PEAC - r. Piano Energetico Ambientale delle fonti Energetiche nuove e Rinnovabili. E.S.Co. Provinciale Tuscia S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PEAC - r. Piano Energetico Ambientale delle fonti Energetiche nuove e Rinnovabili. E.S.Co. Provinciale Tuscia S.p.A."

Transcript

1 PEAC - r Regione Lazio Provincia di Viterbo Comune di Canino Comune di CANINO Piano Energetico Ambientale delle fonti Energetiche nuove e Rinnovabili E.S.Co. Provinciale Tuscia S.p.A. OTTOBRE 2009

2 Redatto da: Dott. Ferdinando Suraci Dott. Marco Burchielli Dott. Giorgio Graziotti Ing. Raffaella Graziotti Ing. Vincenzo Palombo Ing. Paolo Sodani Si ringrazia per la preziosa collaborazione: Ass.re Tolmino Piazzai - Assessorato Ambiente ed Energia Provincia di Viterbo Arch. Annalisa Laurenti Istituto Nazionale di BioARchitettura Sig.na Silvia Corsi

3 Sommario SOMMARIO 1 INTRODUZIONE 6 Inquadramento del piano rispetto agli obiettivi ambientali 6 Struttura del Piano Energetico Ambientale 7 Spunti per l implementazione del PEAC 8 Interventi sugli edifici di proprietà pubblica 8 Ruolo della ESCO Provinciale Tuscia 9 IL PROTOCOLLO DI KYOTO E LA SUA ATTUAZIONE 11 Protocollo di Kyoto nella UE 11 Attuazione del protocollo di Kyoto in Italia 14 Gli obiettivi di Kyoto nel LAZIO e nella Provincia di Viterbo 17 Lo stato dell arte delle fonti rinnovabili nella Provincia di Viterbo 17 Gli investimenti e la occupazione previsti 19 1 CARATTERIZZAZIONE DELLA PROVINCIA DI VITERBO 21 Descrizione amministrativa 21 Quadro demografico 23 Descrizione fisica 28 Climatologia 33 Le risorse forestali 34 Le attività produttive 37 COMUNE DI CANINO : INQUADRAMENTO TERRITORIALE 39 Quadro demografico 39 Climatologia 44 CANINO: CLIMA E DATI GEOGRAFICI 45 Sismologia 46 PIANI D AZIONE 48 SCHEDA TECNICA: IL FOTOVOLTAICO 49 STATO DELL ARTE 49 I. Produzione 49 II. Costi 50 SITUAZIONE GLOBALE E LOCALE 52 Sommario

4 I. Stato attuale per il fotovoltaico nel Mondo 52 II. Stato attuale del fotovoltaico in Italia 53 III. Stato attuale del fotovoltaico nel Lazio 55 IV. Stato attuale del fotovoltaico nella Provincia di Viterbo 57 V. Stato attuale del fotovoltaico nel Comune di Canino 59 PROSPETTIVE DI SVILUPPO 60 I. Produzione 60 II. Incentivi 61 RISVOLTI ENERGETICI, AMBIENTALI E SOCIO-ECONOMICI 64 I. Tempi di ritorno dell investimento 64 Impatto ambientale locale 65 DEFINIZIONI E NORMATIVA RELATIVE ALL IMPIANTISTICA SOLARE FOTOVOLTAICA 68 I. Definizioni 68 II. Normativa 69 ATTUABILITA NEL TERRITORIO COMUNALE 73 Impianti di piccola e media taglia edifici PUBBLICI 73 Descrizione sintetica del progetto SCUOLA COMUNALE 74 Descrizione sintetica del progetto SEDE COMUNALE 75 Descrizione sintetica del progetto SPOGLIATOI CAMPO SPORTIVO 76 Descrizione sintetica del progetto BOCCIODROMO 77 Descrizione sintetica del progetto PISCINA 78 Impianti di piccola e media taglia edifici PRIVATI 79 Impianti di grande taglia Impianto in loc.tà Sugarella Impianto in Loc.tà Banditella 80 2 RISVOLTI ENERGETICI, AMBIENTALI E SOCIO-ECONOMICI 82 Tempi di ritorno dell investimento 82 Impatto ambientale locale 84 SCHEDA TECNICA: LE BIOMASSE 85 STATO DELL ARTE 85 Produzione 85 I PROCESSI DI CONVERSIONE 88 Processi termochimici 88 Processi biochimici 89 La cogenerazione 91 Sommario

5 Legislazione specifica 95 DEFINIZIONI E PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 96 Definizioni 96 Principali riferimenti normativi DIRETTIVE EUROPEE NORMATIVA NAZIONALE 102 NORMATIVA REGIONALE 103 PIANI E PROGRAMMI PROVINCIALI 105 Promozione e sviluppo dell utilizzo energetico delle biomasse 107 Generalità 107 Disponibilità di biomassa legnosa 116 Organizzazione della filiera a livello locale 120 CRITERI LOCALIZZATIVI E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI 122 PROSPETTIVE DI SVILUPPO 128 Produzione 128 RISVOLTI ENERGETICI, AMBIENTALI E SOCIO-ECONOMICI 129 Tempi di ritorno dell investimento 129 Impatto ambientale locale 129 Progetti Cantierabili - (iter realizzativo: 3-5 anni) 131 Progetto 1 BM: Gassificazione veloce Impianto TWR per la produzione di Syngas (TWR) 132 Progetto 2 BM: Impianto BEST (Ibrido a BiomassE e Solare Termodinamico) 140 PREMESSA 140 PROGETTO DI MASSIMA DELL IMPIANTO BEST 141 Progetto 3 BM: Impianto pellettizzatore 151 Progetto 4 BM: Impianto a biomasse da 1MWe tecnologia a gassificazione mista 157 Descrizione dell'impianto 157 I vantaggi del sistema Gassificazione Mista 158 Gli svantaggi del sistema Gassificazione Mista 159 Conto economico di un impianto da 1 MWe : Caema Energia 159 Progetto 5 BM: Impianto a Biomasse Ciclo Rankine ORC (TURBODEN) 160 Il ciclo 160 Applicazioni 161 Modularità 162 Conto economico di un impianto da 1 MWe : Turboden Progetto 6 BM: Gassificazione lenta (ENERGO) 163 COMPARAZIONE EMISSIONI 165 Sommario

6 SCHEDA TECNICA: EOLICO 167 STATO DELL ARTE 167 La situazione in Italia 171 Costruttori e Produttori 173 PROSPETTIVE DI SVILUPPO 174 RISVOLTI ENERGETICI, AMBIENTALI E SOCIO-ECONOMICI 177 ATTUABILITA NEL TERRITORIO COMUNALE 181 I vincoli ambientali 181 La mappa eolica Progetto: Progetto da 10 MWe eolico 184 PROPOSTA 2 : SVILUPPO DEL MINI EOLICO 187 SCHEDA TECNICA: MINI - IDRO 190 STATO DELL ARTE 190 Produzione 190 Costi 191 PROSPETTIVE DI SVILUPPO 191 Produzione 191 Incentivi 192 RISVOLTI ENERGETICI, AMBIENTALI E SOCIO-ECONOMICI 192 Tempi di ritorno dell investimento 192 Impatto ambientale locale 193 ATTUABILITA NEL TERRITORIO COMUNALE 193 Caratteristiche generali del territorio SCHEDA TECNICA: SOLARE TERMICO 194 LA TECNOLOGIA 194 Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti 194 Stato dell'arte 194 Tipologie di collettori 195 Applicazioni 196 Potenzialità 197 Paragone tra diverse tipologie di impianti per la produzione di acqua calda 198 Costi 203 Vantaggi ambientali 203 LA QUALITÀ ECOLOGICA ED ENERGETICA NELLE NORME EDILIZIE COMUNALI 206 Principi ispiratori da valorizzare nel Regolamento comunale 208 Valorizzazione del rapporto sito - edificio 209 Analisi del sito 209 Sommario

7 Progettazione del sito 210 Efficienza energetica degli edifici 211 Certificazione energetica degli edifici 211 Promozione della Certificazione di sostenibilità 212 Impianti centralizzati di produzione di calore Contabilizzazione dell energia 212 Sistemi di produzione di calore ad alto rendimento 213 Indagine sulla performance energetica degli edifici 214 Promozione degli Impianti solari termici per la produzione di acqua calda 215 Interventi di risparmio energetico negli edifici di proprietà comunale 216 Sfruttamento dell energia geotermica 217 Impianti solari fotovoltaici per la produzione di energia elettrica Semplificazione amministrativa Interventi volontari di risparmio energetico nell edilizia tramite il ricorso alle migliori pratiche in termini di utilizzo dell energia elettrica 220 Microeolico 220 Applicazioni 221 Interventi sul sistema del verde 222 Promozione della architettura sostenibile attraverso un integrazione tra pianificazione urbanistica e pianificazione energetica. 223 SCHEDA TECNICA: LA GEOTERMIA A BASSA ENTALPIA 225 SCHEDA TECNICA: IL PIANO DI COMUNICAZIONE 228 CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE PER IL COMUNE 229 EVENTUALI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE 229 CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE PER LA CITTADINANZA 230 CONCLUSIONI Sommario

8 INTRODUZIONE Inquadramento del piano rispetto agli obiettivi ambientali Il presente lavoro elaborato da ESCO Tuscia si sviluppa secondo le direttive definite nel Piano Energetico Regionale (PER) della regione Lazio. Persegue quindi gli stessi obiettivi del PER orientando e promovendo la riduzione dei consumi energetici nonché l innalzamento dei livelli di razionalizzazione di efficienza energetica della domanda come priorità strategica. Inoltre favorisce e promuove l uso delle fonti rinnovabili, la loro integrazione con le attività produttive economiche ed urbane. Oltre alla razionalizzazione energetica, il lavoro elaborato da ESCO Tuscia, riprendendo e condividendo gli obiettivi di indirizzo del PER, ha come finalità generale il contenimento dei fenomeni di inquinamento ambientale nel territorio con particolare riferimento alle risoluzioni assunte in occasione della conferenza di Kyoto. Si prevede l aumento del contributo delle fonti rinnovabili, ma soprattutto la messa in marcia di iniziative di razionalizzazione del sistema energetico e di riduzione dei consumi. L obiettivo è inoltre, la realizzazione di politiche di sviluppo socio-economico delle aree interessate dagli interventi, con particolare interesse ai benefici sui livelli occupazionali dovuti allo sviluppo di possibilità e di valorizzazione delle risorse locali. L importanza della valorizzazione e degli interventi di ottimizzazione del sistema energetico è ribadita da fonti normative comunitarie e nazionali e dal Patto generale per l energia e l ambiente firmato a Roma nel Novembre Riassunti in maniera sintetica gli obiettivi principali che il Piano Stralcio Energetico Ambientale deve soddisfare sono: 1) Razionalizzazione dei consumi; 2) Diversificazione delle fonti tradizionali e sostituzione delle fonti convenzionali con fonti rinnovabili; 3) Utilizzazione di disponibilità energetiche locali, di servizi energetici locali, di tecnologie energetiche prodotte localmente, di competenze energetiche locali; 6 INTRODUZIONE

9 4) Limitazione di infrastrutture energetiche, inquinamento ambientale, usi energetici non compatibili con la politica di gestione del territorio; 5) Sostegno alla creazione di servizi energetici locali, di nuova occupazione o conversione di occupazione preesistente, alle politiche energetiche regionali, nazionali e comunitarie, ad altra pianificazione comunale, alla domanda di altri servizi collegati agli usi energetici 7 Struttura del Piano Energetico Ambientale Per il raggiungimento di tali obiettivi l architettura del lavoro elaborato dalla ESCO Tuscia è stata strutturata su quattro assi principali: 1. Ricostruzione del Quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale e regionale, in ambito energetico; 2. Definizione del Quadro conoscitivo finalizzato alla costruzione di una caratterizzazione accurata del territorio sia provinciale che comunale riportandone i dati territoriali, demografici, e socio-economici; 3. Elaborazione dei Piani d Azioni per ciascun intervento previsto spiegati attraverso l uso di singole SCHEDE TECNICHE riportanti per ciascuna risorsa: a) Stato dell arte della risorsa riportanti le diverse tecnologie di produzione ed i costi attualmente previsti; b) Prospettive di sviluppo sia dal punto di vista tecnico, che economico (incentivi); c) Risvolti energetici, ambientali e socio-economici che invece indagano sui tempi di ritorno dell investimento, sull impatto ambientale locale, e su eventuali vincoli ; d) Attuabilità nel territorio comunale; 4. Elaborazione dei Progetti Cantierabili 5. Predisposizione di un Piano di comunicazione da attuarsi mediante una campagna di informazione e valorizzazione delle azioni previste nel PEAC. INTRODUZIONE

10 Spunti per l implementazione del PEAC A scala urbana, il Piano energetico ambientale deve integrarsi non solo con gli altri strumenti di pianificazione territoriale, confluendo tutti nel Piano regolatore generale (PRG), ma deve essere implementato da azioni poi programmate e verificate caso per caso: 8 Interventi sugli edifici di proprietà pubblica L'art. 26 commi 7,8 della L.10/91 impone di soddisfare i fabbisogni energetici degli edifici pubblici o adibiti ad uso pubblico favorendo il ricorso a fonti rinnovabili di energia o assimilate. Questo obbligo può essere fonte di notevoli risparmi di esercizio per le casse comunali per l'intero ciclo di vita degli edifici, nonché occasione per rilanciare anche iniziative private per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, per migliorare l'immagine complessiva del Comune e della sua amministrazione, per creare occupazione locale stabile e specializzata. Le azioni, che un ente locale può attuare sul proprio patrimonio edilizio sono molte: vanno dal rinnovo degli impianti tecnologici esistenti, alla revisione degli impianti di illuminazione, all'utilizzo di impianti solari per la produzione di acqua calda o per riscaldamento ambientale di palestre, scuole, all'utilizzo dell'energia fotovoltaica nel territorio comunale (per es. per l'illuminazione non invasiva di siti archeologici, ecc.). Per il finanziamento di queste iniziative non sempre è necessario ricorrere ai fondi comunali : a parte eventuali fondi stanziati da parte della provincia di Viterbo e della Regione Lazio, oltre i fondi nazionali e della UE; esistono forme innovative di finanziamento (Finanziamento Tramite Terzi, opportuni Appalti di Servizio Energia, ecc.), che permettono di rinnovare le strutture comunali sfruttando capitali e know-how del settore privato. INTRODUZIONE

11 Ruolo della ESCO Provinciale Tuscia La ESCO Tuscia è stata concepita quale strumento operativo delle amministrazioni locali, con un ruolo attivo finalizzato a perseguire obiettivi di risparmio energetico, di uso razionale dell energia e di utilizzo delle risorse rinnovabili. Oggi le E.S.Co. attive in tutta Europa sono circa 200 (di cui 30 in Italia). La compagine sociale della società è composta da rappresentanze di soggetti a diverso titolo coinvolti nella gestione dell energia e, in particolare, da rappresentanti delle istituzioni e dei poteri locali, delle imprese e dei consumatori. 9 I campi di intervento, sono sostanzialmente i seguenti: Analisi e Pianificazione Energetica, anche attraverso una partecipazione attiva alla pianificazione energetica locale; Miglioramento dell efficienza energetica del territorio, svolgendo diagnosi energetiche e attività di promozione dell efficienza energetica e dell uso razionale dell energia, e favorendo la realizzazione di progetti di gestione dell energia; Promozione e sviluppo delle energie rinnovabili, nell ottica del massimo utilizzo delle fonti rinnovabili locali, unita al perseguimento del miglioramento delle condizioni ambientali locali legate alla produzione ed all'utilizzo dell'energia; Assistenza diretta al settore pubblico e privato per un'applicazione corretta delle normative nazionali e comunitarie in campo energetico, realizzando un interazione diretta con gli utenti finali, ed attuando nel contempo la promozione delle attività di certificazione e di diagnostica energetica degli edifici, soprattutto civili, ed il miglioramento delle condizioni di sicurezza per l'impiego dell'energia sia in campo civile che industriale; Promozione di una cultura volta al risparmio energetico attraverso l'organizzazione di campagne informative sulla razionalizzazione energetica, conferenze, convegni, gruppi di lavoro e la diffusione di rapporti, manuali e dati informativi e tecnici; Scambio di informazioni, metodologie, esperienze con le altre ESCo italiane ed europee, adattando alla propria realtà locale le sperimentazioni già sviluppate; INTRODUZIONE

12 Organizzazione di servizi di fornitura di energia ai fini del risparmio energetico e dell uso delle fonti rinnovabili; Promozione di progetti di innovazione tecnologica in campo energetico anche attraverso finanziamenti tramite terzi; Formazione nei campi dell energia e dello sviluppo sostenibile. Anche a livello comunale possono essere istituiti sportelli di consulenza energetica collocati presso gli uffici comunali o presso le diverse associazioni di categoria, enti, associazioni ONLUS presenti sul territorio. La provincia di Viterbo con un finanziamento regionale dovrà istituire una rete di punti informativi territoriali in campo energetico a questo è stato preposto l ufficio energia con cui si potrà interloquire. 10 INTRODUZIONE

13 Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione Protocollo di Kyoto nella UE Il Protocollo di Kyoto, entrato in vigore nel febbraio 2005, è lo strumento operativo legalmente vincolante della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici (United Nation Framework Convention on Climate Change - UNFCCC). Il nodo centrale del Protocollo consiste nel vincolo legale dei limiti d emissione per i paesi firmatari industrializzati (così detti dell Annex I) che s impegnano a ridurre la loro emissione complessiva dei gas serra del 5,2% rispetto alle emissioni del 1990, per il primo periodo d impegno (Committment Period) stabilito nel quinquennio Gli impegni di riduzione si riferiscono alle emissioni dei gas maggiormente responsabili dell effetto serra: l anidride carbonica (CO 2 ) prodotta dal traffico, dalle economie domestiche e dalle industrie con il consumo di carburanti o combustibili fossili (petrolio, carbone, gas naturale); il metano (CH 4 ), che viene emesso in prevalenza dagli allevamenti di bestiame a causa delle fermentazioni enteriche, ma anche dalle aree paludose, dalle torbiere caratterizzate dalla respirazione anaerobica della biomassa microbica e infine dalle discariche di rifiuti; il protossido di azoto (N 2 O), sprigionato prevalentemente dai fertilizzanti azotati utilizzati in agricoltura; gas generati da processi di sintesi quali i perfluorocarburi (PFC), emessi dalla produzione di alluminio e di semiconduttori; gli idrofluorocarburi alogenati (HFC), presenti nelle sostanze refrigeranti, schiumogene o propellenti e infine l esafluoruro di zolfo (SF 6 ), riscontrabile nelle installazioni di fornitura elettrica, nei sistemi di isolamento acustico e quale prodotto della lavorazione dell alluminio e del magnesio. La riduzione totale è stata suddivisa in maniera tale che ogni Paese dell Annex I ha un suo limite individuale alle emissioni. Questa diversificazione dei tassi di riduzione è stata stabilita dopo intense negoziazioni tra le parti stesse. I (di allora) 15 membri dell Unione Europea, che si erano impegnati nel loro insieme a ridurre le emissioni totali dell 8%, grazie all accordo burden sharing, hanno ripartito tale limite al loro interno tra i differenti Paesi dell UE. Vi sono quindi nazioni, come la Germania, che si sono impegnate a ridurre le loro emissioni fino al 21 %, ed altre a cui è stato concesso 11 Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

14 un aumento di emissioni fino al 30%, come nel caso della Grecia. Dal suo canto l Italia si è impegnata a ridurre le proprie emissioni di gas serra del 6,5% rispetto a quelle del L'attuazione da parte degli Stati Membri dell UE degli obblighi di Kyoto ha subito un'accelerazione con l'entrata in vigore, a partire dal 2005, della direttiva 2003/87/CE, che istituisce un sistema di scambio di quote di emissioni all'interno della comunità ( Emission Trading Directive EU ETS). Nell'ambito di tale sistema, ad ogni Stato membro dell'ue è stato assegnato un tetto massimo alle emissioni di CO2 prodotte dalle imprese del settore dell' energia (impianti di combustione, raffinerie di petrolio, cokerie) della produzione e trasformazione dei metalli ferrosi, dei prodotti minerali (cementifici, vetro, ceramiche) e della carta. Attraverso il sistema EU ETS le imprese possono adempiere ai propri impegni sia implementando misure di riduzione proprie, sia acquistando delle quote provenienti per esempio da installazioni e impianti in altri Paesi dell Unione Europea o anche da crediti prodotti coi meccanismi flessibili riconosciuti dal Protocollo di Kyoto (JI, CDM, ET). Dal primo gennaio del 2005 gli addetti ai vari impianti industriali, energetici etc. hanno l obbligo di monitorare le proprie emissioni e assicurarsi che tali valori siano al disotto delle quote di emissione a loro permesse annualmente [MATTM 2007]. Per quanto riguarda gli obblighi a lungo termine ( ), la Commissione europea ha approvato a dicembre 2008 un Pacchetto cambiamenti climatici ed energia", già definito che prevede: un impegno unilaterale dell UE a ridurre di almeno il 20% le emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990 entro il 2020; un obiettivo che prevede una quota del 20% di energie rinnovabili nel totale dei consumi energetici entro il 2020, compreso un obiettivo che prevede una quota minima del 10% di biocarburanti nel totale dei consumi di benzina e gasolio per autotrazione dell UE entro il 2020; 12 1 La quantificazione degli impegni di limitazione o di riduzione delle emissioni per ogni singola Parte (percentuale delle emissioni dell anno o del periodo di riferimento) è riportata nell Annesso B del Protocollo di Kyoto. Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

15 aumentare l efficienza energetica, con l obiettivo di risparmio dei consumi energetici dell UE del 20% rispetto alle proiezioni per il I costi totali dell operazione ammonterebbero a circa lo 0,5% di PIL all anno, contro i costi (evitati) dell inazione pari almeno a 10 volte tanto. La Commissione ha emanato quindi una Direttiva sulle rinnovabili con obiettivi nazionali legalmente vincolanti per ciascuno degli Stati Membri. I settori coinvolti nelle rinnovabili sono: elettricità, riscaldamento, raffreddamento e trasporti. Attualmente le energie rinnovabili corrispondono solo all 8,5% del consumo finale di energia nell UE, quindi l obiettivo complessivo del 20% da raggiungere per l Unione Europea è molto impegnativo. Agli Stati membri è lasciata facoltà di decidere su quali settori intervenire, e quindi i piani di azione nazionali preciseranno il modo in cui ciascuno Stato Membro intende conseguire i propri obiettivi. Per l Italia è stato proposto un obiettivo, legalmente vincolante, pari a una quota del 17% di fonti rinnovabili nella domanda finale di energia nel Sarà dunque necessario un aumento dell'11,5% entro il 2020, cioè in 13 anni. 13 Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

16 Attuazione del protocollo di Kyoto in Italia L Italia ha ratificato il Protocollo di Kyoto nel giugno 2002, attraverso la legge 120 del 01/06/2002. La completa responsabilità dell implementazione del protocollo di Kyoto è attribuita al solo Governo, anche se alcune politiche sono sotto la diretta responsabilità delle regioni, province e comuni. A livello centrale il Ministero dell Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare è responsabile del coordinamento delle politiche climatiche nel loro complesso, mentre il Ministero dello Sviluppo Economico è responsabile delle politiche energetiche nazionali. Con la Delibera CIPE n.123/2002, il governo ha approvato il Piano nazionale di riduzione delle emissioni di gas serra, documento di riferimento per l attuazione del Protocollo di Kyoto in Italia. All interno di tale Piano, particolare attenzione è rivolta al settore agro-forestale e al suo potenziale contributo per il raggiungimento dell obiettivo nazionale di riduzione di gas serra. La delibera è attualmente in corso di aggiornamento, tenendo conto delle revisioni delle stime delle emissioni prodotte dagli inventari nazionali delle emissioni più aggiornati e alle sopraggiunte decisioni europee, come la Emission Traiding Scheme (direttiva 2003/87/CE). 14 L ultimo inventario nazionale delle emissioni di gas ad effetto serra, recentemente pubblicato dal Ministero dell Ambiente, ha registrato un aumento delle emissioni (in CO 2 equivalenti), al netto degli assorbimenti di CO 2 da parte del settore agroforestale, del 12,1% rispetto al 1990, passando da 517 MtCO2eq del 1990 a 580 MtCO2eq del 2005, dato preoccupante se si considera che l obiettivo di riduzione nazionale è pari al 6,5% rispetto all anno base (1990) [NIR 2008]. In particolare, le emissioni complessive CO 2 risultano nel 2006 superiori del 12.2% rispetto al 1990, mentre le emissioni relative al solo settore energetico sono aumentate del 13.2%. Le emissioni di metano e di protossido di azoto sono pari rispettivamente a circa il 6.7% e 6.2% del totale e presentano andamenti in diminuzione sia per il metano (-8.3%) che per il protossido di azoto (-7.6%). Come riportato nel Piano Nazionale di Allocazione (PNA) delle emissioni , per colmare tale gap in maniera economicamente efficiente occorre mettere in atto una combinazione equilibrata di misure comprendenti sia la riduzione delle quote da Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

17 assegnare per la seconda fase di attuazione della direttiva 2003/87/CE, sia la realizzazione di misure addizionali nei settori non regolati dalla direttiva, eventualmente integrate dall acquisto di crediti derivanti dai meccanismi di Kyoto. Difatti, l adempimento degli obblighi previsti dal Protocollo risulta per l'italia particolarmente problematico. In realtà l'italia ha un consumo di energia elettrica procapite che è tra i più bassi in Europa, in parte anche per fattori climatici naturali, ed è lo Stato Membro con la più bassa intensità energetica (consumo energetico per unità di PIL) Questo in ragione di alcune peculiarità del sistema produttivo ed energetico italiano: - settori di punta a bassa intensità energetica; - ruolo ridotto delle grandi industrie ad alto consumo energetico; - forte dipendenza dalle importazioni di energia; - alti costi energetici negli anni '70 e '80, che favorirono interventi di risparmio energetico. La bassa intensità energetica e di emissioni di CO 2 dell'economia italiana va considerata anche rispetto al mix energetico del nostro Paese: se le fonti rinnovabili, attraverso l'idroelettrico e il geotermico, coprono una fetta significativa della produzione nazionale, e il carbone ha un peso modesto rispetto alla media europea, i combustibili fossili (di importazione) rappresentano comunque le fonti principali [fonte: D.G.R. 322/2006]. Per le ragioni viste sopra, le azioni di abbattimento delle emissioni sono dunque molto onerose. L assegnazione delle quote stabilite nel PNA costituisce parte del più generale impegno di riduzione delle emissioni e le quote assegnate dovranno essere ridotte rispetto a quelle assegnate per il periodo La ripartizione delle quote tra i settori regolati dalla direttiva europea tengono conto della priorità nazionale di tutelare la competitività dell economia italiana nel contesto europeo e globale. Pertanto la riduzione delle quote rispetto al PNA ha riguardato soprattutto i settori meno esposti alla concorrenza internazionale. Secondo quanto stabilito nel PNA il contributo al raggiungimento dell obiettivo di riduzione dei settori EU ETS è stato stimato di 13.2 milioni di t-co2 equivalente/anno, pari al 15% dell obiettivo di 15 Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

18 riduzione; il rimanente sarà distribuito in altri settori come quello agroforestale (17%), i meccanismi flessibili (20%) e i settori non coperti dalla direttiva EU ETS. % MtCO 2 /anno MtCO 2 Totali ( ) Impegno nazionale ,0 Meccanismi flessibili (CDM, JI; ET) ,0 Settore agroforestale 17,1 16,2 81,0 Contributo ETS 15,0 14,2 71,0 Altri settori non ETS 48,0 45, ,0 16 Tabella 1 - Ripartizione dell'impegno nazionale di riduzione delle emissioni Nel maggio del 2007, la Commissione Europea ha accettato il Piano di assegnazione dell Italia per il periodo , a condizione che certi cambiamenti siano attuati rispetto alla versione proposta, ovvero che la riduzione del numero totale dei permessi di emissione sia di 13,25 milioni di tco 2 eq/anno, passando quindi da 209 a 195,75 milioni di tco2 eq [MATTM 2007]. Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

19 Gli obiettivi di Kyoto nel LAZIO e nella Provincia di Viterbo Da uno studio presentato dall ISSI ( Istituto Sviluppo Sostenibile Italiano) la regione Lazio è considerata con un livello medio di emissioni pro-capite pari a circa 7 ton/per abitante rispetto ai consumi del 1990 per un totale regionale di circa 36 Mt CO2 eq. Lo studio assegna per il Lazio, per la quota non ETS, un obiettivo immediato e provvisorio entro il 2012 con riduzione delle emissioni di 6.5% per il Protocollo di Kyoto; pari a circa 2,34 Mt CO2 eq. Nella tabella seguente si riportano gli obiettivi indicati dalla Regione Lazio da raggiungere al 2020 con le fonti rinnovabili: 17 Tecnologia Potenza al 2020 [MW] BIOMASSE 73 FOTOVOLTAICO 760 EOLICO 850 Quindi per il rispetto del protocollo di Kyoto ogni cittadino laziale dovrebbe, per la componente non ETS, contribuire con una riduzione di circa 0,44 ton CO2 eq. Pertanto l obiettivo di riduzione della provincia di Viterbo, risulterà pari a 139 KtCO 2 eq all anno per il quinquennio ( abitanti: fonte ISTAT 2009) Nel caso specifico di Canino si può immaginare che l intero comune debba contribuire per circa ton CO2 eq (5.232 abitanti) ovvero 1,66% di tutta la riduzione attesa per l intera provincia di viterbo. Lo stato dell arte delle fonti rinnovabili nella Provincia di Viterbo La Provincia di Viterbo ha posto le basi per un azione di revisione del vecchio piano energetico ambientale provinciale del 2001, ormai obsoleto e mai applicato, definendo un quadro di relazioni con i portatori di interesse locali e nazionali e di collaborazioni con il mondo tecnico scientifico per avviare un processo socio-economico di Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

20 cambiamento e di innovazione contribuendo nel suo territorio agli obiettivi di riduzione dei gas climalteranti in sintonia con gli accordi di Kyoto. Ad oggi le richieste autorizzate od in corso di autorizzazione di operatori privati nella provincia di Viterbo sono riportate nella tabella seguente. Tecnologia POTENZA TOTALE (MW) AUTORIZZATE (MW) ISTRUTTORIA IN CORSO (MW) 18 BIOMASSE 11, ,96 FOTOVOLTAICO 422, ,59 283,46445 EOLICO 120, ,00 TOTALE 614, ,59 404,42445 Tab 2 - Richieste di impianti alimentati con fonti rinnovabili nella Provincia di Viterbo Nella ipotesi che tutte le richieste di autorizzazione passino positivamente le conferenze di servizio si arriverebbe nella provincia di Viterbo a coprire già dalla fine delle costruzione (almeno due anni da oggi) una parte degli obiettivi della regione Lazio per il 2020 ed in particolare: Settore Biomasse, con un rapporto di 11,96/73 MWe (biomasse vergini e non), pari a circa il 16 % Settore Fotovoltaico, con un rapporto di 283,46/760 MWe (maggiore di 50 kw), pari a circa il 37 % Settore Eolico con un rapporto di 120/850 MWe pari a circa il 14% Questo porrebbe in evidenza che la provincia di Viterbo esprime una potenzialità consistente per il contributo che può dare alla regione Lazio nell ambito degli obiettivi che si è posta al 2020 nel Piano Energetico Regionale approvato dalla giunta nel luglio scorso ed in via di approvazione al Consiglio regionale. Il Protocollo di Kyoto e la sua attuazione

4.7 - Acque distribuite

4.7 - Acque distribuite 4.7 - Acque distribuite Il crescente consumo di acqua, unito al progressivo inquinamento delle risorse idriche e ai fenomeni di cambiamento climatico naturale ed indotto, stanno alterando in maniera irreversibile

Dettagli

DOMANDA NETTA DI AUTOVETTURE NELLE REGIONI. (Anno 2004)

DOMANDA NETTA DI AUTOVETTURE NELLE REGIONI. (Anno 2004) 11.2 - Parco veicolare E interessante avere una visione dei veicoli in movimento sul territorio conoscendone la tipologia per poter affrontare in modo coerente la problematica legata agli impatti ambientali

Dettagli

3.6.2.5 Raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi).

3.6.2.5 Raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi). 3.6.2.5 Raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi). L andamento della raccolta differenziata dei RUP nella provincia di Viterbo dal 1997 al 2000 è rappresentato in Figura 16. Figura 16

Dettagli

OSSERVATORIO DEI VALORI IMMOBILIARI DELLA PROVINCIA DI VITERBO SECONDO SEMESTRE 2014

OSSERVATORIO DEI VALORI IMMOBILIARI DELLA PROVINCIA DI VITERBO SECONDO SEMESTRE 2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO OSSERVATORIO DEI VALORI IMMOBILIARI DELLA PROVINCIA DI VITERBO SECONDO SEMESTRE 2014 I prezzi riportati vanno considerati a soli fini statistico-economici

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 L analisi dei costi in relazione agli impegni previsti dalla decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007 è stata effettuata sulla base

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO Assessorato agricoltura e valorizzazzione dei prodotti tipici Caccia e Pesca, Polizia provinciale. Versione 0.

PROVINCIA DI VITERBO Assessorato agricoltura e valorizzazzione dei prodotti tipici Caccia e Pesca, Polizia provinciale. Versione 0. PROVINCIA DI VITERBO Assessorato agricoltura e valorizzazzione dei prodotti tipici Caccia e Pesca, Polizia provinciale Versione 0.1 ReaLiZZaZione Ippovie certificate Presentazione Il Progetto Mario Trapè

Dettagli

Orario in vigore dal 09 Nov 2015 al 22 Dec 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 4. SA 18:20 4.. 19:30 13..

Orario in vigore dal 09 Nov 2015 al 22 Dec 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 4. SA 18:20 4.. 19:30 13.. Orario in vigore dal 09 Nov 2015 al 22 Dec 2015 pag. 1/95 Riello /p.zza G.Bruno, Viterbo Partenze Da Viterbo DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Abbadia San Salvatore p.zza della Repubblica 10:00. 16:30.

Dettagli

10.1 - Frequenza delle sorgenti di inquinamento elettromagnetico(srb) (P)

10.1 - Frequenza delle sorgenti di inquinamento elettromagnetico(srb) (P) 10.1 - Frequenza delle sorgenti di inquinamento elettromagnetico(srb) (P) Definizione dell indicatore e metodologia di calcolo L indicatore intende misurare la presenza sul territorio delle sorgenti di

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

7. - ENERGIA. Premessa e fonte dati

7. - ENERGIA. Premessa e fonte dati 7. - ENERGIA Premessa e fonte dati Il problema dei cambiamenti climatici è un argomento tra i più stringenti sia a livello internazionale sia a livello di governi locali. Le Nazioni Unite, tramite la Convenzione

Dettagli

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità.

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità. Scheda : Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Modena Adozione: 22 luglio 2008 Riguarda il territorio provinciale Referente INU per la scheda: Fatima Alagna. Direttivo INU Emilia Romagna

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia P A R T E S E C O N D A Capitolo 12 Energia 12. ENERGIA 12.1 Caratteri generali Nella trattazione degli argomenti riportati nel presente capitolo si è posta particolare enfasi sui consumi elettrici e di

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10..

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10.. Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 Riello /p.zza G.Bruno, Viterbo Partenze Da Viterbo DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Abbadia San Salvatore p.zza della Repubblica 10:00. 16:30.

Dettagli

Progetto LIFE+08 ENV/IT/000425 ETRUSCAN. Deliverable action 1b Study of the flows of commuter students

Progetto LIFE+08 ENV/IT/000425 ETRUSCAN. Deliverable action 1b Study of the flows of commuter students Viterbo 22 giugno 2010 Progetto LIFE+08 ENV/IT/000425 ETRUSCAN Deliverable action 1b Study of the flows of commuter students Introduzione Per una corretta progettazione del servizio di trasporto collettivo,

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

LE STRATEGIE DEL PIANO ENERGETICO DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA

LE STRATEGIE DEL PIANO ENERGETICO DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA CONVEGNO E ASSEMBLEA ANNUALE NAZIONALE ALLEANZA PER IL CLIMA ITALIA VERSO COPENAGHEN E IL SECONDO PERIODO DI IMPEGNI: NUOVI PROGETTI, NUOVE PROSPETTIVE REGGIO EMILIA 18 MARZO 2008 LE STRATEGIE DEL PIANO

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

ELENCO CENTRI DI DISTRIBUZIONE KIT

ELENCO CENTRI DI DISTRIBUZIONE KIT ELENCO CENTRI DI DISTRIBUZIONE KIT ACQUAPENDENTE Ospedale I piano stanza D (lunedì e martedì dalle ore 11 alle ore 13/ mercoledì dalle ore 14 alle ore 16) ARLENA DI CASTRO Farmacia Seguino via Vittorio

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida P.I. Gino D Angelo Tecnico Responsabile per la Conservazione e l Uso dell Energia del Comune di Potenza Introduzione Il Tecnico Responsabile

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Siena, 23 Aprile 2008 Introduzione ai lavori Mauro Forti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Legge Finanziaria

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER APPALTO TRASPORTO PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI DAL DOMICILIO AL CENTRO DI TRATTAMENTO

CAPITOLATO SPECIALE PER APPALTO TRASPORTO PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI DAL DOMICILIO AL CENTRO DI TRATTAMENTO CAPITOLATO SPECIALE PER APPALTO TRASPORTO PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI DAL DOMICILIO AL CENTRO DI TRATTAMENTO Art. 1 Oggetto e destinatari Il presente Capitolato intende regolare l appalto del servizio

Dettagli

Energia Benessere - Crescita

Energia Benessere - Crescita Le energie rinnovabili: opportunità da sole, acqua, vento e biomasse Energia Benessere - Crescita Scenari per il futuro prossimo, dopo il protocollo di Kyoto. prof. Mauro REINI docente di sistemi per l

Dettagli

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "TUSCIA" a Denominazione di Origine Controllata

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva TUSCIA a Denominazione di Origine Controllata Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "TUSCIA" a Denominazione di Origine Controllata Iscrizione nel "Registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche"

Dettagli

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2?

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Convegno Obiettivo 2020: il Patto dei Sindaci per l energia sostenibile Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Alba, 29 novembre 2013 Direttore Dipartimento Energia Politecnico di Torino 1 Italia

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

11. INIZIATIVE TERRITORIALI

11. INIZIATIVE TERRITORIALI 11. INIZIATIVE TERRITORIALI Nella presente sezione sono riportate in sintesi alcune iniziative e strumenti di programmazione territoriale definiti o attivati negli ultimi anni che assumono una rilevanza

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico Installazione del sistema solare termico L installazione dei pannelli solari è possibile in tutti gli edifici ed le abitazioni, dalle villette agli edifici plurifamiliari o nei condomini. L installazione

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER

Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER PROVINCIA DI TERNI Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER RELATORI: Ing. Francesco LONGHI Ing. Roberto CELIN 1 Legislazione Italiana Fonti Energia Rinnovabile D.lgs. n. 387 del 29 Dicembre 2003 Attuazione

Dettagli

ENERGIA SOLARE IN UMBRIA

ENERGIA SOLARE IN UMBRIA ENERGIA SOLARE IN UMBRIA L'irraggiamento solare della regione Umbria, misurato mediando i valori ottenuti dalle quattro stazioni di Perugia, Città di Castello, Todi e Terni, è pari a circa 12573 Gcal/ha.

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

CAPITOLO 2 ENERGIA. Autori: Antonio CAPUTO 1, Domenico GAUDIOSO 1, Giulia IORIO 2, Piero LEONE 3. Coordinatore statistico: Alessandra GALOSI 1

CAPITOLO 2 ENERGIA. Autori: Antonio CAPUTO 1, Domenico GAUDIOSO 1, Giulia IORIO 2, Piero LEONE 3. Coordinatore statistico: Alessandra GALOSI 1 2. ENERGIA 117 CAPITOLO 2 ENERGIA Autori: Antonio CAPUTO 1, Domenico GAUDIOSO 1, Giulia IORIO 2, Piero LEONE 3 Coordinatore statistico: Alessandra GALOSI 1 Coordinatore tematico: Domenico GAUDIOSO 1 1)

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE VISTA la decisione 93/389/CEE del Consiglio dell Unione Europea, modificata

Dettagli

ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA

ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA Capitolo 4 ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA 4.1 Premessa All agricoltura viene da tempo riconosciuto, grazie alla multifunzionalità, il ruolo di gestione del

Dettagli

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI VITERBO

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI VITERBO Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE DI VITERBO Via della Ferrovia, 40 01100 VITERBO Tel.:0761 303565 - Fax 0761 325389 Indirizzo Internet: www.lnd.it www.crlazio.org

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE AGRARIA N.1 REGIONE AGRARIA N.2 Comuni di: ACQUAPENDENTE, BAGNOREGIO, BOLSENA, CAPODIMONTE, CASTIGLIONE IN TEVERINA, CIVITELLA D`AGLIANO, GRADOLI, GROTTE

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

Gli effetti della liberalizzazione del settore energetico e il ruolo dell Autorità per ottimizzarne gli effetti per istituzioni, cittadini e imprese

Gli effetti della liberalizzazione del settore energetico e il ruolo dell Autorità per ottimizzarne gli effetti per istituzioni, cittadini e imprese Gli effetti della liberalizzazione del settore energetico e il ruolo dell Autorità per ottimizzarne gli effetti per istituzioni, cittadini e imprese Rosita Carnevalini Direttore Direzione Strategie, Studi

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra e cambiamenti climatici Il ruolo dell industria d i italiana Paolo Zelano, Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra il meccanismo I gas responsabili dell'effetto

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Olbia, 6 maggio 2011 Marcello Antinucci AESS - Agenzia per l Energia di Modena

Olbia, 6 maggio 2011 Marcello Antinucci AESS - Agenzia per l Energia di Modena Olbia, 6 maggio 2011 Marcello Antinucci AESS - Agenzia per l Energia di Modena Firmare il Patto significa impegnarsi a: Per che cosa si è aderito al Patto dei Sindaci? Ruoli: la Commissione Europea Ruoli:

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Ambiente Servizio Energia Gestione Ambientale Verificata N. Registro I - 000106

PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Ambiente Servizio Energia Gestione Ambientale Verificata N. Registro I - 000106 PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Ambiente Servizio Energia Gestione Ambientale Verificata N. Registro I - 000106 (Allegato alla deliberazione del Consiglio Provinciale del 06 / 02 / 2008, n. ) Linee guida

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO Siena, 10 maggio 2011 Le fasi della lotta al global warming 2 La definizione degli strumenti per l applicazione del protocollo di Kyoto Il varo del sistema

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE VISTA la decisione 93/389/CEE del Consiglio dell Unione europea, modificata

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA Dati anno 2012 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici dott. Damiano Zoffoli Presidente Commissione Politiche Economiche Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Confartigianato Forlì-Cesena

Dettagli