UN ANALISI GIURIDICO-ECONOMICA DEL PRINCIPIO DI SUPPLEMENTARIETÀ: BENEFICI ANCILLARI DELLE POLITICHE CLIMATICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN ANALISI GIURIDICO-ECONOMICA DEL PRINCIPIO DI SUPPLEMENTARIETÀ: BENEFICI ANCILLARI DELLE POLITICHE CLIMATICHE"

Transcript

1 UN ANALISI GIURIDICO-ECONOMICA DEL PRINCIPIO DI SUPPLEMENTARIETÀ: BENEFICI ANCILLARI DELLE POLITICHE CLIMATICHE di Vito De Lucia Negli ultimi mesi si sono succeduti rapporti economici 1 e scientifici 2 che hanno sottolineato con forza come i danni economici dei cambiamenti climatici potrebbero essere disastrosi, e come i danni ambientali potranno essere drammatici, specialmente per le popolazioni che già oggi soffrono per via di povertà e degrado ambientale. Si è avuta anche la conferma di come le cause del riscaldamento globale siano inequivocabilmente antropogeniche, e come le conseguenze dannose di cui alcune già in atto dovrebbero indurre all implementazione di politiche di mitigazione decise e necessariamente supportate da una partecipazione globale della comunità internazionale. La risposta della comunità internazionale sembra imperniarsi sempre più su strumenti di mercato di tipo carbon trading 3 in modo da raggiungere gli obiettivi posti in sede di regolamentazione ambientale in maniera economicamente efficiente. In particolare, l Unione Europea ha come obiettivo quello di estendere e consolidare il proprio Emissions Trading Scheme (ETS), nonostante le ampie critiche 4 legate ad una serie di problemi strutturali e di implementazione del programma che hanno determinato, nella prima fase dello schema, insufficienti riduzioni delle emissioni regolate 5. 1 Stern Review, IPCC, I cosiddett meccanimsi di flessibilità previsti dal Protocollo di Kyoto 4 Per dettagli sui problemi dell ETS europeo si rinvia tra gli altri a Neuhoff et al. 2006, De Lucia 2006 e De Lucia Ellerman et al Gli autori riportano come emissioni sono state inferiori del 4% rispetto ai permessi distribuiti, basati su dati del Maggio 2005, anche se l analisi investiga in quale misura eccessiva allocazione di permessi e abbattimento abbiano contribuito.. 1

2 Questo articolo tenterà di illustrare come politiche di mitigazione climatica orientate primariamente verso meccanismi di flessibilità internazionali e mercati globali delle emissioni portano a sottovalutare una serie di opportunità a livello domestico che verrebbero invece considerate se tali meccanismi fossero utilizzati entro il quadro giuridico originariamente previsto nel Protocollo di Kyoto, e cioè quello del principio di supplementarietà. L articolo 6 e l articolo 17 del Protocollo di Kyoto stabiliscono rispettivamente che l uso della Joint Implementation 6 (JI) e dell Emission Trading 7 (ET) debbano essere supplementari rispetto ad attività domestiche al fine di raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni stabiliti nel Protocollo. L articolo 12 stabilisce che crediti derivanti da progetti del tipo Clean Development Mechanism 8 (CDM) possano essere utilizzati solo parzialmente allo stesso fine. Il testo del Protocollo è quindi chiaro nello stabilire che ai fini del raggiungimento degli obiettivi di riduzione di gas serra (GHG), le parti debbano utilizzare i meccanismi di flessibilità in maniera supplementare alle attività svolte nel proprio territorio nazionale. Ciò che non è stabilito è l esatto contenuto quantitativo del principio, necessario al fine di determinare l effettiva operatività dello stesso in fase di implementazione e l esatta distribuzione dell abbattimento delle emissioni tra attività domestiche e meccanismi di flessibilità (MDF), di natura internazionale. L unico riferimento a contenuto specifico in relazione alla supplementarietà è stabilito nelle regole operative dei Marrakesh Accords 9, che creano un obbligo in capo alle parti di presentare rapporti periodici ai fini della valutazione dell effettiva supplementarietà dell utilizzo dei MDF. La mancata quantificazione dei limiti supplementali, conseguenza di pressioni degli Stati Uniti e degli altri membri dell Umbrella Group è funzionale alla convinzione che strumenti economici come l ET internazionale permettano di raggiungere gli obiettivi stabiliti nel Protocollo nella maniera più efficiente, e che ogni limitazione determini un aumento dei costi di mitigazione. Questa convinzione 6 The acquisition of emission reduction units shall be supplemental to domestic actions for the purposes of meeting commitments under Article 3 - Articolo 6.1.d del Protocollo di Kyoto, [ ]Any such trading shall be supplemental to domestic actions for the purpose of meeting quantified emission limitation and reduction commitments under that article - Articolo 17 del Protocollo di Kyoto, Parties included in Annex I may use the certified emission reductions accruing from such project activities to contribute to compliance with part of their quantified emission limitation and reduction commitments under Article 3[ ] - Articolo 12.3.b del Protocollo di Kyoto, Marrakesh Accords, ANNEX Draft guidelines for the preparation of the information required under Article 7 of the Kyoto Protocol, capo 21: Each Party included in Annex I shall provide information on how its use of the mechanisms is supplemental to domestic action, and how its domestic action thus constitutes a significant element of the effort made to meet its quantified limitation and reduction commitments under Article 3, paragraph 1, in accordance with the provisions of decision 5/CP.6. 2

3 però è erroneamente ancorata ad una visione parziale delle variabili in gioco. In particolare essa non prende in considerazione una serie di opportunità disponibili a livello nazionale, che cambiano i profili economici delle politiche climatiche, e enfatizza eccessivamente gli effetti benefici di un sistema di ET internazionale 10 senza valutare con la dovuta attenzione i benefici che possono essere ottenuti atrtaverso abbattimenti di emissioni sul territorio nazionale. L ET si fonda sulla distribuzione di permessi ad emettere una certa quantità di emissioni pari ad un tetto massimo stabilito in sede di regolamentazione. Ogni agenti partecipante riceverà, secondo diverse possibili metodologie, una quota di permessi che costituirà la base delle emissioni consentite. Questi permessi saranno scambiabili su un mercato appositamente creato in modo tale che agenti con costi di abbattimento bassi procederanno a limitare le proprie emissioni in eccesso rispetto al numero di permessi in loro possesso, e venderanno l eccesso di permessi così ottenuto ad agenti con costi di abbattimento alti, i quali preferiranno acquistare permessi piuttosto che abbattere le proprie emissioni. Il risultato dovrebbe essere l equalizzazione dei costi marginali di abbattimento e quindi il raggiungimento del livello di emissioni stabilito nella maniera più efficiente. Ora, vi sono una serie di problemi con questo approccio, che variano da mancanza di incentivi all innovazione tecnologica 11 a considerazioni di integrità ambientale connessi a surplus di permessi 12, a problemi di sviluppo sostenibile legati a certificazioni e crediti spendibili sui mercati internazionali di GHG 13, ma per la maggior parte dei quali si rinvia alla letteratura esistente. Uno solo di questi problemi sarà il tema del prosieguo di questo articolo: i benefici ancillari di politiche climatiche nazionali. Benefici ancillari sono esternalità positive che emergono come conseguenze secondarie di politiche di riduzione di emissioni di GHG. Tali esternalità inducono una discrepanza tra costo privato di un attività produttiva e costo sociale della stessa, in quanto una parte dei costi inerenti un attività vengono sopportati da terzi esterni al processo produttivo senza che tali costi vengano internalizzati nei prezzi di mercato. Questa differenza tra costi privati e costi sociali è anche la misura attraverso la quale si determina la magnitudine dei benefici ancillari. 10 Si veda ad esempio Driesen Si veda tra gli altri Ashford 2000, Driesen 2001, De Lucia Il cosiddetto problema della hot air (aria calda). In breve, paesi con economia in transizione hanno ricevuto una quota di emissioni basate sulla loro attività economica al 1990, ma gli eventi politici susseguenti hanno determinato un collasso economico e quindi delle emissioni la cui conseguenza è che questi paesi dispongono di un surplus di permessi in virtù della differenza tra quota assegnata e aspettativa effettiva di emissioni al Per dettagli si veda IPCC Per esempio si veda Wara

4 L esistenza di benefici ancillari modifica l equazione relativa al calcolo dei costi di una policy, nella misura in cui i mancati benefici locali conseguenti all acquisto di permessi di emissione sul mercato internazionale devono essere sottratti al dato aggregato dei costi di abbattimento individuali. Un aspetto di fondamentale importanza è la dimensione spazio-temporale dei benefici ancillari. A differenza dei benefici primari di abbattimenti di Gas serra che maturano nel lungo periodo (almeno decenni) e tendono a materializzarsi in una dimensione geografica globale o comunque non simmetrica rispetto al locus degli abbattimenti - i benefici ancillari tendono a determinarsi nel breve periodo e localmente, gli effetti riversandosi su comunità e/o aree relativamente vicine ai punti di origine delle emissioni inquinanti. Questo aspetto li rende particolarmente utili in sede politica proprio per via del fatto che i ritorni determinati dai benefici ancillari si concretizzano nello stessa dimensione spazio/temporale dei costi di mitigazione. I benefici ancillari si possono dividere in 1) benefici per la salute, 2) benefici per l ambiente in generale (biodiversità, integrit\a di ecosistemi, risorse idriche etc.), e in 3) benefici residuali (congestione stradale, visibilità, manutenzione di edifici commerciali e artistici etc.). Gli effetti sulla salute rappresentano il fulcro degli studi dei benefici ancillari e contribuiscono la maggior quota di benefici. In generale gli effetti sulla salute dipendono dagli abattimenti di agenti inquinanti che derivano indirettamente da, ma congiuntamente a, riduzioni di CO 2, e in particolare: ozono 14 (O 3 ), ossidi di nitrogeno (NO x ), biossido di zolfo (SO 2 ) e particolati (PM 10, PM 2.5, solfati e nitrati). I settori implicati sono principlamente la produzione di energia, la produzione di cemento, trasporti e circolazione autostradale. Un altra serie di effetti importanti si riversa sugli ecosistemi e biodiversità, con danni principalmente legati ai processi di acidificazione ed eutroficazione in conseguenza delle emissioni di nitrogeno, zolfo e ozono. Inquinanti convenzionali producono altresí effetti dannosi su vegetazione e colture agricole, in principal modo ozono di bassa quota la cui diretta azione riduce la produttività delle colture agricole, ma anche ossidi di nitrogeno e biossido di zolfo, attraverso deposizioni acide. Più in generale, l inquinamento atmosferico agisce in via indiretta attraverso le interazioni con insetti, patogeni ed effetti meteorologici (come siccità). 14 In realtà l ozono non è emesso direttamente, ma si forma in seguito a rezioni fotochimiche agenti su altri elementi precursori dell ozono, quali volatile ogranic compounds, ossidi di nitrogeno etc. 4

5 Tra gli effetti residuali 15, si possono menzionare danni materiali a costruzioni (residenziali e commerciali, monumenti e siti di valore archeologico e culturale etc.), coseguenti a deposizioni acide, in particolare deposizioni asciutte di biossido di zolfo, ma anche deposizioni coseguenti alle cosiddette pioggie acide, ed effetti sulla visibilità, in principal modo dovuti ai particolati. La letteratura disponibile presenta una serie di stime dei benefici ancillari, di cui si riportano in particolare i risultati per il continente Europeo. De Leo et al. (2001) e Gatto et al. (2001), presentano un analisi comparativa delle emissioni di GHG, differenziando tre casi: business as usual, business as usual + Kyoto, e un caso di minimizzazione dei costi sociali della produzione di energia. Il risulato ottenuto è che abbattendo emissioni in modo tale da raggiungere gli obiettivi di Kyoto, attraverso un mix di produzione energetica diversificata e differente da quello attuale, vi sarebbero benefici ancillari pari a 1,5 miliardi di Euro. La conclusione degli autori è che la riduzione di inquinamento locale e regionale, e i relativi costi sociali e ambientali, siano ragioni sufficienti perché si proceda ad abbattimenti di GHG, semplicemente in considerazione dei benefici ancillari di tali abbattimenti. Rosendhal (2000), esamina danni da esposizione a PM 10 e NO 2 in quattro contesti urbani norvegesi. Lo studio stima le morti premature annuali dovute ad esposizione a PM 10 in 2.200, e altri effetti sulla salute, come casi di bronchite cronica e altre malattie polmonari croniche - sia per bambini che per adulti sono stimate in centinaia di casi l anno. I costi per la salute pubblica sono stimati tra i 2,5 e i 28 miliardi di corone norvegesi all anno. Barker e Rosendhal presentano nel loro studio stime di benefici ancillari derivanti da abbattimenti secondari di SO 2, NO x e PM 10. Gli autori producono valutazioni basate su 3 diversi scenari carbon tax pan-europea, ET, approccio misto tutti calibrati al raggiungimento degli obiettivi stabiliti nel Protocollo di Kyoto e con geolocalizzazione in Europa occidentale. Il valore cumulativo dei benefici è stimato in 9 miliardi di Euro, pari a benefici di 138 Euro per tonnellata di CO 2 equivalente abbattuta, a fronte di costi di abbattimenti stimati tra i 134 e i 158 Euro per tonnellata di CO 2 equivalente 16. In percentuale di costi di abbattimento, i benefici ancillari stimati riducono i costi di abbattimento dei GHG tra l 87% e il 102% 17. Tre notazioni. 15 Per una trattazione completa dei vari effetti di inquinanti atmosferici si veda, tra gli altri, IPCC 2001 e OECD Le stime sono presentate dagli autori come conservative. 17 Dove l eccesso rispetto al 100% rappresenta costi negativi 5

6 In primo luogo, le stime in Barker e Rosendhal misurano i benefici ancillari a fronte di una baseline calibrata in modo tale che le emissioni nel 2010 risultino conformi agli obiettivi del Protocollo di Goteborg 18. In mancanza di tali riduzioni delle emissioni, le stime potrebbero più che raddoppiare 19. In secondo luogo, Barker e Rosendhal non considerano benefici derivanti da riduzioni delle esternalità relative al traffico automobilistico. La loro inclusioni verrebbe a determinare benefici ancillari ulteriori almeno pari a quelli stimati. Infine, è importante notare come in Baker e Rosendhal effetti sulla salute nei centri urbani non siano trattati. Questa è una delle ragioni per cui danni derivanti da PM 10 sono comparativamente minori rispetto ad altri studi. Possiamo infine presentare i risultati di Kverndokk e Rosendhal, , che hanno analizzato la letteratura esistente sui benefici ancillari di politiche di abbattimento di GHG ai livelli prescritti dal protocollo di Kyoto in UK, Svezia e Norvegia 21. La distribuzione dei benefici ancillari, stimata in USD/tonnellata di CO 2 equivalente varia in misura significativa. Ma Ekins (1996) stima il valore monetario medio dei benefici ancillary in USD per tonnellata di carbonio ridotta, equivalente a costi di mitigazione riportati nella letteratura per livelli di abbattimento di CO 2 medio-alti 22. Nella maggior parte dei casi, benefici ancillari compensano in tutto o in buona parte i costi di abbattimento di CO 2. Più recentemente, l Agenzia Ambientale Europea ha pubblicato un rapporto che esamina le relazioni tra inquinamento e, rispettivamente, air quality targets, politiche climatiche e benefici ancillari, basato su un analisi di 4 diversi scenari aventi limite temporale al 2030, e con diverse strutture di policies e policy mixes al fine di valutare differenze sia nelle riduzioni di sostanze inquinanti che nei valori di costi e benefici al mutare di livelli di abbattimento e strumenti utilizzati. I risultati dell analisi mostrano come i benefici ancillari derivanti da politiche climatiche sono di due tipi: cost savings con riguardo a pre-esistenti air pollution targets e benefici per la salute pubblica. 18 Per una dettagliata analisi, si veda Ellingsen, C è anche da considerare che abbattimenti di emissioni conformi allo European Protocol on Transboundary Emissions derivanti da politiche climatiche vanno calcolati come cost savings e quindi benefici ancillari. 20 Lo studio è diviso in due parti: una è quella riportata qui e che esamina benefici ancillari, l altra analizza altri, e più tradizionali, effetti sulle economie dei paesi esaminati di politiche climatiche, di cui si discuterà più avanti. 21 Lo studio esamina in realtà UK, Irlanda, e i quattro paesi nordici. La letteratura esaminata che tratta di benefici ancillari però riguarda solamente UK, Svezia e Norvegia. 22 Kverndokk and Rosendhal, ib. 6

7 Questi ultimi sono stimati essere tra i 16 e i 46 miliardi di Euro l anno nell area EU Altre stime includono: morti premature evitate, un aumento medio dell aspettativa di vita di 0,7 anni, casi in meno di bronchite cronica e 17 milioni in meno di restrcicted activity days. Lo studio, nella conclusione, avverte che una serie di fattori non sono stati calcolati, determinando una sottostima dei benefici 24. Nel contesto dell Unione Europea (EU15 e EU25), uno studio di van Vuuren et al. ha analizzato tre scenari diversi: 1) abbattimenti domestici 2) trading limitato 3) trading inclusivo di permessi di emissione in surplus 25. Gli autori stimano i benefici ancillari dei tre scenari come cost savings in relazione agli obiettivi europei di abbattimento di inquinanti atmosferici così come stabiliti dal Protocollo di Goteborg 26 e dalla Direttiva Europea sui National Emissions Ceilings. Le stime dei benefici ancillari nello studio variano da 6,6 miliardi di Euro l anno (a fronte di costi di politiche climatiche stimati in 12 miliardi di euro l anno) nello scenario 1 ai 2,5 miliardi di Euro l anno (a fronte di costi stimati in 4 miliardi di Euro l anno) nello scenario 3. Rimane da sottolineare che van Vuuren et al. calcolano benefici ancillari solamente come cost savings, senza tentare stime di benefici alla salute e agli ecosistemi conseguenti abbattimenti di inquinanti atmosferici convenzionali ridotti in eccesso agli obiettivi del protocollo di Goteborg 27, ma qui lo scopo era semplicemente di evidenziare le differenti conseguenze in termini di distribuzione regionale dei benefici ancillari a seconda delle politiche di mitigazione scelte. Data la natura internazionale dell ET, così come configurato nel Protocollo di Kyoto e successivi Marrakesh Accords, e dall altra parte la natura primariamente locale e/o regionale dei benefici ancillari, è necessario a questo punto esaminare la relazione tra abbattimenti domestici e abbattimenti internazionali. 23 Le stime sono maggiori per i paesi accessionari dell Europa dell Est. 24 [ ] emissions of greenhouse gases from aviation and marine shipping are not included in the climate policies in the Climate Action scenario. If GHG emissions from those sources were controlled, additional benefits for air pollution would be available. Finally, ancillary effects beyond air pollution abatement are not addressed, e.g. improved energy security, level and composition of economic growth, employment effects and other environmental implications such as for waste., EEA Permessi in surplus sono quei permessi attribuiti a paesi con economia in transizione dell Europa Centro- Orientale che a seguito delle ristrutturazioni economiche avvenute in conseguenza degli eventi politici degli anni 90 si ritrovano con proiezioni di emissioni significativamente minori rispetto agli obblighi di abbattimento loro assegnati dal protocollo di Kyoto. Questo è comunemente chiamato il problema della hot air. 26 Gothenburg Protocol to the Convention on Long-range Transboundary Air Pollution (CLTRAP) to Abate Acidification, Eutrophication and Ground-level Ozone. 27 Gli autori riportano, ad esempio, le seguenti stime per lo scenario 1: emissioni di SO 2 sono ridotte di 15% al di sotto della baseline, emissioni di NO x del 7% ed emissioni di PM 10 del 5%. 7

8 È indubbio che l esistenza di benefici ancillari a politiche di mitigazione di GHG porti ad una riconsiderazione dei benefici dell ET. Nella misura in cui uno Stato partecipi al trading internazionale, e quindi acquisti riduzioni di emissioni effettivamente abbattute altrove, detto Stato verrebbe a rinunciare ai mancati benefici ancillari altrimenti associati alle riduzioni delle emissioni sul proprio territorio. La ragione di questa situazione è il frutto della differenza tra i costi privati e i costi sociali delle emissioni di GHG, che viene ad essere determinante nelle scelte di abbattimento per via della partecipazione di agenti privati a schemi di ET, piuttosto che di singoli Stati. Due studi che analizzano la relazione tra ET e benefici ancillari locali sono utili ai fini di stabilire i parametri di politiche di abbattimento di GHG ottimali. Il primo studio, svedese, di Nilsson et al. (2000) considera due ipotesi nell ambito del quadro degli obiettivi di abbattimento come stabiliti dal Protocollo di Kyoto: abbattimenti di CO 2 attraverso ET e attraverso politiche domestiche. Nel secondo caso, benefici ancillari relativi ad effetti di eutroficazione e acidificazione conseguenti ad emissioni di SO 2 e NO x costituiscono un parametro importante ai fini della determinazione dell efficienza economica delle scelte di politiche di mitigazione. Lo studio utilizza un modello CGE. La conclusione è che risulta più efficiente perseguire politiche di mitigazione domestica rispetto alla partecipazione all ET 28. Si noti come benefici ancillari relativi a effetti sulla salute non sono considerati. Il secondo studio, Shleiniger (2001), si riferisce alla Svizzera. L analisi è diretta ad analizzare le distorsioni generate da ET internazionale quando vi sia la persistenza di esternalità locali. Ferma restando la necessità di qualificare le specifiche caratteristiche nazionali, e in particolar modo densità di popolazione e factor endowment, la conclusione di Shleiniger è che l acquisto di permessi di emissione sui mercati internazionali determini un welfare loss, per la Svizzera in particolare, ma anche, come estrapolazione, in generale per paesi economicamente avanzati. Conclusione Dalla rivista della letteratura chiaramente emerge come la considerazione e inclusione di benefici ancillari di politiche di mitigazione climatica sia fondamentale per ottenere una visione globale dei costi e benefici di tali politiche e quindi debba necessariamente informare scelte 28 Le conclusioni dello studio sono cautamente qualificate in relazione ad una serie di incertezze. Si rinvia allo stesso per dettagli su tali incertezze. 8

9 regolatorie; si è visto anche come l esistenza di tali opportunità rappresenti un solido argomento a sostegno dell utilizzo supplementare di ET nell ambito delle politiche di mitigazione climatica tese ad adempiere agli obblighi stabiliti nel Protocollo di Kyoto. Il principio di supplemetarietà andrebbe quindi chiarificato nei suoi specifici contenuti in modo tale da sfruttare il suo portato normativo al fine di indirizzare politiche climatiche verso sostenibilità politica, economica ed ambientale. Sostenibilità politica in virtù delle connotazioni delle opzioni no-regrets: i benefici sono vicini nel loro aspetto sia spaziale che temporale, garantendo un feedback veloce e un comune orizzonte temporale di costi e benefici e quindi di più facile accettabilità. Sostenibilità economica in virtù degli obiettivi di efficienza energetica e tecnologica che verrebbero perseguiti attraverso l eliminazione (o riduzione) di esternalità negative e i cost savings dovuti all integrazione di politiche volte a ridurre emissioni di una serie di inquinanti atmosferici con le politiche climatiche. Sostenibilità ambientale in virtù dell efficacia delle riduzioni sul territorio di emissioni responsabili sia dei cambiamenti climatici che di inquinamento atmosferico collegato ad effetti su salute, agricoltura, ecosistemi e biodiversità; e per via del ritorno politico di tali investimenti, in special modo avendo riguardo alle ripercussioni internazionali nel quadro dei negoziati per uno scenario di politiche climatiche post-kyoto: ET è spesso stato marchiato come un rigetto di responsabilità da parte di ONG e paesi in via di sviluppo, in special modo con riferimento alla cosiddetta hot air, per cui procedere ad abbattimenti domestici porterebbe benefici in termini di volontà di partecipazione a futuri sforzi di mitigazione della comunità internazionale. Inoltre, l applicazione del principio di supplementarietà darebbe un chiaro segnale che i paesi industrializzati prendono seriamente il ruolo di leadership loro assegnato dalla UNFCCC in conformità con il principio di comune ma differenziate responsabilità. NOTA SULL AUTORE Vito De Lucia, laureato in Giurisprudenza all'università La Sapienza di Roma, è un autore della Encyclopedia of Earth. Collabora con riviste e NGO in materia di Sviluppo Sostenibile. I suoi interessi accademici coprono, inter alia, Diritto Internazionale Ambientale, Politica economica dei cambiamenti climatici, Diritto e Politica dello Sviluppo Sostenibile, Diritti Umani. È in procinto di iniziare un Dottorato di Ricerca in Gran Bretagna in materia di Diritto e Politica dello Sviluppo Sostenibile. È membro della International Society of Ecological Economics e della International Law Society. 9

10 BIBLIOGRAFIA Aaserud, M., (1996), Costs and Benefits of Climate Policies: An Integrated Economy-Energy- Environment Model Approach for Norway. In B. Madsen, C. Jensen-Butler, J.B. Mortensen, A.M. Bruun Christensen (eds.): Modelling the Economy and the Environment, Springer, Berlin. AEA (1999) Economic Evaluation of Proposals Under the UNECE Multi-effects and Multi-pollutant Protocol, report ordered by the European Commission DG XI for UNECE/TFEAAS, AEA Technology, January Ashford, N.A., (2000), An Innovation-Based Strategy for a Sustainable Environment in Innovation- Oriented Environmental Regulation: Theoretical Approach and Empirical Analysis, J. Hemmelskamp, K. Rennings, F. Leone (Eds.) ZEW Economic Studies. Springer Verlag, Heidelberg, New York 2000, pp (Proceedings of the International Conference of the European Commission Joint Research Centre, Potsdam, Germany, May 1999.) Barker, T. e Rosendahl, K.E., (2000), Ancillary Benefits of GHG Mitigation in Europe: SO 2, NO x and PM 10 Reductions from Policies to Meet Kyoto Targets Using the E3ME Model and EXTERNE Valuations - OECD, Paper prepared for the Workshop on Assessing the Ancillary Benefits and Costs of GHG Mitigation Strategies held on March Brendemoen, A. and H. Vennemo, (1994) A Climate Treaty and the Norwegian Economy: A CGE Assessment. The Energy Journal, 15(1), Butraw et al., (1999), Ancillary Benefits of Reduced Air Pollution in the U.S. from Moderate Greenhouse Gas Mitigation Policies in the Electricity Sector, Discussion Paper 99-51, Resources for the Future, Cellerino, R., (1993) Oltre la tassazione ambientale. Nuovi strumenti per il controllo dell inquinamento, Il Mulino, IT Coase, R. (1960). The Problem of Social Cost, The Journal of Law and Economics 3(October): Cornes, R. e Sandler, T., (1986), The theory of externalities, public goods and club goods, Cambridge University Press DeCanio, S., Barriers within firms to energy-efficient investments, Energy Policy 21(9), De Leo, G. A., L. Rizzi, A. Caizzi, and M. Gatto, (2001), The economic benefits of the Kyoto Protocol. Nature 413: De Lucia, V., (2006), Towards a post-kyoto regime: a review of the supplementarity principle, ancillary benefits and emissions trading, working paper, December

11 De Lucia, V., (2007), Is supplementarity sustainable? Environmental, economic, health and political reasons supporting domestic climate actions, working paper, March 2007 Ecofys, (2006), Initial Assessment of National Allocation Plans for phase II of the EU Emission Trading Scheme, Novembre 2006 Ekins, P., (1996) How large a carbon tax is justified by the secondary benefits of CO2 abatement?. Resource and Energy Economics, 18(2), Ellerman D. and Buchner B. Over-Allocation or Abatement? A Preliminary Analysis of the EU ETS Based on the 2005 Emissions Data, Fondazione Enrico Mattei (FEEM), Nota di Lavoro Ellingsen, G.A., K.E. Rosendahl and A. Bruvoll, (2000), Industrial benefits and costs of greenhouse gas abatement strategies: Applications of E3ME - Inclusion of 6 greenhouse gases and other pollutants into the E3ME model, Working Paper No 9b, Cambridge Econometrics, UK. European Commission, (1995), ExternE: Externalities of energy. Volumes 1-6. European Commission, Brussels, Belgium, European Environmental Agency, Air quality and ancillary benefits of climate change policies, EEA Technical report 4/2006, Glomsrød, S., A. C. Hansen, and K. E. Rosendahl, (1996), Integrering av miljøkostnader i makroøkonomiske modeller (Integrating environmental costs into macroeconomic models). Rapporter 96/23, Statistics Norway. FEEM, (1997), ExternE National Implementation, Italy - Final Report, Ottobre Fuentes, L., Sauma, E., Jorquera, H., Soto, F., Preliminary Estimation of the potential ancillary benefits for Chile, OECD, 2000 Gatto, M., A. Caizzi, L. Rizzi, and G. A. De Leo, (2002), The Kyoto Protocol is cost-effective. Conservation Ecology 6(1): r11. Goodin, R. E., (1994), Selling Environmental Indulgences. Kyklos 47(4): Heinzerling, L., (1995), Selling Pollution, Forcing Democracy. Stanford Environmental Law Journal 14(May): Håkonsen, L. e L. Mathiesen, (1997), CO 2 -Stabilization May Be a No-Regrets Policy. Environmental and Resource Economics, 9(2), IPCC, (2001), Summary for policy-makers: mitigation, IPCC, (2001), Third Assessment Report, Working Group I: The Scientific Basis, Cambridge University Press

12 IPCC, (2001), Third Assessment Report, Working Group II: Impacts, Adaptation and Vulnerability, Cambridge University Press 2001 IPCC, (2001), Third Assessment Report, Working Group III: Mitigation, Cambridge University Press 2001 IPCC, (2007), 4th Assessment Report, Working Group I: The Scientific Basis - Summary for policy makers, Paris, 2007 IPCC, (2007), 4th Assessment Report, Working Group II: Impacts, Adaptation and Vulnerability - Summary for policy makers, Brussel, 2007 Johnsen, T. A., B. M. Larsen, and H. T. Mysen, (1996), Economic impacts of a CO2 tax. In K. H. Alfsen, T. Bye, and E. Holmøy, (eds.): MSG-EE: An Applied General Equilibrium Model for Energy and Environmental Analyses, Social and Economic Studies 96, Statistics Norway. Johnston A. Free Allocation of Allowances under the EU trading scheme: legal issues, Climate Policy 6 (2006) Kenkel D., Using Estimates of the Value of a Statistical Life in Evaluating Regulatory Effects, in Valuing the Health Benefits of Food Safety: A Proceedings, Economic Research Service (ERS), US Department of Agriculture, 2001 Kyoto Protocol, (1997), Legal Text, Kysar D. Sustainability, Distribution, and the Macroeconomic Analysis of Law, 43 Boston College Law Review 1-71 (2001) Krause, F., Baer, P:, DeCanio, S.: Cutting Carbon Emissions at a profit: Opportunities for the U.S., International Project for Sustainable Energy Paths (IPSEP), 2001 Krause, F., Koomey, J. Olivier, D.: Cutting Carbon Emissions while making money Climate Saving Energy Strategies for the European Union, International Project for Sustainable Energy Paths (IPSEP), 2000 Krewitt, W., T. Heck, A. Trukenmüller and R. Friedrich, (1999): Environmental damage costs from fossil electricity generation in Germany and Europe, Energy Policy 27, Kverndokk, S. e Rosendhal, K. E., (2000), CO 2 mitigation costs and ancillary benefits in the Nordic countries, the UK and Ireland: A survey, Memorandum n 24/2000, Department of Economics, University of Oslo, Ottobre 2000, ISSN: Kverndokk S. e Rosendahl, K. E., (2002), Mitigation costs, distributional effects, and ancillary benefits of carbon policies in the Nordic countries, the UK, and Ireland, Mitigation and Adaptation Strategies for Global Change, vol. 7, no. 4, pp , Malueg, D.A. Emission Credit Trading and the Incentive to Adapt New Pollution Abatement Technology Journal of Environmental Economics and Management, Vol. 16, No. 1, January 1989 Marrakech Accords, (2001), 12

13 Neuhoff K., Martinez K. K., Sato M. Allocation, incentives and distortions: the impact of EU ETS emissions allowance allocations to the electricity sector, Climate Policy 6 (2006) Nilsson, C. and A. Huhtala, (2000), Is CO2 trading always beneficial? A CGE-model analysis on secondary environmental benefits. Draft version, National Institute of Economic Research, Stockholm. OECD, (2000), Ancillary benefits and costs of greenhouse gases mitigation, Proceedings of an IPCC-sponsored workshop, marzo 2000, Washington DC, USA. Parry, I., Pollution Taxes and Revenue Recycling, Journal of Environmental Economics and Management 29: S64-S77 Parry, I., Are Emissions permits Regressive? Discussion Paper 03-21, 2003, Resources for the Future, Pearce, D., (2000), Policy Frameworks for the Ancillary Benefits of Climate Change Policies - OECD, Paper prepared for the Workshop on Assessing the Ancillary Benefits and Costs of GHG Mitigation Strategies held on March Rao, P.K., (2000), Sustainable Development: Economics and Policy, Blackwell Publishers Rao, P.K., (2002), International Environmental Law and Economics, Blackwell Publishers Rosendahl, K.E., (2000), Helseeffekter og samfunnsøkonomiske kostnader av luftforurensning, SFT-report 1718/2000, Norwegian Pollution Control Authority, Oslo. Sáez, R.M. e P. Linares, (1999), The national implementation in the EU of the Externe accounting framework, CIEMAT, Madrid. Schleiniger, R., (2001), Global CO2-Trade and Local Externalities, Institute for Empirical Research in Economics, University of Zurich, Working Paper Series, Working Paper #77, 2001 Schleisner, L. e P.S. Nielsen, (1997), External Costs Related to Power Production Technologies. ExternE National Implementation for Denmark, Risø-R-1033 (App.1)(EN), Risø National Laboratory, Roskilde, Denmark. Stern, N., (2006), Economics of Climate Change. The Stern Review, Cambridge University Press, 2006 Tietenberg, T. H. (1998), Ethical Influences on the Evolution of the US Tradeable Permit Approach to Pollution Control. Ecological Economics 24(2,3): Tietenberg, T. H., (1999), Tradable permit approaches to pollution control: faustian bargain or paradise regained?, in Kaplowitz, M.D., 1999: Property Rights, Economics, and the Environment. Stamford, CT: JAI Press Inc. 13

14 Van Vuuler et al. Exploring the ancillary benefits of the Kyoto Protocol for air pollution in Europe, Energy Policy 34 (2006) Wang et al., (1999), Secondary Benefits of Greenhouse Gas Control: Health Impacts in China, Environmental Science and Technology 1999, 33, Wara, M., (2007), Is the global carbon market working? Nature 445:595, 8 February Zhong Xiang Zhang, (1998), Towards a Successful International Greenhouse Gas Emissions Trading, Journal of Environmental Law 14

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 BoCaM Il contesto dal quale nasce il progetto Le iniziative pregresse Il percorso Kyoto meccanismi di mercato: il sistema ETS International Emissions Trading I paesi

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Gli strumenti delle politiche ambientali. Il caso del protocollo di Kyoto.

Gli strumenti delle politiche ambientali. Il caso del protocollo di Kyoto. Gli strumenti delle politiche ambientali. Il caso del protocollo di Kyoto. Giovanna Garrone Corso di Formazione per Dottorandi, 2 ciclo 11 ottobre 2006 Politica ambientale e concetti dell economia: due

Dettagli

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 25 settembre 2013 Kyoto meccanismi flessibili Il protocollo di Kyoto

Dettagli

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it CRESCITA ECONOMICA, COMMERCIO INTERNAZIONALE E AMBIENTE NATURALE: DINAMICHE E INTERAZIONI Valeria Costantini CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it 1 CAMBIAMENTO CLIMATICO E PROTOCOLLO DI KYOTO

Dettagli

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto SUSTAINABILITY SERVICES Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto Massimiliano Rigo 24 ottobre 2006 ADVISORY 2006 KPMG Advisory

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato

Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato The Adam Smith Society Massimo Orlandi Amministratore Delegato Sorgenia Roma, 22 gennaio 28 Sorgenia: Il primo operatore privato italiano nel settore

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica.

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA Milano, 19 aprile 2012 CDM Inquadramento nelle politiche climatiche La risposta internazionale al problema

Dettagli

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA Proteggere il clima conviene L AZIONE Vincenzo Ferrara ENEA COSA FARE L obiettivo della azioni L obiettivo è la stabilizzazione delle concentrazioni atmosferiche dei gas serra ad un livello tale da prevenire

Dettagli

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Edilio Valentini (Universita G. D Annunzio di Chieti-Pescara) Piano della lezione Analisi delle principali caratteristiche teoriche e di funzionamento dei permessi

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON)

POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON) POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON) D. Contini Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, ISAC-CNR, Lecce, Italy www.programmemed.eu

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Efficienza energetica e low carbon society dalla Direttiva Edifici ad Energia quasi Zero alla rigenerazione urbana in chiave climatica

Efficienza energetica e low carbon society dalla Direttiva Edifici ad Energia quasi Zero alla rigenerazione urbana in chiave climatica Efficienza energetica e low carbon society dalla Direttiva Edifici ad Energia quasi Zero alla rigenerazione urbana in chiave climatica Roma, 4 giugno 2014 Acquario Romano Piazza Manfredo Fanti, 38 Alessandra

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Fondazione Lombardia per l Ambiente Milano, 26 giugno 2014 Emissioni annuali

Dettagli

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Alcuni Dati sul Clima La temperatura media del pianeta è in crescita (0,3-0,6 C dal 1860) Il livello dei mari è aumentato (10-25 cm) Il 20 secolo è il più caldo

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Modelli integrati territoriali per l utilizzo dei biocarburanti Università di Teramo spapa@unite.it Riscaldamento terrestre Secondo

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Castellavazzo 06/07/2010 Elena Dalla Valle Tommaso Anfodillo INQUADRAMENTO GENERALE I Conferenza mondiale sul Clima Ginevra Protocollo di

Dettagli

L Italia, Kyoto e la Direttiva Emissions Trading:

L Italia, Kyoto e la Direttiva Emissions Trading: TER_set_migliavacca 7-09-2005 10:45 Pagina 33 di Enzo Di Giulio, Stefania Migliavacca L Italia, Kyoto e la Direttiva Emissions Trading: alcune riflessioni quantitative sui costi al 16 febbraio 2005 il

Dettagli

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE VII Introduzione... XIII Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE CAPITOLO 1 STRUMENTI ECONOMICI A TUTELA DELL AMBIENTE E TRADABLE POLLUTION RIGHTS 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0 Carbon Footprint VII - 0 Gestione delle emissioni di gas serra Settore cogente Settore volontario VII - 1 L impronta climatica Carbon Footprint Carbon Footprint di di azienda azienda Carbon Footprint di

Dettagli

SEFIRA. Socio Economic Implications For Individual Responses to Air Pollution policies in EU+27 POLICY BRIEF

SEFIRA. Socio Economic Implications For Individual Responses to Air Pollution policies in EU+27 POLICY BRIEF SEFIRA Socio Economic Implications For Individual Responses to Air Pollution policies in EU+27 POLICY BRIEF --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La roadmap delle imprese green su energia e clima in vista della COP 21 di Parigi

La roadmap delle imprese green su energia e clima in vista della COP 21 di Parigi La roadmap delle imprese green su energia e clima in vista della COP 21 di Parigi Raimondo Orsini Direttore Fondazione per lo sviluppo sostenibile Copyright 2008 - Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli

Obiettivi (Progetto esecutivo)

Obiettivi (Progetto esecutivo) Programma delle Ricerche Strategiche 2004/2005 Produzione e uso razionale e sostenibile dell energia - Parte III Project leader: Alessandro Colombo Emission trading in Lombardia: Studio per una ipotesi

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

La sfida della mitigazione dei cambiamenti climatici. Prof. Stefano Caserini. Cosa possiamo fare? - Rinviarlo o affrontarlo in modo superficiale

La sfida della mitigazione dei cambiamenti climatici. Prof. Stefano Caserini. Cosa possiamo fare? - Rinviarlo o affrontarlo in modo superficiale La sfida della mitigazione dei cambiamenti climatici Prof. Stefano Caserini Politecnico di Milano, D.I.C.A. Sez. Ambientale Cosa possiamo fare? - Negare il problema - Rinviarlo o affrontarlo in modo superficiale

Dettagli

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (giugno 2014)

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (giugno 2014) FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (giugno 2014) POSIZIONE ATTUALE: Collaboratore presso il Dipartimento per la Regolazione dell Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico,

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di FOGGIA DIPARTIMENTO di ECONOMIA (DEPARTMENT of ECONOMICS)

UNIVERSITA degli STUDI di FOGGIA DIPARTIMENTO di ECONOMIA (DEPARTMENT of ECONOMICS) UNIVERSITA degli STUDI di FOGGIA DIPARTIMENTO di ECONOMIA (DEPARTMENT of ECONOMICS) CORSO DI LAUREA/CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in Marketing Management Master Degree Programme: Marketing Management a.a.

Dettagli

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (aprile 2015)

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (aprile 2015) POSIZIONE ATTUALE: FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (aprile 2015) - Collaboratore presso la Direzione Mercati Elettrici e Gas dell Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico

Dettagli

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il Effetto serra ad alta quota di Leonardo Massai* altri inquinanti dei trasporti aerei nazionali e internazionali. Inoltre, secondo quanto deciso dal comitato esecutivo per il Clean Development Mechanism

Dettagli

Il problema CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Il problema CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI Il problema; La Convenzione Quadro per i Cambiamenti Climatici e il Protocollo di Kyoto; Cosa si

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra H 2 Info: Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova galleria Spagna, 35 35127 Padova tel 049 8991811 fax 049 761156

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

La Gestionale Ambientale in Enel

La Gestionale Ambientale in Enel La Gestionale Ambientale in Enel Il contesto della Gestione Ambientale Politiche, Regolazione e principi internazionali Corporations Impatti sugli ecosistemi locali Impatti sull ecosistema globale Movimenti

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

CAMBIARE STRADA. è POSSIBILE?

CAMBIARE STRADA. è POSSIBILE? CAMBIARE STRADA è POSSIBILE? CAMBIARE STRADA sembra ragionevole? che il modello di sviluppo attuale dei paesi industrializzati basato sul consumo sempre crescente di risorse energetiche possa mantenersi

Dettagli

Programma LIFE 2015 Ambiente e azione per il clima. EURODESK Brussels - Unioncamere Lombardia Maggio 2015

Programma LIFE 2015 Ambiente e azione per il clima. EURODESK Brussels - Unioncamere Lombardia Maggio 2015 Programma LIFE 2015 Ambiente e azione per il clima EURODESK Brussels - Unioncamere Lombardia Maggio 2015 Obiettivi generali Il programma LIFE è lo strumento di finanziamento dell'ue che contribuisce all'attuazione,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Tokyo Cap and Trade Program (TCTP) Progetto LAIKA Mid-term Conference Bologna, 3 Maggio 2012 Andrea Accorigi Dottorato IAPR andrea.accorigi@gmail.com 1 Indice

Dettagli

Carbon Solutions in UniCredit Group. Giorgio Capurri Public and Community Relations

Carbon Solutions in UniCredit Group. Giorgio Capurri Public and Community Relations Carbon Solutions in UniCredit Group Giorgio Capurri Public and Community Relations Green Globe Banking Award - Roma, 22 Aprile 2008 UN GRANDE GRUPPO BANCARIO EUROPEO Gruppo UniCredit Dati principali 1

Dettagli

Potenzialità dei Rifiuti per la riduzione dei gas climalteranti

Potenzialità dei Rifiuti per la riduzione dei gas climalteranti Con il Protocollo di Kyoto, l'ue-15 si è data come obiettivo di ridurre, entro il 2012, le loro emissioni collettive di gas ad effetto serra dell'8% rispetto ai livelli del 1990. Nel dicembre 2008 gli

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano L effetto serra I principali gas serra (oltre al vapore acqueo) Gas serra Anidride carbonica

Dettagli

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Andrea Ronchi Business Development Manager Milano, 6 Maggio 2015 www.ecoway.it Member of: EcoWay S.p.a. L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima società italiana

Dettagli

Cambiamenti climatici e trasporti. Ing. Stefano Caserini LEAP D.I.C.A., Politecnico di Milano

Cambiamenti climatici e trasporti. Ing. Stefano Caserini LEAP D.I.C.A., Politecnico di Milano Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Seminario: Traffico veicolare e inquinamento dell aria Bergamo, 9 giugno 2014 Cambiamenti climatici e trasporti Ing. Stefano Caserini LEAP D.I.C.A., Politecnico

Dettagli

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Carbomark LIFE07 ENV/IT/000388 CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Alessandro Peressotti Centro Congressi Torino Incontra 15/16 Novembre 2011

Dettagli

La razionalità economica di una politica dell efficienza energetica

La razionalità economica di una politica dell efficienza energetica La razionalità economica di una politica dell efficienza energetica Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Cantiere Efficienza, Padova 17 novembre 2014 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Silvia Coderoni Istituto Nazionale di Economia Agraria Conferenza Finale Progetto LIFE- GAS OFF-Integrated strategies for ghg mitigation in

Dettagli

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

Impact Investing & Agribusiness. Claudio Soregaroli 22 giugno 2015

Impact Investing & Agribusiness. Claudio Soregaroli 22 giugno 2015 Impact Investing & Agribusiness Claudio Soregaroli 22 giugno 2015 Chi siamo SMEA Alta Scuola in Management ed Economia Agro-Alimentare La missione è promuovere la conoscenza manageriale ed economica nel

Dettagli

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE Gli impatti previsti varieranno in maniera significativa tra le varie regioni del globo. Particolarmente gravi saranno le conseguenze per i Paesi in via di sviluppo, i più

Dettagli

Lo scenario energetico italiano e le politiche di abbattimento dei gas serra

Lo scenario energetico italiano e le politiche di abbattimento dei gas serra Lo scenario energetico italiano e le politiche di abbattimento dei gas serra Enzo Di Giulio Eni Corporate University - Scuola Mattei enzo.digiulio@enicorporateuniversity.eni.it Abstract: The Kyoto Protocol

Dettagli

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Provincia Autonoma di Bolzano, 20 marzo 2015 L'Alto Adige verso KlimaLand - 2 giornata dell'energia in Alto Adige Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Paolo Zancanella European

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Analisi delle implicazioni dell applicazione dell emission trading scheme al trasporto aereo

Analisi delle implicazioni dell applicazione dell emission trading scheme al trasporto aereo Working Papers SIET 2009 - ISSN 1973-3208 Analisi delle implicazioni dell applicazione dell emission trading scheme al trasporto aereo Francesca Scaturro 1, Giuseppe Siciliano 2 1 CERTeT, Centro di Economia

Dettagli

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050 Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Negli ultimi anni diversi comuni hanno sperimentato attività volte alla riduzione delle

Dettagli

LE FONTI RINNOVABILI E IL RISPARMIO ENERGETICO: Il MERCATO E LA RICERCA LA MODERNIZZAZIONE ECOLOGICA DEL MERCATO ENERGETICO

LE FONTI RINNOVABILI E IL RISPARMIO ENERGETICO: Il MERCATO E LA RICERCA LA MODERNIZZAZIONE ECOLOGICA DEL MERCATO ENERGETICO LE FONTI RINNOVABILI E IL RISPARMIO ENERGETICO: Il MERCATO E LA RICERCA LA MODERNIZZAZIONE ECOLOGICA DEL MERCATO ENERGETICO ! "# # $!%!!$!! $!! $ Produzione di petrolio Variazione temperature www.hubbertpeak.com

Dettagli

Emission trading europeo e processi di eco-innovazione industriale

Emission trading europeo e processi di eco-innovazione industriale Emission trading europeo e processi di eco-innovazione industriale S. Pontoglio, R. Zoboli Istituto di Ricerca sull'impresa e lo Sviluppo, CNR, Milano, Italia Università Cattolica, Milano, Italia s.pontoglio@ceris.cnr.it

Dettagli

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI Risposta di Federacciai alla consultazione pubblica sulle misure strutturali per rafforzare il sistema ETS contenute nel Report della Commissione The state of the European carbon market in 2012 Register

Dettagli

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE PERIODICI CEE TITOLO periodico 1 COMMON MARKET LAW REVIEW KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE IN BIBLIOTECA DAL VERSIONE CARTA/ONLINE 2 CONSENSUS FORECASTS G7 COUNTRIES WESTERN EUROPE -SINGLE USER CONSENSUS ECONOMICS

Dettagli

LE RIFORME FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL

LE RIFORME FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL LE RIFORME FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL Stati Generali della Green Economy 7 novembre 2013 Rimini Ivana Capozza Senior Economist, Environmental Performance Reviews OECD Environment

Dettagli

Valutazione tramite prezzi di mercato

Valutazione tramite prezzi di mercato Valutazione tramite prezzi di mercato In una situazione di concorrenza perfetta, i prezzi rappresentano sia il costo marginale sociale di produzione, sia il valore marginale che i consumatori assegnano

Dettagli

PROGETTO KYOTO Ricerca sui cambiamenti climatici e il controllo dei gas-serra. serra in Lombardia

PROGETTO KYOTO Ricerca sui cambiamenti climatici e il controllo dei gas-serra. serra in Lombardia Milano, 9 giugno 2008 PROGETTO KYOTO Ricerca sui cambiamenti climatici e il controllo dei gas-serra serra in Lombardia Antonio Ballarin Denti Project leader 0 Progetto Kyoto Lombardia: storia Studio di

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

FTALab Laboratori di Fisica Tecnica Ambientale

FTALab Laboratori di Fisica Tecnica Ambientale Università di Roma Tor Vergata - Giornata dell Energia Roma, 1 Luglio 2009 FTALab Laboratori di Fisica Tecnica Ambientale Attività nel campo dell Energia UltimoTriennio Angelo Spena Zero Emissions & CCS

Dettagli

Dalla prospettiva del Tesoro: trade-off tra vari possibili obiettivi di policy

Dalla prospettiva del Tesoro: trade-off tra vari possibili obiettivi di policy Dalla prospettiva del Tesoro: trade-off tra vari possibili obiettivi di policy Riforma del sistema europeo per lo scambio di quote di emissione verso l elaborazione di un approccio italiano alla luce della

Dettagli

The ideal partner toward a more sustainable world. Lo sviluppo sostenibile partendo da un piano di cottura

The ideal partner toward a more sustainable world. Lo sviluppo sostenibile partendo da un piano di cottura The ideal partner toward a more sustainable world Lo sviluppo sostenibile partendo da un piano di cottura Chi siamo? CarbonSinkGroup s.r.l. è uno Spin-Off dell Università degli Studi di Firenze, specializzato

Dettagli

Le esternalità dei Trasporti

Le esternalità dei Trasporti Le esternalità dei Trasporti Silvia Orchi 5 Febbraio 2015 Il concetto economico ESTERNALITA Il termine esternalità si riferisce a una situazione in cui si produce una variazione di benessere ad opera di

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

Joint Research Center (JRC)

Joint Research Center (JRC) Milano 17 Maggio 1 Joint Research Center (JRC) Bilanci Energetici e Stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità Workshop Regione Lombardia Milano, 17 Maggio 2010 Linee

Dettagli

Calendario degli eventi organizzati e promossi dal Comitato Scientifico per Expo 2015 dal 1 maggio al 31 ottobre 2015

Calendario degli eventi organizzati e promossi dal Comitato Scientifico per Expo 2015 dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Calendario degli eventi organizzati e promossi dal Comitato Scientifico per Expo 2015 dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 In collaborazione con Expo in Città In collaborazione con la Commissione Europea In

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Gabriele Grea, CERTeT Università Bocconi Milano, 10 Aprile 2013 EnergyLab - Laboratorio dell Energia Sommario A. Potenzialità

Dettagli

SCENARI DI EMISSIONE DI GAS SERRA NELLE COMUNICAZIONI NAZIONALI. Roma, 22 aprile 2010. Mario Contaldi

SCENARI DI EMISSIONE DI GAS SERRA NELLE COMUNICAZIONI NAZIONALI. Roma, 22 aprile 2010. Mario Contaldi SCENARI DI EMISSIONE DI GAS SERRA NELLE COMUNICAZIONI NAZIONALI Roma, 22 aprile 2010 Mario Contaldi ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Dip. AMB, servizio Monitoraggio

Dettagli

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio Progetto Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Asiago, 29 settembre 2010 COGENTE: La direttiva europea 2003/87/CE istituisce il sistema europeo di scambio delle quote di emissione dei gas-serra

Dettagli

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Workshop Industria Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Gianluca Catalano Siram SpA Panel seminari efficienza energetica

Dettagli

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 1 Quadro normativo di riferimento (i) Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottata a New York

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S.

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Il Presidente ricorda che allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate

Dettagli

Le parole di Kyoto. Glossario

Le parole di Kyoto. Glossario Le parole di Kyoto. Glossario di Enzo Di Giulio In meno di dieci anni, a partire dalla Conferenza di Rio de Janeiro del 1992, la lotta al cambiamento climatico ha evidenziato progressi significativi. Cinque

Dettagli

Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia

Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia Il Biochar: un opportunità per il settore agricolo ed energetico Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia Costanza Zavalloni Università di Udine Giustino Tonon Libera Università

Dettagli

Il commercio dei permessi ambientali

Il commercio dei permessi ambientali Il commercio dei permessi ambientali (Emission Trading) Daniele Verdesca Dipartimento di economia politica Università di Siena Strumenti di mercato I permessi per i quali è autorizzato lo scambio od il

Dettagli

Anna Rita Germani Curriculum Vitae

Anna Rita Germani Curriculum Vitae ANNA RITA GERMANI Sezione di Economia e Finanza Facoltà di Giurisprudenza Università La Sapienza di Roma tel. 06.4991.0392; Fax: 06.4991.0490 email: annarita.germani@uniroma1.it Dati personali luogo di

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marco Cognome Gambini Indirizzo Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città Roma CAP 00133 Paese ITALIA Telefono (fisso) 06-72597214 Cellulare 339-4908297

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli