Gli effetti dell offshoring di servizi sulla produttività: Un analisi empirica su dati italiani ed europei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli effetti dell offshoring di servizi sulla produttività: Un analisi empirica su dati italiani ed europei"

Transcript

1 Gli effei dell offshoring di servizi sulla produivià: Un analisi empirica su dai ialiani ed europei Rosario Crinò Insiu d Anàlisi Econòmica, CSIC Absrac Queso lavoro sudia gli effei dell offshoring di servizi sulla produivià, usando dai comparabili sull Ialia e alri oo paesi europei. I risulai suggeriscono che l offshoring di servizi aumena la produivià, sia in Ialia sia negli alri paesi. Si risconrano, però differenze, secondo il ipo di servizi delocalizzai all esero: l offshoring di servizi professional di comunicazione, e d assicurazione e finanza ha effei posiiv menre l offshoring di servizi informaici ha effei negaivi. Quesi risulai sembrano coereni con una spiegazione basaa sulla variazione della composizione delle aivià domesiche indoa dall offshoring. Indirizzo: Insiu d Anàlisi Econòmica CSIC, Campus UAB, 08193, Bellaerra, Barcelona, Spagna.

2 1. Inroduzione I receni progressi nelle ecnologie d informazione e comunicazione hanno conribuio a modificare la naura del commercio inernazionale e le sraegie d inernazionalizzazione delle imprese. Fino al decennio scorso, infa i servizi erano rienui non commerciabili e gli scambi inernazionali riguardavano prevalenemene beni angibili; negli ulimi ann invece, il commercio di servizi è cresciuo rapidamene (Freund e Weinhold, 2002; Lipsey, 2006). Allo sesso empo, le imprese dei paesi indusrializzai hanno scopero nuove opporunià di riorganizzazione del processo produivo, basae sulla delocalizzazione di un insieme sempre più ampio d aivià erziarie in paesi a più basso coso della manodopera. Fino agli anni novana, la frammenazione inernazionale della produzione, o offshoring, ineressava fasi quali la realizzazione di componeni e di beni inermed o l assemblaggio di quesi ulimi nel prodoo finio (Feensra, 1998). Adesso, essa coinvolge anche moli dei servizi a supporo della produzione, e si sa progressivamene esendendo ad aivià a maggior valore aggiuno: infa si è velocemene passai da casi molo semplici d offshoring di serviz come l aperura di call cenres in India, ad esempi ben più compless che coinvolgono aivià quali la conabilià, la consulenza ingegnerisica e manageriale, la compilazione dei moduli fiscal e il sofware applicaivo (Uncad, 2004a,b; Ocse, 2007). Il fenomeno è sao così rapido che alcuni auori l hanno definio come La nuova rivoluzione indusriale (The Nex Indusrial Revoluion, Blinder, 2006), menre i media e gli economisi hanno velocemene rivolo l aenzione a comprenderne le conseguenze 2

3 per le economie indusrializzae. 1 La domanda che spesso ci si è posi è: che effei produrrà l offshoring di servizi sulla produivià e sul benessere di quesi paesi? 2 La ragione è che, se esisono vari moivi per rienere che la frammenazione inernazionale della produzione consena una più efficiene disribuzione delle aivià, con consegueni effei posiivi sulla produivià dei faori domesic non è chiaro se le sesse conclusioni si esendano auomaicamene all offshoring di serviz poiché le aivià erziarie sono, come deo, generalmene più complesse e a maggior valore aggiuno di quelle puramene produive. Al proposio, la leeraura eorica sembra suggerire che anche l offshoring di servizi può produrre effei posiivi sulla produivià e sul benessere, 3 ma gli sudi empirici hanno finora porao a conclusioni non univoche, probabilmene a causa dell uilizzo di da meodologie e indicaori d offshoring ra loro diversi. L obieivo di queso lavoro è fornire nuova evidenza empirica sugli effei dell offshoring di servizi sulla produivià, uilizzando dai comparabili sull Ialia e 1 Il dibaio sugli effei dell offshoring di servizi è sineizzao in Bhagwai e al. (2004), Samuelson (2004), Trefler (2005a,b), Blinder (2006), e Mankiw e Swagel (2006). 2 Un alra quesione di noevole ineresse riguarda gli effei sul mercao del lavoro. I risulai degli sudi empirici esiseni suggeriscono generalmene che l offshoring di servizi ha effei limiai sull occupazione oale (Amii e We 2005; Liu e Trefler, 2008), ma conribuisce ad aumenare le disuguaglianze salariali fra lavoraori con differeni livelli di qualifiche (Geishecker e Gorg, 2008; Becker e al., 2009; Crinò, 2009a,b,c). Quesi effei sono simili a quelli dell offshoring di maerial analizzai da un numero molo ampio di sudi (Feensra e Hanson, 2003). 3 Per alcuni conribu si vedano Bhagwai e al. (2004), Deardorff (2005), Markusen (2005), Anras e al. (2006, 2008), Baldwin e Rober-Nicoud (2007), Rodriguez Clare (2007), Grossman e Rossi-Hansberg (2008). 3

4 alre oo economie dell Unione Europea. Impiegando le informazioni di fone Eurosa sul commercio di servizi e sul sisema di avole inpu-oupu, saranno calcolai indicaori d offshoring di servizi per veni seori manifaurieri e erziari nel periodo Quesi indicaor che misurano la quoa d imporazione di cinque ipologie di servizi privai sul oale degli acquisi di inpu non energeici (Amii e We 2009), sono comparabili ra i nove paes grazie all adozione di un comune sisema di classificazione delle aivià (il sisema ESA-95) per la predisposizione delle avole inpu-oupu. Gli indicaori saranno combinai con informazioni su alre caraerisiche ecnologie e su alri fenomeni legai alla globalizzazione, conenue nel daa se EUKLEMS (Timmer e al., 2007). S inizierà presenando evidenza sulla relazione fra l offshoring di servizi e la più semplice delle misure di produivià, la produivià del lavoro. I risulai mosreranno che quesa relazione è posiiva sia in Ialia sia nell inero campione di paesi analizzai. Si passerà poi a simare modelli sruural basai sull uilizzo di funzioni di produzione Cobb-Douglas, per valuare gli effei dell offshoring di servizi su una misura più precisa dell efficienza produiva, la Produivià Toale dei Faori o TFP. L evidenza suggerirà che l offshoring di servizi aumena la TFP, ancora una vola sia in Ialia sia nell inero campione di paesi europei. A differenza degli sudi empirici preceden si analizzeranno non solo gli effei del fenomeno in aggregao, ma anche quelli specifici della delocalizzazione delle cinque ipologie di servizi. I risulai mosreranno che esise eerogeneià negli effei dell offshoring, secondo il ipo di aivià erziarie rasferie all esero. In paricolare, l analisi sull Ialia meerà in luce che l offshoring di servizi di comunicazione e di assicurazione e finanza conribuisce ad aumenare la produivià domesica, 4

5 indipendenemene dalla misura di efficienza uilizzaa (produivià del lavoro o TFP). Alle sesse conclusioni porerà l analisi sugli alri paesi europe che uavia mosrerà anche effei posiivi per l offshoring di servizi professional e negaivi per quello di servizi informaici. Si presenerà, infine, evidenza che suggerisce che quesi risulai possono essere coereni con una spiegazione basaa sulla modificazione delle aivià domesiche a favore di fasi a maggior valore aggiuno. Ciò sembra suggerire che, benché le aivià erziarie si caraerizzino mediamene per un più alo valore aggiuno rispeo a quelle produive, i paesi indusrializzai si specializzano comunque nei servizi più complessi e delocalizzano quelli più semplici in paesi a minor livello di sviluppo. Anche in queso caso, però, si risconrerà eerogeneià secondo il ipo d aivià rasferie all esero, coerenemene con i risulai precedeni. 4 La pare resane del lavoro è sruuraa come segue. La Sezione 2 coniene una breve rassegna dei conribui empirici esiseni; la Sezione 3 presena i dai e alcuni fai silizzai; la Sezione 4 analizza la relazione ra offshoring di servizi e produivià del lavoro, menre la Sezione 5 sudia gli effei dell offshoring di servizi sulla TFP; la Sezione 6 ripora evidenza empirica su un possibile meccanismo araverso cui l offshoring di servizi influenza la produivià, menre la Sezione 7 sineizza i risulai e conclude. 4 Queso lavoro generalizza ed esende i risulai di Crinò (2008), che ha sudiao gli effei dell offshoring di servizi sulla produivià in Europa ma non in Ialia, e considerao il fenomeno nel suo complesso senza valuare le conseguenze della delocalizzazione di servizi diversi. 5

6 2. Una breve rassegna della leeraura empirica La leeraura empirica che sudia gli effei dell offshoring sulla produivià è molo eerogenea. E possibile individuare almeno re imporani differenze fra gli sudi esiseni: 1) il ipo d offshoring preso in considerazione; 2) i dai uilizzai; 3) i paesi oggeo di sudio (Olsen, 2006). Parendo dal primo puno, i conribui precedeni hanno analizzao gli effei sia dell offshoring di componeni e beni inermedi (offshoring di maeriali), sia dell offshoring di servizi. Quano al ipo di dai uilizza i conribui si differenziano secondo l impiego d informazioni seoriali o di dai a livello d impresa. Infine, con riferimeno alla dimensione geografica, gli sudi esiseni hanno analizzao soprauo il caso degli Sai Unii e di alre economie indusrializzae, menre i lavori su paesi in ransizione e in fase d indusrializzazione sono ad oggi più limiai. In eoria, l offshoring può far crescere la produivià consenendo alle imprese di riorganizzare il processo produivo, rasferendo all esero le aivià a minor valore aggiuno e concenrandosi sulle alre fasi. L offshoring può anche agire espandendo la gamma di beni inermedi e servizi disponibili per le imprese a favore di quelli di maggior qualià, o consenendo un processo d apprendimeno nel quale le imprese imparano dai forniori eseri nuove e più efficieni ecniche di produzione. E sao finora generalmene impossibile disinguere i re canali nelle analisi empiriche, a causa dell insufficiene disponibilià di dai. Gli sudi esisen dunque, hanno inerpreao i risulai come combinazione dei re effei. Per quano concerne le ecniche economeriche uilizzae, la maggior pare dei lavori si sono basai sulla sima funzioni di produzione che includono indicaori d offshoring, oppure hanno uilizzao specificazioni in cui il valore aggiuno per addeo è regredio 6

7 su ali indicaori. Il primo approccio permee di sudiare gli effei sulla TFP, il secondo gli effei sulla produivià del lavoro. Gli indicaori d offshoring adoai si sono generalmene basai sulle imporazioni di beni inermedi o di serviz in quano le aivià rasferie all esero devono essere combinae con quelle non delocalizzae, e dunque un più inenso ricorso all offshoring si associa a maggiori imporazioni di inpu inermedi e servizi (Feensra e Hanson, 1999). 5 Passiamo ora ai risula iniziando dagli Sai Unii. Amii e Wei (2009) hanno sudiao gli effei dell offshoring di maeriali e di servizi sul comparo manifauriero, uilizzando dai per il periodo ; il loro indicaore d offshoring di servizi include le imporazioni di cinque ipologie di servizi privai: servizi finanziar professional informaic di elecomunicazione, e d assicurazione. I risulai mosrano che l offshoring di servizi ha conribuio alla crescia della produivià del lavoro per circa l 11-13%. 6 L offshoring di maerial invece, ha conribuio alla crescia della produivià del lavoro per circa il 3-6%. Gli sudi con dai d impresa sugli Sai Unii hanno invece finora analizzao solo gli effei dell offshoring di maeriali. In paricolare, Kurz (2006) ha uilizzao dai su circa imprese manifauriere nel 1997 e nel 2002, per analizzare le differenze di TFP fra le imprese che imporano inpu inermedi dall esero e quelle che non lo fanno. Le prime sperimenano una crescia annuale della TFP maggiore di circa 1 puno percenuale rispeo alle alre. 5 Maggiori deagli sulle quesioni legae alla misurazione si rovano in Horgos (2009). 6 Quesi risulai sono coereni con quelli di Mann (2003), che ha simao che l offshoring di servizi informaici ha fao crescere la produivià negli Sai Unii di circa 0.3 puni percenuali ogni anno fra il 1995 e il

8 Venendo agli sudi sui paesi europei e sulle alre economie indusrializzae, gli unici conribui che hanno finora analizzao congiunamene gli effei dei due ipi d offshoring sono quelli di Gorg e Hanley (2005), Gorg e al. (2008), e Daveri e Jona- Lasinio (2008). I primi due sudi si basano su dai d impresa per l Irlanda, il erzo su dai seoriali per l Ialia. Gorg e Hanley (2005) hanno uilizzao un campione di circa 600 imprese del seore dell eleronica nel periodo e rovao che un aumeno di un puno percenuale dell offshoring di maeriali fa crescere la TFP dell 1.6% circa; invece, l offshoring di servizi non produce effei significaivi. Gorg e al. (2008) hanno eseso l analisi ad un campione di 1000 imprese dell inero comparo manifauriero, osservae fra il 1990 e il I risulai non mosrano alcun effeo posiivo dell offshoring di maeriali sulla TFP; emerge invece evidenza di un effeo posiivo dell offshoring di serviz ma solo per le imprese coinvole anche in aivià d esporazione. Lo sudio di Daveri e Jona-Lasinio (2008) sull Ialia ha uilizzao dai su 20 seori manifaurieri per il periodo e rovao effei posiivi sulla produivià per l offshoring di maerial ma non per quella di servizi. 7 In paricolare, l offshoring di maeriali ha conribuio per circa il 10-15% alla crescia della produivià del lavoro nel periodo analizzao. 8 7 L indicaore include le imporazioni di servizi finanziar professional di rasporo e comunicazione, e di assicurazione. 8 Si noi che l analisi empirica condoa sull Ialia in queso lavoro, seppur simile a quella di Daveri e Jona-Lasinio (2008), si differenzia da essa in due modi. Primo, l analisi sudia gli effei sul livello della produivià, e non sul suo asso di crescia. Secondo, gli indicaori di offshoring si basano su dai simai per rendere i risulai comparabili con gli alri oo paesi europe menre gli auori usano dai ufficiali di fone ISTAT. 8

9 Infine, alri sudi su quesi paesi hanno analizzao gli effei di uno solo dei due ipi d offshoring. Criscuolo e Leaver (2005) si sono concenrai sull offshoring di serviz usando un campione di imprese brianniche ra il 2000 e il Gli auori hanno mosrao che un aumeno dell offshoring fa crescere la produivià nelle imprese esporarici (ma non nei non-esporaori), nelle imprese domesiche (ma non in quelle a conrollo esero), e nelle imprese che non fanno pare di un gruppo mulinazionale (ma non in quelle con affiliae esere). Egger e Egger (2006) hanno considerao invece l offshoring di maeriali e, uilizzando un campione di 22 seori manifaurieri in 12 paesi dell Unione Europea nel periodo , hanno mosrao che esso ha effei posiivi sulla produivià: un aumeno di un puno percenuale dell offshoring di maerial infa aumena la produivià del lavoro dello 0.53% nel lungo periodo. Queso risulao è sao confermao da Egger e al. (2001), usando dai su 18 seori manifaurieri ausriaci per il periodo Infine, Tomiura (2007) ha analizzao il caso del Giappone, uilizzando dai su circa imprese manifauriere per il L auore ha rovao evidenza che le imprese coinvole in sraegie d offshoring di maeriali hanno una maggiore produivià rispeo alle alre. Le differenze oscillano fra il 10 e il 25%, a seconda che si uilizzi la TFP o la produivià del lavoro. 9 In conclusione, l impressione che emerge da quesa breve rassegna è che gli effei dell offshoring di servizi sono generalmene posiiv benché l evidenza sia finora meno univoca di quella sull offshoring di maeriali. Le differenze fra i vari sudi dipendono probabilmene dall eerogeneià dei paesi analizza dei dai uilizzai e delle ipologie 9 Un filone di leeraura meno sviluppao ha sudiao gli effei dell offshoring sulla produivià in paesi in ransizione ed in via di sviluppo. Si veda Kasahara e Rodriguez (2008) e Yasar e Morrison (2007) per due conribui con dai di impresa su Cile e Turchia. 9

10 di servizi incluse negli indicaori d offshoring. Inolre, ui i conribui esiseni hanno sudiao il fenomeno dell offshoring nel suo complesso, non considerando gli effei della delocalizzazione di servizi diversi. 3. Dai e fai silizzai L analisi empirica si basa su dai comparabili per l Ialia e alri oo paesi dell Unione Europea. Per ciascun paese sono disponibili informazioni su 20 seori (NACE) manifaurieri e erziari per il periodo I nove paesi conano complessivamene per circa il 75% della popolazione dell UE-25 (Eurosa, 2004). In ciascun paese, i veni seori conano invece per circa l 80% dell occupazione oale nel seore privao. Il campione è sineicamene descrio nella Tavola 1. Seguendo la leeraura esisene, l offshoring di servizi sarà misurao usando la quoa di servizi imporai sul oale degli acquisi di inpu non energeici. Poiché non sono disponibili serie soriche ufficiali delle imporazioni di servizi nei seori inclusi nel campione, ali dai saranno simai seguendo una procedura ormai consolidaa in leeraura, che consise nel combinare le imporazioni oali di servizi di ciascun paese con le avole Inpu-Oupu (Amii e We 2005, 2009). I dai sulle imporazioni oali di servizi sono di fone Eurosa. Per ciascun paese, sono disponibili serie soriche aggregae delle imporazioni di cinque caegorie di servizi: servizi professional di comunicazione, finanziari e d assicurazione, informaic royalies e licenze. 10 Dal sisema di avole Inpu-Oupu, anch esso di fone Eurosa, vengono invece le Marici d Imporazione, che conengono dai disaggregai sulle imporazioni dei cinque servizi per ciascun seore del campione, ma solo nel 1995 e nel Quesi dai includono ransazioni con imprese esere affiliae e non affiliae. 10

11 Per cosruire serie soriche delle imporazioni di servizi a livello seoriale, saranno uilizzae le Marici d Imporazione per aribuire a ciascun seore una quoa cosane delle imporazioni oali dei cinque servizi (Crinò, 2009b,c). Definendo con s i serviz con i i seor con c i paesi e con gli ann le imporazioni seoriali di servizi (IMPS) avranno la seguene espressione: 5 = s * s= 1 IMPS θ dove θ = ( θ + θ ) / 2 è la quoa media di ciascun seore sulle imporazioni oali di un dao servizio, indicae a loro vola con M. Poiché le Marici d Imporazione si basano su un comune sisema di classificazione, il sisema ESA-95, le sime così cosruie sono comparabili ra i diversi paesi del campione. IMPS fornisce una sima complessiva delle imporazioni di servizi a livello seoriale. Uilizzando la sessa procedura descria sopra, è possibile simare le imporazioni seoriali di ciascuna delle cinque caegorie di serviz che saranno definie con IMPS s. Per oenere gli indicaori d offshoring ( e s ), baserà quindi normalizzare IMPS e IMPS s con gli acquisi oali di inpu non energeici da pare di ciascun seore (NE). 11 Si avrà dunque che: M s, IMPS = (3.1) NE e s IMPS s c, = s = 1,...,5 (3.2) NE 11 Quesi dai vengono da EUKLEMS, come le alre informazioni sulle caraerisiche del processo produivo descrie di seguio. 11

12 Quesi indicaori presenano due possibili limii. Il primo è dovuo al fao che le imporazioni seoriali di servizi sono simae, usando una procedura che aribuisce a ciascun seore una quoa cosane delle imporazioni oali di servizi di ciascun paese. Il secondo, invece, è dovuo all uilizzo degli inpu non energeici come normalizzazione, una scela che ha il vanaggio di offrire un indicazione precisa della frammenazione inernazionale della produzione prodoa dall offshoring, ma che può a vole soosimarne le variazioni emporali. 12 Si cercherà di enere cono di quesi limii effeuando es di robusezza dei risulai con indicaori divers per i quali quesi problemi sono meno imporani. Nell analisi empirica, saranno uilizzae anche alre variabili che misurano caraerisiche ecnologiche e aspei della globalizzazione poenzialmene correlai con l offshoring di servizi. In paricolare, si cosruirà una misura dell offshoring di maeriali (MOS) combinando, mediane lo sesso procedimeno descrio sopra, le Marici d Imporazione con i dai aggregai d imporazioni di beni di fone STAN (OCSE). Uilizzando i dai della Banca Mondiale ( World Developmen Indicaors ) sarà cosruia una misura della penerazione dell inegrazione commerciale, definia come il rapporo ra imporazioni e PIL (IMPEN). Si ricaveranno invece dal daa se EUKLEMS informazioni sul valore della produzione (Y) e dei segueni inpu produivi: lavoro (L, numero d ore lavorae), maeriali (M, acquisi di beni e servizi inermedi), e capiale (K, remunerazione del capiale); lo sesso daa se fornirà i deflaori seoriali e i assi di cambio a PPA di ue le variabili nominali. Uilizzando ancora EUKLEMS, saranno cosruii un indicaore del progresso ecnico (ICT, quoa del capiale high-ech sulla 12 Ciò accade quando il seore sosiuisce la produzione in proprio di servizi con le imporazion perché in quei casi IMPS e NE crescono dello sesso ammonare. 12

13 remunerazione oale del capiale), una misura della produivià del lavoro (VA/L, valore aggiuno per ora lavoraa), e re misure dell inensià faoriale del processo produivo: inensià di lavoro qualificao (L HS /L, quoa dei lavoraori laureai sul oale delle ore lavorae), inensià di maeriali (M/L, acquisi di maeriali per ora lavoraa) e inensià di capiale (K/L, capiale per ora lavoraa). Infine, da EUKLEMS verrà anche ricavao un indice di prezzo dei beni energeici (EN. PRICE), uilizzao come conrollo per shock macroeconomici nei singoli seori 13 La Tavola 2 ripora saisiche descriive sull indicaore aggregao d offshoring di servizi e sulle alre variabili. E ineressane noare che il valore medio di (2.7%) è significaivamene più basso di quello di MOS (22.5%), come nel caso degli Sai Unii (Amii e We 2009). A livello seoriale, l offshoring di servizi è più alo nel erziario (3.2%) rispeo al manifauriero (2.2%), menre l offshoring di maeriali è più alo nel manifauriero (24.7%) rispeo ai servizi (20.2%). Più in deaglio, regisra i valori più ali nei seori Pose e elecomunicazioni (8.4%), Noleggio, informaica, R&S e alre aivià professionali (5.9%) e Traspori (4.3%), e i valori più bassi nei seori Meccanica (1.4%), Gomma e plasica (1.3%) e Mealli e prodoi in meallo (0.7%); al conrario, MOS regisra i valori più ali nei seori Macchine per ufficio, eleriche e per le elecomunicazioni (56.9%), Auoveicoli e alri mezzi di rasporo (42.7%) e Tessile, abbigliameno e cuoio (38.5%), e i valori più bassi nei seori Commercio al deaglio (5.4%), Commercio all ingrosso (4.9%) e Aivià di servizi immobiliari (2.4%). 13 EUKLEMS è un daa se cosruio nell ambio del VI Programma Quadro dell UE con l obieivo di rendere disponibili misure seoriali di caraerisiche rilevani del processo produivo, comparabili fra un cospicuo numero di paesi europei e di alre economie indusrializzae. Per una descrizione deagliaa si veda Timmer e al. (2007). 13

14 La Tavola 3 fornisce maggiori deagli su dimensione, andameno e composizione dell offshoring di servizi. Si no innanziuo, che il valore medio di sull inero campione nasconde una sosanziale eerogeneià fra paesi: oscilla, infa fra lo 0.9% in Francia e l 11.4% in Ausria, menre in Ialia si aesa inorno al 2%. Emerge anche che, nonosane la limiaa dimensione, l offshoring di servizi è un fenomeno in crescia in Europa. Sull inero campione, infa ha regisrao un aumeno di 0.6 puni percenuali fra il 1990 e il 2004; inolre, l indicaore è cresciuo in ui i paes con le sole eccezioni d Ausria e Finlandia. In Ialia, seppur posiiva, la crescia è saa relaivamene modesa (0.1 puni percenuali), specie se confronaa con quella d alri paesi come Germania, Spagna e Regno Unio. Passando alla composizione dell offshoring per ipologie di serviz la avola mosra che la quoa preponderane del fenomeno è rappresenaa dai servizi professionali e dai servizi di comunicazione; i servizi informaic invece, rappresenano la pare minore dell offshoring aggregao. Un quadro molo simile si presena per l Ialia dove, comunque, una pare rilevane delle imporazioni di servizi è cosiuia da servizi finanziari e d assicurazione. I servizi professionali e di comunicazione spiccano anche per aver sperimenao i maggiori assi di crescia nel periodo considerao. Al conrario, si è regisraa una riduzione dell inensià d offshoring di servizi finanziari e assicuraivi. L Ialia mosra andameni molo simil caraerizzai dalla crescia dell offshoring di servizi professionali (+0.6 puni percenuali) e di comunicazione (+0.1) e la riduzione dell offshoring di servizi finanziari e d assicurazione (-0.5). Il quadro è coerene negli alri paes benché si risconrino alcune differenze di rilievo, come l aumeno sosanziale 14

15 dell offshoring di servizi assicuraivi e finanziari nel Regno Unio, e di quelli informaici in Germania, Paesi Bassi e Svezia. 4. Evidenza preliminare: offshoring di servizi e produivià del lavoro Quesa sezione sudia la relazione fra l offshoring di servizi e la più semplice delle misure di produivià: la produivià del lavoro. Si analizzerà anche se, e in che modo, il segno della relazione dipende dalla ipologia dei servizi delocalizzai all esero, sfruando a al fine gli indicaori disaggregai d offshoring. L obieivo è fornire evidenza preliminare a supporo della sezione successiva, in cui saranno esaminai gli effei dell offshoring di servizi su una misura più precisa dell efficienza produiva, la TFP. I risulai sull inero campione di paesi europei saranno confronai con quelli sull Ialia. La specificazione economerica uilizzaa è ln( VA / L) α 0 + α1 + α' Ω + ε = (4.1) dove Ω è un veore di variabili di conrollo e ε un disurbo socasico whie-noise. Per sudiare gli effei dell offshoring delle diverse ipologie di serviz la specificazione sarà modificaa nel modo seguene: ln( 5 s VA / L) = α 0 + α s + α' Ω + ε s= 1 (4.2) Per iniziare, si considererà una versione di base dell equazione (4.1), che non include variabili di conrollo. I coefficieni simai misurano dunque la correlazione fra la produivià del lavoro e l indicaore aggregao d offshoring di servizi. La Figura 1 sineizza i risulai della sima sull inero campione di paesi; ogni osservazione rappresena una combinazione paese-seore-anno. La figura mosra che la relazione 15

16 fra offshoring di servizi e produivià del lavoro è posiiva e saisicamene significaiva: il coefficiene α 1, infa è uguale a 0.007, con uno sandard error di Quesi risula però, porebbero risenire della presenza d ouliers, come le osservazioni all esrema desra del grafico ( Commercio d auoveicoli, Traspori e Pose e elecomunicazioni in Ausria) e quelle in basso a sinisra ( Noleggio, informaica, R&S e alre aivià professionali nel Regno Unio, e Meccanica in Svezia). Tuavia, risimando l equazione (4.1) con una procedura robusa alla presenza d ouliers, 14 si oengono risulai molo simili a quelli della Figura 1: in paricolare, il coefficiene α 1 è uguale a 0.006, con uno sandard error di Nella Figura 2, l equazione (4.1) viene risimaa sui singoli paesi. E ineressane noare che la relazione fra offshoring di servizi e produivià del lavoro è posiiva in ue le economie considerae. Il coefficiene α 1 è anche saisicamene significaivo in sei dei nove paes con le uniche eccezioni d Ausria, Finlandia e Francia. Nel caso dell Ialia, α 1 è uguale a 0.097, con uno sandard error di Dunque, i risulai sull inero campione sembrano valere anche nei singoli paesi. Includiamo adesso nell equazione (4.1) alcune variabili di conrollo, che engono cono di fenomeni correlai sia con la produivià del lavoro che con l offshoring di servizi. La Tavola 4 ripora i risulai sull inero campione di paesi. La colonna (1) include il logarimo della produzione reale, come misura della dimensione seoriale. Il coefficiene di quesa variabile è posiivo e saisicamene significaivo all 1%, il che suggerisce che seori più grandi hanno una maggiore produivià del lavoro. Si no 14 È saa uilizzaa la rouine rreg in Saa 10.0, con un coefficiene di biweigh uning pari a

17 uavia, che il coefficiene α 1 rimane posiivo, ed è anzi simao con maggiore precisione e più grande in valore assoluo rispeo alla specificazione precedene. La relazione posiiva ra offshoring di servizi e produivià del lavoro, dunque, è robusa all uilizzo di conrolli per la dimensione seoriale; anz essa risula soosimaa quando ali conrolli sono esclusi dalla specificazione. Nella colonna (2) si aggiungono le dummy annual per enere cono di shock macroeconomici che colpiscono ui i paesi e ui i seori del campione. E rassicurane noare che i risulai sono coereni con quelli della colonna (1), in ermini sia di segno sia di dimensione e significaivià dei coefficieni. Nella colonna (3), si iene cono di differenze nell inensià faoriale della produzione, includendo nella specificazione le proxy per l inensià di lavoro qualificao, di maeriali e di capiale. I coefficieni di quese variabili sono posiivi e simai con precisione: seori a maggiore inensià di lavoro qualificao, maeriali e capiale mosrano dunque una maggiore produivià del lavoro. L uilizzo delle inensià faoriali compora anche una riduzione evidene del coefficiene della produzione reale, che uavia rimane posiivo e molo significaivo. Ciò suggerisce che pare dell effeo della maggiore dimensione seoriale sulla produivià del lavoro dipende dal fao che seori più grandi uilizzano anche ecniche produive più inensive in lavoro qualificao, capiale e maeriali; ciononosane, resa comunque un premium di produivià legao al maggior volume d aivià. Venendo all offshoring di serviz si noi che il coefficiene α 1 rimane posiivo e saisicamene significaivo, benché la sua dimensione si riduca di circa due erzi rispeo alla colonna (2), il che indica che l offshoring è maggiore in seori a più ala inensià faoriale. 17

18 Infine, la colonna (4) ripora i risulai di una specificazione che include anche dummy paese-seore: quese ulime caurano ue le caraerisiche non osservae, e cosani nel empo, che possono avere effei sulla produivià (differenze nelle praiche managerial nella qualià delle isiuzion ecc.). I risulai principali rimangono inalerai: in paricolare, il coefficiene α 1 rimane posiivo e significaivo all 1% e la sua dimensione praicamene non cambia. I risulai appena discussi valgono anche per l Ialia? Quesa domanda è affronaa nella Tavola 5, che ripora i risulai della sima dell equazione (4.1) solo sui dai ialiani. Per faciliare il confrono con i risulai sull inero campione di paes in ciascuna colonna si uilizzano le sesse variabili di conrollo della specificazione corrispondene nella Tavola 4. La colonna (1), dunque, include il logarimo della produzione reale come misura della dimensione seoriale. Coerenemene con quano risconrao in precedenza, il coefficiene di quesa variabile è posiivo e simao con precisione. Allo sesso modo, il coefficiene α 1 rimane posiivo, e la sua significaivià e dimensione aumenano rispeo ad una specificazione non condizionaa al valore della produzione (come quella in Figura 2): dunque, anche in Ialia la relazione fra offshoring di servizi e produivià del lavoro è soosimaa se non si iene cono del volume d aivià dei singoli compari. Quesi risulai sono confermai dalla colonna (2), che include le dummy annuali. Nella colonna (3), si uilizzano i conrolli per le inensià faoriali. Coerenemene con l evidenza risconraa sull inero campione di paes l inensià di capiale è posiivamene correlaa alla produivià del lavoro. Al conrario, i coefficieni delle inensià di maeriali e lavoro qualificao sono negaiv sebbene solo il secondo sia anche saisicamene significaivo. In linea con quano emerso in precedenza, l uilizzo 18

19 delle inensià faoriali nella specificazione (4.1) riduce il valore assoluo del coefficiene della produzione e di quello dell offshoring di servizi; enrambi rimangono però posiivi e molo significaivi. Evidenza simile emerge dalla colonna (4), che include le dummy seorial benché la dimensione del coefficiene dell offshoring di servizi si riduca di circa la meà. La Tavola 5, dunque, suggerisce che la relazione ra offshoring di servizi e produivià del lavoro è posiiva anche in Ialia, così come nell inero campione di paesi europei considerai in queso lavoro. Si passerà adesso ad analizzare se i risulai oenui con l indicaore aggregao d offshoring nascondono significaive differenze ra ipologie di servizi. Anche quesa vola, ci si concenrerà prima sull inero campione di paesi e poi sull Ialia. Il primo insieme di risulai è riporao nella Tavola 6. Nelle colonne (1)-(5), gli indicaori d offshoring sono inclusi singolarmene, per enere cono di possibili problemi di mulicollinearià. Nella colonna (6), invece, essi sono inclusi congiunamene. Tue le specificazioni conrollano per la dimensione seoriale, approssimaa dal logarimo della produzione reale. E ineressane noare che esise noevole eerogeneià nella relazione ra offshoring e produivià del lavoro, secondo il ipo d aivià delocalizzae. In paricolare, i risulai suggeriscono che l offshoring di servizi professional di comunicazione, e d assicurazione e finanza è posiivamene correlao alla produivià del lavoro, menre l offshoring di servizi informaici è negaivamene correlao; royalies e licenze, infine, sono anch esse negaivamene correlae alla produivià del lavoro, ma il coefficiene è solo debolmene significaivo e non robuso ra le due specificazioni. Evidenza simile emerge dalla colonna (7), dove si iene cono di shock macroeconomici comuni ai vari seori e paesi uilizzando le dummy annuali. La 19

20 colonna (8), che conrolla per differenze nelle inensià faorial conferma anch essa i risulai precedeni: la produivià del lavoro è posiivamene correlaa all offshoring di servizi professional di comunicazione, e d assicurazione e finanza, e negaivamene correlaa all offshoring di servizi informaici. Infine, la sessa evidenza emerge dalla colonna (9), che include anche le dummy paese-seore. A conclusione di quesa sezione, si replicherà l analisi precedene sull Ialia. I risulai sono riporai nella Tavola 7 e sono generalmene coereni con quelli sull inero campione di paesi. Un imporane differenza riguarda l offshoring di servizi professional il cui coefficiene è anche in queso caso posiivo (con una sola eccezione), ma molo meno significaivo. In sines a frone di una sabile relazione posiiva fra produivià del lavoro e offshoring di servizi considerao nel suo complesso, si risconra noevole eerogeneià secondo il ipo d aivià rasferie all esero. La sezione successiva analizza se ques evidenza è robusa all uilizzo di una misura più precisa dell efficienza del processo produivo: la TFP. 5. Offshoring di servizi e TFP: modello empirico e risulai 5.1 Modello empirico La funzione di produzione di un dao seore in ciascun paese è y = A(, Ω) f ( L, M, K) (5.1) dove A rappresena la TFP, ed è funzione dell offshoring di servizi e d alre variabili di conrollo. Quesa rappresenazione implica che variazioni dell offshoring di servizi sposano parallelamene la froniera ecnologica, e fanno variare il livello di produzione a parià d impiego degli inpu di lavoro, maeriali e capiale. 20

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 ISTRUZIONI DI ACCESSO Accedere a www.refworks.com/refworks e imme ere il proprio nome (Login Name) e la password. (Gli uten che accedono al sistema per la prima volta

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico lindab ventilation Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico TÜV ha testato cinque sistemi di canali e documentato i vantaggi delle diverse soluzioni. Cos è TÜV TÜV (Technischer ÜberwachungsVerein

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione *

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * PAROLE CHIAVE Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * Giorgio Barba Navaretti ** Università di Milano e Centro Studi Luca d Agliano, Milano Le multinazionali (MNE) svolgono un ruolo fondamentale

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

ABSTRACT Andamenti e determinanti del credito nell area dell euro

ABSTRACT Andamenti e determinanti del credito nell area dell euro 1 ABSTRACT Andamenti e determinanti del credito nell area dell euro di R. De Bonis, G. Nuzzo e M. Stacchini (Banca d Italia, Servizio Statistiche economiche e finanziarie) Il lavoro ha due obiettivi. In

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli