IL LAVORO ACCESSORIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LAVORO ACCESSORIO"

Transcript

1 IL LAVORO ACCESSORIO (Artt del D.Lg. n. 276/03 - L. 133/2008- L. 33/2009-L. 191/2009- D.L. 225 del 29/12/2010 convertito in legge n. 10/2011- L. 92/2012 c.d. Riforma Fornero - circ. Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 18/2012; circ. Ministero del lavoro e delle politiche sociali n.4/2013; circ. Inps n.49/2013; Ministero del Lavoro circolare n del 22/04/2013; Inail circ. n.21 del 24/03/2013; D.L. N. 76/2013 convertito in L. n. 99/2013; Inps, circ. n. 177 e n. 176 del , Inps, circ. n. 28 del 26/02/2014). Definizione e campo di applicazione L art. 70 del D.Lgs. n. 276/03 (decreto attuativo della Legge n. 30/03 Legge Biagi) introduce una nuova tipologia contrattuale, il lavoro accessorio, con l obiettivo di far emergere il sommerso che caratterizza talune prestazioni di lavoro e tutelare maggiormente lavoratori che altrimenti opererebbero senza alcuna protezione assicurativa e previdenziale. Non è previsto alcun obbligo di forma scritta, nessuna comunicazione telematica obbligatoria ai Centri per L Impiego, nessuna registrazione sul libro unico del lavoro (1). Il pagamento della prestazione avviene attraverso i buoni lavoro, i c.d voucher, che garantiscono, oltre alla retribuzione, anche la copertura previdenziale attraverso l INPS e quella assicurativa presso l INAIL. Nella disciplina preesistente alla Riforma Fornero L. n.92/2012 l applicazione del contratto accessorio incontrava alcune delimitazioni di carattere soggettivo (l'utilizzo del lavoro accessorio era infatti limitato alle prestazioni di lavoro rese da alcuni soggetti a rischio di esclusione sociale o comunque non ancora entrati nel mercato del lavoro e specificatamente individuati dalla norma: disoccupati da oltre 12 mesi, casalinghe, studenti e pensionati, disabili, soggetti in comunità di recupero, extracomunitari etc. ) e di carattere oggettivo (era possibile utilizzarlo solo per lo svolgimento di determinate attività lavorative e solo in settori determinati). Con l entrata in vigore della L. n. 92/2012 (e ancora prima per effetto del Decreto Legge n. 112 del convertito in Legge n. 133/2008 che ha abrogato l art. 71 del D.Lgs. 276/2003 che individuava soltanto alcune categorie di soggetti che potevano accedere al lavoro accessorio ed indicava, altresì, una sorta di iscrizione in elenchi presso i Servizi per l Impiego delle Province ovvero presso i soggetti accreditati dalle Regioni) vengono meno tutte le predette causali oggettive e soggettive, sostituite da una disposizione che prevede soltanto limitazioni di natura economica: dal 18 luglio 2012 e per effetto del successivo D.L. n.76/2013 e relativa L. n.99/2013 di conversione, infatti, possono essere rese attività lavorative nella generalità dei settori produttivi a prescindere dalla occasionalità della prestazione e da parte di qualsiasi soggetto (disoccupato, inoccupato, lavoratore autonomo o subordinato, full time o part time, pensionato, studente, percettore di prestazioni a sostegno del reddito) (2), ciò che è essenziale tuttavia è il rispetto del limite del compenso economico previsto, poiché ciascun lavoratore nello svolgimento delle prestazioni di lavoro accessorio, non può percepire compensi superiori ai euro 10/04/2014 1

2 5.050,00 netti nel corso di un anno solare (annualmente rivalutati sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell'anno precedente) e con riferimento alla totalità dei committenti (pubblici o privati, imprenditori e non). Tuttavia, fermo restando il limite complessivo di euro 5.050,00 netti nel corso di un anno solare, nei confronti dei committenti imprenditori commerciali o professionisti, tali attività lavorative possono essere svolte a favore di ciascun singolo committente per compensi (3) non superiori a euro 2.000,00, anche questi rivalutati annualmente (co. 1, art. 70, D.Lgs. n. 276/2003 come modificato dalla L. 92/2012 c.d. Riforma Fornero ). Occorre pertanto verificare se il committente è prima di tutto un imprenditore e poi se trattasi di imprenditore commerciale o professionista. In linea generale, l espressione imprenditori commerciali risulta comprensiva di tutte le categorie disciplinate dall art e segg. del codice civile (con esclusione, dell impresa agricola separatamente disciplinata dal comma 2 del novellato articolo 70). Anche alla luce di quanto previsto dalle circolari n. 18/2012 e n. 4/2013 del Ministero del Lavoro, rientra nella categoria di imprenditore commerciale qualsiasi soggetto persona fisica e giuridica che opera su un determinato mercato, per la produzione, la gestione o la distribuzione di beni e servizi. Per quanto attiene alla categoria dei professionisti, occorre invece fare riferimento al Testo unico delle imposte sui redditi, art. 53 comma 1 (ex art. 49, comma 1) il quale prevede che sono redditi di lavoro autonomo quelli che derivano dall esercizio di arti e professioni. Per esercizio di arti e professioni si intende l esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di attività di lavoro autonomo diverse da quelle considerate al capo VI, compreso l esercizio in forma associata di cui alla lettera c) del comma 3 dell articolo 5. La norma trova applicazione nei riguardi sia degli iscritti agli ordini professionali, anche assicurati presso una cassa diversa da quella del settore specifico dell ordine, sia dei titolari di partita IVA, non iscritti alle casse, ed assicurati all INPS presso la gestione separata di cui all articolo 2, comma 26, legge n. 335/1995. Una precisazione importante: in caso di acquisto di buoni lavoro da parte di imprenditori commerciali o liberi professionisti in qualità di committenti privati il limite economico per prestatore è ovviamente pari a euro annui. L ipotesi di committenti non imprenditori, invece, non sembra rivolgersi al solo lavoro domestico, ma anche a piccoli lavori o prestazioni occasionali di cui abbia bisogno un privato cittadino (es. insegnamento supplementare) o associazioni sportive, di promozione sociale, di volontariato, organizzazioni o fondazioni. L Inps, con circolare n. 176 del ha chiarito che il compenso complessivamente percepito dal prestatore di lavoro non possa essere superiore nel corso di un anno solare, inteso come periodo dal 1 gennaio al 31 dicembre: a euro, con riferimento alla totalità dei committenti, da intendersi come importo netto per il prestatore, pari a lordi; a euro per prestazioni svolte a favore di imprenditori commerciali o professionisti, con riferimento a ciascun committente, da intendersi come importo netto per il prestatore, pari a lordi. 10/04/2014 2

3 Al fine di agevolare i committenti e i lavoratori nel riscontro dei compensi riscossi nel corso dell anno, l Inps ha predisposto apposite procedure telematiche di calcolo e di presentazione dei compensi ricevuti dal prestatore al fine di adeguarsi alle vigenti disposizioni normative. In particolare, sono state sviluppate specifiche funzionalità, che consentono la visualizzazione dei compensi percepiti - nel corso dell anno solare di interesse - sia da parte del committente che da parte del prestatore di lavoro. Gli estratti conto accessibili in procedura presentano i compensi riscossi in base allo stato di rendicontazione dei voucher incassati trasmesso all Istituto Inps dai soggetti che gestiscono il servizio di riscossione (Poste, Tabaccai, Banche popolari). Le nuove funzionalità messe a disposizione dei committenti, dei delegati autorizzati e dei prestatori di lavoro, saranno disponibili nell elenco di tutti i Servizi Online, nella sezione Lavoro Accessorio, all interno del sito Con D.M. del Ministro del Lavoro saranno disciplinate le condizioni (modalità e importi dei voucher) per le prestazioni rese da disabili, detenuti, tossicodipendenti o fruitori di ammortizzatori sociali, nell ambito di progetti promossi dalle P.A. Un secondo limite, anch esso di carattere oggettivo e fermo restando il tetto dei 5.050,00 euro, riguarda il settore agricolo. Il nuovo art. 70 del D.Lgs. n. 276/2003 come modificato dalla L. 92/ Riforma Fornero) disciplina le modalità di utilizzo del lavoro accessorio in questo ambito e prevede che il lavoro occasionale accessorio, sia ammesso, sempre nei limiti del compenso economico di euro annui per prestatore per: a) aziende con volume d affari superiore a euro nell anno solare, esclusivamente tramite l utilizzo di specifiche figure di prestatori (pensionati e studenti) ma solo nell ambito delle attività agricole di carattere stagionale; b) imprese ricadenti nel comma 6 dell art. 34 D.P.R. n. 633/72 (ossia aventi un volume d affari inferiore a euro nell anno solare) che possono utilizzare in qualunque tipologia di lavoro agricolo qualsiasi soggetto purché non sia stato iscritto l anno precedente negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli. Come precisato dalle circolari del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in considerazione della specialità del settore agricolo non trova applicazione l ulteriore limite economico di euro previsto dal comma 1 dell articolo 70. Dal punto di vista soggettivo (e solo nel settore agricolo) restano dunque confermati i pensionati e giovani con meno di venticinque anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, compatibilmente con gli impegni scolastici, ovvero in qualunque periodo dell anno se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso l università, quali uniche tipologie di prestatori che possono essere impiegate per le attività agricole svolte a favore di imprese agricole con volume d affari annuo superiore a euro. Le attività oggetto di prestazione di lavoro occasionale accessorio per le imprese agricole con volume d affari superiore ai 10/04/2014 3

4 7.000 euro, sono, peraltro, circoscritte all esclusivo ambito del lavoro agricolo stagionale, sia con riferimento all attività agricola principale svolta dall imprenditore sia alle attività connesse (art. 2135, comma 3, c.c.) svolte dallo stesso, che seguono i tempi e i modelli produttivi dell attività principale. I soggetti di cui all articolo 34, comma 6, del decreto del DPR n. 633 del 1972 (ossia produttori agricoli con volume d affari annuo non superiore a euro) possono ricorrere ai buoni lavoro per svolgere qualsiasi attività agricola, anche se non stagionale, impiegando qualsiasi tipologia di prestatore, purché non sia stato iscritto l anno precedente negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli. Ultima limitazione riguarda la possibilità di ricorrere al lavoro accessorio da parte di un committente pubblico (compreso l ente locale). In tale ipotesi il Legislatore prevede semplicemente che il ricorso all istituto è consentito nel rispetto dei vincoli previsti dalla vigente disciplina in materia di contenimento delle spese di personale e, ove previsto, dal patto di stabilità interno. Per quanto concerne l aspetto economico, si precisa che per il committente pubblico vale il limite economico 'generale' fissato in euro per prestatore. Tuttavia con una disposizione che ha modificato il comma 28 dell art. 9 della legge n. 122/2010, il comma 12 dell art. 9 del D.L. n. 76/2013 fa sì che l utilizzo del lavoro accessorio nella Pubblica Amministrazione non incida, in termini di costi, sui limiti di spesa e sul patto di stabilità. A decorrere dal 1 gennaio 2013, il tetto può essere sforato per le assunzioni che sono strettamente necessarie per le funzioni di polizia locale, di istruzione pubblica, del settore sociale e per lo svolgimento di attività sociali, nel limite, in ogni caso, della spesa sostenuta nel corso del Attenzione: in via sperimentale fino al 31/12/ come previsto dalla lettera a), comma 32, articolo 1 della Legge 92/2012, modificato dall'articolo 46 bis della Legge 134/ Decreto Sviluppo) le prestazioni di lavoro accessorio potevano essere rese, in tutti i settori produttivi (compresi gli enti locali) e nel limite massimo di euro 3.000,00 (al netto dei contributi previdenziali) per anno solare, da percettori di prestazioni integrative del salario o con sostegno al reddito (INPS, circ. 17/2010). L'INPS provvedeva a sottrarre dalla contribuzione figurativa relativa alle prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito gli accrediti contributivi derivanti dalle prestazioni di lavoro accessorio. Il limite dei 3.000,00 euro era riferito al singolo lavoratore e andava computato in relazione ai compensi da lavoro accessorio percepiti dallo stesso complessivamente nel corso dell'anno solare (anche per prestazioni effettuate nei confronti di diversi datori di lavoro), tale possibilità è stata prorogata anche per l anno Per effetto della Riforma Fornero, anche l impresa familiare rientra nell ambito della disciplina generale e potrà ricorrere al lavoro occasionale per lo svolgimento di ogni tipo di attività, con l osservanza dei soli limiti economici previsti dalla nuova normativa, pari a euro annui, trattandosi di committenti imprenditori commerciali o 10/04/2014 4

5 professionisti. Ai buoni lavoro utilizzati dall impresa familiare si applica la contribuzione previdenziale pari al 13% per cento da versare alla gestione separata. Il ricorso al lavoro accessorio è limitato al rapporto diretto tra un prestatore ed un utilizzatore finale della prestazione stessa, senza il tramite di intermediari (4), mentre è escluso che un impresa possa reclutare e retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi come nel caso dell appalto e della somministrazione (INPS circ. n. 88/2009 e n. 17/2010). I voucher già acquistati prima del 18 luglio 2012 potevano essere utilizzati e spesi entro la data del 31 maggio 2013 (co. 33, art. 1, Legge 92/ Riforma Fornero). Disciplina del lavoro accessorio Per poter usufruire di prestazioni di lavoro accessorio i committenti possono acquistare presso le sedi INPS appositi carnet di buoni (voucher) orari, numerati progressivamente e datati. E possibile acquistare e riscuotere i voucher anche presso tutti gli Uffici Postali del territorio nazionale (INPS, comunicato stampa del ). Inoltre è possibile acquistare e riscuotere i buoni anche presso i tabaccai (a decorerre dal a seguito della sottoscrizione della Convenzione Inps Federazione Italiana Tabaccai) e presso le Banche Popolari. L acquisto dei voucher può essere cartaceo o telematico con possibilità, per entrambe le soluzioni, di restituzione dei buoni non utilizzati (il rimborso dovrà essere richiesto esclusivamente presso le sedi INPS, la restituzione avviene tramite bonifico a favore del datore di lavoro). Tempi di riscossione: i voucher possono essere riscossi dal prestatore nel corso del periodo di validità (24 mesi per i voucher INPS e postali, 12 mesi per i voucher distribuiti dai tabaccai abilitati e Banche popolari). Il valore nominale di ogni buono è stato fissato - con Decreto del Ministro del Lavoro del 30/09/05, tenuto conto delle risultanze istruttorie del confronto con le parti sociali - nella misura di 10,00 euro. Per effetto della Legge di Riforma, i voucher sono divenuti orari, pertanto un solo voucher, attualmente del valore di 10,00 euro, non potrà essere utilizzato per remunerare prestazioni di diverse ore. Resta salva, invece, la possibilità di remunerare una prestazione lavorativa in misura superiore rispetto a quella prevista dal Legislatore, corrispondendo, ad esempio, per un ora di lavoro anche più buoni. Il Ministero del Lavoro, con circolare del 18/02/2013 ha precisato che tenuto conto della specificità del settore agricolo, fermo restando il valore nominale del voucher, è possibile fare riferimento, esclusivamente in tale settore, alla retribuzione oraria delle prestazioni di natura di natura subordinata come individuata dalla contrattazione collettiva di riferimento comparativamente più rappresentativa. I voucher inoltre sono numerati progressivamente e datati, ciò consente di verificare se sono stati utilizzati in relazione al periodo preventivamente comunicato dal committente all INAIL. Il prestatore di lavoro accessorio riceve il proprio compenso consegnando, agli Uffici Postali, i buoni ricevuti dal committente della prestazione di lavoro. Tale compenso è 10/04/2014 5

6 esente da qualsiasi imposizione fiscale, non incide sullo stato di disoccupato o di inoccupato del prestatore di lavoro accessorio (5). Le prestazioni di lavoro accessorio inoltre non danno diritto alle prestazioni di malattia, maternità, disoccupazione e assegni familiari (Inps, circ. n. 44/2009). L ente Poste Italiane s.p.a provvede al pagamento delle spettanze alla persona che presenta il buono (netto 7,50 cadauno), registrando i dati anagrafici ed il codice fiscale della stessa. L ente provvede anche, per suo conto, al versamento dei contributi per fini previdenziali alla gestione separata INPS (aliquota convenzionale pari al 13% del valore nominale del buono, la percentuale relativa al versamento dei contributi previdenziali è rideterminata con apposito decreto in funzione degli incrementi delle aliquote contributive per gli iscritti alla gestione separata INPS (co. 4, art.72, D.Lgs n. 276/2003 come modificato dalla L.92/2012). L ente provvede anche, al versamento dei contributi per fini assicurativi contro gli infortuni sul lavoro all INAIL in misura pari al 7% del valore nominale del buono e trattiene un importo pari al 5% del valore nominale del buono stesso a titolo di rimborso spese. Si precisa che lo svolgimento di prestazioni di lavoro occasionale accessorio non dà diritto alle prestazioni a sostegno del reddito dell'inps (disoccupazione, maternità, malattia, assegni familiari ecc.), ma è riconosciuto ai fini dell'anzianità contributiva e del diritto alla pensione. Comunicazioni obbligatorie. A partire dal 15 gennaio 2014, i committenti di prestazioni occasionali di tipo accessorio hanno l'obbligo di comunicare all'inps prima dell'inizio della prestazione i seguenti dati ed esclusivamente per via telematica e qualunque sia il canale di acquisizione dei buoni lavoro: - i propri dati anagrafici e codici fiscali; - l'anagrafica di ogni prestatore ed il relativo codice fiscale; - il luogo dove si svolgerà la prestazione; - la date presunte di inizio e di fine dell'attività lavorativa. La comunicazione deve indicare l'intero arco temporale in cui si intende ricorrere al lavoro occasionale accessorio del prestatore, anche se esteso a più fine settimana, giorni alterni della settimana o settimane alterne nell'arco di più mesi (INAIL, nota 6464/2010). La circolare del Ministero del Lavoro n. 4/2013 ha fornito indicazioni operative in ordine alle novità introdotte dalla legge di Riforma n. 92/2012, in materia di lavoro accessorio, in tale circolare si dice che l arco temporale di utilizzo dei voucher è limitato ai 30 giorni dall acquisto degli stessi. Nota: tuttavia, con successiva circolare n del 18/02/2013 il Ministero ha precisato che nelle more della definizione delle procedure in questione, trovano ancora applicazione le previgenti indicazioni che non limitano temporalmente l utilizzabilità dei voucher acquistati. 10/04/2014 6

7 L Inps con la circolare n. 177 del 19 dicembre 2013 comunica i canali da utilizzare: 1. On line tramite la procedura informatica già disponibile sul portale del sito accessibile, dal sito dell Istituto, con percorsi alternativi - per i committenti muniti di PIN: Servizi On Line - Lavoro Occasionale Accessorio - Committenti/Datori di Lavoro (accesso con PIN); - per i possessori di voucher (accesso con codice fiscale e codice di controllo): Servizi On Line - Lavoro Occasionale Accessorio - Attivazione voucher INPS; - per i delegati: Servizi On Line - Lavoro Occasionale Accessorio - Consulenti associazioni e delegati (accesso con PIN). Nei menù delle relative aree dedicate sarà disponibile la nuova voce Attivazione voucher INPS. 2. Contact Center INPS-INAIL al numero gratuito da telefono fisso, oppure da cellulare al n , con tariffazione a carico dell utenza chiamante; 3. Sede INPS. Al fine di consentire un graduale accesso all utilizzo esclusivo della modalità telematica ed agevolare il più possibile la fruizione dei servizi da parte dell utenza che si avvale dei voucher cartacei distribuiti dalle Sedi INPS, è prevista una fase transitoria per il periodo fino al 14 gennaio 2014, durante la quale sarà possibile trasmettere le comunicazioni/variazioni delle prestazioni lavorative sia attraverso i canali INPS sia tramite il fax INAIL o il sito Servizi on line. A decorrere dal 15 gennaio 2014, la dichiarazione di inizio attività lavorativa e le comunicazioni di eventuali variazioni, dovranno essere comunicate direttamente all INPS ed esclusivamente con modalità telematica. Dalla medesima pertanto non saranno più operativi il fax INAIL e la sezione del sito che saranno disattivati. L'INPS provvederà a trasmettere in tempo reale all'inail le comunicazioni ricevute, concernenti anche le eventuali variazioni. Disciplina sanzionatoria Il limite quantitativo dei ,00 euro è un limite che riguarda il lavoratore ed è divenuto elemento di qualificazione del contratto di lavoro accessorio ed il suo superamento determina violazione della disciplina in materia, con conseguente trasformazione del rapporto in rapporto di lavoro subordinato e relativa applicazione di sanzioni civili e amministrative (Inail, circ. n. 21 del 24/03/2013). Rimane invece sospesa la sanzione per l ipotesi di utilizzo dei voucher in un periodo diverso da quello consentito cioè 30 giorni dal loro acquisto (considerato che questa 10/04/2014 7

8 limitazione temporale non è ancora operativa come indicato nella circolare 3439 del 18/02/2013 sopra citata). Note (1) Il lavoro accessorio costituisce uno strumento attraverso il quale ricondurre nell ambito della regolarità talune prestazioni di carattere occasionale che, frequentemente, sono di fatto escluse da qualsiasi formalizzazione (circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 4/2013). Il Ministero del Lavoro con circolare n del 22/04/2013 ha fornito in un Vademecum, destinato al personale Ispettivo, alcune precisazioni e orientamenti inerenti il contratto di lavoro accessorio. In particolare, ha confermato la possibilità di applicare tale contratto in tutti i settori di attività, nel rispetto dei soli limiti economici previsti, a nulla rilevando ad esempio, che in azienda siano presenti lavoratori che svolgano la medesima prestazione con un contratto di lavoro subordinato. (2) In merito alla possibilità di utilizzo dei buoni lavoro in tutti i settori di attività da parte degli studenti, dei pensionati e dei disoccupati si osserva quanto segue. Per quanto riguarda la categoria degli studenti, per consentire il rispetto dell obbligo scolastico si conferma che l impiego degli studenti, regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, è consentito durante i periodi di vacanza; a questo proposito restano ferme le indicazione contenute nella Circolare dell INPS n. 104 del 1 dicembre 2008, per l individuazione di tali periodi di vacanza, secondo la quale si considerano: a) vacanze natalizie il periodo che va dal 1 dicembre al 10 gennaio; b) vacanze pasquali il periodo che va dalla domenica delle Palme al martedì successivo il lunedì dell Angelo; c) vacanze estive i giorni compresi dal 1 giugno al 30 settembre. Inoltre, resta fermo che: - gli studenti regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado possano essere impiegati il sabato e la domenica; - gli studenti regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso l università e con meno di venticinque anni di età possano svolgere lavoro occasionale in qualunque periodo dell anno. Per quanto riguarda la categoria di pensionati si precisa che possono beneficiare del lavoro accessorio i titolari di trattamenti di anzianità o di pensione anticipata, pensione di vecchiaia, pensione di reversibilità, assegno sociale, assegno ordinario di invalidità e pensione agli invalidi civili nonché tutti gli altri trattamenti che risultano compatibili con lo svolgimento di una qualsiasi attività lavorativa. Resta, pertanto, escluso che possa accedere alla prestazione di lavoro occasionale accessorio il titolare di trattamenti, per i quali è accertata l assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa, quale il trattamento di inabilità. La categoria dei disoccupati è prevista dalla norma sulla base di un richiamo indiretto operato dal comma 3, secondo periodo dell articolo 72 D. lgs. 276/03, il quale prevede che il compenso è esente da qualsiasi imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato del prestatore di lavoro accessorio per cui si conferma che l utilizzatore 3del buono lavoro (ossia il prestatore) possa essere rispettivamente disoccupato o inoccupato. (3) Il nuovo art. 70 del D.Lgs n. 276/ come modificato dalla L.92/ fa sempre riferimento al concetto di compenso e non di reddito; pertanto si può ritenere, così come accadeva prima della riforma, che il predetto limite vada considerato al netto delle ritenute sociali (contributi previdenziali e premi assicurativi). Inoltre, il committente sarà sempre in grado di controllare il limite dei euro, ma, al contempo, non sarà in condizione di conoscere i compensi complessivamente ricevuti dal prestatore di lavoro nel corso dell anno da parte di altri committenti. L Inps, in sede di rilascio dei voucher, non è ancora in grado di effettuare un controllo preventivo, pertanto al committente non rimane che farsi autocertificare - ai sensi dell art. 46 del D.P.R. n.445/ dal prestatore di lavoro il mancato superamento del limite dei 5050 euro. Tale dichiarazione costituisce elemento necessario e sufficiente ad evitare in capo al datore di lavoro, eventuali sanzioni. (4) Con la sola eccezione degli steward delle società calcistiche, come previsto dal D.M. 8 agosto 2007 modificato dal D.M. 24 febbraio (5) Tuttavia l art. 70 comma 4 del D.Lgs n. 276/2003 novellato dalla legge n. 92/2012, stabilisce che i compensi percepiti dal prestatore di lavoro accessorio sono computati ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno (INPS, circ. n. 4/2013). Rimane fermo quanto previsto nella circolare n. 44/2009 secondo cui per quanto riguarda i cittadini extracomunitari il reddito da lavoro occasionale accessorio da solo, in considerazione della natura occasionale delle prestazioni e dei limiti reddituali richiesti per l ottenimento del titolo di soggiorno (importo annuo dell assegno sociale, pari per il 2013 a 439,00 mensili), non è utile ai fini del rilascio o rinnovo dei titoli di soggiorno per motivi di lavoro. 10/04/2014 8

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014 A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto Lavoro ACCESSORIO Le prestazioni di lavoro accessorio sono attività lavorative svolte senza l instaurazione di

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 15.04.2013 Voucher: i chiarimenti dell INPS Per instaurare un rapporto occasionale accessorio è necessario effettuare la

Dettagli

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti Prospetto riepilogativo sull utilizzo dei voucher Valore Minimo di ogni Voucher 10,00 Valore Incassato dal lavoratore 7,50 Somma totale erogabile in un anno solare (quindi dal 01/01 al 31/12) ad ogni lavoratore

Dettagli

I Buoni Lavoro. Centro Studi AssoAPI Salerno

I Buoni Lavoro. Centro Studi AssoAPI Salerno I Buoni Lavoro Un vademecum per comprendere quali committenti e tipologie di lavoratori possono utilizzare il sistema dei voucher e la metodologia di utilizzo Centro Studi AssoAPI Salerno 9/8/2013 INDICE

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 151 01.09.2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell INPS Fino al 31 dicembre 2015 resta in vigore la vecchia disciplina per

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps INPS, circolare 12/08/2015 n 149 Pubblicato il 25/08/2015 L art 48, comma 1, del d.lgs. n. 81 del 15 giugno 2015 innalza il limite massimo del compenso che il

Dettagli

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER A cura della Commissione Lavoro Dott. Leonello Fontana Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Viterbo Viterbo, 16 Aprile 2014 Disciplina

Dettagli

Le prestazioni occasionali di tipo accessorio

Le prestazioni occasionali di tipo accessorio Le prestazioni occasionali di tipo accessorio Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È IL LAVORO ACCESSORIO? La riforma del mercato del lavoro (Legge 92/2012) è intervenuta modificando anche questa tipologia

Dettagli

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO LAVORO ACCESSORIO Particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge delega 14 febbraio 2003,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti CHE COS'È IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO E' una particolare modalità di prestazione lavorativa, che regolamenta tutte quelle

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

Voucher Lavoro: I compensi aumentano

Voucher Lavoro: I compensi aumentano Voucher Lavoro: I compensi aumentano È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. Serie Generale n.144 del 24-6-2015 Supplemento Ordinario n. 34) il decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 che

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CIPRINI, TRIPIEDI, COMINARDI, DALL'OSSO, LOMBARDI, CHIMIENTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CIPRINI, TRIPIEDI, COMINARDI, DALL'OSSO, LOMBARDI, CHIMIENTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3796 PROPOSTA DI LEGGE D'INIZIATIVA DEI DEPUTATI CIPRINI, TRIPIEDI, COMINARDI, DALL'OSSO,

Dettagli

Roma, 29/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 49

Roma, 29/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 49 Ufficio Legislativo Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Vigilanza Prevenzione e Contrasto

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro

Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro N. 104 del 07.03.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro Negli ultimi mesi il Ministero del

Dettagli

Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito

Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito N. 384 del 03.10.2012 La Memory A cura di Mauro Muraca Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito La legge di riforma del mercato del

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.54 del 13 Aprile 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro accessorio: no Profit e Condomini con soglie più alte per prestatore Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

Art. 70. Definizione e campo di applicazione (Testo in vigore dal 28 giugno 2013)

Art. 70. Definizione e campo di applicazione (Testo in vigore dal 28 giugno 2013) Circ. 01/P/140204 San Fior, 04/02/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: Lavoro accessorio VOUCHER In relazione ad alcune richieste di chiarimenti pervenuteci, riteniamo far cosa utile riassumere sinteticamente

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI La Manovra d estate 2008 (D.L. n.112/08, convertito in L. n.133/08) ha disciplinato la regolamentazione

Dettagli

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM COSA SONO I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) posso utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1 Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 2 COSA SONO I Buoni Lavoro (o

Dettagli

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse.

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse. Si tratta di prestazioni di lavoro di natura meramente occasionale, e accessoria', non riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte in modo saltuario e discontinuo. Si offrono, così occasioni di

Dettagli

VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE

VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE Riferimenti normativi Dlgs n 276 /2003 artt 70-73 Legge 33/2009 VALORE NOMINALE DEI BUONI 10 EURO per buono singolo Bonus multiplo da 50 euro (pari a 5 buoni) Importo stabilito

Dettagli

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR /DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge Biagi. La sua finalità è regolamentare quei rapporti

Dettagli

GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013

GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013 Premessa generale GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013 La caratteristica principale del lavoro accessorio è rappresentata dal modo in cui il Committente compensa il lavoratore

Dettagli

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA)

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Lavoro Accessorio COSA E è un attività lavorativa di natura puramente occasionale

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO Il lavoro accessorio consiste nella prestazione di attività lavorative di natura occasionale, rese per lo svolgimento di determinate attività, che non diano complessivamente

Dettagli

Le domande più frequenti

Le domande più frequenti Le domande più frequenti ACQUISTO E RISCOSSIONE VOUCHER: 1. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Numero 63 Settembre 2013 IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Lavoro a cottimo, lavoro a domicilio, lavoro nero, lavoro interinale, lavoro precario: sembra davvero che di

Dettagli

Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti.

Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti. 251 01/2014 PICCOLI LAVORI, VOUCHER FINO A 5.050 EURO Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti. So che si può occupare un lavoratore pagandolo con il

Dettagli

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO D.LGS N. 276/2003 E SUCCESSIVE MODIFICHE COMUNEMENTE DETTO LAVORO CON I VOUCHERS O BUONI LAVORO" ULTIME MODIFICHE LEGISLATIVE La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato

Dettagli

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio vademecum orizzontale_layout 1 08/03/12 15:32 Pagina 1 VADEMECUM Prodotto a cura di Italia Lavoro in collaborazione con Inps nell ambito del progetto Diffusione del Buono Lavoro per il lavoro occasionale

Dettagli

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio VADEMECUM BUONI AVORO per il lavoro occasionale accessorio COSA SONO I Buoni Lavoro (o voucher) sono un sistema diretto per il pagamento di servizi di breve durata destinati alle aziende e ai privati.

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO Settembre 2009 - LAVORO ACCESSORIO E BUONI LAVORO - Il presente approfondimento ha lo scopo analizzare la normativa di

Dettagli

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz I rapporti di lavoro Tamara Capradossi capradossi@esplora.biz TIPOLOGIE DEI RAPPORTI DI LAVORO LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE) LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) LAVORO PARASUBORDINATO (CO.CO.PRO., MINI CO.CO.CO,

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000 Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P. IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

DISCIPLINARE REGOLANTE LO SVOLGIMENTO DI PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE

DISCIPLINARE REGOLANTE LO SVOLGIMENTO DI PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE C.a.p. 83057 Comune di TORELLA DEI LOMBARDI Provincia di AVELLINO MEDAGLIA D ORO AL VALORE CIVILE Partita I.V.A. 00241950641 - Tel. 0827/44060-44147 Fax 0827/49209 e-mail comtorella@tiscali.it - segreteria@comune.torelladeilombardi.av.it

Dettagli

Lavoratori dello spettacolo: Voucher e certificato di agibilità

Lavoratori dello spettacolo: Voucher e certificato di agibilità Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Lavoratori dello spettacolo: Voucher e certificato di agibilità Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la collaborazione di Andrea Stoccoro

Dettagli

OGGETTO: NOVITA VOUCHER/LAVORO ACCESSORIO (JOBS ACT)

OGGETTO: NOVITA VOUCHER/LAVORO ACCESSORIO (JOBS ACT) Circolare 03/2015 Sava lì 25.06.2015 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi OGGETTO: NOVITA VOUCHER/LAVORO ACCESSORIO (JOBS ACT) Gentile Cliente, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 giugno

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale

Istituto Nazionale Previdenza Sociale Istituto Nazionale Previdenza Sociale Prestazioni Occasionali di tipo Accessorio Normativa di riferimento comma d) dell articolo 4 della Legge n. 30 del 14 febbraio 2003 articoli da 70 a 73 del Decreto

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Circolare Studio Prot. N 14/09 del 27/02/09 MD/lb Monza, lì 27.02.2009 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto: Voucher INPS per lavoro occasionale accessorio nei settori commercio, turismo, servizi

Dettagli

Voucher per lavoro occasionale disponibili presso tutti gli uffici postali

Voucher per lavoro occasionale disponibili presso tutti gli uffici postali CIRCOLARE A.F. N. 48 del 03 Aprile 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Voucher per lavoro occasionale disponibili presso tutti gli uffici postali Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n.

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. Il lavoro accessorio a cura di Patrizia Clementi Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. 191) Fonti normative: L. 14 febbraio 2003, n. 30 (legge delega)

Dettagli

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti Rivisitata da molteplici interventi normativi ed assoggettata ad altrettanti chiarimenti ministeriali, nonché di carattere previdenziale, sembra che ad oggi

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17 Febbraio 2009 Circolare n. 20 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai

Dettagli

152/2015 Novembre/10/2015 (*) Napoli 19 Novembre 2015

152/2015 Novembre/10/2015 (*) Napoli 19 Novembre 2015 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 152/2015 Novembre/10/2015 (*) Napoli 19 Novembre 2015 Con la Circolare n. 170 del 13 ottobre 2015, l INPS ha riepilogato le norme di compatibilità

Dettagli

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E Città di Brienza (Prov. di Potenza) (D.p.r. del 7/11/2005) Piazza dell Unità d Italia 85050 Brienza tel. 0975381003 - fax 0975381988 comune.brienza@cert.ruparbasilicata.it www.comune.brienza.pz.it REGOLAMENTO

Dettagli

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile Tra L Università di, Dipartimento di con sede in alla Via, codice fiscale, in persona del rappresentante legale sig., di seguito denominata

Dettagli

cosa sffino s ffiqltrnr LAVffiRffi?

cosa sffino s ffiqltrnr LAVffiRffi? REGIONE SICLIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO DIPARTIMENTO REGIONALE LAVORO CENTRO PER L'IMPIEGO DI PETRALIA SOPRANA occetto: IL LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO-

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 12/08/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 12/08/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 12/08/2015 Circolare n. 149 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Guide operative. Le collaborazioni occasionali

Guide operative. Le collaborazioni occasionali Guide operative Schede di sintesi A cura di Stefano Liali - Consulente del lavoro Le collaborazioni occasionali Requisiti principali Differenze con le mini co.co.co. Caratteristiche lavoro autonomo occasionale

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento Giornata nazionale della Previdenza Ufficio Legislativo Milano, 4 maggio 2011 Buoni lavoro e modalità operative > i buoni lavoro > la procedura cartacea

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Voucher per lavoro accessorio nel settore agricolo: i chiarimenti dell Inps

Voucher per lavoro accessorio nel settore agricolo: i chiarimenti dell Inps Voucher per lavoro accessorio nel settore agricolo: i chiarimenti dell Inps Il sistema dei buoni lavoro è pienamente operativo con riferimento non solo alle vendemmie, ma a tutte le attività agricole di

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE DI CAMPOTOSTO

COMUNE DI CAMPOTOSTO COMUNE DI CAMPOTOSTO Provincia di L Aquila C.A.P. 67013 C. F. 00085160661 c.c.p. 12153672 Tel. 0862 900142 900320 fax VERBALE DI DELIBERAZIONE COPIA DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Acquisto buoni lavoro

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N.4 /2015

CIRCOLARE INFORMATIVA N.4 /2015 CIRCOLARE INFORMATIVA N.4 /2015 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi Oggetto: Nuovi requisiti per il lavoro accessorio (Voucher) Decreto Lgs. 20 febbraio 2015 artt. 51-54 Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27

Dettagli

CUMIGNANO SUL NAVIGLIO

CUMIGNANO SUL NAVIGLIO CUMIGNANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI CREMONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.41 Cod. Ente 10742 Trasmessa all ORECO/Capigruppo Consiliari Il 27.08.2014 prot. n. 1317 OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

Mamme lavoratrici, le istruzioni per ottenere il contributo di 600 euro

Mamme lavoratrici, le istruzioni per ottenere il contributo di 600 euro Inps: Mamme lavoratrici, le istruzioni per ottenere il contributo di 600 euro Dopo il decreto arrivano le istruzioni. A chi spetta, a chi non spetta, le modalità di utilizzo, la domanda e tutto quello

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari. (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013)

Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari. (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013) N.284 del 27.06.2013 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013) L INPS con due

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO. le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro

LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO. le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro Avevo diversi lavori straordinari da fare in azienda; e in casa alcuni lavoretti che non ci

Dettagli

Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio

Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio Articolo 1, commi 32-33 Lavoro accessorio Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio di Pierluigi Rausei * L art. 1, comma 32, lett. a), del d.d.l.

Dettagli

LAVORO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO. La procedura per l utilizzo telematico dei buoni lavoro si compone delle seguenti fasi.

LAVORO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO. La procedura per l utilizzo telematico dei buoni lavoro si compone delle seguenti fasi. Istituto Nazionale Previdenza Sociale LAVORO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO La procedura per l utilizzo telematico dei buoni lavoro si compone delle seguenti fasi. 1. Registrazione committente

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS.

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS. Direzione Regionale del Veneto Area prevenzione e contrasto economia sommersa e lavoro irregolare Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo

Dettagli

REGOLAMENTO per l erogazione dei buoni lavoro (voucher) relativi a prestazioni lavorative di tipo occasionale svolte in favore del

REGOLAMENTO per l erogazione dei buoni lavoro (voucher) relativi a prestazioni lavorative di tipo occasionale svolte in favore del COMUNE DI CARIATI (Prov. di COSENZA) AREA COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. - Cultura - Assistenza - Pubblica Istruzione - Turismo - Sport REGOLAMENTO per l erogazione dei buoni lavoro (voucher)

Dettagli

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale I rapporti con collaboratori e tecnici Le possibili soluzioni rispetto alla normativa attuale A cura di Maurizio Annitto La Spezia 10 maggio 2014 Circolare del

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Modifiche del D. Lgs. 81/2015 al Lavoro occasionale accessorio

Modifiche del D. Lgs. 81/2015 al Lavoro occasionale accessorio Lavoro occasionale accessorio Limite massimo di compensi: innalzato da 5.060 a 7.000 (lordo 9.333) per anno civile con riferimento alla totalità dei committenti, rivalutabili annualmente; Rimane invece

Dettagli

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali 1 Dove si cerca lavoro? Centri per l Impiego Agenzie per il Lavoro Sportelli per il Lavoro Conoscenza (l 80% degli avviamenti al lavoro avvengono tramite

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Lavoro accessorio: valutazioni Cisl e materiali informativi e di approfondimento 1

Lavoro accessorio: valutazioni Cisl e materiali informativi e di approfondimento 1 Lavoro accessorio: valutazioni Cisl e materiali informativi e di approfondimento 1 INDICE 1) Valutazioni sul lavoro accessorio (Dip. Mercato del Lavoro Cisl) 2) La Campagna di Comunicazione del Ministero

Dettagli

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione.

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione. Direzione Centrale Entrate Roma, 08/02/2013 Circolare n. 25 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

Lariformadeibuonilavoro eleprevisioniperilpubblico

Lariformadeibuonilavoro eleprevisioniperilpubblico Lariformadeibuonilavoro eleprevisioniperilpubblico di Francesca Fazio * Nel campo di applicazione dei buoni lavoro rientra anche il settore pubblico, inserito tramite eccezione diesclusione,conleggen.33/2009,alfinedi

Dettagli

COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO ------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETÀ E LAVORO ACCESSORIO 2011 Dichiarazione

Dettagli

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 Premessa Il sistema di regolazione dei "Voucher" per il lavoro occasionale di tipo accessorio ha fatto registrare un notevole sviluppo, raggiungendo il numero di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 10-2010 I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la collaborazione

Dettagli

Autonomi, pensione più costosa

Autonomi, pensione più costosa Autonomi, pensione più costosa E fissato per il 16 maggio il primo appuntamento degli artigiani e commercianti con la contribuzione Inps 2015. Lo ricorda lo stesso ente di previdenza con la circolare n.

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2016 CIRCOLARE NUMERO 7 PART TIME E PREPENSIONAMENTO Premessa L art. 1 comma 284 della legge 208/2015 introduce uno strumento di flessibilità per lavoratori prossimi

Dettagli

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione NOTA PER I DELEGATI Lo scorso mese di dicembre è stata approvata la c.d. Legge

Dettagli