La produzione della carta Dal legno alla carta patinata. sappi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La produzione della carta Dal legno alla carta patinata. sappi"

Transcript

1 La produzione della carta Dal legno alla carta patinata sappi

2 La produzione della carta, quinto opuscolo tecnico di Sappi Idea Exchange sappi idea exchange In Sappi ci dedichiamo anche ad aiutare stampatori e grafici ad usare la carta nel miglior modo possibile. Perciò condividiamo le nostre conoscenze ed esperienze con i clienti offrendo attraverso il nostro sito `Sappi Idea Exchange alcune informazioni tecniche, specificazioni, idee, campioni ed un assortimento completo di opusculi.

3 La produzione della carta Dal legno alla carta patinata Contenuto I Introduzione 2 II La lavorazione del legno Il legno: la materia prima 3 III La produzione della pasta Il processo di estrazione La cellulosa con legno la pasta 4 meccanica di legno La cellulosa senza legno la pasta 4 chimica di legno La sbianca 5 V La patinatura Perché la carta è patinata? 11 La patinatrice 11 La preparazione della patina 12 VI La finitura La calandra 12 La ribobinatrice 13 La taglierina per bobine 13 La taglierina trasversale 13 La taglierina del formato (Ghigliottina) 13 VII L imballaggio e magazzinaggio 14 IV La produzione della carta Le materie prime fibrose e non fibrose La raffinazione della pasta fibrosa 6 Le materie prime non fibrose / 6 le sostanze ausiliarie VIII Le proprietà della carta 15 lx Le osservazioni conclusive 16 La `Continua per carta L impasto nella cassa d afflusso 7 La formazione del foglio sulla `tela 7 La filtrazione 7 L ispessimento 7 Twinformer 8 Gapformer 8 Il drenaggio nella parte presse 9 La sezione seccheria 9 La sezione terminale 9 La lavorazione di superfici La pressa collante 10 La pressa a rulli / a film 10 1

4 l Introduzione Non ci pensiamo mai, ma la carta è sempre con noi. Essa documenta e conserva la memoria della varietà immensa, sconfinata della vita. La carta come mezzo di comunicazione si usa da più di 2000 anni. La prima fu ricavata dalla corteccia fibrosa del gelso, dal papiro, dalla paglia o del cotone. L uso del legno come unica materia prima per la produzione industriale di carta inizia nella metà dell 800. L immagine stampata è immediata ed attraversa tutte le culture; un esperienza sensibile che esige attenzione e suscita desideri. E una chiave per il sapere, uno strumento della memoria, un mezzo convincente e gradevole. La carta conserva e preserva risorse, è un documento duraturo. E il mezzo universale che registra le storie quotidiane. Può rappresentare il passato. E lo schermo, la tela sulla quale siamo presenti e sulla quale diamo forma al nostro futuro. E Sappi, che è il produttore più grande e di maggior successo di carta patinata, non smette mai di sperimentare in un mondo che riguarda la vita di ognuno di noi su questo pianeta. E noi siamo fieri di quello che fa. Le esperienze acquisite nei secoli, la capacità, la padronanza del mestiere e le conoscenze specialistiche dei suoi collaboratori sono alla base di tutta la tecnologia di lavorazione della carta del 21. secolo. Sappi desidera convincere l industria che la carta è il più creativo mezzo esistente nel campo della comunicazione! Cartiera storica La `Continua trasforma questo impasto, attraverso la disidratazione, in un supporto cartaceo che acquisisce dopo la patinatura una superficie regolare lucida, bianca o delle sfumature richieste. Saranno presentati i dati specifici, definendo i criteri di qualità delle varie carte. Questo opusculo mostra i sistemi di produzione della carta di prima qualità. Cominciando dalla materia prima più importante che è il legno. Attraverso il processo di spappolamento il legno sarà trasformato in cellulosa nei tipi più appropriati. 2

5 ll La lavorazione del legno Il legno: la materia prima Sotto il termine legno si registrano circa piante con gambo legnoso. Tuttavia, esistono diverse differenze tra i vari tipi di legno utilizzabili per la produzione della carta. In genere vengono preferite le conifere per le loro fibre più lunghe, rispetto a quelle delle latifoglie. Le fibre più lunghe formano un tessuto fibroso più uniforme e quindi una carta più compatta nella macchina continua. Tra le conifere vengono utilizzati soprattutto l abete rosso, l'abete ed il pino. Tra le latifoglie sono preferiti il faggio, la betulla, il pioppo e l'eucalipto. Il tronco dell albero non è un corpo omogeneo, non è composto di cellule identiche. Le cellule differiscono a seconda del tipo, dell età, della stagione di formazione e della disposizione nel tronco. Nella parte esterna abbiamo la corteccia, sotto la rafia ed il cambium o tessuto meristematico. Per divisione delle cellule, il cambium si muove dal centro dell'albero verso l esterno. Il blocco dello sviluppo in inverno provoca gli anelli annuali. E il tronco con le sue differenti cellule, responsabili per il trasporto delle sostanze nutritive e le linfe, ad essere utilizzato per la pasta cellulosa di carta, e non la corteccia. Tronchi di faggio Il legno deve essere in ogni modo scortecciato, e prima di poterlo usare per la produzione della carta deve essere trattato con un particolare processo di estrazione della parte fibrosa. Scortecciato e tagliato il legno sarà preparato per il processo meccanico (pasta meccanica di legno). Per l estrazione con processo chimico, il legno dovrà essere preventivamente sminuzzato. Il legno giunge alla cartiera in forma di tronchi o di schegge e sciaveri. Tronchi di legno, taglio trasversale Schegge (Chips) 3

6 lll La produzione della pasta Il processo di estrazione L estrazione della fibra di legno si ottiene seguendo due diversi tipi di processo: meccanico e chimico. La cellulosa con legno la pasta meccanica di legno La pasta meccanica si prepara pressando i tronchi contro una mola di pietra rotante ad alta velocità in direzione trasversale alle fibre, con l aggiunta di acqua. La resa, con questo tipo di estrazione si aggira sul 95% del legno tagliato e scortecciato. Denominiamo il risultato pasta meccanica di legno o pasta meccanica (MP). Lo svantaggio di questo procedimento è una certa degradazione della fibra che ancora contiene parecchie sostanze inquinanti. La pasta meccanica dà alla carta una elevata opacità. Tuttavia, mostra una resistenza più bassa. La pasta meccanica è di colore giallo ed ha una insufficiente resistenza alla luce. La cellulosa senza legno la pasta chimica di legno Per ottenere la pasta di pura cellulosa si devono ridurre le fibre delle piante in fibre allo stato elementare, le une separate dalle altre. Per sciogliere la lignina e le altre sostanze inquinanti si trattano le schegge con reattivi chimici in una soluzione aquosa a temperatura e pressione elevate. A secondo dei reattivi adoperati si hanno processi al solfato e al bisolfito. La resa, con l estrazione chimica si aggira intorno al 50% del peso del legno scortecciato e sminuzzato. La cellulosa ottenuta è abbastanza pulita ed è definita pasta chimica o pura cellulosa. Alla Sappi essa viene adoperata per tutte le carte fini. Il processo al solfato è un processo alcalino. I legni resinosi sono trattabili con tale processo, tuttavia ciò richiede impianti costosi e l'uso esteso di prodotti chimici. Nel processo al bisolfito, il legno è cotto in una soluzione acida composta di acido solforico libero e acido solforico legato a bisolfito di magnesio (procedimento al magnesio-bisolfito). Nel caso del processo al bisolfito, l acido penetra il legno nella direzione longitudinale della fibra. Questa è anche la direzione longitudinale delle schegge. Dopo la penetrazione, la lignina si decompone durante il processo di cottura assumendo una forma idro-solubile in modo tale che possa essere facilmente eliminata. Tale soluzione di cottura contiene i prodotti di decomposizione dei carboidrati in forma di zuccheri. Allo scopo di recuperare i prodotti chimici mediante il processo di evaporazione del liquido residuo, detti zuccheri vengono trasformati in alcool e acido acetico. La pasta al bisolfito è ancora leggermente scura e per ottenere carte più bianche richiede dei trattamenti di purificazione. Fra questi, la sbianca che si realizza sia con composti di cloro (ipocloriti) che senza cloro ed è normalmente integrata nell impianto di produzione di paste per carta. Le resistenze delle paste al solfito sono più basse delle paste al solfato. La Sappi usa nei propri impianti soltanto il procedimento al magnesio-bisolfito. Processo di Estrazione Meccanico Termomeccanico Chemitermomeccanico Chimico MP Pasta meccanica Resa % TMP Pasta termomeccanica Resa % CTMP Pasta chemitermomeccanica Resa % Processo alcalino Pasta al solfato Resa 43-52% Processo acido Pasta al bisolfito Resa % 4

7 I tipi intermedi della pasta: TMP «Pasta TermoMeccanica» Rifiuti di legno, sminuzzati, vengono evaporati ed in seguito macinati nelle singole fibre in raffinatori sotto pressione del vapore. CTMP «Pasta ChemiTermoMeccanica» Ciò è una combinazione di impregnazione (miscela con una pasta chimica), di cottura, di raffinazione e di imbianchimento. La resa dello spappolamento si aggira intorno al 90%. La lunghezza della fibra e con ciò la resistenza relativa della carta sono controllabili. La CTMP inoltre contiene ancora una quantità di lignina. La lignina è una sostanza collante dalla membrana cellulare che ingiallisce fortemente. La sbianca La pasta di cellulosa non candeggiata (pasta greggia) ha una tinta marrone o brunastra e si può ottenere il grado di bianco richiesto per le carte fini solo mediante la sbianca che scioglie la lignina residua. La sbianca praticamente continua lo spappolamento chimico della cottura e consiste in una serie di trattamenti chimici. Tra un trattamento e l altro, i prodotti di decomposizione vengono eliminati mediante lavaggi. Come agenti di imbianchimento si usano il cloro / i composti di cloro (ipocloriti), l ozono / l ossigeno in forme varie così come il perossido di idrogeno. Le obiezioni contro il cloro ed i prodotti di cloro si basano sull inquinamento ambientale dei prodotti di decomposizione contenenti cloro. Per questo motivo alla Sappi si pratica solo il processo senza l uso di cloro. Detto processo e prodotti sono contrassegnati come completamente esenti da cloro con l'abbreviazione TCF (Totally chlorine free). Cellulosa prima e dopo il trattamento di sbianca 5

8 lv La produzione della carta Le materie prime fibrose e non fibrose La raffinazione della pasta fibrosa Il tipo di raffinazione (un ulteriore lavorazione meccanica effettuato in un raffinatore in presenza di acqua), determina in maniera decisiva le proprietà della carta. Il raffinatore è un fino al 30%. Secondo il tipo di carta, si aggiungono anche sostanze collanti e coloranti così come i coloranti ottici. Nella fabbricazione industriale della carta, le quantità e la concentrazione delle sostanze impiegate sono regolate dai sistemi comandati a programma. Ciò è una condizione fondamentale per poter garantire gli standard uniformi di qualità delle carte di marca d alto valore. Il materiale ausiliare più importante è l acqua. Per ogni chilo di carta occorrono circa 100 litri di acqua. Senza circuiti chiusi e senza impianti efficienti di depurazione, la produzione industriale della carta non potrebbe essere giustificata oggi né economicamente né ecologicamente. Circa il 90% della quantità dell'acqua impiegata quindi è mantenuto in circuiti chiusi. Le cartiere Sappi sostengono spese elevate per la protezione dell'ambiente secondo gli alti standard nazionali nei paesi dove sono locati gli stabilimenti. Nel miscelatore l'acqua, le sostanze di carica e le sostanze ausiliarie sono miscelate in tini. La cosiddetta parte costante della macchina per carta unisce la preparazione dell impasto con la `cassa d afflusso della continua. E inoltre inclusa un unità di depuratori per eliminare eventuali impurità, particelle estranee e grumi. Raffinatore per la raffinazione della cellulosa blocco dotato di lame sia fisse che rotanti, chiamate rotore e statore, con le quali le fibre vengono schiacciate, sfregate e tagliate. Il rotore e lo statore possono essere organizzati reciprocamente in varie posizioni, in modo che le fibre siano maggiormente tagliate o fibrillate. Mediante questo processo compaiono sottili filamenti sulla superficie delle fibre, le fibrille, che aumentano i contatti tra fibra e fibra e così la solidità e la resistenza del foglio. Cariche minerali: Carbonato di calcio Caolino Biossido di titanio Additivi: Materie collanti: materie coloranti coloranti ottici Prodotti a base di amido e di lattici Le materie prime non fibrose / le sostanze ausiliarie L'acqua, le sostanze di carica, le sostanze collanti, i coloranti e gli additivi, sono le sostanze che denominate ausiliarie, conferiscono alla carta determinate caratteristiche desiderabili. La carta diventa più opaca, con una superficie più chiusa e piana, ed inoltre più bianca, così come più morbida e flessibile. Oltre ai minerali come il caolino, oggi si adopera quasi esclusivamente il carbonato di calcio (gesso) che dà alla carta anche una maggiore resistenza all invecchiamento. La percentuale delle sostanze ausiliarie impiegate può ammontare 6

9 La `Continua per carta L impasto nella cassa d afflusso Dopo la diluizione ed il selezionamento nella parte sottostante, l impasto fibroso mescolato con le sostanze ausiliarie e l'acqua giunge nella cassa d afflusso che distribuisce la sospensione in modo uniforme e regolare sulla tela formatrice, per tutta la sua larghezza. La velocità con cui la sospensione emerge dalla cassa d afflusso e giunge alla tela deve essere la stessa della tela su cui si forma il foglio. La sospensione viene accelerata a questa velocità mediante pressione. Per evitare fenomeni svantaggiosi di flocculazione, subito prima di applicare la sospensione sulla tela si genera una microturbolenza nella cassa d afflusso. La sospensione esce attraverso il labbro di scarico dalla cassa d afflusso. Il flusso d'uscita può avere uno spessore fino a 18 millimetri. Gratkorn PM 11 La filtrazione Qui si hanno due strati ben separati, lo strato di fibre che si è già formato sulla tela e, sopra di esso, la sospensione. La concentrazione della pasta nella fase liquida è quasi costante e le fibre possono muoversi liberamente fra di loro. L ispessimento Tra le fibre unite e la sospensione non esiste una netta separazione. La concentrazione aumenta linearmente dalla parte superiore alla parte inferiore e le fibre vengono immobilizzate nella sospensione. Al tempo stesso, l impasto viene drenato uniformemente e l acqua eliminata sarà raccolta per essere riutilizzata. Gli elementi con cui la formazione del foglio può essere controllata sono divisi in quattro gruppi principali: 1. Elementi in movimento Tela lunga / continua Tela inferiore e superiore 2. Elementi rotanti Ehingen PM 6 Tamburo formatore Tamburo aspirante Tamburo compressore Tamburo pressore Tamburo ballerino (Egoutteur) La formazione del foglio sulla `tela Appena la sospensione esce dalla cassa d afflusso ed arriva sulla tela formatrice, le fibre vengono spostate verso di essa grazie alla loro resistenza di flusso. Per quanto detto, sulla tela viene a formarsi uno strato di fibre che cresce verso l alto. Durante l azione drenante si presentano due forme diverse della formazione del foglio, in dipendenza dalla libertà di movimento delle fibre nella sospensione, attraverso la filtrazione e l ispessimento. 3. Elementi stazionari Tavola piana Idrofoils Vacufoils Casse umide Casse aspiranti 4. Elementi meccanici Regolazione diaframma cassa d afflusso Scuotimento Tela 7

10 La formazione del foglio avviene sulla tela, cioè la sezione formatrice della continua. Essa si realizza in una corsa permanente fra filtrazione e reflocculazione. Esistono varie realizzazioni costruttive delle macchine formatrici. Il sistema tradizionalmente più conosciuto ed universale è la macchina a tavola piana che garantisce un'alta flessibilità per quel che riguarda la grammatura e le proprietà del foglio. Tuttavia il sistema convenzionale ha una limite di rendimento riguardante l efficienza del drenaggio quando è fatta funzionare a velocità elevate. Si hanno ora a disposizione notevoli innovazioni tecnologiche. Twinformer E stato sviluppato il cosiddetto «twinformer», che potrebbe essere montato sulla tela. Il former consiste di un tela superiore e varie casse aspiranti in modo tale che la sospensione fibrosa possa essere drenata sia verso l alto verso il basso. Gli effetti positivi sono la riduzione del tempo di drenaggio, consentendo l incremento della velocità di produzione, ed inoltre una maggiore uniformità su entrambe le superfici della carta. Gapformer Gapformer Per macchine moderne, ad alta velocità, si sono sviluppati i cosiddetti «gapformer». In questo sistema, la sospensione viene iniettata dalla cassa d afflusso direttamente tra due tele e viene drenata contemporaneamente da entrambi i lati in modo tale che l impasto verrà immobilizzato entro pochi millisecondi, quasi «congelato» mentre esce dalla cassa d afflusso. Dopo di ciò, la struttura del foglio non potrà più essere influenzata dagli elementi di drenaggio. Questo processo richiede notevoli sforzi nella precisione e nella qualità della cassa d afflusso e della parte costante. Twinformer 8

11 Il drenaggio nella parte presse Dopo la formazione del foglio, che determina le sue proprietà più importanti, lo stesso viene sottoposto ad un ulteriore processo di drenaggio per renderlo più compatto. Il contenuto di secco del foglio può essere aumentato mediante una pressione meccanica impiegata verticalmente alla sua superficie. Nella sezione presse il nastro del foglio viene portato sotto una serie di cilindri di pressioni specifiche. L'acqua estratta dalla carta per mezzo della compressione viene assorbita dai feltri ed eliminata. Negli ultimi anni, oltre alle presse a cilindri sono state sviluppate le presse a pattino, cioè un sistema di pressa idraulica dove uno dei cilindri è sostituito con un pattino / pedale. Ne risulta un maggiore punto di contatto della pressa (NIP) che rende possibile un effetto ancor più efficace della compressione. L'essiccamento avviene in diverse fasi. Comincia con una prima fase corta di riscaldamento dove il calore è distribuito sulla carta senza effettuare alcuna evaporazione. Segue l evaporazione principale che elimina l umidità dalla superficie della carta. Nella terza fase, la superficie del foglio è quasi del tutto asciutta cosicché la propagazione del calore deve avvenire via carta secca per stimolare l evaporazione su tutta la sezione trasversale del foglio. La sezione terminale Dopo l'essiccamento, la carta viene sottoposta ad un processo di lisciatura nella macchina calandratrice. Oltre alle calandre con un solo cilindro di acciaio, ci sono anche quelle con cilindri accoppiati, l uno di acciaio e l altro rivestito di materia plastica più morbida (`soft-calandra ). Si ottiene così un migliore grado di liscio ed inoltre si evitano i segni neri di calandra. Pressione Tempo Lunghezza NIP Velocità nastro Nella parte finale della macchina continua, la carta viene avvolta, nella sezione della ribobinatura su anime di acciaio dette tamburi. La maggior parte delle macchine utilizzano il `pope. Il tamburo preme contro il grande cilindro portante arrotolando la carta uniformemente e con la stessa velocità periferica sulla bobina. Linia di forza La continua è fornita di sistemi di misurazione in determinate posizioni per misurare e regolare continuamente i parametri di qualità della carta. Tra questi si elencano: la grammatura, il grado di umidità, il contenuto di ceneri, il punto di bianco e l opacità. Pressa a pattino / pedale La sezione seccheria Il massimo contenuto secco della carta dopo la compressione sarà pari a circa il 50-55%, quindi l'acqua restante viene eliminata per mezzo di evaporazione. L'essiccamento per contatto è il metodo più comune, un processo che porta la carta su vari cilindri riscaldati con vapore. Durante tale processo l energia termica si trasferisce dalle pareti esterne dei cilindri essiccatori sulla superficie della carta per contatto diretto. La seccheria consiste di un gran numero di cilindri essiccatori, sopra cui il nastro di carta viene portato alternativamente una volta con la faccia superiore, una volta con la faccia inferiore. Sezione `seccheria 9

12 La lavorazione di superfici La pressa collante La forma più semplice dell affinamento è la lavorazione di superfici nella pressa collante, integrata nella macchina continua. Qui, l'amido viene applicato per rendere la superficie più compatta. La collatura in superficie evita i fenomeni come lo spolvero ed il distacco superficiale di fibre durante la stampa. In molti casi, il trattamento della pressa collante serve a preparare e regolare la carta grezza per il successivo processo di patinatura. La pressa collante è composta da un accoppiamento di cilindri con cilindri morbidi, spesso rivestiti con gomma, che vengono premuti l uno contro l altro e tra i quali scorre il nastro della carta. La luce tra i cilindri dosa la soluzione collante e la imprime nella carta. La quantità dei pigmenti che può essere applicata con la pressa collante è limitata. Pressa a rulli / a film La pressa a rulli / a film Al crescere della velocità delle macchine e della richiesta di qualità per carta pigmentate e patinate, fu necessario utilizzare sistemi di rulli multipli che permettessero un pre-dosaggio del film superficiale. Per rispondere alle esigenze delle macchine moderne, sono stati sviluppati sistemi che pre-dosano un film esatto che viene riversato sulla carta nella luce tra i rulli. Il sistema è disposto al lato opposto del cilindro detto di contro-pressione. Questi gruppi non hanno più un limite di velocità e possono effettuare alte concentrazioni di incollatura e di pigmentazione. 10

13 V La patinatura Perché la carta è patinata? Negli ultimi decenni, i media di stampa hanno dovuto affrontare richieste sempre più esigenti. Ugualmente determinante per ulteriori sviluppi erano le aspettative riguardanti l estetica e le proprietà di stampa della carta. La patinatura migliora le caratteristiche ottiche della carta, come punto di bianco e nuance, lucentezza e liscio. Inoltre diventa possibile stampare dei retini sempre più fini, mentre più sottili film d inchiostro da stampa permettono uno spettro di colore più ampio e più contrasto nelle immagini stampate. Durante il processo della patinatura in macchina, si applica una patina consistente di pigmenti, sostanze collanti ed additivi sulla carta grezza. Per questo scopo la patina, il metodo di patinatura, la patinatrice con il suo insieme di parametri e la carta di base devono essere regolati con particolare precisione. Il numero dei sistemi di patinatura di una patinatrice con relativo essiccamento varia secondo le esigenze di patine semplici, doppie e triple. Qui, i sistemi di applicazione vengono effettivamente impiegati, puntando ai loro reciproci vantaggi. La patinatrice Preinserito alla patinatrice è disposto un rullo per poter eliminare i difetti di carta. Per superare eventuali tempi di preparazione macchina della patinatrice, questa deve funzionare con una velocità maggiore della macchina continua. La patinatrice è fornita di un sistema di svolgimento progettato per uno scambio al volo (Flying Splice). Ogni volta viene patinata ed asciugata una faccia del foglio e poi patinata ed asciugata la faccia opposta. Per l'essiccamento della patina vengono utilizzati essiccatori tipo IR, airfoils e dei cilindri essicatori. Una guida sicura del nastro di carta attraverso la patinatrice è possibile con un sistema di rulli guidanastro. La parte centrale, il nucleo di ogni patinatrice è, tuttavia, l applicatore ed il calamaio contenente patina. Stazioni di lavoro disposte sotto la patinatrice pompano la patina dai serbatoi di preparazione, fatti di acciaio inossidabile e raffreddati per evitare l adesione alle pareti e con ciò formazione di cumuli e di grumi. La patina deve essere permanentemente filtrata e disaerata per evitare difetti di patinatura, come, per esempio, delle strisce di racla. La quantità della patina applicata e l'umidità vengono continuamente misurate e regolate dai sistemi di controlli. In Sappi, vengono utilizzati diversi trattamenti di patinatura a rulli ed a racla con differenti tecnologie. Applicazione di patina Carta di base Patina di pressa a rullini / a film I procedimenti di patinatura a pressa a film ed a rulli forniscono la carta grezza con uno strato uniforme di patina, la superficie della carta è visibile (patina di profilo / contorno). La patinatrice a racla, invece, applica, in eccesso, la patina sulla carta, e poi viene tolta con una lama di acciaio. In relazione alla pressione della racla, si genera una superficie uniforme della carta mentre le cavità della stessa carta vengono riempite di patina ed i dorsi delle fibre rimangono quasi scoperti. Applicazione di patina Carta di base Patina di racla 11

14 La preparazione della patina La patina consiste essenzialmente di pigmenti (gesso, argilla o talco) che andranno a ricoprire la superficie della carta. Tuttavia, per evitare che i pigmenti possano distaccarsi dalla superficie cartacea, vengono legati tra loro stessi ed alla carta grezza mediante sostanze adesive. La quantità dei leganti varia secondo lo scopo d impiego della carta ed il tipo e la struttura dei pigmenti. I leganti sono sia di base naturale (caseina o amido), sia di composizione sintetica (dispersioni sintetiche). Ulteriori materiali tipici del processo aggiungono alla patina delle proprietà particolari. L additivo più conosciuto sono i coloranti ottici. Questo ha la caratteristica di convertire la luce ultravioletta invisibile in luce bianca bluastra visibile, in modo tale da dare l'impressione di un punto di bianco più alto. I singoli componenti vengono trasferiti dai silos di stoccaggio ai preparatori della patina e quindi accuratamente selezionati prima di essere usati nelle «cucine patina». Una meticolosa ricetta prescrive il dosaggio ed i componenti per ogni patina. La preparazione della patina è del tutto comandata automaticamente da computer per ottenere il più alto grado di uniformità da miscela a miscela. Gli strumenti di misura all'interno della patinatrice, come pure nella macchina continua, garantiscono il rispetto dei principali parametri di qualità, in particolare dei pesi di patina e del lucido delle carte patinate. Infine, la cucina patina è normalmente anche responsabile della preparazione della soluzione di amido per la pressa collante (con o senza pigmentazione) nella macchina continua. Supercalandra Vl La finitura La calandra La calandra ha la funzione di generare il liscio ed il lucido sulla superficie della carta. Ciò è realizzato mediante un opportuna pressione e temperatura durante il passaggio attraverso i rulli. I vari tipi di calandre possono essere integrati come parte della patinatrice (Softcalandra a SM 6, Ehingen) o possono operare come impianti separati. Gli impianti separati, le cosiddette «supercalandre», possono avere fino a 16 rulli con superfici diverse. Si hanno rulli in acciaio o rulli elastici per ottenere la satinatura richiesta. Secondo il tipo, la carta è pronta dopo la patinatura o la satinatura sulla calandra. 12

15 La ribobinatrice La funzione della ribobinatrice è di riavvolgere le bobine di carta da un tamburo ad un altro tamburo. La corsa del nastro può essere cambiata, dal lato esterno al lato interno, la bobina può essere rifilata ai bordi, ed inoltre i difetti della carta possono essere eliminati. La taglierina per bobine Sulla macchina per il taglio delle bobine, la carta così ultimata, avvolta sul rotolo a tutta altezza di macchina continua, viene quindi tagliata a bobine di altezza inferiore. Coltelli circolari tagliano la bobina secondo predeterminate larghezze nella direzione di avanzamento della carta. Secondo il tipo di carta, le bobine così tagliate possono essere pronte per la consegna al cliente, o possono essere rese disponibile per il taglio su una taglierina trasversale a carta in formato. Taglierina trasversale o Taglierina per fogli stesi La taglierina trasversale Una taglierina trasversale taglia, da bobine già precedentemente preparate nell altezza richiesta, il nastro di carta in fogli. Più bobine possono essere inserite in una taglierina trasversale. Il numero di bobine dipende dalla costruzione della taglierina e dalla grammatura della carta che viene comunemente tagliata. E importante che i bordi di taglio siano puliti, cioè che i fogli siano senza polvere di taglio che potrebbe causare problemi nel caso di una successiva fase di stampa. Le bobine di carta trasportate nella taglierina trasversale vengono rifilate su entrambi i bordi e caso per Taglierina per bobine o Macchina da taglio di bobine caso separate ancora una volta con coltelli circolari, nella direzione longitudinale. Le bobine vengono allora tagliate, ottenendo così il formato richiesto. Con riferimento all alimentazione del nastro e l azionamento dei coltelli trasversali, esiste un gran numero di tecnologie differenti. Tuttavia, in questa sede non è necessario entrare nei particolari. E ad ogni modo importante che il processo di taglio sia sincronizzato per ottenere formati ed angoli esatti. La parte del nastro direttamente dietro il coltello trasversale fissa i pacchi di fogli durante il taglio. I fogli vengono poi convogliati su una serie di nastri trasportatori e, alla fine della taglierina, frenati per essere raccolti su dei pallets (`raccoglifoglio ) ed impilati per poi prendere la strada dei magazzini. Le tagliatrici trasversali moderne non soltanto tagliano la bobina di carta nel formato richiesto, ma controllano la qualità della superficie della carta, eliminano i fogli non conformi, contando i fogli elettronicamente, inseriscono automaticamente delle strisce di conteggio e permettono uno scambio veloce delle pallette senza essere costretti ad arrestare la macchina da taglio. La taglierina del formato (Ghigliottina) Queste taglierine vengono adoperate per il taglio di esigue quantità in formati speciali per i quali la ripreparazione di una taglierina trasversale non sarebbe redditizia. Su richiesta del cliente, la taglierina effettua anche la rifilatura sui quattro lati del foglio che è necessaria per alcuni tipi di di stampa. 13

16 Vll L imballaggio e magazzinaggio L'ultimo punto è l'imballaggio della carta in unità adatte per il trasporto al cliente. L'imballaggio della carta è importante per evitare danni dovuti al trasporto e per proteggere il materiale dall umidità. I metodi ed i mezzi di trasporto determinano il tipo di imballaggio. Le macchine per imballaggio bobina progettate per essere largamente automatizzate, includono le seguenti fasi: L'identificazione, mediante la lettura del codice a barre e la comunicazione al computer. I controlli a campione. La centratura ed il posizionamento. L applicazione marchio. L impaccamento con carta da imballaggio e la preselezione della carta da imballaggio. Il numero di avvolgimenti, il tipo d incollaggio. L inserimento dei coperchi frontali e la pressatura. La pesatura. L applicazione delle etichette. L espulsione per la spedizione. Imballaggio delle bobine vengono tolte dalla pila, allineate correttamente e poi portate al primo avvolgitore munito di carta da imballagio. La carta da imballaggio viene tagliata, avvolta e incollata. Le risme posizionate su pallet saranno poi munite delle relative etichette. La carta da formato su pallet (in risme o bandierata) viene imballata con un apposita plastica termoretraibile ed impermeabile all umidità. Per trasporti di lunga distanza si adotta la copertura e la reggiatura con nastri di acciaio o di plastica che aumentano la stabilità dei pallet. I pallet con rivestimento impermeabile all umidità non richiedono una completa climatizzazione per il magazzinaggio. La merce dovrebbe essere conservata in depositi protetti dalla luce e dall acqua. Nelle cartiera ed anche nel commercio all ingrosso sono largamente diffusi i magazzini automatizzati, dove i pallet sono gestiti da sistemi comandati da computer e possono essere riposti senza dover rispettare un ordine predeterminato. Imballaggio dei pallet La carta tagliata in diversi formati può essere impaccata in risme oppure essere consegnata «bandierata», sfusa su pallet. I pacchi possono contenere 100, 250 o 500 fogli. I pacchi per ordini più piccoli o di formati speciali vengono confezionati a mano mentre, per ordini consistenti in formato standard vengono impaccate con macchine per l imballaggio automatico. Il materiale di imballaggio è progettato sulle esigenze dei clienti. Si presta grande attenzione alla protezione contro la contaminazione o l umidità. Allo stesso tempo, la carta da imballagio può anche essere utilizzata come veicolo pubblicitario per la carta impaccata. Prima di raggiungere la confezionatrice, le singole unità d'imballaggio Magazzino automatizzato 14

17 VllI Le proprietà della carta Si riportano di seguito le più importanti caratteristiche che descrivono la qualità della carta: La Grammatura La grammatura è il peso specifico della carta espresso in grammi e riferito all area di un metro quadro (g/m 2 ). La massa complessiva è la somma dei materiali fibrosi, delle sostanze ausiliari e della carica così come dell acqua. Il grado di bianco La luminosità (ISO) è il riferimento per il grado di bianco della carta, espressa in percentuale rispetto allo standard di luminosità (ossido di magnesio = 100%). Tanto più alto il grado di bianco, quanto più bianca è la carta. Il lucido L indice del lucido nei fogli caratteristici indica la percentuale di luce riflessa sotto un definito angolo di incidenza. Una maggiore brillantezza ha l effetto di una maggiore riflessione e quindi un maggiore grado di lucido. La porosità (PPS) il liscio La forma geometrica della superficie cartacea è definita come deviazione dalla superficie ideale perfettamente piana. Quanto più piccole ed uniformemente distribuite sono le irregolarità esistenti sulla superficie, tanto più liscia risulta la carta. Il metodo (PPS) è basato sulla misurazione della perdita d aria tra la superficie della carta e la stessa testina di misura dello strumento. Nel caso che il PPS indichi rugosità, la profondità dei pori è misurata ad un definito cerchio. Tanto più è alto il valore misurato, quanto più è porosa la superficie della carta. L opacità L'opacità indica il grado di impenetrabilità dalla luce, espresso in percentuale rispetto alla luce riflessa. Più è alto il valore, più è opaca la carta, mentre la carta che lascia passare la luce oltre una certa percentuale è detta trasparente. L umidità relativa L'umidità relativa indica il rapporto percentuale tra l umidità assoluta dell aria e l umidità dell aria satura di vapore d acqua (cioè tra i fogli di carta sul pallet o tra gli avvolgimenti di una bobina) ad una determinata temperatura. ph superficie Il valore di ph indicato nei fogli caratteristici definisce il grado di ph superficiale della carta. I gradi di ph sono indicati su una scala da 0 a 14. Il valore misurato 7 segna il punto neutro che corrisponde ad acqua distillata. I valori inferiori a 7 indicano «acido in misura crescente», i valori superiori a 7 indicano invece «alcalino in misura crescente». Le carte con un `ph superficie intorno a 7 hanno le migliori condizioni per la stampa e l ulteriore lavorazione. Il volume specifico apparente Spettro colore Lo spessore medio si esprima in micrometri. Per poter paragonare lo spessore delle carte con grammature diverse, si utilizza il volume specifico apparente della carta. Questo è lo spessore al quale si riferisce la grammatura base di 100 g/m 2. Il calcolo si esegue secondo la formula seguente: VSA = (volume specifico apparente) spessore (µm) grammatura (g/m 2 ) 15

18 IX Le osservazioni conclusive Questo opuscolo è una raccolta sulla conoscenza tecnologica cartaria ed è stato realizzato grazie ai contenuti del libro tecnico «Das Papierbuch». A questo proposito desideriamo ringraziare in modo particolare la casa editrice EPN Houten, Paesi Bassi Sappi Fine Paper Europe head office Sappi Fine Paper Europe sales office Sappi Fine Paper Europe mill UK Speciality mill Sappi Trading sales office 16

19 «La produzione della carta» si aggiunge alla serie degli opuscoli tecnici di Sappi. La Sappi ha raccolto tutte le proprie conoscenze sulla tecnologia cartaria affinché i suoi clienti possano usufruirne nel modo migliore. Water Interference Mottling L acqua come fattore di interferenza in relazione all effetto mottling? Tecnica di rilegatura a colla Gli sviluppi dell industria cartotecnica e tipografica ed i loro effetti sulla tecnica di rilegatura a colla per la produzione di libri Lavorazione Verarbeitung della von carta Mattpapier opaca Perché Warum le verdienen carte opache Mattpapiere meritano particolare considerazione? besondere Beachtung? sappi Piegatura e cordonatura Lavorazione di carte patinate dopo la stampa offset a fogli La produzione della carta Dal legno alla carta patinata La tecnica litografica La tecnica di stampa offset a foglio e a bobina sappi sappi sappi sappi idea exchange Potete ordinare gratuitamente il video «La produzione della carta» e gli altri opuscoli tecnici sul sito:

20 Copertina HannoArt Gloss 250 g/m 2, pagine HannoArt Gloss 150 g/m 2, 2004, Sappi Europe SA, Sappi Fine Paper Europe Sappi Europe SA 154 Chausseé de la Hulpe B-1170 Brussels Tel Fax sappi The word for fine paper

La produzione della carta Dal legno alla carta patinata. sappi

La produzione della carta Dal legno alla carta patinata. sappi La produzione della carta Dal legno alla carta patinata sappi La produzione della carta, quinto opuscolo tecnico di Sappi Idea Exchange sappi idea exchange In Sappi ci dedichiamo anche ad aiutare stampatori

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

La carta (volume 1 - pagina 247)

La carta (volume 1 - pagina 247) La carta (volume 1 - pagina 247) Cos'è la carta? La carta è un materiale igroscopico, costituito da materie prime fibrose prevalentemente vegetali, unite per feltrazione (fenomeno che consiste nella salda

Dettagli

I processi produttivi per la fabbricazione della carta

I processi produttivi per la fabbricazione della carta I processi produttivi per la fabbricazione della carta Sintesi delle principali fasi di produzione per l ottenimenrto di alcune tipologie di materiale cartaceo Paolo Zaninelli Scuola Interregionale Cartaria

Dettagli

LA CARTA. Programma di formazione per lavoratori interessati al settore cartaceo. angelini_giancarlo@libero.it. 1. Materie prime fibrose pag.

LA CARTA. Programma di formazione per lavoratori interessati al settore cartaceo. angelini_giancarlo@libero.it. 1. Materie prime fibrose pag. LA CARTA Programma di formazione per lavoratori interessati al settore cartaceo angelini_giancarlo@libero.it 1. Materie prime fibrose pag. 2 2. Produzione della Pasta meccanica fibrosa pag. 5 3. Sostanze

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PROF. GIUSEPPE COSTANTINO SOZ Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di Primo Grado tel./fax 0832/757637 e-mail

Dettagli

Produzione della carta

Produzione della carta Produzione della carta SCA Publication Papers Assistenza tecnica Materie prime Introduzione Lo scopo di questa guida è di fornire al lettore una conoscenza dei materiali e dei processi utilizzati da una

Dettagli

LE MATERIE PRIME LE MATERIE PRIME PER PRODURRE CARTA. La carta è un prodotto costituito sostanze di carica minerali

LE MATERIE PRIME LE MATERIE PRIME PER PRODURRE CARTA. La carta è un prodotto costituito sostanze di carica minerali LE MATERIE PRIME PER PRODURRE CARTA La carta è un prodotto costituito fibre vegetali sostanze di carica minerali fibre lunghe, provenienti in massima parte da legni di resinoso (pino, abete, larice); fibre

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO DELLA CARTIERA EUROCARTA

DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO DELLA CARTIERA EUROCARTA DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO DELLA CARTIERA EUROCARTA Lo stabilimento Eurocarta s.r.l. sito in via Carlo Alberto, 19 a Piridino, in zona prevalentemente industriale svolge attività cartaria per la

Dettagli

Iniziativa della Sezione Carta, Grafici e Cartotecnici della Associazione Industriali di Vicenza. LE ARTI GRAFICHE

Iniziativa della Sezione Carta, Grafici e Cartotecnici della Associazione Industriali di Vicenza. LE ARTI GRAFICHE Iniziativa della Sezione Carta, Grafici e Cartotecnici della Associazione Industriali di Vicenza. LE ARTI GRAFICHE Premessa Chi si avvicina per la prima volta al mondo del lavoro ha raramente un idea chiara

Dettagli

La carta è un materiale sottile e flessibile a forma di foglio. E formata da milioni di fibre di natura vegetale, (cellulosiche, lunghe da 2-3 mm a

La carta è un materiale sottile e flessibile a forma di foglio. E formata da milioni di fibre di natura vegetale, (cellulosiche, lunghe da 2-3 mm a La carta è un materiale sottile e flessibile a forma di foglio. E formata da milioni di fibre di natura vegetale, (cellulosiche, lunghe da 2-3 mm a meno di 1 mm) intrecciate disordinatamente ma saldamente

Dettagli

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre.

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre. La materia prima per la fabbricazione della carta è oggi il legno, anche se alcune carte vengono prodotte partendo da altre materie, come le alghe e il mais. Piante come il pino, il pioppo e il faggio,

Dettagli

LA CARTA STORIA E LEGGENDA. Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere.

LA CARTA STORIA E LEGGENDA. Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere. LA CARTA INFEA - MATERIALE DIDATTICO LA CARTA Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere. STORIA E LEGGENDA Per ritrovare le origini della carta è necessario tornare indietro

Dettagli

sappi 12, sappi sappi Piegatura e cordonatura Lavorazione di carte patinate dopo la stampa offset a fogli Raccomandazioni per la cordonatura

sappi 12, sappi sappi Piegatura e cordonatura Lavorazione di carte patinate dopo la stampa offset a fogli Raccomandazioni per la cordonatura Raccomandazioni per la cordonatura Per effettuare la cordonatura dei nostri tipi di carta nella stampa offset e con la cordonatrice si raccomandano le seguenti combinazioni fra l'utensile e il canale di

Dettagli

Cos è il nastro autoadesivo?

Cos è il nastro autoadesivo? Cos è il nastro autoadesivo? Per nastro autoadesivo si intende una striscia di materiale che può aderire con la semplice pressione su varie superfici senza la necessità di calore, umettatura od altro.

Dettagli

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO SCOPRIRE APPASSIONARSI CRESCERE A SCUOLA ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO GLI INCHIOSTRI DA STAMPA via dei salesiani, 15 mestre-venezia t. 041.5498111 www.issm.it DEFINIZIONE DI INCHIOSTRO

Dettagli

Movimentazione delle bobine

Movimentazione delle bobine Movimentazione delle bobine SCA Publication Papers Assistenza tecnica Prodotti cartacei Prodotti cartacei SCA Publication Papers produce carte con legno per l editoria. La gamma comprende il patinatino,

Dettagli

10 comandamenti per il lavoro con mordenti

10 comandamenti per il lavoro con mordenti Come tanti altri lavori nel settore del trattamento delle superfici del legno, anche la preparazione del lavoro con mordenti inizia già nella scelta accurata del legno e impiallacciatura. Una grande differenza

Dettagli

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua Libretto di istruzioni

Dettagli

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE MONOCOMPONENTE A BASE DI POLIURETANO Guida all applicazione Regole dei metodi di progettazione e applicazione. a) Trasporto e immagazzinaggio:

Dettagli

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione Dicembre 2014 6 Pagine Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi Introduzione L impasto ottenuto da carta di recupero tipicamente contiene gli inchiostri di stampa

Dettagli

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it LINEA STUCCATUTTO visita il sito dedicato www.stuccatutto.it 28 Stucco in Pasta Stucco in Pasta per Interni, pronto all uso STUCCO LINEA STUCCATUTTO Prodotto pronto all uso, di facile applicazione con

Dettagli

Leganti/malte pronte/colle/sabbie COLLE INDEX

Leganti/malte pronte/colle/sabbie COLLE INDEX Scheda Prodotto: ST01.200.04 Data ultimo agg.: 18 settembre 2013 Leganti/malte pronte/colle/sabbie COLLE INDEX Classificazione 01 Leganti/malte pronte/colle/sabbie 01.200 Colle per piastrelle 01.200.04

Dettagli

PRODUZIONE DELLA PASTA DI LEGNO PER VIA MECCANICA PROCEDIMENTO CHIMICO PER LA PRODUZIONE DELLA CELLULOSA

PRODUZIONE DELLA PASTA DI LEGNO PER VIA MECCANICA PROCEDIMENTO CHIMICO PER LA PRODUZIONE DELLA CELLULOSA A1U2L2 IL CICLO DI PRODUZIONE DELLA CARTA IL CICLO DELLA PRODUZIONE DELLA CARTA INIZIA CON LA PREPARAZIONE DELLA PASTA PER CARTA, IN GENERE COSTITUITA DA UN MATERIALE FIBROSO RICAVATO DALLA LAVORAZIONE

Dettagli

Osservazione e analisi dei problemi in stampa Suggerimenti per risolvere problemi in stampa e documentazione relativa ai reclami

Osservazione e analisi dei problemi in stampa Suggerimenti per risolvere problemi in stampa e documentazione relativa ai reclami Osservazione e analisi dei problemi in stampa Suggerimenti per risolvere problemi in stampa e documentazione relativa ai reclami Indice Osservazione e analisi dei problemi in stampa Suggerimenti per risolvere

Dettagli

Le macchine da stampa rotocalcografiche

Le macchine da stampa rotocalcografiche Le macchine da stampa rotocalcografiche dispensa tecnica di formazione classe V ITI a.s. 2003-2004 Sommario a) Generalità sul rotocalco i il processo di stampa b) Struttura di una macchina rotocalco i

Dettagli

B2. CARTA E CARTONE: PRODUZIONE. B2.1. Caratterizzazione del settore. B2.1.1. Campo di applicazione della linea guida

B2. CARTA E CARTONE: PRODUZIONE. B2.1. Caratterizzazione del settore. B2.1.1. Campo di applicazione della linea guida Linee guida per l applicazione del Regolamento 2023/2006/CE alle filiere di produzione dei materiali e oggetti destinati a venire in contatto con gli alimenti B2. CARTA E CARTONE: PRODUZIONE B2.1. Caratterizzazione

Dettagli

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI CARTA ADATTA ALLA STAMPA CARTA ADATTA ALLA SCRITTURA CARTA PER INVOLGERE CARTA PER USI DOMESTICI CARTE SPECIALI CARTA COME BASE DEI CONTENITORI IN POLIACCOPPIATO

Dettagli

Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive

Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive ISIS Leonardo da Vinci Piano Lauree Scientifiche a.s. 2010-2011 Libri, manoscritti: chimica per conservare beni fra storia, cultura ed arte Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive

Dettagli

Gli sviluppi dell industria cartotecnica e tipografica ed i loro effetti sulla tecnica di rilegatura a colla per la produzione di libri

Gli sviluppi dell industria cartotecnica e tipografica ed i loro effetti sulla tecnica di rilegatura a colla per la produzione di libri Gli sviluppi dell industria cartotecnica e tipografica ed i loro effetti sulla tecnica di rilegatura a colla per la produzione di libri Gli sviluppi dell industria cartotecnica e tipografica ed i loro

Dettagli

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE COLORDOC Rev.01 del 21-04-13 COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE FINITURA AGGREGANTE MONOCOMPONENTE IN EMULSIONE ACQUOSA ANTIGRAFFIO, ANTIMACCHIA, BATTERIOSTATICO, IDRO-OLEOREPELLENTE- DOCCHEM S.r.l. Strada Della

Dettagli

IL DECATISSAGGIO DISCONTINUO A PRESSIONE ATMOSFERICA. Scopo della lavorazione. Tecnologia della lavorazione

IL DECATISSAGGIO DISCONTINUO A PRESSIONE ATMOSFERICA. Scopo della lavorazione. Tecnologia della lavorazione 39 IL DECATISSAGGIO Il decatissaggio: generalità Questa lavorazione è realizzabile con tre modalità di processo che differiscono per durata della lavorazione e per il tipo di effetti prodotti: decatissaggio

Dettagli

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il brico dalle mille idee... TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il legno all interno Colori e vernici 2 Se il legno grezzo da trattare non ha il colore desiderato dobbiamo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 CARTA E CARTOTECNICA Produzione

Dettagli

Tra «La storia della carta» «Storie di carta»!

Tra «La storia della carta» «Storie di carta»! Tra «La storia della carta» e «Storie di carta»! La nostra storia inizia con i CARTACCIAI. I cartacciai sono fabbriche che compattano la carta di recupero Non solo carta ma anche cartone. All interno della

Dettagli

linea d imballo pacchi lamiera

linea d imballo pacchi lamiera linea d imballo pacchi lamiera linea di imballo per pacchi di lamiera mediante filmatura completamente automatica Nuovo metodo d imballo Pesmel ad elevata capacità produttiva La linea d imballaggio è stata

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

STUCCHI & COLLE. per giunti e lastre di cartongesso COSTRUIRE CONTEMPORANEO

STUCCHI & COLLE. per giunti e lastre di cartongesso COSTRUIRE CONTEMPORANEO STUCCHI & COLLE per giunti e lastre di cartongesso COSTRUIRE CONTEMPORANEO dal più importante sito di gesso in Italia il meglio per l edilizia A Roccastrada, in Toscana, si trova il più grande giacimento

Dettagli

PRODOTTI ISOLANTI K-FLEX

PRODOTTI ISOLANTI K-FLEX PRODOTTI ISOLANTI K-FLEX TUBI ISOLANTI LASTRE IN ROTOLI h 1OOOmm e 1500mm TUBI ISOLANTI PRETAGLIATI AUTOADESIVI LASTRE AUTOADESIVE IN ROTOLI h 1000 mm e 1500 mm TUBO ISOLANTE IN ROTOLI, SPECIFICO PER TERMOSANITARIO.

Dettagli

La produzione della carta

La produzione della carta ISIS Leonardo da Vinci Piano Lauree Scientifiche a.s. 2010-2011 Libri, manoscritti: chimica per conservare beni fra storia, cultura ed arte La produzione della carta Lorenzo Nibbioli Materia prima Attualmente

Dettagli

LA CARTA: tipi e proprietà

LA CARTA: tipi e proprietà LA CARTA: tipi e proprietà Contenuti: I tipi di carta: proprietà e caratteristiche Le proprietà della carta La filigrana 1 Tipi di carta, proprietà e caratteristiche I tipi di carta che vengono fabbricati

Dettagli

Tecnologia di formatura in autoclave

Tecnologia di formatura in autoclave POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Corso di Tecnologie Aeronautiche Docente: Giuseppe Sala Tecnologia di formatura in autoclave Paolo Bettini tel. 0223998044 E-mail bettini@aero.polimi.it

Dettagli

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO Come ormai risaputo, l amianto che si disperde nell aria costituisce un reale pericolo cancerogeno per coloro che si trovano a inalarne le

Dettagli

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI Il programma carta-nastri adesivi che viene incontro alle vostre necessità. A seconda delle vostre richieste di qualità, capacità collante, resistenza all

Dettagli

Macchina. Futura. Macchina essiccazione legno Futura è sotto la protezione di brevetti nazionali in tutto il mondo.

Macchina. Futura. Macchina essiccazione legno Futura è sotto la protezione di brevetti nazionali in tutto il mondo. Macchina Brevetto europeo legno anche Futura Drying Kiln Futura presentation in tutto il mondo. Macchina anche anche in 26 punti di Drying Kiln Futura presentation Futura, premi internazionali di innovazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA POSA

ISTRUZIONI PER LA POSA ISTRUZIONI PER LA POSA CALCOLO DELLA QUANTITA DI PIETRA E DI MATTONI NECESSARI La quantità di Pietre e/o Mattoni Piani si determina misurando la superficie in mq. da rivestire, detraendo da questa quella

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

Creatina istruzioni per l uso

Creatina istruzioni per l uso Creatina istruzioni per l uso 07 2015 Indice Preparazione delle superfici 2 Preparazione per la posa su parete interno doccia e contorno vasca 3 Applicazione della membrana impermeabilizzante AquaPrim

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

Sistema Glu Jet di HOLZ-HER Giunzione invisibile grazie alla tecnologia a film sottile

Sistema Glu Jet di HOLZ-HER Giunzione invisibile grazie alla tecnologia a film sottile Glu Jet Bordatura intelligente SISTEMA SISTEMA BREVETTATO TO Selezione del programma premendo semplicemente un tasto In alternativa, selezione completamente automatica tramite codice a barre Sistema Glu

Dettagli

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO:

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO: Oggetto: LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. PRODOTTO DA IMBALLARE: BOX DOCCIA. DIMENSIONI PRODOTTO: LUNGHEZZA (X) MIN. 800 MM MAX. 2200 MM LARGHEZZA (Y) MIN. 240

Dettagli

Colori pronti: Grigio Rosso Rosso Ossido Tegola (in esaurimento) Colori: S.S.C. (P/M D ED)

Colori pronti: Grigio Rosso Rosso Ossido Tegola (in esaurimento) Colori: S.S.C. (P/M D ED) EXTREMA Smalto epossidico all acqua bicomponente, per interni, a bassissimo contenuto di solventi, per pavimenti in cemento con leggero traffico gommato, muratura, piastrelle in ceramica e formica. Conforme

Dettagli

COMMERCIO DI CARTA E CARTONI

COMMERCIO DI CARTA E CARTONI a) Carta e cartoni COMMERCIO DI CARTA E CARTONI Sommario CARTA Unità di base di contrattazione. Art. 1 Ordinazione...............» 2 Conferma di ordinazione.....» 3 Imballaggio...............» 4 Composizione

Dettagli

Pareti Mobili Pavimenti Intonaco Gesso Piastrelle Legno Cemento Marmo

Pareti Mobili Pavimenti Intonaco Gesso Piastrelle Legno Cemento Marmo tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Vetrificante Ceramizzante TM Sotto Sopra il camaleonte di casa Pareti Mobili Pavimenti Intonaco Gesso Piastrelle Legno Cemento Marmo Resina di finitura all

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

--- Capitolo dodicesimo LA CARTA

--- Capitolo dodicesimo LA CARTA --- Capitolo dodicesimo LA CARTA Introduzione Quella sulla carta sarà l ultima delle mie lezioni, ma non per questo la considero meno importante delle altre. La carta è il supporto fisico che dà corpo

Dettagli

PRODUZIONE DI PASTA di CELLULOSA, CARTA E CARTONE

PRODUZIONE DI PASTA di CELLULOSA, CARTA E CARTONE PRODUZIONE DI PASTA di CELLULOSA, CARTA E CARTONE Può descriverci ora con parole sue la mansione che svolgeva? Con quale frequenza svolgeva queste operazioni? Le svolgeva ogni: _ n ore settimana _ n ore

Dettagli

SOLUZiOni LeGGere con ZOOM. Indicazioni per l elaborazione EUROLIGHT pannelli da costruzioni leggere

SOLUZiOni LeGGere con ZOOM. Indicazioni per l elaborazione EUROLIGHT pannelli da costruzioni leggere SOLUZiOni LeGGere con ZOOM Indicazioni per l elaborazione EUROLIGHT pannelli da costruzioni leggere 2012 2016 www.egger.com/zoom 04 La parte tecnica... Con i nuovi prodotti sorgono nuove domande: ecco

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA POSA

ISTRUZIONI PER LA POSA PARQUET hüma IN LEGNO DI ROVERE PER AMBIENTI UMIDI ISTRUZIONI PER LA POSA www.huema.de Sommario Istruzioni per la posa del parquet hüma IN LEGNO DI ROVERE SOMMARIO NOTA GENERALE... 3 INFORMAZIONI PER LA

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

TOP E ACCESSORI PER LA CUCINA CONTEMPORANEA. TOP PER CUCINA Piani di lavoro in laminato in HPL 18 decori diversi

TOP E ACCESSORI PER LA CUCINA CONTEMPORANEA. TOP PER CUCINA Piani di lavoro in laminato in HPL 18 decori diversi TOP E ACCESSORI PER LA CUCINA CONTEMPORANEA 2015 PRONTO TOP Taglio su misura e bordatura in laminato BASI E ACCESSORI Zoccoli, piedini e portaposate ALZATINE SALVAGOCCIA Classiche e moderne con decori

Dettagli

COLORDOC PLUS ESTERNI/INTERNI SCHEDA TECNICA Rev.5 del: 02-01-2013

COLORDOC PLUS ESTERNI/INTERNI SCHEDA TECNICA Rev.5 del: 02-01-2013 Rev.5 del: 02-01-2013 COLORDOC FINITURA AGGREGANTE COLORABILE A BASE DI RESINA FLUORURATA IN EMULSIONE ACQUOSA BATTERIOSTATICO, ANTIMACCHIA,IDRO-OLEOREPELLENTE ANTIGRAFFITI SEMIPERMANENTE DOCCHEM S.r.l.

Dettagli

INNOEX Linee di estrusione a tre strati altamente performanti

INNOEX Linee di estrusione a tre strati altamente performanti Nuove soluzioni per l estrusione di film in bolla INNOEX Linee di estrusione a tre strati altamente performanti INNOEX Grandi prestazioni, tecnologia aggiornata, limitazione dei costi in una linea di coestrusione

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

La produzione ed il riciclo del materiale cartaceo

La produzione ed il riciclo del materiale cartaceo Facoltà di Ingegneria La produzione ed il riciclo del materiale cartaceo Flavio Deflorian 1 INDUSTRIA CARTARIA ITALIANA CARTA E CARTONE = il materiali consumo composti pro capite da di fibre carta cellulosiche,

Dettagli

Clima e carta Interazioni tra il clima e i processi di stampa e finitura delle carte patinate

Clima e carta Interazioni tra il clima e i processi di stampa e finitura delle carte patinate Clima e carta Interazioni tra il clima e i processi di stampa e finitura delle carte patinate sappi Clima e carta, settimo opuscolo tecnico di Sappi Idea Exchange sappi idea exchange In Sappi ci dedichiamo

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

Uso residenziale e uso pubblico. Ambienti con umidità permanente e contatto diretto con l'acqua. Non usare in piscine.

Uso residenziale e uso pubblico. Ambienti con umidità permanente e contatto diretto con l'acqua. Non usare in piscine. Scheda tecnica pro-sanit Profilato concavo da collocare nel punto d'incontro tra pareti e pavimenti o tra rivestimenti e vasche da bagno, piatti doccia o altri elementi da bagno. Sostituisce il tradizionale

Dettagli

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare IL LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco di legno massello Oggi: il banco di ferro e truciolare Il legno Definizione Le caratteristiche Sezione di un tronco La produzione: dal taglio alla segheria La

Dettagli

Mondo S.p.A. Società Unipersonale

Mondo S.p.A. Società Unipersonale MONDO PU 300 Adesivo epossi-poliuretanico a due componenti per pavimenti in gomma e PVC CAMPI DI APPLICAZIONE Incollaggio all interno ed all esterno di pavimenti in gomma e PVC su sottofondi assorbenti

Dettagli

Istruzioni per l'uso Guida alla carta

Istruzioni per l'uso Guida alla carta Istruzioni per l'uso Guida alla carta Per un uso corretto e sicuro, leggere le Informazioni sulla sicurezza riportate nel manuale "Leggere prima di iniziare" prima di utilizzare la macchina. SOMMARIO

Dettagli

Caratteristiche della carta. Selezione di moduli prestampati e carta intestata

Caratteristiche della carta. Selezione di moduli prestampati e carta intestata La qualità di stampa e l'affidabilità della stampante e delle opzioni variano a seconda del tipo e del formato del materiale di stampa utilizzato. Questa sezione contiene le istruzioni per ogni tipo di

Dettagli

Bollettino per l installazione di LG Hausys LD3880 Ultra Tack

Bollettino per l installazione di LG Hausys LD3880 Ultra Tack Pagina 1 Introduzione La LG Hausys offer un ampia gamma di pellicole in vinile auto-adesive per la stampa digitale. I componeti associati, quail banners e pellicole laminate, sono parti dell assortimento.

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

SottoTM Sopra il camaleonte di casa. presentazione. paints. paints

SottoTM Sopra il camaleonte di casa. presentazione. paints. paints presentazione salva, rinnova e risparmia non devi più demolire 2 SOTTOSOPRA - 04/2012 il ciclo all acqua solvent free Pareti e Mobili lucida, satinata opaca Vetrificante effetto vetrificato Colore per

Dettagli

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone Mosaico Soft Il Mosaico La linea per Mosaico "Soft è realizzata in vetro trasparente smaltato e placcato da 4 mm di spessore. Grazie ad una ricottura ad oltre 700º, le tessere presentano bordi arrotondati

Dettagli

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE MISCELAZIONE E POSA IN OPERA CARNIVAL è un massetto minerale

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI 2015

CATALOGO PRODOTTI 2015 CATALOGO PRODOTTI 2015 FILM ESTENSIBILE MANUALE TUBELESS TRASPARENTE Il film estensibile manuale TUBELESS è un film manuale senza l anima di cartone all interno, molto più comodo e maneggevole nell utilizzo

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI CARTA

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI CARTA MATERIALI CARTA 1 IERI E OGGI Cent anni fa: il quotidiano di otto pagine Oggi: il quotidiano di ottanta pagine 2 Cos è la carta zink.to/fare-carta Osserviamo quattro tipi di carta Tipi di carta (classificazione)

Dettagli

Protettivo antiacido per pietre naturali

Protettivo antiacido per pietre naturali Protettivo antiacido per pietre naturali Trattamento nanotecnologico antigraffiti Trattamento nanotecnologico per metallo Protettivo antiacido per pietre naturali La superficie da trattare deve essere

Dettagli

Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore)

Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore) Scheda Tecnica Edizione 29.09.2011 Sarnavap 500E EN 13984 Sarnavap 500E Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore) Costruzioni Descrizione Prodotto Impieghi Sarnavap 500E è una barriera/freno

Dettagli

Guida a una riciclabilità ottimale della carta grafica stampata

Guida a una riciclabilità ottimale della carta grafica stampata Guida a una riciclabilità ottimale della carta grafica stampata Consiglio Europeo della Carta Riciclata I. Introduzione Il presente documento tratta il riciclaggio della carta grafica di recupero finalizzato

Dettagli

A1U2L1 CHE COS E LA CARTA

A1U2L1 CHE COS E LA CARTA A1U2L1 CHE COS E LA CARTA DI CHE COSA È FATTA LA CARTA TIPI DI CARTA LE MATERIE PRIME PER LA PRODUZIONE DELLA CARTA IL CICLO DI PRODUZIONE LAVORAZIONI INIZIALI DI CHE COSA È FATTA LA CARTA LA CARTA SI

Dettagli

SERIE PER FILM E SCAGLIE COMBINAZIONE TAGLIO-COMPATTATORE ESTRUSORE C:GRAN. www.ngr.at

SERIE PER FILM E SCAGLIE COMBINAZIONE TAGLIO-COMPATTATORE ESTRUSORE C:GRAN. www.ngr.at SERIE PER FILM E SCAGLIE COMBINAZIONE TAGLIO-COMPATTATORE ESTRUSORE C:GRAN > Trattamento di materiali umidi > Trattamento ottimizzato del materiale > Regolazione della temperatura nella camera di triturazione

Dettagli

Premium Board and Label Paper

Premium Board and Label Paper Premium Board and Label Paper Difficile da eguagliare, facile da stampare Non è un caso se CHROMOLUX non solo è leader del settore, ma è anche diventato sinonimo per eccellenza di cast coated. Il nome

Dettagli

Creativ 7c04. Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik

Creativ 7c04. Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik con Creativ Sentimento 78 per superfici lisce personalizzate con leggera lucentezza L'illustrazione

Dettagli

Alcune tecniche di applicazione e proprietà del film verniciante essiccato. Proprietà tecniche

Alcune tecniche di applicazione e proprietà del film verniciante essiccato. Proprietà tecniche L ARIA COMPRESSA NEGLI IMPIANTI DI VERNICIATURA Lo scopo principale del processo di verniciatura, oltre a motivi estetici, è quello di proteggere il manufatto dalle aggressioni degli agenti ossidanti,

Dettagli

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Stand: 23.10.2007 Construction Birocoat Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Biromix Con impiego di rete di supporto Esecuzione di

Dettagli

Sotto Pavimenti S o p r a il camaleonte di casa Alto Spessore Colore Pareti e per Interni Mobili Resina di finitura autolivell ante

Sotto Pavimenti S o p r a il camaleonte di casa Alto Spessore Colore Pareti e per Interni Mobili Resina di finitura autolivell ante tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Pavimenti Alto Spessore Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura autolivellante Libretto

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO 4435000030ff Vernice trasparente protettiva per legno, opaca, per il fai-da-te e il professionista DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Indicazioni generali Vernice trasparente protettiva per legno al solvente, universale,

Dettagli

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione FUGAMAGICA WOOD Stucco cementizio idrorepellente, ad alte prestazioni e granulometria finissima per la fugatura di piastrelle in legno ceramico. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere

Dettagli

Prestabo con SC-Contur

Prestabo con SC-Contur Prestabo con SC-Contur Sistema di tubi e raccordi a pressare di acciaio galvanizzato. Tubi e raccordi di acciaio al carbonio galvanizzato Sistema indeformabile e resistente per installazioni facili e veloci

Dettagli

ADESIT SF. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione. Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm.

ADESIT SF. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione. Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm. STUCCATURA DELLE FUGHE E SIGILLATURE ELASTICHE Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere a base

Dettagli

Lucart Professional AirTech

Lucart Professional AirTech Lucart Professional AirTech La carta a secco che moltiplica le performance 3 prodotti in 1 Altamente assorbente, grazie alla tecnologia Airlaid e alla speciale trama. Resistente e versatile, utilizzabile

Dettagli

NASTRI ADESIVI IMBALLAGGIO NASTRO NO-NOISE NASTRO IMBALLAGGIO IMBALLAGGIO. Nastro da imballaggio in polipropilene. Nastro da imballaggio in acrilico

NASTRI ADESIVI IMBALLAGGIO NASTRO NO-NOISE NASTRO IMBALLAGGIO IMBALLAGGIO. Nastro da imballaggio in polipropilene. Nastro da imballaggio in acrilico NASTRI ADESIVI IMBALLAGGIO NASTRO IMBALLAGGIO Nastro da imballaggio in polipropilene per imballaggio manuale o automatico spessore totale: 48 micron aderisce bene su tutte le superfici allungamento a rottura:

Dettagli

Vetrificante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Mobili Elettrodomestici. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni

Vetrificante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Mobili Elettrodomestici. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Vetrificante Sanitari Mobili Elettrodomestici Resina di finitura per interni Libretto di istruzioni

Dettagli