La Gestione del Personale novembre 2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Gestione del Personale novembre 2007"

Transcript

1 La Gestione del Personale novembre 2007 A cura di Giulio Vittorio Colombo 1 La Gestione del Personale 1. Perché gestire il personale : gli approcci storici alla questione 2. Gli strumenti della gestione delle Risorse Umane 2 1

2 1. Perché gestire il personale IL RAPPORTO CHE LEGA AZIENDA E LAVORATORI E UN COMPLESSO DI ISTANZE TRA LORO INTERAGENTI Relazione capo- collaboratore Esigenze dei processi di lavoro Relazione capo- collaboratore Esigenze dell organizzazione Relazione capo- collaboratore Esigenze del collaboratore OBIETTIVI AZIENDALI ESIGENZE INDIVIDUALI E DI GRUPPO 3 La motivazione aggregante PERSONA MOTIVAZIONE PERSONALE bisogni e valori AREA DI DISPONIBILITÀ ORGANIZZAZIONE MOTIVAZIONE AGGREGANTE scopi e obiettivi gratificazione integrazione CONDIVISIONE COLLABORAZIONE risultati 4 2

3 Il rapp orto d ura Albero dei rapporti di scambio VALORI E REGOLE ESPLICITI sociale CONDIVISIONE E CONSENSO INTEGRAZIONE OCCASIONI DI APPRENDIMENTO E SVILUPPO DENARO E BENEFICI psicologico professionale economico MOTIVAZIONE CONOSCENZE E CAPACITÀ PROFESSIONALI PRESTAZIONE DI LAVORO 5 1. Perché gestire il personale IL RAPPORTO DURA SE I SOGGETTI SANNO TROVARE E MANTENERE NEL TEMPO UN PUNTO DI EQULIBRIO SODDISFACENTE PER ENTRAMBI 6 3

4 La ge sti one deve a ssicurare che 1. Perché gestire il personale LA GESTIONE DEL PERSONALE DEVE ASSICURARE CHE: SI DISPONGA IN OGNI MOMENTO, DI RISORSE QUALITATIVE E QUANTITATIVE IN MODO TALE CHE SI OTTENGA LA MIGLIORE INTEGRAZIONE TRA CIO CHE L ORGANIZZAZIONE SI PROPONE (OBIETTIVI AZIENDALI) E CIO CHE EFFETTIVAMENTE SI REALIZZA (COMPORTAMENTI) 7 1. Approcci storici al problema 1.1 SCUOLA CLASSICA DELL ORGANIZZAZIONE 1.2 SCUOLA DELLE RELAZIONI UMANE 1.3 SCUOLE SOCIALI DELL ORGANIZZAZIONE 1.4 APPROCCIO SISTEMICO O DELLO SVILUPPO ORGANIZZATIVO 1.5 GLI ORIENTAMENTI ATTUALI SI DIFFERENZIANO PER IL DIVERSO MODO DI CONSIDERARE LA RISORSA UOMO NEL PROCESSO PRODUTTIVO HANNO RICHIESTO ALLA GESTIONE RUOLI VIA VIA DIFFERENTI 8 4

5 1.1 Scuola classica (Taylor 1911) SI CARATTERIZZA PER UNA VISIONE STRETTAMENTE ECONOMICA DEL MONDO L UOMO SI SOSTIENE AVENDO PAURA DELLA MISERIA DESIDERA GUADAGNARE DI PIU QUINDI RENDE AL LIMITE DELLE CAPACITA SE LA RETRIBUZIONE E STRETTAMENTE PROPORZIONATA ALLO SFORZO Scuola classica L UOMO E UNA VARIABILE DIPENDENTE DELL ORGANIZZAZIONE A CUI DEVE PASSIVAMENTE ADEGUARSI L ORGANIZZAZIONE VIENE CONCEPITA COME UN COMPLESSO DI NORME E SCHEMI FORMALI L EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZIONE E GARANTITA DALLA SUA RAZIONALITA E SCIENTIFICITA 10 5

6 La catena di montaggio Chaplin- Tempi Moderni La catena di montaggio Ford

7 Scuola classica: la gestione 1.1 Scuola classica LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE: ASSICURARE IL RISPETTO DELLE REGOLE FORMALI CONFERMARE IL POTERE DELL ORGANIZZAZIONE SULL INDIVIDUO PORRE ATTENZIONE ALLA INCENTIVAZIONE ECONOMICA (COTTIMI) BASATA SU PRECISI TEMPI E METODI Scuola delle Relazioni Umane (E.Mayo 1932) L UOMO E ANCORA VARIABILE DIPENDENTE DELL ORGANIZZAZIONE MA: IL LIVELLO DI EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZIONE NON E DETERMINATO DALLA CAPACITA FISICA DEL LAVORATORE MA DALLA SUA CAPACITA SOCIALE LE RICOMPENSE NON ECONOMICHE HANNO IMPORTANZA RILEVANTE NEL DETERMINARE LA MOTIVAZIONE DEI LAVORATORI ED IL LORO RENDIMENTO I LAVORATORI REAGISCONO NEI CONFRONTI DELL ORGANIZZAZIONE SIA COME INDIVIDUI CHE COME MEMBRI DI GRUPPI 14 7

8 bisogno di collaborazione e integrazione nel gruppo gruppo informale, relazioni interpersonali MOTIVAZIONE st Qtr 3rd Qtr Ricerche di Elton Mayo alla Western Electric Co. tra il 1927 e il Relazioni Umane : la gestione 1.2 Scuola Relazioni Umane LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE: ASSICURARE BUONE RELAZIONI CON IL PERSONALE ASSICURARE L UOMO GIUSTO AL POSTO GIUSTO ASSICURARE IL SENSO DI APPARTENENZA DEL LAVORATORE ALL ORGANIZZAZIONE 16 8

9 Relazioni Umane:strumenti 1.2 Scuola Relazioni Umane SI METTONO A PUNTO STRUMENTI QUALI: RICERCHE SUL CLIMA AZIENDALE TEST ATTITUDINALI, SELEZIONI ETC. SISTEMA DI BENEFICI NON RETRIBUTIVI: CLUBS, COLONIE, CASE, PACCHI DONO ETC. JOB EVALUATION E, MANSIONARI ADDESTRAMENTO Scuole Sociali dell Organizzazione (Mc Gregor - Herberger ) LE SCUOLE SOCIALI RIBALTANO I CONCETTI DEI PRECEDENTI ORIENTAMENTI E RIVALUTANO IL FATTORE UMANO L UOMO E LA VERA VARIABILE INDIPENDENTE E L ORGANIZZAZIONE E A LUI SUBORDINATA L UOMO E UN SOGGETTO ATTIVO CHE DECRETA SUCCESSI O INSUCCESSI DELL ORGANIZZAZIONE CON LA QUALE INTERAGISCE L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE E QUELLA FLESSIBILE (A MISURA DI UOMO ) 18 9

10 Scuole Sociali: la gestione 1.3 Scuole Sociali dell Organizzazione LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE: INTEGRARE ESIGENZE UMANE E ORGANIZZATIVE OTTIMIZZARE L IMPIEGO DELLE RISORSE UMANE (POSTO GIUSTO PER L UOMO GIUSTO) FORNIRE CONTINUE OCCASIONI DI MOTIVAZIONE ACCETTARE DI AGIRE IN SITUAZIONI DI CONFLITTUALITA E CAMBIAMENTO- 19 Scuole Sociali: gli strumenti 1.3 Scuole Sociali dell Organizzazione SI METTONO A PUNTO STRUMENTI DI: ANALISI ORGANIZZATIVA E DEI RUOLI ARRICCHIMENTO DEI COMPITI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DEL POTENZIALE MOBILITA PROGRAMMATA/FORMAZIONE CONTRATTAZIONE DEL PERSONALE LA FUNZIONE DEL PERSONALE E ORA PIENA L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE ESCE DI SCENA 20 10

11 1.4 Approccio Sistemico L AZIENDA VIENE VISTA COME PARTE DI UN SISTEMA COMPLESSO DI CUI SUBISCE L INFLUENZA MA CHE ESSA STESSA INFLUENZA LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA NON E PIU RICERCATA NELLA PREVALENZA DELL UOMO SULL ORGANIZZAZIONE O VICEVERSA Approccio Sistemico MA PIUTTOSTO NEL LORO CONTINUO ( UOMO/ORGANIZZAZIONE) E RECIPROCO ADATTAMENTO IN FUNZIONE DELLE SCELTE AZIENDALI E DELLE INFLUENZE DELL AMBIENTE ESTERNO L AZIENDA VIENE CONCEPITA COME UN INSIEME DI SISTEMI TRA LORO INTERAGENTI, CIASCUNO DEI QUALI IN COMUNICAZIONE CON L AMBIENTE ESTERNO NON ESISTE QUINDI UN MODELLO OTTIMALE DI ORGANIZZAZIONE CHE DEVE ADEGUARSI COERENTEMENTE AL MUTARE DELLE SITUAZIONI AMBIENTALI 22 11

12 Domanda Vincoli Risorse SISTEMA IMPRESA Prodotti Servizi Immagine Ritorno sociale 23 cio Sistem ico: la gestio ne 1.4 Approccio Sistemico LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEVE PROMUOVERE LO SVILUPPO ORGANIZZATIVO IN LINEA CON LE STRATEGIE MIGLIORARE LA COERENZA DEL SISTEMA PIANIFICARE IL CAMBIAMENTO COINVOLGENDO I PROTAGONISTI 24 12

13 menti 1.4 Approccio Sistemico PER RAGGIUNGERE TALI OBIETTIVI SI METTONO A PUNTO: PIANI DELLE RISORSE QUALITATIVE E QUANTITATIVE (Management Review,Carte di sostituzione) PROGRAMMI DI FORMAZIONE LEGATI A PRECISE ESIGENZE DI CAMBIAMENTO SISTEMI PREMIANTI DIFFERENZIATI E LEGATI AI FATTORI DI SUCCESSO AZIENDALE (Direzione per Obiettivi, Valutazione di performance, Valutazioni individuali e di gruppo) 25 Produttivo Personale Commerc.le Informativo Finanziario Ammin.vo 26 13

14 Informativo 27 Emergenze Pianificazione Cessazioni Trasferte Mobilità Sistema Premiante Pass. di Categoria Valutazione Azioni disciplinari Organizzazione Aspetti Relazionali Relazioni Sindacali Sicurezza Ambiente Sviluppo Management Informazione Controllo Reclutamento Selezione Inserimento Addestramento Formazione Presenze Assenze-Paghe 28 14

15 2. Gli strumenti Gestionali 2.1 IL CONTRATTO DI LAVORO 2.2 IL REGOLAMENTO INTERNO/ESPLICITAZIONE DELLE REGOLE 2.3 LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI 2.4 LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI / RESPONSABILITÀ 2.5 LA GESTIONE DELLE RETRIBUZIONI 2.6 LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE 2.7 LE NUOVE TENDENZE : LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Il contratto di lavoro IL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO, CON IL CODICE CIVILE E LA LEGGE 300 DEL 1970 (STATUTO DEI LAVORATORI) RAPPRESENTA LA PRINCIPALE FONTE NORMATIVA CHE REGOLA IL RAPPORTO DI LAVORO. IN ESSO VENGONO DEFINITI: I CRITERI DI APPARTENENZA ALLE CATEGORIE DEI LAVORATORI LE TUTELE IN CASO DI MALATTIA I DIRITTI DEI LAVORATORI ED I DIRITTI SINDACALI GLI OBBLIGHI DEI LAVORATORI, E RELATIVE SANZIONI DISCIPLINARI IN CASO DI INOSSERVANZA 30 15

16 2.2 Il regolamento interno IL REGOLAMENTO INTERNO E L ALTRA IMPORTANTE FONTE DI NORME CHE REGOLANO IL RAPPORTO INTERCORRENTE TRA AZIENDA E LAVORATORI. IL SUO CONTENUTO DIPENDE DALLA SPECIFICITA DELL AZIENDA, MA IN GENERALE RIGUARDA: ORARIO DI LAVORO VIAGGI E TRASFERTE MOBILITA DEL PERSONALE VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il regolamento interno IL REGOLAMENTO INTERNO RISPONDE AL PRINCIPIO TRASPARENZA E ESPLICITAZIONE DELLE REGOLE DEL GIOCO 32 16

17 Il regolamento interno Mobilità 2.2 Il regolamento interno ES. NORMATIVA MOBILITA La professionalità e la crescita delle risorse umane costituiscono un obiettivo primario di tutto il sistema aziendale. Le promozioni dall interno sostenute da adeguati programmi di addestramento e formazione, costituiscono un punto fermo della politica aziendale: assunzioni dall esterno sono giustificate solo dall impossibilità di reperirle all interno e/o di potenziare in tempo utile le candidature disponibili. In questo quadro la mobilità dei dipendenti è gestita con l obiettivo di cogliere ogni opportunità per accrescere il loro sviluppo professionale, non escludendo, in esso, un concetto di mobilità orizzontale inteso come diversificazione professionale a fronte di specifiche esigenze aziendali. 33 Il regolamento interno:viaggi-trasferte 2.2 Il regolamento interno ES. REGOLAMENTO VIAGGI E TRASFERTE L Azienda riconosce con il sistema a piè di lista le spese sostenute dai propri collaboratori che viaggiano per servizio. L Azienda desidera che i suoi collaboratori, durante i viaggi effettuati nell esercizio delle rispettive funzioni, possano mantenere un tenore di vita decoroso: il sistema di rimborso adottato lo consente, ma è bene precisare che esso deve essere inteso come il mezzo per raggiungere un preciso obiettivo e cioè che le spese siano non solo necessarie ma certamente anche ragionevoli 34 17

18 2.3 LE tre P Sistema di gestione e sviluppo: il paradigma tradizionale... 1 Posizione 2 Prestazioni 3 Potenziale La valutazione delle prestazioni LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SI COLLOCA AL CENTRO DEL SISTEMA DI GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE CON ESSA INFATTI SI FINALIZZA E SI FOCALIZZA L'IMPEGNO DEI VARI LIVELLI ORGANIZZATIVI SUGLI OBIETTIVI AZIENDALI E RELATIVE MODALITÀ DI RAGGIUNGIMENTO, MEDIANTE UNA LORO PRECISA PRESA DI CONSAPEVOLEZZA E COINVOLGIMENTO. PIÙ CHE UN MOMENTO LA V.D.P É UN PROCESSO CHE CONSENTE ALL'ORGANIZZAZIONE DI ORIENTARE CON LA MASSIMA EFFICACIA E COERENZA I PIANI OPERATIVI DELLE SINGOLE UNITÀ AI PIANI AZIENDALI E DI MONITORARE COSTANTEMENTE - IN TERMINI DI RISULTATI - L'ADEGUATEZZA DELLE PROPRIE RISORSE

19 2.3 La valutazione delle prestazioni CONSENTE QUINDI AL DIPENDENTE DI ENTRARE COME "SOGGETTO ATTIVO" NEL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE AZIENDALE, DI FARNE PROPRI E CONDIVIDERE GLI OBIETTIVI SU CUI ORIENTARE I PROPRI SFORZI La valutazione delle prestazioni e gli altri sistemi di gestione delle Risorse Umane VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI IMPATTO SUI SISTEMI ORGANIZZATIVO SVILUPPO/FORMAZIONE PREMIANTE.DEFINIZIONE RUOLI MOMENTO DI ASSEGNAZIONE OBIETTIVI.GEST.INCAR.TEMPORANEI.INDICAZIONE COMPORTAM. ORGANIZZATIVI.GEST.INTERFUNZIONALITÁ.SINTESI OBIETTIVI REALIZZATI.REVISIONE RUOLI.REVISIONE PROCEDURE MOMENTO VALUTATIVO.EMERGERE BISOGNI FORMATIVI.ESPLICITAZIONE COMPORT. ORGANIZZ. ATTESI.PIANI FORMATIVI DI SUPPORTO.GAP PROFES./GESTIONALI DI INTEGRAZIONE.PIANI DI FORMAZIONE.MOBILITÁ VERTICALE/ ORIZZONTALE.PIANI DI SOSTITUZIONE (Carte di rimpiazzo).sistemi RETRIBUTIVI/DI INCENTIVAZIONE/BENEFITS.PIANI MERITOCRATICI.CORRELAZIONE TRA VALUTAZIONE E AUMENTI.EQUITÁ INTERNA SISTEMA INFORMATIVO 38 19

20 2.3 La valutazione delle prestazioni L ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI E LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI SONO I DUE PRINCIPALI MOMENTI FORMALI DEL PROCESSO DI V.d.P CHE VEDONO ATTORI IL RESPONSABILE DELL UNITA ORGANIZZATIVA ED I PROPRI COLLABORATORI La valutazione delle prestazioni L ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI CON L ASSEGNAZIONE" VENGONO INDIVIDUATI I RISULTATI DI LAVORO: ATTESI DEFINITI MISURABILI RIFERITI AD UN DETERMINATO PERIODO DI TEMPO I COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI ATTESI (Cioè le qualità e capacità richieste: es. Decisione, Determinazione CON FORMALIZZAZIONE IN UNA APPOSITA SCHEDA DI VALUTAZIONE 40 20

21 2.3 La valutazione delle prestazioni LA SCHEDA DI VALUTAZIONE LA SCHEDA E IL DOCUMENTO IN CUI VENGONO SCRITTI GLI OBIETTIVI ED I COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI ATTESI La valutazione delle prestazioni LA SCHEDA DI VALUTAZIONE 42 21

22 2.3 La valutazione delle prestazioni LA SCHEDA DI VALUTAZIONE La valutazione delle posizioni ALL INTERNO DELL ORGANIZZAZIONE CIASCUN COLLABORATORE OCCUPA UNA POSIZIONE DI LAVORO DEFINITA DA UN INSIEME DI COMPITI A QUESTA ASSEGNATI. E UNA POSIZIONE DI LAVORO AD ESEMPIO QUELLA DI: RESPONSABILE DI PUNTO DI VENDITA VENDITORE ADDETTO CONTABILITA FORNITORI RESPONSABILE DI MAGAZZINO POSIZIONE DI LAVORO E MANSIONE VENGONO USATI SPESSO COME SINONIMI 44 22

23 2.4 La valutazione delle posizioni CIASCUNA POSIZIONE SI DIFFERENZIA PER IL DIVERSO GRADO DI PROFFESSIONALITA / RESPONSABILITA RICHIESTE. AD UNA POSIZIONE PUO ESSERE RICHIESTO DI CONOSCERE : POCHE COSE E AD UN BASSO LIVELLO DI APPROFONDIMENTO. POCHE COSE MA UN ELEVATO LIVELLO DI APPROFONDIMENTO (Specialisti) MOLTE COSE CON CERTO LIVELLO DI APPROFONDIMENTO SU DIVERSE AREE AZIENDALI (Responsabili) La valutazione delle posizioni IL MIX TRA QUANTITA DI COSE DA CONOSCERE / LORO DIVERSITA / LIVELLO DI APPROFONDIMENTO RICHIESTO / RESPONSABILTA ASSEGNATA DETERMINA L IMPORTANZA DELLA POSIZIONE ALL INTERNO DELL ORGANIZZAZIONE ESISTONO METODOLOGIE CONSOLIDATE PER LA LORO VALUTAZIONE (IL PIU CONOSCIUTO E IL METODO HAY) A CUI SI CORRELA IL LIVELLO RETRIBUTIVO DA ASSEGARE ALLA POSIZIONE 46 23

24 2.4 La valutazione delle posizioni Mansioni, responsabilità,inquadramento A quale approfondimento Specializzazione-responsabilità-retribuzione Quante cose conosco La valutazione delle posizioni: la struttura retributiva 48 24

25 2.6 La valutazione del potenziale CON LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE L AZIENDA RIFLETTE SUL "VALORE FUTURO" DELLE PROPRIE RISORSE UMANE PER CAPIRE QUALI ALTRE POSIZIONI ORGANIZZATIVE IN PROSPETTIVA POTRANNO RICOPRIRE. ESSA SI BASA SU UNA : "'ATTIVITÁ SISTEMATICA ED ANALITICA DI RACCOLTA, FORMALIZZAZIONE, ED ORGANIZZAZIONE DI DATI ED INFORMAZIONI SULLE COMPETENZE POSSEDUTE DAL SOGGETTO A FRONTE DELLE CARATTERISTICHE RICHIESTE DALL'AZIENDA PER LE POSIZIONI RICOPERTE O DI QUELLE CHE IN FUTURO POTRANNO RICOPRIRSI". 49 Potenziale Il potenziale è quell insieme di caratteristiche che si ipotizza siano a disposizione di un individuo, ma che nella situazione considerata non hanno la possibilità di essere manifestate. La valutazione del potenziale identifica quelle caratteristiche che non vengono valorizzate nelle attività svolte, ma che sono importanti per altre attività 50 25

26 Il concetto di potenziale Si propone di verificare se la persona possiede le competenze per ricoprire, in futuro, posizioni diverse e di maggiore responsabilità. È legato al sistema premiante in termini di SVILUPPO DI CARRIERA La valutazione del potenziale:il Curriculum Aziendale 52 26

27 2.7 La pianificazione delle risorse Gli iter professionali DEFINISCONO LE ESPERIENZE PROFESSIONALI CHE DEVONO ESSERE MATURATE PER POTER ACCEDERE A POSIZIONI ORGANIZZATIVE PIÙ COMPLESSE E/O CON MAGGIOR RESPONSABILITA Per ciascuna posizione vengono indicate: le esperienze richieste ed il tempo di permanenza minimo nella posizione le capacità/abilità che devono essere state palesate e verificate Che cosa devo avere fatto (sapere e saper fare) Quali capacità devo avere (saper essere) la formazione aggiuntiva necessaria per accedere alla posizione. Che conoscenze aggiuntive devo acquisire (sapere) La pianificazione delle risorse Gli iter professionali -1 Direzione: Information & Tecnology Communication Titolo della posizione: Analista Categ. 6 (di arrivo) Titolo di studio: diploma/laurea Che cosa Provenienza:da Programmatore con almeno 18 mesi nella posizione devo (40 mesi avere complessivi nella programmazione se diplomato, 28 mesi se laureato). fatto (sapere e saper fare) Capacità e conoscenze richieste per l accesso alla posizione: Iniziativa, autonomia professionale,conoscenza della metodologia di problem solving. Approfondita conoscenza delle tecniche base di programmazione,della logica e delle procedure elaborative. Completa padronanza ed autonomia operativa nella fase di collaudo.buona conoscenza delle tecniche specialistiche più utilizzate. Formazione: Approfondimento sui temidei precedenti corsi di formazione. Corso specifico su metodologie di Test (fondamentale)

28 2.7 La pianificazione delle risorse Gli iter professionali -2 Direzione: Information & Tecnology Communication Titolo della posizione: Analista Categ. 6 (di arrivo) Descrizione delle mansioni (consolidate) Sulla base delle specifiche tecniche funzionali di procedura e programma, nel rispetto degli standard prefissati, cura la definizione della logica di dettaglio, la minutazione, la compilazione ed i test dei programmi relativi ai nuovi sistemi applicativi o a modifiche/estensione di quelli esistenti. Redige ed aggiorna, nel rispetto degli standards aziendali, la documentazione relativa alle varie fasi del software prodotto. Collabora con gli assistenti di programmazione per gli aspetti tecnici della impostazione dei problemi e nella soluzione di procedure integrate. Guida i programmatori meno esperti nel collaudo dei singoli elementi Che cosa devo fare Partecipa in collaborazione con la progettazione software all avviamento ed inserimento in esercizio del software prodotto ed alla soluzione dei problemi che si presentano durante il periodo di garanzia La pianificazione delle risorse Le carte di sostituzione

29 2.7 La pianificazione delle risorse Le carte di sostituzione La pianificazione delle risorse Le carte di sostituzione

30 2.8 LE NUOVE TENDENZE I cambiamenti nell organizzazione Sistema tradizionale gerarchico - procedurale Organizzazione snella azienda corta - processiva Azienda rete gestione strategica dell outsourcing LE NUOVE TENDENZE I cambiamenti nell organizzazione MENO MENO PROCEDURE, MENO MENO GERARCHIE NUOVO PATTO FRA AZIENDA E PERSONE CHE CI LAVORANO PIÙ PIÙ ORGANIZZAZIONE SNELLA, SNELLA, PER PER PROCESSI PIÙ PIÙVISIONE SISTEMICA PIÙ PIÙ AZIENDA AZIENDA RETE RETE 60 30

31 2.8 LE NUOVE TENDENZE Le attese aziendali IERI CONOSCENZE PROFESSIONALI ATTUARE CONTENUTI DELLA POSIZIONE REQUISITI DEL MESTIERE RISULTATI PREDEFINITI PROBLEM SOLVING LE NUOVE TENDENZE Le attese aziendali OGGI CONOSCENZE PROFESSIONALI INTERPRETARE UNO SPAZIO ORGANIZZATIVO COMPETENZE PERSONALI CAPACITA RISULTATI ATTESI QUALITA 62 31

32 2.8 LE NUOVE TENDENZE I cambiamenti nella popolazione aziendale Le persone assumono nei processi aziendali rilevanza strategica per la competitività di impresa Più capacità di produrre miglioramento continuo più ampia visione di funzione e di ruolo più integrazione NUOVE COMPETENZE LE NUOVE TENDENZE Il superamento del paradigma tradizionale.. 1 Posizione Valutazione delle competenze 2 Prestazioni 3 Potenziale 64 32

33 2.8 LE NUOVE TENDENZE La Valutazione delle Competenze Diventa fondamentale per le aziende Tutelare il patrimonio delle proprie Competenze distintive Mappando le competenze presenti in azienda Utilizzando appieno le persone Sviluppandone costantemente le competenze e creandone delle nuove Per migliorare continuamente la propria Competitività 65 IL MODELLO DI COMPETENZA 2.8 LE NUOVE TENDENZE!" # 66 33

34 Un Modello di competenza 2.8 LE NUOVE TENDENZE:LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Un Modello CONOSCENZE TRASVERSALI 1. Business di impresa 2. Amm.ne e Finanza 3. Marketing 4. I.T.C 5..Logistica 6. Gest. risorse umane 7. Progettazione 8.. CONOSCENZE DISCIPLINARI CAPACITA -QUALITA 1. Ricercare l eccellenza nella prestazione 2. Operare a servizio del team di lavoro 3. Gestire il tempo come fattore competitivo 4. Semplificare le soluzioni / decisioni 5. Migliorare / apprendere continuamente 6. Essere un riferimento professionale 7. Ricercare l innovazione 8. Assumersi il rischio delle decisioni / scelte 9. Comunicare con efficacia 10. Assimilare esperienze culturali diverse LE NUOVE TENDENZE:LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Conoscenze specialistiche Si tratta di conoscenze (discipline) specifiche dell area professionale di appartenenza della persona, necessarie per svolgere correttamente una mansione specifica. A titolo di esempio per l area professionale Gestione Risorse Umane: diritto sindacale e del lavoro amministrazione del personale formazione selezione sicurezza del lavoro ergonomia psicologia del lavoro organizzazione

35 2.8 La valutazione delle competenze: Il profilo di competenze 69 35

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009 Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale Roberto Ferrari 8 luglio 2009 2 Indice Il processo di gestione e sviluppo delle Risorse Umane I soggetti coinvolti Gestione integrata delle Risorse Umane:

Dettagli

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0 SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA Versione A.D. 1.0 INDICE 1 - INTRODUZIONE 3 2 - PESATURA DELLA POSIZIONE 4 3 - SISTEMA DI PESATURA DEL COMUNE DI VENEZIA 5 4 - ALLEGATO

Dettagli

profilo dna team clienti

profilo dna team clienti CONSULENZA Organizzativa e Direzionale MS Consulting è una società di consulenza organizzativa e direzionale che, dal 1985, fornisce servizi legati alla valutazione dell efficienza aziendale e allo sviluppo

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Premessa Nell ambito della gestione delle Risorse Umane, EBC Consulting si affianca alle Aziende nel mettere a punto strumenti e processi coerenti

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione;

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione; 1.2.3.2.0 - Direttori e dirigenti del dipartimento organizzazione, gestione delle risorse umane e delle relazioni industriali Le professioni classificate in questa unità definiscono, dirigono e coordinano

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma Smart*Health [Skill Evaluation Management] SkEMa Il software per la valutazione del personale continuità dell assistenza, collaborazione e controllo in una rete sanitaria integrata Analisi dei fabbisogni

Dettagli

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane 1 L integrazione dei processi della gestione delle Risorse Umane 3 2 Come i Modelli di Capacità consentono di integrare i processi? 5 pagina

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI ROTA D IMAGNA Provincia di Bergamo SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato al regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della performance del Comune di Rota

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Presentazione della metodologia volta a graduare le particolari posizioni organizzative ai fini della corresponsione della retribuzione di posizione

Dettagli

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE G L O S S A R I O JOB PROFILE IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE tratto da www.isfol.it/orientaonline IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE DEFINIZIONE Il Tecnico dell Amministrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE Economico; Politico;

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Sistema di Misurazione e valutazione delle performance

Sistema di Misurazione e valutazione delle performance Sistema di Misurazione e valutazione delle performance PIANI DI LAVORO (Obiettivi) 1. I piani di lavoro annuali sono finalizzati alla realizzazione dei programmi dell Amministrazione. Sono predisposti

Dettagli

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C1 INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI CORSI di FORMAZIONE REGIONALE Tecnico industrie Tecnico elettroniche

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo SCHEDA di 3 II Fattore di Valutazione: Comportamenti professionali e organizzativi e competenze Anno Settore Servizio Dipendente Categoria Profilo professionale Responsabilità assegnate DECLARATORIA DELLA

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pagina 1 di 10 COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 27.02.2013 Si attesta che il presente

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Pag.1 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con Delibera di CdA n. xx del xx.xx.xxxx Pag.2 Ciò nonostante le persone sono l'unico elemento nell'azienda avente l'intrinseco potere di

Dettagli

Comune di Parma. Progetto MLF Strategie di coinvolgimento degli attori interessati

Comune di Parma. Progetto MLF Strategie di coinvolgimento degli attori interessati Comune di Parma Progetto MLF Strategie di coinvolgimento degli attori interessati 1. IL PROGETTO MLF NELLA TRASPARENZA Operatori di sportello e di relazione: I Protagonisti della Scena Campagna informativa:

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42 Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fa 081 807 31 42 SCHEDA DI PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO FISCO SCUOLA CLASSE

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Gestione, Sviluppo e Amministrazione delle Risorse Umane

Gestione, Sviluppo e Amministrazione delle Risorse Umane Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo Gestione, Sviluppo e Amministrazione delle Risorse

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 Risorse Umane Docenti qualificati 2 borse di studio Laboratori interattivi Stage + job placement con oggilavoro.com Esperto in Gestione delle Risorse

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES Il modello metodologico seguito per la progettazione di questo corso privilegia la centratura sull'apprendimento degli adulti inseriti in

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Quali competenze sono necessarie...6 Conoscenze...8

Dettagli

Sistema di valutazione permanente del personale

Sistema di valutazione permanente del personale Premessa Il sistema di valutazione permanente, previsto dall art. 6 del CCNL 1/4/1999, intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni dei servizi resi e, dall altro, la

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento > Gruppo Q&O MCS consulting Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento Gli obiettivi per il Cliente Approccio metodologico www.qeoconsulting.com www.mcs-tv.com Chi siamo Con base a Reggio Emilia

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

La scheda di valutazione. Ilaria Ferrari

La scheda di valutazione. Ilaria Ferrari La scheda di valutazione Ilaria Ferrari Roma, 10 marzo 2010 Ogni uomo per agire ha bisogno di credere che la sua attività sia importante e buona L. Tolstoy Gli strumenti fondamentali per valutatori e valutati

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli