Giorgio Castoldi. PerCorsi di tecnica. turistica. discipline turistiche e aziendali per gli istituti tecnici HOEPLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giorgio Castoldi. PerCorsi di tecnica. turistica. discipline turistiche e aziendali per gli istituti tecnici HOEPLI"

Transcript

1 Giorgio Castoldi PerCorsi di tecnica 2 turistica discipline turistiche e aziendali per gli istituti tecnici HOEPLI

2

3 Percorsi di tecnica turistica

4 UN TESTO PIÙ RICCO E SEMPRE AGGIORNATO Nel sito sono disponibili: materiali didattici integrativi; eventuali aggiornamenti dei contenuti del testo. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A Via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali

5 GIORGIO CASTOLDI Percorsi di tecnica turistica Discipline turistiche e aziendali per gli Istituti Tecnici Volume 2 EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

6 Prefazione VI Capitolo 1 Pianificazione d impresa e business plan 2 INDICE Test d ingresso 3 1. Che cos è un business plan 4 2. Il marketing plan 5 3. Il piano organizzativo 7 4. Il budget 9 Alcune parole chiave 23 Test di verifica 1 24 Test di verifica 2 25 Capitolo 2 Il marketing territoriale 26 Test d ingresso Territorio e mercato Le ipotesi istituzionali L offerta territoriale La strategia per il territorio Il prodotto territorio 39 Alcune parole chiave 43 Test di verifica 1 44 Test di verifica 2 45 Capitolo 3 Qualità 46 Test d ingresso Prima dell idea di qualità L evoluzione del concetto di qualità Le certificazioni di qualità 55 Alcune parole chiave 59

7 Indice V Test di verifica 1 60 Test di verifica 2 61 Capitolo 4 L analisi dei costi e il pricing 62 Test d ingresso L evoluzione del sistema del pricing I costi e la loro analisi Il full costing Il break even point La differenziazione dei prezzi: il metodo del prezzo medio La differenziazione dei prezzi: dall advance booking allo yield management 86 Alcune parole chiave 91 Test di verifica 1 92 Test di verifica 2 93 Capitolo 5 La produzione dei servizi turistici 94 Test d ingresso I servizi locali I viaggi su domanda I viaggi offerti al pubblico I nuovi package tour Le prove d esame 118 Alcune parole chiave 127 Test di verifica Test di verifica Capitolo 6 Il lavoro di cercare lavoro 130 Test d ingresso Prima del lavoro: lo stage Lavoro e curriculum vitae Il colloquio di lavoro 141 Alcune parole chiave 145 Test di verifica Test di verifica Esercizi 148 Soluzioni dei test e dei Verifichiamo 190

8 PREFAZIONE C era una volta il rapporto qualità/prezzo C era una volta il proverbio Chi più spende meno spende C era una volta la possibilità di utilizzare il messaggio fornito dal prezzo come indicatore del valore intrinseco di un prodotto Se costa tanto è perché deve essere di buona qualità si poteva dire Se costa poco è perché vale poco si poteva sostenere Ma oggi con pochi euro si acquistano comodissimi voli che hanno come destinazione le più lontane città europee, con somme irrisorie si comprano massaggi, cure di bellezza, pranzi e week-end in hotel a quattro stelle, e vengono offerti soggiorni alberghieri per pochi centesimi Sembra proprio che la tradizionale saggezza di chi vedeva in un esborso di denaro consistente la garanzia di qualità sia da considerare superata Quello che si presenta davanti ai nostri occhi è un mondo nuovo e già sappiamo che quello di domani mattina sarà ancora diverso E abbiamo difficoltà a prevedere quello della prossima settimana Il secondo volume di Percorsi di tecnica turistica si apre con l illustrazione della metodologia per la redazione di un business plan, cioè di un documento di pianificazione per l impresa Non c è contraddizione tra la constatazione del continuo cambiamento e il tentativo di pianificare un futuro i cui contorni sembrano sfuggire sempre di più? Certamente no, perché è proprio in vista di un continuo susseguirsi di eventi imprevedibili che si rafforza l esigenza di dotarsi di strumenti che ci mettano in grado di adattarci a essi E così, mentre il primo volume di questo corso è dedicato alla descrizione del mondo del turismo e delle sue imprese, il secondo entra nei meccanismi operativi delle aziende del settore, includendo in esse anche quelle che operano in un ambito tipicamente pubblico come il marketing territoriale Quindi si addentra nell analisi dei costi d impresa, introducendo semplici metodologie per la loro determinazione e suddivisione, al fine di consentire valutazioni di redditività più articolate di quelle offerte dai semplici bilanci; fornisce le metodologie di base per la determinazione dei prezzi differenziati, la cui applicazione è indispensabile negli odierni mercati; mostra modelli ripetibili per l organizzazione dei diversi servizi turistici, dai più semplici ai più complessi Infine dà indicazioni utili agli studenti che stanno completando il loro ciclo di studi, dapprima mostrando come si svolgono le prove proposte agli esami di Stato e poi illustrando i percorsi da compiere per una proficua ricerca del lavoro La struttura del testo è la stessa del primo volume, la cui conoscenza è indispensabile per la lettura del secondo, ed è incentrata su una suddivisione in capitoli che a loro volta si compongono di paragrafi brevi, ognuno dei quali si articola in due parti: la prima elenca le definizioni e i concetti fondamentali e viene intitolata Che cosa?, la seconda spiega Come e perché relativamente a quanto è enunciato nella prima Il ricorso a frasi brevi e numerate ha la funzione di aiutare il lettore a crearsi un percorso logico, per favorire la comprensione e, conseguentemente, la memorizzazione degli argomenti Ogni paragrafo si conclude con esercizi di verifica, inseriti per indurre il lettore a meditare sui concetti studiati, rispondendo ad alcune domande

9 Prefazione VII Ogni capitolo si chiude con un glossario (Alcune parole chiave) che deve essere completato, come forma di revisione e controllo dell apprendimento, e con due test a risposta multipla Di tutti questi esercizi sono fornite le risposte in fondo al volume, tranne che per il secondo test a risposta multipla di ogni capitolo, che gli insegnanti possono utilizzare come verifiche in classe Il testo è completato da oltre 100 esercizi destinati a chi studia la materia sotto la guida di un insegnante Ulteriori materiali sono a disposizione on line: presentazioni in PowerPoint, esercizi, approfondimenti e aggiornamenti, quando necessari GIORGIO CASTOLDI giorgio it Le soluzioni dei test d ingresso, dei test di verifica 1 e degli esercizi Verifichiamo si trovano in fondo al volume Le soluzioni dei test di verifica 2 e degli esercizi proposti nel testo dopo il capitolo 6 sono a disposizione dei docenti nel Quaderno dell insegnante

10 capitolo 1 Pianificazione d impresa e business plan CHE COSA DEVO SAPERE? La competitività, che caratterizza tutti i mercati e che è diventata particolarmente agguerrita anche in quello turistico, non lascia più spazio, neppure in questo ambito, all improvvisazione. Ogni impresa, ogni attività, ogni prodotto vanno attentamente progettati, partendo sempre dalle esigenze del mercato. Per questo è ormai fondamentale saper redigere piani strategici e sapersi muovere tatticamente. È questo il contenuto del presente capitolo, per studiare il quale, oltre che conoscere il settore turistico nel suo complesso e i suoi prodotti, è indispensabile essere in grado di leggere e comprendere i bilanci d esercizio delle imprese. CHE COSA SI IMPARA? Io sono un uomo istintivo, capace di fare cose più o meno insensate, delle quali mi accade più tardi di pentirmi. Vincent van Gogh, da una lettera al fratello Théo Luglio 1880 Redigere un piano di lavoro (business plan) nelle sue componenti: il marketing plan, il piano organizzativo e il budget. CONTENUTI 1 Che cos è un business plan 2 Il marketing plan 3 Il piano organizzativo 4 Il budget

11 1. La colonna di sinistra dello stato patrimoniale contiene a. Attivo b. Passivo c. Avere d. Finanziamenti 6. L utile d esercizio di stato patrimoniale è uguale in conto economico a. All EBIT b. Al risultato di gestione ordinaria c. Al risultato prima delle imposte d. Al reddito finale 2. Il bilancio d esercizio di un impresa è composto di a. Situazione patrimoniale e conto di risultato economico b. Stato patrimoniale e conto economico c. Stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa d. Situazione patrimoniale, conto economico e nota integrativa 3. La situazione finanziaria equilibrata si verifica a. Confrontando tutti i debiti con tutti i crediti b. Con l indice di copertura globale c. Confrontando gli investimenti con il capitale proprio d. Quando i crediti a breve coprono i debiti a breve 4. Il ROA è il rapporto tra a. Reddito operativo e ricavi b. Reddito d esercizio e ricavi c. Reddito d esercizio e investimenti d. Reddito operativo e investimenti 5. L EBIT coincide a. Con il reddito d esercizio b. Con il risultato di gestione ordinaria c. Con il reddito operativo d. Con i ricavi 7. I tre settori in cui si divide un organigramma d impresa sono a. Alto, medio, basso b. Materie, trasformazione, distribuzione c. Produzione, amministrazione, vendita d. Management, esecutivo, supporto 8. La divisione orizzontale del lavoro riguarda a. I rapporti gerarchici b. I rapporti informali tra lavoratori c. Il mansionario per i lavoratori d. La ripartizione delle retribuzioni 9. I lavoratori di un impresa oggi sono preferibilmente identificati come a. Impiegati b. Addetti c. Dipendenti d. Risorse umane 10. Elimina l intruso a. S.p.A. b. S.a.p.A. c. S.r.l. d. S.n.c. TEST D INGRESSO Soluzioni in fondo al volume

12 4 Capitolo 1 1. Che cos è un business plan Che cosa? 1. L esame dei bilanci d esercizio, che forniscono preziose indicazioni riguardo a ciò che è avvenuto in un impresa e alla sua situazione patrimoniale e finanziaria attuale, è un obbligo per tutti gli imprenditori. Tale esame dovrebbe essere opportunamente integrato con un attività di benchmarking, di confronto con i dati di bilanci significativi di imprese analoghe. Di questo si è parlato nel capitolo 9 del volume La conoscenza e la comprensione di ciò che è avvenuto nel passato e della situazione presente dell impresa costituiscono la base di partenza per decidere che cosa fare in futuro. 3. Non si tratta di prevedere il futuro (attività impossibile), si tratta di programmarlo. 4. Lo strumento principale per compiere questa operazione è costituito dal business plan. Il termine esprime abbastanza bene il concetto: il business plan è un piano d affari. Consiste nel pianificare come un impresa intende svolgere la propria attività. Nelle aziende maggiori prende il nome di piano industriale. 5. Si tratta di uno studio complesso, che deve tenere conto di tutti gli elementi esterni e interni che condizionano la vita dell azienda. 6. Più l analisi è minuziosa e più la previsione e il programma che vengono formulati risulteranno fattibili. Come e perché 1. Un impresa ricorre alla redazione di un business plan fondamentalmente in quattro situazioni diverse: quando si costituisce: per definirsi, darsi un identità, collocarsi sul mercato, strutturarsi giuridicamente, per organizzarsi e programmare la propria attività al fine di procurare un reddito duraturo; quando si ristruttura: se intende crescere, aprire nuove sedi, allargare l attività produttiva, oppure ridimensionarsi, abbandonare una linea di business, deve studiare come agire, come comportarsi, deve programmare le proprie mosse; quando richiede finanziamenti: se intende investire in una certa attività, se necessita di denaro per incrementare la produzione, se richiede fondi per rimettere in sesto una situazione da migliorare, tutte le volte che un impresa si rivolge a un finanziatore (banca o altro ente) deve spiegare che cosa intende fare del denaro che le viene dato ed evidenziare il progetto che c è dietro la richiesta; anche questo è un business plan; periodicamente: per programmare la propria attività e il proprio continuo sviluppo. FIGURA 1.1 Non si devono confondere previsioni e programmazioni. Certo ogni programmazione deve anche tenere conto di ipotesi sugli andamenti futuri dei mercati, che costituiscono previsioni e, in quanto tali, sono difficili da compiere. Ma deve essere anche studiata per essere rapidamente riadattata alle mutevoli situazioni che si vengono man mano creando.

13 Pianificazione d impresa e business plan 5 verifichiamo 1.1 Previsioni e programmazioni Se programmare le azioni future può non essere facile, prevedere gli accadimenti che avverranno è praticamente impossibile. L imprenditore non deve quindi confondere ciò che deve prevedere con ciò che può programmare. Distingui, nelle affermazioni che seguono, le previsioni dalle programmazioni. Previsione Programmazione 1. Il prossimo anno il mercato turistico in Italia è destinato a crescere del 2%. 2. Il prossimo anno il nuovo prodotto che stiamo lanciando sul mercato dovrà incrementare le vendite del 3%. 3. Considerato lo sviluppo del dynamic packaging, il prossimo anno assumeremo una nuova persona esperta del settore. 4. L incoming dalla Russia in Italia è destinato a crescere e quindi mi sono iscritto a un corso di russo. 5. Credo che anche il prossimo anno la domanda sarà debole. 6. Rafforziamo la nostra forza di vendita con un nuovo addetto. 7. Visto il successo dei viaggi nei paesi che allestiscono mercatini di Natale, per quest anno abbiamo stipulato un accordo con un azienda di trasporti per l affitto di cento pullman. (Soluzioni in fondo al volume) 2. Come si può intuire, la forma che i piani assumono nelle diverse situazioni delineate cambia. 3. Ogni business plan si compone, schematicamente, di tre parti: il marketing plan; il piano organizzativo; il budget. 2. Il marketing plan Che cosa? 1. Con il piano di mercato si analizzano tutti gli aspetti esterni e l ambito in cui l impresa intende inserirsi, definendo preventivamente una propria idea, cioè che cosa si propone di fare. 2. Più completo e attendibile è lo studio del mercato e dell ambiente e più razionali e quindi di successo possono essere le decisioni che si prendono. 3. Schematizzando, come si è visto anche nel capitolo 5 del volume 1, il marketing plan si compone di quattro parti. 4. Idea di business: l attività d impresa richiede in primo luogo un idea imprenditoriale, che non deve essere astratta, ma calata fino in fondo nell ambiente al quale viene proposta. L abilità dell imprenditore sta nel trovare qualche cosa di originale (cioè diverso da ciò che già esiste) in un ambito ben definito. È quella che si chiama la USP (unique selling proposition). 5. Esame dei bisogni dei consumatori: l idea di business deve essere confrontata con i bisogni degli utenti potenziali.

14 6 Capitolo 1 Questa operazione comporta prima di tutto l analisi dell ambiente generale in cui l impresa opera, cioè il macroambiente (situazione sociale, economica, politica, culturale ecc.). E poi la conoscenza del microambiente, vale a dire dei soggetti con cui l impresa ha direttamente a che fare (clienti, fornitori, soci e stakeholder in genere). 6. Studio del mercato: il passo successivo consiste nel guardarsi attorno, studiare che cosa fanno le imprese già esistenti che operano nell ambito in cui si intende inserirsi. L idea può essere ottima, ma se qualcuno la sta già sfruttando e l ultimo arrivato appare come uno dei tanti, non ha speranza di farcela. Si dice anche che talvolta l innovazione è una copiatura mal riuscita. 7. Mission: è la definizione della collocazione dell impresa sul mercato, del suo modo di essere, della sua personalità. La mission definisce lo stile di intervento, l immagine dell impresa, un modo di essere che i consumatori devono comprendere e riconoscere in ogni prodotto che essa propone. Non deve però identificarsi con un prodotto. 8. In connessione con la mission dell impresa devono essere definiti il marketing mix, il posizionamento e naturalmente il target (vedi capitolo 5 del volume 1). 9. Fin qui si è definita la strategia di marketing. 10. Sulla base dei piani di lungo termine si definisce la parte operativa. 11. Perché il piano di mercato sia completo, è indispensabile che si chiuda con dati quantitativi precisi. Non è corretto un marketing plan che si conclude proponendosi di vendere il più possibile. È corretto un piano che definisce le quantità precise di vendita, i relativi prezzi e i tempi. Come e perché 1. L idea di business: Se l impresa è nuova Parlando di consumi di massa si può dire, schematizzando, che le possibilità sono due: 1. partire da una posizione forte, che ha alle spalle finanziamenti consistenti, tali da consentire di entrare con buone chance in un mercato già occupato da altri, proponendo qualche elemento di attrazione e convenienza; 2. trovare una nicchia nella quale svolgere un attività che possa essere considerata diversa dalle altre. Se l impresa già esiste Controllare che l idea sia coerente con la missione dell impresa. Tutto il piano deve studiare la fattibilità dell idea. 2. I bisogni dei consumatori: Se l impresa è nuova Verificare che essa soddisfi necessità esistenti (marketing di risposta o marketing d anticipo) o che è in grado di creare (market driving). Se l impresa già esiste Verificare la congruità della proposta rispetto al target, alla sua clientela.

15 Pianificazione d impresa e business plan 7 verifichiamo 1.2 Che cos è? Trova il termine appropriato per ciascuna definizione. Descrizione Che cos è? 1. È il punto di partenza di ogni progetto e deve possibilmente assumere la forma di USP. 2. Ha a che fare con la situazione sociale, economica, ambientale, politica che la singola impresa non può in nessun modo modificare. 3. È l insieme di clienti, fornitori, soci e stakeholder. 4. È il modo di essere dell impresa. 5. È dato da prodotto, prezzo, promozione, punto di vendita. 6. È il cliente al quale si punta. (Soluzioni in fondo al volume) 3. Lo studio del mercato: Se l impresa è nuova Controllare di inserirsi in un ambito di mercato non già coperto da altre imprese. Se l impresa già esiste Verificare che il nuovo prodotto interessi il proprio target o che sia possibile suscitare l interesse di altri clienti che già non sono soddisfatti da altre imprese. 4. La mission: Se l impresa è nuova Definizione della missione, ricordando che non può essere cambiata nel corso della vita dell impresa. Se l impresa già esiste Verificare la corrispondenza delle caratteristiche del prodotto o dell innovazione proposta rispetto alla missione. 5. Target, marketing mix e posizionamento sono strettamente collegati con la mission. 6. L aspetto operativo si sviluppa analogamente sia nelle imprese nuove sia in quelle già esistenti, con la sola differenza che, in queste ultime, le previsioni sono più facili. 3. Il piano organizzativo Che cosa? 1. Per le imprese nuove la definizione della missione ha lo scopo di stabilire l identità che esse intendono acquisire, chi sono, che immagine avranno da quel momento in poi.

16 8 Capitolo 1 FIGURA 1.2 Un piano organizzativo non chiaro può creare seri problemi nei rapporti all interno dell impresa. 2. Da ciò discende la definizione di quel che intendono produrre. 3. Per quelle che già esistono la mission, si è detto più volte, costituisce un punto fermo da cui deriva la scelta se compiere una determinata produzione o svilupparsi in un determinato settore o meno. 4. Solo se il piano di mercato si conclude con una risposta positiva al quesito iniziale relativo alla validità dell idea di business, si può procedere esaminando l aspetto organizzativo. 5. L organizzazione dell impresa va esaminata in tre aspetti: la forma giuridica; l organigramma; la gestione delle risorse umane. 6. Gli ultimi due aspetti sono stati trattati nel capitolo 8 del volume 1. Come e perché 1. Come si sceglie la forma giuridica da dare all impresa? 2. Se l imprenditore è solo e intende svolgere un attività quantitativamente limitata può costituire un impresa individuale. 3. Se l azienda coinvolge più persone della stessa famiglia può assumere la forma di impresa familiare (ma giuridicamente l imprenditore rimane unico). 4. Si può costituire una società di persone se i soci sono pochi, si conoscono molto bene tra di loro e hanno un rapporto di fiducia. verifichiamo 1.3 Forme d impresa Quale forma d impresa conviene attuare nelle situazioni descritte? Descrizione Forma giuridica d impresa 1. Apertura di un agenzia di viaggi con una sua clientela di nicchia per la produzione e la vendita di servizi destinati agli appassionati della canoa da parte di un imprenditore anch egli appassionato di canoa. 2. Un piccolo albergo in cui lavorano due coniugi, i due figli e due fratelli della signora. 3. Un agenzia di viaggi aperta da una persona poco esperta, che finanzia l attività, e da una esperta, che però non ha capitali da investire. 4. Un tour operator in cui lavorano sei addetti con un fatturato attorno ai 7 milioni di euro. 5. Un agenzia di viaggi aperta da tre amici che aderisce come franchisee a un network. 6. Un agenzia di viaggi con quattro addetti che si occupa di incoming. (Soluzioni in fondo al volume)

17 Pianificazione d impresa e business plan 9 5. Deve essere una società di capitale se l attività necessita di finanziamenti superiori alle forze dei fondatori e se i soci si moltiplicano. 6. Se si deve redigere un business plan relativo allo sviluppo di un azienda esistente, si dovrà valutare se sia la forma giuridica sia quella organizzativa sono adeguate alle innovazioni e, quindi, compiere eventualmente le necessarie modificazioni. 4. Il budget Che cosa? 1. Il budget, o bilancio preventivo, è il documento con il quale si esprimono in termini di denaro i programmi e i progetti. In sostanza, il budget costituisce la parte numerica, quantitativa del business plan. Anche nel linguaggio comune ( Ho un budget per lo shopping di 60 euro ) definisce una previsione in termini monetari di ciò che si può spendere, tenendo conto delle possibili entrate. 2. Ogni budget si suddivide in più sezioni, che possono anche essere analizzate separatamente e che diventano istruzioni e norme di comportamento: con il budget delle vendite si definisce quali sono gli obiettivi produttivi e di vendita: esso costituisce la base per definire la struttura che deve svolgere l attività prevista (in termini di locali, macchinari, persone, materiali e risorse varie) e per l attività del settore commerciale, che deve conoscere gli obiettivi di vendita e agire in modo da realizzarli; con il budget degli investimenti si stabilisce il costo di tutto ciò che è necessario acquisire per svolgere l attività prevista; con il budget finanziario si definiscono i flussi di denaro in entrata e in uscita e, di conseguenza, le necessità di denaro che l impresa ha, per stabilire dove possono essere reperiti i fondi separando il capitale proprio (che viene dato dal proprietario) dal capitale di terzi (fornito da altri finanziatori); con il budget economico si riassumono i costi e i ricavi definiti secondo le modalità suddette per verificare se si può prevedere che l attività renda o non renda. Alla luce del budget economico, uno strumento fondamentale di scelta per l imprenditore, si può anche deliberare di rivedere elementi degli altri bilanci preventivi, correggendoli, in modo da ottenere una redditività soddisfacente; i budget settoriali sono quelli che riguardano i singoli reparti (acquisti, produzione, magazzino, vendite, amministrazione, personale, pubblicità ecc.) e costituiscono veri e propri piani d azione, che tutti gli interessati devono rispettare. FIGURA 1.3 L apertura di una qualsiasi attività, anche se di piccole dimensioni, necessita di un business plan. Come e perché 1. Il percorso logico che deve seguire un budget è il seguente: si parte dai dati previsionali di vendita forniti dal marketing plan e si redige il budget delle vendite; sulla base dell attività che va messa in atto per produrre quanto previsto si definiscono gli investimenti necessari, sia in termini di immobilizzazioni (sedi, apparecchiature, licenze, know-how ecc.) sia in termini correnti; gli investimenti che si devono compiere necessitano di finanziamenti: il budget finanziario definisce dove e come reperire i fondi necessari;

18 10 Capitolo 1 sulla base di quanto sopra si possono definire i costi da sostenere per la gestione; i costi si confrontano con i ricavi illustrati nel budget delle vendite e si ha il budget economico, da cui risulta se l attività, almeno nelle previsioni, si presenta come redditizia o meno. 2. Ovviamente gli obiettivi che vengono posti sono il risultato di stime, che derivano da un attenta raccolta di informazioni, come illustrato precedentemente. 3. Tuttavia le variabili, molte delle quali non prevedibili, sono numerose. 4. L errore di valutazione è inevitabile: l importante è ridurlo al minimo e mettersi in condizione di correggerlo, con un analisi di scostamenti che prende il nome di controllo budgetario. 5. Da questo punto di vista si possono distinguere diversi tipi di bilanci preventivi: i budget rigidi, che costituiscono obiettivi considerati non rinunciabili e che quindi devono essere raggiunti, senza apportare modificazioni; i budget flessibili, che sono costruiti su più ipotesi e che quindi prevedono diversi tipi di risposte e comportamenti a seconda di ciò che accade; i budget scorrevoli, che prevedono periodici aggiustamenti e correzioni (ogni quindici giorni, ogni mese, ogni trimestre); gli zero base budget, cioè quelli che non tengono conto dei dati passati: indispensabili nel caso di nuove imprese, vengono utilizzati anche dalle aziende che intendono innovare profondamente la loro attività. Esempio 1.1 Business plan per una nuova impresa Lorenza e Teresa vivono in un paese fino a pochi anni prima sede di un importante fabbrica tessile, costretta a chiudere per incapacità di reggere la concorrenza. La cessazione dell attività produttiva ha rappresentato un momento di grave crisi per il centro: si sono perduti trecento posti di lavoro. Una parte dei lavoratori, avendo raggiunto l età, è andata in pensione, ma la maggior parte delle persone è stata costretta a cercare nuova occupazione nella città vicina. È entrato in crisi anche l indotto, molti negozi e anche la locale agenzia di viaggi sono stati costretti a cessare la loro attività. Un paio d anni prima, però, è stato eletto un nuovo sindaco, con una nuova giunta, molto determinati a ridare slancio all economia del paese. Per questo sono stati mobilitati sponsor e finanziatori per sistemare la fabbrica tessile dismessa e farne una sorta di museo di archeologia industriale, organizzando mostre, eventi, visite guidate e animate. Lorenza e Teresa, che lavoravano nell agenzia di viaggi chiusa, hanno collaborato nella realizzazione dell opera, che comincia a produrre qualche effetto e ad avere visitatori, e ora pensano di riprendere in proprio l attività dell adv precedente. L idea Il paese sembra aver superato il momento di crisi più grave: la disoccupazione è diminuita, anche se la maggior parte degli abitanti lavora fuori. Lorenza e Teresa pensano di riaprire l agenzia di viaggi suddividendone l attività in due: un attività tradizionale di intermediazione per la vendita di viaggi a catalogo dei tour operator, considerato che il paese, con circa cinquemila abitanti, non ne ha nessuna; accanto a questa attività si propongono di aiutare i clienti nella ricerca di servizi in Internet (alberghi, voli ecc.) consigliandoli. In più, d accordo con la giunta comunale, si occupano della commercializzazione delle visite alla fabbrica e quindi della sua pubblicizzazione nei paesi limitrofi e dell organizzazione di percorsi guidati con animatori. Lo studio del macroambiente La popolazione del paese si compone di 4995 residenti. Per fasce d età possono essere così suddivisi: 150 al di sotto dei tre anni; 320 tra tre e quattordici anni; 230 tra quindici e diciannove anni; 165 tra venti e ventisei anni; 2950 tra ventisette e sessant anni; 1180 oltre i sessant anni. Nel paese esistono una scuola materna, una scuola elementare e una scuola media. Gli occupati in paese sono: 40 di età compresa tra i venti e i ventisei anni; 812 tra i ventisette e i sessant anni; 105 oltre i sessant anni (gli altri ultra sessantenni sono pensionati). (segue)

19 Pianificazione d impresa e business plan 11 (continua) Gli occupati fuori dal paese sono: 90 di età compresa tra i venti e i ventisei anni (35 vanno all università in città); 1630 tra i ventisette e i sessant anni (gli altri non sono occupati). Tra gli occupati (in totale 2677), 30 sono imprenditori, 70 sono commercianti, 45 sono liberi professionisti, 915 sono lavoratori nel settore del commercio, 240 sono operai, gli altri 1377 sono impiegati dipendenti. Lo studio del microambiente Lorenza e Teresa hanno svolto un indagine sulle abitudini di viaggio dei loro concittadini, chiedendo loro un parere sulla riapertura dell agenzia. I risultati di oltre cinquecento questionari, somministrati a un campione che riproduce la composizione dei residenti, sono stati i seguenti: il 70% va in vacanza per almeno dieci giorni totali almeno due volte l anno; il 10% va in vacanza una sola volta l anno; il 20% acquista regolarmente pacchetti di tour operator a un prezzo medio di 850 euro a testa; di questi il 15% dichiara che li acquisterebbe presso l adv, se riaprisse; il 40% dichiara di non acquistare mai nulla in agenzia di viaggi, se non ogni tanto qualche biglietto ferroviario; il 20% dichiara di aver acquistato qualche servizio turistico (soprattutto voli low cost e alberghi) a mezzo Internet e la metà afferma che farebbe volentieri l acquisto di quei servizi in agenzia, chiedendo un consiglio, purché il prezzo dell intermediazione non superi 30 euro; il 5% si dichiara interessato a prendere in considerazione proposte di escursioni organizzate localmente dall agenzia. In più, le due ragazze hanno compiuto anche un indagine nella vicina città e nei paesi confinanti per verificare l interesse a visite guidate alla fabbrica con animatori e ne hanno dedotto la possibilità di organizzarne circa cento al mese per gli studenti delle scuole vicine (cinque mesi l anno) e circa ottanta al mese per il resto del pubblico. La conoscenza e la quantificazione del mercato I dati precedentemente illustrati costituiscono una base interessante di conoscenza del mercato. Dal punto di vista della concorrenza Lorenza e Teresa sanno che alcuni loro concittadini si servono di un agenzia che si trova nel paese a cinque chilometri di distanza e altri di una nella città dove lavorano. La maggior parte, però, non usa alcuna agenzia, e questo è un dato da considerare anche come una potenzialità da sfruttare in qualche modo. I dati raccolti consentono di dedurre i seguenti numeri riferiti a un attività annuale: potenziali acquirenti di pacchetti tutto compreso: 15% di 4995 = 749; incasso potenziale = euro; potenziali acquirenti di servizi via Internet: % = 499; ricavo potenziale = euro; potenziali utenti di escursioni organizzate dall adv: % = 249; potenziali utenti di visite guidate alla fabbrica: = 500 studenti e = 800 altri utenti, in totale 1300 visite guidate. La mission Il momento in cui si deve definire la mission dell azienda è sempre molto delicato. Eppure è di grande importanza, anche nel caso della creazione di una piccola impresa che non fa altro che introdursi in un mercato locale. Lorenza e Teresa decidono per questa formulazione: L agenzia di viaggi Il nostro mondo intende porsi come punto di raccordo per i rapporti tra il paese e il mondo e il mondo e il paese, esaminando tutte le possibilità di sviluppo sia nell outgoing sia nell incoming, mantenendo sempre un corretto rapporto qualità/prezzo ed esplorando tutti i nuovi mercati che si aprono. L aspetto giuridico e organizzativo L agenzia Il nostro mondo assume la forma giuridica di una S.r.l. Per quanto riguarda l entità del capitale le due socie, che decidono versamenti uguali, rimandano alla redazione del budget. Il punto di vendita è posto dov era la precedente agenzia di viaggi, che viene ristrutturata. Lorenza e Teresa decidono di non assumere personale, almeno all inizio, dividendosi tutte le attività. Lorenza, diplomata in ragioneria, si occupa della parte amministrativa, mentre Teresa, diplomata in un istituto a indirizzo turistico e direttore tecnico, cura in particolare i rapporti con i clienti. Comunque entrambe decidono di ripartirsi i compiti a seconda delle necessità. Decidono anche, inizialmente, di non entrare in alcun network, contando sul fatto che le loro conoscenze presso i principali t.o. acquisite nel corso del lavoro precedente possano comunque consentire loro di vendere viaggi. Attraverso la banca locale entrano in un sistema di factoring. Il budget L apertura dell agenzia è prevista per il 1 gennaio e, per semplicità, il budget è previsto per trimestri. Le due ragazze decidono di dividere la loro attività in tre parti: vendita di pacchetti di t.o.: il mercato potenziale, si è visto, prevede 749 viaggi, prudenzialmente ridotti a 500 con un incasso medio di 800 euro e provvigioni medie dell 8%; vendita di servizi in Internet: dei circa 500 potenziali puntano a venderne 400 con un incasso medio di 130 euro; per quanto riguarda le visite guidate pensano di arrivare a (segue)

20 12 Capitolo 1 (continua) Considerata la scarsità della domanda e anche la difficoltà a occuparsene rinunciano all organizzazione di escursioni locali, tenendosi libere per eventuali viaggi a domanda, che lasciano fuori budget. Risulta il seguente piano di vendite (salvo dove diversamente indicato le cifre sono da intendere in euro). Obiettivi di vendita annui Tipo di attività Numero pax Prezzo medio Incasso Provvigione Ricavo Vendita pacchetti t.o ,00% Vendita viaggi in Internet , Vendita visite guidate = Totale Vendita pacchetti t.o. Periodo Numero pax Prezzo medio Incasso Provvigione Ricavo Primo trimestre ,00% Secondo trimestre ,00% Terzo trimestre ,00% Quarto trimestre ,00% Totale ,00% Vendita servizi in Internet Periodo Numero pax Prezzo medio Incasso Fee Ricavo Primo trimestre , Secondo trimestre , Terzo trimestre , Quarto trimestre , Totale , Vendita visite guidate Periodo Numero pax Prezzo medio Incasso Provvigione Ricavo Primo trimestre Secondo trimestre Terzo trimestre Quarto trimestre Totale (segue)

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE E

IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL BUDGET A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il Processo di Budgeting Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100

Dettagli

La gestione economica I: analisi dei costi e dei ricavi. L analisi dei costi e dei ricavi. La ripartizione dei costi comuni

La gestione economica I: analisi dei costi e dei ricavi. L analisi dei costi e dei ricavi. La ripartizione dei costi comuni MODULO 5 La gestione economica I: analisi dei costi e dei ricavi UD13 UD14 UD15 L analisi dei costi e dei ricavi La ripartizione dei costi comuni Il punto di equilibrio e la redditività aziendale 193 _

Dettagli

MODULO 11 marketing management e tecniche di comunicazione. La politica dei prezzi dei servizi. Obiettivi della strategia dei prezzi

MODULO 11 marketing management e tecniche di comunicazione. La politica dei prezzi dei servizi. Obiettivi della strategia dei prezzi MODULO 11 marketing management e tecniche di comunicazione UD33 La politica dei prezzi dei servizi obiettivi Esamineremo l importanza della politica dei prezzi dei servizi turistici e apprenderemo i metodi

Dettagli

Tecnologia e Management per l Innovazione Sostenibile

Tecnologia e Management per l Innovazione Sostenibile IL CONTROLLO DI GESTIONE NELLE IMPRESE ALBERGHIERE di Mario Fabio Polidoro Le aziende alberghiere, caratterizzate dalla presenza di numerose aree funzionali complementari, affinché possano fornire un prodotto

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA. Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA

Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA. Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA 1 DALL IDEA AL PROGETTO IMPRENDITORIALE Per arrivare a

Dettagli

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Carlo Romanelli (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Introduzione Tematica: Costruzione, entro un budget assegnato, di un preventivo per le proprie

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PER LE IMPRESE TURISTICHE Revenue Management Miriam Berretta Programmazione miriam.berretta@gmail.com e controllo

Dettagli

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali 3. La contabilità analitica nelle imprese industriali Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo la contabilità analitica delle imprese industriali, ripercorrendo le diverse tipologie di costo.

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8.

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8. Il Break Even Point Esercizio 1 Un albergo con 40 camere doppie, aperto tutto l anno, vende i pernottamenti a un prezzo medio di.70 per camera con trattamento B&B. Presenta i seguenti costi fissi relativi

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE Da sempre nascono periodicamente problemi che riguardano

Dettagli

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015 Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO 1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Ho conosciuto la classe nell anno scolastico 2011-2012 quando frequentavano la classe 2bt per poi

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Che cos'è il Business Plan?

Che cos'è il Business Plan? Che cos'è il Business Plan? Sintesi del percorso per un piano d'impresa. Di seguito viene riportato un percorso guidato per la stesura di un business plan: si tratta di una traccia esemplificativa sui

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Il Business Plan. Concetti base

Il Business Plan. Concetti base Il Business Plan Concetti base LA PIANIFICAZIONE E il processo con il quale Si stabiliscono gli obiettivi da raggiungere nel periodo (3-5 anni) Si individuano le risorse (umane e finanziarie) e gli strumenti

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN O.S. Organizzazione e servizi S.r.l. Dott. Dante Romanò Come realizzare un Business Plan : una guida semplice completa di un modello gratuito per il calcolo dei

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Prima giornata Firenze 20-21-27 aprile 2011 CONTATTI Se desideri ricevere aggiornamenti su questo corso, oppure sulla nostra attività di consulenza e

Dettagli

www.scuolaazienda.it F. Cammisa P. Matrisciano G. Vacca obiettivi didattici letture specialistiche case histories soluzioni dei test di verifica

www.scuolaazienda.it F. Cammisa P. Matrisciano G. Vacca obiettivi didattici letture specialistiche case histories soluzioni dei test di verifica F. Cammisa P. Matrisciano G. Vacca LA GESTIONE DELLE IMPRESE TURISTICHE Volumi 1 e 2 - Classi 4 a e 5 a G UIDA PER L INSEGNANTE La Guida si propone di supportare i volumi 1 e 2 di La gestione delle imprese

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività Percorso A ndimento 5 Un it à di re p p A Le imprese di viaggi Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività All interno della legge-quadro 135 del 29 marzo 2001 sul turismo non c è una precisa

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Determinazione costo. Artigiano impiantista

Determinazione costo. Artigiano impiantista Determinazione costo Di un artigiano Di una azienda metalmeccanica con tre centri di costo produttivi e due indiretti Break Even Point: punto di pareggio Artigiano impiantista + N giorni all anno - N giorni

Dettagli

Business Plan per tutti

Business Plan per tutti Business Help! Business Plan per tutti Scrivere il proprio Business Plan in maniera semplice e rapida Brogi & Pittalis srl Consulenza di direzione e organizzazione aziendale www.direzionebp.com Business

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: tecnico dei servizi turistici TEMA DI ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA 2008 In base

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING ALCUNE NOZIONI DI BASE

IL BUSINESS PLANNING ALCUNE NOZIONI DI BASE ALCUNE NOZIONI DI BASE Alcune nozioni di base Prima di affrontare l argomento principale del corso è bene che tutti abbiano familiarità con alcune nozioni necessarie per riuscire a seguire con profitto

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2011 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO CORSO SPERIMENTALE Progetto ITER Indirizzo: PERITO

Dettagli

Come creare un business plan

Come creare un business plan Come creare un business plan Se vi siete recati in banca per chiedere un finanziamento o se avete dovuto presentare un progetto a un partner o potenziale investitore o se semplicemente avete avuto l idea

Dettagli

Noi, gli ebay boys. Scegli in ciascun blocco di risposte quella che prioritariamente ritieni più pertinente e corrispondente alla domanda.

Noi, gli ebay boys. Scegli in ciascun blocco di risposte quella che prioritariamente ritieni più pertinente e corrispondente alla domanda. CORRETTORE FILA B Noi, gli ebay boys Scegli in ciascun blocco di risposte quella che prioritariamente ritieni più pertinente e corrispondente alla domanda. Vuoi diventare un ebay boys. Come ti documenteresti?

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE I R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE I R 1 CLASSE I R U.D. I IL Sistema azienda e i suoi soggetti - L azienda come sistema - Gli elementi del sistema azienda - Le varie categorie di aziende - Soggetti dell attività economica - Risorse e fattori

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio un impresa possibile!, svolto nell ambito di Start

Dettagli

Capitolo 3. Progetto di impresa

Capitolo 3. Progetto di impresa Capitolo 3 Progetto di impresa 3.1 La redazione del business plan: aspetti generali La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione. Molteplici possono essere le motivazioni di una scelta imprenditoriale:

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico Caratteri

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati.

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Esiste un metodo semplice per ottenere i Costi sotto

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 13 EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO -FINANZIARIO

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata 1

Ragioneria Generale e Applicata 1 9 L ECONOMICITA Ragioneria Generale e Applicata 1 L ECONOMICITA è un concetto generale che riguarda tutte le aziende (sia aziende di produzione che aziende di erogazione) e che definisce il criterio (regola

Dettagli

Noi, gli ebay boys. Scegli in ciascun blocco di risposte quella che prioritariamente ritieni più pertinente e corrispondente alla domanda.

Noi, gli ebay boys. Scegli in ciascun blocco di risposte quella che prioritariamente ritieni più pertinente e corrispondente alla domanda. CORRETTORE FILA A Noi, gli ebay boys Scegli in ciascun blocco di risposte quella che prioritariamente ritieni più pertinente e corrispondente alla domanda. Vuoi diventare un ebay boys. Come ti documenteresti?

Dettagli

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti 04 79..00 - Attività delle agenzie di viaggio 79..00 - Attività dei tour operator 79.90.9 - Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca

Dettagli