Le (mut)azioni della tecnologia: Internet, P2P e VOD sfidano il cinema

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le (mut)azioni della tecnologia: Internet, P2P e VOD sfidano il cinema"

Transcript

1 III Le (mut)azioni della tecnologia: Internet, P2P e VOD sfidano il cinema 3.1 Rischi e opportunità posti da Internet e VOD Ancora molto sottovalutate in Europa, le nuove modalità di distribuzione dei contenuti in linea stanno già ridefinendo le strategie di fondo del finanziamento degli Studios negli USA. Emerge un nuovo paradigma con ripercussioni soprattutto sul mercato dell home video, che già oggi rappresenta oltre il 50% dei ricavi dell industria. Forzati da un lato dalla pirateria on line e dall altro incentivati a sviluppare una relazione diretta con i consumatori finali, gli Studios si apprestano a cavalcare il nuovo mercato della distribuzione via web. È una sfida dalle profonde implicazioni tecnologiche in cui le grandi case del software e dell hi-tech di consumo svolgono un ruolo determinante che lascia scarsi spazi, nel lungo termine, ai distributori tradizionali. Una sfida che vede l affermarsi di grandi gateway centralizzati in grado di controllare l insieme delle transazioni sulla distribuzione di contenuti legali in rete. Il rischio per l Europa, come sta già accadendo per il mercato musicale, è di ritrovarsi esclusa dalle tecnologie chiave, senza brand in grado di competere, con la conseguenza di consegnare questo mercato, fondamentale per il futuro del finanziamento cinematografico, nelle mani dei grandi gruppi statunitensi. La pressione del file-sharing I tradizionali proprietari di contenuti stanno cominciando ad avvertire l impatto di internet e, più in generale, dei nuovi media sui propri business. Negli ultimi tre anni, il fatturato dell industria discografica ha subito un decremento costante a un tasso di circa il 10% annuo e la tanto pubblicizzata chiusura avvenuta nel 2001 del sito di Napster, utilizzato da 70 milioni di utenti di internet, ha avuto ben poco effetto su questo trend. Il principale analista della Forrester Research, Josh Bernoff, ha sintetizzato le sue previsioni in modo molto drastico: Per il 2007/2008 i CD saranno oggetti appartenenti solamente alle persone più anziane" ed ha riportato alcuni dati a supporto di questa affermazione 9. Per il 2008, un terzo delle vendite negli Stati Uniti e circa il 20% di quelle europee avverranno in forma di download e streaming su internet, producendo introiti per diversi miliardi di dollari. Rispetto al settore musicale, la pirateria nel cinema è ancora tre anni indietro. Se l 11% dei giovani ammette di aver scaricato un film online (ma secondo un recente studio della Mpaa la percentuale effettiva è di circa il 25%, vedi tabella che segue), solo il 5% dichiara di avere, come conseguenza di ciò, acquistato un minor numero di DVD, mentre nell area musicale si registra ormai da diverso tempo una chiara riduzione delle vendite off-line. 9 Comunicazione al Midement, riportato dalla Reuters. FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

2 Ma gli operatori di cinema vedono nelle difficoltà dell industria musicale una buona ragione per reagire. E piuttosto che correre il rischio, nel settore cinematografico, di trovarsi di fronte allo stesso uragano che ha colpito l industria musicale, gli studi di produzione stanno ragionando su nuove forme di distribuzione on-demand. L industria cinematografica affila le armi, ma l Europa rimane indietro Per mantenere una crescita costante in un mercato dal valore di 77 miliardi di dollari su scala globale, l industria cinematografica ha moltiplicato il numero di iniziative, soprattutto negli Stati Uniti. Nonostante il successo dei DVD e, ancora prima, dei canali pay e delle videocassette, essa sta cercando di reagire ai numerosi segnali di pericolo. Recentemente, il Presidente della MPAA, Jack Valenti, ha ipotizzato che gli strumenti tecnici per una sicura distribuzione di film on line possano essere disponibili per il Allo stesso tempo, gli Studios stanno supportando gli operatori via cavo nello sviluppo di servizi di video on demand che possano assicurare nuove fonti di introiti. Per quanto sia ancora una possibilità remota, la pressione esercitata dal peer-topeer (P2P) e dagli investimenti tecnologici da parte dei colossi dell elettronica di consumo e dell industria del PC, volti ad invadere le case con nuovi dispositivi di intrattenimento capaci di sfruttare l accesso in banda larga, rischiano di innescare nel breve periodo un vero e proprio paradigm shift nell industria dell intrattenimento. Mentre, però, i colossi del mercato internazionale quali Microsoft, Intel, Apple, Sony sono già attivamente scesi in campo, l Europa è sostanzialmente rimasta a guardare. Ora, poiché internet consente di disintermediare la relazione tra il produttore dei beni e il consumatore, il rischio è relativo all affermazione di soggetti, non europei, che nel breve volgere di pochi anni siano in grado di affermarsi sul mercato europeo (i segnali sono già fin troppo evidenti nel caso della musica, vedi Apple e Sony), impedendo o limitando, di fatto, l emergere di alternative offerte dai produttori indigeni. FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

3 3.2 Cinema online: stato dell arte e previsioni Le criticità del matrimonio tv e internet Gli sviluppi dei media degli ultimi anni sono stati caratterizzati da numerosi insuccessi, in particolare l accesso a internet tramite terminale televisivo. Le offerte via internet di contenuti video da quardare sul Pc operative nell arco del periodo , come Atom Films, CanalWeb o, per citare un caso italiano, MyTv, hanno ugualmente incontrato seri ostacoli, principalmente per la difficoltà di trasportare sul monitor del computer l esperienza di intrattenimento che caratterizza il consumo di contenuti attraverso il comodo supporto del televisore di casa. Questi casi pionieristici sono stati segnati da: 1. sconfitta del modello pubblicitario; 2. tentativi falliti di creare specifiche offerte televisive sul web, un esempio classico è il fallimento di Canalweb. D altro canto, a causa della popolarità degli scambi basati sul peer-to-peer e della pirateria nel cinema e nella musica, la battaglia contro le copie non autorizzate è divenuta la sfida per eccellenza per i detentori di copyright. La possibilità di costruire un business solido attraverso la distribuzione via internet o il video on demand (VOD, particolarmente da parte degli operatori via cavo USA) rappresenta oramai la risposta più consapevole a tale sfida. Le nuove modalità di distribuzione devono, comunque, fare ancora i conti con una serie di barriere commerciali ed infrastrutturali. Riassumendo: sfide commerciali: 1. file-sharing illegale; 3. poca disponibilità di contenuti premium (specie in Europa); 4. mancanza di metodi di pagamento condivisi (in particolar modo in Europa); 5. frammentazione del mercato dovuta alle diversità linguistiche (soprattutto nei mercati non anglosassoni); sfide infrastrutturali: 1. larghezza di banda ancora mediamente bassa; 2. difficoltà di introduzione dei Pc nell habitat di intrattenimento domestico (ancora dominato dalla TV). In Europa, queste difficoltà si aggiungono ad una forte resistenza da parte dei produttori e proprietari di diritti ad esporsi direttamente nel mercato broadband. I principali gruppi sulla scena europea (principalmente i broadcaster ma anche i proprietari dei diritti e i distributori) stanno investendo poco nello sviluppo di servizi audio-video per l online (salvo poche eccezioni di eccellenza come la BBC). La televisione statunitense, invece, sta già puntando molto sulla distribuzione di film attraverso internet. Il downloading dal web e il VOD stanno progressivamente divenendo, in America, una alternativa al tradizionale sistema di vendita e di noleggio, sebbene non siano ancora un vero e proprio competitor della televisione, sia free che a pagamento. Le caratteristiche principali del mercato dell audiovisivo americano su internet sono così riassumibili: 1. il mercato è guidato da offerte high value da parte dei principali proprietari di diritti o editori (con pochi ISP coinvolti). I casi più rilevanti sono: generalisti: Real one Super Pass, Yahoo! Platinum, MSN; film: Movie Link, Cinemanow; FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

4 musica: I-tunes, Sony connect, Pressplay, MusicNow. 2. Gli utenti stanno cominciando a pagare per i contenuti: Real one: oltre un milione di abbonati paganti; Il 10% degli utenti di banda larga in USA hanno noleggiato un film attraverso un servizio online 10 ; I-tunes: ricavi per settanta milioni di dollari di fatturato nel primo anno di operazioni. L attuale boom nelle vendite e nel noleggio di DVD conferma conferma l interesse dei consumatori per l intrattenimento on-demand. Negli Stati Uniti, le prime stime dell andamento del mercato home-video per il 2003 indicano una crescita di circa il 10%, per un valore complessivo di 22,2 miliardi di dollari. Il mercato dei DVD da solo è cresciuto del 40% e attualmente rappresenta il 75% del fatturato dell audiovisivo e oltre l 85% nell ultimo trimestre del Nei maggiori paesi europei, la riprova di una crescita così rapida risulta evidente dalle vendite di DVD distribuiti dagli Studios americani: il 25% di crescita di fatturato nei primi tre trimestri del Ma secondo l opinione di Forrester Research il successo dei film on-demand sottrarrà business al settore dell homevideo (2003). Secondo uno studio della nota società di ricerche, realizzato nel 2003, il mercato USA del VOD crescerà con tassi a 3 cifre percentuali nel corso del Tale tumultuosa crescita si manterrà pressoché inalterata nell arco dei prossimi 4 anni. Il fatturato complessivo del settore si è attestato a circa mezzo miliardo di dollari nel 2003, ed è destinato a raggiungere i 4 miliardi di dollari nel 2008, pari quasi al 15% dell intero mercato del home video statunitense. Gli utenti, inoltre, appaiono sempre più disposti a pagare per i contenuti se confrontati con offerte competitive e, soprattutto, sicure. Ciò risulta evidente dai dati relativi all affermazione dell e-commerce quale strumento che si va legittimando in maniera crescente come mezzo usuale per l acquisto, non solo di beni e servizi, ma anche di contenuti. Le stime di crescita dell e-commerce in Europa oscillano tra il 30% e il 100% per il quarto trimestre del Il fatturato del leader di mercato Amazon, in particolare, è cresciuto del 36%. Indipendentemente dall incremento del numero di famiglie connesse ad internet, ed in particolare degli abbonati a servizi di banda larga (più 70% in Europa nel 2003, IDATE3), la crescita dell e-commerce indica un incremento significativo di fiducia avvertita nella sicurezza delle transazioni condotte via internet e un più favorevole apprezzamento del loro valore. Per la prima volta, alla fine del 2003, la percentuale degli utenti di internet fiduciosi nell e-commerce ha superato la percentuale degli scettici. Questo fatto evidenzia la crescita di maturità degli utenti di internet, ma anche il buon esito degli sforzi condotti dai siti commerciali per rendere le transazioni sicure, permettendo la vendita in internet di prodotti ad elevato valore aggiunto, quali, come si diceva, i contenuti. Il fenomeno è reso evidente dalla success story rappresentata da Netflix che, grazie all innovativo modello di retal DVD ad abbonamento on line, nel corso del 2003 ha raggiunto un fatturato di circa 300 milioni di dollari e oltre 1.3 milioni di clienti. Il mercato sembra, dunque, uscire dalla sua prima infanzia. Accanto a quella delle major, va segnalata la posizione aggressiva dei colossi dell industria tecnologica, 10 Fonte: Forrester, FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

5 Microsost, Apple, Intel, Sony e IBM in testa, che stanno cercando di posizionarsi come i fornitori dell infrastruttura di intermediazione e di fruizione dei contenuti. Il posizionamento di questi soggetti è particolarmente rilevante dal momento che la disponibilità di metodi sicuri di distribuzione dei contenuti e l accettazione di questi da parte degli utenti sono strettamente legati alla diffusione su larga scala delle tecnologie e dei servizi da essi erogati. Non sorprendono, in questo senso, i vari servizi rilasciati o promossi da Microsoft, Apple e Sony che sono strategicamente indirizzati a costituire le future piattaforme di distribuzione dei contenuti. Né sorprende il recente tentativo di acquisto della MGM da parte di Sony. Così come non possono sfuggire gli investimenti considerevoli che tutti i soggetti dell industria tecnologica di consumo, incluse aziende come Creative e ATI, stanno riversando in questo settore strategico che, in ultima analisi, rappresenta per i produttori la possibilità di superare la progressiva saturazione del mercato PC e inondare i salotti delle case con infinite varianti entertainment del prodotto PC. I due settori, major da una parte e industria hi-tech di consumo dall altra, sembrano ormai destinati a contendersi il mercato, anche se per ragioni non necessariamente convergenti. Non va trascurato, ad esempio, il fatto che il P2P e la stessa diffusione dei supporti di masterizzazione CD e DVD siano espressione del boom dell hi-tech come prodotto di consumo. Tuttavia, come risultato, sembra emergere un nuovo modello negli USA: 1. i proprietari di diritti si concentrano nell adattamento dei propri contenuti al web e al VOD (occupandosi del criptaggio e del licensing) e nella distribuzione dei loro prodotti su tutti i possibili canali online; 2. gli operatori di TLC e IT si focalizzano nel fornire un habitat efficiente per la distribuzione dei contenuti, per la promozione e per la vendita. Uno sguardo all Europa rende evidenti i ritardi del vecchio continente ma soprattutto il rischio che major e aziende hi-tech americane avanzino incontrastate nei mercati nazionali europei. In parole schiette, il rischio è l affermarsi di posizioni dominanti senza precedenti da parte dei soggetti USA, specie nel mercato cinematografico dove è ormai consolidato il dominio delle major americane. In Europa, i proprietari di diritti mostrano una mancanza di strategia e di vision. Diversamente dai gruppi americani, c è scarsa consapevolezza da parte degli operatori europei di quanto sia strategico internet e il VOD per il loro sviluppo e per la loro sopravvivenza futura. I proprietari di diritti in Europa, cercano, infatti, di replicare i modelli proposti nei propri business tradizionali (principalmente il modello della paytv), senza considerare come internet sia una storia completamente differente. In Europa, peraltro, i governi sono unanimi nel supportare lo sviluppo della banda larga, la qual cosa dovrebbe portare alla costruzione di un ambiente regolatorio e fiscale favorevole ma anche stimolare il P2P. Nonostante ciò, nella U.E. è diffusa la convinzione che i prodotti a banda larga debbano essere finanziati dagli l ISP o dagli operatori di telecomunicazioni, mentre negli Stati Uniti tali soggetti operano esclusivamente nel ruolo di distributore finale. Come detto, questa carenza di visione favorisce l ingresso, o l invasione, delle major statunitensi e dei colossi dell industria tecnologica. Il caso è già evidente nel mercato discografico dove l Europa ha già interamente abdicato ai colossi USA. Le recenti iniziative di Apple e Sony con il rilascio in Germania, Gran Bretagna e Francia dei rispettivi servizi per il downloading di musica on line, che tanto FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

6 successo stanno avendo già negli USA, hanno lasciato sul campo le prime vittime europee. Non è un caso che l unico operatore europeo che abbia tentato di sviluppare una strategia di espansione in questo settore, OD2, sia ora in corso di acquisizione da parte di Loudeye, altro soggetto chiave del mercato USA. 3.3 P2P, pirateria e l emergenza dei soggetti che forniscono certificazione dei contenuti Il file-sharing cresce Tra gli addetti ai lavori ha suscitato molto clamore uno studio condotto nell ottobre 2003 da ricercatori della ATT Research assieme alla University of Pennsylvania. Da un esame di 285 film usciti al cinema tra gennaio 2002 e giugno 2003, e reperibili anche in rete in modalità file-sharing, il 77% si è rivelato essere stato veicolato sul web da operatori interni all industria cinematografica. Mediamente, i film erano già disponibili sul web dopo circa 100 giorni dalla data della loro distribuzione in sala e 83 giorni prima della distribuzione homevideo. Sette titoli erano addirittura reperibili prima dell uscita nelle sale, il che dimostra come il così tanto pubblicizzato esempio di Hulk non sia un caso isolato. Solo il 5% dei film sotto esame è sfuggito alla pirateria prima della distribuzione in video. Il P2P è una attività ormai diffusissima, anche se ancora non capitalizzata in termini monetari. Come conseguenza, il mercato broadband, rendendo accessibili nel modo più efficiente i servizi di video-on-demand e soprattutto P2P, sta di fatto intaccando anche il tradizionale settore dell home-video, un mercato in forte crescita grazie allo sviluppo del DVD. Di fatto, i servizi di xdsl, la cui penetrazione è in aumento in Europa, rappresentano una consistente minaccia per l home video. In altre parole, il P2P rappresenta, nei comportamenti e nelle abitudini di consumo, un nuovo gigantesco mercato potenziale dell intrattenimento, anche se nessuno è ancora riuscito a metterci le mani. Alcuni dati: secondo Forrester Research, già nel 2003 oltre il 50% degli utenti di P2P, stimati in oltre 10 milioni, si scambiavano (anche) file video; la MPAA valuta che le operazioni di download relative ai film realizzate ogni giorno con sistemi di peer-to-peer sia già compreso tra e 1 milione; a fronte di questa situazione, si stima che l ammontare delle perdite sul fatturato (base annua) per gli Studios potrebbe arrivare, nel 2004, a 4 miliardi di dollari. Il primo mercato cannibalizzato dal P2P è stato quella della musica. I film sono la prossima frontiera, ma in questo caso i proprietari dei diritti stanno approntando strategie ad hoc. Nel 2002, i maggiori Studios di Hollywood hanno formato una partnership sotto il marchio Movielink, dietro sollecitazione di Sony, per non farsi trovare impreparati dalle nuove frontiere del file-sharing. Al momento, i due principali marchi presenti negli Usa sono Movielink e Cinemanow. I titoli di successo del box office sono a disposizione dei due servizi dopo pochi mesi dalla loro distribuzione nelle sale e secondo Forrester (aprile 2003) non meno del 15% degli utenti di reti broadband in Usa ha scaricato, almeno una volta, un film legalmente. FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

7 Gli inconvenienti del P2P free Per certi versi, il P2P può apparire come il vero Mantra della distribuzione homevideo risolvendo alla radice il problema della gestione di magazzino e dando la possibilità in tempo reale di accedere al più ampio catalogo di titoli cinematografici esistente al mondo. Da questo punto di vista, il P2P può apparire un competitor inattaccabile. Ed è senz altro vero che gli utenti non saranno facilmente convinti a pagare per contenuti che sono già apparentemente accessibili gratis. Nondimeno, bisogna considerare che i servizi P2P disponibili sono comunque spesso ingannevoli nel senso che gli utenti interessati a scaricare un lungometraggio (0,5-1,5GB), soprattutto se non molto esperti, possono rimanere alla fine delusi del risultato. Vi possono essere, infatti, problemi di qualità video, oppure alla fine del processo di download, dopo estenuanti tempi d attesa che possono durare anche più di un giorno, il film scaricato può addirittura rivelarsi completamente diverso da quello voluto (capita piuttosto spesso). Tali difetti di qualità nel servizio rappresentano la vera opportunità di capitalizzazione del P2P. Al centro di questa evoluzione vi è l emergere di nuovi soggetti, i certificatori del contenuto, capaci di offrire un servizio di verifica della qualità e delle modalità di accesso. Ciò spiega in particolare l ingresso in questo scenario dei colossi del software e dell hi-tech (Microsoft, Intel, Apple, Sony e IBM, solo per citarne alcuni) che di fatto si posizionano a gestire l insieme di tutte le transazioni economiche nella distribuzione di contenuti legali. Tale ingresso è di fatto già consolidato per quanto concerne il mercato della distribuzione musicale on line. Ancora aperto rimane il caso del mercato cinematografico. Per chiarire meglio il discorso, consideriamo due esempi Case-study 1: Kill Bill, ovvero degli inganni del P2P free FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

8 Il 24 ottobre 2003 la prima parte dell ultimo film di Quentin Tarantino, Kill Bill Volume 1, è uscito nelle sale italiane. In realtà, da giorni il titolo era già scaricabile dal network P2P di Kazaa. Tuttavia, dando uno sguardo alla figura, risulta evidente la scarsa qualità del sistema: tra una lunghissima serie di titoli ingannevoli c è un solo file che effettivamente corrisponde al film richiesto, gli altri sono prodotti pornografici o semplici trailer. Case-study 2: The Matrix, ovvero delle opportunità del P2P certificato Si prenda come esempio un utente che stia cercando di scaricare da Kazaa il film The Matrix. Una volta selezionato il file, l utente si ritrova a dover affrontare ben cinque problemi (o incognite), ciascuno dei quali, peraltro, rappresenta anche una opportunità ed una sfida per chi intende capitalizzare il mercato del P2P. Vediamoli nel dettaglio: 1. Velocità del download. In una rete P2P, ogni utente mette a disposizione i file attraverso la propria connessione ad internet. Ciò può risultare particolarmente ingannevole. Ad esempio, l utente che possiede la copia di The Matrix che desidera rendere disponibile per il download, potrebbe presentarsi alla rete con una connessione nominale di tipo fibra ottica (10Mb/s o superiore). Eppure, nulla prova che quell utente abbia realmente tanta capacità, né il potenziale ricevente può essere a conoscenza di quanto la sua connessione sia utilizzata anche da altri utenti. Ciò può condurre alla spiacevole constatazione che i dati sono scaricati ad una velocità di molto inferiore, ad esempio pochi KB al secondo, con conseguente tempo di scaricamento totale che può superare i due giorni. 2. Identità. Una volta completata l operazione di download è molto frequente ritrovarsi con un file che non corrisponde a quello voluto. Proseguendo con l esempio di The Matrix, è altamente probabile che il file scaricato con tanta fatica, benché si chiamasse the Matrix.avi, si riveli in realtà essere un film porno. Peggio ancora, il file potrebbe risultare addirittura criptato in DRM e quindi non apribile senza l acquisto di una licenza digitale. Oltre al danno la beffa: solo dopo aver pagato la licenza si potrà scoprire che il file scaricato non era The Matrix, bensì un film porno. 3. Qualità. Ammettiamo di essere stati particolarmente fortunati e di aver trovato una copia autentica di The Matrix. Quasi certamente, la definizione video sarà molto bassa a causa della scarsa qualità di acquisizione digitale del video, o per l eccessiva compressione. Molto frequente è anche il caso in cui il sonoro risulti pressoché incomprensibile. Non aspettiamoci certo un audio Dolby Digital 5.1 o un video in alta definizione. 4. Sicurezza. E molto difficile prendere un virus da un file avi. Tuttavia esistono formati che possono veicolare spy-ware e perfino virus. Anche se spesso basata su premesse irrazionali, la paura di compromettere la propria sicurezza rappresenta uno dei principali deterrenti allo scaricamento di file illegali su PC. 5. Legalità. Ultimo, ma non per questo meno importante, la paura di infrangere la legge e la crescente inquietudine verso forme di controllo del traffico di rete genera spesso un fortissimo senso di disagio nell utente. FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

9 In conclusione, anche se a prima vista il P2P può apparire come un formidabile competitor, ad uno sguardo più attento risultano evidenti le sue debolezze e, quel che è più importante, le opportunità che si dischiudono. I servizi P2P sono un mercato non presidiato che apre opportunità immense per gli operatori di internet. E quel che è più importante, c è una crescente domanda per servizi P2P che siano in grado di garantire la qualità del servizio e di risolvere le questioni comuni più sgradevoli del file-sharing illegale. La chiave è: certificazione della qualità Il successo della distribuzione cinematografica su internet sta quindi nell emergere di distributori che si occupino della Certificazione dei contenuti e dei servizi che consentono l accesso a tali contenuti. Il P2P si è mostrato uno strumento di incredibile efficienza per la distribuzione cinematografica, ma qualcuno deve gestire la relazione con il cliente finale. I proprietari di diritti saranno in grado di competere con la pirateria solo nel momento in cui comprenderanno che possono offrire un servizio realmente competitivo rispetto a quello che si trova in rete. Nessuno pagherebbe 30 euro per scaricare un film da un servizio P2P. Ma se il film costasse 3 euro? Riassumendo, i fattori di competitività per il file-sharing legale sono: 1. seguire le 5 regole d oro della certificazione del video: a. identità: ossia l utilizzo di tecnologie di DRM e lo sviluppo di brand riconosciuti dal mercato; b. qualità: impiego di tecnologie stato dell arte per codifica dei contenuti (puntando anche sulla distribuzione di formati che supportino l alta definizione e l audio DD 5.1); c. velocità di scaricamento: utilizzo di infrastrutture di rete ad alta capacità, cercando anche accordi con gli ISP e gli operatori di telecomunicazione; d. sicurezza: garantire l assenza di virus, spyware e spam; e. legalità. 2. politica dei prezzi: deve essere resa competitiva, in modo che scaricare un film costi meno che affittare un DVD in videoteca. Il trend è già chiaro negli USA. Operazioni come Movielink e Cinemanow stanno di fatto cercando di intercettare questa domanda di certificazione della qualità. Il meccanismo è talmente chiaro che oggi le major hanno addirittura acquistato alcune società, come ad esempio Overpeer, il cui scopo è quello di diffondere in rete copie false, danneggiate o accessibili solo mediante l acquisto di una licenza per tutti i titoli di maggior prestigio in circolazione (al punto da rendere inefficienti circa il 99% dei tentativi di download illegale). Interessante anche il caso di Bollywood che ha siglato un accordo addirittura con Kazaa, il maggiore software P2P, per il download a pagamento dei film. In Europa esiste solamente il caso di MovieSystem e del portale affiliato NetCine, fondato dal regista Luc Besson e recentemente acquisito da Canal+. Questo lascia un vuoto che, in mancanza di una forte iniziativa da parte dell industria europea, sarà rapidamente e pesantemente occupato dalle major e dai colossi dell industria tecnologica. FONDAZIONE ROSSELLI 15 Giugno

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Progetto SCREEN Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Gianni Celata, Enrico Menduni Università degli Studi Roma Tre Spazio Incontri

Dettagli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero IEM-Fondazione Rosselli La mission Quinto Summit sull Industria della Comunicazione IL DECIMO RAPPORTO IEM Riunire

Dettagli

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Relazione Osservatorio ANFoV, in collaborazione con Baker & McKenzie. Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme

Dettagli

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica digitale quello che bisogna sapere Ci sono molti modi per avere accesso in maniera sicura e legale a musica, film e TV sul web. Questa

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE L ITALIA DELL E-FAMILY RAPPORTO 2005 In collaborazione con Niche Consulting EXECUTIVE SUMMARY 1.1 LA TECNOLOGIA IN CASA: NEL 2004 UNA CRESCITA DIFFERENZIATA Per quasi un decennio e fino al 2003 la diffusione

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA

LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA Obiettivi e struttura del rapporto PARTE PRIMA: IL MERCATO (I) I principali mercati

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Quali scenari dal Mobile Payment?

Quali scenari dal Mobile Payment? Quali scenari dal Mobile Payment? 9 Giugno 2011 Filippo Renga filippo.renga@polimi.it La dinamica del mercato dei Media in Italia: Non Digitali vs. Digitali 16.000 14.000 12.000 14.570 14.150-16% 11.910

Dettagli

rapporto Univideo 2014

rapporto Univideo 2014 rapporto Univideo 2014 sullo stato dell home entertainment in Italia il presente lavoro è stato elaborato da GfK Retail & Technology con la collaborazione di Univideo utilizzando le informazioni disponibili

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

ZOOM SU CONOSCENZE, PERCEZIONI E PRASSI RELATIVE AL DIRITTO D AUTORE L ANALISI MULTIVARIATA Paola Panarese. Pagina 1

ZOOM SU CONOSCENZE, PERCEZIONI E PRASSI RELATIVE AL DIRITTO D AUTORE L ANALISI MULTIVARIATA Paola Panarese. Pagina 1 ZOOM SU CONOSCENZE, PERCEZIONI E PRASSI RELATIVE AL DIRITTO D AUTORE L ANALISI MULTIVARIATA Paola Panarese Pagina Analisi bivariata Per cogliere eventuali punti di convergenza o divergenza nella conoscenza

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Allegato A alla delibera n. 658/15/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Premessa Il presente documento illustra

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2017:

Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2017: Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2017: Nel 2017 il mercato italiano del media e intrattenimento varrà oltre 51 miliardi di (con un CAGR 2013-17 del 3,7%). Il mercato mondiale E&M varrà

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Pirateria: scenario 2011

Pirateria: scenario 2011 Pirateria: scenario 2011 Presentazione della ricerca Ipsos sulla pirateria audiovisiva Casa del Cinema - Roma 19 gennaio 2011 1. Obiettivi e Metodologia 2. Descrizione generale del fenomeno: incidenza

Dettagli

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e telefono: stima del risparmio Indice: Introduzione 1 Il panorama delle Telecomunicazioni in Italia 1 L'evoluzione delle tariffe

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 Sommario 1. Chi siamo Istituzione e obiettivi Quadro comunitario (focus DDA) 2. Come

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

2014-2018. Entertainment & Media Outlook in Italy Executive Summary

2014-2018. Entertainment & Media Outlook in Italy Executive Summary 2014-2018 Entertainment & Media Outlook in Italy Executive Summary 4 Entertainment & Media Outlook in Italy: Executive Summary Executive Summary Panoramica del settore Il valore totale del mercato dei

Dettagli

2006, di un offerta di televisione via DSL ( 2 ). Télé 2 è attiva anche nel settore della telefonia mobile. Introduzione PREMESSA

2006, di un offerta di televisione via DSL ( 2 ). Télé 2 è attiva anche nel settore della telefonia mobile. Introduzione PREMESSA Il 18 luglio 2007 la Commissione ha adottato una decisione in un caso di concentrazione in conformità del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio, del 20 gennaio 2004, relativo al controllo delle concentrazioni

Dettagli

INFOSECURITY. Le iniziative di Federcomin per il commercio elettronico sicuro. Pietro Varaldo Direttore Generale Federcomin

INFOSECURITY. Le iniziative di Federcomin per il commercio elettronico sicuro. Pietro Varaldo Direttore Generale Federcomin INFOSECURITY Le iniziative di Federcomin per il commercio elettronico sicuro Milano, 12 febbraio 2004 (ore 16) Fiera di Milano, Sala 3-Camperio Pietro Varaldo Direttore Generale Federcomin Ecommerce: i

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI

L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI Riflessioni sull evoluzione della distribuzione dei contenuti SOMMARIO Aumentano le vie di distribuzione... 3 Web e TV, il giornalismo partecipativo... 3

Dettagli

Il contenuto culturale nell'ambiente online: come analizzare il trasferimento di valore. Executive summary

Il contenuto culturale nell'ambiente online: come analizzare il trasferimento di valore. Executive summary Il contenuto culturale nell'ambiente online: come analizzare il trasferimento di valore Executive summary Trani, Novembre 2015 Premessa Questo report è stato preparato con il supporto e su richiesta di

Dettagli

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Lo sviluppo dell IPTV in Italia Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Mercato IPTV Italia Dati in migliaia 1000 900 800 700 600 500 400 300 200 100 0 939 745 587 263

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

L EXPORT DI CINEMA ITALIANO 2006-2010

L EXPORT DI CINEMA ITALIANO 2006-2010 L EXPORT DI CINEMA ITALIANO 2006-200 Venezia, 4 settembre 202 La ricerca ANICA 2006-200 Indagine su dinamiche, volumi e valori economici dell esportazione dei film italiani all estero. Monitoraggio risultati

Dettagli

I Widget sbarcano sulla Connected TV

I Widget sbarcano sulla Connected TV I Widget sbarcano sulla Connected TV Il valore di Internet e dei suoi contenuti/servizi lo si intuisce dalla capacità di muovere il mercato dei dispositivi perché siano completamente liberi e in grado

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Lo switch over da broadcast a ultra broadband

Lo switch over da broadcast a ultra broadband Lo switch over da broadcast a ultra broadband Gli autori e i produttori audiovisivi sono stakeholder interessati al successo del Strategia italiana per la banda ultralarga e della Strategia per la crescita

Dettagli

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione CAPITOLO I Informazioni complessive sul campione I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING Informazioni complessive sul campione 1. Descrizione In questa sezione

Dettagli

Diritto d autore e nuove tecnologie

Diritto d autore e nuove tecnologie Diritto d autore e nuove tecnologie Capitolo I: Il diritto d autore 1. Origini del diritto sulle opere dell ingegno. 2. La normativa italiana 3. La legge 22 aprile del 1941 n. 633 sul diritto d autore

Dettagli

L INDUSTRIA CINEMATOGRAFICA

L INDUSTRIA CINEMATOGRAFICA L INDUSTRIA CINEMATOGRAFICA Cinema ( cinematografo ): spettacolo registrato su pellicola consistente in proiezione di immagini in movimento, rese disponibili ( distribuite ) in sale cinematografiche o

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Roma, 9 luglio 2013 AGENDA 2 Introduzione L ecosistema digitale: la dieta degli italiani

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

rapporto Univideo 2013 sullo stato dell home entertainment in Italia

rapporto Univideo 2013 sullo stato dell home entertainment in Italia rapporto Univideo 2013 sullo stato dell home entertainment in Italia il presente lavoro è stato elaborato da GfK Retail & Technology con la collaborazione di Univideo utilizzando le informazioni disponibili

Dettagli

Questionario di Tecnologica Residenziale per i Clienti

Questionario di Tecnologica Residenziale per i Clienti LIBRO BIANCO Questionario di Tecnologica Residenziale per i Clienti 2015 CEDIA RELATIVAMENTE A QUESTO DOCUMENTO: La richiesta di tecnologia presente nelle abitazioni è in continuo e costante aumento: un

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno.

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno. Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 18,79 milioni di euro L Ebitda migliora di 1,02 milioni, a -0,91 milioni di euro Milano 14

Dettagli

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it IPTV IPTV, o Internet Protocol Television è il generico acronimo per una serie di sistemi con i quali i segnali televisivi, o genericamente i contenuti video, sono distribuiti agli utenti utilizzando tecnologie

Dettagli

Multicast e IPTV. Come e perché? Marco d Itri Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006. Seeweb S.r.l.

Multicast e IPTV. Come e perché? Marco d Itri <md@linux.it> Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006. Seeweb S.r.l. Multicast e IPTV Come e perché? Marco d Itri Seeweb S.r.l. Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006 Multicast Cosa è multicast Un metodo per inviare dati: in tempo reale efficientemente a un grande

Dettagli

UNIVERSITA': A TERAMO MASTER PER MANAGER DELLA FILIERA CEREALICOLA. Venerdì 15 dicembre 2006

UNIVERSITA': A TERAMO MASTER PER MANAGER DELLA FILIERA CEREALICOLA. Venerdì 15 dicembre 2006 UNIVERSITA': A TERAMO MASTER PER MANAGER DELLA FILIERA CEREALICOLA (PRIMA) TERAMO Si terranno venerdì 15 e sabato 16 dicembre, nell Aula A della Facoltà di Agraria, a Mosciano Sant Angelo, i seminari conclusivi

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Progetto di ricerca. I comportamenti di consumo nel file sharing. Il caso italiano

Progetto di ricerca. I comportamenti di consumo nel file sharing. Il caso italiano Progetto di ricerca I comportamenti di consumo nel file sharing. Il caso italiano 1 Indice Progetto p.3 Elenco dei partner p.9 Comitato scientifico p.10 Dati anagrafici della Fondazione Einaudi p.11 Recapiti

Dettagli

Primario operatore europeo nei cartoons Pag. 1. Produzione e distribuzione di cartoons per la TV ed il cinema Pag. 3. I settori correlati Pag.

Primario operatore europeo nei cartoons Pag. 1. Produzione e distribuzione di cartoons per la TV ed il cinema Pag. 3. I settori correlati Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA GRUPPO MONDO TV Primario operatore europeo nei cartoons Pag. 1 Produzione e distribuzione di cartoons per la TV ed il cinema Pag. 3 I settori correlati Pag. 6 La

Dettagli

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET Una guida per i genitori sul P2P e la condivisione di musica in rete Cos è il P2P? Come genitore hai probabilmente già sentito tuo figlio parlare di file sharing, P2P (peer

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli

Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto

Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto 2/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Continua l inchiesta sull e-book in Italia: dopo aver visto che cos è e come funziona il libro digitale,

Dettagli

AUTORI NELLA RETE. Il mercato dei contenuti audiovisivi online. Andrea Marzulli

AUTORI NELLA RETE. Il mercato dei contenuti audiovisivi online. Andrea Marzulli Come tutelare il diritto d autore e la libertà d espressione online Indice: Il mercato del film on demand Il mercato della Tv online Contributo alla creazione e diritto d autore 2 Il perimetro: per film

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

L industria musicale e le principali professioni

L industria musicale e le principali professioni L industria musicale e le principali professioni Questo testo sintetizza le funzioni e i ruoli delle principali figure professionali dell industria musicale e discografica, menzionando persone e strutture

Dettagli

Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet. Augusto Preta ITMedia Consulting

Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet. Augusto Preta ITMedia Consulting Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet ITMedia Consulting Roma - 27 maggio 2014 Struttura della presentazione Principali tendenze nel mondo internet Radio, televisione, internet: una prospettiva

Dettagli

CHI HA PAURA E CHI FA PAURA ALLA RETE? OPPORTUNITA E RISCHI DEL WEB PER I MINORI

CHI HA PAURA E CHI FA PAURA ALLA RETE? OPPORTUNITA E RISCHI DEL WEB PER I MINORI CHI HA PAURA E CHI FA PAURA ALLA RETE? OPPORTUNITA E RISCHI DEL WEB PER I MINORI Report a cura del Centro Studi Sommario Introduzione... 2 Le dimensioni del fenomeno: Bambini on line in Europa... 2 e in

Dettagli

News. Digitale: la convergenza sta moltiplicando le opportunità, ma l'italia necessita dei gi...

News. Digitale: la convergenza sta moltiplicando le opportunità, ma l'italia necessita dei gi... Pagina 1 di 5 Advisory Board Home Page Presentazioni Vincitori e Vinti Figure e Tabelle RecenSiti Papers Profili Societari Reports Canale PodCast Cerca nel Sito Media Tecnologie Tv generalista Tv digitale

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

rapporto Univideo 2015 sullo stato dell home entertainment in Italia

rapporto Univideo 2015 sullo stato dell home entertainment in Italia rapporto Univideo 2015 sullo stato dell home entertainment in Italia il presente lavoro è stato elaborato da GfK Italia con la collaborazione di Univideo utilizzando le informazioni disponibili al 25 maggio

Dettagli

Drm e modelli di business a confronto: quali possibilità di sviluppo per una piattaforma aperta?

Drm e modelli di business a confronto: quali possibilità di sviluppo per una piattaforma aperta? Seminari Fondazione Ugo Bordoni Roma, 30 gennaio 2008 Drm e modelli di business a confronto: quali possibilità di sviluppo per una piattaforma aperta? IEM-Fondazione Rosselli Indice 1. Attori coinvolti

Dettagli

Situazione al quarto trimestre 2003

Situazione al quarto trimestre 2003 IL TERMOMETRO DELLA NET ECONOMY Situazione al quarto trimestre 2003 In collaborazione con Tavola dei contenuti 1. Temperatura Sistema Italia... 5 2. La situazione al 4 trimestre 2003... 6 2.1. L audience

Dettagli

L azienda di fronte all e-business

L azienda di fronte all e-business L azienda di fronte all e-business Opportunità per le imprese Il cambiamento portato dalla Rete produce opportunità e benefici: ma l ottenimento dei risultati positivi è frutto di una revisione degli stili

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1

LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1 LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1 Il settore televisivo italiano ha subito, nell ultimo decennio, una notevole trasformazione dal punto di vista

Dettagli

La regolamentazione del diritto d autore : IL RUOLO DELLA S.I.A.E.

La regolamentazione del diritto d autore : IL RUOLO DELLA S.I.A.E. La regolamentazione del diritto d autore : IL RUOLO DELLA S.I.A.E. Società Italiana degli Autori ed Editori - Sede di Bologna Angelo Pediconi Gianni Cavarocchi LA SIAE : LA STRUTTURA La SIAE è un ente

Dettagli

Digital Rights Management

Digital Rights Management Università Ca'Foscari di Venezia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Digital Rights Management Autore: Simone Favaretto Docente: Maurizio Marek DRM Digital

Dettagli

Introduzione. Scegli un doctor o un servizio

Introduzione. Scegli un doctor o un servizio Introduzione Guasti e malfunzionamenti sono all ordine del giorno su computer e altri dispositivi digitali. Non per questo ogni volta che si presenta un problema, è necessario correre dal primo tecnico

Dettagli

E-Commerce Il settore della musica. Vladi Finotto Vfinotto@unive.it

E-Commerce Il settore della musica. Vladi Finotto Vfinotto@unive.it E-Commerce Il settore della musica Vladi Finotto Vfinotto@unive.it Obiettivi Digitalizzazione: la ri-definizione dell industria musicale E-commerce e musica Il caso Itunes Il valore della musica: oltre

Dettagli

Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2012

Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2012 Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2012 ERA DIGITALE: E LA FINE DELL INIZIO. ORA LE SOCIETÀ DEL MEDIA DEVONO IMPLEMENTARE LE PROPRIE STRATEGIE DIGITAL E NON. Nel 2016 il mercato mondiale

Dettagli

Nuovo identikit dello spettatore Fruizione cinematografica in sala e downloading da Internet

Nuovo identikit dello spettatore Fruizione cinematografica in sala e downloading da Internet Indagine realizzata con il contributo della Direzione Generale Cinema Ministero per i Beni e le Attività Culturali Presentazione dei risultati Roma, 6 febbraio 2007 Premessa L ANICA ha chiesto all'istituto

Dettagli

Nuvola digitale. Quanto è pulita?

Nuvola digitale. Quanto è pulita? Nuvola digitale. Quanto è pulita? Presentazione del rapporto di Greenpeace International How clean is your cloud? La nuvola e noi Facebook, Amazon, Apple, Microsoft, Google, Yahoo! e altri nomi, magari

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare 7 Ecommerce di Gianluca Diegoli 1. Alcune leggende da sfatare Si pensa spesso, da parte di un imprenditore, all ecommerce come a una panacea per un fatturato stagnante, o peggio come un arma magica che

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro Introduzione all economia dell informazione Varian, Farrell, Shapiro In economia, l informazione ha un duplice ruolo. Da un lato, l informazione perfetta è un elemento chiave per raggiungere l efficienza:

Dettagli

Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere

Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.. Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere Partner Taminco Settore di mercato Industria chimica

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI I motori di ricerca non sono più solamente lo strumento per arrivare ai siti web, ma sono anche e sempre più il principale strumento di accesso alle informazioni

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Ottava lezione Riproduzione e circolazione dei beni tutelati dal diritto d'autore Il caso Betamax Il caso

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE Tv digitale terrestre, internet a banda larga, ricezione dei telefoni cellulari, ma anche possibilità di

Dettagli

LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale

LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale Welcome to the new TV Augusto Preta, Senior Partner FNSI, Roma, 30 ottobre 2014 Introduzione Turning Digital, giunto alla dodicesima edizione, è un analisi globale

Dettagli

Lunedì 4 marzo 2002. Amministratore Delegato E-Venture

Lunedì 4 marzo 2002. Amministratore Delegato E-Venture Seminario Lunedì 4 marzo 2002 Amedeo Levorato Amministratore Delegato E-Venture Embedded Internet Da Media a Mezzo Chi guarda le auto che passano? 1 Lo scenario macroeconomico L economia europea ha vissuto

Dettagli