CONCORDATO PREVENTIVO E GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCORDATO PREVENTIVO E GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO"

Transcript

1 CONCORDATO PREVENTIVO E GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO Linee di orientamento nella gestione del personale in caso di concordato preventivo: Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, Contratto di Solidarietà, Mobilità, Trasferimento d Azienda Elisabetta Cristallini Servizio Risorse Umane Relazioni Industriali Settembre 2014

2 Sommario Introduzione... 3 Le procedure concorsuali... 3 Il concordato preventivo... 4 Ricorso al concordato preventivo e analisi della situazione aziendale preesistente... 5 Cassa integrazione guadagni straordinaria (C.I.G.S.) per procedura concorsuale... 5 Abrogazione della C.I.G.S. per procedura concorsuale... 6 C.I.G.S. per procedura concorsuale e concordato preventivo... 6 Attivazione della C.I.G.S. per procedura concorsuale e durata massima... 7 Domanda di C.I.G.S. per procedura concorsuale e termini di presentazione... 8 Contributo Addizionale C.I.G.S. per procedura concorsuale... 9 Contratto di Solidarietà Difensivo (CDS) e concordato preventivo Trattamento di fine rapporto e Fondo di Tesoreria Inps Gestione dei crediti di lavoro nella fase ante e post presentazione domanda di concordato preventivo Procedura di mobilità e concordato preventivo Costo della procedura di mobilità in caso di concordato preventivo Costo del licenziamento durante la C.I.G.S Licenziamento durante la C.I.G.S. e indennità sostitutiva del preavviso Intervento del Fondo di Garanzia INPS Trasferimento d azienda e sistema delle tutele ex art c.c Deroghe all applicazione delle tutele ex art c.c Riferimenti Normativi

3 Introduzione Questo breve elaborato non ha la pretesa di essere un documento in cui le problematiche analizzate, le metodologie utilizzate e le soluzioni prospettate per gestire il personale dipendente durante una procedura concorsuale, si rivelino nella realtà sempre così come descritte. Gli addetti ai lavori sono ben consapevoli che in una materia così complessa ed articolata niente è oggettivo, inconfutabile ed immodificabile e le variabili che si incontrano durante il percorso sono assai numerose. A ciò si aggiunga la mancanza di un raccordo tra la normativa lavoristica e la nuova legge fallimentare, così come ridottissima è la prassi amministrativa in materia; per non dire delle scarse pronunce giurisprudenziali. Questo breve testo è semplicemente la descrizione, più o meno dettagliata e tecnicistica, di linee di orientamento che vengono frequentemente seguite nella prassi per gestire i rapporti di lavoro dipendente durante una procedura concorsuale (nello specifico durante un concordato preventivo) e che possono risultare di utilità agli operatori coinvolti in tale ambito professionale per approcciarsi ed orientarsi in questa complessa disciplina. Le procedure concorsuali Come noto, le procedure concorsuali previste dal nostro ordinamento sono: fallimento; concordato preventivo (liquidatorio o con continuità aziendale); liquidazione coatta amministrativa; amministrazione straordinaria. Ulteriori procedure, che non possono essere definite propriamente concorsuali, sono: 3

4 accordo di ristrutturazione del debito; piano attestato di risanamento. In questa sede, verrà analizzata la fattispecie del concordato preventivo (divenuto in questi ultimi anni l istituto primario nella gestione delle crisi di impresa), in riferimento al sistema delle tutele e delle garanzie, occupazionali e reddituali, previste per i rapporti di lavoro dipendente. Il concordato preventivo Il concordato preventivo, disciplinato dall art. 160 e ss. della legge fallimentare, è una procedura concorsuale che necessita di un accordo tra l imprenditore ed i suoi creditori, in forza del quale il primo, in stato di difficoltà economico-finanziaria, si obbliga a pagare, almeno parzialmente (anche eventualmente nei confronti dei creditori privilegiati), i propri debiti, presentando un piano che contenga una proposta finalizzata alla liquidazione dell impresa in crisi o al suo risanamento. Accanto al classico concordato liquidatorio, è stato difatti inserito, all interno della legge fallimentare, l art. 186 bis contenente una nuova tipologia di concordato preventivo con continuità aziendale. Presupposto fondamentale della suddetta disposizione è rappresentato dall oggettiva continuazione dell attività imprenditoriale, che si verifica non solo se questa prosegue in capo all imprenditore in crisi, ma anche se l azienda (o parte di essa) viene ceduta o conferita a terzi. In entrambi le tipologie di concordato (liquidatorio o con continuità), i rapporti di lavoro dipendente non necessariamente devono essere risolti. Anzi, il più delle volte, i rapporti di lavoro proseguono durante la procedura concorsuale, seppur spesso sostenuti da ammortizzatori sociali, sia a tutela dei lavoratori coinvolti, sia a tutela dell azienda, al fine di beneficiare di un immediata e consistente riduzione del costo del lavoro. 4

5 Ricorso al concordato preventivo e analisi della situazione aziendale preesistente Una società con organico superiore ai 15 dipendenti che ricorre al concordato preventivo (in particolare a quello liquidatorio) è, nella maggior parte dei casi, già interessata da un ammortizzatore sociale, quale Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (C.I.G.S.) avviata con causale crisi aziendale o cessazione attività oppure da un Contratto di Solidarietà Difensivo (CDS), ammortizzatori intervenuti dopo un probabile e precedente utilizzo di un periodo di CIG ordinaria. La C.I.G.S. o il CDS già in corso garantiscono ai lavoratori, prima della presentazione del concordato, una prestazione economica (da parte dell Inps) integrativa o sostitutiva della retribuzione, ma risultano essere funzionali anche durante il periodo (che può essere relativamente lungo) intercorrente tra la presentazione della proposta di concordato e l eventuale ammissione. Cassa integrazione guadagni straordinaria (C.I.G.S.) per procedura concorsuale Le procedure concorsuali, in presenza dei requisiti di cui alla Legge n. 223/91, dispongono di un ammortizzatore sociale proprio, ovvero la c.d. Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria per procedura concorsuale ex art. 3, comma 1, della Legge n. 223/91, come modificato dall art. 46 bis, comma 1, lett. h), del Decreto Legge n. 83/2012, convertito dalla Legge n. 134/2012. Il novellato art. 3 della Legge n. 223/91 dispone, tuttavia, che per le imprese assoggettate alle procedure di fallimento, liquidazione coatta amministrativa o amministrazione straordinaria, la concessione della C.I.G.S. per procedura concorsuale può avvenire esclusivamente in presenza di prospettive di continuazione o di ripresa dell attività e di salvaguardia, anche parziale, dei livelli di occupazione, da valutarsi in base a parametri 5

6 oggettivi definiti con decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (D.M. n del 4 dicembre 2012). Tali condizioni (prospettive di continuazione e parametri oggettivi) non sono invece richieste per le imprese soggette alla procedura concorsuale di concordato preventivo. Il Ministero del Lavoro, con nota del 17 marzo 2009, prot. n. 14/4314, ha precisato, altresì, che la C.I.G.S. per procedura concorsuale è applicabile anche in caso di accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis, L.F., escludendone, invece, l applicazione in caso di piani attestati di risanamento ex art. 67, comma 3, lettera d), L.F.. Abrogazione della C.I.G.S. per procedura concorsuale Per espressa previsione dell art. 2, comma 70, della Legge n. 92/2012 (Legge Fornero) e dell art. 46-bis, comma 1, lett. h), del Decreto Legge n. 83/2012, convertito dalla Legge n. 134/2012, a decorrere dal 1 gennaio 2016, l art. 3 della Legge n. 223/91 viene integralmente abrogato e, pertanto, da tale data non sarà più concedibile l intervento straordinario di integrazione salariale alle imprese assoggettate a procedura concorsuale. C.I.G.S. per procedura concorsuale e concordato preventivo In caso di ammissione della società alla procedura di concordato preventivo, risulta quindi applicabile (fino al 31 dicembre 2015), quale ammortizzatore sociale, lo strumento della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria per procedura concorsuale di cui all art. 3, comma 1, della Legge n. 223/1991. A fronte di dubbi iniziali, il Ministero del Lavoro ha oramai espressamente chiarito che l accesso alla C.I.G.S. è consentito sia in presenza di concordato preventivo liquidatorio che di concordato con continuità aziendale, in quanto entrambi le fattispecie risultano 6

7 comunque sottoposte al controllo dell autorità giudiziaria (Nota Ministero del Lavoro prot. n. 14/ del 26/05/2010 e Interpello Ministero del Lavoro n. 23 del 22/07/2013). Attivazione della C.I.G.S. per procedura concorsuale e durata massima Al momento dell ammissione al concordato, l impresa può quindi trovarsi in C.I.G.S. oppure in CDS. Nel caso in cui l impresa sia in C.I.G.S. con causale crisi aziendale o cessazione attività, si dovrà provvedere ad interrompere detto ammortizzatore sociale e sarà cura del commissario giudiziale, secondo quanto previsto nel piano concordatario, a procedere all attivazione presso la Regione (o il Ministero del Lavoro se l intervento riguarda unità aziendali situate in più regioni) di una nuova C.I.G.S. con causale procedura concorsuale. Seguirà, sempre presso la Regione (o il Ministero del lavoro), l esame congiunto tra le Parti Sociali e la sottoscrizione di un nuovo verbale di accordo sindacale, firmato sia dal legale rappresentante della società che dal commissario stesso. E opportuno precisare che per la richiesta di C.I.G.S. è sufficiente l ammissione al concordato e non l omologazione; in caso di mancata omologazione della procedura, il periodo di integrazione salariale fruito dai lavoratori verrà detratto da quello previsto in caso di fallimento. Ai fini amministrativi, la decorrenza della nuova tipologia di C.I.G.S. per procedura concorsuale e il relativo trattamento avverrà dalla data di emissione del decreto di ammissione al concordato preventivo da parte del Tribunale (Lettera Circolare del Ministero del Lavoro n. 14/4314 del 17/03/2009) ed avrà una durata massima di 12 mesi. Nella prassi, il Ministero del Lavoro interpreta tale disposizione nel senso che il trattamento C.I.G.S. potrà essere richiesto dalla data di deposito in Cancelleria del decreto di ammissione. Vi è la possibilità di prorogare la C.I.G.S. per un ulteriore periodo, non superiore a 6 mesi, qualora sussistano fondate prospettive di continuazione o ripresa dell attività e di salvaguardia, 7

8 anche parziale, dei livelli di occupazione, tramite la cessione, a qualunque titolo, dell azienda o di sue parti. In quest ultimo caso, la domanda, presentata dal commissario giudiziale, dovrà essere corredata da una relazione, approvata dal giudice delegato, sulle prospettive di cessione dell azienda o di sue parti e sui riflessi della cessione sull occupazione aziendale (art. 3, comma 2, Legge n. 223/1991). Qualora, invece, sia in atto nell impresa un Contratto di Solidarietà Difensivo, lo stesso dovrà essere interrotto e, senza soluzione di continuità, verrà attivata la C.I.G.S. per procedura concorsuale con le stesse modalità e termini sopra descritti. Infine, nel caso in cui la società non sia interessata da alcun ammortizzatore sociale, il commissario procederà direttamente all attivazione della C.I.G.S. per procedura concorsuale, seguendo l iter procedurale già indicato. Domanda di C.I.G.S. per procedura concorsuale e termini di presentazione Esaurita la procedura sindacale e sottoscritto presso la Regione (o il Ministero del Lavoro) il verbale di accordo sindacale, il commissario giudiziale (che può delegare anche un suo referente) deve presentare al Ministero del Lavoro (tramite il sistema telematico CIGSonline) la domanda di concessione della C.I.G.S. per procedura concorsuale. Al consueto termine di scadenza per la presentazione dell istanza (scadente al 25 giorno del mese successivo a quello in cui termina la prima settimana di utilizzo della C.I.G.S.) non soggiacciono le aziende soggette a procedure concorsuali (art. 3, comma 2, DPR n. 218/2000; Circolare Ministero del Lavoro n. 64/2000). Tuttavia, in caso di pagamento diretto dell integrazione salariale da parte dell INPS ai lavoratori, senza che la stessa sia anticipata dall azienda (ipotesi nella prassi molto frequente, viste le certe e comprovate difficoltà di ordine finanziario dell impresa, accertate dalla competente Direzione Territoriale del Lavoro), la richiesta di C.I.G.S. deve avvenire entro 20 giorni dall inizio della sospensione o della riduzione dell orario 8

9 di lavoro (art. 7 ter, comma 2, Decreto Legge n. 5/2009 convertito in Legge n. 33/2009). Si tratta, comunque, di un termine non perentorio, bensì ordinatorio. Inoltre, nel caso di C.I.G.S. per procedura concorsuale non è previsto alcun accertamento ispettivo volto a verificare l indice di liquidità aziendale. Anche il limite massimo di fruizione dei trattamenti straordinari di integrazione salariale stabilito dall'articolo 1, comma 9, della Legge 23 luglio 1991, n. 223 in 36 mesi nell arco del quinquennio di riferimento (il quinquennio vigente decorre dall 11 agosto 2010 e terminerà il 10 agosto 2015), può essere superato in caso di procedure concorsuali (art. 1, D.M. n del 20/8/2002), a condizione che: l'attività produttiva sia iniziata almeno ventiquattro mesi prima dell'avvio degli interventi di integrazione salariale, protrattisi per il triennio di riferimento; l attività sia continuata fino ai dodici mesi antecedenti l'ammissione alla procedura concorsuale. La deroga al limite temporale deve essere espressamente richiesta nella domanda di C.I.G.S., cui deve essere allegata una dichiarazione attestante la sussistenza delle condizioni sopraindicate. Contributo Addizionale C.I.G.S. per procedura concorsuale Le imprese che si avvalgono dell intervento della C.I.G.S. sono normalmente tenute al versamento all INPS di un contributo addizionale sugli importi corrisposti ai lavoratori a titolo di integrazione salariale straordinaria (pari al 3% per le imprese fino a 50 dipendenti e al 4,5% per le imprese con oltre 50 dipendenti). Sono escluse dal versamento del contributo addizionale le imprese sottoposte a procedure concorsuali (Art. 8 bis, Legge n. 160/88). 9

10 Contratto di Solidarietà Difensivo (CDS) e concordato preventivo Ai sensi dell art. 2, comma 3 del D.M /2009, sono escluse dal ricorso al CDS le imprese che abbiano presentato istanza per essere ammesse ad una delle procedure concorsuali di cui all art. 3 della legge n. 223/91 (fallimento, concordato preventivo con cessione dei beni, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria), ovvero siano state ammesse ad una procedura concorsuale, qualora la continuazione dell attività non sia stata disposta o sia cessata. E invece possibile ricorrere al CDS in caso di concordato preventivo con continuità. In tal caso, è sufficiente l ammissione alla procedura, senza rendersi necessaria l omologazione della stessa. A differenza della C.I.G.S. per procedura concorsuale, le disposizioni normative in materia non fanno obbligo alle Parti di stipulare il contratto di solidarietà in sede regionale (o ministeriale). Sono, pertanto, da considerarsi validi, ai fini della concessione del relativo trattamento di integrazione salariale, gli accordi che, secondo la volontà delle Parti stesse, siano intervenuti in sedi diverse. La domanda di concessione del CDS al Ministero del Lavoro, a cura del commissario giudiziale, segue, invece, lo stesso iter procedurale della C.I.G.S. per procedura concorsuale. Trattamento di fine rapporto e Fondo di Tesoreria Inps Di particolare rilevanza assume la questione relativa al versamento al Fondo di Tesoreria INPS, da parte del datore di lavoro, del TFR dei lavoratori dipendenti maturato durante l intervento della C.I.G.S.. Innanzitutto, e opportuno ricordare che dal 1 gennaio 2007 confluiscono in detto Fondo le quote di TFR dei lavoratori di imprese con almeno 50 addetti che hanno scelto di non aderire 10

11 alla previdenza complementare (art. 1, commi 755 e ss., Legge n. 296/2006; Decreti Interministeriali del 30 gennaio 2007). Con riguardo ai lavoratori in C.I.G.S., l Inps, con circolare n. 70/2007 e con successivo messaggio n. 9468/2009, ribadisce l obbligo, da parte del datore di lavoro, di continuare nel suddetto versamento al Fondo anche durante il periodo di sospensione. Vi è poi la possibilità del successivo recupero delle quote versate, qualora il lavoratore venga licenziato al termine del periodo di integrazione salariale (circostanza assai probabile nel concordato preventivo, specialmente in quello liquidatorio). La logica di tale meccanismo, estremamente articolata, non si comprende appieno: infatti il trasferimento al Fondo Tesoreria delle quote di TFR, anche durante la sospensione a zero ore per C.I.G.S., comporta un esborso finanziario a carico del datore di lavoro (che inevitabilmente va ad influire anche sui costi previsti nel piano concordatario), con ingenti anticipazioni rispetto al momento della cessazione del rapporto, quando lo stesso datore di lavoro avrà titolo ad eseguire un doppio recupero: - il primo a carico del Fondo Tesoreria, riferito alle quote di TFR trasferite al Fondo stesso, come avviene per la generalità dei dipendenti; - il secondo a carico della Cassa Integrazioni Guadagni, riferito al TFR maturato dai lavoratori durante il periodo di intervento della C.I.G.S. a zero ore. Gestione dei crediti di lavoro nella fase ante e post presentazione domanda di concordato preventivo Ai fini della gestione ed erogazione dei crediti nei confronti dei lavoratori dipendenti, di estrema rilevanza assume la data di presentazione della domanda di concordato. In particolare, una volta presentata la domanda di concordato, tutti i crediti di lavoro sorti ante presentazione della procedura (es: retribuzioni, TFR, ratei, etc.), in quanto crediti concorsuali, rimangono, per così dire, congelati e la loro erogazione avverrà al momento della conclusione della procedura stessa (omologa) e nei tempi previsti nel piano 11

12 concordatario. In via del tutto eccezionale, il giudice delegato può autorizzarne il pagamento, su istanza della società. Diversa è invece la sorte dei crediti nati post presentazione della procedura, in quanto la loro erogazione alle naturali scadenze assume carattere di normalità e non richiedono l autorizzazione del giudice delegato. A ciò rileva il fatto che il pagamento degli stessi, proprio perché sorti dopo la presentazione della domanda di concordato, non lede il principio della par condicio creditorum, poiché i creditori posteriori alla pubblicazione nel registro delle imprese della domanda non sono assoggettati alle regole del concordato. Procedura di mobilità e concordato preventivo Durante il concordato preventivo (liquidatorio o con continuità aziendale), sia nella fase di ammissione che in quella di omologa, stante l impresa (con oltre 15 dipendenti) in C.I.G.S. per procedura concorsuale e non essendoci più la possibilità di salvaguardare (in tutto o in parte) i livelli occupazionali, il commissario, sulla base di quanto previsto dal piano concordatario, ha facoltà di avviare la procedura di mobilità, ai sensi dell art. 4, comma 1 e art. 24 della Legge n. 223/91. Tale procedura si articola in una fase sindacale ed in una eventuale fase amministrativa tra loro collegate. La fase sindacale, in caso di procedure concorsuali, ha una durata massima di 30 giorni (art. 3, comma 3, Legge n. 223/91) e può concludersi con la sottoscrizione di un verbale di accordo sindacale. Qualora invece non sia stato possibile raggiungere l accordo in sede sindacale, il commissario deve provvedere ad informare la Regione (o il Ministero del Lavoro) dell esito negativo della consultazione ed attivare la richiesta di convocazione sempre presso la Regione (o il Ministero del Lavoro) per la successiva fase amministrativa della procedura. 12

13 Nel corso dei 30 giorni successivi al ricevimento della suddetta comunicazione (termine ridotto a 15 giorni nel caso di licenziamenti inferiori a 10 unità), la Regione (o il Ministero del Lavoro) convoca le Parti Sociali per effettuare un ulteriore esame e formulare nuove proposte al fine di raggiungere un intesa. A seconda dell esito della trattativa, la Regione (o il Ministero del Lavoro) redige un verbale di accordo o di mancato accordo, dichiarando in ogni caso conclusa la procedura di mobilità. Una volta individuati i lavoratori da collocare in mobilità (in base ai c.d. criteri convenzionali concordati con i sindacati o, in mancanza di accordo, in base ai c.d. criteri legali), si potrà procedere con i licenziamenti comunicando al dipendente il recesso per iscritto, pena l inefficacia dello stesso. I licenziamenti devono essere effettuati entro 120 giorni dalla conclusione della procedura, ovvero entro il diverso termine previsto dall accordo sindacale. Costo della procedura di mobilità in caso di concordato preventivo Ai sensi dell art. 3, comma 3, della Legge n. 223/91, è previsto l esonero totale del versamento all Inps del contributo di mobilità qualora sia il commissario ad avviare la procedura di riduzione del personale. L esonero dal pagamento di detto contributo è riconosciuto anche nei casi in cui la procedura di mobilità sia stata disposta dal commissario giudiziale prima della sentenza di omologazione del concordato preventivo (Circolare INPS n. 154 del 17 settembre 2003). In nessun caso è possibile, invece, concedere l esonero qualora la procedura sia attivata dall imprenditore. 13

14 Costo del licenziamento durante la C.I.G.S. A conclusione della procedura di mobilità, procedendo al licenziamento dei lavoratori durante (o al termine) della C.I.G.S., ai fini di una corretta predisposizione del piano concordatario, è necessario prevedere correttamente i costi di tale operazione. Al riguardo, le voci retributive che dovranno essere prese in considerazione per ogni lavoratore interessato alla procedura di mobilità saranno: - Retribuzione per le eventuali ore di lavoro prestate; - Ratei di ferie, permessi e R.O.L. (se maturati e non goduti); - Ratei di 13^ e/o 14^ (se maturati); - TFR; - Indennità sostitutiva del preavviso. Licenziamento durante la C.I.G.S. e indennità sostitutiva del preavviso Circa la problematica relativa al riconoscimento del preavviso in caso di licenziamento intervenuto durante (o al termine) della C.I.G.S. ed in assenza di specifiche previsioni normative in materia, è necessario fare riferimento ai principali orientamenti della Suprema Corte di Cassazione. Al riguardo, le sentenze n del 21 giugno 1997, n del 20 novembre 1997 e n del 23 dicembre 1997, riconoscono il periodo di C.I.G.S. come periodo virtualmente lavorato ai fini del preavviso. Quindi, secondo tali pronunce giurisprudenziali, se il recesso è comunicato con congruo anticipo, rispettando i termini contrattuali, anche se il lavoratore non rientra a prestare effettivamente il proprio lavoro, non è necessario riconoscere la relativa indennità di preavviso, in quanto la comunicazione di recesso, essendo intervenuta in costanza del 14

15 rapporto di lavoro, svolge la funzione di preavviso di licenziamento come per le altre fattispecie di recesso disciplinate dall art del codice civile. Nella prassi, le modalità di applicazione dei termini di preavviso in costanza di C.I.G.S. sono molto diversificate e la valutazione della soluzione adottabile riguarda sia le esigenze concrete dell azienda che quelle dei lavoratori coinvolti e la possibilità di conciliare interessi, essendo difficile definire l approccio più idoneo senza esaminare la singola fattispecie. In ogni caso, è opportuno ricordare che il preavviso è un diritto disponibile, per cui non è esclusa la possibilità di trovare un accordo transattivo individuale con ciascun lavoratore proprio in merito a tale questione. Intervento del Fondo di Garanzia INPS La legge 29 maggio 1982, n. 297 ha istituito il Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto, alimentato da un contributo a carico del datore di lavoro pari allo 0,20% (0,40% per i dirigenti di aziende industriali) della retribuzione imponibile. Il concordato preventivo è tra le procedure concorsuali che consentono l intervento del Fondo, a condizione che vi sia: - la cessazione del rapporto di lavoro subordinato (a prescindere dalla causa); - l'apertura di una procedura concorsuale; - l'esistenza del credito per TFR rimasto insoluto. Naturalmente, ciò che costituisce credito concorsuale, coperto dal Fondo di Garanzia, è la quota di TFR maturata prima dell apertura della procedura concordataria. Grazie al D. Lgs. n. 80/92, la garanzia del Fondo è stata, altresì, estesa ai crediti di lavoro diversi dal TFR ed in particolare ai crediti retributivi relativi agli ultimi tre mesi del rapporto di lavoro. 15

16 La garanzia prestata dal Fondo per i suddetti crediti di lavoro è comunque limitata ad una somma pari a tre volte la misura massima del trattamento straordinario di integrazione salariale mensile, al netto delle trattenute assistenziali e previdenziali. Trasferimento d azienda e sistema delle tutele ex art c.c. Il piano concordatario può prevedere, altresì, il realizzo dei beni aziendali o la continuazione dell attività mediante il trasferimento d azienda o di suo ramo (affitto, cessione, etc.). L art c.c. attribuisce al lavoratore, in caso di trasferimento d azienda, una triplice tutela e precisamente: -la continuità del rapporto di lavoro; -la conservazione presso il cessionario di tutti i relativi diritti in essere presso il cedente; -la solidarietà del cessionario per i debiti del cedente verso il lavoratore al momento del trasferimento, a prescindere dal fatto che il cessionario ne abbia conoscenza o meno. Il cedente, con le procedure di cui agli artt. 410 e 411 c.p.c e previo accordo col cessionario, può essere liberato dalle obbligazioni derivanti dal rapporto di lavoro. Deroghe all applicazione delle tutele ex art c.c. In base all art. 47 della Legge n. 428/90 (comma 4 bis e comma 5) è possibile limitare/derogare all applicazione dell art c.c. come segue: comma 4 bis: «nel caso in cui sia stato raggiunto un accordo circa il mantenimento, anche parziale dell occupazione, l art c.c. trova applicazione nei termini e con le limitazioni previste dall accordo medesimo qualora il trasferimento riguardi aziende..: punto b-bis: Per le quali vi sia stata la dichiarazione di apertura della procedura di concordato preventivo». 16

17 comma 5: «qualora il trasferimento riguardi imprese nei confronti delle quali vi sia stata omologazione di concordato preventivo consistente nella cessione di beni.., nel caso in cui la continuazione dell attività non sia stata disposta o sia cessata e nel corso della consultazione di cui ai precedenti commi sia stato raggiunto un accordo circa il mantenimento anche parziale dell occupazione ai lavoratori il cui rapporto di lavoro continua con l acquirente non trova applicazione l art c.c. salvo che dall accordo risultino condizioni di miglior favore. Il predetto accordo può prevedere che il trasferimento non riguardi il personale eccedentario e che quest ultimo continui a rimanere, in tutto o in parte, alle dipendente dell alienante». Il requisito per la derogabilità all art c.c. è sempre la conclusione di un accordo sindacale con cui si mantenga almeno parzialmente l occupazione. I presupposti e le conseguenze dell applicazione dei suddetti commi sono assai differenti, in quanto: - comma 4 bis, punto b-bis: deve essere stata dichiarata aperta la procedura di concordato preventivo (ossia il concordato deve risultare ammesso); - comma 5: il concordato preventivo con cessione dei beni deve risultare omologato e non deve essere stata disposta la continuazione dell attività. Nel primo caso (comma 4 bis, punto b-bis) l art c.c. trova applicazione nei termini e con le limitazioni previste dall accordo sindacale in oggetto. Nel secondo caso invece (comma 5) l art c.c. «non trova applicazione». Diversamente dalle suddette fattispecie non vi sono altre possibilità di non applicare, in caso di trasferimento di azienda, l art c.c.. Nella prassi, tuttavia, può accadere che ci si trovi di fronte a situazioni non riconducibili nè al comma 4 bis, nè al comma 5, ma che vi sia comunque l esigenza di realizzare il trasferimento dell azienda (o parte di essa). In questi casi, la possibilità di disapplicare le tutele stabilite dall art c.c., può avvenire solo ed esclusivamente a seguito di possibili rinunce individuali dei singoli lavoratori ex art c.c. e 410 e 411 c.p.c.. 17

18 Riferimenti Normativi - Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267 (Legge Fallimentare); - Artt Codice Civile; - Artt. 410 e 411 Codice Procedura Civile; - Legge 29 maggio 1982, n. 297; - Art. 1, Legge 19 dicembre 1984, n. 863; - Art. 8-bis, Legge 20 maggio 1988 n. 160; - Art. 47, Legge 29 dicembre 1990, n. 428; - Legge 23 luglio 1991, n. 223; - Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 80; - Decreto Presidente della Repubblica 10 giugno 2000, n. 218; - Decreto Ministeriale (Lavoro) n del 20 agosto 2002; - Decreto Legislativo 9 gennaio 2006, n. 5; - Art. 1, commi 755 e ss., Legge 27 dicembre 2006, n. 296; - Decreti Interministeriali (Lavoro - Economia) 30 gennaio 2007; - Decreto Ministeriale (Lavoro) 24 ottobre 2007; - Decreto Legge 10 febbraio 2009, n. 5, conv. in Legge 9 aprile 2009, n. 33; - Art. 2, comma 3, Decreto Ministeriale (Lavoro) 10 luglio 2009, n ; - Art. 2, comma 70, Legge 28 giugno 2012, n. 92; - Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, conv. in Legge 7 agosto 2012, n. 134; - Decreto Ministeriale (Lavoro) n del 4 dicembre 2012; - Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, conv. in Legge 17 dicembre 2012, n. 221; - Decreto Legge 21 giugno 2013, n. 69, conv. in Legge 9 agosto 2013, n

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro

Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro Relatore Luisella Fontanella Dottore Commercialista Revisore Legale Esperta in Consulenza del Lavoro Milano, 28

Dettagli

PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO. Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1

PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO. Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1 PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1 TEMATICHE SVILUPPATE a) gli effetti del fallimento sui contratti di lavoro subordinati in essere

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

IL LAVORO SUBORDINATO

IL LAVORO SUBORDINATO Sommario SOMMARIO Presentazione... XI Introduzione... XV Nota sugli autori... XIX Parte Prima IL LAVORO SUBORDINATO Titolo I Gli aspetti dinamici Capitolo 1 - La continuazione dell attività aziendale 1.

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

L ACCERTAMENTO DEL PASSIVO NEL FALLIMENTO:

L ACCERTAMENTO DEL PASSIVO NEL FALLIMENTO: Martedì 18 gennaio 2011 ore 17,30 presso la sede dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze CORSO L ACCERTAMENTO DEL PASSIVO NEL FALLIMENTO: Il privilegio per crediti di

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

Ammortizzatori sociali: per gli studi professionali numerose novità

Ammortizzatori sociali: per gli studi professionali numerose novità Ammortizzatori sociali: per gli studi professionali numerose novità Negli ultimi mesi, numerose sono state le trasformazioni riguardanti il novero degli strumenti a disposizione degli studi professionali

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

Tutto ciò premesso: Convengono che:

Tutto ciò premesso: Convengono che: Premessa. Protocollo d intesa in tema di anticipazione sociale dell indennità di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria e in Deroga per il sostegno ai lavoratori e alle imprese. La Provincia, la Camera

Dettagli

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP.

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP. FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede legale e uffici: Piazza Barberini, 52 00187 Roma Telefono: 06/37355418 Telefax: 06/37519629 E-mail: segreteria.fondav@ci-spa.it Codice

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Roma, 22 Febbraio 2008 Circolare n. 23 Allegati 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

OGGETTO: Qu.I.R.: la liquidazione

OGGETTO: Qu.I.R.: la liquidazione Informativa per la clientela di studio N. 66 del 29.04.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Qu.I.R.: la liquidazione In caso di presentazione del modello Qu.I.R. (allegato al DPCM 20 febbraio 2015,

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

1 LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA ISTRUZIONI INPS SULLA QUIR

1 LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA ISTRUZIONI INPS SULLA QUIR Servizio circolari per la clientela Circolare n. 04 del 10 GIUGNO 2015 INDICE 1 LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA ISTRUZIONI INPS SULLA QUIR 1.1 Destinatari; 1.2 Requisiti; 1.3 Misura; 1.4 Richiesta e

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE Le agevolazioni contributive ed economiche previste dalla normativa vigente per i datori di lavoro che assumono lavoratori di specifiche categorie Mattia Passero INDICE Introduzione...4

Dettagli

ALLEGATO 1 CRITERI APPLICATIVI E PROCEDURE DELL ACCORDO QUADRO SUGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA IN LOMBARDIA TERZO QUADRIMESTRE 2014 del 5 agosto 2014

ALLEGATO 1 CRITERI APPLICATIVI E PROCEDURE DELL ACCORDO QUADRO SUGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA IN LOMBARDIA TERZO QUADRIMESTRE 2014 del 5 agosto 2014 ALLEGATO 1 CRITERI APPLICATIVI E PROCEDURE DELL ACCORDO QUADRO SUGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA IN LOMBARDIA TERZO QUADRIMESTRE 2014 del 5 agosto 2014 Il presente Allegato definisce i criteri per l accesso

Dettagli

Inps - Circolare 15.7.2008, n. 74

Inps - Circolare 15.7.2008, n. 74 Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto: le istruzioni dell Inps Antonino Cannioto Esperto in materia previdenziale Giuseppe Maccarone Consulente del lavoro in Roma Apocopiùdiunannodallacircolaren.53/2007,

Dettagli

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Martedì 19 Gennaio 2010 Avv.to Paolo Manzato, Avv.to Patrizia Pietramale e Dott. Italo Vitale

Dettagli

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 1 Ancona, 9 marzo 2011 A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 Maxisanzione per il lavoro nero La prima novità introdotta dal Collegato Lavoro, in tema

Dettagli

IL TFR DOPO LA BUSTA PAGA ENTRA NEGLI UNIEMENS. Emanata la circolare Inps sulle modalità operative di gestione del TFR in busta paga

IL TFR DOPO LA BUSTA PAGA ENTRA NEGLI UNIEMENS. Emanata la circolare Inps sulle modalità operative di gestione del TFR in busta paga IL TFR DOPO LA BUSTA PAGA ENTRA NEGLI UNIEMENS Emanata la circolare Inps sulle modalità operative di gestione del TFR in busta paga CENTRO STUDI Circolare n.5 del 2015 Carissimi amici e amiche, Non c è

Dettagli

La Cassa Integrazione Guadagni nei fallimenti ed il futuro degli ammortizzatori Avv. Fabio Scaini Avv. Paolo Bonetti

La Cassa Integrazione Guadagni nei fallimenti ed il futuro degli ammortizzatori Avv. Fabio Scaini Avv. Paolo Bonetti La Cassa Integrazione Guadagni nei fallimenti ed il futuro degli ammortizzatori Avv. Fabio Scaini Avv. Paolo Bonetti SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 26 GIUGNO 2015 FONTI LEGISLATIVE Art. 3, Legge 23 luglio 1991,

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE Aprile 2015

CIRCOLARE MENSILE Aprile 2015 CIRCOLARE MENSILE Aprile 2015 LEGGE DI STABILITA TFR IN BUSTA PAGA (DPCM 29 del 20.02.2015 G.U. 65 del 19.03.2015 Ministero dell Economia e delle Finanze, Ministero del Lavoro ed Associazione Bancaria

Dettagli

DALLA CRISI AL RILANCIO DELL IMPRESA

DALLA CRISI AL RILANCIO DELL IMPRESA DALLA CRISI AL RILANCIO DELL IMPRESA a cura degli avv.ti Francesco Autelitano, Giacinto Favalli, Giorgio Molteni, Claudio Ponari Vittorio Provera e Carlo Uccella, Trifirò & Partners Avvocati Le azioni

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Comunicazione n 508 Oggetto: rilascio Durc ad imprese in concordato

Dettagli

il fallimento ed i rapporti di lavoro esistenti al momento della sentenza dichiarativa. avv.roberto Tempesta, consulente del lavoro in Salerno

il fallimento ed i rapporti di lavoro esistenti al momento della sentenza dichiarativa. avv.roberto Tempesta, consulente del lavoro in Salerno il fallimento ed i rapporti di lavoro esistenti al momento della sentenza dichiarativa. avv.roberto Tempesta, consulente del lavoro in Salerno Allorquando intervenga una dichiarazione di fallimento, plurimi

Dettagli

Le procedure Inps. Richiesta, termini, condizioni e documentazione da trasmettere

Le procedure Inps. Richiesta, termini, condizioni e documentazione da trasmettere Le procedure Inps Richiesta, termini, condizioni e documentazione da trasmettere Anzianità lavorativa I lavoratori devono possedere, presso l'unità produttiva per la quale è richiesto il trattamento, un'anzianità

Dettagli

Club Previdenza del 30 settembre 2013.

Club Previdenza del 30 settembre 2013. Club Previdenza del 30 settembre 2013. a) Gestione delle crisi aziendali: novità in materia di ammortizzatori sociali e dilazioni debiti in fase amministrativa. 1) Cigs aziende interessate alle procedure

Dettagli

CLUB PREVIDENZA 12 MAGGIO 2015. Ilaria Fadda Area Relazioni Industriali Servizio Previdenziale Confindustria Genova.

CLUB PREVIDENZA 12 MAGGIO 2015. Ilaria Fadda Area Relazioni Industriali Servizio Previdenziale Confindustria Genova. CLUB PREVIDENZA 12 MAGGIO 2015. Ilaria Fadda Area Relazioni Industriali Servizio Previdenziale Confindustria Genova. 1) Recenti misure a sostegno della genitorialità: a) Legge di stabilità 2015. C.d. Bonus

Dettagli

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma L Inps, con circolare 22 febbraio 2008, n. 23, fornisce le istruzioni operative

Dettagli

Giancarlo Mengucci Consulente Tributario Revisore Contabile

Giancarlo Mengucci Consulente Tributario Revisore Contabile STUDIO MENGUCCI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE Consulenza Legale, Commerciale, Tributaria e del Lavoro 00193 Roma - Via Marianna Dionigi, 43 Tel. (+39) 06 3217562 - (+39) 06 3213599 - Fax (+39) 06 3203653

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 68 13.04.2015 TFR in busta paga: il focus dei CdL Dal 3 aprile 2015 i lavoratori dipendenti possono chiedere la Qu.I.R. Categoria:

Dettagli

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA.

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. In data 27 Febbraio 2008 in Milano: Tra ABI/Commissione Regionale Lombardia ASSOLOMBARDA

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

46 13.1.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 29 dicembre 2015, n. 1324

46 13.1.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 29 dicembre 2015, n. 1324 46 13.1.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 29 dicembre 2015, n. 1324 Ammortizzatori Sociali in deroga in Toscana anno 2016: approvazione Linee Guida. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

Oggetto: ISTRUZIONI QUIR

Oggetto: ISTRUZIONI QUIR A TUTTE LE AZIENDE INTERESSATE Conegliano, lì 04 Maggio 2015 Circolare 22/2015 Oggetto: ISTRUZIONI QUIR Con la circolare n.82/15 l Inps ha diffuso le istruzioni operative per la liquidazione della quota

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

SLIDES 14 novembre 2013 Pietro Del Fabbro Dario Ceccato Anna Di Pasquale

SLIDES 14 novembre 2013 Pietro Del Fabbro Dario Ceccato Anna Di Pasquale SLIDES 14 novembre 2013 Pietro Del Fabbro Dario Ceccato Anna Di Pasquale IL CONCORDATO IN CONTINUITÀ COME SOLUZIONE PER LE CRISI AZIENDALI DI COSA PARLIAMO 1. ANALISI DELLE CAUSE DELLA CRISI D IMPRESA.

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11

Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11 Linea di Prodotto Previdenza Linea di Prodotto Pubblica Amministrazione Data: Num. Protocollo: Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11 E stato

Dettagli

Trasferimento d azienda

Trasferimento d azienda Trasferimento d azienda Nozione Ricorre l ipotesi del trasferimento di azienda quando, in conseguenza di una vicenda traslativa (vendita, affitto, comodato, usufrutto), muta il titolare del complesso dei

Dettagli

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione.

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione. DM 1 luglio 2005, n. 178 Regolamento per l istituzione del Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, dell occupazione, della riconversione e della riqualificazione professionale del personale di

Dettagli

NOTA TECNICA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CIG E MOBILITA IN DEROGA

NOTA TECNICA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CIG E MOBILITA IN DEROGA NOTA TECNICA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CIG E MOBILITA IN DEROGA In attesa di definire con accordo quadro, stipulato in sede regionale con le Parti Sociali e Sindacali, le priorità di intervento

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

TFR IN BUSTA PAGA. Legge 190/2014, art. 1, commi 26 34. Schema di DPCM (Testo non definitivo) 13 marzo 2015. www.aib.bs.it

TFR IN BUSTA PAGA. Legge 190/2014, art. 1, commi 26 34. Schema di DPCM (Testo non definitivo) 13 marzo 2015. www.aib.bs.it TFR IN BUSTA PAGA Legge 190/2014, art. 1, commi 26 34 Schema di DPCM 13 marzo 2015 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione OGGETTO Liquidazione mensile del TFR maturando come quota

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

CIGS PRESUPPOSTI PER L APPLICAZIONE DELLA CIGS

CIGS PRESUPPOSTI PER L APPLICAZIONE DELLA CIGS CIGS TIPO RICHIESTA: L'intervento straordinario di integrazione salariale è destinato alle seguenti categorie di aziende, che abbiano occupato nel semestre precedente alla richiesta d intervento mediamente

Dettagli

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA:

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA: Firenze, 18-19 19 maggio 2012 La scuola per il Praticante Dottore Commercialista ed Esperto Contabile Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

Incentivo per il reimpiego in forma autonoma. (anche per notare le eventuali differenze) sottolineare come. Approfondimenti

Incentivo per il reimpiego in forma autonoma. (anche per notare le eventuali differenze) sottolineare come. Approfondimenti Anticipazione del sostegno al reddito Incentivo per il reimpiego in forma autonoma o cooperativa Eufranio Massi - Dirigente della Direzione provinciale del lavoro di Modena (*) Con un decreto concertato

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO Tribunale di Roma, Sez. Fall., 24 maggio 2012 così composto: IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Marco Vannucci dott. Giuseppe Di Salvo dott. Aldo Ruggiero Presidente Giudice Giudice rel. riunito

Dettagli

1. I soggetti assicurati legittimati a richiedere l intervento del Fondo di Garanzia.

1. I soggetti assicurati legittimati a richiedere l intervento del Fondo di Garanzia. Oggetto: Circolare INPS n. 23 del 22 febbraio 2008. Intervento del fondo di garanzia della posizione previdenziale complementare di cui all articolo 5 del D. Lgs. n. 80/92. L INPS ha recentemente emanato

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

(L.M. QUATTROCCHIO G. GOFFI)

(L.M. QUATTROCCHIO G. GOFFI) IL CURATORE FALLIMENTARE QUALE DATORE DI LAVORO - FUNZIONI E OBBLIGHI IN CASO DI CESSAZIONE DELL ATTIVITÀ PRODUTTIVA, DI ESERCIZIO PROVVISORIO, DI AFFITTO E CESSIONE D AZIENDA, DI RETROCESSIONE DELL AZIENDA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

QUADERNI. L Amministrazione Straordinaria

QUADERNI. L Amministrazione Straordinaria QUADERNI L Amministrazione Straordinaria 2 Sezione Formazione ed Informazione Fonti: Inps 3 COS È L AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA? 4 PREMESSA Gli imprenditori che esercitano un attività commerciale, esclusi

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 28/03/2013. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

(Corte Costituzionale, sentenza n. 176 del 14.05.2010 Ministero del Lavoro, interpello n. 25)

(Corte Costituzionale, sentenza n. 176 del 14.05.2010 Ministero del Lavoro, interpello n. 25) CIRCOLARE MENSILE Luglio 2010 APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (Corte Costituzionale, sentenza n. 176 del 14.05.2010 Ministero del Lavoro, interpello n. 25) La Corte Costituzionale è recentemente intervenuta

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

OGGETTO: Tfr in busta paga. La domanda di richiesta

OGGETTO: Tfr in busta paga. La domanda di richiesta OGGETTO: Tfr in busta paga. La domanda di richiesta dal prossimo mese di aprile, i lavoratori appartenenti al settore privato potranno chiedere l anticipo - mensilmente in busta - del proprio Tfr (tecnicamente

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione Notizie Lavoro Flash SOMMARIO 1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione L INPS, con la circolare n. 150 del 25 ottobre 2013, torna su un tema delicato quale le agevolazioni

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013 Direzione Centrale Pensioni Roma, 08/05/2013 Circolare n. 76 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma La nozione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo è

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli