La Gestione delle Risorse Umane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Gestione delle Risorse Umane"

Transcript

1 La Gestione delle Risorse Umane Tratto da Economia e Management delle imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli 1

2 La strategicità delle risorse umane L identità di un impresa è costituita da più componenti tra loro interdipendenti, sia materiali che immateriali. Nel tempo è andata crescendo l area delle componenti intangibili, gli INTANGIBLE ASSETS. Insieme delle componenti intangibili che contribuiscono a determinare il valore di mercato di un impresa. A seguito dei cambiamenti ambientali iniziati con la diffusione delle tecnologie dell informazione e con la crescita delle interdipendenze economiche e di mercato, è la conoscenza ad essere la variabile determinante della competitività. 2

3 CAPITALE INTELLETTUALE: Capitale umano: insieme delle competenze individuali utilizzate per svolgere determinati ruoli. Capitale sociale: insieme delle relazioni che l impresa instaura con soggetti esterni, quali clienti, fornitori, azionisti, partner di produzione, ecc Capitale strutturale: dato dalle componenti codificate (costituite da brevetti aziendali e dalle best practice) e dalle componenti non codificate (immagine aziendale, procedure organizzative, competenze manageriali). 3

4 Gestione delle Risorse Umane Insieme delle politiche, delle tecniche e dei sistemi utilizzati per intervenire sui comportamenti e sulle competenze delle persone con l obiettivo di stimolare le persone ad assumere comportamenti coerenti con il raggiungimento degli obiettivi aziendali. 4

5 I soggetti responsabili della gestione del personale Stabilisce le politiche, procedure, tecniche che riguardano tutto il personale. Rapporto indiretto ed episodico Sono responsabili dell applicazione delle decisioni prese dalla Direzione del personale nei confronti del singolo dipendente. Rapporto diretto e continuo. Ogni azienda decide, in base alle proprie esigenze e alle professionalità disponibili, di attribuire la responsabilità ad uno o più soggetti indicati e definisce le modalità dei loro rapporti. 5

6 Negli anni notevole evoluzione della Direzione del Personale che ha riguardato: -knowhow, tecniche e strumenti -Ruolo svolto nell impresa 6

7 Le configurazioni della Direzione del Personale AMMINISTRAZI ONE DEL LAVORO Configurazione pre-fordista: il lavoro viene inteso come un semplice fattore della funzione di produzione La Dir. Del Personale si occupa di aspetti amministrativi, retributivi e fiscali. GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Approccio Human Resource Management: sviluppo professionale e ricerca di una coerenza tra le aspettative del dipendente e le esigenze dell impresa. La Dir. del Personale ha autonomia decisionale e potere nei confronti di altre funzioni aziendali. In posizione di staff del vertice aziendale e si occupa anche di formazione, di acquisizione del consenso delle persone. SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Configurazione post-fordista: valorizzazione delle risorse umane e del loro contributo alla creazione di valore. La Dir. del Personale opera in forte interdipendenza con le diverse funzioni interessate e con i differenti livelli decisionali, fornendo specifiche competenze.

8 Le configurazioni della Direzione del personale 1. AMMINISTRAZIONE DEL LAVORO È il modello tipico del pre-fordismo, il lavoro viene inteso come un semplice fattore della funzione di produzione Gestione della forza lavoro non orientata alla strategicità non attribuendo alcuna importanza alla risorsa umana per lo sviluppo dell impresa. La Dir. Del Personale si occupa di aspetti amministrativi, retributivi e fiscali. La Dir. Del Personale come un appendice della funzione amministrativa, ha relazioni minime con il vertice e con gli organi di line 8

9 2. GESTIONE DELLE RISORSE UMANE È la configurazione della fase fordista incentrata sulla grande corporation. Emerge una configurazione soggettiva della forza lavoro (partecipazione e discrezionalità individuale dell individuo) Si sviluppa l approccio dello Human Resource Management: si caratterizza per una politica di relazioni con il personale volta allo sviluppo professionale e alla ricerca di una coerenza tra le aspettative del dipendente e le esigenze dell impresa. Sono le Risorse Umane a fare la differenza tra le organizzazioni di successo e le altre, la forza lavoro deve essere coinvolta attivamente. La Direzione del Personale si occupa anche di formazione, di acquisizione del consenso delle persone in ordine alla cultura dell organizzazione dell impresa. La Dir. Del Personale ha assunto autonomia decisionale e potere nei confronti di altre funzioni aziendali. Nella struttura organizzativa, è in posizione di staff del vertice aziendale. 9

10 3. SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Configurazione post-fordista Segna il passaggio dalla logica dell adattamento delle persone all organizzazione (propria del fordismo) alla logica della valorizzazione delle risorse umane e del loro contributo alla creazione di valore. Intensa interazione tra gli assetti organizzativi predisposti dall impresa e le caratteristiche del capitale umano di cui dispone Risorse umane in stretta relazione con lo sviluppo futuro dell impresa ed in particolare con l innovazione e il loro apporto al miglioramento dei processi produttivi aziendali. L attività di gestione del personale viene svolta in organi di staff (selezione) ed in organi di line (gli vengono delegate attività specializzate come la formazione) La Direzione del Personale opera in forte interdipendenza con le diverse funzioni interessate e con i differenti livelli decisionali, fornendo specifiche competenze. 10

11 11

12 La fase ENTRATA La fase dell entrata comprende tutte quelle attività relative all assunzione del personale dall esterno e alla gestione del movimento interno delle persone tra le varie posizioni aziendali. L efficacia di tale processo risulta condizionata da un insieme di attività effettuate a monte dirette a regolare le scelte di composizione qualiquantitativa delle risorse umane. Ob.vo reclutamento: contattare nel più breve tempo possibile un numero di candidati sufficiente a soddisfare al meglio i criteri si selezione ad un costo contenuto. Strumenti reclutamento: auto candidature, contatti interpersonali, scuole, istituti, università, sindacati, inserzioni pubblicitarie, agenzie per l impiego Ob.vo selezione: individuare i lavoratori che meglio rispondono alle caratteristiche richieste in base a conoscenze, capacità, potenziale, esperienze Strumenti selezione: cv, colloqui, test intelligenza, test psico-attitudinali 12

13 La fase INCENTIVAZIONE La fase incentivazione è regolata dalle attività di retribuzione, erogazione di incentivi monetari o non, programmazione delle carriere, regolazione delle condizioni di sicurezza sul lavoro. Da tutte queste attività si genera un sistema di ricompense che deve garantire, secondo criteri di equità, una corrispondenza tra contributi forniti dai prestatori di lavoro e incentivi percepiti. Incentivi individuali e di gruppo Forme di incentivazione: Risultati individuali Risultati di gruppo Risultati economici dell impresa Particolari indicatori di risultato Incentivazione per obiettivi Progressioni di carriera 13

14 La fase FORMAZIONE & SVILUPPO La fase formazione e sviluppo comprende i sistemi di addestramento, formazione e sviluppo. Si tratta di attività volte a fare in modo che i singoli acquisiscano le competenze e le conoscenze adeguate per poter svolgere i loro compiti. La fase VALUTAZIONE La fase della valutazione è regolata da un mix di sistemi di valutazione del personale differenziati in base a : complessità dei parametri considerati e obiettivi di gestione collegati alla valutazione. Si distinguono: Criteri di valutazione semplici e impliciti (anzianità, livello) Valutazione della posizione Valutazione della prestazione Valutazione del potenziale Valutazione per obiettivi 14

15 * Valutazione della posizione Sistema basato sull oggetto JOB EVALUATION Obiettivi: Classificare le varie posizioni in modo da consentire una razionale struttura retributiva Garantire equità di trattamento Punto di riferimento è il compito, insieme di conoscenze tecniche richieste dalla tecnologia Sistema basato sul soggetto SKILL EVALUATION Obiettivo: classificare e retribuire l individuo per quello che sa fare e non solo per quello che fa Sottolinea i requisiti necessari per ricoprire il ruolo inteso come insieme di combinazioni di capacità e conoscenze (competenze) 15

16 La fase di USCITA La fase di uscita è regolata dal sistema di dimensionamento degli organici. Assume criticità soprattutto in fasi di congiuntura sfavorevole. Una tecnica recente è rappresentata dall outplacement che consiste in un programma di assistenza per agevolare l uscita del dipendente. L integrazione delle varie fasi avviene tramite due sistemi di controllo che governano il ciclo: 16

17 Il Sistema di Pianificazione del Personale Il sistema di pianificazione del personale è uno strumento che consente la sintesi e il coordinamento di tutte le attività del personale e la loro integrazione con la programmazione aziendale. Tale sistema implica l integrazione con la progettazione organizzativa e strategica dell impresa al fine di rendere coerenti le scelte di gestione del personale rispetto alle scelte di progettazione organizzativa e agli obiettivi strategici. La Gestione delle Relazioni Sindacali Le relazioni sindacali comprendono la gestione dei rapporti tra impresa e rappresentanti dei lavoratori in ordine alla regolamentazione dei contratti di lavoro e alle modalità di utilizzo e di impiego della forza lavoro. 17

18 Cambiamenti nell ambiente economicocompetitivo Evoluzione delle strutture organizzative Cambiamenti nelle modalità di organizzazione del lavoro Adozione approcci COMPETENCY BASED per la gestione delle risorse umane 18

19 Cambiamenti nell ambiente economico-competitivo GLOBALIZZAZIONE- INTENAZIONALIZZAZIONE Caduta barriere commerciali, comunicazione più veloce e meno costosa CAMBIAMENTI NELLA DOMANDA Domanda di beni e servizi personalizzati, continuamente nuovi, sviluppati e consegnati più rapidamente Da DOVE competere a COME competere 19

20 Evoluzione delle strutture organizzative Da STRUTTURE MECCANICHE (gerarchico-funzionali) Strutture Verticali Suddivisione per funzioni delle attività costitutive dell impresa e attribuzione a diversi individui/unità di unità funzionali separate A STRUTTURE ORGANICHE E PER PROCESSI Strutture Orizzontali Ricomposizione delle attività svolte dalle precedenti funzioni sulla base degli obiettivi da raggiungere. Strutture Piatte Riduzione dei livelli gerarchici 20

21 Evoluzione dell organizzazione del lavoro Ruoli aperti (allargamento e arricchimento) Lavoro in gruppo, comunicazioni e scambi tra gli operatori Condivisione degli obiettivi di lavoro Richiesta agli operatori di iniziativa, della capacità di decidere e di scegliere nel corso degli svolgimento, di orientare l azione, di valutare i risultati e le conseguenze (es. per fronteggiare l incertezza, imprevisto, problemi, situazioni non programmabili) 21

22 Quali competenze gestire e analizzare? Competenze dell impresa Competenze distintive Core competencies Ciò che l impresa sa fare meglio rispetto a tutte le altre in un contesto mondiale Competenze dell individuo Attributi della persona che sono in rapporto con la prestazione nello svolgimento di un compito Ciò che l individuo sa fare rispetto al proprio ruolo 22

23 Le competenze dell individuo Capacità (skill) Conoscenze ed esperienze Motivi/ Valori COMPETENZA Abilità di agire efficacemente un comportamento complesso attingendo dall insieme di conoscenze, esperienze, skill e motivazioni disponibili. 23

24 Conoscenze ed Esperienze Rappresentano l area del SAPERE e quindi anche del sapere come fare (know how) Conoscenze = sapere strutturato, restituibile in forma esplicita Esperienze = regole di utilizzo del sapere, spesso non pienamente esplicabile Sono sviluppabili nel breve-medio termine Sono valutabili tramite - Curriculum Vitae - test strutturati (conoscenze) - Esami di esperti (esperienze) 24

25 Comportamenti (espressioni delle capacità) Rappresentano l area del SAPER ESSERE Sono espressione delle caratteristiche costitutive di un individuo, relativamente stabili, possono essere migliorati, controllati ma non trasformati Sono valutabili attraverso l osservazione diretta dei comportamenti : - nel quotidiano - in situazioni valutative ad hoc 25

26 Motivi e Valori Esprimono il rapporto tra identità individuale e progetto professionale (area del VOLERE) Influenzano il comportamento individuale nella definizione degli obiettivi, aspettative, interessi Sono difficilmente conoscibili dall esterno senza il concorso dell individuo 26

27 Competenze Area del SAPER FARE Abilità di agire efficacemente un comportamento complesso attingendo dall insieme di conoscenze, esperienze, skill e motivazioni disponibili Devono essere valutate rispetto ad una declaratoria contestuale (definita rispetto allo specifico contesto organizzativo) Sono sviluppabili attraverso la formazione ed esperienze. 27

28 Il sistema delle transazioni di lavoro Le complesse relazioni economiche e sociali che si instaurano tra impresa e lavoratore vengono definite SISTEMA DI TRANSAZIONI DI LAVORO. insieme dei rapporti economici, organizzativi, culturali e politici che intercorrono fra l impresa singola e associata e i lavoratori singoli e associati. Le transazioni di lavoro permettono di esprimere i diversi interessi di cui ciascuno è espressione. I protagonisti del confronto sono: i sindacati, i loro delegati e i lavoratori le associazioni dei datori di lavoro e le imprese lo Stato 28

29 Si distinguono: TRANSAZIONI INDIVIDUALI: c è un rapporto DIRETTO tra l impresa e il lavoratore TRANSAZIONI COLLETTIVE: implicano un rapporto MEDIATO da una o più organizzazioni All interno del sistema di transazioni non esiste il principio di esclusività delle transazioni individuali o di quelle collettive. Le transazioni collettive definiscono le condizioni entro cui si possono esplicare le individuali. Lo Stato ricopre il ruolo di datore di lavoro per i lavoratori pubblici ed essendo l attore che ha il potere di stabilire le condizioni generali del contesto istituzionale, influisce in modo determinante sulle posizioni economiche dei lavoratori, dei sindacati, delle imprese e delle loro associazioni. 29

30 Il sistema delle transazioni di lavoro 30

31 I sindacati dei lavoratori I sindacati rappresentano in forma organizzata e collettiva i lavoratori e tutelano i loro interessi negli accordi triangolari, nei contratti categoriali e intercategoriali e nei contratti nazionali. Il sindacato ha una propria struttura organizzativa articolata in 2 dimensioni: - Dimensione verticale o di categoria, che organizza i lavoratori in base alla categoria di appartenenza e forma le Federazioni di Categoria; - Dimensione orizzontale o intercategoriale, che comprende tutti i sindacati di categoria presenti all interno di una determinata area. Le Federazioni di categoria hanno come compito primario la stipulazione dei contratti collettivi di lavoro che riguardano la categoria rappresentata e che si riferiscono al territorio nazionale o ad ambiti più ristretti. A livello interconfederale, si tutelano gli interessi di tutti i lavoratori iscritti, e si gestiscono le relazioni con le istituzioni pubbliche, con le forze politiche e con gli organi di informazione. 31

32 La struttura organizzativa dei sindacati 32

33 L attività dei sindacati riguarda : - Prezzo del lavoro - Modalità di offerta del lavoro - Rappresentanza politica dei lavoratori Si distinguono 2 tipologie di sindacato: - SINDACATO DI COMPETIZIONE -> organizzazioni che possono essere in concorrenza fra loro che si pongono di sfruttare l ability to pay delle imprese per massimizzare il vantaggio per i propri iscritti. Opera nel mercato del lavoro primario, agisce a livello decentrato. - SINDACATO DI CONTROLLO -> accentra la negoziazione nelle confederazioni nazionali e coinvolge il potere politico e governativo per determinare gli obiettivi generali di lungo periodo dell insieme dei lavoratori. 33

34 34

35 Le associazioni imprenditoriali Le associazioni imprenditoriali svolgono attività di contrattazione collettiva a livello interconfederale e di categoria, assistono le imprese associate nella contrattazione a livello aziendale. Struttura organizzativa: - Livello confederale - Livello settoriale o di categoria - Livello territoriale Il livello confederale è coinvolto negli accordi triangolari che riguardano la tutela degli interessi di carattere generale comuni a tutte le imprese senza distinzioni di categoria. La stipulazione dei contratti collettivi spetta alle federazioni nazionali di settore. A livello territoriale si pone l attenzione alle problematiche locali, supporto alle piccole imprese. 35

36 36

37 Lo Stato Le politiche del lavoro sviluppate dallo Stato sono: - Consumo sociale, quando prevalgono finalità ridistributive e di acquisizione di consenso; - Investimento sociale, quando prevalgono finalità volte ad aumentare le potenzialità del sistema produttivo attraverso uno sviluppo equilibrato di tutti i fattori della produzione 37

38 I mercati del lavoro I mercati del lavoro si originano per diverse ragioni: territoriali, informative, professionali, razionali e politiche. Si distinguono 3 livelli di analisi del mercato del lavoro: 1. MERCATO DEL LAVORO GENERALE: inteso come aggregato macroeconomico. Si analizzano i movimenti demografici, le dinamiche di domanda e di offerta di lavoro. 2. MERCATO DI LAVORO DI RIFERIMENTO: è la parte di mercato generale attivata dall impresa nella ricerca del personale. Si analizzano le dinamiche di domanda e di offerta di lavoro relativi ad un area, un gruppo professionale o comparto economico. 3. MERCATO DI LAVORO INTERNO: è la parte di mercato di lavoro interno ai confini di una organizzazione. Si analizzano i meccanismi organizzativi che regolano i movimenti dei lavoratori tra ruoli e le retribuzioni. 38

39 I mercati del lavoro 39

40 La gestione delle risorse umane nelle Piccole e Medie Imprese TRADIZIONALE (no politica specifica per la forza lavoro) FLESSIBILITA DIFENSIVA (contenimento costi del lavoro) FLESSIBILITA INNOVATIVA (valorizzazione forza lavoro) Assetti di Corporate Governance Modello familiare puro Modello familiare aperto/manageriale Modello postfamiliare Inclusione dei lavoratori Partecipazione ai valori dell impresa Partecipazione ai valori dell impresa Partecipazione alla gestione operativa Gestione operativa delle risorse umane Prevalente al Direzione del Personale organo di staff accentrato Prevalente al Ufficio del Personale parte della direzione amministrativa Prevalente la GRU affidata alla line e decentrata Sindacalizzazione Elevata Bassa Elevata Contrattazione aziendale Non esiste in prevalenza Esiste in prevalenza Non esiste in prevalenza 40

41 L istituto della partecipazione Proposta negli anni 80 per cercare di ridurre la forte conflittualità nel rapporto impresa/lavoratori in Italia PARTECIPAZIONE CONTRATTUALE: in occasione della negoziazione sindacale vengono definiti particolari diritti per i rappresentanti dei lavoratori, riguardanti l accesso alle informazioni sul governo dell impresa e la consultazione preventiva degli stessi circa talune tematiche rilevanti per l azienda. PARTECIPAZIONE ISTITUZIONALE: partecipazione dei lavoratori è prevista una normativa legislativa. Ad esempio in aziende con almeno 200 addetti costituite in società di capitali e governate da un organo di amministrazione dualistico. PARTECIPAZIONE FINANZIARIA: la modalità più ricorrente per la sua realizzazione è l azionariato dei dipendenti, si prevede iil coinvolgimento del lavoratore nel capitale di rischio dell impresa. 41

42 La delega decisionale nelle PMI DELEGA = Processo di attribuzione di responsabilità decisionale dal delegante al delegato per lo svolgimento di un dato task al quale sono correlati certi obiettivi. Nelle PMI esiste il grosso problema del decentramento di potere decisionale accentrato nella figura dell imprenditore. Il problema è connesso alla genesi dell impresa in cui il fondatore è colui che conferisce il capitale di rischio e svolge l attività di imprenditore, la questione si aggrava dalla commistione tra l attività dell impresa e la proprietà familiare in cui si assume che la guida dell impresa deve restare sempre e comunque nelle mani delle persone della famiglia. La questione della delega interna risulta grave nel caso di imprese dove il potere decisionale resta accentrato nonostante la crescita dimensionale e la proliferazione di organi esecutivi. Qui la delega di potere dell imprenditore diventa la condizione per non bloccare lo sviluppo dell impresa. 42

43 LE FASI DEL PROCESSO DI DELEGA IMPRENDITORIALE FASI DEL PROCESSO ERRORI TIPICI ABILITA RICHIESTE 1. Definizione degli obiettivi Obiettivi poco chiari e poca astrazione; razionalizzazione Concettualizzazione 2. Selezione del delegato Selezione del miglior esecutore Valutazione delle persone (competenze attuali e potenziali) 3. Spiegazione degli obiettivi e condivisione dei risultati attesi 4. Trasferimento delle informazioni 5. Esplicitazione delle risorse disponibili 6. Richiesta del programma preliminare 7. Generazione di alternative di condotta 8. Controllo dei risultati 9. Valutazione finale 10. Analisi degli scostamenti Obiettivi comunicati in modo vago; imposizione degli obiettivi; assenza di verifica dell avvenuta comprensione del mandato Omissione di informazioni e della dotazione di risorse Omissione della richiesta del programma Assenza di generazione di alternative Omissione del controllo; controllo dei comportamenti e non dei risultati Assenza di riflessione sugli scostamenti tra risultati e obiettivi Chiarezza espositiva e sintesi Selezione e memorizzazione delle informazioni Abilità negoziali Abilità maieutica Capacità di analisi e di critica Tempismo Abilità di analisi e di critica 43

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 186 del 29/12/2010 Modificato ed integrato con deliberazione di G.C. n. 102 del 07/09/2012 1 TITOLO I L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE

GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE Laureanda: Relatore: Martina Orlando

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli