PARAGRAFO RIVISTA DI LETTERATURA & IMMAGINARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARAGRAFO RIVISTA DI LETTERATURA & IMMAGINARI"

Transcript

1 PARAGRAFO RIVISTA DI LETTERATURA & IMMAGINARI

2 Paragrafo Rivista di Letteratura & Immaginari pubblicazione periodica coordinatore FRANCESCO LO MONACO Redazione FABIO CLETO, DANIELE GIGLIOLI, MERCEDES GONZÁLEZ DE SANDE, FRANCESCO LO MONACO, FRANCESCA PASQUALI, VALENTINA PISANTY, LUCA CARLO ROSSI, STEFANO ROSSO, AMELIA VALTOLINA Segreteria di Redazione STEFANIA CONSONNI Ufficio 211 Università degli Studi di Bergamo P.za Rosate 2, Bergamo - tel: / web: webmaster: VICENTE GONZÁLEZ DE SANDE La veste grafica è a cura della Redazione La responsabilità di opinioni e giudizi espressi negli articoli è dei singoli collaboratori e non impegna la Redazione Questo numero è pubblicato con il contributo del Dipartimento di Lettere, Arti e Multimedialità Università degli Studi di Bergamo ISBN Sestante Edizioni / Bergamo University Press Via dell Agro 10, Bergamo tel fax web: Stampato da Stamperia Stefanoni - Bergamo

3 Paragrafo IV (2008) Sommario INCONTRI 1. GIOVANNI SOLINAS, La critica tra dialogo e conflitto. Conversazione con Romano Luperini 9 FIGURE 2. NICCOLÒ SCAFFAI, Fortuna e sfortuna di un poeta editore. Inediti di Domenico Buratti 3. PAOLA DI MAURO, Da dandy. L intellettuale dada contro la guerra 4. GABRIELE BUGADA, La pazzia del tiranno. Ritratti di un potere bandito QUESTIONI 5. LUIGI MARFÉ, In viaggio con Erodoto. Appunti per una tipologia dell anti-turismo contemporaneo 6. GIANPAOLO IANNICELLI, Tra le crepe della memoria. Dinamiche e criticità del processo di trasmissione del passato STERNIANA 7. STEFANIA CONSONNI, Schemi di costruzione spaziale del tempo in Tristram Shandy 8. STEFANO A. MORETTI, Quell inquieto calesse. Deviazioni spaziotemporali in Laurence Sterne e Prosper Mérimée I COLLABORATORI DI QUESTO NUMERO NUMERI ARRETRATI

4 8 Stefano A. Moretti Quell inquieto calesse Deviazioni spaziotemporali in Laurence Sterne e Prosper Mérimée 1. Il buffone sull altalena Le parole, che l autore, come tutti gli autori, scriveva predicando da sé, furono frantese da due inglesi che andavano nel cortile considerando quell inquieto calesse. Ugo Foscolo, Viaggio sentimentale di Yorick lungo la Francia e l Italia, 1813 Se un turista esotico [ ] ce lo chiedesse, sarebbe arduo spiegare in breve la rapida e durevole fortuna europea del Viaggio Sentimentale. Così Giancarlo Mazzacurati apriva Il fantasma di Yorick, scritto sull eredità formale e filosofica del Viaggio Sentimentale di Laurence Sterne. 1 Se però quell esotico turista fosse un viaggiatore nel Tempo, proveniente dalla quarta o dalla quinta dimensione, forse sarebbe lui a spiegare che il mezzo che ha impiegato per raggiungerci è molto simile, se non identico, a quello che Yorick sceglie per compiere il suo viaggio attraverso la Francia e l Italia. Ma andiamo con ordine, cominciando come si conviene dalla Prefazione Un nuovo vecchio Veicolo 2 Una carrozza senza cavalli è l impossibile mezzo di trasporto di cui si serve 1 Giancarlo Mazzacurati, Il fantasma di Yorick, in Laurence Sterne, Un viaggio sentimentale, Napoli: Cronopio, 1991, II, pp ; ora in Id., Il fantasma di Yorick. Laurence Sterne e il romanzo sentimentale, Napoli: Liguori, 2006, pp Per alcuni suoi assunti fondamentali, il saggio di Mazzacurati è all origine di buona parte delle riflessioni che seguono. 2 Mantengo l uso sterniano della maiuscola per evidenziare il carattere astratto, quasi di categoria filosofica, che il termine veicolo assume in questo contesto. PARAGRAFO IV (2008), pp

5 164 / STEFANO A. MORETTI Yorick per intraprendere un viaggio inedito, sentimentale ; un viaggio introspettivo e retrospettivo, sobbalzante il primo inciampo è già nel matter better della prima frase per le strade della mente più che su quelle che attraversano le campagne francesi. 3 Non solo resoconto o memoria di un viaggio, ma viaggio esso stesso, indagine rivolta a sondare delicate questioni relative al Sé, il Viaggio sentimentale pone al vaglio della critica la possibilità stessa di comunicare le proprie emozioni e percezioni; comunicazione che seppur possibile sarà sempre e comunque traduzione, traslazione e trasporto di una materia tanto volatile e volubile da rischiare di dissolversi come una delicata pergamena al primo contatto con l aria. 4 Se è impossibile uscire da sé comunicando agli altri ciò che proviamo e pensiamo, impossibile è anche viaggiare, uscire dai propri confini, siano essi corporei o nazionali. Assunto paradossale, per dare avvio a un racconto di viaggio, eppure è questa la tesi che Yorick, riprendendo e in buona misura parodiando un sermone del vescovo Joseph Hall, 5 sembra sostenere nella celebre Prefazione scritta a viaggio e romanzo iniziato in una carrozza ferma nel cortile di un osteria di Calais. Non una carrozza qualsiasi, ma una vecchia désobligeante 6 abbandonata nell angolo più remoto della corte colpisce la fantasia e il capriccio di Yorick che trovandola in passabile armonia con il [suo] stato d animo decide di entrarvi per scrivere il suo viaggio. Serrandosi dentro la carrozza, tirando la tendina di taffeta nero per non 3 Yorick viaggiava in Francia, ma la strada incrociava spesso la sua mente, e le principali avventure non coivolgevano briganti o precipizi ma le emozioni del cuore. Virginia Woolf, The Sentimental Journey, in Id., The Common Reader, Second Series (1932), trad. it. di Vittoria Sanna, Il lettore comune. Seconda serie, Genova: il nuovo Melangolo, 1996, p Sull emblematico capitolo The Translation (il XXV secondo la numerazione del Foscolo) si vedano almeno Martin C. Battestin, A Sentimental Journey and the Syntax of Things, in J. C. Hilson, M. M. B. Jones e J. R. Watson (a cura di), Augustan Worlds: Essays in Honour of A. R. Humphreys, Leicester: Leicester University Press, 1978, pp (che definisce il Viaggio un libro di ostacoli e traduzioni d ogni genere ); Jean Jacques Mayoux, Laurence Sterne, in John Traugott (a cura di), Sterne: A Collection of Critical Essays, New York: Cliffs, 1968, p. 118 e Joseph Chadwick, Infinite Jest: Interpretation in Sterne s A Sentimental Journey, Eighteenth-Century Studies, 12:2, , p Laddove non altrimenti indicato la traduzione è mia. 5 Joseph Hall, Quo Vadis? A Just Censure of Travel, As It is Commonly Undertaken by the Gentelmen of Our Nation, London, 1617; si veda Laurence Sterne, A Sentimental Journey through France and Italy by Mr. Yorick, a cura di Gardner D. Stout jr., Berkeley, University of California Press, 1967, pp D ora in poi la sigla ASJ [Stout] farà riferimento a questa edizione. 6 Scelgo la grafia francese corrente désobligeante, mentre in Sterne si trova sempre Désobligeant.

6 QUELL INQUIETO CALESSE / 165 vedere e per non essere visto, Yorick sospende il corso della narrazione e scrive la premessa teorica al proprio romanzo. Chiuso nella carrozza immobile Yorick interrompe il suo viaggio, elimina lo Spazio e il Tempo attorno a sé; contemporaneamente egli interrompe anche lo Spazio e il Tempo del racconto, ne devia il flusso verso la dimensione della narrazione postuma benché il testo si finga viatico, scritto a viaggio appena iniziato e verso quella della lettura. Ciò provoca una serie di cortocircuiti tra gli spazi e i tempi della scrittura, dello scrittore, della lettura e del lettore (Yorick che scrive a Calais e Sterne a Coxwold diversi anni dopo; il tempo che impieghiamo a leggere il brano di Sterne e il flusso spazio-temporale nel quale viviamo e che interrompiamo leggendo). 7 Trasgredendo le norme convenzionali del récit narrativo Sterne non solo confonde e sorprende il lettore, ma ne invade lo spaziotempo, lo obbliga a fermarsi, tornare sui propri passi e riprendere la lettura, resa frammentaria e sobbalzante almeno quanto la narrazione. Mazzacurati percepì la frattura provocata dall inserimento di questa prefazione postuma e ne segnalò l effetto straniante come paradigma dei luoghi sterniani in cui il testo viene adoperato come uno strano crocevia di apparizioni e sparizioni, un luogo di scambio tra le diverse dimensioni (interno/esterno, mente/corpo, tempo/spazio). 8 Che sia l opera stessa questo luogo di scambio, crocicchio tra varie dimensioni, è Sterne a indicarlo: l opera è letteralmente Veicolo, macchina che subisce continui smontaggi e rimontaggi e che non ha pudore a mostrarsi nella nudità dei propri ingranaggi. 9 In 7 Alle categorie di tempo della scrittura, dello scrittore, del lettore e della lettura (mutuate da Tzvetan Todorov e Oswald Ducrot, Dictionnaire encyclopédique des sciences du language, Paris: Seuil, 1972, p. 400 e adottate nell analisi del Tristram Shandy da Loretta Innocenti, La narratività come spazialità del tempo. A proposito del Tristram Shandy, Lingua e stile, 13:1, 1978, pp ), mi pare in questo caso adeguato intrecciare il concetto di cronotopo bachtiniano. In Sterne lettura e scrittura non perdono mai la propria corporeità; come per i cronotopi, il tempo acquista in essi un carattere sensibilmente concreto. Michail Bachtin, Formi vremeni i chronotopa v romane ( ), trad. it. di Clara Strada Janovic, Le forme del tempo e del cronotopo nel romanzo, in Id., Estetica e romanzo (1979), Torino: Einaudi, 2001, p Laurence Sterne, Un viaggio sentimentale, cit., II, p. 18n13. 9 In una nota del 21 giugno 1767 Sterne definisce il diario che stava scrivendo all amata Eliza Draper e il Viaggio sentimentale sicuri come le prime due ruote della mia carrozza : Laurence Sterne, A Sentimental Journey through France and Italy and Continuation of the Bramine s Journal, a cura di Melvyn New e William G. Day, Gainesville, University of Florida Press, 2002, p D ora in poi la sigla ASJ [Florida] farà riferimento a questa edizione.

7 166 / STEFANO A. MORETTI un passo centrale della Preface: In the Désobligeant il neonato viaggiatore sentimentale ammette con buona dose d ironia che per attirare l atten zio - ne su di sé senza essere considerato un viaggiatore vanesio serviranno appigli migliori che non la Novità del mio Veicolo. 10 Sia Gardner Stout, sia Melvin New, nelle rispettive edizioni critiche dell opera offrono soltanto le occorrenze di questa formula ambigua; è merito di Mazzacurati avervi riconosciuto non solo il senhal con cui Sterne si riferisce alla propria opera ma anche il fondamento stesso della poetica sterniana, l idea dell opera letteraria non solo o non tanto come vettore di significati e significanti, ma come macchinario poetico in movimento. 11 I sobbalzi di questa macchina poetica si lasciano dietro due tracce contigue, una formale e a detta di Šklovskij rivoluzionaria, 12 l altra esistenziale e lirica. 13 La frantumazione o la forzatura dell intreccio, che affascinò i formalisti, è il frutto di un consapevole benché precoce superamento della geometria euclidea applicato alla narrazione, uno sperimentalismo che a noi evoca soluzioni da avanguardia cubista; 14 in campo esistenziale, invece, il moto perpetuo della macchina poetica sterniana ricorda con insistenza ai propri passeggeri la loro mortalità, offrendo però in cambio alcune possibilità di salvezza: la promessa di una continuazione letteraria dell esistenza da un lato e la possibilità di uscire dalla tirannia del Tempo e dello Spazio praticandovi dei varchi dall altro; fessure attraverso le quali Virginia Woolf sbir- 10 ASJ [Stout], p. 82, che Foscolo traduce la novità della mia vettura ; si veda il Viaggio Sentimentale di Yorick lungo la Francia e l Italia, traduzione di Didimo Chierico [Ugo Foscolo] (1813), in Laurence Sterne, Viaggio Sentimentale, a cura di Giuseppe Sertoli, Milano: Mondadori, 1983, p. 21. D ora in poi la sigla VS [Sertoli] farà riferimento a questa edizione. 11 ASJ [Florida], pp e Laurence Sterne, Un viaggio sentimentale, cit., II, p. 16n8. 12 Victor Šklovskij, Tristram Shandy Sterne a teorija romana (1921), trad. it. Cesare G. De Michelis e Renzo Oliva, Il romanzo parodistico. Tristram Shandy in Id., Teoria della prosa, Torino: Einaudi, 1976, pp ; immensa la bibliografia che in seguito ne ha ripreso le intuizioni, mi limito all ultimo in ordine di tempo: Carlo Ginzburg, La ricerca delle origini. Rileggendo Tristram Shandy, in Id. Nessuna isola è un isola. Quattro sguardi sulla letteratura inglese, Milano: Feltrinelli, 2002, pp Virginia Woolf, op. cit., p Sul legame tra geometrie non euclidee, teorie delle n-dimensioni e arti figurative si veda Linda Darlymple Henderson, The Fourth Dimension and Non-Euclidean Geometry in Modern Art, Princeton: Princeton University Press, Sterne aveva già nel Tristram Shandy dimostrato come, al contrario di quanto affermato da Archimede, la retta non è necessariamente la linea più breve che unisce due punti; si veda Laurence Sterne, The Life and the Opinions of Tristram Shandy, Gentlemen, a cura di I. Campbell Ross, Oxford: Oxford University Press, 1983, VI, XL, p D ora in poi la sigla TS farà riferimento a questa edizione.

8 QUELL INQUIETO CALESSE / 167 ciava le profondità dell animo. 15 Quelli che Šklovskij chiama grafici d an - damento della fabula, mappe che denunciano un ironico e consapevole straniamento formale, sono per Mazzacurati come i tracciati di un sismografo sentimentale che vede e registra solo le emergenze emotive, condannando all oblio tutto quanto asseconda il flusso ordinario degli eventi. 16 Viste a bordo della nostra carrozza queste mappe sembrano essere anche la registrazione tipografica degli accidenti del cammino: indicando un affinità tra l incoerenza del pensiero e la disconnessione del manto stradale queste tracce segnalano una analogia tra esperienza mentale e percezione corporale, espressa nel tremito della mano che tenta di vergare parole e che invece scarabocchia L infinito viaggio della (meta)narrazione Il movimento aperto della macchina narrativa è il moto impresso da Yorick al trabiccolo nell atto di scrivere impetuosamente il proprio sermone introduttivo, un moto che sospinge la stesura del Viaggio e che al tempo stesso ha un riscontro nella dimensione interna alla narrazione, tanto che due viaggiatori inglesi un po maliziosi si avvicinano incuriositi. 17 Anche l aspetto più macchinale del montaggio narrativo trova una rispondenza nella carrozza monoposto: nel capitolo seguente la Prefazione, Dessein, l oste di Calais, per dissuadere Yorick dall acquistare quel triste e scortese carrozzino avverte il viaggiatore che esso è stato già montato e smontato due volte per attraversare il Moncenisio. La désobligeante riassume e racchiude dunque in sé tutte le caratteristiche del Veicolo sterniano, del suo libro e della sua scrittura, ne diviene quasi per sineddoche il simbolo. La piccola carrozza all interno della quale l opera è scritta è l opera stessa in miniatura, buio anfratto all interno del quale le percezioni del protagonista sono proiettate come ombre. 18 Il Nuovo Veicolo scelto da Yorick 15 Sterne ci conduce fino all orlo di un profondo precipizio dell anima; lanciamo uno sguardo su quell abisso; ma subito ci distoglie indicandoci splendidi prati verdi dall altra parte : Virginia Woolf, op. cit., p Giancarlo Mazzacurati, op. cit., p La stesura e la lettura di un sermone di Yorick è associata all immagine di una carrozza già in un celebre capitolo del Tristram Shandy (II, XV), ove il caporale Trim, sfogliando le pagine della Nouvelle manière de fortifications par écluses (1618) di Simon Stevin alla ricerca del passo dove l inventore fiammingo descrive la sua famosa carrozza a vela, fa inavvertitamente cadere un sermone che Sterne pronunciò il 29 luglio 1750 a York (TS, II, XV, p. 95). 18 Estranea a gran parte della critica sterniana, questa interpretazione è accennata in una

9 168 / STEFANO A. MORETTI come vettore ed emblema per il proprio viaggio non è dunque la carrozza vis-à-vis, ma l angusta monoposto. 19 Se il Viaggio Sentimentale è la porta che ci permette di giungere ad una comprensione profonda di Sterne, 20 possiamo ora ipotizzare che, per sua stessa volontà, sia la désobligeante con la Prefazione che in essa si presume sia stata scritta la stretta via d accesso al Viaggio Sentimentale. All ingresso di Yorick nella désobligeante la soluzione di continuità narrativa è segnalata dall inizio di un nuovo capitolo e da un brusco mutamento di registro stilistico; il tono e la costruzione retorica s impennano improvvisamente verso quelli, sempre a un passo dalla parodia, del sermone o del discorso accademico. Già si è notato come la discontinuità sia non solo narrativa, ma spaziotemporale: Il Viaggiatore Sentimentale. E qui intendo di me e però mi sto qui ora seduto a darvi ragguaglio del mio viaggio dice Sterne. 21 Il luogo di scambio, lo shifter spaziotemporale non è qui il testo nel suo insieme ma lo spazio chiuso della carrozza, il suo stretto sedile che trasporta, come una wellsiana macchina del Tempo, lo scrittore che ha viaggiato e il suo lettore dal cortile di Calais allo studio di Sterne a Coxwold. Utilizzo di proposito il termine jakobsoniano shifter per indicare la funzione che la désobligeante, come dispositivo narrativo e come mezzo di trasporto, riveste nella costruzione della tessitura spaziotemporale dell opera: Sterne fà di una sgangherata carrozza monoposto un commutatore metaforico, uno scambio lungo i binari dello spaziotempo, a volte centripeto, come all inizio della Prefazione, altre centrifugo, come nel caso citato. 22 In maniera del tutto simile Sterne si avvale, sul piano tipografico, del- nota di Remo Ceserani: la carrozza è simbolo e contenitore del racconto (i sobbalzi e i dondolii del calesse in cui si svolge il viaggio, detto la désobligeante, ne ritmano non solo le avventure ma anche la scrittura [ ]). Sub voce Carrozza, in Remo Ceserani, Mario Domenichelli e Pino Fasano (a cura di), Dizionario dei temi letterari, Torino: Utet, 2007, I, p Al contrario di quanto afferma Jean-Claude Dupas, Sterne ou le vis-à-vis, Lille: PUL, György Lukács, Reichtum, Chaos und Form: Ein Zwiegespräch über Lawrence Sterne (1911), trad it. di Sergio Bologna, Ricchezza, caos e forme. Un dialogo su Laurence Sterne, in Id., L anima e le forme, Milano: SugarCo, 1972, p VS [Sertoli], p Il termine scambio rimanda al procedimento di débrayage / embrayage, che Algirdas Greimas e Joseph Courtès (in Sémiotique. Dictionnaire raisonné de la théorie du langage, Paris: Hachette, 1979, pp ) derivano da Roman Jakobson, Overlapping of Code and Message in Language (1950), trad. it. di Luigi Heilmann e Letizia Grassi, Commutatori ed altre strutture semplici, in Id. Saggi di linguistica generale, Milano: Feltrinelli, 2002, pp

10 QUELL INQUIETO CALESSE / 169 le poco eleganti lineette per aprire squarci nella temporalità narrativa ordinaria e immettere il lettore nel discorso e nel flusso di pensieri dei suoi protagonisti; 23 inserendosi negli interstizi del testo, grazie alle ferite che l autore stesso procura al proprio testo, al lettore è concesso penetrare la nebbia delle ambiguità per scoprire che a lui è dato tessere la trama profonda, Sentimentale, del viaggio e rinvenire attraverso l esperienza o l interpretazione i nessi che formano la sintassi delle cose. 24 L esibita frammentarietà, sintomo di una poetica, è al tempo stesso la caratteristica peculiare della concezione sterniana dell individuo; già nel Tristram Shandy l uomo è paragonato dal padre di Tristram a un fragile e traballante Veicolo, continuamente sottoposto al rischio di perdere i suoi pezzi a causa dei violenti sobbalzi che il suo viaggio comporta. 25 Per Sterne l Io è un oggetto discontinuo e inafferrabile, proprio come la forma narrativa adibita a raccontarlo e che tenta di contenerlo; 26 questa reiterata 23 La funzione più importante della lineetta [ ] è di fornire Tristram di una illogica giuntura tra differenti generi di discorso: tra passato e presente, tra evento narrativo e intervento dell autore rivolto al lettore; tra un flusso di pensieri e un altro nella mente di Tristram : Ian Watt, The Comic Syntax of Tristram Shandy, in Howard Anderson e John S. Shea (a cura di), Studies in Criticism and Aesthetics, , Essays in honour of Samuel Holt Monk, Minneapolis: UMP, 1967, pp Altro spazio e altra sede meriterebbe il raffronto con la funzione delle lineette nell opera di Emily Dickinson, dove peraltro l immagine della carrozza è ricorrente. Sull argomento sono da vedere, oltre al saggio di Watt appena citato, Richard B. Moss, Sterne s Punctuation, Eighteenth-Century Studies, 15:2, , pp ; Elizabeth Brunner, Dashing Genius: Emily Dickinson and the Punctuation of Cognition, <http://members.tripod.com/~elizbrunner/scholar/ DashOne.htm>; Brita Lindberg-Seyersted, The Voice of the Poet: Aspects of Style in the Poetry of Emily Dickinson, Cambridge: Harvard University Press, 1968; Id., Emily Dickinson s Punctuation, Oslo: University of Oslo, 1976 e Peter Crumbley, Inflections of the Pen: Dash and Voice in Emily Dickinson, Lexington: University Press of Kentucky, poiché il sentimento è il primo / a prestare qualche attenzione / alla sintassi delle cose : Edward E. Cummings, VII (1926), in Id, Complete Poems, New York: HBJ, 1980, p. 290; da questi versi ha preso avvio il lavoro di Battestin citato in precedenza. Il ruolo del lettore interprete è stato invece messo a fuoco in Joseph Chadwick, op. cit., p Sebbene l uomo sia tra tutti il più bizzarro veicolo, disse mio padre, pure ha una struttura così fragile ed è così mal connesso, che gl improvvisi sobbalzi e le scosse violente a cui è inevitabilmente sottoposto il questo scabroso viaggio, lo manderebbero a gambe levate e lo ridurrebbero in pezzi una dozzina di volte al giorno, se non fosse, fratello Tobia, per una segreta molla ch è in noi... Laurence Sterne, The Life and Opinions of Tristram Shandy, Gentleman ( ), trad. it. di Antonio Meo, La vita e le opinioni di Tristram Shandy gentiluomo (1958), Milano: Mondadori, 1974, p D ora in poi riferiremo a questo volume con la sigla TS [Meo]. 26 Questa vischiosità si riflette nelle numerose e opposte interpretazioni degli studiosi; Chadwick ad esempio ne evidenzia l aspetto solipsistico, monadico, di centro di coscien-

11 170 / STEFANO A. MORETTI scissione dell Io mi pare si verifichi anche al termine del brano di cui ci stiamo occupando: interrompendo la scrittura Yorick schizza fuori dalla désobligeante, ma una parte di lui vi resta dentro per continuare a scrivere il libro che stiamo leggendo. Mentre Yorick prosegue il proprio viaggio in un mondo di ectoplasmi, Sterne resta seduto al suo scrittoio e continua a proiettare, insieme a noi, le immagini del viaggio; la piccola carrozza funziona quindi come una camera ottica o un prisma attraverso il quale il fascio di luce del soggetto si rifrange in tutte le sue facce multicolori. Il mondo esterno, le persone che si incontrano, sono simili a un vetro riflettente, grazie al quale possiamo avere un immagine dei nostri procedimenti mentali e dei nostri sentimenti e tentare infine di possederli; ma anche questa superficie sembra essere incrinata, lo specchio del mondo sembra essersi rotto irrimediabilmente in infiniti caleidoscopici riflessi. 27 Questo carrozzino apparentemente dimesso deve aver lasciato un segno profondo nella memoria di un grande sterniano, E. T. A. Hoffmann, che scelse di rivestire di specchi la carrozza de La Principessa Brambilla. I passanti cercano di scoprire chi è l ospite della fantastica vettura giunta a Roma per il Carnevale, ma tutto ciò che riescono a cogliere con lo sguardo è la loro stessa immagine riflessa e rifratta in mille direzioni differenti; la visione del passeggero resta preclusa e sorge ben presto il dubbio che tra i cuscini di velluto non sia seduto nessuno: il tentativo di vedere dentro di sé porta così alla scoperta di un Io in frantumi. L in tro spe zione, inevitabile all interno della désobligeante, in Hoffmann è diventata impossibile; portiere specchiate ne precludono l accesso, segno dell inattingibilità dell Io che il Romanticismo ha, nel frattempo, portato con sé. 28 za al cui interno anche l Io del lettore è risucchiato e imprigionato; Mazzacurati vi scorge invece la porosità di una spugna che assorbe ottimisticamente tutte le sensazioni che il mondo le offre, nella certezza che un Grande Sensorio esista; i più, a partire da Stout, Battestin e Watt fino a Sertoli, leggono il Viaggio come una moderna peregrinatio che ha questi due poli come prima e ultima tappa. 27 Cfr. Joseph Lamb, Language and Hartleian Associationism in A Sentimental Journey, Eighteenth-Century Studies, 13:3, 1980, p. 290; Danielle Bobker, Carriages, Conversation, and A Sentimental Journey, Studies in Eighteenth-Century Culture, 35 (2006), pp ; e Carsten Meiner, Voyage autour du carrosse. A Sentimental Journey de Laurence Sterne, in Id., Le carrosse littéraire et l invention du hasard, Paris: PUF, 2008, pp La metafora dello specchio rotto è già in Edward e Lilian Bloom, Hostage to Fortune: Time, Chance, and Laurence Sterne, Modern Philology, 85:4, maggio 1988, p. 500: Sterne mostra un intarsio caleidoscopico di immagini incomplete, come nelle schegge di uno specchio rotto. 28 Il popolo accorreva da tutte le parti e voleva a tutti i costi guardare dentro la carrozza, ma non riusciva a vedere che il Corso e se stesso perché gli sportelli erano tanti spec-

12 QUELL INQUIETO CALESSE / See-saw: frammentarietà e moto perpetuo Il ritmo sussultante della prosa, le frequenti interruzioni nello spaziotempo sono lo stratagemma con cui Sterne imprime alla sua vettura narrativa l illusione di un moto perpetuo e perennemente incoativo, che blocca l esistenza nella sua fase di gestazione e nascita esorcizzando così la caducità congenita del marchingegno umano, procrastinando la morte all infinito. La désobligeante è forse la prima delle molte interruzioni, brusche virate e inciampi nello Spazio e nel Tempo che Yorick incontra per via; una pietra d inciampo ancora piccola se confrontata con il masso un frammento di montagna, a ben guardare che nell ultimo capitolo impedisce a Yorick il valico delle Alpi, lo obbliga a passare la notte nella stessa stanza con una dama piemontese e lo intrappola per sempre in un viaggio che non giungerà mai a destinazione. 29 Queste frequenti barriere sono lo strumento di cui il soggetto sterniano si avvale per riflettere su di sé le proprie sensazioni, i propri pensieri e confrontarli con i nostri, lasciandoci liberi di interpretarli secondo la nostra inclinazione. 30 Questi rari momenti permettono un contatto con l altro, il ritorno alla semplicità della Natura che, per Sterne, è ancora oggetto di fede; sono petrae scandali in cui il Viaggiatore Sentimentale inciampa e grazie alle quali per pochi istanti si riconosce. Ritmo e interruzioni liberano il Veicolo e i suoi passeggeri restituendoli a una dimensione altra, dove Spazio e Tempo si dissolvono. Virginia Woolf amava Sterne per questo suo volo a zig-zag, da libellula, che permette al lettore di gettare uno sguardo nell abisso dentro di sé e un attimo dopo di volgere lo sguardo ai pascoli smaglianti che fiancheggiano la strada. Il movimento saltellante di questa carrozza senza cavalli non è però un vago sobbalzo o dondolio, ma un see-saw, un altalena: E le sue fila mi guidano a dirittura (ove il su e giù [see-saw] di questa désobligeante mi lasci tirare innanzi) sì alle efficienti che alle finali cause de viaggi. 31 chi. Più d uno, vedendosi riflesso a quel modo credeva già di star seduto dentro quella splendida carrozza e dalla gioia usciva completamente di sé : Ernst Theodor Amadeus Hoffmann, Prinzessin Brambilla (1820), trad. it. di Alberto Spaini, La principessa Brambilla, in Id., Romanzi e racconti, Torino: Einaudi, 1969, III, p Anche la narrazione di Tristram è, a detta dei già citati Edward e Lilian Bloom, costellata di continui inciampi: Tristram stesso [ ] inciampa per giorni e notti nell incongruo movimento di uno zigzagare obliquo (op. cit., p. 499). 30 Joseph Chadwick, op. cit., passim. 31 VS [Sertoli], p. 19.

13 172 / STEFANO A. MORETTI La désobligeante si muove quindi zigzagando, in disequilibrio a trecentosessanta gradi, attraverso tutte e quattro le direzioni e le Dimensioni. È però anche un altalena onomastica, dato che il nome stesso del gioco sale e scende tra presente (o infinito) e passato: vedo-vidi, che tradotto alla lettera ci mostra come il movimento della désobligeante abbia ancora una volta a che fare sia con il viaggio nel Tempo e nei tempi sia con lo sconcertante paesaggio che quel viaggio ci lascia, per un breve attimo, scorgere. Questa altalenante carrozza, come il più celebre gioco sterniano, il cavalluccio di zio Tobia, è un dispositivo grazie al quale Sterne guadagna alla sua Macchina poetica un moto perpetuo, a sé e ai propri lettori un altalenante e ironico viaggio tra Cielo e Inferno. Nel Discorso sul funzionamento meccanico dello spirito, pubblicato anonimo nel 1704, Jonathan Swift parodiava così i seguaci dei predicatori moderni, che promettono di sciogliere lo spirito dalle catene del corpo con una operazione meccanica : Per prima cosa costoro rivolgono dentro i globi oculari tenendo socchiuse le palpebre. Poi stando seduti, si dondolano di continuo, come se fossero su un altalena, emettendo ad intervalli regolari lunghi mugolii, prolungando il suono alla medesima intensità e scegliendo il momento in cui il predicatore vien meno. 32 È arduo pensare che Sterne, con l immagine della carrozza altalena, non intendesse rimandare il lettore al geniale Frammento di Swift, considerando che la ciarlatanesca operazione spirituale dei Moderni consiste nel preferire, come Veicolo di ascesa al Cielo, un asino ad una carrozza, dove l asino raffigura i Maestri illuminati e il cavaliere i suoi fanatici uditori: Si narra che, dovendo far visita in Paradiso, a Maometto fossero offerti vari veicoli per condurcelo, quali carri di fuoco, cavalli alati e berline celesti, e che lui li rifiutasse tutti, scegliendo di essere trasportato in cielo dal proprio asinello. [ ] Non c è altro paese al mondo che sia dotato di tanta abbondanza di mezzi comodi e sicuri per fare un simile viaggio, e moltissimi di noi non vogliono altro veicolo che non sia quello di Mao metto Johnathan Swift, Discourse Concerning the Mechanical Operation of the Spirit. In a Letter To a Friend. A Fragment (1704), trad. it. di Attilio Brilli, Discorso sul funzionamento meccanico dello spirito. Lettera a un amico (Frammento), in Id., Meditazione su un manico di scopa e altre satire, Milano: Archinto, 2008, p. 75. Poco oltre, egli individua l origine di queste estasi altalenanti nei riti di iniziazione femminile del vicino oriente; l argomento merita uno spazio ben più ampio, ho voluto però richiamarlo all attenzione perché sia presente quando si parlerà della carrozza di Cenerentola. 33 Ivi, pp Swift elenca inoltre quattro motivi di sortita dell anima dal corpo (profezia o ispirazione divina, possessione diabolica, immaginazione o spleen dovuto a

14 QUELL INQUIETO CALESSE / 173 Il pamphlet di Swift è pretestuosamente il frammento di una lettera anonima. A un eterodossa e ironica questione teologica si associa quindi, come in Sterne, una riflessione sullo strumento letterario. 34 La frammentarietà narrativa è legata all altalenante moto del Veicolo narrativo anche in uno scritto del terzo conte di Shaftesbury: Questa maniera di scrivere è così ammirata e imitata nella nostra epoca che a stento abbiamo idea di qualsiasi altro modello. [ ] Tutto corre alla stessa nota, e batte esattamente sempre la stessa misura. Nulla, si vorrebbe pensare, potrebbe essere più tedioso di questo passo uniforme. La strada per Amble o per Canterbury non è, ne sono persuaso, più noiosa per un buon cavaliere di quanto questo altalenare dei saggisti non sia per un abile lettore. L accorto compositore di un brano corretto è come un abile viaggiatore, che con esattezza misura il suo viaggio, considera il terreno, preordina le sue tappe, gli intervalli, le soste e le intenzioni, sino alla conclusione della sua impresa, che egli felicemente raggiunge dove inizialmente si era prefisso quand era partito. 35 Benché la Prefazione del Viaggio Sentimentale sembri rispondere direttamente a questo brano, le Riflessioni di Shaftesbury come il Discorso di Swift non sono mai state considerate tra le sue fonti dirette; 36 meriterebbero invece la nostra frequentazione, come lucide e insospettabili antesignane della forma saggio novecentesca e postmoderna. L attenzione alle origini, agli ingredienti di quella vasta e antica farmacia che è per Sterne la letteratura, non è quindi da intendersi come il tentativo anacronisti- cause naturali, entusiasmo religioso frutto di una operazione meccanica ); una casistica che pare ricalcare, non senza ironia, le celebri maniai platoniche (Platone, Fedro, 244b- 245a e 249d-e). Scritto poco dopo La battaglia dei libri, questo libello è con ogni evidenza un ulteriore attacco al partito dei Moderni. Per una accurata ricostruzione della ben nota querelle si veda Marc Fumaroli, Les abeilles et les araignées. La querelle des Anciens et des Modernes (2001), trad. it. di Graziella Cillario e Massimo Scotti, Le api e i ragni. La disputa degli Antichi e dei Moderni, Milano: Adelphi, Come non pensare, parlando di asini, linee rette e deviazioni letterarie, al celebre passo shandiano: se uno storiografo potesse tirar diritto per la sua strada come un mulattiere nel condurre il suo mulo (TS [Meo], p. 28). 35 Anthony Ashley Cooper, terzo conte di Shaftersbury, Characteristicks of Men, Manners, Opinions, Times (1714), Farnborough: Gregg, 1968, III, pp La conoscenza da parte di Sterne di questi brani è indubbia; basti dire che, alla morte, egli possedeva quattro diverse edizioni dell opera di Shaftesbury (numerate nel catalogo della sua biblioteca 963, 1416, 1653, 2382) e di Swift (nelle miscellanee numerate 1524 e 1620). Cfr. Charles Whibley (a cura di), A Facsimile Reproduction of a Unique Catalogue of Laurence Sterne s Library, London: Tregaskis-Wells, 1930, pp. 39, 55, 59, 62, 63 e 89.

15 174 / STEFANO A. MORETTI co di confinare il Viaggio Sentimentale nei limiti del proprio secolo; è semmai rassegna e notazione di alcune ennesime merci delle molte che il Veicolo sterniano contrabbanda alla posterità Il carro di Elia Come hanno notato tutti i curatori del Viaggio Sentimentale dopo Gardner Stout, la Novità del Veicolo è presente già nella dedica del sermone intitolato Il caso di Elia e la vedova di Zarepta, pronunciato dal reverendo Sterne il venerdì di Pasqua del Può stupire che Sterne tratti la Carità alla stregua di un genere letterario o di una forma narrativa, come farà poi per il romanzo di viaggio; in realtà il sermone, che ebbe all epoca molto successo e fece incassare parecchie sterline alla parrocchia di York, è condotto in maniera piuttosto tradizionale e segue scrupolosamente il canone dell eloquenza. Com è noto sono altri due i sermoni che più hanno influenzato la composizione della Prefazione. Nella désobligeante: Il figliol prodigo scritto nel 1765 e il Quo Vadis? del vescovo Hall, pubblicato nel È però quantomeno curioso che il testo ove la metafora del veicolo sterniano appare per la prima volta sia dedicato al profeta Elia. Abbiamo visto che anche in Swift, tra i Veicoli che si immaginano offerti a Maometto e da lui rifiutati, ci sono [c]arri infuocati e portantine celesti ; si potrebbe a questo punto ipotizzare, con più mezzi e spazio a disposizione, una linea irlandese e rintracciare così un destino sotterraneo e insulare del profeta chiamato da Dio su un carro di fuoco, con fuggevoli ma frequenti emersioni in epoche e ambienti apparentemente lontani, come la letteratura omiletica irlandese e l Ulisse di Joyce. 39 Un altra apparizione del carro di Elia, nata in seno all anticlericalismo francese dell Ottocento, sarà la laconica chiusa del secondo testo di cui ora ci occuperemo. 37 Continueremo a fatturare nuovi libri come i farmacisti fatturano le loro misture, solo travasandole da un recipiente all altro? (TS [Meo], p. 243); ironica ruberia sottratta a Burton: come farmacisti facciamo nuove miscele ogni giorno e vuotiamo un vasetto in un altro. Robert Burton, Democritus Junior to the Reader, in Id., The Anathomy of Melancholy (1621), a cura di Floyd Dell e Paul Jordan-Smith, New York: Tudor, 1955, p Laurence Sterne, The Sermons of Laurence Sterne: The Text, a cura di Melvyn New, Gainesville: Florida University Press, 1996, p Un esempio emblematico del destino irlandese di Elia e di Enoch è l omelia Da brón flatha nime; cfr. Enrica Salvaneschi, Enoch in terra d Irlanda: due testi extra-vaganti, in Carlo Angelino e Enrica Salvaneschi (a cura di), Synkrisis. Testi e studi di filosofia del linguaggio religioso, Genova: il Melangolo, Il celebre ratto compare nel capolavoro joyciano nella sezione XIII, Cyclops, al termine della quale Leopold ascende alla gloria celeste col nome di ben Bloom Elijah. Cfr. James Joyce, Ulysses (1922), London: Penguin, 1986, pp

16 QUELL INQUIETO CALESSE / L attrice cenerentola Cenerentola qui non è un soprannome, proprio e inadeguato, ma aggettivo; non è personaggio, non è persona ma qualità di persona, e quindi come in procinto di regredire, di disfarsi della cenere costitutiva del nome suo inventato. Enrica Salvaneschi, In vano, 2004 Il 14 giugno 1829 sulle pagine della Revue de Paris compare anonimo La carrozza del Santissimo Sacramento, breve pièce del ventisettenne Prosper Mérimée. L anno seguente sarà accolta, con L occasione, nella seconda edizione del Teatro di Clara Gazul, commediante spagnola. La fantomatica attrice spagnola cui è attribuita la composizione della raccolta teatrale è in realtà la maschera indossata da Mérimée per il proprio debutto letterario: il volto della commediante effigiata in alcune rare copie del volume è a guardare meglio quello del giovane Prosper. Egli stesso dissemina con arguzia gli indizi necessari a riconoscerlo; persino nel titolo si è voluto vedere l anagramma di Etienne Jean Delécluze, autore del ritratto di Clara Gazul, mentore con Lingay e Stendhal del giovane Mérimée. 40 La carrozza del Santissimo Sacramento è l unica tra le otto brevi commedie di Clara Gazul ad aver avuto fortuna, sui palcoscenici e sulla carta stampata. Ad esclusione del primo, clamoroso fiasco del 1850 la pièce ha goduto, in patria e all estero, di un interesse crescente, dovuto in gran parte alla storica messinscena di Jacques Copeau, Louis Jouvet e Valentine Tessier al Théâtre du Vieux Colombier nel marzo del La vicenda rappresentata da Mérimée ha ispirato numerose riletture, teatrali, musicali, letterarie e cinematografiche, da La Périchole di Meilhac e Halévy musicata da Offenbach e La carrozza del Santissimo Sacramento di Maurice Vaucaire sino a La carrozza d oro, film di Jean Renoir del 1952 con Anna Magnani. Fortuna pari se non persino maggiore ha avuto la figura della protagonista di questo atto unico, Camila Perichole, trasposizione letteraria dell at- 40 Samuel Borton, A Note on Prosper Mérimée: Not de Clara Gazul But Delécluze, Modern Language Notes, 75:4, 1960, p. 337, legge come anagramma approssimato il titolo di Mérimée, in cui rintraccia due serie di lettere che compongono il cognome del pittore Delécluze (Le Théatre declara Gazul / Le Théatre de Clara Gazul). L anagramma di Gazul, personaggio dei Romances moriscos novelescos, compare in modo evidente ne La Guzla del In Italia resta invece poco conosciuta, benché tradotta nel 1993 da Guido Davico Bonino e nel 1997 da Carlo Terron.

17 176 / STEFANO A. MORETTI trice peruviana Micaela Villegas, fonte di ispirazione per numerosi autori, tra i quali Thornton Wilder e Luis Alberto Sánchez. 42 Il saynete 43 è ambientato a Lima, nell appartamento del viceré del Perù don Andres de Ribera. 44 La sua nuova splendida carrozza è appena giunta dal continente, ma un attacco di gotta, costringendolo in poltrona, gli impedisce di usarla per andare al battesimo di un cacicco convertito e mostrarsi in tutta la sua vanitosa ricchezza. L attrice Camila Perichole, sua amante, sopraggiunge con grande strepito decisa ad avere per sé la carrozza e mettere così in scacco la vecchia marchesa Altamirano, sua nemica capitale. 45 Don Andres, benché riservasse una scena di gelosia all amata, scoperta a tradirlo con un militare, il capitano Hernán Aguirre, e con il torero mulatto Ramón, cede infine al capriccio e assiste dalla finestra allo scandalo provocato dalla Perichole: la sua carrozza lanciata di gran carriera verso la cattedrale taglia la strada a quella dell odiata marchesa, che si ribalta tra il clamore della folla. Il dottor Tomas d Esquivel, scampato all incidente, lamenta con don Andres lo scandalo enorme di cui è stato testimone e vittima e chiede che la Perichole paghi per l onta causata. Alla funzione da poco terminata pochi hanno prestato attenzione; persino il vescovo ha dimenticato di far promettere al padrino di educare cristianamente l indio convertito. Il vescovo in persona entra in scena e tenendo per mano l attrice celebra un nuovo beffardo rito, l improvvisa redenzione della commediante. In un inatteso slancio di carità cristiana Camila Perichole ha deciso di donare la sua nuova carrozza ai poveri preti appiedati, che la useranno per raggiungere i moribondi e prestare loro gli estremi conforti della religione. Rispetto alle fonti Mérimée presenta lo scandalo della carrozza dorata sotto una luce del tutto diversa; reinventando delle figure reali, le osserva con uno sguardo disincantato, quasi acre, e al tempo stesso profondamente umano. Dalla lettura del diario del capitano Basil Hall egli poté ricavare poco più che un aneddoto sprezzante sulla fantasia di una comme- 42 Si vedano Thornton Wilder, The Bridge of San Luis Rey, New York: Boni, 1927 e Luis Alberto Sánchez, La Perricholi, México: Leyenda, Il saynete è una breve forma teatrale, comica o brillante, utilizzata soprattutto da Ramón de la Cruz nel XVIII secolo. Sul suo uso in Mérimée si veda Pierre Trahard, La jeunesse de Prosper Mérimée, Paris: Champion, 1925, p Don Manuel de Amat Junient, Planella, Aimeric y Santa-Pau questo il vero nome del vicerè fu governatore del Perù dal 1761 al 1775; secondo le fonti storiche dalla relazione con Micaela Perricholi Villegas ebbe anche un figlio. 45 Utilizzo per i passi in italiano la versione di Guido Davico Bonino in Prosper Mérimée, La Carrozza del Santo Sacramento, Macerata: Liberilibri, 1993.

18 QUELL INQUIETO CALESSE / 177 diante capricciosa e spendacciona che, per mettere alla prova il proprio ascendente sull amico governatore, lo obbliga a farsi costruire una carrozza decidendo, altrettanto capricciosamente, di donarla alla curia. 46 L inven zione scenica rivela invece una tessitura abile e delicata; con piglio maturo egli ordisce la trama e dispone un impeccabile meccanismo teatrale che supera l anticlericalismo e l épater le bourgois ponendo questioni sociali e politiche di rilievo, quali la libertà dei subalterni nelle colonie, l indipendenza femminile, il rapporto tra attrice e cortigiana nella società borghese. La beffarda scenetta è anche una riflessione estetica e ontologica sullo statuto della verità nell arte, sulla evanescente e proteiforme identità della commediante, e al tempo stesso teologica, sulla possibilità qui ironizzata della Grazia. Anche la carrozza di Mérimée è petra scandali; come la désobligeante di Sterne essa taglia la strada al regolare flusso degli eventi, su di essa i valori consueti inciampano e vengono per un breve lasso di tempo annullati, le identità dei personaggi e le convenzioni sociali si confondono. Lo scontro tra la carrozza della Perichole e quella della marchesa assente nei resoconti storici e probabilmente preso a prestito a Calderón 47 è un gesto intenzionale; la sfida all avversata marchesa non è soltanto l ennesimo affronto nella scaramuccia tra due donne vanitose, ma un atto deliberato contro l aristocrazia coloniale. La notorietà e l avvenenza sono per l at tri - ce armi di seduzione tanto quanto l imprevedibilità, libertà garantitale da uno statuto sociale ambiguo, meticcio. Quando don Andres minaccia di incarcerarla Camila risponde che ci sarebbe una rivolta a Lima se la Perichole finisse in prigione ; 48 la consapevolezza del potere conferito dal ruolo di mantenuta, la conquista attraverso la seduzione dell indipendenza 46 Basil Hall, Extracts from a Journal, written on the coasts of Chili, Peru and Mexico, Edinburgh: Constable, 1825, vol. I, pp , individuato come fonte da George Hainsworth, Autour du Carrosse du Saint-Sacrement: Basil Hall, La Araucana et l Histoire générale des voyages, Zeitschrift für franzosische Sprache und Litteratur, 2, 1972, pp Mérimée ha certamente letto Hall nell edizione originale: se in francese la carrozza è un brillante equipaggio dal gusto antico (Basil Hall, Voyage au Chili, Pérou et au Mexique, Paris: Bertrand, 1825, I, p. 223), nell originale è una grande, pesante, vecchia carrozza gilt (dorata) (Basil Hall, Extracts from a Journal, cit., I, p. 239), come nella pièce un attrice su una carrozza doré (dorata) (Prosper Mérimée, Le Carrosse du Saint-Sacrement, cit., p. 240). I corsivi sono miei. 47 Il racconto di un incidente tra due carrozze è l avvio di Cuál es major perfección? di Calderón de la Barca, citato da Mérimée in esergo alla Carrozza. 48 Prosper Mérimée, La Carrozza del Santo Sacramento, cit., p. 43.

19 178 / STEFANO A. MORETTI economica e il tentativo di metterla a frutto per superare le barriere che quello stesso ruolo impone, sono i tratti di molte Margherite Gauthier che durante il Secondo Impero provocheranno la preoccupazione di non pochi padri e moralizzatori. Il nobile o il borghese à la Armand Duval che ama una cortigiana o un attrice senza mantenerla rischia di sovvertire la rigida gerarchia sociale e sessuale così come la donna che possiede da sé il danaro per sostenere le proprie passioni e i propri capricci; per la società essi sono entrambi una minaccia. 49 Per il mondo borghese esiste tuttavia un pericolo ancora maggiore dello scandalo in sé ed è l uso dello scandalo che le attrici cortigiane del Secondo Impero fanno o tentano di fare. Possiamo scorgere il germe anche di questo male nel gesto della Perichole che sporgendosi dal finestrino ordina al cocchiere di tagliare la strada alla marchesa per fare ed essere scandalo. La scorribanda dell attrice è però anche uno scandalo dell identità. Una commediante conduce per definizione un esistenza proteiforme se non addirittura schizoide, in ogni caso indefinibile secondo i parametri identitari consueti. La consapevolezza della Perichole e di Mérimée in questo senso è lampante; al viceré che le ricorda di non essere un vescovo, [ ], un uditore o una marchesa, per andare in carrozza Camila replica di essere di volta in volta l infanta d Irlanda, la regina di Saba, la regina di Thomiris, Venere e santa Giustina, vergine e martire. 50 Il travestimento di Mérimée è qualcosa di più che un mero vezzo romantico, il gioco di un enigmista erudito o la maschera presa a prestito da un esordiente timoroso; la scelta di indossare i panni di una commediante spagnola che a sua volta interpreta il ruolo di una nota attrice peruviana del Settecento è, ancora, come riflettersi in uno specchio rotto. L essenza femminile sarà sempre per Mérimée una preda inafferrabile, desiderata e temuta ad un tempo, in cui egli vedrà incarnato il contrasto insanabile tra verità e finzione. 51 Per questo Mérimée partecipa al dibattito sul Vero solo nella misura in cui esso gli dà modo di perseguire la propria indagine sulle donne e le fornisce una cornice teorica. Benché le sue scelte formali e contenuti- 49 Un utile raffronto può essere quello con Michel Foucault, La volonté de savoir, Paris: Gallimard, 1976, pp Prosper Mérimée, La Carrozza del Santo Sacramento, cit., p Guido Davico Bonino, Introduzione, in Prosper Mérimée, La Carrozza del Santo Sacramento, cit., pp. xiv-xv. Il motto di Mérimée, va ricordato, sarà sempre mémneso apistéin (ricordo di non credere): Prosper Mérimée, Théâtre de Clara Gazul, Romans et nouvelles, éd. par Jean Mallion et Pierre Salomon, Paris: Gallimard, 1978, p. lv.

20 QUELL INQUIETO CALESSE / 179 stiche siano state recepite come l esempio di una nascente nuova generazione di scrittori romantici, esse non sembrano essere lo scopo ma il mezzo del suo fare letteratura; nei suoi ritratti femminili egli ci restituisce non solo il prodotto di una riflessione estetica, ma anche il nodo irrisolto di una cogente questione privata. L ultima parola, nella Carrozza del Santo Sacramento, è lasciata ad un anonimo pretino. Fino ad allora il canonico ha assistito in disparte agli ultimi sviluppi della vicenda, è entrato al seguito del vescovo ma non ce ne siamo neppure accorti. Mentre il suo superiore saluta e sorride alla redenta Perichole, egli ha l onore della morale finale: Signorina, questa carrozza sarà per voi come il carro di Elia, vi porterà dritto in cielo. 52 L ammiccante presenza del vescovo sulla scena venne ritenuta scandalosa dagli spettatori della prima rappresentazione del 1850, che abbandonarono la sala e fischiarono gli attori. Mérimée non solo si disinteressò completamente della messa in scena, ma tentò pure, con garbo ma con decisione, di impedirla. La sua tormentata assenza di fiducia nelle donne e nella verità si intreccia a una forse altrettanto tormentosa assenza di fede. 53 La redenzione della Perichole è certo una parodia, come ironico è il rimando all episodio biblico del carro di Elia; tuttavia in essi si cela il dubbio e, con il dubbio, la speranza. La carrozza d oro non perde quindi del tutto la valenza soteriologica che anche altri Veicoli, a cominciare proprio dal carro di Elia, hanno avuto. Nella mitologia classica e nelle religioni arcaiche, tradizioni in cui le idee di soprannaturalità e di vita ultramondana non implicano una promessa di salvazione o di vita eterna ma un processo di rigenerazione, il viaggio di un carro o di una carrozza fuori dal Tempo e dallo Spazio ha assunto un valore diverso, sempre però legato al passaggio da uno stato dell esistenza marginale e incompleto a uno stato superiore. Il carro di Elia trova il suo corrispettivo nei riti di passaggio legati ai culti orfici, praticati a Roma ancora nella tarda età imperiale, nel ratto di Persefone. L immagine arcaica del carro di Proserpina giunge con grande vitalità sino all età moderna, dove, perduto il suo valore iniziatico, si intreccia alla vicenda di Cenerentola. 54 Tra le molte analogie 52 Prosper Mérimée, La Carrozza del Santo Sacramento, cit., p Dio mi sembra molto probabile [ ]. Quanto all altro mondo, stento molto di più a credervi. Lettera alla signora de la Rochejaquelein del 7 novembre 1859, citata in Prosper Mérimée, Théâtre de Clara Gazul, Romans et nouvelles, cit., p. lv. 54 Il legame profondo che unisce Kore a Cenerentola non riguarda solo l antropologia delle religioni ma anche la psicoanalisi, come si evince da Adalinda Gasparini, La luna

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Intervista a Maria Mattioni Oblique Studio 2010 Stelio Mattioni. Lo scrittore perduto. Intervista a Maria Mattioni di Annalisa Bizzarri Oblique Studio 2010 La signora

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili POSTFAZIONE 389 390 E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili costruzioni in cui il lettore viene

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

En plein air. Paolo Meoni

En plein air. Paolo Meoni En plein air Paolo Meoni Volume realizzato in occasione della mostra En Plein air PAOLO MEONI 19 aprile 19 giugno 2012 Die Mauer Arte Contemporanea, Prato Dryphoto Arte Contemporanea, Prato Ringraziamenti

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T. I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.GATTANELLA Libro di testo: AA.VV. Liberamente G.B.Palumbo Editore - volumi

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective MARCO PASSARELLO La rubrica STORIE DA RAGAZZI PIER DOMENICO BACCALARIO La parola MATADOR MATTATÓRE a cura di ZANICHELLI Lo strano re che ha ispirato

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Tre donne, tre storie di rinascita, coraggio e speranza

Tre donne, tre storie di rinascita, coraggio e speranza 30/11/2013 Tre donne, tre storie di rinascita, coraggio e speranza L assessorato alla Cultura e la Biblioteca Comunale di Inveruno propongono anche quest' autunno un ciclo di incontri letterari realizzati

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino.

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Biografia Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Manuela Salvi Dal 2004 collabora con la Mondadori Ragazzi come copyeditor e traduttrice. La sua

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso?

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso? Da 1200 a 12.000 partecipanti in dieci anni. Sono queste le cifre impressionanti del corso Sprigiona il Potere che è in Te di motivazione personale di Anthony Robbins, uno dei massimi eventi formativi

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori).

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). LE ONDE di V.Woolf Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). INTERLUDI 9 prose liriche atte a interrompere l azione del romanzo - la vita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa MODULO n1 PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa TITOLO: STORIA, CIVILTÀE POETICHE DELL EPOCA BAROCCA **QUESTO MODULO È PARTE INTEGRANTE DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Davide Fantini La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Il fascino della letteratura di viaggio si presenta a Claudio Magris già dall infanzia: in una recente intervista con Marco

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Santi medievali in guerra.

Santi medievali in guerra. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche Corso di Laurea in Storia dell Arte Santi medievali in guerra. Giovanna, Giorgio e Francesco

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Aldo Moro Aldo Moro Fu cinque volte Presidente del Consiglio dei Ministri e presidente del Partito della Democrazia

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

TEATRO DI ANIMAZIONE

TEATRO DI ANIMAZIONE Area Teatro Portfolio attività TEATRO DI ANIMAZIONE Portfolio attività Idea e specificità Gli spettacoli Animazioni ad hoc Progetti di animazione teatrale su misura La Compagnia Contatti Idea e specificità

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Teatro del Cerchio e Teatro Aurora di Langhirano - Comunicati stampa 7 e 8 Febbraio

Teatro del Cerchio e Teatro Aurora di Langhirano - Comunicati stampa 7 e 8 Febbraio Teatro del Cerchio e Teatro Aurora di Langhirano - Comunicati stampa 7 e 8 Febbraio Comunicato del 7 febbraio 2015 - Teatro del Cerchio, via Pini 16/A (Parma) In programma per sabato 7 febbraio alle ore

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

Tocco d artista per dieci grandi classici

Tocco d artista per dieci grandi classici Tocco d artista per dieci grandi classici NOVITÀ Diec tra i più celebrati e amati si presentano in una veste inedita e preziosa, firmata da Tullio Pericoli. ORIGINALITÀ Il tratto elegante, ironico e vibrante

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119.

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. TEMA 9: L'IMMORTALITÀ Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. , PLATONE FEDONE Prefazione, saggio introduttivo, traduzione, note,

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche 1. Il metodo Numerose comunità di base pongono al centro delle loro riunioni la Bibbia e si propongono un triplice obiettivo: conoscere la Bibbia,

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli