INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5"

Transcript

1

2 INDICE Introduzione pag. 4 Oggetto pag. 4 Scopo pag. 4 Campo d applicazione pag. 5 Tabella 1: matrice delle responsabilità nel processo di gestione dei rifiuti pag. 6 Definizioni pag. 8 Normative di riferimento pag. 9 Tipologia dei rifiuti pag. 9 Tabella 2: descrizione rifiuti, CER, classificazione pericolosità pag.11 SCHEDE RIFIUTI pag Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo pag Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo che richiedono ulteriori e specifiche modalità di gestione pag Sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose pag Medicinali citotossici e citostatici dal settore sanitario o da attività di ricerca collegata pag Farmaci scaduti pag Rifiuti di amalgama pag Liquidi esausti di fissaggio e liquidi esausti di sviluppo pag Carta e pellicole per fotografia contenenti Ag e non contenenti Ag pag Toner per stampa esauriti pag Apparecchiature fuori uso e apparecchiature fuori uso contenenti componenti pericolosi pag. 27 2

3 11. Rifiuti ingombranti assimilati agli urbani pag Rifiuti assimilati agli urbani recuperabili: vetro e plastica pag Rifiuti assimilati agli urbani recuperabili: carta e cartoncino pag Rifiuti assimilati agli urbani recuperabili: carta contenente dati sensibili pag Rifiuti assimilati agli urbani non differenziati pag Filtri esausti contenenti sostanze pericolose pag Rifiuti da imballaggi di scarto contaminati da sostanze pericolose pag Cere e grassi esauriti/paraffina pag Resine a scambio ionico sature o esaurite pag Componenti contenenti mercurio pag Batterie alcaline, batterie al cadmio e altre batterie pag Batterie al piombo pag Piombo pag Olii per motori, ingranaggi e lubrificazione pag. 41 3

4 INTRODUZIONE I rifiuti, sia allo stato solido, sia allo stato liquido, possono presentare delle caratteristiche di pericolo per i potenziali soggetti esposti. In particolare i rifiuti generati da una struttura sanitaria possono presentare aspetti e rischi specifici correlati alle diverse tipologie d attività svolte. Al fine di limitare al massimo questi fattori di rischio, occorre che vi sia una precisa conoscenza delle procedure organizzative tese alla minimizzazione dei rischi stessi. Nell organizzazione del lavoro all interno delle varie strutture, si deve quindi tener conto anche della problematica rifiuti, considerata alla stregua di un macroprocesso che interessa trasversalmente tutta l organizzazione sanitaria. Una gestione controllata dei rifiuti deve pertanto prevedere l adozione di modalità operative standardizzate che garantiscano il rispetto della sicurezza degli operatori e il rispetto degli obblighi derivanti dai dettami normativi. OGGETTO Il presente documento formalizza le procedure interne previste per la gestione dei rifiuti sanitari e non sanitari prodotti all interno delle aree assistenziali e correlabili alle aree assistenziali dell Azienda Ospedaliera S. Camillo-Forlanini. SCOPO Il regolamento si prefigge lo scopo di una gestione controllata, efficace, efficiente e conforme alla normativa attraverso: o l informazione/formazione di tutto il personale aziendale coinvolto, o l incentivazione della raccolta differenziata di alcune tipologie di rifiuti prodotti; o la riduzione della quantità di rifiuti prodotti attraverso l incremento del riutilizzo/recupero; o la diminuzione dei costi sostenuti per lo smaltimento/recupero dei rifiuti; o la riduzione dei rischi correlati alla pericolosità di alcune tipologie di rifiuti; 4

5 o la minimizzazione dell impatto ambientale. Allo stesso tempo si vogliono evidenziare alcuni comportamenti da evitare, quali: l abbandono di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido e/o liquido in ambienti non idonei; la miscelazione di categorie diverse di rifiuti pericolosi; lo smaltimento di rifiuti speciali (pericolosi e non pericolosi), nei cassonetti adibiti alla raccolta dei rifiuti assimilati agli urbani. CAMPO D APPLICAZIONE Il regolamento è esteso in tutta l Azienda Ospedaliera e riguarda tutte le tipologie di rifiuti sanitari e/o derivanti da attività sanitarie. Tutti gli operatori dell Azienda Ospedaliera sono tenuti a rispettare e applicare quanto previsto nel presente documento. Le modalità operative devono essere applicate all interno di ogni singolo contesto organizzativo, la responsabilità relativa alla vigilanza e all informazione del personale è attribuita al Direttore di U.O., al Coordinatore Infermieristico, Ostetrico, Tecnico Sanitario e ad ogni altro Responsabile dei diversi contesti organizzativi presenti all interno dell Azienda. La Direzione Sanitaria (U.O. Igiene Ospedaliera) effettua sopralluoghi all interno dei diversi contesti operativi al fine di verificare l attuazione del regolamento aziendale, controlla le attività svolte dalle diverse ditte appaltatrici e l adempimento agli obblighi contrattuali e normativi. La stessa Direzione Sanitaria è responsabile della compilazione e della corretta conservazione dei registri di carico/scarico dei rifiuti e dei relativi Formulari di Identificazione Rifiuti, nonché della preparazione della documentazione necessaria per la comunicazione annuale alla Camera di Commercio dei quantitativi prodotti per ogni singola tipologia di rifiuto nell anno solare. Il Legale Rappresentante dell Azienda Ospedaliera è responsabile della trasmissione alla Camera di Commercio dei dati in questione. Le responsabilità relative al processo di gestione dei rifiuti all interno dell Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini sono state schematizzate nella Tabella 1. 5

6 Sono esclusi dal regolamento i rifiuti radioattivi in quanto disciplinati dal Decreto Legislativo 26 maggio 2000, n. 241: attuazione delle direttive Euratom in materia di radiazioni ionizzanti. Sono esclusi i rifiuti generati dai lavori di demolizione, ristrutturazione, manutenzione dei padiglioni/fabbricati o porzione degli stessi, degli impianti e quant altro concerne la produzione di rifiuti di cantiere, effettuati dal Servizio di Ingegneria Sanitaria o affidati a ditte appaltatrici. Sono altresì esclusi i rifiuti derivanti da attività sotto il diretto controllo di altre aree dirigenziali dell Azienda Ospedaliera (Economato, ecc.). 6

7 Tabella 1: matrice delle responsabilità nel processo di gestione dei rifiuti ATTIVITA PERSONALE COINVOLTO Raccolta dei rifiuti all interno Direttore U.O. Coordinatori Infer./Tecnici/Ost Altri Dirigenti/Resp.li Medico, Inferm.co, Tecnico, Ostetrico, Amministr., ecc. dell unità produttiva R. V. R. A. Confezionamento e identificazione O.T.A., Ausiliario, delle Pulizie in appalto Direzione Sanitaria R. V. dei contenitori R. V. R. A. R. V. Movimentazione interna dei contenitori R. V. R. A. R. V. Gestione del deposito interno R. V. R. A. R. V. Ditte appaltatrici trasp. rifiuti speciali, pulizie (solo per i rifiuti assimilati Urbani) Ritiro rifiuti dalle unità produttive R. V. R. A. Gestione deposito tempor. e aree ecologiche R. V. R. A. Gestione della documentazione (Registri di carico/scarico, Formulati Identificazione Rifiuti) R. A. Impianto di destinazione rifiuti R. V. R. A. R. A. Trasporto esterno (solo per i rifiuti speciali) R. A. Smaltimento/Recupero dei rifiuti R.A. Legenda: R.A. : Responsabile dell Attività R.V. : Responsabile della Vigilanza

8 DEFINIZIONI Rifiuto: qualsiasi sostanza o oggetto che ha terminato il suo ciclo d uso di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. Rifiuto sanitario: rifiuti prodotti da strutture pubbliche e private che svolgono attività medica e veterinaria di prevenzione, di diagnosi, di cura, di riabilitazione e di ricerca. Gestione: la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni, nonché il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento. Luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stabilimenti, o siti infrastrutturali collegati tra loro all interno di un area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali originano i rifiuti. Deposito temporaneo: il raggruppamento dei rifiuti effettuato nel luogo in cui sono prodotti, purché rispetti precise condizioni di quantità, qualità, sicurezza, e periodicità di allontanamento. Formulario di Identificazione Rifiuto (F.I.R.): documento di accompagnamento per il trasporto nel quale devono essere riportati i dati relativi: al produttore/detentore del rifiuto, al rifiuto (origine, tipologia, e quantità), al trasportatore e al destinatario. Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.): attribuzione di un codice numerico (composto da sei numeri) utilizzato per l identificazione dei rifiuti. Smaltimento: operazioni, quali l incenerimento, la discarica, il deposito permanente, la biodegradazione, ecc. alle quali viene sottoposto il rifiuto, effettuate senza pericolo per la salute dell uomo e senza recare pregiudizio per l ambiente. Raccolta differenziata: la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee, compresa la frazione organica umida, destinata al riutilizzo, al riciclaggio e al recupero di materia prima.

9 NORMATIVE DI RIFERIMENTO o Direttiva 09 aprile 2002 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio indicazioni per la corretta e piena applicazione del regolamento comunitario n.2557/2001 sulle spedizioni di rifiuti ed in relazione al nuovo elenco rifiuti o D.P.R. 15 luglio 2003, n. 254: regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 o Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152: norme in materia ambientale o Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n. 4: ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale. o D. Lg.vo 19 settembre 1994, n. 626: attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE e 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro. o D. Lg.vo 9 Aprile 2008, n.81: testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro. o Decreto Ministero della Sanità 28 settembre 1990: norme di protezione dal contagio professionale da HIV nelle strutture sanitarie ad assistenziali pubbliche e private. TIPOLOGIE DEI RIFIUTI In tutta la Comunità Europea le diverse tipologie di rifiuti sono raccolte in un unico Catalogo Europeo dei Rifiuti nel quale i rifiuti sono identificati attraverso uno specifico codice numerico, denominato Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.) e distinti in base all origine 9

10 (urbani e speciali) e alla pericolosità (in pericolosi e non pericolosi). I rifiuti pericolosi sono identificati da un proprio codice numerico, e dalla presenza di un asterisco posto all apice superiore dell ultima cifra. Sono considerati pericolosi quei rifiuti che in relazione al processo che li ha generati o ai materiali da cui essi derivano, possiedono caratteristiche chimico-fisiche o contengono agenti biologici o sostanze pericolose in quantità significative. Ogni struttura sanitaria pertanto produce diverse tipologie di rifiuti (rifiuti speciali), alcuni derivati direttamente da attività sanitaria (rifiuti sanitari) e suddivisi in base alla pericolosità in pericolosi e non pericolosi. Gli altri rifiuti speciali prodotti, di cui tener conto sono invece quelli generati da attività correlate o di supporto a quelle sanitarie. E per questo motivo che si ritiene opportuno nel presente documento regolamentare le modalità interne di gestione anche di quest ultimi. I rifiuti generalmente prodotti all interno della struttura sanitaria suddivisi per tipologie omogenee sono rappresentati dai: o rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo o rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo o rifiuti sanitari non pericolosi o rifiuti sanitari che richiedono particolari sistemi di gestione o rifiuti sanitari assimilati ai rifiuti urbani o rifiuti speciali non pericolosi ma non assimilabili ai rifiuti urbani (es. toner esausti, componenti delle apparecchiature fuori uso, ecc) o rifiuti speciali pericolosi (es. accumulatori al piombo, componenti contenenti mercurio, ecc.). Per maggior chiarezza di quanto descritto, nella Tabella 2 per tutti i rifiuti presi in considerazione nel presente regolamento è stata riportata: la descrizione del rifiuto, il C.E.R. identificativo e la classificazione in base alla pericolosità. Per ogni rifiuto è stata elaborata una scheda specifica che contiene: la definizione, i punti di produzione all interno della struttura sanitaria, le modalità di gestione, la tipologia e le caratteristiche dei contenitori utilizzati per la raccolta. Per ogni altro rifiuto non contemplato nel regolamento e prodotto o generato dall introduzione di nuove metodiche di lavoro e/o d utilizzo di nuove tecnologie sanitarie, si è tenuti a contattare l U.O. di Igiene Ospedaliera (Direzione Sanitaria Ospedale S. Camillo). 10

11 TABELLA 2: descrizione rifiuti, C.E.R. identificativo e classificazione in base della pericolosità RIFIUTI NON PERICOLOSI C.E.R. RIFIUTI PERICOLOSI C.E.R. Farmaci scaduti Rifiuti sanitari pericolosi a rischio * infettivo Pellicole e lastre fotografiche Filtri cappa biologica * Toner per stampa esauriti Sostanze chimiche pericolose o * contenenti sostanze pericolose Medicinali citotossici e citostatici * Resine a scambio ionico sature o Rifiuti di amalgama * esaurite Filtri cappa chimica * Liquidi di fissaggio * Liquidi di sviluppo * Batterie alcaline Batterie al nichel-cadmio * Altre batterie Accumulatori al Pb * Piombo Imballaggi contenenti residui di sostanze * pericolose Olio minerale esausto * Rifiuti ingombranti assimilati agli urbani Apparecchiature fuori uso Apparecchiature fuori uso contenenti * componenti pericolosi Rifiuti assimilati agli urbani differenziati Carta e cartone Plastica Componenti contenenti Mercurio * Vetro Rifiuti assimilati agli urbani non differenziati Grassi e cere esauriti/paraffina * I rifiuti d origine sanitaria sono quelli identificati con CER in cui la prima coppia di cifre inizia con 18. (rifiuti prodotti dal settore sanitario e veterinario o da attività di ricerca collegate). 11

12 S C H E D E RI F I U T I SCHEDA RIFIUTO N. 1 TIPOLOGIA DI RIFIUTO: rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo (C.E.R *) DEFINIZIONE: si intendono tutti quei rifiuti contaminati o venuti a contatto con sangue e altri liquidi biologici (come da elenco contenuto nell Allegato 2 del D.P.R n.254). A titolo esemplificativo dell elenco indicato, detti rifiuti sono ad esempio rappresentati da: aghi, siringhe, bisturi, cannule, drenaggi, cateteri (vascolari, vescicali,ecc), filtri dialisi, materiale di medicazione, piastre, terreni di coltura, altri presidi di microbiologia contaminati da agenti patogeni, ecc. Sono inoltre da considerare come rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo anche i tessuti, gli organi e la parti anatomiche non riconoscibili. PUNTI DI PRODUZIONE: tutte le strutture organizzative che erogano prestazioni sanitarie. TIPOLOGIA DEI CONTENITORI: per la raccolta di questi rifiuti vengono utilizzate diverse tipologie di contenitori. Imballaggio in cartone con sacco interno in polietilene, imballaggio in polietilene rigido con sacco interno in polietilene, contenitore in polietilene rigido per aghi e taglienti. MODALITA DI GESTIONE: la raccolta di questi rifiuti deve essere effettuata utilizzando contenitori specifici. I contenitori prima dell uso devono essere essemblati (sia quelli in cartone sia quelli in polietilene) assicurandosi della presenza dell imballaggio interno (sacco in polietilene). Nei contenitori devono essere introdotti solo quei rifiuti considerati pericolosi in quanto venuti a contatto con sangue a altri liquidi biologici. I contenitori devono essere utilizzati fino ad un livello di riempimento di ¾ del loro volume al fine di ridurre al minimo il rischio di contatto con il contenuto e permettere un agevole chiusura. A fine utilizzo i contenitori devono essere chiusi, identificati e trasferiti nell area interna deputata alla raccolta del materiale sporco. Indossare sempre guanti monouso a perdere prima di iniziare questa operazione. Tale attività è svolta dal personale OTA/Ausiliario presente all interno dei diversi contesti organizzativi e soltanto per i Blocchi Operatori dal personale del servizio di pulizia in appalto. 12

13 Procedere alla chiusura dell imballaggio interno (sacco in polietilene) utilizzando l apposita fascetta a strangolo, facendo attenzione a non toccare e/o comprimere i rifiuti contenuti. Chiudere successivamente il contenitore esterno in polietilene con il coperchio facendo pressione sul bordo. Per la chiusura del contenitore in cartone invece incastrare le linguette di chiusura nelle fessure predisposte. Procedere in ultimo all identificazione del rifiuto trascrivendo sull apposita etichetta/spazio predisposto, l unità produttrice, il presidio ospedaliero, la data di chiusura dei contenitori. Si rammenta a tal proposito, che per questi rifiuti la normativa prevede la termodistruzione entro il 5 giorno dalla data di confezionamento riportata sul contenitore. Anche i contenitori utilizzati per la raccolta dei rifiuti pungenti e taglienti devono essere chiusi con apposito tappo ad un livello di riempimento di ¾ del loro volume (al fine di ridurre al minino il rischio di punture accidentali). Indossare sempre guanti monouso a perdere prima di iniziare questa operazione. Dopo la chiusura introdurre obbligatoriamente i contenitori dei rifiuti pungenti e taglienti all interno di contenitori rigidi grandi da lt 60 (in polietilene o in cartone) provvisti entrambi del 2 imballaggio a perdere (sacco in polietilene). Al termine delle operazioni di chiusura e identificazione i contenitori devono essere depositati nel locale deputato alla raccolta del materiale sporco all interno della stessa unità operativa, in attesa del ritiro da parte della ditta appaltatrice autorizzata. Mantenere sempre i contenitori in posizione verticale anche durante le operazione di movimentazione e di deposito. Il ritiro dei contenitori viene effettuato, da parte degli operatori della ditta appaltatrice autorizzata, all interno delle stesse unità operative: 1 volta al giorno (festivi compresi) in tutte le aree assistenziali aziendali; 2 volte al giorno nelle Aree Critiche e nei Blocchi Operatori. RACCOMANDAZIONI: Non posizionare i contenitori all interno delle stanze di degenza (quando non necessario) e in aree non protette come: corridoi, sale d attesa, aree di passaggio. Non introdurre nei contenitori rifiuti di diversa natura (ad esempio rifiuti assimilati agli urbani). Il sangue e gli altri liquidi biologici devono essere raccolti in questi contenitori solo se opportunamente contenuti nei presidi monouso d origine (es. filtri per dialisi, sacche di drenaggi,ecc.). Le sacche della raccolta urine devono essere eliminate dopo lo svuotamento nelle rete fognaria dell urina in esse contenuta. Gli aghi utilizzati devono essere introdotti nei contenitori specifici senza rimuovere la siringa. CARATTERISTICHE DEI CONTENITORI: imballaggio a perdere (sacco in polietilene) recante la simbologia del rischio biologico e la scritta rifiuti sanitari a rischio infettivo e secondo imballaggio rigido esterno in cartone (da lt 60) o polietilene di colore nero (da lt 60 e lt 40) recanti la simbologia del rischio biologico, la simbologia (R nera su 13

14 fondo giallo) identificativa per la raccolta e il trasporto di rifiuti pericolosi e la scritta rifiuti sanitari a rischio infettivo. I contenitori rigidi in polietilene, di colore NERO vengono forniti in tutte le aree critiche aziendali (Blocchi Operatori, Terapie Intensive, Rianimazioni e in ogni altra situazione in cui si renda necessario). Per i rifiuti taglienti o pungenti vengono forniti contenitori rigidi in polietilene (da lt 8 e da lt 12), resistenti alla puntura. Anche detti contenitori devono recare la simbologia del rischio biologico, la simbologia (R nera su fondo giallo) e la scritta rifiuti sanitari a rischio infettivo taglienti e pungenti. Tutto il materiale di consumo viene fornito dalla stessa ditta appaltatrice del servizio. SCHEDA RIFIUTO N. 2 TIPOLOGIA DI RIFIUTO: rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo (C.E.R *) che richiedono ulteriori e specifiche modalità di gestione. DEFINIZIONE: si intendono i rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo e nello specifico: quelli contaminati da sostanze radioisotope, i filtri esausti delle cappe aspiranti biologiche, quelli generati dall infusione delle terapie antiblastiche. 2.1 MODALITA DI GESTIONE dei rifiuti pericolosi a rischio infettivo prodotti nell assistenza ai pazienti che hanno eseguito indagini diagnostiche di medicinanucleare o sottoposti a terapie con radioisotopi. In questi casi alcuni rifiuti e in particolare i pannoloni e le sacche delle urine (anche se vuotate del contenuto) possono contenere una radioattività residua. Tale radioattività pur non comportando rischi nei confronti degli operatori e dell ambiente, potrebbe superare i limiti peraltro molto bassi previsti dalla normativa in materia. Pertanto per i rifiuti sanitari a rischio infettivo, con tracce di radioattività residua prodotti nelle UU.OO. di degenza, si dovrà osservare la seguente procedura specifica. In caso di effettuazione di esami scintigrafici su pazienti in degenza ordinaria verrà inserita dalla stessa U.O.C. di Medicina Nucleare e U.O. Flusso Coronarico, apposita modulistica che indicherà sia la data di esecuzione dell esame sia il radioisotopo utilizzato. I rifiuti sanitari prodotti dall assistenza ai pazienti sottoposti a tali indagini devono: essere raccolti in un unico contenitore per rifiuti sanitari a rischio infettivo (in cartone o in polietilene, secondo la dotazione); a fine utilizzo il contenitore deve essere chiuso e depositato all interno del locale deputato alla raccolta del materiale sporco. Apporre sul contenitore (con pennarello indelebile) un asterisco o la scritta CONTAMINATO e quanto già previsto per l identificazione dei rifiuti sanitari a rischio infettivo contattare/informare il Servizio di Fisica Sanitaria (tel ) per 14

15 effettuare la valutazione dei tempi necessari al decadimento della radioattività (il tempo di conservazione nel deposito interno non deve comunque essere inferiore ai 3 giorni); trascorso tale periodo devono essere ritirati dalla ditta autorizzata al ritiro e al trasporto dei rifiuti sanitari a rischio infettivo. 2.2 MODALITA DI GESTIONE dei rifiuti pericolosi a rischio infettivo prodotti presso la U.O.C. di Medicina Nucleare e la U.O. Flusso Coronario. Per i rifiuti contaminati con sangue e altri liquidi biologici (come ad esempio aghi, siringhe, garze, ovatta, ecc) che abbiano contenuto o che siano venuti a contatto con le sostanze radioisotope, deve essere osservata la seguente procedura. I rifiuti prodotti devono essere raccolti all interno dei contenitori specifici per aghi e taglienti che devono essere posizionati e conservati nei contenitori schermati presenti negli ambienti delle UU.OO. in questione. ogni lunedì i rifiuti confezionati all interno dei contenitori per aghi e taglienti devono essere trasferiti dal personale ausiliario nel locale destinato al deposito dei rifiuti radioattivi, dove vanno conservati fino al raggiungimento del tempo di decadimento necessario per lo smaltimento in regime di esenzione (Decreto Legislativo 26\05\2000 n.241, art comma 2). la conservazione di questi rifiuti nel deposito deve avvenire disponendo i contenitori per aghi e taglienti preventivamente chiusi, all interno dei contenitori in polietilene di colore NERO da lt 60. Al termine del riempimento lo stesso personale ausiliario deve provvedere alla doppia chiusura: del sacco in polietilene (con l apposito laccio a strangolo) e del contenitore rigido NERO (con chiusura del soperchio a scatto). al termine di queste operazioni il personale tecnico deve: numerare progressivamente i contenitori chiusi, trascrivere sull apposito registro cartaceo le date di chiusura di ogni singolo contenitore numerato. L Esperto Qualificato con cadenza mensile deve effettuare il controllo, con l utilizzo del contatore proporzionale, al fine di verificare il decadimento degli isotopi. Per i contenitori in deposito sui quali il valore di fondo risulti uguale a quello naturale, con assenza di attività radiogena residua, l Esperto Qualificato attesterà sul registro per ogni contenitore (preventivamente numerato e datato) l avvenuto decadimento delle sostanze radioattive. Per quei contenitori sui quali è stato accertato l avvenuto decadimento, il personale ausiliario, con la supervisione dal Coordinatore Tecnico, deve trascrivere sulle apposite etichette la data, l U.O. produttrice e il Presidio Ospedaliero d appartenenza. Solo successivamente detti contenitori possono essere allontanati e avviati allo smaltimento come rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. Si rammenta a tal proposito che il D.P.R. 254\03 Regolamento sui Rifiuti Sanitari prevede la termodistruzione di questi rifiuti entro il 5 giorno dalla data di confezionamento. A tal fine, i contenitori devono essere immediatamente trasferiti da parte dello stesso personale ausiliario nell area deputata, al fine di permetterne il ritiro da parte della ditta autorizzata. Anche detta attività deve essere supervisionata dal Coordinatore Tecnico. 15

16 2.3 MODALITA DI GESTIONE dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo come i filtri esausti delle cappe biologiche. Questi rifiuti sono generati dalla sostituzione dei filtri esausti delle cappe aspiranti di tipo biologico utilizzate prevalentemente presso alcuni Laboratori (es. Lab. di Microbiologia). Tali rifiuti sono da considerare a tutti gli effetti come rifiuti sanitari a rischio infettivo. I filtri esausti devono essere rimossi dagli operatori addetti alla manutenzione delle apparecchiature aziendali, che devono provvedere anche al riconfezionamento nel cartone che ha costituito l imballaggio del nuovo filtro. Detto rifiuto dovrà essere successivamente, a cura del personale dell U.O. produttrice, etichettato con l indicazione della data di produzione del rifiuto, del punto di produzione e la descrizione filtri esausti di cappa/e biologiche e trasferito dallo stesso personale nell area deputata alla raccolta del materiale sporco all interno della stessa area. Contestualmente per l attivazione della ditta autorizzata al ritiro, la stessa U.O. produttrice dovrà inoltrare la richiesta scritta (fax al 4310) all U.O. di Igiene Ospedaliera, Direzione Sanitaria Osp.le S. Camillo. Al momento del ritiro/conferimento del rifiuto, l operatore incaricato della ditta autorizzata deve obbligatoriamente rilasciare al Coord. Tecnico o personale da lui delegato, una copia del modulo di movimentazione interna che dovrà indicare: l unità produttiva del rifiuto, la tipologia del rifiuto, il peso presunto (verificato dal Coord. Tecnico o personale delegato) la firma e il timbro del responsabile del punto di produzione. Una copia del documento di movimentazione interna rilasciata dal personale della ditta appaltatrice deve essere conservata presso l U.O. produttrice per 5 anni. 2.4 MODALITA DI GESTIONE dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo generati dalla infusione delle terapie antiblastiche nelle diverse UU.OO. sanitarie di Oncologia. Questi devono essere raccolti come rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo, utilizzando i contenitori rigidi di colore NERO da 60 e da 40 lt.. Questa scelta è dettata dalla prevalenza del rischio infettivo in quanto, i presidi sanitari (aghi, deflussori, bottiglie per fleboclisi, ecc.) utilizzati per la somministrazione sono venuti a contatto diretto e/o indiretto con sangue e/o altri liquidi biologici. Il rischio chimico delle sostanze chimiche residuate, risulta invece ridotto (in quanto il farmaco antiblastico viene somministrato in soluzione diluita) rispetto alla fase della preparazione. 16

17 SCHEDA RIFIUTO N. 3 TIPOLOGIA DI RIFIUTO: sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose (C.E.R *) DEFINIZIONE: si intendono i rifiuti costituiti da prodotti chimici e reflui liquidi di laboratorio analisi chimico cliniche e diagnostiche. Prevalentemente questi rifiuti sono rappresentati dai reflui delle apparecchiature di analisi, dai liquidi di colorazione e fissaggio derivanti dai laboratori di anatomia patologica e citologica, dai reagenti e dai disinfettanti. PUNTI DI PRODUZIONE: prevalentemente tutti i laboratori (analisi cliniche, microbiologia, genetica, istologia). TIPOLOGIA DEI CONTENITORI: contenitori rigidi in polietilene o polipropilene per la raccolta interna; cisterne ad alta resistenza per gli impianti centralizzati. MODALITA DI GESTIONE: le sostanze chimiche di scarto e quelle non più utilizzabili in quanto scadute sono prevalentemente rifiuti liquidi. Detti rifiuti devono essere raccolti per tipologie omogenee al momento della produzione onde evitare la miscelazione di prodotti chimici incompatibili (che possono sviluppare gas e vapori, potenzialmente tossici od esplosivi). La raccolta deve essere effettuata nel punto di produzione: dalle apparecchiature di analisi con connessione diretta tra contenitore di raccolta e il sistema di deflusso dei reflui, all interno delle cappe chimiche d aspirazione con l introduzione dei reflui direttamente nel contenitore posto sotto cappa, con impianto provvisto di cisterna centralizzata di raccolta. I contenitori di raccolta interna a fine utilizzo, massimo riempimento consentito ¾ del volume (per evitare spandimenti e contatti diretti con le sostanze chimiche contenute), devono essere chiusi con apposito tappo e sostituiti con altrettanti contenitori vuoti. I contenitori pieni devono essere trasferiti in un area protetta dell U.O. produttrice (deposito temporaneo). Queste attività devono essere svolte dal personale aziendale utilizzando DPI idonei a ridurre l esposizione al rischio chimico (guanti in lattice e maschera facciale filtrante al carbone attivo). L allontanamento dei rifiuti viene effettuato con cadenza almeno settimanale dalla ditta appaltatrice autorizzata. Al momento del ritiro di detti rifiuti l operatore incaricato della ditta appaltatrice deve obbligatoriamente rilasciare 17

18 al Coord. Tecnico o personale delegato, un modulo di movimentazione interna che dovrà indicare: l unità produttiva del rifiuto, la tipologia del rifiuto, la quantità del rifiuto (che dovrà essere verificata dal Coord. Tecnico o personale delegato). Una copia del modulo di movimentazione interna rilasciata dal trasportatore deve essere conservata presso l U.O. produttrice per 5 anni. CARATTERISTICHE DEI CONTENITORI: vengono utilizzati contenitori in plastica rigida (in polietilene e polipropilene) di colore BIANCO, di varie grandezze (5, 10, 20 lt) per le diverse esigenze aziendali. I contenitori in uso devono essere provvisti di: adeguata apertura, tappo di chiusura, mezzi di presa, simbologia adesiva (R nera su fondo giallo) identificativa per la raccolta e il trasporto di rifiuti pericolosi. I contenitori possono essere riutilizzabili previa pulizia prima del riutilizzo, attività espletata dalla stessa ditta appaltatrice autorizzata addetta al ritiro e al trasporto. Vengono utilizzati anche sistemi di raccolta centralizzata costituiti da 1 o più contenitori di grande volumetria (cisterne). Questi impianti devono inoltre essere dotati di: segnalatori di livello con dispositivo di troppo pieno, bacino di contenimento per eventuali sversamenti (con capacità pari a 1/3 del volume complessivo dei due contenitori), gabbiotto metallico di protezione con identificazione del punto di raccolta (targa in plastica riportante una R nera su fondo giallo). 18

19 SCHEDA RIFIUTO N. 4 TIPOLOGIA RIFIUTO: medicinali citotossici e citostatici del settore sanitario o da attività di ricerca collegate (CER *) DEFINIZIONE: sono considerati pericolosi tutti i rifiuti generati dalla preparazione delle terapie antiblastiche, che hanno contenuto il farmaco nella forma originaria (fiale, flaconi) o, sono venuti a contatto con la sostanza concentrata durante la fase di preparazione (aghi, siringhe, D.P.I., ecc.). PUNTI DI PRODUZIONE: centralizzato presso il Servizio di Farmacia - Laboratorio Unità Manipolazione Cito Antiblastici (UMACA) TIPOLOGIA DEI CONTENITORI: contenitori rigidi in polietilene per aghi e per taglienti, di colore GIALLO ; contenitori rigidi in polietilene di colore GIALLO da lt 60. MODALITA DI GESTIONE: la raccolta di questi rifiuti deve essere effettuata utilizzando contenitori specifici. Per i rifiuti taglienti e pungenti e per le fiale/flaconcini che hanno contenuto il farmaco nella sua forma originaria, devono essere utilizzati contenitori rigidi in polietilene per rifiuti taglienti, di colore giallo da 8 e 6 lt. Il contenitore deve essere posizionato sul piano di lavoro all interno delle cappe aspiranti e deve essere riempito fino a ¾ della sua capienza (al fine di prevenire incidenti). Al termine del loro utilizzo, devono essere chiusi con il dispositivo in dotazione (tappo) dagli stessi utilizzatori e solo successivamente introdotti nel contenitore grande da lt. 60. Queste operazioni devono essere svolte indossando guanti monouso a perdere. Tutti gli altri rifiuti generati durante le fasi della preparazione delle terapie citostatiche e costituiti prevalentemente da garze, deflussori, raccordi, telini assorbenti, D.P.I., ecc., dovranno essere introdotti obbligatoriamente nel contenitore rigido in polietilene, di colore giallo da lt 60, recante la simbologia internazionale (lettera R di colore nero su fondo giallo). Questo tipo di contenitore, con al suo interno un sacco di polietilene, andrà utilizzato nelle immediate vicinanze della zona di lavoro. Al termine dell utilizzo, necessita provvedere al confezionamento del contenitore, che prevede la chiusura del sacco in polietilene e del contenitore rigido esterno con il relativo coperchio. Per le operazioni di chiusura dei contenitori indossare sempre guanti monouso a perdere. Procedere in ultimo a verificare il peso di ogni singolo contenitore 19

20 (con bilancia in dotazione del Servizio di Farmacia) e riportare lo stesso sull apposita etichetta/spazio predisposto, inoltre trascrivere l unità produttrice, il presidio ospedaliero e la data di chiusura dei contenitori. Al termine delle operazioni di chiusura e identificazione i contenitori devono essere depositati nel locale deputato alla raccolta del materiale sporco. L allontanamento viene effettuato con cadenza bisettimanale dalla ditta appaltatrice autorizzata. Al momento del ritiro di detti rifiuti l operatore incaricato della ditta appaltatrice deve obbligatoriamente rilasciare al Coord. Infermieristico o personale delegato, un modulo di movimentazione interna che dovrà indicare: l unità produttiva del rifiuto, la tipologia del rifiuto, la quantità del rifiuto (consistente nel peso totale dei contenitori) verificata dal Coord. Inferm.co o persona delegata. Una copia del modulo di movimentazione interna rilasciata dal trasportatore deve essere conservata presso l U.O. produttrice per 5 anni. CARATTERISTICHE DEI CONTENITORI: imballaggio interno (sacco in polietilene) e imballaggio esterno in polietilene (da lt 60 ) di colore GIALLO riportante la simbologia identificativa per la raccolta e il trasporto di rifiuti pericolosi (R nera su fondo giallo). Per i rifiuti taglienti o pungenti contenitore a perdere (da 8 e 6 lt), resistente alla puntura recante anch esso la simbologia (R nera su fondo giallo). Tutto il materiale di consumo viene fornito dalla ditta autorizzata addetta al ritiro e trasposto. 20

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

ASL RMC LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Dott.ssa Daniela Ghirelli

ASL RMC LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Dott.ssa Daniela Ghirelli ASL RMC LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regolamento Aziendale Red. n. 0 Data 31/07/2011 Rev. 01 Data 31/10/2011 Redazione Verifica Approvazione Distribuzione Responsabile IP Radiop.Fis. e Medica Dott.ssa Daniela

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO ALLEGATO I CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEI CONTENITORI E TIPOLOGIE TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO Tutti i contenitori esterni dovranno essere forniti completi di sistema di chiusura

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Ottobre-Novembre 2014 Ronconi Paolo DMO 1 I RIFIUTI SANITARI-NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con Decreto 9 marzo 2015, n. 166 Entrato in vigore il 27 marzo 2015 UFFICIO PREVENZIONE

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI U.O.C Prevenzione e Protezione Procedura gestionale Procedura n 1/2015 Rev. 0 Data 03/11/2015 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI La gestione di un rifiuto è l insieme delle operazioni, fra

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI AUSL DI FERRARA P.G. 04 LA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev. 2 del 29/12/2005 Redazione Verifica Approvazione Funzione Cognome Nome Funzione Data Visto Funzione Data Visto PUO Dr. Di Giorgio A. PUO-Q Dr.ssa Baldi

Dettagli

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051 RIFIUTI SANITARI Adeguamento delle Linee Guida sulla gestione dei rifiuti prodotti nelle strutture sanitarie secondo le prescrizioni del vigente D.M. 219/2000 e del nuovo catalogo di classificazione dei

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

Documento a Valenza Aziendale Codice DVA 04 Gestione dei rifiuti. Pag. 1 di 22 REVISIONI. Approvazione. Redazione. Verifica

Documento a Valenza Aziendale Codice DVA 04 Gestione dei rifiuti. Pag. 1 di 22 REVISIONI. Approvazione. Redazione. Verifica Pag. 1 di 22 Sommario 1. Oggetto 2. Scopo 3. Definizioni 4. Documentazione 5. Campo di applicazione 6. Indicazioni generali 7. Attività riguardanti i principali rifiuti 8. Modalità di gestione di rifiuti

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI Pag. 1 di 10 INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragrafi Variati Pagine Variate 00 01/02/16 Prima emissione TUTTI TUTTE RESPONSABILITA ELABORAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE DATA 01/02/16 01/02/16

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 9 Documento Codice documento SCTA 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 9 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Premessa I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità', da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI GRUPPO DI LAVORO MEDICO COMPETENTE Dr.ssa Cristina Durante CPSE Dr.ssa Luciana Di Tomassi

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile Raccolta differenziata Comune di Torre del Greco (NA) Dati di produzione R.U. e percentuale di raccolta differenziata Anno 2015 % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile 50% 45% 40% 35% 30% 25%

Dettagli

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente disciplinare determina i criteri

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi)

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Area Gestione Territorio Ambiente e Attività Produttive DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

Smaltimento Rifiuti Sanitari

Smaltimento Rifiuti Sanitari Smaltimento Rifiuti Sanitari I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità, da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne la raccolta, il trasporto

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale Tesi di Laurea

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI.

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. Visto gli Statuti delle Avis, persone giuridicche di diritto privato. Vista la legge 23 dicembre

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI 1 PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev data 00.00 01/12/2012. Stesura Causale della modifica Redatta da Condivisa / Valutata da Dr.ssa Francesca Parrinello Dr.ssa Anna Silvestro Dr. Gaetano Ferlazzo Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Gestire i rifiuti sanitari in efficienza, sicurezza ed ecosostenibilità. L'esperienza positiva dell Istituto Europeo di Oncologia

Gestire i rifiuti sanitari in efficienza, sicurezza ed ecosostenibilità. L'esperienza positiva dell Istituto Europeo di Oncologia Gestire i rifiuti sanitari in efficienza, sicurezza ed ecosostenibilità. L'esperienza positiva dell Istituto Europeo di Oncologia Oliviero Rinaldi Giovanni Grieco Caterina Masia Leonardo la Pietra Direzione

Dettagli

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di I RIFIUTI I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di rifiuti, per un totale di 143mila tonnellate all

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma Pagina 1 di 6 SMALTIMENTO Nome/Funzione Data Firma Redazione Verifica Approvazione Adozione Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Martino Responsabile UFA Dott.ssa Maria Teresa Perricone Direttore U.O.C. Farmacia

Dettagli

INDICATORI DI MONITORAGGIO DEL PROCESSO (PER CDA) ALLEGATI ALLA PROCEDURA MODALITA DI ARCHIVIAZIONE

INDICATORI DI MONITORAGGIO DEL PROCESSO (PER CDA) ALLEGATI ALLA PROCEDURA MODALITA DI ARCHIVIAZIONE INDICE 1 SCOPO pag. 3 2 CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3 3 TERMINOLOGIA E ACRONIMI pag. 3 4 DESTINATARI 5 MODALITA OPERATIVE 5.1 I RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO 5.1.1 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI 1 di 42 AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA ManOp_AzOsp_05 MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE Data Rev. Motivo del cambiamento Febbraio 2012 Aggiornamento al D.Lgs.

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv. I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15 luglio 2003, n 254 Regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari, a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n 179 Premessa La gestione dei

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO. Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani

DOCUMENTO TECNICO. Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani DOCUMENTO TECNICO Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani Premessa La Regione Lazio è chiamata a garantire l adozione di una metodologia uniforme,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, LIQUIDI E SOLIDI E DI NOLEGGIO E MANUTENZIONE DI CONTENITORI IGIENICI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO Rifiuti Sanitari e Rischio biologico Relatore: Dott.ssa Anna Pennino Dirigente Biologo 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI PRELIEVO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SANITARI E SPECIALI IN UNIONE DI ACQUISTO CON IL C.R.O.B. DI RIONERO IN VULTURE (PZ) E CON LE AZIENDE SANITARIE NN. 1-2-3-4-5 DELLA REGIONE BASILICATA

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali Rifiuti urbani Rifiuti sanitari non problematici cerotti, ingessature, pannolini per l'incontinenza, siringhe senza cannule, ecc., contenitori monouso contenuto massimo fino a 100 ml Per definizione non

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro E una disciplina la cui specificità risiede nell impiego regolamentato di radionuclidi artificiali in forma non sigillata per attività sia di tipo diagnostico che terapeutico. E strutturata in due settori

Dettagli

Sede legale e amministrativa: Viale Tre Martiri, 89 Telefono: 0425-3931 Codice Fiscale e Partita IVA: 01013470297

Sede legale e amministrativa: Viale Tre Martiri, 89 Telefono: 0425-3931 Codice Fiscale e Partita IVA: 01013470297 Servizio Prevenzione e Protezione Pag. 1 di 7 1) Dati Generali. - Azienda Committente: Ragione sociale del Committente: Azienda ULSS 18 - Rovigo Sede legale e amministrativa: Viale Tre Martiri, 89 Telefono:

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente 1 Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente: Igiene in ambito istituzionale Igiene delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE Pag. 1 di 8 Indice 1. Oggetto e scopo.... 2 2. Campo di applicazione.... 2 3. Responsabilità.... 3 4. Bibliografia.... 3 5. Contenuto.... 3 5.1. Introduzione... 3 5.2 Punti di smistamento Aziendali....

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VIGASIO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. del - 1 - INDICE Art. 1 - Centro di raccolta

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

La gestione dei laboratori: le norme tecniche

La gestione dei laboratori: le norme tecniche Gestione dei laboratori e delle sostanze pericolose a scuola 1 SEGMENTO QUALIFICAZIONE di BASE (ex Art.3) Funzionalità e sicurezza nei laboratori La gestione dei laboratori: le norme tecniche I requisiti

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI

GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Terzo Anno 2-11 marzo 2015 GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI Lorella Di Giuseppe 1 Riassumendo.

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli