Comune di Baranzate Piano di Governo del Territorio Documento di Piano - Relazione illustrativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Baranzate Piano di Governo del Territorio Documento di Piano - Relazione illustrativa"

Transcript

1 Volume 1 1. INTRODUZIONE Pag IL QUADRO NORMATIVO 2.1. I riferimenti alla nuova legge regionale 2.2. La procedura di approvazione del Piano di Governo del Territorio Pag. 6 Pag. 6 Pag QUADRO RICOGNITIVO E PROGRAMMATORIO 3.1. Pianificazione e programmazione di livello sovracomunale Premessa Piano Territoriale Regionale e Piano Territoriale Paesistico Regionale Previsioni generali Previsioni specifiche Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Gli obiettivi di carattere generale Obiettivi e progetti per il territorio Nord Milano Piano di Bacino della Mobilità e dei Trasporti Piano del Traffico della Viabilità Extraurbana Programma Triennale dei Servizi di Trasporto Pubblico Locale Piano Provinciale Cave Piano di Indirizzo Forestale Piano d Area Rhodense 3.2. Attività di partecipazione al processo di pianificazione urbanistica Premessa Sintesi degli incontri pubblici Sintesi delle istanze al Piano di Governo del Territorio 4. SISTEMA INSEDIATIVO, INFRASTRUTTURALE, AMBIENTALE E CARATTERI SOCIO-ECONOMICI DEL NORD MILANO 4.1. Premessa 4.2. Struttura insediativi e servizi Disegno territoriale Servizi e commercio 4.3. Caratteri ed evoluzione demografica La situazione attuale ed i caratteri dell evoluzione demografica Le dimensioni comunali e la densità della popolazione La struttura e la composizione della popolazione Cenni sulla presenza straniera sul territorio La dinamica della abitazioni Il mercato immobiliare Il quadro generale Il mercato immobiliare dell edilizia abitativa Il mercato immobiliare dell edilizia produttiva 4.4. Attività economiche e dinamiche in atto Società ed economia La configurazione del territorio ai censimenti Un quadro più aggiornato sulla base dei sati camerali Il mercato del lavoro L andamento del settore agricolo 4.5. Infrastrutture, reti di trasporto e mobilità Lo schema infrastrutturale attuale Mobilità e trasporto pubblico Strategie metropolitane e grandi progetti: interventi e progetti Pag. 9 Pag. 9 Pag. 9 Pag. 9 Pag. 9 Pag. 11 Pag. 12 Pag. 12 Pag. 15 Pag. 24 Pag. 27 Pag. 31 Pag. 34 Pag. 35 Pag. 40 Pag. 40 Pag. 40 Pag. 41 Pag. 42 Pag. 45 Pag. 45 Pag. 46 Pag. 46 Pag. 48 Pag. 49 Pag. 49 Pag. 51 Pag. 52 Pag. 55 Pag. 56 Pag. 57 Pag. 57 Pag. 58 Pag. 60 Pag. 62 Pag. 62 Pag. 64 Pag. 70 Pag. 72 Pag. 75 Pag. 76 Pag. 76 Pag. 78 Pag

2 4.6. Ambiente e paesaggio 4.7. Scenari e tendenze in atto Prospettive e scenari evolutivi Temi e Progetti 5. LA PIANIFICAZIONE DI LIVELLO COMUNALE 5.1. La pianificazione dei comuni vicini 5.2. La pianificazione comunale generale Il Piano Regolatore di Bollate Documento di inquadramento (aprile 2006) 5.3. Le varianti parziali allo strumento urbanistico vigente 5.4. La pianificazione attuatuiva 5.5. Studi, programmi/piani comunali di settore Piano di classificazione acustica Adeguamento del Prg ai criteri di urbanistica commerciale Piano urbano del traffico (PUT) (dicembre 2004) Piano dei servizi di Baranzate (aprile 2006) Programma triennale delle opere pubbliche 2007/ Piano della mobilità ciclabile rete MiBici (novembre 2006) Studio di fattibilità della variante ex ss233 da Baranzate a Milano (dicembre 204/maggio 2005) Progetto preliminare viabilità in variante ex ss233 Varesina da Arese a Baranzate (agosto 2006) 5.6. Lo stato di attuazione del piano regolatore vigente Le previsioni dello strumento urbanistico vigente La capacità residua dello strumento urbanistico vigente L attività edilizia dal 94 a oggi Pag. 86 Pag. 88 Pag. 88 Pag. 90 Pag. 94 Pag. 94 Pag. 95 Pag. 95 Pag. 96 Pag. 100 Pag. 100 Pag. 105 Pag. 105 Pag. 107 Pag. 108 Pag. 112 Pag. 115 Pag. 117 Pag. 119 Pag. 124 Pag. 126 Pag. 126 Pag. 129 Pag. 131 Volume 2 6. QUADRO CONOSCITIVO DEI TERRITORI COMUNALI 6.1. Introduzione 6.2. Caratteristiche e dinamiche della popolazione Premessa metodologica I dati demografici e sociali dell area Andamento della popolazione residente 6.3. Caratteristiche e dinamiche sociali 6.4. Consistenza e caratteristiche del patrimonio abitativo 6.5. Sistema economico e produttivo I dati al censimento Il sistema produttivo di Baranzate al Sistema territoriale e ambientale Sistema paesistico ambientale Sistema di difesa del suolo Rete ecologica Qualità ambientale e sicurezza del territorio comunale Sistema insediativo Sistema della Mobilità 6.7 Qualità del territorio Pag. 136 Pag. 136 Pag. 136 Pag. 136 Pag. 137 Pag. 139 Pag. 144 Pag. 147 Pag. 152 Pag. 152 Pag. 155 Pag. 160 Pag. 160 Pag. 162 Pag. 166 Pag. 168 Pag. 171 Pag. 178 Pag SISTEMA DEI VINCOLI Pag PROPOSTE PER LO SVILUPPO DI BARANZATE 8.1. Premessa 8.2. I documenti di riferimento per la redazione del Piano di Governo del Territorio 8.3. Obiettivi strategici di politica territoriale ed identità della città Strategia complessiva e identità urbana Obiettivi qualitativi di sviluppo, adeguamento e conservazione Baranzate città abitata Pag. 189 Pag. 189 Pag. 190 Pag. 193 Pag. 195 Pag. 198 Pag

3 Baranzate città delle imprese Baranzate città protetta ed accessibile Baranzate città verde 8.4. Obiettivi di sviluppo complessivo del PGT. Limiti e condizioni di sostenibilità degli interventi Struttura insediativa, riqualificazione e trasformazione del territorio Minimizzazione del consumo di suolo Tutela ambientale e paesaggistica Definizione dell assetto viabilistico e della mobilità Miglioramento dei servizi pubblici Criteri di compensazione, perequazione e incentivazione Gli ambiti territoriali strategici L asse della Varesina Il centro cittadino Il quartiere ovest Il corridoio est a confine con Novate La città dei servizi a nord 8.5. Obiettivi quantitativi del Piano Lo stato di attuazione del piano vigente Lo stato di attuazione del Documento di Inquadramento e del Piano dei Servizi Obiettivi quantitativi di sviluppo complessivo del PGT Previsioni di sviluppo della popolazione Il fabbisogno insorgente da domanda abitativa e da dinamiche sociali Il dimensionamento del Piano di Governo del Territorio Previsioni quantitative specifiche e possibili ambiti di incremento della capacità insediativi Aspetti quantitativi delle politiche per la residenza Aspetti quantitativi delle politiche per le attività economiche 8.6. Politiche di intervento Criteri generali di intervento Principi di perequazione Principi di compensazione Principi di incentivazione Politiche territoriali di intervento Mobilità Dotazione di attrezzature e servizi Residenza Attività primarie, secondarie e terziarie Ambiente Paesaggio Valenza paesistica del Piano di Governo del Territorio Scelte di rilevanza sovracomunale 8.7. Modalità di recepimento delle previsioni di livello sovracomunale Pag. 199 Pag. 200 Pag. 202 Pag. 204 Pag. 204 Pag. 205 Pag. 206 Pag. 210 Pag. 212 Pag. 214 Pag. 215 Pag. 216 Pag. 218 Pag. 220 Pag. 222 Pag. 224 Pag. 226 Pag. 226 Pag. 227 Pag. 228 Pag. 228 Pag. 230 Pag. 233 Pag. 235 Pag. 235 Pag. 238 Pag. 241 Pag. 242 Pag. 242 Pag. 243 Pag. 244 Pag. 244 Pag. 244 Pag. 245 Pag. 247 Pag. 250 Pag. 255 Pag. 258 Pag. 259 Pag. 274 Pag

4 6. QUADRO CONOSCITIVO DEL TERRITORIO COMUNALE 6.1. INTRODUZIONE Il quadro conoscitivo del territorio del comune di Baranzate, è la risultante delle trasformazioni avvenute individuando i grandi sistemi territoriali, il sistema della mobilità, le aree a rischio o vulnerabili, le aree di interesse archeologico e i beni di interesse paesaggistcioe o storico-monumentale, e le relative aree di rispetto, gli aspetti socioeconomici, culturali, rurali e di ecosistema, la struttura del paesaggio agrario e l assetto tipologico del tessuto urbano e ogni altra emergenza del territorio che vincoli la trasformabilità del suolo e del sottosuolo. All interno di questo scenario complessivo, in questo capitolo si affronteranno le questioni relative a: - caratteristiche e dinamiche demografiche e sociali della popolazione - consistenza e caratteristiche del patrimonio edilizio - sistema economico e produttivo - sistema territoriale ed ambientale - qualità del territorio Dalla tavola Dp alla Dp integrano il quadro conoscitivo descritto dalla presente relazione, mentre l Allegato 3, all interno del Dp.01.1., riporta in misura analitica i dati su base comunale relativi a Baranzate CARATTERISTICHE E DINAMICHE DELLA POPOLAZIONE Premessa metodologica La demografia è lo studio statistico dei fenomeni di stato e di movimento della popolazione. I primi riguardano l ammontare, la struttura e la distribuzione territoriale della popolazione di un dato territorio e si riferiscono ad un determinato momento, tipicamente la fine dell anno solare o la data del Censimento della popolazione, effettuato con cadenza decennale. I secondi riguardano gli eventi demografici, quindi nascite e morti, migrazioni, matrimoni e divorzi, che si verificano nell ambito del territorio studiato in un arco di tempo definito, in genere si fa riferimento all anno solare. Gli eventi demografici alla base del movimento e di conseguenza dell entità e della struttura della popolazione, sono determinati dai comportamenti individuali, condizionati da fattori biologici, ambientali, economici, sociali, politici e tecnologici. Le proiezioni demografiche rivestono un importanza particolare sia per chi ha il compito di programmare, sia per chi deve prendere delle decisioni che avranno conseguenza non solo per l immediato, ma anche per il futuro. L ammontare, la struttura e la distribuzione territoriale della popolazione nei prossimi anni rappresentano quindi un informazione molto preziosa, condizionata sia da flussi demografici naturali, cioè nati e morti, sia da flussi migratori dall interno e dall esterno. Il margine di imprevedibilità di alcuni fenomeni, per esempio del movimento migratorio, rende difficile fare previsioni a lungo termine, mentre il breve-medio termine, che 136

5 rappresenta anche il periodo più significativo per i decisori, data la relativa stabilità dell evoluzione demografica, presenta meno problemi di scostamento dalla realtà. Per il PGT di Baranzate questa valutazione è decisamente parziale e limitata nel tempo, in quanto sono disponibili dati sulle dinamiche demografiche solamente a partire dall agosto 2004, mentre per il periodo precedente, allo stato attuale, i dati disponibili, compresi quelli dell ultimo Censimento ISTAT, si riferiscono a Baranzate con Bollate. Sulla base di questa situazione e dei dati disponibili presso l Ufficio Anagrafe di Baranzate, si è ritenuto opportuno effettuare un analisi su alcuni elementi demografici caratteristici finalizzati a meglio comprendere la composizione demografica della popolazione residente, limitandoci ad esaminare quei fattori che possono permettere di conoscere alcuni fondamentali trend che hanno utilità ed attinenza con la pianificazione del territorio e soprattutto con il dimensionamento dei servizi. Questi dati sono raffrontati con ambiti territoriali più estesi, area Rhodense in modo particolare, ma anche Provincia di Milano, per permettere un moderato confronto e meglio comprendere alcune peculiarità del contesto locale. Ovviamente come tutti i dati statistici, questi vanno interpretati tenendo conto del contesto in cui sono stati raccolti e avendo ben presente i limiti di questi. La popolazione di Baranzate di abitanti alla fine del 2006, rappresenta una soglia di riferimento per poter fotografare la situazione esistente (e quindi ad esempio effettuare stime attendibili sul fabbisogno di servizi), ma l inserimento nel contesto metropolitano rende le proiezioni scarsamente attendibili. Alcuni elementi quali ad esempio il tasso di natalità, dipendono in massima parte da fattori esterni al territorio (in questo caso sono determinanti il trend economico generale, l aspettativa nel futuro, la fiscalità sulla famiglia, la stabilità economica e lavorativa, ecc.) e in minima parte da fattori interni (ad esempio la popolazione in età fertile). In conclusione si desidera far presente che i dati raccolti rappresentano una prima fotografia della situazione attuale, che verrà completata ed ampliata nel quadro conoscitivo, in occasione del prossimo Censimento 2011 che vedrà per la prima volta raccogliere dati ed informazioni relativi a Baranzate. La situazione attuale in ogni caso non può però prescindere da fenomeni generali della realtà territoriale in cui Baranzate è inserita: ad esempio l invecchiamento della popolazione che dai dati provinciali, regionali e nazionali appare già evidente, pur non risultando ancora nelle realtà di Baranzate, rappresenterà con grande probabilità un fenomeno cogente. Allo stesso modo i fenomeni di allontanamento della residenza dai centri urbani maggiori dovuti sia al trasferimento delle aziende in località con valori immobiliari più bassi, sia per la ricerca di abitazioni a minor costo, rappresenta una tendenza territoriale che in qualche misura ha interessato ed interesserà ancora nel futuro la realtà di Baranzate I dati demografici e sociali d area L area d indagine che consente di descrivere la natura e l evoluzione delle principali variabili socio-economiche di Baranzate in un contesto relativamente omogeneo, come già evidenziato in precedenza, è quella del Rhodense. Si precisa che vi sarà un doppio livello di lettura dei dati anagrafici: fino al 2004 utilizzando i dati dell unico comune di Baranzate/Bollate e a partire dal settembre 2004 per il solo comune di Baranzate. 137

6 Tab Popolazione residente, densità e dinamica demografica. Anni Popolazione residente (v.a.) Dinamica demografica (variaz. percentua.) Densità popolazio. residente (abitanti per kmq) / Baranzate/Bollate ,29% La densità della popolazione di Baranzate/Bollate, pur registrando significativi aumenti nel decennio 1991/2001, evidenzia valori significativamente superiori, sia rispetto alla media provinciale (1870,36 abitanti per kmq), sia rispetto al Rhodense (2.169 abitanti per kmq al 2001). L analisi della tabella mostra anche che nel periodo intercensuario la dinamica della popolazione residente è stata ben superiore rispetto a quella mediamente registrata nel Rhodense (+4,7%) e in provincia di Milano (-0,84%). Analizzando il periodo più recente, la densità della popolazione residente a Baranzate, così come nel Rhodense (2.230 abitanti/kmq), continua a rimanere significativamente superiore alla media provinciale (1.936,96 ab/kmq). Anzi, si evidenzia che Baranzate registra la densità di popolazione più elevata dell intero Rhodense, avvicinato solamente da due altri comuni che registrano valori superiori a abitanti/kmq (Novate Milanese con e Garbagnate con 3.063). Si può inoltre notare che il tasso di crescita della popolazione positivo in tutte e tre le aggregazioni territoriali considerate nel periodo ha continuato ad assumere valori più elevati, rispetto alla media dell area vasta (+2,62%) e provinciale (+3,61%). Tab Popolazione residente, densità e dinamica demografica. Anni Popolazione residente (v.a.) Dinamica demografica (variaz. percentua.) Densità popolazio. residente (abitanti per kmq) / Baranzate ,33 Bollate ,01 Baranzate/Bollate ,99% 2.581,11 In tutte e tre le aree, la crescita della popolazione nel periodo può essere attribuita più a movimenti migratori in entrata, che ad un innalzamento dei tassi netti di natalità della popolazione residente: tuttavia la differenza fra saldo migratorio e saldo naturale nel Rhodense è più elevata che non in provincia di Milano (+3,15%), per cui si può ipotizzare che quest area sia popolata da individui in età più giovane. Mentre a Baranzate nel 2004 si registra un andamento opposto in cui vi è una prevalenza del saldo naturale. Un aspetto che sembra interessante considerare, seppure brevemente, è quello dell equilibrio tra popolazione e risorse residenziali disponibili. La situazione di Baranzate, unitamente a quella di Bollate, è di forte pressione sulle risorse disponibili quota di abitazioni non occupate inferiore e pressione residenziale crescente: questa situazione caratterizza comunque la maggior parte dei comuni del Rhodense, sia di 138

7 grandi che di medie-piccole dimensioni e d altra parte, in quasi tutti i comuni, la pressione residenziale aumenta nel periodo intercensuario per effetto di una crescita dei nuclei familiari superiore alla crescita delle abitazioni disponibili. Da questo punto di vista, nel periodo , Baranzate/Bollate hanno fatto registrare un incremento molto forte delle abitazioni disponibili (+19,7%, contro +15,1% del Rhodense e +7,0% in provincia di Milano) che, da un lato, ha determinato la crescita della popolazione evidenziata in precedenza e, dall altro, ha permesso di contenere la forte domanda meglio che in altri comuni dell area. Tuttavia una simile politica non possa essere perseguita a lungo, in quanto sembrano aver raggiunto un livello di soglia sia le risorse disponibili (ovvero i suoli edificabili), sia le diseconomie legate alla necessità di fornire servizi adeguati ad un numero sempre in aumento di popolazione. Del resto, la crescente domanda di servizi finalizzata a migliorare la qualità della vita è emersa chiaramente nell ambito della redazione del Documento di Inquadramento, prima e del PGT in questa fase: contenimento della densità della popolazione, preservazione delle aree non edificate, incremento della dotazione di servizi e della fruizione degli stessi volta a migliorare la qualità della vita (protezione dei centri storici da flussi di traffico crescenti, piste ciclabili, percorsi pedonali protetti, creazione di spazi per promuovere l attività associativa e di relazione, ecc.) Andamento della popolazione residente L analisi dei dati demografici e sociali fornisce un quadro molto preciso di alcune caratteristiche della popolazione di Baranzate. Secondo quanto risulta dall anagrafe comunale, la popolazione residente al 31 dicembre 2006, ha raggiunto la quantità di abitanti. Dal 2004, anno di costituzione del Comune di Baranzate, al 2006 la popolazione ha registrato un calo di 78 unità, pari al -6,95%, seppure si registra un leggero incremento tra 2005 e 2006 (+4 unità e +0,04%). Negli ultimi decenni Baranzate/Bollate hanno registrato andamento di crescita complessiva: - l incremento percentuale è stato del 77,7% negli anni Sessanta, ha registrato una leggera riduzione, -1,1% negli anni Settanta, per tornare a crescre negli anni Ottanta, +1,5%, e negli anni Novanta, +9,3%; - nel periodo dal 2001 al 2004, la crescita è stata del 4,00% (il 10% su base decennale). In totale dal 1961 al 2004, la crescita complessiva è stata del 102,65%. 139

8 Graf Popolazione residente L andamento complessivo della popolazione, precedentemente descritto in modo sommario, è sostenuto da due diverse dinamiche: quella del saldo naturale (nati e morti) e quella del saldo migratorio o sociale (immigrati ed emigrati). Come accennato in precedenza, a partire dall agosto 2004 il saldo complessivo di Baranzate è sempre negativo, determinato da un bilancio negativo per ciò che riguarda il saldo migratorio (-10 unità nel 2004, -82 unità nel 2005 e 69 unità nel 2006) e da un saldo sempre positivo per il saldo naturale (+33 unità nel 2004, +54 unità nel 2005 e +74 unità nel 2006). Occorre evidenziare, che il saldo migratorio è negativo ormai da tre anni: questo dato è da osservare con attenzione, in una realtà urbana in cui la quota di popolazione straniera è presente in misura significativa. Graf Saldo migratorio

9 L andamento non è sicuramente in linea con quella i comuni dell area del Rhodense che in questi ultimi anni hanno aumentato la popolazione residente, ad eccezione di Garbagnate Milanese, assorbendo la popolazione che continua a fuoriuscire da Milano: si è quindi registrata una tendenza allo spostamento dalla metropoli verso le città di medie dimensioni e verso comuni di dimensioni più piccole, collocati in prossimità del territorio del capoluogo, con la presenza di un numero significativo di attività economiche e sufficientemente vicini, nel caso specifico la presenza della linea ferroviaria e della linea M1 della metropolitana, a sistemi di trasporto pubblico su ferro. Di questo fenomeno Baranzate in questi anni non ha beneficiato. Questo trend è ovviamente condizionato quasi esclusivamente da meccanismi di offerta residenziale e servizi (principalmente la facilità di comunicazione con Milano) ed è quindi suscettibile di grandi modificazioni che risentono delle scelte urbanistiche delle singole amministrazioni. Graf Distribuzione della popolazione per classi di età 75 e più Risulta invece estremamente importante al fine di capire le esigenze degli abitanti di Baranzate valutare la suddivisione in classi d età della popolazione residente in quanto in questo i dati sono molto difformi da quelli di confronto. La popolazione di Baranzate risulta più giovane di quella del Rhodense, della provincia di Milano, ma anche della Regione e dell Italia. L ultimo dato confrontabile al 2004 e la percentuale della popolazione con più di 65 anni rappresenta a Baranzate il 13,8%, contro il 16,0% del Rhodense, il 18,21% della Provincia, il 17,76% della Lombardia e il 18,25% dell Italia con uno scarto medio di circa il 5%. Nonostante questo andamento, sempre più la piramide d età assume una forma rovesciata con la base assottigliata, così come emerge dal confronto con l andamento alla scala provinciale durante il periodo Al 31 dicembre 2006 è possibile presentare la seguente distribuzione delle classi d età, in cui balzano evidenti alcune situazioni: - la sostanziale stabilità dimensionale per le classi d età al di sotto dei 25 anni; - le classi del baby-boom (i nati negli anni Settanta, al boom economico è associato un boom demografico) sono più ampie delle classi precedenti; 141

10 - la sostanziale omogeneità delle classi adulte, la piramide tra cinque anni presenterà una sostanziale crescita compatta delle classi adulte, per l allungamento dell età. Analizzando l andamento negli anni delle classi d età si nota come a fronte di una tendenza alla riduzione delle classi 0-14 anni e all incremento di quelle >65 anni, ci sia invece una crescita di quelle del range anni. Se ne evince che la popolazione cosiddetta attiva rappresenta a Baranzate il 72,3%, con 4 punti percentuali in più della Provincia di Milano. Ma ancora più significativa è la differenza tra le due fasce d età estreme per le quali Baranzate, rispetto agli ambiti di confronto, presenta un valore a favore della classe 0-14 anni, mentre in tutti gli ambiti il saldo è negativo. Per ogni giovane con meno di 14 anni di età a Baranzate ci sono 1,07 abitanti con oltre 65 anni. Nel Rhodense risulta che per ogni giovane ci siano 1,14 anziani, in Lombardia 1,4 e le previsioni ISTAT al 2051 sono addirittura di 3,37, risultanti che per tanti aspetti sociali appare estremamente preoccupante. Graf Indice di vecchiaia 1,08 1,06 1,04 1,02 1 0,98 0,96 0, Il tutto si traduce nel fatto che gli indici di vecchiaia e di dipendenza di Baranzate sono più bassi di quelli degli ambiti di confronto. Di tutti i dati demografici analizzati, compresi quelli illustrati di seguito, questi sono sicuramente i più interessanti. Il fenomeno è sicuramente riconducibile ai dati storici del saldo migratorio che vedono ovviamente protagoniste le coppie giovani e ad un tasso di di natalità che risulta infatti coerente con gli altri ambiti e tendenzialmente più basso rispetto alla media europea. Questo spiega quindi il fenomeno proprio per la composizione sociale della popolazione costituita da un numero significativo di coppie che negli ultimi anni sono state in età fertile. La struttura della popolazione residente ha ovviamente un impatto sul mercato del lavoro locale e di conseguenza sul sistema economico; la relativa giovane età della popolazione di Baranzate potrebbe determinare, rispetto ad altre zone milanesi, una relativa ricchezza di offerta di lavoratori ; questa ricchezza è in parte determinata anche dalla forte presenza di giovani cittadini stranieri. 142

11 Non va comunque sottovalutato il fatto che comunque negli ultimi quindici anni, dal 1991 al 2004 la popolazione con età superiore a 65 anni è più che raddoppiata a Baranzate/Bollate, mentre è comunque in crescita la popolazione compresa tra 0-14 anni. Il fenomeno pertanto sembrerebbe poter avere un trend positivo ancora per alcuni anni, ma dovrebbe poi ridimensionarsi se non addirittura invertirsi e potrebbe generare, su tempi lunghi, fenomeni di rilevante invecchiamento della popolazione. Va comunque tenuto conto che sotto questo aspetto le dinamiche demografiche riferite a realtà come le nostre sono scarsamente attendibili in quanto subentrano fenomeni di scala molto più ampia. Conseguenza di tutto ciò è che l altro dato interessante di Baranzate è ovviamente il saldo naturale e cioè l eccedenza o il deficit di nascite rispetto ai decessi. Come accennato in precedenza, il saldo naturale di Baranzate è sempre positivo dal Graf Saldo naturale Dal quadro generale dei dati demografici si ricavano alcune importanti considerazioni: l esistenza di una crescita interna dovuta al saldo naturale e una caratterizzazione giovane della popolazione residente a cui va aggiunta la prospettiva di un progressivo invecchiamento che per le caratteristiche di Baranzate potrebbe sul lungo periodo risultare più pesante che altrove. Infatti, con il passare del tempo, l assottigliarsi delle classi d età più giovani, produce l incremento di peso delle classi d età più anziane, moltiplicando il processo di aumento dell età media, dato dalle migliori condizioni di vita: è evidente che i bisogni di una popolazione caratterizzata da una struttura per età come quella odierna sono profondamente diversi da quelli di una società con forte presenza di giovani, diversi in termini di servizi, alloggi, qualità e struttura urbana. Infine, la ristretta base d età è destinata nel prossimo decennio ad influire pesantemente anche sul livello delle nascite: oggi classi d età relativamente numerose si riproducono con un bassissimo tasso di natalità, generando classi di bambini sensibilmente più ridotte. Nei prossimi decenni, quando i giovani di oggi formeranno le nuove famiglie è da attendere, se non si modificherà il contesto generale, un ulteriore diminuzione del peso dei nati, pari alla differenza di peso tra le attuali classi giovani e dei loro genitori. 143

12 6.3. CARATTERISTICHE E DINAMICHE SOCIALI Le famiglie residenti al 31 dicembre 2006 a Baranzate ammontano a 4.907, mentre al 31 gennaio 2007 il numero scende a 4.898, così distribuite per numero di componenti: famiglie con un solo componente, pari al 34,8% del totale dei nuclei familiari; famiglie con due componenti, pari al 26,4% del totale; famiglie con tre componenti, pari al 19,9% del totale; famiglie con quattro componenti, pari al 15,2% del totale; famiglie con cinque componenti, pari al 2,9% del totale; - 37 famiglie con sei e più componenti, pari all 0,75% del totale. Graf Famiglie residenti Negli ultimi decenni il numero di famiglie presenta una chiara e costante crescita. A Baranzate/Bollate l incremento percentuale dei nuclei familiari è stato particolarmente significativo, anche nel confronto con quello della popolazione: - del 9,1%, a fronte di una crescita della popolazione dell 1,5%, nel decennio degli anni Ottanta; - del 20,4%, mentre la popolazione cresceva del 9,3% negli anni Novanta. L incremento delle famiglie è stato quindi ben superiore a quello della popolazione, ed è stato supportato, più che dall incremento di popolazione, dalla progressiva riduzione della dimensione media dei nuclei familiari. 144

13 Graf Dimensione media familiare 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0, Il numero medio di componenti la famiglia a Baranzate/Bollate è passato da 3,01 nel 1981, a 2,80 nel 1991, a 2,54 nel A Baranzate a gennaio 2007, il numero medio di componenti per nucleo familiare è pari a 2,28, con una percentuale di nucleo fino a 2 componenti pari al 60% del totale dei nuclei familiari. La situazione odierna pare ormai giunta a valori limite e non potranno continuare a diminuire con la rapidità e la dimensione mantenuta negli ultimi decenni: nel futuro probabilmente l incremento dei nuclei familiari tornerà a dipendere direttamente dall incremento della popolazione, avendo assottigliato la quota derivante dal ridursi della dimensione familiare. Infine, per completare la fotografia delle caratteristiche sociali dei residenti, di seguito vengono riportate alcune informazioni rispetto alle caratteristiche sociali degli abitanti di Baranzate e di Baranzate/Bollate per gli anni antecedenti al Distribuzione territoriale La popolazione di Baranzate si concentra in una parte limitata del territorio comunale: poco meno dell 83% della popolazione si concentra nella parte est del territorio comunale, oltre il tracciato della SSVaresina. All interno di questo ambito territoriale, ben il 63% della popolazione totale si concentra in una minima parte di territorio comunale, compresa tra il tracciato della SSVaresina, i confini comunali a sud e ad est e il tracciato della SP Rho-Monza a nord. Nella parte nord-ovest del territorio comunale, la presenza di nuclei familiari è ridotta, trattandosi di zona industriale; mentre una presenza pioù significativa, pari al 16,70 del totale, si registra nella parte ovest, collocata in prevalenza attorno a via Aquileja. Nella parte nord-est risiede poco meno del 20% della popolazione, nella zona centrale ci concentra poco meno del 30%, mentre nella parte di territorio a sud di via Merano si concentra ben il 34% della popolazione totale, registrano quindi una densità elevata. 145

14 Stato civile Al 2001 a Baranzate/Bollate lo stato civile della popolazione residente era il seguente: - 51,8% della popolazione residente è coniugata - 38,5% è celibe/nubile - 5,7% vedovi/e - 1,6% separati/e legalmente - 1,3% divorziati. Popolazione straniera residente Al gennaio 2007 a Baranzate la popolazione straniera residente ammontava a persone, pari al 17,6% del totale dei residenti, così distribuiti per area geografica di provenienza: - 27,0% di origine europea - 26,8% di origine asiatica - 25,1% di origine africana - 20,1% di origine americana - 1% di origine medio-orientale. Essendo quasi 3,9 milioni il totale dei residenti nella provincia di Milano, la componente straniera è pari al 7,5%, quasi due volte superiore rispetto alla percentuale di stranieri su base nazionale (4,5%). A Baranzate la componente della popolazione straniera residente è più di due volte superiore alla percentuale di stranieri nella provincia di Milano: il dato dovrebbe essere tenuto in considerazione nella valutazione della capacità lavorativa del bacino di Baranzate. Allo stato attuale non si hanno a disposizione dati sull impiego dei residenti sul comune stesso, elemento che potrebbe invece condurre ad un ulteriore interessante analisi. Grado di istruzione Per quanto riguarda il grado di istruzione nel confronto fra il 1981 e il 2001, si registra un progressivo innalzamento del livello di istruzione della popolazione residente: per Baranzate/Bollate i laureati passano dal 1,0% della popolazione residente nel 1981 al 4,8% nel 2001, i diplomati dall 8,4% al 27,1%, i residenti con licenza di scuola media inferiore dal 30,7% al 35,4%. Si è quindi registrano un progressivo innalzamento del livello di istruzione dei residenti: infatti i laureati ed i diplomati rappresentavano solo il 9,4% della popolazione totale nel 1981, per salire al 31,9,8% nel Condizione professionale 1 Al 2001 vi erano persone in forza lavoro, pari al 48,8% del totale della popolazione residente, di cui 93,9% occupati e 6,1% in cerca di occupazione. In condizione non professionale, e quindi non utilizzabili come forza lavoro, vi erano persone, di cui il 50,2% ritirati/e dal lavoro, 26,5% casalinghe, 13,8% studenti e 9,5% in altra condizione. Occupati per posizione professionale Al 2001 a Baranzate/Bollate, rispetto al totale degli occupati, pari a persone, l 80,2% sono in posizione professionale da dipendente o comunque subordinata e il 19,8% in posizione professionale autonoma (di cui il 64,2% lavoratori in proprio, 22,9% imprenditori e liberi professionisti, 7,4% soci di cooperativa e 5,5% coadiuvanti familiari). 1 Si tratta della popolazione residente con 15 e più anni. 146

15 Occupati per sezione di attività economica Sempre rispetto al totale degli occupati, pari a persone, a Baranzate/Bollate rispetto al settore di attività economica si registra la seguente distribuzione: - 36,7% persone occupate nel settore dell industria - 19,6% persone occupate nel settore del commercio - 14,4% nel settore del credito e assicurazioni, servizi alle imprese e noleggio - 6,8% nel settore dei trasporti e comunicazioni - 21,8% nel settore delle altre attività, comprese all interno dei terziario e dei servizi, non comprese nella voce successiva - 0,7% nel settore dell agricoltura CONSISTENZA E CARATTERISTICHE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Il secondo tema affrontato è quello della consistenza e della dinamica del patrimonio abitativo del comune di Baranzate: anche in questo caso la mancanza di dati censuari relativi alla situazione comunale non consente di formulare valutazioni in merito all andamento nei decenni precedenti ed alle dinamiche in atto rispetto alla consistenza ed alle caratteristiche del patrimonio abitativo. Pertanto, l analisi riguarderà a livello comunale i dati censuari, utilizzando però solamente le distribuzioni percentuali e non i valori assoluti, relativi al comune di Baranzate/Bollate, mentre a livello sovracomunale verranno utlizzati dati relativi al Rhodense. Nel decennio gli alloggi sono aumentati dell 11,8% ( alloggi, a fronte di un incremento delle famiglie di unità), mentre le stanze sono aumentate del 20,7%, cui ha corrisposto un incremento della dimensione media degli alloggi. Nel decennio gli alloggi sono aumentati del 19,7% ( alloggi, a fronte di un incremento delle famiglie di unità), mentre il numero delle stanze è aumentato del 18,6% e quindi, con una riduzione della dimensione media degli alloggi. Il patrimonio edilizio si è quindi notevolmente incrementato nei due ultimi decenni, con una prevalenza di incremento durante gli anni Ottanta, anche se vi è una stretta correlazione fra incremento degli alloggi ed incremento del numero di famiglie, con una coincidenza tra i due incrementi durante gli anni Novanta. Nel frattempo non si è risolto il problema del sovraffollamento e della coabitazione, famiglie sono insediate in abitazioni, e al 2001 si registra la seguente situazione: - nel caso di alloggi con una stanza vi è la presenza di 351 famiglie in 348 abitazioni (3 casi di coabitazione); - nel caso di alloggi con due stanze vi è la presenza di famiglie in alloggi (30 casi di coabitazione); - nel caso di alloggi con tre stanze vi è la presenza di famiglie in abitazioni (13 casi di coabitazione); - nel caso di alloggi con quattro stanze vi è la presenza di famiglie in alloggi (30 casi di coabitazione); - nel caso di alloggi con cinque stanze vi è la presenza di famiglie in alloggi (3 casi di coabitazione); 147

16 - nel caso di alloggi con sei e più stanze vi è la presenza di 682 famiglie in 678 abitazioni (4 casi di coabitazione). BARANZATE/BOLLATE Tab Popolazione e abitazioni Confronto Confronto Differ. % Differ.% Differ.% Popolazione , ,29 +10,90 Famiglie , ,24 +31,21 Stanze occupate , ,59 +43,14 Alloggi occupati , ,66 +33,73 Stanze vuote , Alloggi vuoti , ,52-11,01 Stanze totali , Alloggi totali , ,57 +30,92 Al 2001 gli alloggi in proprietà sono ben il 72,0%, rispetto al 64,6% del 1991 e al 48,9% del 1981; quelli in affitto sono il 22,8%, rispetto al 30,0% del 1991 e al 47,5% del Nell area Rhodense la proprietà è più diffusa (74,5% al 2001, 68,2% nel 1991 e 54,4% nel 1981), mentre in provincia di Milano è leggermente meno diffusa (69% al 2001, 62% al 1991 e 47% al 1981), mentre l affitto è continuamente in calo (41,4% nel 1981, 27,1% nel 1991 e 20,0% nel 2001 per il Rhodense, 49% nel 1981, 33% nel 1991 e 25% nel 2001 per la provincia di Milano). Al 2001 il 13,6% degli edifici ad uso abitativo risalgono a prima del 1945 (epoca di costruzione o rinnovo), il 70,1% sono del periodo 1946/1981 ed il restante 16,3% degli ultimi venticinque anni. La situazione mette in risalto come gli alloggi occupati siano per la quasi totalità dotati dei principali servizi, quali acqua potabile, acqua calda, riscaldamento, servizi igienici, ma emerge anche l utilità di regole che promuovano interventi di adeguamento del patrimonio edilizio in termini di dotazione di servizi, per mantenere in uso ed efficienti la maggior parte degli edifici residenziali esistenti, pari a poco meno dell 80% del totale, che oggi superano i trent anni di vita. Gli indicatori sul patrimonio abitativo evidenziano una realtà migliore della media provinciale: meno alloggi vuoti, alloggi occupati leggermente più grandi, una quota di alloggi in proprietà che è cresciuta negli ultimi ventanni, anche se vi è una presenza di fenomeni di sovraffollamento e di coabitazione. Nelle pagine successive si riportano le principali caratteristiche del patrimonio edilizio desunte dagli ultimi tre censimenti per il territorio di Baranzate/Bollate: 1981, 1991 e I dati disponibili del censimento 2001 non rappresentano tutte le variabili schematizzate nei quadri di insieme dei due precedenti censimenti e, pertanto, si raccomanda attenzione al confronto tra le diverse tabelle. 148

17 BARANZATE/BOLLATE Patrimonio edilizio al 1981 Alloggi totali Totale alloggi stanze 3,27 stanze/alloggio Occupati alloggi stanze 3,31 stanze/alloggio 93,72% Occupanti famiglie abitanti 3,01 abitanti/famiglia 1,02 famiglie/alloggio 0,93 abitanti/stanza Non occupati 917 alloggi stanze 2,78 stanze/alloggio 6,28% Abitazioni occupate per epoca di costruzione (valori percentuali) Prima del ,60% ,81% ,48% 1961/ ,46% 1972/1975 7,58% 1976/1980 8,12% Dopo il ,95% Alloggi occupati da residenti per titolo di godimento Proprietà 48,91% 3,65 stanze/alloggio 80,20 mq/alloggio 1,02 famiglia/alloggio 0,87 abitanti/stanza Affitto 47,49% 2,95 stanze/alloggio 62,00 mq/alloggio 1,02 famiglia/alloggio 1,02 abitanti/stanza Altro titolo 3,60% 3,36 stanze/alloggio 71,20 mq/alloggio 1,03 famiglia/alloggio 0,83 abitanti/stanza Alloggi occupati per numero di stanze (valori percentuali) 1,81% da 1 stanza 249 famiglie 426 abitanti 23,08% da 2 stanze famiglie abitanti 34,33% da 3 stanze famiglie abitanti 29,41% da 4 stanze famiglie abitanti 8,28% da 5 stanze famiglie abitanti 3,09% da 6 e + stanze 440 famiglie abitanti Alloggi occupati per figura giuridica del proprietario (valori percentuali) su totale occupati Persona fisica 82,49% 149

18 Imprese 4,61% Cooperativa edilizia 10,02% Pubblica 1,69% Enti previdenziali 0,27% Altro proprietario 0,92% Alloggi non occupati per motivo della non occupazione (valori percentuali) disponibili per vendita o affitto 43,62% utilizzabili per vacanze 4,69% utilizzabili per lavoro e studio 6,54% per altri motivi 45,15% di cui costruiti dopo il ,15% BARANZATE/BOLLATE Patrimonio edilizio al 1991 Alloggi totali Totale alloggi stanze 3,53 stanze/alloggio Occupati alloggi stanze 3,57 stanze/alloggio 94,07% Occupanti famiglie abitanti 2,80 abitanti/famiglia 1,0 famiglia/alloggi 0,78 abitanti/stanza Non occupati 966 alloggi stanze 2,83 stanze/alloggio 5,93% Edifici per epoca di costruzione (valori percentuali) Prima del ,22% ,55% ,50% 1961/ ,39% 1972/ ,24% 1982/1986 7,49% Dopo il ,61% Alloggi occupati da residenti per titolo di godimento Proprietà 64,63% 3,77 stanze/alloggio 1,00 famiglia/alloggio 0,77 abitanti/stanza Affitto 30,78% 3,17 stanze/alloggio 1,00 famiglia/alloggio 0,82 abitanti/stanza Altro titolo 4,59% 3,50 stanze/alloggio 1,00 famiglia/alloggio 0,68 abitanti/alloggio 150

19 Alloggi occupati per numero di stanze (valori percentuali) 1,44% da 1 stanza 221 famiglie 333 abitanti 15,08% da 2 stanze famiglie abitanti 31,70% da 3 stanze famiglie abitanti 35,91% da 4 stanze famiglie abitanti 11,81% da 5 stanze famiglie abitanti 4,06% da 6 e + stanze 621 famiglie abitanti Alloggi non occupati per motivo della non occupazione (valori percentuali) utilizzabili per vacanze 4,55% utilizzabili per lavoro e studio 8,70% per altri motivi 14,91% non utilizzata 71,84% BARANZATE/BOLLATE Patrimonio edilizio al 2001 Alloggi occupati totali Totale alloggi Occupati alloggi stanze 3,54 stanze/alloggio 95,74% Occupanti famiglie occupanti 2,54 abitanti/famiglia 1,00 famiglia/alloggi 0,72 abitanti/stanza Non occupate 816 alloggi 4,26% Edifici ad uso abitativo per epoca di costruzione (valori percentuali) Prima del ,13% ,47% ,00% 1962/ ,25% 1972/ ,90% 1982/1991 9,08% Dopo il ,17% Alloggi occupati da residenti per titolo di godimento Proprietà 72,03% 3,70 stanze/alloggio 0,71 abitanti/stanza Affitto 22,77% 3,05 stanze/alloggio 0,77 abitanti/stanza Altro titolo 5,20% 3,44 stanze/alloggio 0,66 abitanti/alloggio Alloggi occupati per numero di stanze (valori percentuali) 1,90% da 1 stanza 351 famiglie 517 abitanti 151

20 17,26% da 2 stanze famiglie abitanti 28,52% da 3 stanze famiglie abitanti 35,80% da 4 stanze famiglie abitanti 12,82% da 5 stanze famiglie abitanti 3,70% da 6 e + stanze 682 famiglie abitanti 6.5. SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO I dati al Censimento Il terzo tema che si è voluto prendere in considerazione è quello della struttura e della dinamica dell economia del comune di Baranzate: anche per questo dato, verranno utilizzati dei dati aggregati relativi al contesto territoriale di Baranzate/Bollate con riferimento ai dati dei Censimenti ISTAT 1991 e L analisi della Tabella 6.4. evidenzia un comportamento diverso rispetto ai contesti di area vasta e provinciale: al 2001 Baranzate/Bollate presentano un indice di occupazione (32,62 addetti per 100 residenti) nettamente inferiore sia alla media del Rhodense (42,17 addetti per 100 residenti), che alla media provinciale (48,29 addetti per 100 residenti). Questo andamento viene confermato anche dall esame delle variazioni intercorse nel periodo intercensuario, in cui il tasso di variazione dell occupazione totale (+2,15%) è inferiore sia alla media del Rhondense (+4,00%), che alla media provinciale (+7,49%). Area di indagine Tab Indicatori di sviluppo economico ( ) Indice di occupazio. Tasso di industrializ. Tasso di terziarizzaz. Variazione occupazione totale Variazione occupazione industriale Variazione occupazione terziaria Baranzate/Bollate 34,90 17,96 15,06 (1991) Baranzate/Bollate 32,62 13,92 16,51 +2,15-15,29 +19,80 (2001) Rhodense 42,17 16,98 22,25 +4,00-21,32 +35,69 Provincia di Milano 48,29 15,02 33,27 +7,49-17,43 +24,45 L occupazione industriale si attesta per Baranzate/Bollate (13,92 addetti per 100 residenti) su valori leggermente inferiori rispetto a quelli del Rhodense (16,98 addetti per 100 residenti) e provinciali (15,02 addetti per 100 residenti), anche se nel periodo intercensuario si registra un rallentamento più contenuto (-15,29%), rispetto agli andamenti di area vasta (-21,32% del Rhodense e -17,43% della provincia). L occupazione terziaria rappresenta infine il vero punto di debolezza dell economia di Baranzate/Bollate (16,51 addetti ogni 100 residenti) in relazione alle performance di questo settore nel Rhodense (22,25 addetti per 100 residenti) e, soprattutto, in provincia di Milano (33,27 addetti ogni 100 residenti); la crescita dell occupazione nel periodo intercensuario è vivace (+19,80%), anche se avviene con dinamiche minori rispetto al Rhodense (+35,69%) e alla provincia di Milano (+24,45%). In definitiva Baranzate/Bollate svolge una importante funzione economica nel contesto territoriale in cui è inserito, ma con andamenti e dinamiche che si dimostrano più deboli rispetto a quelle registrate a livello di area del Rhodense e di provincia di Milano. 152

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli