Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE"

Transcript

1 Provincia di Sondrio Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio - Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati - INDICAZIONI OPERATIVE approvate con determinazione del dirigente del settore Cultura, formazioni e lavoro n. 166 del 05/06/2009 Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio

2 INDICE 1. OBIETTIVI pag DESTINATARI DELLE AZIONI pag AZIONI DI RE-IMPIEGO pag Dote-lavoro pag Rinuncia del destinatario e revoca della dote-lavoro pag CONTRIBUTI PER LE IMPRESE pag Adesione al programma pag Richiesta dei contributi pag. 5 Contributi all assunzione pag. 5 Contributi alla formazione interna all azienda pag. 6 Liquidazione dei contributi pag. 6 Restituzione contributo all assunzione pag. 6 Restituzione contributi alla formazione interna all azienda pag RISORSE FINANZIARIE pag ENTI EROGATORI DELLE AZIONI DI RE-IMPIEGO pag GESTIONE ED EROGAZIONE DELLE AZIONI DI RE-IMPIEGO pag Firma del patto di servizio e prenotazione della dote-lavoro pag Elaborazione, trasmissione e realizzazione del piano di intervento personalizzato (PIP) pag Variazioni del piano di intervento personalizzato (PIP) pag LIQUIDAZIONE DELLA DOTE-LAVORO pag REGISTRO PRESENZE pag MONITORAGGIO pag ELENCO MODULISTICA pag RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 11 Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 2

3 La Provincia di Sondrio, settore Cultura, formazione e lavoro, rende note le indicazioni operative per la realizzazione di azioni per l inserimento/reinserimento lavorativo di lavoratori in difficoltà occupazionale, a valere sul Piano operativo provinciale - Programma PARI OBIETTIVI La Provincia di Sondrio aderisce al Programma nazionale PARI 2007 allo scopo di riqualificare e ricollocare giovani ed adulti in difficoltà occupazionale, attraverso l attivazione di una rete di servizi di orientamento, di qualificazione o riqualificazione professionale e di servizi di re-inserimento lavorativo. I servizi previsti saranno erogati dalla rete degli operatori pubblici e privati accreditati a cui gli utenti potranno liberamente accedere e che garantiscono l attuazione di un progetto personalizzato di inserimento/reinserimento occupazionale. La personalizzazione degli interventi e la centralità dei fabbisogni del singolo è rappresentata dal nuovo strumento Dote-Lavoro, che costituisce il patrimonio di cui è titolare l utente e che rappresenta uno strumento flessibile e modulabile sulla base dei fabbisogni e delle esigenze specifiche. La Provincia, inoltre, attraverso un sistema di contributi per le imprese rende maggiormente conveniente l assunzione dei lavoratori, stimolando al contempo la responsabilità sociale dell impresa. 2. DESTINATARI DELLE AZIONI Disoccupati*/inoccupati Lavoratori e lavoratrici in cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS), anche in deroga Lavoratori e lavoratrici disoccupati* a seguito di licenziamento e iscritti alle liste di mobilità della Regione Lombardia, anche in deroga *Con il termine disoccupati si intendono tutti coloro che siano privi di attività lavorativa. 3. AZIONI DI RE-IMPIEGO 3.1 Dote-lavoro I destinatari hanno a disposizione una dote, vale a dire un insieme di risorse utilizzabile per acquisire servizi, il cui valore è determinato in funzione del piano di intervento personalizzato (PIP) concordato, fino ad un massimo di 5.000,00 euro. Elaborazione piano di intervento personalizzato (PIP) Valore massimo Ripresa del patto di servizio, costruzione di un progetto formativo e/o lavorativo (obiettivi, tempi, azioni, interlocutori, risorse), attraverso un percorso di autovalutazione e analisi delle risorse personali e professionali, delle competenze richieste dal mercato del lavoro, della normativa e delle iniziative a sostegno dell occupazione. 500,00 Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 3

4 Formazione individuale e/o collettiva Interventi formativi tesi al miglioramento e al perfezionamento delle capacità e competenze professionali possedute e/o all acquisizione di nuove capacità funzionali al progetto professionale definito. L utente può usufruire anche di più percorsi formativi, fermo restando il limite massimo di 2.000,00. Parametri per la determinazione economica del percorso formativo: - formazione individuale: max 50 /h - formazione collettiva: max 20 /h Il servizio Formazione deve essere erogato da soggetti accreditati, nella sezione A o B dell albo regionale, ai sensi della D.G.R. 21 dicembre 2007, n. VIII/ Erogazione dei servizi di istruzione e formazione professionale nonché dei servizi per il lavoro e per il funzionamento dei relativi albi regionali. Procedure e requisiti per l accreditamento degli operatori pubblici e privati e successivi decreti attuativi. Tirocinio formativo e di orientamento Valore massimo 2.000,00 Valore massimo Tirocinio formativo e di orientamento (ex D.M. n. 142/98 e L. n.196/97), svolto sulla base di apposita convenzione stipulata tra il soggetto promotore e il datore di lavoro, a cui è allegato il progetto formativo e di orientamento ,00 Parametro per la determinazione economica del tirocinio: max 50 /h per attività di tutoraggio (comprensiva dell attività di scouting aziendale). Le ore di tutoraggio non potranno essere superiori al 5% del monte ore del tirocinio. Inserimento lavorativo Questo servizio comprende tutte le attività necessarie per la ricerca di opportunità lavorative finalizzate all inserimento occupazionale e che pertanto devono concludersi con un contratto di lavoro Valore massimo 1.500,00 Tali attività possono comprendere: ricerca attiva del lavoro: affiancamento e supporto al destinatario nella ricerca di offerte lavorative, attraverso gli strumenti ed i canali più opportuni; scouting aziendale: attività di ricerca di posti di lavoro attraverso il contatto diretto con i potenziali datori di lavoro; accompagnamento al lavoro: insieme di attività di tutoring volte a supportare il destinatario nella fase di pre-inserimento all interno del mercato del lavoro e delle realtà organizzative. Il valore del servizio viene riconosciuto agli operatori solo ad avvenuta e documentata assunzione del lavoratore ,00 per ogni assunzione a tempo indeterminato 1.000,00 per ogni assunzione a tempo determinato di almeno 12 mesi Tutti gli importi si intendono IVA inclusa se ed in quanto dovuta. In riferimento al servizio di formazione erogato in forma collettiva si specifica che il valore massimo a persona è di 2.000,00, con un parametro orario massimo sempre a persona di 20,00. Si precisa però che, per quanto concerne la fatturazione all utente del servizio erogato e per il successivo rimborso da parte della Provincia, è da tenere in considerazione la percentuale di frequenza: - allievo con frequenza >= 75% delle ore: si considera come se avesse frequento il 100% del monte ore del corso e, pertanto, sarà corrisposto il 100% del costo previsto; Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 4

5 - allievo con frequenza inferiore al 75% delle ore: l utente si considera dimissionario; saranno riconosciute all ente accreditato solo le spese relative ai servizi fruiti prima del momento della rinuncia, previa accettazione della relativa fattura da parte del destinatario. In questo caso sarà corrisposto il costo delle ore erogate. Si precisa inoltre che, in riferimento ai corsi ASA e OSS, il parametro di frequenza da considerare è il 90%. In caso di assenze superiori al 10% il corso si considera interrotto 3.2 Rinuncia del destinatario e revoca della dote-lavoro In caso di recesso, senza giustificato motivo, dopo la firma del PIP, il destinatario perderà il diritto a fruire della dote e di tutte le iniziative di politica attiva del lavoro promosse dalla Provincia di Sondrio nei successivi 12 mesi. L eventuale rinuncia della dote da parte del destinatario dovrà essere comunicata tempestivamente alla Provincia attraverso l invio del relativo modulo 07 Comunicazione di rinuncia dote-lavoro. Saranno riconosciute all ente accreditato solo le spese relative ai servizi fruiti prima del momento della rinuncia, previa accettazione della relativa fattura da parte del destinatario. In relazione alle attività previste dai singoli PIP, che contemplano una durata definita in ore (formazione e tirocinio) il lavoratore deve partecipare ad almeno il 75% del totale delle ore complessive, in caso contrario è considerato dimissionario. 4. CONTRIBUTI PER LE IMPRESE 4.1 Adesione al Programma Potranno richiedere i contributi solo le imprese che: abbiano preventivamente aderito al Programma PARI 2007 attraverso la sottoscrizione del relativo modulo 08 Adesione impresa; assumano un lavoratore che abbia preventivamente aderito al Programma PARI 2007 attraverso la sottoscrizione del relativo modulo 00 Adesione utente. Le adesioni al Programma PARI 2007 dell impresa e del lavoratore devono essere ANTECEDENTI alla data di assunzione del lavoratore. 4.2 Richiesta dei contributi Contributi all assunzione (solo per contratti a tempo indeterminato) La Provincia prevede l attribuzione di un incentivo all impresa, pari a 2.500,00, a fronte dell assunzione di un lavoratore rientrante tra i destinatari del programma, a tempo indeterminato, con contratto pari o superiore alle 30 ore settimanali. La modalità di riconoscimento del contributo è a sportello e, conseguentemente, saranno concessi incentivi fino ad esaurimento delle risorse stanziate. L azienda, previa adesione al programma PARI, procede all assunzione del lavoratore e presenta la richiesta di contributo direttamente alla Provincia. Possono richiedere i contributi anche gli Studi professionali. I contratti di apprendistato, ai fini del contributo, non sono considerati a tempo indeterminato. Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 5

6 Nel caso di contratto di assunzione a tempo parziale inferiore alle 30 ore settimanali, calcolate con riferimento alla proporzione tra contratto collettivo applicabile e contratto di lavoro del singolo, il contributo è corrisposto in misura proporzionalmente ridotta al numero di ore. Contributo alla formazione interna all azienda (solo per contratti a tempo indeterminato) L impresa può richiedere un contributo aggiuntivo, fino ad un massimo di 2.000,00, per azioni di adattamento delle competenze a seguito dell assunzione a tempo indeterminato del lavoratore, previa definizione di specifico progetto formativo. Per la richiesta dei contributi sopra menzionati va utilizzato l apposito modulo 09 Richiesta contributi impresa. I due contributi (incentivo all assunzione e contributo alla formazione) sono cumulabili. Nota bene: La richiesta dei contributi NON PUO essere presentata PRIMA DELL ASSUNZIONE del lavoratore. I contributi vengono assegnati in ordine cronologico di presentazione delle domande al protocollo provinciale. In caso di presentazione nel medesimo giorno, i contributi saranno ordinati in base alla data di assunzione, in caso di assunzione nella stessa data, i contributi saranno ordinati in modo decrescente in base all età del lavoratore. Liquidazione dei contributi L incentivo all assunzione viene liquidato direttamente dalla Provincia all impresa, in un'unica soluzione alla comunicazione del superamento del periodo di prova da parte del lavoratore. Il contributo alla formazione viene liquidato direttamente dalla Provincia all impresa, in un'unica soluzione al termine del progetto formativo (e previa comunicazione del superamento del periodo di prova da parte del lavoratore) a fronte della consegna dei giustificativi delle spese sostenute per la formazione (busta paga del Tutor aziendale, retribuzione convenzionale per soci INAIL, etc ). Restituzione contributi all assunzione In caso di dimissioni del lavoratore entro i dodici mesi a decorrere dalla data di assunzione, l impresa dovrà restituire alla Provincia di Sondrio il 50% del bonus assunzionale ricevuto. In caso di licenziamento intimato nel corso dei primi dodici mesi dall assunzione per giustificato motivo oggettivo, l impresa beneficiaria del contributo dovrà restituirlo interamente. Nel caso di licenziamento per giusta causa, trattandosi di fatti non imputabili al datore di lavoro, l impresa che ha percepito il bonus assunzionale deve restituire i ratei limitatamente al periodo successivo al licenziamento. Restituzione contributi alla formazione interna In caso di licenziamento intimato nel corso dei primi dodici mesi dall assunzione per giustificato motivo oggettivo, l impresa beneficiaria del contributo dovrà restituirlo interamente. 5. RISORSE FINANZIARIE Sono disponibili per il finanziamento dei servizi (dote-lavoro) ,50. Il valore della dote-lavoro è determinato in funzione del valore dei servizi previsti dal piano di intervento personalizzato (PIP) presentato, fino ad un massimo di 5.000,00 a destinatario. La Provincia, per conto del beneficiario, liquida la dote-lavoro direttamente all operatore accreditato firmatario del piano di intervento personalizzato e agli altri enti partner di rete coinvolti nella realizzazione del PIP. Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 6

7 Sono altresì stanziati ,80 per gli incentivi alle assunzioni ed ,39 per i contributi alla formazione in azienda. E facoltà della Provincia procedere a diversa allocazione delle risorse sopra indicate a fronte di motivate esigenze che dovessero verificarsi in corso d opera. 6. ENTI EROGATORI DELLE AZIONI DI RE-IMPIEGO Tutti gli Enti accreditati dalla Regione Lombardia per i servizi al lavoro, compresi i Centri per l impiego, hanno titolo per accogliere il destinatario titolare della dote-lavoro. Gli operatori possono erogare tutta la filiera dei servizi direttamente (se in possesso dei relativi accreditamenti) oppure avvalersi di altri enti appartenenti alla propria rete, anche accreditati per la formazione, i quali offrono i servizi che rispondono alle specifiche esigenze dei destinatari. 7. GESTIONE ED EROGAZIONE DELLE AZIONI DI RE-IMPIEGO 7.1 Firma del patto di servizio e prenotazione della dote I destinatari del programma PARI, per fruire dei servizi, a partire dalla data di pubblicazione dell avviso, possono rivolgersi a un Ente accreditato per i servizi al lavoro o a un Centro per l impiego provinciale (l elenco completo è disponibile sul sito - Area Progetti Programma Pari L operatore accoglie l utente e procede come segue: verifica che il destinatario appartenga al target e sia in possesso dei requisiti previsti dall avviso pubblico; verifica che non abbia prenotato la sua dote presso un altro ente; riceve la dichiarazione sostitutiva di disponibilità al lavoro (qualora non già rilasciata) da sottoscriversi in duplice copia originale di cui una da trasmette al centro impiego competente, ove ha eletto domicilio l utente, per la convalida; inserisce i dati contenuti nella dichiarazione sostitutiva in Borsa Lavoro Lombardia (BLL); riceve il modulo 00 Adesione utente al Programma PARI; presenta all utente il tutor di percorso, per la definizione del patto di servizio; implementa/aggiorna la scheda anagrafica e professionale; sottoscrive il patto di servizio, quale primo passo verso la costruzione del percorso personale di inserimento-reinserimento lavorativo; prenota i servizi di cui necessita l utente e quindi la dote-lavoro attraverso il sistema informativo GSS di Sintesi. Con la validazione/protocollazione on line del PIP vengono prenotate a favore dell utente le risorse della dote-lavoro. La prenotazione potrà essere effettuata entro e non oltre la data del 30 giugno I servizi del lavoro e della formazione prenotati potranno continuare fino alla conclusione delle attività pianificate nei progetti individuali. Il tutor di percorso accompagnerà l utente durante tutto il periodo di utilizzo della dote-lavoro, dalla fase di prenotazione alla fase di realizzazione e conclusione del percorso, anche nel caso in cui sia rimandato ad altri operatori accreditati per la fruizione di determinati servizi. Il tutor deve assicurare il corretto sviluppo degli impegni reciprocamente assunti nell ambito del patto di servizio e procedere all elaborazione del piano di intervento personalizzato. Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 7

8 7.2 Elaborazione, trasmissione e realizzazione del piano di intervento personalizzato (PIP) Il piano di intervento personalizzato (modulo 01 PIP) deve essere elaborato e trasmesso al protocollo della Provincia entro 30 giorni dalla data di prenotazione della dote (data del PIP creato in Sintesi), unitamente alla documentazione indicata al successivo punto 8, in caso contrario la prenotazione decade. Il PIP, a fronte della completa compilazione e del rispetto della tempistica, si considera validato. L operatore da avvio alle azioni concordate secondo i tempi stabiliti nel piano di attività e, comunque, non oltre 60 giorni dalla data di prenotazione della dote (salvo specifica deroga concessa dalla Provincia per comprovate esigenze legate alla realizzazione delle attività). Gli operatori, prima dell avvio delle attività, o, in alternativa, entro cinque giorni lavorativi dall avvio, devono inoltrare alla Provincia: - per i servizi formativi, il calendario delle attività (da produrre in originale per ogni destinatario anche in caso di attività di gruppo, utilizzando il modulo 02 Calendario formazione); - per i servizi di tirocinio, copia della convenzione con allegato il progetto individuale dal quale risultino, tra l altro, la durata e i tempi di accesso in azienda. Il PIP si considera concluso positivamente a fronte della sottoscrizione di un contratto di lavoro. 1 Prenotazione dote (data di creazione on-line del PIP) entro il 30/06/2009 entro 30 gg. entro 60 gg. 2 Elaborazione e Trasmissione PIP cartaceo alla Provincia 3 Avvio attività 4 Conclusione attività Il tutor di percorso è responsabile dell aggiornamento periodico, tramite il sistema gestionale GSS di Sintesi, delle informazioni sullo stato di avanzamento del patto di servizio e del piano di intervento personalizzato. La Provincia svolgerà un monitoraggio costante, in itinere ed ex post, sulla conformità dei contenuti dei PIP rispetto al programma, anche ai fini della liquidazione dei servizi erogati. 7.3 Variazioni del piano di intervento personalizzato (PIP) Dopo aver definito i dettagli del percorso personalizzato di re-impiego, il destinatario e l operatore si impegnano a realizzare e rispettare quanto concordato e sottoscritto all interno del PIP. Qualsiasi variazione che comporti modificazione nei contenuti (operatori coinvolti, percorso concordato, modalità e tempi di attuazione, preventivo di spesa dei servizi prenotati), dovrà essere comunicata alla Provincia. L aggiornamento del PIP, controfirmato dalle parti, deve essere inviato prima che intervenga la modifica. Si precisa che non sono ammissibili le variazioni relative alla composizione della dote, pertanto non sarà ammesso l inserimento di servizi non previsti in fase di prenotazione. Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 8

9 8. LIQUIDAZIONE DELLA DOTE-LAVORO La Provincia di Sondrio, per conto del beneficiario, liquida la dote-lavoro direttamente all operatore firmatario del PIP e agli altri enti coinvolti nella realizzazione del percorso. Il valore della dote viene erogato in due tranche : - il primo pagamento, a riconoscimento del servizio di Elaborazione del piano di intervento personalizzato, a seguito della consegna del modulo 03 di Richiesta di liquidazione del servizio di elaborazione del piano di intervento personalizzato, con allegata la fattura, del valore di 500, intestata al destinatario e da lui sottoscritta per accettazione, da inviare entro 30 giorni dalla data di prenotazione della dote; - il secondo pagamento, a saldo, da inviare entro 30 giorni dal termine delle attività del PIP, previa consegna del modello 04 di Richiesta di liquidazione saldo dote-lavoro, con allegate le fatture intestate al destinatario e da lui sottoscritte per accettazione, rilasciate da ogni singolo ente inserito nella filiera del PIP, a riconoscimento dei servizi Formazione, Tirocinio formativo e di orientamento e, in caso di obiettivo occupazionale raggiunto (contratto di lavoro di tipo subordinato a tempo indeterminato o contratto a tempo determinato di durata non inferiore a 12 mesi), del servizio Inserimento lavorativo. I servizi erogati all interno del servizio Formazione e Tirocinio formativo e di orientamento devono rispettare i massimali orari di cui al precedente punto 3.1. E cura dell ente responsabile del PIP raccogliere le fatture rilasciate dai partner di rete per la trasmissione alla Provincia. La Provincia provvede a liquidare l importo totale della dote-lavoro direttamente all ente che ha erogato il servizio. N.B. Ogni fattura dovrà riportare l indicazione dei riferimenti dell avviso pubblico, del servizio o servizi erogato/i, nonché, per le attività formative e di tirocinio, il numero di ore di formazione e di tutoraggio fruite dall utente. Di seguito è riportata la documentazione amministrativa e contabile che l operatore deve produrre e presentare alla Provincia per il pagamento dei servizi. Tutta la documentazione è scaricabile dal sito Servizi Documentazione contabile e amministrativa Elaborazione del Piano di Intervento Personalizzato (PIP) Modulo 03 di richiesta di liquidazione del servizio di elaborazione del piano di intervento personalizzato firmato dal legale rappresentante (o da un suo delegato) con allegata copia della carta di identità del firmatario (I Centri per l impiego in luogo del modulo 03 utilizzano il modulo CPI_Trasmissione_PIP) In allegato: fattura intestata all utente per il servizio di elaborazione del PIP (con indicazione dell avviso pubblico e della tipologia di servizio erogato), controfirmata per accettazione dal destinatario; modulo di adesione al programma sottoscritto dall utente piano di intervento personalizzato (PIP) in originale controfirmato dalle parti (destinatario, tutor e responsabile unità organizzativa); copia della carta di identità del destinatario, del tutor e del responsabile dell unità organizzativa; Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 9

10 - Formazione - Tirocinio formativo e di orientamento - Inserimento lavorativo Modulo 04 di richiesta di liquidazione del saldo della dote-lavoro firmato dal legale rappresentante (o da un suo delegato) con allegata copia della carta di identità del firmatario; (I Centri per l impiego in luogo del modulo 04 utilizzano il modulo CPI_Trasmissione_Relazione finale) In allegato: fattura/e intestata/e all utente per i servizi di formazione, di tirocinio e di inserimento lavorativo emesse dagli enti appartenenti alla filiera del PIP (con indicazione dell avviso pubblico e della tipologia di servizio/i erogato/i), controfirmata/e per accettazione dal destinatario; relazione finale sottoscritta dal responsabile dell unità organizzativa, dal destinatario e dal tutor; registri originali o in copia conforme all originale dei servizi di formazione e/o di tirocinio; inoltre, solo in caso di esposizione del servizio di inserimento lavorativo: dichiarazione del datore di lavoro (*); copia contratto di lavoro. (*) Il datore di lavoro che assume il destinatario dell intervento è tenuto a produrre una dichiarazione in carta semplice (modulo 06), intestata alla Provincia di Sondrio, nella quale venga attestato che non è stato corrisposto nessun pagamento, per le attività di selezione e di inserimento in azienda, all'operatore accreditato che ha effettuato la collocazione. 9. REGISTRO PRESENZE Per le attività di formazione (individuale/collettiva) e di tirocinio è necessario utilizzare un registro formativo e delle presenze sottoscritto dall'ente, con pagine numerate e non asportabili, per l'indicazione delle attività svolte, con la firma giornaliera di allievi, docenti e/o tutor. Non è necessaria la vidimazione presso degli uffici provinciali. Prima dell'avvio delle attività ogni registro deve essere sottoscritto dal legale rappresentante (o delegato) sulla prima pagina, con l'indicazione della data di sottoscrizione e il numero delle pagine del registro stesso. Per le attività formative e di tirocinio, essendo istituito apposito registro cartaceo, non è richiesta la compilazione del calendario giornaliero degli interventi sul sistema gestionale GSS di Sintesi. Il format del registro non è prestabilito, l importante è che rechi i riferimenti per l individuazione certa del servizio (è comunque consigliato utilizzare i modelli di registro tipo FSE). 10. MONITORAGGIO Al fine di agevolare l attività di monitoraggio sull andamento degli interventi, i soggetti attuatori dovranno presentare le relazioni conclusive (modulo 05 Relazione finale) delle attività dichiarando alla Provincia eventuali insuccessi e relative motivazioni. La Provincia di Sondrio provvederà all istituzione di un servizio di verifica che svolga azioni di controllo, in via autonoma o su segnalazione, sulla corretta attuazione degli interventi. Tutti gli operatori coinvolti nell erogazione dei servizi previsti dal PIP potranno essere soggetti a verifica in loco, ai fini dell effettiva e conforme erogazione delle azioni. Analogamente, la Provincia di Sondrio predisporrà attività di monitoraggio aventi ad oggetto, oltre all andamento dei servizi, anche la rilevazione dell effettiva efficacia delle azioni attivate, attraverso la rilevazione della soddisfazione dei lavoratori e delle aziende. Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 10

11 11. ELENCO MODULISTICA Tutta la documentazione e la modulistica relativa al programma è scaricabile dal sito - area progetti (Programma PARI 2007) modulo 00_Adesione Utente al programma PARI 2007 modulo 01_PIP Piano di intervento personalizzato modulo 02_Calendario formazione modulo 03_Richiesta I liquidazione servizio di elaborazione PIP (per i Centri per l impiego: modulo CPI_Trasmissione_PIP) modulo 04_ Richiesta liquidazione saldo dote-lavoro (per i Centri per l impiego: modulo CPI_Trasmissione_Relazione finale) modulo 05_ Relazione finale modulo 06_Dichiarazione datore modulo 07_ Rinuncia utente dote-lavoro modulo 08_ Adesione impresa al programma PARI 2007 modulo 09_Richiesta contributi impresa 12. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 14 febbraio 2003, n. 30 Delega al governo in materia di occupazione e mercato del lavoro ; Decreto legislativo 19 dicembre 2002, n. 297 "Disposizioni modificative e correttive del Decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, recante norme per agevolare l'incontro tra domanda e offerta di lavoro, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, lettera a) della legge 17 maggio 1999, n. 144"; Decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro ; Art.1 comma 155 della Legge n.311 del 31 dicembre 2004 (Finanziaria 2005); Legge Regionale 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia ; Legge Regionale 6 agosto 2007, n. 19 Norme su sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia ; Accordo tra Regione Lombardia e le amministrazioni provinciali del 10 ottobre 2006; Accordo tra Ministero del Lavoro e Regione Lombardia del 10 novembre 2006; DD Regione Lombardia dell 11 aprile 2007 recante le linee guida per la predisposizione dei piani provinciali; DDG n del 21/05/07 Approvazione delle modalità operative per la richiesta di autorizzazione all'erogazione dei servizi al lavoro di cui agli artt. 14 e 15 della l.r. 22/2006, nonché per la costituzione del relativo Albo regionale, in attuazione della DGR n. 8/4561 del 18 aprile Formazione professionale ; DDG n del 21/05/07 Approvazione delle modalità operative per la richiesta di accreditamento degli operatori pubblici e privati allo svolgimento dei servizi al lavoro di cui all'art. 13 della l.r. 22/2006 e per la costituzione del relativo Albo regionale, in attuazione della DGR. n. 8/4562 del 18 aprile Formazione professionale ; Decreto Direttoriale n del della Direzione Generale degli Ammortizzatori Sociali e degli Incentivi all Occupazione del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, relativo all approvazione del Programma P.A.R.I. 2007; Convenzione Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ed Italia Lavoro S.p.A. n. 14/10247 del 27 settembre 2007 per la realizzazione del Programma P.A.R.I. 2007; Comunicazione alle Province da Regione Lombardia Direzione Generale Istruzione, Formazione e Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 11

12 Lavoro n del 21 luglio 2008 Avvenuta convenzione tra Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ; Comunicazione di adesione del 30 aprile 2008 della Provincia di Sondrio al Programma P.A.R.I Comunicazione Regione Lombardia Direzione Generale Istruzione, Formazione e Lavoro del 5 settembre 2008 Trasferimento alle Province risorse P.A.R.I ; Deliberazione n. 316 del 10 novembre 2008 della Giunta provinciale di approvazione del Piano operativo PARI 2007 della Provincia di Sondrio ; Comunicazione Regione Lombardia Direzione Generale Istruzione, Formazione e Lavoro del 20 maggio 2009, protocollo n. E , avente per oggetto Erogazione risorse programma PARI ; Deliberazione n. 176 del 26 maggio 2009 della Giunta provinciale di approvazione delle modifiche al Piano operativo PARI 2007 della Provincia di Sondrio. Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio 12

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 DOTI Inserimento Lavorativo DOTI Autoimprenditorialità AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati PROVINCIA OGLIASTRA PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati INVITO A MANIFESTARE INTERESSE, DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia dell Ogliastra,

Dettagli

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015 di Regione Lombardia CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE 2012/2013 AVVISO

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE

VADEMECUM PER LE IMPRESE Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali VADEMECUM PER LE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DEL PROGRAMMA PARI 2007 - Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati

Dettagli

Sperimentazioni di integrazione in ambito lavorativo per detenuti Sartoria in carcere

Sperimentazioni di integrazione in ambito lavorativo per detenuti Sartoria in carcere Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale pubblica rende nota COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI ACCREDITATI L.R. 22/06 AI SERVIZI PER IL

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Regione Puglia Provincia di Lecce Assessorato al Lavoro PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale AVVISO PROVINCIALE PROGRAMMA P.A.R.I 2007 Programma d Azione per il Re-Impiego

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia PROVINCIA DI SONDRIO PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia Radar dalla conoscenza allo sviluppo delle politiche attive del lavoro PROGETTAZIONE

Dettagli

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA DOTE: ATTIVAZIONE D Il lavoratore che si trovi in cassa integrazione o disoccupato con il diritto a un indennità di sostegno del reddito è tenuto ad accettare

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle

Dettagli

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2014-2016 ANNUALITA 2014 Periodo transitorio D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL

Dettagli

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI 1 1. Obiettivi e principi dell intervento 1. L Avviso promuove interventi personalizzati di inserimento lavorativo per i giovani. 2. L azione mira da

Dettagli

DOTE 1 Inserimento Lavorativo

DOTE 1 Inserimento Lavorativo Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Inserimento Lavorativo PREMESSE IL CONTESTO NORMATIVO LA LEGGE REGIONALE 22/2006 Con la Legge Regionale

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI

CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI Approvato con atto dirigenziale n. 2308 del 10 luglio 2012 1. PREMESSA

Dettagli

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese che assumono soggetti in mobilità, a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti INTERVENTI

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

S e t t o r e W e l f a r e

S e t t o r e W e l f a r e S e t t o r e W e l f a r e LIFT 2014 Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione di servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DEI DISABILI PSICHICI

Dettagli

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B Provincia di Como Assessorato Politiche Attive del Lavoro Servizio provinciale collocamento mirato disabili rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per

Dettagli

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti Allegato A) DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L EROGAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PUBBLICA NEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (All. B DELLA DGR 609 DEL 12.7.2012). Premessa Al fine di regolare

Dettagli

Provincia di Varese Assessorato alla Formazione Professionale e Istruzione AVVISO PER I DESTINATARI DOTE APPRENDISTATO 2010-2011

Provincia di Varese Assessorato alla Formazione Professionale e Istruzione AVVISO PER I DESTINATARI DOTE APPRENDISTATO 2010-2011 Provincia di Varese Assessorato alla Formazione Professionale e Istruzione AVVISO PER I DESTINATARI DOTE APPRENDISTATO 2010-2011 1. PREMESSA La Provincia di Varese intende promuovere e finanziare nei limiti

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI. Il Responsabile dell Area Socio-Culturale

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI. Il Responsabile dell Area Socio-Culturale C O M U N E D I O L M E D O Provincia di Sassari LAV ORA PROGETTI PER L INCLUSIONE SOCIALE FSE POR SARDEGNA 2007/2013 REGIONE- SARDEGNA ASSE III INCLUSIONE SOCIALE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE

Dettagli

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

Dettagli

AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO

AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO Fondo 1. PREMESSA Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di re-impiego AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO Il, la Regione Sardegna e la Provincia di Carbonia Iglesias con l assistenza di Italia

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI POR UMBRIA FSE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DI TERNI N. 101 DEL 31/05/2011 - PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI DELL ASSE INCLUSIONE SOCIALE

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO

AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO Con Delibera Regionale n. 4596 del 28 dicembre 2012, è stata prorogata

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro Avviso con procedura a sportello per la concessione di finanziamenti a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 Assegnazione

Dettagli

F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA

F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA YOUTH GUARANTEE - REGIONE CALABRIA FAQ CONCERNENTI LE PROCEDURE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA MISURA 5 TIROCINI EXTRA- CURRICULARE

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Sociali UFFICIO Lavoro DETERMINAZIONE DI IMPEGNO Atto N. 590 N. Mecc. PDET-574-2011 del 28/02/2011 del _1_/ 3 / 2010 OGGETTO DGR 84-12006

Dettagli

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO N.

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE D i r e z i o n e G e n e

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/2013

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/2013 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/2013 1. Premessa Fondoprofessioni, Fondo Paritetico Interprofessionale

Dettagli

Occupati in Lombardia! DOTE unica

Occupati in Lombardia! DOTE unica Occupati in Lombardia! DOTE unica lavoro Regione Lombardia, per rispondere alla difficile situazione sul fronte dell occupazione, ha creato un nuovo modello per le politiche attive per il lavoro: Dote

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

1) CARATTERISTICHE DEI CORSI

1) CARATTERISTICHE DEI CORSI Allegato B) della Determina Provinciale n 3444 del 06/09/2005 ALLEGATO B) DEFINIZIONE PER L ANNO 2005 DELLE MODALITA STANDARD INERENTI L AUTORIZZAZIONE ED IL FINANZIAMENTO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 All.A Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART.

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA TIROCINIO: informazioni locali Sommario 1. CHE COS'É 2. TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA 3. SOGGETTI AMMISSIBILI ALLO SVOLGIMENTO DI TIROCINI NON CURRICOLARI 4. SOGGETTI PROMOTORI 5. SOGGETTI OSPITANTI

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009 5º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 140 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

DOTE BORSA LAVORO 2012

DOTE BORSA LAVORO 2012 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE BORSA LAVORO 2012 COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI ACCREDITATI L.R. 22/06

Dettagli

AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo

AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE AVVISO 02/14 per il finanziamento di una formazione individuale a catalogo 1.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI SULLA PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO IN AZIENDE AGRICOLE Premessa L Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, di seguito

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni PROVINCIA DI MILANO La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per l attuazione

Dettagli

CONVENZIONI PRIVATI TRA

CONVENZIONI PRIVATI TRA Legge 12 Marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili CONVENZIONE EX ART. 11 Premesso che a) le parti si sono determinate nella stipula della presente convenzione al fine di consentire

Dettagli

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA All. A PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009 6º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 267 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Azioni finalizzate all inserimento lavorativo delle persone disabili ai sensi della legge

Dettagli

Direzione Formazione Professionale Lavoro

Direzione Formazione Professionale Lavoro Direzione Formazione Professionale Lavoro Provincia di Novara DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO INERENTE IL BANDO PROVINCIALE RELATIVO ALLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro. Premessa

PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro. Premessa PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI A VALERE SUL FONDO NAZIONALE PER L OCCUPAZIONE Premessa La Provincia

Dettagli

DISOCCUPATI ed INOCCUPATI

DISOCCUPATI ed INOCCUPATI PROVINCIA DI CUNEO DIREZIONE SERVIZI AI CITTADINI E IMPRESE SETTORE FORMAZIONE E ISTRUZIONE AVVISO ai LAVORATORI OCCUPATI, DISOCCUPATI ed INOCCUPATI FORMAZIONE CONTINUA INDIVIDUALE PER LAVORATORI Anno

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO BANDO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 DESTINATI

Dettagli

MANUALE OPERATORE dote 1

MANUALE OPERATORE dote 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2011 MANUALE OPERATORE dote 1 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 Obiettivi e destinatari... 4 1.2 Sintesi dei contenuti...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO

AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di re-impiego AVVISO PUBBLICO AI DATORI DI LAVORO 1. PREMESSA Il, la Regione Sardegna e la Provincia di Cagliari con l assistenza di Italia Lavoro S.p.A.,

Dettagli

Dote Lavoro Tirocini per i giovani d.d.u.o. 19 novembre 2012, n. 10440. Milano, 4 luglio 2013

Dote Lavoro Tirocini per i giovani d.d.u.o. 19 novembre 2012, n. 10440. Milano, 4 luglio 2013 Dote Lavoro Tirocini per i giovani d.d.u.o. 19 novembre 2012, n. 10440 Milano, 4 luglio 2013 OBIETTIVI Promuovere e migliorare l accesso dei giovani al mercato del lavoro attraverso: il ricorso al tirocinio

Dettagli

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE DOMANDE DI RIMBORSO

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE DOMANDE DI RIMBORSO GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE DOMANDE DI RIMBORSO (ex art. 9.2, Avviso pubblico per la formazione di base e trasversale nell apprendistato professionalizzante) Versione 01 20/03/2013 Il documento è da considerarsi

Dettagli

Interventi Integrati di Politiche Attive nella Regione Marche

Interventi Integrati di Politiche Attive nella Regione Marche Regione Marche Giunta Regionale Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro PARI Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi Integrati di Politiche Attive

Dettagli

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, LEGGE n. 68/99 Il giorno Tra la PROVINCIA DI ROVIGO con sede legale in Rovigo, via Celio, 10, C.F. 93006330299 rappresentata da Il Datore di lavoro

Dettagli

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 AVVISO 411/C Allegato A) INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 1. Obiettivi e principi dell intervento In un più ampio contesto di contrasto alla crisi e al fenomeno

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

Regolamento per l esercizio del Diritto Allo Studio del Personale Non Dirigente del Comparto Sanità dell Area Vasta Pordenonese

Regolamento per l esercizio del Diritto Allo Studio del Personale Non Dirigente del Comparto Sanità dell Area Vasta Pordenonese Regolamento per l esercizio del Diritto Allo Studio del Personale Non Dirigente del Comparto Sanità dell Area Vasta Pordenonese Art. 1 Premessa Normativa 1. Il presente Regolamento disciplina, con le precisazioni

Dettagli

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione -

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ESTETISTA INDICE Articolo 1 Riferimenti normativi pag. 2

Dettagli

Destinatari Dote Riqualificazione: Dote Ricollocazione Congruità Politiche attive/accordi sindacali accordi relativi all intervento B SEMPRE

Destinatari Dote Riqualificazione: Dote Ricollocazione Congruità Politiche attive/accordi sindacali accordi relativi all intervento B SEMPRE Destinatari 1 Chi sono i destinatari della Dote Lavoro iqualificazione e icollocazione? Sono destinatari di Dote iqualificazione: i lavoratori in Cassa integrazione guadagni in deroga alla normativa vigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Profilo Amministrativo: L attivazione di un percorso di tirocinio prevede la presenza fondamentale di tre soggetti: 1) Tirocinante; 2) Soggetto Promotore (soggetto terzo

Dettagli

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Politiche attive 2012

Politiche attive 2012 Politiche attive 2012 Dote Lavoro Riqualificazione e Ricollocazione Paola Antonicelli Dirigente Struttura Tutela del Lavoro e Interventi per il Reimpiego Dote Lavoro Ricollocazione Servizio inserimento

Dettagli