CAPITOLATO D APPALTO relativo alla gestione del bar interno alla Scuola Anni scolastici 2013/ / /16

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO D APPALTO relativo alla gestione del bar interno alla Scuola Anni scolastici 2013/14 2014/15 2015/16"

Transcript

1 CAPITOLATO D APPALTO relativo alla gestione del bar interno alla Scuola Anni scolastici 2013/ / /16 1

2 CAPITOLATO RELATIVO AL SERVIZIO BAR CAFFETTERIA TITOLO I: INDICAZIONI GENERALI DEL SERVIZIO Art. I Oggetto dell'appalto L'apparato ha per oggetto l'affidamento del servizio Bar/Caffetteria. E distributori automatici di bevande fredde e calde nonchè di snack. Art. 2 Tipologia del servizio richiesto La tipologia del servizio prevede la preparazione di panini. pizzette ecc., distribuzione di prodotti confezionati e la distribuzione e somministrazione di bevande. fredde e/o calde. Art. 3 Servizi extra In coincidenza di particolari manifestazioni ed iniziative scolastiche, la scuola potrà chiedere alla Gestione che si impegni a realizzare servizi particolari tipo pasti caldi, coffee break ecc... Il compenso verrà stabilito di volta in volta in relazione al servizio richiesto senza l'obbligo di accettazione da parte della scuola. Art. 4 Tipologia dell'utenza L'utenza é composta da alunni, personale docente e non docente, nonché da visitatori occasionali od altre persone decise dalla scuola. Art. 5 Dimensione presumibile dell'utenza L'utenza della scuola é composta attualmente da 910 alunni e 130 unita di personale Art. 6 Giorni ed orari di erogazione del servizio Il bar e aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle al sabato dalle ore 8.00 alle ore I distributori automatici sono sempre attivi e l azienda deve garantire il regolare rifornimento. In occasione di riunioni pomeridiane si chiederà, con adeguato anticipo, l'apertura 2

3 pomeridiana del bar secondo un orario ed un calendario delle attività pomeridiane che verrà comunicato dalla scuola. Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche l apertura sarà definita con l AS secondo quanto concordato in sede contrattuale tenuto conto delle attività della scuola, del numero di personale in servizio. Nel mese di agosto il bar resterà chiuso I distributori automatici sono sempre attivi e l azienda deve garantire il regolare rifornimento. Art. 7 Inizio della fornitura del servizio La gestione si impegna ad iniziare il servizio nella data comunicata dalla scuola. La mancata attivazione parziale o totale del servizio non dà diritto alla I.A. di richiedere nessun indennizzo o risarcimento. Art. 8 Interruzione del servizio In caso di sciopero del personale della Gestione o di altri eventi che, per qualsiasi motivo, possono influire sul normale espletamento del servizio, la scuola dovrà essere avvisatia almeno con un giorno di anticipo. Le interruzioni totali del servizio per causa di forza maggiore non danno luogo a responsabilità alcuna per entrambe le parti. Art 9 Listino prezzi Il listino dei prezzi deve sempre essere esposto sia per i prodotti previsti nel bando che quelli fuori dal bando. I prezzi da adottare, per i prodotti non previsti nel bando mon potranno comunque essere superiori a quelli consigliati dalla ditte produttrici ogni variazione del listino dovrà essere comunicata ai Consiglio d Istituto della Scuola Ogni variazione del listino per i prodotti previsti nel bando dovrà, qualora si verifichino le condizioni previste nel bando e dalle leggi in vigore, essere concordata con la commissione mensa e comunicata ai Consiglio d Istituto della Scuola 3

4 TITOLO II : STRUTTURE, ATTREZZATURE ED ARREDI Art. 10 Strutture edili La scuola mette a disposizione della Gestione i locali necessari per la realizzazione del servizio richiesto. Art. 11 Modificazioni La Gestione si impegna a non apportare modificazioni, innovazioni o trasformazioni ai locali. nonché agli impianti tutti, senza previa autorizzazione della scuola Art. 12 Accessi In occasione di lavori di manutenzione dell'immobile o trasformazione degli impianti, la Gestione dovrà dare libero accesso al personale docente e non docente della scuola o di altre imprese autorizzate. La scuola non si assumerà alcuna responsabilità circa gli ammanchi o danni che si dovessero verificare in occasione della presenza del personale di cui sopra. La Gestione dovrà garantire l'accesso agli incaricati della scuola in qualsiasi luogo ed ora. per esercitare il controllo dell'efficienza e della regolarità dei servizi. Nei magazzini e nei locali adibiti alla preparazione dei cibi non è consentito l'accesso al personale estraneo alla produzione, se non espressamente autorizzato dalla scuola 4

5 TITOLO III : ONERI A CARICO DELLA GESTIONE Art. 13 assicurazioni L I.A. si assume tutte le responsabilità derivanti da avvelenamenti e intossicazione conseguenti all ingerimento, da parte dei commensali, di cibi contaminati o avariati. Ogni responsabilità per danni che, in relazione all espletamento del servizio o cause ad esso connesse, derivassero dal A.S. a terzi, cose o persone, si intenderà senza riserve od eccezioni a totale carico dell I.A., salvi gli interventi a favore della stessa da parte di società assicuratrici. A tal scopo l I.A. dovrà contrarre un assicurazione RC verso terzi e l AS con un massimale non inferiore a 5 milioni di euro per sinistro blocco unico, euro per persona contro eventuali danni conseguenti l espletamento del servizio Art. 14 Interruzione temporanea del servizio L interruzione parziale del servizio per cause di forza maggiore non dà luogo a responsabilità alcuna per entrambi le parti. A titolo meramente indicativo, e senza alcuna limitazione saranno considerate causa di forza maggiore terremoti ed altre calamità naturali di straordinaria violenza, guerre, sommosse, disordini civili. Art. 15 Spese inerenti al servizio Tutte le spese relative al servizio richiesto di qualsiasi genere nessuna esclusa, sono interamente a carico della IA; la scuola è completamente sollevata da qualsiasi onere e responsabilità. Sono ancora a carico della Gestione tutte le spese relative a imposte o tasse connesse all'esercizio dell'oggetto del contratto. Sono altresì a carico della Gestione i costi per le manutenzioni delle attrezzature e dei locali nonché le spese di impianto telefonico. Tutte le attrezzature mancanti ai fini dello svolgimento del servizio dovranno essere fornite dall I.A. dell appalto: SI CONSIGLIA PERTANTO UN SOPRALLUOGO PREVENTIVO. 5

6 Qualora dovesse guastarsi la lavastoviglie, l I.A. dovrà fornire stoviglie a perdere in modo da garantire il servizio. Restano altresì a carico dell I.A. la manutenzione ordinaria e straordinaria delle lavastoviglie presenti nel plesso e dell impianto telefonico. Resta inoltre a carico dell I.A. la fornitura di tutti i materiali di consumo, nessuno escluso, (detersivi, sacchi per la spazzatura, tovaglioli, tovagliette coprivassoi, guanti monouso, ecc.). La sostituzione delle attrezzature che dovessero risultare non riparabili o superate tecnologicamente o per norme antinfortunistiche è a carico dell I.A. che ne conserva la proprietà. L I.A. dovrà fornire le divise per gli addetti alla distribuzione. I guasti o anomalie dovranno comunque essere tempestivamente segnalati alla segreteria della scuola. Art. 16 Subappalto Non è consentito il subappalto nemmeno parziale del servizio richiesto, Art. 17 Responsabilità Ogni responsabilità sia civile che penale per danni che, in relazione all'espletamento del servizio o a cause ad esso connesse, derivassero alla scuola o a terzi, cose o persone, si intenderà senza riserve od eccezioni a totale carico della gestione. 6

7 TITOLO IV : ONERI E RESPONSABILITA' A CARICO Del scuola Art. 18 Cause di forza maggiore Restano a carico della scuola tutti gli interventi che si dovessero rendere necessari alle strutture per causa di forza maggiore. Per forza maggiore si intende qualunque fatto eccezionale, imprevedibile ed al di fuori del controllo della Gestione, che quest'ultima non possa evitare con l'esercizio della diligenza richiesta dal presente capitolato. A titolo meramente esemplificativo, e senza alcuna limitazione, saranno considerate cause di forza maggiore: terremoti ed altre calamità naturali di straordinaria violenza, guerre, sommosse, disordini civili. TITOLO V : SERVIZIO E DISTRIBUZIONE Art. 19 Somministrazione cibi e bevande La Gestione deve garantire la somministrazione di tutte le preparazioni e nelle quantità previste dal Bando Gli alimenti non confezionati dovranno essere distribuiti mediante apposite pinze. TITOLO VI : PERSONALE Art. 20 Personale Il servizio richiesto dovrà essere svolto da personale alle dipendenze della Gestione. Art. 21 Organico L'organico dovrà essere quello previsto in fase d'offerta dalla Gestione sia come numero, mansioni e livello. Art. 22 Variazioni del personale 7

8 Dovranno essere preventivamente comunicate per l'approvazione formale da parte della scuola, la variazione della consistenza numerica del personale o la sua qualifica. Art. 23 Vestiario La Gestione fornirà, a tutto il personale, indumenti di lavoro, come previsto dalle norme vigenti in materia di igiene, da indossare durante le ore di servizio. Tali indumenti saranno provvisti di cartellino di identificazione riportante il nome dell'azienda ed il nome e cognome del dipendente, nonché indicazione della sua qualifica. Il personale dovrà indossare indumenti di lavoro puliti. Per i lavori di pulizia dovrà indossare indumenti distinti da quelli usati per l erogazione del servizio bar. La Gestione dovrà inoltre fornire a tutto il personale zoccoli anatomici, mascherine e guanti monouso nel caso di impiego di detergenti e/o sanificanti nebulizzati. Art. 24 Idoneità sanitaria Tutto il personale addetto al servizio, nessuno escluso, deve essere in regola con i corsi di formazione previsti in sostituzione del libretto sanitario ai sensi della Legge Regione Lombardia 12/2003. Art. 25 Igiene personale lì personale addetto alla manipolazione, alla preparazione ed alla distribuzione delle pietanza. non deve avere smalti sulle unghie, né indossare anelli e bracciali durante il servizio. Art. 26 Controllo della salute degli addetti La scuola si riserva la facoltà di richiedere alla Gestione di sottoporre gli addetti ad analisi per la ricerca di enterobatteri patogeni e stafilococchi enterotossici. I soggetti che risulteranno positivi dovranno essere allontanati per tutto il periodo della bonifica. Il personale che rifiutasse di sottoporsi a tale controllo medico dovrà essere immediatamente allontanato dal servizio. Art. 27 Rispetto della normativa La Gestione dovrà attuare l'osservanza delle norme derivanti dalle vigenti leggi e 8

9 decreti relativi alla prevenzione degli infortuni sul lavoro. all'igiene del lavoro, alle assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro, alle previdenze varie per la disoccupazione involontaria invalidità e vecchiaia, alla tubercolosi ed altre malattie professionali ed ogni altra disposizione in vigore o che potrà intervenire in corso di esercizio per la tutela materiale dei lavoratori: in particolare, in materia antinfortunistica, la Gestione affiggerà. nei locali adibiti alla preparazione ed alla cottura degli alimenti, adeguati cartelli riportanti le principali norme di prevenzione degli infortuni. La Gestione dovrà, in ogni momento, a semplice richiesta della scuola, dimostrare di avere provveduto a quanto sopra. Art. 28 Applicazioni contrattuali La Gestione dovrà inoltre attuare, nei confronti dei lavoratori dipendenti occupati nelle mansioni costituenti oggetto del presente contratto, condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro. La Gestione è tenuta altresì a continuare ad applicare i su indicati contratti collettivi anche dopo la scadenza, fino alla loro sostituzione o rinnovo. I suddetti obblighi vincolano la Gestione anche nel caso in cui la stessa non aderisca ad associazioni sindacali di categoria o abbia da esse receduto. TITOLO VII : CARATTERISTICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI Art. 29 Caratteristiche delle derrate alimentari Le derrate alimentari e le bevande dovranno essere conformi ai requisiti previsti dalle vigenti leggi in materia che qui si intendono tutte richiamate. alle tabelle merceologiche ed ai limiti di contaminazione microbica relativi alla mensa I prodotti alimentari presenti nei frigoriferi, nelle celle e nel magazzino devono essere esclusivamente quelli contemplati nelle tabelle merceologiche. Art. 30 Etichettatura delle derrate Le derrate devono avere confezione ed etichetta conformi alle leggi vigenti. Non sono ammesse etichettature incomplete e non in lingua italiana. TITOLO IX : IGIENE DELLA PRODUZIONE 9

10 Art. 31 Norme legislative Per quanto concerne le norme legislative igienico sanitarie si fa riferimento alla normativa vigente e a quanto previsto dal presente capitolato. Comunque tutte le norme di legge in materia di alimenti, bevande e preparazioni alimentari di tutti i generi, si intendono qui richiamate. Art. 32 Igiene della produzione La produzione dovrà rispettare gli standards igienici previsti dalle leggi vigenti e da quanto altro contemplato nel presente capitolato. Art. 33 Conservazione di campioni Al fine di individuare più celermente le cause di eventuali tossinfezioni alimentari l I.A. deve prelevare 50 g. di tutti i prodotti somministrati giornalmente, riporli in sacchetti sterili, datarli e conservarli in frigorifero per le 48 ore successive. Art. 34 Autocontrollo da parte dell I.A. (sistema HACCP) L I.A. deve effettuare per proprio conto il servizio di autocontrollo di qualità. L autocontrollo deve essere effettuato in ottemperanza del D.L. 155/97 e successive modifiche od integrazioni. Pertanto l I.A. deve individuare ogni fase del servizio che potrebbe rivelarsi critica per la sicurezza degli alimenti e garantire che siano individuate, applicate, mantenute e aggiornate le opportune procedure di sicurezza, avvalendosi dei principi su cui è basato il sistema HACCP. Pertanto L I.A. deve adottare misure adeguate per garantire le migliori condizioni igieniche del prodotto finale, analizzando ed individuando i punti critici e mettendo in atto le procedure di controllo necessarie al corretto funzionamento del sistema. In particolare dovranno essere documentate le certificazioni e le procedure del sistema di autocontrollo. Le analisi batteriologiche degli alimenti dovranno comprendere i principali parametri microbiologici, anche in relazione al tipo di prodotto oggetto di analisi. Le analisi chimiche dovranno essere residuali dovute ad improprie attività di sanificazione ambientale. I dati relativi ai controlli effettuati dovranno essere registrati, aggiornati e tenuti a disposizione, presso la cucina, dell autorità sanitaria incaricata dell effettuazione dei controlli ufficiali e dei competenti organi comunali nonché di enti incaricati dalla U.S.L. Nel caso in cui il sistema di autocontrollo in atto non sia ritenuto adeguato l I.A. dovrà provvedere alle modifiche del piano concordate con gli uffici preposti 10

11 dell A.C., adottando tutte le procedure necessarie al ripristino della corretta funzionalità. Art. 35 Conservazione delle derrate Le verdure, i salumi, i formaggi, i prodotti surgelati dovranno essere conservati in celle o frigoriferi distinti. Ogni qualvolta viene aperto un contenitore in banda stagnata ed il contenuto non viene immediatamente consumato deve essere travasato in altro contenitore di vetro o acciaio inox o altro materiale non soggetto ad ossidazione. La protezione delle derrate da conservare deve avvenire solo con la pellicola di alluminio idoneo al contatto con gli alimenti. I prodotti cotti dovranno essere conservati solo ed esclusivamente in contenitori di vetro o acciaio inox. Art. 36 Riciclo E' vietata ogni forma di riciclo. Art. 37 Manipolazione e cottura trasporto Tutte le operazioni di manipolazione degli alimenti devono mirare ad ottenere standards elevati di qualità igienica. nutritiva e sensoriale. Art. 38 Preparazione piatti freddi La preparazione di piatti freddi dovrà avvenire con l'ausilio di mascherine e guanti monouso. TITOLO X : PULIZIA E IGIENE Art. 39 Caratteristiche dei detersivi Tutti i trattamenti da eseguire presso il Bar/Caffetteria ristorazione i detersivi dovranno essere conformi alle tabelle merceologiche e dei regolamenti vigenti per la mensa. I detersivi dovranno essere riposti in un armadio chiuso a chiave. 11

12 Art. 40 Modalità d'impiego dei detersivi Durante le operazioni di preparazione e distribuzione delle derrate è assolutamente vietato detenere nelle zone preparazione e distribuzione detersivi di qualsiasi genere e tipo. Le operazioni di lavaggio e pulizia non devono essere eseguite dal personale che contemporaneamente effettua preparazioni alimentari e/o distribuzione al banco. il personale che effettua pulizia o lavaggio deve indossare indumenti di colore visibilmente diverso da quelli indossati dai magazzinieri addetti al banco distribuzione ed addetti alla preparazione degli alimenti. Art. 41 Conservazione dei detersivi I detersivi e gli altri prodotti di sanificazione dovranno essere sempre contenuti nelle confezioni originali, con la relativa etichetta e conservati in locale apposito o in armadi chiusi. Art. 42 Rimozione dei rifiuti solidi e speciali Le spese per la rimozione dei rifiuti solidi urbani, così come le spese inerenti lo smaltimento dei rifiuti speciali sono a carico dell I.A. TITOLO XI: PULIZIA DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE Art. 43 Pulizie esterne Le pulizie dell area antistante il BAR e dei contenitori portarifiuti adiacenti sono a carico dell IA. Pure a carico dell IA la pulizia del deposito dei rifiuti solidi urbani esterno, che deve essere sempre in ordine. A carico dell I.A resta pure la pulizia dello spazio antistante i distributori automatici e sarà cura particolare dell I.A. assicurare anche che i riversamenti accidentali di liquidi dai distributori per malfunzionamenti o per imperizia dell utenza siano tempestivamente rimossi. Art. 44 Disinfestazione Gli interventi di disinfestazione sono a carico della Gestione e devono essere effettuati almeno tre volte l'anno o tutte le volte che si rendono necessari. Art. 45 Detergenti Sanificanti 12

13 I prodotti detergenti e sanificanti dovranno essere conformi alle tabelle merceologiche valide per la mensa. Di tutti i prodotti dovranno essere depositate in fase di offerta le schede tecniche complete. Ove sono disponibili sono da preferire prodotti eco compatibili. Art. 46 Servizi igienici I servizi igienici dovranno essere costantemente puliti e gli indumenti devono essere sempre riposti negli appositi armadi. Gli operatori non possono utilizzare i servizi igienici in uso agli alunni o al personale. O comunque non adibiti alla cura esclusiva dell I.A. TITOLO XII: NORME DI PREVENZIONE E SICUREZZA Art. 47 Disposizioni in materia di sicurezza E fatto obbligo all I.A., al fine di garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro, di attenersi strettamente a quanto previsto dalla normativa in materia Miglioramento della salute e della sicurezza dei lavoratori D.L. 626 dell 11/09/94 e successive modifiche e integrazioni. L IA dovrà fornire all A.S. il documento relativo alla valutazione dei rischi. Art. 48 Norme generali per l igiene del lavoro L I.A. ha l obbligo di garantire ai propri dipendenti impiegati nei servizi richiesti dal presente Capitolato quanto previsto dalla normativa vigente Art. 49 Impiego di energia L impiego di energia elettrica, gas, vapore da parte del personale dell Impresa deve essere assicurata da personale che conosca la manovra dei quadri di comando e delle saracinesche di intercettazione. In particolare per quanto riguarda la sicurezza antinfortunistica, ogni responsabilità connessa é a carico dell Impresa. Art. 50 Segnaletica di sicurezza sul posto di lavoro 13

14 L impresa deve predisporre e far affiggere a proprie spese dei cartelli che illustrino le norme principali di prevenzione e antinfortunistica all interno dei locali di preparazione e cottura secondo quanto previsto dalle normative vigenti Art. 51 Piano di evacuazione L I.A., entro trenta giorni dall avvenuta aggiudicazione, deve predisporre un piano di allontanamento repentino dai centri di pericolo nell eventualità di incidenti casuali quali terremoti, incendi, attentati interni ed esterni, allagamenti ecc. A tal fine l I.A. dovrà fare una mappatura dei locali con in piano prestabilito e verificato di fuga nel massimo della sicurezza dal luogo dell incidente, certificando gli avvenuti addestramenti. Copia di tale documento deve essere tempestivamente trasmessa all parte Committente. Art. 52 Norme di sicurezza nell uso dei detergenti e dei sanificanti Il personale addetto alle operazioni di sanificazione deve obbligatoriamente fare uso di mascherine e guanti, quando l utilizzo di tali indumenti é consigliato dalle schede di sicurezza. Art. 53 Pulizia e sanificazione Tutti i trattamenti di riassetto, pulizia e sanificazione del bar, e dei locali annessi, nonché i quelli antistanti al bar e dei contenitori portarifiuti a disposizione dell utenza nonché dell area antistante i distributori automatici sono a totale carico dell Impresa aggiudicataria e dovranno essere eseguiti secondo quanto previsto del piano di riassetto, pulizia ordinaria e sanificazione dei locali di produzione pasti e dei locali annessi, presentato dall Impresa Aggiudicataria in offerta. Tutti i trattamenti di riassetto, pulizia e sanificazione devono essere effettuati al termine servizio. Il personale che effettua tali operazioni deve indossare indumenti di colore visibilmente diverso da quello indossato dagli addetti alla preparazione e distribuzione degli alimenti Le aree di pulizia sono definite in sede di contrattazione 14

15 Art. 54 Caratteristiche dei detersivi L Impresa Aggiudicatarie in sede di gara deve presentare l elenco dei prodotti che intende utilizzare per la pulizia e la sanificazione, corredati delle schede tecniche e di sicurezza complete. I detergenti, i disinfettanti ed i sanificanti devono essere impiegati nelle concentrazioni indicate sulle confezioni. Dovranno essere contenuti nelle confezioni originali con la relativa etichetta. E assolutamente vietato detenere questo materiale nelle zone di preparazione, cottura, confezionamento e carico. I limiti di contaminazione microbica degli alimenti sono quelli previsti dalla vigenti leggi in materia. Art. 55 Divieti Durante le operazioni di preparazione e cottura dei pasti é assolutamente vietato detenere nelle zone di preparazione e cottura detersivi di qualsiasi genere e tipo. I detersivi e gli altri prodotti di sanificazione dovranno essere sempre contenuti nelle confezioni originali, con la relativa etichetta e conservati in locale apposito o in armadi chiusi. Art. 56 Pulizia impianti Al termine delle operazioni di preparazione dei pasti, le attrezzature del centro cottura dovranno essere deterse e disinfettate, come previsto ai precedenti art 51 e 52 Art. 57 Rimozione dei rifiuti solidi e speciali Il deposito dei rifiuti solidi urbani, deve essere tenuto in ordine e pulito Le spese per la rimozione dei rifiuti solidi urbani, così come le spese inerenti lo smaltimento dei rifiuti speciali sono a carico dell I.A. TITOLO XIII: FALLIMENTO O MORTE DEL GESTORE Art. 58 Obblighi della Gestione 15

16 La Gestione si obbliga per se e per i propri eredi ed aventi causa. Art. 59 Fallimento o amministrazione controllata In caso di fallimento o di amministrazione controllata della Gestione,l'appalto si intende senz'altro revocato e la scuola provvederà a termini di legge. Art. 60 Facoltà della scuola In caso di morte del Gestore, è facoltà della scuola scegliere, nei confronti degli eredi ed aventi causa, tra la continuazione o la risoluzione del contratto. TITOLO XIV: CONTROLLI DI QUALITÀ' DEL SERVIZIO Art. 61 Diritto di controllo da parte della scuola E' facoltà della scuola effettuare in qualsiasi momento senza preavviso e con le modalità che riterrà opportune, controlli per verificare la rispondenza del servizio fornito dalla Gestione alle prescrizioni contrattuali del capitolato d'appalto. Art. 62 Personale preposto al controllo I controlli verranno affidati all'ufficio preposto dalla scuola o ad azienda specializzata di fiducia della scuola e a tutti gli organismi preposti al controllo. Art. 63 Tipologia dei controlli I controlli di cui al precedente articolo saranno articolati in controlli a vista del servizio. A titolo esemplificativo si indicano come oggetto di controllo: modalità di stoccaggio nei frigoriferi; temperatura di servizio nei frigoriferi; controllo della data di scadenza dei prodotti; modalità di lavorazione delle derrate; modalità di distribuzione; lavaggio e impiego dei sanificanti; modalità di sgombero rifiuti; verifica del corretto uso degli impianti; caratteristiche dei sanificanti; 16

17 modalità della sanificazione; stato igienico degli impianti e dell'ambiente; stato igienico sanitario del personale addetto; stato igienico dei servizi; organizzazione del personale; controllo dell'organico; professionalità degli addetti; controllo delle quantità delle porzioni, modalità di manipolazione; controllo degli interventi di manutenzione controllo delle attrezzature; controllo del comportamento degli addetti verso gli utenti; controllo dell'abbigliamento di servizio degli addetti; controllo della presentazione dei piatti. Art. 64 Blocco delle derrate I controlli potranno dar luogo al "blocco di derrate": i tecnici incaricati dalla scuola provvederanno a far custodire in un magazzino o in cella frigorifera (se deperibile), ed a apporre un cartellino con la scritta" in attesa di accertamento". La scuola provvederà entro 4 giorni a fare accertare le condizioni igienico e merceologiche dell'alimento e darne tempestiva comunicazione alla Gestione qualora referti diano esito positivo alla Gestione verranno addebitate le spese di analisi. Art. 65 Idoneità sanitaria dei componenti gli organi di controllo I componenti gli organi di controllo dovranno munirsi di Tesserino di Idoneità Sanitaria essi dovranno altresì indossare, in sede di effettuazione dei controlli apposito camice bianco. Art. 66 Metodologia del controllo qualità I tecnici effettueranno i controlli secondo la metodologia che riterranno più idonea. anche con l'ausilio di macchina fotografica, riprese video ed asporto di campioni da sottoporre successivamente ad analisi. Le quantità di derrate prelevate di volta in volta saranno quelle minime e comunque rappresentative della partita oggetto dell'accertamento. Nulla potrà essere richiesto alla scuola per i campioni prelevati. 17

18 Art. 67 Rilievi dei tecnici I tecnici sono tenuti a non muovere nessun rilievo al personale alle dipendenze della Gestione. Il personale della Gestione non deve interferire sulle procedure di controllo dei tecnici incaricati dalla scuola. Art. 68 Contestazioni La scuola farà pervenire alla Gestione eventuali prescrizioni alle quali essa dovrà uniformarsi entro otto giorni, con possibilità entro tale termine di presentare controdeduzioni che, nel caso, interrompono la decorrenza del termine predetto sino a nuova comunicazione. La Gestione è tenuta a fornire giustificazioni scritte, se richieste dalla scuola, in relazione alle contestazioni mosse. Ari. 69 Rilievi alla gestione La scuola farà pervenire alla gestione, per iscritto le osservazioni e le contestazioni rilevate dagli organi di controllo. Se entro otto giorni dalla data della comunicazione, il gestore non fornirà nessuna controprova probante, la scuola applicherà le norme previste dal contratto. TITOLO XV: PENALI Art. 70 Penali La Committente a tutela delle violazioni delle norme contenute nel presente contratto si riserva di applicare le seguenti sanzioni: 50,00 (cinquanta/00) per ogni violazione di quanto stabilito dai menu 50,00 (cinquanta/00) per ogni violazione di quanto previsto dalle tabelle merceologiche 50,00 (cinquanta/00) per ogni caso di mancato rispetto delle grammature, verificato su dieci pesate della stessa preparazione 18

19 50,00 (cinquanta/00) per ogni mancato rispetto delle norme igienico sanitarie, riguardanti la conservazione delle derrate delle pietanze, il riciclo e quant'altro previsto dalle leggi in materia 50,00 (cinquanta/00) per ogni mancato rispetto del piano di sanificazione, pulizia, controllo qualità 50,00 (cinquanta/00) per ogni mancato rispetto delle norme sul personale 50,00 (cinquanta/00) per mancato rilascio dello scontrino fiscale L'applicazione delle sanzioni non impedisce l'applicazione delle norme di risoluzione contrattuale. E la segnalazione agli organi competenti delle violazioni di legge. TITOLO XVI PREZZO E PAGAMENTO DEI PRODOTTI ALIMENTARI Art. 71 Prezzo dei prodotti alimentari L IA deve esporre Il prezzo di tutti i prodotti sia quelli oggetto del presente bando che quelli no I prodotti i cui listini esposti al pubblico prevedono un prezzo consigliato non possono essere venduti ad un prezzo superiore. Art. 72 Pagamenti I pagamenti verranno effettuati dall'utenza al momento del consumo. Art. 73 Richiamo alla legge ed altre norme Per quanto espressamente previsto dal presente atto, si fa richiamo alle disposizioni del Codice Civile, alle Leggi ed ai regolamenti vigenti. TITOLO XVII: RISOLUZIONE DEL CONTRATTO PER INADEMPIMENTO E CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA 19

20 Art. 74 Ipotesi di risoluzione del contratto Le parti convengono che, oltre a quanto è genericamente previsto dall'art del Codice Civile per i casi di inadempimento alle obbligazioni contrattuali, costituiscono motivo per la risoluzione del Contratto per inadempimento, ai sensi dell'art del Codice Civile, le seguenti fattispecie: apertura di una procedura di fallimento a carico della Gestione. cessione dell'attività ad altri; mancata osservanza del divieto di subappalto ed impiego di personale non dipendente della Gestione (salvo deroghe previste); inosservanza delle norme igienico sanitarie; utilizzo di derrate alimentari non previste dal contratto ed allegati relativi; casi di grave intossicazione alimentare; inosservanza delle norme di legge relative al personale dipendente e mancata applicazione dei contratti collettivi; gravi danni prodotti ad impianti ed attrezzature di proprietà della scuola uso diverso dei locali rispetto a quello stabilito dal contratto; non ottemperanza. entro otto giorni, dalle prescrizioni della scuola in conseguenza dei rilievi effettuati dai tecnici e comunicati con le modalità previste del presente contratto; interruzione non motivata del servizio; assenza non giustificata superiore a tre giorni dell'incaricato addetto ai rapporti con la scuola o del coordinatore del servizio ( salvo comprovate cause di forza maggiore) subappalto totale o parziale del servizio Nelle ipotesi sopra indicate, il contratto sarà risolto di diritto con effetto immediato a seguito di comunicazione della scuola, in forma di lettera raccomandata. L'applicazione della risoluzione del contratto non pregiudica la messa in atto, da parte della scuola, di azioni di risarcimento per danni subiti. TITOLO XVIII: ARBITRATO 20

CAPITOLATO D APPALTO relativo alla gestione della mensa interna alla scuola Anni scolastici 2013/2014 2014/2015 2015/2016

CAPITOLATO D APPALTO relativo alla gestione della mensa interna alla scuola Anni scolastici 2013/2014 2014/2015 2015/2016 CAPITOLATO D APPALTO relativo alla gestione della mensa interna alla scuola Anni scolastici 2013/2014 2014/2015 2015/2016 1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA E DISTRIBUZIONE DEI PASTI TITOLO

Dettagli

COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta

COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta 1 Art. 1-Oggetto dell appalto COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Il presente capitolato disciplina l affidamento del servizio

Dettagli

GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona

GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MENSA AZIENDALE ART. 1 - OGGETTO DEL CONTRATTO Servizio a favore dei Dipendenti della Gestione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE A. M A N Z O N I Licei Scienze Umane - Economico Sociale - Linguistico - Musicale

ISTITUTO SUPERIORE STATALE A. M A N Z O N I Licei Scienze Umane - Economico Sociale - Linguistico - Musicale Allegato 1 Capitolato speciale Oneri OGGETTO: Bando Disciplinare di gara per la concessione del servizio di RISTORO/BAR ed erogazione mediante distributori automatici di bevande calde, fredde snack/merende

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO APPALTO VENDITA BEVANDE A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI

SCHEMA DI CONTRATTO APPALTO VENDITA BEVANDE A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI Allegato 2 Ministero dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FOGGIA Corso Garibaldi, 35-71122 Foggia Tel.0881/726301, fax.0881/709072 Cod. Fiscale

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA CHE EFFETTUANO IL TEMPO PROLUNGATO

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Oggetto: Affidamento del servizio di ritiro e recapito diretto della corrispondenza comunale nell ambito del Comune. FOGLIO PATTI E CONDIZIONI Art. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L'appalto ha per oggetto: -il

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Prot. n. 6919/C1 Reg. Contratto n. 626 CigX8B1068866 Carate Brianza, 07/11/2014

Prot. n. 6919/C1 Reg. Contratto n. 626 CigX8B1068866 Carate Brianza, 07/11/2014 Prot. n. 6919/C1 Reg. Contratto n. 626 CigX8B1068866 Carate Brianza, 07/11/2014 CONTRATTO PER LA GESTIONE DI BAR E DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI CIBI E BEVANDE ALL INTERNO DELL ISTITUTO (delibera Consiglio

Dettagli

C A P I T O L A T O ALLEGATO 1 TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DEL SERVIZIO. Articolo 1 Oggetto della gara d appalto

C A P I T O L A T O ALLEGATO 1 TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DEL SERVIZIO. Articolo 1 Oggetto della gara d appalto C A P I T O L A T O ALLEGATO 1 TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DEL SERVIZIO Articolo 1 Oggetto della gara d appalto L oggetto dell appalto è la gestione del servizio di distributori automatici per l erogazione

Dettagli

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente CONVENZIONE Attività di ballo e ginnastica presso i Centri Anziani del Municipio 18 CIG n. 5110477308 Il giorno. del mese di. dell anno 2013 presso la sede del Servizio Sociale del Municipio 18 Roma Aurelio,

Dettagli

Istituto Comprensivo n.5 Bologna

Istituto Comprensivo n.5 Bologna Allegato 1 Capitolato Tecnico Prot. n 5784/F2 Bologna, 23/07/2015 CAPITOLATO TECNICO Art. 1 - Oggetto della gara d'appalto L'appalto ha per oggetto la prestazione del servizio di gestione di distributori

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI

Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI Prot. n. CONTRATTO DI GESTIONE BAR E DISTRIBUTORI AUTOMATICI - SEDI NOVERASCO DI OPERA E ROZZANO Codice identificativo di gara (C.I.G.): ZA60F17064 Con la presente scrittura privata tra le parti: Tra ISTITUTO

Dettagli

C O M U N E D I C O L B O R D O L O P r o v i n c i a d i P e s a r o e U r b i n o

C O M U N E D I C O L B O R D O L O P r o v i n c i a d i P e s a r o e U r b i n o C O M U N E D I C O L B O R D O L O P r o v i n c i a d i P e s a r o e U r b i n o DA SOTTOSCRIVERE IN OGNI PAGINA CON LA DICITURA PER ACCETTAZIONE CAPITOLATO D'ONERI ART. 1 - OGGETTO DEL CONTRATTO Il

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

CITTA DI PIOSSASCO PROVINCIA DI TORINO

CITTA DI PIOSSASCO PROVINCIA DI TORINO CITTA DI PIOSSASCO PROVINCIA DI TORINO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE COLLODI E DEL SERVIZIO DI SPAZIO FAMIGLIA SITUATI IN PIOSSASCO, VIA SAN BERNARDO 13 Periodo

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 I N D I C E ART. 1 - FINALITA ART. 2 - UTENZA ART. 3 - FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ART. 4 - ACCESSO

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA

COMUNE DI BOVA MARINA COMUNE DI BOVA MARINA Prov. Di REGGIO CALABRIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA PASTI CONFEZIONATI PER LA REFEZIONE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO, PRIMARIA E DELL INFANZIA BIENNIO 2014/2016

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze Il presente capitolato d oneri disciplina la concessione d uso

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CONCESSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORO A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI.

CAPITOLATO SPECIALE CONCESSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORO A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI. COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia Via Roma n. 1 27028 San Martino Siccomario C.F. e P.IVA 00466390184 Tel. 0382/496111 Fax 0382/498507 E-mail: info@comune.sanmartino.pv.it www.comune.sanmartino.pv.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA COMUNE di PORTO MANTOVANO REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del 2 Art. 1 - Finalità La Commissione Mensa ha la finalità di favorire la partecipazione,

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

CONVENZIONE TRAMITE SCRITTURA PRIVATA CON FIRME NON AUTENTICATE, TRA L ISTITUTO COMPRENSIVO PIAZZA DE CUPIS ROMA

CONVENZIONE TRAMITE SCRITTURA PRIVATA CON FIRME NON AUTENTICATE, TRA L ISTITUTO COMPRENSIVO PIAZZA DE CUPIS ROMA ALLEGATO C CONVENZIONE TRAMITE SCRITTURA PRIVATA CON FIRME NON AUTENTICATE, TRA L ISTITUTO COMPRENSIVO PIAZZA DE CUPIS ROMA E LA DITTA PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI BEVANDE

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty Schema [contratto gestione bar interno alla scuola] uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui [Selezionare

Dettagli

CONTRATTO DI APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA AZIENDALE. la Ditta... con sede in... via... n... in

CONTRATTO DI APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA AZIENDALE. la Ditta... con sede in... via... n... in Ent 11 CONTRATTO DI APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA AZIENDALE Con la presente scrittura privata tra: la Ditta... con sede in... via... n.... in persona del sig...., committente, Codice fiscale...

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Comune di Villacidro Provincia di Cagliari Servizio Affari Generali,Pubblica Istruzione, Sport e Turismo Tel- 070/93442213 15 fax 070/9316066 e-mail affarigenerali@comune.villacidro.vs.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Centro Direzionale Zona Industriale 85050 TITO SCALO (PZ) Tel.0971/659111 Fax 0971/485881 Sito internet: www.consorzioasipz.it E-mail: asi@consorzioasipz.it

Dettagli

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA Oltre ai controlli già stabiliti dalla Legge rispetto alla normativa igienico sanitaria, le proposte per un controllo sui pasti della refezione scolastica

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "Piero Della Francesca"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Piero Della Francesca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "Piero Della Francesca" Tel. 02/55691311 - Fax. 02/55600411 - C.F. 80129690154 - C.M. MIIS037006 - e-mail: istitutosuperiore@iisdellafra.it Via Martiri di Cefalonia, 46-20097

Dettagli

Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA www.progettoservizi.it - info@progettoservizi.

Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA www.progettoservizi.it - info@progettoservizi. Questo documento è fornito da PROGETTO SERVIZI SRL. Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA www.progettoservizi.it - info@progettoservizi.it Richiedi un preventivo

Dettagli

CONTRATTO DI APPALTO PER SERVIZI DI PULIZIA RECEPTION E RISTORAZIONE IN ITALIA CON DISTACCO DI LAVORATORI ALBANESI

CONTRATTO DI APPALTO PER SERVIZI DI PULIZIA RECEPTION E RISTORAZIONE IN ITALIA CON DISTACCO DI LAVORATORI ALBANESI CONTRATTO DI APPALTO PER SERVIZI DI PULIZIA RECEPTION E RISTORAZIONE IN ITALIA CON DISTACCO DI LAVORATORI ALBANESI Con la presente scrittura privata, avente ogni valore giuridico, TRA - La società (ditta

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport

COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA INDICE 1. Funzioni...2 2. Costituzione e composizione della commissione...2

Dettagli

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Ente Aggiudicatore.

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Ente Aggiudicatore. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI AUTORIMESSA PROVINCIALE RELATIVI AL TRASPORTO DI FUNZIONARI E AMMINISTRATORI PROVINCIALI PER IL PERIODO DAL 1 AGOSTO 2007 AL 31 DICEMBRE 2012

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164 DISCIPLINARE TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, STRADE E CORTILI DELLO STABILIMENTO MILITARE DEL MUNIZIONAMENTO TERRESTRE, BAIANO DI SPOLETO. ARTICOLO 1 Il servizio sarà atto

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LA FORMAZIONE: UN SUPPORTO PER LA COMMISSIONE MENSA Paola Rebufatti LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 TITOLO I MENSA SCOLASTICA Art. 1 Finalità La mensa scolastica è un servizio a domanda individuale

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

Capitolato tecnico per il servizio Gestione BAR / TAVOLA FREDDA e installazione distributori automatici bevande calde fredde e snack

Capitolato tecnico per il servizio Gestione BAR / TAVOLA FREDDA e installazione distributori automatici bevande calde fredde e snack Allegato n. 2 Capitolato tecnico per il servizio Gestione BAR / TAVOLA FREDDA e installazione distributori automatici bevande calde fredde e snack Art. 1 - OGGETTO DEL CONTRATTO Il contratto ha per oggetto

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v.

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v. FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO La scrivente Società intende affidare l incarico per il servizio di carico - trasporto avvio a recupero, presso impianto/i di compostaggio, della frazione

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Comune di Saletto Provincia di Padova --==ooooo== ==ooooo==-- REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 03/08/2009 TITOLO I ISTITUZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

Comune di Caselle Torinese Settore Servizi alla Persona MANUALE PER COMMISSIONI MENSA GUIDA PER I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE MENSA

Comune di Caselle Torinese Settore Servizi alla Persona MANUALE PER COMMISSIONI MENSA GUIDA PER I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE MENSA COS E LA COMMISSIONE MENSA Comune di Caselle Torinese Settore Servizi alla Persona MANUALE PER COMMISSIONI MENSA GUIDA PER I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE MENSA Per consentire un controllo più accurato

Dettagli

Prot. n. 3073/A1 Bari, 24/10/2012

Prot. n. 3073/A1 Bari, 24/10/2012 Prot. n. 3073/A1 Bari, 24/10/2012 All Albo della Scuola Al sito internet della Scuola Oggetto: CIG 465060262C. Gara per la convenzione relativa all installazione e alla gestione dei distributori automatici

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione C.C. n. 63 del 25/11/2002

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione C.C. n. 63 del 25/11/2002 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione C.C. n. 63 del 25/11/2002 In ottemperanza alla normativa vigente e sulla base delle modificazioni fornite dal

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo LOTTO N. 12 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO ALUNNI PER VISITE FUORI COMUNE. IMPORTO DISPONIBILE 27.272,72 oltre IVA (10%) ART. 1) OGGETTO DEL SERVIZIO, DESCRIZIONE

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 1 DISTRETTO DELLA

Dettagli

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1 CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia Servizio Istruzione Regolamento mensa scolastica 1 ART. 1 GESTIONE La mensa scolastica è gestita dal Comune di Travagliato in collaborazione con la Direzione Didattica.

Dettagli

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia Istituto di Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna Sede legale Via Fura, 96 C.F. 98092990179-25125 Brescia Tel. 030.3533151 030.3534893 Fax 030.3546123 e-mail: iabrescia@provincia.brescia.it sito

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR $OOHJDWR³* DOOD'HWHUPLQD]LRQHQƒGHO 3529,1&,$',%5,1',6, &$3,72/$7263(&,$/(' $33$/72 2JJHWWRGHOO DSSDOWR L appalto ha per oggetto i lavori di manutenzione ordinaria, pronto intervento e interventi straordinari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO INDICE Articolo 1 Affidamento del servizio pagina 2 Articolo

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013 Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009 Novembre 2008 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di fornitura gasolio

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CONDIZIONI DI ESECUZIONE ART.

Dettagli

CAPITOLATO DI GARA. n. 2 distributore di merendine, snack preconfezionati monodose e panini imbottiti

CAPITOLATO DI GARA. n. 2 distributore di merendine, snack preconfezionati monodose e panini imbottiti Liceo Scientifico Statale Maria Curie Via dei Rochis, 12 - Pinerolo Tel. 0121-393146 - 393145 - Fax 390175 Email: TOPS070007@istruzione.it C.F. 85003860013 Bando di gara per l affidamento del servizio

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE.

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente: Comune di Volturino SPECIFICHE

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE PROVINCIA DI ROMA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente:

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI LINEE DI INDIRIZZO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI LINEE DI INDIRIZZO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI LINEE DI INDIRIZZO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Indice generale Articolo 1...3 Articolo 2...3 Articolo 3...3 Articolo 4...3 Articolo 5...3 Articolo

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE)

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA' OPERATIVE PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO Allegato 4 al Capitolato di gestione Capitolato di gestione Pagina 1 di 7 SOMMARIO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO Art.1 Oggetto dell accordo a- Le parti stipulano alle condizioni descritte un contratto della durata di un anno per i servizi espressamente scelti dal CLIENTE,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PRESSO IL CENTRO COMUNALE DI PRODUZIONE PASTI DI CHIAZZANO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PRESSO IL CENTRO COMUNALE DI PRODUZIONE PASTI DI CHIAZZANO COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PRESSO IL CENTRO COMUNALE DI PRODUZIONE PASTI DI CHIAZZANO ALLEGATI: a) Caratteristiche merceologiche delle derrate

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento dell incarico esterno di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) anni 2015 2016 ai sensi dell art. 81 del D.Lgs. 81/2008. CIG ZDC1420648 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art.

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLA LUISS GUIDO CARLI 15 AGOSTO 2015 14 AGOSTO 2020

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLA LUISS GUIDO CARLI 15 AGOSTO 2015 14 AGOSTO 2020 CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLA LUISS GUIDO CARLI 15 AGOSTO 2015 14 AGOSTO 2020 Indice Premessa... 6 TITOLO I: DEFINIZIONI E OGGETTO E DURATA DEL CONTRATTO... 8 Art.

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA

PROVINCIA DI COSENZA PROVINCIA DI COSENZA Settore Politiche Culturali - Pubblica Istruzione Regolamento per la concessione di spazi per l installazione di punti ristoro (bouvette) e/o distributori automatici di bevande ed

Dettagli

LICEO STATALE LEONARDO GIARRE (CT)

LICEO STATALE LEONARDO GIARRE (CT) LICEO STATALE LEONARDO GIARRE (CT) Liceo scientifico e liceo linguistico Via Veneto 91 95014 Giarre (CT) Tel: 095-7794755 Fax: 095-7794756 E-mail: liceo.leonardo@tiscali.it Codice Ministeriale : CTPS05000X

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIA STATALI DEL COMUNE DI BASSANO ROMANO AA.SS. 2012/2013 2013/2014

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIA STATALI DEL COMUNE DI BASSANO ROMANO AA.SS. 2012/2013 2013/2014 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIA STATALI DEL COMUNE DI BASSANO ROMANO AA.SS. 2012/2013 2013/2014 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2... DURATA

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo LOTTO N. 10 Capitolato speciale per la fornitura del SERVIZIO DI NOLEGGIO IMPIANTI DI AMPLIFICAZIONE ED ILLUMINOTECNICA. IMPORTO COMPLESSIVO DELLA FORNITURA 19.166,67 OLTRE I.V.A ART. 1) Questa Amministrazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Approvato con Deliberazione C.C. n. 47 del 20/07/2004 Modificato con Deliberazione C.C. n. 68 del 16/12/2013 PREMESSA Il Servizio

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 22 dell 8/10/2013 1 INDICE TITOLO I CONTENUTI E FINALITA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA CITTA DI TRAVAGLIATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli