Hermann Simon Danilo Zatta. I TREND ECONOMICI DEL FUTURO Come cambieranno le imprese nel prossimo decennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Hermann Simon Danilo Zatta. I TREND ECONOMICI DEL FUTURO Come cambieranno le imprese nel prossimo decennio"

Transcript

1 Hermann Simon Danilo Zatta I TREND ECONOMICI DEL FUTURO Come cambieranno le imprese nel prossimo decennio

2 Hermann Simon e Danilo Zatta I TREND ECONOMICI DEL FUTURO Come cambieranno le imprese nel prossimo decennio

3 Sommario 9 Introduzione Globalizzazione accellerata Maggiore influenza politica Maggiore legame fra management e capitale Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti Comportamento dei clienti irrimediabilmente cambiato Interconnessione totale La sfida: implementazione più efficace Cambiare per cogliere i trend 253 Bibliografia

4 Introduzione Negli ultimi anni il nostro sguardo al futuro è cambiato, si è fatto più insicuro. Tuttavia non possiamo arrestare questa evoluzione: il mondo non si ferma. Trend economici di lungo periodo, interrotti in parte dalla crisi, hanno ripreso il loro cammino nella post crisi e influenzeranno in maniera determinante il nostro futuro. Oggi più che mai è quindi opportuno rivolgere lo sguardo in avanti. Diversi megatrend hanno già preso piede no-brainers, direbbero gli americani. Tra questi vi sono l avanzamento delle energie rinnovabili, forme di alimentazione alternative per l autotrazione, nonché i progressi nelle biotecnologie come pure nelle tecniche medicali. Anche Samuel Huntington con la sua tesi della sempre più marcata lotta delle culture sembra avere ragione. Lo stesso vale per il politologo americano Robert Kagan, il quale riferendosi al libro pubblicato da Francis Fukuyama dopo la caduta della cortina di ferro, The End of History (1992) propugna l idea di ritorno della storia e della fine dei sogni (The Return of History and the End of Dreams, 2008), nel senso di creazione di nuovi centri di potere. Trend politici e sociali di tale portata non sono oggetto del nostro libro. Noi affronteremo piuttosto sviluppi che avranno un impatto diretto sul management e sulla gestione aziendale. I sei

5 10 Introduzione trend aziendali contenuti in questo libro si sono in parte già manifesti e in parte agli albori. Continueranno a concretizzarsi, velocizzarsi e rafforzarsi. Condizioneranno in maniera forte le future opportunità ma anche i rischi delle aziende e con esse la loro gestione. Il nostro obiettivo è sviluppare chiare diagnosi e derivare da esse pratiche e solide indicazioni per i dirigenti. Chi riesce ad anticipare i sei trend aziendali del futuro facendosi trovare preparato sarà dalla parte di coloro che ne beneficeranno. Globalizzazione accelerata Un elevato numero di indicatori testimonia che la globalizzazione ha subito un enorme accelerazione negli ultimi tre decenni. Le attività che oltrepassano le frontiere sono aumentate molto più che la creazione di valore all interno dei singoli paesi e diversi elementi suggeriscono che questo trend continuerà, rafforzandosi. Ecco perché parliamo di globalizzazione accelerata. La globalizzazione delle imprese segue determinate fasi tipiche. All inizio c è la pura esportazione, seguita da filiali commerciali estere e successivamente da produzione all estero. Nel corso di questo processo si internazionalizzano anche le risorse umane: molte imprese che operano a livello internazionale hanno oggi più dipendenti all estero che nel loro paese d origine. È possibile attribuire a un azienda che ha il 60 o l 80% dei propri dipendenti in altri paesi una determinata nazionalità, e parlare di essa come di un azienda americana, giapponese o italiana? Progressivamente si nota come, oltre alla produzione, anche altre funzioni, quale la ricerca e lo sviluppo, prendano piede presso filiali estere. L ultima fase è quella della globalizzazione del management.

6 Introduzione 11 Sempre più imprese si trovano nello stadio in cui dipendenti e dirigenti provenienti da diverse culture lavorano quotidianamente insieme. Il professore di Harvard Howard Gardner, inventore del concetto dell intelligenza multipla, indica nel suo libro Five Minds for the Future (2006) il rispetto per le altre culture come un fattore chiave di successo per il futuro. Dove si trova rispetto a ciò la vostra azienda? Come giudicate la vostra azienda in termini di esportazioni, competitività o presenza globale? E quali sfide implicano i cambiamenti demografici, l immigrazione e la lotta per assicurarsi i migliori talenti di management internazionali? Concorrenti da paesi come Cina e India stanno recuperando competitività a grandi passi e rappresentano una minaccia sempre maggiore per le imprese dei paesi industrializzati. Quali risposte vanno date a queste nuove sfide? E quali opportunità possono essere colte? Quali sono le strategie più promettenti per il futuro, che permettono di sfruttare le opportunità e ridurre al minimo i pericoli? Maggiore influenza della politica La crisi economica ha rafforzato fortemente il trend della maggiore influenza della politica, soprattutto nel settore finanziario. Indipendentemente da ciò, le attività legate agli interventi statali si stanno facendo sempre più intense. La regolamentazione statale si fa sempre più dettagliata e può riguardare tutti gli aspetti che coinvolgono il management, basti pensare a quanto avviene in diversi paesi in termini di norme per la compensazione del management. Anche i processi di business definiti core, ossia fondamentali, non sono più un tabù. L economista dell Università di Yale Robert Shiller propone a questo riguardo consulenti finanziari indipendenti, con un sussidio da parte dello Stato e pagati

7 12 Introduzione su base oraria dai clienti, senza ulteriori provvigioni. Un altra proposta è la richiesta di assicurazioni sui crediti da parte dei privati, che divengono obbligatorie come le assicurazioni in campo automobilistico. I manager avranno sempre più a che fare con tali norme e la compliance limiterà inoltre i gradi di libertà della gestione aziendale. Al contempo si riducono le possibilità di manovra della politica a causa dell indebitamento esorbitante. Poter manovrare in un tale contesto risulta sempre più arduo. Per tali motivi la capacità del management di influenzare il processo decisionale politico, agendo contro sempre maggiori interventi, è più importante che mai. Il lobbying è pertanto uno dei settori che crescerà di più in futuro. Maggior legame fra management e capitale Una delle grandi tematiche dei nostri tempi è l allineamento degli interessi fra proprietà e manager incaricati dai proprietari. Una soluzione quasi intuitiva è quella di far diventare i manager co-proprietari. Molti dei problemi del passato vennero causati dalla elargizione di stock option, ossia i diritti di acquisto di azioni, che incentivavano i manager a un comportamento che non era in linea con gli interessi della proprietà. In questo libro indicheremo nuove strade per giungere a una soluzione del problema. Strettamente legata a tali questioni è quella del finanziamento. Lo sviluppo delle imprese viene deciso in maniera sempre più determinante dalle possibilità di finanziamento, l accesso al credito è sempre più limitato e questo fenomeno è destinato a rimanere tale. Il capitale proprio assumerà pertanto sempre maggiore importanza rispetto al capitale preso in prestito. Si tratta di una conseguenza permanente della crisi, che era co-

8 Introduzione 13 munque in arretrato. L evidentemente errata valutazione di rischi ha generato ingenti allocazioni sbagliate di capitale che hanno generato aspettative di ritorno irrealistiche. Se il credito diventerà in futuro un bene scarso, allora il vuoto che verrà a crearsi dovrà essere colmato con l impiego di capitale proprio. Pertanto si richiedono innovazioni in questo ambito. Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti I prodotti dei paesi industrializzati ricoprono tipicamente, nel contesto competitivo internazionale, un posizionamento premium, ossia di alta gamma. Ciò è reso possibile da prestazioni superiori e competenze interne: questo posizionamento dovrà essere difeso anche in futuro. Al contempo nasce, anche nella parte più bassa della scala di prezzo, un nuovo segmento che promette di divenire molto grande e che chiamiamo ultraeconomico. Si tratta di un trend che ricalca quello del low cost, in quanto la strategia aziendale è quella di proporre prodotti significativamente più economici rispetto a quelli di riferimento sul mercato. Il trend ultraeconomico va tuttavia oltre il low cost cui siamo abituati in Europa, in quanto più che di prezzi bassi si tratta di prezzi stracciati, o meglio ultrabassi. Per avere successo in questo segmento devono essere soddisfatte nuove esigenze in termini di ricerca e sviluppo, produzione e vendita; e le prime esperienze testimoniano che imprese occidentali e giapponesi hanno la possibilità di imporsi. Sono però necessarie strategie e approcci del tutto nuovi per avere successo. Anche il segmento del lusso cresce più di quello intermedio. Soprattutto nei paesi emergenti, i prodotti di lusso trovano grande richiesta presso i nuovi ricchi. Il business del lusso è nelle mani di aziende che provengono da paesi come la Fran-

9 14 Introduzione cia, l Italia o la Svizzera; nel mercato automobilistico vi sono numerose case tedesche che offrono prodotti di alta gamma o di lusso. Se un azienda ha finora trascurato questo segmento, deve ripensare la propria strategia. Grazie alla crescita esponenziale in termini di prestazioni e alla contemporanea riduzione dei costi dei componenti elettronici, l automatizzazione non solo industriale, ma anche in campo privato, si trova di fronte a un enorme progresso. La vostra azienda è pronta a questo cambiamento? O magari è una di quelle che lo promuove? Le fondamenta della leadership nel campo dell automazione risiedono nell integrazione dell informatica con la meccanica. Non ci si deve limitare a pure tecnologie informatiche. Comportamento dei clienti irrimediabilmente cambiato La crisi economica è stata una crisi di vendite, non di costi. I clienti si sono ostinati a non voler acquistare, cambiando così il loro comportamento. La fiducia nella libera economia di mercato e in particolare nel settore finanziario è stata persa forse definitivamente. Vi sono molti indicatori che tali cambiamenti comportamentali e attitudinali rimarranno stabili anche nel periodo post crisi. Dopo una crisi di tale portata possono volerci anche cinque anni per far riguadagnare ai consumatori fiducia, ripristinando le vecchie abitudini di acquisto e consumo. Sfiducia e paura nei confronti del futuro, soprattutto legati alla perdita del posto di lavoro, coniano il comportamento di molti. In Italia questo trend viene rafforzato dal fenomeno del precariato e dalle grandi difficoltà di trovare un contratto a tempo indeterminato che non risparmia neanche il futuro della nazione, ossia i giovani.

10 Introduzione 15 La sfavorevole elasticità del prezzo si sta contraendo solo lentamente. Vantaggi di costo o di valore si sovrappongono ad altri attributi di prodotto. Acquisti di beni superflui rappresentano delle eccezioni. Acquisti spontanei di articoli costosi vengono evitati. Gli effetti a breve hanno una rilevanza maggiore rispetto a quelli a lungo termine, finanziamenti e condizioni di pagamento hanno maggiore importanza, insieme a un avversione al rischio più pronunciata. Sono tutti elementi che disegnano il quadro di una clientela che ha mutato il proprio comportamento e continuerà a mantenerlo. Tali nuove caratteristiche non vanno tuttavia considerate solo come minacce, ma anche come opportunità, alle quali devono essere trovate risposte strategiche. Queste possono concretizzarsi in garanzie estese o periodi di prova, generose clausole di retrocessione, pagamenti variabili in base al successo, baratti, nuovi modelli di offerta di servizi, approfondimenti della catena del valore o altre azioni che vanno in questa direzione. Interconnessione totale Internet è ormai divenuto parte integrante delle funzioni aziendali. Tuttavia siamo solo all inizio. Le due principali caratteristiche di internet ossia la distribuzione di prodotti digitali a costi estremamente contenuti, nonché la connessione di un numero elevato di soggetti che offrono con soggetti che domandano si trovano ancora a uno stadio primitivo. Solo poche aziende riescono a cogliere e a sfruttare in maniera ottimale i potenziali di questo nuovo orizzonte. Apple ha compreso meglio di altri le opportunità offerte da internet ai distributori di contenuti digitali, sfruttandole a proprio favore. Sistemi integrati come ipod, iphone, ipad e le connesse applicazioni, le cosiddette apps, hanno spianato la strada verso il futuro,

11 16 Introduzione divenendo un esempio per altri content provider. Nello sfruttamento della capacità d interconnessione di internet solo Google è diventato un grande successo aziendale, e Facebook sembra muoversi in questa direzione. Assisteremo a molti nuovi modelli di business, approcci e successi. Per operatori tradizionali come editori di giornali o libri, ma anche per stampatori e la connessa filiera, il mondo cambierà radicalmente. La sfida: implementazione più efficace A fronte dei grandi e veloci cambiamenti, ritroviamo una sfida di livello superiore, ossia un implementazione più efficace. Nonostante molto sia migliorato a tal proposito negli ultimi anni, nella maggior parte delle imprese manca un efficace e veloce messa in opera di decisioni e piani d azione. L efficacia ed efficienza del management iniziano con un migliore impiego della scarsa risorsa tempo. Costretti a confrontarsi con una sempre maggiore mole di informazioni, doti sempre più importanti dei manager sono la battaglia contro il multitasking improduttivo e l eccessiva organizzazione. Tuttavia vi sono una serie di virtù, come il senso della realtà, l evitare grandi errori e l innovatività, che divengono sempre più essenziali. La gestione aziendale resta appassionante. Hermann Simon e Danilo Zatta

12 4. Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti Viviamo in un epoca di grandi stravolgimenti e cataclismi. A seguito della crisi sono fortemente cambiati i pesi che avevano in precedenza i mercati e le quote di mercato; insieme a essi si sono verificati grandi spostamenti nelle gamme di prodotto: ad esempio si sviluppano e si acquistano in Asia altri prodotti rispetto a quelli europei. Questo trend porta a una pericolosa separazione che vede da un lato le regioni in cui si produce e dall altro quelle dei mercati di sbocco. Così aziende attive a livello globale si confrontano con domande inedite, e a fronte di questi ribaltoni vengono messe in dubbio esperienze e pratiche consolidate. Evitare la trappola dell esperienza Attestare l esperienza di un manager vuol dire fargli un complimento. Di fatto, l esperienza gioca un ruolo importante nella vita dei dirigenti. I nostri pensieri e le nostre azioni si sostanziano infatti facendo tesoro delle esperienze passate per preparare il futuro. Come ogni essere umano, anche il dirigente vive in un contesto temporale, il suo comportamento viene influenzato sia dal suo carattere sia dall esperienza accumulata in passato. «Vivere vuol dire trasformare il tempo in esperien-

13 112 Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti za», sosteneva il matematico e filosofo Gattegno; l intenzione di fare tutto diversamente da subito si dimostra pertanto, di solito, del tutto illusoria. Noi tutti siamo prigionieri della nostra storia, più di quanto ce ne rendiamo conto. Con la maggiore età questa tendenza si rafforza, presso il singolo individuo come in un organizzazione nel suo complesso. Il proposito di fare tutto in maniera radicalmente diversa da oggi non porta in genere al successo, a meno che ci si trovi in una situazione di crisi. Ciò vale a maggior ragione in aziende (vecchie) ricche di esperienza e di successi rispetto ad aziende giovani con minore esperienza. Un esempio spettacolare viene offerto dal progetto Saturn della General Motors, lanciato vent anni fa con un budget enorme per quei tempi: 5 miliardi di dollari. Con gigantesche ambizioni e un infinito entusiasmo, venne data vita a questo progetto volto a produrre e vendere con un approccio radicalmente diverso un automobile innovativa. La squadra responsabile per Saturn godeva di ampie libertà e disponeva dei mezzi per rivoluzionare il mercato automobilistico, ed evidentemente sfuggì che i manager della Saturn portavano con sé la loro esperienza e il loro passato. Quando i manager si trasferirono dalla sede centrale della General Motors a Detroit verso il rurale Tennessee, lasciarono le scrivanie dei precedenti uffici, ma portarono con sé questo ingombrante quanto invisibile bagaglio. Guardando all operazione con gli occhi di oggi, si può affermare che nessuno dei grandi obiettivi è stato raggiunto: Saturn non è stato il motivo del declino della General Motors, ma nel corso della crisi in cui versava la casa madre nel il progetto è stato abbandonato. I modelli offerti da Saturn sul mercato erano automobili senza particolari tracce di cambiamento rivoluzionario; le ambizioni legate alla qualità totale si dimostrarono essere un illusione: le macchine della Saturn avevano la simile, mediocre qualità di quelle della casa

14 Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti 113 madre. La trappola dell esperienza aveva mietuto in maniera spietata molte vittime. Diversamente dalle conoscenze teoriche apprese a scuola o sui libri, le conoscenze basate sull esperienza sono fortemente emozionali e affettive. Le esperienze sono collegate a successi, ricompense e gioie, ma anche a fallimenti, sanzioni e timori. L esperienza è un fattore fondamentale per la sensazione nella pancia. Quando analisi razionale ed esperienza entrano in conflitto, di solito è l esperienza a predominare; un processo, questo, voluto dalla teoria dell evoluzione. La vitale necessità di adeguamento porta ad assumere schemi comportamentali che in passato sono stati ricompensati con il successo e a evitare azioni che hanno portato a fallimenti. Un dirigente con esperienza riesce a diagnosticare di norma una situazione in maniera più mirata, veloce e omnicomprensiva rispetto a un novizio: il primo conosce gli aspetti critici e può valutare i benefici offerti da diverse soluzioni alternative in maniera più fondata. L esperienza contribuisce pertanto a ottimizzare in generale le decisioni nonché la loro messa in opera; ciò vale soprattutto quando le condizioni in cui sono state accumulate le esperienze passate restano valide anche in futuro. Di solito il mondo evolve con una certa costanza, cosicché un ampio bacino di esperienze risulta di grande valore sia per il singolo manager sia per l azienda nel suo complesso. Quando però il mondo cambia fortemente e velocemente, l estrapolazione appena descritta cela grandi rischi. Il filosofo Henri Bergson notava giustamente che le regole basate sull esperienza divengono un peso quando il contesto nel quale sono state definite non è più valido. Il pericolo è tanto maggiore quanto più rapidi e discontinui sono i cambiamenti. Nel recente passato questa situazione si è manifestata in molti mercati. L incredibile progresso fatto dalla globalizzazione, la comparsa di concorrenti sconosciuti, le inimmaginabi-

15 114 Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti li possibilità di internet e la crisi seguita da segni di ripresa rendono sempre più rischioso derivare strategie aziendali primariamente dalle regole sulle quali si è basato il successo in passato. Imprese di vendita per catalogo come Quelle o Neckermann sono cadute vittime di internet; negozi di generi alimentari o di elettronica di consumo tradizionali hanno ceduto grandi quote di mercato a insegne del discount come Aldi e Lidl o a specialisti aggressivi come MediaWorld e Saturn. A una tradizionale azienda farmaceutica che investe in ricerca e sviluppo l esperienza accumulata serve poco quando si tratta di far fronte a concorrenti con prodotti generici. I media tradizionali mostrano di essere impotenti rispetto a Google. Le collaudate strategie e barriere all entrata delle linee aeree tradizionali non le hanno preservate da operatori low cost che usano approcci non convenzionali. In tutte queste situazioni di cambiamento la vecchia esperienza non solo conta poco, ma può anche essere controproducente. Molte aziende reagiscono a tali turbolenze intensificando le attività ricorrenti, fanno di più dello stesso (es. ancora più pubblicità, o rafforzamento della forza vendita) senza capire che le regole e i parametri della competizione sono cambiati. Sono prigioniere della loro esperienza, e per mettersi al sicuro impongono nella peggiore delle ipotesi dogmi o tabù. Il direttore marketing di una grande azienda italiana intensamente attaccata da nuovi concorrenti a inizio 2011 ci ha detto a tal proposito: «Da un punto di vista razionale ne siamo consapevoli, ma ci serve semplicemente tempo per accettare il fatto che in futuro molte cose dovranno essere svolte in maniera completamente diversa rispetto a quello che abbiamo sempre ritenuto giusto. Dobbiamo avere la forza di liberarci da molti vecchi preconcetti. Ciò è difficile e richiede tempo». Lo studioso comportamentale Paul Watzlawick ha scritto al riguardo: «La necessità vitale dell adattamento porta ine-

16 Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti 115 vitabilmente alla creazione di determinati schemi comportamentali il cui obiettivo è favorire con successo la sopravvivenza. Per motivi che restano oscuri per gli esperti di scienze comportamentali, gli animali come gli esseri umani tendono a considerare questi schemi comportamentali come migliori e pertanto immutabili. Ciò porta a divenire ciechi: primo, non si coglie il fatto che lo schema definito in passato dopo un certo tempo non è quello più adeguato e, secondo, che vi sono sempre stati o perlomeno vi sono ora accanto a esso una serie di alternative». Il pericolo di perseverare su un certo comportamento consolidato sembra essere tanto maggiore quanto più ha avuto successo in passato: il successo è il maggior nemico del cambiamento. Imprese di successo sono esposte a rischi particolarmente grandi quando si trovano di fronte a radicali cambiamenti. «Il leader di mercato di oggi è il potenziale perdente di domani» scriveva Richard Foster nel suo libro Innovation (1988). Come possono proteggersi manager e imprenditori dalla trappola dell esperienza e raggiungere un miglior mix tra esperienza e innovazione? Più è ampio il portafoglio di esperienze di un individuo, meglio è; mentre gli specialisti rischiano più di altri di divenire prigionieri della loro limitata esperienza. Molto utili sono i contatti al di fuori della propria azienda o del proprio settore: trasferte all estero, esperienze in diverse funzioni o in diverse divisioni anche di uno stesso gruppo aziendale ampliano il bagaglio di conoscenze e sono così un efficace mezzo per prevenire la trappola dell esperienza. Le impressioni che si evincono confrontandosi con altre culture o in altri contesti aziendali non si possono cogliere leggendo libri ma solo vivendole sulla propria pelle, e sono ancora troppo poche le aziende che impiegano sistematicamente la job rotation funzionale o internazionale. Ognuno di noi deve impegnarsi a restare cogni-

17 116 Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti tivamente giovane e porre continuamente in dubbio le proprie esperienze consolidate. Cosa può fare l impresa? Il mezzo più efficace sono team direzionali eterogenei dal punto di vista dell età. Se tutti i membri del consiglio d amministrazione hanno un età da Politburo, allora domina l effetto esperienza: in molte grandi aziende italiane le promozioni avvengono troppo tardi, cosa che non giova in quest ottica. Anche un mix funzionale garantisce una sana diversità di esperienze. Quando discutiamo questioni di marketing in un azienda chiediamo di coinvolgere manager dall area finanze, produzione o ricerca e sviluppo: solitamente arricchiscono l ampiezza delle alternative prese in considerazione. Infine, ristrutturazioni fatte da esterni sono una via efficace per disinnescare la trappola dell interesse. Siamo particolarmente scettici nei confronti di manager universali che passano da un settore all altro; riteniamo tuttavia che un mimino di rinnovo e scambio di esperienze sia assolutamente necessario. Un certo ruolo viene inoltre ricoperto dalla cultura aziendale: è piuttosto orientata all esperienza o è abbastanza aperta? In molte aziende si ha l impressione che ogni cambiamento necessiti di una spiegazione, cosa che non vale quando si continua ad agire come in passato. In caso di dubbio o discordanza di opinioni si procede come in passato: anche questa è una decisione. Una tale asimmetria diviene pericolosa proprio in tempi di forti cambiamenti come nell attuale periodo. Il procedere come si è sempre fatto dovrebbe essere motivato come avviene per il cambiamento. L esperienza ha un grande valore e rappresenta la colonna portante di un buon management. Non deve tuttavia divenire un fattore di valutazione dominante ma, come ogni nuova idea, va vagliata criticamente. In tempi di grandi cambiamenti come quelli che stiamo vivendo oggi, queste massime sono più importanti che mai.

18 I trend economici del futuro, alla seconda edizione aggiornata e ampliata, disegna il futuro scenario su cui si svilupperà l economia dopo la grande crisi, perchè il futuro giunge prima che ce ne rendiamo conto. Il mondo aziendale cambierà radicalmente nei prossimi anni secondo 6 trend che Simon e Zatta individuano e analizzano e a cui le aziende si dovranno adeguare con consapevolezza per affrontare le sfide del prossimo decennio. ì 1 Globalizzazione accelerata ì 2 Maggiore influenza della politica ì 3 Maggior legame fra management e capitale ì 4 Spostamenti tettonici nel mondo dei prodotti ì 5 Comportamento dei clienti in costante evoluzione ì 6 Interconnessione totale Un testo imperdibile che fornisce le risposte alle domande che tutti i manager si stanno ponendo. «Il mondo del management è fatto di opportunità e di sfide. Solo le aziende migliori sono in grado di cogliere le prime e vincere le seconde. In tal senso il libro di Simon e Zatta fornisce spunti interessanti ed utili per capire i trend economici del futuro e consentire ai manager più lungimiranti di porre le basi per la competizione nel prossimo decennio.» Franco Fontana, Direttore della LUISS Business School Hermann Simon ha insegnato nelle più prestigiose università del mondo, tra cui Insead, Harvard, Mit e London Business School. Ritenuto il maggior management thinker contemporaneo, è presidente di Simon-Kucher & Partners (Skp). Fra i suoi numerosi successi editoriali: Think! (2010), Battere la crisi (2009), Aforismi per Manager (2010), Aziende Vincenti (2011) e Price Management (2013), tutti con Zatta. Danilo Zatta, Partner in Skp, esperto di strategie, marketing e vendite, assiste come consulente direzionale multinazionali e Pmi. Oltre a quelli scritti con H. Simon ha pubblicato diversi libri tra cui Revenue Management (2007), Management Strategico (2008) e Le Basi del Pricing (2009). I suoi articoli sono apparsi nelle principali riviste di management tra cui «Harvard Business Review», «L Impresa» e «MarkUp».

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

il tuo sviluppo concreto

il tuo sviluppo concreto BROCHURE 2015 Navigare necesse est, vivere non necesse il tuo sviluppo concreto 01 Coerenza: Siamo prima di tutto imprenditori che applicano le tecniche che forniamo 02 Responsabilità: ci sentiamo e comportiamo

Dettagli

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI Eccoci alla puntata finale del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi.

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi. http://www.sinedi.com ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1 L innovazione dei modelli di Business può essere guidata dalla

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR La valutazione del personale Come la tecnologia può supportare i processi HR Introduzione Il tema della valutazione del personale diventa semprè più la priorità nella gestione del proprio business. Con

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA Perché affrontare questo tema? Il motivo risiede nella considerazione che la progettazione organizzativa, ma soprattutto la sua corretta attuazione, siano una delle

Dettagli

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento MODELLI DI BUSINESS E MACCHINE UTENSILI UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE 1 Razionale Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Utilizzare la soluzione giusta, semplicemente.

Utilizzare la soluzione giusta, semplicemente. Grandi Aziende Utilizzare la soluzione giusta, semplicemente. Nuove prospettive per la vostra azienda. Sempre in buona compagnia con la nostra gamma di servizi. Consulting Benvenuti al «think tank»! Qui

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI INTERNAZIONALIZZAZIONE POMPEO TRIA CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI Pompeo Tria del gruppo Step Impianti presenta la strategia per il prossimo triennio. Tre parole chiave: internazionalizzazione, innovazione

Dettagli

Il Foresight Tecnologico quale strumento di business intelligence a supporto della competitività delle imprese

Il Foresight Tecnologico quale strumento di business intelligence a supporto della competitività delle imprese XXXIV CONVEGNO ANNUALE AIDEA AZIENDE DI SERVIZI E SERVIZI PER LE AZIENDE. LA RICERCA DI UN PERCORSO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER SUPERARE LA CRISI. PERUGIA, 13 E 14 OTTOBRE 2011 FILONE DI RIFERIMENTO: SERVIZI

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

Introduzione al marketing della P.A. e del territorio

Introduzione al marketing della P.A. e del territorio Introduzione al marketing della P.A. e del territorio L Amministrazione Pubblica e l orientamento al mercato 2 Sempre più frequentemente, il personale delle P.A. si trova ad affrontare un processo di CAMBIAMENTO

Dettagli

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Intervento di Susanne Ruoff Direttrice generale della Posta Svizzera 10 giugno 2013 FA FEDE IL DISCORSO EFFETTIVAMENTE PRONUNCIATO Gentili Signore,

Dettagli

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sette Investimenti diretti esteri Investimenti diretti esteri nell economia mondiale 7-3 Il flusso di IDE è l ammontare di investimenti esteri realizzati in un dato

Dettagli

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili IV Strategy Forum Financial Services Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili Sintesi dell evento 17 Ottobre 2012 The Westin Palace Hotel Piazza della Repubblica, 20 Milano Abstract

Dettagli

Case Study. Il mutevole settore del mercato del libro. Servizi di sviluppo del business. Aprile 2012

Case Study. Il mutevole settore del mercato del libro. Servizi di sviluppo del business. Aprile 2012 Case Study Servizi di sviluppo del business Aprile 2012 Il Gruppo HF sfrutta i servizi a valore aggiunto di Xerox per avviare la divisione Book Partners Commenti o domande? Sommario Lista delle figure...

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Economia Prof. Marco Galdenzi Anno accademico 2013/14 LA STRATEGIA La strategia è un sistema di comportamenti pianificati

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand

Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand NetObserver Europa PER SAPERE TUTTO SUI NAVIGATORI Comunicato stampa Parigi, Marzo 2009 Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand A conclusione

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA

VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA BUYVALUESELL: VENDERE VALORE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI INNOVATIVI? Gli

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

LE SFIDE PER IL 2015

LE SFIDE PER IL 2015 MERCATO & COMPAGNIE LE SFIDE PER IL 2015 di LAURA SERVIDIO L ATTESA CRESCITA, PER IL PROSSIMO ANNO, SARÀ LENTA. MA PER IL SETTORE ASSICURATIVO NON MANCANO LE OPPORTUNITÀ. TRA QUESTE, L EVOLUZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE di Avv. Elena Marangoni e-mail info@elenamarangoni.com Le aziende devono guardare alla Proprietà Intellettuale

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

blue ocean strategy in Italia

blue ocean strategy in Italia blue ocean strategy in Italia Blue Ocean Strategy Executive Seminar Milano, 25-26 ottobre 2012 Vincere senza competere: ripensare la propria strategia per la crescita profittevole. Panoramica Per la seconda

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE 1) 10 FEBBRAIO 2015 9:00 14:00 INTERNAZIONALIZZAZIONE Come aumentare il fatturato della Tua Azienda attraverso un approccio strategico ai mercati esteri Un metodo solido, strutturato, basato su una visione

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

I CONSIGLIERI INDIPENDENTI: UN ELEMENTO FONDAMENTALE IN UN MERCATO IN CONTINUA EVOLUZIONE

I CONSIGLIERI INDIPENDENTI: UN ELEMENTO FONDAMENTALE IN UN MERCATO IN CONTINUA EVOLUZIONE I CONSIGLIERI INDIPENDENTI: UN ELEMENTO FONDAMENTALE IN UN MERCATO IN CONTINUA EVOLUZIONE Massimo Paolo Gentili * Orietta Nava * Negli ultimi anni, per effetto delle innovazioni tecnologiche, il settore

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

Copyright A&D future. La filosofia di MODELPROD per la Sanità tende alla rivalutazione della

Copyright A&D future. La filosofia di MODELPROD per la Sanità tende alla rivalutazione della Commento Dia 1 La versione per le Aziende Sanitarie di MODELPROD consente di vedere l Ospedale come processo produttivo e si propone come strumento per estendere ad esso i criteri di gestione e controllo

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Aziende familiari e competitività: mercati internazionali, managerialità e scenari strategici

Aziende familiari e competitività: mercati internazionali, managerialità e scenari strategici La sapienza è figliola dell esperienza. (Leonardo da Vinci, Codici Forster II e III, 1493/1505 Aziende familiari e competitività: mercati internazionali, managerialità e scenari strategici Convegno del

Dettagli

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi?

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Report paper by Novaxia Corporate Programme Team In un periodo di svolta dopo quello che abbiamo vissuto e che

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

CONTRIBUTO DEI LEADER DEL FUTURO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE

CONTRIBUTO DEI LEADER DEL FUTURO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE Le nostre parole chiave per il futuro dell Italia CONTRIBUTO DEI LEADER DEL FUTURO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE Villa d'este, Cernobbio 3, 4 e 5 settembre 2010

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE WHITE PAPER [ Con la moderata ripresa economica emergono nuove necessità di bilanciamento delle leve di marketing Pierluigi Carlini ASK Vice President IRI Con la moderata ripresa economica emergono nuove

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

STRATEGIE. Vendere alla grande

STRATEGIE. Vendere alla grande PROFITTO. Otto regole per conquistare i consumatori in tempi di crisi Vendere alla grande Generare volumi di vendita in questo periodo è una sfida che può sembrare impossibile, ma esistono azioni innovative

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori MBS Business School Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati Come sta reagendo il Suo settore alla crisi finanziaria in corso? Quali sono le previsioni per i prossimi

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25%

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% COMUNICATO STAMPA Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% Non tutti guadagnano ciò che meritano. Il più grande studio sul pricing mai effettuato, con oltre 3.900 intervistati,

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

Essere Manager per creare valore

Essere Manager per creare valore FORMAZIONE E SERVIZI INNOVATIVI - RAVENNA CATALOGO CORSI www.ecipar.ra.it/som Essere Manager per creare valore Ecipar di Ravenna School of Management La School Of Management (SOM) realizzata da Ecipar

Dettagli

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende.

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. COMPANY PROFILE Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. La storia del Gruppo Maggioli ha inizio un secolo fa e da allora procede, attraverso quattro

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

Consulenza e Formazione 2012

Consulenza e Formazione 2012 Consulenza e Formazione 2012 Settore: Hair Beauty - Wellness One day Seminar LA COMUNICAZIONE VERBALE, PARAVERBALE, NON VERBALE (T/C) Il buon comunicatore è quello che ottiene dalla propria comunicazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Comunicazione per le Aziende LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS G. Pellicelli

Dettagli

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo GLI INVESTIMENTI COLONNE PORTANTI DELLA CREAZIONE DI VALORE di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo La redditività degli investimenti è sì un obiettivo, ma anche e soprattutto

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli