CONSUNTIVO PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSUNTIVO PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART"

Transcript

1 CONSUNTIVO PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). L art. 2 comma 594 della L dispone che ai fini del contenimento delle spese di funzionamento delle proprie strutture, le amministrazioni pubbliche di cui all art. 1 comma 2 del D.lgs. 165/2001 adottano piani triennali per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio, delle autovetture di servizio, dei beni immobili ad uso abitativo o di servizio nonché, le misure dirette a circoscrivere l assegnazione di apparecchiature di telefonia mobile ai soli casi in cui il personale debba assicurare pronta e costante reperibilità. Nel triennio in esame ( ) è stata effettuata una ricognizione della situazione esistente con riferimento alla verifica dell idoneità delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio dalla quale è emerso quanto segue: dotazioni strumentali situazione al situazione al Situazione al 31/12/ /12/ Personal computer Stampanti Fotocopiatrici in proprietà Fotocopiatrici a noleggio Consip Fax Telefoni fissi Le dotazioni strumentali standard di ogni posto di lavoro, inteso come postazione individuale, è così composta: un personal computer (con sistema operativo Windows 7); un telefono; una stampante (in alcuni casi condivisa); un fax in dotazione ad ogni area di lavoro. CRITERI DI GESTIONE DELLE DOTAZIONI INFORMATICHE E presente un assistenza tecnica interna, che ha curato l installazione, la manutenzione e la gestione dei software di base e dei software applicativi utilizzati presso i vari uffici e cura la manutenzione ordinaria delle attrezzature informatiche, nonché, nel triennio, un assistenza tecnica esterna, assegnata a seguito di procedura di gara esperita di anno in anno, che ha curato l assistenza hardware straordinaria (chiamata su guasto). pag. 1

2 L acquisizione di nuove attrezzature informatiche è avvenuta utilizzando le convenzioni Consip o, in misura marginale, il relativo mercato elettronico. Le dotazioni informatiche assegnate ad ogni posto di lavoro (personal computer, monitor e stampante) sono state gestite secondo i seguenti criteri: il tempo di vita ordinario è almeno di 5 anni; di norma non si è proceduto alla sostituzione prima di tale termine; le sostituzioni anticipate sono avvenute solo nel caso di guasto e qualora la valutazione costi/benefici relativa alla riparazione avesse dato esito sfavorevole anche tenendo conto dell obsolescenza dell apparecchio che causa un rapido deprezzamento dei dispositivi elettronici ed informatici. Tale valutazione veniva effettuata dai tecnici del servizio; nel caso in cui un pc non aveva più la capacità di supportare efficacemente l evoluzione di un applicativo veniva comunque riutilizzato in ambiti dove sono richieste prestazioni inferiori; l individuazione dell attrezzatura informatica a servizio delle diverse stazioni di lavoro viene effettuata secondo i principi dell efficacia operativa e dell economicità. In particolare si è tenuto conto: a) delle esigenze operative dell ufficio; b) del ciclo di vita del prodotto; c) degli oneri accessori connessi (manutenzione, ricambi, oneri di gestione, materiali di consumo). CRITERI DI GESTIONE DEI TELEFONI a) telefoni fissi Ogni posto di lavoro ha in dotazione un apparecchio telefonico. Gli apparecchi sono di proprietà della Camera di Commercio. La sostituzione viene effettuata esclusivamente in caso di guasto irreparabile. Per il collegamento internet e posta elettronica degli uffici si utilizza il servizio di Infocamere, attraverso le linee dati già esistenti. Al fine di contenere la complessiva spesa per la telefonia si è provveduto a: 1) aderire alle convenzione Consip per la telefonia fissa e trasmissione dati; 2) monitorare, attraverso il software Blue s, le telefonate in uscita; 3) invitare i dipendenti a privilegiare l utilizzo della posta elettronica limitando l utilizzo dell apparecchio telefonico alle telefonate verso linea fissa, riducendo le abilitazioni alle chiamate verso telefoni cellulari. b) telefoni cellulari Sono attive linee di telefonia mobile, con onere a carico dell Amministrazione e attraverso l adesione alla convenzione Consip, limitatamente a: Presidente Segretario Generale Autista (scheda aziendale) pag. 2

3 Provveditore (dal dicembre 2011) Gli apparecchi cellulari sono stati assegnati in relazione alla funzione ricoperta che richiede pronta e costante reperibilità. Il servizio Provveditorato ha effettuato, nel rispetto della vigente normativa sulla privacy, verifiche a campione sul traffico telefonico fatturato (le fatture presentano un elenco del dettaglio delle telefonate) per accertare la natura istituzionale delle chiamate imputate alla Camera. Gli assegnatari delle linee hanno comunque la possibilità, tramite apposito codice, di effettuare telefonate personali che vengono fatturate direttamente al dipendente. CRITERI DI GESTIONE DEI TELEFAX L affermazione dei servizi di posta elettronica ha prodotto il ridimensionamento dell utilizzo degli apparecchi telefax. Nel 2010 è stato attivato un servizio di Fax Server che ha consentito di inviare e ricevere fax direttamente dal PC e che permetterà, nel lungo periodo, di ridurre i costi di gestione. Nel breve periodo tale economia non sarà percepita dovendo comunque garantire la funzionalità dei fax in dotazione all Ente. CRITERI DI GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE DI FOTORIPRODUZIONE Nel triennio si è provveduto a: - limitare l utilizzo delle macchine fotocopiatrici in proprietà, acquistate oltre 10 anni fa e con un elevato numero di fotocopie, cessando il contratto di manutenzione in quanto eccessivamente oneroso e prevedendone quindi la dismissione al termine del ciclo di vita; alla fine del triennio le macchine fotocopiatrici in proprietà ammontavano a 8; - proseguire il rapporto instaurato a seguito dell acquisizione di macchine in noleggio sulla base delle Convenzioni Consip, che risultano estremamente vantaggiose dal punto di vista economico; - monitorare, mediante la rilevazione mensile dei contatori e l adozione di codici di blocco diversi per ogni Servizio, il consumo di fotocopie; - individuare le aree di lavoro in cui collocare le macchine dimensionando la capacità di stampa in relazione alle esigenze di fotoriproduzione e stampa di ogni singola area e quindi massimizzando il rapporto costo/beneficio; - prevedere un contratto di noleggio inclusivo della manutenzione della macchina e della fornitura dei materiali di consumo, ad esclusione della carta. CRITERI DI GESTIONE DELLE AUTOVETTURE Il parco automezzi è stato mantenuto di 3 autovetture e di n. 1 scooter, ancora in dotazione all Ente nonostante l indizione dell asta per la vendita che è andata deserta. L Ente possiede solo una autovettura di rappresentanza e due autovetture assegnate all ufficio Metrico per l espletamento delle funzioni di polizia giudiziaria, una delle quali, immatricolata nel 2007, acquistata tramite convenzione Consip, mentre l altra è stata acquistata dopo aver esperito una indagine di mercato. pag. 3

4 Ogni responsabile appronta idonea modulistica nella quale sono registrati giornalmente per ogni automezzo in dotazione il giorno e l ora di utilizzo, il nominativo del dipendente che utilizza l automezzo, la destinazione e/o il servizio da espletare, il giorno e l ora di rientro dell automezzo, i chilometri percorsi. Non è stato aumentato, nel triennio, il numero complessivo delle autovetture. La gestione dei mezzi di cui sopra avviene nei limiti di spesa previsti dalle vigenti disposizione di legge. Nel 2012, nell ottica del contenimento dei costi di gestione delle auto camerali, si è aderito alla convenzione Consip per la fornitura di carburante. GESTIONE DEI BENI IMMOBILI La Camera di Commercio ha espletato, nel triennio la propria attività istituzionale su più sedi, tutte di proprietà, come di seguito elencato: SEDE CAMERALE di Piazza della Vittoria L Ente ha intrapreso una politica di contenimento dei consumi e dei relativi costi di gestione e di funzionamento. Sono stati effettuati interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria alfine di evitare il degrado degli immobili di proprietà e prevenire situazioni di urgenza e di pericolo per la sicurezza dei lavoratori. In particolare nel triennio si è provveduto alla sostituzione di tutti gli infissi esterni della sede camerale per adeguarli alle vigenti normative. L Isolato San Rocco, di cui il Palazzo degli Affari fa parte, è stato oggetto di un intervento di riqualificazione che ha interessato tutti e 4 i Condomini che ne fanno parte. Sono inoltre stati acquisiti in proprietà i locali del secondo piano della sede camerale con rogito in data Ciò ha consentito di riportare nel centro cittadino tutte le attività istituzionali che venivano svolte sia nella sede di Mancasale che in quella di via Crispi. Nel 2009 l Ente ha provveduto a sottoscrivere un contratto accessorio al protocollo di intesa stipulato con l Amministrazione Comunale di Reggio ed Enia (oggi Iren), per l apertura di sportelli presso la sede camerale a fronte del quale Iren, oltre a riconoscere un canone di locazione, riconosce 1/3 delle spese di funzionamento (teleriscaldamento, acqua, luce, manutenzioni, portierato ecc) PALAZZO SCARUFFI Nel 2011 gli organismi di tutela (Consorzio Vini, Aceto Balsamico, Cofiter) si sono trasferiti dalla sede di Mancasale alla sede di via Crispi al fine del contenimento dei costi di gestione. SEDE DI MANCASALE La sede decentrata, è ubicata presso il polo fieristico di Mancasale e nelle immediate vicinanze della fermata mediopadana dell alta velocità. E utilizzata per lo svolgimento delle attività connesse alla Sala Contrattazioni e per eventi promozionali. pag. 4

5 PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). Con deliberazione della Giunta camerale n. 83 del , al fine del contenimento delle spese di funzionamento delle strutture camerali, con esplicito riferimento all art. 2, comma 594 e seguenti della L. 244/2007, si è predisposto un piano di razionalizzazione delle dotazioni strumentali e di apparati elettronici ed informatici per il triennio 2012/2014. E stata effettuata una preliminare ricognizione della situazione esistente con riferimento alla verifica dell idoneità delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio dalla quale è emerso quanto segue: dotazioni strumentali situazione al 1/1/2013 Personal computer 121 Stampanti 103 Fotocopiatrici in proprietà 8 Fotocopiatrici a noleggio Consip 6 Fax 11 Telefoni fissi 120 Le dotazioni strumentali standard di ogni posto di lavoro, inteso come postazione individuale, è così composta: un personal computer (con sistema operativo Windows 7); un telefono; una stampante (in alcuni casi condivisa); un fax in dotazione ad ogni area di lavoro. PIANO SOSTITUZIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE E MACCHINE DA UFFICIO 1. Personal computer Tra maggio 2012 e febbraio 2013 sono stati acquistati n. 92 pc, tramite Convenzione Consip, permettendo quindi la completa sostituzione dei computer in dotazione ai dipendenti. Questo ha permesso da un lato di dotare la Camera di strumenti al passo con i tempi e conformi alle esigenze attuali, dall altro di uniformare il parco macchine esistente, con il non indifferente vantaggio di poterne gestire centralmente gli aggiornamenti e le installazioni software, con un enorme risparmio di tempo e di risorse. pag. 1

6 I pc sostituiti sono stati in parte donati ad istituti scolastici della provincia ed in parte destinati alla rottamazione, mentre i più recenti (acquistati nel 2008) sono stati destinati ad utilizzi marginali all interno dell Ente. 2. Monitor Insieme ai pc, sono stati acquistati alcuni monitor (n. 20), utilizzati per completare la dotazione delle postazioni esistenti. Non si prevede la necessità di ulteriori acquisti nel prossimo triennio. 3. Stampanti Nel corso del 2013 sono state acquistate n. 20 stampanti, tramite Convenzione Consip, al fine di sostituire alcuni apparecchi che presentavano problemi di funzionamento, in particolare negli uffici che richiedono un maggiore utilizzo della stampa. Per il resto, la totalità delle stampanti attualmente in dotazione sono state acquistate nel e, salvo guasti, non se ne prevede la sostituzione nel prossimo triennio. 4. Scanner La digitalizzazione di numerosi processi ha reso gli scanner uno strumento di lavoro indispensabile in tutti gli uffici. Attualmente sono presenti 31 scanner, classificabili in: - di fascia alta (situati al Protocollo), anno di acquisto di fascia intermedia, anno di acquisto Non si prevede la necessità di ulteriori acquisti nel prossimo triennio. 5. Fotocopiatrici E prevista, nel corso del 2013, la completa dismissione delle apparecchiature in proprietà, in quanto ormai diventate antieconomiche. Attualmente sono presenti n. 9 fotocopiatrici a noleggio, tutte acquisite tramite Convenzioni Consip, le quali prevedono un canone trimestrale (estremamente ridotto rispetto alle normali quotazioni di mercato) che copre, oltre al noleggio vero e proprio, i costi di riparazione e la gestione dei consumabili (toner). Di queste, n. 3 sono state acquisite nel corso del 2013 in sostituzione di altrettante apparecchiature in proprietà, non più funzionanti. 6. Telefax L affermazione dei servizi di posta elettronica ha prodotto il ridimensionamento dell utilizzo degli apparecchi telefax. Al fine della razionalizzazione dei costi la presenza di telefax è prevista per una pluralità di uffici. Attualmente sono n. 11. Esiste un fax con funzione istituzionale a servizio dell intero Ente, predisposto anche per inviare fax all estero. L attivazione di un servizio di Fax Server che consente di inviare e ricevere fax direttamente dal pc, ha contribuito a ridurre i costi di gestione e si prevede che nel triennio ne venga potenziato l utilizzo. Si pensa quindi di ridurre il numero di fax nel prossimo triennio. pag. 2

7 CRITERI DI GESTIONE DEI TELEFONI 1. telefoni fissi E prevista, nel corso del 2013, la dismissione dell impianto telefonico esistente (centralino ed apparecchi) ed il passaggio alla tecnologia Voip, con i seguenti benefici: - dismissione di apparati ormai obsoleti che, in molti casi, presentano malfunzionamenti, con conseguenti risparmi sui costi di gestione e manutenzione; - adozione di una tecnologia moderna, ormai presente in molte realtà aziendali sia pubbliche che private, con maggiore facilità e flessibilità di utilizzo; - liberare l Ente dall onere della gestione di un centralino fisico, con i costi che ne derivano, adottando una soluzione che preveda l erogazione dei servizi telefonici da remoto; - unificare le reti dati e fonia, attualmente separate, con conseguenti risparmi sui canoni delle linee telefoniche. 2. telefoni cellulari Sono attualmente attivi telefoni cellulari, con onere a carico dell Amministrazione e con tariffe in convenzione CONSIP, limitatamente a: - Segretario Generale - Presidente - Autista - Provveditore Gli apparecchi cellulari sono stati assegnati in relazione alla funzione ricoperta che richiede pronta e costante reperibilità. Non è prevista, nel prossimo triennio, alcuna modifica alla situazione esistente, salvo la probabile necessità di aderire alla prossima Convenzione Consip che dovrebbe essere attivata nel Misure previste Il servizio Provveditorato effettuerà, nel rispetto della normativa sulla tutela e riservatezza dei dati personali, verifiche a campione sul traffico telefonico fatturato (le fatture presentano un elenco del dettaglio delle telefonate) per accertare la natura istituzionale delle chiamate imputate alla Camera. Sulla base delle suddette considerazioni, al momento non risulta necessario apportare, per il triennio 2013/2015 alcun correttivo, fatti salvi i necessari aggiornamenti in base alla funzionalità dei medesimi apparecchi. La Camera di Commercio proseguirà nell azione intrapresa di razionalizzare al meglio l utilizzo di telefoni cellulari. CRITERI DI GESTIONE DELLE AUTOVETTURE Misure in corso Il parco automezzi è attualmente di 3 autovetture e di n. 1 scooter (è stata indetta un asta pubblica per l alienazione dello scooter ma la stessa è andata deserta). La dotazione di automezzi è così composta: tipo e marca targa anno uso servizio alimenta zione FIAT PUNTO BR 795 GV SERVIZI DI POLIZIA Ufficio Metrico BENZINA Classe EURO pag. 3

8 GIUDIZIARIA FIAT PUNTO DL 689 WT 2007 SERVIZI DI POLIZIA Ufficio Metrico GIUDIZIARIA LANCIA THESIS CN 727WW SIG. PRESIDENTE DI RAPPRESENTANZA SCOOTER 062X3 NON PIU UTILIZZATO ATTIVITA AUSILIARIE BENZINA/ metano BENZINA L Ente possiede solo una autovettura di rappresentanza e due autovetture assegnate all ufficio Metrico per l espletamento delle funzioni di polizia giudiziaria, una delle quali, immatricolata nel 2007, acquistata tramite convenzione Consip. Misure di razionalizzazione previste Si ritiene di non aumentare il numero complessivo delle autovetture. Prima di acquisire un nuovo automezzo, eventualmente per l espletamento della nuova attività in materia di sorveglianza prodotti, l Ente dovrà effettuare una valutazione comparativa, in relazione alla tipologia di automezzo e all uso cui esso sarà destinato, sull opportunità di procedere all acquisto oppure al noleggio a lungo termine tutto compreso. Si ipotizza la rottamazione dello scooter. Il parco automezzi soddisfa strettamente i fabbisogni dell ente e pertanto non è possibile dismettere autovetture. Ogni responsabile appronta idonea modulistica nella quale sono registrati giornalmente per ogni automezzo in dotazione: 1) il giorno e l ora di utilizzo, 2) il nominativo del dipendente che utilizza l automezzo 3) la destinazione e/o il servizio da espletare 4) il giorno e l ora di rientro dell automezzo 5) i chilometri percorsi La Camera di Commercio ha già da anni adottato misure finalizzate alla razionalizzazione dell'utilizzo delle autovetture e al contenimento dei relativi costi, tramite l impiego delle autovetture stesse per motivi strettamente legati ad esigenze di servizio, dietro diretta autorizzazione del Segretario Generale per spostamenti all interno della città o in località non coperte da adeguati servizi di mezzi pubblici. Le misure si sono dimostrate adeguate ad ottemperare alle disposizioni normative che hanno indicato precisi limiti di spesa per le autovetture di servizio Sulla base delle suddette considerazioni non risulta necessario apportare correttivi gestionali per il triennio e la Camera proseguirà nell azione di razionalizzazione già intrapresa con l obiettivo di contenere i costi annuali, nel rispetto dei limiti normativi imposti. CRITERI DI GESTIONE DEI BENI IMMOBILI Misure in corso La Camera di Commercio espleta la propria attività istituzionale su più sedi, tutte di proprietà, come di seguito elencato: pag. 4

9 SEDE CAMERALE Negli ultimi anni, in ottemperanza a quanto disposto dall art. 55 comma 9 della Legge finanziaria n. 449 del , la Camera di Commercio ha provveduto a dismettere, gradualmente, gli immobili in locazione. Con la scelta di aderire alla convenzione Consip per la gestione del servizio di facility management effettuata all inizio del 2010 l Ente si è impegnato da un lato a ridurre il degrado della sede camerale e, dall altro, ad effettuare gli interventi tecnici sull impiantistica in modo da garantirne la perfetta efficienza. Nel 2009 l Ente ha provveduto a sottoscrivere un contratto accessorio al protocollo di intesa stipulato con l Amministrazione Comunale di Reggio ed Enia, per l apertura di sportelli presso la sede camerale. A seguito di tale accordo, alla Camera è riconosciuto un rimborso forfettario oltre ad un terzo di ogni spesa sostenuta riferibile ai costi di struttura. Il con rogito del notaio Rubertelli, è stata acquisita la proprietà del secondo piano della sede camerale, di mq Per tale sede si prevedono interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria al fine di mantenerli funzionali e in buono stato di conservazione. I suddetti interventi vengono realizzati nei limiti e nei vincoli stabiliti dalla normativa ed in particolare dall art. 2 commi della Legge 244/2007 e s.m.i. Dal calcolo del vincolo sono esclusi gli interventi di restauro e quelli legati alla sicurezza. Da alcuni anni l ente camerale è impegnato nella sostituzione degli infissi della sede camerale, al fine di adeguarli alle vigenti disposizioni in materia di isolamento acustico e di trasmittanza termica attraverso la posa di serramenti a taglio termico e vetri a norma della trasmittanza. Lo scorso anno sono stati sostituiti gli infissi e delle superfici vetrate della zona nord-est, del primo piano. Tale intervento esula dall applicazione del limite di spesa di cui alla L. 244/2007 in quanto rientrante nella disciplina in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Nell anno 2013, per completare l intervento di messa in sicurezza dei vetri, è necessario sostituire gli infissi ed i vetri del primo piano, prospicienti il cavedio. Al piano terra della sede camerale, è situato il Bar Borsa, i cui locali sono stati concessi in locazione. LOCALI IN GALLERIA: la Camera di Commercio è proprietaria di n. 2 unità immobiliari, ristrutturati nel 1999 ed aventi una superficie complessiva di mq 70, accatastati come negozi, situati nella galleria S. Rocco. L Ente camerale entrò in possesso dei locali nel 1960 ma l anno di acquisto (rogito) risale al L intervento di riqualificazione dell Isolato san Rocco, ormai ultimato, ha, di fatto, riqualificato anche i locali di proprietà camerale che potrebbero divenire strategici per coloro che intendono aprire una attività commerciale nel centro storico. I locali si trovano in una posizione baricentrica rispetto al sistema Via Emilia e costituisce una sorta di cerniera tra le due piazze (Della Vittoria e Martiri del 7 luglio). L attuale crisi economica che coinvolge trasversalmente tutti i settori produttivi, ha determinato l infruttuosità del bando pubblicato per la locazione dei locali anzidetti. La particolare difficoltà in cui versa il mercato immobiliare e la sovrabbondanza di offerta rispetto alla domanda, che determina un andamento negativo del mercato immobiliare ed pag. 5

10 il deterioramento del contesto economico associato alla selettività del sistema creditizio, ha portato ad una contrazione dei prezzi medi di compravendita incidendo anche sul mercato delle locazioni con una contrazione dei prezzi del 15-20%. Anche il secondo avviso pubblicato, che teneva conto di tale contrazione, è andato però deserto. PALAZZO SCARUFFI Il Palazzo per una parte ospita i Consorzi di Tutela, per un altra è destinato ad attività istituzionale e promozionale (incontri BtB, incoming, corsi di formazione, ecc.). SEDE DI MANCASALE La sede decentrata è ubicata presso il polo fieristico di Mancasale e nelle immediate vicinanze della fermata Mediopadana dell alta velocità. Attualmente è utilizzata per attività istituzionali (sala contrattazioni) e promozionali. Nel 2013 è stata inaugurata la stazione Mediopadana destinata a diventare un elemento fondamentale del nuovo sistema dell Alta velocità e come tale destinata ad incrementare indirettamente le potenzialità anche della sede camerale. Misure di razionalizzazione previste L Ente si propone di continuare nella politica di contenimento dei consumi e dei relativi costi di gestione e di funzionamento. Sono previsti interventi di manutenzione ordinaria al fine di evitare il degrado degli immobili di proprietà e prevenire situazioni di urgenza e pericolo. Gli investimenti saranno comunque monitorati in relazione ai limiti previsti dal D.L. n. 78 del 2010 convertito in Legge n. 122/2010. pag. 6

PIANO SOSTITUZIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE

PIANO SOSTITUZIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE allegato b) alla deliberazione n. 58 del 28.5.2012 PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007

Dettagli

UNIONE BASSA EST PARMENSE

UNIONE BASSA EST PARMENSE UNIONE BASSA EST PARMENSE PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244 del 24 dicembre 2007)

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2012/2014

PIANO TRIENNALE 2012/2014 COMUNE DI SIRONE PROVINCIA DI LECCO PIANO TRIENNALE 2012/2014 PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO,

Dettagli

COMUNE DI TRECASE MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO

COMUNE DI TRECASE MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO COMUNE DI TRECASE Provincia di Napoli MISURE FINALIZZATE ALLA DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO PIANO TRIENNALE 2014/2016 La legge 24 dicembre 2007, n. 244 avente

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2012/2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI

PIANO TRIENNALE 2012/2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI COMUNE DI SALBERTRAND Provincia di Torino P.ZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ, N.1 C.A.P.10050 partita IVA-C.F. 00881010011 Tel 0122/854595 Fax 0122/854733 e-mail info@comune.salbertrand.to.it PIANO TRIENNALE

Dettagli

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti informatici

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti informatici COMUNE DI MOMBELLO MONFERRATO Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti informatici PREMESSA La legge finanziaria

Dettagli

COMUNE di MEZZANINO PROVINCIA di PAVIA

COMUNE di MEZZANINO PROVINCIA di PAVIA COMUNE di MEZZANINO PROVINCIA di PAVIA REGIONE LOMBARDIA Piazza Grignani n.2-27040 Mezzanino (PV) - P.IVA 00471410183 tel.0385.71.013 - fax.0385.71.525 - Email: segreteria@comune.mezzanino.pv.it Piano

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016 Allegato A PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016 PREMESSA PARTE PRIMA ( dotazioni strumentali delle postazioni di lavoro art. 2 comma 594 L. n.244/2007)

Dettagli

RELAZIONE A CONSUNTIVO ANNO 2012

RELAZIONE A CONSUNTIVO ANNO 2012 PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008) RELAZIONE A CONSUNTIVO

Dettagli

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate:

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate: PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). Al fine del contenimento

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO. Provincia di Milano

COMUNE DI CASOREZZO. Provincia di Milano COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano L. 244/2007 ART. 2 C. 594/598 PIANO TRIENNALE 2011 2013 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RIDUZIONE DELLE VOCI DI SPESA Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

COMUNE DI REVINE LAGO Provincia di Treviso PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2012 2014

COMUNE DI REVINE LAGO Provincia di Treviso PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2012 2014 Allegato A alla delibera di Giunta Comunale n. 125 del 30.11.2011 COMUNE DI REVINE LAGO Provincia di Treviso PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2012 2014 (art. 2, comma

Dettagli

COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/817130-817131 FAX 0521/316005

COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/817130-817131 FAX 0521/316005 COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/817130-817131 FAX 0521/316005 PIANO TRIENNALE. CONSUNTIVO 2012/2014 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

Estratto dal verbale della riunione di GIUNTA. del 18/05/2015

Estratto dal verbale della riunione di GIUNTA. del 18/05/2015 Estratto dal verbale della riunione di GIUNTA del 18/05/2015 Sono presenti i Signori: LANDI STEFANO SILVI PAOLA GANASSI ROGER GIBERTI LORENZO MALAVASI IVAN MORA ANNAMARIA ROSSI CARLO ALBERTO TENEGGI GIOVANNI

Dettagli

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2, commi 594-599, Legge

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2016-2018 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO

COMUNE DI MONTECCHIO COMUNE DI MONTECCHIO (Provincia di Terni) PIANO TRIENNALE 2008/2010 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI.(art. 2, commi da 594 a 599, legge

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. ricordato che la finanziaria 2009 e relativi allegati non hanno apportato modifiche alle disposizioni sopra richiamate;

LA GIUNTA COMUNALE. ricordato che la finanziaria 2009 e relativi allegati non hanno apportato modifiche alle disposizioni sopra richiamate; OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2 COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE FINANZIARIA 2008 TRIENNIO 2009-2011 Premesso: LA GIUNTA COMUNALE che la legge n.

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2009/2011 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE

PIANO TRIENNALE 2009/2011 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE COMUNE DI POMPIANO PIANO TRIENNALE 2009/2011 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE Allegato D : RELAZIONE SULLE MISURE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

Piano triennale 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, delle

Piano triennale 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, delle Piano triennale 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, delle autovetture di servizio, dei beni immobili previsto dalla legge

Dettagli

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate:

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate: PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). ANNO 2012. AGGIORNAMENTO.

Dettagli

COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046

COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046 COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046 Piano triennale di dotazioni strumentali, delle autovetture e dei beni

Dettagli

COMUNE DI CAVAGLIA' Via M.Mainelli, 8 - cap. 13881 Cavaglià Tel. 0161/96038-96039 fax. 0161/967724. Allegato al bilancio di previsione 2010

COMUNE DI CAVAGLIA' Via M.Mainelli, 8 - cap. 13881 Cavaglià Tel. 0161/96038-96039 fax. 0161/967724. Allegato al bilancio di previsione 2010 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI CAVAGLIA' Via M.Mainelli, 8 - cap. 13881 Cavaglià Tel. 0161/96038-96039 fax. 0161/967724 Allegato al bilancio di previsione 2010 PIANO TRIENNALE 2010/2012

Dettagli

Giunta Camerale Deliberazione n. 184 del 13.11.2008

Giunta Camerale Deliberazione n. 184 del 13.11.2008 = LEGGE FINANZIARIA 2008: DETERMINAZIONI IN MERITO AL PIANO TRIENNALE RAZIONALIZZAZIONE SPESE. Il Presidente ricorda che la legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria 2008) all art.2 dispone che:

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza A LLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTRE E DEI

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART 2 COMMI 594-598 L. 244/2007

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART 2 COMMI 594-598 L. 244/2007 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART 2 COMMI 594-598 L. 244/2007 RELAZIONE CONSUNTIVA ANNI 2010 2011-2012. 1 PARTE GENERALE dotazioni strumentali informatiche

Dettagli

Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca

Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca Relazione a consuntivo anno 2014 del piano triennale di razionalizzazione di alcune spese di funzionamento. Deliberazione G.C. n. 109 del 29/09/2015 1 RELAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO COMUNE DI SALZA DI PINEROLO Provincia di Torino Borgata Didiero n. 24 10060 SALZA DI PINEROLO Tel e fax 0121/808836 e-mail: comune.salza@dag.it www.comune.salzadipinerolo.to.it PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO 2011-2013 RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2013

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO 2011-2013 RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2013 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO 2011-2013 RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2013 La Legge Finanziaria 2008 (L. 244/2007) prevede all'art. 2, commi 594 e successivi che, ai fini

Dettagli

COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì - Cesena Via M. Moretti n.4 C.F. 00220600407 Tel.0547/79111 fax 0547/83820

COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì - Cesena Via M. Moretti n.4 C.F. 00220600407 Tel.0547/79111 fax 0547/83820 COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì - Cesena Via M. Moretti n.4 C.F. 00220600407 Tel.0547/79111 fax 0547/83820 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 178 DEL 01/06/2010 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/669711 FAX 0521/316005

COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/669711 FAX 0521/316005 COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/669711 FAX 0521/316005 PIANO TRIENNALE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO COMUNITA MONTANA ALTAVALMARECCHIA ZONA A Piazza Bramante n. 11 61015 NOVAFELTRIA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Dotazioni strumentali anche informatiche

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (ART. 2 COMMI DAL 594 AL 598 LEGGE 244 24.12.

OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (ART. 2 COMMI DAL 594 AL 598 LEGGE 244 24.12. N. 17 DEL 22.02.2010 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (ART. 2 COMMI DAL 594 AL 598 LEGGE 244 24.12.2007) PREMESSO che LA GIUNTA COMUNALE -

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

COMUNE DI LANUSEI. Provincia dell Ogliastra

COMUNE DI LANUSEI. Provincia dell Ogliastra Allegato A alla deliberazione della Giunta Comunale n. 28 del 18/02/2010 COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra Piano Triennale 2010/2012 di razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE AL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, commi 594/598 della legge 24/12/2007 n. 244) PIANO TRIENNALE 2011 2013 Vista la Legge 244/2007 (Finanziaria 2008)

Dettagli

Comune di Vallefoglia Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Vallefoglia Provincia di Pesaro Urbino Comune di Vallefoglia Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

VISTO il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il vigente Regolamento di contabilità;

VISTO il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il vigente Regolamento di contabilità; LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: -la Legge 24.12.2007, n.244 (Legge Finanziaria 2008) prevede alcune rilevanti disposizioni dirette al contenimento e alla razionalizzazione delle spese di funzionamento

Dettagli

COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139

COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139 COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco C.F. 00617330139 PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGUENTI DELLA LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2016 2018

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2016 2018 Allegato A alla delibera di Giunta Comunale n. 44 del 15.03.2016 COMUNE DI FOLLINA Provincia di Treviso PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2016 2018 PREMESSA Il piano triennale 2016-2018

Dettagli

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Prot. n. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) Relazione sulle misure per il contenimento delle

Dettagli

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE DOTAZIONI INFORMATICHE -

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE DOTAZIONI INFORMATICHE - PREMESSA In ottemperanza a quanto stabilito con Delibera di Giunta n. 18 del 13/01/2009, con la quale è stato approvato il Piano per la razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali informatiche

Dettagli

Programma degli interventi Relazione consuntiva 2013

Programma degli interventi Relazione consuntiva 2013 Piano triennale per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo di beni strumentali e degli immobili Triennio Programma degli interventi Relazione consuntiva Sezione A Comma

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008)all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014/2016. finalizzato alla RAZIONALIZZAZIONE. DELL utilizzo dei beni e. DELLE strutture comunali

PIANO TRIENNALE 2014/2016. finalizzato alla RAZIONALIZZAZIONE. DELL utilizzo dei beni e. DELLE strutture comunali C O M U N E D I S C A R N A F I G I Provincia di Cuneo Corso Carlo Alberto n. 1 12030 SCARNAFIGI (Cuneo) segreteria@comune.scarnafigi.cn.it www.comune.scarnafigi.cn.it PIANO TRIENNALE 2014/2016 finalizzato

Dettagli

COMUNE di MALBORGHETTO-VALBRUNA Provincia di Udine

COMUNE di MALBORGHETTO-VALBRUNA Provincia di Udine COMUNE di MALBORGHETTO-VALBRUNA Provincia di Udine RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2011 AL PIANO TRIENNALE RAZIONALIZZAZIONE SPESE FUNZIONAMENTO TRIENNIO 2011/13 (L. 244/2007 commi 594 e ss. Legge Finanziaria

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Asp Patronato pei Figli del popolo e Fondazione San Paolo e San Geminiano Modena. DELIBERA N 12 del 09.11.

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Asp Patronato pei Figli del popolo e Fondazione San Paolo e San Geminiano Modena. DELIBERA N 12 del 09.11. AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Asp Patronato pei Figli del popolo e Fondazione San Paolo e San Geminiano Modena DELIBERA N 12 del 09.11.2012 Oggetto: Approvazione Piano Triennale per l individuazione

Dettagli

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI Premessa Ai sensi dell art. 2 comma 594 e 598 della Legge n.244/2007 (Legge Finanziaria 2008),

Dettagli

O G G E T T O. L'anno duemilanove addì tre del mese di novembre alle ore 18:00, nella Residenza Municipale, per riunione di Giunta Comunale.

O G G E T T O. L'anno duemilanove addì tre del mese di novembre alle ore 18:00, nella Residenza Municipale, per riunione di Giunta Comunale. C O P I A Comune di Bovolenta Provincia di Padova Deliberazione n. 126 in data 03-11-2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O G G E T T O APPROVAZIONE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO CALCEA

COMUNE DI CASTELNUOVO CALCEA COMUNE DI CASTELNUOVO CALCEA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO RELAZIONE CONSUNTIVA ANNO 2011 (art.

Dettagli

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti

Dettagli

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma)

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE 2012/2014 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO LE DOTAZIONI STRUMENTALI

COMUNE DI SCARMAGNO LE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI SCARMAGNO Piano triennale di razionalizzazione dotazioni strumentali, delle autovetture e dei beni immobili ad uso abitativo e di servizio (TRIENNIO 2014/2016) (art.2, commi 594-599, Legge 24

Dettagli

Allegato alla deliberazione n. 139 del 20 dicembre 2013 PIANO TRIENNALE 2014 2016

Allegato alla deliberazione n. 139 del 20 dicembre 2013 PIANO TRIENNALE 2014 2016 Allegato alla deliberazione n. 139 del 20 dicembre 2013 PIANO TRIENNALE 2014 2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI DOTAZIONI STRUMENTALI, AUTOVETTURE DI SERVIZIO E BENI IMMOBILI 1. Premessa AI SENSI

Dettagli

Città di Bassano del Grappa

Città di Bassano del Grappa PIANO TRIENNALE per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali Art 2 comma 594 e segg. L. 244/2007 Indice del documento 1. Premessa... 3 2.

Dettagli

IL PRESIDENTE LA GIUNTA COMUNALE

IL PRESIDENTE LA GIUNTA COMUNALE IL PRESIDENTE Sottopone all esame ed approvazione della Giunta Comunale la seguente proposta di deliberazione a firma del Responsabile del Servizio Affari Generali. LA GIUNTA COMUNALE Visto l art. 2, comma

Dettagli

1) Ricognizione delle dotazioni strumentali informatiche

1) Ricognizione delle dotazioni strumentali informatiche PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, ANCHE INFORMATICHE, CHE CORREDANO LE POSTAZIONI DI LAVORO DEGLI UFFICI Premessa La Legge n.

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa PIANO TRIENNALE 2014 2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa PIANO TRIENNALE 2014 2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa PIANO TRIENNALE 2014 2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA 28 marzo 2014 INDICE PREMESSA pag. 3 1. SPESE POSTALI pag. 3 2. FOTOCOPIATRICI A NOLEGGIO pag. 4 3. TELEFONIA

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria Piazza Municipio, 89064 Montebello Jonico; tel. 0965 779005-06; fax 0965 786040 partita I.v.a. 00710360801 PIANO CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Dotazioni strumentali

Dotazioni strumentali Premessa Dotazioni strumentali L'unione ha realizzato il proprio sistema informativo centrale per la sede di Belgioioso dotandosi delle apparecchiate hardware necessarie: - Server Windows2008 con alimentatore

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO STRUMENTALI L'Ente è attualmente dotato di n. 8 postazioni di lavoro a fronte

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO COMUNE DI NUORO PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (art. 2,commi 594 e seguenti, L.244/2007 Legge Finanziaria 2008) PREMESSA In un apparato amministrativo ispirato

Dettagli

COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/669711 FAX 0521/316005

COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/669711 FAX 0521/316005 COMUNE DI MEZZANI STRADA DELLA RESISTENZA,2 43055 MEZZANI TEL. 0521/669711 FAX 0521/316005 PIANO TRIENNALE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P.

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. IVA 00675950364 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N. generale 112 data

Dettagli

Piano Triennale di Razionalizzazione. (art. 2, commi 594, 595, 596, 597, 598, delle Legge 244 del 24/12/2007)

Piano Triennale di Razionalizzazione. (art. 2, commi 594, 595, 596, 597, 598, delle Legge 244 del 24/12/2007) . Piano Triennale di Razionalizzazione (art. 2, commi 594, 595, 596, 597, 598, delle Legge 244 del 24/12/2007) 1 1. Dotazioni strumentali ed informatiche Dotazioni In uso In comodato a Di proprietà di

Dettagli

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N. 9 SEDUTA DEL 25/03/2011. C O P I A OGGETTO: Approvazione piano triennale 2011-2013 per razionalizzazione utilizzo

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio La dotazione informatica

Dettagli

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009 DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009 OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART.2 COMMI DA 594 A 599 LEGGE 24/12/2007 N.244 /LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA PIANO TRIENNALE - DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA Adottato ai sensi della Legge 244/2007 e del D.L. 98/2011 convertito nella L. 111/2011 25/10/ INDICE PREMESSA pag. 2 1. SPESE DI FUNZIONAMENTO pag. 3

Dettagli

COMUNE DI BALLAO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012

COMUNE DI BALLAO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012 COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ 070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012 PIANO

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Santo Stefano Ticino Prov. di Milano G.C. Numero: 60 data: 17-07-2013 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DOTAZIONI STRU- MENTALI 2013/2015 PER RAZIONALIZZAZIONE UTILIZZO DOTAZIONI STRUMENTALI

Dettagli

Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge finanziaria 2008)

Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge finanziaria 2008) COMUNE DI CASTELLEONE Provincia di Cremona Allegato alla deliberazione G.C. n. 143 del 11/12/2009 Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge finanziaria

Dettagli

UNIONE BASSA EST PARMENSE

UNIONE BASSA EST PARMENSE UNIONE BASSA EST PARMENSE (Provincia di Parma) Sede legale: Sorbolo, Piazza Libertà, 1 Sede amministrativa: Sorbolo, Via del Donatore, 2 Telefono 0521/669611, fax 0521/669669 partita iva 02192670343 PIANO

Dettagli

(approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 101 in data 3 agosto 2010)

(approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 101 in data 3 agosto 2010) PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO - ANNI 2010-2012 (art. 2, commi 594-599, Legge 24 dicembre 2007, n.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Allegato A) P.I. 00251860698 SERVIZIO TECNICO PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PREMESSA Il presente piano si riferisce ai servizi tecnico-amministrativi.

Dettagli

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COPIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 87 Reg. del 09.09.2014 Oggetto: N. Prot. Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2014 Piano triennale di razionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO PROVINCIA DI SIRACUSA

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO PROVINCIA DI SIRACUSA COMUNE DI PRIOLO GARGALLO PROVINCIA DI SIRACUSA PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE

PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE COMUNE DI POMPIANO PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE Allegato D : RELAZIONE SULLE MISURE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

Oggetto: Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali, delle autovetture e dei beni immobili ad uso abitativo e di servizio.

Oggetto: Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali, delle autovetture e dei beni immobili ad uso abitativo e di servizio. Q:\\PIANO TRIENNALE DOTAZIONI\VERIFICA RISULTATI 2009\RELAZIONE FINALE.DOC Zola Predosa, 16 aprile 2010 Alla Sezione Regionale della Corte dei Conti Agli organi di controllo interni Oggetto: Piano triennale

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e della Brianza A LLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTRE

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO COMUNE DI ORGIANO ALLEGATO PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO 2011 2012-2013 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

AGGIORNAMENTO anno 2010

AGGIORNAMENTO anno 2010 Allegato alla delibera di G.C. n. 117 del 21/12/2010 PIANO TRIENNALE 2009-2011 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine N 25 del Reg. Del COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 22/04/2015 OGGETTO: ADOZIONE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI.

Dettagli

DOTAZIONI STRUMENTALI

DOTAZIONI STRUMENTALI allegato determinazione n. 5 del 15 gennaio 2015 PIANO TRIENNALE 2015/2017 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE

Dettagli

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma)

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) PIANO TRIENNALE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244 del 24 dicembre

Dettagli

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA Piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento di cui all art. 2, commi dal 594 al 599 della legge finanziaria 2008 (L. 244/2007) per il triennio 2011-2013. Premessa In un apparato amministrativo

Dettagli

Comune di Borgonovo Val Tidone (Provincia di Piacenza)

Comune di Borgonovo Val Tidone (Provincia di Piacenza) Comune di Borgonovo Val Tidone (Provincia di Piacenza) P.zza Garibaldi 18 Tel. 0523/861811 fax 0523/861861 e-mail : affari-generali.borgonovo@sintranet.it Piano triennale di dotazioni strumentali, delle

Dettagli

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma)

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) PIANO TRIENNALE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244 del 24 dicembre

Dettagli

N 22 Reg. Delib. C O M U N E D I R O G H U D I

N 22 Reg. Delib. C O M U N E D I R O G H U D I N 22 Reg. Delib. C O M U N E D I R O G H U D I Provincia di REGGIO CALABRIA Deliberazione della Giunta Municipale OGGETTO: Piano di razionalizzazione delle spese art. 2 commi 594 e seguenti della Legge

Dettagli

COMUNE DI CORREZZOLA

COMUNE DI CORREZZOLA COMUNE DI CORREZZOLA PROVINCIA DI PADOVA RELAZIONE FINALE PER L ANNO 2012 DEL PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E

Dettagli

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 58 del 25-05-2012 Oggetto:Approvazione piano triennale di razionalizzazione 2012-2014 L anno duemiladodici

Dettagli

COMUNE DI COSTA VOLPINO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI COSTA VOLPINO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI COSTA VOLPINO PROVINCIA DI BERGAMO AGGIORNAMENTO DEL PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2009-2011 sul contenimento e riduzione dei costi di funzionamento dell Ente (art. 2, comma dal 594 e seguenti L.

PIANO TRIENNALE 2009-2011 sul contenimento e riduzione dei costi di funzionamento dell Ente (art. 2, comma dal 594 e seguenti L. ALLEGATO A) PIANO TRIENNALE 2009-2011 sul contenimento e riduzione dei costi di funzionamento dell Ente (art. 2, comma dal 594 e seguenti L. 244/2007) Comma 594 lettera A) Sono garantiti gli strumenti

Dettagli

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma)

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE 2014/2016 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Approvato con delibera G.C. n. 101 del 26/10/2009 PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Premessa La legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli