La Gestione del Personale novembre 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Gestione del Personale novembre 2007"

Transcript

1 La Gestione del Personale novembre 2007 A cura di Giulio Vittorio Colombo 1 La Gestione del Personale 1. Perché gestire il personale : gli approcci storici alla questione 2. Gli strumenti della gestione delle Risorse Umane 2 1

2 1. Perché gestire il personale IL RAPPORTO CHE LEGA AZIENDA E LAVORATORI E UN COMPLESSO DI ISTANZE TRA LORO INTERAGENTI Relazione capo- collaboratore Esigenze dei processi di lavoro Relazione capo- collaboratore Esigenze dell organizzazione Relazione capo- collaboratore Esigenze del collaboratore OBIETTIVI AZIENDALI ESIGENZE INDIVIDUALI E DI GRUPPO 3 La motivazione aggregante PERSONA MOTIVAZIONE PERSONALE bisogni e valori AREA DI DISPONIBILITÀ ORGANIZZAZIONE MOTIVAZIONE AGGREGANTE scopi e obiettivi gratificazione integrazione CONDIVISIONE COLLABORAZIONE risultati 4 2

3 Il rapp orto d ura Albero dei rapporti di scambio VALORI E REGOLE ESPLICITI sociale CONDIVISIONE E CONSENSO INTEGRAZIONE OCCASIONI DI APPRENDIMENTO E SVILUPPO DENARO E BENEFICI psicologico professionale economico MOTIVAZIONE CONOSCENZE E CAPACITÀ PROFESSIONALI PRESTAZIONE DI LAVORO 5 1. Perché gestire il personale IL RAPPORTO DURA SE I SOGGETTI SANNO TROVARE E MANTENERE NEL TEMPO UN PUNTO DI EQULIBRIO SODDISFACENTE PER ENTRAMBI 6 3

4 La ge sti one deve a ssicurare che 1. Perché gestire il personale LA GESTIONE DEL PERSONALE DEVE ASSICURARE CHE: SI DISPONGA IN OGNI MOMENTO, DI RISORSE QUALITATIVE E QUANTITATIVE IN MODO TALE CHE SI OTTENGA LA MIGLIORE INTEGRAZIONE TRA CIO CHE L ORGANIZZAZIONE SI PROPONE (OBIETTIVI AZIENDALI) E CIO CHE EFFETTIVAMENTE SI REALIZZA (COMPORTAMENTI) 7 1. Approcci storici al problema 1.1 SCUOLA CLASSICA DELL ORGANIZZAZIONE 1.2 SCUOLA DELLE RELAZIONI UMANE 1.3 SCUOLE SOCIALI DELL ORGANIZZAZIONE 1.4 APPROCCIO SISTEMICO O DELLO SVILUPPO ORGANIZZATIVO 1.5 GLI ORIENTAMENTI ATTUALI SI DIFFERENZIANO PER IL DIVERSO MODO DI CONSIDERARE LA RISORSA UOMO NEL PROCESSO PRODUTTIVO HANNO RICHIESTO ALLA GESTIONE RUOLI VIA VIA DIFFERENTI 8 4

5 1.1 Scuola classica (Taylor 1911) SI CARATTERIZZA PER UNA VISIONE STRETTAMENTE ECONOMICA DEL MONDO L UOMO SI SOSTIENE AVENDO PAURA DELLA MISERIA DESIDERA GUADAGNARE DI PIU QUINDI RENDE AL LIMITE DELLE CAPACITA SE LA RETRIBUZIONE E STRETTAMENTE PROPORZIONATA ALLO SFORZO Scuola classica L UOMO E UNA VARIABILE DIPENDENTE DELL ORGANIZZAZIONE A CUI DEVE PASSIVAMENTE ADEGUARSI L ORGANIZZAZIONE VIENE CONCEPITA COME UN COMPLESSO DI NORME E SCHEMI FORMALI L EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZIONE E GARANTITA DALLA SUA RAZIONALITA E SCIENTIFICITA 10 5

6 La catena di montaggio Chaplin- Tempi Moderni La catena di montaggio Ford

7 Scuola classica: la gestione 1.1 Scuola classica LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE: ASSICURARE IL RISPETTO DELLE REGOLE FORMALI CONFERMARE IL POTERE DELL ORGANIZZAZIONE SULL INDIVIDUO PORRE ATTENZIONE ALLA INCENTIVAZIONE ECONOMICA (COTTIMI) BASATA SU PRECISI TEMPI E METODI Scuola delle Relazioni Umane (E.Mayo 1932) L UOMO E ANCORA VARIABILE DIPENDENTE DELL ORGANIZZAZIONE MA: IL LIVELLO DI EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZIONE NON E DETERMINATO DALLA CAPACITA FISICA DEL LAVORATORE MA DALLA SUA CAPACITA SOCIALE LE RICOMPENSE NON ECONOMICHE HANNO IMPORTANZA RILEVANTE NEL DETERMINARE LA MOTIVAZIONE DEI LAVORATORI ED IL LORO RENDIMENTO I LAVORATORI REAGISCONO NEI CONFRONTI DELL ORGANIZZAZIONE SIA COME INDIVIDUI CHE COME MEMBRI DI GRUPPI 14 7

8 bisogno di collaborazione e integrazione nel gruppo gruppo informale, relazioni interpersonali MOTIVAZIONE st Qtr 3rd Qtr Ricerche di Elton Mayo alla Western Electric Co. tra il 1927 e il Relazioni Umane : la gestione 1.2 Scuola Relazioni Umane LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE: ASSICURARE BUONE RELAZIONI CON IL PERSONALE ASSICURARE L UOMO GIUSTO AL POSTO GIUSTO ASSICURARE IL SENSO DI APPARTENENZA DEL LAVORATORE ALL ORGANIZZAZIONE 16 8

9 Relazioni Umane:strumenti 1.2 Scuola Relazioni Umane SI METTONO A PUNTO STRUMENTI QUALI: RICERCHE SUL CLIMA AZIENDALE TEST ATTITUDINALI, SELEZIONI ETC. SISTEMA DI BENEFICI NON RETRIBUTIVI: CLUBS, COLONIE, CASE, PACCHI DONO ETC. JOB EVALUATION E, MANSIONARI ADDESTRAMENTO Scuole Sociali dell Organizzazione (Mc Gregor - Herberger ) LE SCUOLE SOCIALI RIBALTANO I CONCETTI DEI PRECEDENTI ORIENTAMENTI E RIVALUTANO IL FATTORE UMANO L UOMO E LA VERA VARIABILE INDIPENDENTE E L ORGANIZZAZIONE E A LUI SUBORDINATA L UOMO E UN SOGGETTO ATTIVO CHE DECRETA SUCCESSI O INSUCCESSI DELL ORGANIZZAZIONE CON LA QUALE INTERAGISCE L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE E QUELLA FLESSIBILE (A MISURA DI UOMO ) 18 9

10 Scuole Sociali: la gestione 1.3 Scuole Sociali dell Organizzazione LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE: INTEGRARE ESIGENZE UMANE E ORGANIZZATIVE OTTIMIZZARE L IMPIEGO DELLE RISORSE UMANE (POSTO GIUSTO PER L UOMO GIUSTO) FORNIRE CONTINUE OCCASIONI DI MOTIVAZIONE ACCETTARE DI AGIRE IN SITUAZIONI DI CONFLITTUALITA E CAMBIAMENTO- 19 Scuole Sociali: gli strumenti 1.3 Scuole Sociali dell Organizzazione SI METTONO A PUNTO STRUMENTI DI: ANALISI ORGANIZZATIVA E DEI RUOLI ARRICCHIMENTO DEI COMPITI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DEL POTENZIALE MOBILITA PROGRAMMATA/FORMAZIONE CONTRATTAZIONE DEL PERSONALE LA FUNZIONE DEL PERSONALE E ORA PIENA L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE ESCE DI SCENA 20 10

11 1.4 Approccio Sistemico L AZIENDA VIENE VISTA COME PARTE DI UN SISTEMA COMPLESSO DI CUI SUBISCE L INFLUENZA MA CHE ESSA STESSA INFLUENZA LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA NON E PIU RICERCATA NELLA PREVALENZA DELL UOMO SULL ORGANIZZAZIONE O VICEVERSA Approccio Sistemico MA PIUTTOSTO NEL LORO CONTINUO ( UOMO/ORGANIZZAZIONE) E RECIPROCO ADATTAMENTO IN FUNZIONE DELLE SCELTE AZIENDALI E DELLE INFLUENZE DELL AMBIENTE ESTERNO L AZIENDA VIENE CONCEPITA COME UN INSIEME DI SISTEMI TRA LORO INTERAGENTI, CIASCUNO DEI QUALI IN COMUNICAZIONE CON L AMBIENTE ESTERNO NON ESISTE QUINDI UN MODELLO OTTIMALE DI ORGANIZZAZIONE CHE DEVE ADEGUARSI COERENTEMENTE AL MUTARE DELLE SITUAZIONI AMBIENTALI 22 11

12 Domanda Vincoli Risorse SISTEMA IMPRESA Prodotti Servizi Immagine Ritorno sociale 23 cio Sistem ico: la gestio ne 1.4 Approccio Sistemico LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE PROMUOVERE LO SVILUPPO ORGANIZZATIVO IN LINEA CON LE STRATEGIE MIGLIORARE LA COERENZA DEL SISTEMA PIANIFICARE IL CAMBIAMENTO COINVOLGENDO I PROTAGONISTI 24 12

13 menti 1.4 Approccio Sistemico PER RAGGIUNGERE TALI OBIETTIVI SI METTONO A PUNTO: PIANI DELLE RISORSE QUALITATIVE E QUANTITATIVE (Management Review,Carte di sostituzione) PROGRAMMI DI FORMAZIONE LEGATI A PRECISE ESIGENZE DI CAMBIAMENTO SISTEMI PREMIANTI DIFFERENZIATI E LEGATI AI FATTORI DI SUCCESSO AZIENDALE (Direzione per Obiettivi, Valutazione di performance, Valutazioni individuali e di gruppo) 25 Produttivo Personale Commerc.le Informativo Finanziario Ammin.vo 26 13

14 Informativo 27 Emergenze Pianificazione Cessazioni Trasferte Mobilità Sistema Premiante Pass. di Categoria Valutazione Azioni disciplinari Organizzazione Aspetti Relazionali Relazioni Sindacali Sicurezza Ambiente Sviluppo Management Informazione Controllo Reclutamento Selezione Inserimento Addestramento Formazione Presenze Assenze-Paghe 28 14

15 2. Gli strumenti Gestionali 2.1 IL CONTRATTO DI LAVORO 2.2 IL REGOLAMENTO INTERNO/ESPLICITAZIONE DELLE REGOLE 2.3 LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI 2.4 LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI / RESPONSABILITÀ 2.5 LA GESTIONE DELLE RETRIBUZIONI 2.6 LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE 2.7 LE NUOVE TENDENZE : LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Il contratto di lavoro IL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO, CON IL CODICE CIVILE E LA LEGGE 300 DEL 1970 (STATUTO DEI LAVORATORI) RAPPRESENTA LA PRINCIPALE FONTE NORMATIVA CHE REGOLA IL RAPPORTO DI LAVORO. IN ESSO VENGONO DEFINITI: I CRITERI DI APPARTENENZA ALLE CATEGORIE DEI LAVORATORI LE TUTELE IN CASO DI MALATTIA I DIRITTI DEI LAVORATORI ED I DIRITTI SINDACALI GLI OBBLIGHI DEI LAVORATORI, E RELATIVE SANZIONI DISCIPLINARI IN CASO DI INOSSERVANZA 30 15

16 2.2 Il regolamento interno IL REGOLAMENTO INTERNO E L ALTRA IMPORTANTE FONTE DI NORME CHE REGOLANO IL RAPPORTO INTERCORRENTE TRA AZIENDA E LAVORATORI. IL SUO CONTENUTO DIPENDE DALLA SPECIFICITA DELL AZIENDA, MA IN GENERALE RIGUARDA: ORARIO DI LAVORO VIAGGI E TRASFERTE MOBILITA DEL PERSONALE VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il regolamento interno IL REGOLAMENTO INTERNO RISPONDE AL PRINCIPIO TRASPARENZA E ESPLICITAZIONE DELLE REGOLE DEL GIOCO 32 16

17 Il regolamento interno Mobilità 2.2 Il regolamento interno ES. NORMATIVA MOBILITA La professionalità e la crescita delle risorse umane costituiscono un obiettivo primario di tutto il sistema aziendale. Le promozioni dall interno sostenute da adeguati programmi di addestramento e formazione, costituiscono un punto fermo della politica aziendale: assunzioni dall esterno sono giustificate solo dall impossibilità di reperirle all interno e/o di potenziare in tempo utile le candidature disponibili. In questo quadro la mobilità dei dipendenti è gestita con l obiettivo di cogliere ogni opportunità per accrescere il loro sviluppo professionale, non escludendo, in esso, un concetto di mobilità orizzontale inteso come diversificazione professionale a fronte di specifiche esigenze aziendali. 33 Il regolamento interno:viaggi-trasferte 2.2 Il regolamento interno ES. REGOLAMENTO VIAGGI E TRASFERTE L Azienda riconosce con il sistema a piè di lista le spese sostenute dai propri collaboratori che viaggiano per servizio. L Azienda desidera che i suoi collaboratori, durante i viaggi effettuati nell esercizio delle rispettive funzioni, possano mantenere un tenore di vita decoroso: il sistema di rimborso adottato lo consente, ma è bene precisare che esso deve essere inteso come il mezzo per raggiungere un preciso obiettivo e cioè che le spese siano non solo necessarie ma certamente anche ragionevoli 34 17

18 2.3 LE tre P Sistema di gestione e sviluppo: il paradigma tradizionale... 1 Posizione 2 Prestazioni 3 Potenziale La valutazione delle prestazioni LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SI COLLOCA AL CENTRO DEL SISTEMA DI GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE CON ESSA INFATTI SI FINALIZZA E SI FOCALIZZA L'IMPEGNO DEI VARI LIVELLI ORGANIZZATIVI SUGLI OBIETTIVI AZIENDALI E RELATIVE MODALITÀ DI RAGGIUNGIMENTO, MEDIANTE UNA LORO PRECISA PRESA DI CONSAPEVOLEZZA E COINVOLGIMENTO. PIÙ CHE UN MOMENTO LA V.D.P É UN PROCESSO CHE CONSENTE ALL'ORGANIZZAZIONE DI ORIENTARE CON LA MASSIMA EFFICACIA E COERENZA I PIANI OPERATIVI DELLE SINGOLE UNITÀ AI PIANI AZIENDALI E DI MONITORARE COSTANTEMENTE - IN TERMINI DI RISULTATI - L'ADEGUATEZZA DELLE PROPRIE RISORSE

19 2.3 La valutazione delle prestazioni CONSENTE QUINDI AL DIPENDENTE DI ENTRARE COME "SOGGETTO ATTIVO" NEL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE AZIENDALE, DI FARNE PROPRI E CONDIVIDERE GLI OBIETTIVI SU CUI ORIENTARE I PROPRI SFORZI La valutazione delle prestazioni e gli altri sistemi di gestione delle Risorse Umane VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI IMPATTO SUI SISTEMI ORGANIZZATIVO SVILUPPO/FORMAZIONE PREMIANTE.DEFINIZIONE RUOLI MOMENTO DI ASSEGNAZIONE OBIETTIVI.GEST.INCAR.TEMPORANEI.INDICAZIONE COMPORTAM. ORGANIZZATIVI.GEST.INTERFUNZIONALITÁ.SINTESI OBIETTIVI REALIZZATI.REVISIONE RUOLI.REVISIONE PROCEDURE MOMENTO VALUTATIVO.EMERGERE BISOGNI FORMATIVI.ESPLICITAZIONE COMPORT. ORGANIZZ. ATTESI.PIANI FORMATIVI DI SUPPORTO.GAP PROFES./GESTIONALI DI INTEGRAZIONE.PIANI DI FORMAZIONE.MOBILITÁ VERTICALE/ ORIZZONTALE.PIANI DI SOSTITUZIONE (Carte di rimpiazzo).sistemi RETRIBUTIVI/DI INCENTIVAZIONE/BENEFITS.PIANI MERITOCRATICI.CORRELAZIONE TRA VALUTAZIONE E AUMENTI.EQUITÁ INTERNA SISTEMA INFORMATIVO 38 19

20 2.3 La valutazione delle prestazioni L ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI E LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI SONO I DUE PRINCIPALI MOMENTI FORMALI DEL PROCESSO DI V.d.P CHE VEDONO ATTORI IL RESPONSABILE DELL UNITA ORGANIZZATIVA ED I PROPRI COLLABORATORI La valutazione delle prestazioni L ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI CON L ASSEGNAZIONE" VENGONO INDIVIDUATI I RISULTATI DI LAVORO: ATTESI DEFINITI MISURABILI RIFERITI AD UN DETERMINATO PERIODO DI TEMPO I COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI ATTESI (Cioè le qualità e capacità richieste: es. Decisione, Determinazione CON FORMALIZZAZIONE IN UNA APPOSITA SCHEDA DI VALUTAZIONE 40 20

21 2.3 La valutazione delle prestazioni LA SCHEDA DI VALUTAZIONE LA SCHEDA E IL DOCUMENTO IN CUI VENGONO SCRITTI GLI OBIETTIVI ED I COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI ATTESI La valutazione delle prestazioni LA SCHEDA DI VALUTAZIONE 42 21

22 2.3 La valutazione delle prestazioni LA SCHEDA DI VALUTAZIONE La valutazione delle posizioni ALL INTERNO DELL ORGANIZZAZIONE CIASCUN COLLABORATORE OCCUPA UNA POSIZIONE DI LAVORO DEFINITA DA UN INSIEME DI COMPITI A QUESTA ASSEGNATI. E UNA POSIZIONE DI LAVORO AD ESEMPIO QUELLA DI: RESPONSABILE DI PUNTO DI VENDITA VENDITORE ADDETTO CONTABILITA FORNITORI RESPONSABILE DI MAGAZZINO POSIZIONE DI LAVORO E MANSIONE VENGONO USATI SPESSO COME SINONIMI 44 22

23 2.4 La valutazione delle posizioni CIASCUNA POSIZIONE SI DIFFERENZIA PER IL DIVERSO GRADO DI PROFFESSIONALITA / RESPONSABILITA RICHIESTE. AD UNA POSIZIONE PUO ESSERE RICHIESTO DI CONOSCERE : POCHE COSE E AD UN BASSO LIVELLO DI APPROFONDIMENTO. POCHE COSE MA UN ELEVATO LIVELLO DI APPROFONDIMENTO (Specialisti) MOLTE COSE CON CERTO LIVELLO DI APPROFONDIMENTO SU DIVERSE AREE AZIENDALI (Responsabili) La valutazione delle posizioni IL MIX TRA QUANTITA DI COSE DA CONOSCERE / LORO DIVERSITA / LIVELLO DI APPROFONDIMENTO RICHIESTO / RESPONSABILTA ASSEGNATA DETERMINA L IMPORTANZA DELLA POSIZIONE ALL INTERNO DELL ORGANIZZAZIONE ESISTONO METODOLOGIE CONSOLIDATE PER LA LORO VALUTAZIONE (IL PIU CONOSCIUTO E IL METODO HAY) A CUI SI CORRELA IL LIVELLO RETRIBUTIVO DA ASSEGARE ALLA POSIZIONE 46 23

24 2.4 La valutazione delle posizioni Mansioni, responsabilità,inquadramento A quale approfondimento Specializzazione-responsabilità-retribuzione Quante cose conosco La valutazione delle posizioni: la struttura retributiva 48 24

25 2.6 La valutazione del potenziale CON LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE L AZIENDA RIFLETTE SUL "VALORE FUTURO" DELLE PROPRIE RISORSE UMANE PER CAPIRE QUALI ALTRE POSIZIONI ORGANIZZATIVE IN PROSPETTIVA POTRANNO RICOPRIRE. ESSA SI BASA SU UNA : "'ATTIVITÁ SISTEMATICA ED ANALITICA DI RACCOLTA, FORMALIZZAZIONE, ED ORGANIZZAZIONE DI DATI ED INFORMAZIONI SULLE COMPETENZE POSSEDUTE DAL SOGGETTO A FRONTE DELLE CARATTERISTICHE RICHIESTE DALL'AZIENDA PER LE POSIZIONI RICOPERTE O DI QUELLE CHE IN FUTURO POTRANNO RICOPRIRSI". 49 Potenziale Il potenziale è quell insieme di caratteristiche che si ipotizza siano a disposizione di un individuo, ma che nella situazione considerata non hanno la possibilità di essere manifestate. La valutazione del potenziale identifica quelle caratteristiche che non vengono valorizzate nelle attività svolte, ma che sono importanti per altre attività 50 25

26 Il concetto di potenziale Si propone di verificare se la persona possiede le competenze per ricoprire, in futuro, posizioni diverse e di maggiore responsabilità. È legato al sistema premiante in termini di SVILUPPO DI CARRIERA La valutazione del potenziale:il Curriculum Aziendale 52 26

27 2.7 La pianificazione delle risorse Gli iter professionali DEFINISCONO LE ESPERIENZE PROFESSIONALI CHE DEVONO ESSERE MATURATE PER POTER ACCEDERE A POSIZIONI ORGANIZZATIVE PIÙ COMPLESSE E/O CON MAGGIOR RESPONSABILITA Per ciascuna posizione vengono indicate: le esperienze richieste ed il tempo di permanenza minimo nella posizione le capacità/abilità che devono essere state palesate e verificate Che cosa devo avere fatto (sapere e saper fare) Quali capacità devo avere (saper essere) la formazione aggiuntiva necessaria per accedere alla posizione. Che conoscenze aggiuntive devo acquisire (sapere) La pianificazione delle risorse Gli iter professionali -1 Direzione: Information & Tecnology Communication Titolo della posizione: Analista Categ. 6 (di arrivo) Titolo di studio: diploma/laurea Che cosa Provenienza:da Programmatore con almeno 18 mesi nella posizione devo (40 mesi avere complessivi nella programmazione se diplomato, 28 mesi se laureato). fatto (sapere e saper fare) Capacità e conoscenze richieste per l accesso alla posizione: Iniziativa, autonomia professionale,conoscenza della metodologia di problem solving. Approfondita conoscenza delle tecniche base di programmazione,della logica e delle procedure elaborative. Completa padronanza ed autonomia operativa nella fase di collaudo.buona conoscenza delle tecniche specialistiche più utilizzate. Formazione: Approfondimento sui temidei precedenti corsi di formazione. Corso specifico su metodologie di Test (fondamentale)

28 2.7 La pianificazione delle risorse Gli iter professionali -2 Direzione: Information & Tecnology Communication Titolo della posizione: Analista Categ. 6 (di arrivo) Descrizione delle mansioni (consolidate) Sulla base delle specifiche tecniche funzionali di procedura e programma, nel rispetto degli standard prefissati, cura la definizione della logica di dettaglio, la minutazione, la compilazione ed i test dei programmi relativi ai nuovi sistemi applicativi o a modifiche/estensione di quelli esistenti. Redige ed aggiorna, nel rispetto degli standards aziendali, la documentazione relativa alle varie fasi del software prodotto. Collabora con gli assistenti di programmazione per gli aspetti tecnici della impostazione dei problemi e nella soluzione di procedure integrate. Guida i programmatori meno esperti nel collaudo dei singoli elementi Che cosa devo fare Partecipa in collaborazione con la progettazione software all avviamento ed inserimento in esercizio del software prodotto ed alla soluzione dei problemi che si presentano durante il periodo di garanzia La pianificazione delle risorse Le carte di sostituzione

29 2.7 La pianificazione delle risorse Le carte di sostituzione La pianificazione delle risorse Le carte di sostituzione

30 2.8 LE NUOVE TENDENZE I cambiamenti nell organizzazione Sistema tradizionale gerarchico - procedurale Organizzazione snella azienda corta - processiva Azienda rete gestione strategica dell outsourcing LE NUOVE TENDENZE I cambiamenti nell organizzazione MENO MENO PROCEDURE, MENO MENO GERARCHIE NUOVO PATTO FRA AZIENDA E PERSONE CHE CI LAVORANO PIÙ PIÙ ORGANIZZAZIONE SNELLA, SNELLA, PER PER PROCESSI PIÙ PIÙVISIONE SISTEMICA PIÙ PIÙ AZIENDA AZIENDA RETE RETE 60 30

31 2.8 LE NUOVE TENDENZE Le attese aziendali IERI CONOSCENZE PROFESSIONALI ATTUARE CONTENUTI DELLA POSIZIONE REQUISITI DEL MESTIERE RISULTATI PREDEFINITI PROBLEM SOLVING LE NUOVE TENDENZE Le attese aziendali OGGI CONOSCENZE PROFESSIONALI INTERPRETARE UNO SPAZIO ORGANIZZATIVO COMPETENZE PERSONALI CAPACITA RISULTATI ATTESI QUALITA 62 31

32 2.8 LE NUOVE TENDENZE I cambiamenti nella popolazione aziendale Le persone assumono nei processi aziendali rilevanza strategica per la competitività di impresa Più capacità di produrre miglioramento continuo più ampia visione di funzione e di ruolo più integrazione NUOVE COMPETENZE LE NUOVE TENDENZE Il superamento del paradigma tradizionale.. 1 Posizione Valutazione delle competenze 2 Prestazioni 3 Potenziale 64 32

33 2.8 LE NUOVE TENDENZE La Valutazione delle Competenze Diventa fondamentale per le aziende Tutelare il patrimonio delle proprie Competenze distintive Mappando le competenze presenti in azienda Utilizzando appieno le persone Sviluppandone costantemente le competenze e creandone delle nuove Per migliorare continuamente la propria Competitività 65 IL MODELLO DI COMPETENZA 2.8 LE NUOVE TENDENZE!" # 66 33

34 Un Modello di competenza 2.8 LE NUOVE TENDENZE:LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Un Modello CONOSCENZE TRASVERSALI 1. Business di impresa 2. Amm.ne e Finanza 3. Marketing 4. I.T.C 5..Logistica 6. Gest. risorse umane 7. Progettazione 8.. CONOSCENZE DISCIPLINARI CAPACITA -QUALITA 1. Ricercare l eccellenza nella prestazione 2. Operare a servizio del team di lavoro 3. Gestire il tempo come fattore competitivo 4. Semplificare le soluzioni / decisioni 5. Migliorare / apprendere continuamente 6. Essere un riferimento professionale 7. Ricercare l innovazione 8. Assumersi il rischio delle decisioni / scelte 9. Comunicare con efficacia 10. Assimilare esperienze culturali diverse LE NUOVE TENDENZE:LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Conoscenze specialistiche Si tratta di conoscenze (discipline) specifiche dell area professionale di appartenenza della persona, necessarie per svolgere correttamente una mansione specifica. A titolo di esempio per l area professionale Gestione Risorse Umane: diritto sindacale e del lavoro amministrazione del personale formazione selezione sicurezza del lavoro ergonomia psicologia del lavoro organizzazione

35 2.8 La valutazione delle competenze: Il profilo di competenze 69 35

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli