LE FORME DI TUTELA LEGALE E PATRIMONIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE FORME DI TUTELA LEGALE E PATRIMONIALE"

Transcript

1 LE FORME DI TUTELA LEGALE E PATRIMONIALE UNA NUOVA CULTURA DI PROMOZIONE DEI DIRITTI Legge 9 gennaio 2004, n.6 Istituzione dell Amministratore di Sostegno GUIDA PER FAMIGLIE ED OPERATORI Osservatorio Regionale Handicap

2

3 PRESENTAZIONE Con la legge 9 gennaio 2004 n.6, entrata in vigore il 18/03/2004, è stata istituita la figura dell Amministratore di Sostegno. Questa nuova figura nel codice civile, costituisce un efficace strumento per la protezione delle persone prive in tutto o in parte dell autonomia necessaria all espletamento delle funzioni della vita quotidiana. Nel passato la protezione prevista riguardava solo i casi estremi di chi viveva in condizione di abituale e totale incapacità e consisteva nell interdizione o nell inabilitazione. Questa legge è segno tangibile di un profondo cambiamento culturale e, nella nostra regione, sempre attenta ai reali bisogni dei cittadini e all offerta di maggiori opportunità per quelli più deboli, rafforza ulteriormente la sensibilità diffusa di promozione dei diritti e di valorizzazione delle persone e delle famiglie che assumono un ruolo centrale di ogni azione politica. L impegno della Regione del Veneto è quello di sostenere processi e percorsi che favoriscano lo sviluppo umano e di autonomia personale accompagnando attraverso il coinvolgimento del sistema dei servizi socio-sanitari e dei soggetti istituzionali e sociali, le persone che a causa di infermità non sono in grado di badare a se stesse ed hanno necessità di essere anche temporaneamente sostituite nella gestione dei loro interessi. In questa cornice la Regione lavora attivamente all implementazione delle opportunità con l obiettivo di tutelare la dignità e di migliorare la qualità della vita e soprattutto di garantire il pieno diritto di cittadinanza. Il Presidente della Regione del Veneto Giancarlo Galan

4

5 PREMESSA La legge 9 gennaio 2004 n.6, istitutiva della figura dell Amministratore di Sostegno, costituisce una profonda innovazione istituzionale, sociale e culturale in tema di tutela dei diritti e della dignità della persona priva in tutto o in parte dell autonomia di agire. La legge risponde alle esigenze delle persone offrendo un sostegno temporaneo o permanente nell agire quotidiano. La personalizzazione degli interventi a misura delle esigenze dei singoli e delle famiglie rappresenta un modo nuovo di tutelare i soggetti deboli sostenendoli nelle loro incapacità senza privarli dei loro diritti. Questa legge, affinché non resti inapplicata, richiede l assunzione di responsabilità istituzionali e professionali, l attivazione di interventi informativi e formativi rivolti ai cittadini e agli operatori e il rafforzamento del sistema integrato di rete degli interventi e servizi centrati sulla persona come protagonista nella sua specificità e nel suo contesto di vita sociale e familiare. Con l istituzione dell Amministratore di Sostegno si sono resi più appropriati gli istituti dell interdizione e dell inabilitazione spesso sproporzionati rispetto ai reali bisogni delle persone e limitativi della loro libertà di vita. Molte, infatti, sono le persone con problemi di salute tali da impedire loro di provvedere regolarmente alla cura dei propri affari e interessi ma non di tale entità da legittimare la loro interdizione con la conseguente perdita dell esercizio dei diritti. La Regione del Veneto, da anni impegnata nella implementazione dei servizi alla persona e nell offerta di nuove opportunità, sulla legge 6/04 ha attivato un importante processo di sensibilizzazione, informazione e formazione che ha visto coinvolti familiari e operatori dei servizi socio-sanitari in ogni provincia del Veneto. Questo processo verrà sviluppato anche attraverso supporti concreti ai familiari e agli operatori interessati ad attivare le azioni richieste per i singoli soggetti in applicazione della legge. La Regione intende rafforzare il processo integrato di interventi istituzionali e professionali a promozione della dignità e tutela dei diritti delle persone e di sostegno alle famiglie e questa guida rivolta alle famiglie e agli operatori è un primo passo in questo senso. Assessore alle Politiche Sociali Sante Bressan

6

7 INDICE La nuova legge sull Amministratore di Sostegno. pag.07 Fasi del procedimento.... pag.10 Ricorso (art. 407 c.c.) pag.11 Fissazione dell udienza pag.12 Nomina dell Amministratore di Sostegno (art. 408 c.c.)... pag.13 Decreto (art. 405 c.c.)... pag.14 Effetti del decreto sulla capacità di agire del beneficiario (art. 409 c.c.).. pag.16 Il ruolo dei servizi pag.18 Legge 9 gennaio 2004, n.6.. pag.23 ALLEGATI N Esempio di ricorso da presentare al Tribunale di per l applicazione della misura di protezione dell Amministratore di Sostegno ai sensi della legge 6/ pag.39 N Esempio di ricorso da presentare al Tribunale di per l applicazione della misura di protezione dell Amministratore di Sostegno ai sensi della legge 6/ pag.42 N. 2 - Esempio di Decreto di Nomina... pag.44 N. 3 - Resoconto da presentarsi al Giudice Tutelare per la procedura di Amministrazione di Sostegno.. pag.49 Nozioni essenziali di diritto privato..... pag.53 Le fonti pag.53 Il codice civile pag.55 Il diritto dei soggetti deboli. pag.56 Le capacità pag.57 La procura pag.59 Il contratto di mandato pag.61 I diritti della personalità pag.62

8

9 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno La nuova legge sull Amministratore di Sostegno L art. 3 della Costituzione Italiana al 2 comma recita: è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana. La legge che istituisce l Amministratore di Sostegno, costituisce contemporaneamente il risultato e la base di una rivoluzione culturale, sociale e giuridica nel campo della protezione delle persone incapaci. Prima di entrare nel merito della descrizione del testo giuridico, appare opportuno fare un breve accenno al perché questa riforma si è resa necessaria. Fino a pochi mesi fa la persona che risultava incapace di intendere e di volere, di provvedere autonomamente ai propri interessi, era normalmente interdetta o inabilitata. Interdizione e inabilitazione sono strumenti ereditati dal Codice Napoleonico, certamente nati da spirito di tutela contro fenomeni di approfittamento diffusi a vari livelli nella società dell epoca, ma che dimostrano ora la loro inadeguatezza in rapporto ai nuovi contesti sociali e culturali di vita. È dunque questo il senso dell Amministrazione di Sostegno, quello di essere lo strumento attraverso cui si mette la persona nella condizione di realizzarsi, di essere uomo, di essere donna, di essere se stessi, liberamente. Quali sono i presupposti in senso strettamente giuridico, ossia le condizioni senza le quali la legge non si applica? Il presupposto è che vi sia una persona in stato di bisogno e che necessita di protezione. L art. 3 comma 1 della Legge 6/2004 definisce questo soggetto come La persona che, per effetto di una infermità ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nell impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi,. E ancora l art. 1 della legge parla di persone prive in tutto o in parte di autonomia nell espletamento delle funzioni della vita quotidiana. 7

10 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno I potenziali beneficiari di questo istituto e gli elementi che costituiscono il senso di innovazione rispetto agli strumenti tradizionali di tutela sono i seguenti: la persona deve avere un infermità o una menomazione (fisica o psichica) tale da impedirle di provvedere autonomamente ai propri interessi (nesso causale); a differenza dell interdizione, prevista solo per abituale infermità di mente, per la prima volta la protezione giuridica viene estesa potenzialmente anche a coloro che hanno una menomazione fisica; l impossibilità può essere parziale, ossia circoscritta anche ad un solo atto della vita quotidiana; l impossibilità può essere temporanea, circoscritta ad un periodo particolare in cui la persona ha bisogno di essere affiancata per alcuni atti. Quali sono le tipologie di soggetti che nella vita di tutti i giorni si possono trovare nelle condizioni sopra descritte? Alcuni esempi 1 possono indicare le potenzialità della misura, che può applicarsi a persona con problematiche molto diffuse: 8 - persone molto semplici che non sanno spendere bene le loro risorse e vengono raggirate; - persone che vivono in condizioni di isolamento sociale e di deterioramento abitativo che bisogna rimuovere, destinando in modo specifico delle loro risorse alle esigenze di cura; - persone deboli che sono incapaci di fare valere i propri diritti (ottenimento di pensioni o indennità di accompagnamento, riscossione di affitti, accettazione 1 Cfr Tratti dall intervento di Pazè Pier Carlo (Procuratore della Repubblica per i minori del Piemonte e Valle D Aosta) al convegno Amministrazione di sostegno: un nuovo strumento di tutela in linea con le più evolute legislazioni europee, 19 marzo 2004, Milano.

11 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno delle eredità o ricerca dei beni ereditati presso le banche per evitare che i relativi diritti siano lasciati cadere in prescrizione, ecc.); - persone deboli mentali o fragili psicologicamente che hanno bisogno che qualcuno stia loro accanto con funzioni terapeutiche e di aiuto a fare e a gestirsi; - persone con sofferenza psichica che hanno bisogno di un organizzazione delle cure alla propria persona attraverso una presenza integratrice, che spesso è sufficiente per evitare l'istituzionalizzazione; - persone con disturbi della personalità o con comportamenti disordinati; - persone in condizioni di salute precarie per le quali appare necessario attribuire responsabilità di cura ai parenti, per esempio ad uno dei figli; - alcoldipendenti che indirizzano in prevalenza al bere le risorse, non sono capaci di gestirsi e conducono una vita disordinata; - tossicodipendenti; - e, perché no, persone senza fissa dimora a cui quasi mai nessuno pensa. L età avanzata di per sé non è una menomazione ma può comportare menomazioni fisiche e psichiche che incidono sull autonomia, per cui la persona anziana talvolta non è più in condizione di provvedere a se stessa e ai propri interessi. Finalità della legge (art. 1) di tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità d agire, le persone prive i tutto o in parte di autonomia nell espletamento Art. 409 c.c. (Effetti dell amministrazione di sostegno) il beneficiario conserva la capacità di agire per tutti quegli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l assistenza necessaria dell Amministratore di Sostegno. Il beneficiario dell amministrazione di sostegno può in ogni caso compiere gli 9

12 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno atti necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana. I soggetti legittimati a proporre ricorso per l amministrazione di sostegno, sono: - lo stesso soggetto beneficiario anche se minore, interdetto o inabilitato (art.406 c.c.); - il pubblico ministero (obbligo); - i responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente coinvolti nella cura e assistenza della persona; - parenti entro il quarto grado (ascendenti, zii, cugini primi, etc.); - il coniuge dell incapace; - i conviventi stabili dell incapace; - gli affini entro il secondo grado (il coniuge di un genitore o di un nonno, i cognati, i generi e le nuore); - il tutore e il curatore (insieme alla richiesta di revoca dell interdizione o inabilitazione); - i responsabili dei servizi sociali e sanitari direttamente impegnati nella cura e nell assistenza della persona. Fasi del procedimento Art. 404 c.c. (1) (Amministrazione di sostegno). La persona che, per effetto di una infermità ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nella impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, può essere assistita da un Amministratore di Sostegno, nominato dal giudice tutelare del luogo in cui questa ha la residenza o il domicilio. (1) Questo articolo è stato così sostituito dall art. 4, comma 2, della L. 9 gennaio 2004, n. 6, a decorrere dal sessantesimo giorno dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, avvenuta il 19 gennaio 2004) 10

13 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno Ricorso (art. 407 c.c.) Può presentare il ricorso: - lo stesso soggetto incapace; - il coniuge od il convivente dell incapace; - i parenti entro il quarto grado e gli affini entro il secondo grado; - i responsabili del servizio socio sanitario che assistono l incapace; - il pubblico ministero; - il tutore ed il curatore congiuntamente con l istanza di revoca dell interdizione e/o inabilitazione. Nel ricorso bisogna indicare: - le generalità di chi fa il ricorso ed il suo rapporto con colui che ha bisogno dell Amministratore di Sostegno (fratello, madre, nipote, coniuge, ecc.); - le generalità del soggetto beneficiario con indicazione della residenza ed (eventualmente) il diverso luogo dove egli si trovi; - il nome ed il recapito dei parenti stretti (coniuge, figli, fratelli, genitori); - le ragioni della richiesta, i bisogni della persona beneficiaria, le sue patologie (con eventuale documentazione sanitaria); - situazione patrimoniale e reddituale della persona beneficiaria; - il nominativo e recapito (anche telefonico) del soggetto che si indica come Amministratore di Sostegno. La richiesta di nomina dell Amministratore di Sostegno va fatta in carta libera (anche senza un avvocato) mediante deposito del ricorso nella cancelleria del giudice tutelare della dimora abituale della persona interessata. L atto del ricorso è di per sé sufficiente, qualora vi sia necessità, a promuovere provvedimenti di protezione a favore 11

14 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno della persona non autonoma. L art 405 comma 5 del c.c. anche d ufficio i provvedimenti urgenti per la cura della persona interessata e per la conservazione e l amministrazione del suo patrimonio. Può procedere alla nomina di un Amministratore di Sostegno provvisorio indicando gli atti che è autorizzato a compiere. Allegati n. 1.1 e 1.2 Fissazione dell udienza Il giudice tutelare fissa con decreto l udienza in cui verrà esaminata la situazione del soggetto per il quale si richiede l Amministratore di Sostegno. All udienza dovranno essere presenti la persona interessata, il ricorrente e tutti coloro le cui informazioni siano ritenute utili. Essendo l audizione della persona beneficiaria obbligatoria, il giudice tutelare è tenuto, ove occorra, ad effettuare l esame presso la dimora del beneficiario (previa specifica certificazione medica, da allegarsi al ricorso, che attesti l impossibilità del medesimo di raggiungere il tribunale). Notifica all incapace e comunicazioni ai parenti Il ricorso ed il decreto di fissazione dell udienza devono essere comunicati al beneficiario dell Amministratore di Sostegno (se il ricorso è proposto a mezzo di avvocato sarà quest ultimo a provvedere alla notifica), alle persone indicate nel decreto e al pubblico ministero. Il contraddittorio deve essere garantito poiché si tratta di un procedimento col quale viene a limitarsi la capacità d agire del soggetto. Si ritiene, tuttavia, che trattandosi di un procedimento che si ispira a criteri di speditezza, possa garantirsi il contraddittorio mediante una comunicazione (ex art. 136 c.p.c.) e cioè fatta con un biglietto di cancelleria consegnato direttamente o inviato tramite servizio postale oppure tramite ufficiale giudiziario. In caso di 12

15 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno esito negativo o di impossibilità si provvederà ad inviare in busta chiusa il ricorso ed il decreto di fissazione dell udienza. Non essendo ancora chiara la modalità della notifica (se di competenza della Cancelleria o del ricorrente), è opportuno che il ricorrente si informi sulle modalità specifiche che il tribunale in questione intende adottare. Udienza All udienza fissata il giudice tutelare esaminerà la persona ed richiederà tutti gli accertamenti (non solo sotto l aspetto psichiatrico e medico, ma anche dal punto di vista sociale, relazionale e dell autonomia residua) che riterrà utili per conoscere il soggetto e ciò di cui ha bisogno. Nomina dell Amministratore di Sostegno (art. 408 c.c.) Lo stesso interessato può aver designato nel ricorso o nell udienza il proprio Amministratore di Sostegno in previsione della propria futura incapacità (nel caso vi sia una diagnosi di malattia debilitante progressiva, ad esempio). Nel caso non vi fosse alcuna persona designata, è il giudice tutelare a provvedere alla scelta, con esclusivo riguardo alla cura e agli interessi della persona del beneficiario. Nella scelta il giudice privilegia di norma i parenti e le persone stabilmente conviventi che abbiano una profonda conoscenza del soggetto bisognoso di tutela. Possono ricoprire il ruolo di amministratori di sostegno anche amici o volontari adeguatamente preparati. In ultimo, nel caso sia necessaria un amministrazione prettamente patrimoniale, la legge prevede anche la possibilità che ricoprano il ruolo di Amministratore di Sostegno le persone giuridiche pubbliche, quelle private, o le società. La legge dispone che non possano in alcun modo ricoprire la funzione di Amministratore di Sostegno gli operatori dei servizi pubblici o privati che hanno in cura o in carico il beneficiario. 13

16 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno Decreto (art. 405 c.c.) Completata l istruttoria, il giudice tutelare, entro sessanta giorni dal deposito del ricorso, emetterà il decreto, motivato ed immediatamente esecutivo, di nomina dell Amministratore di Sostegno, che potrà essere anche a tempo determinato, in relazione alla patologia ed ai bisogni del soggetto. Il decreto dovrà dunque indicare: le generalità della persona beneficiaria; le generalità dell Amministratore di Sostegno; la durata dell incarico può essere a tempo determinato o indeterminato. Se a tempo determinato il giudice, qualora lo ritenga necessario, lo potrà prorogare con decreto; l oggetto dell incarico e gli atti che l Amministratore di Sostegno ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario; gli atti che il beneficiario può compiere solo con l assistenza dell Amministratore di Sostegno; i limiti, anche periodici, delle spese che l Amministratore di Sostegno può sostenere con l utilizzo delle somme a disposizione del beneficiario; la periodicità con cui l Amministratore di Sostegno deve riferire al giudice circa le condizioni di vita personale e sociale del beneficiario e l attività svolta. È da sottolineare che la legge prevede per il giudice il potere di modificare o integrare in ogni momento, anche d ufficio, le decisioni assunte con il decreto di nomina dell Amministratore di Sostegno. Vedi allegato n. 2 Durata dell incarico dell Amministratore di Sostegno Per legge la durata dell incarico può essere a tempo determinato o indeterminato, a seconda della natura dei bisogni del beneficiario. L Amministratore di Sostegno non è tenuto a continuare nello svolgimento dei suoi compiti oltre i dieci anni, ad eccezione dei casi in cui tale incarico è rivestito 14

17 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dagli ascendenti o dai discendenti (art. 410 c.c. comma 3 ). Pubblicità (art. 405 c.c. 7-8 c.c.) Poiché gli atti compiuti dall amministrato possono incidere nei rapporti con i terzi, la legge prevede un adeguato sistema di pubblicità dell amministrazione stessa. Nell atto di nascita saranno annotati solo l apertura e la chiusura. Nell apposito registro del tribunale dovrà essere invece annotato anche ogni singolo provvedimento assunto dal giudice tutelare nel corso dell amministrazione di sostegno. Fase successiva alla nomina dell Amministratore di Sostegno: la gestione A seconda del contenuto del decreto emesso, l Amministratore di Sostegno svolgerà il suo compito dando conto, con relazione periodica o con rendicontazione annuale, al giudice tutelare del suo operato. Mentre la relazione periodica descrive innanzitutto le condizioni di vita personali e sociali, il rendiconto si riferisce soprattutto ai dati patrimoniali e reddituali e contiene tutta la documentazione comprovante le entrate e le uscite e la situazione patrimoniale all inizio e alla fine della gestione. La legge prevede che il giudice tutelare possa integrare o modificare, in ogni momento e anche d ufficio, i contenuti del decreto. In particolare il giudice può: convocare in ogni momento l Amministratore di Sostegno per avere informazioni in merito alla gestione dell incarico; sostituire, esonerare, sospendere o rimuovere l Amministratore di Sostegno; modificare la durata dell incarico. Nel caso questo sia a tempo determinato può decidere di prorogare l incarico; nel caso sia a tempo indeterminato può disporre la cessazione dell amministrazione. 15

18 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno Effetti del decreto sulla capacità di agire del beneficiario (art. 409 c.c.) Il beneficiario conserva la capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l assistenza necessaria dell Amministratore di Sostegno. Il beneficiario dell Amministratore di Sostegno può in ogni caso compiere gli atti necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana. Per tutte le altre azioni il beneficiario conserva intatta la propria sovranità, i suoi diritti, la sua capacità di agire. Compiti e doveri dell Amministratore di Sostegno Nell analisi dei compiti propri dell Amministratore di Sostegno è necessario avere presente la premessa etica e giuridica contenuta nell art. 410 comma 1 c.c. che così recita: Nello svolgimento dei suoi compiti l Amministratore di Sostegno deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario. L Amministratore di Sostegno deve, a seconda dei contenuti del mandato, compiere precisi atti come rappresentante esclusivo della persona beneficiaria, assisterla nel compimento di altri atti, oppure svolgere entrambi i compiti. È tenuto inoltre a dare conto al giudice tutelare, con relazione periodica o rendicontazione annuale, della situazione economica, relazionale e sociale del beneficiario. L Amministratore di Sostegno è chiamato anche ad una cura ed ad un attenzione alla totalità della persona. L incarico dell amministratore è gratuito (art. 411 c.c., che rinvia all art. 379 c.c. Gratuità della tutela ). Il giudice tutelare può tuttavia, considerata l entità del patrimonio e le difficoltà dell amministrazione, assegnare all amministratore un equa indennità; la sua attività non può comunque gravare in alcun modo sul bilancio dello Stato (art. 3 comma 3, Legge n. 6/2004). 16

19 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno Garanzie La legge prevede un costante dialogo fra le parti (Amministratore di Sostegno, beneficiario e giudice tutelare). In particolare l art. 419 comma 2 c.c. prevede che: l amministratore deve costantemente informare il beneficiario circa gli atti da compiere; il beneficiario ha possibilità di dissentire rispetto alle attività dell amministratore. In questo caso l amministratore deve tempestivamente informare il giudice tutelare di tale dissenso. In caso di contrasto il beneficiario (oltre ai soggetti indicati dall art. 406 c.c.) può ricorrere al giudice tutelare, che adotta con decreto motivato gli opportuni provvedimenti. Revoca dell amministrazione di sostegno (art. 413 c.c.) Qualora ritengano che si siano determinati i presupposti per la cessazione dell amministrazione di sostegno o per la sostituzione dell amministratore, sono legittimati a proporre al giudice tutelare la revoca dell amministrazione di sostegno: - il beneficiario - l Amministratore di Sostegno - il pubblico ministero - i soggetti indicati dall art. 406 c.c. Le ipotesi di cessazione dell amministrazione di sostegno sono: - che siano venuti meno i motivi per cui la persona era bisognosa di protezione giuridica (art. 404 c.c.) - che l amministrazione di sostegno si sia rivelata inidonea a garantire la giusta protezione alla persona. In questo caso, se il giudice lo ritiene necessario, si provvede a promuovere il giudizio di interdizione o di inabilitazione (l amministrazione di sostegno cessa automaticamente con la nomina del 17

20 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno tutore-curatore). Può anche verificarsi il caso contrario, ossia il passaggio dall interdizione/inabilitazione all amministrazione di sostegno. Gratuità della pratica e snellezza della procedura Dal punto di vista della snellezza procedurale, ogni passaggio del rito si svolge in modo informale. Gli avvocati non sono necessari, tutto è tendenzialmente gratuito. La procedura per la nomina dell' Amministratore di Sostegno è più agile del procedimento per l'interdizione e l'inabilitazione, innanzitutto perché il provvedimento è di competenza del giudice tutelare e non del Tribunale in composizione collegiale; ciò comporta: il deposito del ricorso nella Cancelleria del giudice tutelare e non nella Cancelleria Centrale, con conseguente riduzione dei tempi nell'assegnazione; Inoltre le norme del procedimento appaiono più snelle, poiché: non è necessaria la notifica del ricorso a tutti i parenti entro il quarto grado ed affini entro il secondo grado, ma solo a quelli indicati dall art. 407 c.c., che il giudice ritenga utili per la valutazione sulla nomina. Il ruolo dei servizi Un compito importante che la legge n.6/2004 attribuisce ai servizi del territorio, consiste nella possibilità di ricorrere al Giudice Tutelare per la nomina di un Amministratore di Sostegno a favore di una persona non autonoma. Il nuovo art. 406, comma 3, del Codice Civile dice infatti che: «Il responsabile dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e assistenza alla persona, ove a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l apertura del 18

21 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno procedimento di amministrazione di sostegno, sono tenuti a proporre al giudice tutelare il ricorso di cui all art.407 c.c. o a fornire comunque notizia al pubblico ministero». Questo articolo definisce quindi una responsabilità non solo funzionale ma anche giuridica degli operatori e dei servizi in caso di mancanza di attivazione o di segnalazione. Quando il servizio si trova nella condizione di presentare ricorso, il responsabile può inoltrare al Giudice Tutelare una valutazione integrata tra il sanitario e il sociale (tra psicologo, medico e assistente sociale). Al medico e allo psicologo spetterà esporre le condizioni organiche e psichiche che oggettivamente limitano le capacità della persona. Invece, all assistente sociale spetterà, sostanzialmente, dare una motivazione al ricorso, evidenziando la perdita di autonomia che la persona sta vivendo nel proprio processo di socializzazione con le regole sociali, in particolare con le regole giuridiche. All assistente sociale spetterà evidenziare, dopo un attenta e accurata analisi: - il grado di autonomia della persona, non certamente nel senso medico ma, sulla sua capacità di svolgere gli atti del quotidiano, cioè mettendo in evidenza gli aspetti sui quali la persona stessa ha perso la sua autonomia, con uno specifico riferimento al suo contesto ambientale e relazionale; - i motivi per i quali si ritiene necessario ricorrere all istituto dell Amministratore di Sostegno; - i problemi insorti o che si intendono prevenire; - quali beni mobili e immobili non possono essere amministrati dalla persona: ad es. una pensione, un appartamento o una casa, un terreno agricolo; - quante e quali persone intessono rapporti personali e di fiducia continuativi con il beneficiario, e l eventuale persona che può assumere il ruolo di Amministratore di Sostegno; 19

22 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno - quali le volontà del beneficiario. Quindi il ricorso, o segnalazione, presentata dai servizi devono essere corredati da una relazione che racconti, il contesto di vita, vicende personali e familiari, condizioni di salute, le effettive disabilità sociali e le residue o potenziali abilità, bisogni e desideri della persona interessata e quale progetto di integrazione sociale si deve sostenere e con quali atti attribuiti all'amministratore si può attuare il sostegno. Le informazioni che i servizi invieranno dovranno porre in evidenza ed aiutare a comprendere, non tanto la capacità di intendere e di volere, ma ciò che la persona è in grado di fare. In conclusione, con questo articolo, la legge n. 6/2004 ha dato ai servizi il ruolo fondamentale di poter agire direttamente un ricorso finalizzato anch esso a dare un aiuto e una protezione nei confronti della persona non più del tutto autonoma. D altro canto la possibilità che anche i servizi possano presentare ricorso costituisce un ulteriore garanzia che la legge offre alla persona, soprattutto quando non esiste una rete di soggetti in grado di aiutarla. Si ricorda che il ricorso per l istituzione dell Amministratore di Sostegno può essere proposto dallo stesso soggetto beneficiario (art. 406 c.c.); nell esclusivo interesse della persona beneficiaria. Il giudice, nella scelta della persona cui attribuire l incarico, deve rispettare la volontà della persona interessata e indirizzarsi in via preferenziale alla sfera dei familiari più prossimi o, in mancanza, di chiunque abbia i requisiti ritenuti idonei dal giudice. Sono invece esplicitamente esclusi (art. 408 c.c.) dalla possibilità di accedere a questo ruolo gli operatori dei servizi, sia pubblici che privati, che siano implicati nei programmi di assistenza e di cura. Tale divieto è legato alla preoccupazione di evitare un conflitto di interessi che si potrebbe configurare e di non snaturare il percorso di amministrazione con un amministratore con funzione burocratico formale. 20

23 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno Tale incompatibilità consente inoltre all'amministratore di Sostegno di fare valere i diritti del beneficiario anche nei confronti dei servizi che lo hanno in cura o in carico. I servizi sanitari e socio-assistenziali, a loro volta trovano nell'amministratore di Sostegno un interlocutore di cui hanno bisogno per gestire utilmente delle situazioni difficili e per costruire con lui, in cooperazione con il sistema giudiziario (che ha funzione di garanzia) e il beneficiario, dei progetti di vita per la persona. L'Amministratore di Sostegno ha solo i poteri che gli sono conferiti dal Giudice Tutelare e non poteri di rappresentanza e di gestione: ha un compito di accompagnamento e di comunicazione con una attenzione alla persona del beneficiario. E chiaro quindi che né il medico, competente per tipo di patologia, né l assistente sociale, competente per servizio o per territorio, né altri operatori di Centri Diurni o di Strutture Residenziali di accoglienza, possono assumere il ruolo di Amministratore di Sostegno del loro paziente o del loro utente. Tuttavia non è da escludere che un operatore di diverso servizio o un ente di assistenza alla persona possa trovarsi nelle condizioni di dover assumere il ruolo di Amministratore di Sostegno da svolgere gratuitamente. Questa legge non esclude esplicitamente l applicazione dell art. 354 del Codice Civile, relativo alla tutela assistenziale del minore, all istituto di Amministratore di Sostegno. Ci potremmo ritrovare forse il Sindaco del Comune o il Dirigente dell A.ULSS quale Amministratore di Sostegno della persona che si trova a non avere alcun parente in grado di assolvere a questa funzione. Inoltre l art. 407 del c.c. prevede che il giudice tutelare debba sentire personalmente la persona cui il provvedimento si riferisce addirittura recandosi, ove occorra, nel luogo in cui questa si trova e debba tener conto dei bisogni e delle richieste. 21

24 La nuova legge sull Amministratore di Sostegno Prima di provvedere, il giudice assume le necessarie informazioni, sentiti i soggetti di cui all art. 406 c.c. (articolo in cui sono inclusi i servizi impegnati nella cura e nell assistenza della persona). Un altro compito che può interessare i servizi e gli operatori consiste nel rispondere alla richiesta di informazioni che il Giudice Tutelare può affidare loro nel corso dell esame che egli stesso sta svolgendo su un ricorso presentato da altri. Analogamente a quanto accade nel processo di interdizione e di inabilitazione il Giudice può chiamare i servizi ad esprimere una valutazione su particolari aspetti della situazione in esame, compresa la necessità di individuare la persona che possa assumere il ruolo di Amministratore di Sostegno 2. 2 Cfr Intervento dell Associazione Nazionale Assistenti Sociali al convegno Amministrazione di sostegno: un nuovo strumento di tutela in linea con le più evolute legislazioni europee, 19 marzo 2004, Milano. 22

25 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "INTRODUZIONE NEL LIBRO PRIMO, TITOLO XII, DEL CODICE CIVILE DEL CAPO I, RELATIVO ALL ISTITUZIONE DELL AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO E MODIFICA DEGLI ARTICOLI 388, 414, 417, 418, 424, 426, 427 E 429 DEL CODICE CIVILE IN MATERIA DI INTERDIZIONE E DI INABILITAZIONE, NONCHÈ RELATIVE NORME DI ATTUAZIONE, DI COORDINAMENTO E FINALI" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 14 del 19 gennaio 2004 Capo I FINALITÀ DELLA LEGGE Art La presente legge ha la finalità di tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell espletamento delle funzioni della vita quotidiana, mediante interventi di sostegno temporaneo o permanente. Capo II MODIFICHE AL CODICE CIVILE Art La rubrica del titolo XII del libro primo del codice civile è sostituita dalla seguente: «Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia». 23

26 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Art Nel titolo XII del libro primo del codice civile, è premesso il seguente capo: «Capo I. - Dell amministrazione di sostegno. Art (Amministrazione di sostegno). La persona che, per effetto di una infermità ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nella impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, può essere assistita da un Amministratore di Sostegno, nominato dal giudice tutelare del luogo in cui questa ha la residenza o il domicilio. Art (Decreto di nomina dell Amministratore di Sostegno. Durata dell incarico e relativa pubblicità). Il giudice tutelare provvede entro sessanta giorni dalla data di presentazione della richiesta alla nomina dell Amministratore di Sostegno con decreto motivato immediatamente esecutivo, su ricorso di uno dei soggetti indicati nell articolo 406. Il decreto che riguarda un minore non emancipato può essere emesso solo nell ultimo anno della sua minore età e diventa esecutivo a decorrere dal momento in cui la maggiore età è raggiunta. Se l interessato è un interdetto o un inabilitato, il decreto è esecutivo dalla pubblicazione della sentenza di revoca dell interdizione o dell inabilitazione. Qualora ne sussista la necessità, il giudice tutelare adotta anche d ufficio i provvedimenti urgenti per la cura della persona interessata e per la conservazione e l amministrazione del suo patrimonio. Può procedere alla nomina di un Amministratore di Sostegno provvisorio indicando gli atti che è autorizzato a compiere. 24

27 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Il decreto di nomina dell Amministratore di Sostegno deve contenere l indicazione: 1. delle generalità della persona beneficiaria e dell Amministratore di Sostegno; 2. della durata dell incarico, che può essere anche a tempo indeterminato; 3. dell oggetto dell incarico e degli atti che l Amministratore di Sostegno ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario; 4. degli atti che il beneficiario può compiere solo con l assistenza dell Amministratore di Sostegno; 5. dei limiti, anche periodici, delle spese che l Amministratore di Sostegno può sostenere con utilizzo delle somme di cui il beneficiario ha o può avere la disponibilità; 6. della periodicità con cui l Amministratore di Sostegno deve riferire al giudice circa l attività svolta e le condizioni di vita personale e sociale del beneficiario. Se la durata dell incarico è a tempo determinato, il giudice tutelare può prorogarlo con decreto motivato pronunciato anche d ufficio prima della scadenza del termine. Il decreto di apertura dell amministrazione di sostegno, il decreto di chiusura ed ogni altro provvedimento assunto dal giudice tutelare nel corso dell amministrazione di sostegno devono essere immediatamente annotati a cura del cancelliere nell apposito registro. Il decreto di apertura dell amministrazione di sostegno e il decreto di chiusura devono essere comunicati, entro dieci giorni, all ufficiale dello stato civile per le annotazioni in margine all atto di nascita del beneficiario. Se la durata dell incarico è a tempo determinato, le annotazioni devono essere cancellate alla scadenza del termine indicato nel decreto di apertura o in quello eventuale di proroga. 25

28 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Art (Soggetti). Il ricorso per l istituzione dell amministrazione di sostegno può essere proposto dallo stesso soggetto beneficiario, anche se minore, interdetto o inabilitato, ovvero da uno dei soggetti indicati nell articolo 417. Se il ricorso concerne persona interdetta o inabilitata il medesimo è presentato congiuntamente all istanza di revoca dell interdizione o dell inabilitazione davanti al giudice competente per quest ultima. I responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e assistenza della persona, ove a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l apertura del procedimento di amministrazione di sostegno, sono tenuti a proporre al giudice tutelare il ricorso di cui all articolo 407 o a fornirne comunque notizia al pubblico ministero. Art (Procedimento). Il ricorso per l istituzione dell amministrazione di sostegno deve indicare le generalità del beneficiario, la sua dimora abituale, le ragioni per cui si richiede la nomina dell Amministratore di Sostegno, il nominativo ed il domicilio, se conosciuti dal ricorrente, del coniuge, dei discendenti, degli ascendenti, dei fratelli e dei conviventi del beneficiario. Il giudice tutelare deve sentire personalmente la persona cui il procedimento si riferisce recandosi, ove occorra, nel luogo in cui questa si trova e deve tener conto, compatibilmente con gli interessi e le esigenze di protezione della persona, dei bisogni e delle richieste di questa. Il giudice tutelare provvede, assunte le necessarie informazioni e sentiti i soggetti di cui all articolo 406; in caso di mancata comparizione provvede comunque sul ricorso. Dispone altresì, anche d ufficio, gli accertamenti di natura medica e tutti gli altri mezzi istruttori utili ai fini della decisione. 26

29 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Il giudice tutelare può, in ogni tempo, modificare o integrare, anche d ufficio, le decisioni assunte con il decreto di nomina dell Amministratore di Sostegno. In ogni caso, nel procedimento di nomina dell Amministratore di Sostegno interviene il pubblico ministero. Art (Scelta dell Amministratore di Sostegno). La scelta dell Amministratore di Sostegno avviene con esclusivo riguardo alla cura ed agli interessi della persona del beneficiario. L Amministratore di Sostegno può essere designato dallo stesso interessato, in previsione della propria eventuale futura incapacità, mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata. In mancanza, ovvero in presenza di gravi motivi, il giudice tutelare può designare con decreto motivato un Amministratore di Sostegno diverso. Nella scelta, il giudice tutelare preferisce, ove possibile, il coniuge che non sia separato legalmente, la persona stabilmente convivente, il padre, la madre, il figlio o il fratello o la sorella, il parente entro il quarto grado ovvero il soggetto designato dal genitore superstite con testamento, atto pubblico o scrittura privata autenticata. Le designazioni di cui al primo comma possono essere revocate dall autore con le stesse forme. Non possono ricoprire le funzioni di Amministratore di Sostegno gli operatori dei servizi pubblici o privati che hanno in cura o in carico il beneficiario. Il giudice tutelare, quando ne ravvisa l opportunità, e nel caso di designazione dell interessato quando ricorrano gravi motivi, può chiamare all incarico di Amministratore di Sostegno anche altra persona idonea, ovvero uno dei soggetti di cui al titolo II al cui legale rappresentante ovvero alla persona che questi ha facoltà di delegare con atto depositato presso l ufficio del 27

30 Legge 9 gennaio 2004, n.6 giudice tutelare, competono tutti i doveri e tutte le facoltà previste nel presente capo. Art (Effetti dell amministrazione di sostegno). Il beneficiario conserva la capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l assistenza necessaria dell Amministratore di Sostegno. Il beneficiario dell amministrazione di sostegno può in ogni caso compiere gli atti necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana. Art (Doveri dell Amministratore di Sostegno). Nello svolgimento dei suoi compiti l Amministratore di Sostegno deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario. L Amministratore di Sostegno deve tempestivamente informare il beneficiario circa gli atti da compiere nonchè il giudice tutelare in caso di dissenso con il beneficiario stesso. In caso di contrasto, di scelte o di atti dannosi ovvero di negligenza nel perseguire l interesse o nel soddisfare i bisogni o le richieste del beneficiario, questi, il pubblico ministero o gli altri soggetti di cui all articolo 406 possono ricorrere al giudice tutelare, che adotta con decreto motivato gli opportuni provvedimenti. L Amministratore di Sostegno non è tenuto a continuare nello svolgimento dei suoi compiti oltre dieci anni, ad eccezione dei casi in cui tale incarico è rivestito dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dagli ascendenti o dai discendenti. Art (Norme applicabili all amministrazione di sostegno). Si applicano all Amministratore di Sostegno, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli articoli da 349 a 353 e da 374 a 388. I provvedimenti di cui agli articoli 375 e 376 sono emessi dal giudice tutelare. 28

31 Legge 9 gennaio 2004, n.6 All Amministratore di Sostegno si applicano altresì, in quanto compatibili, le disposizioni degli articoli 596, 599 e 779. Sono in ogni caso valide le disposizioni testamentarie e le convenzioni in favore dell Amministratore di Sostegno che sia parente entro il quarto grado del beneficiario, ovvero che sia coniuge o persona che sia stata chiamata alla funzione in quanto con lui stabilmente convivente. Il giudice tutelare, nel provvedimento con il quale nomina l Amministratore di Sostegno, o successivamente, può disporre che determinati effetti, limitazioni o decadenze, previsti da disposizioni di legge per l interdetto o l inabilitato, si estendano al beneficiario dell amministrazione di sostegno, avuto riguardo all interesse del medesimo ed a quello tutelato dalle predette disposizioni. Il provvedimento è assunto con decreto motivato a seguito di ricorso che può essere presentato anche dal beneficiario direttamente. Art (Atti compiuti dal beneficiario o dall Amministratore di Sostegno in violazione di norme di legge o delle disposizioni del giudice). Gli atti compiuti dall Amministratore di Sostegno in violazione di disposizioni di legge, od in eccesso rispetto all oggetto dell incarico o ai poteri conferitigli dal giudice, possono essere annullati su istanza dell Amministratore di Sostegno, del pubblico ministero, del beneficiario o dei suoi eredi ed aventi causa. Possono essere parimenti annullati su istanza dell Amministratore di Sostegno, del beneficiario, o dei suoi eredi ed aventi causa, gli atti compiuti personalmente dal beneficiario in violazione delle disposizioni di legge o di quelle contenute nel decreto che istituisce l amministrazione di sostegno. 29

32 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Le azioni relative si prescrivono nel termine di cinque anni. Il termine decorre dal momento in cui è cessato lo stato di sottoposizione all amministrazione di sostegno. Art (Revoca dell amministrazione di sostegno). Quando il beneficiario, l Amministratore di Sostegno, il pubblico ministero o taluno dei soggetti di cui all articolo 406, ritengono che si siano determinati i presupposti per la cessazione dell amministrazione di sostegno, o per la sostituzione dell amministratore, rivolgono istanza motivata al giudice tutelare. L istanza è comunicata al beneficiario ed all Amministratore di Sostegno. Il giudice tutelare provvede con decreto motivato, acquisite le necessarie informazioni e disposti gli opportuni mezzi istruttori. Il giudice tutelare provvede altresì, anche d ufficio, alla dichiarazione di cessazione dell amministrazione di sostegno quando questa si sia rivelata inidonea a realizzare la piena tutela del beneficiario. In tale ipotesi, se ritiene che si debba promuovere giudizio di interdizione o di inabilitazione, ne informa il pubblico ministero, affinchè vi provveda. In questo caso l amministrazione di sostegno cessa con la nomina del tutore o del curatore provvisorio ai sensi dell articolo 419, ovvero con la dichiarazione di interdizione o di inabilitazione». 2. All articolo 388 del codice civile le parole: «prima dell approvazione» sono sostituite dalle seguenti: «prima che sia decorso un anno dall approvazione». 3. Dall applicazione della disposizione di cui all articolo 408 del codice civile, introdotto dal comma 1, non possono derivare nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato. 30

33 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Art Nel titolo XII del libro primo del codice civile, prima dell articolo 414 sono inserite le seguenti parole: «Capo II. Della interdizione, della inabilitazione e della incapacità naturale». 2. L articolo 414 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art (Persone che possono essere interdette). Il maggiore di età e il minore emancipato, i quali si trovano in condizioni di abituale infermità di mente che li rende incapaci di provvedere ai propri interessi, sono interdetti quando ciò è necessario per assicurare la loro adeguata protezione». Art Nel primo comma dell articolo 417 del codice civile, le parole: «possono essere promosse dal coniuge» sono sostituite dalle seguenti: «possono essere promosse dalle persone indicate negli articoli 414 e 415, dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente». Art All articolo 418 del codice civile è aggiunto, in fine, il seguente comma: «Se nel corso del giudizio di interdizione o di inabilitazione appare opportuno applicare l amministrazione di sostegno, il giudice, d ufficio o ad istanza di parte, dispone la trasmissione del procedimento al giudice tutelare. In tal caso il giudice competente per l interdizione o per l inabilitazione può adottare i provvedimenti urgenti di cui al quarto comma dell articolo 405». 31

34 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Art Il terzo comma dell articolo 424 del codice civile è sostituito dal seguente: «Nella scelta del tutore dell interdetto e del curatore dell inabilitato il giudice tutelare individua di preferenza la persona più idonea all incarico tra i soggetti, e con i criteri, indicati nell articolo 408». Art All articolo 426 del codice civile, al primo comma, dopo le parole: «del coniuge,» sono inserite le seguenti: «della persona stabilmente convivente,». Art All articolo 427 del codice civile, al primo comma è premesso il seguente: «Nella sentenza che pronuncia l interdizione o l inabilitazione, o in successivi provvedimenti dell autorità giudiziaria, può stabilirsi che taluni atti di ordinaria amministrazione possano essere compiuti dall interdetto senza l intervento ovvero con l assistenza del tutore, o che taluni atti eccedenti l ordinaria amministrazione possano essere compiuti dall inabilitato senza l assistenza del curatore». Art All articolo 429 del codice civile è aggiunto, in fine, il seguente comma: «Se nel corso del giudizio per la revoca dell interdizione o dell inabilitazione appare opportuno che, successivamente alla revoca, il soggetto sia assistito dall Amministratore di Sostegno, il tribunale, d ufficio o ad istanza di parte, dispone la trasmissione degli atti al giudice tutelare». 32

35 Legge 9 gennaio 2004, n.6 Art L articolo 39 delle disposizioni per l attuazione del codice civile e disposizioni transitorie, approvate con regio decreto 30 marzo 1942, n. 318, è abrogato. Capo III NORME DI ATTUAZIONE, DI COORDINAMENTO E FINALI Art L articolo 44 delle disposizioni per l attuazione del codice civile e disposizioni transitorie, approvate con regio decreto 30 marzo 1942, n. 318, è sostituito dal seguente: «Art. 44. Il giudice tutelare può convocare in qualunque momento il tutore, il protutore, il curatore e l Amministratore di Sostegno allo scopo di chiedere informazioni, chiarimenti e notizie sulla gestione della tutela, della curatela o dell amministrazione di sostegno, e di dare istruzioni inerenti agli interessi morali e patrimoniali del minore o del beneficiario». Art Dopo l articolo 46 delle disposizioni per l attuazione del codice civile e disposizioni transitorie, approvate con regio decreto 30 marzo 1942, n. 318, è inserito il seguente: «Art. 46-bis. Gli atti e i provvedimenti relativi ai procedimenti previsti dal titolo XII del libro primo del codice non sono soggetti all obbligo di registrazione e sono esenti dal contributo unificato previsto dall articolo 9 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115». 33

36 Legge 9 gennaio 2004, n.6 2. All onere derivante dall attuazione del presente articolo, valutato in euro a decorrere dall anno 2003, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale , nell ambito dell unità previsionale di base di parte corrente «Fondo speciale» dello stato di previsione del Ministero dell economia e delle finanze per l anno 2003, allo scopo parzialmente utilizzando l accantonamento relativo al Ministero della giustizia. 3. Il Ministro dell economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio. Art L articolo 47 delle disposizioni per l attuazione del codice civile e disposizioni transitorie, approvate con regio decreto 30 marzo 1942, n. 318, è sostituito dal seguente: «Art. 47. Presso l ufficio del giudice tutelare sono tenuti un registro delle tutele dei minori e degli interdetti, un registro delle curatele dei minori emancipati e degli inabilitati ed un registro delle amministrazioni di sostegno». Art Dopo l articolo 49 delle disposizioni per l attuazione del codice civile e disposizioni transitorie, approvate con regio decreto 30 marzo 1942, n. 318, è inserito il seguente: «Art. 49-bis. Nel registro delle amministrazioni di sostegno, in un capitolo speciale per ciascuna di esse, si devono annotare a cura del cancelliere: 1. la data e gli estremi essenziali del provvedimento che dispone l amministrazione di sostegno, e di ogni altro provvedimento assunto dal giudice nel corso della 34

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO a cura di Donatella Di Gruccio Si tratta di un istituto giuridico entrato per la prima volta nell ordinamento italiano con la legge n. 6 del 9 gennaio 2004. Lo scopo è quello

Dettagli

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE Secondo il nostro ordinamento, ciascuno di noi nel momento in cui compie 18

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO relatore Avv. Annalisa Valgimigli Dati ISTAT in Italia persone disabili: I portatori di handicap sono oltre due milioni e 600 mila su un totale di 57.000.000 di cittadini, di

Dettagli

L'amministratore di sostegno: una nuova figura per la tutela dei disabili

L'amministratore di sostegno: una nuova figura per la tutela dei disabili L'amministratore di sostegno: una nuova figura per la tutela dei disabili Fino al 2004 la normativa italiana prevedeva solo due istituti a tutela delle persone incapaci di agire: l'interdizione e l'inabilitazione.

Dettagli

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La nomina dell amministratore di sostegno. 2.1. Presupposti. 2.2. Legittimazione. 2.3. Procedimento.

Dettagli

ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età)

ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età) ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età) ART. 1 C.C. CAPACITA' GIURIDICA ATTITUDINE DELLA PERSONA AD ESSERE

Dettagli

Possono chiedere la nomina dell amministratore di sostegno: 1) il beneficiario, anche se minore, interdetto o inabilitato;

Possono chiedere la nomina dell amministratore di sostegno: 1) il beneficiario, anche se minore, interdetto o inabilitato; Breve vademecum sulla figura dell amministratore di sostegno. FONTE STUDIOCATALDI.IT - L amministratore di sostegno è una figura innovativa che sta avendo larga diffusione nel nostro Paese. L obiettivo

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (legge 9 gennaio 2004, n. 6) PERCHE SI CHIEDE L amministrazione di sostegno

Dettagli

L amministratore di sostegno

L amministratore di sostegno L amministratore di sostegno Chi è l ADS L amministratore di sostegno è una figura istituita per quelle persone che, per effetto di un infermità o di una menomazione fisica o psichica, si trovano nell

Dettagli

Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia

Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia Capo I Dell'amministrazione di sostegno Art. 404. Amministrazione

Dettagli

E' ARRIVATO L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO!

E' ARRIVATO L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO! E' ARRIVATO L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO! Un importante alternativa all INTERDIZIONE civile: la legislazione italiana, dopo un lungo iter durato parecchi anni e legislature, ha preso atto che non si poteva

Dettagli

2 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: DOMANDE E RISPOSTE

2 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: DOMANDE E RISPOSTE 2 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: DOMANDE E RISPOSTE 1 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 Amministrazione di sostegno: domande

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Tribunale di Roma. Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE

REPUBBLICA ITALIANA. Tribunale di Roma. Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE REPUBBLICA ITALIANA Tribunale di Roma Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE In persona del giudice dott.ssa Eugenia Serrao, ha emesso il seguente DECRETO a scioglimento della riserva formulata

Dettagli

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona.

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona. PICCOLO GLOSSARIO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Strumento giuridico di protezione personalizzata della persona maggiorenne non autosufficiente, a seguito di una menomazione o di una infermità fisica o psichica

Dettagli

L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE

L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE L'interdizione e l'inabilitazione sono degli strumenti istituiti dal legislatore per tutelare le persone che per una serie di motivi non siano più capaci di curare i propri

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Legge n 6/2004 Art 1 FINALITA DELLA LEGGE La presente legge ha finalità di tutelare,

Dettagli

Chi sono le persone per il diritto?

Chi sono le persone per il diritto? I SOGGETTI GIURIDICI PERSONE DEL DIRITTO Chi sono le persone per il diritto? Tutti coloro che hanno dei diritti e doveri. Ed ogni persona ha dei diritti e dei doveri perché ci sono le leggi dello Stato

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

TITOLO XII DELLE MISURE DI PROTEZIONE DELLE PERSONE PRIVE IN TUTTO OD IN PARTE DI AUTONOMIA 1

TITOLO XII DELLE MISURE DI PROTEZIONE DELLE PERSONE PRIVE IN TUTTO OD IN PARTE DI AUTONOMIA 1 TITOLO XII DELLE MISURE DI PROTEZIONE DELLE PERSONE PRIVE IN TUTTO OD IN PARTE DI AUTONOMIA 1 Capo I. 2 Dell'amministrazione di sostegno. Art. 404. - Amministrazione di sostegno 1. La persona che, per

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Associazione di volontariato o.n.l.u.s. per il sostegno alla persona in condizioni di disagio

Associazione di volontariato o.n.l.u.s. per il sostegno alla persona in condizioni di disagio Associazione di volontariato o.n.l.u.s. Registro Regionale Volontariato n VI 0486 Vicenza Tutor Piazzale Giusti, 23 36100 Vicenza - Tel / fax 0444.320883 c.f. 95073410243 - e-mail: info@vicenzatutor.it

Dettagli

TITOLO XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia

TITOLO XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia Legge 9 gennaio 2004, n. 6. Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Può il futuro beneficiario presentare un ricorso per se stesso?

RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Può il futuro beneficiario presentare un ricorso per se stesso? RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Ai sensi dell'art. 404 c.c. I beneficiari del ricorso sono le persone che, per effetto di un'infermità ovvero di una menomazione fisica

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

Regolamento dei Servizi Sociali

Regolamento dei Servizi Sociali Allegato alla D.C.C. n.23 del 29.09.2003 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE 70020 - PROVINCIA DI BARI - P.I. 00878940725 UFFICIO SEGRETERIA - Piazza A. Moro n.10 - Tel. 080/764333 - Fax 080/775600 - E-mail

Dettagli

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE?

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? Legittimati a ricorrere al Giudice Tutelare, cioè le persone che possono richiedere al giudice l eventuale apertura di un procedimento di amministrazione di sostegno,

Dettagli

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI CONTESTO NORMATIVO LEGGE N. 6 / 2004 - art. 1: finalità tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE A cura dell avvocato Nicola Cioffi di Napoli. (Si declina ogni responsabilità per eventuali errori e/o omissioni e/o inesattezze nonché modificazioni intervenute, non

Dettagli

Modello di ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno (con alcune brevi note esplicative)

Modello di ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno (con alcune brevi note esplicative) Modello di ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno (con alcune brevi note esplicative) Note La richiesta di nomina di un amministratore di sostegno si attiva mediante presentazione di un

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP

COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP Prot. n. 3_229_PUBBLICO_IMPIEGO Roma, 9 marzo 2010 Info Pubblico Impiego n. 23 COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP È stato approvato dopo un iter durato circa due anni- il collegato

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

415. Persone che possono essere inabilitate.

415. Persone che possono essere inabilitate. www.tutori.it CONFRONTO TRA ISTITUTI di TUTELA INTERDIZIONE INABILITAZIONE Amministrazione di sostegno Chi 414. Persone che possono essere interdette. Il maggiore di età [2] e il minore emancipato [390],

Dettagli

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Normativa Legge 4 Maggio 1983, n.184 Diritto del Minore ad una famiglia Legge 31 Dicembre

Dettagli

Al Giudice Tutelare. TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Volontaria Giurisdizione

Al Giudice Tutelare. TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Volontaria Giurisdizione Al Giudice Tutelare TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Volontaria Giurisdizione Ricorso ai sensi della legge 9 gennaio 2004, n. 6 sull Amministrazione di Sostegno Il/La sottoscritto/a 1... CF.....

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE E DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE UNIONI CIVILI Testo approvato nella seduta del C.C. del 12/06/2012 Delibera Consiglio Comunale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

richiesta di iscrizione alla sezione A dell Elenco provinciale degli Amministratori di

richiesta di iscrizione alla sezione A dell Elenco provinciale degli Amministratori di Modulo 1 Spett.le ASL Como Ufficio per la promozione delle tutele giuridiche e dell amministratore di sostegno. Commissione gestione Elenco degli Amministratori di sostegno Como Data 1 MODULO D ISCRIZIONE

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

Nuovi compiti dell Ufficiale di Stato Civile Separazioni e divorzi davanti all avvocato o all ufficiale di stato civile (D.L. 132/2014 convertito con L. 162/2014) Palazzo di Giustizia di Firenze - Dott.ssa

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Disciplina per la trasparenza della situazione patrimoniale dei titolari di incarichi pubblici. (Ex Art. 14 D. Lgs. 14 Marzo 2013 n. 33) (Approvato con Delibera

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Amministrazione di sostegno, curatela, tutela Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel APPROVATO CON DELIBERAZIONE N.2002/67 DEL 3/12/2002 I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel raccoglitore

Dettagli

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D.

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D. ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BUONI AMICI STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita l Associazione di Volontariato BUONI AMICI. L Associazione ha sede in Favria, Via

Dettagli

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale Regolamento Comunale per l istituzione e la tenuta del registro Comunale delle Associazioni di promozione sociale Deliberazione C.C. n. Premessa e definizioni Il presente regolamento attua il Comma 2 dell

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA SEZIONE FAMIGLIA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONI DI SOSTEGNO A GENOVA ANALISI STATISTICA DEI DATI

TRIBUNALE DI GENOVA SEZIONE FAMIGLIA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONI DI SOSTEGNO A GENOVA ANALISI STATISTICA DEI DATI TRIBUNALE DI GENOVA SEZIONE FAMIGLIA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONI DI SOSTEGNO A GENOVA ANALISI STATISTICA DEI DATI CONSULTABILE SUL SITO DELL URP DI GENOVA AL SEGUENTE INDIRIZZO

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA Prima della firma della Convenzione de L Aja sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale (1995), in Polonia l adozione era regolata

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, IL TUTORE, IL CURATORE

L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, IL TUTORE, IL CURATORE L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, IL TUTORE, IL CURATORE Francesca Vitulo, avvocato del Foro di Bologna, consulente legale Fondazione Dopo di Noi Bologna onlus Relazione tenuta al forum: L'AMMINISTRATORE DI

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 08/04/2014 Articolo 1 Campo di intervento

Dettagli

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari Comune di Riofreddo Provincia di Roma Regolamento Comunale del Gruppo Volontari Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 03 del 08 Febbraio 1 Premessa L istituzione di un gruppo di volontari nel

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AUTOCERTIFICAZIONE

DICHIARAZIONE DI AUTOCERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE DI AUTOCERTIFICAZIONE 1 Dal 1 gennaio 2012, le Amministrazioni Pubbliche - cioè le Amministrazioni dello Stato (esclusi i Tribunali), gli istituti e le scuole di ogni ordine e grado, le istituzioni

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) Regione Lazio L.R. 20 Marzo 2009, n. 4 Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati (1) Art. 1 (Principi e finalità) 1. La

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE Oggetto: Istanza di nomina di Amministratore di sostegno in favore di YY, nata a -- il -.-.1913, residente in --, istanza svolta da Xx,

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA Approvato atto C.C. 25-3.3.1995 Modificato atto C.C. 9-10.3.2005 1 Art.1: Denominazione, origini,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO

DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO ALLEGATO: GUIDA PER I RICHIEDENTI IL GRATUITO PATROCINIO E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

Successione e Pratiche Testamentarie

Successione e Pratiche Testamentarie Successione e Pratiche Testamentarie La scelta dell Amministratore di Sostegno Incontro di Sensibilizzazione Progetto AdS- Brescia Nel nostro sistema giuridico possiamo sostanzialmente individuare due

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli