PERCORSO FORMATIVO IN LA GESTIONE FINANZIARIA DI UN PROGETTO AI FINI DELLA RENDICONTAZIONE DISPENSA DIDATTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO FORMATIVO IN LA GESTIONE FINANZIARIA DI UN PROGETTO AI FINI DELLA RENDICONTAZIONE DISPENSA DIDATTICA"

Transcript

1 PERCORSO FORMATIVO IN LA GESTIONE FINANZIARIA DI UN PROGETTO AI FINI DELLA RENDICONTAZIONE DISPENSA DIDATTICA Criteri per la rendicontazione dei progetti A cura di Giorgio Murtula Ottobre 2006

2 Costi riconoscibili...3 Beneficiario finale...5 Delega dell attività...5 Note operative...6 I.V.A...8 Storni...8 Tipologie di costi...9 Norme specifiche sul personale del progetto...10 Massimali di costo per il personale...12 Data di decorrenza della ammissibilità delle spese...13 Norme sulla pubblicità del contributo FSE...13 Conservazione dei documenti...14 Libro carico/scarico...14 Rendiconto...15 ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 2

3 Costi riconoscibili I costi da considerare per la rendicontazione, ai sensi del Regolamento CE 1685/2000 così come modificato dal Regolamento CE 448/04, sono ricomprensibili in due categorie Costi reali, cioè un esborso di denaro effettivamente sostenuto da parte del realizzatore. Questo concetto permette anche di distinguere fra spesa sostenuta (che viene esposta nelle certificazione trimestrale anche al fine dello sblocco degli acconti di finanziamento) e spesa impegnata (sulla quale si verifica il rispetto del budget progettuale ma è irrilevante rispetto alla erogazione del contributo pubblico) Non tutti i costi reali sono riconosciuti ai fini del contributo del FSE; non vengono riconosciuti : costi inerenti manutenzioni straordinarie tasse sul reddito interessi debitori e gli oneri meramente finanziari spese legali sanzioni amministrative da parte della Pubblica Amministrazione (es. per ritardato pagamento). Allacciamento di impianti (gas, luce ecc.) Costi figurativi, detti così perché non hanno dato luogo ad alcun esborso di denaro; essi possono essere considerati come una sorte di mancata redditività del bene cui si riferiscono; sono i cosiddetti contributi in natura quali gli immobili utilizzati per l azione o le ore di lavoro prestate gratuitamente per la realizzazione dell intervento o del personale dell impresa che beneficia di un corso. I costi figurativi sono ammessi, in base al regolamento 1685/00, solo se soddisfano precise condizioni (vedi oltre) in particolare quella per la quale il valore possa essere attribuito con idonei processi di revisione contabile e valutazione indipendente (ad es. tariffe fissate da un ordine professionale) In base al documento Costi ammissibili al finanziamento del Fondo Sociale Europeo, l ammissibilità di un costo deve essere riconosciuta attraverso tre fasi successive di verifica : il costo risulta riferibile ad una tipologia non dichiarata inammissibile dalla norma comunitaria di riferimento il costo rispetta i limiti e le condizioni di ammissibilità eventualmente stabiliti dalla normativa comunitaria il costo rispetta i principi generali di ammissibilità stabiliti a prescindere dalla natura e tipologia a cui il costo risulta direttamente riferibile ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 3

4 Affinché un costo sia ammissibile, esso deve essere : pertinente ed imputabile ad azioni ammissibili (anche con riferimento alla localizzazione delle azioni) Le spese connesse ad operazioni possono essere ammesse soltanto se dette operazioni sono parte integrante dell intervento considerato (art. 30 comma 1 del Regolamento 1260/99) cioè rientranti fra le attività ammissibili definite dall art. 3 del Regolamento 1784/99 Pertinente ed imputabile stanno a significare che vi deve essere una logica connessione con l azione (costi diretti) o con la struttura che realizza l azione (costi indiretti quali telefono, fitto locali ecc.); sono pertanto inammissibili rimborsi forfetari in quanto per la loro natura impediscono una trasparente individuazione del legame fra prestazione effettuata e costo per unità di prodotto o servizio. Pertinente è anche la localizzazione geografica dell intervento che, in base alla norma n 12 del Regolamento comunitario 1685/2000, deve essere realizzato nella regione cui l intervento si riferisce, al fine di assicurare che i benefici avvengano in essa effettivo, comprovabile e contabilizzato Il concetto di effettivo implica che il costo sia stato realmente sostenuto e pagato dal soggetto che è titolare del contributo comunitario (il cosiddetto beneficiario finale di cui si dirà più avanti). Nel caso di un partenariato, tutti i partners sono considerati titolari ai fini dell ammissibilità dei costi Rispetto ai costi reali, questi devono essere chiaramente individuabili nella movimentazione di denaro dimostrato dalla copia del bonifico o dell assegno circolare o dalla fattura su cui è apposta la quietanza del fornitore. I costi devono trovare riscontro nella contabilità generale e specifica del soggetto beneficiario del contributo del FSE riferibile temporalmente al periodo di vigenza del finanziamento Il periodo valido per l ammissibilità dei costi decorre dalla data comunicata con lettera della Regione Liguria e termina con la fine del progetto Pertanto i costi sono ammissibili solo se sostenuti in questo arco temporale, ad eccezione di quelli inerenti la progettazione operativa che possono risalire sino alla data di pubblicazione del bando. Sono ammissibili costi contabilizzati successivamente alla data di scadenza dell operazione o del progetto purché chiaramente riferibili al periodo di validità dell intervento ma fatturati successivamente per ragioni non imputabili al realizzatore (ad es. quota annua INAIl, quota del TFR ecc.) ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 4

5 legittimo Il concetto di legittimità fa riferimento al rispetto delle normative; diventa non legittimo, ad esempio, un costo sostenuto in violazione delle norme fiscali (ad es. privi del bollo). contenuto nei limiti autorizzati Il costo deve essere nei limiti e/o parametri stabiliti nelle norme (ad es. circolari ministeriali o documenti programmatori regionali) o nel bando Qualora il costo superi tali limiti e/o parametri, esso sarà ridotto in sede di esame della rendicontazione. Si ricordi che i costi ammissibili si distinguono dai costi riconoscibili in quanto i primi, pur rientrando nella tipologia di costi previsti dai Regolamenti CE 2084/83 art.2, 1685/2000 e 448/2004 nonché dai documenti programmatori del PON Ministero del Lavoro, ed in quanto tali astrattamente ammissibili, potrebbero non essere riconoscibili per motivi formali (non originalità del documento, data del documento, mancato pagamento, ecc.) o sostanziali (incongruenza e incongruità). Beneficiario finale Ai fini dei criteri di ammissibilità dei costi, assume rilevanza il fatto che il pagamento da parte del FSE sono a titolo di rimborso spese effettivamente sostenute e che non è ammesso lucro relativamente all operazione che beneficia del contributo comunitario - da parte del beneficiario finale Ne discende il principio del costo reale che si concretizza nel fatto che i costi sostenuti direttamente dal soggetto realizzatore (e/o dai suoi partners in caso di ATI o ATS) per personale, locali ecc. devono essere quelli effettivamente sostenuti e documentati tramite giustificativi quali buste paghe, contratti d affitto ecc. Il principio dei costi reali non si applica a i fornitori, di beni o di servizi; questi soggetti terzi, pertanto, non sono tenuti a giustificare a loro volta che le prestazioni rese corrispondano ad un rimborso per le spese da loro effettivamente sostenute nella fornitura dei beni o nella erogazione dei servizi. Delega dell attività In base al Regolamento 1685/00 fatta salva l applicazione di disposizioni nazionali più rigorose, le spese relative ai seguenti subappalti non sono ammissibili : ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 5

6 subappalti che contribuiscono ad aumentare il costo di esecuzione dell operazione senza alcun valore aggiunto proporzionato subappalti stipulati con intermediari o consulenti in cui il pagamento è espresso in percentuale del costo totale dell operazione, a meno che tale pagamento sia giustificato dal beneficiario finale con riferimento all effettivo valore dell opera o dei servizi prestati. E assolutamente vietata la delega totale dell attività finanziata. La delega, anche parziale, a terzi della gestione dell azione formativa è vietata e, pertanto, il soggetto gestore non può di norma fare ricorso ad apporti forniti da persona giuridica (Spa, Srl, Sas, Snc ecc.) non espressamente indicata in progetto Non rientra nel divieto di delega l assegnazione di attività ad un partner del progetto; più precisamente non si considera delega l'affidamento della realizzazione delle azioni da parte di un'associazione o consorzio agli associati o consorziati, ovvero da parte di un'impresa ad altra impresa facente parte dello stesso gruppo ai sensi dell art codice civile Nel caso in cui nel progetto siano indicati più soggetti attuatori, dovrà essere costituita fra gli stessi un associazione temporanea di scopo o consorzio temporaneo stipulato un accordo di cooperazione. Responsabile a tutti gli effetti dell'intervento formativo è, in ogni caso, il soggetto che riceve il contributo F.S.E. anche per le azioni realizzate dai partners in caso di ATI o ATS. Per maggiore chiarezza non sembra superfluo richiamare le differenze più rilevanti fra soggetti delegati e soggetti associati o consorziati : i soggetti delegati possono operare solo se la delega è stata autorizzata dalla P.A. referente e di norma agiscono a prezzi di mercato; i soggetti associati o consorziati, anche se non coincidono con il titolare del progetto, sono equiparati a quest ultimo configurandosi come soggetti attuatori ed operano a costi reali; i soggetti delegati prestano la loro opera entro limiti qualitativi e quantitativi predeterminati e disciplinati in dettaglio nell atto formale di delega; i soggetti associati o consorziati possono svolgere qualsiasi attività prevista dal progetto approvato; i soggetti delegati devono emettere fattura per la prestazione eseguita con riferimento a quanto previsto nell atto di delega ; i soggetti associati o consorziati, a prescindere dall eventuale obbligo di emissione di fattura, sono tenuti ad esibire in originale i documenti giustificativi dei costi realmente sostenuti ed il loro intervento è fuori dal campo d applicazione dell IVA Non esistono limitazioni per l affidamento di incarichi di collaborazione a persone fisiche purché fornite di partita IVA o con contratto a progetto o sotto forma di prestazione occasionale Note operative ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 6

7 Deroghe al divieto sopra indicato per le persone giuridiche devono essere comunque autorizzate dall Amministrazione referente previa richiesta di autorizzazione motivata; non vale il silenzio-assenso In linea di principio l indicazione delle attività da delegare, la descrizione dettagliata, la motivazione e la richiesta deve avvenire al momento della presentazione del progetto; in casi eccezionali, per esigenze obiettivamente imprevedibili al momento della presentazione del progetto, la delega potrà essere autorizzata nel corso dell attività Le collaborazioni sono ammissibili alle seguenti condizioni: si renda indispensabile l apporto di esperti in specifiche discipline inquadrati in strutture specializzate non altrimenti reperibili sul mercato; si tratti di prestazione avente carattere di occasionalità; l attività venga svolta esclusivamente da titolari, soci o dipendenti della Società I termini e le condizioni della collaborazione (natura della prestazione, durata, corrispettivo, ecc.) risultino precisati in dettaglio nell atto di delega (contratto o convenzione) e nei giustificativi di spesa. Il valore complessivo delle attività delegate non sia di importo superiore al 30%del costo complessivo In nessun caso la delega può riguardare le attività di direzione, coordinamento, tutoraggio Le attività che possono essere affidate, previa autorizzazione, a Società sono : Analisi dei fabbisogni Progettazione dell intervento Studi e ricerche Elaborazioni testi e dispense Selezione ed orientamento Docenze Monitoraggio e valutazione Il soggetto (persona giuridica) deve possedere i requisiti scientifici e le competenze richieste dall'intervento, da documentare in sede di richiesta dell'autorizzazione e non potrà a sua volta delegare ad altri l'esecuzione dell'azione. Gli esperti devono essere inseriti in strutture specializzate in qualità di dipendenti o facendo ricorso a forme contrattuali previste dal DL 276/03 quali il contratto a termine e quello di somministrazione; l incarico dovrà essere preventivamente sottoposto al terzo e da esso formalmente accettato Il costo derivante da deleghe di attività sarà valutato in base ai seguenti principi : essere previsto nelle voci di spesa previste dalla normativa comunitaria e nazionale; essere previsto ed approvato nella richiesta di contributo; essere pari ad un importo che non superi il valore inizialmente approvato; essere giustificato da documenti probatori legalmente idonei; Non sono quindi finanziabili in particolare gli aumenti di costo ingiustificati derivanti da : ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 7

8 subappalti a cascata o ingiustificati, vale a dire che non accrescano il valore del bene o del servizio ed implichino soltanto un aumento del costo; contratti in base ai quali gli importi da pagare sono espressi in percentuale sull importo del finanziamento. I.V.A. Per quanto riguarda l IVA la normativa nazionale e regionale prevede che occorre fare riferimento alla legge 24/12/1993 n.633 rilevando, in via preliminare, che l imposta rappresenta un costo riconoscibile ogni volta che è indetraibile, vale a dire ogni volta che il soggetto è nell impossibilità di recuperarla. In tale caso il costo totale dell'intervento sarà calcolato al lordo di IVA. L attività svolta da un partner a favore di un altro è fuori campo d applicazione IVA Comunque si precisa che con legge 24/12/1993, n. 537 viene stabilito, all'art. 14 comma 10, che " i versamenti eseguiti dagli enti pubblici per l'esecuzione di corsi di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione del personale costituiscono in ogni caso corrispettivi di prestazioni di servizi esenti dall' IVA, ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 26/10/1972, n 633", ricomprendendoli così nel campo di applicazione dell'imposta sul valore aggiunto. E, pertanto, fondamentale l esibizione del registro delle fatture e della dichiarazione IVA da parte del soggetto gestore. Qualora il soggetto gestore dell attività finanziata, ai sensi dell art.19, 3 comma del D.P.R. n 633/72, determinasse l IVA indetraibile sulla base del pro-rata, rilevando la quota a carico della gestione, dovrà imputarla all attività stessa come onere fiscale di carattere generale ed esporla separatamente nel rendiconto. Le normative di riferimento sono le seguenti: D.P.R. n 633 del (Istituzione e disciplina dell imposta sul valore aggiunto) ; art.14, comma 10, della Legge n 537 del (Interventi correttivi della finanza pubblica) ; circolare - Dir. Tasse - del Ministero delle finanze n 57/ del ; circolare Ministero delle finanze n 81/1990 ; circolare Ministero delle finanze n 150/E del Storni Il vademecum dei costi, edito dal MIUR, prevede che nell ambito di ciascuna iniziativa i soggetti potranno decidere autonomamente storni di spesa da una tipologia di spesa ad un altra se l incremento di ciascuna di esse non supera il 20% del suo valore iniziale Variazioni per percentuali superiori dovranno essere preventivamente autorizzate. Anche in questo caso deve ritenersi NON applicabile il silenzio - assenso ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 8

9 Tipologie di costi I costi riconosciuti per le attività formative, sono generalmente classificati dal Ministero del Lavoro in 4 grandi gruppi (aggregati o macrovoci): Costi di preparazione del progetto che riguardano: B7 progettazione intervento formativo B7 e B9 selezione ed orientamento partecipanti B7 pubblicizzazione corsi B7 elaborazione materiale didattico e FAD B9 formazione formatori Costi di realizzazione che comprendono : B7 e B9 docenza e codocenza B7 e B9 coordinamento B7 e B9 tutorship B6 materiale didattico B7 viaggi allievi B7 viaggi e trasferte docenti e tutor B8 locali ad uso formativo B10.b attrezzature ad uso formativo B7 e B9 prove finali B7 assicurazioni allievi e oneri fideiussori B7 e B9 elaborazione report sull attività B7 e B9 direzione del progetto B7 e B9 valutazione del progetto B7 e B9 Comitato Tecnico B7 e B9 amministrazione, segreteria, costituzione ATS, monitoraggio e certificazione Costi di funzionamento individuati in : B7 B9 Personale amministrativo (contabilità, gestione personale) B Altri costi di funzionamento ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 9

10 Costi accessori relativi a : B14 indennità/reddito allievi B6 7-9 servizio mensa B7 visite mediche B14 aiuti all occupazione B7-9 servizi di custodia B9 Assistenza al placement B Altro (da specificare) Il MIUR prevede le seguenti 4macrocategorie : 1 Personale docente e assimilato 2 Destinatari 3 Gestione 4 Funzionamento e servizi 5 Detrazione (Tasse d iscrizione,ricavi dalla commercializzazione, donazioni ecc) Si ricordi che i costi per essere considerati ammissibili devono: 1. figurare nell elenco dei Costi previsti in scheda finanziaria per i quali sia stata prevista una spesa anche minima 2. essere strettamente connessi all azione approvata e realizzata; 3. essere giustificati da prove documentali conformi all originale; 4. essere conformi alle leggi contabili e fiscali nazionali; 5. essere registrati nella contabilità generale e specifica del soggetto gestore; 6. essere effettivamente sostenute e imputate in un periodo compreso tra la data di approvazione del progetto e la data di fine corso, ad eccezione delle spese di progettazione e delle spese relative ai consulenti amministrativi. 7. il costo complessivi del progetto per il MIUR è costituito dalla somma delle spese diminuite della somma delle detrazioni (entrate) Norme specifiche sul personale del progetto Premesso che le funzioni di Direzione, il coordinamento ed il tutoraggio non sono delegabili, per esse di norma si può far ricorso a consulenti (soggetti fisici e non giuridici) per apporti contenuti entro la misura del 50% per il coordinamento ed il tutoraggio. Il personale utilizzato per il progetto può essere : - dipendente ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 10

11 - con contratto a progetto - consulente - in posizione di Amministratore o con carica sociale - imprenditore Nel caso in cui il personale utilizzato per progettazione, coordinamento, tutorship e docenza, non si trovi in una posizione di dipendenza dal soggetto gestore ma ricopre all interno dello stesso solo una carica sociale (Presidente, Consigliere d amministrazione, Revisore dei conti, membro di organi collegiali interni), qualunque remunerazione è inammissibile. Ciò vale anche per gli enti a scopo di lucro. Deve ritenersi, infatti, che i titolari di cariche sociali all interno degli enti di formazione professionale, o anche all interno di società cooperative o consorzi, siano impegnati in quanto tali nell azione formativa. Il relativo costo, che non può configurarsi come gettone di presenza né come retribuzione, ma semplicemente come rimborso delle spese effettivamente sostenute, rientra, semmai, nelle spese generali. Tuttavia, l eventuale incarico conferito a persona che rivesta una carica sociale potrà formare costo ammissibile alle seguenti condizioni: 1. l incarico deve essere previsto nel progetto approvato e comunque è subordinato alla preventiva autorizzazione dell Amministrazione Competente 2. l affidamento dell incarico deve essere deliberato dal C.d.A. dell Azienda e conferito nel rispetto delle norme statutarie interne; 3. l incarico deve essere coerente con il possesso di titoli professionali o giustificato da adeguata esperienza professionale rispetto all azione finanziata; 4. deve essere precisata la durata dell incarico; 5. il compenso per l attività affidata non può superare la retribuzione massima esposta e approvata nel progetto esecutivo per gli altri docenti e tale costo, per essere riconosciuto, dovrà essere preventivamente autorizzato dall Amministrazione La docenza impartita dall imprenditore rivolta ai dipendenti dell impresa di cui è titolare è limitata a particolari casi adeguatamente motivati deve essere prevista nel progetto approvato ed è comunque subordinata alla preventiva autorizzazione della Amministrazione erogatrice il finanziamento Il compenso, che non potrà superare quello relativo al più elevato livello esistente nell ambito della propria impresa e deve comunque rientrare nel massimale dei costi del personale (cfr. oltre), deve altresì essere sottoposto a detta autorizzazione. La prestazione, oltre che dal registro didattico, deve essere documentata da dichiarazione di responsabilità sulla durata della stessa. ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 11

12 Massimali di costo per il personale La circolare n 41/2003 del Ministero del Lavoro definisce i massimali di costo riconoscibile per le spese del personale, che viene inquadrato su tre livelli : fascia A : 100,00 ad ora al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per attività di docenza. 500,00 a giornata al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per attività di consulenza Rientrano in questa fascia : docenti universitari e scolastici, dirigenti della Pubblica amministrazione impegnati come docenti per il settore/materia di appartenenza, funzionari della Pubblica amministrazione impegnati come docenti per il settore/materia di appartenenza, ricercatori senior, dirigenti d azienda, imprenditori, esperti di settore senior e professionisti, con esperienza professionale almeno quinquennale nella materia oggetto di docenza fascia B : : 80,00 ad ora al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per attività di docenza 300,00 al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per attività di consulenza Rientrano in questa fascia : ricercatori universitari di primo livello funzionari della Pubblica amministrazione impegnati come docenti per il settore/materia di appartenenza ricercatori junior con esperienza almeno triennale di docenza e/o di conduzione/gestione di progetti nel settore di interesse professionisti o esperti con esperienza almeno triennale di docenza e/o di conduzione/gestione di progetti nel settore/materia oggetto della docenza fascia C : 50,00 ad ora al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per attività di docenza 150,00 al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per attività di consulenza Rientrano in questa fascia : assistenti tecnici professionisti od esperti junior Per il ruolo di tutor, la suddetta circolare prevede : 30,00 ad ora al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per i tutor d aula e tutor di formazione aziendale ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 12

13 50,00 ad ora al lordo di Irpef ed al netto di IVA e della quota di contributo previdenziale obbligatorio per la formazione a distanza Per la figura di coordinatore, la circolare del Ministero prevede la possibilità di utilizzo di consulenti di fascia A nei casi in cui l intervento non sia esclusivamente a carattere formativo ma comprenda ad esempio attività di ricerca ecc.; per interventi esclusivamente a carattere formativo i massimali di costo applicabili sono quelli della fascia B o C a seconda della complessità dell intervento intesa come effettiva trasversalità del coordinamento su diverse aree di competenza. In ogni caso l attività di coordinamento dovrà essere rapportata al parametro giornata/uomo. Si ricordi che la Regione o la Provincia possono determinare, nel bando o nei documenti programmatori, massimali differenti Data di decorrenza della ammissibilità delle spese Salvo che per le spese strettamente inerenti la progettazione, da documentare in maniera visibile e verificabile, la data iniziale ai fini della riconoscibilità dei costi generalmente coincide con quella della stipula della convenzione con la Regione/Provincia, o in sua assenza della formale comunicazione di approvazione del progetto Per le spese di preparazione si può risalire sino alla data del bando di apertura termini per la presentazione dei progetti. Si ricordi che le spese di preparazione non ricomprendono l attività di compilazione di formulari. Norme sulla pubblicità del contributo FSE In forza del Regolamento 1159/00 va accuratamente data visibilità della partecipazione del contributo FSE alla realizzazione del progetto. Nello specifico ciò comporta l obbligo di : ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 13

14 utilizzare i loghi dell Unione Europea, unitamente a quelli del Ministero del Lavoro, della Regione Liguria e della Provincia in occasione della pubblicazione di bandi selezione analogamente utilizzare i loghi dell Unione Europea, unitamente a quelli del Ministero del Lavoro, della Amministrazione che eroga il finanziamento (statale e/o regionale) in occasione di attività pubbliche di presentazione dell attività, attività di reclutamento partecipanti, diffusione e/o pubblicazione dei risultati affiggere, fuori e dentro le aule, un cartello - con i loghi dell Unione Europea, del Ministero del Lavoro, e della Amministrazione erogante - con la scritta QUESTO PROGETTO E COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Si ricordi che il mancato utilizzo dei loghi può comportare in non riconoscimento della spesa Conservazione dei documenti I documenti contabili vanno conservati presso il titolare (soggetto realizzatore e partners in caso di ATI o ATS) in originale ed in regola con la normativa fiscale e tenuti a disposizione per le verifiche degli organi ispettivi. Libro carico/scarico Ai fini del controllo nell uso del materiale acquisito, è necessaria la tenuta di un registro di carico/scarico. Questo registro, serve a registrare la movimentazione per singolo articolo merceologico e deve avere le seguenti caratteristiche: avere le pagine numerate progressivamente contenere nella prima pagina l indicazione del soggetto realizzatore ed i riferimenti della attività corsuale essere vidimato prima dell utilizzo. Nel registro vanno annotati tutti gli acquisti (sia di materiale che di attrezzature di rapido consumo) nella colonna carico e registrato nella colonna scarico ogni distribuzione ai partecipanti (controprovata dal foglio firmato dai partecipanti) o al corso (materiale di consumo collettivo) o a magazzino (giacente a fine attività). Le registrazioni devono essere contestuali alle movimentazioni, sia in entrata che in uscita, per cui a magazzino devono essere effettuate quale giacenza a fine attività ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 14

15 Rendiconto Il rendiconto è l atto finale dell intervento e va presentato sulla apposita modulistica predisposta dalla Regione e firmato dal rappresentante legale del soggetto realizzatore (in caso di ATI o ATS del capofila) ed è il risultato della somma delle certificazioni trimestrali e della spesa dell ultimo periodo. Possono essere esposte in rendiconto solo le spese effettivamente sostenute, ad eccezione : quote di TFR saldo INAIL (si presenta un accertamento ) imposte e tasse con scadenza successiva alla data di chiusura della rendicontazione quote di ammortamento (da comprovare con il bilancio e libro cespiti) Fanno parte del rendiconto : prospetto (listato) per singola voce di spesa dei costi e dei documenti che attestano il pagamento registro delle presenze in originale fogli stage in originale riepiloghi mensili delle presenze di allievi e docenti, sul modello predisposto dalla Regione dichiarazione a firma del legale rappresentante sul calcolo del costo orario del personale (vedi allegato) dichiarazione a firma del legale rappresentante sul procedimento di calcolo pro quota dei costi di progetto e funzionamento (vedi allegato) dichiarazione a firma del legale rappresentante sulla conformità della documentazione, la veridicità, la non imputazione dei costi ad altri finanziamenti pubblici, la percentuale di in detraibilità dell IVA, l avvenuto pagamento delle ritenute e degli oneri fiscali, previdenziali ed assistenziali per il personale (vedi allegato) Si ricorda che, in caso di imputazione di quote di ammortamento, va allegato anche il bilancio da cui risulti le quote di ammortamento contabilizzate. Il rendiconto va presentato, completo, entro 60 giorni dal termine delle attività. ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 15

16 Macrovoce :Preparazione Argomento : Progettazione Voci : b7 b9 L attività di progettazione dell intervento formativo, ai fini del riconoscimento delle spese, deve rendersi visibile e verificabile e non può essere limitata alla sola compilazione della modulistica L attività ricompresa e rendicontabile consiste in : indagini di mercato connesse con contenuti ed obiettivi del progetto progettazione (descrizione del percorso, contenuti del profilo professionale, metodologia didattica ecc.) incontri e scambi fra gli organizzatori per la messa a punto del progetto Il prodotto dell attività di progettazione si deve pertanto concretizzare in una vera e propria relazione che illustri nel dettaglio la programmazione dell intervento evidenziando le attività svolte, ad esempio ricerche e indagini di mercato, se ritenute necessarie e coerenti con gli obiettivi dell intervento formativo, la descrizione dei lavori per la programmazione del corso, gli eventuali momenti di incontro, di scambio di esperienze fra gli organizzatori, ecc. La relazione suddetta debitamente firmata dal o dai progettisti, oltre ai documenti contabili, costituisce la documentazione obbligatoria da prodursi ai fini della verifica e del riconoscimento delle spese.. Non sono imputabili alla progettazione le attività amministrative rivolte alla domanda di contributo ed alla compilazione della modulistica La progettazione può essere realizzata da personale interno od esterno che opera in forma individuale (consulente) o in forma societaria. In questa seconda ipotesi si consiglia di allegare al progetto la richiesta di autorizzazione per non dar luogo ad interpretazioni che si richiamino al divieto di delega e conseguentemente al non riconoscimento del costo. Qualora l attività venga svolta da: - personale dipendente del soggetto realizzatore, la determinazione della somma rendicontabile risulterà dal calcolo delle ore impiegate nell attività, nel limite massimo di quanto già previsto a progetto, per il costo orario determinato con il metodo di cui al punto relativo al personale docente dipendente. - personale consulente il costo ammissibile a rendiconto è determinato dalle ore impiegate nella prestazione, nel limite massimo previsto a progetto, per il relativo costo orario esposto in fattura Si ricordi che anche per la progettazione vanno rispettati i massimali di costo per il personale consulente - lettera d incarico e accettazione - contratto - fattura e/o parcella con relativa quietanza - relazione firmata del progettista, controfirmata dal responsabile dell Ente ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 16

17 per il personale dipendente - ordine di servizio, nel caso di Aziende, firmato per accettazione - tabella riepilogativa impiego personale dipendente relativa al piano di utilizzo del personale su base annua, al fine di individuare per ciascun soggetto il ruolo svolto nonché il numero di ore impiegate in ciascun corso (solo per Enti di Formazione) - prospetto analitico di determinazione del costo orario, reso con dichiarazione ai sensi del D.P.R. 445 del a firma del Legale Rappresentante - relazione firmata del progettista per incontri e scambi - verbali degli incontri eventuali elaborati ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 17

18 Macrovoce :Preparazione Argomento : Selezione-Orientamento Voce : b7 b9 Nella voce rientrano le spese sostenute per la selezione degli allievi (test psicoattitudinali, esami selettivi) e per l orientamento degli stessi. I costi vanno espressi in termini di ore svolte dai membri della commissione Non sono ammessi costi relativi a personale estraneo alla commissione selezionatrice Sono ammessi i costi per l elaborazione dei test psico-attitudinali e per l orientamento degli allievi Tutto il materiale relativo alle prove di selezione deve essere conservato presso la sede del oggetto realizzatore - verbale di selezione dal quale emerga l attività svolta - fattura quietanzata per le ore svolte dal personale consulente per la selezione e/o per la preparazione dei test - per le ore d impegno dei dipendenti quella prevista per il personale dipendente Macrovoce :Preparazione Argomento : Pubblicizzazione corsi Voce : b07 In tale voce rientrano le spese per bandi, manifesti, pubblicità mediante affissione o mass media ecc. che siano chiaramente finalizzate al reperimento degli allievi e alla pubblicizzazione dell iniziativa formativa. Rientrano anche i costi inerenti il personale dipendente e/o consulente utilizzato per tale attività Qualora l intervento formativo non comporti alcuna tassa di iscrizione per i partecipanti, i manifesti per la pubblicità dell intervento stesso sono esenti dal diritto sulle pubbliche affissioni ai sensi dell art. 21, lettera g), del D.L n 507 concernente la revisione ed armonizzazione dell imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, salvo eventuali nuove normative in merito. Nel caso di pubblicizzazione via Internet, salvo che sia stato appositamente creato un sito, si sconsiglia di imputarne un costo in quanto la dimostrazione di attinenza risulta difficilmente documentabile La spesa va dimostrata con l esibizione di fatture quietanzate nelle quali devono essere indicati il Codice del Corso, il periodo di svolgimento delle attività di pubblicizzazione e l entità dell operazione Si ricordi che occorre rispettare le normative sulla pubblicizzazione del contributo FSE ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 18

19 fattura quietanzata quella prevista per il personale relazione dettagliata del personale sull impegno svolto Macrovoce :Preparazione Argomento : elaborazione materiale did Voce : b07 Per quanto riguarda l elaborazione dei testi didattici, va tenuto conto che il costo di acquisto di eventuali testi disponibili sul mercato è da classificarsi materiale di consumo. In questa sede vanno ricondotti i costi relativi ad opere dell ingegno intendendosi per tali gli elaborati originali concernenti materie specialistiche o specifici approfondimenti del programma d insegnamento, e non comprendono i diritti d autore L autore deve rilasciare, sotto la propria responsabilità, apposita dichiarazione sull originalità dell elaborato. In caso di reiterazione dell intervento il costo è ammissibile solo per la prima edizione; eventuali aggiornamenti o integrazioni devono essere adeguatamente dimostrati. fattura quietanzata quella prevista per il personale relazione dettagliata del personale sull impegno svolto, n ore, materiale elaborato testi e dispense dichiarazione di originalità Macrovoce :Preparazione Argomento : Formazione formatori Voce : b09 Rientra in questa voce l attività erogata da terzi a favore del personale interno impegnato nell attività corsuale Il costo è riconosciuto solo se la formazione formatori è stata espressamente prevista in progetto e nella scheda finanziaria Il costo è riconosciuto compatibilmente con la normativa comunitaria sugli aiuti di Stato Quella prevista per il personale esterno ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 19

20 Macrovoce :Realizzazione Argomento : Docenze e codocenze Voci : b07 e b9 Docenti e codocenti possono essere dipendenti o consulenti senza vincolo alcuno salvo disposizioni diverse esposte nell Avviso di bando Il loro intervento, per le ore d aula, deve risultare dal Registro presenze allievi, con annotazione giornaliera dell orario svolto e dei contenuti della docenza e apposizione della propria firma, che costituisce il documento probatorio delle ore svolte. Le ore extra aula, quale il Collegio docenti, non sono riconosciute se non espressamente previste in sede progettuale. Per le ore stage i docenti sono tenuti ad annotare sugli appositi Fogli Stage l orario della loro attività con apposizione della propria firma Si ricordi che : vanno rispettati i massimali previsti per le differenti fasce di docenza per il personale consulente: 1. lettera d incarico e accettazione 2. contratto 3. fattura e/o parcella 4. relazione per le attività extra aula 5. dichiarazione resa ai sensi del D.P.R. 445 del a firma del Legale Rappresentante attestante l avvenuto pagamento delle ritenute d acconto IRPEF e degli eventuali oneri fiscali e previdenziali per il personale consulente per il personale dipendente: 1. ordine di servizio firmato per accettazione 2. tabella riepilogativa impiego personale dipendente relativa al piano di utilizzo del personale su base annua, al fine di individuare per ciascun soggetto il ruolo svolto nonché il numero di ore impiegate in ciascun corso 3. prospetto analitico di determinazione del costo orario, reso con dichiarazione ai sensi del D.P.R. 445 del a firma del Legale Rappresentante 4. relazione per le attività extra aula 5. dichiarazione resa ai sensi del D.P.R. 445 del a firma del Legale Rappresentante attestante l avvenuto pagamento delle ritenute d acconto IRPEF e degli eventuali oneri fiscali e previdenziali per il personale dipendente ASSOCIAZIONE PRONEXUS - Criteri per la rendicontazione dei progetti. 20

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA PAR FAS 2007-2013 Azione 1.2.1 (ex linea 1.1 P.I.R. 1.1.B) PROMOZIONE DELLA RICERCA INDUSTRIALE, DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO, DELLO SVILUPPO PRECOMPETITIVO; VALORIZZAZIONE DELLA RICERCA E INNOVAZIONE

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE versione 3-24.01.2011 1 PREMESSA...

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Qualità, merito e semplificazione

Qualità, merito e semplificazione Allegato 1 alla D.G.R. nr. del REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE, ISTRUZIONE E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO POLITICHE DELLA TRANSNAZIONALITÀ DELLA

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

BANDO DI CANDIDATURA PERCORSI TRIENNALI DI IeFP Triennio 2015/2018

BANDO DI CANDIDATURA PERCORSI TRIENNALI DI IeFP Triennio 2015/2018 BANDO DI CANDIDATURA PERCORSI TRIENNALI DI IeFP Triennio 2015/2018 Genova, 1 aprile 2015 ORE 10:00 Residenza Fieschine Sala delle Conferenze AULA DOMENICO FIESCHI (2 piano) NOTE INTEGRATIVE Questo documento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI RETE RURALE NAZIONALE Commissione Europea 2 0 0 7-2 0 1 3 LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli