LA GESTIONE DEL PERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEL PERSONALE"

Transcript

1 LA GESTIONE DEL PERSONALE 1 1

2 RAPPORTO DI LAVORO FONTI GIURIDICHE SISTEMA CONTRATTUALE 2 2

3 Le fonti giuridiche del rapporto di lavoro La costituzione: che pone il lavoro a fondamento dello Stato; Il codice civile: che detta la disciplina generale del rapporto di lavoro indicando i principali obblighi delle parti; le leggi speciali in materia di lavoro: statuto dei lavoratori; la legge sulla parità tra uomini e donne; la legge sul diritto di sciopero 3 3

4 decreti legislativi: con i quali sono stati recepiti le Direttive europee in materia di lavoro; contratti nazionali di lavoro, stipulati come accordi collettivi tra le associazioni dei datori di lavoro e i sindacati dei lavoratori; contratti di lavoro aziendali, stipulati tra le singole imprese e i rappresentanti sindacali dei lavoratori; contratti di lavoro individuali, stipulati tra l impresa e il singolo lavoratore; è la lettera con la quale l azienda comunica: la data di assunzione, la durata della prova; 4 4

5 la posizione attribuita al lavoratore nell organico aziendale; la retribuzione; ogni altra pattuizione. regolamenti interni: concordati tra l impresa e i rappresentanti dei lavoratori; gli usi e consuetudini; applicati in mancanza di disposizioni. 5 5

6 principio fondamentale della legislazione è quello relativo alla parità tra i sessi: assoluta parità tra uomini e donne La normativa del mercato del lavoro è in continua evoluzione. L obbiettivo è quello di conciliare tre elementi fondamentali: la tutela dei diritti dei lavoratori; l aumento del livello di occupazione; la competitività delle imprese; 6 6

7 LA LEGGE BIAGI Il libro bianco contiene un serie di proposte volte a realizzare maggiore flessibilità del mercato del lavoro in particolare: creare nuove forme di contratto di lavoro; valorizzare il ruolo dell apprendistato; arginare vari tipi di violazione quali: il lavoro nero; sfruttamento del lavoro minorile etc rendere più elastico il lavoro part time. 7 7

8 DIRITTI DEI LAVORATORI: LO STATUTO DEI LAVORATORI Istituito con legge N 300 del con lo statuto dei lavoratori si è stabilito il principio in base al quale:... le esigenze dell impresa vengono soddisfatte a condizione che siano compatibili con la necessità di rispettare i diritti costituzionali dei lavoratori

9 I principali diritti dei lavoratori affermati dalla Costituzione possono così sintetizzarsi: Diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero e pertanto diritto alla libertà politica e sindacale; Diritto alla salute e all integrità fisica, al riposo e al tempo libero; Diritto al rispetto della propria dignità umana; Diritto alla parità di trattamento, senza discriminazione, nell inquadramento professionale e nella retribuzione sulla base di: motivazioni sindacali; politiche; religiose; di sesso. 9 9

10 Lo statuto dei lavoratori ha aggiunto ai diritti costituzionali i seguenti altri diritti: Diritto a riunirsi in assemblea e di svolgere consultazioni referendarie nell impresa su argomenti connessi all azione sindacale; Diritto di conoscere i nomi e i compiti specifici delle persone addette alla vigilanza, con divieto all impresa di istituire controlli a distanza sull attività svolta dai dipendenti mediante impianti televisivi, microfoni o attrezzature analoghe. diritto di gestire le manifestazioni culturali, ricreative e assistenziali, anche se realizzati con mezzi finanziari dell impresa. Diritto al riconoscimento di particolari condizioni di lavoro e orari di servizio per le donne, gli adolescenti, e gli studenti lavoratori

11 lo statuto dei lavoratori ha inoltre imposto alle imprese: di astenersi dal prendere iniziative tali da vanificare alcuni dei diritti fondamentali dei lavoratori sopra elencati, perciò l impresa non può: svolgere indagini sui dipendenti in merito alle opinioni: politiche sindacali religiose provvedimenti volti a ostacolare, o limitare l esercizio del diritto di sciopero e delle libertà sindacali

12 lo statuto dei lavoratori ancora, disciplina in modo rigoroso l esercizio del potere disciplinare dell impresa, stabilendo: Limiti precisi nell adozione di provvedimenti disciplinari a carico dei dipendenti e procedure da osservare per la loro applicazione; procedure che i lavoratori possono seguire per impugnare i provvedimenti disciplinari adottati dall impresa; Il codice civile con l art 2112 stabilisce: in caso di trasferimento dell azienda o di una parte di essa, il rapporto di lavoro continua con il cessionario e il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano

13 D.lgs 80/92: In caso di insolvenza dell impresa: tutela dei lavoratori in caso di fallimento dell impresa mediante l intervento del fondo di garanzia dei crediti dei lavoratori

14 IL SISTEMA CONTRATTUALE Il sistema italiano nel campo del lavoro è articolato su diversi livelli di contrattazione: nazionali; aziendali; Individuale; collettiva; individuali; La contrattazione può essere: La contrattazione collettiva è preceduta da una concertazione fra le parti sociali alle quali intervengono tre soggetti: 14 14

15 La contrattazione collettiva è preceduta da una concertazione fra le parti sociali alle quali intervengono tre soggetti: le associazioni degli imprenditori; i sindacati dei lavoratori; il Governo con il ministro del lavoro. La trattativa fra le associazioni, e i sindacati con il tramite del governo, conduce ad un accordo sul costo del lavoro, e rappresenta un punto di riferimento, perché contiene le indicazioni fondamentali per il raggiungimento degli obbiettivi economici considerati prioritari: tasso d inflazione; livello di disoccupazione; dinamica contributiva; pressione fiscale

16 I contratti collettivi di lavoro sono accordi in base ai quali le associazioni degli imprenditori e i sindacati dei lavoratori stabiliscono la disciplina del rapporto di lavoro da applicare ai lavoratori dipendenti di un determinato settore economico, di una certa area (regionale, settoriale, di filiera di comparto) o di una singola impresa. Ogni contratto collettivo è formato: da una parte normativa che fissa i diritti e i doveri; da una parte economica che specifica la retribuzione

17 Per quando concerne la loro estensione i contratti collettivi possono essere: nazionali se si applicano ai rapporti di lavoro dipendente dell intera categoria (es commercio, industria etc) hanno la durata di tre anni. decentrati se si applicano ai rapporti di lavoro dipendente di una determinata area (contratti territoriali) o di una singola impresa (contratti aziendali) vedete lo schema sul libro a pag

18 Contratti aziendali: tipici delle grandi aziende collegano gli aumenti retributivi alla produttività e alla redditività della singola impresa. Contratti individuali: lettera di assunzione: contiene tutte le condizioni pattuite tra le parti: qualifica; orario; periodo di prova; retribuzione; ferie; ect Si può discostare da quello collettivo solo con effetto migliorativo per i lavoratori dipendenti. art 2077 e 2078 c/c 18 18

19 FORME PARTICOLARI DI LAVORO DIPENDENTE Il lavoro a domicilio; Il lavoro part time; ricordiamo: Il lavoro con orario flessibile. Il lavoro a domicilio fa parte del lavoro subordinato e come tale ad esso vengono applicate le stesse regole. Il lavoro a domicilio è vietato: quando comporta l utilizzo di materiali nocivi; quando l impresa è in fase di ristrutturazione con licenziamenti 19 19

20 Nell ambito del lavoro a domicilio troviamo il telelavoro: E l attività svolta in un luogo esterno all azienda ma ad essa riconducibile con l impiego, anche parziale, di strumenti telematici. In questo tipo di contratto occorre ricordare: - l obbligo di reperibilità, almeno in certe ore della giornata; - la retribuzione è in genere commisurata a parametri e tempi di consegna dei risultati del lavoro svolto

21 Il lavoro part time: prevede una prestazione lavorativa di durata inferiore a quella praticata in azienda dai lavoratori a tempo pieno. - E un contratto individuale, può prevedere un articolazione: -orizzontale: orario ridotto tutti i giorni della settimana; -verticale: quando il lavoratore osserva un orario pieno solo per alcuni giorni della settimana, del mese, o dell anno. L impresa può richiedere al lavoratore part time lavoro supplementare pagato in modo ordinario; In caso di nuove assunzioni, il lavoratore part time ha diritto di prelazione sui nuovi assunti

22 IL CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE Con tale contratto, un impresa autorizzata, detta samministratrice, pone uno o più lavoratori a disposizione di un altra impresa, detta utilizzatrice. obblighi di soggetti coinvolti: l impresa somministratrice (autorizzata dal ministero del lavoro) esercita potere disciplinare fino alla durata del rapporto di lavoro; l impresa utilizzatrice utilizza le prestazioni di lavoro sotto la sua direzione; i lavoratori sono dipendenti dall impresa somministratrice ma prestano lavoro per l impresa utilizzatrice

23 ha introdotto: DL 276/2003 il lavoro intermittente (job on call), il lavoratore rimane a disposizione di un datore di lavoro aspettandone la chiamata e ricevendo in cambio un indennità il lavoro ripartito (job sharing) si tratta di un unica prestazione lavorativa ripartita tra due o più lavoratori che restano tutti solidali verso l azienda. L orario flessibile è un modo di lavorare, che permette al dipendente di scegliere l inizio e la fine del tempo giornaliero di lavoro all interno di certi limiti prefissati. permette: - di raccordare l esigenza dell impresa con quelle del lavoratore; - crea un clima di rapporti più sereno; - riduce l assenteismo e la disaffezione al lavoro

24 Mobilità del lavoro: con questo termine si intende lo spostamento dei lavoratori all interno della stessa impresa da un reparto all altro ovvero all estero, da un impresa all altra. E una procedura prevista dall impresa per risolvere il rapporto di lavoro dei dipendenti che risultano eccedenti rispetto alle esigenze dell impresa. leggi e trattano la disciplina della mobilità: possono far ricorso alla mobilità tutte le imprese che possiedono i requisiti per essere ammesse all intervento della cassa integrazione guadagni e ritengono di non poter più reimpiegare tutti i lavoratori sospesi

25 CGIS: CASSA INTEGRAZIONI GUADAGNI STRAORDINARIA E un ammortizzatore sociale che opera in via straordinaria per le imprese industriali che abbiano occupato in media più di quindici dipendenti nel semestre precedente alla richiesta di intervento. Gli interventi straordinari della cassa integrazione guadagni riguardano le situazioni: - di crisi (la CGIS non puo superare i 12 mesi; - di ristrutturazione (la CGIS è fissata in 24 mesi prorogabile); - di riorganizzazione (la CGIS è fissata in 24 mesi prorog.); - di conversione aziendale(la CGIS è fissata in 24 mesi prorog.); - in caso di fallimento; - in caso di altre procedure concorsuali

26 I8 La domanda di ammissione alla CIGS deve contenere il programma che l impresa intende attuare con le indicazioni delle misure sociali. Se il programma è approvato dal CIPI (comit. intermin. per il coordina. delle politiche industriali) l integrazione salariale è concessa con decreto del ministero del lavoro. l integrazione salariale è concessa al 80% della retribuzione globale con un massimo di 40 ore settimanali. La retribuzione viene anticipata dall azienda di appartenenza salvo il caso di grave crisi finanziaria di questa in tal caso provvede direttamente l INPS

27 INDENNITA DI MOBILITA Si ha la messa in mobilità quando le aziende ammessi alla CIGS non sono in grado di garantire il reimpiego di tutti o una parte dei dipendenti sospesi. Le imprese che mettono in mobilità i lavoratori (impiegati, operai, quadri) devono: - comunicare per iscritto a ciascuno lavoratore il recesso del contratto di lavoro; - consegnare l elenco dei lavoratori in mobilità, agli organi del territorio che curano il collocamento; - consegnare l elenco dei lavoratori in mobilità, alle associazioni sindacali di categoria; L individuazione dei lavoratori da collocare in mobilità deve compiersi in base alle esigenze tecnico-produttivo e organizzative dell imprese nonché osservando i criteri previsti nei contratti collettivi di categoria a garanzia dei lavoratori

28 L indennità di mobilità: è un tipo speciale di indennità di disoccupazione Ne hanno diritto: Tutti i lavoratori messi in mobilità. Viene richiesta all INPS Viene corrisposta: per un periodo compreso tra i 12 e i 36 mesi a seconda dell età e che non può comunque superare la durata dell anzianità maturata nell impresa. I lavoratori interessati sono favoriti nella ricerca di occupazione. La legge prevede si meccanismi di riassorbimento nella stessa impresa sia l attribuzione di 28 28

29 di una posizione di privilegio nel sistema di assunzione delle altre imprese Cessazione dei benefici: I lavoratori in mobilità cessano di percepire l indennità e vengono cancellati dalle liste quando: - rifiutano di essere avviati ad un corso di formazione professionale o non frequentano regolarmente; - rifiutano l offerta di un lavoro professionalmente omogeneo a quello svolto; - rifiutano di essere impiegati in opere o servizi di pubblica utilità (lavori socialmente utili)

30 - a tempo; - a cottimo; - a premio; PIANI RETRIBUTIVI La retribuzione: è la remunerazione del lavoro, è il compenso che spetta per le prestazioni eseguite. Può essere: La retrib.ne a tempo prevede un compenso rapportato all unita di tempo prescindendo dal risultato della prestazione di lavoro. La retrib.ne a cottimo, viene rapportata alle prestazioni fornite dal lavoratore: maggiore è la produzione maggiore sarà il salario

31 La retribuzione a premio: detta anche cottimo misto E una forma più evoluta rispetto al cottimo puro poiché prevede una paga base garantita a tutti i dipendenti, ed un premio che consiste in una maggiorazione della paga base in rapporto al più elevato rendimento del lavoro rispetto a quello standard Retribuzione a provvigione: (per i viaggiatori, piazzisti, e addetti alle vendite) Riconosce al lavoratore, in aggiunta allo stipendio fisso, un compenso commisurato al valore degli affari conclusi ed andati a buon fine

32 LE STOCK OPTIONS Sono offerte di acquisto di azioni dell impresa ad un prezzo inferiore rispetto a quello di mercato. Si tratta di operazioni rivolte ad incentivare i dipendenti che vedono collegato il loro rendimento all azienda dei quali ne sono in parte proprietari. Le stock opitions vengono fatte attraverso un aumento di capitale sociale con l emissione di azioni a pagamento riservate ai dipendenti a condizioni convenienti rispetto ai normali collocamenti di azioni sul mercato. solo da leggere da pag 354 a pag

33 NASCITA DEL RAPPORTO DI LAVORO con l assunzione del dipendente nasce il rapporto di lavoro: All atto dell assunzione il dipendente deve presentare: certificato di stato di famiglia per verificare se spetta l assegno per il nucleo famigliare; una dichiarazione concernente le detrazioni d imposta spettanti (per reddito di lavoro dipendente e per famigliari a carico); l attestato di disoccupazione; 33 33

34 L IMPRESA DEVE CONSEGNARE AL LAVORATORE LA LETTERA DI ASSUNZIONE DALLA QUALE DEVONO RISULTARE LE SEGUENTI INFORMAZIONI: identità delle parti, luogo di lavoro, data di inizio del lavoro; durata del rapporto; durata dell eventuale periodo di prova; inquadramento: livello e qualifica del lavoratore; retribuzione, e relativi elementi costitutivi; durata delle ferie; orario di lavoro; termini di preavviso nel caso di recesso del rapporto di lavoro

35 ADEMPIMENTI DEL DATORE DI LAVORO: DM Il datore di lavoro ha l obbligo di: compilare un unico modello che invia on line in caso: di assunzioni; di trasformazioni; di proroghe; di cessazione del rapporto di lavoro questo modello viene compilato (in sostituzione delle vecchie modalità di comunicazione fatte in modo cartaceo ai centri per l impiego, all INPS all INAIL e al ministero del lavoro e della previdenza sociale) 35 35

36 DM introduce la SCHEDA ANAGRAFICO-PROFESSIONALE Sostituisce il libretto di lavoro e costituisce la base dei dati di ciascun lavoratore all interno del sistema informativo del lavoro Generalità e dati anagrafici del lavoratore; Stato occupazionale; Dati curricolari: In essa vengono specificate: titoli di studio; esperienze professionali; lingue straniere conosciute; crediti formativi. Altre competenze e propensioni; Tipo di rapporto desiderato 36 36

37 DURATA DEL CONTRATTO Può essere: A tempo indeterminato senza scadenza; può estinguersi: in modo consensuale; per licenziamento; A tempo determinato o anche a termine ; E regolato dal DL 368/2001 che prevede: 37 37

38 Il datore di lavoro può assumere con contratto a termine a condizione che giustifichi in forma scritta i motivi: di carattere organizzativo; tecnico produttivo; sostitutivo. Il datore di lavoro non può assumere con contratto a termine per: sostituire lavoratori in sciopero; in cassa integrazione licenziati nei 6 mesi precedenti per riduz.ne del personale 38 38

39 E possibile assumere con contratto a tempo determinato solo se l impresa è in regola con le norme sulla sicurezza; Il tempo massimo di utilizzo del contratto a tempo determinato (compreso proroghe e rinnovi) e di 36 mesi per lo stesso contratto con la stessa mansione. Un ulteriore proroga otre questo termine è possibile solo se la proroga (per una sola volta) è redatta in forma scritta e firmata dalle parti davanti alla direzione del lavoro competente e alla presenza di un rappresentante sindacale del lavoratore. Non hanno il limite di 36 mesi i lavoratori stagionali; Dopo sei mesi di lavoro a tempo determinato nella stessa azienda, il lavoratore ha diritto di precedenza in caso di assunzione a tempo indeterminato nei 12 mesi successivi, e per la stesse mansioni

40 LA CONTABILITÀ DEL PERSONALE La gestione delle problematiche e della contabilità sono gestite dall ufficio del personale se si tratta di una grossa azienda oppure da terzi specializzati se si tratta di piccole o medie imprese. Le scritture riguardanti il personale sono numerose e devono assolvere agli obblighi prescritti dalle leggi: -civili, -fiscali -e sociali 40 40

41 LIBRI OBBLIGATORI PER IL DATORE DI LAVORO 1) Libro unico del lavoro: (ha sostituito il libro matricola e il libro paga) sono iscritti: I lavoratori subordinati; I collaboratori coordinati e continuativi; Gli associati in partecipazione con apporto lavorativo; Per ciascun lavoratore dev essere indicato: nome e cognome; codice fiscale; qualifica e livello; I lavoratori subordinati; 41 41

42 deve poi annotarsi: la retribuzione base; l anzianità di servizio; le relative posizioni assicurative; ogni dazione: in denaro o in natura corrisposta al lavoratore ; i rimborsi spesa corrisposti; le trattenute a qualsiasi titolo effettuate; le detrazioni fiscali; gli assegni familiari corrisposti; le prestazioni ricevute da enti e istituti previdenziali

43 le somme erogate a titolo di premio o per prestazione di lavoro straordinario ; Il libro unico del lavoro deve ancora contenere: un calendario delle presenze da cui risulti per ogni giorno: il numero di ore del lavoro effettuate da ciascun lavoratore; l indicazione delle ore di straordinario; le ore di assenza dal lavoro; le ore di ferie e di riposo. Il libro unico del lavoro dev essere compilato entro il 16 di ciascun mese successivo 43 43

44 2) Il registro degli infortuni: che deve riportare cronologicamente tutti gli infortuni occorsi ai dipendenti che comportino assenze superiori a tre giorni. Per ogni infortunio va indicato: - la data dell infortunio; -la data di ripresa al lavoro; -cognome e nome dell infortunato; -l età; -il reparto e la qualifica professionale; -la descrizione delle circostanze e delle cause dell infortunio; -la natura della lesione e le sue conseguenze (inabilità temporanea, permanente, morte) 44 44

45 TENUTA E CONSERVAZIONE DEL LIBRO UNICO La tenuta del libro unico del lavoro può essere effettuata utilizzando uno dei seguenti sistemi: Elaborazione e stampa meccanografica su fogli mobili a ciclo continuo, comunicazione di ogni pagina e vidimazione prima della messa in uso presso l INAIL o presso i soggetti autorizzati dall INAIL; A stampa laser, con autorizzazione preventiva da parte dell INAIL e generazione della numerazione automatica; Su supporti magnetici, sui quali ogni singola scrittura costituisca documento informatico e sia collegata alle registrazioni precedenti, o elaborazioni automatiche dei dati, garantendo in ogni momento, la consultabilità, l inalterabilità e l integrità dei dati, nonché la sequenzialità cronologica delle operazioni eseguite

46 LA CONSERVAZIONE: Il libro unico del lavoro può essere conservato presso uno dei seguenti soggetti: presso la sede legale del datore di lavoro; presso lo studio dei consulenti del lavoro; presso lo studio dei dottori commercialisti o degli esperti contabili o degli avvocati; presso la sede dei servizi o dei centri di assistenza delle associazioni di categoria delle imprese artigiane o delle altre piccole imprese. la conservazione è obbligatoria per 5 anni dalla data dell ultima registrazione

47 ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE Gli elementi della retribuzione sono: 1) retribuzione base: è la componente più importante, è stabilita dalla contrattazione sul lavoro in misura fissa mensile e non può essere inferiore al minimo stabilito dai contratti collettivi del settore economico di appartenenza (commercio, chimici, edili etc) per le diverse categorie o livelli di inquadramento; 2) gli scatti di anzianità: sono maggiorazioni periodiche della retribuzione dovuti all anzianità di lavoro, premiano la permanenza del lavoratore presso la stessa impresa e riconoscono la professionalità acquisita; 3) premio di produzione: è un incentivo collettivo, determinato nel suo ammontare a livello aziendale, e concesso per remunerare l apporto globale dei lavoratori all aumento della produzione dell impresa

48 4) I super minimi: sono elementi concessi in aggiunta ai minimi contrattuali e rappresentano un trattamento più favorevole rispetto all inquadramento della categoria a cui appartiene il lavoratore; ne possono beneficiare solo determinate categorie di lavoratori (superminimi collettivi) o singoli dipendenti per le particolari capacità o le maggiori prestazioni fornite; 5) Le indennità: possono ricondursi: ricordiamo: ad un carattere retributivo; da un carattere di rimborso spese. a) le indennità di disagiata residenza, di mancata mensa, di maneggio del denaro, di vestiario, di alloggio etc; (indennità per maggior rischio o disaggio); b)l indennità chilometrica, l indennità per mezzi di trasporto ecc. sono rimborsi per spese sostenute; l indennità di trasferta: è pagata al lavoratore quando deve fornire la sua prestazione in luogo diverso dalla sede normale di lavoro; 48 48

49 d) l indennità sostitutiva del preavviso: ha lo scopo di indennizzare il danno causato da un inadempimento contrattuale; e) l indennità di vacanza contrattuale: spetta ai lavoratori quando il contratto nazionale della categoria non è ancora stato rinnovato dopo tre mesi dalla scadenza; (viene calcolata in base ad una % del tasso d inflazione e cessa di essere corrisposta con il rinnovo del contratto) 6) Il compenso per il lavoro straordinario: è considerato lavoro straordinario quello che eccede la durata prescritta dal contratto collettivo di lavoro. E retribuito con un compenso superiore a quello delle ore normali ed è regolato dai contratti collettivi di categoria. 7) La gratifica natalizia o tredicesima: è pari a una mensilità per gli impiegati e a 200 ore di lavoro per gli operai ed è pagata nel mese di dicembre. Come per la quattordicesima prevista da alcuni contratti si tratta di mensilità aggiunte e come tali vanno pagati anticipatamente in caso di cessazione del contratto

50 Retribuzione lorda: è costituita dalla somma degli elementi della retribuzione; Retribuzione netta: è costituita dalla retribuzione lorda meno: le ritenute sociali (per la pensione, la cassa integrazione etc) le ritenute fiscali (per l imposta sul reddito delle persone fisiche) 50 50

51 RAPPORTO CON L INPS l attività dell INPS è finanziata attraverso i contributi sociali versati dall impresa (a carico dell impresa e dei lavoratori) e attraverso interventi finanziari dello stato. Le aliquote percentuali per il calcolo dei contributi sono diversi a seconda dei settori economici di appartenenza (commercio, credito, artigianato etc) e in base al numero dei dipendenti: Lavoratori dipendenti Operai impiegati contributi percentuali INPS -settore industria fino a 15 dipendenti contributi a carico impresa 30,88 28,66 contributi a carico dipendente 9,19 9,19 fino a 50 dipendenti contributi a carico impresa 31,78 29,56 contributi a carico dipendente 9,49 9,49 con più di 50 dipendenti contributi a carico impresa 31,88 29,66 contributi a carico dipendente 9,49 9,

52 RAPPORTI TRA INPS E AZIENDA Le aziende hanno rapporto di debito e di credito nei confronti dell INPS più esattamente: sono debitrici: per i contributi sociali a loro carico e per quelli a carico dei dipendenti trattenuti in busta paga; sono creditrici: per le prestazioni erogate ai lavoratori per conto dell INPS: assegni per il nucleo famigliare; indennità di malattia e maternità; assegno di concedo matrimoniale; integrazioni salariali per riduzioni o sospensioni dal lavoro

53 la differenza tra il debito e il credito costituisce l importo che l azienda deve versare IL VERSAMENTO UNIFICATO Consente alle imprese di compensare le posizioni di credito con quelle di debito nei confronti dei diversi enti riferite allo stesso mese. Esempio: un credito IVA di un mese può essere riscosso mediante la compensazione dall importo dovuto per imposte o contributi sociali. Debiti dell impresa verso l INPS (per contributi sociali calcolati sulle retribuzioni lorde) - Crediti dell impresa verso l INPS (per pagamenti ai dipendenti degli assegni per il nucleo famigliare, delle indennità di malattia e maternità,delle integrazioni salariali per i lavoratori in cassa integrazione etc) 53 = Differenza a debito o a credito (da inserire nel calcolo del versamento unificato contributivo e fiscale da effettuare entro il giorno 16 del mese successivo) 53

54 1) Contribuente: codice fiscale; MODELLO F24 E il modello di versamento unificato attraverso il quale l azienda versa quando dovuto allo Stato e agli altri enti pubblici. Questo dev essere telematicamente trasmesso all agenzia delle entrate. E lo strumento ufficiale per procedere alla compensazione nei rapporti di debitocredito riguardanti le imposte, i contributi sociali e le ritenute. E così strutturato: cognome o denominazione sociale; 1) Sezione erario: domicilio, imposte dirette; vedete schema a pag 370 IVA,; ritenute fiscali alla fonte; altri tributi e interessi 54 54

55 3)sezione INPS: debito per contributi sociali; crediti per prestazioni erogate ai dipendenti; 4)sezione regioni: addizionali regionali; IRAP; 5)sezione ICI e altri tributi locali; 6)sezione altri enti previdenziali e assicurativi (INAIL ecc.) 7) firma e saldo finale. 8) estremi di versamento: data; codice banca/bancoposta/concessionario; eventuale numero di assegno bancario/circolare 55 55

56 DURC (DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA) E il documento che attesta che l impresa è in regola con i versamenti dei contributi sociali e non ha commesso violazioni nel campo della sicurezza del lavoro. Viene rilasciato dall INPS e dall INAIL su richiesta. Viene oggi sempre più richiesto alle aziende che partecipano a gare di appalto con enti pubblici

57 CUD (CERTIFICAZIONE UNICA DIPENDENTI) Ogni azienda è tenuta a rilasciare, entro il 28 di febbraio di ogni anno la certificazione unica nella quale sono riportate sia dati fiscali relativi ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, le detrazioni e le ritenute, sia i dati previdenziali relativi agli imponibili contributivi e alle trattenute assistenziali e previdenziali corrisposte a ogni singolo lavoratore nel corso dell anno. Le informazioni fornite dal CUD: 1) dati generali: nei quali sono presenti i dati dell azienda e quelli del lavoratore; 2) dati fiscali: relativi all IRPEF; 3) dati previdenziali e assistenziali, che indicano la posizione contributiva del lavoratore. 57 vedi schema a pag

58 RAPPORTI CON L INAIL L INAIL è un ente pubblico, preposto dalla legge alla gestione dell assicurazione obbligatoria dei lavoratori contro i rischi di infortunio per causa di lavoro e contro i rischi di malattie professionali contratte nello svolgimento di determinate attività lavorative. I premi assicurativi, dovuti all INAIL sono totalmente a carico del datore di lavoro, e si calcolano applicando alla retribuzione lorda una certa % che varia a seconda del rischio specifico dell attività svolta. Per l applicazione della % è stato introdotto un meccanismo analogo al bonus-malus in uso per le assicurazioni delle automobili. Ne consegue che le imprese nelle quali l incidenza degli infortuni è ridotta sono soggetti al pagamento di premi annui inferiori rispetto a quelle che presentano maggiori rischi per i lavoratori

59 GLI ADEMPIMENTI DELL AZIENDA VERSO L INAIL Le imprese devono provvedere all autoliquidazione del premio da corrispondere all INAIL in via anticipata per anno solare Nel primo anno di attività l impresa deve presentare una denuncia di esercizio nella quale indica la retribuzione presunta che verrà corrisposta ai dipendenti e sulla quale si calcola il premio da pagare applicando il tasso stabilito dall INAIL. Negli altri anni di attività l impresa deve presentare all INAIL, entro il 16 di febbraio il modello 10 SM riguardante la dichiarazione delle retribuzioni corrisposte nell anno precedente insieme a questo l impresa deve comunicare la denuncia nominativa degli assicurati.. Contestualmente deve calcolare e versare (con l F24) il premio assicurativo anticipato per l anno in corso. Il versamento può essere frazionato in quattro rate trimestrali. In caso di infortunio del dipendente l impresa è tenuta a segnalare l accaduto all autorità di pubblica sicurezza e a presentare denuncia all INAIL corredata di un certificato medico

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

APPRENDISTATO. Il collegamento tra l'apprendistato sul luogo di lavoro e la formazione esterna è reso possibile dalla presenza di un tutore.

APPRENDISTATO. Il collegamento tra l'apprendistato sul luogo di lavoro e la formazione esterna è reso possibile dalla presenza di un tutore. APPRENDISTATO Contratto di apprendistato L apprendistato è uno speciale rapporto di lavoro in base al quale l impresa si impegna a impartire o a far impartire all apprendista assunto alle sue dipendenze

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

Prof. Luigi Trojano. Esci

Prof. Luigi Trojano. Esci 1 LE FORME DI RETRIBUZIONE GLI ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE IL SISTEMA DELLE ASSICURAZIONI SOCIALI GESTIONI INPS MOBILITA CONTRIBUTI INPS E RILEVAZIONE ASSEGNI FAMILIARI RAPPORTI CON L INAILL INAIL: CONGUAGLIO

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi Corsi Centro Paghe...al Servizio del Professionista Corso Base Corso Avanzato Corso Base Paghe e contributi >> Costituzione del rapporto di lavoro e retribuzione Malattia, maternità, infortunio e adempimenti

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

Addetto alle Paghe e contributi

Addetto alle Paghe e contributi Addetto alle Paghe e contributi (livello base) Presentazione e obiettivi In un contesto economico sempre più dinamico e competitivo le aziende hanno sempre più bisogno di flessibilità e di una gestione

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale Durata: 60 ore Inizio corso: da definire Sede: Corso Raffaello 17/D - Torino Docente: dottore consulente del lavoro con esperienza consolidata

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE CONTABILITA GENERALE 19 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 29 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria?

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria? La disciplina del trattamento di fine rapporto 175 erogato il TFR. Egli riceverà invece una pensione integrativa di quella pubblica-obbligatoria alla maturazione dei requisiti pensionistici nel regime

Dettagli

Trattenute contributive

Trattenute contributive 14 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 2 Trattenute contributive a. Determinazione della retribuzione imponibile art. 2115 c.c.; art. 47 RDL 1827/35; art. 12 L. 153/69

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro. Capitolo 2 - I contratti di lavoro subordinato

SOMMARIO. Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro. Capitolo 2 - I contratti di lavoro subordinato Sommario SOMMARIO Premessa... V Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro 1.1. La specialità del diritto del lavoro... 1 1.2. Le origini del diritto del lavoro... 3 1.3. Il diritto internazionale...

Dettagli

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Obiettivi Obiettivo principale del corso è creare un operatore autonomo nella scelta e nella gestione delle varie tipologie di contratti e soprattutto con una

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale CALCOLO DELL INFORTUNIO di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale RIFERIMENTI NORMATIVI DPR 30 giugno 1965, n.1124 (c.d. Testo Unico / T.U.) L infortunio è l evento

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002).

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002). GUIDA AL CONTRATTO DI SOLIDARIETA DIFENSIVO, che si applica alle imprese che hanno diritto alla CIGS (di seguito CDS.) a cura della FILCAMS-CGIL Nazionale aggiornata al 27 aprile 2009. Il contratto di

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche.

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. 1 CRISI LA NORMATIVA CONTRATTUALE NON CREA LAVORO MA LO PUÒ DISTRUGGERE

Dettagli

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA UILCOM-UIL UNIONE ITALIANA LAVORATORI DELLA COMUNICAZIONE (UILSIC UILTE) APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA L indennità di mobilità è stata istituita dalla Legge n 223 del 23 luglio 1991. Essa

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

FORMAZIONE PER DIPENDENTI

FORMAZIONE PER DIPENDENTI APRILE - GIUGNO 2014 FORMAZIONE PER DIPENDENTI Soluzioni formative specifiche per collaboratori e dipendenti di studio finanziabili da FondoProfessioni 2 Formazione blended-learning 4 giornate intere +

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Le guide operative di Il lavoro subordinato a cura di Giancarlo Esposti Supplemento a 3-4/2008 Le guide operative di Il lavoro subordinato a cura di Giancarlo Esposti Supplemento a ex Lege 3-4/2008 Fonti

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA Corsi

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

DIRITTI DEL LAVORATORE

DIRITTI DEL LAVORATORE DIRITTI DEL LAVORATORE LA RETRIBUZIONE; IL DIRITTO ALLA SALUTE; LE NORME DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO; LE FERIE E I RIPOSI; IL DIVIETO DI LICENZIAMENTO PER MATERNITÀ O PER MATRIMONIO; IL PRINCIPIO

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO

MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO Introduzione pag. 4 Lavoro subordinato pag. 6 modulato e flessibile pag. 8 Contratti con finalità formativa pag. 13 Contratti a orario ridotto, Lavoro parasubordinato Contratto

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI FORMAZIONE - week end ROMA 2011 Calendario didattico: sabato 05/marzo - domenica 06/marzo sabato 12/marzo - domenica 13/marzo sabato 19/marzo - domenica 20/marzo sabato 26/marzo - domenica 27/marzo Docenti:

Dettagli

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012 L apprendistato Prof. Avv. Angelo Pandolfo Milano, ottobre 2012 Definizione Natura del contratto contratto di lavoro a tempo indeterminato contratto con contenuto formativo e di apprendimento volto all

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015

SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015 Ai Nostri Clienti Loro indirizzi Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 07 di SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015 LE ULTIME NOVITÀ Nuovo indirizzo PEC per l invio del modello

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

SINTESI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

SINTESI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA SINTESI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NOZIONE La Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) è un ammortizzatore sociale attraverso il quale il lavoratore subordinato, per un determinato periodo

Dettagli

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA SOMMARIO 1. Rapporto di lavoro subordinato pag. 1 Definizione» 1 Elementi del lavoro subordinato» 2 Periodo di prova» 2 Cessazione del rapporto di lavoro» 3 Dimissioni» 3 Licenziamento» 4 Risoluzione consensuale»

Dettagli

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono La busta paga La legge prevede che la busta paga deve contenere tutti gli elementi utili perché diventi comprensibile e identificabile per il lavoratore interessato. Gli elementi indispensabili per il

Dettagli

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti:

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti: LA GESTIONE E L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE di Giuliana Airaghi Masina Destinatari: alunni classi IV IGEA IV IPSC Obiettivi: conoscere il diverso significato di lavoro subordi nato e lavoro autonomo

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante JOBS ACT Norme in materia di lavoro Milano, 24 marzo 2015 Relatore: Pierluigi Brigante Finalità Jobs Act Incremento occupazionale Riduzione tipologie contrattuali Eliminazione precariato Regole di entrata

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE Il questionario deve essere compilato con i dati relativi all intera impresa indicata nella Sezione

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato L Apprendistato Breve guida sull apprendistato Aggiornata ai D.L. n. 69/2013 del 21.6.2013 e n. 76/2013 del 28.6.2013 Definizione Che cos è il contratto di apprendistato L apprendistato è un contratto

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli