Brescia 9 febbraio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Brescia 9 febbraio 2015"

Transcript

1 PROCESSI ASSOCIATIVI E STRUMENTI PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI La gestione del personale nelle gestioni associate Brescia 9 febbraio 2015

2 - L operatività dei limiti di spesa e di turn over - Forme di impegno del personale nelle gestioni associate e i relativi istituti contrattuali - La costituzione e la gestione del fondo per il miglioramento dei servizi nella gestione associata - Le Politiche incentivanti - Gli aspetti disciplinari - Aspetti organizzativi a) l individuazione delle P.O. b) articolazione dei servizi - La gestione delle politiche assunzionali - La gestione del servizio personale in forma associata

3 OBIETTIVI DELL INTERVENTO AGGIORNAMENTO E APPROFONDIMENTO DEI TEMI DI GESTIONE DEL PERSONALE IN FORMA ASSOCIATA AUSILIO AL MOMENTO DECISIONALE SULLA FORMA DI GESTIONE ASSOCIATA PIU OPPORTUNA

4 Le fasi della progettazione attivazione di una gestione associata Idea progettuale OBIETTIVI DOCUMENTO DI ANALISI PROGETTO PROGRAMMA ATTIVITA ESECUZIONE CECK VP VP VP VP

5 Analisi del contesto situazione storica geografica Situazione organizzativa (come è gestito e con quali risorse il servizio) quali dati sono utili? attenzione gestione risorse comuni ad altri servizi software collegamenti fisici e digitali etc. analisi normativa (cosa posso fare e in che limiti) Benchmark Soggetti coinvolti > tavolo tecnico e capo progetto/ progettista

6 I limiti alla spesa di personale Disposizioni per le Unioni e le Convenzioni (art. 1, comma 450 L. 190/2014) Nell ambito, invece, dei processi associativi, le spese di personale e le facoltà assunzionali sono considerate cumulativamente fra gli enti coinvolti, garantendo la compensazione tra gli stessi, fermi restando i vincoli previsti dalle vigenti disposizioni e l invarianza della spesa complessivamente considerata. Comma 450 b) dopo il comma 31-quater dell'articolo 14 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e' inserito il seguente: «31-quinquies. Nell'ambito dei processi associativi di cui ai commi 28 e seguenti, le spese di personale e le facolta' assunzionali sono considerate in maniera cumulata fra gli enti coinvolti, garantendo forme di compensazione fra gli stessi, fermi restando i vincoli previsti dalle vigenti disposizioni e l'invarianza della spesa complessivamente considerata»;

7 Come operano i limiti nelle gestioni associate A DEFINIZIONE DELLE CAPACITA DI SPESA E ASSUNZIONALI I metodo somma della spesa / capacità assunzionali Spesa/capacità COMUNE A Spesa/capacità COMUNE B Spesa/capacità COMUNE C Spesa/capacità COMUNE D TOTALE SPESA/CAPACITA PERSONALE Spesa/capacità DELL UNIONE La spesa di personale dei singoli Enti viene sommata

8 Come operano i limiti del personale nelle gestioni associate A DEFINIZIONE DELLE CAPACITA DI SPESA E ASSUNZIONALI II metodo scissione CALCOLO SUL SINGOLO COMUNE Comune A Comune B Comune C Comune D capacità di spesa e assunzionali della gestione associata divisa in servizi e quindi ripartita tra i Comuni in base ai criteri di riparto. Quindi sommate le capacità dei singoli Enti GARANTENDO COMPENSAZIONI

9 Come operano i limiti di spesa del personale nelle gestioni associate A DEFINIZIONE DELLE CAPACITA DI SPESA E ASSUNZIONALI I metodo somma es. spesa enti sotto patto SPESA DEI COMUNI NEL TRIENNIO DI RIFERIMENTO SPESA Comuni 2015 LIMITE DI SPESA PERSONALE DI RIFERIMENTO SPESA PERSONALE 2015 DA CONFRONTARE SPESA DELL UNIO NE NEL TRIENNIO Spesa Unione 2015 Viene sommata la spesa dei comuni e della gestione associata e confrontata con la somma sempre di gestione associata e comuni del 2015

10 Come operano i limiti di spesa del personale nelle gestioni associate A DEFINIZIONE DELLE CAPACITA DI SPESA E ASSUNZIONALI I metodo somma Calcolo più facile PRO Incentiva la gestione unitaria delle politiche di gestione del personale Di difficile applicazione in caso di convenzione CONTRO Rende difficile governare il personale in modo autonomo nei comuni e nell Unione Problemi di calcolo in caso di variazione compagine associata

11 Come operano i limiti di spesa del personale nelle gestioni associate A DEFINIZIONE DELLE CAPACITA DI SPESA E ASSUNZIONALI II metodo scissione Spesa Polizia Locale Unione Comune A Comune B Quota Spesa Polizia Locale Unione Quota spesa servizi Tecnici Unione Spesa Servizi Tecnici Unione Comune C Comune D Comune C Comune A Comune B Comune D Spesa personale Funzione Cultura - Turistici Segretario Comune etc. Totale spesa Comune B

12 Come operano i limiti di spesa del personale nelle gestioni associate II metodo scissione CALCOLO SUL SINGOLO COMUNE PRO Lascia libertà ai singoli comuni di governare le proprie scelte in materia di personale dando indirizzi alla gestione associata CONTRO Per il riparto presuppone la definizione convenzionale di criteri e percentuali da attribuire a ciascun comune Difficoltà di gestire la spesa non attribuibile direttamente ai servizi associati Difficoltà di gestione delle assunzioni fatte per conto dei comuni o per servizi comunali

13 L operatività dei limiti di spesa e di turn over (capacità assunzionali) Limite ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO c. 424 L. 190/2014 Le regioni e gli enti locali, per gli anni 2015 e 2016, a) immissione nei ruoli dei vincitori di concorso pubblico (non gli idonei) collocati nelle proprie graduatorie vigenti o approvate al 31/12/2015 b) ricollocazione nei propri ruoli delle unità soprannumerarie destinatarie dei processi di mobilità (personale provincie) c) Destinazione risorse derivanti da cessazione personale di ruolo cessato negli anni 2014 e 2015 alla ricollocazione del personale in mobilità - salva la completa ricollocazione del personale soprannumerario. d) Restano fermi i vincoli del patto di stabilità interno e la sostenibilità finanziaria e di bilancio dell ente, le spese per il personale ricollocato (solo quello delle provincie) secondo il presente comma non si calcolano, al fine del rispetto del tetto di spesa di cui al comma 557 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n (solo enti sotto patto > no c 562). e) Le assunzioni effettuate in violazione del presente comma sono nulle.

14 L operatività dei limiti di spesa e di turn over (capacità assunzionali) Limite ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO c. 424 L. 190/2014 Ancora possibile a) mobilità volontaria (cum grano salis) tra enti locali in quanto neutrale (cessione di contratto non nuova assunzione) > attenzione per molti rientra nel divieto b) Possibile trasferimento ex art. 31 T.U.P.I. > rinvio c) Possibile mobilità obbligatoria art. 4 D.L. 90/2014 > L. 114/2014 I dipendenti delle PA, possono essere trasferiti in sedi della stessa Amministrazione, o di un'altra Amministrazione, collocate nel territorio dello stesso comune ovvero a distanza non superiore a 50 chilometri dalla sede in cui prestano servizio. Sono esclusi da tale obbligo i dipendenti con figli di età inferiore ai tre anni, che hanno diritto al congedo parentale, e i soggetto tutelati dalla legge 104/1992. d) Stabilizzazioni rinviate al 2017 (calcolo quadriennio ) > c. 426 finanziaria 2015

15 L operatività dei limiti di spesa e di turn over (capacità assunzionali) Limite ASSUNZIONI ASSOLUTO art. 41 d.l. 66/2014 Enti che registrano tempi medi nei pagamenti superiori 2015 (tempo medio g+ 30) > 120 giorni - divieto 2016 (tempo medio g+ 30) > 90 giorni - divieto a 90 giorni nel 2014 e a 60 giorni a decorrere dal 2015, rispetto a quanto disposto dal decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, nell anno successivo a quello di riferimento non possono procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto. È fatto altresì divieto agli enti di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi della presente disposizione. RICORDARE > il piano triennale delle azioni positive in materia di pari opportunità (art 48, comma 1, del d.lgs. 198/2006 e art. 6, comma 6, del d.lgs. 165/2001)

16 - L operatività dei limiti di spesa e capacità assunzionale Enti sotto patto > limite di spesa- non ai può superare la media periodo 2011/2013 (Art. 3 c, 5 quater e 5 D.L. 90/2014) (Corte dei Conti Sez. Aut. 27/2014) periodo fermo. Enti fuori patto Limite spesa 2008

17 - L operatività dei limiti di spesa e capacità assunzionale art 3 c 5 (salvo categorie protette art 3 c 6 DL 90/2014) Calcolo capacità assunzionali enti sotto patto (per gli altri 1 a 1) dal 2014 in poi, in sede di programmazione di fabbisogno e finanziaria, si potrà tenere conto delle cessazioni prevedibili nell arco di un triennio (art. 1 c. 557 quater finanziaria 2007 modificata dal D.L.90/2014) QUANTIFICAZIONE DELLE CAPACITA ASSUNZIONALI Rapporto con spesa corrente superiore al 25% - nel % della spesa cessazioni intervenute nel 2013; - nel % della spesa cessazioni intervenute nel 2014; - nel 2016/ % - spesa cessazioni anno precedente. - nel % della spesa cessazioni anno 2017 Rapporto con spesa corrente inferiore al 25% - nel % della spesa cessazioni intervenute nel 2013; - nel % della spesa cessazioni intervenute nel 2014; - dal % della spesa cessazioni anno precedente (art. 3, c, 5, del d.l. n. 90/2014) impiego dei resti (cumulo x3anni)

18 - L operatività dei limiti di spesa e di turn over - Forme di impegno del personale nelle gestioni associate e i relativi istituti contrattuali - La costituzione e la gestione del fondo per il miglioramento dei servizi nella gestione associata - Le Politiche incentivanti - Gli aspetti disciplinari - Aspetti organizzativi a) l individuazione delle P.O. b) articolazione dei servizi - La gestione delle politiche assunzionali - La gestione del servizio personale in forma associata

19 - L operatività dei limiti di spesa e di turn over - Forme di impegno del personale nelle gestioni associate e i relativi istituti contrattuali - La costituzione e la gestione del fondo per il miglioramento dei servizi nella gestione associata - Le Politiche incentivanti - Gli aspetti disciplinari - Aspetti organizzativi a) l individuazione delle P.O. b) articolazione dei servizi - La gestione delle politiche assunzionali - La gestione del servizio personale in forma associata

20 Come operano i limiti UNIONE DEI COMUNI I metodo somma della spesa Spesa personale 2015 non superiore alla spesa 2008 Si somma la spesa Unione + Comuni sia nel 2008 sia nel 2015 Limite Turn over tempi indeterminati Turn over valutati su base complessiva unione e comuni

21 Come operano i limiti UNIONE DEI COMUNI II metodo scissione spesa CALCOLO SUL SINGOLO COMUNE Spesa personale 2015 non superiore alla spesa 2008 o alla media triennio Si fa il calcolo per ciascun ente individualmente Limite Turn over tempi indeterminati Si fa il calcolo per ciascun ente individualmente anno per anno non scomputando il personale trasferito all Unione

22 Come operano i limiti GESTIONE ASSOCIATA TRAMITE CONVENZIONE Spesa personale 2015 non superiore alla spesa 2008 o media triennio (enti sub patto) Si fa il calcolo per ciascun ente individualmente - previo riparto spesa del capofila per il personale del servizio Limite Turn over tempi indeterminati Si fa il calcolo per ciascun ente individualmente

23 Acquisizione del personale UNIONI DEI COMUNI Concorsi selezioni mobilità volontaria avviamento collocamento anche obbligatorio Trasferimento come conseguenza del trasferimento del servizio art. 31 D.Lgs. 165/01 Mobilità obbligatoria nei 50 km Comando / Distacco Personale autorizzato Art. 1 c. 557 L. 311/2004 Art. 110 Tuel Art. 90 Tuel Personale interinale Altre forme flessibili rinvio art. 36 D.Lgs. 165/01 voucher INPS Co.co.pro. Ect.

24 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI impiego personale comuni associati Trasferimento come conseguenza del trasferimento del servizio art. 31 D.Lgs. 165/01 Mobilità obbligatoria nei 50 km Comando art c.c. / Distacco (Art. 30 D.Lgs. 276/03 Art. 14 CCNL 2004 Personale autorizzato Art. 1 c. 557 L. 311/2004

25 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI Focus > trasferimento art. 31 Trasferim ento personal e Trasferita l attività art. 31 D.Lgs. 165/01 Trasferimento delle risorse impiegate per svolgere quell attività

26 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI Focus > trasferimento art. 31 ITER rinvio art. 47 c. 1 4 L. 428/90 Comunicazione anticipata RSU OOSS Motivi / Conseguenze giur eco sociali / Misure ausilio Se richiesta Consultazione / concertazione sindacale SOLO SUI CRITERI di INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE Trasferimento personale Verbale

27 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI Focus > trasferimento art. 31 ITER rinvio art. 47 c. 1 4 APPLICAZIONE PRATICA > IPOTESI COSTITUZIONE DI UNIONE CON 3 COMUNI Comunicazione anticipata RSU OOSS Consultazione / concertazione sindacale Verbale conclusivo Trasferimento personale Necessità di gestione Unitaria- chi la deve fare con quali poteri Da definire con protocollo d intesa o accordo l attribuzione ad un solo ente degli obblighi formali o il coordinamento degli stessi - prevedendo la partecipazione di rappresentanti di tutti gli enti coinvolti

28 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI Focus > trasferimento art. 31 ITER rinvio art. 47 c. 1 4 APPLICAZIONE PRATICA > IPOTESI COSTITUZIONE DI UNIONE Comunicazione anticipata RSU OOSS Consultazione / concertazione sindacale Verbale conclusivo Trasferimento personale Capofila > comunica progetto Delegazione pubblica RSU - OOSS Verbale avvenuta concertazione (non contratto) Determinazione trasferimento determinazione assunzione in Unione

29 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI impiego personale comuni associati FOCUS DISTACCO Istituto di creazione giurisprudenziale poi Art. 30 D.Lgs. 276/03 circ. 3/04 Min. Lav. Potere unilaterale datore di lavoro Interesse dell ente distaccante produttivo / organizzativo (no somministrazione) Esigenze razionalità impiego personale nei gruppi di impresa Temporaneità funzionale all attività e all interesse non ha un termine minimo o massimo Obbligo del dipendente di ottemperarvi art c.c.

30 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI impiego personale comuni associati FOCUS COMANDO Art. 56 L. 3/1957 (abrogato) - rivive ex art c.c. (richiamato implicitamente art. 19 CCNL 2004 ) Esercizio potere unilaterale del datore di lavoro Interesse dominante dell ente utilizzatore (possibile interesse di entrambi gli enti) Obbligo del dipendente di ottemperarvi art c.c.

31 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI impiego personale comuni associati FOCUS Art. 1 c. 557 L. 311/04 Dipendente altro ente locale Necessaria autorizzazione ente di appartenenza art 53 D.Lgs. 165/01 Permette deroga art. 110 c. 5 TUEL e incardinamento nell ente Fino a 48 ore (36+12) Possibile costituzione di altro rapporto a tempo determinato o altra forma professionale (Cons. Stato 2141/05) Ratio assicurare a unioni e piccoli enti professionalità adeguate

32 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate CONVENZIONI Il Comune capofila può utilizzare gli strumenti dati dall ordinamento Non è utilizzabile l art. 31 D.Lgs. 165/01 Le assunzioni a tempo indeterminato sono assunzioni del Comune capofila Può utilizzare art. 14 CCNL 2004

33 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate UNIONI DEI COMUNI e CONVENZIONI impiego personale comuni associati FOCUS Art. 14 CCNL 2004 Dipendente altro ente locale Consenso del dipendente Tempo parziale (non più di 36 ore) Definizione convenzionale spese e aspetti gestionali Convenzione è atto gestionale Possibilità di assumere ruoli di responsabilità

34 -Costituzione fondo miglioramento dei servizi UNIONE DEI COMUNI Personale assunto dall Unione Costituzione fondo con valore medio pro capite personale enti Personale trasferito dai Comuni Trasferimento somme medie produttività Possibile incremento successivo risorse (rinvio disciplina Comuni) Riduzione contestuale fondo Comune

35 -Costituzione fondo miglioramento dei servizi UNIONE DEI COMUNI Risorse nuove assunzioni Risorse personale trasferito Fondo Unione Incrementi contrattuali ALTERNATIVA METODO INDUTTIVO

36 Disposizioni contrattuali incentivanti gestioni associate P.O. Fino a Euro e I.R. Fino a 30% Vale sia per le gestioni associate tramite Unione che tramite Convenzione Devono esserci due incarichi distinti nei due enti CCNL 2004Art 13 c. 6 / Unioni > - ARAN parere ral 669 Art. 14 c. 5 / Convenzioni > - ARAN parere ral 674 Riproporzionare Indennità in base alle ore ai fini del riparto e imputazione spesa

37 Disposizioni contrattuali incentivanti gestioni associate Indennità art. 17 lett. f) cumulabile art. 13 c. 5 lett. b) CCNL 2004 solo UNIONE La disposizione permette di avere due indennità - cumulabili - di particolari responsabilità ex art. 17 lett. f purché si svolgano incarichi sia presso l Unione che nel comune di provenienza L Indennità può non essere riproporzionata in base alle ore ai fini della quantificazione

38 Disposizioni contrattuali incentivanti gestioni associate Compenso incentivante fino a 25 Euro mensili art. 13 c. 5 lett. a) CCNL 2004 Al personale utilizzato in unione Nei limiti delle risorse fondo miglioramento servizi e quindi da contrattare Correlato all effettività delle prestazioni

39 RISPOSTE AI QUESITI PIU COMUNI Il dipendente trasferito > art. 31 può rifiutarsi NO una volta trasferito se non si presenta nella sede di lavoro assegnata è possibile procedere disciplinarmente o esubero Dipendente che lavora sia in Comune che in Unione / Comune capofila spetta indennità di trasferta NO Aran parere Ral 673 il dipendente ha due sedi di lavoro quindi non spetta alcuna indennità, salvo dipendente in convenzione art. 14 c. 6 CCNL 2004 cui spetta indennità di trasferta art. 41 c. 2 e 4 CCNL 2000 qualora ne ricorrano i requisiti Dipendente trasferito all Unione o ad altra sede ha diritto ad indennità di trasferimento o simile NO è indennità non prevista dal contratto collettivo né può essere prevista in sede decentrata > conseguentemente non può essere erogata

40 -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate PROFILI GESTIONALI e DISCIPLINARI Personale assegnato > gestione SPETTANO ALL ENTE UTILIZZATORE a) la articolazione e la distribuzione temporale dell orario d obbligo; b) le eventuali tipologie di orario (turno) o di prestazioni (reperibilità); c) tutte le causali del salario accessorio (produttività, responsabilità, rischio, disagio, maneggio valori, ecc). SPETTANO ALL ENTE DATORE DI LAVORO a) Gestione retribuitiva e previdenziale b) Provvedimenti sul rapporto sulla base di quanto comunicato da ente utilizzatore

41 - Aspetti DISCIPLINARI Le opportunità di costituire un ufficio per le sanzioni disciplinari in forma associata Specializzazione Garantire terzietà Superamento problemi incompatibilità con autorità anticorruzione

42 - Aspetti organizzativi- a) l individuazione delle P.O. Presupposto > definizione dell organizzazione e dei rapporti Procedura di scelta > principi trasparenza e procedure comparative Limiti normativi e contrattuali Il ruolo del responsabile nel servizio di gestione associata CARATTERISTICHE

43 - Aspetti organizzativi b) articolazione dei servizi Gli obiettivi della gestione associata devono prevalere sulle esigenze dei singoli. Non creare nuove debolezze ma opportunità Specializzazione dei ruoli

44 La gestione delle politiche assunzionali e del servizio personale in forma associata > maggiore specializzazione Economie di spesa (ricordarsi limiti Min. Ec.) Equità d area Relazioni sindacali Difficoltà nei rapporti contrattuali Presupposti > software, apparati etc.

Il personale dei piccoli comuni e lo sviluppo delle gestioni associate obbligatorie

Il personale dei piccoli comuni e lo sviluppo delle gestioni associate obbligatorie e lo sviluppo delle gestioni associate obbligatorie Avv. Giuseppe Ragadali - Come operano i limiti di spesa del personale nelle gestioni associate -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate

Dettagli

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco 1 dott. Arturo Bianco Esperto in gestione delle risorse umane Già presidente Anci Sicilia, già componente la

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015. Sede Catania 22 ottobre 2015 Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele, 127

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015. Sede Catania 22 ottobre 2015 Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele, 127 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

Bologna, 25 marzo 2015. Pietro Barrera - 25 marzo 2015 1

Bologna, 25 marzo 2015. Pietro Barrera - 25 marzo 2015 1 Piano per la formazione territoriale degli amministratori locali, dei segretari comunali e provinciali, dei dirigenti e dei funzionari degli enti locali. Bologna, 25 marzo 2015 1 Università degli studi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 70 /G del 11/12/2014 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE 2015-2017 - AP- PROVAZIONE =====================================================================================

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 05/8/2015 OGGETTO: Programmazione triennale del fabbisogno di personale 2015-2017. Piano occupazionale anno 2015. N. 78 L anno duemilaquindici

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/133 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/133 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/133 O G G E T T O Piano assunzioni con forme flessibili 2015 L anno duemilaquindici

Dettagli

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI 13 ottobre 2014 N. Prot. Gen. Prot. precedente Oggetto: Relazione sulle possibilità assunzionali dopo la conversione in Legge del DL. 90/2014 Al Signor Sindaco Al Signor Assessore al Personale Al Signor

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

Le voci della spesa di personale di Gianluca Bertagna

Le voci della spesa di personale di Gianluca Bertagna Le voci della spesa di personale di Gianluca Bertagna Ad oltre due anni dall entrata in vigore dei commi 557 e commi 562 della Finanziaria 2007 non vi è ancora certezza su quali voci vadano considerate

Dettagli

COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE COPIA Codice ente Protocollo n. 10081 DELIBERAZIONE N. 103 in data: 16.10.2014 Soggetta invio capigruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 153 del 22/07/2015 )

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 153 del 22/07/2015 ) ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 153 del 22/07/2015 ) OGGETTO: APPROVAZIONE DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA GESTIONE DEL PERSONALE DELLE PROVINCE

DISPOSIZIONI SULLA GESTIONE DEL PERSONALE DELLE PROVINCE DISPOSIZIONI SULLA GESTIONE DEL PERSONALE DELLE PROVINCE DIVIETO DI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO L art. 16, comma 9, del Decreto Legge 6 luglio 2012 n. 95 - Disposizioni urgenti per la revisione della

Dettagli

Diritto 1. Ammissibilità soggettiva ed oggettiva. 1.1 1.2 1.3

Diritto 1. Ammissibilità soggettiva ed oggettiva. 1.1 1.2 1.3 Deliberazione n. 140/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo

Dettagli

COMUNE DI ARPINO. (Provincia di Frosinone) RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI ARPINO. (Provincia di Frosinone) RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI ARPINO (Provincia di Frosinone) ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria al contratto integrativo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis Comuni de Aristanis DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (N. 122 DEL 24/06/2015) ORIGINALE OGGETTO: Approvazione piano triennale delle assunzioni 2015/2017. L anno 2015 il giorno 24 del mese di Giugno nella

Dettagli

FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro

FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro *** Accordi di produttività: la detassazione dei salari 1. Le micro imprese, in cui non sono presenti rappresentanze sindacati, possono

Dettagli

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO D. Lgs. 368/2001 aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013, alla L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014) e

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 14 DEL OGGETTO: Approvazione piano fabbisogno del personale triennio 2015-2017 e approvazione piano

Dettagli

PARTE TERZA LE ALTRE NOVITÀ

PARTE TERZA LE ALTRE NOVITÀ Azioni «vietate» (tutte quelle che erodono la capacità assunzionale) Scorrimento di idonei dalle graduatorie (tranne che per i vincitori) Trasformazione del rapporto di lavoro da part-time a tempo pieno

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 37 del 01-09-2014 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE D ANNUALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE 2014/2016

Dettagli

COMUNE DI SANT ARCANGELO

COMUNE DI SANT ARCANGELO COMUNE DI SANT ARCANGELO (Provincia di Potenza) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO Numero 35 Del 28-04-2015 Oggetto: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DI FABBISOGNO DEL PERSONALE -

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2012 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2013 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI VERTOVA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N 127 del 19/11/2014

COMUNE DI VERTOVA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N 127 del 19/11/2014 COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Fax 035 720496 Cod.Fisc. e P. IVA 00238520167 COPIA Codice Ente : 10238 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 127 del

Dettagli

Quelconcetto variabile. di spesa di personale. A. SPECIALE SPESE DI PERSONALE Casistica RAPPORTO DI LAVORO

Quelconcetto variabile. di spesa di personale. A. SPECIALE SPESE DI PERSONALE Casistica RAPPORTO DI LAVORO SPECIALE SPESE DI PERSONALE Quelconcetto variabile dispesadipersonale di Gianluca Bertagna * Dal 2006 le spese di personale costituiscono una vera e propria spina nel fianco per gli operatori degli enti

Dettagli

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 25 marzo 2014, n. 139 Programmazione triennale del fabbisogno del personale della Giunta regionale del Lazio 2014-2016. OGGETTO:

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 In data 31 luglio 2009, alle ore 11.30, ha avuto luogo l incontro tra l

Dettagli

Il COMMISSARIO STRAORDINARIO

Il COMMISSARIO STRAORDINARIO Deliberazione n 377/2015 del 30/07/2015 Oggetto : PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE PER IL TRIENNIO 2015/2017 L anno duemilaquindici il giorno trenta del Mese di Luglio presso la Sede

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 Allegato B delibera 13 del 3.2.2016 PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 PREMESSO che il vigente quadro normativo in materia di organizzazione dell'ente locale, con particolare riferimento

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA AREA FINANZIARIA E DELLE RISORSE UMANE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE LAVORO 2002/2005 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO L anno2006 (duemilasei), il giorno 17 (diciassette

Dettagli

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde!

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Art. 19 comma 1 Apposizione del termine e durata massima

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

OSSERVATORIO ENTI LOCALI 2015

OSSERVATORIO ENTI LOCALI 2015 OSSERVATORIO ENTI LOCALI 2015 LE SPESE DI PERSONALE DEGLI ENTI LOCALI a cura di Mara Oliverio Consiglieri Delegati CNDCEC Marcello Marchetti Giovanni Gerardo Parente Consigliere Delegato FNC Michele de

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 La programmazione triennale del fabbisogno di personale, da deliberarsi ed aggiornarsi annualmente in coerenza con le indicazioni

Dettagli

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati Mestre, 30 giugno 2015 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi Circolare n. 8/2015 1. LEGGE DI STABILITA 2015 Assunzioni a tempo indeterminato; 2. RIFORMA DEI CONTRATTI DI LAVORO co.co.pro/co.co.co tempo determinato

Dettagli

(spendingreview) Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati

(spendingreview) Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati (spendingreview) 1. La revisione degli assetti organizzativi delle pubbliche amministrazioni 2. Limiti alle assunzione nelle

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

PAVIA Teatro Fraschini

PAVIA Teatro Fraschini Inaz per la Pubblica Amministrazione 14 giugno PAVIA Teatro Fraschini Furio De Candido azienda specializzata nella produzione di Software e nell erogazione di Servizi per la Gestione e Amministrazione

Dettagli

Lombardia/356/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

Lombardia/356/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/356/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa Presidente dott. Ganluca Braghò Primo referendario

Dettagli

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti 3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti La normativa sul contratto di lavoro a tempo determinato è contenuta nel Decreto Legislativo n. 368 del 2001, decreto attuativo della Direttiva Comunitaria

Dettagli

PRESENTAZIONE ATTIVITA SERVIZIO UNICO DEL PERSONALE Periodo 2009-2014

PRESENTAZIONE ATTIVITA SERVIZIO UNICO DEL PERSONALE Periodo 2009-2014 PRESENTAZIONE ATTIVITA SERVIZIO UNICO DEL PERSONALE Periodo 29-24 SERVIZIO UNICO DEL PERSONALE Il servizio svolge la propria attività avvalendosi della seguente dotazione organica: 2 Istruttori direttivi,

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA COMPETENZA AUTORE DATA Relazione illustrativa

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL DLGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009 A CHE COSA SERVE IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Pag. 1 di 9 Articolo 1 Campo di applicazione e durata 1. Il presente contratto decentrato integrativo redatto ai sensi dell art. 5 del CCNL del 01.04.1999, così

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti di: Carmine Lasco Dottore Commercialista (art. 239, comma 1, T. U.E. L. ) Le funzioni obbligatorie dell'organo di revisione sono così riassumibili: collaborazione

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile 30-1-2007 Speciale Finanziaria 2008 Legge 24 dicembre 2007, n. 244 II Pubblico impiego a cura di IGOR GIUSSANI E TOMMASO PIZZO Le disposizioni in materia di pubblico impiego contenute nella Finanziaria

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 93 del 17.10.2012 PARTE PRIMA - Passaggio diretto di personale Art. 1

Dettagli

CITTÀ DI PIOSSASCO Provincia di Torino

CITTÀ DI PIOSSASCO Provincia di Torino CITTÀ DI IOSSASCO rovincia di Torino ORIGINALE C O I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 98 Oggetto: rogrammazione triennale del fabbisogno di personale 2013-2014- 2015 e piano annuale

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/116/CR05/C1

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/116/CR05/C1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/116/CR05/C1 Modifiche al documento INTERPRETAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DEL DECRETO LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, IN MATERIA DI CONTENIMENTO DELLE SPESE

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Università degli Studi del Molise RELAZIONE ILLUSTRATIVA FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Anno 2013 Relazione illustrativa Indice Modulo I Illustrazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì ventitre del mese di ottobre alle ore 15.30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SAGRAMOLA

Dettagli

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 Settore Risorse Umane e Decentramento Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 ACCORDO PROVVISORIO AVENTE AD OGGETTO L AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI DELL

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 A seguito del parere favorevole espresso in data 7 dicembre 2001 dalla Presidenza del Consiglio

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 137 del 23.09.2014

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 137 del 23.09.2014 COMUNE DI SESTU rovincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 137 del 23.09.2014 COIA Oggetto: rocedura selettiva di mobilità finalizzata alla coperutra di un posto nel profilo profesionale

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012;

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; In conformità della circolare della RGS n. 25 / 2012 Modulo I -

Dettagli

Tempo massimo di svolgimento (gg.)

Tempo massimo di svolgimento (gg.) SERVIZIO PERSONALE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: CECCHINI BARBARA, TEL 0573 621286- mail barbara.cecchini@comunesanmarcello.it Per informazioni: Servizio Personale - Via Pietro Leopodo n. 10/24 - tel

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 149/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 29.09.2015 composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTA' DI TRICAE PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto n. 156 Del 10/07/2014 Oggetto: ART.39, COMMA 1, DELLA L. 449/97 - PROGRAMMAZIONE DEL FABBIOGNO DI PERONALE PER IL TRIENNIO

Dettagli

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 112 del 30/12/2014

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 112 del 30/12/2014 Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 112 del 30/12/2014 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO TRIENNIO 2015/ 2017

Dettagli

I DUBBI DI FINE ANNO

I DUBBI DI FINE ANNO I DUBBI DI FINE ANNO Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. Bertrand Russell 1) Nomino o Non nomino? = OIV o Nucleo di valutazione nel

Dettagli

C O M U N E d i S E R M O N E T A

C O M U N E d i S E R M O N E T A AREA 1 - AMMINISTRATIVA, AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N 144 del 13-05-2013 C O M U N E d i S E R M O N E T A ( P r o v i n c i a d i L a t i n a ) COPIA DELLA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 114 del 28-07-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROGRAMMA FABBISOGNO DEL PERSONALE. TRIENNIO 2015-2017 L'anno duemilaquindici

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione la quota da pignorare non può eccedere un decimo

1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione la quota da pignorare non può eccedere un decimo La gestione del personale nella riforma degli assetti organizzativi anche alla luce del decreto fiscale 1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 49 del 17 novembre 2011 Il nuovo Testo unico

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Settore Risorse Umane e strumentali Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Accordo provvisorio: AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI E DEGLI INCARICATI

Dettagli

DEL PERSONALE NEGLI ANNI 2011-2012 - 2013

DEL PERSONALE NEGLI ANNI 2011-2012 - 2013 I VINCOLI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE LA MANOVRA FINANZIARIA LA MANOVRA FINANZIARIA NEGLI ANNI 2011-2012 - 2013 I LIMITI ALLE ASSUNZIONI LE ASSUNZIONI Non possono procedere ad alcuna assunzione gli enti

Dettagli

ALLEGATO B. A. Relazione illustrativa

ALLEGATO B. A. Relazione illustrativa ALLEGATO B Pre intesa sottoscritta il 18 novembre 2013 sul Contratto integrativo economico per l utilizzazione del fondo del personale non dirigenziale anno 2013. Relazione illustrativa e tecnico finanziaria

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 73 In data: 23/04/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE ANNI 2015 2016 2017 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Accordo sugli istituti economici del CCNL 27.1.2005 Anno 2006 In data, presso la sala consiliare dell Università degli Studi di Napoli Parthenope, la delegazione di parte pubblica, costituita dal Rettore

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 SEZIONE LAVORO 1) INCENTIVO GIOVANI 18-29 ANNI Incentivo per i datori di lavoro che assumono tramite contratto a tempo indeterminato, lavoratori

Dettagli

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

LAVORO A TEMPO DETERMINATO ARTT. 19 29 D.LGS 81/2015 FORMA E CONTENUTI DEL CONTRATTO DI LAVORO Al contratto di lavoro subordinato può essere apposto un termine di durata non superiore a trentasei mesi. Fatte salve le diverse disposizioni

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Adunanza del 20 luglio 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento. Mario FALCUCCI

Adunanza del 20 luglio 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento. Mario FALCUCCI Corte dei Conti N.26/SEZAUT/2015/QMIG Sezione delle autonomie Adunanza del 20 luglio 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Composta dai magistrati: Presidenti

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE AMMINISTRAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE --- SERVIZIO CONCORSI - ASSUNZIONI Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 38 del 4/05/205 Registro del Settore N. 74 del 4/05/205 Oggetto:

Dettagli

Aggiornato alla legge di stabilità 2015, al decreto mille proroghe 2015 e ai decreti di attuazione del job act (dlgs 81/2015)

Aggiornato alla legge di stabilità 2015, al decreto mille proroghe 2015 e ai decreti di attuazione del job act (dlgs 81/2015) PROGRAMMA DETTAGLIATO Titolo del Corso TUTTE LE NOVITÀ SUL LAVORO PUBBLICO Aggiornato alla legge di stabilità 2015, al decreto mille proroghe 2015 e ai decreti di attuazione del job act (dlgs 81/2015)

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

PIANO OPERATIVO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE PIANO OPERATIVO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE INDICE 1. Premessa 2. L attuale gestione del personale 3. La convenzione (Le norme scritte) 4. L organizzazione dell UFFICIO UNICO 5. Il

Dettagli

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale.

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Alcune amministrazioni, in violazione del Contratto

Dettagli

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 1. Considerazioni generali e normativa di riferimento Il complessivo andamento di una delle principali voci di spesa del bilancio provinciale

Dettagli