego della carta ed il tipo e la struttura dei pigmenti. I leganti sono sia di base naturale (caseina o amido), sia di composizione sintetica (dispersioni sintetiche). Ulteriori materiali tipici del processo aggiungono alla patina delle proprietà particolari. L additivo più conosciuto sono i coloranti ottici. Questo ha la caratteristica di convertire la luce ultravioletta invisibile in luce bianca bluastra visibile, in modo tale da dare l'impressione di un punto di bianco più alto. I singoli componenti vengono trasferiti dai silos di stoccaggio ai preparatori della patina e quindi accuratamente selezionati prima di essere usati nelle «cucine patina». Una meticolosa ricetta prescrive il dosaggio ed i componenti per ogni patina. La preparazione della patina è del tutto comandata automaticamente da computer per ottenere il più alto grado di uniformità da miscela a miscela. Gli strumenti di misura all'interno della patinatrice, come pure nella macchina continua, garantiscono il rispetto dei principali parametri di qualità, in particolare dei pesi di patina e del lucido delle carte patinate. Infine, la cucina patina è normalmente anche responsabile della preparazione della soluzione di amido per la pressa collante (con o senza pigmentazione) nella macchina continua. Supercalandra Vl La finitura La calandra La calandra ha la funzione di generare il liscio ed il lucido sulla superficie della carta. Ciò è realizzato mediante un opportuna pressione e temperatura durante il passaggio attraverso i rulli. I vari tipi di calandre possono essere integrati come parte della patinatrice (Softcalandra a SM 6, Ehingen) o possono operare come impianti separati. Gli impianti separati, le cosiddette «supercalandre», possono avere fino a 16 rulli con superfici diverse. Si hanno rulli in acciaio o rulli elastici per ottenere la satinatura richiesta. Secondo il tipo, la carta è pronta dopo la patinatura o la satinatura sulla calandra. 12

15 La ribobinatrice La funzione della ribobinatrice è di riavvolgere le bobine di carta da un tamburo ad un altro tamburo. La corsa del nastro può essere cambiata, dal lato esterno al lato interno, la bobina può essere rifilata ai bordi, ed inoltre i difetti della carta possono essere eliminati. La taglierina per bobine Sulla macchina per il taglio delle bobine, la carta così ultimata, avvolta sul rotolo a tutta altezza di macchina continua, viene quindi tagliata a bobine di altezza inferiore. Coltelli circolari tagliano la bobina secondo predeterminate larghezze nella direzione di avanzamento della carta. Secondo il tipo di carta, le bobine così tagliate possono essere pronte per la consegna al cliente, o possono essere rese disponibile per il taglio su una taglierina trasversale a carta in formato. Taglierina trasversale o Taglierina per fogli stesi La taglierina trasversale Una taglierina trasversale taglia, da bobine già precedentemente preparate nell altezza richiesta, il nastro di carta in fogli. Più bobine possono essere inserite in una taglierina trasversale. Il numero di bobine dipende dalla costruzione della taglierina e dalla grammatura della carta che viene comunemente tagliata. E importante che i bordi di taglio siano puliti, cioè che i fogli siano senza polvere di taglio che potrebbe causare problemi nel caso di una successiva fase di stampa. Le bobine di carta trasportate nella taglierina trasversale vengono rifilate su entrambi i bordi e caso per Taglierina per bobine o Macchina da taglio di bobine caso separate ancora una volta con coltelli circolari, nella direzione longitudinale. Le bobine vengono allora tagliate, ottenendo così il formato richiesto. Con riferimento all alimentazione del nastro e l azionamento dei coltelli trasversali, esiste un gran numero di tecnologie differenti. Tuttavia, in questa sede non è necessario entrare nei particolari. E ad ogni modo importante che il processo di taglio sia sincronizzato per ottenere formati ed angoli esatti. La parte del nastro direttamente dietro il coltello trasversale fissa i pacchi di fogli durante il taglio. I fogli vengono poi convogliati su una serie di nastri trasportatori e, alla fine della taglierina, frenati per essere raccolti su dei pallets (`raccoglifoglio ) ed impilati per poi prendere la strada dei magazzini. Le tagliatrici trasversali moderne non soltanto tagliano la bobina di carta nel formato richiesto, ma controllano la qualità della superficie della carta, eliminano i fogli non conformi, contando i fogli elettronicamente, inseriscono automaticamente delle strisce di conteggio e permettono uno scambio veloce delle pallette senza essere costretti ad arrestare la macchina da taglio. La taglierina del formato (Ghigliottina) Queste taglierine vengono adoperate per il taglio di esigue quantità in formati speciali per i quali la ripreparazione di una taglierina trasversale non sarebbe redditizia. Su richiesta del cliente, la taglierina effettua anche la rifilatura sui quattro lati del foglio che è necessaria per alcuni tipi di di stampa. 13

16 Vll L imballaggio e magazzinaggio L'ultimo punto è l'imballaggio della carta in unità adatte per il trasporto al cliente. L'imballaggio della carta è importante per evitare danni dovuti al trasporto e per proteggere il materiale dall umidità. I metodi ed i mezzi di trasporto determinano il tipo di imballaggio. Le macchine per imballaggio bobina progettate per essere largamente automatizzate, includono le seguenti fasi: L'identificazione, mediante la lettura del codice a barre e la comunicazione al computer. I controlli a campione. La centratura ed il posizionamento. L applicazione marchio. L impaccamento con carta da imballaggio e la preselezione della carta da imballaggio. Il numero di avvolgimenti, il tipo d incollaggio. L inserimento dei coperchi frontali e la pressatura. La pesatura. L applicazione delle etichette. L espulsione per la spedizione. Imballaggio delle bobine vengono tolte dalla pila, allineate correttamente e poi portate al primo avvolgitore munito di carta da imballagio. La carta da imballaggio viene tagliata, avvolta e incollata. Le risme posizionate su pallet saranno poi munite delle relative etichette. La carta da formato su pallet (in risme o bandierata) viene imballata con un apposita plastica termoretraibile ed impermeabile all umidità. Per trasporti di lunga distanza si adotta la copertura e la reggiatura con nastri di acciaio o di plastica che aumentano la stabilità dei pallet. I pallet con rivestimento impermeabile all umidità non richiedono una completa climatizzazione per il magazzinaggio. La merce dovrebbe essere conservata in depositi protetti dalla luce e dall acqua. Nelle cartiera ed anche nel commercio all ingrosso sono largamente diffusi i magazzini automatizzati, dove i pallet sono gestiti da sistemi comandati da computer e possono essere riposti senza dover rispettare un ordine predeterminato. Imballaggio dei pallet La carta tagliata in diversi formati può essere impaccata in risme oppure essere consegnata «bandierata», sfusa su pallet. I pacchi possono contenere 100, 250 o 500 fogli. I pacchi per ordini più piccoli o di formati speciali vengono confezionati a mano mentre, per ordini consistenti in formato standard vengono impaccate con macchine per l imballaggio automatico. Il materiale di imballaggio è progettato sulle esigenze dei clienti. Si presta grande attenzione alla protezione contro la contaminazione o l umidità. Allo stesso tempo, la carta da imballagio può anche essere utilizzata come veicolo pubblicitario per la carta impaccata. Prima di raggiungere la confezionatrice, le singole unità d'imballaggio Magazzino automatizzato 14

17 VllI Le proprietà della carta Si riportano di seguito le più importanti caratteristiche che descrivono la qualità della carta: La Grammatura La grammatura è il peso specifico della carta espresso in grammi e riferito all area di un metro quadro (g/m 2 ). La massa complessiva è la somma dei materiali fibrosi, delle sostanze ausiliari e della carica così come dell acqua. Il grado di bianco La luminosità (ISO) è il riferimento per il grado di bianco della carta, espressa in percentuale rispetto allo standard di luminosità (ossido di magnesio = 100%). Tanto più alto il grado di bianco, quanto più bianca è la carta. Il lucido L indice del lucido nei fogli caratteristici indica la percentuale di luce riflessa sotto un definito angolo di incidenza. Una maggiore brillantezza ha l effetto di una maggiore riflessione e quindi un maggiore grado di lucido. La porosità (PPS) il liscio La forma geometrica della superficie cartacea è definita come deviazione dalla superficie ideale perfettamente piana. Quanto più piccole ed uniformemente distribuite sono le irregolarità esistenti sulla superficie, tanto più liscia risulta la carta. Il metodo (PPS) è basato sulla misurazione della perdita d aria tra la superficie della carta e la stessa testina di misura dello strumento. Nel caso che il PPS indichi rugosità, la profondità dei pori è misurata ad un definito cerchio. Tanto più è alto il valore misurato, quanto più è porosa la superficie della carta. L opacità L'opacità indica il grado di impenetrabilità dalla luce, espresso in percentuale rispetto alla luce riflessa. Più è alto il valore, più è opaca la carta, mentre la carta che lascia passare la luce oltre una certa percentuale è detta trasparente. L umidità relativa L'umidità relativa indica il rapporto percentuale tra l umidità assoluta dell aria e l umidità dell aria satura di vapore d acqua (cioè tra i fogli di carta sul pallet o tra gli avvolgimenti di una bobina) ad una determinata temperatura. ph superficie Il valore di ph indicato nei fogli caratteristici definisce il grado di ph superficiale della carta. I gradi di ph sono indicati su una scala da 0 a 14. Il valore misurato 7 segna il punto neutro che corrisponde ad acqua distillata. I valori inferiori a 7 indicano «acido in misura crescente», i valori superiori a 7 indicano invece «alcalino in misura crescente». Le carte con un `ph superficie intorno a 7 hanno le migliori condizioni per la stampa e l ulteriore lavorazione. Il volume specifico apparente Spettro colore Lo spessore medio si esprima in micrometri. Per poter paragonare lo spessore delle carte con grammature diverse, si utilizza il volume specifico apparente della carta. Questo è lo spessore al quale si riferisce la grammatura base di 100 g/m 2. Il calcolo si esegue secondo la formula seguente: VSA = (volume specifico apparente) spessore (µm) grammatura (g/m 2 ) 15

18 IX Le osservazioni conclusive Questo opuscolo è una raccolta sulla conoscenza tecnologica cartaria ed è stato realizzato grazie ai contenuti del libro tecnico «Das Papierbuch». A questo proposito desideriamo ringraziare in modo particolare la casa editrice EPN Houten, Paesi Bassi Sappi Fine Paper Europe head office Sappi Fine Paper Europe sales office Sappi Fine Paper Europe mill UK Speciality mill Sappi Trading sales office 16

19 «La produzione della carta» si aggiunge alla serie degli opuscoli tecnici di Sappi. La Sappi ha raccolto tutte le proprie conoscenze sulla tecnologia cartaria affinché i suoi clienti possano usufruirne nel modo migliore. Water Interference Mottling L acqua come fattore di interferenza in relazione all effetto mottling? Tecnica di rilegatura a colla Gli sviluppi dell industria cartotecnica e tipografica ed i loro effetti sulla tecnica di rilegatura a colla per la produzione di libri Lavorazione Verarbeitung della von carta Mattpapier opaca Perché Warum le verdienen carte opache Mattpapiere meritano particolare considerazione? besondere Beachtung? sappi Piegatura e cordonatura Lavorazione di carte patinate dopo la stampa offset a fogli La produzione della carta Dal legno alla carta patinata La tecnica litografica La tecnica di stampa offset a foglio e a bobina sappi sappi sappi sappi idea exchange Potete ordinare gratuitamente il video «La produzione della carta» e gli altri opuscoli tecnici sul sito:

20 Copertina HannoArt Gloss 250 g/m 2, pagine HannoArt Gloss 150 g/m 2, 2004, Sappi Europe SA, Sappi Fine Paper Europe Sappi Europe SA 154 Chausseé de la Hulpe B-1170 Brussels Tel Fax sappi The word for fine paper

Produzione della carta

Produzione della carta Produzione della carta SCA Publication Papers Assistenza tecnica Materie prime Introduzione Lo scopo di questa guida è di fornire al lettore una conoscenza dei materiali e dei processi utilizzati da una

Dettagli

Istruzioni per l'uso Guida alla carta

Istruzioni per l'uso Guida alla carta Istruzioni per l'uso Guida alla carta Per un uso corretto e sicuro, leggere le Informazioni sulla sicurezza riportate nel manuale "Leggere prima di iniziare" prima di utilizzare la macchina. SOMMARIO

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Scheda tecnica StoColor Puran Satin

Scheda tecnica StoColor Puran Satin Pittura bicomponente poliuretanica ad elevata resistenza, classe 1 resistenza all abrasione umida, classe 2 di potere coprente secondo EN 13300 Caratteristiche Applicazione Caratteristiche interni per

Dettagli

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio 3M Italia, Novembre 2010 Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio Bollettino Tecnico 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax: 02 70058174 E-mail itgraphics@mmm.com

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

AG 69 Serie 0430. Descrizione del prodotto. Caratteristiche salienti. Impiego. Dati di fornitura. Avvertenze e raccomandazioni

AG 69 Serie 0430. Descrizione del prodotto. Caratteristiche salienti. Impiego. Dati di fornitura. Avvertenze e raccomandazioni Descrizione del prodotto Rivestimento epossidico vetrificante senza solvente, atossico, per contatto con alimenti ed alcoolici, olii e grassi. Classificazione secondo Direttiva 2004/42/CE - Dlgs 161/06:

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE CAP Arreghini. Cultura della qualità. Un costante processo di evoluzione e di innovazione abbraccia da sempre tutte le attività di CAP Arreghini. L azienda gode infatti

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività 02. Alta Riflettività Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività Alta riflettanza ed emissività si traducono in un maggior risparmio energetico e di denaro, oltre che in un applicazione sicura

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2%

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2% Materiale Venduto da Trasparenza Densità (21.5 ) Temperatura di fusione Velocita' consigliata Bobina (peso netto) ECO PLA Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Semi trasparente 1250

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT APRILE 2011 INDICE INDICE... 2 DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ...

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli