GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEL PERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEL PERSONALE"

Transcript

1 GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEL PERSONALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1

2 Sommario PREMESSA... 3 SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE... 3 DOVE E COME RECLUTARE PERSONALE... 3 I CONTROLLI DA EFFETTUARE PRIMA DI ASSUMERE PERSONALE... 4 SISTEMI DI CONTROLLO DELLA PERFORMANCE... 8 GLI STANDARD DI PERFORMANCE... 8 LA MISURA DELLA PERFORMANCE... 8 MIGLIORARE LA PERFORMANCE MIGLIORARE IL LAVORO IN AZIENDA CREARE UNO SCHEMA DI INCENTIVI EFFICACI PER IL PERSONALE

3 PREMESSA In questa guida trovi informazioni e consigli per migliorare la gestione del personale della tua azienda, dalla selezione delle risorse più adatte allo svolgimento delle attività e delle mansioni stabilite nel tuo piano fino alla definizione dei sistemi più adattati per controllare il lavoro dei tuoi collaboratori. SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE Quando hai individuato tutte le attività che devono essere svolte nella tua azienda e le competenze e le abilità necessarie per svolgerle sei pronto per ricercare e selezionare le risorse che meglio rispondono alle tue necessità. DOVE E COME RECLUTARE PERSONALE Descrizione del lavoro Per individuare le migliori risorse disponibili sul mercato per la tua impresa il primo passo è quello di descrivere con precisione le mansioni della posizione lavorativa offerta e le competenze richieste per svolgerle. Una descrizione del lavoro dovrebbe includere: a) il titolo della posizione lavorativa; b) il ruolo ricoperto con indicazione, se esiste, della risorsa all interno dell azienda alla quale dovrà rispondere del suo operato e delle ulteriori risorse che dovrà eventualmente coordinare e di cui dovrà essere responsabile; c) la sintesi della natura dell incarico e degli obiettivi generali; d) la lista dei compiti e delle mansioni; e) la descrizione accurata delle competenze e delle qualità richieste, separando quelle che sono essenziali da quelle che sono auspicabili senza incorrere in indebite discriminazioni di genere; f) il luogo e la sede dove il lavoro sarà svolto. I canali di reclutamento Per reclutare personale ti consigliamo di utilizzare più canali di reclutamento tra i quali: Passaparola qualificato. Rivolgiti sempre a persone, enti o aziende che collaborano abitualmente con te e che conoscono le tue esigenze per ottenere la segnalazione di personale qualificato. 3

4 Inserzioni pubblicitarie. Considera la possibilità di pubblicare un annuncio: il primo passo è stabilire chi vuoi che legga l annuncio, quanto vuoi che rimanga pubblicato e quanto budget hai a disposizione. Il secondo passo da compiere è scegliere dove pubblicare l annuncio - puoi scegliere tra giornali e riviste locali o di settore, siti internet - rivolti a categorie ben specificate di lavoratori o giornali a diffusione nazionale. Infine, sulla base delle decisioni adottate, devi redigere l annuncio che dovrà contenere una esaustiva descrizione del lavoro. Agenzie di collocamento. Puoi rivolgerti ad un agenzia che ha a disposizione una banca dati di lavoratori e può occuparsi della pubblicizzazione dell annuncio per tuo conto. Nel fare le tue valutazioni considera per altro che il costo del lavoro aumenta perché si riconosce una percentuale significativa all agenzia e, inoltre, la scelta può rivelarsi poco felice se l agenzia non riesce ad individuare candidati in tempo utile, oppure non ha la capacità di selezionare le figure professionali che stai cercando. Scuole e Università. Se hai bisogno di personale con una precisa qualifica formativa gli istituti scolastici e gli Atenei possono essere un serbatoio importante per ottenere personale giovane e qualificato da formare e inserire stabilmente nella tua organizzazione. I CONTROLLI DA EFFETTUARE PRIMA DI ASSUMERE PERSONALE Fare dei controlli preventivi sulle persone che intendi assumere è parte del processo di reclutamento e ti permette di: verificare se sono in regola con l ordinamento italiano e hanno il permesso di lavorare; verificare se hanno le competenze giuste per la posizione lavorativa offerta; assicurarti che siano le persone adatte per il ruolo che vuoi affidare loro; accertare che siano fisicamente idonei per il lavoro offerto. I controlli che puoi fare includono: controlli d identità: richiedi ai candidati copia dei documenti personali e verifica in banche dati pubbliche se i dati forniti corrispondono effettivamente alla persona che li usa; controlli sui lavoratori extracomunitari: se hai intenzione di assumere un cittadino che non appartiene all UE devi verificare che sia in regola con il permesso di soggiorno e le autorizzazioni richieste dall ordinamento italiano; 4

5 controlli delle referenze: richiedi delle referenze e se possibile controlla le passate esperienze lavorative dei tuoi candidati contattando direttamente i precedenti datori di lavoro ovvero facendo delle brevi indagini indirette (ad esempio su internet) per capire se i periodi lavorativi dichiarati corrispondono e se corrispondono le posizioni lavorative indicate; controlli sulle qualifiche: richiedi certificazioni ufficiali quando la specializzazione prevista lo richiede oppure controlla in albi ed elenchi di professionisti; controlli sui requisiti fisici e di salute: puoi somministrare questionari o richiedere a seconda dei requisiti di legge previsti dalla posizione lavorativa offerta un adeguata certificazione medico-sanitaria. TIPOLOGIE DI LAVORATORI E DI ASSUNZIONI Per ingaggiare il personale necessario hai a disposizione diverse tipologie di soluzioni ciascuna con un proprio regolamento contrattuale. La scelta dipende da vari fattori, in particolare devi porti le seguenti domande: il lavoro da fare è costante e quotidiano oppure è discontinuo e concentrato in determinati periodi dell anno? Ritieni che la tua azienda abbia la necessità di trovare supporto per un periodo di tempo limitato, al fine di far fronte a un particolare carico di lavoro, oppure ritieni che sia necessario inserire una risorsa in maniera stabile? Quante ore a settimana ritieni siano necessarie per svolgere il lavoro? Sulla base delle risposte che trovi a questi interrogativi hai diverse alternative a tua disposizione: Dipendenti a tempo indeterminato. In questo caso non è previsto un termine per il rapporto di lavoro e le garanzie di cui i lavoratori godono sono maggiori: ecco perché devi considerarli come un investimento per la tua impresa e selezionarli con estrema cura. Possono essere full-time quindi lavorare a tempo pieno, o part-time ossia chiamati a lavorare per contratto solo una parte della giornata o della settimana lavorativa. Dipendenti a tempo determinato. Il contratto ha una scadenza corrispondente ad una precisa data temporale. Sei tenuto a rispettare i diritti e le garanzie normativamente previste ma solo fino alla durata del contratto. Lavoratori a progetto. La durata del rapporto è legata allo svolgimento e completamento di un determinato progetto. Può essere la soluzione ideale se hai un organizzazione che lavora per progetti o commesse e ti trovi nelle circostanze di attivare nuove risorse soltanto in occasione e per lo svolgimento di nuove iniziative. 5

6 Lavoro interinale. L azienda in questo caso si rivolge ad un agenzia per il lavoro che ingaggia il lavoratore, il rapporto è a tempo determinato e l azienda sostiene costi maggiori riconoscendo un compenso per l agenzia. Un vantaggio è rappresentato dal fatto che l azienda risparmia tempo dal momento che l agenzia si occupa della selezione e della gestione degli oneri e degli adempimenti dovuti nei confronti del lavoratore. Consulenti e liberi professionisti. Puoi rivolgerti a professionisti e consulenti quando hai bisogno di una figura altamente specializzata in materie differenti dalle mansioni abitualmente svolte in azienda e questo comporta risparmi per l impresa perché, per mole di lavoro o periodicità delle prestazioni richieste, non vi è la necessità di inserire una figura full-time nel tuo staff Tirocini professionali. Per alleviare il carico dei tuoi dipendenti e formare le future risorse dell impresa puoi utilizzare lo strumenti dei tirocini rivolti a giovani lavoratori desiderosi di formare la propria professionalità. Il vantaggio è garantito dalla possibilità di applicare salari ridotti e di guidare il processo di professionalizzazione dei tuoi giovani collaboratori. Il programma Master and Back 1 prevede invece finanziamenti a disposizione di giovani sardi laureati e non che abbiano intrapreso percorsi di alta formazione e vogliano ritornare in Sardegna per inserirsi in un contesto lavorativo pubblico o privato. Questo programma rappresenta per le imprese un indubbio vantaggio perché, nel periodo del percorso approvato, potranno ricorrere a risorse specializzate limitandosi a sostenere i costi per gli oneri contributivi e assicurativi dei lavoratori. Infine, per determinate categorie di contratti e per determinate categorie di lavoratori, (ad esempio giovani, donne e persone in situazione di disabilità) sono previste particolari forme di agevolazioni sotto forma di incentivi alle imprese che li assumono. Consulta la nostra sezione Finanzia la tua impresa per consultare le schede di incentivi e agevolazioni fiscali disponibili per assunzione di nuovo personale. ALTERNATIVE AD INGAGGIARE NUOVO PERSONALE Prima di investire tempo e denaro nell assumere qualcuno, dovresti valutare attentamente se hai davvero bisogno di reclutare nuovo staff. Per fare questo considera gli obiettivi della tua impresa a medio e lungo termine, identifica con precisione da dove nasce la necessità di un nuovo collaboratore e fai delle previsioni temporali sul suo utilizzo. Fatti le seguenti domande: Stai considerando di assumere una risorsa che ti aiuti a far crescere il tuo business ovvero stai cercando qualcuno per far fronte ad un aumento del carico di lavoro? 1 6

7 Stai rimpiazzando un dipendente che non c è più? Se è così perché il tuo dipendente se ne è andato e quali competenze e capacità hai perso e devono essere rimpiazzate? Hai bisogno di nuove competenze che nessuno del tuo personale possiede? Il tuo flusso di lavoro è aumentato? Se si è probabile che questo volume di lavoro si mantenga o è soltanto un aumento temporaneo? Quale sarà l impatto o le conseguenze di avere un nuovo membro nello staff? C è posto per lui nella tua sede? Avrai bisogno di comprare nuovo equipaggiamento per lui? Dal momento che l assunzione può essere un grande dispendio in termini di tempi e costi puoi valutare delle alternative: a) Riorganizzare la struttura della tua impresa introducendo innovazioni e attrezzature che permettano di aumentare la produttività evitando la necessità di nuovo personale; b) Suddividere il lavoro tra gli impiegati esistenti, riducendo le perdite di tempo; c) Valorizzare lo staff esistente, per aumentarne la produttività valutando anche la possibilità di programmare opportuni interventi di formazione; d) Chiedere a un impiegato part-time se vuole lavorare full-time, riducendo dunque l aumento dei costi da sostenere per la tua impresa; e) Migliorare l efficienza della tua impresa, ri-organizzando le attività da svolgere e riducendo gli errori di esecuzione; f) Offrire straordinari che permettono di far fronte a periodi di maggior lavoro utilizzando le stesse risorse; g) Adottare un regolamento flessibile sull orario di lavoro, ad esempio permettendo ad alcune persone di cominciare prima o dopo rispetto all orario standard al fine di avere una copertura maggiore nel corso della giornata e far fronte a tutte le richieste dei tuoi clienti in tempo reale. 7

8 SISTEMI DI CONTROLLO DELLA PERFORMANCE I processi di controllo del lavoro in azienda devono includere tutte le attività rivolte a supervisionare, controllare e monitorare l operato di quanti collaborano con la tua impresa. Lo scopo principale del controllo è ridurre il rischio di fallimento dell impresa: raffrontando continuamente i risultati effettivi del lavoro in azienda con gli standard previsti nel piano; individuando eventuali variazioni ed errori nello svolgimento delle attività rispetto alle modalità definite nel piano; correggendo immediatamente gli errori o segnalando alla direzione l opportunità di adottare azioni correttive. GLI STANDARD DI PERFORMANCE Per poter valutare il lavoro dei tuoi dipendenti e collaboratori è necessario preliminarmente definire degli standard di performance come conseguenza diretta degli obiettivi di redditività e rendimento individuati nel piano di impresa. In base alle quantità da produrre e alle qualità dei prodotti o servizi da realizzare dovrai essere in grado di stabilire come vuoi che i tuoi collaboratori eseguano il lavoro affidato e dovrai essere in grado di misurarne l efficienza. Per misurare l efficienza è necessario prevedere degli opportuni parametri o standard verificabili. Per standard si intende una unità di misura che possa fungere da riferimento nella valutazione dei risultati. Tra le varie tipologie distinguiamo: Standard fisici che misurano la quantità o la qualità dei prodotti o dei servizi; Standard monetari che misurano i ricavi e i costi dell azienda suddivisi per costi di lavoro, di vendita, delle materie prime; Standard temporali che misurano la velocità d esecuzione dei diversi compiti di lavoro, il tempo impiegato per consegnare i prodotti, ecc. Definire standard quantificabili è importante per comunicare con chiarezza a ciascun collaboratore quali sono le aspettative di performance e gli obiettivi da raggiungere. LA MISURA DELLA PERFORMANCE Una volta definiti gli standard occorre stabilire le modalità, la frequenza e le tecniche per effettuare il controllo e la misura della performance. 8

9 Tecniche di controllo Vi sono molte tecniche con le quali si cerca di valutare la performance aziendale che possono essere impiegate a seconda del settore, della dimensione, delle risorse disponibili e delle caratteristiche della tua azienda; si raccolgono usualmente in due categorie: tecniche di controllo dirette che utilizzano criteri direttamente riferibili all attività svolta dai lavoratori; tecniche di controllo indirette che utilizzano criteri indiretti legati ai risultati generali dell impresa. Controlli diretti Controlli indiretti osservazione continua budget ispezioni periodiche audit ispezioni saltuarie analisi di bilancio rapporti in forma scritta break-even point giudizio di performance diagrammi e schedules Controlli diretti Osservazione continua In questo caso tu stesso o una persona di tua fiducia potete osservare di persona il lavoro svolto dai dipendenti per garantire che venga eseguito a dovere, e all occorrenza correggere i difetti fornendo opportune istruzioni. Ispezioni periodiche Se è impossibile effettuare dei controlli continui, potrai ricorrere a ispezioni condotte a intervalli di tempo stabiliti, per controllare la qualità dei risultati fornendo, se occorre, indicazioni correttive Ispezioni saltuarie In questi casi la persona incaricata del controllo effettua ispezioni a intervalli di tempo non prestabiliti per non essere troppo prevedibile e mantenere alta l attenzione e il livello della performance. 9

10 Rapporti in forma scritta Puoi chiedere a ciascun dipendente di riportare, utilizzando opportuni parametri quantitativi, i risultati del lavoro svolto, come ad esempio numero di clienti contattati, numero di prodotti realizzati, numero di servizi erogati e così via. In questo modo sono i lavoratori stessi ad essere responsabilizzati e a dover segnalare eventuali problemi nell esecuzione delle attività loro affidate. Giudizio di performance Puoi incaricare un consulente esperto o una persona di tua fiducia di emettere un giudizio ponderato sulla performance dei dipendenti tenendo in considerazione tutti i parametri che rilevano nello svolgimento delle mansioni di lavoro. Considerata la difficoltà di esprimere un giudizio articolato sullo svolgimento di compiti complessi ti consigliamo di cercare riscontri ai risultati del giudizio di performance con le altre tecniche di controllo sopra menzionate. Controlli indiretti Budget I budget esprimono in termini numerici gli obiettivi e i programmi della tua impresa. In un budget sono inseriti il preventivo dei costi e dei ricavi e delle disponibilità liquide dell azienda. La preparazione del budget è parte del processo di pianificazione ma è anche un importante standard che permette di raffrontare periodicamente la performance effettiva dell azienda con quanto preventivato in precedenza. Audit Per audit si intende la revisione di attività e documenti aziendali per verificarne la correttezza. L audit può essere esterno se affidato a un revisore indipendente ovvero interno se effettuato da personale interno. Dall analisi documentale è possibile capire anche se i diversi compiti sono stati svolti in maniera corretta o meno. Analisi di bilancio L analisi di bilancio viene effettuata confrontando i bilanci previsionali con i bilanci a consuntivo per verificare anche attraverso l utilizzo di indici se i risultati sono stati raggiunti. Di fatto è un controllo su più parametri economici e finanziari che può essere effettuato al termine di ogni esercizio o frazione di esercizio. Tra gli indici più usati: Indici di liquidità, per stabilire se l impresa può far fronte ai suoi obblighi di spesa nel breve termine; Indici d impiego delle risorse, per capire come l impresa impiega le sue risorse; Indici d indebitamento, per stabilire se l impresa può far fronte ai suoi obblighi di spesa nel lungo periodo; 10

11 Indici di redditività, per stabilire la performance complessiva dell azienda espressa ad esempio dal rapporto tra utili e ricavi o dal rapporto tra utili e capitale investito; Break even point, per capire il momento o il livello di vendite necessarie in cui i ricavi eguagliano i costi della tua azienda. Con l analisi di break even point si determina con chiarezza la relazione tra costi e ricavi in funzione della quantità di prodotti o servizi venduti. Può essere utilizzata per: o verificare il raggiungimento degli obiettivi; o valutare la decisione di aumentare o ridurre i prezzi; o valutare la decisione di aumentare o meno la produzione. Diagrammi e schedules, sono delle tecniche di rappresentazione dell attività temporale dell azienda utilizzate per pianificare e controllare i tempi di svolgimento delle attività e per determinare e quantificare l impiego delle risorse materiale e umane necessarie per realizzarle. Sono tecniche che permettono di capire come le attività sono collegate le une alle altre e quali accorgimenti debbano essere presi per evitare le di potenziali ritardi e inefficienze in azienda. Le tecniche di schedulazione sono molte. Si va dalla semplice agenda degli appuntamenti fino a tecniche analitiche complesse come il diagramma di Gantt 2 e la progettazione reticolare 3. Tali strumenti, di uso comune per consulenti esperti in organizzazione aziendale, possono rivelarsi utilissimi perché permettono di raffrontare le previsioni di svolgimento del lavoro con quanto effettivamente accade. Consentono di capire non solo se i mancati risultati dipendono da prestazioni non efficienti del personale ma soprattutto se gli eventuali problemi derivano da un errata organizzazione delle attività. 2 ll diagramma di Gantt è uno strumento di supporto alla gestione dei progetti, così chiamato in ricordo dell'ingegnere statunitense che si occupava di scienze sociali che lo ideò nel 1917, Henry Laurence Gantt. 3 Si tratta di un insieme di metodologie che permettono di gestire progetti di varia natura rappresentati graficamente come insiemi di attività collegate che formano un vero e proprio reticolo. 11

12 MIGLIORARE LA PERFORMANCE Per ottenere migliori risultati nella tua azienda puoi cercare di intervenire sulla capacità di lavorare del personale e dei collaboratori della tua azienda. In questo capitolo trovi alcune indicazioni e suggerimenti per migliorare le condizioni dell ambiente di lavoro e individuare i giusti incentivi al fine di migliorare la performance. MIGLIORARE IL LAVORO IN AZIENDA Per migliorare la performance dei tuoi collaboratori è necessario creare le giuste condizioni di lavoro che sappiano incidere positivamente sulle loro motivazioni. Un personale motivato, che si trova bene nel suo ambiente di lavoro, non solo può migliorare la propria produttività, ma può anche adeguarsi più facilmente ai cambiamenti in azienda che dovessero essere resi necessari dalle mutate condizioni economiche o dall esigenza di raggiungere nuovi obiettivi. Di seguito i principali elementi che devi prendere il considerazione per creare le giuste condizioni di lavoro: Tieni alta la motivazione del personale. Il primo passo è cercare un contatto, un dialogo diretto con i tuoi collaboratori per capire quali sono gli aspetti che per ciascuno di loro sono importanti per essere soddisfatti sul lavoro. Diversi sono i fattori che possono incidere sulla loro soddisfazione e che non si limitano agli aspetti economici della retribuzione. Assicurati di aver considerato tutto ciò che è importante per i tuoi collaboratori, verificando periodicamente il loro livello di soddisfazione attraverso colloqui o questionari in forma scritta. Rendi più accogliente la sede di lavoro. La sede di lavoro è un ambiente dove si passa la gran parte della giornata ed è importante renderlo il più accogliente possibile in vari modi, creando una zona relax, migliorando gli arredi in maniera funzionale al lavoro, assicurandoti il buon funzionamento degli impianti interni. Prevedi un piano di formazione. La formazione è un aspetto essenziale per migliorare la produttività individuale. Il personale deve essere cosciente dei miglioramenti che può raggiungere attraverso gli strumenti della formazione aziendale che metti loro a disposizione. Considera anche l opportunità di organizzare sessioni di formazione interna, gestita dalle risorse più anziane e competenti, sulla base delle criticità e dei problemi che emergono dal lavoro di tutti i giorni. L apporto del personale più esperto può rivelarsi fondamentale. Gestisci in modo flessibile l orario di lavoro. Spesso permettere una gestione flessibile dell orario di lavoro è molto appagante per i tuoi collaboratori, inoltre se riesci a organizzare l orario in modo da aumentare il numero di ore al giorno in cui 12

13 la tua azienda è operativa e aperta al pubblico, potresti ottenere degli importanti benefici. Considera nuovi modi di collaborare. Il lavoro a distanza ad esempio, se la presenza costante in azienda non è necessaria, può motivare il tuo personale. Un ulteriore possibilità è data dall introduzione di contratti flessibili come le collaborazioni a progetto che permettono ai collaboratori una maggiore libertà nell organizzazione del proprio lavoro. Ascolta i suggerimenti del personale. Incentiva i tuoi collaboratori a darti la loro opinione o a presentare dei suggerimenti per migliorare il lavoro in azienda. Tenere in considerazione la loro opinione aumenta la fiducia nei tuoi confronti e rafforza il legame che hanno con l azienda. CREARE UNO SCHEMA DI INCENTIVI EFFICACI PER IL PERSONALE Se hai la necessità di migliorare in maniera tangibile i risultati della tua impresa per raggiungere nuovi obiettivi di redditività diventa essenziale creare un sistema efficace di incentivi. Quando si parla di rinforzi o incentivi per il personale ricorda che i benefici finanziari non sono gli unici elementi che motivano il personale. La formazione, la sicurezza sul lavoro, una maggiore responsabilità e una maggiore libertà sul lavoro possono essere stimoli altrettanto importanti. Se stai pensando di stabilire uno schema di incentivi, di seguito i passi fondamentali che devi seguire: Identifica gli incentivi giusti. Come già riportato nel precedente paragrafo, ciascun lavoratore può avere diversi fattori in grado di motivarlo. Un incentivo può essere il miglioramento dell ambiente di lavoro, ottenere permessi premio o buoni pasto a fronte di migliori risultati raggiunti, oppure più semplicemente prevedere premi economici per i singoli o per gruppi di lavoro al raggiungimento di determinati obiettivi di produttività, ricavi o vendite. Consultati con lo staff e le rappresentanze sindacali. Puoi capire con i tuoi stessi lavoratori quale incentivo è maggiormente apprezzato, distinguerlo per categorie di lavoratori (manager, operai, amministrativi, ecc.) e capire come collegarlo al raggiungimento di un dato obiettivo. Confrontati con i tuoi concorrenti. Assicurati che lo schema di incentivi che hai individuato sia competitivo e adeguato rispetto a quelli adottati dalla concorrenza. Scegli strumenti adeguati per misurare la performance e la qualità del lavoro. Per capire se hai trovato gli incentivi giusti per il raggiungimento degli obiettivi 13

14 previsti devi creare un sistema di controllo puntuale ed efficiente in grado di cogliere immediatamente i miglioramenti nell esecuzione del lavoro. Sperimenta diversi schemi di incentivi in azienda. Nel tempo puoi sperimentare diversi modi di motivare il personale e monitorare i risultati ottenuti fino a ottenere il giusto mix di incentivi. Rivedi il tuo schema di incentivi e verifica il gradimento dei tuoi dipendenti nel tempo. Non dare per scontata l efficienza del sistema di incentivi trovato ma verifica sempre i risultati e i livelli di soddisfazione del tuo personale. 14

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business.

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Le soluzioni migliori per il tuo lavoro Area Clienti Business www.impresasemplice.it Mobile Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Telefonia mobile cos'è l'area Clienti business L Area Clienti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Aperto nel Mondo Intero! Supporto in Francese, Inglese, Italiano e Spagnolo. Ovunque tu sia, approfitta di questa eccezionale opportunità! copyright Support

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE Roma, dicembre 1999 Analisi dei rischi in un progetto di sviluppo sw RISCHIO = potenziale difetto il cui verificarsi comporta dei danni Danno Non

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o HDR n e t w o r k Come costruire un Organizzazione di Network Marketing di successo Parte I m a n u a l e o p e r a t i v o M a t e r i a l e a d u s o e s c l u s i v o D e i Co P a r t n e r H D R SOMMARIO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo?

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo? QUESTIONARIO CUG *Campo obbligatorio INFORMAZIONI ANAGRAFICHE GENERE * MASCHIO FEMMINA CATEGORIA DI INQUADRAMENTO * RELAZIONE E ORGANIZZAZIONE DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di

Dettagli

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE VALUTATORE

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE VALUTATORE ALLEGATO A/5 COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino ANNO SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE SIG. CAT. SERVIZIO AREA Area P.O. U.O. VALUTATORE Cognome e Nome Qualifica VALUTATO: COLLOQUIO INIZIALE

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli