CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO"

Transcript

1 CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2009 DISEGNO DI LEGGE 12 maggio 2009, n. 42 Tutela e prevenzione delle situazioni di violenza nei confronti delle donne e dei minori D'iniziativa dei consiglieri Margherita Cogo, Sara Ferrari, Mattia Civico, Bruno Dorigatti, Michele Nardelli, Luca Zeni (Partito Democratico del Trentino) Presentato il 12 maggio 2009 Assegnato alla Quarta Commissione permanente

2 DISEGNO DI LEGGE 12 maggio 2009, n. 42 Tutela e prevenzione delle situazioni di violenza nei confronti delle donne e dei minori INDICE Art. 1 - Principi Art. 2 - Finalità Art. 3 - Attivazione dello sportello servizio antiviolenza Art. 4 - Case rifugio Art. 5 - Sostegno a soggetti operanti nel campo della violenza di genere Art. 6 - Fondo di solidarietà per donne vittime di violenza Art. 7 - Comitato di lavoro sulla violenza maschile contro le donne Art. 8 - Osservatorio provinciale sulla violenza di genere Art. 9 - Interventi di prevenzione e di sostegno Art Piano degli interventi Art Regolamento d'esecuzione Art Norma finanziaria Art. 1 Principi 1. La Provincia autonoma di Trento, in attuazione della dichiarazione e del programma d'azione della quarta conferenza mondiale sulle donne di Pechino, di cui alla direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri 27 marzo 1997 (Azioni volte a promuovere l'attribuzione dei poteri e responsabilità alle donne, a riconoscere e garantire libertà di scelte e qualità sociale a donne e uomini), riconosce che ogni tipo e grado di violenza sessuale, psicologica, fisica ed economica contro le donne costituisce un attacco all'inviolabilità della persona e alla sua libertà, secondo i principi sanciti dalla Costituzione e dalle vigenti leggi. 2. La Provincia assicura alle donne, ed ai propri figli, che subiscono violenza, nelle sue diverse forme, un sostegno temporaneo al fine di ripristinare la propria inviolabilità e di riconquistare la propria libertà, nel pieno rispetto della riservatezza e dell'anonimato. Art. 2 Finalità 1. Con questa legge la Provincia si propone: a) di tutelare le donne sole o con minori, indipendentemente dal loro stato civile o dalla loro cittadinanza, che vivono in situazioni di disagio o difficoltà in quanto vittime di maltrattamenti fisici e psicologici, di stupri e di abusi sessuali extra o intrafamiliari; b) di assicurare alle donne che subiscono atti di violenza, ivi compresa la minaccia di tali atti, il diritto ad un sostegno che consenta loro di recuperare e di rafforzare la propria autonomia, materiale e psicologica, la propria integrità fisica e la propria dignità, nel rispetto della personale riservatezza; c) di promuovere, coordinare e stimolare iniziative per prevenire e contrastare l'uso della violenza tra i generi, anche mediante interventi coordinati fra istituzioni e realtà associative e di volontariato presenti sul territorio, attraverso azioni efficaci contro la

3 - 2 - violenza sessuale, fisica, psicologica ed economica, i maltrattamenti, le molestie ed i ricatti a sfondo sessuale in tutti gli ambiti. Art. 3 Attivazione dello sportello servizio antiviolenza 1. La Provincia attiva uno sportello socio-assistenziale denominato "servizio antiviolenza", in favore delle donne che siano esposte ad ogni forma di violenza o abuso fisico o psichico. 2. Il servizio antiviolenza, in collaborazione con i servizi socio-sanitari ed assistenziali presenti sul territorio, garantisce l intervento precoce e di sostegno nel percorso di reintegrazione personale e sociale in favore delle vittime di ogni forma di discriminazione o violenza fondate sull orientamento sessuale, sulle identità di genere o sulle relazioni tra autore e vittima del reato, siano esse italiane o straniere, comunque presenti sul territorio provinciale. 3. Il servizio antiviolenza offre l iniziale consulenza legale, psicologica, lavorativa e sociale alle vittime di cui al comma 2, orientandole nella scelta dei servizi socio-sanitari e assistenziali territoriali, ovvero delle case-rifugio di cui eventualmente avvalersi, seguendone e favorendone il percorso di reinserimento sociale e lavorativo, nonché mettendo a disposizione delle persone di cui al comma 1 che non comprendano la lingua italiana un mediatore culturale per comunicare con il personale del servizio. Nel caso in cui la richiesta di assistenza provenga da un minorenne, il servizio antiviolenza ne dà tempestiva comunicazione al tribunale per i minorenni competente per territorio, al fine di assicurare al minore ogni forma di assistenza, tutela e protezione, nel suo superiore interesse. 4. In caso di presenza di figli minori il servizio antiviolenza garantisce percorsi di recupero del trauma in modo autonomo rispetto agli interventi sulla madre coinvolta nella situazione di violenza. In ogni caso il servizio antiviolenza assicura al minore un recupero veloce della situazione di normalità nella vita quotidiana, valutando l'opportunità del recupero delle figure genitoriali. 5. Il servizio antiviolenza è gestito dalla Provincia, con personale in possesso di specifiche competenze. La Provincia, attraverso apposite convenzioni, può dare in gestione alcune attività svolte dal servizio antiviolenza a una o più organizzazioni che abbiano tra i propri scopi statutari e quale contenuto prioritario della propria attività la lotta alla violenza contro le donne e i minori, la sua prevenzione, la solidarietà alle vittime, e che possano dimostrare di disporre di personale adeguatamente formato per tali compiti. Nelle convenzioni sono descritti gli standard professionali dei servizi, l organico e la qualificazione professionale del personale che opera nei centri. Art. 4 Case rifugio 1. Ai fini di questa legge, per case rifugio si intendono i centri, anche ad indirizzo riservato, per l accoglienza temporanea e il sostegno delle donne nelle condizioni di cui all articolo 3, comma 2. La permanenza delle ospiti nelle case rifugio non può essere in ogni caso superiore ai sei mesi. 2. Nel caso in cui la richiesta di assistenza provenga da un minorenne, le case rifugio ne danno tempestiva comunicazione al tribunale per i minorenni competente per territorio, e provvedono ad assicurare al minore ogni forma di assistenza, tutela e protezione, nel suo superiore interesse.

4 Le case rifugio operano in maniera integrata con il servizio antiviolenza e la rete dei servizi socio-sanitari e assistenziali territoriali, tenendo conto delle necessità imprescindibili per la protezione delle persone assistite, anche se svolgono funzioni di servizi specialistici. 4. Le case rifugio sono gestite prevalentemente da personale femminile e si avvalgono di personale con specifiche competenze in materia, nel numero e con i requisiti definiti dal regolamento d'esecuzione di questa legge. 5. La Provincia garantisce la disponibilità degli immobili da utilizzare per le case rifugio, che gestisce direttamente o stipulando convenzioni con le organizzazioni di cui al comma 5 dell articolo 3. La manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili è a carico della Provincia. 6. Nel caso in cui la gestione delle strutture sia garantita tramite convenzioni, la Provincia può anticipare periodicamente la spesa per la gestione, determinata in base al personale della struttura e al vitto e alloggio delle ospiti. 7. Le convenzioni di cui al comma 5 contengono l impegno da parte delle organizzazioni che gestiscono le case rifugio al rispetto delle convinzioni culturali, etiche e religiose e alla salvaguardia degli stili di vita delle ospiti, nel reciproco rispetto delle diverse culture. Art. 5 Sostegno a soggetti operanti nel campo della violenza di genere 1. La Provincia sostiene con contributi economici le strutture e i soggetti operanti sul territorio che si occupano di donne che subiscono violenza, e che prestano, con differenti qualifiche e modalità, servizi di tutela, di accoglienza, di assistenza o di supporto. 2. Le caratteristiche dei soggetti beneficiari, l entità del contributo e le modalità di accesso allo stesso sono definite con deliberazione della Giunta provinciale tenendo conto del piano di interventi di cui all articolo 10. Art. 6 Fondo di solidarietà per donne vittime di violenza 1. La Provincia per la realizzazione delle finalità di cui all'articolo 2, istituisce un fondo di solidarietà per le donne vittime di violenza e maltrattamenti volto a sostenere le azioni in sede giudiziaria e nella fase preliminare all'avvio delle stesse, comprese le eventuali consulenze in ambito civilistico, le consulenze tecniche di parte e per il sostegno psicologico. 2. Il fondo viene utilizzato per coprire le spese di assistenza legale o per la costituzione di parte civile sostenute dagli avvocati, a condizione che siano parti di una convenzione stipulata tra la Provincia e l'ordine degli avvocati del territorio provinciale. Art. 7 Comitato di lavoro sulla violenza maschile contro le donne 1. La Giunta provinciale istituisce il comitato di lavoro sulla violenza maschile contro le donne. Il comitato è coordinato dall assessore competente alle pari opportunità ed è formato: a) dagli assessori provinciali competenti o da un loro delegato; b) dal responsabile dello sportello di cui all articolo 3;

5 - 4 - c) dalla consigliera di parità; d) da un rappresentate del Comune di Trento e da un rappresentante del Comune di Rovereto; e) da un rappresentante del Commissariato del Governo; f) da un rappresentante della Polizia di Stato di Trento; g) da un rappresentante del servizio di pronto soccorso dell'ospedale di Trento e da un rappresentante del servizio di pronto soccorso dell'ospedale di Rovereto; h) da un rappresentante dei servizi sociali del Comune di Trento e da un rappresentante dei servizi sociali del Comune di Rovereto; i) da un rappresentante, per ogni associazione, organizzazione non lucrativa di utilità sociale o altra forma organizzativa, operanti in provincia di Trento e che hanno nello statuto come finalità la lotta alla violenza sulle donne; j) da una rappresentante dei centri antiviolenza presenti nella Provincia di Trento. 2. Il comitato di lavoro sulla violenza maschile contro le donne si pone come riferimento della rete di collaborazione, di confronto e di diffusione sulle buone prassi di intervento relative alla tematica in oggetto. 3. Il comitato predispone un protocollo che definisce le modalità di azione coordinata tra tutti i soggetti che intervengono nei casi di violenza o minacce. 4. Il comitato si esprime in merito al piano degli interventi di cui all articolo 10. Art. 8 Osservatorio provinciale sulla violenza di genere 1. Per la realizzazione delle finalità di cui all'articolo 2 la Provincia istituisce l'osservatorio provinciale sulla violenza di genere. L'attività dell'osservatorio è coordinata dall'assessorato provinciale competente che ne assicura il supporto tecnico, amministrativo e funzionale. 2. L'osservatorio realizza il monitoraggio degli episodi di violenza attraverso la raccolta, l'elaborazione e l'analisi dei dati forniti da tutti i soggetti coinvolti e aderenti al comitato di lavoro sulla violenza maschile contro le donne, al fine d'individuare una metodologia comune di presentazione dei dati e di assicurare una mappatura adeguata per la conoscenza del fenomeno della violenza di genere sul territorio, finalizzato ad un sistema informativo sulle attività di prevenzione e di intervento. Art. 9 Interventi di prevenzione e di sostegno 1. Per la realizzazione delle finalità di cui all'articolo 2 la Provincia promuove e sostiene iniziative volte alla prevenzione del fenomeno della violenza di genere attraverso percorsi culturali rivolti a tutti i cittadini con particolare riguardo alla comunicazione e alla formazione scolastica. 2. La Provincia attua percorsi di formazione rivolti a tutti i soggetti che operano nel settore, finalizzati ad approfondire la conoscenza del fenomeno della violenza di genere e delle modalità di intervento più efficaci, tenuto conto della necessità di promuovere un approccio integrato alle fenomenologie della violenza e delle discriminazioni, riconoscendo la pluralità di dimensioni, cause e conseguenze, e facendo tra l altro riferimento ai saperi di genere.

6 - 5 - Art. 10 Piano degli interventi 1. La Giunta provinciale, previo parere del comitato di lavoro sulla violenza maschile contro le donne, approva il piano degli interventi in linea con i contenuti e gli obiettivi di questa legge. 2. Il piano contiene la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni di accoglienza e socio-assitenziali, nonché di ospitalità a favore delle vittime di violenza e discriminazione. Il piano contiene inoltre la programmazione degli interventi da realizzarsi per il tramite dello sportello antiviolenza, delle strutture aperte e residenziali. 3. Il piano è valido per la durata della legislatura. Può essere modificato a seconda delle esigenze d'intervento del servizio previsto da questa legge. Art. 11 Regolamento d'esecuzione 1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore di questa legge è approvato il regolamento d'esecuzione. Art. 12 Norma finanziaria 1. Alla copertura degli oneri derivanti dall applicazione di questa legge si provvede con gli stanziamenti previsti in bilancio.

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) LEGGE REGIONE MARCHE 11 NOVEMBRE 2008, N. 32 Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) Art. 3 (Istituzione del Forum permanente) Art. 4 (Iniziative di prevenzione) Art. 5 (Informazione) Art. 6

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 20/03/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 23

Regione Lazio. Leggi Regionali 20/03/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 23 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 19 marzo 2014, n. 4 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura

Dettagli

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b...

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b... Pagina 1 di 6 L.R. 19 Marzo 2014, n. 4 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2013 DISEGNO DI LEGGE 8 aprile 2013, n. 377 Disciplina del servizio di assistenza e consulenza psicologica in provincia di Trento. Modificazioni

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1012 PROGETTO DI LEGGE N. 0028. di iniziativa del Consigliere regionale. Cremonesi

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1012 PROGETTO DI LEGGE N. 0028. di iniziativa del Consigliere regionale. Cremonesi REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1012 PROGETTO DI LEGGE N. 0028 di iniziativa del Consigliere regionale Cremonesi Interventi di prevenzione e di contrasto della violenza di genere

Dettagli

PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE.

PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE. PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE. Il dirigente F.to Avv. Lucia caccamo Il presidente f.to On. Salvatore

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

Interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza

Interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza Legge Regionale 3 luglio 2012, n. 11 Interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza (BURL n. 27, suppl. del 06 Luglio 2012 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2012-07-03;11

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA INTESA 27 novembre 2014 Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo e le regioni, le province

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 121 Prot. n. 11279/2.6 del 15.09.2006 Testo sostitutivo PdL 121 Interventi regionali a contrasto

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 23 Presentata dai consiglieri Zorzini, Fontanelli, Petris

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 LUGLIO 2006 N.19

LEGGE REGIONALE 10 LUGLIO 2006 N.19 LEGGE REGIONALE 10 LUGLIO 2006 N.19 Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Art. 9 (Piano Regionale delle politiche sociali)

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035. di iniziativa dei Consiglieri :

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035. di iniziativa dei Consiglieri : REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1173 PROGETTO DI LEGGE N. 0035 di iniziativa dei Consiglieri : Valmaggi, Gaffuri, Penati, Alfieri, Alloni, Barboni, Borghetti, Brambilla, Cavicchioli,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 4/2014

LEGGE REGIONALE 4/2014 LEGGE REGIONALE 4/2014 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani fondamentali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

d) della necessità di riequilibrare la presenza dei centri antiviolenza e delle case-rifugio in ogni regione, riservando un terzo dei fondi

d) della necessità di riequilibrare la presenza dei centri antiviolenza e delle case-rifugio in ogni regione, riservando un terzo dei fondi Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93, recante Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province

Dettagli

- la legge approvata dalla Regione Emilia-Romagna il 27 giugno 2014, n. 6, Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere ;

- la legge approvata dalla Regione Emilia-Romagna il 27 giugno 2014, n. 6, Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere ; AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FINALIZZATI A GARANTIRE MISURE DI PREVENZIONE E DI CONTRASTO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE Richiamate: - la Convenzione del Consiglio

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Definizioni

PARTE PRIMA. Art. 2 Definizioni 23414 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 92 dell 11 07 2014 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 4 luglio 2014, n. 29 Norme per la prevenzione e il contrasto della violenza

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

CHI UMILIA UNA DONNA NON È UN UOMO REGIONE MARCHE

CHI UMILIA UNA DONNA NON È UN UOMO REGIONE MARCHE CHI UMILIA UNA DONNA NON È UN UOMO REGIONE MARCHE Dichiarazione Universale dei diritti umani adottata dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 Dicembre 1948 Articolo 2 A ogni persona spettano

Dettagli

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA PROVINCIA DI ROMA -ASSESSORATO POLITICHE

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali.

Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali. 1993 - Campania LR 09/93 Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali. Legge Regionale 8 febbraio 1993, n. 9. Norme per

Dettagli

Articolo 1 Finalità. Articolo 2 Azioni e funzioni del Garante

Articolo 1 Finalità. Articolo 2 Azioni e funzioni del Garante 73 Articolo 1 Finalità LEGGE REGIONALE 16 marzo 2007 n. 9 Disciplina dell Ufficio del Garante regionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza (Bollettino Ufficiale 28 marzo 2007 n. 7, parte prima)

Dettagli

1 Assiste il Segretario Generale: Giulio Carpentieri

1 Assiste il Segretario Generale: Giulio Carpentieri V111 LEGISLATURA 36" Seduta Mercoledì 1 agosto 2007 Deliberazione n. 174 (Estratto del processo verbale) OGGETTO: Legge regionale - Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri antiviolenza

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza

Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza Allegato alla Delib.G.R. n. 50/ 11 del 16.9.2008 Linee guida per l organizzazione e il funzionamento delle Case di accoglienza e dei Centri Antiviolenza La Regione, al fine di garantire adeguato sostegno

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

SERVIZI PER IL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE

SERVIZI PER IL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE L espressione violenza domestica designa tutti gli atti di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica che si verificano all interno della famiglia o del nucleo familiare o tra attuali o precedenti

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 luglio 2014. Ripartizione delle risorse relative al «Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità» 2013-2014

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI (TRAUMI, USTIONI, AVVELENAMENTI, SOFFOCAMENTO): RICONOSCIMENTO E INTERVENTO NEI CASI OSSERVATI IN AMBITO OSPEDALIERO E SANITARIO Roma, 20 febbraio

Dettagli

CHI UMILIA UNA DONNA NON È UN UOMO REGIONE MARCHE

CHI UMILIA UNA DONNA NON È UN UOMO REGIONE MARCHE CHI UMILIA UNA DONNA NON È UN UOMO REGIONE MARCHE Dichiarazione Universale dei diritti umani adottata dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 Dicembre 1948 Articolo 2 A ogni persona spettano

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE

PROGETTO DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE PROGETTO DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE Norme per la creazione della rete regionale contro la violenza di genere e per la promozione della cultura dell inviolabilità, del rispetto e della libertà

Dettagli

CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DI SERVIZIDI OSPITALITA E TUTELA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA TRA la Provincia di Siena, C.F. n. 80001130527 con sede legale a Siena, Piazza Duomo, 9, rappresentata dal Dott.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari

Giunta Regionale della Campania. Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari Legge regionale n. 33 del 3 novembre 1994 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO E L ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE MARCHE PER

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO E L ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE MARCHE PER Allegato alla Delibera di GP. n. 58 del 27/03/2014 PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO E L ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE MARCHE PER LA DEFINIZIONE DI STRATEGIE E AZIONI D INTERVENTO

Dettagli

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 Staff della - Servizio ALL. A PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 tra REGIONE LIGURIA rappresentata dall Assessore alle Pari Opportunità

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra PROTOCOLLO D INTESA Tra UNAR Ufficio Nazionale per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull origine etnica PROVINCIA DI MANTOVA E COMUNE

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2 STATUTO Articolo 1 Costituzione, denominazione, sede e durata E costituita l Associazione LINEA ROSA. L associazione ha sede in Ravenna, Via Garatoni n. 12. Articolo 2 Finalità ed attività dell Associazione.

Dettagli

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati pubblicata su B.U.R. MARCHE n. 23 del 12 marzo 1998 Capo I Principi generali Art. 1 (Finalità) 1. La Regione,

Dettagli

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Pisa 26/11/2012 Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Nel 2002 l OMS, nel suo rapporto mondiale su violenza e salute, considera

Dettagli

Rete Provinciale contro la violenza di genere

Rete Provinciale contro la violenza di genere Assessorato alle Pari Opportunità Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza di genere Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 21 LUGLIO 2012

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 21 LUGLIO 2012 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 21 LUGLIO 2012 NORME PER L INTEGRAZIONE DELLA RETE DEI SERVIZI TERRITORIALI PER L ACCOGLIENZA E L ASSISTENZA ALLE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11 FEBBRAIO 2011 MISURE DI PREVENZIONE E DI CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE. IL CONSIGLIO REGIONALE.

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11 FEBBRAIO 2011 MISURE DI PREVENZIONE E DI CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE. IL CONSIGLIO REGIONALE. LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11 FEBBRAIO 2011 MISURE DI PREVENZIONE E DI CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE. IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge:

Dettagli

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12)

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) Settore: Regione: Materia: Codici regionali Liguria ordinamento ed organizzazione Sommario

Dettagli

Disegno di legge regionale

Disegno di legge regionale Disegno di legge regionale Interventi di prevenzione e contrasto della violenza di genere e per il sostegno alle donne vittime di violenza ed ai loro figli Capo I-Principi generali Art. 1-Principi e finalità

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Lecco Comune di Lecco Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 184 del 25.11.2013 OGGETTO: ADESIONE DEL COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

Milano. Vittime % 1.019 27,0 I CASI. < 2009 2010 2011 2012 2013 (I Semestre) Totale 172 4,6 898 23,8 1.015 26,9 675 17,9 3.

Milano. Vittime % 1.019 27,0 I CASI. < 2009 2010 2011 2012 2013 (I Semestre) Totale 172 4,6 898 23,8 1.015 26,9 675 17,9 3. < 2009 2010 2011 2012 2013 (I Semestre) Totale I CASI Vittime % 172 4,6 898 23,8 1.015 26,9 1.019 27,0 675 17,9 3.779 100,0 Il bisogno è differenziato per provenienza (italiane o straniere) e per generazione.

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Disposizioni a sostegno dei diritti e dell integrazione dei cittadini stranieri immigrati

Disposizioni a sostegno dei diritti e dell integrazione dei cittadini stranieri immigrati MARCHE - La nuova legge regionale sull immigrazione Disposizioni a sostegno dei diritti e dell integrazione dei cittadini stranieri immigrati 19 giugno 2009 Regione Marche Assemblea Legislativa VIII Legislatura

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICIALE N. 46 DEL 19/11/2009

REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICIALE N. 46 DEL 19/11/2009 Decreto della Presidente della Giunta Regionale 16 novembre 2009, n. 17/R Regolamento regionale recante: Disposizioni attuative della legge regionale 29 maggio 2009, n. 16 (Istituzione dei centri antiviolenza

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE 1 Premessa generale Visto - La Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro

Dettagli

Il Dirigente Dr.ssa Anna Bini

Il Dirigente Dr.ssa Anna Bini Deliberazione Esecutivo n. 20 del 30 marzo 2009 Oggetto: Approvazione Convenzione con l Associazione di Volontariato Artemisia per la realizzazione del PROGETTO contro la Violenza, gli abusi ed i maltrattamenti

Dettagli

2. Dirigente Isabella Magnani. 3. Account Paolo Angelini. 4. Referente per la comunicazione Antonella Muccioli. 5. Referente sito web Elena Malfatti

2. Dirigente Isabella Magnani. 3. Account Paolo Angelini. 4. Referente per la comunicazione Antonella Muccioli. 5. Referente sito web Elena Malfatti [19] 1. Servizio / Ufficio Ufficio Consigliera provinciale delegata alle Politiche di Genere e Pari Opportunità 2. Dirigente Isabella Magnani 3. Account Paolo Angelini 4. Referente per la comunicazione

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di PROGRAMMA DEGLI INCONTRI: I Presentazione del corso Inquadramento storico-sociologico del fenomeno Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di violenza sulle donne: -

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone Corso di formazione: VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO Associazione Ponte Donna dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Panoramica generale sui Centri Antiviolenza e per donne

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA Prefettura di Pordenone, Tribunale di

Dettagli

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Interventi regionali a favore degli immigrati extra-comunitari residenti in Piemonte pubblicata su B.U.R. Piemonte n. 46 del 15 novembre 1989 Art. 1 (Finalità)

Dettagli

COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia

COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Verbale N. 173 / 19.10.2015 ****************** OGGETTO: ADESIONE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE

Dettagli

MOZIONE N.170 ... OGGETTO: PRESENTATA DAI CONSIGLIERI: RAUTI - RODANO - FIORITO - MIELE

MOZIONE N.170 ... OGGETTO: PRESENTATA DAI CONSIGLIERI: RAUTI - RODANO - FIORITO - MIELE ... ~ N.170 OGGETTO: INIZIATIVE ISTITUZIONALI E POLITICHE DI CONTRASTO ALLE VIOLENZE SULLE DONNE. PRESENTATA DAI CONSIGLIERI: RAUTI - RODANO - FIORITO - MIELE - GATTI - CETRONE - COLOSIMO BATTISTONI -

Dettagli

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Che cos è, quanto è diffusa, come si manifesta Che fare? Prevenzione e contrasto della violenza: le azioni realizzate e gli strumenti disponibili in Piemonte La violenza contro

Dettagli

STATUTO DELLA CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA ONLUS -------------- Premesso che nel 1989 è stata costituita l Associazione Gruppo di lavoro

STATUTO DELLA CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA ONLUS -------------- Premesso che nel 1989 è stata costituita l Associazione Gruppo di lavoro STATUTO DELLA CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA ONLUS -------------- Premesso che nel 1989 è stata costituita l Associazione Gruppo di lavoro e ricerca sulla violenza alle donne, trasformata in

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori.

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Trieste, 1 dicembre 212 Il Mal.Ab. di Trieste Gruppo interistituzionale attivo dal

Dettagli

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne a cura di Rosa Piscopo - Donne & Futuro onlus e Ufficio Accogliere le Donne Settore Pari Opportunità e Politiche di Genere Città di Torino

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 L anno duemila (201 ), il giorno del mese di in Siziano (Pv) presso la sede municipale in piazza G. Negri n.

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO La Giunta Regionale della Campania indirizza il seguente Riparto agli Ambiti territoriali del territorio campano, che

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

VISTA la legge regionale 20 novembre 2001, n. 25 recante: "Norme in materia di programmazione, bilancio e contabilità della Regione";

VISTA la legge regionale 20 novembre 2001, n. 25 recante: Norme in materia di programmazione, bilancio e contabilità della Regione; Deliberazione Giunta Regionale 19 novembre 2013 n. 396 Programma di utilizzazione degli stanziamenti a favore degli interventi per contrastare il fenomeno e tutelare i diritti delle vittime di violenza.

Dettagli