OFFERTA FORMATIVA A CATALOGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OFFERTA FORMATIVA A CATALOGO"

Transcript

1 OFFERTA FORMATIVA A CATALOGO

2 INDICE AREA ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE - Cod. area A COST BUSTERS BUSINESS PLAN E CONTROLLO DI GESTIONE MARKETING E VENDITA NELLA SUB FORNITURAINDUSTRIALE LA PIANIFICAZIONE DEI FABBISOGNI: MRP/ERP PRIVACY E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI LA COMUNICAZIONE EFFICACE IN AMBITO FORENSE TIME MANAGEMENT START UP D IMPRESA PROJECT MANAGEMENT DAI VALORE AL TUO TEMPO AREA OBBLIGHI E ADEMPIMENTI TRASVERSALI - Cod. area B LA GESTIONE DEI RIFIUTI (SISTRI) ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI AGGIORNAMENTO ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI AUDITOR INTERNO DI GESTIONE QUALITA ISO 50001: SISTEMI DI GESTIONE PER L ENERGIA AREA APPLICAZIONI INFORMATICHE - Cod. area C SOCIAL MEDIA MARKETING AREA TECNICA - Cod. area D PLC: AUTOMAZIONE INDUSTRIALE PROGETTISTA MECCANICO CAD 3D SOLID EDGE SALDATURA TIG SALDATURA MIG/MAG AREA LINGUE STRANIERE - Cod area E BUSINESS ENGLISH

3 COST BUSTERS Codice Corso A01 AREA ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE 900,00 + iva a persona. Liberi professionisti, dipendenti di aziende, manager, responsabili di settore, datori di lavoro, consulenti Formare figure in grado di studiare ed applicare tecniche per la riduzione dei costi e degli sprechi, ottimizzare processi produttivi e processi organizzativi, gestire e superare la crisi attraverso l innovazione Modulo 1: formazione traversale (2 ore) La Lean dalle origini ad oggi La dimensione competitiva nel contesto odierno di crisi e nella prospettiva post-crisi Il processo di evoluzione dalla fabbrica tradizionale alla impostazione Lean I principi fondamentali alla base della Lean revolution Il modo di pensare e di agire Gli errori da non fare nell'approccio alla riorganizzazione Come dare inizio alla rivoluzione Lean Le tecniche principali del metodo Toyota e della Lean Production Imparare a vedere il flusso La logica di flusso, la Value Stream Map I 7 sprechi ed i diversi tipi di flusso di valore/materiali/informazioni Gestione del layout ed efficienza logistico-produttiva Riorganizzazione degli spazi: uffici, stabilimenti Gestione e riorganizzazione del magazzino Lean Management: tecniche, approccio e strumenti di impostazione manageriale snella a livello operativo, dirigenziale e strategico Modulo 2: gli strumenti (16 ore) Le metodologie Lean: 5S, SMED, TPM, Cell Design, Poka Yoke, Heijunka La gestione del miglioramento continuo Il Kaizen Promotion Office: attivazione e gestione L individuazione e la definizione dei Key Performance indicators Change Management Learning by doing Esercitazione e VSM: l approccio Taikai min. max ore

4 BUSINESS PLAN E CONTROLLO DI GESTIONE Codice Corso A02 800,00 + iva a persona. Liberi professionisti, dipendenti di aziende, manager, responsabili di settore, datori di lavoro, consulenti Conoscere gli elementi che compongono un Business Plan, imparare a determinare un Business Plan per una corretta gestione aziendale Modulo 1: il business plan (8 ore) Perché redigere un business plan La differenza tra piano industriale e business plan di una nuova iniziativa I contenuti e le modalità di formalizzazione del business plan L analisi strategica I modelli strategici e la formulazione della strategia Schemi e metodi per la valutazione economico/finanziaria La gestione del rischio Esemplificazioni Modulo 2: la progettazione di un controllo di gestione(16 ore) Il modello di controllo Cosa controllare: Centri di costo e Oggetti di controllo L analisi dei costi e dei ricavi: le Voci di Controllo Quale competenza attribuire ai costi: periodi e logiche di attribuzione Fissare le regole di funzionamento del sistema: i Criteri di gestione Le varie configurazioni di costo: formato e contenuti dei Conti Economici I modelli di costing: direct costing e full costing Le strutture e i criteri di ribaltamento dei costi Esercitazioni pratiche Modulo 3: il reporting (8 ore) Il miglioramento delle performance Gli obiettivi del sistema di controllo Gli indicatori di performance Il disegno dei report Il controllo periodico dei risultati L utilizzo dei report ai fini delle decisioni aziendali Esercitazioni pratiche min. max ore

5 MARKETING E VENDITA NELLA SUBFORNITURA INDUSTRIALE Codice Corso A03 800,00 + iva a persona. Liberi professionisti, dipendenti di aziende, manager, responsabili di settore, datori di lavoro, consulenti Sviluppare competenze per la progettazione, il coordinamento, la realizzazione e il controllo di tutte le iniziative legate alla commercializzazione. trasferire conoscenze sulle tecniche di promozione e vendita di un prodotto/servizio specificatamente nel settore della sub fornitura industriale, sviluppare piani di marketing efficaci Modulo 1: analisi e pianificazione strategica (32 ore) La ricerca dei mercati potenziali L'analisi di un mercato La concorrenza Le strategie competitive nei mercati I fattori di successo del marketing: analisi dei punti di forza e di debolezza La scelta delle strategie competitive nei mercati Le strategie di prodotto La politica dei prezzi La scelta dei canali di entrata La scelta dei canali di distribuzione I contratti, la subfornitura industriale e le negoziazioni internazionali min. max ore

6 LA PIANIFICAZIONE DEI FABBISOGNI: MRP/ERP Codice Corso A0 900,00 + iva a persona. Liberi professionisti, dipendenti di aziende, manager, responsabili di settore, datori di lavoro, consulenti Fornire conoscenze per analizzare i fabbisogni aziendali, sviluppare competenze per la definizione strategica di obiettivi tangibili, sviluppare conoscenze in materia di criteri di misura degli obiettivi fissati attraverso sistemi innovativi Modulo 1: il sistema di pianificazione dei fabbisogni in azienda MRP (16 ore) Acquisire le conoscenze relative alle funzionalità dei sistemi di MRP Acquisire le competenze necessarie per integrare il sistema informativo aziendale gestito da un MRP nel più ampio quadro di funzionamento dell azienda Apprendere ed utilizzare le logiche della programmazione della produzione e della corretta gestione delle scorte Analizzare le tecniche tradizionali e verificare i contributi che possono venire dagli sviluppi più recenti (just in time) Utilizzare in modo consapevole il software applicativo di MPR Analizzare, elaborare e rappresentare informazioni Modulo 2: enterprice re source planning (16 ore) Tendenze evolutive dei sistemi informativi: ERP, Intranet, CRM Evoluzione di sistemi informativi computerizzati verso l integrazione logica, funzionale e sistemistica Sistemi di management basati sui processi Pianificazione e controllo integrato delle risorse aziendali (ERP) Applicazione dei sistemi ERP nella logica dell azienda: Controllo e sviluppo della formazione del valore attraverso l introduzione dei sistemi di ERP ERP e sistemi di supporto operativo Progettazione e logiche operative dei sistemi ERP Tipologie di sistemi ERP: caratteristiche comuni e ambiti applicativi Moduli del sistema ERP più diffusi a livello internazionale e nazionale I prodotti ERP e il SAP min. max ore

7 PRIVACY E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Codice Corso A05 600,00 + iva a persona. Liberi professionisti, impiegati d ufficio, manager, responsabili di settore, datori di lavoro, consulenti. Tutti coloro che durante lo svolgimento della propria attività lavorativa si trovano a dover utilizzare dati personali, ovvero agli Incaricati del trattamento dei dati, del sistema informativo e della sicurezza, e fornisce le conoscenze fondamentali sulla Legge 196 del 2003, c.d. Testo unico sulla privacy. Formare il personale addetto al trattamento dati sulla normativa in tema di sicurezza e tutela delle informazioni personali con il rilascio di un idoneo. Modulo 1: perché la privacy (2 ore) L importanza della tutela della privacy nel contesto delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione. Modulo 2: il codice della privacy ( ore) Com è articolato il Codice della privacy e la disamina della seconda parte del Codice, che stabilisce regole di comportamento per singoli settori dell ambito pubblico, economico, delle comunicazioni elettroniche, delle libere professioni e del giornalismo. Modulo 3: quali sono i dati personali tutelati (2 ore) Il concetto di dato e le specificità delle diverse tipologie di dati. Modulo : i principi fondamentali che regolano la privacy (2 ore) I principi sui quali si fonda la privacy e che devono essere garantiti dal titolare del trattamento. Modulo 5: i soggetti della privacy (2 ore) Diritti e doveri dei soggetti individuati dal Codice della privacy. Modulo 6: gli adempimenti della privacy ( ore) Adempimenti che ciascun soggetto individuato dal Codice della privacy deve svolgere Modulo 7: le misure di sicurezza per la privacy ( ore) Misure di sicurezza che devono essere messe in atto a fronte del trattamento di dati personali. Modulo 8: come si tutela la privacy ( ore) Il ruolo del Garante per la privacy e le sanzioni che possono essere irrogate a seguito del trattamento illecito dei dati. min. max ore

8 LA COMUNICAZIONE EFFICACE IN AMBITO FORENSE Codice Corso A06 600,00 + iva a persona. Tutti coloro che vogliono approfondire il D.Lgs 231/01 e le sue implicazioni concrete all interno dei processi aziendali e dei sistemi di controllo interno. Particolarmente indicato per responsabili amministrativi, responsabili di sistemi di gestione per la qualità, responsabili attività di Internal Audit, consulenti aziendali, componenti degli Organismi di Vigilanza. Informare i partecipanti riguardo il D.Lgs 231/2001 che estende alle persone giuridiche la responsabilità per reati commessi in Italia ed all estero da persone fisiche che operano per la società, conoscere le linee principali del decreto per predisporre corretti modelli di gestione e controllo Modulo 1: il D.Lgs. 231/01 e successivi aggiornamenti (8 ore) I principi e l impianto normativo I reati presupposto Le sanzioni a carico degli Enti Modulo 2: implementazione del Modello 231 (8 ore) Identificazione delle aree a rischio e dei processi sensibili all interno dell azienda L Organismo di Vigilanza: poteri, funzioni, individuazione e composizione Definizione dei protocolli Gestione delle Risorse Umane e sistema sanzionatorio Il Codice Etico Modulo 3: la gestione del Modello Organizzativo (8 ore) Gli audit interni Il funzionamento dell Organismo di Vigilanza Il sistema disciplinare Modulo : l aggiornamento del Modello Organizzativo ( ore) L aggiornamento dell attività di mappatura dei rischi Adempimenti formali e sostanziali per la revisione del Modello L attività di verifica sul corretto funzionamento del Modello Modulo 5: il modello organizzativo opportunità di miglioramento organizzativo ( ore) Integrazione del Modello con qualità, privacy e compliance aziendale min. max ore

9 TIME MANAGEMENT Codice Corso A07 800,00 + iva a persona. Liberi professionisti, dipendenti di aziende, manager, responsabili di settore, datori di lavoro, consulenti, impiegati d ufficio Trasferire ai partecipanti una metodologia per definire le proprie priorità, elaborare modelli e scenari attraverso i quali traguardare il proprio processo decisionale, migliorare le capacità di auto-organizzazione, chiarire il ruolo delle abitudini e le modalità per superarle positivamente. Modulo 1: introduzione (8 ore) Cosa ottenere da una migliore gestione del tempo Rapporti tra ruolo personale e lavorativo e gestione del tempo Individuazione degli ostacoli e delle opzioni Criteri di urgenza e importanza Modulo 2: time management e pianificazione (8 ore) Dall'obiettivo al risultato Modelli e strumenti di pianificazione Individuazione dei "costi nascosti" Modalità di utilizzo dell'agenda personale Calendario e to-do list Modulo 3: approccio strategico alla gestione del tempo (8 ore) Differenze tra efficacia ed efficienza Riconoscere il proprio approccio nella gestione di scadenze, interferenze e pressioni Imparare a "dire di no" Modulo : time Management e delega (8 ore) Il problema del multitasking Comprendere la propria curva di efficienza Delega delle attività: osa delegare, come delegare Posta elettronica e time management Modulo 5: azioni di miglioramento (8 ore) Ridefinire i propri obiettivi Individuare le azioni per raggiungerli Predisporre un piano d'azione Lavorare sulle proprie abitudini Stabilire delle ricompense per i successi ottenuti min. max ore

10 START UP D IMPRESA Codice Corso A08 800,00 + iva a persona. Aspiranti imprenditori, neo-imprenditori e responsabili di piccole-micro imprese che vogliano potenziare le competenze manageriali. Configurare e dettagliare il proprio progetto d impresa, traducendola in obiettivi, strategie, investimenti e risultati misurabili, prendere decisioni sulle campagne di marketing, web marketing e di comunicazione aziendale, creare il Business Plan della propria idea d impresa. Modulo 1: avviare un impresa (8 ore) Come iniziare un attività in proprio: la motivazione di base, l idea giusta che spinge all azione, l autodiagnosi personale e la valutazione delle proprie competenze e capacità. Il percorso pratico: verifiche preliminari per comprendere gli obblighi principali e procedure per l avvio d impresa. Cos è il Business Plan, la sua importanza nella pianificazione di una nuova impresa, le sue componenti essenziali Quali sono le figure professionali di riferimento, di quali figure è opportuno non fare a meno Lavoro autonomo o impresa? Forme giuridiche e fiscalità (8 ore) Aspetti giuridico fiscali del lavoro autonomo: lavoro occasionale o professione abituale; apertura della partita iva; obblighi di fatturazione, redazione di fatture, note per prestazioni di lavoro occasionale e note di credito Come scegliere la forma giuridica della nuova impresa: le principali forme giuridiche d impresa. Vantaggi e svantaggi di ciascuna, le principali implicazioni contabili e fiscali, le diverse tipologie di regime contabile, i costi fiscalmente deducibili Il Business Plan: forma e contenuto, gli elementi qualitativi (8 ore) Definizione della Mission della nuova impresa Rischi e opportunità (SWOT analysis) Il Planning process: sintesi del progetto d impresa: il prodotto o il servizio La Differenziazione del progetto d impresa Innovazione e analisi del vantaggio competitivo Il Piano di Marketing Obiettivi e strategie Le risorse umane e organizzative Il Business Plan: la pianificazione economico finanziaria della nuova impresa (8 ore) Il Piano delle Vendite e dei Ricavi Pianificazione dei costi di produzione e dei costi operativi Pianificazione economico operativa Pianificazione finanziaria Il giudizio di fattibilità complessiva della nuova impresa e il ritorno dell investimento Finanziamenti alle imprese e rapporti con il sistema creditizio (8 ore) Impostazione di una relazione duratura con il sistema bancario per lo sviluppo e la continuità della piccola impresa; L evoluzione del sistema bancario: prodotti e servizi per le piccole imprese Il sistema del credito per la nuova impresa: gli strumenti finanziari adatti per ogni investimento Agevolazioni per imprese e microimprese: i consorzi fidi Opportunità di accesso a incentivi pubblici per l avvio d impresa

11 min. max ore

12 PROJECT MANAGEMENT Codice Corso A09 800,00 + iva a persona. Manager interessati ad intraprendere l intero percorso formativo dedicato al Project Management, ma anche a quelle risorse che, lavorando in aziende ed organizzazioni innovative e complesse operanti tipicamente su commessa, desiderano comprendere le logiche del lavorare in un contesto orientato ai progetti. Mettere i partecipanti in condizione di organizzare il lavoro nella prospettiva del conseguimento di un obiettivo, qualunque siano la tipologia e la complessità, in modo da assicurare il raggiungimento dei vantaggi attesi, portare i partecipanti a sviluppare una mentalità manageriale e una forte attitudine al problem solving. Modulo 1: contesto e concetti introduttivi (12 ore) Fasi e ciclo di vita dei progetti: Project Integration Management Stakeholders di progetto Competenze essenziali del Project Manager Modelli Organizzativi: Organizzazione Funzionale, Organizzazione Divisionale, Organizzazione a Matrice Visione di insieme dei processi di progetto Modulo 2: pianificazione di progetto (8 ore) Definizione dello Scope Strumenti per la definizione del contenuto Scomposizione del progetto: Work Breakdown Structure (WBS) Identificazione dei Work Package Modulo 3: time Management (12 ore) Definizione delle attività e loro relazioni Strumenti per ordinare le attività Tecniche reticolari e Critical Path Metod (CPM) Precedence Diagram Method (PDM) Stima della durata delle attività (PERT) Schedulazione e Diagramma di Gantt Cost Management Modulo : cost management (8 ore) Strumenti e tecniche per la quantificazione dei costi: stime top-down e stime bottom-up Redditività e Flussi di cassa Considerazioni finanziarie nella gestione della trattativa commerciale di un progetto. min. max ore

13 DAI VALORE AL TUO TEMPO Codice Corso A10 600,00 + iva a persona. Liberi professionisti, dipendenti di aziende, manager, responsabili di settore, datori di lavoro, consulenti, impiegati d ufficio Sviluppo di competenze in auto segreteria, time management, Marketing e social network, ottimizzazione strumenti informatici Modulo 1: dai valore al tuo tempo (32 ore) L agenda: La gestione dei contatti, degli appuntamenti e delle attraverso Outlook Traduzione: l utilizzo di programmi e app per traduzioni simultanee Incontri:Gestione efficace di una riunione Impegni: Tecniche di definizione di priorità e urgenze Condivisione di file : Drop box Reperibilità: Sincronizzazione dell agenda su dispositivi Mobile Comunicare : L utilizzo dei social network e dei blog aziendali Customer Service: Il marketing aziendale attraverso i social min. max ore

14 AREA OBBLIGHI E ADEMPIMENTI TRASVERSALI LA GESTIONE DEI RIFIUTI Codice Corso B01 500,00 + iva a persona. Responsabili dei servizi ambiente di piccole, medie e grandi imprese, ai Responsabili Tecnici, alle figure preposte alla gestione del settore rifiuti in impianti di trattamento, recupero e/o smaltimento, alle imprese che effettuano il trasporto di rifiuti, agli organi di polizia giudiziaria preposti al controllo ed alle pubbliche amministrazioni. Formare i soggetti coinvolti ad un approccio attivo delle problematiche specifiche di gestione dei rifiuti aziendali, fornire le conoscenze essenziali della normativa ambientale, approfondire le conoscenze riguardo il sistema di rintracciabilità dei rifiuti (Sistri). Modulo 1: la gestione dei rifiuti ( ore) Normativa di riferimento Modalità di stoccaggio movimentazione e trattamento dei rifiuti da lavorazioni alluminio e tornitura materiali ferrosi Deposito temporaneo, Requisiti, Tempi, Quantità, Alcuni esempi Modulo 2: il registro di carico e scarico ( ore) Modalità di compilazione ed errori più comuni Sanzioni e responsabilità Presentazione di alcuni casi Modulo 3: il formulario rifiuti (8 ore) Obblighi e modalità di compilazione del formulario Controllo gestori rifiuti Sanzioni e responsabilità Modulo : sistri (8 ore) Soggetti obbligati Modalità e termini di iscrizione Nuove modalità di gestione e di controllo, oneri e sanzioni Modalità di compilazione Gli errori più comuni, sanzioni e responsabilità Presentazione di alcuni casi Gestione oli esausti ed emulsioni, sottoprodotti e materie prime seconde Trasporto di rifiuti propri min. max ore

15 ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI Codice Corso B02 200,00+ iva a persona. Lavoratori addetti alla conduzione ed alla movimentazione di carichi con carrelli elevatori. Trasferire ai partecipanti le necessarie conoscenze per l utilizzo, in sicurezza, dei carrelli elevatori. Modulo 1: contenuto giuridico - normativo (1 ora) 1.1 Presentazione dei corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento alle disposizioni di legge in materia di uso delle attrezzature di lavoro (D.Lgs. n. 81/2008). Responsabilità dell'operatore. Modulo 2: contenuto tecnico (7 ore) 2.1. Tipologie e caratteristiche dei vari tipi di veicoli per il trasporto interno: dai transpallet manuali ai carrelli elevatori frontali a contrappeso Principali rischi connessi all impiego di carrelli semoventi: caduta del carico, rovesciamento, ribaltamento, urti delle persone con il carico o con elementi mobili del carrello, rischi legati all ambiente (ostacoli, linee elettriche, ecc.), rischi legati all uso delle diverse forme di energia (elettrica, idraulica, ecc.) Nozioni elementari di fisica: nozioni di base per la valutazione dei carichi movimentati, condizioni di equilibrio di un corpo. Stabilità (concetto del baricentro del carico e della leva di primo grado). Linee di ribaltamento. Stabilità statica e dinamica e influenza dovuta alla mobilità del carrello e dell'ambiente di lavoro (forze centrifughe e d`inerzia). Portata del carrello elevatore. 2.. Tecnologia dei carrelli semoventi: terminologia, caratteristiche generali e principali componenti. Meccanismi, loro caratteristiche, loro funzione e principi di funzionamento Componenti principali: forche e/o organi di presa (attrezzature supplementari, ecc.). Montanti di sollevamento (simplex - duplex - triplex - quadruplex - ecc., ad alzata libera e non). Posto di guida con descrizione del sedile, degli organi di comando (leve, pedali, piantone sterzo e volante, freno di stazionamento, interruttore generale a chiave, interruttore d`emergenza), dei dispositivi di segnalazione (clacson, beep di retromarcia, segnalatori luminosi, fari di lavoro, ecc.) e controllo (strumenti e spie di` funzionamento). Freni (freno di stazionamento e di servizio). Ruote e tipologie di gommature: differenze per i vari tipi di utilizzo, ruote sterzanti e motrici. Fonti di energia (batterie di accumulatori o motori endotermici). Contrappeso Sistemi di ricarica batterie: raddrizzatori e sicurezze circa le modalità di utilizzo anche in relazione all`ambiente Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione. Sistemi di protezione attiva e passiva.2.8. Le condizioni di equilibrio: fattori ed elementi che influenzano la stabilita`. Portate (nominale/effettiva). Illustrazione e lettura delle targhette, tabelle o diagrammi di portata nominale ed effettiva. Influenza delle condizioni di utilizzo sulle caratteristiche nominali di portata. Gli ausili alla conduzione (indicatori di carico e altri indicatori, ecc.) Controlli e manutenzioni: verifiche giornaliere e periodiche (stato generale e prova, montanti, attrezzature, posto di guida, freni, ruote e sterzo, batteria o motore, dispositivi di sicurezza). Illustrazione dell`importanza di un corretto utilizzo dei manuali di uso e manutenzione a corredo del carrello Modalità di utilizzo in sicurezza dei carrelli semoventi: procedure di movimentazione. Segnaletica di sicurezza nei luoghi di lavoro. Procedura di sicurezza durante la movimentazione e io stazionamento del mezzo. Viabilità: ostacoli, percorsi pedonali, incroci, strettoie, portoni, varchi, pendenze, ecc.. Lavori in condizioni particolari ovvero all esterno, su terreni scivolosi e su pendenze e con scarsa visibilità. Nozioni di guida. Norme sulla circolazione, movimentazione dei carichi, stoccaggio, ecc.. Nozioni sui possibili rischi per la salute e la sicurezza collegati alla guida del carrello ed in particolare ai rischi riferibili: a) all`ambiente di lavoro; b) al rapporto uomo/macchina; c) allo stato di salute del guidatore. Nozioni sulle modalità tecniche, organizzative e comportamentali e di protezione personale idonee a prevenire i rischi. Modulo 3: contenuto pratico, carrelli industriali semoventi ( ore) Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione sul carrello, presa del carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello, ecc.) Modulo pratico: carrelli semoventi a braccio telescopico ( ore) Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle

16 sicurezze Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione 52 sul carrello, presa dei carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello, ecc.) Modulo pratico: carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi ( ore) Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione sul carrello, presa del carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta dei carrello, ecc.). 3.. Modulo pratico: carrelli industriali semoventi, carrelli semoventi a braccio telescopico e carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi (8 ore) 3..1 Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione sul carrello, presa del carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello, ecc.) min. max ore

17 AGGIORNAMENTO ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI Codice Corso B03 100,00 + iva a persona. Lavoratori addetti alla conduzione ed alla movimentazione di carichi con carrelli elevatori. Aggiornamento delle necessarie conoscenze per l utilizzo, in sicurezza, dei carrelli elevatori. Modulo 1: contenuto teorico (1 ora) Aggiornamento normativa di adempimento in materia di uso delle attrezzature di lavoro Responsabilità dell operatore Principali rischi connessi all impiego dei carrelli semoventi Disposizioni di comando e sicurezza Controlli e manutenzioni e modalità di utilizzo in sicurezza dei carrelli semoventi. Modulo 2: contenuto pratico (3 ore) Istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e sicurezze Manutenzione, verifiche giornaliere e periodiche di legge in accordo alle istruzioni di uso del carrello Prova pratica con guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico. min. max. 15 ore

18 AUDITOR INTERNO DI GESTIONE QUALITA Codice Corso B0 600,00 + iva a persona. Titolari di azienda, manager, responsabili di funzioni aziendali, quadri, consulenti, lavoratori autonomi, lavoratori dipendenti, professionisti, consulenti sulla sicurezza, dirigenti, ingegneri, architetti, geometri, periti, ispettori, responsabili qualità, personale addetto alle verifiche ispettive interne dei sistemi qualità impostati secondo le Norme ISO 9000 e, in generale, tutti coloro che sono interessati alla conoscenza delle tecniche di audit. Conoscere la normativa di riferimento, sviluppare competenze nella realizzazione di programmi di audit, fornire metodologie e strumenti per l effettuazione delle verifiche ispettive interne di gestione per la qualità Modulo 1: la realizzazione e gestione di un programma audit (12 ore) I Sistemi di Gestione Aziendali e la normativa cogente : integrazione dei controlli tra SGQ e Normativa Cogente Programma di Audit interno: strumento di supporto al funzionamento dei sistemi di gestione aziendale, la programmazione efficace degli audit Interni Approfondimento delle fasi di pianificazione, organizzazione ed esecuzione di: audit di processo Audit di contratto/commessa Audit mirati / audit di follow Modulo 2: le tecniche di campionamento (12 ore) Dimensionare ed estrarre il campione più significativo. La non conformità come valore aggiunto del processo di audit rilevazione, formalizzazione e condivisione con le funzioni aziendali La misura dell efficacia del processo di audit Audit Interni e reportistica per il Riesame della direzione Esercitazione: simulazione di audit min. max ore

19 ISO 50001: SISTEMA DI GESTIONE PER L ENERGIA Codice Corso B05 700,00 + iva a persona. Titolari di azienda, manager, responsabili di funzioni aziendali, consulenti, ecc., che, lavoratori autonomi, professionisti, consulenti sulla sicurezza, ingegneri. Conoscere le diverse fonti di energie rinnovabili, implementare un sistema per valutare le opportunità in termini di rispetto ambientale e riduzione dei costi, sviluppare una figura professionale nel settore del fotovoltaico, creare competenze nell ambito della progettazione di un impianto, sviluppare abilità pratiche di misurazione e di manutenzione di base Modulo 1: standard internazionale ISO 5001 (32 ore) Cosa sono le Esco (Energy Service Company) Cosa fanno e come operano le Esco Vantaggi di operare con le Esco A chi ci rivolgiamo Il Finanziamento tramite terzi e le altre forme contrattuali Il Sistema di Gestione dell Energia e la norma UNI ISO 50001:2011 I vantaggi dell adozione di un sistema di gestione dell energia Le novità introdotte dal Decreto 102/201 min. max ore

20 AREA APPLICAZIONI INFORMATICHE SOCIAL MEDIA MARKETING Codice Corso C01 600,00 + iva a persona. Professionisti della comunicazione aziendale, del marketing e delle relazioni pubbliche operanti in aziende pubbliche e private, agenzie, consulenti; laureati in discipline connesse alle scienze della comunicazione, le relazioni pubbliche e la pubblicità, liberi professionisti Fornire ai partecipanti le conoscenze e le abilità per sfruttare al meglio la comunicazione digitale, ottimizzare la rete per la gestione aziendale, esercitarsi sulle tecniche digitali di comunicazioni Modulo 1: regole e potenzialità della comunicazione digitale (2 ore) Aspetti di strategia per l analisi del mercato, la definizione dei target e la stesura di un piano di marketing Dal piano di marketing al piano di web marketing: obiettivi, analisi concorrenza, target, segmentazione, strategie, tempi, risultati Web Marketing: il marketing dei motori di ricerca, ottimizzazione e posizionamento dei siti web. I principali Social Media nel dettaglio marketing Mobile Marketing & mobile strategy: evoluzioni e applicazioni Facilitare gli scambi comunicativi attraverso skype, call conference L utilizzo dei social network min. max ore

CORSO PER LA CONDUZIONE IN SICUREZZA DEL CARRELLO ELEVATORE (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81)

CORSO PER LA CONDUZIONE IN SICUREZZA DEL CARRELLO ELEVATORE (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) PROGRAMMA DEL CORSO CORSO PER LA CONDUZIONE IN SICUREZZA DEL CARRELLO ELEVATORE (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Durata del corso 12 ore Introduzione al corso Presentazione del corso Presentazione docenti

Dettagli

SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO CORSO ADDETTO ALLA PREVENZIONE INCENDI\aggiornamento triennale L Ente di Formazione di ASCOM SERVIZI SRL informa che sono stati programmati per il mese di febbraio 2014

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A CATALOGO

OFFERTA FORMATIVA A CATALOGO OFFERTA FORMATIVA A CATALOGO INDICE AREA ABILITA PERSONALI LA COMUNICAZIONE EFFICACE PROJECT MANAGEMENT PROGETTISTA MECCANICO CAD 3D AREA CONTABILITA -FINANZA BUSINESS PLAN E CONTROLLO DI GESTIONE FINANZA

Dettagli

PER OPERATORI DI CARRELLI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO

PER OPERATORI DI CARRELLI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO Lucio Fattori Supporti per la formazione CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI DI CARRELLI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO Modulo giuridico-normativo e modulo tecnico (8 ore) Secondo l art. 37 e art. 73 del

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1.

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI INDUSTRIALI SEMOVENTI (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 Allegato VI Accordo Stato Regioni del 22/02/2012)

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD 4.4.

PROGRAMMA DEL CORSO COD 4.4. PROGRAMMA DEL CORSO COD 4.4. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI (D. Lgs. 9 aprile 2008

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1.

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI INDUSTRIALI SEMOVENTI (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 Allegato VI Accordo Stato Regioni del 22/02/2012)

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1.

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI INDUSTRIALI SEMOVENTI (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 Allegato VI Accordo Stato Regioni del 22/02/2012)

Dettagli

CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI

CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI Programma Corso di Formazione CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI Scandellari Srl in collaborazione

Dettagli

CATALOGO CORSI. Pagina 1

CATALOGO CORSI. Pagina 1 Pagina 1 CATALOGO CORSI ECO PLANET s.r.l. Via Montegrappa, 27/A 24060 ROGNO (Bg) Tel. 035.967801 Fax 035.4340256 e-mail: info@eco-planet.it www.eco-planet.it Reg. Imp. Bg - Cod. Fisc. e P. IVA: 02974900165

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

GENESIS CONSULTING Part. IVA

GENESIS CONSULTING  Part. IVA CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO Accordo Stato-Regioni n 53 del 22/02/2012 Durata Carrelli industriali semoventi Carrelli semoventi a braccio telescopico Carrelli/sollevatori/elevatori

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

DOMANDA A FONDIMPRESA DI QUALIFICAZIONE DEL CATALOGO FORMATIVO Allegato n. 2 - SINTESI DEL CATALOGO FORMATIVO PER TEMATICA

DOMANDA A FONDIMPRESA DI QUALIFICAZIONE DEL CATALOGO FORMATIVO Allegato n. 2 - SINTESI DEL CATALOGO FORMATIVO PER TEMATICA DOMANDA A FONDIMPRESA DI QUALIFICAZIONE DEL CATALOGO FORMATIVO Allegato n. 2 - SINTESI DEL CATALOGO FORMATIVO PER TEMATICA Ente: IRES FVG IMPRESA SOCIALE Codice Fiscale: 94011720300 Sede: Via Vincenzo

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA Unione Industriale della provincia di Asti FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 Corsi di alta formazione per dirigenti 1 LEAN MANUFACTURING L intervento formativo persegue l obiettivo

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica Prodotti Progetto e prototipo di scultura dinamica 1 A - Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

CORSO PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO SCHEDA DI ADESIONE

CORSO PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO SCHEDA DI ADESIONE CORSO PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO così come previsto dall Accordo della Conferenza Permanente Stato-Regioni 22.02.2012. SCHEDA DI ADESIONE

Dettagli

CONOSCERE PER CRESCERE

CONOSCERE PER CRESCERE CONOSCERE PER CRESCERE FORMAZIONE / RICERCA / CONSULENZA IRES FVG PER LE AZIENDE Formazione su misura IRES FVG Impresa sociale progetta e realizza interventi formativi destinati al personale delle aziende.

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO OPZIONI Schede disciplinari e quinto anno (Art. 8, comma 4, lettera c) d.p.r. n. 87 del 15 marzo 2010) ISTITUTI PROFESSIONALI -

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

ALLEGATO 2 - Tabelle di raffronto per la verifica dell equivalenza formativa Al quesito Formedil prot. 600/12

ALLEGATO 2 - Tabelle di raffronto per la verifica dell equivalenza formativa Al quesito Formedil prot. 600/12 ALLEGATO 2 - Tabelle di raffronto per la verifica dell equivalenza formativa Al quesito Formedil prot. 600/12 MICS Abilitazioni Attrezzature di lavoro per il cantiere edile e stradale: l architettura formativa

Dettagli

Catalogo Offerta Formativa

Catalogo Offerta Formativa Catalogo Offerta Formativa Indice delle Aree Tematiche Area A - Amministrazione & Finanza Area B - Area Legale Area C - Sicurezza Qualità e Ambiente Area D - Produzione & Manutenzione Area E - Sviluppo

Dettagli

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers MODULO 2 MODULO 1 L'organizzazione degli acquisti e il ruolo del Buyer Firenze,

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE SICUREZZA. Aziendale (fino ad un massimo di 20 persone) Interaziandale costo ad iscritto. Codice Descrizione

CATALOGO FORMAZIONE SICUREZZA. Aziendale (fino ad un massimo di 20 persone) Interaziandale costo ad iscritto. Codice Descrizione CATALOGO FORMAZIONE SICUREZZA Codice Descrizione Interaziandale costo ad iscritto Aziendale (fino ad un massimo di 20 persone) S01 RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA - RLS(Art. 47 D.Lgs. 81/08)

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti) Chieti 28 e 29 Novembre 2014

Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti) Chieti 28 e 29 Novembre 2014 Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti) Chieti 28 e 29 Novembre 2014 L art. 73 del D. Lgs. 81/08 prevede che il Datore di lavoro provveda affinché i lavoratori incaricati dell

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

[CATALOGO CORSI 2012]

[CATALOGO CORSI 2012] 2012 IAL Innovazione Apprendimento Lavoro Lombardia [CATALOGO CORSI 2012] [Digitare qui il sunto del documento. Di norma è una breve sintesi del contenuto del documento. [Digitare qui il sunto del documento.

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

Calendario corsi (data di avvio)

Calendario corsi (data di avvio) Calendario corsi (data di avvio) 1 2 3 8 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA Principi di Project management per l ottimizzazione dei tempi e dei costi di progetto Modello di organizzazione e gestione della

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO UNITA DI APPRENDIMENTO CLASSI3 E AFM, SIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATERIE PRODOTTO FINALE Lo studente dovrà essere in grado di realizzare un idea imprenditoriale,

Dettagli

PROGRAMMA DEI CORSI NOVARK 2015

PROGRAMMA DEI CORSI NOVARK 2015 PROGRAMMA DEI CORSI NOVARK 2015 Catalogo dei corsi di formazione individuale 1 Modalità di erogazione dei corsi Novark, in qualità di ente attuatore di Fondoprofessioni, il Fondo Paritetico Interprofessionale

Dettagli

Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti)

Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti) Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti) La società CIFAP FORMAZIONE SRL Organismo di Formazione accreditato presso la Regione Abruzzo con DL 35/94 del 08/04/2013, in collaborazione

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PROGETTISTA DISEGNATORE

Dettagli

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro ( art. 73 comma 5 D. Lgs. 81/2008) Ing. Alessandro Gandini 1 premesse normative dell accordo del 22/02/2012 D. Lgs. 09 aprile 2008 n.

Dettagli

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 283 ID Proposta: 100244 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 283 ID Proposta: 100244 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede Allegato 3 - Schede di pubblicizzazione delle azioni in riferimento a ciascuna sede di erogazione di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 502/2012: APPROVAZIONE DELL'AVVISO PER LA SELEZIONE DI

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche MODULI FORMATIVI L'iniziativa coniugherà una formazione per l'acquisizione di competenze teorico - tecniche, finalizzate alla messa in atto di strategie funzionali e all'integrazione di diverse capacit{

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA PER LAVORATORI NEOASSUNTI, IN ATTESA DI OCCUPAZIONE ED IMPIEGATI. (Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011)

CORSO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA PER LAVORATORI NEOASSUNTI, IN ATTESA DI OCCUPAZIONE ED IMPIEGATI. (Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011) CORSO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA PER LAVORATORI NEOASSUNTI, IN ATTESA DI OCCUPAZIONE ED IMPIEGATI (Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011) OBIETTIVI DEL CORSO: Fornire gli elementi di aggiornamento

Dettagli

CONOSCERE PER CRESCERE

CONOSCERE PER CRESCERE CONOSCERE PER CRESCERE FORMAZIONE / RICERCA / CONSULENZA IRES FVG PER LE AZIENDE Formazione su misura IRES FVG Impresa sociale progetta e realizza interventi formativi destinati al personale delle aziende.

Dettagli

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito.

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. CATALOGO CORSI 2013/2014 INDICE AREE CORSI Area Commerciale e Marketing Area Innovazione PAG 04 PAG 07 Area Organizzazione e Risorse Umane Area Economico

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-02-Elettrico

Dettagli

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management Al Polo Lionello Bonfanti corsi di formazione 2006-07 OM Organizzazione e Management OM ORG-MNG 01 Comunicazione aziendale Destinatari Durata ore / giornate Apprendere un modello della comunicazione non

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti)

Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti) Corso per Addetti alla Conduzione di Carrelli Elevatori (Muletti) La società CIFAP FORMAZIONE SRL Organismo di Formazione accreditato presso la Regione Abruzzo con DL 35/94 del 08/04/2013, in collaborazione

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni aeronautiche

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Allegato 1. CATALOGO FORMATIVO (Voucher formativi Fondimpresa)

Allegato 1. CATALOGO FORMATIVO (Voucher formativi Fondimpresa) Allegato 1 CATALOGO FORMATIVO (Voucher formativi Fondimpresa) Tematica: abilità personali LEADERSHIP Obiettivi: fornire la sintesi delle abilitàrelazionali indispensabili ai responsabili per incrementare

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE Il Project Management è una competenza manageriale di base, trasversale a tutti i settori. Anche in Italia si sta affermando

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Catalogo formativo Fondoprofessioni

Catalogo formativo Fondoprofessioni Catalogo formativo Fondoprofessioni 2014 / 2015 CFA s.r.l Via Vittorio Emanuele II, 28 25030 Roncadelle (BS) Tel. 030/2584463 Fax 030/2580086 E-mail segreteria@cfaonline.it SOMMARIO SICUREZZA SUI LUOGHI

Dettagli

Attraverso i nostri servizi troverete più tempo per dare spazio alle Vostre idee, e quindi trovare nuove possibilità ed opportunità di crescita.

Attraverso i nostri servizi troverete più tempo per dare spazio alle Vostre idee, e quindi trovare nuove possibilità ed opportunità di crescita. Vi è mai capitato di avere un progetto bellissimo in testa e di non sapere come fare per realizzarlo? Vi è mai capitato di voler migliorare e rendere più efficace e produttiva l atmosfera in azienda? Vi

Dettagli

Formazione attrezzature di lavoro

Formazione attrezzature di lavoro Formazione attrezzature di lavoro L Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 - attuativo dell art. 73, comma 5, del D.lgs. 81/2008 e s.m. - individua 8 tipologie di attrezzature di lavoro per le quali è richiesta

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE Società certificata per procedure relative ad elaborazione delle retribuzioni ed amministrazione del personale Certificato ISO 9001 2008 N 50 100 2011 FORMAZIONE MANAGERIALE

Dettagli

Calendario corsi (data di avvio)

Calendario corsi (data di avvio) Calendario corsi (data di avvio) forlì - cesena 8 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA Principi di Project management per l ottimizzazione dei tempi e dei costi di progetto Tecniche operative per la costruzione

Dettagli

Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico

Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico Il corso si prefigge di far acquisire ai partecipanti le seguenti competenze: La conoscenza delle proprietà e le tipologie degli impianti fotovoltaici

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

COME EFFETTUARE IL CONTROLLO DI GESTIONE IN AZIENDA- 24 ore

COME EFFETTUARE IL CONTROLLO DI GESTIONE IN AZIENDA- 24 ore COME EFFETTUARE IL CONTROLLO DI GESTIONE IN AZIENDA- 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di valutare le tecniche di analisi, controllo, simulazione e previsione della gestione

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Titolo progetto: Ente: ALDEBRA SPA Indirizzo: VIA LINZ, 13 38121 TRENTO Recapito telefonico: 0461/302400 Indirizzo e-mail: info@aldebra.com Indirizzo

Dettagli

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE:

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: a.s.2011/2012 Economia aziendale, Tecniche professionali dei servizi commerciali A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Lia Bonelli L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: 1. I docenti

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE SETTEMBRE - DICEMBRE 2006 LA COMUNICAZIONE EFFICACE IN AZIENDA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE SETTEMBRE - DICEMBRE 2006 LA COMUNICAZIONE EFFICACE IN AZIENDA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE SETTEMBRE - DICEMBRE 2006 Si ricorda che è ancora aperto il Bando provinciale dove è possibile richiedere il finanziamento per la partecipazione a corsi di formazione. Prossima

Dettagli

NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU?

NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU? NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU? Iscriviti all ITS della Spezia. Il collegamento diretto con il mondo del lavoro! 1 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L INNOVAZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE e CONTROLLO di GESTIONE D I R E T T O R E S C I E N T I F I C O

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Produzioni industriali. DISCIPLINA: Tecniche di produzione e di organizzazione. CLASSI: Terze Quarte PA

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Produzioni industriali. DISCIPLINA: Tecniche di produzione e di organizzazione. CLASSI: Terze Quarte PA ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Produzioni industriali DISCIPLINA: Tecniche di produzione e di organizzazione CLASSI: Terze

Dettagli