servizio06 degli Asili Nido La Carta dei Servizi Città di Sesto San Giovanni Settore Educazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "servizio06 degli Asili Nido La Carta dei Servizi Città di Sesto San Giovanni Settore Educazione"

Transcript

1 servizio06 La Carta dei Servizi degli Asili Nido Città di Sesto San Giovanni Settore Educazione

2 Indice carta dei servizi 2 Una giornata al Nido Pag. 4 Chi lavora al Nido e per il Nido Pag. 10 Figure professionali Pag. 11 Informazioni utili: Pag. 13 Sedi e orari di funzionamento Pag. 14 Iscrizioni Pag. 15 Criteri di ammissione agli asili nido cittadini Pag. 15 Tariffe Pag. 17 Elementi di qualità del servizio: per saperne di più Pag. 18 Equipe psicopedagogica Pag. 19 Gruppo di coordinamento Pag. 21 Educatrici Pag. 22 Ausiliarie Pag. 22 Cuoche Pag. 22 Monte ore educatrici Pag. 23 Monte ore ausiliarie e cuoche Pag. 23 Inserimento graduale Pag. 24 Figura di riferimento Pag. 25 Accoglienza dei bambini portatori di handicap Pag. 26 Partecipazione dei genitori Pag. 27 Cura e allestimento dell ambiente Pag. 29 Continuità educativa Pag. 30 Flessibilità oraria dell asilo nido Pag. 31

3 I servizi per l infanzia nella nostra città sono stati oggetto di particolare attenzione nel corso degli ultimi decenni. In particolare gli asili nido, rivolti alle bambine e ai bambini di età compresa tra 0 e 3 anni, hanno registrato significativi cambiamenti per quanto riguarda il ruolo e le competenze del personale, le caratteristiche organizzative del servizio e l offerta di opportunità educative per i bambini stessi. Dopo anni di sperimentazione e affermazione di una nuova identità degli asili nido sestesi nel panorama dei servizi per l infanzia regionali, l Amministrazione Comunale ha pensato di testimoniare, con questo documento, quanto oggi è a disposizione delle famiglie che scelgono di iscrivere la propria bambina/bambino all asilo nido della nostra città. Il risultato conclusivo è frutto di un lavoro avviato un anno fa dal Settore Educazione con il contributo di tutto il personale: i pedagogisti, le educatrici, gli operatori in generale dei servizi per l infanzia della città. I cittadini che avranno l opportunità di utilizzare la carta dei servizi degli asili nido, troveranno tutte le indicazioni sull offerta educativa in atto nei nostri asili nido. Potranno leggere in forma semplice e chiara cosa avviene nella giornata tipo dei bambini e soprattutto scoprire cosa si muove all interno e all esterno dell asilo nido: i compiti del personale educativo, ausiliario e di cucina; il ruolo dei pedagogisti; le funzioni degli uffici amministrativi con un unico filo conduttore rappresentato dall offerta di un servizio flessibile e attento alle esigenze del bambino e della famiglia. La carta dei servizi, così come strutturata, vuole sinteticamente valorizzare il punto di arrivo di un esperienza e, soprattutto, testimoniare che sono ancora aperti nuovi spazi di ricerca e sperimentazione. Un risultato più che soddisfacente in un contesto regionale di grande fermento, di incremento d offerta differenziata di servizi per le famiglie e non sempre attenta ai minimi qualitativi propri di un servizio per l infanzia. Un ringraziamento particolare all equipe psicopedagogica del Settore Educazione per il lavoro di ricerca nel passato del servizio e di cura complessiva del testo; ai gruppi di lavoro dei singoli asili nido per la ricerca d archivio di documenti scritti o fotografici in grado di testimoniare la trasformazione avvenuta negli anni, fino alla realtà di servizio di oggi e infine, ma non per minore importanza, al personale dell ufficio per la sintesi offerta sugli aspetti amministrativi e di gestione degli asili nido. Sesto San Giovanni, marzo 2005 L Assessore all Educazione (Sara Valmaggi) 3

4 Una giornata al nido 4

5 Oggi vado al nido. Quando arrivo non sono la prima: trovo già qualcuno dei nuovi amici. C è anche Anna, è li seduta sul tappeto insieme a Paolo, Nabil, Laura e Gianluca. Anna mi saluta, saluta la mamma e mi mostra il libro che stanno leggendo insieme; sono un po dispiaciuta perché la mamma dovrà andare via (ormai lo so). La mamma mi dà tanti baci e saluta Anna con un bel sorriso, penso proprio che piaccia anche a lei. Piace anche a me, ma mi sento sempre lo stesso un po triste in questo momento. Mentre leggiamo i libri arrivano gli altri bimbi e poi arriva Elisa: io la guardo, lei mi guarda. Ci conosciamo bene. È lei la mia educatrice. 5

6 Sono arrivati anche tutti gli altri bambini. Andiamo in bagno a lavare le mani e dopo ci sediamo tutti a tavola a mangiare la frutta che ci ha portato Sara, la nostra ausiliaria. Lei ci tiene sempre compagnia quando mangiamo. Lo so: adesso andremo a giocare, come ogni mattina, io, Laura e Alessia; Jalal, Marco, Stefano; Elisa ci ha detto che oggi giochiamo con la farina gialla. Mi piace giocare con la farina: la vedo entrare e uscire dall imbuto, passare attraverso il setaccio, andare sui miei piedi; posso usare il cucchiaio per riempire e svuotare la bottiglia. Posso farlo tante volte senza stancarmi. Mi piace sempre! Abbiamo finito! Adesso possiamo raggiungere gli altri amici che sono rimasti a giocare con Anna. 6

7 La pancia brontola, ho fame, mi sa che è ora di pranzo. È proprio così: sistemiamo un po tutti insieme i giochi della sala e con Elisa andiamo in bagno. Sara sta già portando il carrello, andiamo a sederci. La cuoca Pina ha preparato tante cose buonissime: la pastasciutta, il tortino di pesce e le patate. Oggi festeggiamo anche il compleanno di Stefano, con la torta che ha comprato la sua mamma! Mi siedo al tavolo con i miei amici: Elisa mi prepara il piatto con la pastasciutta - io ho il cucchiaio,... - io voglio l acqua, - anch io l acqua, - io ancora patate Elisa ci ricorda anche di mangiare, non solo chiacchierare; sono pronta per la torta! È buonissima, con la marmellata che mi appiccica tutte le mani. Con Elisa andiamo in bagno a fare la pipì e a ripulirci un po, prima di andare a dormire. 7

8 8 Elisa chiude le tende, io prendo il ciuccio e vado nel sacco a pelo insieme al mio coniglio, che dorme sempre con me. Paolo piange, Elisa si siede vicino a lui, io la guardo C è un po di luce, Nabil, Laura e Gianluca chiacchierano e io mi sto svegliando: dopo la nanna c è sempre Silvia, perché Elisa è andata a casa. Lo so. Silvia mi dice cosa devo fare, ma io le pantofole le allaccio già da sola. Meno male le ho già messe, così corro subito a fare la pipì. Ho anche fame e sete. Ah, già! Adesso si fa merenda: oggi c è il latte con quelle cose gialle, che assomigliano alle patatine e che fanno tanto rumore quando le mastico Adesso che ho finito, vado a giocare!

9 In salone c è un gioco che mi piace tanto: posso salire, scendere, rotolare, saltare, scivolare Ahia, che male! Cado sul tappeto e cade anche Francesco addosso a me! Aiuto Silvia! - Meno male, mi ha visto: mi coccola un po e poi chiama Francesco. Adesso che Silvia lo dice, mi ricordo che insieme non possiamo saltare giù dal gradino sopra al tappeto, perché possiamo farci male Non sono sicura che ce lo ricorderemo la prossima volta! Mi riposo un po, mi piace anche vedere gli altri che giocano quasi, quasi vado a leggere un libro. No, ho ancora voglia di salire sul gioco di prima. Chi sta arrivando? La mamma di Paolo. Manca poco allora, dopo la mamma di Paolo arriva sempre la mia Meglio tenere d occhio la porta Mamma! - È arrivata! Guarda come sono brava a correre a salire a scendere sono contenta che sei arrivata Ciao un bacio in braccio! Come ogni giorno la mamma chiede a Silvia com è andata oggi e lei le racconta cosa abbiamo fatto oggi. Lo so, devo aspettare un pochino finito? Andiamo!? Ciao, ci vediamo domani. 9

10 Chi lavora al nido e per il nido Figure professionali 10

11 Figure professionali L ufficio asili nido del Comune gestisce otto Asili Nido, un Centro per Bambini e Famiglie, un servizio di facilitazione dell incontro tra famiglie e baby-sitter; tali servizi si avvalgono, per il funzionamento, di personale educativo e ausiliario (vedi Figure professionali, pag. 22) oltre a una struttura amministrativa e tecnica di supporto. Il Settore Educazione è affidato a una figura di Direttore che ha la titolarità di tutti i servizi e attività in ambito educativo. Il Servizio che si occupa di bambini d età compresa tra zero e tre anni si avvale della presenza di un Funzionario, titolare del servizio, e di tre figure amministrative che si occupano di: Gestione delle iscrizioni graduatorie degli asili nido Gestione del personale educativo ed ausiliario Rette a carico dell utenza Gestione delle procedure di accreditamento dei servizi privati per l infanzia e di erogazione di buoni servizio alle famiglie Gestione delle strutture e delle forniture Supporto al personale tecnico (pedagogisti) (vedi Equipe Psicopedagogica, pag. 19) i cui compiti sono di definizione degli obiettivi educativi del servizio Informazione alle famiglie. 11

12 Ogni asilo nido, in ragione del numero dei bambini accolti, ha un numero di educatrici ed ausiliarie impegnate a garantire un corretto funzionamento del servizio; i compiti di raccordo con l ufficio nidi per tutte le questioni di ordine organizzativo e gestionale sono svolti dalla coordinatrice del nido (vedi Gruppo di Coordinamento, pag. 21) scelta tra le educatrici del nido, con rotazione biennale/triennale, dal personale del nido. La coordinatrice del nido si avvale della presenza di un pedagogista per tutti gli aspetti relativi alla programmazione educativa, all inserimento di bambini disabili, all osservazione delle attività proposte al nido, alla relazione con le famiglie per problemi di inserimento o di crescita dei figli. I compiti del personale in attività presso ogni asilo nido sono descritti puntualmente nel Regolamento comunale per la gestione dei servizi per l infanzia. 12

13 Informazioni Utili Sedi e orari di funzionamento Iscrizioni Criteri di ammissione agli asili nido cittadini Tariffe 13

14 Sedi e orari di funzionamento Gli asili nido funzionanti a Sesto San Giovanni sono sette, con una disponibilità di posti complessiva di 355 bambini; l ottava struttura, ormai realizzata presso Via Tonale, ospiterà circa 50 bambini portando la disponibilità complessiva di posti a 405 bambini. I bambini non sono ammessi a frequentare il nido prima dei 6 mesi di età. Gli asili nido sono distribuiti sul territorio nel modo seguente: Nido di Via Boccaccio 85 Tel bambini Nido di Via Corridoni 93 Tel bambini Nido di Via Croce Tel bambini Nido di Via K.Marx 245 Tel bambini Nido di Via Nievo 39 Tel bambini Nido di Via Savona Tel bambini Nido di Via XX Settembre 90 Tel bambini Nido di Via Tonale Tel bambini Gli asili nido a Sesto San Giovanni offrono alle famiglie un apertura giornaliera compresa tra le ore 7,30 e le ore 18,00 distribuita su cinque giorni settimanali, con la possibilità di frequenze differenziate: tempo parziale 7,30-13,30; tempo ridotto 7, ; tempo pieno 7,30-18,00. La scelta della famiglia per uno dei tempi proposti avviene in sede di iscrizione del bambino all asilo nido e tiene conto degli orari di lavoro dei genitori (vedi Flessibilità oraria dell Asilo Nido, pag. 31); nel corso dell anno scolastico vi è la possibilità di variare il tempo di frequenza in ragione delle nuove esigenze della famiglia e valutata la situazione organizzativa del nido. 14

15 Iscrizioni Le domande d iscrizione sono presentate dalla famiglie una volta nel corso dell anno e consegnate presso la sede indicata dal Settore Educazione con apposita comunicazione. La domanda d iscrizione comprende, oltre ai dati del bambino, all indicazione dell asilo nido scelto e del tempo di frequenza, notizie riguardanti il nucleo familiare indispensabili per la formulazione della graduatoria da parte dei Comitati di gestione degli asili nido (occupazione dei genitori, orari di lavoro, disponibilità di collaborazione da parte di familiari, particolari condizioni del nucleo familiare). Il Comitato di Gestione di ogni nido (vedi Partecipazione dei genitori, pag. 27), il cui compito è quello di formulare la graduatoria d ammissione, è formato da rappresentanti dei genitori e del personale dell Asilo Nido. Criteri di ammissione agli asili nido cittadini Il servizio asili nido si caratterizza come socio-educativo (vedi Equipe Psicopedagogica, pag. 19) e privilegia il benessere fisico e psichico del bambino, inteso anche in relazione alla situazione familiare. Il numero dei bambini che sono accolti (vedi Inserimento graduale, pag. 24) in ogni singolo nido e in ogni singolo gruppo (vedi Figura di riferimento, pag. 25) è determinato seguendo due criteri fondamentali e paralleli: I bisogni del bambino/a e della famiglia L organizzazione e la programmazione del servizio 15

16 I criteri di priorità nell ammissione al nido, definiti dall Amministrazione Comunale, devono essere comunque tenuti presenti da tutti i Comitati di Gestione e sono i seguenti in ordine di priorità: 1 Bambini portatori di handicap fisico o psichico che si trovino in una situazione per cui il nido si propone come ambiente favorevole; 2 Bambini la cui situazione evolutiva sia ritardata o modificata da varie cause documentabili (ospedalizzazione precoce o prolungata, istituzionalizzazione, allontanamento prolungato dal nucleo familiare), che si trovino in una situazione per cui il nido si propone come ambiente favorevole. 3 Bambini inseriti in famiglie ad alto rischio e/o relazionale: (tra cui, per esempio, assenza di reddito o condizioni abitative gravemente carenti o sovraffollate). Le situazioni relative a questi tre punti sono individuate o segnalate dal Servizio Sociale, dai servizi ASL, da altri servizi specialistici territoriali e dall equipe psicopedagogica. La possibilità di inserimento o la valutazione del nido più idoneo per bambini portatori di handicap (vedi Accoglienza dei bambini portatori di handicap, pag. 26) o difficoltà evolutiva dovrà essere valutata dell equipe psicopedagogica del servizio, anche tenendo conto della situazione complessiva del nido. Il parere dell équipe per l ammissione sarà vincolante se negativo. 4 Bambini con una sola figura parentale stabile. Le situazioni sono valutate caso per caso in considerazione non alla situazione anagrafica, ma alla reale carenza affettiva e materiale nella vita familiare. Le situazioni di separazione in corso tra coniugi verranno considerate con particolare attenzione. 5 Bambini gemelli, che vanno inseriti entrambi. 6 Genitori entrambi lavoratori. In particolare hanno la precedenza le lavoratrici che hanno più breve periodo di aspettativa per maternità. Gli studenti sono assimilati ai lavoratori nel caso in cui documentino che la frequenza ai corsi di studi sia obbligatoria. 16

17 Altri indicatori da valutare e intrecciare con il punto 6) dei criteri sono: Altre situazioni di disagio documentate Assenza di altre figure che possano occuparsi del bambino (nonni, parenti, ecc.) Orari di lavoro più lunghi e disagevoli Grado inferiore di scolarità Maggior numero di figli minorenni I bambini che non sono residenti in Sesto San Giovanni con almeno uno dei genitori, sono collocati in fondo alla graduatoria salvo situazioni di grave disagio, documentate del servizio sociale. Le graduatorie di ammissione sono formulate in base ai criteri sopra citati, indipendentemente dal tempo di frequenza richiesto. Le ammissioni ai posti liberi all inizio di ogni anno scolastico saranno effettuate sulla base dei posti disponibili a tempo pieno o part-time, in relazione al tempo di frequenza indicato sulla domanda. Le richieste di trasferimento di bambini già frequentanti da un nido all altro vengono valutate dal Comitato di Gestione caso per caso. Tariffe Le tariffe sono differenziate in fasce in base al tempo di frequenza scelto e al reddito determinato. Per ottenere l applicazione delle tariffe inferiori alle massime occorre produrre la certificazione I.S.E.E.; la tariffa di frequenza è dovuta fin dal primo giorno di inserimento al nido. 17

18 Elementi di qualità del servizio: per saperne di più 18

19 Equipe psicopedagogica Il nido, così come lo conosciamo oggi, è un luogo pensato per accogliere bambini molto piccoli offrendo loro una esperienza educativa in gruppo, cure corporee su misura per ogni bambino e un ambiente stimolante, adeguato all età e sicuro (nido educativo ). Fino a trent anni fa circa, l Asilo Nido era caratterizzato soprattutto dalla attenzione alla custodia e alla assistenza dei bambini, e l accento era posto sugli aspetti igienico-sanitari e sulla alimentazione (nido assistenziale ). Le trasformazioni sociali e culturali avvenute tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80, hanno determinato grandi cambiamenti nella vita del nido che da istituzione assistenziale è diventata servizio di tipo educativo. Questo percorso è stato (ma per alcuni aspetti è ancora) complesso e molto articolato; infatti pensare e organizzare un nido educativo richiede riflessione e attenzione su molti aspetti: L organizzazione degli spazi Le relazioni che coinvolgono gli adulti e i bambini Le proposte educative L organizzazione del lavoro La collocazione del nido sul territorio La delicatezza e la complessità del lavoro educativo rende così necessario il contributo di diverse figure professionali: nasce da qui la presenza dell Equipe Psicopedagogica nei Servizi per la Prima Infanzia nel Comune di Sesto San Giovanni. L equipe è composta da psicopedagogisti e psicologi che garantiscono l applicazione dei principi educativi fondamentali per il funzionamento degli asili nido come servizi educativi pensati per il bambino e la sua famiglia e non luoghi di custodia o assistenza. 19

20 Questo gruppo di lavoro collabora con: Dirigente Funzionario responsabile Ufficio Asili nido Gruppo di coordinamento Personale educativo e ausiliario I tecnici psicopedagogisti sono presenti durante l apertura dei servizi per osservarne il funzionamento e per incontrare il personale educativo nelle riunioni di progettazione e confronto sugli interventi educativi; sono disponibili per colloqui con i genitori utenti degli asili nido su temi educativi e relazionali; tengono i contatti con i servizi specialistici sanitari e sociali del territorio per favorire un progetto educativo coerente per bambini portatori di handicap o disagio sociale frequentanti il nido; inoltre progettano insieme al personale e conducono, anche con altri professionisti, i corsi di formazione rivolti alle educatrici e al personale ausiliario. 20

21 Gruppo di coordinamento Il gruppo di coordinamento è composto dalle coordinatrici dei singoli nidi, che si incontrano con continuità durante l anno lavorativo, sia con il tecnico psicopedagogista, sia autonomamente. Il ruolo di coordinatrice è svolto a rotazione da educatrici che lasciano il lavoro diretto con i bambini in sezione per una durata massima di tre anni. Gli incontri periodici consentono lo scambio e il confronto tra gli asili nido del territorio per garantire alle famiglie utenti una qualità omogenea dei servizi educativi; inoltre i momenti di incontro autogestito favoriscono la condivisione di problematiche lavorative e la ricerca di elaborazioni e soluzioni comuni tra gli operatori. Questo gruppo svolge un importante funzione di raccordo e di scambio con: L amministrazione Il personale educativo e ausiliario L Equipe Psicopedagogica I genitori Il territorio (scuola materna, servizio di quartiere, ecc.) Il ruolo di coordinatrice è sostenuto da percorsi formativi appositamente pensati per questa posizione lavorativa, importante e impegnativa dal punto di vista delle comunicazioni sia all interno che all esterno dell asilo nido. 21

22 22 Educatrici Avere la possibilità di effettuare corsi di formazione sui temi educativi è indispensabile per chi lavora nel nido: un esperienza di formazione e aggiornamento continui, garantisce momenti di riflessione sulla complessità del lavoro educativo e permette momenti di scambio tra educatrici di diversi nidi del territorio. I percorsi di formazione sono progettati dall èquipe psicopedagogica a partire dai bisogni espressi dalle educatrici. I corsi di aggiornamento riguardano tutto il gruppo di lavoro del nido, oltre alle educatrici anche le ausiliarie e le cuoche, e consentono di organizzare anche la cura e la pulizia degli ambienti secondo un programma di lavoro pensato sulla base di esigenze educative. Ausiliarie Le competenze professionali del personale ausiliario che lavora all interno del nido sono complementari a quelle delle educatrici: infatti il lavoro di cura e pulizia degli ambienti è programmato e risponde a precise esigenze educative (programmazione del gruppo ausiliario e programmazione del gruppo educativo si intrecciano). Un altro elemento importante è la continuità del personale ausiliario presente nei nidi, continuità che permette: Al bambino di ritrovare figure conosciute per tutto il tempo di permanenza al nido (l ausiliaria, come l educatrice è di riferimento nella sezione in cui lavora) Al personale di poter acquisire una professionalità propria del lavoro all interno di un servizio educativo Cuoca La cuoca è una figura interna all asilo nido, che cucina seguendo le indicazioni del Servizio Pediatrico ASL; nel caso in cui un bambino presenti allergie o intolleranze (certificate dal medico) è garantita una dieta personalizzata; anche nel caso di diete temporanee (dopo il mal di pancia!) la cuoca cucina cibi adeguati; vengono inoltre fornite alternative ad alcuni cibi, non consumati dai bambini per motivazioni di ordine religioso.

23 Monte ore educatrici Il monte ore è tempo lavorativo che le educatrici utilizzano non per il lavoro diretto con i bambini, ma per una serie di altri compiti: Organizzare e progettare le attività del nido (coinvolgendo il gruppo di lavoro al completo: educatrici, ausiliarie, coordinatrice, psicopedagogista) Elaborare la programmazione educativa Effettuare le riunioni e i colloqui con i genitori Confrontarsi con le colleghe sul lavoro quotidiano in sezione Incontrarsi periodicamente con il tecnico psicopedagogista; Costruire un lavoro di rete sul territorio, tenendo collegamenti con gli altri servizi educativi rivolti alla fascia di età 0-3 anni e le scuole materne Realizzare percorsi formativi di gruppo e individuali Monte ore ausiliarie e cuoche Anche il personale ausiliario e le cuoche hanno a disposizione una quota di tempo lavoro da utilizzare non per la cura e la pulizia degli ambienti nè per la preparazione dei pasti, ma per compiere le seguenti attività: Momenti di scambio con le educatrici sull organizzazione del lavoro in sezione Incontri con la coordinatrice e il tecnico psicopedagogista per la programmazione del lavoro durante l anno Partecipazione a momenti di incontro con le famiglie, quali feste, riunioni di sezione, laboratori serali per i genitori Supporto alle educatrici nelle uscite sul territorio, visite in biblioteca, attività di cucina (pizza, biscotti, pop corn a volte rientrano nelle attività proposte dalle educatrici e supportate dalla cuoca) 23

24 Inserimento graduale del bambino Il momento dell inserimento è un passaggio delicato e ricco di significati e aspettative per i soggetti coinvolti. Il distacco dai genitori viene facilitato dalla conoscenza graduale del nuovo ambiente, delle persone che lo abitano e dalla relazione di fiducia che si stabilirà tra l educatrice e la figura adulta che accompagna il bambino nell esperienza dell inserimento al nido. Infatti la fiducia che il bambino potrà accordare alla educatrice che lo inserirà al nido (figura di riferimento), passerà attraverso la fiducia che si stabilirà tra la madre e l educatrice stessa. L inserimento viene definito graduale perché la presenza al nido dei genitori diminuisce gradualmente nel corso dell ambientamento e anche il tempo di permanenza del bambino aumenta gradualmente (il tempo utile per l inserimento è mediamente di due settimane), adeguandosi alle possibilità della coppia mamma-bambino. L inserimento avviene in piccoli gruppi, tre/quattro bambini in sezione piccoli, quattro bambini e non oltre in sezione grandi. Questa modalità si è consolidata nel corso degli anni a partire da una serie di ragioni che favoriscono sia i bambini sia gli adulti. Infatti l esperienza in piccolo gruppo favorisce i genitori nella condivisione delle emozioni legate alla separazione dai loro bambini e facilita la creazione di relazioni positive fra gli adulti: tutto questo rende più agevole lo scambio e il confronto tra le esperienze dei genitori coinvolti. Inoltre l essere in piccolo gruppo permette ai bambini fin da subito di costruire relazioni sociali che caratterizzeranno tutta l esperienza educativa del nido. 24

25 Figura di riferimento Uno dei passaggi significativi dal nido assistenziale al nido educativo è stato contrassegnato dall adozione della figura di riferimento : le educatrici sono passate dall idea tutti i bambini sono di tutte alla organizzazione per gruppi di riferimento. Questa organizzazione prevede che l educatrice sia un riferimento per i bambini che formeranno il suo gruppo di inserimento: sarà lei ad accogliere i bambini, si farà carico dei loro bisogni e richieste, ascoltando le esigenze del bambino e della famiglia, rispettandone i tempi e ritmi di adattamento. Inoltre l educatrice di riferimento si pone come tramite per il bambino facilitando la conoscenza del nuovo ambiente, delle altre figure adulte e degli altri bambini presenti al nido. La relazione di fiducia che si costruirà tra l educatrice, la madre e il bambino, faciliterà l adattamento al nuovo ambiente, riducendo il senso di spaesamento della coppia: il bambino sarà così in grado di entrare nella nuova esperienza fidandosi della fiducia che la madre potrà riporre nell educatrice di riferimento. Concretamente, a inserimento avvenuto, l educatrice di riferimento sarà l interlocutrice privilegiata dei genitori, e sarà la persona che curerà i momenti significativi (le cure corporee, il pasto, il sonno) della giornata al nido per il suo gruppo di riferimento. 25

26 L accoglienza dei bambini portatori di handicap In accordo con il Regolamento per il funzionamento dei servizi per la prima infanzia, i bambini portatori di handicap sono facilitati nell inserimento al nido e il loro ingresso è garantito dai criteri di ammissione al servizio. Per consentire un esperienza utile al bambino e alla sua famiglia è necessaria la presenza di una figura di sostegno che, insieme all educatrice di sezione, favorisca un esperienza sociale adatta alle esigenze di un bambino con disabilità. Il tecnico psicopedagogista insieme alle educatrici cura la riflessione e i progetti educativi rivolti ai bambini portatori di handicap presenti al nido; è inoltre disponibile per colloqui con i genitori e lavora in collaborazione con i servizi socio sanitari che seguono il bambino nel suo sviluppo per rendere l esperienza educativa al nido coerente con il percorso di cura e riabilitazione. 26

27 Partecipazione diretta dei genitori La partecipazione dei genitori alla vita del nido rappresenta un punto di qualità significativo dei servizi per la prima infanzia: il riconoscimento della importanza e della ricchezza affettiva dell esperienza genitoriale si traduce nell attenzione che il nido e i suoi operatori pongono in tutti i momenti di scambio e di incontro con i genitori stessi. La loro presenza nella vita del nido si articola quindi in diverse opportunità di partecipazione, più e meno istituzionali: Il Comitato di Gestione permette ai genitori una presenza attiva nella elaborazione delle graduatorie di ingresso al nido e assolve a una funzione informativa e di scambio tra il nido e i genitori utenti La Consulta Cittadina rappresenta un momento di scambio tra l Amministrazione Comunale, i genitori, le istanze del territorio su temi e decisioni di indirizzo generale riguardanti i servizi educativi Esistono inoltre occasioni più informali di scambio e condivisione tra i genitori e il nido più legate alla vita quotidiana, e a progetti di significato sociale: Scambi quotidiani tra educatrice e genitore nei momenti di ingresso e congedo dal nido Riunioni a piccolo gruppo (gruppo di riferimento) Riunioni di sezione (piccoli - medi - grandi) Colloqui individuali tra educatrice e genitore (prima dell inserimento e durante la frequenza al nido) Troviamo infine altri momenti che permettono una presenza diretta e attiva dei genitori e si riferiscono a progetti che possono essere elaborati dalle educatrici e dai genitori stessi: 27

28 Laboratori Serate a tema Feste Uscite (per es. in biblioteca, dai pompieri, ecc.) Pizzate Gite Questi percorsi favoriscono la costruzione di una rete sociale tra i genitori che utilizzano il nido, permettendo lo scambio di esperienze genitoriali e il sostegno reciproco basato sul gruppo degli adulti. A volte le relazioni sociali nate durante queste esperienze, accompagnano i genitori anche dopo la conclusione della frequenza dei loro bambini al nido. 28

29 Cura e allestimento dell ambiente All interno del nido, ogni sezione dispone di una zona dedicata ai pasti, al sonno e di un bagno a misura di bambino; tutti gli arredi e i mobili sono adeguati ai bambini, conformi alle norme di sicurezza e sono privilegiati materiali naturali e colori non eccessivamente forti. Anche i giardini sono attrezzati con giochi da esterno che permettano ai bambini di muoversi in uno spazio organizzato (giochi di movimento, giochi con la sabbia e la terra, giochi con l acqua ). All interno del nido lo spazio è organizzato in angoli attrezzati con materiali che permettano ai bambini sia attività autonome, sia esperienze mediate dall educatrice, sempre in piccolo gruppo. L ambiente è attrezzato in modo da evitare ampi spazi non organizzati: lo spazio suddiviso in angoli allestiti con arredi e materiali interessanti, parla al bambino favorendone la concentrazione e sollecitandone la curiosità; inoltre permette alle educatrici di stare con piccoli gruppi in spazi rassicuranti e non dispersivi. 29

30 Continuità educativa Parlare di continuità educativa all interno del nido significa favorire il più possibile la coerenza, la stabilità, la prevedibilità delle esperienze offerte al bambino. La continuità rassicura il bambino, che può così riconoscere nel tempo le varie situazioni di cui la sua esperienza si compone (per es. ritrovare la sua educatrice di riferimento, l ausiliaria della sezione, la disposizione degli arredi nello spazio, i piccoli riti quotidiani ) acquisendo sicurezza e imparando a orientarsi nella sua giornata al nido. L idea della continuità al nido si traduce concretamente in una serie di attenzioni sia organizzative che educative, quali: Rendere prevedibile la giornata quotidiana del bambino (per esempio, favorire una organizzazione stabile della giornata; fare attenzione al passaggio di informazioni tra le educatrici della sezione) Orientare il bambino in tutti i momenti di passaggio (es. le varie parti della giornata, i cambi di turno delle educatrici, il rientro dopo le vacanze estive, il passaggio dal nido alla materna) Favorire ogni opportunità di scambio nel gruppo di lavoro delle educatrici al completo e nelle singole sezioni per pensare e realizzare un progetto educativo coerente nel tempo Curare le comunicazione relative ai passaggi tra il nido e la famiglia perché il bambino possa riconoscersi nelle idee e nelle informazioni che gli adulti hanno su di lui Rendere stabile l organizzazione del personale del nido nel tempo, in modo da non cambiare facilmente le figure presenti (per esempio l educatrice di riferimento accompagna il bambino per l intero ciclo di frequenza al nido): questo permette agli adulti e ai bambini del nido di conoscersi e ri-conoscersi nel tempo, nelle proprie esigenze, nei propri gusti, con i ricordi condivisi 30

Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle

Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle In cosa consiste il sevizio Il Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle è un servizio socioeducativo per la

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali.

Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali. Settore Servizi educativi Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali. I bambini sono accolti al nido, compatibilmente con le disponibilità dei posti, tenendo conto

Dettagli

MICRO NIDO IL PULCINO Sesto Calende CARTA DEI SERVIZI

MICRO NIDO IL PULCINO Sesto Calende CARTA DEI SERVIZI MICRO NIDO IL PULCINO Sesto Calende CARTA DEI SERVIZI INDICE: 1. LA CARTA DEI SERVIZI 2. IL SERVIZIO DELL ASILO NIDO 3. COME RAGGIUNGERE LA STRUTTURA 4. COME SI ACCEDE AL SERVIZIO 5. COME FUNZIONA 5a.

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI Approvata con DGC n. 180 del 20-09-2010 PREMESSA: PRINCIPI FONDAMENTALI: L Amministrazione Comunale definisce un sistema di regole e garanzie

Dettagli

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE COCCINELLE Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato A cura dell Educatrice: Moranduzzo Monica 1 PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO IL RITROVO Lecco - Pescarenico Via Corti, 20 Tel. / Fax 0341 363601 0341 373216 e-mail - ass.ritrovo@tiscalinet.it Soc. coop. sociale Il Ritrovo Onlus www.nidoilritrovo.it

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 IL NIDO DI CASA REBECCA VIA MAIOLO, 5 10044 PIANEZZA (TO) LA CARTA DEL SERVIZIO ORARI Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 Pre-Nido 7,30-8,30 Tempo Pieno 8,30/9,30-16,15/16,30 Mattino corto 8,30-12,30/13,00

Dettagli

CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI.

CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI. Settore Servizi educativi CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI. I criteri per la formazione delle graduatorie prendono in esame il contesto in cui è inserito

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA

ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA ASILO NIDO L ALLEGRA BRIGATA LA CARTA DEI SERVIZI Che cos è e a chi si rivolge L asilo nido si propone come un servizio educativo e sociale di interesse pubblico; favorisce l'armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare SERVIZIO: Attività Socio-Assistenziale Culturale Educativa Sportiva - Carta dei Servizi: ASILO NIDO Pag. 1 INDICE della Carta dei Servizi Che

Dettagli

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero. I L A B S I o dei B I M PRESENTA L ASILO NIDO Le Coccole LA CARTA DEI SERVIZI Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.it DITE: E faticoso frequentare i

Dettagli

Bimbinsieme Asilo Nido. Via Magenta 4/b - 20900 Monza bimbinsieme@novomillennio.it www.novomillennio.it

Bimbinsieme Asilo Nido. Via Magenta 4/b - 20900 Monza bimbinsieme@novomillennio.it www.novomillennio.it Bimbinsieme Asilo Nido Via Magenta 4/b - 20900 Monza bimbinsieme@novomillennio.it www.novomillennio.it Mission Bimbinsieme intende offrire alle famiglie,italiane e straniere,una struttura educativa per

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Servizio integrativo spazio gioco Lo spazio

Dettagli

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere i bambini Essere nella mente, nello sguardo e nel cuore dell'educatore è la condizione attraverso la quale il bambino può sentirsi accolto e dalla

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

<> LA CARTA DEI SERVIZI

<<IL NIDO DI ZERBOLO >> LA CARTA DEI SERVIZI LA CARTA DEI SERVIZI (Approvata con Delibera Giunta Comunale n. 49 del 18.05.2013) Che cos è la Carta dei Servizi Quali sono i principi a cui si ispira Validità della carta dei

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO COMUNE DI GALLARATE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Via Cavour, 4 Tel. 0331.754322 fax 0331.770016 segreterianidi@comune.gallarate.va.it CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO Centro: Asilo Nido Villoresi via Villoresi,

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA NIDO DON LUCIANO SARTI Segreteria: Via Palestro 38 40024 Castel San Pietro Terme 051 944590 donlucianosarti@libero.it Sede: Via Palestro 32 40024 Castel San Pietro Terme 051

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Servizi Educativi

COMUNE DI VOLPIANO Servizi Educativi COMUNE DI VOLPIANO Servizi Educativi 1 PRESENTAZIONE L Asilo Nido è un servizio educativo che collabora con le famiglie nell affrontare insieme le esigenze di crescita socializzazione ed apprendimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO LE CILIEGINE. Anno Educativo 2012/2013

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO LE CILIEGINE. Anno Educativo 2012/2013 KOINÈ COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Progettazione e gestione d iniziative sociali CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO LE CILIEGINE Anno Educativo 2012/2013 PREMESSA La Carta dell Asilo Nido vuole essere uno

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche

PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche di mercato e sondaggi d opinione, ceduta a una neo costituita

Dettagli

PREMESSA. Definizione e finalità della Carta dei Servizi

PREMESSA. Definizione e finalità della Carta dei Servizi 2 PREMESSA Definizione e finalità della Carta dei Servizi La Carta dei servizi è un documento che fissa i principi e i criteri per l erogazione del servizio di asilo nido, ne stabilisce i livelli qualitativi

Dettagli

IQBAL MASIH VIA ITALIA 11 VEDANO AL LAMBRO

IQBAL MASIH VIA ITALIA 11 VEDANO AL LAMBRO CARTA DELL ASILO NIDO IQBAL MASIH VIA ITALIA 11 VEDANO AL LAMBRO Anno educativo 2012/2013 PREMESSA La Carta dell Asilo Nido vuole essere uno strumento ideato per fornire garanzie alle famiglie che utilizzano

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) Indice: SEZIONE I Asilo Nido Premessa Art. 1 - Finalita dell Asilo nido Art. 2 - Ammissioni - criteri e graduatoria

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE UN.DUE..TRE STELLA! VIA EINAUDI 5 Approvata con Deliberazione C.C. n. 8 del 27.02.2006 ANNO EDUCATIVO 2013/2014 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Casorezzo, a conferma

Dettagli

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Contatti Capo Rip.ne III Pietro Migliore Tel. 091/8611341 Fax 091/8661459 email pietro.migliore@pec.comune.carini.pa.it Istruttore direttivo Antonina Ruffino

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 1. FINALITA DEL SERVIZIO

CARTA DEI SERVIZI 1. FINALITA DEL SERVIZIO CARTA DEI SERVIZI 1. FINALITA DEL SERVIZIO L asilo nido è un servizio educativo che accoglie bambine e bambini dai 6 ai 36 mesi con lo scopo di accompagnarli nel processo di crescita e di garantire loro

Dettagli

Il Nido Infanzia si presenta

Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CITTÀ DI COLLEGNO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA TITOLO I OGGETTO ART. 1 OGGETTO ART. 2 DISCIPLINA DEI SERVIZI TITOLO II SISTEMA LOCALE DEI SERVIZI SOCIO

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO:

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO: CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO: Il Mio Nido di Via Petrarca Nido Martesana di Viale Martesana Anno Educativo 2013/2014 COMUNE di VIMODRONE INDICE PREMESSA.. pag.3 L IDENTITA DEL NIDO. pag.3 I PRINCIPI DI

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Fermi stanno gli alberi sulle loro radici ma le foglie volano... SERVIZI PRIMA INFANZIA

CARTA DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Fermi stanno gli alberi sulle loro radici ma le foglie volano... SERVIZI PRIMA INFANZIA SERVIZI PRIMA INFANZIA Approvato con deliberazione della Giunta Municipale n. 10 del 22.01.2014 Fermi stanno gli alberi sulle loro radici ma le foglie volano... CARTA DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano)

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) Sommario LA CARTA DEI SERVIZI...3 Sezione I...4 Introduzione al servizio...4 CHI SIAMO...5 DOVE SIAMO...5 CALENDARIO DI FUNZIONAMENTO...5 I NOSTRI

Dettagli

CITTA DI CARUGATE. Provincia di Milano CARTA DEL SERVIZIO ASILO NIDO DEL COMUNE DI CARUGATE. Via Monte Bianco n 1 Carugate (MI) Tel.

CITTA DI CARUGATE. Provincia di Milano CARTA DEL SERVIZIO ASILO NIDO DEL COMUNE DI CARUGATE. Via Monte Bianco n 1 Carugate (MI) Tel. CITTA DI CARUGATE Provincia di Milano CARTA DEL SERVIZIO ASILO NIDO DEL COMUNE DI CARUGATE Via Monte Bianco n 1 Carugate (MI) Tel. 029254187 INDICE Presentazione pag 3 Come iscriversi pag 3 Retta d iscrizione

Dettagli

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza (Approvata con Delibera di Giunta n. 220 del 09/12/2008) INDICE Parte I PRINCIPI GENERALI :Che cos è la Carta del Servizio? La sua validità Finalità

Dettagli

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO > pag. 1 di 6 Allegato 3 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO In vigore dall anno educativo 2014/2015 e tuttora valido Art. 1 L asilo Nido La voce dei bambini è un servizio socio-educativo di interesse pubblico, che

Dettagli

Scuola dell Infanzia Parrocchiale San Domenico Via C.P. Taverna n.6 20050 Canonica di Triuggio Tel.0362.997127 P.I. 00985860964

Scuola dell Infanzia Parrocchiale San Domenico Via C.P. Taverna n.6 20050 Canonica di Triuggio Tel.0362.997127 P.I. 00985860964 Pagina 1 di 7 PREMESSA E FINALITA La sezione primavera nasce, all interno della scuola dell Infanzia nel settembre 2007 come sperimentazione messa in atto dal Ministro Fioroni e continua fino ad oggi.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Comune di Brescia Settore Pubblica Istruzione Servizio scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2012/2013 PROGETTO EDUCATIVO Profilo

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Comune di Sergnano Coop. Filikà PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Il nido è un servizio di tipo diurno gestito in collaborazione tra pubblico e privato: Comune di Sergnano e Filikà società cooperativa. Accoglie

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti CHE COS E LA CARTA SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento attraverso il quale si forniscono alle

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015 NIDO D'INFANZIA ILARIA ALPI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ DEL SERVIZIO Il servizio di Nido ha come finalità prioritaria l accoglienza e la cura dei bambini in uno spazio riccamente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Comune di Mariano Comense CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 132 del 14/11/2012 Settore Istruzione ed Asilo Nido Tel 031.757298 296 e-mail istruzione@comune.mariano-comense.co.it

Dettagli

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA ~ 1 ~ SCUOLA DELL INFANZIA DINO BUZZATI LEVEGO A.S. 2014-15 CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA L'accoglienza nelle Scuole dell'infanzia Statali prevede: MOMENTI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI

Dettagli

Il nido infanzia si presenta

Il nido infanzia si presenta Il nido infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona. Asilo Nido Dolci Impronte Viale Europa 16 Tel.346/6626484. Carta dei Servizi

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona. Asilo Nido Dolci Impronte Viale Europa 16 Tel.346/6626484. Carta dei Servizi COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona Asilo Nido Dolci Impronte Viale Europa 16 Tel.346/6626484 Carta dei Servizi 20 1 PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Il Nido è un servizio di tipo diurno gestito in collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

ASILO NIDO LA FILASTROCCA

ASILO NIDO LA FILASTROCCA ASILO NIDO LA FILASTROCCA Programmazione educativa 2012-2013 INDICE Finalità educative generali dell asilo e percorso educativo anno 2012/2013 Pag. 3 Organizzazione dell asilo Pag. 4-5 Organizzazione degli

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara scuola comunale dell infanzia Arcobaleno Identità e filosofia di un ambiente Storia La scuola dell infanzia Arcobaleno nasce nel 1966 ed accoglie 3 sezioni. La scuola comunale è stata

Dettagli

Asilo nido san DonAto

Asilo nido san DonAto Cooperativa Sociale MONZA 2000 PARROCCHIE SS. GIACOMO E DONATO E REGINA PACIS Asilo nido san DonAto (Via Guardi 6, quartiere san Donato, Monza) La CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. LA CARTA DEI SERVIZI p.2 2.

Dettagli

CartC a dei. Carta dei Servizi. e Servizi. della rete degli asili nido pubblici e privati. di Cremona

CartC a dei. Carta dei Servizi. e Servizi. della rete degli asili nido pubblici e privati. di Cremona CartC a dei e Servizi Carta dei Servizi A della rete degli asili nido pubblici e privati di Cremona Carta dei Servizi Ideazione e realizzazione del progetto: Silvia Toninelli, Franca Scala, Lina Stefanini

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

FINALITA DEL SERVIZIO

FINALITA DEL SERVIZIO 1 FINALITA DEL SERVIZIO Il Centro Infanzia Pianeta Coccole, sito in Via Riviera del Brenta n. 76/C a Fiesso D Artico (Venezia), è un servizio socio educativo di interesse pubblico che mira a favorire la

Dettagli

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI L ingresso nella Scuola dell Infanzia è un momento di crescita per i bambini, ma anche un momento delicato, talvolta difficile, per le implicazioni emotive

Dettagli

Centro per l infanzia Piccoli Artisti Via Ragusa, 23 Ancona. www.asilopiccoliartisti.it. tel. 3493012251

Centro per l infanzia Piccoli Artisti Via Ragusa, 23 Ancona. www.asilopiccoliartisti.it. tel. 3493012251 Centro per l infanzia Piccoli Artisti Via Ragusa, 23 Ancona www.asilopiccoliartisti.it tel. 3493012251 Regolamento Centro per l infanzia Piccoli Artisti Il centro per l infanzia Piccoli Artisti sito in

Dettagli

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO Approvato con Deliberazione consiliare n. 49 del 2012 in vigore dal 30 luglio 2012 REGOLAMENTO ASILI NIDO TITOLO I : FINALITA E ACCESSO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO COMUNALI Il Giardino dei Piccoli, Mille Amici, La Perla.

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO COMUNALI Il Giardino dei Piccoli, Mille Amici, La Perla. CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO COMUNALI Il Giardino dei Piccoli, Mille Amici, La Perla. Anno educativo 2014/2015 L amore e l armonia si possono apprendere da una struttura e da un personale in grado di trasmettere

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA Indice Chi siamo Il nostro progetto educativo La collaborazione educativa Spazi, Tempi e Attività Didattica alla scuola dell infanzia Organizzazione

Dettagli

Criteri educativi. Criteri progettuali

Criteri educativi. Criteri progettuali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Criteri educativi Nella nostra scuola, i percorsi formativi si svolgono considerando le finalità degli Orientamenti, le indicazioni nazionali per i piani personalizzati delle

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO INTRODUZIONE La creazione di questo opuscolo, nasce dall esigenza di offrire informazioni a chi desidera sapere un po di più

Dettagli

La Carta del Servizio per l Infanzia Gruppo Zero-Sei G. Rodari del Comune di Vergiate

La Carta del Servizio per l Infanzia Gruppo Zero-Sei G. Rodari del Comune di Vergiate COMUNE DI VERGIATE Provincia di Varese La Carta del Servizio per l Infanzia Gruppo Zero-Sei G. Rodari del Comune di Vergiate Un patto tra Comune e Comunità per migliorare la qualità dell intervento COMUNE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi.

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. FUNZIONAMENTO Art. 1 Principi generali del servizio. L Asilo Nido è un servizio di interesse pubblico rivolto

Dettagli

ASILO NIDO FANTANIDO

ASILO NIDO FANTANIDO Ge.A.S.C. Gestione Aziendale Servizi Comunali ASILO NIDO FANTANIDO CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. LA CARTA DEI SERVIZI I PRINCIPI FONDAMENTALI 2. L ASILO NIDO FANTANIDO LE FINALITA GLI ORARI 3. LE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 30.3.2015 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO Il nido d infanzia è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Aquilone Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Aquilone viene inaugurato nel 1974. Nasce come nido costituito da tre sezioni

Dettagli

IL NIDO D INFANZIA PAPPAPPERO

IL NIDO D INFANZIA PAPPAPPERO IL NIDO D INFANZIA PAPPAPPERO L idea di nido ed i suoi valori fondamentali Possiamo considerare il nido d infanzia come un sistema complesso composto da fattori che hanno come finalità principale l educazione

Dettagli

PROGETTO NIDO FELICE

PROGETTO NIDO FELICE Nido Amici dei bimbi PROGETTO NIDO FELICE Percorso di inserimento al Nido PREMESSA L ingresso al nido rappresenta: - un momento molto delicato per ogni bambino/a, perché è la prima importante esperienza

Dettagli

ASILO NIDO NUOVO MONDO Carta dei servizi a.s. 2012.2013

ASILO NIDO NUOVO MONDO Carta dei servizi a.s. 2012.2013 ASILO NIDO NUOVO MONDO Carta dei servizi a.s. 2012.2013 1. L asilo nido: COS E E A CHI SI RIVOLGE L asilo nido è un servizio educativo che ha l intento di favorire un equilibrato sviluppo psicofisico del

Dettagli

Carta dei servizi Baby Parking

Carta dei servizi Baby Parking Carta dei servizi Baby Parking Carta dei servizi Baby Parking INDICE Organizzazione A chi si rivolge Come siamo organizzati Somministrazione di farmaci Caratteristiche educative del servizio Giornata tipo

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Birillo Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Birillo viene inaugurato nel 1971. Nasce come nido costituito da due sezioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. Pag. 1 di 18

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. Pag. 1 di 18 CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Pag. 1 di 18 Sommario PRESENTAZIONE DELLA CARTA DEI SERVIZI.... 3 LA CARTA DEI SERVIZI.... 4 LE MODALITÀ DI ACCESSO ALL ASILO

Dettagli

Asilo Nido Integrato. Baby Mondo. Pojana Maggiore. Anno Scolastico 2014-2015

Asilo Nido Integrato. Baby Mondo. Pojana Maggiore. Anno Scolastico 2014-2015 Asilo Nido Integrato Baby Mondo Pojana Maggiore Anno Scolastico 2014-2015 PREMESSA La presente Carta dei Servizi si pone come una presa di impegno da parte dell ente erogatore del servizio Nido che si

Dettagli

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la LA TANA DEI PICCOLI Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la struttura con la scuola dell'infazia S. Francesco, il confortevole e il nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli