NEWS. Fondapi e la sostenibilità. Marzo 2015 Fondapi e la sostenibilità n.3. Cari Soci, lavoratori e aziende,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWS. Fondapi e la sostenibilità. Marzo 2015 Fondapi e la sostenibilità n.3. Cari Soci, lavoratori e aziende,"

Transcript

1 NEWS Marzo 2015 Fondapi e la sostenibilità n.3 Fondapi e la sostenibilità Cari Soci, lavoratori e aziende, Fondapi dal 2008 ha avviato una decisa attività di investimento che tiene conto dei principi di investimento responsabile: le risorse, i contributi dei lavoratori, vengono investite dai gestori internazionali all interno di un ampia selezione di azioni e obbligazioni. Per la selezione dei titoli tuttavia i gestori: - si confrontano con le migliori società che vantano il rispetto dei criteri di sostenibilità sociale, ambientale e di governance, sia in termini di rischio che di performance; - non possono investire in aziende (circa il 6% del totale investibile) che presentano i più bassi livelli di sostenibilità ESG. Ma cosa significa investimento sostenibile e responsabile (ESG)? Si tratta di considerare non solo le performance di determinate classi di beni investibili, ma di analizzare tutti gli attivi e verificare il rispetto dei tre fattori sinteticamente indicati nella tabella I più importanti fattori di investimento ESG: Ambientale Sociale Governance Inquinamento (prevenzione della contaminazione del suolo, dell'aria e dell'acqua per l'intera catena del valore Trattamento dei rifiuti e riciclaggio Cambiamenti climatici (utilizzo limitato ed efficiente di materie prime e di energia, riduzione di CO2, energie rinnovabili) Salute e sicurezza (riduzione di incidenti e vittime, salute e certificazione di sicurezza) Lotta alle discriminazioni nella forza lavoro, contratti a tempo Attività di microfinanza, comunità di reinvestimento corruzione, riciclaggio di denaro Diritti degli azionisti (un'azione, un voto) Presidente separato da Amministratore Delegato, Consiglio di amministrazione indipendente Strutture di governance, controversie sui compensi Il mercato finanziario in questi ultimi anni sta evolvendo in modo deciso verso questo tipo di analisi che consentono, nel tempo, di mitigare anche i rischi di investire in aziende che hanno minori qualità nel mantenere il posizionamento nel settore di riferimento. Fondapi, con l ausilio di ING Investment Management, uno dei gestori del Fondo propone una rubrica di approfondimento che analizza in questo terzo numero: FOCUS SULLA STAGIONE DELLE ASSEMBLEE DEGLI AZIONISTI 2014 Buona lettura.

2 ING Sustainable Equity Focus sulla stagione delle assemblee degli azionisti 2014

3 FOCUS SULLA STAGIONE DELLE ASSEMBLEE DEGLI AZIONISTI INTRODUZIONE... 2 L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI VOTO PER ING IM... 2 LA VOTING SEASON IN EUROPA... 3 LA VOTING SEASON NEI PAESI BASSI... 5 QUESTIONI AMBIENTALI E SOCIALI... 6 PREVISIONI PER LA STAGIONE DELLE ASSEMBLEE DEGLI AZIONISTI NOTIZIE ESG... 7 AMBIENTE MARCIA INDIETRO DELL AUSTRALIA SULLA CARBON TAX... 7 SOCIETÀ LA ROADMAP DELL OMS PER COMBATTER IL VIRUS EBOLA... 7 GOVERNANCE IL RAPPORTO DELLA COMMISSIONE AFFARI LEGALI BRITANNICA SUL DOVERE FIDUCIARIO

4 Tema in evidenza: La stagione delle assemblee degli azionisti 2014 Introduzione Alla fine dello scorso decennio gli investitori istituzionali sono stati accusati di essere proprietari assenti, restii a partecipare in modo costruttivo alla gestione delle società quotate in cui investivano. I politici e gli enti normativi li hanno esortati ad assumersi più seriamente le proprie responsabilità, tra le quali l esercizio dei diritti di voto alle assemblee degli azionisti, mentre secondo la Commissione europea gli azionisti avrebbero scarso interesse ad attribuire ai manager delle società la responsabilità delle loro decisioni e azioni. Gli ultimi anni sono stati teatro di misure e iniziative politiche volte ad aumentare il coinvolgimento degli azionisti. Un esempio in tal senso è lo Stewardship Code elaborato nel Regno Unito, che definisce i principi di una gestione efficace da parte degli investitori. Una delle best practice indicate dallo Stewardship Code prevede che gli investitori istituzionali votino per tutte le azioni detenute. Le best practice contenute in tale Codice sono divenute la norma per altri codici simili redatti negli ultimi anni. Nei Paesi Bassi la maggior parte degli investitori istituzionali segue le best practice per il coinvolgimento nell azionariato definite dal Forum sulla corporate governance olandese Eumedion, che prendono spunto dal Codice di governo delle imprese olandese (Codice Frijns). Oltre alle responsabilità supplementari, gli azionisti hanno ricevuto anche ulteriori diritti per attribuire precise responsabilità al management delle società in cui investono, per esempio attraverso l introduzione delle cosiddette clausole say on pay (letteralmente dichiara lo stipendio ) in numerosi mercati di tutto il mondo, che hanno conferito agli azionisti il diritto di voto sulle retribuzioni dei manager. In risposta a questi sviluppi, un numero crescente di investitori istituzionali ha iniziato a esercitare i propri diritti di voto. Nel periodo si è verificato un costante aumento della presenza di votanti alle assemblee degli azionisti nei Paesi Bassi e in Europa in generale, grazie anche all applicazione della Direttiva sui diritti degli azionisti in tutti gli stati membri dell Ue a partire dal Tale Direttiva ha eliminato una serie di barriere che impedivano agli investitori istituzionali di esercitare il diritto di voto a livello internazionale, e nel caso di ING Investment Management International ( ING IM ) ha agevolato l esercizio del voto in paesi quali Francia, Italia e Spagna. In Europa, nelle Americhe e in Asia quasi tutte le società hanno convocato l assemblea annuale degli azionisti nel primo semestre del Il presente report tematico evidenzia i principali trend e sviluppi emersi dalla stagione delle assemblee degli azionisti 2014, con un approfondimento sui voti espressi da ING IM. ING IM intende sostenere o potenziare le proprie motivazioni di investimento in una società grazie a un adeguato livello di coinvolgimento e impegnandosi a esercitare i propri diritti di voto in tutti i mercati internazionali. Attraverso l esercizio del voto assembleare, ING IM ha la possibilità di influire sulle decisioni riguardanti, per esempio, la nomina degli amministratori, la politica di remunerazione e l'emissione di nuove azioni. In tal senso, gli investitori hanno un importante ruolo da svolgere nell assicurare opportuni controlli e verifiche presso le società in cui investono. Fonte: L esercizio dei diritti di voto per ING IM Nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 ottobre 2014 ING IM ha esercitato i propri diritti di voto a circa 1480 assemblee degli azionisti in 51 paesi di tutto il mondo. Per conto della Strategia Sustainable Equity abbiamo votato in occasione di 106 assemblee a livello globale. Nella maggior parte dei casi il voto è stato elettronico, ma talora riteniamo più efficace partecipare di persona per avere un confronto diretto con i membri del consiglio di amministrazione e del consiglio di vigilanza. In particolare, siamo stati rappresentati alle assemblee degli azionisti delle società olandesi Ahold, Corbion, Fugro e PostNL. La politica di voto di ING IM, riportata sul sito della società, è il punto di partenza di tutte le nostre decisioni di voto e descrive il nostro orientamento sulle deliberazioni standard poste all ordine del giorno delle assemblee ordinarie e straordinarie delle 2 2

5 società in cui investiamo. I lavori assembleari delle società olandesi presenti nei nostri portafogli e di tutte le società detenute dal comparto Sustainable Equity sono esaminati individualmente da un comitato interno per l esercizio del diritto di voto per delega, del quale fanno parte i gestori di portafoglio al fine di assicurare un chiaro collegamento tra le nostre attività di voto e di investimento. Poiché gestiamo un ampio portafoglio azionario per conto dei nostri clienti non possiamo votare manualmente a tutte le assemblee degli azionisti nel mondo, pertanto abbiamo definito politiche di voto ad hoc per assicurare che tutti i voti espressi siano in linea con la politica di voto per delega di ING IM. Tutti i voti espressi da ING IM alle assemblee degli azionisti sono riportati sul sito della società. Tabella 1. Giurisdizioni in cui ING IM ha esercitato con maggiore frequenza il diritto di voto dall inizio del 2014 Tabella 2. Voti espressi da ING IM in percentuale sugli argomenti oggetto di delibera (dall inizio del 2014) Paese Numero di assemblee in cui ha votato ING IM Stati Uniti 360 Giappone 205 Regno Unito 128 Hong Kong 110 Canada 61 Francia 54 Paesi Bassi 48 Germania 36 Belgio 33 Svizzera 31 Russia 29 La stagione di voto in Europa Come già accennato nella sezione introduttiva, le modifiche apportate alle leggi e ai principi di corporate governance negli ultimi anni hanno conferito agli azionisti ulteriori diritti per attribuire precise responsabilità al management delle società in cui investono. In diversi mercati europei sono state introdotte le cosiddette clausole say on pay (letteralmente dichiara lo stipendio ), che consentono agli azionisti di votare sui livelli di retribuzione dei manager. Inoltre, alcuni paesi europei hanno introdotto una norma che stabilisce l obbligo per gli amministratori di essere rieletti su base annua. Nei Paesi Bassi i membri del consiglio di vigilanza di una società sono eletti per un periodo di quattro anni, mentre nel Regno Unito e in Svizzera restano in carica un anno. In questo modo, per gli investitori è più facile attribuire agli amministratori le rispettive responsabilità per il loro operato durante l'esercizio in esame. Secondo un recente studio condotto da ISS, questi ulteriori diritti riconosciuti agli azionisti hanno fatto aumentare il numero medio di argomenti all ordine del giorno delle assemblee degli azionisti delle società europee. Nel 2008 le delibere all ordine del giorno erano state mediamente 12 per le assemblee delle maggiori società europee, mentre nel 2014 il numero medio è salito a 14,5. Figure 1. Numero medio di delibere per assemblea degli azionisti ( ) Fonte: ISS 2014 Report 2014 sui risultati di voto: Europa 3 3

6 Compensi ai manager La questione della remunerazione dei manager, sotto i riflettori già da diversi anni, costituisce un importante argomento di discussione in occasione delle assemblee degli azionisti, e anche nel 2014 ha rappresentato in molti casi uno dei principali motivi d interesse. L attenzione degli investitori deriva in particolare dal fatto che da quest anno tutte le banche e le istituzioni finanziarie europee hanno l obbligo di rispettare il tetto della retribuzione variabile stabilito dalla IV Direttiva sui requisiti di capitale (CRD IV), in base alla quale il bonus massimo che può essere corrisposto ai manager di un istituto finanziario non deve superare la componente fissa / lo stipendio di base. Tuttavia, con l esplicito accordo degli azionisti, i livelli massimi dei bonus corrisposti ai manager possono arrivare fino al doppio della componente fissa / dello stipendio di base. Quest anno, durante la stagione delle assemblee, molte banche e istituzioni finanziarie europee hanno quindi chiesto agli azionisti l autorizzazione ad aumentare i livelli massimi dei bonus per i manager fino al doppio della componente fissa / dello stipendio di base. Nel 2014 gli azionisti del Regno Unito hanno espresso per la prima volta un voto vincolante sulle politiche di remunerazione dei manager, oltre al voto consultivo (clausole say-on-pay ) sulla relazione sulla remunerazione a cui avevano già diritto. Le nuove regole mirano ad assicurare maggiore trasparenza sulla remunerazione degli amministratori, incoraggiando il coinvolgimento degli azionisti nella realtà societaria. In diversi paesi europei, tra i quali Francia, Spagna e Svizzera, le società hanno introdotto il voto say on pay su tutte le retribuzioni corrisposte durante l esercizio in esame. La relazione sulla remunerazione indica le modalità seguite dal consiglio di amministrazione della società nell applicare la politica sulla remunerazione dei manager, illustrando nello specifico gli stipendi effettivamente corrisposti. Da quando gli azionisti hanno ottenuto il diritto di voto sulla remunerazione dei manager, ING IM ha iniziato ad affrontare più spesso questo tema durante i suoi incontri con le società. Le aziende sono tenute a garantire che la remunerazione complessiva dei manager sia allineata ai risultati aziendali. Gli obiettivi che i manager devono conseguire per ottenere i bonus devono comparire nella documentazione di bilancio della società ed essere sufficientemente ambiziosi. Un argomento spesso dibattuto riguarda il rapporto tra gli obiettivi fissati per i bonus e gli obiettivi strategici di una società. La Board diversity Negli ultimi due anni molti paesi europei hanno inserito riferimenti normativi o apposite disposizioni nei codici di corporate governance per assicurare la nomina di un maggior numero di amministratori di sesso femminile nei consigli di amministrazione delle società. L argomento della Board diversity sta inoltre diventando oggetto di un costante confronto tra investitori e realtà aziendali. Pur non rappresentando un argomento da deliberare separato nell ordine del giorno delle assemblee degli azionisti, la Board diversity è un aspetto considerato sempre più spesso dagli investitori per valutare la composizione complessiva del consiglio di amministrazione. Non tutti i paesi europei hanno introdotto il cosiddetto quorum di genere, tuttavia in numerosi mercati europei si è registrato un aumento del numero di amministratori donna nominati nei board aziendali nel 2014: Figura 2. Rappresentazione delle donne nei consigli di amministrazione europei Fonte: Analisi Egon Zehnder sulla Board diversity in Europa e in una prospettiva globale Anche ING IM ritiene che la composizione dei consigli di amministrazione dovrebbe garantire la diversità. Questo non significa solo diversità di genere: ciò che serve è il giusto mix di preparazione, indipendenza, competenza, esperienza nel settore e diversità di prospettive per generare sfide efficaci, apertura al confronto e obiettività del processo decisionale. 4 4

7 La stagione di voto nei Paesi Bassi Negli ultimi due anni si è osservato un aumento della presenza di votanti alle assemblee degli azionisti delle società quotate olandesi: nel 2014 il dato medio per le società quotate all indice AEX si è attestato al 70% del capitale azionario emesso (2013: 63%). Nel periodo la presenza media di votanti alle assemblee degli azionisti nei Paesi Bassi è quasi raddoppiata. Gli argomenti che hanno caratterizzato la stagione di voto olandese sono stati, ancora una volta, i compensi ai manager e le politiche di remunerazione, la rotazione delle società di revisione e un focus più spiccato sulle procedure di audit interne a seguito dei rilievi sulle procedure contabili riportati dalle società Douwe Egberts Master Blenders 1753, Imtech, Fugro e Brunel International. ING IM è membro di Eumedion, il Forum olandese sulla corporate governance che ogni anno, prima dell avvio della stagione delle assemblee, invia una Focus Letter a tutte le società olandesi quotate per presentare gli argomenti che i membri del Forum ritengono particolarmente interessanti per l anno successivo, e che meritano quindi maggiore attenzione da parte del management. Gli argomenti affrontati nella Focus Letter sono discussi anche dagli investitori istituzionali durante i loro incontri con le società quotate olandesi. Nell edizione 2014 della sua Focus Letter, Eumedion ha invitato le società di revisione e le società quotate a fornire, insieme al bilancio annuale, una relazione di certificazione più dettagliata e specifica per le società esaminate. Queste informazioni dovrebbero consentire agli investitori di comprendere meglio i principali rischi connessi all'attività di una società. Anche nei Paesi Bassi la remunerazione dei manager si conferma un argomento di grande attualità Nei Paesi Bassi gli azionisti sottopongono a costante scrutinio i compensi dei manager, e come negli anni precedenti la politica di remunerazione è stata attentamente dibattuta in occasione delle assemblee degli azionisti. Nei Paesi Bassi gli azionisti possono esprimere un voto vincolante su eventuali modifiche alla politica di remunerazione della società. Sempre più spesso le società prestano ascolto alle opinioni degli azionisti prima di decidere le politiche di remunerazione, pubblicando anticipatamente l ordine del giorno delle assemblee e la relativa documentazione. Grazie a questo dialogo più aperto tra società e azionisti in vista dell assemblea, i casi di dissenso sulle proposte di delibera relative alle remunerazioni risultano limitati. Anche ING IM è stata invitata da diverse società a discutere tali proposte prima dello svolgimento dell assemblea degli azionisti. Quest'anno i consigli di vigilanza di due società olandesi quotate sono stati criticati dagli azionisti in quanto avrebbero utilizzato il proprio potere discrezionale per allentare i criteri sui bonus o per concedere ulteriori gratifiche. Il consiglio di vigilanza del produttore olandese di birra Heineken ha ridotto gli obiettivi di performance per i bonus a lungo termine dei membri del suo comitato esecutivo. A seguito di questa decisione, per i membri del comitato esecutivo è diventato più semplice percepire un bonus a lungo termine per i due anni successivi, mentre inizialmente sembrava che non avrebbero ricevuto alcun premio a causa dei risultati in calo. In risposta a questa decisione, ING IM ha votato contro l approvazione dell operato del consiglio di vigilanza per segnalare il suo dissenso sulla decisione di allentare i criteri relativi ai bonus. In un altro caso, il consiglio di vigilanza della società biotecnologica olandese Corbio ha previsto per i propri direttori esecutivi un bonus speciale, riconosciuto per avere concluso con successo la vendita delle divisioni commerciali dell azienda. Secondo ING IM, la vendita di una divisione commerciale (grande o piccola che sia) rientra tra le normali responsabilità dei direttori esecutivi, ai quali la politica di remunerazione della società attribuisce già uno stipendio base più i bonus. In occasione dell assemblea degli azionisti ING IM ha votato contro la proposta di corrispondere uno speciale bonus sulle operazioni concluse ai direttori esecutivi. Poiché la maggior parte degli azionisti ha espresso parere contrario alla proposta, il bonus in questione è stato respinto. Rotazione delle società di revisione A partire dal 1 gennaio 2016, le società olandesi quotate in borsa saranno tenute a cambiare società di revisione almeno ogni otto anni. Già nel 2013 diverse società avevano cambiato società di revisione in vista dell entrata in vigore di questa norma, mentre quest anno sono state almeno 21 le società quotate che hanno sottoposto agli azionisti la nomina di una nuova società di revisione. Anche il processo di rotazione delle società di revisione è stato un argomento ricorrente negli incontri tra ING IM e le società olandesi in portafoglio. Particolare attenzione è stata dedicata ad aspetti quali la presentazione delle offerte, i criteri di selezione e l eventuale esclusione di determinate società di revisione dalla procedura di gara. Nel 2014 ING IM ha votato a favore di tutte le proposte relative alla nomina di nuove società di revisione. 5 5

8 Questioni ambientali e sociali Le risoluzioni degli azionisti sono proposte di voto sottoposte dagli azionisti all assemblea di una società, in molti casi per richiamare l attenzione su aspetti di carattere ambientale, sociale e di governance. Soprattutto negli Stati Uniti, gli azionisti fanno spesso ricorso all opportunità di presentare risoluzioni. Nel 2014 le proposte degli azionisti avanzate dagli investitori hanno riguardato un ampia gamma di questioni ambientali e sociali. Secondo i dati raccolti dal Proxy Advisor ISS, quest anno è stato presentato un numero record di proposte degli azionisti. Come già accaduto nei due anni precedenti, tali risoluzioni riguardavano prevalentemente l attività societaria in ambito politico: attraverso queste proposte gli azionisti hanno chiesto alle società maggiore trasparenza sulle donazioni a partiti politici e sulle attività di lobbying. Il Proxy Advisor ISS ha rivelato che nel 2014 gli azionisti hanno presentato un numero record di proposte relative al cambiamento climatico, tra le quali figurano la richiesta alle società di rivelare i propri obiettivi di emissione di gas serra nonché i rischi finanziari, operativi e fisici legati al cambiamento climatico, come pure proposte per chiedere alle società di pubblicare un rapporto di sostenibilità. ING IM sostiene le proposte degli azionisti se ritiene che contribuiscano ad affrontare importanti questioni sociali e ambientali di rilievo per la società, seguendo comunque un approccio razionale di analisi delle proposte presentate: se dal nostro esame risulta che una società affronta già adeguatamente la richiesta citata nella risoluzione degli azionisti, possiamo decidere di non sostenere tale proposta. Lo stesso vale se riteniamo che la proposta degli azionisti sia redatta in modo incompleto, o le argomentazioni non siano convincenti. La tabella 3 riporta alcuni esempi di risoluzioni degli azionisti su cui abbiamo votato nel periodo 1 gennaio 31 ottobre Sebbene sosteniamo le idee che hanno dato origine a tutte le proposte evidenziate nella tabella 3, abbiamo espresso parere contrario nei casi in cui ritenevamo che le società avessero già affrontato adeguatamente le problematiche rilevate nella proposta degli azionisti. Tabella 3. Esempi di proposte degli azionisti relative a questioni ambientali e sociali oggetto di voto nel 2014 Società Proposta degli azionisti Voto di ING IM Motivazione Apple Inc. Costituire una commissione consiliare sui diritti umani Contrario Apple è stata effettivamente associata a controversie relative a violazioni dei diritti umani e questioni sindacali a causa delle condizioni di lavoro presso alcuni suoi fornitori, ma il management della società ha adottato una serie di misure per affrontare la situazione. Intendiamo monitorare attentamente le attività della società sul fronte dei diritti umani, tuttavia riteniamo che la proposta in questione sia troppo prescrittiva. AT&T Inc. Redigere un rapporto sui contributi politici indiretti FAVOREVOLE Abbiamo sostenuto questa proposta in quanto gli azionisti trarrebbero beneficio dalla disponibilità di maggiori informazioni sulla partecipazione della società alle associazioni di settore e sui relativi esborsi. E.l. du Pont de Nemours and company Redigere un rapporto sull uso di erbicidi sui raccolti OGM (geneticamente modificati) Contrario Abbiamo votato contro in quanto DuPont fornisce informazioni sul proprio sito web in merito alle iniziative e alle pratiche di product stewardship della società, comprese le informazioni sugli erbicidi e sul loro utilizzo. Emerson Electric Co. Redigere un rapporto di sostenibilità FAVOREVOLE Abbiamo sostenuto questa proposta alla luce dei vantaggi che deriverebbero agli azionisti da un'informativa più completa sull'impegno alla sostenibilità della società. Kellogg company Redigere un rapporto sul quadro di valutazione dei rischi collegati ai diritti umani FAVOREVOLE Per gli azionisti sarebbe utile ricevere ulteriori informazioni sul processo di valutazione adottato dalla società in merito ai rischi collegati ai diritti umani e alla gestione della compliance con le proprie politiche. Kraft Foods Group Inc. Valutare l impatto ambientale degli imballaggi non riciclabili Favorevole Abbiamo sostenuto questa proposta in quanto un rapporto sulla valutazione dei rischi reputazionali, operativi e finanziari derivanti dall uso continuativo di imballaggi non riciclabili offrirebbe agli azionisti una visione più chiara dell impegno della società per gestire i rifiuti post-consumo generati dai propri prodotti. 6 6

9 Previsioni per la stagione delle assemblee degli azionisti 2015 Non ci vuole la sfera di cristallo per prevedere che la remunerazione dei manager continuerà a essere un tema assai dibattuto anche nel Nei Paesi Bassi, per esempio, molti istituti finanziari saranno assoggettati a un tetto massimo del 20% per i bonus variabili, che pertanto non potranno superare il 20% dello stipendio fisso. Il quadro normativo olandese diverrà quindi più severo rispetto a quello europeo, che prevede un limite massimo per i bonus variabili pari al 100% dello stipendio fisso. Sarà interessante vedere come gli istituti finanziari soggetti alla nuova legge olandese adegueranno la composizione dello stipendio dei loro direttori esecutivi. Oltre alla remunerazione dei manager, gli altri argomenti ricorrenti nel confronto tra investitori e società saranno la Board diversity e la rotazione delle società di revisione. Per molti investitori, un ulteriore area di interesse riguarderà l effettiva adozione, da parte delle società, del framework di rendicontazione integrata dell International Integrated Reporting Council (IIRC) nei bilanci del La rendicontazione integrata è destinata a diventare il mezzo con cui le società di tutto il mondo renderanno conto della propria performance. Il bilancio d esercizio rivela solo una parte della storia di un organizzazione, mentre la rendicontazione integrata mira a darne una visione olistica inserendo la performance, il modello di business e la strategia nel contesto delle questioni sociali e ambientali che la riguardano più da vicino. A dicembre 2013 l IIRC ha pubblicato l International Integrated Reporting Framework ( Framework ), il cui scopo è stabilire specifici principi guida ed elementi di contenuto che disciplinano i contenuti generali di un report integrato. Di recente alcune società europee e olandesi hanno iniziato a pubblicare un report integrato, e secondo le previsioni il numero di società che pubblicheranno questo tipo di report è destinato ad aumentare nel Anche il Forum olandese sulla corporate governance Eumedion, nella sua Focus Letter 2015, esorta le società a redigere un report conforme al Framework dell IIRC. Notizie ESG Ambiente Marcia indietro dell Australia sulla carbon tax A due anni dall introduzione della carbon tax, lo scorso luglio l Australia ha votato per abolirla. Il primo ministro australiano Tony Abbott ha espresso l intenzione di sostituire la carbon tax con un "piano d'azione diretto", in quanto ritiene che la tassa rappresenti un grosso ostacolo per le imprese. Secondo Abbott, adottando questa soluzione una famiglia media risparmierebbe 550 dollari australiani all anno; i primi benefici dovrebbero manifestarsi nelle prossime bollette energetiche, anche se le opposizioni e gli osservatori hanno commentato che l entità del risparmio non è chiara e l'operazione manca di consenso. L obiettivo di questo rimpiazzo è creare un fondo per la riduzione delle emissioni del valore di AUD 2,55 miliardi a sostegno delle società, per esempio offrendo incentivi finanziari destinati all ulteriore sviluppo dell efficienza energetica. Inoltre, questa mossa dovrebbe evitare l aumento dei prezzi collegati all energia. I primi commenti successivi all abolizione della carbon tax sono stati piuttosto pessimistici, in quanto sono emersi timori per l aumento delle emissioni di gas serra. Finora, la legislazione sul clima ha rappresentato lo strumento più valido per ridurre l impatto del carbonio sull'ambiente. La senatrice laburista Lisa Singh ha dichiarato che con questo voto l'australia è tornata indietro, e diventerà lo zimbello del resto del mondo. Anche Greenpeace Australia Pacific ha espresso disappunto per questa decisione del governo che ha portato l Australia a essere il primo paese al mondo ad abolire il prezzo per il carbonio, sottolineando che mentre il resto del mondo si sta muovendo per affrontare il cambiamento climatico, il governo australiano sta facendo tutto il possibile per rimanere ancorato ai combustibili fossili. Greenpeace ha esortato gli australiani a unirsi e agire per assicurarsi un futuro più pulito, più sano e più sicuro". Società La roadmap dell Oms per combatter il virus Ebola L Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha definito una roadmap per interrompere l ulteriore diffusione del virus Ebola. La roadmap dell Oms prevede di individuare le zone calde seguendo al contempo l evoluzione dell epidemia. Grazie al coordinamento tra le diverse figure coinvolte, compresi gli ufficiali sanitari, vengono forniti non solo aiuti finanziari, ma anche apparecchiature mediche, scorte alimentari, acqua e servizi igienici. La roadmap definita dall agenzia dell Onu mira a bloccare la trasmissione del virus entro 6-9 mesi. Il numero complessivo di casi probabili, confermati e sospetti durante l attuale epidemia di Ebola in Africa Occidentale, aggiornato al 28 settembre 2014, ammonta a 7178, con 3338 decessi. I paesi coinvolti sono Guinea, Libera, Nigeria, Senegal e Sierra Leone. L elevato numero di infezioni da Ebola tra gli operatori sanitari continua a destare grande preoccupazione. Inoltre, rispetto ad altre malattie presenti nella regione (tra cui epatite, malaria, dengue, ecc.), l Ebola è assai più letale e difficile da controllare. Dal 16 al 21 settembre 2014 si è svolto, tramite corrispondenza elettronica, il secondo incontro dei membri e dei consulenti del Comitato di emergenza istituito dal Direttore generale dell Oms per affrontare l epidemia di Ebola del 2014 in Africa 7 7

10 Occidentale. Il Comitato ha sottolineato che tutti gli stati dovrebbero rafforzare la propria prontezza operativa, validare i piani di emergenza e verificare il proprio livello di prontezza attraverso apposite simulazioni e un'adeguata formazione del personale. Governance Il rapporto della Commissione affari legali britannica sul dovere fiduciario La Commissione affari legali britannica ha pubblicato un rapporto, da lungo atteso, sui doveri fiduciari degli intermediari di investimento. Il rapporto delinea una serie di linee guida e raccomandazioni sull assunzione di decisioni di investimento a lungo termine, anche in riferimento agli aspetti ESG. La principale conclusione del rapporto è che a causa della natura a lungo termine delle passività degli schemi pensionistici, i trustee non devono massimizzare i rendimenti nel breve periodo, e questo comporta maggiori rischi nel lungo termine. Il rapporto afferma che i trustee dovrebbero prendere in considerazione i fattori finanziariamente rilevanti per la performance di un investimento. E qualora si ritenga che questioni etiche o ambientali, sociali o di governance siano "finanziariamente rilevanti", è necessario considerare anche queste. Posto che il ritorno finanziario dovrebbe rappresentare il focus principale, "la legge è abbastanza flessibile da consentire anche la valutazione di altre aree d'interesse subordinate". Il rapporto giunge quindi alla conclusione che i trustee possono prendere in considerazione fattori non finanziari purché siano rispettati i seguenti criteri: (1) vi sia motivo di ritenere che i partecipanti ai piani pensionistici condividano questo interesse, (2) non sussista alcun rischio significativo di arrecare un danno finanziario al piano stesso. Si tratta di un risultato particolarmente significativo, soprattutto per i firmatari dei PRI che ritengono che i fattori ESG possano rappresentare rischi rilevanti per i rendimenti lungo l orizzonte di investimento dei propri beneficiari, ha dichiarato Helene Winch, Director of Policy and Research, PRI. 8 8

11 Per maggiori informazioni, contattare: ING Asset Management BV Milan Branch Via Santa Maria Segreta, 7/ Milan, Italy O visitare il nostro sito Il presente documento è rivolto esclusivamente ai clienti professionali di cui al Regolamento Consob n /2007 Le informazioni contenute nel presente documento sono state predisposte esclusivamente a scopo informativo e non costituiscono offerta o invito all'acquisto o alla vendita di titoli o alla partecipazione a qualunque strategia di trading. Le informazioni sono state accuratamente verificate e selezionate, tuttavia non si rilasciano dichiarazioni o garanzie, espresse o implicite, in ordine alla loro accuratezza o completezza. Tutte le informazioni possono essere modificate senza preavviso. I rendimenti passati non sono indicativi di risultati futuri. Eventuali simulazioni di rendimento riportate nel presente documento sono puramente a scopo illustrativo e non devono essere considerate come promessa, obiettivo o garanzia di rendimenti futuri. Né ING Investment Management né qualunque altra società o unità appartenente al Gruppo ING o qualunque dei suoi funzionari, amministratori o dipendenti assumono alcuna responsabilità in relazione alle informazioni o indicazioni qui fornite. Ogni investimento in strumenti finanziari deve essere attentamente valutato. Nessun investimento in strumenti finanziari è privo di rischi; il valore dell investimento può aumentare o diminuire anche su base giornaliera ed il capitale investito potrebbe non essere interamente recuperato. Si declina ogni responsabilità per eventuali perdite subite a seguito dell'utilizzo di questa pubblicazione o dell'affidamento fatto dal lettore sul suo contenuto nell'assunzione di decisioni di investimento. Questo documento e le informazioni in esso contenute hanno carattere riservato e non possono essere assolutamente copiate, citate, riprodotte, distribuite o trasferite a qualunque soggetto senza il preventivo consenso scritto di ING Investment Management. Questo disclaimer è governato dalle leggi olandesi. Qualunque prodotto menzionato in questo documento è soggetto a particolari condizioni; prima di ntraprendere qualunque azione si invita pertanto a consultare i documenti informativi e d offerta, in particolare il Prospetto e i KIID. 9 9

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Mediolanum Gestione Fondi S.G.R.p.A Sintesi della Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Edizione del giugno 2014 PREMESSA

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Investimenti etici e ambiente

Investimenti etici e ambiente Investimenti etici e ambiente Alessandra Viscovi 5 giugno 2014 Etica Sgr Etica Sgr opera con lo scopo di "rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari, sensibilizzando il pubblico

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE redatta ai sensi dell Art. 123-ter del Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 e dell Art. 84-quater del Regolamento Emittente Approvata

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

Statuto della E.MAlumni Association

Statuto della E.MAlumni Association STATUTO DELLA E.MALUMNI ASSOCIATION ASSOCIAZIONE DEGLI ALUNNI DEL MASTER EUROPEO IN DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE Preambolo Noi, Alunni del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, Aspirando

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

RAPPORTO FRA REMUNERAZIONE VARIABILE E FISSA POLITICA RETRIBUTIVA DI GRUPPO 2014 SISTEMA INCENTIVANTE 2014 DI GRUPPO PIANO LET S SHARE PER IL 2015

RAPPORTO FRA REMUNERAZIONE VARIABILE E FISSA POLITICA RETRIBUTIVA DI GRUPPO 2014 SISTEMA INCENTIVANTE 2014 DI GRUPPO PIANO LET S SHARE PER IL 2015 RAPPORTO FRA REMUNERAZIONE VARIABILE E FISSA POLITICA RETRIBUTIVA DI GRUPPO 2014 SISTEMA INCENTIVANTE 2014 DI GRUPPO PIANO LET S SHARE PER IL 2015 Assemblea degli azionisti Roma, 13 maggio 2014 RAPPORTO

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013 FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti Simonetta Bono Novembre 2013 Investimento socialmente responsabile 2. L Investimento socialmente responsabile (SRI,

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Mezzo secolo di Unipol. Una storia scritta guardando

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell articolo 123 ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ed in conformità all Allegato 3A, schemi 7 bis e 7 ter, del regolamento CONSOB 14 maggio

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE AREA TEMATICA RETRIBUZIONE L'area tratta delle problematiche legate alla retribuzione: la retribuzione caratteristiche della retribuzione struttura e sistemi di retribuzione voci della retribuzione adempimento

Dettagli

Aiutandovi a raggiungere obiettivi globali. Aiutando lo sviluppo PRECISE. PROVEN. PERFORMANCE.

Aiutandovi a raggiungere obiettivi globali. Aiutando lo sviluppo PRECISE. PROVEN. PERFORMANCE. Aiutandovi a raggiungere obiettivi globali Aiutando lo sviluppo PRECISE. PROVEN. PERFORMANCE. Cosa ci rende differenti? Moore Stephens International è un associazione multinazionale di società professionali

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Le Linee Guida sull engagement per le forme di previdenza complementare Roma,

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

Art. 1. Ragione sociale

Art. 1. Ragione sociale Art. 1 Ragione sociale Sotto la ragione sociale SOS Ticino è costituita un associazione ai sensi dell art. 60 e segg. del Codice Civile svizzero con sede sociale a Lugano. Scopo Art. 2 SOS Ticino è un

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Comunicato Stampa ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Approvato il bilancio dell esercizio 2013 di Atlantia S.p.A. Deliberata la distribuzione di un dividendo per l esercizio 2013 pari a complessivi euro 0,746 per

Dettagli

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015 BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile Ottobre 2015 2 L impegno di BNP Paribas Investment Partners In un mondo in transizione, essere una Società di gestione leader comporta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Giugno 2012 Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Annuncio pubblicitario destinato al cliente ed al potenziale cliente al dettaglio. Prima dell adesione leggere il prospetto disponibile

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

del 14 maggio 2004 (Stato 15 luglio 2011)

del 14 maggio 2004 (Stato 15 luglio 2011) Regolamento di organizzazione della Banca nazionale svizzera del 14 maggio 2004 (Stato 15 luglio 2011) Il Consiglio di banca della Banca nazionale svizzera (Consiglio di banca), visto l articolo 42 capoverso

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza)

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Brioschi Sviluppo Immobiliare spa Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Premessa La presente relazione (di seguito, la Relazione ), predisposta ai

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 per l Assemblea degli Azionisti convocata per il giorno 26 aprile 2013,

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 RELAZIONE DI TRASPARENZA Per l esercizio al 31 dicembre 2014 Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 INDICE 1. Forma giuridica, struttura proprietaria e di governo 2. Rete di

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS 1. ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI Eurovita Assicurazioni S.p.A. ha istituito, secondo le modalità previste

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione Page 1 de 5 Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA... 2008 1 Consiglio di amministrazione Art. 1 Compiti e poteri Al Consiglio di amministrazione spettano ai sensi dell art. 15 degli statuti la

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO INDICE-SOMMARIO Introduzione... 1 Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO 1. Interesse alla massimizzazione del valore dell investimento azionario, assetti societari

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 Registro delle Imprese e Codice Fiscale 07258710586 R.E.A. di Roma 604174 Sede legale: Via Brenta 11 00198 Roma Sito Internet: www.mondotv.it Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Documento Informativo relativo al piano di stock option 2008 a favore di dipendenti di società controllate estere

Documento Informativo relativo al piano di stock option 2008 a favore di dipendenti di società controllate estere Documento Informativo relativo al piano di stock option 2008 a favore di dipendenti di società controllate estere Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.2.2013 C(2013) 810 final PARERE DELLA COMMISSIONE del 11.2.2013 a norma dell articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 714/2009 e dell articolo 10, paragrafo 6,

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NUOVA FAMIGLIA ADDIS BETESEB - ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NUOVA FAMIGLIA ADDIS BETESEB - ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NUOVA FAMIGLIA ADDIS BETESEB - ONLUS Art. 1 E costituita un Associazione di promozione sociale ai sensi della Legge 383/2000 con denominazione NUOVA FAMIGLIA - ADDIS BETESEB.

Dettagli

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ QUOTATE ITALIANE ABSTRACT SERGIO CARBONARA Scopo e metodologia Lo studio sulle remunerazioni 2012 parte dalla constatazione che la gestione

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Aggiornamento approvato dal consiglio di amministrazione dell 8 marzo 2011 INDICE 1. Premessa... 3 2. Definizioni...

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche DOCUMENTO INFORMATIVO, PREDISPOSTO AI SENSI DELL ART. 84 BIS COMMA 1 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

Dettagli

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC) Ufficio federale dell energia 28 novembre 2014 Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 19/03/2015) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

Processo di gestione del rischio

Processo di gestione del rischio Processo di gestione del rischio Responsabili del progetto: Min. Plen. Barbara Bregato, Vice Direttore Generale/Direttore Centrale DGCS, Cons. Leg. Michele Cecchi Capo Ufficio I DGCS, Cons. Min. Gerardo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 21/03/2013) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS.

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. 58/1998 PARTE STRAORDINARIA Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione di Astaldi S.p.A.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE DANIELI & C. - OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Sede: Buttrio (UD), via Nazionale 41 Capitale Sociale Euro 81.304.566 I.V. Numero di Iscrizione al Registro delle Imprese di Udine e Codice fiscale: 00167460302.

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

saipem Documento Informativo

saipem Documento Informativo saipem Documento Informativo REDATTO AI SENSI DELL ART 114-BIS DEL D.LGS. N.58/1998 (TUF) E DELL ART 84-BIS REGOLAMENTO CONSOB N. 11971 del 1999 COME SUCCESSIVAMENTE INTEGRATO E MODIFICATO (REGOLAMENTO

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI ai sensi dell articolo 6, comma 2, dello Statuto Assogestioni ARCA SGR S.p.A. Anno 2012 1 ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ

Dettagli

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI Capo I: COSTITUZIONE, SCOPO E ATTIVITA Art. 1: Costituzione e scopi E costituita con sede in Roma ai sensi e per gli effetti di cui

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Adozione del sistema monistico o governance tradizionale? In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli