LA GESTIONE DEL PERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEL PERSONALE"

Transcript

1 LA GESTIONE DEL PERSONALE 1 1

2 RAPPORTO DI LAVORO FONTI GIURIDICHE SISTEMA CONTRATTUALE 2 2

3 Le fonti giuridiche del rapporto di lavoro La costituzione: che pone il lavoro a fondamento dello Stato; Il codice civile: che detta la disciplina generale del rapporto di lavoro indicando i principali obblighi delle parti; le leggi speciali in materia di lavoro: statuto dei lavoratori; la legge sulla parità tra uomini e donne; la legge sul diritto di sciopero 3 3

4 decreti legislativi: con i quali sono stati recepiti le Direttive europee in materia di lavoro; contratti nazionali di lavoro, stipulati come accordi collettivi tra le associazioni dei datori di lavoro e i sindacati dei lavoratori; contratti di lavoro aziendali, stipulati tra le singole imprese e i rappresentanti sindacali dei lavoratori; contratti di lavoro individuali, stipulati tra l impresa e il singolo lavoratore; è la lettera con la quale l azienda comunica: la data di assunzione, la durata della prova; 4 4

5 la posizione attribuita al lavoratore nell organico aziendale; la retribuzione; ogni altra pattuizione. regolamenti interni: concordati tra l impresa e i rappresentanti dei lavoratori; gli usi e consuetudini; applicati in mancanza di disposizioni. 5 5

6 principio fondamentale della legislazione è quello relativo alla parità tra i sessi: assoluta parità tra uomini e donne La normativa del mercato del lavoro è in continua evoluzione. L obbiettivo è quello di conciliare tre elementi fondamentali: la tutela dei diritti dei lavoratori; l aumento del livello di occupazione; la competitività delle imprese; 6 6

7 LA LEGGE BIAGI Il libro bianco contiene un serie di proposte volte a realizzare maggiore flessibilità del mercato del lavoro in particolare: creare nuove forme di contratto di lavoro; valorizzare il ruolo dell apprendistato; arginare vari tipi di violazione quali: il lavoro nero; sfruttamento del lavoro minorile etc rendere più elastico il lavoro part time. 7 7

8 DIRITTI DEI LAVORATORI: LO STATUTO DEI LAVORATORI Istituito con legge N 300 del con lo statuto dei lavoratori si è stabilito il principio in base al quale:... le esigenze dell impresa vengono soddisfatte a condizione che siano compatibili con la necessità di rispettare i diritti costituzionali dei lavoratori

9 I principali diritti dei lavoratori affermati dalla Costituzione possono così sintetizzarsi: Diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero e pertanto diritto alla libertà politica e sindacale; Diritto alla salute e all integrità fisica, al riposo e al tempo libero; Diritto al rispetto della propria dignità umana; Diritto alla parità di trattamento, senza discriminazione, nell inquadramento professionale e nella retribuzione sulla base di: motivazioni sindacali; politiche; religiose; di sesso. 9 9

10 Lo statuto dei lavoratori ha aggiunto ai diritti costituzionali i seguenti altri diritti: Diritto a riunirsi in assemblea e di svolgere consultazioni referendarie nell impresa su argomenti connessi all azione sindacale; Diritto di conoscere i nomi e i compiti specifici delle persone addette alla vigilanza, con divieto all impresa di istituire controlli a distanza sull attività svolta dai dipendenti mediante impianti televisivi, microfoni o attrezzature analoghe. diritto di gestire le manifestazioni culturali, ricreative e assistenziali, anche se realizzati con mezzi finanziari dell impresa. Diritto al riconoscimento di particolari condizioni di lavoro e orari di servizio per le donne, gli adolescenti, e gli studenti lavoratori

11 lo statuto dei lavoratori ha inoltre imposto alle imprese: di astenersi dal prendere iniziative tali da vanificare alcuni dei diritti fondamentali dei lavoratori sopra elencati, perciò l impresa non può: svolgere indagini sui dipendenti in merito alle opinioni: politiche sindacali religiose provvedimenti volti a ostacolare, o limitare l esercizio del diritto di sciopero e delle libertà sindacali

12 lo statuto dei lavoratori ancora, disciplina in modo rigoroso l esercizio del potere disciplinare dell impresa, stabilendo: Limiti precisi nell adozione di provvedimenti disciplinari a carico dei dipendenti e procedure da osservare per la loro applicazione; procedure che i lavoratori possono seguire per impugnare i provvedimenti disciplinari adottati dall impresa; Il codice civile con l art 2112 stabilisce: in caso di trasferimento dell azienda o di una parte di essa, il rapporto di lavoro continua con il cessionario e il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano

13 D.lgs 80/92: In caso di insolvenza dell impresa: tutela dei lavoratori in caso di fallimento dell impresa mediante l intervento del fondo di garanzia dei crediti dei lavoratori

14 IL SISTEMA CONTRATTUALE Il sistema italiano nel campo del lavoro è articolato su diversi livelli di contrattazione: nazionali; aziendali; Individuale; collettiva; individuali; La contrattazione può essere: La contrattazione collettiva è preceduta da una concertazione fra le parti sociali alle quali intervengono tre soggetti: 14 14

15 La contrattazione collettiva è preceduta da una concertazione fra le parti sociali alle quali intervengono tre soggetti: le associazioni degli imprenditori; i sindacati dei lavoratori; il Governo con il ministro del lavoro. La trattativa fra le associazioni, e i sindacati con il tramite del governo, conduce ad un accordo sul costo del lavoro, e rappresenta un punto di riferimento, perché contiene le indicazioni fondamentali per il raggiungimento degli obbiettivi economici considerati prioritari: tasso d inflazione; livello di disoccupazione; dinamica contributiva; pressione fiscale

16 I contratti collettivi di lavoro sono accordi in base ai quali le associazioni degli imprenditori e i sindacati dei lavoratori stabiliscono la disciplina del rapporto di lavoro da applicare ai lavoratori dipendenti di un determinato settore economico, di una certa area (regionale, settoriale, di filiera di comparto) o di una singola impresa. Ogni contratto collettivo è formato: da una parte normativa che fissa i diritti e i doveri; da una parte economica che specifica la retribuzione

17 Per quando concerne la loro estensione i contratti collettivi possono essere: nazionali se si applicano ai rapporti di lavoro dipendente dell intera categoria (es commercio, industria etc) hanno la durata di tre anni. decentrati se si applicano ai rapporti di lavoro dipendente di una determinata area (contratti territoriali) o di una singola impresa (contratti aziendali) vedete lo schema sul libro a pag

18 Contratti aziendali: tipici delle grandi aziende collegano gli aumenti retributivi alla produttività e alla redditività della singola impresa. Contratti individuali: lettera di assunzione: contiene tutte le condizioni pattuite tra le parti: qualifica; orario; periodo di prova; retribuzione; ferie; ect Si può discostare da quello collettivo solo con effetto migliorativo per i lavoratori dipendenti. art 2077 e 2078 c/c 18 18

19 FORME PARTICOLARI DI LAVORO DIPENDENTE Il lavoro a domicilio; Il lavoro part time; ricordiamo: Il lavoro con orario flessibile. Il lavoro a domicilio fa parte del lavoro subordinato e come tale ad esso vengono applicate le stesse regole. Il lavoro a domicilio è vietato: quando comporta l utilizzo di materiali nocivi; quando l impresa è in fase di ristrutturazione con licenziamenti 19 19

20 Nell ambito del lavoro a domicilio troviamo il telelavoro: E l attività svolta in un luogo esterno all azienda ma ad essa riconducibile con l impiego, anche parziale, di strumenti telematici. In questo tipo di contratto occorre ricordare: - l obbligo di reperibilità, almeno in certe ore della giornata; - la retribuzione è in genere commisurata a parametri e tempi di consegna dei risultati del lavoro svolto

21 Il lavoro part time: prevede una prestazione lavorativa di durata inferiore a quella praticata in azienda dai lavoratori a tempo pieno. - E un contratto individuale, può prevedere un articolazione: -orizzontale: orario ridotto tutti i giorni della settimana; -verticale: quando il lavoratore osserva un orario pieno solo per alcuni giorni della settimana, del mese, o dell anno. L impresa può richiedere al lavoratore part time lavoro supplementare pagato in modo ordinario; In caso di nuove assunzioni, il lavoratore part time ha diritto di prelazione sui nuovi assunti

22 IL CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE Con tale contratto, un impresa autorizzata, detta samministratrice, pone uno o più lavoratori a disposizione di un altra impresa, detta utilizzatrice. obblighi di soggetti coinvolti: l impresa somministratrice (autorizzata dal ministero del lavoro) esercita potere disciplinare fino alla durata del rapporto di lavoro; l impresa utilizzatrice utilizza le prestazioni di lavoro sotto la sua direzione; i lavoratori sono dipendenti dall impresa somministratrice ma prestano lavoro per l impresa utilizzatrice

23 ha introdotto: DL 276/2003 il lavoro intermittente (job on call), il lavoratore rimane a disposizione di un datore di lavoro aspettandone la chiamata e ricevendo in cambio un indennità il lavoro ripartito (job sharing) si tratta di un unica prestazione lavorativa ripartita tra due o più lavoratori che restano tutti solidali verso l azienda. L orario flessibile è un modo di lavorare, che permette al dipendente di scegliere l inizio e la fine del tempo giornaliero di lavoro all interno di certi limiti prefissati. permette: - di raccordare l esigenza dell impresa con quelle del lavoratore; - crea un clima di rapporti più sereno; - riduce l assenteismo e la disaffezione al lavoro

24 Mobilità del lavoro: con questo termine si intende lo spostamento dei lavoratori all interno della stessa impresa da un reparto all altro ovvero all estero, da un impresa all altra. E una procedura prevista dall impresa per risolvere il rapporto di lavoro dei dipendenti che risultano eccedenti rispetto alle esigenze dell impresa. leggi e trattano la disciplina della mobilità: possono far ricorso alla mobilità tutte le imprese che possiedono i requisiti per essere ammesse all intervento della cassa integrazione guadagni e ritengono di non poter più reimpiegare tutti i lavoratori sospesi

25 CGIS: CASSA INTEGRAZIONI GUADAGNI STRAORDINARIA E un ammortizzatore sociale che opera in via straordinaria per le imprese industriali che abbiano occupato in media più di quindici dipendenti nel semestre precedente alla richiesta di intervento. Gli interventi straordinari della cassa integrazione guadagni riguardano le situazioni: - di crisi (la CGIS non puo superare i 12 mesi; - di ristrutturazione (la CGIS è fissata in 24 mesi prorogabile); - di riorganizzazione (la CGIS è fissata in 24 mesi prorog.); - di conversione aziendale(la CGIS è fissata in 24 mesi prorog.); - in caso di fallimento; - in caso di altre procedure concorsuali

26 I8 La domanda di ammissione alla CIGS deve contenere il programma che l impresa intende attuare con le indicazioni delle misure sociali. Se il programma è approvato dal CIPI (comit. intermin. per il coordina. delle politiche industriali) l integrazione salariale è concessa con decreto del ministero del lavoro. l integrazione salariale è concessa al 80% della retribuzione globale con un massimo di 40 ore settimanali. La retribuzione viene anticipata dall azienda di appartenenza salvo il caso di grave crisi finanziaria di questa in tal caso provvede direttamente l INPS

27 INDENNITA DI MOBILITA Si ha la messa in mobilità quando le aziende ammessi alla CIGS non sono in grado di garantire il reimpiego di tutti o una parte dei dipendenti sospesi. Le imprese che mettono in mobilità i lavoratori (impiegati, operai, quadri) devono: - comunicare per iscritto a ciascuno lavoratore il recesso del contratto di lavoro; - consegnare l elenco dei lavoratori in mobilità, agli organi del territorio che curano il collocamento; - consegnare l elenco dei lavoratori in mobilità, alle associazioni sindacali di categoria; L individuazione dei lavoratori da collocare in mobilità deve compiersi in base alle esigenze tecnico-produttivo e organizzative dell imprese nonché osservando i criteri previsti nei contratti collettivi di categoria a garanzia dei lavoratori

28 L indennità di mobilità: è un tipo speciale di indennità di disoccupazione Ne hanno diritto: Tutti i lavoratori messi in mobilità. Viene richiesta all INPS Viene corrisposta: per un periodo compreso tra i 12 e i 36 mesi a seconda dell età e che non può comunque superare la durata dell anzianità maturata nell impresa. I lavoratori interessati sono favoriti nella ricerca di occupazione. La legge prevede si meccanismi di riassorbimento nella stessa impresa sia l attribuzione di 28 28

29 di una posizione di privilegio nel sistema di assunzione delle altre imprese Cessazione dei benefici: I lavoratori in mobilità cessano di percepire l indennità e vengono cancellati dalle liste quando: - rifiutano di essere avviati ad un corso di formazione professionale o non frequentano regolarmente; - rifiutano l offerta di un lavoro professionalmente omogeneo a quello svolto; - rifiutano di essere impiegati in opere o servizi di pubblica utilità (lavori socialmente utili)

30 - a tempo; - a cottimo; - a premio; PIANI RETRIBUTIVI La retribuzione: è la remunerazione del lavoro, è il compenso che spetta per le prestazioni eseguite. Può essere: La retrib.ne a tempo prevede un compenso rapportato all unita di tempo prescindendo dal risultato della prestazione di lavoro. La retrib.ne a cottimo, viene rapportata alle prestazioni fornite dal lavoratore: maggiore è la produzione maggiore sarà il salario

31 La retribuzione a premio: detta anche cottimo misto E una forma più evoluta rispetto al cottimo puro poiché prevede una paga base garantita a tutti i dipendenti, ed un premio che consiste in una maggiorazione della paga base in rapporto al più elevato rendimento del lavoro rispetto a quello standard Retribuzione a provvigione: (per i viaggiatori, piazzisti, e addetti alle vendite) Riconosce al lavoratore, in aggiunta allo stipendio fisso, un compenso commisurato al valore degli affari conclusi ed andati a buon fine

32 LE STOCK OPTIONS Sono offerte di acquisto di azioni dell impresa ad un prezzo inferiore rispetto a quello di mercato. Si tratta di operazioni rivolte ad incentivare i dipendenti che vedono collegato il loro rendimento all azienda dei quali ne sono in parte proprietari. Le stock opitions vengono fatte attraverso un aumento di capitale sociale con l emissione di azioni a pagamento riservate ai dipendenti a condizioni convenienti rispetto ai normali collocamenti di azioni sul mercato. solo da leggere da pag 354 a pag

33 NASCITA DEL RAPPORTO DI LAVORO con l assunzione del dipendente nasce il rapporto di lavoro: All atto dell assunzione il dipendente deve presentare: certificato di stato di famiglia per verificare se spetta l assegno per il nucleo famigliare; una dichiarazione concernente le detrazioni d imposta spettanti (per reddito di lavoro dipendente e per famigliari a carico); l attestato di disoccupazione; 33 33

34 L IMPRESA DEVE CONSEGNARE AL LAVORATORE LA LETTERA DI ASSUNZIONE DALLA QUALE DEVONO RISULTARE LE SEGUENTI INFORMAZIONI: identità delle parti, luogo di lavoro, data di inizio del lavoro; durata del rapporto; durata dell eventuale periodo di prova; inquadramento: livello e qualifica del lavoratore; retribuzione, e relativi elementi costitutivi; durata delle ferie; orario di lavoro; termini di preavviso nel caso di recesso del rapporto di lavoro

35 ADEMPIMENTI DEL DATORE DI LAVORO: DM Il datore di lavoro ha l obbligo di: compilare un unico modello che invia on line in caso: di assunzioni; di trasformazioni; di proroghe; di cessazione del rapporto di lavoro questo modello viene compilato (in sostituzione delle vecchie modalità di comunicazione fatte in modo cartaceo ai centri per l impiego, all INPS all INAIL e al ministero del lavoro e della previdenza sociale) 35 35

36 DM introduce la SCHEDA ANAGRAFICO-PROFESSIONALE Sostituisce il libretto di lavoro e costituisce la base dei dati di ciascun lavoratore all interno del sistema informativo del lavoro Generalità e dati anagrafici del lavoratore; Stato occupazionale; Dati curricolari: In essa vengono specificate: titoli di studio; esperienze professionali; lingue straniere conosciute; crediti formativi. Altre competenze e propensioni; Tipo di rapporto desiderato 36 36

37 DURATA DEL CONTRATTO Può essere: A tempo indeterminato senza scadenza; può estinguersi: in modo consensuale; per licenziamento; A tempo determinato o anche a termine ; E regolato dal DL 368/2001 che prevede: 37 37

38 Il datore di lavoro può assumere con contratto a termine a condizione che giustifichi in forma scritta i motivi: di carattere organizzativo; tecnico produttivo; sostitutivo. Il datore di lavoro non può assumere con contratto a termine per: sostituire lavoratori in sciopero; in cassa integrazione licenziati nei 6 mesi precedenti per riduz.ne del personale 38 38

39 E possibile assumere con contratto a tempo determinato solo se l impresa è in regola con le norme sulla sicurezza; Il tempo massimo di utilizzo del contratto a tempo determinato (compreso proroghe e rinnovi) e di 36 mesi per lo stesso contratto con la stessa mansione. Un ulteriore proroga otre questo termine è possibile solo se la proroga (per una sola volta) è redatta in forma scritta e firmata dalle parti davanti alla direzione del lavoro competente e alla presenza di un rappresentante sindacale del lavoratore. Non hanno il limite di 36 mesi i lavoratori stagionali; Dopo sei mesi di lavoro a tempo determinato nella stessa azienda, il lavoratore ha diritto di precedenza in caso di assunzione a tempo indeterminato nei 12 mesi successivi, e per la stesse mansioni

40 LA CONTABILITÀ DEL PERSONALE La gestione delle problematiche e della contabilità sono gestite dall ufficio del personale se si tratta di una grossa azienda oppure da terzi specializzati se si tratta di piccole o medie imprese. Le scritture riguardanti il personale sono numerose e devono assolvere agli obblighi prescritti dalle leggi: -civili, -fiscali -e sociali 40 40

41 LIBRI OBBLIGATORI PER IL DATORE DI LAVORO 1) Libro unico del lavoro: (ha sostituito il libro matricola e il libro paga) sono iscritti: I lavoratori subordinati; I collaboratori coordinati e continuativi; Gli associati in partecipazione con apporto lavorativo; Per ciascun lavoratore dev essere indicato: nome e cognome; codice fiscale; qualifica e livello; I lavoratori subordinati; 41 41

42 deve poi annotarsi: la retribuzione base; l anzianità di servizio; le relative posizioni assicurative; ogni dazione: in denaro o in natura corrisposta al lavoratore ; i rimborsi spesa corrisposti; le trattenute a qualsiasi titolo effettuate; le detrazioni fiscali; gli assegni familiari corrisposti; le prestazioni ricevute da enti e istituti previdenziali

43 le somme erogate a titolo di premio o per prestazione di lavoro straordinario ; Il libro unico del lavoro deve ancora contenere: un calendario delle presenze da cui risulti per ogni giorno: il numero di ore del lavoro effettuate da ciascun lavoratore; l indicazione delle ore di straordinario; le ore di assenza dal lavoro; le ore di ferie e di riposo. Il libro unico del lavoro dev essere compilato entro il 16 di ciascun mese successivo 43 43

44 2) Il registro degli infortuni: che deve riportare cronologicamente tutti gli infortuni occorsi ai dipendenti che comportino assenze superiori a tre giorni. Per ogni infortunio va indicato: - la data dell infortunio; -la data di ripresa al lavoro; -cognome e nome dell infortunato; -l età; -il reparto e la qualifica professionale; -la descrizione delle circostanze e delle cause dell infortunio; -la natura della lesione e le sue conseguenze (inabilità temporanea, permanente, morte) 44 44

45 TENUTA E CONSERVAZIONE DEL LIBRO UNICO La tenuta del libro unico del lavoro può essere effettuata utilizzando uno dei seguenti sistemi: Elaborazione e stampa meccanografica su fogli mobili a ciclo continuo, comunicazione di ogni pagina e vidimazione prima della messa in uso presso l INAIL o presso i soggetti autorizzati dall INAIL; A stampa laser, con autorizzazione preventiva da parte dell INAIL e generazione della numerazione automatica; Su supporti magnetici, sui quali ogni singola scrittura costituisca documento informatico e sia collegata alle registrazioni precedenti, o elaborazioni automatiche dei dati, garantendo in ogni momento, la consultabilità, l inalterabilità e l integrità dei dati, nonché la sequenzialità cronologica delle operazioni eseguite

46 LA CONSERVAZIONE: Il libro unico del lavoro può essere conservato presso uno dei seguenti soggetti: presso la sede legale del datore di lavoro; presso lo studio dei consulenti del lavoro; presso lo studio dei dottori commercialisti o degli esperti contabili o degli avvocati; presso la sede dei servizi o dei centri di assistenza delle associazioni di categoria delle imprese artigiane o delle altre piccole imprese. la conservazione è obbligatoria per 5 anni dalla data dell ultima registrazione

47 ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE Gli elementi della retribuzione sono: 1) retribuzione base: è la componente più importante, è stabilita dalla contrattazione sul lavoro in misura fissa mensile e non può essere inferiore al minimo stabilito dai contratti collettivi del settore economico di appartenenza (commercio, chimici, edili etc) per le diverse categorie o livelli di inquadramento; 2) gli scatti di anzianità: sono maggiorazioni periodiche della retribuzione dovuti all anzianità di lavoro, premiano la permanenza del lavoratore presso la stessa impresa e riconoscono la professionalità acquisita; 3) premio di produzione: è un incentivo collettivo, determinato nel suo ammontare a livello aziendale, e concesso per remunerare l apporto globale dei lavoratori all aumento della produzione dell impresa

48 4) I super minimi: sono elementi concessi in aggiunta ai minimi contrattuali e rappresentano un trattamento più favorevole rispetto all inquadramento della categoria a cui appartiene il lavoratore; ne possono beneficiare solo determinate categorie di lavoratori (superminimi collettivi) o singoli dipendenti per le particolari capacità o le maggiori prestazioni fornite; 5) Le indennità: possono ricondursi: ricordiamo: ad un carattere retributivo; da un carattere di rimborso spese. a) le indennità di disagiata residenza, di mancata mensa, di maneggio del denaro, di vestiario, di alloggio etc; (indennità per maggior rischio o disaggio); b)l indennità chilometrica, l indennità per mezzi di trasporto ecc. sono rimborsi per spese sostenute; l indennità di trasferta: è pagata al lavoratore quando deve fornire la sua prestazione in luogo diverso dalla sede normale di lavoro; 48 48

49 d) l indennità sostitutiva del preavviso: ha lo scopo di indennizzare il danno causato da un inadempimento contrattuale; e) l indennità di vacanza contrattuale: spetta ai lavoratori quando il contratto nazionale della categoria non è ancora stato rinnovato dopo tre mesi dalla scadenza; (viene calcolata in base ad una % del tasso d inflazione e cessa di essere corrisposta con il rinnovo del contratto) 6) Il compenso per il lavoro straordinario: è considerato lavoro straordinario quello che eccede la durata prescritta dal contratto collettivo di lavoro. E retribuito con un compenso superiore a quello delle ore normali ed è regolato dai contratti collettivi di categoria. 7) La gratifica natalizia o tredicesima: è pari a una mensilità per gli impiegati e a 200 ore di lavoro per gli operai ed è pagata nel mese di dicembre. Come per la quattordicesima prevista da alcuni contratti si tratta di mensilità aggiunte e come tali vanno pagati anticipatamente in caso di cessazione del contratto

50 Retribuzione lorda: è costituita dalla somma degli elementi della retribuzione; Retribuzione netta: è costituita dalla retribuzione lorda meno: le ritenute sociali (per la pensione, la cassa integrazione etc) le ritenute fiscali (per l imposta sul reddito delle persone fisiche) 50 50

51 RAPPORTO CON L INPS l attività dell INPS è finanziata attraverso i contributi sociali versati dall impresa (a carico dell impresa e dei lavoratori) e attraverso interventi finanziari dello stato. Le aliquote percentuali per il calcolo dei contributi sono diversi a seconda dei settori economici di appartenenza (commercio, credito, artigianato etc) e in base al numero dei dipendenti: Lavoratori dipendenti Operai impiegati contributi percentuali INPS -settore industria fino a 15 dipendenti contributi a carico impresa 30,88 28,66 contributi a carico dipendente 9,19 9,19 fino a 50 dipendenti contributi a carico impresa 31,78 29,56 contributi a carico dipendente 9,49 9,49 con più di 50 dipendenti contributi a carico impresa 31,88 29,66 contributi a carico dipendente 9,49 9,

52 RAPPORTI TRA INPS E AZIENDA Le aziende hanno rapporto di debito e di credito nei confronti dell INPS più esattamente: sono debitrici: per i contributi sociali a loro carico e per quelli a carico dei dipendenti trattenuti in busta paga; sono creditrici: per le prestazioni erogate ai lavoratori per conto dell INPS: assegni per il nucleo famigliare; indennità di malattia e maternità; assegno di concedo matrimoniale; integrazioni salariali per riduzioni o sospensioni dal lavoro

53 la differenza tra il debito e il credito costituisce l importo che l azienda deve versare IL VERSAMENTO UNIFICATO Consente alle imprese di compensare le posizioni di credito con quelle di debito nei confronti dei diversi enti riferite allo stesso mese. Esempio: un credito IVA di un mese può essere riscosso mediante la compensazione dall importo dovuto per imposte o contributi sociali. Debiti dell impresa verso l INPS (per contributi sociali calcolati sulle retribuzioni lorde) - Crediti dell impresa verso l INPS (per pagamenti ai dipendenti degli assegni per il nucleo famigliare, delle indennità di malattia e maternità,delle integrazioni salariali per i lavoratori in cassa integrazione etc) 53 = Differenza a debito o a credito (da inserire nel calcolo del versamento unificato contributivo e fiscale da effettuare entro il giorno 16 del mese successivo) 53

54 1) Contribuente: codice fiscale; MODELLO F24 E il modello di versamento unificato attraverso il quale l azienda versa quando dovuto allo Stato e agli altri enti pubblici. Questo dev essere telematicamente trasmesso all agenzia delle entrate. E lo strumento ufficiale per procedere alla compensazione nei rapporti di debitocredito riguardanti le imposte, i contributi sociali e le ritenute. E così strutturato: cognome o denominazione sociale; 1) Sezione erario: domicilio, imposte dirette; vedete schema a pag 370 IVA,; ritenute fiscali alla fonte; altri tributi e interessi 54 54

55 3)sezione INPS: debito per contributi sociali; crediti per prestazioni erogate ai dipendenti; 4)sezione regioni: addizionali regionali; IRAP; 5)sezione ICI e altri tributi locali; 6)sezione altri enti previdenziali e assicurativi (INAIL ecc.) 7) firma e saldo finale. 8) estremi di versamento: data; codice banca/bancoposta/concessionario; eventuale numero di assegno bancario/circolare 55 55

56 DURC (DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA) E il documento che attesta che l impresa è in regola con i versamenti dei contributi sociali e non ha commesso violazioni nel campo della sicurezza del lavoro. Viene rilasciato dall INPS e dall INAIL su richiesta. Viene oggi sempre più richiesto alle aziende che partecipano a gare di appalto con enti pubblici

57 CUD (CERTIFICAZIONE UNICA DIPENDENTI) Ogni azienda è tenuta a rilasciare, entro il 28 di febbraio di ogni anno la certificazione unica nella quale sono riportate sia dati fiscali relativi ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, le detrazioni e le ritenute, sia i dati previdenziali relativi agli imponibili contributivi e alle trattenute assistenziali e previdenziali corrisposte a ogni singolo lavoratore nel corso dell anno. Le informazioni fornite dal CUD: 1) dati generali: nei quali sono presenti i dati dell azienda e quelli del lavoratore; 2) dati fiscali: relativi all IRPEF; 3) dati previdenziali e assistenziali, che indicano la posizione contributiva del lavoratore. 57 vedi schema a pag

58 RAPPORTI CON L INAIL L INAIL è un ente pubblico, preposto dalla legge alla gestione dell assicurazione obbligatoria dei lavoratori contro i rischi di infortunio per causa di lavoro e contro i rischi di malattie professionali contratte nello svolgimento di determinate attività lavorative. I premi assicurativi, dovuti all INAIL sono totalmente a carico del datore di lavoro, e si calcolano applicando alla retribuzione lorda una certa % che varia a seconda del rischio specifico dell attività svolta. Per l applicazione della % è stato introdotto un meccanismo analogo al bonus-malus in uso per le assicurazioni delle automobili. Ne consegue che le imprese nelle quali l incidenza degli infortuni è ridotta sono soggetti al pagamento di premi annui inferiori rispetto a quelle che presentano maggiori rischi per i lavoratori

59 GLI ADEMPIMENTI DELL AZIENDA VERSO L INAIL Le imprese devono provvedere all autoliquidazione del premio da corrispondere all INAIL in via anticipata per anno solare Nel primo anno di attività l impresa deve presentare una denuncia di esercizio nella quale indica la retribuzione presunta che verrà corrisposta ai dipendenti e sulla quale si calcola il premio da pagare applicando il tasso stabilito dall INAIL. Negli altri anni di attività l impresa deve presentare all INAIL, entro il 16 di febbraio il modello 10 SM riguardante la dichiarazione delle retribuzioni corrisposte nell anno precedente insieme a questo l impresa deve comunicare la denuncia nominativa degli assicurati.. Contestualmente deve calcolare e versare (con l F24) il premio assicurativo anticipato per l anno in corso. Il versamento può essere frazionato in quattro rate trimestrali. In caso di infortunio del dipendente l impresa è tenuta a segnalare l accaduto all autorità di pubblica sicurezza e a presentare denuncia all INAIL corredata di un certificato medico

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO Premessa Le Parti, nel predisporre questo nuovo contratto collettivo per le aziende del turismo, hanno

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE I Consorzi, ove ritengano di avvalersi della facoltà di ricorrere a rapporti di lavoro a tempo parziale ai sensi

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL 16.2.1999 A seguito del parere favorevole espresso in data

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli