Art. 1 Principi e riferimenti normativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1 Principi e riferimenti normativi"

Transcript

1 Provvedimento Dirigenziale Rep. 3649/2012 Protocollo n del 21/12/2012 OGGETTO: Emanazione delle linee guida riportanti i criteri per la definizione delle indennità di responsabilità ALLEGATO 2) Criteri per la definizione delle indennità di responsabilità per il personale di categoria B, C, D, ex art. 91 e di categoria EP ex art. 75 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Art. 1 Principi e riferimenti normativi L istituto contrattuale degli incarichi di responsabilità al personale tecnico amministrativo si ispira a principi di integrazione dei servizi, equità retributiva e trasparenza nella determinazione dei ruoli organizzativi e funzioni specialistiche e ai più generali principi di buon andamento, efficienza, efficacia ed economicità delle azioni amministrative. L applicazione dell istituto contrattuale costituisce per l Ateneo di Bologna un occasione per la valorizzazione del proprio personale poiché si collega organicamente ad altri istituti come quello della valutazione dei risultati, della mobilità interna e della formazione. È, inoltre, uno strumento attraverso cui perseguire il miglioramento dell organizzazione del lavoro nel rispetto delle esigenze di specializzazione, ma anche di maggior coordinamento tra attività e obiettivi da perseguire nelle diverse Strutture di Ateneo; ciò anche uniformandosi ai relativi atti di regolamentazione in materia di organizzazione degli uffici e dei poteri e prerogative propri del Direttore Generale. L istituto, più in particolare, fornisce i criteri e le regole per il riconoscimento delle responsabilità particolarmente qualificate in linea con i relativi gradi di autonomia e responsabilità propri della categoria di inquadramento contrattuale. Gli incarichi di responsabilità, le posizioni organizzative e le funzioni specialistiche per il personale tecnico amministrativo vengono individuati anche in coerenza con: a) le indicazioni contenute nel Decreto Legislativo n. 165 del 2001 così come modificato dal D. Lgs n. 150/2009, ed in particolare l articolo 4 co. 2 e l articolo 5 co. 2; b) le indicazioni contenute nel Codice di comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, come da allegato 2 del CCNL ; c) le indicazioni contenute nella L. 240/2010, nello specifico l art. 2 co. 1 lettera O, relative alle attribuzioni al Direttore Generale, sulla base degli indirizzi forniti dal Consiglio di Amministrazione, della complessiva gestione e organizzazione di servizi, delle risorse strumentali e del personale tecnico amministrativo; d) lo Statuto di Ateneo, con particolare riferimento alle prerogative attribuite al Direttore Generale definite dall articolo 10 co. 1 e co. 2 ed alle attività di indirizzo, direzione e controllo nei confronti dei dirigenti e del personale tecnico amministrativo e alle disposizioni in materia di organizzazione definite nell art. 31; e) le linee guida in materia di mobilità interna ed esterna del personale tecnico amministrativo, entrate in vigore con Disposizione del Direttore Generale Rep. n. 2431/2012 Prot. n del 06/09/2012; f) la disciplina dell istituto del part-time, contenuta nella L. 133/2008 e integrata nel c.d. collegato lavoro L. 183/2010; g) il nuovo modello di organizzazione dei servizi a supporto della didattica e dei servizi agli studenti approvato dal Senato Accademico in data ; h) il regolamento di funzionamento dei dipartimenti, emanato con Decreto Rettorale Rep. n. 371/2012 Prot. n del ; 1

2 i) il regolamento di funzionamento delle scuole, emanato con Decreto Rettorale Rep. n. 743/2012 del ; j) il regolamento di Ateneo riguardante le modalità di gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti emanato con Decreto Rettorale n. 475/2011 del ; k) i compiti e le attività connesse alle indicazioni contenute nelle diverse fonti regolamentari di Ateneo per quanto concerne i servizi tecnici e amministrativi; l) le indicazioni contenute nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 di attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; m) la conferma della ricerca di soluzioni gestionali e organizzative tese al consolidamento della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro; n) l attribuzione di incarichi di responsabilità e la relativa conferma da collegare a principi più ampi di mobilità del personale e valorizzazione di esperienze e competenze; o) l importanza crescente che assume la qualità dei servizi e la certificazione degli stessi nell ambito delle attività didattiche, di ricerca e delle connesse attività amministrative a supporto. Art. 2 Ambito di applicazione e decorrenza 1. Il presente documento si applica al personale di categoria B, C e D titolare di incarico ai sensi dell art. 91 co. 1 del CCNL del , al personale di categoria D titolare di incarico ai sensi dell art. 91 co. 3 del CCNL del e al personale di categoria EP titolare di incarico ai sensi dell art. 75 del CCNL del Gli effetti giuridici ed economici delle disposizioni contenute nel presente documento decorreranno dal , fatta eccezione: a. per le responsabilità sulle nuove strutture di didattica e di ricerca (responsabile amministrativo e responsabile gestionale di vicepresidenza) formalizzate dagli organi accademici e già individuate dal Direttore Generale, per le quali la decorrenza dell incarico coincide con la data di attivazione delle strutture stesse; b. per le responsabilità in ambito bibliotecario, che verranno allineate al regolamento del sistema bibliotecario in corso di definizione. Le responsabilità su biblioteche dipartimentali parificate al secondo livello che confluiranno in modelli consorziati o integrati sono confermate nel medesimo livello di indennità. 3. I contenuti del presente documento potranno essere aggiornati in coerenza con i cambiamenti organizzativi e della possibilità di riconoscere nuove professionalità e saranno oggetto di confronto dopo un periodo di 24 mesi dall entrata in vigore dei seguenti criteri. 4. L Amministrazione provvederà a dare adeguata pubblicità a quanto emergerà in sede di formalizzazione degli incarichi attraverso l aggiornamento degli organigrammi delle Strutture di ricerca, di didattica e di servizio. 2

3 SEZIONE 1 - INCARICHI EX ART. 91 COMMA 1 CCNL CTG. B, C, D Art. 3 Individuazione delle responsabilità e formalizzazione 1. L individuazione dei titolari di posizione organizzativa di terzo livello deve tenere conto della presenza di conoscenze e capacità coerenti con il profilo da ricoprire. Inoltre, nel rispetto delle procedure di Ateneo, i titolari possono essere individuati anche attraverso forme di mobilità collegate all attribuzione di posizioni di responsabilità da realizzare attraverso percorsi di accertamento delle competenze funzionali a definire bacini di riferimento da cui attingere, così come previsto dalle vigenti linee guida in materia di mobilità interna ed esterna. 2. L individuazione e la formalizzazione dei responsabili di posizione organizzativa: a. per le aree dirigenziali sono di competenza del dirigente a capo dell area con proprio atto, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista; b. per l attribuzione della posizione di funzione specialistica di cui all art. 5. co. 1 sub lettera g è previsto formale accordo del Direttore Generale; c. per le responsabilità sui Plessi (logistici ed informatici di cui all art. 5 co. 1 sub. 1.2 lettere d ed e) sono di competenza del dirigente dell area di riferimento; d. per le altre Strutture di Ateneo l individuazione è proposta dai responsabili al Direttore Generale in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista, ed è formalizzata con atto scritto del Direttore Generale o suo delegato. 3. Per l affidamento di posizione organizzativa a personale con rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (part-time) il Responsabile di Struttura valuta la compatibilità di tale regime con le responsabilità e i compiti da affidare al fine di assicurare il buon andamento, l efficacia e l efficienza nella gestione dei servizi. Ciò sia nel caso di individuazione di un titolare di posizione organizzativa già in regime di part-time che nel caso di richiesta di trasformazione del proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. 4. Non è prevista l individuazione di un ulteriore titolare di posizione organizzativa per responsabilità già affidate a coloro che usufruiscono di rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (es. part-time verticale). Art. 4 Durata e revoca delle responsabilità conferite 1. Le responsabilità su posizioni organizzative sono conferite di norma per un triennio, fatto salvo diversa durata legata a specifiche e motivate esigenze organizzative e ad eccezione delle funzioni specialistiche individuate dalla Direzione Generale di cui all art. 5 co. 1, sub 1.1 lettera g del presente documento. 2. Alla scadenza dell incarico l Amministrazione verifica con il responsabile di struttura la conferma del titolare della posizione organizzativa e la presenza dei requisiti minimi per il riconoscimento. 3. Le responsabilità su posizioni organizzative cessano di essere riconosciute in caso di mutamento organizzativo o nei casi previsti dal comma 2 del presente articolo. 4. La revoca o la cessazione della responsabilità su posizione organizzativa comportano la revoca della connessa retribuzione accessoria, come previsto dall art. 91 co. 8 CCNL Alla scadenza gli uffici competenti forniscono le opportune comunicazioni ai responsabili ed al titolare sia in caso di rinnovo che in caso di revoca delle responsabilità attribuite. Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 3

4 Art. 5 Tipologia di responsabilità riconosciute 1. L Amministrazione individua: 1.1. Responsabilità amministrativo gestionali e specialistiche a. Responsabile di ufficio dell Amministrazione Generale b. Vice responsabile di settore dell Amministrazione Generale c. Responsabile di supporto ai servizi amministrativi di Dipartimento (vice) d. Responsabile di supporto ai servizi di vicepresidenza (vice) e. Responsabile di ufficio di vicepresidenza f. Responsabile di ufficio di dipartimento di area medica, a presidio di peculiari processi g. Funzione specialistica individuata per un periodo di tempo definito dalla Direzione Generale a presidio dei specifici progetti di innovazione e miglioramento dei servizi anche delle strutture di didattica e di ricerca aventi o carattere di temporaneità e riconducibili principalmente agli obiettivi e ai relativi indicatori previsti all interno del Piano della Performance o a presidio di specifici adempimenti normativi di media complessità. h. Ufficiale rogante Responsabilità tecniche gestionali a. Coordinatore tecnico pratico di tirocinio dei corsi di studio sanitari b. Funzione specialistica a supporto della ricerca e/o della didattica c. Responsabile di servizi generali di orientamento informativo e di accesso a strutture di Ateneo d. Responsabile di plesso e. Responsabile informatico di plesso f. Responsabile tecnico di unità di laboratorio a supporto della didattica e/o della ricerca g. Responsabile tecnico del Nuter Funzioni di responsabilità tecniche a. Responsabile di unità locale ai sensi del regolamento di smaltimento dei rifiuti b. Responsabile Assicurazione Qualità RAQ c. Addetto locale. 2. Le responsabilità in ambito bibliotecario rimangono quelle previste dall accordo sui criteri per la definizione delle indennità di responsabilità per il personale di categoria B, C e D art. 63 del CCNL del (recepito dall art. 91 del CCNL ) elencate nell allegato 4, nelle more dell approvazione del nuovo regolamento del sistema bibliotecario. Art. 6 Dimensioni minime per il riconoscimento della posizione di responsabilità 1. Sono definite dimensioni minime che danno luogo al riconoscimento della posizione di responsabilità come indicato nei successivi commi Responsabilità amministrativo gestionali e specialistiche a. Responsabile di ufficio dell Amministrazione Generale. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di due unità di personale da coordinare o gestire in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza; b. Vice-responsabile di settore nell Amministrazione Generale. Requisiti minimi: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. D in presenza di un settore non articolato internamente in uffici, costituito da almeno 5 unità di personale; Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 4

5 c. Responsabile di supporto ai servizi amministrativi di Dipartimento (vice): la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. D in presenza di almeno 5 unità di personale all interno della filiera amministrativa; d. Responsabile di supporto ai servizi di vicepresidenza (vice): la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. D in presenza di almeno 5 unità di personale all interno della vicepresidenza non articolata in uffici; e. Responsabile di ufficio di vicepresidenza. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di 2 unità di personale da coordinare o gestire, in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza; f. Responsabile di ufficio di dipartimento di area medica, per il presidio di processi peculiari. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di 2 unità di personale da coordinare o gestire, in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza; g. Funzioni specialistiche individuate specificatamente dalla Direzione Generale. Requisiti minimi: parere favorevole del Direttore Generale; h. Ufficiale rogante nominato sulla base delle disposizioni vigenti con provvedimento del Direttore Generale; 1.2. Responsabilità tecniche a. Coordinatore di attività tecnico pratiche di tirocinio dei corsi di laurea e laurea magistrale delle professioni sanitarie: deve essere nominato dal Consiglio di corso di studio ed approvato dal Consiglio della Scuola di Medicina e Chirurgia. b. Funzione specialistica a supporto della ricerca e/o della didattica: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D in presenza di entrambi i requisiti minimi previsti all allegato 1, parte integrante del presente documento; c. Responsabile di servizi generali di orientamento informativo e di accesso a strutture di Ateneo. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di 2 unità di personale strutturate da coordinare o gestire; d. Responsabile di plesso: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D. Requisiti minimi: nomina del Direttore Generale o suo delegato su Plesso collocato nella seconda fascia di complessità nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come l estensione della superficie, il numero delle strutture presenti e la destinazione d uso (cfr. allegato 1); e. Responsabile informatico di plesso: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D. Requisiti minimi: Plesso Informatico identificato di media complessità nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come la condivisione di infrastrutture di rete e servizi sistemistici affini, la necessità di supporto tecnico informatico di base e la dislocazione territoriale (cfr. allegato 1); f. Responsabile tecnico di unità di laboratorio a supporto della didattica e/o della ricerca: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D in presenza di entrambi i requisiti minimi previsti all allegato 1, parte integrante del presente documento; g. Responsabile del Nucleo Tecnico Rifiuti individuato dal Presidente del Servizio di Medicina del Lavoro, Prevenzione e Protezione, Fisica Sanitaria ai sensi del Regolamento di Ateneo riguardante le modalità di gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti Funzioni di responsabilità tecniche a. Responsabile di unità locale ai sensi del regolamento rifiuti: essere nominato formalmente ai sensi del regolamento di Ateneo riguardante le modalità di gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti come responsabili di una Unità locale con uno smaltimento medio di rifiuti pari o superiore al 2% del totale Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 5

6 dei rifiuti smaltiti dal Nu.Te.R. (calcolati su base triennale); il ruolo di delegato alle operazioni, come previsto dal regolamento in materia, trova eventuale disciplina nell ambito del fondo per il trattamento accessorio (FORD); b. Responsabile Assicurazione Qualità RAQ: nomina formale come Responsabile Assicuratore Qualità nelle strutture che hanno già ottenuto la certificazione di qualità; c. Addetto Locale: la responsabilità può essere riconosciuta a personale di cat. C e D con nomina formale dal Responsabile della Struttura per il raccordo con il Servizio di Prevenzione e Protezione (cfr. allegato 1); Art. 7 Indennità di responsabilità ex art. 91 comma 1 CCNL L Amministrazione individua una fascia di indennità (fascia unica) per le responsabilità attribuite ex art. 91 co. 1 CCNL ad eccezione delle responsabilità d ufficio dell Amministrazione Generale per le quali sono definite due fasce (fascia unica e fascia alta). 2. Il sistema di individuazione degli importi delle indennità di responsabilità in corrispondenza delle fasce individuate è definito dal Contratto Collettivo Integrativo di Lavoro nel limite delle somme destinate dal Fondo al finanziamento dell istituto ex art. 87 CCNL Per le responsabilità di ufficio dell Amministrazione Generale, la fascia di indennità viene determinata sulla base di dimensioni che caratterizzano la complessità gestionale della struttura gestita e che danno luogo ad un indicatore sintetico che si esprime da un minimo di 9 punti a un massimo di 30, come di seguito definito: Dimensioni Scala Punteggio N. di personale coordinato direttamente (media del triennio) Pari a 2 3 Da 3 a 6 6 Oltre 6 10 Prevalentemente interna all Area 3 Utenza di riferimento Variabilità delle attività gestite Interna ed esterna all Area 6 Prevalentemente esterna all Area 10 Bassa (attività ripetitive e bassa variabilità dei problemi trattati) Media (attività parzialmente ripetitive e media variabilità dei problemi trattati) Alta (attività prevalentemente diversificate ed alta variabilità dei problemi trattati) Le responsabilità con punteggio da 9 a 19 sono collocate in fascia unica; le responsabilità con punteggio complessivo oltre 19 sono collocate in fascia alta. Art. 8 Affidamento di ulteriori responsabilità 1. Il personale, di norma, è titolare di una sola posizione organizzativa. Nel caso in cui si renda necessario conferirne una ulteriore, rispetto a quella già in essere, verrà corrisposta una indennità aggiuntiva rispetto alla retribuzione della posizione già in essere definita nella misura del 30%. Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 6

7 2. E possibile prevedere responsabili ad interim per un periodo non superiore ai 12 mesi. Gli incarichi ad interim possono essere attribuiti per il tempo necessario ad espletare le procedure di individuazione del responsabile. 3. Le responsabilità aggiuntive su unità permanenti di natura gestionale (es. responsabile di ufficio e di settore dell Amministrazione Generale, responsabili di biblioteca, ecc) di norma possono essere attribuite per un periodo non superiore a 18 mesi. Art. 9 Sostituzione di personale titolare di incarico 1. Nel caso di assenze con diritto alla conservazione del posto diverse dall assenza per ferie (es. maternità, malattie ecc) per periodi superiori ad un mese, è possibile conferire l incarico al sostituto fino al rientro in servizio del titolare. 2. L assenza per ferie è equiparata alla presenza in servizio, pertanto non è prevista sostituzione del titolare. 3. Non è prevista la corresponsione dell indennità per sostituzioni del titolare per periodi inferiori o uguali al mese. Sezione 1 - Incarichi ex art. 91 comma 1 CCNL Ctg. B, C, D 7

8 SEZIONE 2 - INCARICHI EX ART. 91 COMMA 3 CCNL CTG. D Art. 10 Individuazione delle responsabilità e conferimento di incarico 1. L individuazione dei titolari di posizione organizzativa di secondo livello deve tenere conto della presenza di conoscenze e capacità coerenti con il profilo da ricoprire. Inoltre, nel rispetto delle procedure di Ateneo, i titolari possono essere individuati anche attraverso forme di mobilità collegate all attribuzione di posizioni di responsabilità, da realizzare anche attraverso percorsi di accertamento delle competenze funzionali a definire bacini di riferimento da cui attingere, così come previsto dalle vigenti linee guida in materia di mobilità interna ed esterna. 2. L individuazione e la formalizzazione dei responsabili di posizione organizzativa: a. per le aree dirigenziali sono di competenza del dirigente a capo dell area con proprio atto, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista; b. per le responsabilità amministrative gestionali nelle scuole e vicepresidenze e nei dipartimenti, sono di competenza del Direttore Generale o del dirigente delegato; c. per le responsabilità su Plessi (logistici ed informatici di cui all art. 12 co. 2 sub. 2.3 lettere b e c) sono di competenza del dirigente dell area di riferimento; d. per le altre Strutture di Ateneo l individuazione è proposta dai responsabili apicali al Direttore Generale che ha la competenza per la formalizzazione, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista dalla regolamentazione in materia e anche come esito finale nel caso di procedura di accertamento delle competenze o bandi di mobilità. 3. Tutte le responsabilità di secondo livello nelle strutture di ricerca e di didattica sono ricoperte attraverso specifici bandi o percorsi di accertamento delle competenze di cui al co. 1, ad esclusione, in prima applicazione, delle responsabilità tecniche di laboratorio e specialistiche. 4. L incarico viene conferito con atto del Direttore Generale o suo delegato sulla base del provvedimento di individuazione del titolare per le aree dirigenziali, sulla base della proposta dei responsabili di struttura o in base all esito delle forme di mobilità previste. 5. L atto di conferimento dell incarico contiene: la definizione dell incarico, la dipendenza gerarchica e/o funzionale, le principali attività e le connesse responsabilità, le principali competenze necessarie (conoscenze e capacità), la durata e la fascia di indennità in cui è collocato. 6. Per l affidamento di incarichi a personale con rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (part-time) il Responsabile di Struttura valuta la compatibilità di tale regime con le responsabilità e i compiti connessi all incarico da affidare al fine di assicurare il buon andamento, l efficacia e l efficienza nella gestione dei servizi. Ciò sia nel caso di individuazione di un titolare di posizione organizzativa già in regime di part-time che nel caso di richiesta di trasformazione del proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. 7. Non è prevista l individuazione di un ulteriore titolare di incarico per responsabilità già affidate a coloro che usufruiscono di rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (es. part-time verticale). Art.11 Durata e revoca degli incarichi conferiti 1. Gli incarichi di responsabilità sono conferiti di norma per un triennio, fatto salvo diversa durata legata a specifici Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 8

9 progetti o particolari esigenze organizzative. 2. Alla scadenza dell incarico l Amministrazione verificherà con il responsabile di struttura la conferma del titolare dell incarico di responsabilità e la presenza dei requisiti minimi per il riconoscimento. 3. L incarico di responsabilità cessa di essere riconosciuto in caso di mutamento organizzativo o nei casi previsti dal co. 2 del presente articolo. 4. La revoca o la cessazione dell incarico comportano la revoca della connessa retribuzione accessoria come previsto dall art. 91 co. 8 CCNL Alla scadenza dell incarico gli uffici competenti forniscono le opportune comunicazioni ai responsabili ed al titolare, sia in caso di rinnovo sia in caso di revoca. Art. 12 Tipologia di posizioni organizzative riconosciute 1. L Amministrazione individua e riconosce specifici e qualificati incarichi di tipo gestionale e specialistico. 2. Gli incarichi di tipo gestionale sono riconducibili alle seguenti responsabilità: 2.1. Responsabilità amministrativo gestionali a. Responsabile di settore nell Amministrazione Generale b. Responsabile gestionale di vicepresidenza c. Coordinatore gestionale di Scuola d. Responsabile amministrativo di Dipartimento e. Responsabile amministrativo gestionale di altra struttura f. Segretario amministrativo di centro interdipartimentale o altra struttura con autonomia di bilancio. Nelle more della riorganizzazione delle strutture ai sensi dell art. 25 dello Statuto di Ateneo è confermata la posizione di segretario amministrativo di struttura con autonomia di bilancio Responsabilità amministrativo specialistiche a. Responsabile di progetto/unità di progetto di rilevanza strategica d Ateneo (project manager) b. Responsabile di funzione/unità professionale c. Responsabile processo/unità di processo d. Responsabile di unità di standardizzazione e. Responsabile di filiera di servizio nei dipartimenti (es. valorizzazione della ricerca in raccordo con l Area della Ricerca con particolare riguardo ai servizi specifici di supporto con figure professionali specializzate per le attività di gestione e rendicontazione presso il Dipartimento, rapporti con l esterno per comunicazione e fundraising, post laurea e dottorato di ricerca per la parte di competenza interna, ecc) Responsabilità tecnico-gestionali a. Coordinatore gestionale dei laboratori di Dipartimento. All interno della singola struttura di ricerca è possibile riconoscere più di un coordinatore gestionale dei laboratori in presenza di filoni scientificodisciplinari chiaramente distinguibili b. Responsabile di plesso ad alta complessità c. Responsabile informatico di plesso ad alta complessità. 3. Le responsabilità in ambito bibliotecario rimangono quelle previste dal precedente protocollo sui criteri per la definizione delle indennità di responsabilità per il personale di categoria B, C e D art. 63 del CCNL del Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 9

10 (recepito dall art. 91 del CCNL ) elencate nell allegato 4, nelle more dell approvazione del nuovo regolamento del sistema bibliotecario. Art. 13 Dimensioni minime per il riconoscimento dell indennità 1. Sono definite dimensioni minime che danno luogo al riconoscimento delle seguenti posizioni di responsabilità: 1.1. Responsabilità amministrativo gestionali Responsabile di settore nell Amministrazione Generale. Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di quattro unità di personale da coordinare o gestire in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza laddove presente la figura del vice responsabile Responsabilità amministrativo specialistiche Responsabile di filiera di servizio nei dipartimenti (es. valorizzazione della ricerca in raccordo con l Area della Ricerca con particolare riguardo ai servizi specifici di supporto con figure professionali specializzate per le attività di gestione e rendicontazione presso il Dipartimento, rapporti con l esterno per comunicazione e fundraising, post laurea e dottorato di ricerca per la parte di competenza interna, etc). Tale responsabilità è affidata e valutata, nel primo caso, in base all individuazione da parte dell Area della Ricerca su indicatori quali numero di progetti europei vinti sia come partner che come coordinatore, numero di iniziative in cui il Dipartimento è coinvolto, in relazione ai docenti responsabili afferenti, numero di interazioni, anche contabili, con altri Dipartimenti o relativi ai progetti di cui sopra Responsabilità tecnico-gestionali Coordinatore gestionale dei laboratori di Dipartimento: Requisiti minimi: presenza di un numero minimo di quattro unità di personale da coordinare o gestire in ragione dei livelli di autonomia e responsabilità propri della categoria contrattuale di appartenenza Responsabile di plesso ad alta complessità. Requisiti minimi: individuato in Plesso collocato nella prima fascia di complessità in ragione della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come l estensione della superficie, il numero delle strutture presenti e la destinazione d uso e tenendo conto di specifici fattori contingenti riguardanti il particolare stato di conservazione dell immobile Responsabile informatico di plesso ad alta complessità. Requisiti minimi: individuato in Plesso Informatico identificato ad alta complessità nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come la condivisione di infrastrutture di rete e servizi sistemistici affini, la necessità di supporto tecnico informatico di base e la dislocazione territoriale. Art. 14 Sistema di graduazione delle indennità di responsabilità per gli incarichi 1. Ai fini della collocazione delle posizioni di responsabilità nella relativa fascia di indennità, si individua un sistema che tiene conto del livello di responsabilità, della complessità delle competenze attribuite, della specializzazione richiesta dai compiti affidati e delle caratteristiche innovative della professionalità richiesta. Il sistema prevede una graduazione in due fasce (fascia 1: alta, fascia 2: bassa) sulla base di dimensioni caratteristiche per ogni tipologia di posizione organizzativa riconosciuta come da allegato 2, parte integrante del presente documento. Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 10

11 2. Il sistema di individuazione degli importi delle indennità di responsabilità in corrispondenza delle fasce individuate è definito dal Contratto Collettivo Integrativo di Lavoro nel limite delle somme destinate dal Fondo al finanziamento dell istituto ex art. 87 CCNL Gli uffici preposti dell Amministrazione curano la ricognizione degli indicatori utili per la determinazione dell indennità di responsabilità al momento dell individuazione del titolare della posizione organizzativa con validità triennale, fatto salvo segnalazioni, da parte del responsabile, di sostanziali modifiche organizzative che possano incidere sulla collocazione nelle fasce della posizione di responsabilità. Art. 15 Affidamento di ulteriori responsabilità 1. Il personale di norma è titolare di un solo incarico di responsabilità. Nel caso in cui si renda necessario conferire un incarico ulteriore, rispetto all incarico prevalente già in essere, verrà corrisposta una indennità aggiuntiva definita nella misura del 30% rispetto alla retribuzione dell incarico già in essere. La somma totale corrisposta non può essere comunque superiore al massimo previsto dall art. 91 co. 4 CCNL Per l incarico di responsabile amministrativo gestionale, in caso di ulteriore responsabilità in strutture con autonomia di bilancio che abbiano un valore delle entrate (riferite alla media del triennio) inferiore a , l indennità aggiuntiva è definita nella misura del 15%. 3. E possibile prevedere responsabili ad interim per un periodo non superiore ai 12 mesi. Gli incarichi ad interim possono essere attribuiti per il tempo necessario ad espletare le procedure di individuazione del responsabile. 4. Le responsabilità aggiuntive su unità permanenti di natura gestionale (es. responsabile di ufficio e di settore dell Amministrazione Generale, responsabili di biblioteca, ecc) di norma possono essere attribuite per un periodo non superiore a 18 mesi. 5. Non sono previste ulteriori indennità qualora alla responsabilità in essere venga aggiunta una responsabilità su posizioni di livello gerarchicamente subordinato alla stessa (es. settore ufficio dello stesso settore). 6. Qualora alla responsabilità in essere (ex art. 91 co. 3 CCNL ) venga aggiunta una responsabilità individuata ai sensi dell art. 91 co. 1 CCNL ma non subordinata (es. responsabile di settore - ufficiale rogante; responsabile di plesso complesso addetto locale) verrà corrisposta una indennità aggiuntiva definita nella misura del 15% rispetto alla retribuzione dell incarico già in essere. Art. 16 Sostituzione di personale titolare di incarico 1. Nel caso di assenza con diritto alla conservazione del posto, diversa da quella per ferie, (es. maternità, malattie ecc) per periodi superiori ad un mese, è possibile conferire l incarico al sostituto fino al rientro in servizio del titolare. 2. L assenza per ferie è equiparata alla presenza in servizio, pertanto non è prevista sostituzione del titolare. 3. Non è prevista la corresponsione dell indennità per sostituzioni del titolare per periodi inferiori o uguali al mese. Art. 17 Valutazione dei risultati 1. Il titolare di incarico, così come previsto dall art. 91 co. 4 CCNL , viene valutato annualmente sulla Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 11

12 base dei criteri e delle modalità adottate dal Sistema di Valutazione dei risultati del personale tecnico amministrativo in essere. Sezione 2 - Incarichi ex art. 91 comma 3 CCNL Ctg. D 12

13 SEZIONE 3 - INCARICHI EX ART. 75 CCNL CTG. EP Art. 18 Individuazione dei responsabili e conferimento di incarico 1. L individuazione dei titolari di incarico avviene nel rispetto delle procedure di Ateneo; i titolari di incarico possono essere individuati anche attraverso forme di mobilità collegate all attribuzione di posizioni di responsabilità anche da realizzare attraverso percorsi di accertamento delle competenze funzionali a definire bacini di riferimento da cui attingere, così come previsto dalle vigenti linee guida in materia di mobilità interna ed esterna. 2. L individuazione dei responsabili di posizioni organizzative: a. per le aree dirigenziali è formalizzata dal dirigente a capo dell area con proprio atto, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista; b. per le responsabilità su Plessi (logistici ed informatici di cui all art. 20 co. 3 sub. 3.2 e 3.3) è formalizzata dal dirigente dell area di riferimento; c. per le altre Strutture di Ateneo è proposta dai responsabili al Direttore Generale, in coerenza con l organizzazione dei servizi tecnico amministrativi prevista e anche come esito finale nel caso di procedura di accertamento delle competenze o bandi di mobilità. Per le responsabilità amministrative gestionali nelle Scuole e Vicepresidenze e nei Dipartimenti, l individuazione è del Direttore Generale o del dirigente delegato. 3. Tutte le responsabilità di secondo livello nelle strutture di ricerca e di didattica sono ricoperte attraverso specifici bandi o percorsi di accertamento delle competenze di cui al co. 1, ad esclusione, in prima applicazione, delle responsabilità tecniche di laboratorio e specialistiche. 4. L incarico viene conferito con atto del Direttore Generale, o suo delegato, sulla base del provvedimento di individuazione del titolare per le aree dirigenziali, sulla base della proposta dei responsabili o in base all esito delle forme di mobilità previste. 5. L atto di conferimento dell incarico contiene: la definizione del ruolo, la collocazione all interno dell organigramma di Ateneo, la dipendenza gerarchica e/o funzionale, le principali attività e le connesse responsabilità, le principali competenze necessarie (conoscenze e capacità), la durata e la fascia di indennità. 6. Per il conferimento dell incarico l Amministrazione procede nel rispetto di quanto indicato nel art. 75 co. 3 CCNL Per l affidamento di incarichi a personale con rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (part-time) il Responsabile di Struttura valuta la compatibilità di tale regime con le responsabilità e i compiti connessi all incarico da affidare al fine di assicurare il buon andamento, l efficacia e l efficienza nella gestione dei servizi. Ciò sia nel caso di individuazione di un titolare di posizione organizzativa già in regime di part-time che nel caso di richiesta di trasformazione del proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. 8. Non è prevista l individuazione di un ulteriore titolare di incarico per espletare le responsabilità già affidate a coloro che usufruiscono di rapporto di lavoro in regime di tempo parziale (es. part-time verticale). Art. 19 Revoca e mutamento dell incarico Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 13

14 1. L incarico può essere revocato con atto scritto e motivato del Direttore Generale (o del dirigente delegato) prima della scadenza nei casi previsti dal CCNL vigente ovvero in relazione a intervenuti mutamenti organizzativi, in conseguenza di specifico accertamento di risultati negativi (art. 75 co. 4 e co. 5 CCNL ), per motivi disciplinari (art. 76 co. 3 CCNL ). L incarico può essere revocato anche su richiesta del dipendente (art. 76 co. 3 CCNL ) tenuto conto delle specifiche esigenze organizzative. 2. Il mutamento dell incarico comporta l attribuzione di un altro equivalente in termini economici, intendendo con ciò l attribuzione di un indennità di posizione variabile in meno, di norma, non oltre il 10% del valore dell indennità di posizione di partenza, fatto salvo il caso di revoca dell incarico per motivi disciplinari o su richiesta del dipendente (art. 76 co. 3 CCNL ). L attribuzione dell indennità di posizione variabile in meno di non oltre il 10% ha durata pari alla scadenza prevista per l incarico revocato. Art. 20 Tipologia di responsabilità riconosciute 1. L Amministrazione individua e riconosce incarichi con particolare riferimento a ruoli gestionali (amministrativi, tecnico-scientifiche e di biblioteca) e responsabilità specialistiche al personale di categoria EP così come previsto dall art. 75 del CCNL del Ruoli amministrativo gestionali: 2.1. Responsabile di settore (quale unità di secondo livello a presidio di una articolazione funzionale della struttura organizzativa) nelle aree dell Amministrazione Generale. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali: personale coordinato (strutturato e non strutturato); livelli organizzativi gerarchicamente subordinati; indicatori di complessità definiti da: bacino di utenza dei servizi forniti e/o eterogeneità delle strutture servite in ragione della funzione presidiata e/o valore economico di riferimento gestito (diretto o indiretto) Responsabile gestionale di vicepresidenza. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali: personale coordinato direttamente, numero di corsi attivati e presenza di corsi internazionali Coordinatore gestionale di Scuola. Il ruolo di Coordinatore gestionale di Scuola è attribuito come incarico ulteriore tra i responsabili gestionali di vicepresidenza della Scuola stessa. Nelle scuole che non si articolano in più vicepresidenze le responsabilità del coordinatore rientrano tra quelle del responsabile gestionale di vicepresidenza, ad eccezione di quelle relative al coordinamento degli altri responsabili gestionali di vicepresidenza e il ruolo non rappresenta un incarico ulteriore Responsabile amministrativo di Dipartimento - Coordinatore gestionale. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali totale delle entrate (comprese entrate proprie); personale che fa riferimento alla Struttura (es. personale tecnico amministrativo complessivo, assegnisti di ricerca, docenti e ricercatori) e personale coordinato direttamente Responsabile amministrativo gestionale di struttura (di cui all art. 25 dello Statuto e seguenti). Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali totale entrate (comprese entrate proprie); personale che fa riferimento alla Struttura (es. personale tecnico amministrativo complessivo, assegnisti di ricerca) e numero di docenti e ricercatori Responsabile amministrativo gestionale di centro interdipartimentale o altra struttura con autonomia di bilancio: responsabilità confermate in via transitoria nelle more della riorganizzazione delle strutture di cui all art. 25 dello Statuto di Ateneo. 3. Ruoli gestionali tecnico scientifici Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 14

15 4.1. Coordinatore gestionale dei laboratori di Dipartimento. Tale responsabilità è affidata e valutata anche sulla base di indicatori quali: personale coordinato (direttamente e/o funzionalmente), numero di persone (docenti, ricercatori, assegnisti ed eventuale personale non strutturato) che operano nei gruppi di ricerca, numero di progetti Responsabile di plesso ad alta complessità. Tale responsabilità è assegnata nei Plessi collocati nella prima fascia di complessità in ragione della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come l estensione della superficie, il numero delle strutture presenti e la destinazione d uso e tenendo conto di specifici fattori contingenti riguardanti il particolare stato di conservazione dell immobile Responsabile informatico di plesso ad alta complessità. Tale responsabilità è assegnata nei Plessi Informatici identificati nell ambito della classificazione effettuata dall area competente sulla base di indicatori come la condivisione di infrastrutture di rete e servizi sistemistici affini, la necessità di supporto tecnico informatico di base e la dislocazione territoriale. 4. Ruoli amministrativo specialistici 4.1. Responsabile di progetto/unità di progetto complesso di rilevanza strategica (project manager). L Amministrazione conferisce incarico per progetti di rilevanza strategica che si caratterizzano per una complessità di gestione valutata anche sulla base di indicatori quali: grado di rilevanza strategica, numero complessivo di personale coordinato funzionalmente, numero e tipo di strutture coinvolte, valore economico del progetto, destinatari del progetto Responsabile di funzione/unità professionale L Amministrazione conferisce incarichi per funzioni professionali (professional) che richiedono competenze specifiche ed altamente qualificate sia in ambito tecnico che gestionale. La responsabilità è valutata anche sulla base di indicatori quali il livello di rappresentanza verso l'esterno, la tipologia di destinatari interni, del contributo professionale e la diffusione/unicità della posizione professionale, l esclusività o interscambiabilità tra il personale di categoria EP all'interno dell'ateneo Figure professionali riconosciute in attuazione di disposizioni normative o procedurali (es. mobility manager, energy manager, responsabile contenzioso del personale, medico competente, ecc). L Amministrazione riconosce la responsabilità di specifiche figure da individuare a norma di legge, in ragione della complessità gestionale dell Ente e della valenza trasversale dei servizi resi a più strutture di Ateneo Responsabile di processo/unità di processo complesso di rilevanza strategica. L Amministrazione conferisce incarico per la progettazione complessiva di processi di rilevanza strategica che si caratterizzano per una complessità di gestione valutata anche sulla base di indicatori quali: numero complessivo di personale coordinato funzionalmente, numero e tipo di strutture coinvolte, destinatari diretti del processo Responsabile di unità di standardizzazione. L Amministrazione conferisce incarico per la definizione di standard, regole comuni, iter e procedure condivise, relative allo svolgimento di un processo omogeneo o di attività presidiate da più unità organizzative gestionali che si caratterizzano per una complessità di gestione valutata anche sulla base di indicatori quali: numero complessivo di personale coordinato funzionalmente, numero e tipo di strutture coinvolte, destinatari diretti del processo di standardizzazione Responsabile di attività di studio e/o ricerca (ex art. 74 CCNL ). L Amministrazione conferisce incarichi per funzioni professionali e specialistiche (professional) che richiedono competenze specifiche ed altamente qualificate per attività di studio e/o di ricerca, su indicazione del Direttore di Dipartimento. La responsabilità è valutata anche sulla base di indicatori quali il numero di pubblicazioni scientifiche su riviste indicizzate con impact factor e capitoli di libri in inglese per una diffusione internazionale, coinvolgimento nel progetto di ricerca e tipologia del progetto di ricerca Responsabile di filiera di servizio nei dipartimenti (es. valorizzazione della ricerca in raccordo con l Area della Ricerca con particolare riguardo ai servizi specifici di supporto con figure professionali specializzate Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 15

16 per le attività di gestione e rendicontazione presso il Dipartimento, rapporti con l esterno per comunicazione e fundraising, post laurea e dottorato di ricerca per la parte di competenza interna, etc). Tale responsabilità è affidata e valutata, nel primo caso, anche sulla base di indicatori quali numero di progetti europei vinti sia come partner che come coordinatore, numero di iniziative in cui il Dipartimento è coinvolto, in relazione ai docenti responsabili afferenti, numero di interazioni, anche contabili, con altri Dipartimenti o relativi ai progetti di cui sopra. 5. Nelle more dell approvazione del nuovo regolamento del sistema bibliotecario le responsabilità in ambito bibliotecario rimangono quelle previste dal precedente Protocollo sui criteri per il riconoscimento e l attribuzione degli incarichi di responsabilità al personale di categoria EP ex art. 37 CCNL sottoscritto il , elencate nell allegato 3, parte integrante del presente documento. 6. Gli indicatori definiti nei commi precedenti costituiscono il principale riferimento dell Amministrazione per determinare la complessità organizzativa del ruolo e, di norma, il criterio guida per l attribuzione dell incarico a personale di categoria EP. 7. Per le posizioni di responsabilità di cui ai commi 2, 3 e 4 del presente articolo, dove di norma opera il personale di cat. D, l Amministrazione prevede che queste possano essere attribuite a personale di cat. EP in coerenza al maggiore grado di autonomia e responsabilità e tenuto conto di alcuni fattori di complessità individuati nei medesimi commi. Art. 21 Sistema di graduazione degli incarichi e retribuzione di posizione 1. Per la determinazione della retribuzione di posizione spettante al dipendente in relazione all incarico affidato viene utilizzata una metodologia che si basa sull analisi e la valutazione di fattori quantitativi e qualitativi caratterizzanti la posizione stessa. Sulla base della metodologia viene definito il relativo peso organizzativo che permette di collocare la posizione nella corrispondente fascia di indennità. 2. La metodologia adottata prende in considerazione i seguenti fattori di valutazione: COMPETENZE SPECIALISTICHE: considera le competenze tecniche/professionali necessarie per ricoprire in modo adeguato la posizione. PROBLEM SOLVING: considera la capacità di analizzare e risolvere i problemi richiesta dalla posizione. INNOVAZIONE: considera il livello di innovazione necessario per ricoprire adeguatamente la posizione e per raggiungere gli obiettivi pianificati. DECISIONALITA : considera la libertà nel prendere decisioni e la tipologia e l'impatto delle decisioni assunte. GESTIONE: considera le responsabilità manageriali e/o gestionali della posizione ed i fattori che direttamente o indirettamente la influenzano. RISULTATI E DIMENSIONI DELLA POSIZIONE: considera l impatto della posizione sul raggiungimento dei risultati dell Ateneo e le variabili dimensionali specifiche, in corrispondenza di ciascun ruolo riconosciuto, definite tenendo conto degli indicatori individuati nell art. 18 del presente documento. SUPPORTO FORNITO: considera l integrazione, la cooperazione ed il supporto che la posizione dà alle altre strutture dell Ateneo. RAPPORTI INTERNI: considera la necessità e la criticità delle relazioni e dei rapporti interpersonali della posizione all interno dell Ateneo. RELAZIONI ESTERNE: considera la necessità e la criticità delle relazioni e dei rapporti interpersonali della posizione all'esterno dell Ateneo. La griglia di analisi utilizzata per la valutazione delle posizioni organizzative con la descrizione delle aree, dei fattori e dei punteggi è riportata nell allegato 3. Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 16

17 3. Per il personale con incarico sono individuate tre fasce di indennità in corrispondenza dei seguenti punteggi: FASCIA 1 Oltre punti 551 FASCIA 2 Da punti 401 a punti 550 FASCIA 3 Fino a punti Gli uffici preposti dell Amministrazione curano la fase istruttoria per l analisi del ruolo e la definizione del peso attribuibile alla posizione di responsabilità, ai fini della determinazione della corrispondente indennità (retribuzione di posizione). La validazione è effettuata dal Direttore Generale, sentito anche il Responsabile della struttura di afferenza del dipendente, tenendo conto dell equità complessiva. 5. L assetto complessivo delle indennità di responsabilità è validato annualmente dal Direttore Generale. 6. L ammontare della retribuzione annua di posizione e di risultato viene definito nel Contratto Collettivo Integrativo di Lavoro nel limite delle somme destinate dal Fondo al finanziamento dell istituto ex art. 90 CCNL del L Amministrazione monitora costantemente la mappatura degli incarichi di responsabilità ex art. 75 del CCNL del sulla base dei criteri definiti nel presente documento e collega la definizione dei valori economici delle singole fasce di indennità a quanto stabilito nell ambito della contrattazione integrativa. Art. 22 Affidamento di ulteriori incarichi 1. Il personale di norma è titolare di un solo incarico di responsabilità. Nel caso in cui si renda necessario conferirne uno ulteriore, rispetto all incarico prevalente, è attribuita una indennità accessoria ulteriore che viene definita nella misura massima del 30% della retribuzione di posizione percepita per l incarico già in essere. Tale percentuale è definita al momento del conferimento dell incarico stesso e la somma totale corrisposta non può essere comunque superiore al massimo previsto dall art. 76 co. 1 CCNL Per l incarico di responsabile amministrativo gestionale, in caso di ulteriore responsabilità in strutture con autonomia di bilancio che abbiano un valore delle entrate (riferite alla media del triennio) inferiore a , l indennità aggiuntiva è definita nella misura del 15%. 3. E possibile prevedere responsabili ad interim per un periodo non superiore ai 12 mesi. Gli incarichi ad interim possono essere attribuiti per il tempo necessario ad espletare le procedure di individuazione del responsabile. 4. Le responsabilità aggiuntive su unità permanenti di natura gestionale (es. responsabile di ufficio e di settore dell Amministrazione Generale, responsabili di biblioteca, ecc) di norma possono essere attribuite per un periodo non superiore a 18 mesi. 5. Non sono previste ulteriori indennità qualora alla responsabilità in essere venga aggiunta una responsabilità su posizioni di livello gerarchicamente subordinato alla stessa (es. settore ufficio dello stesso settore) o di livello contrattuale inferiore a quella prevista per gli incarichi del personale di cat. EP (posizioni ex art. 91 co. 1 CCNL es. ufficiale rogante) ad eccezione dei casi, di seguito elencati, in cui verrà corrisposta una indennità aggiuntiva pari al 15% della retribuzione dell incarico già in essere: Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 17

18 5.1. incarico aggiuntivo di Responsabile Assicurazione Qualità nominato formalmente dal Responsabile di Struttura (art. 6 co. 1 sub. 1.2 lettera h del presente documento); 5.2. incarico aggiuntivo di Responsabile di unità locale, nelle unità locali con smaltimento medio di rifiuti pari o superiore a 2 % del totale dei rifiuti smaltiti dal Nu.Te.R. calcolato su base triennale (art. 6 co. 1 sub. 1.2 lettera f del presente documento); 5.3. incarico aggiuntivo di Addetto Locale (art. 6 co. 1 sub. 1.2 lettera i del presente documento). 6. Al personale di categoria EP con incarico cui venga temporaneamente e formalmente conferita delega di funzione ai sensi dell art. 17 co. 1 bis del D. Lgs. n. 165/2001 viene corrisposta una indennità accessoria ulteriore nella misura del 30% della retribuzione di posizione percepita; la somma totale corrisposta non può essere comunque superiore al massimo previsto dall art. 76 co. 1 CCNL Art. 23 Sostituzione di personale titolare di incarico 1. Nel caso di assenza con diritto alla conservazione del posto diversa da quella per ferie (es. maternità, malattie ecc) per periodi superiori ad un mese, è possibile conferire incarico al sostituto fino al rientro in servizio del titolare. 2. L assenza per ferie è equiparata alla presenza in servizio, pertanto non è prevista sostituzione del titolare. 3. Non è prevista la corresponsione dell indennità per sostituzioni del titolare per periodi inferiori o uguali al mese. Art. 24 Retribuzione di risultato 1. Il titolare di incarico, così come previsto dall art. 75 co. 5 e dall art. 76 co. 4 CCNL , viene valutato annualmente sulla base dei criteri e delle modalità adottate dal Sistema di Valutazione dei risultati del personale tecnico amministrativo vigente. Art. 25 Comunicazioni alle organizzazioni sindacali 1. L Amministrazione, con cadenza annuale, informa le Organizzazioni Sindacali in merito all assetto degli incarichi conferiti, la struttura di riferimento e la relativa fascia di indennità. Sezione 3 - Incarichi ex art. 75 CCNL Ctg. EP 18

19 ALLEGATI Allegato 1 Descrizione dei ruoli e dei requisiti minimi per le responsabilità tecniche 1 - Responsabile funzione specialistica a supporto della ricerca e della didattica ex art. 91 co. 1 CCNL (rif. art. 5 co. 1 sub. 1.2 lettera b). a) Ambiti di attività prevalenti Il Responsabile della Struttura deve attribuire formalmente la responsabilità di fornire, in via prevalente e continuativa, il proprio contributo e la propria competenza specifica in almeno due dei seguenti ambiti di attività caratterizzanti la posizione, nell ambito dell autonomia e responsabilità propri della categoria di appartenenza. - supporto tecnico specialistico all ideazione e sviluppo di nuove metodiche di analisi e di procedimenti tecnici a supporto della ricerca; - supporto tecnico specialistico nell ambito delle sperimentazioni tecniche, procedimenti di analisi e/o prove effettuate nel laboratorio per la didattica e/o la ricerca; - supporto tecnico qualificato all elaborazione dei risultati di ricerca, alla produzione di pubblicazione o parti di essi come risultati dell attività di ricerca svolta; - funzione tecnica specialistica di supporto al personale docente per la predisposizione di metodiche di laboratorio a favore della didattica. b) Standard minimi di complessità Per il riconoscimento della responsabilità deve essere presente un indice di complessità, calcolato sulla base delle dimensioni individuate pari a 35/50. Dimensione scala punteggio Numero dei progetti scientifici e/o di ricerca applicata ai quali si collabora stabilmente* Fino al 33 percentile 3 Dal 34 percentile al 66 percentile 6 Oltre il 66 percentile 10 Servizi per la didattica predisposti e Fino al 33 percentile 3 organizzati per rispondere alle esigenze di Dal 34 percentile al 66 percentile 6 un numero medio annuo di studenti dei corsi di studio e post laurea Oltre il 66 percentile 10 Reperibilità della professionalità all interno della struttura nella quale si presta la propria attività lavorativa Eterogeneità degli utenti dei servizi resi Elevata interscambiabilità della professionalità (più di 4 possibili professionalità) Limitata interscambiabilità della professionalità (da 2 a 4 possibili professionalità) Unicità della posizione (nessun altra possibile professionalità) Prevalentemente interni alla struttura di appartenenza Interni ed esterni 6 Allegato 1 - Descrizione dei ruoli e dei requisiti minimi per le responsabilità tecniche

20 Prevalentemente esterni alla struttura di appartenenza 10 Pubblicazioni scientifiche su riviste Fino al 33 percentile 3 indicizzate con impact factor e capitoli di libri in inglese per una diffusione Dal 34 percentile al 66 percentile 6 internazionale Oltre il 66 percentile 10 * Numero di progetti scientifici e/o di ricerca applicata (nazionali/internazionali) finanziati conteggiati come somma dell ultimo triennio. Si precisa che ai fini della valutazione nel conteggio dei progetti si intendono esclusivamente progetti scientifici e/o di ricerca applicata (nazionali o internazionali) finanziati (es. PRIN ). Non sono quindi valutabili progetti di ricerca finalizzati all elaborazione di tesi di laurea, fasi singole del medesimo progetto (un progetto sebbene articolato in più fasi va conteggiato una sola volta). Non sono valutabili altresì progetti legati all attività didattica, in quanto la complessità relativa ai servizi erogati per la didattica viene intercettata già dal numero di studenti a favore dei quali la funzione specialistica indicata fornisce servizi. Sarà necessario allegare, alla scheda per la segnalazione, un elenco dei progetti valutati. 2 - Responsabile tecnico di unità di laboratorio a supporto della ricerca e/o della didattica ex art. 91 co. 1 CCNL (rif. art. 5 co. 1 sub. 1.2 lettera f) - Requisiti minimi (devono essere tutti presenti ai fini del riconoscimento). a) Ambiti di attività prevalenti Il Responsabile della Struttura deve attribuire formalmente la responsabilità di fornire, in via prevalente e continuativa, il proprio contributo e la propria competenza specifica in almeno quattro dei seguenti ambiti di attività caratterizzanti la posizione, nell ambito dell autonomia e responsabilità propri della categoria di appartenenza. - cura della manutenzione e dell efficienza delle dotazioni di laboratorio (es. apparecchiature e attrezzature) dell unità presidiata; - organizzazione del servizio e dell utilizzo degli spazi e delle attrezzature da parte degli utenti (es. docenti, ricercatori, studenti, dottorandi, ecc.), sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile della Struttura; - supporto nella gestione degli acquisti di materiale di consumo del laboratorio (es. contatto fornitori, richiesta preventivi, pareri tecnici su ordini ecc.); - monitoraggio del corretto svolgimento delle attività da parte degli utenti nel rispetto dei regolamenti di funzionamento del laboratorio e delle procedure di sicurezza; - coordinamento funzionale dell attività del personale (strutturato o con rapporto di collaborazione) che svolge la propria attività all interno dell unità di laboratorio presidiata. b) Standard di servizio L unità di laboratorio deve presentare uno standard di servizio, dato dalla somma dei fattori di seguito elencati con un punteggio almeno pari a 32/40. Dimensione Scala Punteggio Allegato 1 - Descrizione dei ruoli e dei requisiti minimi per le responsabilità tecniche 20

REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE

REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE richiamato lo Statuto e il Regolamento Generale di Ateneo; richiamata la Legge 9 maggio 1989, n. 168; richiamato il D.lgs n. 165 del 30.03.2001 recante Norme generali

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

LUISS g~:ft "!'BERA l!~jv'ersità l''!tf:n''''zionale DEGLI STUDI SOCIALI

LUISS g~:ft !'BERA l!~jv'ersità l''!tf:n''''zionale DEGLI STUDI SOCIALI REGOLAMENTO per il conferimento di contratti di diritto privato di lavoro subordinato per ricercatori a tempo determinato, ai sensi dell art. 24 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240 (con le modifiche proposte

Dettagli

SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n.

SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n. SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n. 33/2013 L Università per Stranieri di Perugia ha destinato per

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

U.S.R Decreto n. 1682

U.S.R Decreto n. 1682 U.S.R Decreto n. 1682 IL RETTORE VISTO l'art.75 dello Statuto dell'ateneo; VISTO il D.Lgs. n. 165/2001 e successive modifiche ed integrazioni; VISTO il CCNL Comparto Università, sottoscritto in data 16.10.08;

Dettagli

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI

REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI Approvato con deliberazione di G.C. n. 89 del 9.09.2013 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELL ACCORDO TRA DELEGAZIONE DI PARTE

DOCUMENTO DI SINTESI DELL ACCORDO TRA DELEGAZIONE DI PARTE DOCUMENTO DI SINTESI DELL ACCORDO TRA DELEGAZIONE DI PARTE PUBBLICA E DELEGAZIONE DI PARTE SINDACALE SULLE TEMATICHE RELATIVE AL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO 1. DISCIPLINA DEGLI INCARICHI CONFERITI

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione delle posizioni dirigenziali

Sistema di misurazione e valutazione delle posizioni dirigenziali Allegato Sistema di misurazione e valutazione delle posizioni dirigenziali Approvato con Delibera di Giunta n. 7 del 1/0/01 Comune di Prato Regolamento per l ordinamento degli Uffici e dei Servizi Allegato

Dettagli

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014 Senato Accademico 21.6.2011 e 19.2.2014 Consiglio di Amministrazione 28.6.2011 e 26.2.2014 Decreto Rettorale 654-2011 del 7.7.2011 e 240-2014 del 3.3.2014 e 1056-2014 del 4.9.2014 Pubblicazione all Albo

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DI BOLOGNA CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DELL ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA (anno 2012) 1 Le Parti danno atto che

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA DIREZIONE GENERALE

UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA DIREZIONE GENERALE Regolamento per la disciplina delle Progressioni Economiche Orizzontali (PEO) del personale tecnico-amministrativo dell' Premessa (Linee di indirizzo generali) Il presente Regolamento si ispira alle seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Accordo sugli istituti economici del CCNL 27.1.2005 Anno 2006 In data, presso la sala consiliare dell Università degli Studi di Napoli Parthenope, la delegazione di parte pubblica, costituita dal Rettore

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Università degli Studi del Molise RELAZIONE ILLUSTRATIVA FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Anno 2013 Relazione illustrativa Indice Modulo I Illustrazione

Dettagli

Relazione illustrativa e Relazione tecnico-finanziaria (articolo 40, comma 3-sexies, Decreto Legislativo n. 165 del 2001)

Relazione illustrativa e Relazione tecnico-finanziaria (articolo 40, comma 3-sexies, Decreto Legislativo n. 165 del 2001) Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI, RIVENIENTI DA FINANZIAMENTI EXTRA FFO, DA PARTE DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DI FOGGIA (emanato con D.R.

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE. Anno 2014 stralcio 1.1.2014 30.4.2014

PIANO DELLA PERFORMANCE. Anno 2014 stralcio 1.1.2014 30.4.2014 PIANO DELLA PERFORMANCE Anno 2014 stralcio 1.1.2014 30.4.2014 Art. 10, D.lgs. n. 150 del 27.10.2009 (Delibera del C.d.A. 31/1/2014) 1. Premessa - Analisi del contesto interno L Ateneo sta concludendo la

Dettagli

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei TITOLO IV LA VALUTAZIONE E LA PREMIALITA DEL PERSONALE Premessa L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei comportamenti coerenti con la missione, i valori

Dettagli

Ha collaborato in studi legali per circa quattro anni.

Ha collaborato in studi legali per circa quattro anni. 1 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gaetana Genova Data di nascita 27/06/1957 Qualifica Area Amm. Gestionale D5 Amministrazione Università di Palermo Incarico attuale Responsabile UOB Strutture e Convenzioni

Dettagli

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna -

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - Testo coordinato del Regolamento sulle modalità di ripartizione dei proventi di cui all Art. 66 del DPR 382/80 derivanti da attività di ricerca e consulenza, eseguite mediante contratti e convenzioni stipulati

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELL AOUS Premessa Il Decreto Legislativo 27 ottobre 2009 n.150, attuativo della Legge 4 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Art. 4 Bando Il Dipartimento procede all emanazione del bando e allo svolgimento della procedura concorsuale.

Art. 4 Bando Il Dipartimento procede all emanazione del bando e allo svolgimento della procedura concorsuale. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA A - EX ART. 24, COMMA 3, LETT. A) LEGGE N. 240/2010. Emanato con D.R. n. 1933/2015 del 30/06/2015. Art. 1 Finalità

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA L anno 2005 il giorno 25 del mese di Ottobre, alle ore 8.45, nella sala del Consiglio di Palazzo Giuliari, sede dell Università di Verona, si sono riunite le delegazioni di Parte Pubblica e di Parte Sindacale

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI LINEE GUIDA DI ORGANIZZAZIONE. MODULO I: amministrazione generale

DOCUMENTO DI SINTESI LINEE GUIDA DI ORGANIZZAZIONE. MODULO I: amministrazione generale DOCUMENTO DI SINTESI LINEE GUIDA DI ORGANIZZAZIONE MODULO I: amministrazione generale Documento di sintesi: Linee guida di organizzazione. Modulo I: Amministrazione Generale Febbraio 2009 - Alma Mater

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Via Libertini, 3 cap. 73100 Tel. 0832/258611 Fax 0832/258636 accademialecce@libero.it / www.accademiabelleartilecce.com Prot. n. 5507/C11

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE NORME CONCORSUALI APPROVATE CON DELIBERAZIONE N. N. 155 IN DATA 16/06/2006 (MODIFICATA CON SUCCESSIVE DELIBERE N. 216 IN DATA 08.09.2006, N. 298 IN DATA 15.12.2006 E N. 304

Dettagli

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI RICERCA, AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con Decreto Rettorale del 29 marzo 2011, numero

Dettagli

Il processo di riorganizzazione amministrativa dell Università di Catania

Il processo di riorganizzazione amministrativa dell Università di Catania Il processo di riorganizzazione amministrativa dell Università di Catania La riorganizzazione amministrativa deve essere concepita come parte di un più ampio processo che riguarda il governo dell Ateneo,

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLE CATEGORIE Emanato con Decreto Rettorale n. 461 del 08.06.2015 Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

in vigore dal 14 Luglio 2011 Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

in vigore dal 14 Luglio 2011 Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART 24 DELLA LEGGE 240/2010 (Emanato con D.R. n. 1284 del 13 luglio 2011; pubblicato nel B.U. n. 94) in vigore dal 14 Luglio 2011 Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 - Sede, personale e assetto organizzativo...2

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO

Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO 2 Struttura della retribuzione CCNL 2002-2005 art. 33 TRATTAMENTO FONDAMENTALE TRATTAMENTO ACCESSORIO INDENNITA

Dettagli

Art. 3 Programmazione didattica

Art. 3 Programmazione didattica Regolamento sull'impegno didattico dei professori e ricercatori universitari (l. 240/10, art. 6, c. 2 e 3), sulla verifica dell'effettivo svolgimento dell'attività didattica (l. 240/10, art. 6, c. 7) e

Dettagli

OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ

OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ 1 OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ QUESITO (posto in data 23 luglio 2013) Ho chiesto recentemente all'ufficio del Personale della nostra Azienda l'aggiornamento

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato ai Responsabili di P.O. e Alte Professionalità ART. 1

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Sommario 1. Premessa... 3 2. Selezione dei dati da pubblicare... 4 3. Descrizione delle modalità di pubblicazione online dei dati... 8 4.

Dettagli

Prot. N.1326/A26 S. Angelo Lodigiano, 16/4/2015

Prot. N.1326/A26 S. Angelo Lodigiano, 16/4/2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DI ACCOMPAGNAMENTO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 DELL ISTITUTO COMPRENSIVO R.MORZENTI SANT ANGELO LODIGIANO (ai sensi dell art. 40 bis, comma 5, D.Lgs. 165/2001

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. Decreto n. 11397 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca; VISTI gli artt. 24 e 29, comma 11, lettera c) della Legge 30 dicembre 2010,

Dettagli

Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990 e 18/01/2005) OGGETTO

Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990 e 18/01/2005) OGGETTO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 33081 - Aviano (PN) - Italy Via Franco Gallini 2 C.F. - P.IVA 00623340932 Tel. 0434/6591 Fax 0434/652182 CRO A V I A N O Istituto di ricovero

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA COMPETENZA AUTORE DATA Relazione illustrativa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

Regolamento di Organizzazione

Regolamento di Organizzazione A. S. P. CITTA DI SIENA: Azienda Pubblica di Servizi alla Persona (Legge Regione Toscana 3 Agosto 2004 n. 43) Regolamento di Organizzazione Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 110 del 7 Dicembre

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 Università Iuav di Venezia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n. 190) 1 1. Premessa La legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Allegato alla D.G.C. n. 63 del 07/09/2011 COMUNE DI CALCATA Provincia di Viterbo METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Considerazioni

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE Emanato con DR. Rep. n. 548/2012 prot. n. 22878/XII/1 del 15.11.2015 Art. 1 Composizione 1. Il Dipartimento

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

Il Dottorato industriale

Il Dottorato industriale Il Dottorato industriale Milano, 16 aprile 2014 Il quadro normativo Decreto ministeriale 8 febbraio 2013, n. 45, che disciplina: a) le modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato b)

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Roma

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Roma Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Roma REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELL ATTIVITA AMMINISTRATIVA, DELLA DIRIGENZA E DELLE STRUTTURE OPERATIVE (Delibera

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE N. 240/2010 Emanato con D.R. Rep. n. 1296/2011 del 20/10/2011 Ultime modifiche emanate con D.R. Rep.

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2014-918 del 29/12/2014 Oggetto Servizio Sviluppo Organizzativo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11, c. 8, lett. a), D.lgs. n. 150 del 27.10.2009) PREMESSA Il presente documento, redatto ai sensi dell art. 11, c. 8, lettera a), del decreto

Dettagli

Regolamento sul sistema permanente di valutazione delle prestazioni e dei risultati dei dipendenti

Regolamento sul sistema permanente di valutazione delle prestazioni e dei risultati dei dipendenti ALLEGATO alla delibera di Giunta Comunale n. 27 del 01/03/2011 Regolamento sul sistema permanente di valutazione delle prestazioni e dei risultati dei dipendenti Approvato con deliberazione di Giunta comunale

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Anno 2015

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Anno 2015 1 IL SISTEMA DI VALUTAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Anno 2015 2 PIANIFICAZIONE STRATEGICA E PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Pianificazione Strategica INDIRIZZI STRATEGICI Orizzonte pluriennale

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PROVINCIA DI FIRENZE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Parte I - Articolazione generale del sistema di misurazione e valutazione 1. Premessa 2. Piano della performance 3. Principi

Dettagli