Le pratiche commerciali scorrette, ingannevoli ed aggressive in tema di garanzia di conformità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le pratiche commerciali scorrette, ingannevoli ed aggressive in tema di garanzia di conformità"

Transcript

1 n AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA Commercio Le pratiche commerciali scorrette, ingannevoli ed aggressive in tema di garanzia di conformità T.A.R. LAZIO, Roma, 16 maggio 2012, n Pres. Roberto Politi - Est. Elena Stanizzi La frapposizione di ostacoli all esercizio dei diritti derivanti dalla garanzia biennale di conformità da parte del consumatore è come tale sufficiente ad integrare la fattispecie di cui all art. 25, comma 1, lettera d) del Codice del Consumo. Una pratica commerciale va esaminata, ai fini del riscontro di profili di ingannevolezza, nella sua interezza alla luce del risalto che viene attribuito ai singoli elementi informativi, le cui concrete modalità di rappresentazione, nelle loro varie combinazioni, nell enfatizzare taluni elementi e nel non dare adeguata evidenza ad informazioni essenziali, sono idonee a focalizzare la percezione del messaggio, da parte dei consumatori, su aspetti parziali, in tal modo inducendoli in errore quanto alle caratteristiche essenziali di quanto reclamizzato. Con il ricorso in esame è proposta azione impugnatoria avverso la delibera - meglio indicata in epigrafe nei suoi estremi con cui la società ricorrente, unitamente alle società Apple Sales International e Apple Retail Italia S.r.l., è stata ritenuta responsabile di due distinte pratiche commerciali, giudicate scorrette ai sensi del Codice del Consumo, l una riguardante le modalità di informazione ai consumatori presso i punti vendita e sui siti internet sul contenuto e sull esercizio del diritto alla garanzia legale biennale in caso di difetto di conformità deibenidiconsumo,eriguardante altresì le modalità di applicazione di tale garanzia, ritenute inadeguate, e l altra concernente le informazioni fornite sulla natura e sul contenuto dei servizi di assistenza aggiuntivi laddove non chiariscono adeguatamente l esistenza del diritto del consumatore alla garanzia biennale di conformità da parte del venditore, così da indurli ad attivare un rapporto contrattuale nuovo, a titolo oneroso, il cui contenuto risulta in parte sovrapporsi ai diritti già spettanti in forza della garanzia legale. Parte ricorrente, attraverso il ricorso ai principi generali in materia di onere della prova, sostiene che incomberebbe sul consumatore l onere di provare che il difetto del bene sia imputabile a difetto di conformità, operando l inversione dell onere della prova solo per i primi sei mesi dall acquisto. Ciò posto, ritiene il Collegio che il diritto alla garanzia legale di conformità debba essere declinato attraverso l individuazione di un contenuto minimo degli obblighi gravanti sul venditore, da identificarsi, per quanto qui interessa, nell onere per lo stesso di prendere in consegna il bene a seguito della mera denuncia del difetto di conformità da parte del consumatore, procedendo alla verifica della imputabilità omenodeldifettoaviziodiconformitàed effettuando la riparazione o la sostituzione del bene, entro un congruo tempo dalla richiesta, senza addebitare alcuna spesa al consumatore, il quale invece sarà gravato delle relative spese laddove non venga riscontrato un difetto di conformità. L elemento relativo alla gratuità della fruizione della garanzia legale di conformità e del ripristino della conformità risulta, peraltro, ribadito dalla giurisprudenza comunitaria quale carattere essenziale della specifica tutela accordata al consumatore in presenza di vizi di conformità, potendo la soggezione ad oneri finanziari per la fruizione della garanzia costituire elemento dissuasivo dall esercizio dei propri diritti (Corte di Giustizia, sentenze 16 giugno 2011 n. C-65/09- C-87/09; 17 aprile 2008, n. C-404/06). Senza pretese di ordine ricostruttivo più generale, può dunque affermarsi che alla luce della disciplina dettata in tema di garanzia legale di conformità, avente carattere speciale rispetto alla generale disciplina codicistica in materia di obbligazioni contrattuali, incombe sul venditore l onere di prendere in consegna il bene al fine di verificare l imputabilità del vizio a difetto di conformità, solo così adempiendosi alla prescrizione di gratuita fruibilità della garanzia. Alla luce delle evidenze probatorie raccolte può, quindi, IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/

2 AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA n deducendo il travisamento, da parte dell Autorità, delle evidenze raccolte nel corso del procedimento. Le censure non meritano favorevole esame. ritiene il Collegio che il programma di assistenza APP, commercializzato a partire dalla scadenza del primo anno dall acquisto del prodotto, pur offrendo una serie di servizi aggiuntivi ed ulteriori rispetto alla garanzia biennale di conformità - ricomprenda anche prestazioni alla stessa sovrapponibili. Una parte importante delle prestazioni contemplate dall APP si sovrappone, inoltre, con quelle cui ha diritto il consumatore in virtù della garanzia legale biennale, che ricopre qualsiasi difetto non riconducibile ad un danno causato dal consumatore, sulla base della descritta procedura, improntata alla massima semplicità, della denuncia nei due mesi dal manifestarsi del vizio e dalla presa in consegna del prodotto da parte del venditore per verificare la causa del malfunzionamento, effettuando la riparazione o la sostituzione del bene entro un congruo tempo dalla richiesta e senza addebito di spese al consumatore laddove sia riscontrato un vizio di conformità. La garanzia legale copre, quindi, anche la sostituzione di pezzi, parti e accessori, non essendo previste nell assistenza dovuta al consumatore in virtù della garanzia legale limitazioni o addebito di costi, né esclusioni di parti o accessori in dotazione. Può dunque ritenersi condivisibile quanto affermato dall Autorità in ordine alla sovrapposizione, per un rilevante periodo, dei servizi offerti e prestati a titolo oneroso dalle imprese Apple a una parte delle prestazioni che le medesime imprese - così come gli altri venditori dei prodotti Apple - sono tenute a garantire e fornire ai consumatori per legge, prevedendo il prodotto APP l acquisto di un servizio di assistenza a partire dalla scadenza del primo anno dall acquisto di un determinato prodotto Apple, sovrapponendosi temporalmente alla garanzia legale fino alla scadenza del secondo anno dall acquisto. va evidenziato che sia il sito apple.com - attraverso il quale Apple pubblicizza e vende on line il servizio APP, nonché attraverso il quale informa i terzi venditori e i loro consumatori del contenuto del servizio - cui anche le confezioni del prodotto di assistenza APP fanno rinvio, sia le confezioni stesse, evidenziano come l assistenza tecnica offerta con il prodotto APP si aggiunge alla garanzia Apple gratuita per il primo anno (così come il servizio di supporto acquistato con il prodotto si aggiunge a quello offerto gratuitamente per i primi 90 giorni), senza nessuna menzione dell esistenza della garanzia legale biennale a favore del consumatore, fatta salva la generica affermazione che i vantaggi del programma APP si sommano a qualsiasi altro, ivi non specificato, diritto legale garantito dalle leggi di tutela del consumatore, peraltro accessibile, nel sito, solo dopo aver selezionato appositi richiami e link. Tenuto conto dell onere di diligenza gravante sul professionista e della speciale tutela apprestata a favore del Consumatore - e dell elevato livello della stessa - non può ritenersi idonea ad incrinare il gravato giudizio di ingannevolezza delle modalità informative adottate dal professionista la mera menzione del carattere aggiuntivo dei servizi APP rispetto ai diritti legali garantiti dalle leggi di tutela dei consumatori, stante la genericità di tale indica ragionevolmente e fondatamente affermarsi - come correttamente rilevato dall Autorità - che il professionista abbia posto in essere comportamenti volti a ridurre le richieste di assistenza gratuita oltre il primo anno, ispirando a tale scopo la propria politica commerciale, dovendosi al contempo rilevare come il professionista non abbia allestito una chiara rete informativa circa la garanzia legale biennale e non abbia predisposto una adeguata rete organizzativa per fornire la dovuta assistenza. Le comunicazioni ai consumatori sono, quindi, caratterizzate da informazioni in materia di garanzia riferite in via assorbente alla garanzia convenzionale di un anno offerta in qualità di produttore, cui si aggiungono solo sommarie indicazioni in merito all esistenza di altri diritti dei consumatori, mai indicati con precisione e senza alcuna informazione in ordine alla garanzia legale del venditore, al suo contenuto, alla sua durata ed alle modalità per fruirne. Quanto alla rilevata frapposizione ingiustificata ed emulativa di ostacoli all esercizio dei rimedi legali previsti dall art. 132 del Codice del Consumo, ritiene il Collegio che il suo positivo riscontro non richieda la concreta ed incontrovertibile prova di un generale comportamento del professionista volto a rifiutare la denuncia del consumatore e di prendere in consegna il bene al fine di verificare la causa del vizio, essendo sufficiente ad integrare il presupposto di cui all art. 25, comma 1, lettera d) del Codice del Consumo, la prova in ordine alla sussistenza di una strategia commerciale ed informativa - come realizzata, nel caso di specie, attraverso le istruzioni indirizzate agli operatori del call centre, la Procedura Operativa Standard, il carattere elusivo del materiale informativo, il comportamento tenuto con i rivenditori - volta ad opporre ostacoli all esercizio dei diritti del consumatore, condizionandone il comportamento al fine di ridurre le richieste di assistenza in garanzia o l esercizio del diritto di rivalsa, risultando quindi il comportamento del professionista, oltre che posto in violazione degli obblighi informativi sullo stesso gravanti secondo i canoni di correttezza e diligenza, finalizzato alla frapposizione di ostacoli all esercizio dei diritti derivanti dalla garanzia biennale di conformità da parte del consumatore, come tale sufficiente a ritenere integrata la fattispecie di cui al ricordato art. 25, comma 1, lettera d) del Codice del Consumo. Con una ulteriore serie di censure contesta parte ricorrente le valutazioni espresse dall Autorità con riferimento alla seconda pratica commerciale sanzionata, concernente le modalità di informazione e di offerta commerciale del servizio di assistenza opzionale e aggiuntiva, a titolo oneroso, denominato Apple Care Protection Plan (APP) - offerto da Apple Sales International sia direttamente e nella rete di Apple Retail Italia che presso tutti i distributori autorizzati - ritenute ingannevoli e non sufficienti ad offrire ai consumatori un quadro informativo adeguato, tale da permettere loro di assumere una consapevole decisione commerciale, e reputate idonee ad indurli in errore nell acquisto del prodotto APP, in quanto omettono di chiarire in maniera dettagliata i contenuti aggiuntivi rispetto ai diritti spettanti ai consumatori in virtù della garanzia legale biennale. A confutazione delle valutazioni espresse dall Autorità, afferma parte ricorrente la completezza informativa in ordine alla natura aggiuntiva del servizio APP e la non sovrapponibilità di tale servizio rispetto alla garanzia legale biennale, 954 IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/2012

3 n AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA zione che peraltro presuppone, in capo ai consumatori, una conoscenza giuridica che di norma non possiedono, aggravando siffatta modalità informativa l asimmetria informativa che caratterizza i rapporti tra i professionisti ed i consumatori, dai quali non può esigersi un compito di sostanziale supplenza in relazione a fuorvianti od omissive informazioni. Il riscontro del carattere ingannevole del messaggio va, inoltre, condotto con riferimento al suo contesto complessivo, dovendo al riguardo rilevarsi l enfasi attribuita al vantaggio del prodotto APP quale servizio che si aggiunge alla garanzia annuale Apple di un anno, operante allo scadere di tale garanzia, inducendo così il consumatore a ritenere l assenza di qualsivoglia garanzia per il secondo anno. Il gravato giudizio di scorrettezza della pratica in esame non si traduce, contrariamente a quanto affermato da parte ricorrente, nell imposizione al professionista di un indebito onere informativo ulteriore rispetto a quello asseritamente spettante sulla base del canone di diligenza, asseritamente limitato alla mera avvertenza ai consumatori circa l esistenza di diritti spettanti in base a norme di legge. Devono parimenti disattendersi le argomentazioni di parte ricorrente volte a rivendicare la libertà di comunicazione e di promozione dei propri prodotti sulla base di autonome scelte di marketing, ponendo il Codice del Consumo precisi vincoli a tale libertà nella misura in cui si riveli idonea ad indurre il consumatore in errore, falsandone il comportamento economico, e sia in contrasto con il livello di diligenza richiesto nella fattispecie concreta. L ingannevolezza di una pratica può, difatti, discendere anche dalla sua inadeguatezza a dare compiuta evidenza di Il commento di Daniele Giuliani tutti gli elementi essenziali che possono influenzare la scelta del consumatore tenuto conto delle modalità di rappresentazione delle informazioni fornite. Deve, in proposito rilevarsi che una pratica commerciale va esaminata, ai fini del riscontro di profili di ingannevolezza, nella sua interezza alla luce del risalto che viene attribuito ai singoli elementi informativi, le cui concrete modalità di rappresentazione, nelle loro varie combinazioni, nell enfatizzare taluni elementi e nel non dare adeguata evidenza ad informazioni essenziali, sono idonee a focalizzare la percezione del messaggio, da parte dei consumatori, su aspetti parziali, in tal modo inducendoli in errore quanto alle caratteristiche essenziali di quanto reclamizzato. L ingannevolezza di una pratica, sotto lo specifico profilo di omissione informativa, non discende, difatti, solo dalla mancanza di informazioni rilevanti, ma anche dalle modalità grafiche ed espressive con cui gli elementi del prodotto vengono rappresentati, dalle espressioni testuali, dalle stesse modalità di presentazione del prodotto e dalle scelte in ordine all enfatizzazione di alcuni degli elementi (ex plurimis: TAR Lazio - Roma - Sez. I - 20 gennaio 2010 n. 633; 13 dicembre 2010 n ). Nessuno degli argomenti di censura sollevati da parte ricorrente avverso il contenuto sanzionatorio della gravata delibera risulta, quindi, meritevole di favorevole esame ai fini del riscontro di profili di illegittimità delle valutazioni che hanno condotto alla determinazione delle sanzioni, neanche al fine di disporre la riduzione delle stesse. In conclusione, stante la rilevata infondatezza delle censure proposte, il ricorso in esame deve essere rigettato. pronunciamento in materia di pratiche commerciali scorrette, poiché il Collegio ha garantito la libertà di scelta del consumatore e di conseguenza ha reso effet La sentenza in esame ha dichiarato la scorrettezza di due distinti pratiche commerciali. La prima pratica commerciale scorretta e aggressiva concernente le modalità di informazione e di esercizio del diritto di garanzia biennale di conformità. Il T.A.R. Lazio, ha evidenziato la specialità della disciplina dettata a favore del consumatore, prevedendo che incombe sul venditore l onere di prendere in consegna il bene e di verificarne la conformità nell arco del biennio di validità della garanzia legale. La previsione di più gravosi oneri nell esercizio di diritti contrattuali, è stata valutata come idonea e sufficiente a far assumere alla pratica commerciale profili di aggressività. La seconda pratica commerciale scorretta è stata invece dichiarata ingannevole sulla base di due profili. In virtù del primo profilo, Apple s.r.l. nel pubblicizzare il servizio opzionale aggiuntivo di assistenza (denominato APP) ha previsto una sovrapposizione dei diritti già spettanti al consumatore dalle norme dettate in merito alla garanzia legale di conformità. Alla luce del secondo profilo, il Collegio ha dichiarato l ingannevolezza sulla base di un inadeguatezza informativa, realizzata in primo luogo attraverso una semplice menzione del carattere aggiuntivo dei servizi APP rispetto alle norme dettate in tema di garanzia legale, in secondo luogo per mezzo della combinazione delle modalità grafiche ed espressive ha indotto in errore il consumatore sui requisiti sostanziali di quanto reclamizzato. La mera menzione dei diritti spettanti in base alle legge ai consumatori, non può reputarsi idonea a fornire un quadro informativo esaustivo, poiché presuppone una conoscenza giuridica che di norma i consumatori non possiedono, neppure si può esigere da questi ultimi un compito di sostanziale supplenza in relazione a fuorvianti ed omissive informazioni. La vicenda contenziosa La sentenza in rassegna, costituisce un importante IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/

4 AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA n Il D.Lgs. n. 146/2007 in attuazione della Dir. 2005/29/ CE in tema di pratiche commerciali sleali ha modificato alcuni articoli del Codice del consumo, si tratta degli artt cod. cons. Tale normativa contempla alcune interessanti definizioni, anzi, com è stata definita da attenta dottrina (2), è in sostanza essa stessa un elenco di definizioni, secondo una tecnica legislativa di diretta derivazione anglosassone che caratterizza ormai la normativa di provenienza comunitaria. La ratio dell istituto va dunque ricercata nella normativa di matrice comunitaria. Da un attenta lettura della dir. 2005/29/CE e dei considerando (3), la presente disciplina ha la finalità di tutelare il consumatore non solo come parte contrattuale debole ma anche come operatore economico di cui si vuole assicurare la libertà delle decisioni commerciali (4). Inoltre, è stato affermato (5) che la normativa sulle pratiche commerciali scorrette rappresenta un importante tassello di un evoluzione che caratterizza in senso proconsumeristico l ordinamento comunitario ben oltre i limiti del diritto previsto a tutela del consumatore in senso stretto. Il processo di globalizzazione ha esteso a dismisura le alternative nella scelta di prodotti e servizi. Sembrerebbe, come rilevato da alcuni studiosi (6), che there is no alternative to globalisation : in tale contesto globalizzato solo in parte è corrisposta l elaborazione di regole comuni per le imprese e di forme di tutela per i consumatori (7). Sarebbe proprio la delocalizzazione delle relazioni economiche - commerciali che renderebbe più dif tivo il diritto all esercizio della garanzia legale di conformità, restituendo tutela e sicurezza ai consumatori. Nello specifico, è stata proposta azione impugnatoria contro la delibera dell AGCM (provvedimento n caso PS/7256), con la quale Apple s.r.l., società ricorrente, unitamente alle società Apple Sales International e Apple Retail Italia s.r.l. ha posto in essere due distinte pratiche commerciali scorrette. La prima, giudicata scorretta e aggressiva, concernente le modalità di informazione e d esercizio della garanzia legale di conformità. Parte ricorrente, ai sensi dell art. 132, comma 3, del codice del consumo, ritiene che l inversione dell onere della prova opererebbe per i soli primi sei mesi, trascorso tale periodo sarebbe il consumatore a dover fornire la prova del difetto di conformità. Il T.A.R. Lazio invece richiamando la specialità della normativa del codice del consumo, ha ritenuto la non applicabilità dell ordinaria normativa codicistica in materia di obbligazioni contrattuali. Incombe sul venditore l onere di prendere in consegna il bene e di valutarne la conformità. Inoltre, la previsione di ostacoli da parte del professionista, nell esercizio di diritti contrattuali è sufficiente a connotare la pratica commerciale come aggressiva. In riferimento alla seconda pratica commerciale riguardante la procedura di informazione del servizio aggiuntivo opzionale, denominato Apple Care Protection Plan (APP), il Collegio ha ritenuto l ingannevolezza di tale pratica, in quanto non avrebbe offerto un appropriato quadro informativo. Più in particolare, nei Termini e condizioni del contratto APP, risulta un servizio che consiste in una assistenza tecnica volta a coprire anche eventuali difetti di materiale e di fabbricazione delle apparecchiature Apple, nonché la ricomprensione in tale servizio aggiuntivo della garanzia per l hardware, la batteria, il caricatore, gli auricolari, i cavi forniti con l iphone e i relativi costi di riparazione, dei pezzi di ricambio e della manodopera, che costituiscono in realtà prestazioni già coperte dalla garanzia legale biennale in caso di difetto di conformità. Vi è dunque una sovrapposizione tra una parte notevole dei servizi offerti a titolo oneroso con il contratto APP e quanto previsto dalla garanzia legale di conformità. Ulteriormente, in linea con quanto statuito da un orientamento costante della giurisprudenza amministrativa (1), il Collegio ha rilevato che «l inadeguatezza informativa non deriva solo dalla mancanza d informazioni essenziali, ma anche dalle modalità grafiche ed espressive con cui gli elementi del prodotto vengono rappresentati, dalle espressioni testuali, dalle stesse modalità di presentazione del prodotto e dalle scelte in ordine all enfatizzazione di alcuni degli elementi». Tale generico e approssimativo contesto informativo, è stato dichiarato idoneo ad indurre in errore il consumatore spingendolo ad assumere una decisione di natura commerciale che altrimenti non avrebbe preso. Conclude il Collegio nel ritenere che le due pratiche commerciali rispondono ad una complessiva strategia di mercato, con la quale il professionista tende ad aggirare le prestazioni dettate in tema di garanzia legale, tramite prima la riduzione delle richiesta di assistenza in garanzia, ponendo più gravosi oneri per il consumatore, successivamente con la promozione a titolo oneroso di un servizio aggiuntivo (servizio APP), in parte sovrapponibile alla garanzia legale. Nessuno degli argomenti di censura, proposti da parte ricorrente, hanno trovato favorevole accoglimento. Il T.A.R. Lazio ha confermato le sanzioni irrogate dall AGCM ai professionisti appartenenti al gruppo Apple di complessivi E , di cui E per la prima delle pratiche contestate e di cui E per la seconda delle pratiche sanzionate. La ratio dell istituto (1) Ex plurimis cfr. C.d.S., Sez. VI, 30 giugno 2011, n. 3897; C.d.S., 27 ottobre 2011, n e C.d.S., 24 novembre 2011, n. 6204; ex plurimis: T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 20 gennaio 2010 n. 633; T.A.R. Lazio, Roma,13 dicembre 2010 n (2) Cfr. C. Tenella Sillani, Pratiche commerciali sleali e tutela del consumatore, inobbligazioni e Contratti, 2009, 3, 775. (3) Cfr. considerando 4, 5,12, 13 e 17. (4) Cfr. Rossi Carleo, Dalla comunicazione commerciale alle pratiche commerciali sleali, in AA.VV., Le pratiche commerciali sleali. Direttiva comunitaria e ordinamento italiano, a cura di Minervini e Rossi Carleo, Milano, 2007, 14. (5) Cfr. L. Fiorentino, Le pratiche commerciali scorrette, inobbligazioni e Contratti, 3, 2011, 165. (6) Cfr. Kroes, Avoiding the protectionism trap, innouveau Monde, Nouveau Capitalisme: Round table on Globalisation and social justice, Atti del Convegno tuenuto a Parigi, 8 gennaio 2009, 2. (7) Cfr. Cassese, Oltre lo Stato, Roma-Bari, 2006, 4 ss. 956 IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/2012

5 n AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA ficile per il consumatore comprendere l attuale portata dei propri diritti (8). Nell attuale situazione socio-economica, dove i rapporti commerciali sono sempre più spersonalizzati, si comprende come riveste un ruolo rilevante l esigenza di eliminare ogni forma di asimmetria e distorsione informativa (9). Infatti, l elemento di raccordo nella disciplina delle pratiche commerciali scorrette, secondo una parte della dottrina (10) sarebbe da ricercare anche nella comunicazione, elemento proprio di ogni rapporto che lega tra loro soggetti diversi (ossia parti contrapposte), e quindi comune sia alle pratiche commerciali che si sostanziano in comunicazioni fondate sul linguaggio (parole, immagini, ecc.) sia alle pratiche commerciali che si sostanziano in comportamenti del professionista, se è vero che, anche le condotte, quando sono forma di relazione tra diversi soggetti messi in rapporto tra loro, si concretizzano in particolari forme di comunicazione. Tuttavia, com è stato osservato (11) il punto focale dell intera disciplina delle pratiche commerciali scorrette è la salvaguardia della libertà di scelta del consumatore. Le pratiche commerciali scorrette L art. 18 del codice del consumo offre una serie di definizioni rilevanti in tema di PCS, in particolare al comma 1 lett. d) vi è la descrizione della nozione di pratica commerciale intercorrente tra un professionista e un consumatore (Business to Consumer); per pratica commerciale si intende: qualsiasi azione, omissione, condotta o dichiarazione, comunicazione commerciale ivi compresa la pubblicità e la commercializzazione del prodotto, posta in essere da un professionista, in relazione alla promozione, vendita o fornitura di un prodotto ai consumatori. Di notevole rilevanza sono le definizioni previste dalle lettera e), h), ove per falsare in misura rilevante il comportamento economico dei consumatori si intende: l impiego di una pratica commerciale idonea ad alterare sensibilmente la capacità del consumatore di prendere una decisione consapevole, inducendolo pertanto ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso. La diligenza professionale, invece è definita come: il normale grado della specifica competenza ed attenzione che ragionevolmente i consumatori attendono da un professionista nei loro confronti rispetto ai principi generali di correttezza e di buona fede nel settore di attività del professionista. In ultima battuta, sono indicati nelle lett. l) e m) due importanti nozioni, quella di indebito condizionamento e quella di decisione di natura commerciale. L indebito condizionamento riguarda: lo sfruttamento di una posizione di potere rispetto al consumatore per esercitare una pressione, anche senza il ricorso alla forza fisica o la minaccia di tale ricorso, in modo da limitare notevolmente la capacità del consumatore di prendere una decisione consapevole ; La decisione di natura commerciale concerne: la decisione presa da un consumatore relativa se acquistare o meno un prodotto, in che modo farlo e a quali condizioni, se pagare integralmente o parzialmente, se tenere un prodotto o disfarsene o se esercitare un diritto contrattuale in relazione al prodotto; tale decisione può portare il consumatore a compiere un azione o all astenersi dal compierla. Tale tecnica di redazione legislativa, come valutato nel precedente paragrafo, ha suscitato non pochi malumori in dottrina (12). Nel successivo capo II rubricato Pratiche commerciali scorrette all art. 20 viene enunciato un divieto generale di pratiche commerciali scorrette. La scorrettezza si realizza con la presenza di due requisiti: 1. la contrarietà della pratica alla diligenza professionale ; 2. l idoneità della pratica a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico, in relazione al prodotto, del consumatore medio che essa raggiunge. In seguito, agli artt cod. cons. sono poi descritti i casi in cui le pratiche assumono i profili dell ingannevolezza e dell aggressività. La dottrina prevalente (13) e la giurisprudenza (14) ritiengono che vi sia un rapporto di genus a species tra le pratiche commerciali scorrette di cui all art. 20 cod. cons. e le pratiche commerciali ingannevoli e aggressive di cui ai successivi artt cod. cons. La pratica ingannevole, nella forma commissiva ex art. 21 e nella forma omissiva ex art. 22, è idonea ad indurre in errore il consumatore. La pratica aggressiva, invece è idonea a limitare considerevolmente la libertà di scelta o di comportamento del consumatore medio in relazione al prodotto, mediante molestie, coercizione, compreso il ricorso alla forza fisica o indebito condizionamento. (8) Cfr. R. Angelini, Le pratiche commerciali scorrette: alcune considerazioni di sistema, in Obbligazioni e Contratti, 2011, 5, 328. (9) Cfr. C.d.S., Sez. VI, 21 settembre 2011, n. 5303: «Si è giàricordato, infatti, che, in settori caratterizzati da continua evoluzione tecnologica, si verifica una maggiore asimmetria informativa tra consumatore e professionista, di tal che si deve considerare ancor più elevato l onere di diligenza gravante sull imprenditore nel fornire al consumatore tutte le informazioni utili per fruire dei servizi senza correre rischi eccessivi (ancorché provenienti da attività illecite di terzi estranei)»; così anche ex plurimis T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 9 aprile 2009, n (10) Cfr. N. Zorzi, Il controllo dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sulle pratiche commerciali ingannevoli ed aggressive a danno dei consumatori, in Contratti e Impresa, 2010, 3, 671. (11) Cfr. M. Libertini, Clausola generale e disposizioni particolari nella disciplina delle pratiche commerciali scorrette, incontratto e Impresa, 1, 2009, 98; G. Bruzzone - M. Boccaccio, Il rapporto tra tutela della concorrenza e tutela dei consumatori nel contesto europeo: una prospettiva economica, inil diritto dei Consumatori nella crisi e le prospettive evolutive del sistema di tutela Convegno AGCM-Luiss-Università degli Studi Roma Tre, 13 ss. (12) In tal senso M. Libertini, op. cit., 83 e ss.; Rossi Carleo, op. cit., 19-20; L. C. Ubertazzi, Le PCS e il futuro dell autodisciplina, in Diritto Industriale, 2010, 4, 375. (13) Cfr. L. Fiorentino, op. cit., 165; De Cristofaro, Il divieto di pratiche commerciali sleali, inle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori, a cura di De Cristofaro, Torino, 2007, 116 ss. L A. considera la norma generale come residuale, tuttavia le approfondite dispute teoriche in questione possono esser rinviate ad altra sede. (14) Cfr. C.d.S., Ad. Plen., 11 maggio 2012, n. 14. IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/

6 AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA n Il carattere ingannevole e aggressivo viene presunto quando ricorrano i requisiti previsti nella c.d. black list. Per quanto concerne l ambito di operatività della clausola generale prevista dall art. 20 cod. cons., è stato affermato (15)che la stessa avrebbe soltanto una funzione sussidiaria e residuale, destinata a trovare applicazione quando la fattispecie non possa essere inquadrata come azione o omissione ingannevole o come pratica commerciale aggressiva. In sostanza si finirebbe per invertire l ordine delle disposizioni, dando rilievo prima alle ipotesi rientranti nelle black list, poi alle pratiche commerciali ingannevoli o aggressive, infine troverebbe applicazione il comma 2 art. 20 cod. cons. solo ove la fattispecie non rientri in nessuna dell ipotesi considerate dalle norme di dettaglio (16). Altra parte della dottrina (17), invece ritiene la non applicazione del criterio di specialità, la norma generale dovrebbe esser considerata come fondamentale, mentre le azioni ingannevoli e aggressive solo ipotesi esemplificative. Dovrebbe pertanto, ritenersi preferibile il criterio dell applicazione cumulativa. Le pratiche commerciali scorrette, hanno la comune finalità di preservare la libertà di scelta del consumatore sotto due prospettive diverse, infatti come è stato osservato (18): (...) mentre le pratiche ingannevoli hanno una portata decettiva rispetto alla decisione commerciale, quelle aggressive una valenza estorsiva più generale della libertà di scelta. Sostanzialmente, esercitando pressioni psicologiche e/o fisiche le condotte aggressive sfruttano le debolezze caratteriali, emotive e culturali del consumatore per costringerlo a prendere certe decisioni positive o negative che altrimenti non avrebbe adottato. I punti di forza della decisione La sentenza in commento, nel definire le due pratiche commerciali scorrette come aggressive e ingannevoli ha contribuito a concretizzare, riempendo di contenuto, i requisiti della contrarietà della pratica alla diligenza professionale e dell idoneità della pratica a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico, in relazione al prodotto, del consumatore medio che essa raggiunge. La giurisprudenza amministrativa (19) ha statuito che l obbligo di diligenza, così configurato, va valutato non alla stregua di criteri rigidi e predeterminati ma tenendo conto delle cautele e degli accorgimenti che le circostanze del caso concreto suggeriscono o impongono e in aggiunta ha puntualizzato che in settori caratterizzati da continua evoluzione tecnologica... l onere di diligenza gravante sull impresa deve essere costantemente adeguato. La giurisprudenza (20) è andata anche oltre prevedendo per il professionista l obbligo di predisporre accorgimenti e misure... al fine di scongiurare il possibile verificarsi di nocumento o pregiudizio nei confronti dei consumatori. Dunque la scorrettezza della pratica sarebbe esclusa quando il professionista abbia anche adottato misure concrete volte a preservare la libertà di scelta del consumatore (21). Sarebbe richiesta una diligenza professionale qualificata secondo la pratica commerciale svolta perché su di questa dovrebbe plasmarsi la sua correttezza professionale (22). Non esisterebbe una concezione astratta di professionista, assumerebbero un importanza notevole le circostanze del caso concreto e lo specifico settore di attività del professionista. È stato osservato (23), come i concetti di buona fede e correttezza delle pratiche commerciali, potrebbero comportare un estensione degli artt. 1175, 1337 e 1375 c.c. Il T.A.R. capitolino ha nello specifico ritenuto contrario alla diligenza professionale la mera avvertenza al consumatore dei diritti spettanti in base alla legge. Il Collegio consapevole dell asimmetria informativa che caratterizza le relazioni tra i professionisti e i consumatori, e della speciale tutela apprestata a favore del Consumatore - e dell elevato livello della stessa -, ha previsto stringenti e puntuali obblighi informativi. A proposito della prima pratica commerciale scorretta sanzionata come aggressiva, il T.A.R. Lazio ha specificato che l aggressività della stessa: «non richieda la concreta ed incontrovertibile prova di un generale comportamento del professionista volto a rifiutare la denuncia del consumatore e di prendere in consegna il bene al fine di verificare la causa del vizio, essendo sufficiente ad integrare il presupposto di cui all art. 25, comma 1, lett. d) cod. cons., la prova in ordine alla sussistenza di una strategia commerciale ed informativa... volta ad opporre ostacoli all esercizio dei diritti del consumatore, condizionandone il comportamento al fine di ridurre le richieste di assistenza in garanzia o l esercizio del diritto di rivalsa...». (15) Cfr. De Cristofaro, op. cit., 120. (16) Cfr. M. Rabitti, Divieto delle pratiche commerciali scorrette, in Le modifiche al codice del consumo a cura di E. Minervini e L. Rossi Carleo, Torino, 2009, 146. (17) Cfr. M. Libertini, op. cit., 83 ss. (18) Cfr. L. Di Nella, Le pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori, Torino, 2007, 229. (19) Cfr. T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 6 aprile 2009, n. 3692; T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 15 giugno 2009, n (20) Cfr. T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 8 aprile 2009, n (21) In tal senso ex plurimis C.d.S., Sez. VI, 17 febbraio 2012, n. 853 e 24 novembre 2011, n (22) Cfr. L. Arturo, Pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette fra tutela del consumatore e delle imprese, indir. Industriale, 3, 2008, 255 e ss. Così C.d.S., Sez. VI, 4 ottobre 2011, n «le norme in materia di contrasto alle pratiche commerciali sleali richiedono ai professionisti l adozione di modelli di comportamento in parte desumibili da siffatte norme, ove esistenti, in parte dall esperienza propria del settore di attività, nonché dalla finalità di tutela perseguita dal Codice, purché, ovviamente, siffatte condotte siano loro concretamente esigibili in un quadro di bilanciamento, secondo il principio di proporzionalità, tra l esigenza di libera circolazione delle merci e il diritto del consumatore a determinarsi consapevolmente in un mercato concorrenziale». (23) Cfr. De Cristofaro, op. cit., 129. Contro C.d.S., Sez. VI, 31 gennaio 2011, n. 720: Si tratta di una nozione di diligenza professionale che assume rilievo specifico nell ambito della disciplina delle pratiche commerciali scorrette e si differenzia rispetto alla nozione civilistica di diligenza nell adempimento delle obbligazioni e di colpa nell ambito dell illecito aquiliano. 958 IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/2012

7 n AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA Quanto disposto riveste una notevole importanza in tema di tutela del consumatore, poiché la previsione di oneri più rigorosi imposti per l esercizio di diritti contrattuali è sufficiente e idonea a qualificare una pratica commerciale come aggressiva. Il secondo requisito costitutivo richiesto al fine di realizzare una pratica commerciale scorretta, sarebbe a dire l idoneità della pratica a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico, in relazione al prodotto, del consumatore medio che essa raggiunge, non sarebbe stato interpretato in modo rigido e prefissato dal Collegio. Tutelare la libertà del consumatore medio non significa vietare alle imprese di far consumismo o imporre delle scelte di marketing che non spingano il consumatore a desiderare il bene di consumo. Infatti, sarebbe escluso dalla disciplina delle pratiche commerciali scorrette tutto ciò che riguarda la formazione delle mode, anche se quest ultime possono in alcuni casi esser ritenute le ragioni di fondo dell acquisto (24). In linea con il considerando n. 18, il Collegio ha ritenuto il concetto di consumatore medio non come un concetto «statico». Lo standard del consumatore medio è un requisito di natura variabile che va concretamente calato nella pratica commerciale considerata (25). Lungi da atteggiamenti paternalistici, l aggressività della pubblicizzazione e la potenza del brand potrebbero in alcune circostanze influire considerevolmente sulla ponderatezza della decisione commerciale. Pertanto, in tali circostanze, più puntuali e gravosi, in considerazione che la libertà di scelta sarebbe minata alla base, dovrebbero essere gli obblighi informativi e di protezione. Non si vuole attribuire alla pubblicità un ruolo solo freddamente informativo (26), ma si richiede che la stessa sia ispirata a profili di correttezza al fine di non alterare la capacità dei consumatori di compiere una scelta commerciale con cognizione di causa. La giurisprudenza (27) ha giustamente dichiarato che: «la pubblicità è sempre più mirata a persuadere piuttosto che a informare, a orientare i consumi, a stimolare i bisogni, a promuovere l assorbimento della domanda e in questo quadro la libertà di scelta del consumatore può essere attirata da messaggi che esaltano le qualità di un prodotto e che costituiscono strumenti di sollecitazione orientati a provocare preferenze commerciali». Secondo un orientamento consolidato dell AGCM (28) e della giurisprudenza amministrativa (29) il rinvio ad altre fonti informative e legislative non è idoneo a sanare la portata decettiva della condotta. Il consumatore in sede di primo contatto informativo dovrebbe essere messo in condizione di percepire la portata e gli elementi caratterizzanti l offerta. Infatti, il T.A.R. in linea con un orientamento consolidato della giurisprudenza amministrativa (30) ha dichiarato la decettività della seconda pratica commerciale, in quanto il professionista attraverso una sapiente attività di marketing, mediante l omissione d informazioni essenziali sui diritti spettanti in base alla legge ai consumatori e attraverso le concrete modalità di rappresentazione ha focalizzato l attenzione del consumatore sui servizi aggiuntivi (APP), inducendo in tal modo in errore il consumatore. Inoltre, il Collegio ha dichiarato la non esigibilità da parte del consumatore di un compito di sostanziale supplenza in relazione a fuorvianti ed omissive informazioni. L ingannevolezza del messaggio può discendere non solo dall omissione di informazioni rilevanti, ma anche quando attraverso la veste grafica del messaggio si enfatizzano alcuni elementi volti ad attirare l attenzione del consumatore ingenerando confusione su quanto reclamizzato. Infine, come affermato da citata giurisprudenza (31): «Il rapporto fra immanenza dell obbligo diligenziale in capo all operatore commerciale e presenza di un contrapposto onere di avveduta e consapevole percezione del messaggio promozionale da parte del consumatore, se si pone su un delicato crinale di decifrabilità ermeneutica (suscettibile di condurre ad opposte opzioni interpretative; e, quindi, a speculari ricadute applicative), nondimeno è insuscettibile di uno sbilanciamento a danno del consumatore stesso, laddove - come, appunto, nella vicenda all esame - non venga in considerazione, con carattere di dirimente chiarezza, la normale percepibilità del messaggio promozionale nei confronti della platea dei potenziali destinatari di esso». In sostanza il Collegio non avrebbe fatto riferimento a un consumatore dotato di un avvedutezza inferiore alla media, ma, avrebbe previsto che in ipotesi di carenza informativa riguardante la commercializzazione di prodotti di largo consumo, non si può pretendere un grado di avvedutezza tale del consumatore che vada a supplire e ricercare altrove le informazioni, anche se quest ultime sono di agevole rinvenimento. (24) Cfr. M. Libertini, op. cit. 99 e ss. (25) Si veda ad es. C.d.S., Sez. VI, 22 giugno 2011, n. 3763, Il Collegio ha provveduto a contestualizzare lo standard del consumatore medio. (26) Israel M. Kirzner, Concorrenza e imprenditorialità, 1997 Rubbettino, 222. (27) Cfr. C.d.S. 24 novembre 2011, n (28) Cfr. provv. del 17 maggio 2007, n , PI5598, in Boll. 20/ (29) Ex plurimis cfr: T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, n. 276/2008; n. 9743/2009; 2387/2012; 4123/2012 in quest ultima in particolare il T.A.R. ha statuito che: «In tal senso, la Sezione ha già avuto modo di puntualizzare che l obbligo di chiarezza e di completezza informativa deve essere congruamente assolto, da parte dell operatore, sin dal primo contatto pubblicitario, attraverso il quale vanno messi a disposizione del consumatore gli elementi essenziali per una immediata percezione dell offerta economica pubblicizzata: con la conseguenza che, a fronte della necessità di completezza e chiarezza del messaggio pubblicitario, la possibilità che il consumatore possa essere tratto in errore circa l esatta portata dell offerta non può essere esclusa dalla circostanza che l utente sia in grado di conoscere le condizioni della stessa anche in un momento immediatamente successivo (cfr. T.A.R. Lazio, Sez. I, 18 gennaio 2010 n. 306)». (30) Ex plurimis cfr. C.d.S., Sez. VI, 30 giugno 2011, n. 3897; 27 ottobre 2011, n e 24 novembre 2011, n. 6204; Ex plurimis: T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 20 gennaio 2010 n. 633; T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 13 febbraio 2010, n (31) Cfr. T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I, 08 maggio 2012, n IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/

8 AMMINISTRATIVO. IN EVIDENZA n Considerazioni conclusive Nell attuale condizione socio-economica la tutela del consumatore non può essere affidata alla sola repressione delle pratiche commerciali scorrette. Il problema andrebbe rilevato a monte, sarebbe a dire nell inadeguata educazione del consumatore. Degna di nota è l attività svolta dalla Federal Trade Commission americana (32), o dall Office of Fair Trading inglese, che hanno dimostrato che la repressione non costituisce l unico e il più efficiente strumento di protezione del consumatore. Alla classica azione repressiva, vengono sempre più spesso affiancate iniziative informative (c.d. di Consumer Empowerment.) Inoltre, considerando che la spesa dei circa 490 milioni di consumatori europei determina una parte considerevole del PIL, comprendiamo quanto sia importante e necessario istruire al consumo. In conclusione, com è stato affermato, (33) l applicazione delle regole in materia di pratiche commerciali scorrette fornisce all Autorità un occasione unica e un delicatissimo compito: quello di infondere al mercato un rinnovato concetto di responsabilità. Tale gravoso compito è affidato anche alla giurisprudenza amministrativa. Tuttavia, se si vogliono evitare gli elevati costi economici-sociali che derivano dall aver azionato la macchina della giustizia e se si vuole recuperare la fiducia dei consumatori, una penetrante ed efficiente educazione al consumo risulterebbe la strada migliore da intraprendere. Infatti, l educazione al consumo, ha un carattere non soltanto etico e astratto, ma anche economico e concreto, in quanto idoneo ad impattare sull affidabilità delle transazioni, sulla fiducia nei mercati (oggi duramente minata) e quindi, in ultima istanza, sull economia tutta (34). (32) Di particolare interesse il sito della FTC (33) Cfr. L. Fiorentino, op. cit., 169. (34) Cfr. L. Fiorentino, op. cit., IL CORRIERE DEL MERITO N. 10/2012

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto?

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? di Gabriele Bubola, Flavia Pasquini Gli interventi sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto e a programma proposti

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA NELLA MODALITA A PROGETTO DOPO LA LEGGE 28/06/2012 N 92; ASPETTI OPERATIVI ALLA LUCE DELLA CIRC. N 29/2012 a cura del Dr. Enrico Gallo funzionario

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il Mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica Codice del

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli