Art. 1 Principi e riferimenti normativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1 Principi e riferimenti normativi"

Transcript

1 Provvedimento Dirigenziale Rep. 3649/2012 Protocollo n del 21/12/2012 OGGETTO: Emanazione delle linee guida riportanti i criteri per la definizione delle indennità di responsabilità ALLEGATO 2) Criteri per la definizione delle indennità di responsabilità per il personale di categoria B, C, D, ex art. 91 e di categoria EP ex art. 75 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Art. 1 Principi e riferimenti normativi L istituto contrattuale degli incarichi di responsabilità al personale tecnico amministrativo si ispira a principi di integrazione dei servizi, equità retributiva e trasparenza nella determinazione dei ruoli organizzativi e funzioni specialistiche e ai più generali principi di buon andamento, efficienza, efficacia ed economicità delle azioni amministrative. L applicazione dell istituto contrattuale costituisce per l Ateneo di Bologna un occasione per la valorizzazione del proprio personale poiché si collega organicamente ad altri istituti come quello della valutazione dei risultati, della mobilità interna e della formazione. È, inoltre, uno strumento attraverso cui perseguire il miglioramento dell organizzazione del lavoro nel rispetto delle esigenze di specializzazione, ma anche di maggior coordinamento tra attività e obiettivi da perseguire nelle diverse Strutture di Ateneo; ciò anche uniformandosi ai relativi atti di regolamentazione in materia di organizzazione degli uffici e dei poteri e prerogative propri del Direttore Generale. L istituto, più in particolare, fornisce i criteri e le regole per il riconoscimento delle responsabilità particolarmente qualificate in linea con i relativi gradi di autonomia e responsabilità propri della categoria di inquadramento contrattuale. Gli incarichi di responsabilità, le posizioni organizzative e le funzioni specialistiche per il personale tecnico amministrativo vengono individuati anche in coerenza con: a) le indicazioni contenute nel Decreto Legislativo n. 165 del 2001 così come modificato dal D. Lgs n. 150/2009, ed in particolare l articolo 4 co. 2 e l articolo 5 co. 2; b) le indicazioni contenute nel Codice di comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, come da allegato 2 del CCNL ; c) le indicazioni contenute nella L. 240/2010, nello specifico l art. 2 co. 1 lettera O, relative alle attribuzioni al Direttore Generale, sulla base degli indirizzi forniti dal Consiglio di Amministrazione, della complessiva gestione e organizzazione di servizi, delle risorse strumentali e del personale tecnico amministrativo; d) lo Statuto di Ateneo, con particolare riferimento alle prerogative attribuite al Direttore Generale definite dall articolo 10 co. 1 e co. 2 ed alle attività di indirizzo, direzione e controllo nei confronti dei dirigenti e del personale tecnico amministrativo e alle disposizioni in materia di organizzazione definite nell art. 31; e) le linee guida in materia di mobilità interna ed esterna del personale tecnico amministrativo, entrate in vigore con Disposizione del Direttore Generale Rep. n. 2431/2012 Prot. n del 06/09/2012; f) la disciplina dell istituto del part-time, contenuta nella L. 133/2008 e integrata nel c.d. collegato lavoro L. 183/2010; g) il nuovo modello di organizzazione dei servizi a supporto della didattica e dei servizi agli studenti approvato dal Senato Accademico in data ; h) il regolamento di funzionamento dei dipartimenti, emanato con Decreto Rettorale Rep. n. 371/2012 Prot. n del ; 1

2 i) il regolamento di funzionamento delle scuole, emanato con Decreto Rettorale Rep. n. 743/2012 del ; j) il regolamento di Ateneo riguardante le modalità di gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti emanato con Decreto Rettorale n. 475/2011 del ; k) i compiti e le attività connesse alle indicazioni contenute nelle diverse fonti regolamentari di Ateneo per quanto concerne i servizi tecnici e amministrativi; l) le indicazioni contenute nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 di attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; m) la conferma della ricerca di soluzioni gestionali e organizzative tese al consolidamento della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro; n) l attribuzione di incarichi di responsabilità e la relativa conferma da collegare a principi più ampi di mobilità del personale e valorizzazione di esperienze e competenze; o) l importanza crescente che assume la qualità dei servizi e la certificazione degli stessi nell ambito delle attività didattiche, di ricerca e delle connesse attività amministrative a supporto. Art. 2 Ambito di applicazione e decorrenza 1. Il presente documento si applica al personale di categoria B, C e D titolare di incarico ai sensi dell art. 91 co. 1 del CCNL del , al personale di categoria D titolare di incarico ai sensi dell art. 91 co. 3 del CCNL del e al personale di categoria EP titolare di incarico ai sensi dell art. 75 del CCNL del Gli effetti giuridici ed economici delle disposizioni contenute nel presente documento decorreranno dal , fatta eccezione: a. per le responsabilità sulle nuove strutture di didattica e di ricerca (responsabile amministrativo e responsabile gestionale di vicepresidenza) formalizzate dagli organi accademici e già individuate dal Direttore Generale, per le quali la decorrenza dell incarico coincide con la data di attivazione delle strutture stesse; b. per le responsabilità in ambito bibliotecario, che verranno allineate al regolamento del sistema bibliotecario in corso di definizione. Le responsabilità su biblioteche dipartimentali parificate al secondo livello che confluiranno in modelli consorziati o integrati sono confermate nel medesimo livello di indennità. 3. I contenuti del presente documento potranno essere aggiornati in coerenza con i cambiamenti organizzativi e della possibilità di riconoscere nuove professionalità e saranno oggetto di confronto dopo un periodo di 24 mesi dall entrata in vigore dei seguenti criteri. 4. L Amministrazione provvederà a dare adeguata pubblicità a quanto emergerà in sede di formalizzazione degli incarichi attraverso l aggiornamento degli organigrammi delle Strutture di ricerca, di didattica e di servizio. 2

3 SEZIONE 1 - INCARICHI EX ART. 91 COMMA 1 CCNL CTG. B, C, D Art. 3 Individuazione delle responsabilità e formalizzazione 1. L individuazione dei titolari di posizione organizzativa di terzo livello deve tenere conto della presenza di conoscenze e capacità coerenti con il profilo da ricoprire. Inoltre, nel rispetto delle procedure di Ateneo, i titolari possono essere individuati anche attraverso forme di mobilità collegate all attribuzione di posizioni di responsabilità da realizzare attraverso percorsi di accertamento delle competenze funzionali a definire bacini di riferimento da cui attingere, così come previsto dalle vigenti linee guida in materia di mobilità interna ed esterna. 2. L individuazione e la formalizzazione dei responsabili di posizione organizzativa: a. per le aree dirigenziali sono di competenza del dirigente a capo dell area con proprio atto, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista; b. per l attribuzione della posizione di funzione specialistica di cui all art. 5. co. 1 sub lettera g è previsto formale accordo del Direttore Generale; c. per le responsabilità sui Plessi (logistici ed informatici di cui all art. 5 co. 1 sub. 1.2 lettere d ed e) sono di competenza del dirigente dell area di riferimento; d. per le altre Strutture di Ateneo l individuazione è proposta dai responsabili al Direttore Generale in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista, ed è formalizzata con atto scritto del Direttore Generale o suo delegato. 3. Per l affidamento di posizione organizzativa a personale con rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (part-time) il Responsabile di Struttura valuta la compatibilità di tale regime con le responsabilità e i compiti da affidare al fine di assicurare il buon andamento, l efficacia e l efficienza nella gestione dei servizi. Ciò sia nel caso di individuazione di un titolare di posizione organizzativa già in regime di part-time che nel caso di richiesta di trasformazione del proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. 4. Non è prevista l individuazione di un ulteriore titolare di posizione organizzativa per responsabilità già affidate a coloro che usufruiscono di rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (es. part-time verticale). Art. 4 Durata e revoca delle responsabilità conferite 1. Le responsabilità su posizioni organizzative sono conferite di norma per un triennio, fatto salvo diversa durata legata a specifiche e motivate esigenze organizzative e ad eccezione delle funzioni specialistiche individuate dalla Direzione Generale di cui all art. 5 co. 1, sub 1.1 lettera g del presente documento. 2. Alla scadenza dell incarico l Amministrazione verifica con il responsabile di struttura la conferma del titolare della posizione organizzativa e la presenza dei requisiti minimi per il riconoscimento. 3. Le responsabilità su posizioni organizzative cessano di essere riconosciute in caso di mutamento organizzativo o nei casi previsti dal comma 2 del presente articolo. 4. La revoca o la cessazione della responsabilità su posizione organizzativa comportano la revoca della connessa retribuzione accessoria, come previsto dall art. 91 co. 8 CCNL Alla scadenza gli uffici competenti forniscono le opportune comunicazioni ai responsabili ed al titolare sia in caso di rinnovo che in caso di revoca delle responsabilità attribuite. Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 3

4 Art. 5 Tipologia di responsabilità riconosciute 1. L Amministrazione individua: 1.1. Responsabilità amministrativo gestionali e specialistiche a. Responsabile di ufficio dell Amministrazione Generale b. Vice responsabile di settore dell Amministrazione Generale c. Responsabile di supporto ai servizi amministrativi di Dipartimento (vice) d. Responsabile di supporto ai servizi di vicepresidenza (vice) e. Responsabile di ufficio di vicepresidenza f. Responsabile di ufficio di dipartimento di area medica, a presidio di peculiari processi g. Funzione specialistica individuata per un periodo di tempo definito dalla Direzione Generale a presidio dei specifici progetti di innovazione e miglioramento dei servizi anche delle strutture di didattica e di ricerca aventi o carattere di temporaneità e riconducibili principalmente agli obiettivi e ai relativi indicatori previsti all interno del Piano della Performance o a presidio di specifici adempimenti normativi di media complessità. h. Ufficiale rogante Responsabilità tecniche gestionali a. Coordinatore tecnico pratico di tirocinio dei corsi di studio sanitari b. Funzione specialistica a supporto della ricerca e/o della didattica c. Responsabile di servizi generali di orientamento informativo e di accesso a strutture di Ateneo d. Responsabile di plesso e. Responsabile informatico di plesso f. Responsabile tecnico di unità di laboratorio a supporto della didattica e/o della ricerca g. Responsabile tecnico del Nuter Funzioni di responsabilità tecniche a. Responsabile di unità locale ai sensi del regolamento di smaltimento dei rifiuti b. Responsabile Assicurazione Qualità RAQ c. Addetto locale. 2. Le responsabilità in ambito bibliotecario rimangono quelle previste dall accordo sui criteri per la definizione delle indennità di responsabilità per il personale di categoria B, C e D art. 63 del CCNL del (recepito dall art. 91 del CCNL ) elencate nell allegato 4, nelle more dell approvazione del nuovo regolamento del sistema bibliotecario. Art. 6 Dimensioni minime per il riconoscimento della posizione di responsabilità 1. Sono definite dimensioni minime che danno luogo al riconoscimento della posizione di responsabilità come indicato nei successivi commi Responsabilità amministrativo gestionali e specialistiche a. Responsabile di ufficio dell Amministrazione Generale. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di due unità di personale da coordinare o gestire in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza; b. Vice-responsabile di settore nell Amministrazione Generale. Requisiti minimi: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. D in presenza di un settore non articolato internamente in uffici, costituito da almeno 5 unità di personale; Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 4

5 c. Responsabile di supporto ai servizi amministrativi di Dipartimento (vice): la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. D in presenza di almeno 5 unità di personale all interno della filiera amministrativa; d. Responsabile di supporto ai servizi di vicepresidenza (vice): la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. D in presenza di almeno 5 unità di personale all interno della vicepresidenza non articolata in uffici; e. Responsabile di ufficio di vicepresidenza. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di 2 unità di personale da coordinare o gestire, in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza; f. Responsabile di ufficio di dipartimento di area medica, per il presidio di processi peculiari. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di 2 unità di personale da coordinare o gestire, in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza; g. Funzioni specialistiche individuate specificatamente dalla Direzione Generale. Requisiti minimi: parere favorevole del Direttore Generale; h. Ufficiale rogante nominato sulla base delle disposizioni vigenti con provvedimento del Direttore Generale; 1.2. Responsabilità tecniche a. Coordinatore di attività tecnico pratiche di tirocinio dei corsi di laurea e laurea magistrale delle professioni sanitarie: deve essere nominato dal Consiglio di corso di studio ed approvato dal Consiglio della Scuola di Medicina e Chirurgia. b. Funzione specialistica a supporto della ricerca e/o della didattica: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D in presenza di entrambi i requisiti minimi previsti all allegato 1, parte integrante del presente documento; c. Responsabile di servizi generali di orientamento informativo e di accesso a strutture di Ateneo. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di 2 unità di personale strutturate da coordinare o gestire; d. Responsabile di plesso: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D. Requisiti minimi: nomina del Direttore Generale o suo delegato su Plesso collocato nella seconda fascia di complessità nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come l estensione della superficie, il numero delle strutture presenti e la destinazione d uso (cfr. allegato 1); e. Responsabile informatico di plesso: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D. Requisiti minimi: Plesso Informatico identificato di media complessità nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come la condivisione di infrastrutture di rete e servizi sistemistici affini, la necessità di supporto tecnico informatico di base e la dislocazione territoriale (cfr. allegato 1); f. Responsabile tecnico di unità di laboratorio a supporto della didattica e/o della ricerca: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D in presenza di entrambi i requisiti minimi previsti all allegato 1, parte integrante del presente documento; g. Responsabile del Nucleo Tecnico Rifiuti individuato dal Presidente del Servizio di Medicina del Lavoro, Prevenzione e Protezione, Fisica Sanitaria ai sensi del Regolamento di Ateneo riguardante le modalità di gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti Funzioni di responsabilità tecniche a. Responsabile di unità locale ai sensi del regolamento rifiuti: essere nominato formalmente ai sensi del regolamento di Ateneo riguardante le modalità di gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti come responsabili di una Unità locale con uno smaltimento medio di rifiuti pari o superiore al 2% del totale Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 5

6 dei rifiuti smaltiti dal Nu.Te.R. (calcolati su base triennale); il ruolo di delegato alle operazioni, come previsto dal regolamento in materia, trova eventuale disciplina nell ambito del fondo per il trattamento accessorio (FORD); b. Responsabile Assicurazione Qualità RAQ: nomina formale come Responsabile Assicuratore Qualità nelle strutture che hanno già ottenuto la certificazione di qualità; c. Addetto Locale: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D con nomina formale dal Responsabile della Struttura per il raccordo con il Servizio di Prevenzione e Protezione (cfr. allegato 1); Art. 7 Indennità di responsabilità ex art. 91 comma 1 CCNL L Amministrazione individua una fascia di indennità (fascia unica) per le responsabilità attribuite ex art. 91 co. 1 CCNL ad eccezione delle responsabilità d ufficio dell Amministrazione Generale per le quali sono definite due fasce (fascia unica e fascia alta). 2. Il sistema di individuazione degli importi delle indennità di responsabilità in corrispondenza delle fasce individuate è definito dal Contratto Collettivo Integrativo di Lavoro nel limite delle somme destinate dal Fondo al finanziamento dell istituto ex art. 87 CCNL Per le responsabilità di ufficio dell Amministrazione Generale, la fascia di indennità viene determinata sulla base di dimensioni che caratterizzano la complessità gestionale della struttura gestita e che danno luogo ad un indicatore sintetico che si esprime da un minimo di 9 punti a un massimo di 30, come di seguito definito: Dimensioni Scala Punteggio N. di personale coordinato direttamente (media del triennio) Pari a 2 3 Da 3 a 6 6 Oltre 6 10 Prevalentemente interna all Area 3 Utenza di riferimento Variabilità delle attività gestite Interna ed esterna all Area 6 Prevalentemente esterna all Area 10 Bassa (attività ripetitive e bassa variabilità dei problemi trattati) Media (attività parzialmente ripetitive e media variabilità dei problemi trattati) Alta (attività prevalentemente diversificate ed alta variabilità dei problemi trattati) Le responsabilità con punteggio da 9 a 19 sono collocate in fascia unica; le responsabilità con punteggio complessivo oltre 19 sono collocate in fascia alta. Art. 8 Affidamento di ulteriori responsabilità 1. Il personale, di norma, è titolare di una sola posizione organizzativa. Nel caso in cui si renda necessario conferirne una ulteriore, rispetto a quella già in essere, verrà corrisposta una indennità aggiuntiva rispetto alla retribuzione della posizione già in essere definita nella misura del 30%. Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 6

7 2. E possibile prevedere responsabili ad interim per un periodo non superiore ai 12 mesi. Gli incarichi ad interim possono essere attribuiti per il tempo necessario ad espletare le procedure di individuazione del responsabile. 3. Le responsabilità aggiuntive su unità permanenti di natura gestionale (es. responsabile di ufficio e di settore dell Amministrazione Generale, responsabili di biblioteca, ecc) di norma possono essere attribuite per un periodo non superiore a 18 mesi. Art. 9 Sostituzione di personale titolare di incarico 1. Nel caso di assenze con diritto alla conservazione del posto diverse dall assenza per ferie (es. maternità, malattie ecc) per periodi superiori ad un mese, è possibile conferire l incarico al sostituto fino al rientro in servizio del titolare. 2. L assenza per ferie è equiparata alla presenza in servizio, pertanto non è prevista sostituzione del titolare. 3. Non è prevista la corresponsione dell indennità per sostituzioni del titolare per periodi inferiori o uguali al mese. Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 7

8 SEZIONE 2 - INCARICHI EX ART. 91 COMMA 3 CCNL CTG. D Art. 10 Individuazione delle responsabilità e conferimento di incarico 1. L individuazione dei titolari di posizione organizzativa di secondo livello deve tenere conto della presenza di conoscenze e capacità coerenti con il profilo da ricoprire. Inoltre, nel rispetto delle procedure di Ateneo, i titolari possono essere individuati anche attraverso forme di mobilità collegate all attribuzione di posizioni di responsabilità, da realizzare anche attraverso percorsi di accertamento delle competenze funzionali a definire bacini di riferimento da cui attingere, così come previsto dalle vigenti linee guida in materia di mobilità interna ed esterna. 2. L individuazione e la formalizzazione dei responsabili di posizione organizzativa: a. per le aree dirigenziali sono di competenza del dirigente a capo dell area con proprio atto, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista; b. per le responsabilità amministrative gestionali nelle scuole e vicepresidenze e nei dipartimenti, sono di competenza del Direttore Generale o del dirigente delegato; c. per le responsabilità su Plessi (logistici ed informatici di cui all art. 12 co. 2 sub. 2.3 lettere b e c) sono di competenza del dirigente dell area di riferimento; d. per le altre Strutture di Ateneo l individuazione è proposta dai responsabili apicali al Direttore Generale che ha la competenza per la formalizzazione, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista dalla regolamentazione in materia e anche come esito finale nel caso di procedura di accertamento delle competenze o bandi di mobilità. 3. Tutte le responsabilità di secondo livello nelle strutture di ricerca e di didattica sono ricoperte attraverso specifici bandi o percorsi di accertamento delle competenze di cui al co. 1, ad esclusione, in prima applicazione, delle responsabilità tecniche di laboratorio e specialistiche. 4. L incarico viene conferito con atto del Direttore Generale o suo delegato sulla base del provvedimento di individuazione del titolare per le aree dirigenziali, sulla base della proposta dei responsabili di struttura o in base all esito delle forme di mobilità previste. 5. L atto di conferimento dell incarico contiene: la definizione dell incarico, la dipendenza gerarchica e/o funzionale, le principali attività e le connesse responsabilità, le principali competenze necessarie (conoscenze e capacità), la durata e la fascia di indennità in cui è collocato. 6. Per l affidamento di incarichi a personale con rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (part-time) il Responsabile di Struttura valuta la compatibilità di tale regime con le responsabilità e i compiti connessi all incarico da affidare al fine di assicurare il buon andamento, l efficacia e l efficienza nella gestione dei servizi. Ciò sia nel caso di individuazione di un titolare di posizione organizzativa già in regime di part-time che nel caso di richiesta di trasformazione del proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. 7. Non è prevista l individuazione di un ulteriore titolare di incarico per responsabilità già affidate a coloro che usufruiscono di rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (es. part-time verticale). Art.11 Durata e revoca degli incarichi conferiti 1. Gli incarichi di responsabilità sono conferiti di norma per un triennio, fatto salvo diversa durata legata a specifici Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 8

9 progetti o particolari esigenze organizzative. 2. Alla scadenza dell incarico l Amministrazione verificherà con il responsabile di struttura la conferma del titolare dell incarico di responsabilità e la presenza dei requisiti minimi per il riconoscimento. 3. L incarico di responsabilità cessa di essere riconosciuto in caso di mutamento organizzativo o nei casi previsti dal co. 2 del presente articolo. 4. La revoca o la cessazione dell incarico comportano la revoca della connessa retribuzione accessoria come previsto dall art. 91 co. 8 CCNL Alla scadenza dell incarico gli uffici competenti forniscono le opportune comunicazioni ai responsabili ed al titolare, sia in caso di rinnovo sia in caso di revoca. Art. 12 Tipologia di posizioni organizzative riconosciute 1. L Amministrazione individua e riconosce specifici e qualificati incarichi di tipo gestionale e specialistico. 2. Gli incarichi di tipo gestionale sono riconducibili alle seguenti responsabilità: 2.1. Responsabilità amministrativo gestionali a. Responsabile di settore nell Amministrazione Generale b. Responsabile gestionale di vicepresidenza c. Coordinatore gestionale di Scuola d. Responsabile amministrativo di Dipartimento e. Responsabile amministrativo gestionale di altra struttura f. Segretario amministrativo di centro interdipartimentale o altra struttura con autonomia di bilancio. Nelle more della riorganizzazione delle strutture ai sensi dell art. 25 dello Statuto di Ateneo è confermata la posizione di segretario amministrativo di struttura con autonomia di bilancio Responsabilità amministrativo specialistiche a. Responsabile di progetto/unità di progetto di rilevanza strategica d Ateneo (project manager) b. Responsabile di funzione/unità professionale c. Responsabile processo/unità di processo d. Responsabile di unità di standardizzazione e. Responsabile di filiera di servizio nei dipartimenti (es. valorizzazione della ricerca in raccordo con l Area della Ricerca con particolare riguardo ai servizi specifici di supporto con figure professionali specializzate per le attività di gestione e rendicontazione presso il Dipartimento, rapporti con l esterno per comunicazione e fundraising, post laurea e dottorato di ricerca per la parte di competenza interna, ecc) Responsabilità tecnico-gestionali a. Coordinatore gestionale dei laboratori di Dipartimento. All interno della singola struttura di ricerca è possibile riconoscere più di un coordinatore gestionale dei laboratori in presenza di filoni scientificodisciplinari chiaramente distinguibili b. Responsabile di plesso ad alta complessità c. Responsabile informatico di plesso ad alta complessità. 3. Le responsabilità in ambito bibliotecario rimangono quelle previste dal precedente protocollo sui criteri per la definizione delle indennità di responsabilità per il personale di categoria B, C e D art. 63 del CCNL del Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 9

10 (recepito dall art. 91 del CCNL ) elencate nell allegato 4, nelle more dell approvazione del nuovo regolamento del sistema bibliotecario. Art. 13 Dimensioni minime per il riconoscimento dell indennità 1. Sono definite dimensioni minime che danno luogo al riconoscimento delle seguenti posizioni di responsabilità: 1.1. Responsabilità amministrativo gestionali Responsabile di settore nell Amministrazione Generale. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di quattro unità di personale da coordinare o gestire in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza laddove presente la figura del vice responsabile Responsabilità amministrativo specialistiche Responsabile di filiera di servizio nei dipartimenti (es. valorizzazione della ricerca in raccordo con l Area della Ricerca con particolare riguardo ai servizi specifici di supporto con figure professionali specializzate per le attività di gestione e rendicontazione presso il Dipartimento, rapporti con l esterno per comunicazione e fundraising, post laurea e dottorato di ricerca per la parte di competenza interna, etc). Tale responsabilità è affidata e valutata, nel primo caso, in base all individuazione da parte dell Area della Ricerca su indicatori quali numero di progetti europei vinti sia come partner che come coordinatore, numero di iniziative in cui il Dipartimento è coinvolto, in relazione ai docenti responsabili afferenti, numero di interazioni, anche contabili, con altri Dipartimenti o relativi ai progetti di cui sopra Responsabilità tecnico-gestionali Coordinatore gestionale dei laboratori di Dipartimento: Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di quattro unità di personale da coordinare o gestire in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza Responsabile di plesso ad alta complessità. Requisiti minimi: individuato in Plesso collocato nella prima fascia di complessità in ragione della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come l estensione della superficie, il numero delle strutture presenti e la destinazione d uso e tenendo conto di specifici fattori contingenti riguardanti il particolare stato di conservazione dell immobile Responsabile informatico di plesso ad alta complessità. Requisiti minimi: individuato in Plesso Informatico identificato ad alta complessità nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come la condivisione di infrastrutture di rete e servizi sistemistici affini, la necessità di supporto tecnico informatico di base e la dislocazione territoriale. Art. 14 Sistema di graduazione delle indennità di responsabilità per gli incarichi 1. Ai fini della collocazione delle posizioni di responsabilità nella relativa fascia di indennità, si individua un sistema che tiene conto del livello di responsabilità, della complessità delle competenze attribuite, della specializzazione richiesta dai compiti affidati e delle caratteristiche innovative della professionalità richiesta. Il sistema prevede una graduazione in due fasce (fascia 1: alta, fascia 2: bassa) sulla base di dimensioni caratteristiche per ogni tipologia di posizione organizzativa riconosciuta come da allegato 2, parte integrante del presente documento. Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 10

11 2. Il sistema di individuazione degli importi delle indennità di responsabilità in corrispondenza delle fasce individuate è definito dal Contratto Collettivo Integrativo di Lavoro nel limite delle somme destinate dal Fondo al finanziamento dell istituto ex art. 87 CCNL Gli uffici preposti dell Amministrazione curano la ricognizione degli indicatori utili per la determinazione dell indennità di responsabilità al momento dell individuazione del titolare della posizione organizzativa con validità triennale, fatto salvo segnalazioni, da parte del responsabile, di sostanziali modifiche organizzative che possano incidere sulla collocazione nelle fasce della posizione di responsabilità. Art. 15 Affidamento di ulteriori responsabilità 1. Il personale di norma è titolare di un solo incarico di responsabilità. Nel caso in cui si renda necessario conferire un incarico ulteriore, rispetto all incarico prevalente già in essere, verrà corrisposta una indennità aggiuntiva definita nella misura del 30% rispetto alla retribuzione dell incarico già in essere. La somma totale corrisposta non può essere comunque superiore al massimo previsto dall art. 91 co. 4 CCNL Per l incarico di responsabile amministrativo gestionale, in caso di ulteriore responsabilità in strutture con autonomia di bilancio che abbiano un valore delle entrate (riferite alla media del triennio) inferiore a , l indennità aggiuntiva è definita nella misura del 15%. 3. E possibile prevedere responsabili ad interim per un periodo non superiore ai 12 mesi. Gli incarichi ad interim possono essere attribuiti per il tempo necessario ad espletare le procedure di individuazione del responsabile. 4. Le responsabilità aggiuntive su unità permanenti di natura gestionale (es. responsabile di ufficio e di settore dell Amministrazione Generale, responsabili di biblioteca, ecc) di norma possono essere attribuite per un periodo non superiore a 18 mesi. 5. Non sono previste ulteriori indennità qualora alla responsabilità in essere venga aggiunta una responsabilità su posizioni di livello gerarchicamente subordinato alla stessa (es. settore ufficio dello stesso settore). 6. Qualora alla responsabilità in essere (ex art. 91 co. 3 CCNL ) venga aggiunta una responsabilità individuata ai sensi dell art. 91 co. 1 CCNL ma non subordinata (es. responsabile di settore - ufficiale rogante; responsabile di plesso complesso addetto locale) verrà corrisposta una indennità aggiuntiva definita nella misura del 15% rispetto alla retribuzione dell incarico già in essere. Art. 16 Sostituzione di personale titolare di incarico 1. Nel caso di assenza con diritto alla conservazione del posto, diversa da quella per ferie, (es. maternità, malattie ecc) per periodi superiori ad un mese, è possibile conferire l incarico al sostituto fino al rientro in servizio del titolare. 2. L assenza per ferie è equiparata alla presenza in servizio, pertanto non è prevista sostituzione del titolare. 3. Non è prevista la corresponsione dell indennità per sostituzioni del titolare per periodi inferiori o uguali al mese. Art. 17 Valutazione dei risultati 1. Il titolare di incarico, così come previsto dall art. 91 co. 4 CCNL , viene valutato annualmente sulla Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 11

12 base dei criteri e delle modalità adottate dal Sistema di Valutazione dei risultati del personale tecnico amministrativo in essere. Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 12

13 SEZIONE 3 - INCARICHI EX ART. 75 CCNL CTG. EP Art. 18 Individuazione dei responsabili e conferimento di incarico 1. L individuazione dei titolari di incarico avviene nel rispetto delle procedure di Ateneo; i titolari di incarico possono essere individuati anche attraverso forme di mobilità collegate all attribuzione di posizioni di responsabilità anche da realizzare attraverso percorsi di accertamento delle competenze funzionali a definire bacini di riferimento da cui attingere, così come previsto dalle vigenti linee guida in materia di mobilità interna ed esterna. 2. L individuazione dei responsabili di posizioni organizzative: a. per le aree dirigenziali è formalizzata dal dirigente a capo dell area con proprio atto, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista; b. per le responsabilità su Plessi (logistici ed informatici di cui all art. 20 co. 3 sub. 3.2 e 3.3) è formalizzata dal dirigente dell area di riferimento; c. per le altre Strutture di Ateneo è proposta dai responsabili al Direttore Generale, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista e anche come esito finale nel caso di procedura di accertamento delle competenze o bandi di mobilità. Per le responsabilità amministrative gestionali nelle Scuole e Vicepresidenze e nei Dipartimenti, l individuazione è del Direttore Generale o del dirigente delegato. 3. Tutte le responsabilità di secondo livello nelle strutture di ricerca e di didattica sono ricoperte attraverso specifici bandi o percorsi di accertamento delle competenze di cui al co. 1, ad esclusione, in prima applicazione, delle responsabilità tecniche di laboratorio e specialistiche. 4. L incarico viene conferito con atto del Direttore Generale, o suo delegato, sulla base del provvedimento di individuazione del titolare per le aree dirigenziali, sulla base della proposta dei responsabili o in base all esito delle forme di mobilità previste. 5. L atto di conferimento dell incarico contiene: la definizione del ruolo, la collocazione all interno dell organigramma di Ateneo, la dipendenza gerarchica e/o funzionale, le principali attività e le connesse responsabilità, le principali competenze necessarie (conoscenze e capacità), la durata e la fascia di indennità. 6. Per il conferimento dell incarico l Amministrazione procede nel rispetto di quanto indicato nel art. 75 co. 3 CCNL Per l affidamento di incarichi a personale con rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (part-time) il Responsabile di Struttura valuta la compatibilità di tale regime con le responsabilità e i compiti connessi all incarico da affidare al fine di assicurare il buon andamento, l efficacia e l efficienza nella gestione dei servizi. Ciò sia nel caso di individuazione di un titolare di posizione organizzativa già in regime di part-time che nel caso di richiesta di trasformazione del proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. 8. Non è prevista l individuazione di un ulteriore titolare di incarico per espletare le responsabilità già affidate a coloro che usufruiscono di rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (es. part-time verticale). Art. 19 Revoca e mutamento dell incarico Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 13

14 1. L incarico può essere revocato con atto scritto e motivato del Direttore Generale (o del dirigente delegato) prima della scadenza nei casi previsti dal CCNL vigente ovvero in relazione a intervenuti mutamenti organizzativi, in conseguenza di specifico accertamento di risultati negativi (art. 75 co. 4 e co. 5 CCNL ), per motivi disciplinari (art. 76 co. 3 CCNL ). L incarico può essere revocato anche su richiesta del dipendente (art. 76 co. 3 CCNL ) tenuto conto delle specifiche esigenze organizzative. 2. Il mutamento dell incarico comporta l attribuzione di un altro equivalente in termini economici, intendendo con ciò l attribuzione di un indennità di posizione variabile in meno, di norma, non oltre il 10% del valore dell indennità di posizione di partenza, fatto salvo il caso di revoca dell incarico per motivi disciplinari o su richiesta del dipendente (art. 76 co. 3 CCNL ). L attribuzione dell indennità di posizione variabile in meno di non oltre il 10% ha durata pari alla scadenza prevista per l incarico revocato. Art. 20 Tipologia di responsabilità riconosciute 1. L Amministrazione individua e riconosce incarichi con particolare riferimento a ruoli gestionali (amministrativi, tecnico-scientifiche e di biblioteca) e responsabilità specialistiche al personale di categoria EP così come previsto dall art. 75 del CCNL del Ruoli amministrativo gestionali: 2.1. Responsabile di settore (quale unità di secondo livello a presidio di una articolazione funzionale della struttura organizzativa) nelle aree dell Amministrazione Generale. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali: personale coordinato (strutturato e non strutturato); livelli organizzativi gerarchicamente subordinati; indicatori di complessità definiti da: bacino di utenza dei servizi forniti e/o eterogeneità delle strutture servite in ragione della funzione presidiata e/o valore economico di riferimento gestito (diretto o indiretto) Responsabile gestionale di vicepresidenza. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali: personale coordinato direttamente, numero di corsi attivati e presenza di corsi internazionali Coordinatore gestionale di Scuola. Il ruolo di Coordinatore gestionale di Scuola è attribuito come incarico ulteriore tra i responsabili gestionali di vicepresidenza della Scuola stessa. Nelle scuole che non si articolano in più vicepresidenze le responsabilità del coordinatore rientrano tra quelle del responsabile gestionale di vicepresidenza, ad eccezione di quelle relative al coordinamento degli altri responsabili gestionali di vicepresidenza e il ruolo non rappresenta un incarico ulteriore Responsabile amministrativo di Dipartimento - Coordinatore gestionale. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali totale delle entrate (comprese entrate proprie); personale che fa riferimento alla Struttura (es. personale tecnico amministrativo complessivo, assegnisti di ricerca, docenti e ricercatori) e personale coordinato direttamente Responsabile amministrativo gestionale di struttura (di cui all art. 25 dello Statuto e seguenti). Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali totale entrate (comprese entrate proprie); personale che fa riferimento alla Struttura (es. personale tecnico amministrativo complessivo, assegnisti di ricerca) e numero di docenti e ricercatori Responsabile amministrativo gestionale di centro interdipartimentale o altra struttura con autonomia di bilancio: responsabilità confermate in via transitoria nelle more della riorganizzazione delle strutture di cui all art. 25 dello Statuto di Ateneo. 3. Ruoli gestionali tecnico scientifici Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 14

15 4.1. Coordinatore gestionale dei laboratori di Dipartimento. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali: personale coordinato (direttamente e/o funzionalmente), numero di persone (docenti, ricercatori, assegnisti ed eventuale personale non strutturato) che operano nei gruppi di ricerca, numero di progetti Responsabile di plesso ad alta complessità. Tale responsabilità è assegnata nei Plessi collocati nella prima fascia di complessità in ragione della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come l estensione della superficie, il numero delle strutture presenti e la destinazione d uso e tenendo conto di specifici fattori contingenti riguardanti il particolare stato di conservazione dell immobile Responsabile informatico di plesso ad alta complessità. Tale responsabilità è assegnata nei Plessi Informatici identificati nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come la condivisione di infrastrutture di rete e servizi sistemistici affini, la necessità di supporto tecnico informatico di base e la dislocazione territoriale. 4. Ruoli amministrativo specialistici 4.1. Responsabile di progetto/unità di progetto complesso di rilevanza strategica (project manager). L Amministrazione conferisce incarico per progetti di rilevanza strategica che si caratterizzano per una complessità di gestione valutata anche sulla base di indicatori quali: grado di rilevanza strategica, numero complessivo di personale coordinato funzionalmente, numero e tipo di strutture coinvolte, valore economico del progetto, destinatari del progetto Responsabile di funzione/unità professionale L Amministrazione conferisce incarichi per funzioni professionali (professional) che richiedono competenze specifiche ed altamente qualificate sia in ambito tecnico che gestionale. La responsabilità è valutata anche sulla base di indicatori quali il livello di rappresentanza verso l'esterno, la tipologia di destinatari interni, del contributo professionale e la diffusione/unicità della posizione professionale, l esclusività o interscambiabilità tra il personale di categoria EP all'interno dell'ateneo Figure professionali riconosciute in attuazione di disposizioni normative o procedurali (es. mobility manager, energy manager, responsabile contenzioso del personale, medico competente, ecc). L Amministrazione riconosce la responsabilità di specifiche figure da individuare a norma di legge, in ragione della complessità gestionale dell Ente e della valenza trasversale dei servizi resi a più strutture di Ateneo Responsabile di processo/unità di processo complesso di rilevanza strategica. L Amministrazione conferisce incarico per la progettazione complessiva di processi di rilevanza strategica che si caratterizzano per una complessità di gestione valutata anche sulla base di indicatori quali: numero complessivo di personale coordinato funzionalmente, numero e tipo di strutture coinvolte, destinatari diretti del processo Responsabile di unità di standardizzazione. L Amministrazione conferisce incarico per la definizione di standard, regole comuni, iter e procedure condivise, relative allo svolgimento di un processo omogeneo o di attività presidiate da più unità organizzative gestionali che si caratterizzano per una complessità di gestione valutata anche sulla base di indicatori quali: numero complessivo di personale coordinato funzionalmente, numero e tipo di strutture coinvolte, destinatari diretti del processo di standardizzazione Responsabile di attività di studio e/o ricerca (ex art. 74 CCNL ). L Amministrazione conferisce incarichi per funzioni professionali e specialistiche (professional) che richiedono competenze specifiche ed altamente qualificate per attività di studio e/o di ricerca, su indicazione del Direttore di Dipartimento. La responsabilità è valutata anche sulla base di indicatori quali il numero di pubblicazioni scientifiche su riviste indicizzate con impact factor e capitoli di libri in inglese per una diffusione internazionale, coinvolgimento nel progetto di ricerca e tipologia del progetto di ricerca Responsabile di filiera di servizio nei dipartimenti (es. valorizzazione della ricerca in raccordo con l Area della Ricerca con particolare riguardo ai servizi specifici di supporto con figure professionali specializzate Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 15

16 per le attività di gestione e rendicontazione presso il Dipartimento, rapporti con l esterno per comunicazione e fundraising, post laurea e dottorato di ricerca per la parte di competenza interna, etc). Tale responsabilità è affidata e valutata, nel primo caso, anche sulla base di indicatori quali numero di progetti europei vinti sia come partner che come coordinatore, numero di iniziative in cui il Dipartimento è coinvolto, in relazione ai docenti responsabili afferenti, numero di interazioni, anche contabili, con altri Dipartimenti o relativi ai progetti di cui sopra. 5. Nelle more dell approvazione del nuovo regolamento del sistema bibliotecario le responsabilità in ambito bibliotecario rimangono quelle previste dal precedente Protocollo sui criteri per il riconoscimento e l attribuzione degli incarichi di responsabilità al personale di categoria EP ex art. 37 CCNL sottoscritto il , elencate nell allegato 3, parte integrante del presente documento. 6. Gli indicatori definiti nei commi precedenti costituiscono il principale riferimento dell Amministrazione per determinare la complessità organizzativa del ruolo e, di norma, il criterio guida per l attribuzione dell incarico a personale di categoria EP. 7. Per le posizioni di responsabilità di cui ai commi 2, 3 e 4 del presente articolo, dove di norma opera il personale di cat. D, l Amministrazione prevede che queste possano essere attribuite a personale di cat. EP in coerenza al maggiore grado di autonomia e responsabilità e tenuto conto di alcuni fattori di complessità individuati nei medesimi commi. Art. 21 Sistema di graduazione degli incarichi e retribuzione di posizione 1. Per la determinazione della retribuzione di posizione spettante al dipendente in relazione all incarico affidato viene utilizzata una metodologia che si basa sull analisi e la valutazione di fattori quantitativi e qualitativi caratterizzanti la posizione stessa. Sulla base della metodologia viene definito il relativo peso organizzativo che permette di collocare la posizione nella corrispondente fascia di indennità. 2. La metodologia adottata prende in considerazione i seguenti fattori di valutazione: COMPETENZE SPECIALISTICHE: considera le competenze tecniche/professionali necessarie per ricoprire in modo adeguato la posizione. PROBLEM SOLVING: considera la capacità di analizzare e risolvere i problemi richiesta dalla posizione. INNOVAZIONE: considera il livello di innovazione necessario per ricoprire adeguatamente la posizione e per raggiungere gli obiettivi pianificati. DECISIONALITA : considera la libertà nel prendere decisioni e la tipologia e l'impatto delle decisioni assunte. GESTIONE: considera le responsabilità manageriali e/o gestionali della posizione ed i fattori che direttamente o indirettamente la influenzano. RISULTATI E DIMENSIONI DELLA POSIZIONE: considera l impatto della posizione sul raggiungimento dei risultati dell Ateneo e le variabili dimensionali specifiche, in corrispondenza di ciascun ruolo riconosciuto, definite tenendo conto degli indicatori individuati nell art. 18 del presente documento. SUPPORTO FORNITO: considera l integrazione, la cooperazione ed il supporto che la posizione dà alle altre strutture dell Ateneo. RAPPORTI INTERNI: considera la necessità e la criticità delle relazioni e dei rapporti interpersonali della posizione all interno dell Ateneo. RELAZIONI ESTERNE: considera la necessità e la criticità delle relazioni e dei rapporti interpersonali della posizione all'esterno dell Ateneo. La griglia di analisi utilizzata per la valutazione delle posizioni organizzative con la descrizione delle aree, dei fattori e dei punteggi è riportata nell allegato 3. Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 16

17 3. Per il personale con incarico sono individuate tre fasce di indennità in corrispondenza dei seguenti punteggi: FASCIA 1 Oltre punti 551 FASCIA 2 Da punti 401 a punti 550 FASCIA 3 Fino a punti Gli uffici preposti dell Amministrazione curano la fase istruttoria per l analisi del ruolo e la definizione del peso attribuibile alla posizione di responsabilità, ai fini della determinazione della corrispondente indennità (retribuzione di posizione). La validazione è effettuata dal Direttore Generale, sentito anche il Responsabile della struttura di afferenza del dipendente, tenendo conto dell equità complessiva. 5. L assetto complessivo delle indennità di responsabilità è validato annualmente dal Direttore Generale. 6. L ammontare della retribuzione annua di posizione e di risultato viene definito nel Contratto Collettivo Integrativo di Lavoro nel limite delle somme destinate dal Fondo al finanziamento dell istituto ex art. 90 CCNL del L Amministrazione monitora costantemente la mappatura degli incarichi di responsabilità ex art. 75 del CCNL del sulla base dei criteri definiti nel presente documento e collega la definizione dei valori economici delle singole fasce di indennità a quanto stabilito nell ambito della contrattazione integrativa. Art. 22 Affidamento di ulteriori incarichi 1. Il personale di norma è titolare di un solo incarico di responsabilità. Nel caso in cui si renda necessario conferirne uno ulteriore, rispetto all incarico prevalente, è attribuita una indennità accessoria ulteriore che viene definita nella misura massima del 30% della retribuzione di posizione percepita per l incarico già in essere. Tale percentuale è definita al momento del conferimento dell incarico stesso e la somma totale corrisposta non può essere comunque superiore al massimo previsto dall art. 76 co. 1 CCNL Per l incarico di responsabile amministrativo gestionale, in caso di ulteriore responsabilità in strutture con autonomia di bilancio che abbiano un valore delle entrate (riferite alla media del triennio) inferiore a , l indennità aggiuntiva è definita nella misura del 15%. 3. E possibile prevedere responsabili ad interim per un periodo non superiore ai 12 mesi. Gli incarichi ad interim possono essere attribuiti per il tempo necessario ad espletare le procedure di individuazione del responsabile. 4. Le responsabilità aggiuntive su unità permanenti di natura gestionale (es. responsabile di ufficio e di settore dell Amministrazione Generale, responsabili di biblioteca, ecc) di norma possono essere attribuite per un periodo non superiore a 18 mesi. 5. Non sono previste ulteriori indennità qualora alla responsabilità in essere venga aggiunta una responsabilità su posizioni di livello gerarchicamente subordinato alla stessa (es. settore ufficio dello stesso settore) o di livello contrattuale inferiore a quella prevista per gli incarichi del personale di cat. EP (posizioni ex art. 91 co. 1 CCNL es. ufficiale rogante) ad eccezione dei casi, di seguito elencati, in cui verrà corrisposta una indennità aggiuntiva pari al 15% della retribuzione dell incarico già in essere: Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 17

18 5.1. incarico aggiuntivo di Responsabile Assicurazione Qualità nominato formalmente dal Responsabile di Struttura (art. 6 co. 1 sub. 1.2 lettera h del presente documento); 5.2. incarico aggiuntivo di Responsabile di unità locale, nelle unità locali con smaltimento medio di rifiuti pari o superiore a 2 % del totale dei rifiuti smaltiti dal Nu.Te.R. calcolato su base triennale (art. 6 co. 1 sub. 1.2 lettera f del presente documento); 5.3. incarico aggiuntivo di Addetto Locale (art. 6 co. 1 sub. 1.2 lettera i del presente documento). 6. Al personale di categoria EP con incarico cui venga temporaneamente e formalmente conferita delega di funzione ai sensi dell art. 17 co. 1 bis del D. Lgs. n. 165/2001 viene corrisposta una indennità accessoria ulteriore nella misura del 30% della retribuzione di posizione percepita; la somma totale corrisposta non può essere comunque superiore al massimo previsto dall art. 76 co. 1 CCNL Art. 23 Sostituzione di personale titolare di incarico 1. Nel caso di assenza con diritto alla conservazione del posto diversa da quella per ferie (es. maternità, malattie ecc) per periodi superiori ad un mese, è possibile conferire incarico al sostituto fino al rientro in servizio del titolare. 2. L assenza per ferie è equiparata alla presenza in servizio, pertanto non è prevista sostituzione del titolare. 3. Non è prevista la corresponsione dell indennità per sostituzioni del titolare per periodi inferiori o uguali al mese. Art. 24 Retribuzione di risultato 1. Il titolare di incarico, così come previsto dall art. 75 co. 5 e dall art. 76 co. 4 CCNL , viene valutato annualmente sulla base dei criteri e delle modalità adottate dal Sistema di Valutazione dei risultati del personale tecnico amministrativo vigente. Art. 25 Comunicazioni alle organizzazioni sindacali 1. L Amministrazione, con cadenza annuale, informa le Organizzazioni Sindacali in merito all assetto degli incarichi conferiti, la struttura di riferimento e la relativa fascia di indennità. Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 18

19 ALLEGATI Allegato 1 Descrizione dei ruoli e dei requisiti minimi per le responsabilità tecniche 1 - Responsabile funzione specialistica a supporto della ricerca e della didattica ex art. 91 co. 1 CCNL (rif. art. 5 co. 1 sub. 1.2 lettera b). a) Ambiti di attività prevalenti Il Responsabile della Struttura deve attribuire formalmente la responsabilità di fornire, in via prevalente e continuativa, il proprio contributo e la propria competenza specifica in almeno due dei seguenti ambiti di attività caratterizzanti la posizione, nell ambito dell autonomia e responsabilità propri della categoria di appartenenza. - supporto tecnico specialistico all ideazione e sviluppo di nuove metodiche di analisi e di procedimenti tecnici a supporto della ricerca; - supporto tecnico specialistico nell ambito delle sperimentazioni tecniche, procedimenti di analisi e/o prove effettuate nel laboratorio per la didattica e/o la ricerca; - supporto tecnico qualificato all elaborazione dei risultati di ricerca, alla produzione di pubblicazione o parti di essi come risultati dell attività di ricerca svolta; - funzione tecnica specialistica di supporto al personale docente per la predisposizione di metodiche di laboratorio a favore della didattica. b) Standard minimi di complessità Per il riconoscimento della responsabilità deve essere presente un indice di complessità, calcolato sulla base delle dimensioni individuate pari a 35/50. Dimensione scala punteggio Numero dei progetti scientifici e/o di ricerca applicata ai quali si collabora stabilmente* Fino al 33 percentile 3 Dal 34 percentile al 66 percentile 6 Oltre il 66 percentile 10 Servizi per la didattica predisposti e Fino al 33 percentile 3 organizzati per rispondere alle esigenze di Dal 34 percentile al 66 percentile 6 un numero medio annuo di studenti dei corsi di studio e post laurea Oltre il 66 percentile 10 Reperibilità della professionalità all interno della struttura nella quale si presta la propria attività lavorativa Eterogeneità degli utenti dei servizi resi Elevata interscambiabilità della professionalità (più di 4 possibili professionalità) Limitata interscambiabilità della professionalità (da 2 a 4 possibili professionalità) Unicità della posizione (nessun altra possibile professionalità) Prevalentemente interni alla struttura di appartenenza Interni ed esterni 6 Allegato 1 - Descrizione dei ruoli e dei requisiti minimi per le responsabilità tecniche

20 Prevalentemente esterni alla struttura di appartenenza 10 Pubblicazioni scientifiche su riviste Fino al 33 percentile 3 indicizzate con impact factor e capitoli di libri in inglese per una diffusione Dal 34 percentile al 66 percentile 6 internazionale Oltre il 66 percentile 10 * Numero di progetti scientifici e/o di ricerca applicata (nazionali/internazionali) finanziati conteggiati come somma dell ultimo triennio. Si precisa che ai fini della valutazione nel conteggio dei progetti si intendono esclusivamente progetti scientifici e/o di ricerca applicata (nazionali o internazionali) finanziati (es. PRIN ). Non sono quindi valutabili progetti di ricerca finalizzati all elaborazione di tesi di laurea, fasi singole del medesimo progetto (un progetto sebbene articolato in più fasi va conteggiato una sola volta). Non sono valutabili altresì progetti legati all attività didattica, in quanto la complessità relativa ai servizi erogati per la didattica viene intercettata già dal numero di studenti a favore dei quali la funzione specialistica indicata fornisce servizi. Sarà necessario allegare, alla scheda per la segnalazione, un elenco dei progetti valutati. 2 - Responsabile tecnico di unità di laboratorio a supporto della ricerca e/o della didattica ex art. 91 co. 1 CCNL (rif. art. 5 co. 1 sub. 1.2 lettera f) - Requisiti minimi (devono essere tutti presenti ai fini del riconoscimento). a) Ambiti di attività prevalenti Il Responsabile della Struttura deve attribuire formalmente la responsabilità di fornire, in via prevalente e continuativa, il proprio contributo e la propria competenza specifica in almeno quattro dei seguenti ambiti di attività caratterizzanti la posizione, nell ambito dell autonomia e responsabilità propri della categoria di appartenenza. - cura della manutenzione e dell efficienza delle dotazioni di laboratorio (es. apparecchiature e attrezzature) dell unità presidiata; - organizzazione del servizio e dell utilizzo degli spazi e delle attrezzature da parte degli utenti (es. docenti, ricercatori, studenti, dottorandi, ecc.), sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile della Struttura; - supporto nella gestione degli acquisti di materiale di consumo del laboratorio (es. contatto fornitori, richiesta preventivi, pareri tecnici su ordini ecc.); - monitoraggio del corretto svolgimento delle attività da parte degli utenti nel rispetto dei regolamenti di funzionamento del laboratorio e delle procedure di sicurezza; - coordinamento funzionale dell attività del personale (strutturato o con rapporto di collaborazione) che svolge la propria attività all interno dell unità di laboratorio presidiata. b) Standard di servizio L unità di laboratorio deve presentare uno standard di servizio, dato dalla somma dei fattori di seguito elencati con un punteggio almeno pari a 32/40. Dimensione Scala Punteggio Allegato 1 - Descrizione dei ruoli e dei requisiti minimi per le responsabilità tecniche 20

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Parte I Regolamento di organizzazione L assetto organizzativo della Provincia di Imperia - L attribuzione di responsabilità gestionali per l attuazione

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. ( Approvato con deliberazione della Giunta municipale n.446 del 30/5/2002 e successive

COMUNE DI RAGUSA. ( Approvato con deliberazione della Giunta municipale n.446 del 30/5/2002 e successive COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO SUI CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E RELATIVA GRADUAZIONE DELLE FUNZIONI E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli