Azioni realizzate in chiave interistituzionale per favorire l Inclusione degli alunni con DSA nella Provincia di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azioni realizzate in chiave interistituzionale per favorire l Inclusione degli alunni con DSA nella Provincia di Ferrara"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE n 5 DANTE ALIGHIERI - FERRARA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Via Camposabbionario, 11/a Ferrara Tel. (0532) (0532) (0532) PEC: C.F Sede del Centro Territoriale di Supporto - Nuove Tecnologie per la disabilità della provincia di Ferrara (C.T.S.) Le Ali - Centro di Ricerca e Documentazione per l Inclusione Azioni realizzate in chiave interistituzionale per favorire l Inclusione degli alunni con DSA nella Provincia di Ferrara ANNO SCOLASTICO 2013/'14 DIRIGENTE SCOLASTICO dott. Massimiliano Urbinati DOCENTE coordinatore del Progetto ins. M. Antonietta Difonzo Aggiornato al 11 febbraio 2014

2 PREMESSA Nell'anno scolastico 2013-'14 il CTS (Centro Territoriale di Supporto) e il Centro di ricerca e documentazione Le Ali di Ferrara si sono assunte il compito di sostenere la scuola nella riflessione e formazione verso una scuola INCLUSIVA di tutte le difficoltà, disabilità e condizioni personali dei ragazzi che la abitano: una SCUOLA davvero per TUTTI, che sappia rispondere a ogni genere di sfida pedagogica, in ciò assolvendo in pieno il suo ruolo educativo e di promozione sociale. Questo passaggio epocale della scuola italiana è maturato, prima ancora che nella normativa vigente che infatti ne raccoglie ancora parzialmente le spinte ideali, nelle coscienze e motivazioni professionali degli operatori scolastici e nelle comunità che vivono quotidianamente l'esperienza educativa: si tratta ora di guidarlo e dargli risorse perché si concretizzi e realizzi quella SCUOLA per Tutti di cui sentiamo l'urgenza. Nella piena consapevolezza che ciò sia possibile solo se si realizza la condivisione degli sforzi, anche (ma non solo) economici, di tutta la comunità, il CTS CD Le ali si è rivolto alle Istituzioni locali, alle famiglie (nelle loro espressioni associative) e al privato sociale per chiedere sostegno e condivisione di questo percorso: solo se si realizza la rete dell'impegno di tutti ( TUTTI per la SCUOLA ) il sogno diventa realizzabile, perché diventa visibile, assume l'importanza delle imprese condivise, di cui tutti avvertono la priorità. Molte delle AZIONI del Progetto sono rivolte in modo particolare all'accoglienza e promozione pedagogica, didattica e sociale degli allievi con diagnosi di Disturbo Specifico di Apprendimento, poiché le strategie didattiche e organizzative appropriate per questi allievi, ancorchè richieste obbligatoriamente da una normativa specifica, migliorano l'inclusività della scuola per tutti: potenziano l'efficacia didattica dei docenti, costituiscono una risposta appropriata al disagio scolastico della maggior parte degli studenti difficili e delle loro famiglie. 2

3 Collaborazioni dei Club Lions e delle Associazioni dei genitori Il Progetto Una scuola per tutti... è la naturale prosecuzione del Progetto La scuola fa bene a tutti, avviato dall'anno scolastico 2011/'12 grazie al contributo di numerosi Lions del territorio ferrarese a favore degli alunni con DSA e delle loro famiglie. In specifico, hanno contribuito al Progetto La scuola fa bene a tutti il Lions Ferrara Estense, il Lions Diamanti, il Lions Ferrara- Europa Poggio Renatico, il Lions Ferrara - Santa Maria Maddalena Alto Polesine ed il Lions Ferrara Codigoro: è grazie al loro contributo economico e professionale, concordato con le Associazioni delle famiglie (in loro rappresentanza la sig.ra Laura Negrini, Past President AID sezione di Ferrara e Coordinatore Emilia Romagna) e con l'ufficio Scolastico Territoriale di Ferrara, che è stato possibile avviare un'azione diffusa e generalizzata di formazione e sensibilizzazione degli insegnanti sulla necessità di individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento della letto-scrittura per tutti gli alunni delle classi prime e seconde delle scuole ferraresi. Nel corso del Progetto sono stati realizzati DUE corsi di formazione, uno a Ferrara e uno a Codigoro: successivamente sono stati sottoposti a prove di individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento della lettura e scrittura circa 1400 alunni delle classi prime, sia delle scuole pubbliche sia di quelle paritarie. I corsi, tenuti dal dott. Turello, componente del Consiglio Direttivo AID, hanno consentito di diffondere le pratiche dell'individuazione precoce e delle relative attività di potenziamento degli apprendimenti tra i docenti di molte classi di scuola primaria. Collaborazioni interistituzionali Per la realizzazione del Progetto sono stati effettuati incontri con rappresentanti delle diverse Istituzioni del territorio ferrarese e regionale, raccogliendone sia l'adesione e l'assenso alla collaborazione sia i suggerimenti per gli adeguamenti della progettazione complessiva del Progetto. 1 1 Diversi appuntamenti di presentazione del Progetto nei mesi di gennaio e febbraio 2014 (Assessore dott.ssa D. Marescotti e il dott. T. Tagliani, Sindaco del Comune di Ferrara; il dott. Versari, vice direttore generale dell'usr ER) e incontri con rappresentanti delle organizzazioni dei genitori e del privato sociale 3

4 In particolare: collabora attivamente al Progetto, in rappresentanza dei Servizi Sanitari del territorio ferrarese, il dott. Stoppa, sia nel supporto all'azione sull'identificazione precoce dei DSA, sia nella progettazione dei percorsi formativi per i docenti collabora alle azioni di formazione e all'organizzazione del Seminario il dott. Monini (Resp. Servizio Politiche familiari e Integrazione scolastica del Comune di Ferrara), che ha assicurato l'intervento di operatori del CSC (Centro Servizi e Consulenze) condivide le azioni del Progetto e interverrà al Seminario un rappresentante dell'usr ER, la dott.ssa G. Roda Il Progetto Una scuola per TUTTI TUTTI per la scuola vuole pertanto essere la prosecuzione della proficua esperienza di collaborazione in rete già sperimentata: ciò a supporto sia delle azioni messe in campo dalle Istituzioni Scolastiche (vedi attività di formazione all'azione di Individuazione precoce Azione 1 del Progetto) sia alle attività di supporto alle famiglie con i doposcuola e i corsi sull'uso degli strumenti compensativi tecnologici organizzati dalle Associazioni dei genitori oltre che dal CTS di Ferrara (Progetto Regionale prodsa e Azione 5 del Progetto Una scuola per tutti... ). Sono in corso contatti e collaborazioni con rappresentanti delle Associazioni dei genitori (SOS Dislessia, Gaia,...) e con il CSC del Comune di Ferrara per verificare la possibilità di progettazione comune di corsi per ragazzi e famiglie sull'uso degli strumenti compensativi tecnologici. Nelle pagine seguenti saranno presentate tutte le azioni ed attività previste nel Progetto (esemplificate nello schema sotto riportato), segnalando in modo particolare lo stato di realizzazione a fine febbraio

5 Manifestazione Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola Giornata seminariale per l Inclusione Organizzazione di una giornata seminariale di forte visibilità istituzionale sul Tema dell Inclusione presso una sede di prestigio assoluto Partecipazione delle personalità istituzionali più rappresentative a livello regionale e nazionale (Lions Clubs nazionali, regionali e distrettuali, MIUR, Regione Emilia-Romagna, USR Emilia-Romagna, UST Ferrara, Università, AUSL Ferrara e Provincia, EE.LL. ecc.) Partecipazione delle professionalità scientifiche oggettivamente più conosciute Presentazione di esperienze e buone pratiche inclusive: partecipazione di rappresentanti dei docenti e delle Associazioni del territorio impegnati sul tema delle difficoltà di apprendimento. * * * * * 5

6 6

7 Con la giornata di presentazione del Progetto Una scuola per tutti prevista per il 10 maggio 2014 al Teatro Comunale, aperta a tutta la cittadinanza, si intende dare voce a tutte le Istituzioni, enti e soggetti che condividono il Progetto, costituendo al contempo una occasione di formazione per gli operatori scolastici delle scuole di ogni ordine e grado. Il titolo (provvisorio) della manifestazione è Differenti Stili di Apprendimento Specifiche Abilità Didattiche ed ha l'obiettivo di inquadrare nel tema generale dell'inclusione a scuola le esperienze e azioni messe in campo dalla scuola ferrarese per le difficoltà di apprendimento. IPOTESI di PROGRAMMA (in allegato il programma provvisorio) Saranno invitati relatori che consentano di fornire informazioni e spunti di riflessione su: 1. la riflessione sugli stili di insegnamento in risposta ai diversi stili di apprendimento degli allievi e l'uso delle nuove tecnologie per migliorare l'efficacia della scuola 2. le azioni per i DSA e i ragazzi con difficoltà scolastiche 1. Azione: Una Scuola per Tutti Individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento della letto-scrittura Nelle classi prime della maggior parte delle scuole primarie della Provincia : allargamento del numero di classi precedentemente coinvolte due anni fa, con il Progetto finanziato dai Lyons ( La scuola fa bene a tutti ) che ha avviato la formazione ai docenti sia alla somministrazione delle prove di accertamento delle difficoltà di apprendimento, sia alla prevenzione e all'intervento didattico disseminazione della formazione ai somministratori (un docente in tutti i plessi delle scuole primarie), a cura di un gruppo di docenti esperti del territorio ferrarese (verso l'integrazione delle prove di individuazione precoce nella normale didattica delle difficoltà di letto-scrittura, come richiesto dalla normativa e in funzione della prevenzione del disturbo). 7

8 TEMPI: gennaio 2014: formazione dei somministratori delle prove (2 incontri) febbraio : somministrazione prove, lettura dei risultati (1 incontro) e poi intervento didattico di potenziamento maggio: nuova somministrazione delle prove per inviare al Servizio di accertamento i bambini che presentano ancora difficoltà aprile -maggio: (1 incontro GRUPPO TECNICO di coordinamento e raccolta dati) ottobre: presentazione risultati dell'esperienza in Iniziativa pubblica a livello provinciale * * * * * A fine dicembre 2013, risulta avviata la 1 FASE di organizzazione del corso di formazione ai somministratori delle prove di accertamento; in allegato, in appendice del presente documento, il progetto dettagliato del corso di formazione, di cui sono stati fissati gli incontri nelle seguenti date: 18 e 25 gennaio, 1 febbraio e 1 marzo 2. Da organizzare la 2 FASE del Progetto, in cui dovrà essere costituito il GRUPPO TECNICO che analizzerà i dati raccolti nelle scuole. Di tale Gruppo saranno chiamati a far parte: il dott. Stoppa, due rappresentati delle insegnanti, la logopedista dott.ssa Chiara Marchetti, il dott. Paolo Bonafede (ricercatore Università di Bologna) per l'analisi statistica dei dati. 2 In allegato il Progetto dettagliato della Formazione (1 Fase dell'azione 1) 8

9 2. Azione: Alta qualificazione dei docenti - formatori Prevenzione e trattamento delle difficoltà di apprendimento, uso competente e innovativo degli strumenti compensativi anche tecnologici Rivolto ad un gruppo selezionato di docenti (ipotesi: 30) che siano disponibili a successive azioni formative nelle loro scuole e già abbiano acquisito competenze inerenti le tematiche della prevenzione e trattamento dei DSA. Coinvolgimento di formatori esperti a livello regionale e nazionale Attivazione di percorsi di ricerca e sperimentazione in alcune scuole (vedi esperienza di tutoraggio a distanza di studenti DSA, al Liceo Ariosto di Ferrara) e in collaborazione con l'attività di ricerca dell'università (tesi di laurea sulle tematiche DSA: ad es. La semplificazione del testo dei problemi aritmetici ) TEMPI: primavera 2014: incontri con relatori di comprovata competenza specifica (docenti esperti e ricercatori universitari ) * * * * * A febbraio 2014, è definito il programma 3 del corso con i seguenti relatori: il dott. E. Emili, ricercatore universitario dell'università di Bologna, e la dott.ssa Lenzi, docente esperta di didattica con alunni DSA. 3 In allegato il programma e il calendario dettagliato della formazione (Azione 2). 9

10 10

11 3. Azione: Laboratori di didattica della matematica Riflessione ed elaborazione di strategie didattiche e strumenti compensativi nella didattica della matematica (scuola secondaria di primo grado, primo biennio scuola secondaria di secondo grado) Rivolto a docenti di scuola secondaria di primo grado, formando tre gruppi coordinati da docenti esperti delle scuole ferraresi e non TEMPI: da marzo a maggio 2014: 6 incontri x 3 gruppi maggio 2014: documentazione * * * * * A fine dicembre 2013, iniziano a pervenire le disponibilità di docenti esperti delle scuole secondarie di primo e secondo grado: i laboratori, a richiesta dei docenti, sono stati allargati alla partecipazione di docenti del primo biennio della scuola secondaria di secondo grado 4. IPOTESI di temi per i laboratori: traduzione dal linguaggio letterale al linguaggio simbolico risoluzione di problemi con utilizzo del software Aplusix colore e simboli nelle espressioni Geogebra ed il piano cartesiano 4 In allegato il Progetto dettagliato dei Laboratori di ricerca. 11

12 4. Azione: I Disturbi Specifici di Apprendimento e la scuola Formazione dei docenti neoassunti Rivolto ai docenti neoassunti delle scuole di ogni ordine e grado (a cura del dott. Ernesto Stoppa in collaborazione con l'ust X); iniziativa a titolo gratuito nel quadro delle collaborazioni interistituzionali. Nel mese di febbraio la docente del CTS M. A. Difonzo terrà un breve incontro con gli operatori sanitari sull'uso delle tecnologie come strumenti compensativi: tale intervento è fissato per il 18 febbraio 2014 dalle ore 10 alle 13 presso il Centro di Alta Specializzazione per Disturbi Specifici di Apprendimento. 5. Azione: Introduzione all'uso degli strumenti compensativi di tipo tecnologico: il Progetto Regionale prodsa Rivolto ai ragazzi e alla famiglie destinatari del comodato d'uso dei computer previsto nel Progetto prodsa: si organizzeranno incontri di presentazione dei software per la lettura e lo studio installati nei dispositivi assegnati ai ragazzi. Gli incontri saranno organizzati nelle scuole, singolarmente o in rete tra loro, in modo da coinvolgere anche i docenti, in orario pomeridiano e in orario di servizio aggiuntivo dei docenti. Collaborazione (nella progettazione e gestione) con le Associazioni dei genitori del territorio ferrarese attive nel sostegno didattico ai ragazzi con DSA nei doposcuola pomeridiani e nei corsi per l'autonomia nello studio e nei compiti. Collaborazione con il Servizio Specialistico DSA: presentazione dei software e dei dispositivi dati in comodato alle famiglie, analisi dell'utilizzo didattico e riabilitativo di tali strumenti. Collaborazione gratuita alle iniziative del dott. F. Ganzaroli del CSC del Comune di Ferrara TEMPI: da marzo 2014: data presumibile di consegna degli ausili prodsa * * * * * 12

13 Manifestazione Conclusiva Le Azioni per i DSA a Ferrara Organizzazione di una giornata di adeguata visibilità delle iniziative concluse, in una sede prestigiosa e che possa accogliere una folta rappresentanza di docenti, famigliari e professionisti che a vario titolo si confrontano con le tematiche dei DSA. Distribuzione di materiali informativi e didattici utili alla didattica nelle scuole e alla sensibilizzazione della cittadinanza nei confronti di chi è portatore di questo disturbo della lettura, scrittura e calcolo. Creazione di un CD che raccolga: la documentazione delle esperienze effettuate (dati qualitativi e quantitativi) copia dei diversi software FREE per la didattica e lo studio linkografia a siti di materiali utili descrizione del panorama di servizi, Istituzioni e Associazioni che nel territorio ferrarese possano offrire supporto a docenti, ragazzi, famiglie che si misurano con la problematica delle difficoltà di apprendimento TEMPI: ottobre 2014: per documentare le attività del precedente anno scolastico ma anche contribuire all'avvio delle attività del successivo Ferrara, 11 febbraio 2014 Il Dirigente Scolastico Dott. Massimiliano Urbinati 13

14 APPENDICE: documenti allegati a ) Manifestazione Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola - Giornata seminariale per l Inclusione Programma provvisorio ( Differenti Stili di Apprendimento Specifiche Abilità Didattiche ) b) Azione 1: Individuazione Precoce di Difficoltà di Apprendimento della Lettura, Scrittura e Calcolo c) Azione 2: Alta qualificazione dei docenti - formatori Prevenzione e trattamento delle difficoltà di apprendimento, uso competente e innovativo degli strumenti compensativi anche tecnologici d) Azione 3: Laboratori di riflessione/ricerca in Didattica della Matematica per alunni con DSA e) Azione 5 La pedagogia inclusiva della multicanalità Progetto di Formazione per l utilizzo di software pro DSA 14

15 Seminario a Ferrara, Teatro Comunale, 10 maggio 2014 Titolo provvisorio Differenti Stili di Apprendimento Specifiche Abilità Didattiche Programma: 8,30: accreditamento dei partecipanti 8,45: interventi istituzionali dott. A. Ponticiello- T. Monini - Lyons dott. M. Urbinati (moderatore) 9,00: Graziella Roda Insegnare come ciascuno apprende 9,30: Stoppa (ultime ricerche su apprendimento della letto-scrittura) 10,00: R. Caldin e collaboratori Screening e formazione sull'imparare a studiare. Approcci educativi inclusivi alle abilità e ai metodi di studio 10,45: pausa caffè 11,00: P. Angelucci P. Cecchini Scuola inclusiva con le tecnologie 11,30: I Sacchi (Software didattico e personalizzazione) 12,15: TESTIMONIANZE (10 minuti ciascuna) Affermarsi professionalmente in compagnia del DSA (storia di un dentista) l'esperienza del supporto alle famiglie (rappresentante dei doposcuola a Ferrara) i giovani con DSA 12,45: COMUNICAZIONI Dislessia e corporeità - Iniziative di formazione e risorse (Le iniziative formative per DSA, altre azioni del Progetto Una scuola per TUTTI... ) 13,00: CONCLUSIONI 15

16 Azione 1 INDIVIDUAZIONE PRECOCE DI DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO DELLA LETTURA, SCRITTURA E CALCOLO Progetto di formazione alla somministrazione di prove per l'individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento della lettura, scrittura e calcolo, prioritariamente nelle classi prime delle scuole che aderiscono al Progetto ed eventualmente nelle classi seconde che hanno già effettuato le prove nel precedente anno scolastico. Tale formazione ha l'obiettivo di far maturare negli insegnanti le competenze necessarie per integrare le prove di individuazione precoce nella normale didattica della lettoscrittura, come richiesto dalla normativa 5 e in funzione della prevenzione del disturbo. DESTINATARI DEL PROGETTO: Insegnanti della scuola primaria della provincia di Ferrara. Il gruppo sarà formato da insegnanti titolari che possano garantire la ricaduta nell istituto di riferimento almeno nel biennio successivo all inizio del progetto. INSEGNANTI FORMATORI DEL PROGETTO: 2 Ins.ti della provincia di Ferrara IDENTIFICAZIONE DEL PROBLEMA: necessità di formazione di insegnanti per la somministrazione di prove standardizzate (classi prime e seconde ). FINALITA': Avere un analisi dell andamento della classe e di ogni singolo alunno a livello qualitativo e quantitativo, per una prima identificazione precoce di difficoltà di apprendimento della lettura scrittura e calcolo. Grazie ai risultati delle varie prove, l insegnante di classe può attuare interventi di recupero o potenziamento, sul singolo alunno, sulle componenti deficitarie o sull intera classe. Indirizzare le famiglie presso i servizi o centri specializzati gli alunni che risultano positivi al monitoraggio, per avere una restituzione diagnostica ed eventualmente una diagnosi. 5 E' compito della scuola...l individuazione precoce del rischio di DSA.. L individuazione tempestiva permette la messa in atto di provvedimenti didattici, abilitativi e di supporto che possono modificare notevolmente il percorso scolastico e il destino personale di alunni e studenti con DSA. Il maggior interesse è rivolto alla scuola dell infanzia e alla scuola primaria, nelle quali è necessaria una maggior e più diffusa conoscenza degli indicatori di rischio e una impostazione del lavoro didattico orientata alla prevenzione. (Dalle Linee guida allegate al DM 12 luglio 2011) 16

17 OBIETTIVI: formare insegnanti di scuola primaria per: imparare a somministrare le prove ; correggere le prove standardizzate; tabulare i risultati delle prove; restituire alle famiglie l'informazione sui risultati delle prove ; consigliare un approfondimento di indagine presso i servizi sanitari preposti o centri specializzati. CONTENUTI: Presentazione e pratica delle prove standardizzate da somministrare: La fiaba dello scoiattolo, prova MT di comprensione classe prima; Il bruco e i gerani, prova MT di correttezza e rapidità, lettura classe prima ; Test di valutazione delle abilità di calcolo, AC-MT classe prima; Dettato per il primo ciclo tratto dalla batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell'obbligo, di Tressoldi e Cornoldi. Per la classe prima si analizzeranno anche il protocollo Stella e Turello. La volpe e il boscaiolo, prova di comprensione MT classe seconda ; L uomo che non riusciva a crescere, prova di correttezza e rapidità, lettura MT classe seconda ; Test di valutazione delle abilità di calcolo, AC-MT classe seconda; Dettato del Primo ciclo per rilevare errori ortografici, fonologici e metalinguistica, per avere un analisi dell andamento della classe e di ogni singolo alunno a livello qualitativo e quantitativo. Grazie ai risultati delle varie prove, l insegnante di classe può attuare interventi di recupero o potenziamento sul singolo alunno, sulle componenti deficitarie o sull intera classe. MODALITA DI REALIZZAZIONE: DURATA TEMPI PERIODO DI ATTIVITA 8 ore 6 ore tra gennaio e febbraio. (3 incontri) Segue la somministrazione delle prove (mese di febbraio) 1 incontro a fine febbraio per la restituzione. Il progetto è previsto per l anno scolastico 2013\2014, nei mesi da gennaio e giugno RISORSE UMANE METODOLOGIA E MODALITA' DI INTERVENTO. MATERIALI La realizzazione del progetto sarà possibile, grazie alla presenza nella provincia di insegnanti specializzati e debitamente formati. - Lezioni frontali del formatore ed esercitazioni per l'acquisizione della pratica di somministrazione delle prove. - Acquisto delle prove MT e AC_MT di Cesare Cornoldi Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell'obbligo. - Protocollo Stella e protocollo Turello. 17

18 Azione 2 Alta qualificazione dei docenti - formatori Prevenzione e trattamento delle difficoltà di apprendimento, uso competente e innovativo degli strumenti compensativi anche tecnologici Destinatari della formazione: docenti referenti DSA o esperti di tecnologie di tutte le Istituzioni scolastiche Data Sede Titolo Relatore 20/03/14 Da destinarsi Il valore aggiunto della LIM, secondo i principi della Teoria del Carico Cognitivo e dell'apprendimento Multimediale 02/04/14 Da destinarsi La grammatica valenziale secondo il modello sistemico e visivo proposto dal Presidente onorario dell'accademia della Crusca, Prof. Sabatini 09/04/14 Da destinarsi Accessibilità sintattico-lessicale e pragmatica di testi e consegne Dott. E. A. Emili Dott.ssa L. Lenzi Dott.ssa L. Lenzi 18

19 Azione 3 LABORATORI DI RIFLESSIONE/RICERCA IN DIDATTICA DELLA MATEMATICA PER ALUNNI CON DSA Destinatari dei Laboratori: -Docenti di matematica di Scuola Secondaria di 1 e 2 grado (Primo Biennio) Sede: - ITCS Bachelet a Ferrara Tempi e fasi: Ciascun Laboratorio prevede: -Un primo incontro formativo di due ore, durante il quale il coordinatore di gruppo fornisce indicazioni operative inerenti l argomento (spunti ed esempi per una didattica rivolta ad alunni con DSA, indicazioni operative, schemi di unità didattiche, prove di verifica e indicazioni per la valutazione, principali risorse offerte dal software, ) il gruppo di docenti avvia un azione di riflessione/ricerca sull argomento in oggetto, finalizzato alla successiva fase di sperimentazione in classe - Una fase di sperimentazione (da parte dei docenti partecipanti), in classi con presenza di uno o più alunni con DSA, della durata di circa un mese -Un secondo incontro formativo di due ore, durante il quale il coordinatore di gruppo ed i diversi docenti partecipanti forniranno un prospetto conclusivo della fase di sperimentazione svolta Date: - Laboratorio 1: martedì 18 marzo e martedì 29 aprile 2014 dalle 15 alle 17 - Laboratorio 2: martedì 25 marzo e martedì 6 maggio 2014 dalle 15 alle 17 - Laboratorio 3: martedì 8 aprile e lunedì 12 maggio 19

20 CONTENUTI Laboratorio 1 Dal testo alla formula matematica Docenti coordinatori: - M. Fornasiero e R. Accorsi, docenti ITCS Bachelet a Ferrara Contenuti: -Confronto tra linguaggio naturale e linguaggio algebrico: le difficoltà per alunni con DSA -Dall italiano alla matematica: lettura, traduzione di un problema di italiano in formula matematica - rappresentazione grafico-simbolica del problema. Metodologie e strategie didattiche per alunni con DSA -Risoluzione di problemi: individuazione del procedimento risolutivo, esecuzione ed elaborazione della risposta. Tecniche di problem solving per alunni con DSA -Esempi di unità didattiche e prove di verifica adatte ad alunni con DSA sulla traduzione dal linguaggio naturale alla linguaggio simbolico (testi semplificati, grafica opportuna, contenuti significativi,.); indicazioni per la valutazione. Obiettivi: -Fornire ai docenti di matematica opportune strategie/metodologie di insegnamento per la trattazione in classe dell argomento, rivolte ad alunni con DSA: proposte operative, esempi, tecniche di risoluzione adeguate, prove di verifica, -Avviare un azione di riflessione/ricerca tra docenti sulla traduzione dal linguaggio naturale al linguaggio algebrico e viceversa, mediante la proposta e l elaborazione di opportune strategie didattiche e metodologie -Progettare un percorso risolutivo strutturato in tappe, adatto alle esigenze di alunni con DSA -Formalizzare un percorso di soluzione di un problema attraverso uno o piu modelli algebrici in relazione alle difficoltà dell alunno con DSA -Sviluppare l autonomia nell analisi dei dati e nel problem solving in alunni con DSA, fornendo loro opportuni strumenti risolutivi, anche attraverso l utilizzo di software. Ausilio informatico: -Utilizzo del software Excel, per traduzione di problemi dal linguaggio naturale a quello algebrico -Utilizzo del software Aplusix: introduzione alle principali caratteristiche e risorse del software, alcune applicazioni al problem solving Laboratorio 2 Le equazioni per alunni con DSA Docente coordinatore: - M. Fornasiero, docente ITCS Bachelet a Ferrara Contenuti: -Principi di equivalenza e principio del trasporto: tecniche di apprendimento adeguate alle difficoltà di alunni con DSA -Equazioni di Primo grado: metodologie e strategie risolutive per alunni con DSA -Equazioni di Secondo grado: calcolo del Delta e formula risolutiva. Stategie per l apprendimento -Equazioni di Secondo grado incomplete: strategie per la didattica per DSA 20

21 -Spunti ed esempi significativi per la didattica (schemi risolutivi, mappe concettuali, utilizzo di colori nelle formule, notazione simbolica, ) -Risoluzione di problemi mediante utilizzo di equazioni di primo e/o secondo grado: dal linguaggio naturale alla traduzione algebrica in equazione attraverso l utilizzo di opportune strategie didattiche per alunni con DSA -Esempi di unità didattiche e prove di verifica adatte ad alunni con DSA sulle equazioni e problemi risolubili tramite equazioni (testi semplificati, grafica opportuna, contenuti significativi,.) Obiettivi: -Guidare l alunno con DSA nella risoluzione di equazioni (di primo e/o secondo grado), progettando percorsi risolutivi adeguati (scomposizione del processo risolutivo in tappe, schemi e mappe concettuali per la corretta applicazione dei principi di equivalenza, utilizzo di opportuna grafica e/o colori nelle formule, linguaggio simbolico ) -Fornire ai docenti di matematica opportune strategie/metodologie di insegnamento per la trattazione in classe dell argomento, rivolte ad alunni con DSA: proposte operative, esempi di risoluzione guidata, tecniche di risoluzione adeguate, prove di verifica, indicazioni per la valutazione -Avviare un azione di riflessione/ricerca tra docenti e sviluppare nuove proposte operative/didattiche inerenti le equazioni -Sviluppare l autonomia nella risoluzione di equazioni in alunni con DSA, anche attraverso l utilizzo di software. Ausilio informatico: Utilizzo del software Aplusix: introduzione alle principali caratteristiche e risorse del software, applicazioni per la risoluzione guidata di equazioni e per l autovalutazione, per alunni con DSA Laboratorio 3 La retta e le coniche nel piano cartesiano Docente coordinatore: - D. Gambi, docente Liceo L. Ariosto a Ferrara Contenuti: -Il piano cartesiano e la retta: strategie didattiche e metodologie di insegnamento/apprendimento per alunni con DSA (spunti per la didattica, utilizzo di colori/ grafica opportuna, schemi,..) -Risoluzione di problemi inerenti la retta nel piano cartesiano: coefficiente angolare, termine noto, rette parallele e perpendicolari, interpretazione grafica di sistemi lineari. Scomposizione del problema in sotto-problemi ed utilizzo di opportuna grafica per alunni con DSA -Approccio sintetico alle coniche: principali proprietà della circonferenza e della parabola. Strategie didattiche per superare le difficoltà visuo-spaziali di alunni con DSA -Le coniche nel piano cartesiano: proposte operative di esercizi/problemi e risoluzione guidata per alunni con DSA Obiettivi: Fornire ai docenti di matematica alcune indicazioni metodologiche e strategie didattiche per lo sviluppo in classe dell argomento, declinate ad alunni con DSA: proposte operative, esempi di risoluzione guidata, tecniche di risoluzione adeguate, prove di verifica, indicazioni per la valutazione. Suggerire strategie e percorsi didattici che permettano di guidare l alunno con DSA 21

Il Cluster dell Inclusione di Ferrara

Il Cluster dell Inclusione di Ferrara Il Cluster dell Inclusione di Ferrara Report su una Buona Scuola fondata sulla partnership con società civile ed istituzioni Massimiliano Urbinati Le Ali - CHI SIAMO? Il Centro di Documentazione e Ricerca

Dettagli

il CTS - Le ali e il Progetto Una scuola per tutti tutti per la scuola M. Urbinati M. A. Difonzo

il CTS - Le ali e il Progetto Una scuola per tutti tutti per la scuola M. Urbinati M. A. Difonzo il CTS - Le ali e il Progetto Una scuola per tutti tutti per la scuola M. Urbinati M. A. Difonzo CHI SIAMO è stato istituito nell'ambito del Progetto Ministeriale Nuove Tecnologie e Disabilità offre consulenza

Dettagli

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATA L E Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria - Via Broli, 4-24060 CASAZZA (BG) Tel 035/810016 Fax

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA)

PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA) PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA) Bozza CORSO DI INFORMAZIONE / FORMAZIONE PROVINCIALE I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Promosso ed organizzato dall U.S.R.

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA Premessa Dati presenti in letteratura evidenziano che circa il 10% dei bambini che iniziano ad imparare a leggere e a scrivere presenta delle difficoltà che richiedono

Dettagli

L esperienza dei C.T.S.:

L esperienza dei C.T.S.: IX mostra - convegno nazionale DISABILITA E TECNOLOGIE ICT L esperienza dei C.T.S.: la sfida dell inclusione per gli studenti disabili rinnova la ricerca pedagogico/didattica per la scuola di tutti Ins.

Dettagli

ALLEGATO 15. Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA

ALLEGATO 15. Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA ALLEGATO 15 Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA 1. Premessa Il DSA, Disturbo Specifico dell Apprendimento, è un disturbo

Dettagli

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto C. Trenti S.Vito Scuola Secondaria di Primo Grado Spilamberto PIANO

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Titolo STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Destinatari Docenti Primaria Docenti secondaria I e II Buona conoscenza e utilizzo del computer Buona conoscenza e utilizzo del computer

Dettagli

Responsabile Ufficio Area Sostegno alla persona: Dott.ssa Seghizzi Susanna Tel. 059-382907 Dott.ssa Seghizzi Susanna ufficioareasostegno@tiscali.

Responsabile Ufficio Area Sostegno alla persona: Dott.ssa Seghizzi Susanna Tel. 059-382907 Dott.ssa Seghizzi Susanna ufficioareasostegno@tiscali. Responsabile Ufficio Area Sostegno alla persona: Dott.ssa Seghizzi Susanna Tel. 059-382907 Dott.ssa Seghizzi Susanna ufficioareasostegno@tiscali.it te.059-382907 Ufficio Scolastico Provinciale di Modena

Dettagli

Relazione comune Pro-Dsa

Relazione comune Pro-Dsa Relazione comune Pro-Dsa In data 5 maggio 2015 presso la Badia di Torre Chiara (Felino PC) si è tenuto l incontro conclusivo di verifica del Progetto ProDSA dei referenti dei CTS della regione Emilia-

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON CERTIFICAZIONE DI DSA Alunno:.. Classe:.. Plesso:... Referente DSA...coord. di

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.)

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) Al fine di assicurare agli alunni con D.S.A. il percorso educativo più adeguato, è opportuno che la scuola, le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PREMESSA PROGETTO INTEGRAZIONE PER GLI ALUNNI BES Nella nostra istituzione scolastica, vi è sempre stata un attenzione ai processi di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

Che cos è il PDP? PIANO: è studio mirante a predisporre un'azione in tutti i suoi sviluppi : un programma, un progetto, una strategia.

Che cos è il PDP? PIANO: è studio mirante a predisporre un'azione in tutti i suoi sviluppi : un programma, un progetto, una strategia. La Legge 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi

Dettagli

PROGETTO pro-dsa Scuola Primaria. a. s. 2013/2014

PROGETTO pro-dsa Scuola Primaria. a. s. 2013/2014 PROGETTO pro-dsa Scuola Primaria a. s. 2013/2014 Quali interventi, strumenti, modalità Il progetto risponde alle recente norme ministeriali, Linee guida per la predisposizione dei protocolli regionali

Dettagli

Progetto Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola CTS Ferrara Dirigente: prof. M. Urbinati Responsabile: prof. A. Difonzo

Progetto Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola CTS Ferrara Dirigente: prof. M. Urbinati Responsabile: prof. A. Difonzo Progetto Una Scuola per Tutti, Tutti per la Scuola CTS Ferrara Dirigente: prof. M. Urbinati Responsabile: prof. A. Difonzo Laboratori di riflessione/ricerca in Didattica della Matematica per alunni con

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO Lo studio della matematica contribuisce alla crescita intellettuale e alla formazione critica degli studenti promuovendo: lo sviluppo di capacità sia intuitive

Dettagli

Durata: 36 ore (6 giornate infrasettimanali, di 6 ore ciascuna, con pausa pranzo sorvegliata, distribuite nell'arco di 2-3 mesi).

Durata: 36 ore (6 giornate infrasettimanali, di 6 ore ciascuna, con pausa pranzo sorvegliata, distribuite nell'arco di 2-3 mesi). Corsi BASE: Destinatari: 12 alunni di scuola Primaria (IV-V classe) o di scuola Secondaria, con diagnosi di DSA, che NON abbiano già frequentato altre iniziative di Informatica per la Libertà di Apprendere

Dettagli

Il presente documento è stato redatto dai docenti del liceo Benedetti referenti per gli studenti con DSA

Il presente documento è stato redatto dai docenti del liceo Benedetti referenti per gli studenti con DSA Il presente documento è stato redatto dai docenti del liceo Benedetti referenti per gli studenti con DSA Viene dato in visione ai docenti dell Istituto al fine di raccogliere osservazioni e/o correzioni.

Dettagli

Autismo e comportamenti-problema: il contributo dell'analisi funzionale del comportamento

Autismo e comportamenti-problema: il contributo dell'analisi funzionale del comportamento ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sede: Via Previati, 31 44121 Ferrara Tel. 0532/205756

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA. CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA. CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016 DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ

Dettagli

PROGETTO DSA. Disturbo Specifico di Apprendimento PER NON ABBANDONARE NESSUNO

PROGETTO DSA. Disturbo Specifico di Apprendimento PER NON ABBANDONARE NESSUNO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE ISTITUTO COMPRENSIVO BIELLA II 13900 BIELLA VIA DE AMICIS, 7 C.F. 90061110020 C.M. BIIC81400B TEL. 015/21526 015/34668 015/22813

Dettagli

Progetto La Bottega del Libro per Tutti

Progetto La Bottega del Libro per Tutti MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N 5 DANTE ALIGHIERI - FERRARA CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO NUOVE TECNOLOGIE DISABILITÀ-PROVINCIA DI FERRARA (C.T.S.)

Dettagli

Progetto Pro-DSA a.s. 2012-13

Progetto Pro-DSA a.s. 2012-13 { Progetto Pro-DSA a.s. 2012-13 13 Il Progetto risponde alle indicazioni previste dalla Legge 170 del 2010 secondo cui è opportuno favorire diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi (Art. 2)e

Dettagli

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA Doc.: PQ14 Rev.: 1 Data: 13/05/14 Pag.: 1 di 8 Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Cazzaniga Laura Romeo Massimiliano

Dettagli

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Ufficio Scolastico Provinciale di Modena Ufficio Area Sostegno alla Persona IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Non c è peggiore ingiustizia del dare cose uguali a persone che uguali non sono. Don Lorenzo

Dettagli

NON LASCIATE MAI CHE I BAMBINI FALLISCANO; FATELI RIUSCIRE RENDETELI FIERI DELLE PROPRIE OPERE. LI CONDURRETE COSI IN CAPO AL MONDO. (C.

NON LASCIATE MAI CHE I BAMBINI FALLISCANO; FATELI RIUSCIRE RENDETELI FIERI DELLE PROPRIE OPERE. LI CONDURRETE COSI IN CAPO AL MONDO. (C. Via del Parco, 13 32043 Cortina d Ampezzo BL Tel 0436 863755 fax 0436 878009 blic81800l@istruzione.it NON LASCIATE MAI CHE I BAMBINI FALLISCANO; FATELI RIUSCIRE RENDETELI FIERI DELLE PROPRIE OPERE. LI

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

Ogni numero è pubblicato anche nel sito del CTS, cioè qui.

Ogni numero è pubblicato anche nel sito del CTS, cioè qui. Anno 1 - Ottobre 2014» Anno scolastico 2014-2015 Mailing List CTS N. 2, a tutti gli iscritti (ad oggi, 71) L'iscrizione è esclusivamente via modulo on line e le regole di cancellazione sono in fondo al

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S.

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE AGRARIA E ALBERGHIERA G.RAINERI G.MARCORA Strada Agazzana, 35 P I A C E N Z A 0523 458929 0523 458938 @ pcis00200v@istruzione.it codice fiscale 80004680338 PIANO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA A. S. 2014/2015 PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) Al fine di assicurare agli alunni con

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA A. S. 2014/2015 PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) Al fine di assicurare agli alunni con PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA A. S. 2014/2015 PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) Al fine di assicurare agli alunni con D.S.A. il percorso educativo più adeguato, è opportuno

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Scuola Primaria Plesso di A.S. Validità La scuola progetta e realizza percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli allievi. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

BOLLETTINO INFORMATIVO

BOLLETTINO INFORMATIVO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN NICOLO PIACENZA CENTRO RISORSE DISLESSIA e disturbi di apprendimento c/o Istituto Comprensivo di San Nicolò Via Ungaretti, 7 29010 San Nicolò di Rottofreno ( PIACENZA). tel.

Dettagli

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (BUR n. 7 del 16 aprile 2012, supplemento straordinario n. 1 del 18 aprile 2012) Art. 1

Dettagli

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO.

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Cinzia De Cicco, Pedagogista Clinico Esperta in Disturbi dell Apprendimento Presidente Provinciale Associazione Italiana Dislessia

Dettagli

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO Gruppo di lavoro Dott. Piergiorgio Miottello, Neuropsichiatra infantile - Direttore Sanitario Dott. Michela Bontorin, Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Renzo

Dettagli

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA La Dislessia Evolutiva (DE o DSA) è un disturbo neurobiologico che riguarda, secondo le più recenti statistiche,

Dettagli

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO Istituto Comprensivo Bonaccorso da Montemagno - Quarrata (PT) Istituto Comprensivo - Montale (PT) Istituto Comprensivo Frank-Carradori - Pistoia Istituto Comprensivo Enrico Fermi - Casalguidi (PT)...NEL

Dettagli

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione Scuola a.s. 2016/17_ Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) 22

Dettagli

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia Legge DSA Piano Didattico Personalizzato Dr.sa Enrica Giaroli (Centro Mazzaperlini) Dr.sa Alice Grisendi (NPI, AUSL di RE) NUOVE NORME

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA AGNESI DESIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA AGNESI DESIO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA AGNESI DESIO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI CON DSA Questo protocollo di accoglienza per alunni con DSA è stato formulato in base alle seguenti normative: - Dichiarazione Universale

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO IL DIRIGENTE Piero Modafferi IL PRESIDENTE Nazzareno Salerno Art. 1 (Obiettivi e definizioni)

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Non c è peggiore ingiustizia del dare cose uguali a persone che uguali non sono. Don Lorenzo Milani PREMESSA Definizione dei D.S.A. In ambito italiano si usa il termine

Dettagli

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES La gestione delle verifiche e degli strumenti

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato p.l. 82/9^- 153/9^ disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO Il Dirigente F.TO ANTONIO CORTELLARO Il Presidente F.TO Nazzareno

Dettagli

Protocollo di Accoglienza alunni con disturbo specifico dell apprendimento

Protocollo di Accoglienza alunni con disturbo specifico dell apprendimento Protocollo di Accoglienza alunni con disturbo specifico dell apprendimento Il Protocollo di Accoglienza è un documento elaborato dalla Commissione Continuità, approvato dal Collegio dei docenti ed inserito

Dettagli

"VITO VOLTERRA" PERCORSO EDUCATIVO PERSONALIZZATO

VITO VOLTERRA PERCORSO EDUCATIVO PERSONALIZZATO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "VITO VOLTERRA" Via Milano, 9 - San Donà di Piave (Ve) Tel 0421/339411 - Fax 0421/339441 Internet : http://wwwistitutovolterrait e-mail : info@istitutovolterrait CODICE

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROTOCOLLO PER L'INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ANNO SCOLASTICO 2015-16 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA UFFICIO XII Ambito Territoriale per la Provincia di Modena SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014 Indice Informazioni essenziali DSA... 2 Normativa di riferimento... 2 Elaborazione del PDP... 2 MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE... 3 PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza

C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza Nell anno 2013 il CTS (Centro Territoriale Servizi per le disabilità) ha risposto all'84 % delle richieste inoltrate dalle istituzioni scolastiche

Dettagli

ATTIVITA' D'ISTITUTO PER L'INCLUSIONE A.S. 2014/15

ATTIVITA' D'ISTITUTO PER L'INCLUSIONE A.S. 2014/15 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GUIDO MONACO DI POMPOSA ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUIDO MONACO DI POMPOSA LICEO SCIENTIFICO STATALE TULLIO LEVI CIVITA Viale della Resistenza,

Dettagli

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN)

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Stesura del Piano Didattico Personalizzato Latina, 22 Novembre 2011 Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Centralmente Centro Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo (AP) www.centralmente.it

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

POLO OPERATIVO DISLESSIA ASP

POLO OPERATIVO DISLESSIA ASP Associazione Italiana Dislessia & Azienda Sanitaria Potenza & Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Ambito provinciale di Potenza PREMESSA Progetto di individuazione precoce delle difficoltà di

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO PIAZZA SAN COLOMBANO,5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA Non tutto ciò che può essere contato conta, non tutto ciò che conta può

Dettagli

2 CONTENUTI GENERALI DEL CORSO

2 CONTENUTI GENERALI DEL CORSO Protocollo 13157-I/7 Foggia 21.05.2013 Rep. A.U.A. n. 229-2013 Area Intestazione Area Didattica, Servizi Agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Intestazione Settore

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA

METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA 1. CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA' DI PSICOLOGIA SCOLASTICA è un importante strumento per la gestione delle risorse

Dettagli

LICEO LAURA BASSI OFFERTA FORMATIVA A. S. 2015/16 PROPOSTA DI PROGETTO ATTIVITA INS INSIEME NELLA SCUOLA. Prof.ssa Michela Marianucci

LICEO LAURA BASSI OFFERTA FORMATIVA A. S. 2015/16 PROPOSTA DI PROGETTO ATTIVITA INS INSIEME NELLA SCUOLA. Prof.ssa Michela Marianucci LICEO LAURA BASSI OFFERTA FORMATIVA A. S. 2015/16 Dipartimento di appartenenza: INTERDIPARTIMENTALE INS INSIEME NELLA SCUOLA Prof.ssa Michela Marianucci Destinatari: tutti gli studenti del Liceo Oggetto

Dettagli

Centro Territoriale per l Inclusione di Belluno

Centro Territoriale per l Inclusione di Belluno ISTITUTO COMPRENSIVO N.3 BELLUNO Via Mezzaterra, 45 32100 Belluno Tel. 0437 913406 Fax 0437 913408 Centro Territoriale per l Inclusione di Belluno Attività previste - A.S. 2013/14 1 INCONTRI DEL GLIIS

Dettagli

Un progetto di intervento in rete per l uso efficace degli strumenti compensativi nei bambini con Disturbo Specifico dell Apprendimento

Un progetto di intervento in rete per l uso efficace degli strumenti compensativi nei bambini con Disturbo Specifico dell Apprendimento Un progetto di intervento in rete per l uso efficace degli strumenti compensativi nei bambini con Disturbo Specifico dell Apprendimento Martina Massini, Manuela Calanca, M. Pia Ciancaglioni, Donatella

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico 1 CORTINA D AMPEZZO 20.03.2010 Dislessia? No problem! Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico Docente specializzata per il sostegno Responsabile

Dettagli

AREA LABORATORIALE N. 1: INTEGRAZIONE /POTENZIAMENTO: Insieme...si può

AREA LABORATORIALE N. 1: INTEGRAZIONE /POTENZIAMENTO: Insieme...si può AREA LABORATORIALE N. 1: INTEGRAZIONE /POTENZIAMENTO: Insieme...si può DENOMINAZIONE PROGETTO n. 2 Pianeta Dislessia COORDINATORI: Pina Mulas, Germana Ventura. GRUPPO DI PROGETTO: Mulas, Ventura, Maiore.

Dettagli

Seminario: Difficoltà di apprendimento. Cause, individuazione precoce. e strategie di intervento

Seminario: Difficoltà di apprendimento. Cause, individuazione precoce. e strategie di intervento Rete di scuole dell Alto Friuli www.sbilf.eu Seminario: Difficoltà di apprendimento Cause, individuazione precoce e strategie di intervento Tolmezzo 9 settembre 2011 Docenti referenti dislessia e coordinatori

Dettagli

Disabilità DSA e nuove tecnologie

Disabilità DSA e nuove tecnologie Disabilità DSA e nuove tecnologie Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione Università di Bologna e Referente DSA - Ufficio Scolastico Regionale E-R Ipertecnologici Emma - Le Trèfle http://www.youtube.com/watch?v=29edc4keety&feature=youtu.be

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

Individuazione precoce del bambino con DSA, potenziamento delle abilità di base e recupero del ritardo di apprendimento della letto-scrittura

Individuazione precoce del bambino con DSA, potenziamento delle abilità di base e recupero del ritardo di apprendimento della letto-scrittura ISTITUTO COMPRENSIVO GUALDO TADINO Via G. Lucantoni 06023 - Gualdo Tadino Individuazione precoce del bambino con DSA, potenziamento delle abilità di base e recupero del ritardo di apprendimento della letto-scrittura

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico.

LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia 1. La presente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di MORTARA LA DISLESSIA NON È UNA PORTA CHIUSA. Lavoriamo insieme per trovare la chiave giusta per aprirla

ISTITUTO COMPRENSIVO di MORTARA LA DISLESSIA NON È UNA PORTA CHIUSA. Lavoriamo insieme per trovare la chiave giusta per aprirla ISTITUTO COMPRENSIVO di MORTARA LA DISLESSIA NON È UNA PORTA CHIUSA. Lavoriamo insieme per trovare la chiave giusta per aprirla dislessico LA DISLESSIA NON È UNA PORTA CHIUSA. Lavoriamo insieme per trovare

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato: se e come costruirlo

Il Piano Didattico Personalizzato: se e come costruirlo Napoli 7 aprile 2014 Il Piano Didattico Personalizzato: se e come costruirlo Relatore: Indice Gli alunni con BES Il Piano Didattico Personalizzato 2 Gli alunni con BES 3 COSA SONO? QUALI ALUNNI? I B.E.S.

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO CODEVIGO Via Garubbio 43, 35020 Codevigo (PD) - Tel. 049/5817860 - Fax 049/5817883 C.F. 80013420288 - C.M. PDIC 87000X e-mail: pdic87000x@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ED I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ED I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ED I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI TROINA LA CITTADELLA DELL OASI 13-14 SETTEMBRE rimproveri scarso impegno QUALI POSSONO ESSERE I PRIMI SEGNALI? LENTEZZA NELLE OPERAZIONI

Dettagli

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di.

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di. Istituto Comprensivo Statale di Gavirate a.s._2013/14 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA3 : interventi e servizi per studenti A. S. 2014-2015

FUNZIONE STRUMENTALE AREA3 : interventi e servizi per studenti A. S. 2014-2015 FUNZIONE STRUMENTALE AREA3 : interventi e servizi per studenti Analisi e valutazione dei bisogni formativi degli alunni con BES A. S. 2014-2015 Inclusione Scolastica La presenza di alunni con BES non è

Dettagli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli di Angela Fossati Buongiorno a tutti, sono Angela Fossati, docente utilizzata a supporto dell integrazione alunni

Dettagli

Guida SPIDER. La lettoscrittura individuazione dei casi sospetti INTRODUZIONE

Guida SPIDER. La lettoscrittura individuazione dei casi sospetti INTRODUZIONE Mario Buonvino, Rita Maccagnani, Loretta Mattioli Guida SPIDER La lettoscrittura individuazione dei casi sospetti INTRODUZIONE copyright 2013 Pag. 1 di 7 PREMESSA La legge 170/2010 (Art. 3 e 4) affida

Dettagli

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA o coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016 via dei Castagni, 10-19020 Bolano (SP) tel. 0187933789 - e-mail : spic80400g@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES BES -Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

PROGETTO TUTOR per studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

PROGETTO TUTOR per studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) Provincia di Reggio Emilia PROGETTO TUTOR per studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) ATTIVITA DI TUTORATO POMERIDIANO PER STUDENTI CON DSA A.S.2012/2013 DSA: cosa sono? I disturbi specifici

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Istituto Cod. fisc. 91017960427 Comprensivo Federico II Jesi Indirizzo Musicale 0731/58677 0731/223730 anic830001@istruzione.it Centro Territoriale Inclusione Sito Internet : www.icfedericosecondo.it PIANO

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI PRIMO GRADO F. Michelini Tocci Piazza San Francesco, 5 Tel.: 0721787337-701315 FAX: 0721-787045 Cod.Fisc.

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA ISTITUTO COMPRENSIVO dott. NICOLA D APOLITO CAGNANO VARANO (FG) INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA TUTTI UGUALI TUTTI DIVERSI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA PRIMARIA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

Dettagli

Liceo Artistico A. Modigliani Giussano a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

Liceo Artistico A. Modigliani Giussano a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione Liceo Artistico A. Modigliani Giussano a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 FINALITA Questo documento denominato PROGETTAZIONE INCLUSIVA è una guida d informazione riguardante l accoglienza, l integrazione e l inclusione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO 1 FINALITA Questo documento denominato PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA è una guida d informazione riguardante

Dettagli