Unire i puntini. Il Bilancio Sociale della. Banca Popolare di Fondi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unire i puntini. Il Bilancio Sociale della. Banca Popolare di Fondi"

Transcript

1 Unire i puntini Il Bilancio Sociale della Banca Popolare di Fondi Edizione 2014

2 Non potete sperare di unire i puntini guardando avanti, potete farlo solo guardandovi alle spalle: dovete quindi avere fiducia che i puntini che ora vi paiono senza senso possano in qualche modo unirsi nel futuro. Dovete credere in qualcosa: il vostro ombelico, il vostro karma, la vostra vita, il vostro destino, chiamatelo come volete; questo approccio non mi ha mai lasciato a terra, e ha fatto la differenza nella mia vita Se non avete ancora trovato ciò che fa per voi, continuate a cercare, non fermatevi, come capita per le faccende di cuore, saprete di averlo trovato non appena ce l avrete davanti. E, come le grandi storie d amore, diventerà sempre meglio col passare degli anni. Quindi continuate a cercare finché non lo trovate. Non accontentatevi Il vostro tempo è limitato, perciò non sprecatelo vivendo la vita di qualcun altro. Non rimanete intrappolati nei dogmi, che vi porteranno a vivere secondo il pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui zittisca la vostra voce interiore. E, ancora più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione: loro vi guideranno in qualche modo nel conoscere cosa veramente vorrete diventare. Tutto il resto è secondario Siate affamati. Siate folli. Dal discorso di Steve Jobs a Stanford 12 giugno

3 Cara amica, caro amico della Bpf, il Bilancio Sociale è ormai diventato per la Banca che presiedo una sorta di coscienza, un modo per guardarsi dentro almeno una volta l anno, per leggere il nostro operato quotidiano alla luce di un impegno che dura ininterrottamente dal Un modo di verificare il rispetto di un patto non scritto, quello tra la Banca e il suo territorio, di valutare quanto della vision originaria rimane nelle scelte dell oggi, di vagliare i risultati raggiunti senza rinnegare la propria mission. O, per dirla alla Steve Jobs, un modo di unire i puntini. Questa espressione fu usata dal genio visionario e creativo, fondatore di Apple, nel celeberrimo discorso pronunciato davanti ai neolaureati di Stanford, una delle migliori università del mondo. Cosa vuol dire per noi unire i puntini? Per la Banca Popolare di Fondi significa riannodare i fili tra presente e passato, ma con lo sguardo aperto sul futuro; lavorare avendo ben chiara la nostra funzione sociale e la ricchezza delle relazioni che ci contraddistingue. Vuol dire soprattutto ricordare i risultati raggiunti nel corso degli anni e proiettarli in un domani in cui, nonostante le prospettive incerte, abbiamo voglia di continuare ad operare con i medesimi obiettivi e le stesse modalità. La storia si disvela poco alla volta, come accade ai disegni della Pista cifrata presenti nella famosa Settimana Enigmistica. Congiungendo puntini che sembrano posti casualmente appare un disegno ben preciso, che tuttavia non era percepibile fino a un attimo prima. È questo il senso della storia della nostra Banca, sin dai primi puntini che, inconsapevolmente ma con fiducia, i suoi fondatori ponevano nel lontano Da allora in molti hanno lavorato per unire quei puntini e perché oggi noi potessimo scorgere un disegno che ha iniziato a prendere forma ma che sarà completato solo nel futuro. Ed è bello pensare che il disegno venga fuori, poco alla volta, con il contributo di tutti; non solo di coloro che amministrano la Banca o di chi ci lavora, ma anche dei tanti che con essa intrecciano la propria vita, i propri sogni e le speranze. Il nostro compito è quello di non permettere che queste speranze si affievoliscano o svaniscano, anche nelle difficoltà di una situazione economica che continua a mantenersi molto difficile. 3

4 L operato della Banca negli ultimi anni è stato improntato proprio a tale fine, nel solco di una tradizione che l ha vista svolgere sin dalle origini un ruolo di sostegno alle comunità e all economia locale. Un sostegno che non si ferma al corretto ed efficace svolgimento della sua attività di intermediazione creditizia ma che si manifesta anche nel supporto di progetti benefici o culturali, sportivi o medici, educativi o religiosi. Forse è per questo che non ci sentiamo soli quando ci guardiamo alle spalle con la fiducia che, nel futuro, i puntini saranno uniti e formeranno una figura in cui tutti gli interlocutori della Banca potranno specchiarsi: soci, dipendenti, fornitori, enti e istituzioni locali, media, scuole. Anche in tempi difficili per i risultati economici, quindi, non siamo disposti a rinunciare ai nostri principi ispiratori: prossimità, solidarietà, mutualità, democrazia economica, sostenibilità. Non è uno sterile elenco di propositi ma l essenza della nostra responsabilità sociale, quella che ci permette anche quest anno di pubblicare e condividere il documento che avete tra le mani. Al di là dei numeri, dei contributi erogati e delle sponsorizzazioni concesse, dei grafici e delle foto che troverete in questo rendiconto, ciò che intendiamo comunicare è la bontà di un modello, quello cooperativo, che ci ha consentito di crescere insieme sulla base di valori importanti. Se c è qualcosa che consentirà anche in futuro di unire i puntini, non può che essere la Responsabilità Sociale. Il Presidente 4

5 INDICE - Lettera del Presidente 3 Uniamo i puntini 7 La relazione sociale della Bpf 13 - La Banca e i suoi Soci 15 - La Banca e la sua Clientela 21 - La Banca e le sue Risorse Umane 28 - La Banca, lo Stato e gli Enti Locali 33 Puntini di valore 35 - Prospetto di determinazione e distribuzione del Valore Aggiunto 37 La Banca, il territorio, la comunità 39 - La III Edizione del Fondi Music Festival 48 - Festival di Poesia Contemporanea Verso Libero 50 - La Mostra/Evento La Fondi che non c è più 52 - La medaglia Giulia Gonzaga Contessa di Fondi 54 - Il progetto Emozioni Una serata da ricordare 56 - Lievito per Latina 59 5

6 Immagini del Festival di poesia contemporanea Verso Libero e del Fondi Music Festival 6

7 Il segreto per andare avanti è iniziare. (Mark Twain) Uniamo i puntini 7

8 Per raggiungere risultati importanti bisogna essere visionari; bisogna cioè avere una vision, uno sguardo al futuro con la proiezione di uno scenario che rispecchia gli ideali, i valori e le aspirazioni di chi fissa obiettivi ben chiari. E Steve Jobs era un visionario, come dimostra la sua vita e come possiamo capire rileggendo quel famoso discorso di Stanford cui ci siamo ispirati per questa edizione del Bilancio Sociale. Questa Banca ha dalla sua la capacità, storicamente dimostrata e continuamente confermata, di praticare una veduta lunga ; di andare oltre l approccio efficientista del tipo tutto e subito tanto caro a quell economia globalizzata e finanziarizzata che punta solo all immediata massimizzazione del profitto. Questa visione di lungo periodo, basata su un modello operativo centrato sulle persone, tiene conto nella gestione aziendale non solo della redditività ma anche delle ricadute sociali dell attività sulla propria area di riferimento, puntando tutto sulla sostenibilità delle scelte e sulla condivisione degli obiettivi con l intera comunità degli stakeholder. Anche in questo senso si tratta di unire i puntini, di mettere insieme sogni e realizzazioni concrete, passato e futuro, certezze e intuizioni, senza lasciare che il rumore delle opinioni altrui zittisca la nostra voce interiore. È un po quello che fecero i fondatori della Banca, che certamente avevano in mente un progetto ma non potevano sapere a chi sarebbe toccata negli anni l opera di raccordo; seguivano un intuizione ma non sapevano probabilmente cosa potesse diventare la loro idea nel futuro. L unione dei puntini vale anche per la capacità di mettere insieme le istanze che provengono dai diversi attori della comunità locale, lavorando per promuovere condizioni di equilibrio e partecipazione da parte di tutti. Questa Banca, nel solco della tradizione del Credito Popolare, si adopera per favorire il processo di crescita del territorio e per promuovere l inclusione e l uguaglianza. Rincorrendo una sempre maggiore efficacia allocativa e intervenendo a sostegno di meritevoli iniziative, ci impegniamo a facilitare processi di redistribuzione che garantiscano una crescita armonica della comunità. Un sorprendente studio del Fondo Monetario Internazionale, i cui risultati sono stati diffusi nella scorsa estate, afferma che la ricchezza troppo concentrata non favorisce lo sviluppo. Questa conclusione, che rappresenta una svolta negli studi economici, scaturisce dall analisi di tre ricercatori (Jonathan Ostry, Andrew Berg, e Charalambos Tsangarides) che spiega come l'aumento delle disparità di reddito costituisca un rischio, non solo per i sistemi sociali e politici, ma anche per l'economia reale. Troppe disuguaglianze impattano in maniera negativa sul Prodotto Interno Lordo, deprimendolo. Lo studio in oggetto ha il merito di puntare i riflettori su uno degli aspetti dell'economia di cui negli ultimi tempi si è parlato troppo poco: le disuguaglianze. Nello studio, i tre esperti dimostrano infatti l'esistenza di un impatto delle disuguaglianze sul Prodotto Interno Lordo per 8

9 diversi motivi: ad esempio, per via della riduzione dell'accesso alle prestazioni sanitarie, che comporta un aumento delle malattie e della mortalità, nonché una diminuzione della forza lavoro. Ma anche a causa della diminuzione del numero di persone che accedono all'istruzione, il che può far crescere intere generazioni prive delle conoscenze necessarie per garantire lo sviluppo economico. La stessa instabilità politica, inoltre, rischia di ridurre gli investimenti (soprattutto quelli provenienti dall'estero), contribuendo ulteriormente a deprimere il sistema interno. Negli ultimi decenni è innegabile che, in tutti i Paesi del mondo, i redditi siano sempre più concentrati nelle tasche di poche persone. Un indagine dell OCSE rivela infatti come in Italia la forbice tra ricchi e poveri sia aumentata nettamente negli ultimi decenni: se nel 1981 l 1% dei redditi più alti si accaparrava il 6,9% del totale distribuito nel Paese, nel 2012 la percentuale era salita al 9,4%. Ne discende che nel 2012 vivevano in povertà assoluta 4,8 milioni di persone residenti in Italia, pari all'8% del totale, mentre nel 2007 erano 2,4 milioni, cioè il 4,1%: questi dati, da cui si evince che i poveri sono raddoppiati in cinque anni, vengono dal rapporto Il bilancio della crisi, presentato dalla Caritas Italiana lo scorso luglio. Spesso ci chiediamo se davanti a questi trend macroeconomici sia possibile per una piccola banca porre qualche riparo, agire per smorzare queste ineguaglianze generate da un sistema economico fortemente iniquo, in cui la finanza è sempre più sregolata e il commercio sempre più sfruttatore. Nel nostro piccolo proviamo comunque a farlo, offrendo sostegno alla realtà economica locale, nella certezza che i valori della cooperazione bancaria siano ancora attuali ed efficaci e che possano rappresentare lo strumento in grado di far sì che la democrazia e l interesse generale riprendano il controllo del capitalismo: solo dal basso si può iniziare a ricostruire un sistema più equo. Questa sensibilità è tipica della Cooperazione Bancaria e quindi del Credito Popolare, garantita dalla loro natura giuridica e dalla governance democratica cheassicura la partecipazione attiva di tutti gli stakeholders. È da questo che scaturisce la responsabilità sociale di una categoria cui orgogliosamente apparteniamo e che, nonostante gli anni di crisi economica e di diffusa sfiducia verso le banche, continua a mantenere una buona reputazione. Prova di ciò sono i riconoscimenti che il Credito Popolare continua a ricevere a livello internazionale, l ultimo dei quali arrivato nello scorso luglio da parte di Standard Ethics. Questa società londinese è specializzata nell assegnazione di rating di sostenibilità, attribuiti in modo da tenere conto anche del grado di attenzione e di rispondenza alle indicazioni provenienti dall Unione Europea, dall OCSE e dalle Nazioni Unite. Esaminando ben 32 temi specifici, di cui 15 attinenti alla governance (rendicontazione, controlli, funzioni operative e in generale norme e poteri interni) e 17 alle policy aziendali (programmi di gestione e di sviluppo dell attività aziendale), 9

10 Standard Ethics ha assegnato al sistema delle banche popolari italiane un rating di sostenibilità EE con outlook positivo, un livello superiore di due gradini rispetto alla media del sistema bancario nazionale e di molte banche estere. La società londinese ha precisato inoltre che ogni rating pari o superiore al livello EE indica una buona conformità e che le Popolari italiane rispondono positivamente alle richieste europee e internazionali in materia di responsabilità sociale d impresa e corporate governance, specialmente in tema di sussidiarietà, democrazia economica, tutela degli azionisti e dei clienti. Anche questo è un riconoscimento che ci inorgoglisce e che viene da lontano, da un modo di fare banca che per molti è superato e che invece continua a conseguire successi perché basato su una ricchezza che unisce e che non separa, quella delle relazioni. Da questa ricchezza scaturisce tutto ciò che potete leggere in questo Bilancio Sociale, a partire dai primi dati numerici che seguono e che provengono dal bilancio d esercizio, espressi in forma tabellare e grafica. Sebbene la nostra Banca persegua, infatti, i risultati sociali prima ancora di quelli economici, è bene partire dalle più importanti grandezze di bilancio per effettuare una sintetica valutazione dell operatività dell esercizio Più avanti, in questo documento, i lettori potranno apprezzare le principali ricadute in termini sociali dell operato della Banca e giudicarlo grazie all utilizzo di alcuni indicatori. VOCE IMPORTO VARIAZIONE 2014/2013 Crediti verso la clientela ,19% Raccolta diretta da clientela (*) ,84% Margine d'interesse ,28% Margine d'intermediazione ,99% Utile delle attività ordinarie ,16% (*) Non contiene gli importi riferiti a forme tecniche comprese nella Voce 20 del Passivo (Debiti verso Clientela) ma non classificabili come raccolta Nella tabella precedente, che esprime in maniera molto sintetica i principali dati economici e patrimoniali rivenienti dal bilancio d esercizio, si possono cogliere le dinamiche registrate nel 2014 dalla raccolta e dagli impieghi a clientela della Banca. L aumento dei crediti, che fa ancora una volta da contraltare alla loro contrazione a livello di sistema, è una nuova dimostrazione del sostegno offerto dalla Bpf all economia locale, anche se si è registrato un nuovo peggioramento nella qualità dell attivo creditizio. Torna a crescere anche la raccolta diret- 10

11 ta, il cui incremento è dovuto in parte all affluenza di nuova liquidità e in parte al passaggio dal comparto dell indiretta. Per quanto concerne i risultati economici, possiamo notare l ottimo risultato del margine d interesse che, nonostante il permanere su livelli minimi dei tassi di mercato, segna un incremento grazie all effetto saldi ma anche alla capacità della Banca di agire sul proprio spread creditizio. Anche il margine d intermediazione, che usufruisce del consolidamento delle commissioni da servizi, fa registrare un importante aumento. L utile netto annuale si mostra inferiore del 28,16% rispetto a quello del 2013, un risultato che deriva principalmente dalle maggiori rettifiche di valore su crediti. Un altra tipica analisi che presentiamo in questo documento è quella dedicata all operatività della Banca ed alle caratteristiche della clientela, uno dei suoi principali interlocutori: i seguenti grafici presentano, nell ordine, la composizione della massa amministrata, degli impieghi e del margine d intermediazione al 31 dicembre Nel primo dei tre diagrammi, la torta intera rappresenta la somma di raccolta diretta ed indiretta. La composizione dell aggregato non si discosta molto da quella dell anno precedente; tuttavia si segnala un nuovo passaggio dalle forme a scadenza a quelle a vista, in cui si registra un aumento dei conti correnti e una lieve diminuzione dei depositi a risparmio rispetto a fine 2013: la raccolta a vista rappresenta a fine 2014 il 56,9% (55,3% dodici mesi prima) mentre la somma delle forme a scadenza (obbligazioni Bpf e certificati di deposito) si riduce lievemente dal 17,9% al 17,6%. Anche a fine 2014 la raccolta in Pronti Contro Termine risulta nulla. Si riduce di oltre un punto percentuale l incidenza della raccolta indiretta, che chiude il 2014 con una contrazione del 3,7%. Massa Amministrata depositi a risparmio 22,30% raccolta gestita 14,06% conti correnti 34,60% azioni 2,28% Bot/obblig. (stat. e corp.) 8,95% estero 0,19% obbligazioni BPF 12,46% certificati di deposito 5,17% 11

12 Per quanto riguarda la composizione degli impieghi lordi a clientela, si registra a fine 2014 una crescita del portafoglio finanziario (dal 68,6% al 69,8%) e un calo dei conti correnti (dal 22,8% al 20,4%); da rilevare inoltre il nuovo aumento delle sofferenze, la cui incidenza sull intero aggregato a fine 2014 sale dal 7,5% all 8,8%. Impieghi lordi a clientela portafoglio finanziario 69,84% conti correnti 20,41% sconto 0,63% sofferenze 8,80% estero 0,32% I dati di conto economico, relativi alla composizione della Voce 120, confermano il modello di business tradizionale espresso dalla Banca, basato sull attività di intermediazione creditizia da cui arriva il 65% circa del margine d intermediazione; l apporto percentuale delle commissioni, nonostante il loro lieve aumento in valore assoluto, scende di oltre due punti. Aumenta invece l apporto dei proventi da titoli, grazie ai maggiori dividendi percepiti nel corso del Margine di intermediazione commissioni nette 30,29% margine d interesse 65,20% proventi da titoli 4,51% 12

13 Tutti gli esseri che incontriamo hanno qualcosa da donarci e ciascuno di loro ha qualcosa da ricevere da noi. (Madeleine Delbrêl) La relazione sociale della Bpf 13

14 Tra i significati della parola relazione presenti nel dizionario, troviamo quello che vorremmo descrivere in questa parte del Bilancio Sociale: legame tra due o più persone. Si può parlare quindi di relazione amichevole, sentimentale, amorosa, o si può dire di essere in buone o cattive relazioni con qualcuno, o anche di avere relazioni diplomatiche, magari in senso metaforico. Con i suoi interlocutori la Banca Popolare di Fondi ha costruito nel tempo relazioni sincere e feconde, dirette e trasparenti, da cui è scaturito il clima di fiducia che ancora oggi si percepisce intorno a noi. In queste relazioni c è il senso di un impegno che la Banca ha assunto e che intende continuare: quello di essere un elemento di coesione sociale per le comunità servite. In un epoca in cui la legge del profitto sembra vincere su tutto e l aspetto più sacrificato è proprio quello relazionale, essere banca popolare riveste per noi un importanza fondamentale; in un momento di veloci evoluzioni tecnologiche, il rapporto face-to-face è ancora la modalità da noi preferita per instaurare il clima ideale in cui ogni interlocutore può sentirsi a suo agio nell esporre bisogni ed esigenze. Questo non significa disdegnare nuove possibilità di comunicazione né rimanere ancorati a un modo vecchio di fare banca. Significa piuttosto mostrare sempre e comunque il nostro vero volto davanti a tutte le categorie di stakeholder che incontriamo ogni giorno. Il recente approdo della Banca ai social network risponde a tale filosofia: dietro un profilo o una pagina aperta su Facebook o Twitter non potranno mai essere nascoste brutte sorprese perché clienti, soci, fornitori e gli altri interlocutori conoscono il nostro DNA e sanno dove e come trovarci. Facendo un esempio più chiaro, pur essendo importanti per noi le amicizie virtuali o i seguaci sui social network, continuiamo a preferire le amicizie vere, lo sguardo negli occhi dell altro, la stretta di mano. Se la Banca ha continuato a offrire il suo sostegno al sistema socioeconomico locale anche negli anni della crisi, lo ha potuto fare grazie alla conoscenza che scaturisce da relazioni così autentiche e dirette, alla fiducia che le ispira, alla capacità di comprendere e intercettare le necessità dei propri interlocutori. Abbiamo così svolto una funzione anticiclica che si è concretizzata sia nel credito concesso sia nel supporto di progetti o iniziative di natura solidaristica, sociale e culturale che altrimenti avrebbero rischiato di non svolgersi. Dietro tutto questo ci sono naturalmente i valori della cooperazione e della mutualità, della solidarietà e della prossimità, principi che caratterizzano il Credito Popolare e che trovano concreta applicazione solo grazie alla capacità di relazioni che ogni istituto della categoria è capace di instaurare. Nel nostro caso i soci, i clienti, i dipendenti e gli enti pubblici costituiscono i principali interlocutori; in questo documento sono quindi approfonditi, con l aiuto di numeri e grafici, i rapporti con queste categorie di stakeholder, anche se non vanno assolutamente trascurati altri attori quali ad esempio i fornitori, i partner commerciali, i media locali, il mondo dell associazionismo e del volontariato, le scuole e più in generale le giovani generazioni. 14

15 La Banca e i suoi Soci La Banca Popolare di Fondi, proprio in quanto banca cooperativa, attribuisce un ruolo fondamentale al rapporto con i soci, che trova la sua primaria espressione nella loro partecipazione alla vita dell azienda. E se il principale strumento di partecipazione è l assemblea annuale, in cui il socio può esprimere il suo voto sul bilancio, sulle nomine degli amministratori e altre tematiche attinenti la gestione aziendale, altrettanto importanti sono tutte le occasioni di dialogo, anche informale, tra i soci, i collaboratori e il management. Queste forme di dialogo formano un importante canale che deriva direttamente dal naturale radicamento della Banca nei propri territori di riferimento e che ha fra i suoi scopi anche quello di ampliare la compagine sociale stessa. Tornando alla partecipazione assembleare, ricordiamo che in tutte le banche popolari cooperative vige la regola del voto capitario: in assemblea ogni socio ha diritto ad un solo voto a prescindere dal numero di quote detenute, pesando nelle decisioni societarie in quanto persona e non come portatore di capitale. Rapportato al numero dei soci aventi diritto, la partecipazione alle ultime cinque assemblee ordinarie della nostra Banca è rimasta costantemente intorno al 20% (21,2% nel 2014). Inoltre, la compagine sociale della Banca Popolare di Fondi può contare anche su una serie di agevolazioni comprese nel pacchetto denominato Formula Socio e altre forme di benefici, tra cui le due polizze infortuni stipulate dalla Banca a loro favore. Al fine di beneficiare i soci che hanno l esigenza di vendere le proprie azioni per improrogabili esigenze, inoltre, è presente nel patrimonio della Banca un fondo per l acquisto di azioni proprie che rende più semplice e rapida l operazione di compravendita delle stesse. Tra gli obiettivi che la Banca si propone nel suo cammino di crescita assumono grande importanza quelli legati alle legittime aspirazioni della Compagine Sociale: la valorizzazione del loro investimento, assicurando la continuità e la crescita nel tempo della Società, e la garanzia del rispetto del carattere mutualistico sancito nello Statuto. Vale a dire: si cresce insieme, mantenendo l equilibrio tra remunerazione delle quote azionarie e rafforzamento patrimoniale, impregnando la relazione di reciprocità. Con questa chiave va letta la riduzione del dividendo che viene proposta all assemblea, in un esercizio in cui l utile netto si presenta più basso e le nuove regole sul capitale consigliano un ulteriore rafforzamento patrimoniale. Al termine dell esercizio 2014 la compagine sociale è formata da unità, che nei prospetti seguenti abbiamo provveduto a ripartire in base a diversi criteri per tracciarne una sorta di identikit. Ricordiamo che il Socio della Banca Popolare di 15

16 Fondi non può detenere azioni in misura superiore all 1% del capitale sociale, così come stabilito dalla Legge 221/2012 (articolo 23 quater). A fine 2014 i soci che detengono azioni per una quota superiore a questo limite sono 9, ma tutti questi casi riguardano operazioni di acquisto antecedenti all entrata in vigore della normativa. Soci B.P.F.: Persone fisiche e giuridiche ,79% 0,36% ,84% Persone giuridiche Persone fisiche Persone giuridiche Uomini Donne Come si può dedurre dai grafici precedenti, l esame della compagine sociale evidenzia nel complesso una nettissima prevalenza delle persone fisiche, con una maggioranza maschile. Nel prospetto seguente si nota invece che il nucleo principale della compagine sociale risiede nella provincia di Latina, territorio in cui la Banca è nata ed è storicamente cresciuta. Ripartizione territoriale dei Soci n. Soci Latina Frosinone 69 Altre Province 175 Totale

17 Dall analisi della distribuzione delle azioni in base al settore di attività economica dei soci si evince che la nostra Banca è soprattutto la banca delle famiglie visto che oltre il 97,5% delle azioni è detenuto nei loro portafogli. Distribuzione delle azioni B.P.F. per settore di attività economica Società e associazioni 1,89% Famiglie consumatrici 88,23% Artigiani 0,61% Altre famiglie produttrici 9,27% La percentuale degli iscritti al Libro Soci da tre anni o più è pari all 88%, a dimostrazione dell elevato grado di attaccamento alla Banca. Soci B.P.F.: grado di fidelizzazione Meno di 1 anno Da 1 a 3 anni Da 3 a 10 anni Oltre 10 anni 17

18 Nel 2014 non sono state emesse nuove azioni, per cui il totale delle quote azionarie Bpf è rimasto lo stesso di dodici mesi prima, cioè Numero azioni B.P.F. in circolazione La matrice popolare della Banca emerge anche dall analisi del possesso azionario e dal relativo livello di concentrazione: il 45% circa dei soci possiede fino a 50 azioni, il 64,6% possiede non più di 100 azioni, poco meno del 78% della compagine sociale detiene fino a 200 azioni nel proprio portafoglio. Possesso azionario n. Soci fino a 30 azioni 765 da 31 a 50 azioni 350 da 51 a 100 azioni 491 da 101 a 200 azioni 326 da 201 a 500 azioni 346 da 501 a azioni 135 oltre azioni 73 TOTALE

19 Come accennato in precedenza, la contrazione dell utile netto registrata nel 2014 ha indotto la Banca, nel rispetto della sana e prudente gestione, a ridurre il valore del dividendo, che passa da 3,50 a 2,00. L equilibrio nelle scelte di distribuzione del valore creato si ritrova d altronde nei contributi alla capitalizzazione della Banca, il cui patrimonio resta la maggiore garanzia per chi crede e investe in essa. Anno Valore azione Dividendo ,00 2, ,00 2, ,00 3, ,00 3, ,00 3, ,00 3, ,00 3, ,00 3, ,00 3, ,00 3, ,00 3, ,00 3, * 97,00 2,00 * I valori si riferiscono alle proposte da approvare in Assemblea 100 Valore azione B.P.F

20 Dividendo 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1, Il rendimento delle azioni della Banca Popolare di Fondi, ricavato dalla somma del dividendo e dell incremento di valore nell anno, si attesta nel 2014 al 2,06%. Dal seguente grafico è possibile notare che negli ultimi esercizi il rendimento si è tenuto costantemente ed ampiamente al di sopra di quello dei BOT annuali. Rendimento delle azioni B.P.F. 7,00% Azioni BPF Bot Annuali Inflazione 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% -1,00%

21 La Banca e la sua Clientela La clientela è la principale ragione che spinge la Banca al miglioramento continuo, essendo l elemento indispensabile per il processo di creazione del valore. Il nostro impegno nei confronti dei clienti è fondato su un attenzione che va ben oltre l aspetto commerciale, ed è condito dalla cortesia e dalla disponibilità che sono decisive per la costruzione di relazioni profonde e durature. L obiettivo resta quello di garantire un servizio efficiente e di qualità, proponendo uno stile di rapporto basato sulla trasparenza e sulla fiducia. Così, nella consapevolezza che ogni cliente rappresenta prima di tutto una persona, viene curata la relazione umana tenendo conto delle specifiche esigenze e dei bisogni del cliente stesso. Ponendo dunque attenzione a questi aspetti, diventa necessario fare leva sulla formazione del personale, con l obiettivo di fornire strumenti per far crescere non solo il livello di professionalità e competenza ma anche di cortesia e attenzione. È altrettanto importante, inoltre, ampliare le modalità di contatto con la clientela, utilizzando nella maniera migliore i canali tradizionali e quelli più innovativi; in questo senso lavoriamo sia per rendere le nostre filiali sempre più moderne ed efficienti, nel rispetto delle normative in materia di sicurezza e privacy, sia per garantire la migliore funzionalità di tutti gli strumenti che configurano il mondo del cosiddetto Virtual Banking. Nei territori di radicamento della Banca, la congiuntura economica negativa ha continuato anche nel 2014 a segnare profondamente la vita della collettività. In tale contesto la nostra Banca ha espresso ancora l impegno nell interpretare un ruolo di sostegno e di riferimento, coerentemente con i valori tipici di una banca di credito popolare vicina alle famiglie e alle piccole e medie imprese. In quest ottica vanno considerati gli interventi effettuati nel corso dell anno, a testimonianza della volontà di continuare a rispondere alle difficoltà economiche dell ultimo periodo. La vicinanza al territorio si è espressa anche in altre iniziative avviate o proseguite nel corso dell esercizio e con l adesione a progetti nazionali e territoriali, realizzati a favore di aziende e famiglie, finalizzati al sostegno di soggetti in difficoltà o a favorire la ripresa economica. Tra queste segnaliamo le principali: l Accordo per il Credito 2013, sottoscritto dall ABI e dalle altre Associazioni di rappresentanza delle imprese in favore delle PMI (piccole e medie imprese), che prevedeva misure di sospensione e allungamento dei finanziamenti. Nel solo 2014 la Banca ha accolto ben 13 21

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO

3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO 3 SCHEMI DI VALORE AGGIUNTO 104 RENDICONTO DEL VALORE AGGIUNTO Lo schema qui presentato per la rendicontazione della formazione del Valore Aggiunto consolidato è quello definito in base al Modello dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Dati al 30 Giugno 2015

Dati al 30 Giugno 2015 Dati al 30 Giugno 2015 www.biverbanca.it info@biverbanca.it Sede Legale e Direzione Generale: 13900 Biella Via Carso, 15 Capitale Sociale euro 124.560.677,00 Registro delle Imprese di Biella Partita Iva

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Chiusura semestrale 2014

Chiusura semestrale 2014 Chiusura semestrale 2014 Chiusura al 30.6.2014. L essenziale in breve Utile semestrale CHF 39,56 mio. + 50,7 % Utile lordo CHF 44,60 mio. + 25,3 % Somma di bilancio CHF 15,80 mia. + 5,0 % Crediti ipotecari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

PRENDI E LEGGI. Vademecum. Socio. Vantaggi e convenienza

PRENDI E LEGGI. Vademecum. Socio. Vantaggi e convenienza PRENDI E LEGGI Vademecum Socio Vantaggi e convenienza Vademecum Soci LA MIA BANCA È DIFFERENTE. DAL 1893. Perchè la BCC è una banca differente? Perchè è una banca cooperativa, mutualistica, locale. Società

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche Paola Dubini Di che cosa parleremo Alcune premesse L individuazione delle funzioni obiettivo La configurazione dei processi e le scelte di presidio

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

Il Fondo Mutualistico di Legacoop

Il Fondo Mutualistico di Legacoop LA FINANZA E IL CREDITO IN COOPERAZIONE Il Fondo Mutualistico di Legacoop Aldo Soldi Direttore Generale Coopfond Parma, 6 marzo 2014 1 1 - Coopfond Coopfond è il Fondo mutualistico di Legacoop. E una S.p.A.

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 Il Consiglio di Amministrazione di Banca CR Firenze Spa, presieduto da Aureliano Benedetti, ha oggi deliberato la nomina del Vice Presidente e dei componenti

Dettagli

Comunicato stampa. BILANCIO CONSOLIDATO del Gruppo bancario Banca Popolare di Sondrio, esercizio 2015

Comunicato stampa. BILANCIO CONSOLIDATO del Gruppo bancario Banca Popolare di Sondrio, esercizio 2015 Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno)

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno) Lavagno, 04.08.2008 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI LAVAGNO INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno) I sottoscritti Consiglieri Comunali appartenenti al gruppo consigliare

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Roberto Casanova Milano, 24 maggio 2012 Solvency II: i passi da compiere per definire e gestire

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli