APPLE: INNOVAZIONE E POTERE CARISMATICO IN VENT ANNI DI STORIA AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPLE: INNOVAZIONE E POTERE CARISMATICO IN VENT ANNI DI STORIA AZIENDALE"

Transcript

1 Federico Fasce - Mat Organizzazione del lavoro e comunicazione aziendale APPLE: INNOVAZIONE E POTERE CARISMATICO IN VENT ANNI DI STORIA AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione A.A Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-NonCommerciale-StessaLicenza 2.0 Italy. Per leggere una copia della licenza visita il sito web o spedisci una lettera a Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford, California 94305, USA.

2 Sommario Introduzione... 3 Un padre temerario hours a week, and loving it!... 6 Vision 6 Organizzazione 7 Azienda o religione? Il popolo di Apple 10 I simboli religiosi 10 La messa 10 Mediagrafia Testi 11 Film 11 Web 11 2

3 Introduzione È impossibile parlare di Apple senza parlare di Steve Jobs. Jobs ha caratterizzato il modo di pensare e di agire dell'azienda Americana anche durante i dieci anni passati al di fuori di essa. È il manager più vicino al concetto weberiano di leadership carismatica. Una figura controversa, capace di licenziare a vista un dipendente, di annullarne l'autostima di fronte a tutti, ma anche di grandi riconoscimenti. La sua idea di Apple è sempre stata quella di un crociato, più che quella di un manager. Jobs ha sempre vissuto il suo lavoro come una missione, qualcosa di più grande del semplice profitto personale. Attraverso questo lavoro analizzerò come l'organizzazione aziendale di Apple abbia sempre subito l'influenza della figura di Steve Jobs, e come tutti i dipendenti condividessero un concetto quasi religioso del lavoro. Vedremo anche come il forte carattere dato ad Apple dal suo co-fondatore sia arrivato persino ad influenzarne i clienti, che riconoscono nell'eclettico ex figlio dei fiori l'irrinunciabile leader carismatico. 3

4 Un padre temerario Una delle parole più amate da Steve Jobs è chutzpah. Si tratta di un termine yiddish che significa "spavalderia". Qualcuno potrebbe obiettare che quella di Jobs è in realtà hybris, tracotanza, quella che per i greci era fatale ai condottieri. Ed in effetti tutta la carriera manageriale di Steve è incentrata su una temerarietà incomprensibile per le regole dell'organizzazione razionale tradizionale, da continui colpi di testa e da decisioni inaspettate. La formazione culturale di Jobs inizia a Berkeley, in California, proprio nel periodo più caldo della contestazione giovanile. Appassionato dell'india e della cultura hippy, Jobs sogna di sconfiggere la IBM, che rappresenta la multinazionale diabolica e senza scrupoli, con un computer che tutti si possano permettere. Il concetto stesso di personal computer è figlio di Jobs, e caratterizzerà quella che ancor oggi è la vision di Apple. Insieme all amico Steve Wozniak fonda la Apple, e, grazie a quello che molti chiamano il campo di distorsione della realtà di Steve Jobs, ovvero la sua indiscussa capacità di presentare un prodotto per venderlo, convince un investitore ad avviare la produzione dell Apple ][, che passerà alla storia come il primo, vero, personal computer. Da quel momento in poi, Steve Jobs, ossessionato dal design essenziale e dalla facilità d uso, continuerà a guidare Apple fino alla realizzazione del primo Macintosh, nel In tutto questo periodo si vede emergere la doppia faccia del manager americano: da una parte l ex hippy allegro e gioviale, che abolisce ogni formalità e come un vulcano sforna idee innovative ogni giorno, dall altra Steve il cattivo, che non pensa due volte ad insultare i dipendenti, a licenziare a vista e ad esercitare su di essi quello che oggi chiameremmo mobbing. Ciononostante Jobs è amato per la sua innata capacità di rendere partecipi le persone al suo progetto, di motivarle in maniera quasi religiosa. Come si vedrà in seguito, chi lavora ad Apple da sempre si sente parte di un sogno, sa di lavorare in un azienda diversa da tutte le altre. La legittimazione del potere di Steve è senza dubbio di tipo carismatico. Lo dimostra questa dichiarazione di un ex impiegato di Apple: Lavorare con Steve fu un esperienza terribile ed affascinante. Poteva dirti che il tuo lavoro, le tue idee e a volte addirittura la tua esistenza non avevano alcun valore, proprio in faccia, di fronte a tutti. Guardarlo crocifiggere qualcuno spaventava al punto di portarti a lavorare moltissime ore. Ma lavorare con Steve era anche meraviglioso. A volte ti diceva che eri grande, e questo compensava tutto il resto. Vederlo santificare qualcuno motivava ad andare oltre le proprie capacità. 1 Dopo il 1985 però in Apple avviene una svolta. L organizzazione è molto cambiata rispetto al 1977, e i manager non vedono di buon occhio le bizze di Jobs, e il suo modo di generare competitività tra il suo team (quello assegnato al progetto Macintosh) e il resto dell azienda. Per questo viene tolto dalla direzione del 1 Tradotto da Guy Kawasaki, The Macintosh way (glenview, Ill.: Scott, Foresman, 1990) 4

5 progetto Mac. Jobs risponde rassegnando le dimissioni. Hanno così inizio dieci anni di storia aziendale senza più il capo carismatico. Eppure, anche in questi lunghi anni, con un manager tradizionale a capo dell azienda come John Sculley, che arrivò dalla Pepsi proprio per volere di Steve (famosa la frase con cui si dice lo convinse: vuoi passare il resto della tua vita a vendere acqua zuccherata, o vieni con noi a cambiare il mondo? ), l ombra del fondatore e dell ideologo non svanisce. Jobs ritornerà in Apple nel 1990, anno buio sia per l azienda che per il suo fondatore. E grazie alla geniale intuizione di imac darà nuova vita alla sua creatura. Oggi Apple è una delle aziende più innovative del mercato. Grazie ad una serie di ottimi prodotti, e alla sempre viva attenzione all innovazione e al design, la casa di Cupertino è leader nel campo della musica digitale, ed inizia a configurarsi come unica vera concorrente di Microsoft nel campo dei sistemi operativi. Questo successo è dovuto per buona parte alla visione e al modo di concepire l azienda di Jobs che, come si vedrà, è stato capace di estendere quell aura quasi religiosa anche ai suoi clienti, trasformandoli in qualcosa di simile a fedeli evangelizzatori. 5

6 90 hours a week, and loving it! Vision La vision di Apple può aiutarci a capire molte scelte organizzative prese durante la storia della società. Recita più o meno così: Cambiare il mondo migliorando le potenzialità degli individui attraverso la tecnologia. 2 Se analizziamo la frase notiamo come il mezzo usato da Apple sia appunto la tecnologia. Osservazione che può sembrare ovvia se pensiamo a ciò che Apple produce e vende, ma che lo è molto meno se correlata al termine generico individui. L attenzione dell azienda di Cupertino, infatti, non è rivolta solo ai clienti, ma agli stessi dipendenti dell azienda. La scelta di un termine come individui, però, ha almeno un risvolto interessante: esso fornisce alla vision la connotazione individualistica che è distintiva di Apple. A Cupertino l individualismo, l idea del singolo, l autonomia decisionale sono sempre stati, nei limiti di un lavoro di team, fortemente incoraggiati. Quest ultimo è un retaggio dell idea di azienda di Jobs che non è mai venuto meno nel tempo. I dipendenti Apple erano spesso incoraggiati a seguire idee e inclinazioni personali, e questo ha spesso portato allo sviluppo di prodotti di successo. Allo stesso modo i clienti sono fortemente individualizzati: un passo molto intelligente per fidelizzarli, facendoli sentire in qualche modo unici. Inoltre il termine tecnologia connota il metodo di lavoro di Apple. La dichiarazione di un marketing manager lo dimostra molto bene: Ecco il punto più interessante della nostra cultura. Noi siamo quello che facciamo. Non ho mai visto un azienda nella quale la personalità dell organizzazione sia così indissolubilmente legata all organizzazione del prodotto - individualistica, pura, senza compromessi, avanti a tutti, così elegante da non poter fallire - noi, qui, siamo i Macintosh. Già dal 1979 tutte le macchine da scrivere erano scomparse dagli uffici. Ogni dipendente aveva un computer a disposizione al lavoro, e poteva contare su forti sconti per l acquisto di un Apple ][. Il collegamento in rete dei computer, unito ad un sistema di posta e di chat, permise alla società di impedire un eccessivo accentramento di potere nelle mani del top management, e nello stesso tempo causò una certa tendenza alla decentralizzazione. Le idee in Apple circolano liberamente attraverso il sistema Applelink, e pare che almeno un matrimonio abbia avuto origine da questo sistema comunicativo. Anche l ambiente di lavoro a Cupertino ha sempre seguito l ideale della vision. L atmosfera all interno degli uffici è sempre stata decisamente informale. Per esempio non esiste l obbligo di giacca e cravatta, per molto tempo non ci sono stati uffici chiusi (ed ancora oggi questi hanno porte a vetri), le sale riunione hanno nomi 2 To change the world by empowering individuals through technology. 6

7 evocativi come Serenity o Destiny. Per finire un sistema di benefit e azioni premiano direttamente i dipendenti per i successi dell azienda. Organizzazione Nel corso della sua storia l organizzazione di Apple ha subito diversi mutamenti. L ingrandimento costante dell azienda, l introduzione di nuove tecnologie e il costante obbligo di confrontarsi con la cultura imposta da Steve Jobs sono stati i principali responsabili dei momenti di crisi che hanno portato a nuovi schemi organizzativi. Apple nasce il primo Aprile del 1976, nell ormai leggendario garage della famiglia Jobs, a Cupertino, in California. I due fondatori, Steve Jobs e Steve Woz Wozniak, avevano appena lasciato il college per vendere un personal computer progettato da Woz. L Apple I vendette 200 pezzi, e questo causò un primissimo mutamento di organizzazione. Grazie all aiuto di Mike Markkula, un manager esperto nel campo dell hi-tech, Jobs riuscì a trovare alcuni investitori, mentre Wozniak lavorava al progetto Apple ][. Mike Markkula divenne presidente della società, che mantenne però, per volere di Steve Jobs, un organizzazione innovativa. Già da allora i dipendenti sentivano di far parte di una missione, di portare avanti una particolare cultura: quella espressa già da allora nella vision. Non è un caso che molti dipendenti portassero magliette con lo slogan Working 90 hours a week, and loving it. Il potere carismatico di Jobs era evidente fin dai primi anni di vita di Apple. Apple ][ fu un grandissimo successo. Nel 1981 Mike Markkula passò il testimone a John Sculley, ex manager di Pepsi. Dal 1981 al 1983 Apple continuò a crescere molto velocemente (da 1000 a 4000 dipendenti), fino a quando l audace strategia di IBM (basata sulla creazione di uno standard hardware che permettesse a chiunque di produrre microcomputer compatibili) assestò un durissimo colpo alle quote di mercato di Cupertino. Proprio in quel momento l eccessiva crescita stava causando non pochi problemi alla società. L organizzazione era fortemente frammentata, i dipendenti cambiavano ruolo molto velocemente, e spesso era impossibile trovare la giusta coordinazione. In questo periodo i progetti in lavorazione erano due: Lisa, il legittimo successore di Apple ][, e Macintosh, un computer progettato per essere semplice da usare e per avere una forte penetrazione sul mercato. Nonostante la grande allocazione di risorse su Lisa, Jobs si sentì presto frustrato del progetto, e assunse il comando del team Macintosh. Il piccolo gruppo di lavoro venne separato dal resto dell azienda, e motivato attraverso una fortissima competitività con il team Lisa. Steve Jobs faceva di tutto per contrapporre il Team Mac agli altri. Addirittura nel palazzo assegnato ai progettisti di Mac venne issato un vessillo pirata, a rimarcare il loro essere un mondo a parte anche all interno dell innovativa Apple. L esaltazione dell individualità è sempre stato il sistema preferito di Jobs per motivare i dipendenti. E con Macintosh ebbe successo: alla sua uscita, nel 1984, era evidente che avesse superato ogni attesa. La presenza del mouse e soprattutto di un interfaccia ad icone lo rendevano un computer avanti di almeno cinque anni rispetto alla concorrenza. All interno dello chassis erano incisi gli autografi dei progettisti. Macintosh era presentato come un opera d arte, piuttosto che come un computer. Costava circa 3500 dollari, meno della metà del Lisa, che alla fine uscì di produzione. In questi anni Sculley si diede da fare per fronteggiare i problemi di organizzazione dell azienda. Iniziò a farlo monitorando 7

8 severamente le finanze e cambiando spesso le linee manageriali, alla ricerca di un sistema organizzativo appropriato. Nel 1984 John Sculley annunciò la riorganizzazione di Apple. Il sistema adottato fu multidivisionale: una divisione, capeggiata da Del Yocam, si sarebbe occupata del mercato casalingo, scolastico e relativo alla piccola azienda; l altra, il Macintosh team, si sarebbe focalizzata sui mercati delle università e delle grandi aziende. Sfortunatamente i rapporti con Steve Jobs si stavano incrinando. Secondo quest ultimo Sculley stava tradendo la vision dell azienda causando troppe divisioni al suo interno. Inoltre i risultati di vendita erano al di sotto delle aspettative. Per questo Jobs chiese segretamente al consiglio di amministrazione di rimuovere Sculley dall incarico. Ma a maggio del 1985, quando il consiglio gli tolse l incarico di manager della linea Macintosh, Steve Jobs rassegnò le sue dimissioni da Apple. Sculley si trovò così alla guida di un azienda che aveva perso rapidamente quote di mercato, aveva appena attraversato una fase di pesante riorganizzazione, e soprattutto era orfana del suo capo carismatico. Lo stesso Sculley affermò: Dopo la partenza di Jobs, non c erano rimasti molti errori da commettere. Avevamo perso otto delle nostre nove vite. Allo stesso tempo ero il nuovo leader non tecnologico di Apple, ed ero visto come quello che aveva cacciato il capo carismatico. Il dubbio e l ansia serpeggiavano dentro e fuori l azienda. Il fatto era particolarmente serio, se si pensa che molte persone non lavoravano per una società, ma per un sogno. Nel Giugno del 1985 Sculley decise di cambiare nuovamente l organizzazione: la forma divisionale scelta aveva prodotto una frammentazione interna potenzialmente pericolosa. Lo schema organizzativo rimase quello multidivisionale, ma questa volta Sculley si fece carico delle responsabilità relative alla strategia, alla finanza, alla tecnologia, alle risorse umane, alla ricerca e sviluppo, e al marketing. Una seconda divisione, guidata da Del Yocam, si sarebbe occupata del lato operativo per tutto il mondo. Per finire le divisioni Apple e Macintosh vennero fuse in una nuova divisione con organizzazione di tipo funzionale, che avrebbe lavorato su produzione e vendita. La forza lavoro venne ridotta del 20%; fu la prima, grande riduzione di personale della storia dell azienda. Nel 1988 incontriamo la prima decentralizzazione di Apple. Fino ad ora il layout aziendale era contenuto all interno del campus al numero 1 di Infinite Loop, Cupertino, California. Ma l azienda aveva bisogno di una maggiore flessibilità sul mercato, e di un organizzazione meno monolitica. Per questo Sculley mantenne il ruolo di presidente e CEO, e creò tre divisioni regionali: Apple Education and Pacific, Apple Europe, e Apple U.S.A. Inoltre creò una divisione che coordinasse il viaggio del prodotto verso il mercato. Essa includeva il Marketing, lo sviluppo e la produzione, oltre a una nuova funzione denominata ATG, acronimo di Advanced Technology Group. Questa funzione si sarebbe occupata dello sviluppo di tecnologie high-end ad alto rischio. L intera divisione fu affidata a Jean-Louis Gassée, mente creativa ed estrosa, dotato di una lungimiranza e di un carisma simili a quelli di Jobs. Nel frattempo, gli avversari correvano ai ripari: Macintosh era diventato esattamente quello che Steve Jobs aveva in mente: non solo un computer, ma un vero ambiente creativo che rendesse i programmi più disparati tutti simili e soprattutto semplici da utilizzare. Microsoft iniziò a lavorare alacremente e, nel 1990, lanciò Windows 3.0. Pur funestato da numerosi bug, e palesemente ispirato dal sistema concorrente, Windows prometteva quasi le stesse cose realizzabili su un Mac, al 50% del prezzo. Nel frattempo, la 8

9 decisione di Gassée di produrre computer di altissimo livello (e conseguentemente di prezzo più elevato) fece crollare le quote di mercato di Apple. Ma Cupertino doveva affrontare altri due problemi, che avrebbero presto portato ad una crisi e a una nuova organizzazione. Entrambi i problemi riguardavano il rapporto tra il personale e la cultura aziendale; molti impiegati infatti avevano avvertito l acuirsi delle gerarchie nel corso degli anni, e sentivano venir meno quella centralità dell individuo che era tipica dei primi anni di vita di Apple. Il secondo problema era che molti dei manager e dei nuovi impiegati giunti a Cupertino erano lì perché attratti dai successi dell azienda più che dalla sua cultura. E data la forte impronta quasi religiosa impressa da Steve Jobs, i nuovi arrivi spesso non erano ben visti dalla vecchia guardia. Il secondo grande licenziamento avvenne nel 1990, quando Jean-Louis Gassèe lasciò Apple. John Sculley si trovò nella spiacevole situazione di dover contenere i costi. Per questo, 385 dipendenti furono licenziati in Febbraio. A maggio il vicepresidente del settore HR, Kevin Sullivan, commissionò un sondaggio per scoprire eventuali errori di gestione passati inosservati. Sculley fu molto sorpreso dai risultati: molti dipendenti criticavano aspramente la mancanza di una chiara direzione organizzativa. D altra parte tutti sentivano ancora un forte attaccamento alla cultura aziendale e alla vision. Proprio questo sentimento portò Apple, arrivata a un punto di non ritorno nel 1997, sotto una disastrosa presidenza di Gil Amelio, a bussare nuovamente alla porta di Steve Jobs. Il quale peraltro non navigava in buone acque dopo aver tentato di avviare una sua società, la NeXt, che avrebbe dovuto produrre una linea di computer per le università. Nel 1998, al Macworld, Jobs annunciò il suo ritorno alla casa della mela, e presentò il nuovo imac. Colorato, con un design innovativo, imac fu acclamato dall intera comunità. Era l inizio di una nuova risalita. Da allora al 2005 Apple ha vissuto un periodo di crescita costante, grazie non solo ai computer e all introduzione del nuovo sistema operativo Mac OSX (basato tra l altro proprio su quel NeXt al quale Jobs lavorò nei dieci anni di esilio ), ma soprattutto con la geniale intuizione di ipod, uno dei primi lettori di musica digitale lanciati sul mercato. Il 2006 vedrà la casa di Cupertino impegnata nella transizione dai processori PPC ai chip Intel (gli stessi dei computer basati su Windows). Questo passaggio è molto delicato perché tocca uno dei dogmi della fedeltà ad Apple: basarsi cioè su un architettura distante da quella dei normali PC. 9

10 Azienda o religione? Il popolo di Apple Una delle più profonde implicazioni del potere carismatico esercitato da Steve Jobs, e della vision di Apple, è visibile nel comportamento dei suoi clienti. Lungi dall essere semplici acquirenti di personal computer, i fan di Apple possono essere definiti senza dubbio dei seguaci. esattamente come se si parlasse di un organizzazione di tipo religioso. Un utente Apple condivide con l azienda quella stessa cultura di design di alto livello, di qualità e di avanguardia che è sempre stata portata avanti da Steve Jobs. Lo dimostrano libri come Il Culto del Mac 3, basato proprio su un analisi del comportamento degli utenti della casa di Cupertino: tatuaggi raffiguranti il logo della mela, stanze arredate sulla base dei computer, quasi fossero piccoli altari o cappelle, in un crescendo di bizzarrie a tema. Lo stesso termine evangelizzare, utilizzato dai clienti Apple quando parlano di convincere altre persone a cambiare bandiera è sintomatico di come l azienda sia recepita anche dai clienti. Un organizzazione religiosa, dunque, retta da un capo carismatico come il papa Steve Jobs. Ma come riesce Apple ad avere una presa simile sui suoi utenti? Oltre alla bontà dei prodotti, cosa rende così differente l appartenere al gruppo di utenti dell azienda? I simboli religiosi Apple ha sempre puntato moltissimo sulla ricercatezza del design. Questo fa sì che un cliente dell azienda possa riconoscersi immediatamente come facente parte di quel gruppo sociale. Il simbolo per eccellenza è ovviamente il celeberrimo logo della mela, forse uno dei marchi più riusciti di sempre. Ogni prodotto Apple contiene alcuni adesivi raffiguranti il marchio, che spesso vengono applicati sulle auto dei clienti. Un sistema tutto sommato semplice, ma che crea un forte senso di appartenenza. Allo stesso modo, con l introduzione di ipod, l idea di utilizzare degli auricolari di colore bianco (in un mondo di cuffiette nere!) ha di fatto istituito un altro simbolo di riconoscimento. La messa Ultimo punto fondamentale di aggregazione e di appartenenza quasi religiosa è il Keynote di Steve Jobs. Si tratta delle presentazioni dei nuovi prodotti Apple condotte per stampa e sviluppatori. Solitamente questi slideshow (dall impatto grafico decisamente elevato) sono condotti da Jobs in persona. Nessuna azienda al mondo rende pubbliche le presentazioni di un prodotto. Nessuna, tranne Apple. Il keynote è disponibile qualche ora dopo il termine, in streaming video direttamente dal sito della casa di Cupertino (e anni fa veniva addirittura mandato in diretta). Durante lo show l attesa dei fedeli di Apple si fa febbrile: l azienda è sempre molto attenta a lasciare trapelare il meno possibile, in modo da generare una grande attesa tra i clienti e gli sviluppatori su quali nuovi prodotti verranno mostrati. 3 Il culto del Mac, Kahney Leander, Mondadori Informatica,

11 Mediagrafia Testi Il Culto del Mac, Kahney Leander, Mondadori Informatica, 2004 I su e giù di Steve Jobs, Alan Deutschman, Arcanapop, 2000 Apple Computer Abridged: Corporate Strategy and Culture, Gregory C. Roberts, Hardvard Business School, 1997 Film Pirates of Silicon Valley, diretto da Martyn Burke, Turner Entertainment, 1999 Web Writers Block Live, by Mike Evangelist, 11

MAKING IDEAS HAPPEN. Le 10 cose da sapere per essere innovatori nel proprio business online

MAKING IDEAS HAPPEN. Le 10 cose da sapere per essere innovatori nel proprio business online MAKING IDEAS HAPPEN Le 10 cose da sapere per essere innovatori nel proprio business online Questa guida è stata realizzata dal team di Innovazione quotidiana. Tutti i diritti sono riservati 2015 www.innovazionequotidiana.it

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Web. Meglio chiedere

Web. Meglio chiedere Di cosa si tratta Sono molti coloro che si divertono a creare software particolari al solo scopo di causare danni più o meno gravi ai computer. Li spediscono per posta elettronica con messaggi allettanti

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

La storia di Apple. dalla nascita ai giorni nostri. A.A. 2009/2010 Balagion Mattia matr. 825485

La storia di Apple. dalla nascita ai giorni nostri. A.A. 2009/2010 Balagion Mattia matr. 825485 La storia di Apple dalla nascita ai giorni nostri A.A. 2009/2010 Balagion Mattia matr. 825485 Qualche info generale Sede principale: 1 Infinite Loop, Cupertino 92010 Anno fondazione: 1 aprile 1976 Soci

Dettagli

Sommario. Introduzione...7

Sommario. Introduzione...7 Sommario Introduzione...7 1. Acquisto e sincronizzazione dell ipad...11 Con ios 5 l ipad è PC-Free...11 Requisiti di sistema... 12 Rubrica indirizzi, appuntamenti e preferiti Internet... 13 Caricare foto

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

7 consigli per una job description irresistibile. Descrizioni spettacolari=candidati spettacolari

7 consigli per una job description irresistibile. Descrizioni spettacolari=candidati spettacolari 7 consigli per una job description irresistibile Descrizioni spettacolari=candidati spettacolari Sommario Consiglio 1: Scatena la tua creatività per la descrizione del ruolo, NON per il nome della posizione

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato!

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Realizzato da Luca Giovannetti, responsabile marketing di Europromo La società Europromo

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

I VALORI NEL BUSINESS PER UN BUSINESS DI VALORE

I VALORI NEL BUSINESS PER UN BUSINESS DI VALORE I VALORI NEL BUSINESS PER UN BUSINESS Il Nostro Credo Introduzione DI VALORE JOHNSON & JOHNSON WORLDWIDE 120.500 Dipendenti 250 Companies 57 Paesi JOHNSON & JOHNSON WORLDWIDE Vendite 2008: 63,7 miliardi

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing Distribuzione Apple utilizza una grande varietà di canali distributivi diretti e indiretti: Negozi monomarca : essi si distinguono in diverse tipologie a seconda della grandezza

Dettagli

MASS-MEDIA E MODERNITA INSIDE APPLE: LA MAGIA COMUNICATIVA DELLA MELA E DI STEVE JOBS

MASS-MEDIA E MODERNITA INSIDE APPLE: LA MAGIA COMUNICATIVA DELLA MELA E DI STEVE JOBS ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione pubblica e sociale MASS-MEDIA E MODERNITA INSIDE APPLE: LA MAGIA COMUNICATIVA

Dettagli

Leadership e change management: storie vere di rischio e innovazione

Leadership e change management: storie vere di rischio e innovazione Leadership e change management: storie vere di rischio e innovazione Salerno, 20 marzo 2014 Federico Mioni, direttore di Federmanager Academy Leadership e change management attraverso 6 storie Non una

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? Pensare che un imprenditore non capisca il marketing e' come pensare che una madre

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Copyright 2015 #STORYSELLING!

Copyright 2015 #STORYSELLING! 1 di 112 - Tutti i diritti riservati - Ogni diritto sui contenuti di questo prodotto è riservato ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale,

Dettagli

Anthony Robbins. Business Mastery

Anthony Robbins. Business Mastery Hi-Performance presenta: Il nuovo appuntamento con 2015 Anthony Robbins Business Mastery L esclusivo programma di Tony Robbins per rendere il tuo Business efficace, efficiente e redditizio. Sempre e comunque.

Dettagli

Coderdojo Verona. CoderDojo Verona c/o ITIS G. Marconi Verona P.le R. Guardini 1 37138 Verona

Coderdojo Verona. CoderDojo Verona c/o ITIS G. Marconi Verona P.le R. Guardini 1 37138 Verona Rivolto a bambini e bambine, ragazzi e ragazze tra i 7 e 14 anni. Primo incontro 10 Maggio 2014 alle ore 10.45 presso ITIS G. Marconi - Verona Cos è CoderDojo? CoderDojo, Coder dall Inglese programmatore

Dettagli

Cooperazione e innovazione

Cooperazione e innovazione Tecnopolo Reggio Emilia - 16 novembre 2015 Cooperazione e innovazione Roberto Grassi - Manta Communications - Hopenly La bonaccia è lo stato di stallo che inchioda la navicella corsara, leggera, veloce,

Dettagli

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19 SOMMARIO Introduzione Gli alberi, antenati maestosi e sacri, specchio di noi stessi...pag. 7 Scopri che albero sei Primo passo In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di

Dettagli

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo:

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo: Una storia di successo: Cento Vigne Italia Adattare le nuove strategie di social media marketing a livello globale per avere successo nel settore enologico Cento Vigne Italia ha scoperto il segreto per

Dettagli

Che rumore fa la tua Rete Sociale?

Che rumore fa la tua Rete Sociale? Che rumore fa la tua Rete Sociale? #Mission si occupa della creazione e attuazione di strategie di marketing online per conto di aziende, organizzazioni, enti, personaggi pubblici, al fine di raggiungere

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

[NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video :

[NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video : [NRG] Power Sponsoring Video#5 Trascrizione del video : "Come essere pagato per generare contatti " Bene, oggi parliamo di soldi, e come farne di più, a partire proprio da ora, nel tuo business. Quindi,

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO Introduzione Immagina questo... Ti siedi per scrivere un articolo. Apri un nuovo documento di testo sul tuo computer, metti le dita sulla tastiera... e poi

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

Pensieri di Reza Kathir

Pensieri di Reza Kathir REZA KATHIR UN PERCORSO Prima che l'uomo inventasse la parola viveva con le immagini, ma in nessun altra epoca come l'attuale l'essere umano ha pensato di essere padrone di ciò che si vede, potendolo fotografare.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo. kjiijijijji

Fate clic per aggiungere testo. kjiijijijji Fate clic per aggiungere testo kjiijijijji SEMINA COME UN ARTISTA AUSTIN KLEIN Queste slides sono il riassunto del libro SEMINA COME UN ARTISTA di AUSTIN KLEON VENGONO RIPORTATI SOLAMENTE I PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile storia di un pensiero che da lineare ritornò ad essere radiale le mappe mentali:rappresentazione grafica del pensiero. seconda puntata di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione

Dettagli

1/ Internet e i sistemi automatici

1/ Internet e i sistemi automatici Dario Martinis e Andrea Deltetto hanno generato online oltre 700.000 euro di profitto netto in pochi anni, collaborato a tempo pieno con società online dai fatturati multi-milionari e insegnato ad oltre

Dettagli

Azienda: Mission e Vision

Azienda: Mission e Vision Azienda: Mission e Vision Apple è l azienda che negli anni Settanta ha rivoluzionato il mercato informatico e che ha reinventato il personal computer con il suo Macintosh, introducendo l interfaccia grafica

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

CREATIVE. Newsletter Numero 03 HANDMADE THINKING

CREATIVE. Newsletter Numero 03 HANDMADE THINKING Newsletter Numero 03 Contenuto: La fase di Test è finita! Pensiero Creativo e Formazione Continua Testimonianze dalla fase di Test Le industrie Culturali e Creative (ICC) La fase di Test è finita! La fase

Dettagli

C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O

C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O Ciao sono Alessio Giampieri, web marketer e consulente da 5 anni. Ho scritto questa guida con

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

LA PROPOSTA FORMATIVA

LA PROPOSTA FORMATIVA LA PROPOSTA FORMATIVA FORMIAMO PERSONE, PRIMA DI FORMARE MANAGER E UOMINI DI AZIENDA IL METODO VALORIZZAZIONE DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI E CULTURALI TRASFERIBILITÀ DI QUANTO APPRESO AL CONTESTO LAVORATIVO

Dettagli

IL PRIMO PASSO PER NON FARTI SCHIACCIARE DALLA CONCORRENZA

IL PRIMO PASSO PER NON FARTI SCHIACCIARE DALLA CONCORRENZA Con questo special report vogliamo essere d aiuto e di supporto a tutte quelle aziende e professionisti che cercano nuovi spunti e idee illuminanti per incrementare il numero di clienti e di conseguenza

Dettagli

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi : di base e applicativo L HardWare (monitor, tastiera, circuiti, stampante, ) è il nucleo fondamentale del calcolatore ma da solo non serve a nulla. Bisogna utilizzare il software per poterlo fare funzionare.

Dettagli

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE.

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE. LINEE DELL INTERVENTO DI GRAZIANO MALPASSI AL FIRST INNOVATION FORUMED a Civitanova Marche progetto WIDE INNOVATION IN MED finanziato dall Unione europea HO FONDATO L AZIENDA NEL 1984 ALL ETA DI 24 ANNI,

Dettagli

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4 Angelo BONOMI TECNOLOGIA E STRATEGIE INDUSTRIALI La tecnologia è da sempre un fattore importante delle strategie industriali In linea generale

Dettagli

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro Public Team Coaching Speaking TEAM COACHING Quest'opera è coperta da licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non opere derivate 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

Settimana del SAPERE

Settimana del SAPERE Settimana del SAPERE Fascicolo 1 Il sapere e la storia di due giovani uomini All interno: l originale in Inglese e la traduzione in Italiano di una delle più famose lettere di vendita di tutti i tempi

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE di Claudio Belotti Self Help. Allenamenti mentali da leggere in 60 minuti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-407-9 Introduzione... 5 COME TRASFORMARE UN GRUPPO

Dettagli

Pub-Ristorante-Birreria Il Krugel. Presentazione Sito Web Diana Di Maro 222000041

Pub-Ristorante-Birreria Il Krugel. Presentazione Sito Web Diana Di Maro 222000041 Pub-Ristorante-Birreria Il Krugel Presentazione Sito Web Diana Di Maro 222000041 Il Krugel Uno dei Pub più famosi di Napoli, memorabile per le sue pietanze «GIGANTI» e per il suo stile rustico, il Krugel

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

SpeedWealth T.Harv Eker

SpeedWealth T.Harv Eker Appunti del libro: SpeedWealth T.Harv Eker Solo il succo dei bestseller del marketing mondiale in Italiano Francesco Diolosà Luca Datteo www.alchimiadigitale.com Principio: La saggezza popolare non funziona,

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

Chiaro! FAI LA TUA PARTE! Scheda 6a

Chiaro! FAI LA TUA PARTE! Scheda 6a 6a Obiettivi: Esercitare soprattutto l abilità del parlato, in particolare la competenza discorsiva; organizzare e sviluppare un progetto in team, imparando a reagire con una certa flessibilità a situazioni

Dettagli

2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio. A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.

2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio. A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara. 2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Novembre 2015 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

È una pagina web a cui chiunque può iscriversi e condividere informazioni con altre persone, di solito amici e familiari.

È una pagina web a cui chiunque può iscriversi e condividere informazioni con altre persone, di solito amici e familiari. di Pier Francesco Piccolomini Facebook l hai sentito nominare di sicuro. Quasi non si parla d altro. C è chi lo odia, chi lo ama, chi lo usa per svago, chi per lavoro. Ma esattamente, questo Facebook,

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Il vostro e commerce la risposta vincente per battere la crisi. Relatore: Davide Giansoldati

Il vostro e commerce la risposta vincente per battere la crisi. Relatore: Davide Giansoldati Il vostro e commerce la risposta vincente per battere la crisi Relatore: Davide Giansoldati Biblos: i punti di forza Subito online Puoi iniziare a vendere in pochi minuti: la nostra soluzione e commerce

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

La Casa del popolo di Faenza. Presentazione del libro di Salvatore Banzola. Vera Zamagni

La Casa del popolo di Faenza. Presentazione del libro di Salvatore Banzola. Vera Zamagni La Casa del popolo di Faenza Presentazione del libro di Salvatore Banzola Vera Zamagni ripercorrere: Ci sono tre registri di lettura nel libro di Banzola che vorrei qui brevemente 1) I luoghi. I 35 cattolici

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

12 Punti sulla via del successo

12 Punti sulla via del successo 12 Punti sulla via del successo Come anticipato nella pagina del nostro sito web (www.comincioda.ch), ti proponiamo di seguito un elenco di punti fondamentali per aiutarti ad intraprendere correttamente

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi?

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Report paper by Novaxia Corporate Programme Team In un periodo di svolta dopo quello che abbiamo vissuto e che

Dettagli

INDICE. Capitolo A. Lo stato patrimoniale e il conto profitti e perdite pag.7. Capitolo B. L attivo e il passivo dello stato patrimoniale

INDICE. Capitolo A. Lo stato patrimoniale e il conto profitti e perdite pag.7. Capitolo B. L attivo e il passivo dello stato patrimoniale INDICE Introduzione dell autore pag.4 Parte prima: Capire i bilanci e gli indicatori di redditività Capitolo A. Lo stato patrimoniale e il conto profitti e perdite pag.7 Capitolo B. L attivo e il passivo

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli