MANUALE DELL AMBULATORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DELL AMBULATORIO"

Transcript

1 Pagina 1 di 34 Rev. Data Motivazione Redazione GdL 1 03/2012 Gestione persone con credenze religiose diverse 2 3 Verifica Dirigente di settore Approvazione Del primario MANUALE DELL AMBULATORIO INDICE DEGLI ARGOMENTI: PRESENTAZIONE 1. ACCESSO AL PRELIEVO FUNZIONI ACCETTAZIONI DEL SABATO FUNZIONAMENTO IN CONCOMITANZA CON AGITAZIONI SINDACALI PERSONALE E FUNZIONI PRECEDENZE DI ACCESSO MODALITÀ DI ACCESSO AL PRELIEVO ACCESSO ALLA SEGRETERIA...8 ACCETTAZIONE AMMINISTRATIVA PRELIEVO FASE POST PRELIEVO PRELIEVI PEDIATRICI DIFFICILI RACCOMANDAZIONI GENERALI DA SEGUIRE PRIMA DEL PRELIEVO O DELLA RACCOLTA DEL CAMPIONE BIOLOGICO MODALITÀ DI RACCOLTA CAMPIONI BIOLOGICI VARI...12 ESAME STANDARD DELLE URINE...12 RACCOLTA DELLE URINE DELLE 24 ORE...13 RACCOLTA DELLE URINE DELLE 24 ORE CON AGGIUNTA DI CONSERVANTI

2 Pagina 2 di 34 RACCOLTA DELLE URINE SECONDA MINZIONE...13 RACCOLTA DELLE URINE PER ESAMI MICROBIOLOGICI...14 RACCOLTA DELLE FECI PER LA RICERCA DEL SANGUE OCCULTO...14 TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) PROVE FUNZIONALI...14 OGTT (CURVA DA CARICO ORALE DI GLUCOSIO)...14 DIAGNOSI DI DIABETE MANIFESTO IN GRAVIDANZA...18 FPG...18 OGTT NEL BAMBINO...19 CURVA INSULINEMICA...19 GLICEMIA POSTPRANDIALE...20 RENINA E ALDOSTERONE IN ORTO ED IN CLINOSTATISMO E TEST AL CAPTOPRIL...20 TEST ALLO XILOSIO...22 GNRH TEST...23 TRH TEST ALTRE ATTIVITÀ AMBULATORIALI DEL LABORATORIO...26 INTRADERMOREAZIONE DI MANTOUX...26 RICERCA DEGLI EOSINOFILI NEL SECRETO NASALE...26 ESAMI MICROBIOLOGICI DIVERSI...27 EMOGASANALISI ARTERIOSA...27 PRELIEVI CONCORDATI ASSISTENZA DOPO IL PRELIEVO (RACCOMANDAZIONI) FARMACI IN DOTAZIONE DEL CENTRO PRELIEVI TEMPI DI ATTESA PER L ESECUZIONE DEL PRELIEVO VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ TEMPI DI REFERTAZIONE RITIRO DEL REFERTO E PAGAMENTO DEL TICKET ) ESENTI ) NON ESENTI DOTAZIONI E MATERIALI D USO...32 LISTA DI DISTRIBUZIONE...34 N PROGRESS...34 FIRMA

3 Pagina 3 di 34 PRESENTAZIONE Questo manuale descrive dettagliatamente l attività e le procedure dell ambulatorio prelievi del Laboratorio di Analisi Chimico-Cliniche, Ematologiche e Microbiologiche presente nelle tre sedi ospedaliere di Lonigo, Montecchio Maggiore e Valdagno e del distretto di via Kennedy (punto prelievi decentrato rispetto all ospedale di Arzignano). Vuole essere uno strumento pratico rivolto a tutti gli operatori del Servizio ma utile anche ai cittadini-utenti e ai medici che hanno loro prescritto gli accertamenti di laboratorio. Per assolvere a questa funzione vi sono state inserite tutte le informazioni sui seguenti temi: dislocazione degli ambulatori modalità di prelievo ematico, modalità di raccolta di campioni biologici particolari (ex liquido seminale etc) modulo per il consenso informato per alcuni test speciali tempi e modalità di refertazione. 1. ACCESSO AL PRELIEVO (Sedi, orari prelievo, modalità di prenotazione e di accettazione per il territorio) Il Laboratorio Analisi dell Ospedale di Arzignano Ulss5 comprende più punti prelievo dislocati sul territorio Il Centro Prelievi dell'ospedale di Arzignano è situato al piano terra del Distretto Socio Sanitario sito in via Kennedy 2. Vi si accede dall'ingresso posto sul fronte del palazzo. L'ingresso è munito di scivolo per facilitare l'accesso di pazienti disabili. Il Centro Prelievi dell'ospedale di Lonigo è situato al piano terra dell Ospedale sito in via Sisana, 1. Vi si accede dall'ingresso principale ed è posto in fondo al corridoio d ingresso di fronte alla Direzione Medica. L'ingresso è munito di scivolo per facilitare l'accesso di pazienti disabili. Il Centro Prelievi dell'ospedale di Montecchio Maggiore è situato al piano terra dell Ospedale sito in via Cà Rotte 9. Vi si accede dall ingresso del Punto di Primo Intervento cui è attiguo. L'ingresso è munito di scivolo per facilitare l'accesso di pazienti disabili. Il Centro Prelievi dell'ospedale di Valdagno è situato al piano terra dell Ospedale sito in via Galilei 1. Vi si accede dall'ingresso principale ed è posto in fondo all Atrio Principale. L'ingresso è munito di rampa di accesso per pazienti disabili. 3

4 Pagina 4 di 34 Tutti gli accessi sono indicati da segnaletica posta in buona evidenza. Sono presenti inoltre altre sedi territoriali di tipo distrettuale, gestite in collaborazione con il responsabile del Distretto. Il rapporto di collaborazione è regolato da protocollo in allegato alla presente procedura (allegato n 1: carta dei servizi del distretto) Per le modalità di accesso ai punti prelievo degli Ospedali ed alle altre sedi dislocate sul territorio vedasi tabella seguente: Tabella riepilogativa: SEDE DI: ARZIGNANO Distretto Via Kennedy, 2 LONIGO Ospedale di Lonigo Via Sisana, 1 MONTECCHIO MAGGIORE Osp. di Montecchio. Via Cà Rotte, 9 VALDAGNO Laboratorio AnalisiOsp.Valdagno. Via Galilei,1 Sedi ed orari dei prelievi per il Laboratorio Analisi GIORNI DI PRELIEVO DA LUNEDI' A VENERDI' DA LUNEDI' A VENERDI' DA LUNEDI' A VENERDI' DA LUNEDI' A VENERDI' ORARI 7:30-9:00 7,30-9,00 7,30-9,00 7,00-9,00 SI PRENOTA? NO NO NO NO RITIRO DEI REFERTI Portineria Osp. Arzignano; Lunedì Venerdì: 8,00 20,00 Sabato: 8,00 13,00 Portineria Osp. Lonigo; Lunedì Venerdì: 8,00 20,00 Sabato: 8,00 13,00 Portineria Osp. Montecchio Maggiore; Lunedì Venerdì: 8,00 20,00 Sabato: 8,00 13,00 Portineria Osp. Valdagno; Lunedì Venerdì: 8,00 20,00 Sabato: 8,00 13,00 ULTERIORI INFORMAZIONI Tel ore 7,30 15, ore 7,30 9,30 Tel ore 10,00 12,00 Tel ore 7,30 15, ore 9,30 10,30 Tel ore 7,00 14,00 CORNEDO Punto Salute Nord. LUNEDI' E MERCOLEDI' 8,00-9,00 SI Stessa sede del prelievo in orari e giorni comunicati al momento dello stesso. Tel Lun. 8,00 12,00 Giov. 8,30 12,30 Pzza A. Moro, 17 RECOARO TERME MARTEDI' E GIOVEDI' 8,00-8,30 SI Stessa sede del prelievo in orari e giorni comunicati al momento dello stesso. Tel Merc. e Ven. 8,00 12,30 4

5 SEDE DI: Punto Salute Nord. Pzza V. Veneto, 13 TRISSINO Punto Salute Nord Via N. Sauro, 4 Sedi ed orari dei prelievi per il Laboratorio Analisi GIORNI DI PRELIEVO MARTEDI E MERCOLEDI ORARI 8,00-9,00 SI PRENOTA? SI RITIRO DEI REFERTI stesso. 12,30 Stessa sede del prelievo in orari e giorni comunicati al momento dello stesso. Pagina 5 di 34 ULTERIORI INFORMAZIONI Tel Mart. e Giov. 8,00 12,30 2. FUNZIONI Presso i centri prelievi ambulatoriali vengono effettuati prelievi di sangue e microbiologici, si accettano materiali biologici (urine, feci, calcoli, liquido seminale, escreato, ecc ) da sottoporre ad analisi che sono eseguite presso il Laboratorio Analisi Chimico Cliniche, Ematologiche e Microbiologiche dell Ospedale di Arzignano e presso il servizio di Immuno-Ematologia e Trasfusione dello stesso Ospedale. La presenza del personale medico, infermieristico e di supporto ai prelievi (personale OSS, tecnico) è organizzata e gestita da tabelle aggiornate mensilmente. Gli accessi non richiedono prenotazione ad eccezione delle indagini dinamico-funzionali che devono essere prenotate presso i Centri Prelievo, anche telefonicamente. Le curve da carico di glucosio non abbisognano di prenotazione, ma i pazienti devono presentarsi allo sportello alle 7,30. Le prolattine a tre punti ( ) vengono accettate entro le ore 8:00 dal lunedì al venerdì; qualora debbano essere effettuate con agocannula, necessitano di prenotazione. Alcuni test dinamici (TRH, GNRH) sono eseguiti presso l ambulatorio TAO dell Ospedale di Arzignano e necessitano anch essi di prenotazione. I pazienti in Terapia Anticoagulante Orale (TAO) accedono, a Valdagno, direttamente allo sportello n. 1 della segreteria accettazione. La fila viene regolata da un ordina code elettronico utile a disciplinare il flusso dei pazienti. Ad Arzignano è attivo dal 2002 un ambulatorio Specifico per la gestione controllata delle Terapie Anticoagulanti Orali. L ambulatorio (n 282 della F.C.S.A. = Federazione Centri per la diagnosi della Trombosi e la Sorveglianza delle terapie Antitrombotiche), sito al piano terra dell Ospedale di Arzignano, di 5

6 Pagina 6 di 34 fronte all ufficio cassa è gestito dal Dott. Pietro Barbera e dal Dott. Andrea Toma medici di Laboratorio. 3. ACCETTAZIONI DEL SABATO Come indicato in questo manuale al punto 1 Accesso al prelievo il sabato è attivo il Servizio di Laboratorio per i soli esami in regime di urgenza provenienti dai Reparti Ospedalieri e dal Pronto Soccorso. Sono presenti in servizio un tecnico di Laboratorio turnista nei Presidi di Arzignano e Valdagno più un tecnico di Laboratorio reperibile ed un medico nel Laboratorio di Arzignano. Il medico in servizio dalle 8 alle 11,30, previo accordi con Medici di Medicina generale, valuta eventuali richieste di esami urgenti per pazienti esterni. 4. FUNZIONAMENTO IN CONCOMITANZA CON AGITAZIONI SINDACALI La presenza del personale in tali evenienze è regolata dagli accordi sindacali aziendali sui contingenti minimi. I tabulati del personale precettato sono esposti nelle bacheche situate in corrispondenza dei terminali per la timbratura. Sono comunque garantiti i controlli per: la terapia anticoagulante orale per la chemioterapia antiblastica per i dosaggi ormonali programmati. 5. PERSONALE E FUNZIONI L'attività complessiva del Centro Prelievi è assicurata, di norma, da personale così distribuito per qualifica e funzioni: a) Personale amministrativo: è costituito da undici unità del ruolo amministrativo, dislocate nelle quattro sedi di accettazione sopra elencate. Il personale di segreteria provvede al ritiro delle richieste di prestazione (ricetta rossa del SSN) e all accettazione informatizzata della richiesta di esami. Richieste non conformi alla normativa, come ad esempio: compilate a mano con grafia non interpretabile con descrizioni generiche di esami richiesti (es. TORCH) con numero di esami superiore a 8 per impegnativa contenenti richieste di branche specialistiche diverse sono restituite al paziente con richiesta di correzione da parte del medico richiedente. 6

7 Pagina 7 di 34 Il prodotto dell accettazione informatica del paziente è una scheda detta FOGLIO DI PRELIEVO che contiene le seguenti informazioni: dati anagrafici dell'utente (nome e cognome, indirizzo, data di nascita, sesso, codice fiscale) codice numerico univoco attribuito al paziente data del prelievo e/o consegna campione biologico-microbiologico indicazione del primo giorno utile per il ritiro del referto le etichette con il codice attribuito al paziente in forma numerica e di codice a barre. Queste etichette apposte sulle provette di prelievo consentono la lettura ottica da parte degli strumenti di laboratorio e l identificazione univoca del paziente, indicazione del codice di esenzione o del ticket da pagare al personale amministrativo dell accettazione o all ufficio cassa che firma per ricevuta e/o rilascia una fattura. Se la prescrizione medica non è avvenuta impiegando l impegnativa regionale (ricetta rossa del SSN) il paziente viene avvertito dell'obbligo di pagamento di tutte le prestazioni richieste ed effettuate, come da Tariffario Regionale, vedi link su sito web Laboratorio Analisi. L utente può richiedere che i referti siano spediti a domicilio, previo pagamento delle spese di spedizione postale corrispondenti a euro 0,80. b) Personale addetto ai prelievi: di norma i prelievi vengono effettuati in postazioni presidiate da un Medico del Laboratorio e da Infermieri Professionali (in parte provenienti dai Poliambulatori), assistiti da Operatori Tecnici o Ausiliari Socio-Sanitari Specializzati, che hanno anche compiti di ricezione dei campioni prelevati in sedi convenzionate (case di riposo, prelievi domiciliari etc ). Il Medico ha anche il compito di coordinare l'attività del personale, di interpretare le richieste dubbie eventualmente contattando telefonicamente il Medico richiedente, di ottenere dal paziente le informazioni clinico-anamnestiche (quando necessarie) e di fornire eventuali informazioni richieste dall'utente. Il Medico ha la responsabilità diretta dell'esecuzione dei test dinamici. Tutto il personale dei Centri Prelievo può essere identificato dal cartellino di riconoscimento con cognome, nome e qualifica. Tutto il personale è tenuto a segnalare i disguidi o l errata applicazione di procedure e norme secondo quanto riportato nella procedura specifica (Gestione delle non conformità) 6. PRECEDENZE DI ACCESSO Vengono assegnate a: condizioni fisiche che richiedono tempi brevi di attesa 7

8 Pagina 8 di 34 bambini fino a 10 anni (l accesso al prelievo quale procedura medica invasiva è regolato dalle normative vigenti in materia di potestà genitoriale. Il genitore ccompagnando il minore esprime la volontà di compiere l atto medico). utenti che debbano eseguire prove funzionali che richiedono prelievi successivi a distanza di tempo (curve etc ) dipendenti dell ospedale in servizio per i controlli aziendali. 7. MODALITÀ DI ACCESSO AL PRELIEVO Gli utenti, una volta prelevato il numero di accesso tramite numeratore sequenziale, prendono posto sulle sedie disponibili in sala d attesa, e controllano il tabellone luminoso dei numeri situato al di sopra della porta d ingresso dell accettazione esterni. Ogni segretaria dispone di una pulsantiera, collegata con il distributore di numeri. Le chiamate numeriche che regolano l accesso all ambulatorio prelievi sono segnalate da un segnale acustico e da uno luminoso nelle sedi di Arzignano e Valdagno; sono regolate dal numero di accettazione cartaceo nelle sedi di Lonigo e Montecchio. 8. ACCESSO ALLA SEGRETERIA ACCETTAZIONE AMMINISTRATIVA L Accettazione Amministrativa ha tre sportelli per ciascuna sede, identificati da cartelli numerati da 1 a 3. Quando sul tabellone luminoso esterno appare il numero corrispondente l utente accede allo sportello indicato. Il personale amministrativo provvede all accettazione su LIS (Sistema Informatico di Laboratorio) e consegna al paziente la cartella contenente la seguente documentazione: impegnativa e foglio di prelievo (vedi esempio riportato di seguito). Il foglio di prelievo è diviso in due parti: la prima metà del foglio di prelievo contiene le etichette con codice a barre da apporre sulla/e provetta/e e/o contenitori specifici, che il paziente dovrà consegnare al personale della sala prelievo; la seconda contiene tutti i dati relativi al paziente e all accettazione degli esami e viene consegnata all utente con funzione di documento per il ritiro dei risultati e ricevuta di avvenuto pagamento se effettuato contestualmente all accettazione; se il paziente non paga al momento dell accettazione, dovrà recarsi all ufficio cassa più vicino o alla cassa automatica. 8

9 Pagina 9 di 34 9

10 9. PRELIEVO Pagina 10 di 34 Il paziente, terminata l accettazione amministrativa, si presenta all operatore tecnico che: verifica il nome ed il cognome chiedendolo all utente; appone le etichette sulle provette da prelevare e sugli altri materiali eventualmente già raccolti dal paziente in idonei contenitori. Nel caso in cui l utente non abbia portato un campione richiesto (urine o altro materiale biologico) o questo non sia idoneo, fornisce il recipiente idoneo, le informazioni per la raccolta e la consegna del materiale (brochure informative disponibili e diffuse nei punti prelievo) allegato n 2 Il Laboratorio fornisce GRATUITAMENTE i contenitori idonei alla raccolta di campioni di materiali biologici vari. Contenitori non idonei non sono accettati. Al personale ausiliario e non, addetto all accettazione compete la prima fase di controllo del materiale biologico raccolto al fine di ridurre al minimo la percentuale di campioni NON CONFORMI. Una seconda fase di controllo avviene poi nelle sedi di analisi a d opera del personale tecnico. I criteri di accettabilità di ciascun campione biologico sono strettamente dipendenti dal tipo di analisi richiesta e sono specificati nelle relative procedure analitiche per esame e in termini generali per tipologia e caratteristiche di provetta e contenitore nella procedura di accettazione dei campioni biologici disponibile nel settore di accettazione. La registrazione delle NON CONFORMITA avviene tramite sistema informatico di laboratorio (LIS- lmx) al fine di garantire nel tempo la tracciabilità del campione. se previsto dalla tipologia di esami richiesti, consegna apposita modulistica per la raccolta dei dati anamnestici specifici necessari all esecuzione e/o interpretazione dei risultati dei test (modulistica per la raccolta dei dati anamnestici in allegato n 3 ). fa accomodare il paziente in attesa del prelievo. 10

11 Pagina 11 di 34 Il medico o l infermiere addetti al prelievo di sangue o altro: pone il laccio emostatico al braccio individua e disinfetta la sede di prelievo più idonea prepara ago e holder alla presenza dell interessato esegue il prelievo elimina l holder e l ago agganciato nell apposito contenitore senza manovre di sganciamento dell ago; se è stata utilizzata una siringa anche questa viene eliminata integra in conformità alle normative e secondo quanto riassunto dalla procedura aziendale per il corretto smaltimento dei rifiuti. 9.A GESTIONE PERSONE CON FEDE RELIGIOSA DIVERSA. Negli Ambulatori Prelievi del Laboratorio di Patologia Clinica e in quelli gestiti dal Distretto e dalle UTAP si eseguono prelievi venosi e arteriosi che implicano minima invasività e non comportano problemi legati a credenze religiose. Ai pazienti è comunque concesso, se richiesto, di farsi accompagnare da un familiare. In caso di richieste di: tamponi uretrali maschili. Il prelievo microbiologico è eseguito da un medico di sesso maschile. tamponi uretrali femminili, vaginali o cervicali. L esecuzione del prelievo è fatta da personale del Centro Donna di Montecchio Maggiore o dell UOC di Ostetricia e Ginecologia di Valdagno e Lonigo. 10. FASE POST PRELIEVO Una volta eseguito il prelievo, si raccomanda al paziente di esercitare un adeguata pressione con il cotone sulla sede della puntura venosa per 5-10 e di non piegare il braccio. Su richiesta dell Utente o qualora lo si ritenga necessario, si fissa il cotone con un cerotto. Si consegna, su richiesta dell interessato, una dichiarazione firmata dal medico che certifica la presenza dell utente presso il centro prelievi come giustificativa per il datore di lavoro ( allegato n 4) Se il procedimento di prelievo non ha causato particolari problemi, il paziente è invitato ad accomodarsi in sala attesa per permettere l accesso al paziente successivo. È comunque possibile 11

12 Pagina 12 di 34 per il paziente che ha già eseguito il prelievo fermarsi nella zona dotata di sedie finchè lo ritiene opportuno. 11. PRELIEVI PEDIATRICI DIFFICILI Si intendono i prelievi richiesti in bambini di pochi giorni di vita che presentano particolari difficoltà a reperire un accesso venoso. In questi casi il personale del Centro Prelievi, d intesa con il medico del Laboratorio, se necessario contatta telefonicamente il Servizio di Pediatria dell Ospedale e concorda le modalità per l invio del piccolo paziente. In questo caso, il personale del Centro Prelievi appone le etichette identificative con codice a barre su idonee provette che sono consegnate agli accompagnatori del bambino. Questi sono istruiti a riconsegnare le provette al Laboratorio Analisi una volta raccolti i campioni necessari. 12. RACCOMANDAZIONI GENERALI DA SEGUIRE PRIMA DEL PRELIEVO O DELLA RACCOLTA DEL CAMPIONE BIOLOGICO Evitare nei giorni che precedono il prelievo attività fisica intensa e quanto più possibile situazioni di stress. Anche se non strettamente necessario per tutte le determinazioni emato-chimiche, non assumere cibo per almeno 8 ore prima del prelievo. La composizione del pasto che precede il digiuno deve essere quella abituale, evitando eccessi e restrizioni particolari. L'assunzione di acqua è consentita. Nelle ore precedenti il prelievo evitare il fumo. Concordare con il medico di famiglia l'eventuale sospensione di farmaci prima del prelievo. Raggiungere il Centro Prelievi non deve comportare per il soggetto uno sforzo fisico eccessivo. Il paziente rimane seduto in sala d'attesa del Centro dal momento del ritiro del numero progressivo di accesso al momento in cui il proprio numero compare sui tabelloni luminosi. La preparazione del paziente, le specifiche modalità di esecuzione dei prelievi e le raccomandazioni per l'esecuzione di test dinamici particolari sono descritte nel paragrafo seguente modalità di raccolta campioni biologici vari. 13. MODALITÀ DI RACCOLTA CAMPIONI BIOLOGICI VARI Esame standard delle urine Il campione di urina deve essere raccolto in provette che si ritirano gratuitamente presso il Centro Prelievi. 12

13 Pagina 13 di 34 In occasione della prima minzione del mattino (quella che precede immediatamente l'inizio della attività quotidiana) raccogliere una quantità di urina in un bicchiere di carta e trasferirla nella provetta fino quasi a riempirla ( vedi allegato n 2 ). Se non portato da casa, il campione può essere raccolto presso i servizi igienici situati all'interno dei Centri Prelievi in prossimità della sala d'attesa. Il laboratorio non accetta campioni raccolti in contenitori destinati ad altro uso, anche se accuratamente lavati. Raccolta delle urine delle 24 ore Eliminare l'urina della prima minzione e annotare l ora. Raccogliere tutte le urine emesse nelle successive 24 ore avendo cura di far corrispondere l ultima raccolta all ora annotata il giorno precedente). I contenitori devono essere conservati dall'inizio della raccolta tappati e in luogo fresco. Se per un motivo qualsiasi una parte di urine va perduta, la raccolta deve essere iniziata di nuovo. Il risultato finale dell esame dipende in modo determinante dal volume del campione (vedi allegato n 2) I contenitori per la raccolta possono essere acquistati in farmacia o ritirati gratuitamente presso i Centri Prelievo. Raccolta delle urine delle 24 ore con aggiunta di conservanti Alcuni test particolari Catecolamine, Acido Vanilmandelico, Acido 5-Idrossiindolacetico, Calcio e Fosforo urinari, ecc... richiedono la raccolta e la conservazione delle urine in contenitori ( forniti sempre dal personale del Centro Prelievi) nei quali è presente ai fini della conservazione del liquido biologico per l esame un idoneo conservante (ad es l acido cloridrico concentrato) ( vedi allegato n 2). Queste sostanze sono pericolose per contatto e/o ingestione e/o per inalazione. La provetta consegnata riporta i simboli di pericolo e di sicurezza previsti dalla normativa. Raccolta delle urine seconda minzione Eliminare l urina della prima minzione del mattino e raccogliere un campione della minzione successiva nell apposita provetta ( vedi allegato n 2). 13

14 Raccolta delle urine per esami microbiologici Pagina 14 di 34 Le modalità per la raccolta dei materiali per esami microbiologici vari sono contenute nelle indicazioni fornite con apposita modulistica ( vedi allegato n 2). Raccolta delle feci per la ricerca del sangue occulto Il paziente deve approvvigionarsi presso il Centro Prelievi del contenitore idoneo per la raccolta del campione, che deve essere mantenuto dopo il campionamento ad una temperatura di frigorifero, tra 4 e 8 C. Insieme al contenitore l utente ricev e un foglio di istruzioni riportante in dettaglio le modalità di raccolta del campione ( vedi allegato n 2). Le operazioni possono essere così sintetizzate: immergere in tre punti del campione di feci il bastoncino collegato al tappo in modo da sporcarne la superficie e riposizionare il bastoncino nel contenitore, chiudere ed agitare in modo che il liquido assuma un colore chiaro tipico delle feci. Conservare il contenitore in frigorifero e consegnare il giorno seguente al punto prelievi. Terapia Anticoagulante Orale (TAO) Presso il laboratorio analisi dell Ospedale di Arzignano è attivo un servizio di sorveglianza della Terapia Anticoagulante Orale (Centro 282 della Federazione Centri Sorveglianza Anticoagulanti) in cui oltre alla determinazione del PT-INR viene fornita consulenza specialistica previo consenso scritto del paziente e impegnativa compilata dal Medico di Medicina Generale con l indicazione: prima visita ematologia. Si fornisce inoltre ai pazienti documentazione divulgativa per la gestione della terapia (vedi allegato n 5). La presa in carico del paziente che desidera essere seguito è responsabilità del medico di turno al Servizio e prevede la raccolta di informazioni anamnestiche del paziente. Il paziente che accede a tale servizio esegue il prelievo per la determinazione dell INR su appuntamento; dopo circa un ora dal prelievo il medico del centro TAO sulla base del risultato dell esame indica al paziente lo schema posologico del farmaco anticoagulante da seguire o comunica la data dell appuntamento successivo. 14. PROVE FUNZIONALI OGTT (CURVA DA CARICO ORALE DI GLUCOSIO) 14

15 Significato clinico Pagina 15 di 34 Eseguito in soggetti a rischio per malattia diabetica ha lo scopo di studiare la risposta funzionale del pancreas endocrino. Pertanto non trova utilità nei casi di glicemia a digiuno superiore a 140 mg/dl, essendo già questi valori diagnostici per il diabete mellito. Preparazione del paziente 1. Nei tre giorni precedenti al test viene consigliata una dieta contenente il 50-60% di carboidrati (almeno 150 gr/die). 2. E consigliata la sospensione (nei tre giorni precedenti) dei farmaci che possano interferire col test: contraccettivi orali, corticosteroidi, salicilati, acido nicotinico, diuretici, caffeina, agenti ipoglicemizzanti (insulina, sulfaniluree), psicofarmaci (dintoina, antidepressivi triciclici, fenotiazine). 3. Viene consigliato di evitare lo stress, l attività fisica ed il fumo subito prima e durante l esecuzione del test. 4. Il test viene sempre eseguito esclusivamente al mattino con paziente a digiuno dalla sera precedente. Modalità di esecuzione 1. Prelievo per la determinazione della glicemia basale su plasma in provetta da 2ml con fluoruro di sodio e ossalato di potassio-tappo grigio (vedi tabella colore provette in allegato alla Procedura di Accettazione campioni e vademecum Esami di Laboratorio). 2. Somministrazione per os di 75 g di GLUCOSIO negli adulti (1,75 g/kg nei bambini e in soggetti defedati), pari ad un flacone da 250 ml di soluzione glucosata aromatizzata (vedi tabella g glucosio vs ml soluzione glucosata) L OGTT è comparabile al carico glucidico di un pasto normale. 75 g di glucosio apportano circa 300 cal. che in rapporto ad un introito giornaliero di 2000 calorie, rappresentano solo il 15% delle calorie totali. Le raccomandazioni dei dietologi evidenziano che il 40% delle calorie dovrebbe essere assunto a colazione (~800 calorie). Se il 50% è rappresentato da carboidrati (~400 calorie), l OGTT da 75 g ne copre solo ¾. 3. Si esegue il secondo prelievo a 120 minuti con la medesima provetta. grammi ml grammi ml glucosio soluzione glucosio soluzione 15

16 glucosio 50g glucosio 75g Pagina 16 di 34 Interferenze sui risultati della OGTT 16

17 Pagina 17 di Turbe dell assorbimento intestinale, scarsa attività fisica, stress, ciclo ormonale. 2. Farmaci: contraccettivi orali, corticosteroidi, salicilati, acido nicotinico, diuretici, caffeina, agenti ipoglicemizzanti (insulina, sulfaniluree), psicofarmaci (dintoina, antidepressivi triciclici, fenotiazine). 3. Malattie infettive intercorrenti, traumi, cirrosi, pancreatite acuta, carcinoma del pancreas, insufficienza renale, anomalie ormonali (ormoni tiroidei, cortisolo, catecolamine, GH). Effetti collaterali In rari casi è possibile che il paziente non tolleri il carico di glucosio e manifesti nausea e/o vomito. In tal caso la curva da carico è interrotta e si inserisce un commento al posto del risultato alla seconda ora. Valori di riferimento per l interpretazione dei risultati della OGTT Valori normali: Alterata tolleranza: Valore basale < a 100 mg/dl. Valore a 120 min dal carico < a 140 mg/dl. Valore basale compreso tra 100 e 125 mg/dl. Valore a 120 min dal carico compreso tra 140 e 199 mg/dl. Diabete mellito: Valore basale > a 126 mg/dl. Valore a 120 min dal carico > a 200 mg/dl. Documento di riferimento: Diagnosis and Classification of Diabetes Mellitus; 2006, Diabetes Care. OGTT(CURVA DA CARICO ORALE DI GLUCOSIO) IN GRAVIDANZA I criteri per l esecuzione della curva da carico orale in gravidanza sono aderenti al Protocollo integrato diabetologi/ginecologi/medici di medicina generale sul diabete gestazionale. Alla prima visita in gravidanza deve essere valutata la presenza di un diabete manifesto mediante la determinazione della glicemia a digiuno: il riscontro ripetuto in due occasioni di un valore glicemico a 126 mg/dl permette di porre diagnosi di diabete manifesto la diagnosi di diabete manifesto può avvenire anche mediante l esecuzione di una glicemia random ( eseguita in qualsiasi momento della giornata ). Il riscontro di un valore glicemico 200 mg/dl, permette di porre diagnosi di diabete manifesto, dopo conferma con glicemia a digiuno 126 mg/dl 17

18 DIAGNOSI DI DIABETE MANIFESTO IN GRAVIDANZA Pagina 18 di 34 Glicemia a digiuno ( FPG ) Glicemia random ( RPG ) 126 mg/dl (7,0 mmol/l) 2 riscontri 200 mg/dl ( 11.1 mmol/l ) da riconfermare con glicemia a digiuno 126 mg/dl Se il valore della glicemia alla prima visita in gravidanza risulta 92 mg/dl (5,1 mmol/l) e < 126 mg/dl (7,0 mmol/l) si pone diagnosi di Diabete Gestazionale. Tutte le gestanti con glicemia a digiuno alla prima visita < 92 mg/dl e/o senza precedente diagnosi di diabete manifesto, indipendentemente dalla presenza di eventuali fattori di rischio per diabete gestazionale, devono eseguire un carico orale di glucosio (OGTT) tra la 24 e la 28 settimana di gestazione. L OGTT dovrà essere eseguito con 75 grammi di glucosio e prelievi venosi ai tempi 0, 60 e 120 per la determinazione della glicemia su plasma. Si pone diagnosi di GDM quando uno o più valori risultano uguali o superiori a quelli soglia. Diagnosi di Diabete Gestazionale mediante OGTT da eseguire alla 24ª - 28ª settimana Glicemia Valori soglia di concentrazioni di glucosio mg/dl mmol/l FPG ora PG ora PG

19 Pagina 19 di 34 Le gestanti con diagnosi di diabete manifesto devono essere prontamente avviate ad un monitoraggio metabolico intensivo, così come raccomandato per il diabete pre gestazionale. Le donne affette da diabete gestazionale dovranno rivalutare la tolleranza glucidica mediante OGTT ( 2 ore 75 grammi ) a distanza di 8 12 settimane dal parto. Il percorso per lo screening e la diagnosi del diabete gestazionale ed il successivo monitoraggio delle donne affette sia da diabete manifesto che gestazionale, devono essere eseguiti da un team multidisciplinare che veda coinvolti le diverse figure professionali interessate, secondo protocolli di gestione condivisa. OGTT NEL BAMBINO Per l'esecuzione di questo test nel bambino è necessario il digiuno da ore; può essere assunta una modica quantità di acqua. Nei tre giorni precedenti, il paziente deve svolgere attività fisica normale e assumere una dieta normale con almeno 150 grammi di carboidrati. Ogni terapia che influenzi il bilancio glucidico deve essere, se possibile, interrotta (solo dopo aver consultato il medico curante). Non devono essere in atto processi infiammatori acuti. 2) Si somministrano 1,75 grammi di glucosio per Kg di peso fino ad un massimo comunque di 75g corrispondente alla soluzione pronta utilizzata per gli adulti. 3) Si raccoglie un campione di sangue dopo 120 minuti dal carico. CURVA INSULINEMICA Significato clinico Stati prediabetici Diabete di tipo I Diabete di tipo II Insulinoma Obesità Iperrisposta con ritardo di raggiungimento del picco massimo. Ipoincrezione insulinica sia di base che dopo stimolo. Risposta normale ma raggiungimento tardivo del picco massimo. Iperincrezione episodica ma non stimolo-dipendente. Iperrisposta insulinica al carico orale di glucosio. Preparazione del paziente Le modalità di preparazione sono le medesime della curva da carico orale con 75 g di glucosio 19

20 Modalità di esecuzione Pagina 20 di Prelievo per la determinazione della glicemia e insulina basali su plasma e siero. 2. Somministrazione per os di 75 g di GLUCOSIO, negli adulti (1,75 gr/kg nei bambini), pari ad un flacone da 250 ml di soluzione glucosata aromatizzata. 3. Si esegue un secondo prelievo a 120 minuti per glucosio e insulina. Interferenze 1. Turbe dell assorbimento intestinale, scarsa attività fisica, stress, ciclo ormonale. 2. Farmaci: contraccettivi orali, corticosteroidi, salicilati, acido nicotinico, diuretici, caffeina, agenti ipoglicemizzanti (insulina, sulfaniluree), psicofarmaci (dintoina, antidepressivi triciclici, fenotiazine). 3. Malattie infettive intercorrenti, traumi, cirrosi, pancreatite acuta, carcinoma del pancreas, insufficienza renale, anomalie ormonali (ormoni tiroidei, cortisolo, catecolamine, GH). Valori di riferimento Nel referto non sono indicati valori di riferimento. Il risultato deve esser valutato in rapporto al singolo caso clinico. GLICEMIA POSTPRANDIALE Significato clinico Il test è difficilmente standardizzabile, di scarso significato clinico e dà limitate informazioni. È di solito richiesto in rare situazioni, ad esempio quando non è stato possibile eseguire una curva da carico completa per intolleranza al carico orale. 1. Assunzione di un pasto con almeno 100 g di carboidrati, 30 g di proteine e 30 g di lipidi. 2. Si esegue un prelievo (in provetta da 2 ml con tappo grigio) due ore dopo la fine del pasto; un ora nella donna in gravidanza. RENINA E ALDOSTERONE IN ORTO ED IN CLINOSTATISMO E TEST AL CAPTOPRIL Significato clinico 20

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA 1 2 Compito laboratori clinici FORNIRE: Informazioni clinicamente utili per la diagnosi,la terapia il monitoraggio e la

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 5 luglio 2011. Unità Operativa di Laboratorio Analisi

Carta dei Servizi rev. 2 del 5 luglio 2011. Unità Operativa di Laboratorio Analisi Carta dei Servizi rev. 2 del 5 luglio 2011 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Direttore: dott. Marco Caputo Coordinatore: Graziella

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE AGLI ESAMI E MODALITA DI PRELIEVO

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE AGLI ESAMI E MODALITA DI PRELIEVO OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE AGLI ESAMI E MODALITA DI PRELIEVO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE E MODALITÀ DI PRELIEVO L esecuzione del prelievo del sangue richiede generalmente un digiuno standard

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE

PIANO ATTUATIVO LOCALE REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE Allegato n 2 Ambulatorio infermieristico Servizio Aziendale Professioni Sanitarie dr.ssa Agnese Barsacchi ASL RIETI AMBULATORIO

Dettagli

Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto

Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto U.O.C. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche Via Circonvallazione. 1-37047 San Bonifacio (VR) Tel: 045 6138471 - Fax: 045 6138047 E-mail:

Dettagli

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO Il corretto comportamento del paziente prima di un esame di laboratorio contribuisce in modo importante all'accuratezza diagnostica della procedura. Viceversa, il

Dettagli

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Medicina dell Ospedale di Asiago fa parte del Dipartimento di area medica. Si trova al piano terra e

Dettagli

Titolo della relazione: Ruolo dell infermiere professionale nella testistica" (*) Relatore: Babini Elide ( ), UOS Endocrinologia ASL Ravenna

Titolo della relazione: Ruolo dell infermiere professionale nella testistica (*) Relatore: Babini Elide ( ), UOS Endocrinologia ASL Ravenna 1 CONVEGNO AME EMILIA-ROMAGNA, 15 MAGGIO 2010 III Sessione: Incidentaloma surrenalico: problemi aperti Titolo della relazione: Ruolo dell infermiere professionale nella testistica" (*) Relatore: (*) limitatamente

Dettagli

MANUALE. CENTRO PRELIEVI Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata. Presidio Santa Maria Via San Giovanni in Laterano, 153

MANUALE. CENTRO PRELIEVI Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata. Presidio Santa Maria Via San Giovanni in Laterano, 153 U.O.S.D. Centro Prelievi Responsabile: Dott.ssa Maria Gloria Giuliani MANUALE CENTRO PRELIEVI Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Presidio Santa Maria Via San Giovanni in Laterano, 153 Rev. Data

Dettagli

I SERVIZI DEL LABORATORIO DI ANALISI C.S. LABORATORI ASSOCIATI SRL GUIDA TASCABILE PER L UTENTE

I SERVIZI DEL LABORATORIO DI ANALISI C.S. LABORATORI ASSOCIATI SRL GUIDA TASCABILE PER L UTENTE I SERVIZI DEL LABORATORIO DI ANALISI C.S. LABORATORI ASSOCIATI SRL GUIDA TASCABILE PER L UTENTE La nostra organizzazione è orientata ai bisogni dei propri clienti con l obiettivo di fornire prestazioni

Dettagli

Ruolo dell'infermiere in un ambulatorio di MMG

Ruolo dell'infermiere in un ambulatorio di MMG VII Congresso Nazionale AME/ANIED 10 novembre 2012, Roma Relatore: Maria Cristina Barion 1. Evoluzione dell organizzazione della MG 2. La realtà del comune di Cumiana (TO) 4. Competenze necessarie 5. Conclusione

Dettagli

studio di diagnosi medica Carta dei Servizi viale regina margherita 270, 00198 roma tel 06/44.23.12.21 r.a. fax 06/44.02.581

studio di diagnosi medica Carta dei Servizi viale regina margherita 270, 00198 roma tel 06/44.23.12.21 r.a. fax 06/44.02.581 studio di diagnosi medica Carta dei Servizi viale regina margherita 270, 00198 roma tel 06/44.23.12.21 r.a. fax 06/44.02.581 e-mail: info@sdmroma.it studio di diagnosi medica 2 Lo Studio di Diagnosi Medica

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PREPARAZIONE DEL PAZIENTE 1. PRELIEVO VENOSO STANDARD E'necessario eseguire il prelievo a digiuno da almeno 12 ore; nei giorni precedenti fare una dieta equilibrata, non eseguire sforzi fisici od attività

Dettagli

PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI

PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI La fornitura di apparecchi, presidi e dispositivi per pazienti diabetici è disciplinata dall art.

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 08

PROTOCOLLO OPERATIVO 08 PAG.1 DI 10 Rev. Data Redatto ed Elaborato Approvato Firma Dr.Giancarlo Casolo Direttore U.O.C. Cardiologia e Responsabile TAO 0 20/06/2011 Dr. Francesco Vivaldi Responsabile centro TAO Dr.Roberto Diodati

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

IL NUOVO PROTOCOLLO REGIONALE DI ACCESSO AGLI ESAMI DI LABORATORIO E STRUMENTALI PER LA GRAVIDANZA FISIOLOGICA

IL NUOVO PROTOCOLLO REGIONALE DI ACCESSO AGLI ESAMI DI LABORATORIO E STRUMENTALI PER LA GRAVIDANZA FISIOLOGICA REGIONE TOSCANA Allegato a) CONSIGLIO SANITARIO REGIONALE IL NUOVO PROTOCOLLO REGIONALE DI ACCESSO AGLI ESAMI DI LABORATORIO E STRUMENTALI PER LA GRAVIDANZA FISIOLOGICA Le proposte e le indicazioni che

Dettagli

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI Pg 1/ 10 MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI Redazione Verifica Approvazione Data Funzione Visto Data Funzione

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Ospedale Guglielmo da Saliceto

Ospedale Guglielmo da Saliceto Ospedale Guglielmo da Saliceto Laboratorio Analisi BIOCHIMICA MICROBIOLOGIA (EDIZIONE Aprile 2014) INDICE 1. PRESENTAZIONE DEL LABORATORIO ANALISI 2. CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 2.1. MODALITÀ DI ACCESSO

Dettagli

NOTE INFORMATIVE SULLA MODALITÀ DI RACCOLTA DEI MATERIALI BIOLOGICI A SCOPO ANALITICO E PREPARAZIONE DEL PAZIENTE

NOTE INFORMATIVE SULLA MODALITÀ DI RACCOLTA DEI MATERIALI BIOLOGICI A SCOPO ANALITICO E PREPARAZIONE DEL PAZIENTE OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS Congregazione delle Mantellate Serve di Maria di Pistoia Ente Ecclesiastico giuridicamente riconosciuto con R.D. 12-1-1933 Via Terraglio 114, 30174 Mestre Venezia Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C.

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C. Pagina 1 INDICE SCOPO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI MEDICINA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI LUNGODEGENZA RIABILITATIVA DATA PROSSIMA REVISIONE FEBBRAIO 2011 SCOPO Fornire al cittadino uno strumento chiaro e

Dettagli

Studio Analisi Ippocrate S.r.l.

Studio Analisi Ippocrate S.r.l. Carta Servizi Studio Analisi Ippocrate S.r.l. Laboratorio di Analisi di: Chimica Clinica Microbiologia Immunometria Ematologia Sistema di Gestione Qualità ISO 9001: 2008 Certificato n 6408 2 revisione-

Dettagli

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia Protocollo Aziendale Catena di Custodia Data emissione: 08/06/15 Revisione: 01 Responsabile: Dr. Stefano Venarubea Pag. 0 di 7 Pag. 1 di 7 1.1 Introduzione Il prelievo del campione è il primo passo della

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE.

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PREMESSE. 1) Il progressivo sviluppo delle conoscenze e delle tecniche assistenziali

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE MANUALE PER IL PAZIENTE A cura di Dr. Rosa Rubino Dr. Carla Lombardo P.O. Mazara del Vallo

Dettagli

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Azienda USL Ferrara L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Bo 13 aprile 2007 Mauro Manfredini Composizione Commissione Provinciale

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI DEL REPARTO

GUIDA AI SERVIZI DEL REPARTO CHI SIAMO Il laboratorio rappresenta un importante punto d integrazione tra cittadino utente, il territorio e l Ospedale, in grado di differenziare la sua attività in base alle diverse intensità di cure

Dettagli

F.C.S.A. VADEMECUM F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI

F.C.S.A. VADEMECUM F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI F.C.S.A. FEDERAZIONE CENTRI SORVEGLIANZA ANTICOAGULATI VADEMECUM PER IL PAZIENTE IN TRATTAMENTO CON ANTICOAGULANTI

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

Centro Allergie Alimentari

Centro Allergie Alimentari AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA Dipartimento ad Attività Integrata Sperimentale (DAIS) per la Salute della Donna e del Bambino Dipartimento di Pediatria Salus Pueri Centro Allergie Alimentari

Dettagli

istruzioni per l utente che deve sottoporsi al prelievo di sangue:

istruzioni per l utente che deve sottoporsi al prelievo di sangue: COME PREPARARSI AL PRELIEVO EMATICO istruzioni per l utente che deve sottoporsi al prelievo di sangue: -deve essere a digiuno da 8-14 ore; è consentito bere acqua in quantità limitata; per i pazienti con

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

- che il Decreto Legislativo 19 giugno 1999, n.229 prevede che il Servizio Sanitario

- che il Decreto Legislativo 19 giugno 1999, n.229 prevede che il Servizio Sanitario 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 CONTRATTO PER L ESECUZIONE DI PRELIEVI EMATICI E MICROBIOLOGICI ED IL RITIRO DI CAMPIONI BIOLOGICI GIORNALIERI DA PARTE DEL LABORATORIO

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

U.O.C. Medicina di Laboratorio ISTRUZIONE OPERATIVA

U.O.C. Medicina di Laboratorio ISTRUZIONE OPERATIVA U.O.C. Medicina di Laboratorio ISTRUZIONE OPERATIVA Gestione Ambulatorio! " # $$ %&'(&'%($)! ** # , 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE 2. MODALITÀ OPERATIVE 2.1 Accettazione del paziente 2.1.1 Accettazione

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET Per sicurezza e precisione Ci impegniamo per agevolare la vita di pazienti e partner. Tramite idee innovative, consigli e servizi. Werner Trenker,

Dettagli

Raccolta dell espettorato per la coltura, l esame citologico e/o ricerca del BK microscopico.

Raccolta dell espettorato per la coltura, l esame citologico e/o ricerca del BK microscopico. CAMPIONI BIOLOGICI ESPETTORATO Raccolta dell espettorato per la coltura, l esame citologico e/o ricerca del BK microscopico. Raccogliere il campione nel seguente modo in apposito contenitore sterile da

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

B R E O IO TR N EN ITAR C SAN IO D C SO O L A

B R E O IO TR N EN ITAR C SAN IO D C SO O L A B R E N D O L A CENTRO SOCIOSANITARIO Brendola CENTRO SOCIOSANITARIO BRENDOLA TRE INSIEME ATTORI I medici di Brendola, lungo il percorso di collaborazione instauratosi da anni, sono giunti alla determinazione

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

MANUALE INFORMAZIONE UTENTI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI. & schede esami speciali

MANUALE INFORMAZIONE UTENTI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI. & schede esami speciali Manuale Utenti e Schede prelievo Pg 1/ 29 MANUALE INFORMAZIONE UTENTI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI & schede esami speciali Redazione Approvazione

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

Protocollo 2 : Curva Glicemica 75 g

Protocollo 2 : Curva Glicemica 75 g Protocollo 1 : TSH Reflex TSH Reflex TSH TSH < 0.45 μu/ml 0.45 μu/ml TSH 3.50 μu/ml TSH > 3.50 μu/ml FT4 AbTPO FT4 FT4 1.70ng/dl FT4 > 1.70 ng/dl AbATPO < 34 UI/ml AbATPO 34 UI/ml FT3 Ab ATG In caso di

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test? Cosa misura il Quantiferon test? Quali informazioni si ottengono con il Quantiferon test?

QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test?    Cosa misura il Quantiferon test? Quali informazioni si ottengono con il Quantiferon test? QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test? Il Quantiferon TB-2G è un test che si esegue su sangue venoso utile per: la diagnosi differenziale fra tubercolosi polmonare attiva ed infezione da micobatteri

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Casa di Cura HERMITAGE CAPODIMONTE spa

Casa di Cura HERMITAGE CAPODIMONTE spa Esami E del sangue E necessario il digiuno dopo un pasto serale leggero. E consentito bere acqua. Il digiuno deve essere di almeno 14-18 ore per il dosaggio di colesterolo e trigliceridi. Curva glicemica

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

GES.L.AN. S.r.l. Laboratorio di Analisi Cliniche

GES.L.AN. S.r.l. Laboratorio di Analisi Cliniche GES.L.AN. S.r.l. Laboratorio di Analisi Cliniche Via Adige n 41-03100 Frosinone Telefono: 0775-85.41.11 Fax: 0775-21.13.11 Web: www.geslan.it E-mail: labgeslanfr@inwind.it P. IVA: 00168020600 AUTORIZZAZIONE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

La Cartella Clinica. Informatizzata

La Cartella Clinica. Informatizzata La Cartella Clinica Informatizzata Caratteristiche del software Vantaggi incredibile semplicità d uso grafica efficace e divertente testo, immagini, filmati, grafici sicuro, potente e veloce buona scalabilità

Dettagli

gratuita per alcune categorie:

gratuita per alcune categorie: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Vaccinazione antinfluenzale stagionale 2010-2011 l ASL organizza LA CAMPAGNA ANTINFLUENZALE in collaborazione con i Medici di Medicina Generale con inizio il giorno 2

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Approvato da: Direzione 06/08/2013

Approvato da: Direzione 06/08/2013 Carta dei Servizi Laboratorio Analisi GRAM s.a.s. Via San Giuseppe, 11 66050 San Salvo (CH) Tel./Fax 0873547743 e-mail: laboratorio.gram@libero.it p. I.V.A. 00270490691 Approvato da: Direzione 06/08/2013,

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Unità Operativa di Endoscopia Digestiva

Unità Operativa di Endoscopia Digestiva I NOSTRI IMPEGNI NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI Garanzia e tutela Il personale si impegna ad effettuare, a cadenze stabilite, la rilevazione della soddisfazione degli utenti e garantisce che i risultati delle

Dettagli

DAY SURGERY. Interruzione Volontaria di Gravidanza

DAY SURGERY. Interruzione Volontaria di Gravidanza DAY SURGERY Interruzione Volontaria di Gravidanza Interruzione Volontaria di Gravidanza (I.V.G.) A Niguarda si effettua l Interruzione Volontaria di Gravidanza (I.V.G.) con un percorso dedicato. L intervento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA. (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R. Veneto n. 18/2009)

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA. (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R. Veneto n. 18/2009) AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R. Veneto n. 18/2009) DAI PATOLOGIA E DIAGNOSTICA UOC LABORATORIO ANALISI du Borgo Roma CARTA dei SERVIZI del Laboratorio

Dettagli

La Carta del Servizio

La Carta del Servizio Dipartimento di Medicina di Laboratorio La Carta del Servizio il personale come usufruire del servizio Garanzia di Qualità Tutela e ascolto dei cittadini utenti per migliorare il servizio Il Policlinico

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto)

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) - 1 - Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo

Dettagli

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 INFERMIERE AREA CRITICA 16/12/2011 - Dott. G. Guastella - www.formatori.veneto.it 2

Dettagli

Ambulatorio di Cardiologia

Ambulatorio di Cardiologia Presidio Ospedaliero di Lugo Dipartimento Cardiovascolare U.O. di Cardiologia Ambulatorio di Cardiologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Lugo Dipartimento Cardiovascolare U.O. di Cardiologia Ambulatorio

Dettagli