E' senz'altro possibile insegnare ad un tacchino a salire sugli alberi. Perché, però, non assumere uno scoiattolo?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E' senz'altro possibile insegnare ad un tacchino a salire sugli alberi. Perché, però, non assumere uno scoiattolo?"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Tutorato- Economia del Lavoro- Bergamo, marzo-aprile 2007 E' senz'altro possibile insegnare ad un tacchino a salire sugli alberi. Perché, però, non assumere uno scoiattolo? Organizzare e gestire il processo di selezione Il programma 1.0!La selezione del personale 2.0!Strutture organizzative e processi 3.0!l processo di selezione!case history: Italbike SpA 4.0!La Job Analysis 5.0!Dall analisi della posizione alla stesura del profilo: il Job profile e le competenze 5.1 Le componenti delle competenze 5.2 I comportamenti e le capacità 6.0!Il Recruiting 7.0! Screening 8.0! Convocazione del soggetto per un contatto diretto tra organizzazione/candidato 9.0!La valutazione: il non giudizio! 10.0! Presentazione della rosa dei candidati 11.0! Accoglienza ed inserimento 12.0! La valutazione del processo di selezione!la selezione del personale!la selezione del personale - parole chiave "La selezione del personale è un processo volto ad accertare l idoneità, attuale e potenziale, di un candidato a svolgere un lavoro in azienda, con soddisfazione sia del candidato che dell azienda stessa. È un accertamento di: "Attitudini; "Requisiti; "Capacità; "Aspettative; "Interessi di una persona per determinati lavori mediante un accertamento vocazionale, attitudinale, motivazionale L accertamento si compie mediante prove pratiche, tecniche, mediche e psicologiche e da concludere con una scelta (rifiuto, rimando o accettazione) mediante un intervista, accordo, contratto basato su una previsione di successo. (Enzo Spaltro, 1996) "processo # serie articolata, ordinata e coerente di procedure finalizzate a massimizzare l efficacia dello scambio di informazioni "scambio di informazione # nel corso del processo di selezione, individuo ed organizzazione si impegnano ad uno scambio reciproco di informazioni trasparenti e coerenti così da poter raggiungere una decisione condivisa su l opportunità di intraprendere una storia lavorativa comune, formalizzata in un rapporto lavorativo "mediazione di società terze # talvolta le organizzazioni affidano a società di consulenza, in outsourcing, la progettazione e realizzazione, in parte o nella sua totalità, della selezione del personale. Le motivazioni possono essere svariate, il mandante è una piccola azienda che non possiede funzioni e/o competenze specifiche di recruiting, è un azienda che, per ragioni strategiche, vuole restare anonima relativamente alla sua necessità di personale, vuole procedere con azioni di head hunting.

2 !Strutture organizzative e processi La teoria dell impresa basata sulle competenze sottolinea che l utilità derivante all impresa dal possesso o dal diritto d uso di una risorsa dipende dalle modalità con cui è gestita, combinata e coordinata con le altre risorse interne. Poiché le capacità di un azienda di realizzare un coordinato spiegamento di risorse (variabile di processo) determina i vantaggi strategici che essa può ottenere attraverso le specifiche risorse (variabile di contenuto), processo e contenuto possono essere visti come interdipendenti ed inseparabili, sia nella teoria che nella pratica aziendale. Gli studiosi dell impresa competence-based propongono così una struttura teorica che integra le prospettive strategiche basate sui processi organizzativi con quelle basate sulla dotazione di risorse. Le imprese sono considerate dei sistemi aperti : esse perseguono dei fini strategici, comprendenti una serie di obiettivi che le distinguono le une dalle altre. In relazione a questi fini ogni azienda sviluppa e segue una logica strategica finalizzata al loro raggiungimento. La logica strategica dell organizzazione dirige e regola i processi manageriali determinanti le modalità attraverso le quali l impresa identifica, acquisisce ed usa le risorse. (Cristiano Ciappei, 2003)!Strutture organizzative e processi strutture Processo persone processi Insieme di attività che, utilizzando input di varia natura, porta alla realizzazione di un output, oggetto dei rapporti di scambio con il mercato prodotto interno, necessario alla gestione ed allo sviluppo dell organizzazione organizzazione!l processo di selezione!l processo di selezione - struttura " In un modello organizzativo per processi la gestione delle risorse umane compartecipa alla strategia dell impresa e la selezione del personale è solo un aspetto di un processo più complesso che è il processo di selezione dove input diversi compartecipano all output finale: l inserimento di una nuova risorsa nell organizzazione L obiettivo da perseguire durante il processo di selezione del personale "dovrebbe essere quello di assegnare ogni uomo al lavoro più adatto a lui e alla società, in quanto ciascuno dovrebbe utilizzare le proprie capacità, il proprio carattere e le proprie aspirazioni nel modo per lui migliore e la società dovrebbe fare il miglior uso possibile delle proprie risorse umane globali." (Dunette, 1999) la struttura del processo di selezione non è un processo finalizzato ad eliminare gli inadatti, bensì un processo che tende ad assegnare ad ogni individuo la posizione in cui si prevede il miglior utilizzo delle sue qualità e caratteristiche, ponendo l attenzione anche sulla sua maggiore soddisfazione professionale ed implica: $una fase iniziale di identificazione del fabbisogno dell'organizzazione; "analisi e descrizione delle caratteristiche delle posizioni di lavoro ed analisi del profilo professionale; "una fase di reclutamento; "una di selezione/valutazione "una di affiancamento durante l'inserimento; "una di training; "una di rivalutazione del potenziale e di pianificazione della carriera, comprese le possibilità di sviluppo successivo

3 !l processo di selezione - struttura Analisi Azienda Contesto organizzativo Cultura aziendale Job analysis Job profile Competenze Recrutamento Strategia di advertising Job posting Annuncio stampa Data base Head hunting Selezione Screening cv Colloqui Assessment Test Inserimento - formazione - training; valutazione e lo sviluppo - incentivazione; rivalutazione del potenziale e di pianificazione della carriera Elaborazione dossier candidati Feedback candidati Colloquio finale, proposta contratto!la Job Analysis- le informazioni preventive Durante il processo di selezione assume un'importanza fondante la preventiva analisi degli obiettivi strategici, la configurazione organizzativa aziendale, le posizioni e i compiti lavorativi, questo permette di mettere in risalto quegli elementi cruciali delle mansioni che dovrà svolgere il collaboratore della prestazione e permette di utilizzare strumenti di valutazione e selezione adeguati. Tra le informazioni basilari da raccogliere nella prima fase ricordiamo: "la storia stessa dell'impresa e dell'imprenditore, che spesso s'intrecciano e ne determinano valori e cultura ; "la business idea originaria; "l'evoluzione della formula imprenditoriale; "la combinazione prodotto mercato tecnologia scelta per competere nel medio termine; "le caratteristiche dei principali concorrenti; "le personalità, le competenze ed i valori dei collaboratori di riferimento dell'imprenditore.!case history!la Job Analysis "Italbike SpA "Conosciuta l azienda e le sue caratteristiche salienti si procede con la Job analysis, un sistema di raccolta e analisi di informazioni su una posizione di lavoro che comprende un livello organizzativo ed uno più specifico di job profile/description.

4 Job analysis l insieme dei dati che descrivono i comportamenti osservabili dei lavoratori, includendo sia la performance sia le tecnologie impiegate per ottenere i risultati e, inoltre, le caratteristiche dell ambiente con cui i lavoratori interagiscono, inclusi gli elementi fisici, meccanici, sociali e informatici ( Harvey 1991) La job analysis consiste nel definire la mansione nel contesto organizzativo e nello scoprire quali comportamenti da parte degli impiegati essa richiede (Dunette, 2002), è un processo che definisce e descrive il lavoro inserito nel processo organizzativo, comprendendo sia i compiti da svolgere, sia le conoscenze e le abilità richieste per eseguire il lavoro. La scheda di rilevazione dovrà contenere: "collocamento organizzativo; "autorità-dipendenza-collegamenti trasversali; "le responsabilità implicate; "qualifica; "i compiti; "le attività; "obiettivi da trasformare in risultati;!dall analisi della posizione alla stesura del profilo: il Job profile e le competenze ll job profile stabilisce i requisiti minimi (tipo e livello di conoscenze, competenze, attitudini e caratteristiche personali) e, di conseguenza, consente di formulare gli standard di formazione, esperienza, intelligenza, personalità e resistenza fisica per una specifica posizione lavorativa ed i suoi possibili sviluppi futuri. Il job profile, conseguente, dalla job analysis (che ha specificato le principali attività e responsabilità e relazioni organizzative di una determinata posizione), contiene specificazioni in merito ai requisiti richiesti per un determinato tipo di lavoro.!dall analisi della posizione alla stesura del profilo: il Job profile e le competenze Il job profile non è l insieme di compiti definiti e descritti in modo preciso, costante nel tempo, connessi a ruoli e posizioni organizzative stabili, ma sempre più!performance che evolvono nel tempo, che variano in funzione dei diversi ruoli che la persona si trova a ricoprire e connesse con risultati complessivi raggiungibili dal singolo attraverso elevati gradi di autonomia e responsabilità Dal bisogno di personale alla performance la performance è il contributo che l individuo porta per il raggiungimento degli obiettivi dell organizzazione, la performance diventa ciò per cui il lavoratore viene pagato e, quindi, l oggetto della prestazione lavorativa! Necessità di ricoprire figura professionale: Job analysis Job profile COMPETENZE PROFESSIONALI conoscenze esperienze capacità PERFORMANCE Prestazione lavorativa

5 La competenza La competenza - le componenti La qualità professionale di un individuo in termini di conoscenze, capacità e abilità, doti professionali e personali (Quaglino, 1990). una particolare combinazione di conoscenze (legate a discipline, contenuti dell attività, contesto generale e specifico di riferimento, collaboratori) e di caratteristiche individuali ( relativi al tipo di personalità, alle caratteristiche dell intelligenza, alla consapevolezza di sé e all esperienza), che interagiscono con la motivazione che da la spinta ad agire e la volontà che permette lo sviluppo dell agire stesso, allo scopo di esprimere le prestazioni adeguate al contesto lavorativo (Gandini, 2001). CONOSCENZE ED ESPERIENZE! formano l area del SAPERE e del SAPER FARE, Le conoscenze sono l insieme strutturato del sapere acquisito e sviluppato dalla persona. Le esperienze sono, anche esse, una forma di sapere, meno strutturata e sistematizzata, di tipo più intuitivo perché allenato dall esperienza ATTITUDINI! rientrano nell area della PERSONALTA /ESSERE, le attitudini sono canali conoscitivi e comportamentali preferenziali attraverso i quali ciascuna persona approccia la realtà. Le attitudini si sviluppano attraverso l esperienza trasformandosi in capacità. CAPACITA! rientrano nell area del SAPER ESSERE le capacità sono l insieme dei comportamenti che la persona possiede e che può operare; si sviluppano preferibilmente partendo dalle attitudini. La competenza - le componenti La competenza MOTIVAZIONE! è la spinta ad agire, riguarda la decisione, strettamente individuale, di essere partecipe dell attività di un azienda e/o di uno specifico ruolo; ATTEGGIAMENTI! sono le modalità relazionali di una persona, che possono trovare ragioni anche nel sistema di valori della stessa; SENSO DI AUTO-EFFICACIA! possiamo tradurlo nella fiducia in se stesso ed adeguatezza nell agire in un determinato ruolo professionale; Competenze Tecnico-professionali Conoscenze, esperienze capacità Specifiche di un JOB, che possono avere valenza teorico-tecnica o praticooperativa COMPETENZA Competenze trasversali Conoscenze, esperienze Capacità Utili per un comportamento lavorativo efficace Competenze di base Conoscenze, esperienze, capacità Non specifiche di un JOB, ma rilevanti per la formazione e preparazione professionale

6 Le componenti delle competenze-le capacità competenze di base %&organizzazione e pianificazione è la capacità di programmare e organizzare il proprio lavoro nell ambito delle direttive aziendali, utilizzando in modo adeguato le risorse tecniche ed economiche. %&leadership è la capacità di assumere un ruolo di riferimento, di guida e di responsabilità di altri, riuscendo ad a porsi como polo di aggregazione emotiva dei bisogni e delle motivazioni del gruppo guidato; %&decisionalità è la capacità di raccogliere informazioni sulle variabili di una questione, selezionare alternative adatte valutandone vantaggi e svantaggi, opere scelte, verifiche e valutazioni. %&orientamento al cliente interno/esterno è la capacità di gestione della clientela, ponendo attenzione alla propria collaborazione, evitando forme di inflessibilità, sforzandosi di cercare sempre soluzioni nel comune interesse; %&lavoro di gruppo è la capacità di! contribuire ai risultati del team di lavoro integrando la propria azione con quella degli altri membri, offrendo costante collaborazione e facilitando la soluzione dei problemi; %&gestione del tempo come risorsa è la capacità di operare considerando la variabile tempo come criterio ordinatore fondamentale, come! fonte di valori e di costi, prestando continua attenzione a livelli differenziati di urgenza e di priorità; Le componenti delle competenze-le capacità competenze intellettuali %&problem solving è la capacità di elaborare le diverse variabili di un problema e quindi di approfondire i dati a disposizione, fino ad ottenere una soluzione che ottimizzi gli elementi in gioco; %&analisi e soluzione dei problemi (problem solving complesso) è la capacità di esaminare e affrontare le attività, elaborare diverse variabili di un problema, approfondire i dati a disposizione sino ad ottenere una soluzione che ottimizzi gli elementi in gioco; %&sintesi (problem solving operativo) è la capacità di individuare velocemente il nocciolo dei problemi per fornire soluzioni praticamente applicabili, rapide e realistiche, così da approcciare i problemi in modo pragmatico; %&visione d insieme capacità di saper considerare in una prospettiva integrata problemi diversi; %&innovazione capacità di approcciare i problemi in modo da esplorare nuove possibilità logiche nella soluzione del problema; %&flessibilità è la capacità di operare senza lasciarsi condizionare da schemi di riferimento né da chiusure preconcette; %&intelligenza sociale capacità di leggere, comprendere e prevedere le motivazioni, le aspettative ed i comportamenti degli interlocutori, utilizzando tale comprensione per instaurare e mantenere rapporti efficaci Le componenti delle competenze-le capacità competenze realizzative % &iniziativa è la capacità di! cogliere in tutte le occasioni l opportunità di creare valore, ridurre i costi, migliorare il servizio, eliminando e limitando procedure, adempimenti, operazioni privi di utilità reale; % &autonomia capacità di sapersi autoattivare senza la necessità di stimoli e/o controlli esterni; % &orientamento/tensione al risultato è la capacità di operare per il completo conseguimento degli obiettivi, superando i diversi ostacoli e/o imprevisti al loro raggiungimento; % &tollerare lo stress e la frustrazione è la capacità di saper gestire ansia ed emozioni in situazioni caratterizzate da incertezza, imprevisti, pressing temporale, garantendo una performance costante e mantenendo un clima corretto e sereno nelle relazioni intersoggettive. Le componenti delle competenze-le capacità competenze relazionali %&comunicazione è la capacità riproporsi e comunicare con efficacia; %&assertività capacità di porsi come un interlocutore autorevole ed ascoltato; %&negoziazione è la capacità di condurre trattative complesse; %&integrazione è la capacità di generare con i propri comportamenti un clima di sostegno positivo nell ambiente di lavoro; %&adattabilità relazionale capacità di sapersi muovere, risultando efficaci, in relazione e contesti diversi; %&gestione del conflitto capacità di affrontare il contrasto interpersonale, mantenendo contemporaneamente la necessaria determinazione e lucidità, controllando il piano emotivo in modo adeguato; %&costruzione e gestione di relazioni plurime è la capacità di impostare e mantenere una rete di relazioni in ambiti complessi, in modo congruente con i propri obiettivi;

7 I comportamenti e le capacità Per comprendere quali capacità andare a ricercare nel candidato potenziale possiamo partire dai comportamenti attesi della figura ricercata, che a loro volta sono deducibili dal job profile. comportamenti capacità Scegliere/ decidere tra alternative Mantenere contatti interfunzionali interni Stabilire relazioni interpersonali finalizzate al risultato Gestione dell ansia Sintesi (problem solving operativo) Visione d insieme Costruzione/gestione di relazioni plurime Adattabilità relazionale Intelligenza sociale Flessibilità di pensiero Visione d insieme Adattabilità relazionale Intelligenza sociale Flessibilità di pensiero!il Recruiting " L azione di reclutamento, è una fase del processo di selezione che si sostanzia nella ricerca di candidati in possesso dei requisiti minimi necessari per ricoprire la posizione ricercata. " L obiettivo è comunicare, da parte dell azienda, la domanda di lavoro ed attivare l offerta di lavoro esistente sul mercato. Il reclutamento di norma segue le fasi di: raccolta delle candidature potenzialmente interessanti, attraverso canali interni o esterni all azienda. screening dei candidati. convocazione del soggetto per un contatto diretto tra organizzazione/candidato.!il Recruiting Recruiting: i canali Il canale da utilizzare sarà da valutare in relazione alla posizione da ricercare, il contratto che si offre, gli eventuali vantaggi fiscali di cui si vuol usufruire, il tipo di popolazione che si intende raggiungere, la quantità di informazioni che si vogliono trasmettere, le caratteristiche ricercate nel candidato e infine il budget messo a disposizione dall azienda. Le modalità di reclutamento variano, ma ciò che le accomuna è la necessità di raggiungere con la massima tempestività e con il costo minimo, un numero di candidati sufficiente a soddisfare i criteri di selezione prefissati. (G. Costa, 1997) MERCATO INTERNO MERCATO ESTERNO e-recruiting (Internet, job sites, portali, siti aziende) Ricerca diretta Head hunting In questo caso ci si rivolge ai lavoratori già presenti nell organizzazione strumenti In questo caso ci si rivolge ai potenziali lavoratori che non sono ancora membri dell organizzazione strumenti recruiting advertising Lavoro interinale - Ricerca informale attivata attraverso la comunicazione interna - Autocandidature; -segnalazioni dei dipendenti (passaparola, conoscenti, ecc; - Avvisi in bacheca -- Procedure formalizzate di pianificazione della mobilità interna - Data base/autocandidature; -Sito aziendale -Agenzia pubbliche, CpI, o private, head hunter, società di ricerca e selezione; -Istituti scolastici superiori, università; -Associazioni professionali; - Recruitment Advertising; - annunci su quotidiani,periodici, riviste specializzate, affissioni, annunci televisivi e radiofonici; -e-recruiting; -Agenzie di lavoro interinale; Annunci Stampa Data Base

8 ! Recruiting - canali- vantaggi/svantaggi! Recruiting - canali- vantaggi/svantaggi Inserzioni Mix di media (diversi media) Consulente Metodo Ricerca interna Recruitment Advertising Vantaggi breve periodo di adattamento livello salariale stabile motivazione dei collaboratori ambiente familiare grande effetto di PR scelta maggiore grande effetto di PR promuove l immagine dell azienda scelta maggiore ampia diffusione scelta maggiore risparmio di tempo mediante selezione preliminare esterna poche possibilità di confronto nessun effetto pubblicitario verso l esterno discrepanze interne assenza di nuove idee dall esterno costoso costoso selezione dispendiosa costoso Svantaggi Headhunting Metodo Cura dei contatti (scuole, consulenti professionali ecc.) Attività di PR Internet Uffici regionali di collocamento ampia diffusione Vantaggi risparmio di tempo mediante selezione preliminare esterna qualità dei candidati conosciute promuove l immagine dell azienda promuove l immagine della ditta i profili dei candidati sono conosciuti gratuito costoso Svantaggi non gode di una buona fama non adatto per posti che devono essere occupati subito costoso non adatto per posti che devono essere occupati subito costoso spesso non trasparente dispersivo eccessiva mole di dati da gestire e che possono comportare un dispendio eccessivo di risorse: alcune ricerche dimostrano che la pubblicazione di un annuncio on-line genera un quantitativo di risposte che è dieci volte superiore a quello generato dai canali tradizionali la validità dei candidati non è sempre assicurata! Screening - convocazione!lo screening è necessario per eseguire un analisi dei curricula! professionali dei candidati al fine di verificare alcuni requisiti di base necessari per ricoprire il posto, quali per esempio esperienze precedenti, età, titoli di studio, conoscenze linguistiche e informative, ecc, e selezionare, poi, quelli maggiormente corrispondenti, almeno sulla carta, alla posizione da ricoprire.! Enucleati i curricula dei candidati da convocare, si può eseguire una prima valutazione del candidato.! Gli elementi principali di valutazione dei cv sono, ad esempio, la completezza, la concisione, la chiarezza, l originalità, l impostazione formale, l orientamento al lavoro e, ovviamente, il contenuto. A questo punto si passa a decidere la metodologia di valutazione più adatta, tra i colloqui individuali, di gruppo, l utilizzo dei test come supporto alla selezione, per poi procedere all organizzazione degli incontri, la convocazione alla selezione, in forma chiara, contenente tempi e prove che verranno proposte, la presentazione della rosa dei candidati, la scelta del candidato, i tempi e le modalità di risposta ai partecipanti, l accoglimento e l inserimento in azienda del lavoratore Chi è maestro nell arte di vivere distingue poco tra il suo lavoro e il suo tempo libero, tra la sua mente e il suo corpo, la sua educazione e la sua ricreazione, il suo amore e la sua religione. Persegue semplicemente la sua visione dell eccellenza in qualunque cosa egli faccia, lasciando agli altri decidere se stia lavorando o giocando. Lui, pensa sempre di fare entrambe le cose insieme. Testo Zen

9 Le principali metodologie sono riconducibili a tre grandi categorie: PROVE PRATICHE TECNICHE PROFESSIONALI TEST "PROVE PRATICHE TECNICHE PROFESSIONALI & queste prove sono finalizzate a verificare e/o valutare particolari capacità, abilità, comportamenti individuali in relazione a particolari strumenti o macchinari o verificare il grado di preparazione specifica del candidato in un certo ambito disciplinare, attraverso prove di laboratorio, questionari strutturati, ecc. "Le prove tecniche hanno una buona validità in termini di selezione in quei casi in cui il rendimento di un determinato candidato può essere misurato agevolmente attraverso l esecuzione della prova del lavoro stesso e raffrontato con determinati standard COLLOQUI/INTERVISTE "TEST & I test sono strumenti standardizzati (sia nelle procedure di somministrazione che nell'interpretazione dei risultati) che misurano alcuni aspetti del comportamento umano avvalendosi di procedure, metodi di "somministrazione" standardizzati. "I test servono a valutare quasi tutti gli aspetti del funzionamento emotivo od intellettuale dell'individuo, inclusi anche tratti di personalità, atteggiamenti, motivazioni. "Ampia varietà di test, ognuno dei quali misura aspetti diversi (personalità, intelligenza, abilità, interessi, ecc.). "Prodotti da professionisti o società specializzate "test di intelligenza, somministrati per misurare le facoltà cognitive dei candidati, essi misurano la capacità generale di una persona di far fronte alle richieste ambientali. I punteggi ottenuti sono generalmente conosciuti come quoziente d'intelligenza, o QI. "test psico-attitudinali, somministrati per valutare il livello di predisposizione innata del candidato al ruolo ambito. Questi test predicono la possibile prestazione futura in una determinate area "COLLOQUI/INTERVISTE & sono momenti finalizzati ad approfondire le varie aree che costituiscono l'oggetto di valutazione di tutto l'iter selettivo. Offrono la possibilità di verificare, in modo più specifico, ulteriori aspetti del curriculum di ciascun candidato, non necessariamente rilevanti per la posizione da ricoprire, ma ugualmente interessanti, perchè tesi ad arricchire la conoscenza della persona. Lo scopo principale del colloquio individuale è quello di far giungere candidato e selezionatore ad una reciproca conoscenza. "COLLOQUI/INTERVISTE & individuali "COLLOQUI &gruppo "test di personalità, somministrati per ricavare un profilo caratteriale, relazionale ed emotivo del candidato, in modo da poter formulare ipotesi inerenti il suo comportamento in situazioni lavorative ricorrenti nella posizione ambita

10 "Il colloquio libero, si svolge senza alcuna traccia prestabilita per ciò che attiene il contenuto delle domande da porre al candidato e la loro successione. "Nell'intervista semi-strutturata, le domande, pur seguendo una scaletta predefinita circa le aree da esplorare, consentono di rilevare elementi informativi di interesse lasciando un certo margine di discrezionalità al selezionatore "Le interviste strutturate per le quali vengono poste al candidato delle domande predefinite tese a verificare capacità e competenze in relazione al profilo individuato. behavioural event interview (BEI). Questa metodologie ha come scopo quello di individuare le capacità dei candidati attraverso una intervista individuale che prende in considerazione episodi e fatti forniti dal candidato su comportamenti agiti nella sua esperienza passata. STAR (Situazione, task, azione, risultato). Nella preparazione dell intervista si scelgono indicatori relativi a ciascuna capacità da ricercare. Situazione, Obiettivo, Azione, Risultato. "COLLOQUI DI GRUPPO/ASSESSMENT CENTER &I colloqui di gruppo e/o gli assessment center, trovano la loro utilità nel fatto che sono predittivi, risultano molto efficaci per capire come l individuo si comporta quando si trova ad agire in un gruppo e/o contesto organizzativo al quale è stato affidato un obiettivo. Il selezionatore durante queste prove funge da osservatore e non interviene nella discussione, ma semplicemente annota su appositi moduli il comportamento di ciascuno e le dinamiche di gruppo e di interazione che si instaurano tra i componenti (Amadori, 1996). situational interview: fondata sulla teoria del goal setting individua delle situazioni assimilabili a quelle che si trovano del ricoprire il ruolo. panel interview: intervista condotta da più persone che incrociano le competenze in materia di selezione e le valutazioni del candidato. Tecnica vantaggi svantaggi "Role playing, esercizi di gruppo a ruoli fissi, adeguati, in particolare, per valutare capacità gestionali e relazionali; la prova consiste nel ricreare situazioni di lavoro critiche ed intense a livello emotivo. "Presentazioni, esercizi di gruppo! a ruoli liberi adeguata a valutare le capacità intellettuali e relazionali; "In basket, esercitazioni che creano situazioni specifiche utili per verificare capacità intellettuali e gestionali. Nel corso della prova il candidato deve assumere un determinato ruolo ed in uno spazio limitato di tempo prendere decisioni in merito a problemi contingenti trovati sul tavolo sotto forma di posta in arrivo, memo e messaggi telefonici. "Business game, simula una situazione reale d'azienda. I business game sono dei giochi di ruolo caratterizzati da un contesto simulato di natura aziendale. Colloquio individuale Assessment center Prove pratiche Test ' Strumento esclusiv o riguardo alla rilev azione delle motiv azioni ' efficace per una v alutazione globale dell indiv iduo ' efficace se usata in sinergia con altri strumenti; ' riduzione della soggettiv ità nel giudizio ' predittiv o di un comportamento ' ideale se nel profilo professionale v i è una netta prev alenza degli aspetti tecnici o di conoscenze specifiche ' fornisce misurazioni obiettiv e e standardizzate ' tutela da pressioni esterne ' selezioni con grandi numeri screma buona parte dei candidati ' strumento poco standardizzato ' alto rischio di soggettiv ità ' Alti costi di gestione ' Valutazione parziale del candidato, ' L efficacia esiste solo in sinergia con altri strumenti pochè fornisce dati solo su alcuni aspetti della personalità, o delle attitudini che è necessario approfondire con un colloquio indiv iduale ' risultati sono influenzati dalla cultura di appartenenza e dallo stato socioeconomico degli indiv idui sottoposti a tali procedure

11 !La valutazione: il non giudizio! (ma l opinione) Si vede solo ciò che si osserva e si osserva solo ciò che già esiste nella mente (Alphonse Bertillon) Il processo di selezione è molto complesso e non può prescindere dall approcciarlo attraverso una specifica etica, che consiste nel valutare, attraverso i più opportuni strumenti metodologici, una Persona stabilendone il valore e, di conseguenza, la possibilità di occupare il posto per cui si candida. Si parla di valutazione e NON di giudizio che deve rimanere necessariamente al di fuori di questo momento. Esiste una forte componente soggettiva nel colloquio, nonostante i tentativi di standardizzazione delle procedure: nel colloquio ci sono due Identità che giocano una partita, poste in posizione di non equilibrio, quando due persone si incontrano, vengono attivati dei meccanismi di difesa, legati principalmente all ansia dell interazione con un altro Sé, che non permettono un analisi oggettiva. Mantenendo stabili i luoghi fisici, cambia il tempo, cambiano le persone.!la valutazione: gli effetti distorsivi ( sandwich effect : le prime e le ultime informazioni raccolte determinano la valutazione complessiva; (effetto di salienza: la valutazione e il ricordo di una persona sono condizionati dalle informazioni che per l osservatore sono più rilevanti, se non si fa attenzione si ha la tendenza a valutare gli altri secondo il modo con cui valutiamo noi stessi e, conseguentemente, si ha la tendenza a valutare positivamente chi ha le nostre stesse caratteristiche; (distorsione da disponibilità: ci sono informazioni più disponibili, più facilmente osservabili, (aspetto, modo di fare..) di altre (tratti di personalità che richiedono più fatica per essere rilevati) che influenzano la valutazione. (effetto alone: allargamento, coinvolgimento di una valutazione sulle altre, ad esempio il selezionatore valuta una caratteristica in uno specifico modo ed è portato poi ad estendere il giudizio su quella caratteristica al giudizio su tutte le altre; Conoscendo fattori perturbanti è possibile gestire efficacemente il colloquio (stereotipi: attribuzione di stereotipi (sesso, età, titolo di studio, provenienza ecc..). della persona.!la valutazione: il non giudizio! gli effetti distorsivi (proiezione: l osservatore seleziona le informazioni avendo come riferimento se stesso; (distorsioni mnemoniche: un impressione forte su un candidato si estende anche agli altri candidati; (ed. qui all azienda Pinco Pallo sono tutti arroganti ) (effetto Barnum: quando un evento particolarmente inconsueto, che spicca su tutti gli altri, (la guarigione da una grave malattia, una vincita al totocalcio, ecc), monopolizza l attenzione del selezionatore ed influenza la sua valutazione; (burn-out: stanchezza indotta dal numero elevato di selezioni fatte; (umore: lo stato psico-fisico di chi osserva condiziona la comprensione e la valutazione della persona.! Presentazione della rosa dei candidati " Terminata la selezione stabilisce una graduatoria dei candidati più aderenti al profilo ideale, sulla base delle diverse informazioni che ha raccolto attraverso il curriculum scolastico e professionale, le osservazioni alla dinamica di gruppo, i risultati ottenuti ai test e l immagine e le impressioni derivanti dal colloquio individuale (Amadori, 1996). " Il selezionatore propone la rosa dei candidati all azienda, qualora sia un esperto esterno, o alla direzione: questo significa che tra tutte le persone intervistate per una posizione lavorativa, saranno scelte le quattro o cinque migliori, la loro relativa documentazione sarà consegnata all azienda o alla direzione, la quale, infine, sceglierà il candidato più adatto da assumere (Fermi, 2003).

12 ! Accoglienza ed inserimento! La valutazione del processo di selezione " L accoglienza è l insieme delle iniziative e delle procedure formali nei primi giorni di lavoro per fornire al nuovo dipendente tutte le informazioni utili per meglio conoscere l azienda in cui sta entrando, l unità ed il lavoro a cui è destinato, i suoi diritti e doveri (Auteri, 1998). Essa può essere definita come il complesso di iniziative e di contatti programmati intesi a fornire al nuovo assunto tutte le informazioni utili e le regole generali di convivenza da rispettare all interno dell organizzazione (Stella & Sordi, 1968). " L accoglienza mira soprattutto a fornire informazioni di tipo generale, mentre l inserimento consiste in un complesso programmato di azioni di formazione, addestramento e assistenza tendenti a consentire al nuovo assunto la conoscenza e l adeguamento alle procedure, ai metodi di lavoro, alle prassi organizzative dell azienda (Stella & Sordi, 1968). Le fasi di accoglienza e di inserimento del nuovo assunto completano e concludono il processo di selezione! UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Tutorato- Economia del Lavoro- E' senz'altro possibile insegnare ad un tacchino a salire sugli alberi. Perché, però, non assumere uno scoiattolo? Organizzare e gestire il processo di selezione Assumere uno scoiattolo, oltre che più efficace, è sicuramente più sfidante e divertente! Grazie dell attenzione!

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

GESTIONE E MOTIVAZIONE DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E MOTIVAZIONE DELLE RISORSE UMANE Paolo Mazzoni 2007. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2007". Non sono ammesse

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

La lettera di presentazione

La lettera di presentazione La lettera di presentazione Aggiornato a novembre 2008 La lettera di presentazione è necessaria nel caso di autocandidatura e facoltativa (quando non richiesta esplicitamente dall'azienda) negli altri

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli