Lampade a LED ECOSOSTENIBILITA. Case di legno I GIOIELLI. Specchio del tempo e della moda. Come proteggere i vostri risparmi. pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lampade a LED ECOSOSTENIBILITA. Case di legno I GIOIELLI. Specchio del tempo e della moda. Come proteggere i vostri risparmi. pag."

Transcript

1 NOVEMBRE TECNOLOGIA & RISPARMIO Lampade a LED pag. 4 ECOSOSTENIBILITA Case di legno pag. 23 I GIOIELLI Specchio del tempo e della moda pag. 25 INVESTIMENTI & RISPARMIO Come proteggere i vostri risparmi pag. 28 SPECIALE: MOTO & SICUREZZA: Guidare un quad pag. 11 TECNOLOGIA MOTO & SICUREZZA ENERGIA GRATIS CASE BIOELETTRICHE GIOIELLI & MODE ECOSOSTENIBILITA INVESTIMENTI & RISPARMIO

2 SOMMARIO 3 EDITORIALE Cari Lettori nel numero di fine Ottobre apriamo queste pagine del Gnews con una rubrica di tecnologia: come risparmiare cifre importanti, semplicemente cambiando tecnologia di illuminazione utilizzando le lampade a led, una vera rivoluzione in termini di vantaggi economici, affidabilità e di salute (non emettono raggi ultravioletti dannosi alla lunga esposizione). Abbiamo voluto affrontare come secondo argomento la guida di un quad, esperienza meravigliosa se affrontata con formazione, tecnica e concentrazione. Un argomento molto sentito in periodo di crisi, la nostra casa dolce casa, è possibile risparmiare? Sì, se abbandoniamo il tradizionale; la natura ci viene incontro con case a dimensione umana di legno, ma lo direste? Le abbiamo analizzate e sono migliori sotto i punti di vista energetico, di risparmio e soprattutto sono ecocompatibili. La domanda sorge spontanea, perché non cambiare? Quanto ci condizionano le credenze. Una nota casa automobilistica di successo ha adottato il motto: il coraggio di essere differenti che approviamo totalmente In questo numero abbiamo voluto riproporre un argomento di formazione professionale inerente alcune aree normative. Vi proponiamo anche un argomento di carattere voluttuario su i gioielli e la moda nel tempo per allietarvi su materiali che hanno fatto innamorare i popoli fin dall antichità affrontato dalla Professoressa Marisa Carraro. Infine alcuni consigli su come difendere il potere d acquisto del nostro denaro e su come difendere i nostri risparmi. Ringrazio tutti i nostri lettori per averci seguito con innumerevoli mail, lettere ed elogi che abbiamo ricevuto costantemente in questi dodici anni fin dal primo numero del Gnews edito nel duemilauno. Buona lettura. LE AUTOCLAVI SONO TUTTE UGUALI? Informazioni normative per il Settore Estetico Molte estetiste ci hanno contattato per chiederci chiarimenti in merito alla normativa delle autoclavi, in questa newsletter vogliamo chiarire alcuni semplici concetti. L Italia ha recepito una normativa europea (EN 13060) che ha definito in modo chiaro e preciso la classificazione dei carichi e le caratteristiche che deve avere un autoclave per poterli sterilizzare. In base ai carichi da sterilizzare la normativa ha di conseguenza definito le caratteristiche di ciascuna. Esistono tre differenti tipologie di autoclavi: In grado di sterilizzare materiali porosi (tessuti in genere), corpi cavi di tipo A (manipoli, turbine etc.) ed ovviamente da materiali termoplastici resistenti, materiali ferrosi, imbustati o liberi. Questa autoclave è praticamente obbligatoria per alcune categorie di operatori fra le quali podologi e tatuatori. In grado di sterilizzare corpi cavi di tipo B (cannule o strumenti con cavità grosse) oltre che termoplastici resistenti, materiali ferrosi liberi ed imbustati. Questa autoclave è indicata per quei centri estetici che intendono imbustare gli strumenti e mostrare alle proprie clienti professionalità e sensibilità verso il tema della sicurezza. Pietro Giunta Direttore Editoriale In grado di sterilizzare strumenti ferrosi piani non imbustati. Questa autoclave è indicata per quei centri estetici che non intendono imbustare gli strumenti prima della sterilizzazione. Gli strumenti non imbustati sono destinati all uso immediato. È opportuno affermare che ogni istituto estetico deve preventivamente fare una valutazione del tipo di autoclave di cui necessita, per poi procedere ad una corretta sterilizzazione degli strumenti. TECNOLOGIA & RISPARMIO Lampade a LED MOTO & SICUREZZA Guidare un quad ENERGIA Luce gratis sommario BIOELETTRONICA INTERMOLECOLARE Case bioelettroniche per la salute totale NORMATIVE PROFESSIONALI Informazioni normative per il settore estetico ECOSOSTENIBILITA Ottime ragioni per scegliere una casa di legno GIOIELLI & MODA I gioielli, specchio del tempo e della moda NOVEMBRE 2013 INVESTIMENTI & RISPARMIO Come proteggere i vostri risparmi DIRETTORE: Rag. Mario Golè RESP. MARKETING: Eugenio Violante DIRETTORE EDITORIALE: Pietro Giunta GRAFICA PUBBLICITARIA: Luca Cimbari Hanno collaborato per la parte redazionale: Andrea Felicani, Marcello Pifferi, dott. Stefano Cuozzo, d.essa Marisa Carrano, Pietro Giunta Hanno collaborato per la parte fotografica: Andrea Felicani, Marcello Pifferi, dott. Stefano Cuozzo, d.essa Marisa Carrano, Pietro Giunta Ringraziamo per la gentile collaborazione: la Cetecor s.r.l. di Monfalcone (GO)

3 4 TECNOLOGIA TECNOLOGIA 5 La tecnologia LED è destinata a sostituire completamente, in pochi anni, le altre tecnologie per illuminazione Vediamo perché è arrivato il momento di utilizzare i led per illuminazione. Oggi la ricerca e la tecnologia è arrivata ad un ottimo punto di equilibrio per iniziare ad utilizzare una lampada a led di buona qualità che consuma il 90-95% in meno di una equivalente lampada ad incandescenza e il 65-70% in meno di una equivalente lampada al neon. Le lampade a LED (Light Emitting Diode - Diodo ad emissione luminosa) producono luce utilizzando le proprietà ottiche di materiali semiconduttori. A differenza delle altre lampade più usate a scopo di illuminazione (lampade al Neon e lampade ad incandescenza, anche a risparmio energetico), le lampade a LED sono in grado di convertire la massima parte dell energia elettrica assorbita in luce visibile anziché disperderla in calore. Per questo motivo la tecnologia LED è destinata a sostituire completamente in pochi anni le altre tecnologie per illuminazione, oggi obsolete. Si tratta di una tecnologia giovane, che fino a pochi anni fa veniva utilizzata per impieghi relativamente marginali, quali le spie degli elettrodomestici, ma che ha ora raggiunto uno stadio di sviluppo tale da assicurare un grande vantaggio in termini di risparmio di consumi energetici e conseguentemente dei relativi costi. Un altro inestimabile vantaggio rispetto alle altre tecnologie oggi più usate, sta nella DURATA ME- DIA di una lampada a LED, che supera le ore di effettivo funzionamento, contro le ore circa di durata media di una lampada al Neon e le ore circa di durata media di una lampada a incandescenza. La durata delle lampade a LED inoltre non è influenzata dal numero di accensioni e spegnimenti, né da fenomeni quali l umidità, la temperatura rigida o le vibrazioni. Ancora, diversamente dalle proprie rivali, le lampade LED ancora dopo ore di funzionamento mantengono il 70-80% dell emissione luminosa iniziale. Non è tutto: le lampade a LED generano una luce di qualità nettamente superiore a quella delle altre, in quanto tutta compresa nello spettro visibile e quindi priva di componenti infrarosse e ultraviolette, che determinano conseguenze negative per l organismo umano in caso di lunghe esposizioni. La luce LED è particolarmente adatta agli ambienti lavorativi e commerciali perché le lampade LED contribuiscono a valorizzare forme e volumi con colori vivaci e saturi, non sfarfallano (diversamente dai Neon, si accendono all istante), sono sicure, operando a bassissima tensione (in genere compresa tra 2 e 24 volt) e non necessitano in genere di alcuna manutenzione. Infine, ma niente affatto secondaria rispetto alle altre caratteristiche, vi è la drastica riduzione dell impatto ambientale conseguente all impiego delle lampade a LED, sia per l abbattimento della frequenza di sostituzione grazie alla lunghissima durata, sia per l assenza di gas nocivi alla salute e di sostanze tossiche come il mercurio, minerale come noto fortemente dannoso per l ambiente. Si tratta quindi di una tecnologia spiccatamente Ecofriendly. Sostituire i corpi illuminanti in azienda ed in casa portano risparmi tangibili nell ordine del 90% per corpi illuminanti come proiettori esterni alogeni, faretti da incasso e lampade da interno detti comunemente fari da esterno per illuminazione, dal 60% al 70% inerenti corpi al neon. Sostituire l illuminazione tradizionale con l illuminazione a led significa oggi un risparmio senza rischi e garantito per periodi molto lunghi, ovviamente dobbiamo scegliere materiale di qualità, altrimenti otterremo luce molto tenue con lumen inferiori alla luce attuale, la regola è sempre la solita chi più spende meno spende, se cerchiamo l affare sul prezzo dei corpi illuminanti a led, attenzione rischiamo di spendere inutilmente, non ottenendo poi i risultati sperati. Sostituire i corpi illuminanti a Led è una scelta sicura di enorme risparmio, ma il mio consiglio è di non scendere a compromessi sulla qualità. I Led di qualità vi dureranno fino a 10 anni avreb- be senso risparmiare sul prezzo e vedere i corpi illuminanti spengersi entro il primo anno di utilizzo? Sicuramente no. Le caratteristiche costruttive ovviamente si riflettono sul prezzo. E come comprare un I pad o scegliere qualcosa che gli assomiglia esteticamente. Non sono soprammobili, devono performare negli anni. Teniamo conto inoltre che soprattutto nelle aziende i corpi illuminanti restano accesi da 8 a 12 ore e per i corpi esterni dalle 12 alle 16 ore. Attenzione ricordate che i corpi illuminanti che sostituite devono essere smaltiti. Superiamo dubbi, sfatiamo falsi miti. Vediamo che cosa sono i led. Il led è un componente elettronico il quale, al passaggio di una pur minima corrente, emette una luce e la cosa importante è che è priva di ultravioletti ed infrarossi, non attira insetti che invece sono richiamati dagli ultravioletti. Il led, al contrario di altre tecnologie, si accende immediatamente. La tecnologia Light- Emitting Diodes per brevità LED è il processo di illuminazione allo stato solido, nella quale la generazione della luce si ottiene a mezzo di semiconduttori al posto di utilizzare filamenti o sollecitazione di gas. Illuminare con la tecnologia Led è sicuramente migliore dal punto di risparmio energetico quindi economico, di durata e di sostenibilità ambientale. Aggiungiamo che questa tecnologia ci aiuta a creare soluzioni nuove ed innovative nelle nostre case. Stiamo già assis-

4 6 TECNOLOGIA TECNOLOGIA 7 tendo all utilizzo sulle nostre autovetture, siamo agli inizi nei negozi e nelle città,. Vi domandate perché fino ad oggi non era stata applicata? Semplice, fino al 1995 i Led erano impiegati solo per segnalazioni ed isolamento dei segnali. Dopo tale periodo si intuì che l utilizzo poteva con la ricerca andare oltre, fino ad un impiego efficiente per illuminare. Menzioniamo per motivi di spazio solo alcuni produttori di qualità: Cree, Philips, Osram, Nichia, Seoul, Epistar, Sharp, Bidgelux. Come mai non sentiamo campagne di propaganda di massa come avviene quando grandi compagnie scendono sul mercato? Semplice perché devono prima svuotare i magazzini di vecchia tecnologia, lampade a risparmio energetico, lampade alogene, e soprattutto convertire gli impianti di produzione, operazioni non poco costose. Con l evoluzione del componente (non è da molto la nascita del led bianco, nato dalla fusione di polveri del Led blu, del rosso e del verde) sono riusciti ad ottenere un alta efficienza luminosa, così da poter illuminare ambienti civili ed industriali con bassa potenza (watt). Un altro vantaggio rispetto ad altre tecnologie è di poter utilizzare lampade a Led sia a diverse regolazioni di intensità luminosa sia accenderle e spengerle innumerevoli volte, altre tecnologie soffrono nell accensione e nella regolazione, ce ne accorgiamo in termini di durata; provate ad accendere in continuazione lampade a risparmio energetico, vedrete una riduzione di durata enorme. Grazie alle dimensioni ridotte i Led riescono ad essere inseriti in spazi veramente ridotti, non fattibile per altre lampade. Risparmio energetico- In precedenza abbiamo accennato che rispetto alle tradizionali lampade ad incandescenza si ottiene un risparmio del 93%, rispetto alle alogene il 90%, il 70% rispetto agli Ioduri metallici (ricordiamo che i tempi di accensione per gli Ioduri non sono immediate anzi), 66% di risparmio confrontandole con lampade fluorescenti. Per impianti sportivi ed illuminazioni pubbliche si arriva a risparmiare un terzo. Immaginate quanto si risparmierà quando gallerie, ospedali, sottopassi saranno convertiti. Se per esempio analizziamo il consumo di una famiglia tipo con kwh di consumo annuo, dei quali kwh utilizzati per illuminare (con lampade ad incandescenza), risparmieremo kwh e otterremo non solo un enorme risparmio, ma rientreremo anche nelle fasce più vantaggiose di consumo. Al contrario di neon ed altri tipi di illuminazione i Led mantengono l 80% di emissione luminosa iniziale, anche dopo ore di utilizzo e possono arrivare fino alle ore di utilizzo. La vita media di una lampadina a filamento è di ore circa e nelle nostre case si vedono ancora, una lampada a scarica arriva a ore, una fluorescente a ore, con una differenza abissale in termini di risparmio e durata; quindi perché non cambiarle? Considerando un uso medio di 8 ore si arriva fino a 17 anni di durata di un Led. Quante volte invece avremmo dovuto sostituire le lampade tradizionali? Già questo ci ripaga ampiamente della differenza di prezzo. Alta efficienza luminosa L efficienza luminosa di una sorgente di luce è il rapporto tra il flusso luminoso e la potenza d ingresso. L unità di misura si esprime in lumen/ watt. Il flusso luminoso è definito in base alla percezione della sensazione di luminosità dell occhio umano e corrisponde ad una curva all interno dello spettro della luce visibile., di solito nell infrarosso e nell ultravioletto, che non contribuiscono alla sensazione di luminosità. L efficienza luminosa di una lampada è maggiore quanto più è in grado di emettere uno spettro percepibile dall uomo. Per il momento i Led hanno una efficienza fino a 180 lumen/watt, per confrontare le lampade ad incandescenza hanno 13 lumen/watt, 16 lumen/watt le alogene e 50 lumen/watt le fluorescenti. Il led non inquina e non contiene sostanze tossiche. Vediamo la composizione del Led: contiene polvere di silicio, non contiene gas nocivi alla nostra salute e non contiene sostanze tossiche, mentre le lampade fluorescenti e lampade a scarica (alogenuri metallici e vapori di sodio) son assente o nocive. Il Led brilla ma non satura l ambiente quindi non produce inquinamento luminoso. Le emissioni di raggi U.V., dannosi per l uomo per lunghe esposizioni, nel Led sono zero. Le emissioni di raggi Infrarossi (IR) dannosi per gli occhi per esposizioni dirette, nel Led sono zero. Queste emissioni provocano danni nel settore del commercio di tessile e pellame, perché sono materiali sensibili ai raggi U.V. il danno lo vediamo anche ad occhio nudo per la perdita di brillantezza dei colori e sclerotizzazione dei materiali, in particolare la pelle quindi naturale e più pregiata, sono la conseguenza di una lunga esposizione alla luce artificiale. I led non emettono luce calda I Led generano calore, ma lo trasmettono all interno, l involucro controlla il calore generato e lo dirotta verso dissipatori esterni per smaltirlo, ecco anche il motivo per acquistare un Led di assoluta qualità, quelli economici non usano materiali che riescono a dissipare il calore e questo è il motivo di rottura del led economico che sconsigliamo vivamente. La potenza viene impiegata al meglio per illuminare, ottenendo efficienza. La temperatura non supera i 50 C. Led di segnalazione Power led SMD Power led COB

5 8 TECNOLOGIA TECNOLOGIA 9 Un grande vantaggio per il Led è l utilizzo a contatto con legno, plastica e tutti i materiali che temono il calore, al contrario degli alogeni, talvolta vediamo controsoffitti anneriti intorno al faretto da incasso, per intenderci, spina per i designer che troveranno così soddisfazione nel non veder rovinato il loro lavoro con il tempo. Inoltre il sicuro risparmio nel climatizzare un ambiente molto illuminato è un altro vantaggio di questa tecnologia. Una lampada alogena produce notevole quantità di calore disperso nell ambiente, eseguendo calcoli per la progettazione di un impianto di climatizzazione, viene considerata come fonte di calore da abbattere circa 75 watt. L uguale fonte di luce a led, si valuta in 15 watt, di grande illuminazione non come risparmio energetico da 15 W dove la luminosità lascia molto a desiderare. se ne deduce facilmente che la potenza di raffreddamento dell ambiente ed il costo saranno ridotti in maniera importante. Assenza di manutenzione Rispetto agli attuali costi per impianti a ioduri metallici, attualmente in uso nel settore industriale, o per usi commerciali, i costi di manutenzione sono di un centesimo, quindi quasi nulli. Compatibilità con tutti gli attacchi I tipi di led che oggi troviamo in commercio sono completamente compatibili, in dimensioni, attacchi, tensioni di alimentazione, dobbiamo solo svitare ed avvitare, sfilare ed infilare sostituendo le vecchie lampade ed il nostro portafoglio ne beneficierà. Eccellente resa cromatica Detto anche Color Rending Index (CRI): indica il modo nel quale una sorgente riproduce il colore di un oggetto da essa illuminata. I Led bianchi hanno un indice di resa colore che oscilla di 60-70, sia a 3200 K che a 5500 K. I Warm White hanno un indice resa colore >90, simile alle lampade incandescenza, con un rendering colorimetrico eccellente. Per poter valutare vediamo insieme alcuni termini tecnici. Tonalità della luce (temperatura di colore) è un termine usato in illuminotecnica per quantificare la tonalità della luce, unità di misura in gradi kelvin (K). Lo spettro luminoso emesso da un corpo nero presenta un picco di emissione determinato esclusivamente dalla sua temperatura. Si definisce temperatura colore di una certa radiazione luminosa, la temperatura che dovrebbe avere un corpo nero affinchè la radiazione luminosa emessa da quest ultimo appaia cromaticamente più vicina possibile alla radiazione considerata. Una temperatura bassa (nell incandescenza intorno ai K) corrisponde ad un colore giallo- arancio. Scendendo si passa al rosso ed all infrarosso, non più visibile, mentre salendo di temperatura la luce si fa dapprima più bianca, poi azzurra,violetta ed ultravioletta. Quando si dice che una luce è calda, questa corrisponde ad una temperatura di colore bassa, invece una temperatura maggiore produce una luce definita fredda. Questa interpretazione è puramente psicologica. La nostra mente associa ai colori come rosso, giallo, arancio l idea di caldo, ed a colori bianco ed azzurro l idea di freddo. Se i colore che domina si avvicina al rosso, definiamo che la luce emessa ha una tonalità calda (Warm). Se il colore che domina si avvicina al blu definiamo che la luce emessa ha una tonalità fredda (Cool). Definiamo ora le temperature di colore utilizzate dai Led in illuminotecnica. Bianco caldo tra i ed i K Bianco neutro tra i ed i K Bianco freddo tra i ed i K Inoltre il vantaggio nei Led è la possibilità di avere molte tonalità, da K a K soddisfacendo qualunque esigenza di luce. Se sentiamo parlare di Lux, con il simbolo lx sappiamo che è l unità di misura per l illuminazione del Sistema Internazionale. Un lux è pari a un lumen fratto un metro quadrato. Elenchiamo alcuni dati di illuminazione per avere l idea di quanto vale un lux: - la luce solare varia tra i lx ed i lx - i riflettori degli studi televisivi producono circa lx - In ufficio si hanno circa 400 lx, secondo la normativa europea dovrebbero essere almeno 500lx - la luce della luna è pari ad 1 lx - la luce di una stella luminosa è solo 0,00005 lx Se invece vogliamo sapere cosa è il Lumen, con sigla lm, sappiamo che rappresenta l unità di misura del flusso luminoso. Equivale al flusso luminoso in un angolo solido di 1 steradiante (unità di misura per l angolo solido, corrispondente tridimensionale del radiante) emesso da una sorgente isotropica (sorgente irradiante A 360 ) con intensità luminosa di 1 candela. Ne deriva che la stessa sorgente isotropica con intensità luminosa di 1 candela emette un flusso luminoso totale di 4 lumen. Quindi per far ulteriore chiarezza tra lux e lumen, sono due diverse misure del flusso luminoso, ma mentre il lumen è la misura della quantità di luce su una porzione di sfera (incentrata sulla sorgente), il lux è una misura relativa all area piana tangente la porzione sferica. 1 lumen su un area di 1 m2 corrisponde ad 1 lux, mentre lo stesso lumen concentrato in 1 cm2 corrisponde a lux. Angolo luce Un altra importante caratteristica da tenere presente quando acquistiamo una lampada a led è l angolo di emissione che si riferisce a come è diffusa l emissione luminosa. Questo angolo viene determinato misurando l angolo diretto in asse e l angolo in cui la luminosità si riduce del 50%, e moltiplicando il valore della differenza tra i due angoli per due. La scelta dell angolo di emissione luminosa influisce sul risultato dell intensità luminosa finale. A parità di intensità effettiva del led, maggiore è l angolo di emissione meglio si distribuisce la luce emessa, ma peggiora l intensità luminosa. Nel Power Led di frequente si utilizzano lenti appositamente progettate al fine di concentrare il fascio luminoso aumentando considerevolmente l intensità luminosa. I vantaggi In sintesi i numerosi vantaggi delle lampade LED: - durata di funzionamento; - assenza di costi di manutenzione; - elevato rendimento; - luce pulita priva di emissioni IR e UV; - funzionamento in sicurezza (basso voltaggio); - accensione a freddo senza problemi; - colori saturi; - insensibilità a umidità e vibrazioni; - assenza di mercurio e/o piombo; - numero accensioni/spegnimenti illimitati; - possibilità di flusso luminoso con lenti; - grande effetto spot (sorgente puntiforme); - luce senza emissione di calore; - adattabilità a tutti i sistemi di connessione; - ampie gamme cromatiche per tutti gli usi; - riduzione dei cablaggi degli impianti; - adattabilità architettonica per creare qualsiasi tipologia di atmosfere.

6 MOTO & SICUREZZA 11 Guidare un quad Formazione, tecnica e concentrazione Le tecniche per una guida sicura Le tecniche di guida possono essere decisamente soggettive e intuitive. Per gli esperti guidatori di quad i nostri consigli potranno sembrare scontati. Ci rivolgiamo invece a coloro i quali hanno sognato di guidarlo, ma non si sono ancora avvicinati a questa sensazione di guida molto divertente: riassumiamo in una sorta di scuola virtuale semplici e utili mosse che non faranno commettere errori banali che possono comportare fratture e danni fisici. Anche il pilota più esperto, prima o poi, sbaglia qualche mossa intuitiva che può costar cara. Prima di partire bisogna sempre avere indossato, casco, giacca, scarpe e guanti adeguati. Pressione pneumatici Il controllo dei pneumatici è un aspetto che diventa fondamentale per la guida in fuoristrada. La pressione dei pneumatici, su un mezzo di peso contenuto come un quad, può fare la differenza. Quindi è bene fare un check up prima di iniziare questa. bell avventura. Maggior pressione si tradurrebbe in perdita di aderenza, senza contare sballottamenti fastidiosi che ci potrebbero innervosire provocando una disaffezione immediata. Al contrario con le gomme sgonfie andremmo incontro agli stalli Una volta seduti avremmo la sensazione di essere in moto. Dobbiamo imparare a distribuire i il peso. Il peso deve essere spostato all interno della curva per evitare il sollevamento delle ruote interne. Quando la velocità è sostenuta è possibile sporgersi agganciando il sottocoscia sulla sella per abbassare il baricentro per facilitare la curva in sicurezza. sicura per procurarsi distorsioni alle articolazioni inferiori. Per i neofiti tale movimento viene istintivo e accade, ad esempio, quando il quad non avanza oppure dondola in qualche twist preso alla leggera ed il nostro quad non si muove da. Per i neofiti la tentazione di mettere il piede al di fuori delle pedane è forte perché in caso di impuntamenti della scarpa il passo dopo è che il polpacciò con tutto quello che c è attaccato finisce sotto la gomma posteriore e a quel punto sono dolori. Come evitare questo inconveniente? L esperienza ci aiuta nella soluzione e questo sarà utile ai nostri lettori che si avvicinano alla guida di un quad per la prima volta. Immaginate di essere su un quad 4x2 ed arrivare su un tratto di strada con due belle buche in sequenza che fanno sprofondare completamente la ruota anteriore destra e quella posteriore sinistra. Risultato un bel twist da manuale e il quad che comincia a fare la basculla. Prima di pensare di scendere, visto che i piedi ce li avete, cambiate i pesi facendoli gravare sulle gambe in modo da far dondolare il quad. Poi facendo leva sul manubrio date gas senza timore e dopo una specie di impennata le ruote davanti saranno fuori dal primo buco. Salite & impostazioni Anche in salita l impostazione del peso corporeo è determinante. E buona norma infatti, quando ci Sul quad in movimento mai appoggiare il piede a terra Appoggiando il piede a terra quando il quad è in movimento anche in fase di fermata è la maniera

7 12 MOTO & SICUREZZA DISINFETTANTE AEROSOL PER AMBIENTI CONFINATI troviamo a dover affrontare un tratto in salita, prestare attenzione soprattutto ad assumere una corretta postura sulla sella. Se la pendenza è lieve e senza dislivelli al culmine, in concomitanza con lo scollinamento, centrare il peso sul baricentro inarcandosi verso l avantreno permettendo alle ruote anteriori di aderire nel miglior modo possibile.. Durante la salita è facilmente avvertibile una mancanza di aderenza dell anteriore, in quanto il quad comincia a procedere a biscia, spostandosi a destra e sinistra. In tale situazione anche i piloti meno esperti, a patto di procedere con circostanza, intuiscono abbastanza facilmente il corretto modo di posizionare il corpo. Discorso a parte occorre farlo se la pendenza si avvicina al 100% (quindi a circa 45 ), per di più se il terreno è particolarmente sconnesso. In questo caso anche la velocità assume un ruolo importante. Dobbiamo procedere più possibile regolarmente, senza sgasate improvvise, e quanto più la pendenza aumenta tanto più il peso deve gravare in direzione del manubrio. L impennata è sempre pronta a disarcionarvi. In caso di ribaltamento all indietro il quad rischia di cadervi addosso, quindi sempre cautela e concentrazione. La discesa Fatta la salita prima o poi toccherà ridiscendere, è matematico. Vedete, allora, di farlo nel giusto modo. Nei dislivelli accentuati il pericolo è di ritrovarsi con il quad stampato sulla schiena. Se nella salita è importante il lavoro con il dosaggio dell acceleratore in discesa è necessario fare attenzione anche al modo di utilizzo dei freni. Importante è valutare il dislivello, capire se si deve effettuare la percorrenza a passo d uomo oppure con la giusta velocità frenata. Poi la postura in sella deve essere piuttosto arretrata, ma sempre in modo da permettervi di valutare immediatamente la situazione. E più facile a dirsi che a farsi. Una volta impostata la fase di discesa se il freno motore vi supporta alla perfezione è fatta, vi potete godere la discesa. Ma se, come nel caso illustrato, siete a cavallo di un mezzo con cambio manuale, la faccenda si complica. In questo caso inserite la prima, scendendo con il motore a minimo, dando con cautela qualche colpo di freno al posteriore in modo da tenere seduto il retrotreno che è quello, vista la sezione dei pneumatici, che ha il compito di arpionare il terreno e di fermare la corsa del quad. Evitare smpre di frenare davanti e far impuntare l anteriore. Il risultato sarebbe doloroso. Affrontiamo infine la pendenza laterale. Una situazione da gestire in piena concentrazione. Pure in questo caso l attenzione è d obbligo. La regola ci richiama alle leggi della fisica. Il peso del corpo va portato a monte cioè nella direzione opposta al senso di inclinazione dell ostacolo. Considerando che i tratti di pendenza o controtendenza non rappresentano una percentuale importante nella guida in fuoristrada, anche perché come si suole dire se li conosci li eviti, noi per complicare un po le cose mettiamo qualche bella variabile. Immaginate, quindi, di dover percorrere un tratto su un prato, magari umido e perché no con qualche avvallamento creato dalla pioggia, che lascia una riga trasversale proprio nel senso di marcia. In questo caso un pizzico di brio non guasta di certo badando, come sempre, a dove si mette il corpo. Anche con il retro che tende a scivolare basta avere l accortezza di tenere sempre il motore in presa e con un leggero controsterzo la cosa potrebbe diventare divertente. Un esercizio può essere quello di percorrere la stessa pendenza in entrambi i sensi di marcia. Vi accorgerete che il comportamento sarà completamente differente. Siamo alla fine dei nostri consigli. Dopo avervi dispensato suggerimenti, speriamo di essere riusciti ad appassionare chi si voglia avvicinare a questa esperienza con qualche tecnica che farà evitare dolorose fratture e distorsioni. G MULTIUSI SPRAY Presidio Medico Chirurgico Reg. Min. Sal. N MEDICO ED ESTETICO Attivo contro Batteri Gram+ Gram- (comprese Legionelle) Virus Funghi Test d attività ed efficacia eseguiti secondo normative europee attualmente in vigore. Video INDUSTRIA E TRASPORTI Call Center

8 25 OSTEOPATIA ENERGIA 15 LO Luce STRESS: gratis Una bottiglia in plastica, acqua e candeggina questo nemico apparentemente surreale ha solide basi scientifiche Un applicazione a dir poco incredibile una lampada creata con acqua e candeggina. Una rivoluzione: la necessità Milioni di applicazioni nate dalle necessità impellenti di individui che non aspettano la nostra l accadere, una lampada equivalente a aguzza l ingegno, come creare ternarsi delle fasi che compongono Proviamo ora a rileggere giornata. Queste due parti la tabella precedente ma le creano, ci sono due tipi di persone prendono appunto, il nome di ortosimpatico 60watt pensando a una quelle che attendono e quelle che creano. e parasimpatico. prevalenza protratta del Nella capitale delle Filippine infatti, Considerando più di 3 milioni di baracche non hanno la corrente globalità elettrica, della e persona l ortosimpa- che succede? le loro funzioni nella sistema ortosimpatico, la vita dei loro abitanti si svolge prevalentemente tico è responsabile dell attività quotidiana, applicazi- il parasimpatico del riposo. ti generali, non sostitutivi di una dia- Interpretiamo questi dati come effet- al buio. Questa invenzione, o meglio one, di sostanze esistenti ed a costo Per irrisorio capire meglio crea il loro ruolo dobbiamo vedere le loro funzioni nello una delle seguenti problematiche. gnosi medica specifica in presenza di un valore: luce gratis specifico, apparato per apparato: Apparato cardiovascolare = Come funziona ORTOSIMPATICO PARASIMPATICO Basta recuperare A bottiglie cura del in dott. plastica, si riempiono di acqua DAVIDE corrente. TRAVERSO A questo punto CARDIOVASCOLARE si aggiunge Aumenta la frequenza Diminuisce la frequenza APPARATO del battito e la pressione del battito sanguigna e abbassa la pressione qualche goccia di candeggina OSTEOPATA così che l acqua Dilata gli alveoli polmonari Diminuisce irradiata direttamente dai raggi solari non APPARATO si degradi all esposizione della luce. Si chiude ermeti- e rallenta il respiro aumentando le capacità la capacità polmonare Si sente sempre più parlare di RESPIRATORIO respiratorie, aumenta la frequenza del respiro camente stress, (bailare) malattia la della bottiglia società moderna e causa di innumerevo- APPARATO Aumenta il tono muscolare Diminuisce il tono e si crea un foro ben Una baracca di Manila, prima... definito nel tetto della casa che vogliamo MUSCOLARE illuminare. e l afflusso di sangue e l afflusso di sangue li disturbi. Nemico dell uomo di oggi, avversario sempre volta in posizionata agguato e non ermeticamente ben de- la DIGERENTE bottiglia e chiude gli sfinteri e apre gli sfinteri APPARATO Diminuisce la peristalsi Aumenta la peristalsi Una sul finito, foro al punto del tetto, che spesso in maniera viene percepito irradiata come capro direttamente espiatorio per dai tro- raggi solari e metà che metà rimanga Accumula glicogeno, Rilascia glicogeno FEGATO fuori adempie alle sue numerose (zuccheri) nel sangue reazioni chimiche rimanga vare un responsabile dentro casa, di il malesseri miracolo è fatto. SISTEMA Aumenta l attività celebrale altrimenti ingiustificati. NERVOSO La luce del sole filtra all interno della bottiglia rendendo In realtà l insieme, una luce vasto pari ad e variegato, all interno di sintomi dei che locali. vengono Per clas- avere una luce mag- una lampadina SISTEMA di 60 Diminuisce l attività Aumenta l attività IMMUNITARIO delle difese immunitarie delle difese immunitarie watt sificati sotto il nome di disturbi da APPARATO Responsabile Responsabile giore basta aumentare il numero di bottiglie RIPRODUTTIVO che stress trovano una solida spiegazione scientifica....e dopo l inserimento MASCHILE dell eiaculazione dell erezione vengono inserite nei tetti: più rifrazione ci sarà per Una illuminare parte molto la importante, stanza. Attenzione e poco Basta a non dare lasciare un occhiata alla della tabella Solar tachicardia Bottle Bulbs e ipertensione spazi conosciuta anche dai minimi non addetti tra i buchi ai lavori, del per nostro evitare sistema infiltrazioni nervoso è il piovane. sivono coesistere pacificamente, senza iperventilazione e respiro del per tetto capire e la che bottiglia questi due sistemi de- Apparato respiratorio = Un stema modello nervoso autonomo, unico e o rivoluzionario neurovegetativo. Il ecologica, sistema neurovegetativo specialmente è in l altro, luoghi perché dove una persona possa vi- che l uno di illuminazione prenda il sopravvento sul- l energia responsabile elettrica di tutta una non serie arriva, di funzioni può essere vere una una vita rivoluzione sana ed equilibrata. affannoso Apparato muscolare = ipertono che porterà a dolori e contratture fondamentali sociale. per Consente la nostra infatti vita di abitare case Apparato digerente = digestione buie e indipendenti di giorno, dalla consentendo nostra volontà. i lavori Cos è domestici allora o lo stress? lenta e laboriosa, difficoltà alla Questo sistema è composto da due È la dominanza per un tempo prolungato del sistema ortosimpatico, Fegato = innalzamento della defecazione in caso di pioggia, lavori artigianali stando in un parti che non sono in conflitto, bensì in sinergia, ambiente protetto. collaborando nell al- detta anche iperortosimpaticotonia. glicemia Diminuisce l attività celebrale

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

La luce dà emozione agli acquisti

La luce dà emozione agli acquisti Comunicato stampa La luce dà emozione agli acquisti Un nuovo supermercato Spar con illuminazione interamente LED studiata da Zumtobel Per il suo nuovo supermercato a Budapest, la catena Spar ha chiamato

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

scienza come gioco lampadine bruciate

scienza come gioco lampadine bruciate IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Accendiamo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli